I consumi delle famiglie in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2012

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I consumi delle famiglie in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2012"

Transcript

1 Lombardia Statistiche Report N 2 / 14 aprile 2014 I consumi delle famiglie in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2012 Sintesi La spesa media per consumi delle famiglie lombarde nel 2012 è di euro al mese (5,5% in meno rispetto al 2011). La Lombardia è, fra le regioni della macroregione del Nord, quella a più elevata spesa familiare; la Liguria è invece l unica a presentare un livello di spesa inferiore alla media nazionale (pari a euro). La spesa delle famiglie lombarde si compone in media di 473 euro orientati per acquisti di tipo alimentare e di euro per consumi di altro genere. Fra le spese non alimentari significativa è la quota di risorse destinate all abitazione, alle utenze e in generale alle spese per la casa (40,6%). In Lombardia la quota di spesa dedicata all abitazione in senso stretto (affitto, assicurazione, manutenzione, acqua, condominio) è superiore sia alla media macroregionale che, soprattutto, a quella nazionale: si tratta rispettivamente di 76 euro e circa 175 euro in più al mese. La contrazione di 167 euro mensili registrata nelle famiglie lombarde fra il 2011 e il 2012 è dovuta solo in minima parte alla riduzione del budget dedicato ad acquisti alimentari (- 18 euro), mentre emerge chiaramente come una significativa quota sia dovuta al ridimensionamento nei trasporti privati o pubblici (-72 euro, con un peso del 43% sul calo generale). Nel totale della macroregione del Nord e in Italia ben più consistente è invece il ruolo svolto, sulla riduzione generale, dalla contrazione della spesa per l abitazione. La diversa dimensione familiare determina differenti livelli di spesa e allocazione del budget: il livello di spesa media aumenta (anche se in misura meno che proporzionale) con il numero di componenti così come la presenza di figli porta le famiglie a orientare le risorse su spese più prioritarie (alimentazione, abbigliamento, sanità e istruzione). Per chi vive solo e le coppie senza figli significativo è il ruolo giocato dalla componente età: maggiore spesa in genere per i più giovani rispetto agli anziani e peso superiore alla media per i trasporti, la comunicazione, la cultura e il tempo libero. A cura di: Gisella Accolla Numero chiuso il: 14 aprile 2014 Evidenti sono le differenza di livello di spesa complessiva presenti al variare della condizione e posizione occupazionale della persona di riferimento della famiglia (titolare della scheda anagrafica, da ora P.R.): in Lombardia si passa dai euro medi di imprenditori e libero professionisti ai euro di operai e assimilati, a importi di circa euro quando la P.R. è disoccupata o in generale non è occupata.

2 Livelli di spesa: tendenze La spesa media per consumi delle famiglie lombarde nel 2012 è pari a euro al mese; rispetto al 2011 si registra una diminuzione, in valori correnti, del 5,5%. La Lombardia è, fra le regioni della macroregione del Nord, quella a più elevata spesa familiare, seguita dall Emilia Romagna (2.835 euro) e dal Veneto (2.834), mentre la Liguria è la regione a più contenuta spesa familiare (2.267). La Liguria è inoltre l unica regione della macroregione del Nord a presentare un livello di spesa inferiore alla media nazionale (2.419 euro al 2012). La Lombardia, così come l Italia e quasi tutte le regioni della macroregione, mostra nel corso del biennio un incremento della spesa fra il 2010 e il 2011 e una successiva contrazione al 2012; nel complesso tuttavia il dato al 2012 resta, a prescindere dal territorio, inferiore al livello di spesa osservato per il 2010 (Figura 1). Diversa è invece la tendenza registrata per l Emilia Romagna (riduzione nel primo anno e incremento nel successivo) e il Friuli-Venezia Giulia (progressiva riduzione della spesa nell intero biennio) Figura 1 Spesa media mensile familiare per consumi in euro e variazioni %. Regioni della macroregione del Nord, totale macroregione e Italia, anni ,5-3,1-1,1-1, Variazione % ,8-1,4 Variazione % Piemonte Liguria Lombardia Veneto Friuli-Venezia Giulia Emilia-Romagna Macroregione Nord Italia La composizione della spesa I euro spesi mensilmente in media dalle famiglie lombarde si compongono di una spesa media di 473 euro per acquisti di tipo alimentare (il 16,5% della spesa totale) e di euro per consumi di altro genere. Seppur la spesa lombarda sia superiore rispetto a quella degli altri territori considerati, tale differenza è dovuta principalmente ai costi sostenuti per beni e servizi che non riguardano l alimentare: le spese per il cibo in Lombardia sono solo lievemente superiori alla media nazionale (+5 euro al mese) e macroregionale (+9 euro al mese), mentre quelle non alimentari superano la media della macroregione del Nord di circa 100 euro al mese e quella dell intero paese di quasi 450 euro (Figura 2). 2

3 Figura 2 Spesa media mensile familiare per consumi: alimentare e non alimentare. Valori in euro. Regioni della macroregione del Nord, totale macroregione e Italia, anno Piemonte Liguria Lombardia Veneto Friuli- Venezia Giulia Emilia- Romagna Macroreg. Nord Italia Alimentari e bevande Non alimentari Fra le spese non alimentari, che nel caso lombardo pesano per l 83,5% sul bilancio familiare totale, significativa è la quota di risorse destinate all abitazione principale o a eventuali abitazioni secondarie (affitto reale o imputato, acqua, condominio, assicurazione sulla casa, manutenzione ordinaria e straordinaria), pari al 30,6% della spesa totale (877 euro al mese i media). A tali spese per la casa si aggiungono un 5,1% per i combustibili e l energia (pari a 145 euro) e un 4,9% per mobili, elettrodomestici e servizi per la casa (141 euro). Anche la spesa sostenuta per i trasporti (privati o pubblici) ha un peso rilevante (14,8%, pari a 425 euro), mentre ad acquisti di capi d abbigliamento e calzature è orientato il 4,7% della spesa complessiva (135 euro) e a spese di ordine sanitario o per l istruzione rispettivamente il 3,5% (100 euro) e l 1,3% (36 euro in media considerando anche coloro che non hanno sostenuto tale tipo di spesa) (Tabella 1). In Lombardia il peso relativo della spesa alimentare risulta il linea con la media macroregionale, mentre è inferiore rispetto a quanto registrato nel complesso del paese (-2,9 punti percentuali); la quota di spesa dedicata dalle famiglie lombarde all abitazione in senso stretto (affitto, assicurazione, manutenzione, acqua, condominio) è invece superiore tanto alla media macroregionale (+1,5 punti percentuali) quanto soprattutto a quella nazionale (+1,7 punti percentuali). In senso assoluto si tratta di 76 euro in più al mese per l abitazione rispetto alla macroregione del Nord e di circa 175 euro in più rispetto alla media delle famiglie italiane. 3

4 Tabella 1 Distribuzione % della spesa familiare per capitolo di spesa. Regioni della macroregione del Nord, totale macroregione e Italia, anno Piemonte Liguria Lombardia Veneto Friuli- Venezia Giulia Emilia- Romagna Macroreg. Nord Italia Alimentari e bevande 17,9% 20,5% 16,5% 16,1% 17,2% 16,1% 16,8% 19,4% Tabacchi 0,7% 0,7% 0,8% 0,6% 0,8% 0,8% 0,7% 0,8% Abbigliamento e calzature Abitazione (principale e secondaria) Combustibili ed energia Mobili, elettrod. e servizi per la casa 4,7% 4,1% 4,7% 5,4% 4,3% 4,6% 4,8% 5,0% 26,4% 32,8% 30,6% 27,9% 30,2% 27,9% 29,1% 28,9% 6,0% 5,5% 5,1% 5,8% 5,7% 6,1% 5,6% 5,6% 4,8% 5,4% 4,9% 5,3% 5,0% 4,8% 5,0% 4,8% Sanità 3,6% 3,7% 3,5% 4,1% 4,1% 4,0% 3,8% 3,6% Trasporti 16,7% 11,1% 14,8% 16,1% 14,3% 15,6% 15,3% 14,5% Comunicazioni 1,7% 1,7% 1,8% 1,8% 1,9% 1,8% 1,8% 1,9% Istruzione 0,9% 0,9% 1,3% 1,3% 1,2% 1,5% 1,2% 1,2% Tempo libero, cultura e giochi 4,9% 3,9% 4,6% 4,4% 4,7% 5,3% 4,7% 4,1% Altri beni e servizi 11,7% 9,8% 11,5% 11,3% 10,5% 11,7% 11,4% 10,2% Spesa media mensile (=100%) Fra il 2011 e il 2012 in Lombardia la spesa media delle famiglie si è contratta del 5,5%, pari a 167 euro di spesa in meno al mese; su tale contrazione ha pesato solo in minima parte la riduzione del budget dedicato ad acquisti di ordine alimentare (per l 11%, pari a -18 euro), mentre buona parte della riduzione è dovuta ad un calo della spesa dedicata a beni e servizi differenti (per l 89%). Rispetto alla media nazionale e a quella macroregionale inferiore è il contributo della contrazione dell alimentare sulla riduzione totale della spesa (in questi territori l alimentare pesa per il 13% sul calo generale), mentre superiore è il ruolo giocato dalla contrazione dei consumi non alimentari (Figura 3). Entrando con maggiore dettaglio sugli effetti generati dai singoli capitoli di spesa non alimentari emerge chiaramente come in Lombardia una significativa quota della riduzione della spesa sia dovuta ad un consistente ridimensionamento dei consumi per i trasporti: la riduzione di 72 euro medi al mese registrata in questo capitolo di spesa pesa per il 43% sul calo generale. Nel totale della macroregione del Nord e in Italia ben più consistente è invece il ruolo svolto, sulla riduzione generale, dalla contrazione della spesa per l abitazione: rispettivamente per il 38% (-34 euro al mese in media) e il 27% (-19 euro), mentre in Lombardia per l 8% (-14 euro). Abbastanza rilevante è anche l effetto della riduzione delle 4

5 spese dedicate al tempo libero, la cultura e i giochi (circa 7-8% in Lombardia così come nella media macroregionale e in quella nazionale) (Tabella 2). Figura 3 Variazione della spesa media fra il 2012 e il 2011 in euro e contributo in % dell'alimentare e del non alimentare sulla variazione complessiva. Regioni della macroregione del Nord, totale macroregione e Italia. 100 Piemonte Liguria Lombardia Veneto Friuli- Venezia Giulia Emilia- Romagna +64 Macroreg. Nord Italia % % -2% -11% -16% -11% -86% % % -84% % % -13% -13% -87% % Alimentari e bevande Non alimentari Tabella 2 Contributo in % della variazione della spesa nei singoli capitoli sulla variazione complessiva media fra il 2012 e il Lombardia, macroregione del Nord e Italia. Lombardia Macroreg. Nord Italia Alimentari e bevande -10,7% -13,1% -12,8% Non alimentari -89,3% -86,9% -87,2% di cui: Tabacchi 1,1% 1,2% -0,7% Abbigliamento e calzature -11,6% -10,5% -20,0% Abitazione (principale e secondaria) -8,3% -38,4% -26,9% Combustibili ed energia -1,3% 4,6% 7,3% Mobili, elettrod. e servizi per la casa -9,8% -14,6% -16,2% Sanità -3,5% -2,5% -6,3% Trasporti -42,9% -10,0% -5,1% Comunicazioni -0,2% -1,0% -1,3% Istruzione 2,2% 1,3% 2,1% Tempo libero, cultura e giochi -8,0% -6,7% -8,3% Altri beni e servizi -7,0% -10,2% -11,9% Var. Spesa (euro)

6 Tipologia familiare e consumi In Lombardia, così come nella media macroregionale e nel totale Italia, le coppie con tre o più figli spendono di più rispetto alle altre famiglie: in Lombardia spendono in media euro al mese rispetto ad un dato di euro per il totale famiglie. Ovviamente occorre considerare che queste famiglie sono costituite da un numero superiore di componenti (almeno 5) e quindi è evidente quale sia la prima ragione della maggiore spesa in media. La diversa dimensione familiare comporta comunque economie di scala, cosicché il livello di spesa media aumenta in misura meno che proporzionale rispetto al numero di componenti: nel 2012 la spesa media mensile per le coppie con tre figli è proporzionalmente decisamente più contenuta rispetto a quella delle persone che vivono sole, così come quella delle coppie senza figli rispetto alla spesa media dei single. Nel caso di questi ultimi l età determina inoltre effetti notevoli sulla spesa: in Lombardia si passa dai euro spesi in media dagli over64enni che vivono soli ai euro di spesa media dei single giovani (con meno di 35 anni) (Figura 4). Figura 4 Spesa media mensile familiare per consumi al variare della tipologia familiare. Lombardia, macroregione del Nord e Italia, anno Persona sola < 35 anni Persona sola 35-64enne Persona sola > 64 anni Coppia no figli - P.R. < 35 anni Coppia no figli - P.R enne Coppia no figli - P.R. > 64 anni Coppia con 1 figlio Coppia con 2 figli Coppia con 3 e più figli Lombardia Macroregione Nord Italia Monogenitore Altre tipologie Totale famiglie La composizione familiare ha effetti non solo sui livelli di spesa bensì anche sulla diversa allocazione del budget disponibile: gli anziani soli e le coppie anziane dedicano una quota superiore alle spese alimentari e a quelle per la casa in generale; il peso dell alimentare cresce anche all aumentare del numero di figli e nelle famiglie monogenitoriali. La presenza di 6

7 figli influisce inoltre sulle risorse da dedicare ad altre spese considerate abbastanza prioritarie come quelle per l abbigliamento, la sanità e l istruzione. Una quota di spesa superiore alla media viene invece dedicata a trasporti, comunicazione, cultura e tempo libero dai single giovani, dalle coppie giovani e dalle coppie con un solo figlio. Tabella 3 Distribuzione % della spesa familiare per capitolo di spesa al variare della tipologia familiare. Lombardia, macroregione del Nord e Italia, anno Tipologia familiare Territorio Alimentari e bevande Abitazione, utenze e spese per la casa Abbigliamento, calzature, sanità e istruzione Trasporto, comunicazioni, cultura, giochi e tempo libero Tabacchi o altri beni e servizi Spesa media mensile (=100%) Persona sola < 35 anni Persona sola 35-64enne Persona sola > 64 anni Coppia no figli - P.R. < 35 anni Coppia no figli - P.R enne Coppia no figli - P.R. > 64 anni Coppia con 1 figlio Coppia con 2 figli Coppia con 3 e più figli Monogenitore Altre tipologie Lombardia 14,4% 40,5% 6,8% 23,5% 14,8% Macror. Nord 15,0% 37,8% 8,4% 23,4% 15,4% Italia 17,0% 38,6% 8,7% 21,7% 14,0% Lombardia 14,6% 43,0% 7,4% 20,6% 14,4% Macror. Nord 15,2% 39,6% 7,9% 23,5% 13,8% Italia 17,1% 40,6% 7,8% 21,5% 13,0% Lombardia 18,5% 55,8% 7,5% 10,5% 7,8% Macror. Nord 18,9% 53,5% 7,9% 11,2% 8,5% Italia 21,1% 52,7% 8,1% 10,7% 7,4% Lombardia 16,5% 37,2% 8,8% 22,1% 15,3% Macror. Nord 13,8% 36,6% 8,5% 24,4% 16,6% Italia 15,2% 37,0% 8,9% 24,3% 14,6% Lombardia 14,6% 37,1% 8,9% 24,5% 14,9% Macror. Nord 15,1% 37,7% 8,9% 24,8% 13,6% Italia 17,2% 38,3% 8,9% 23,0% 12,5% Lombardia 17,1% 44,7% 8,4% 20,8% 9,0% Macror. Nord 18,1% 45,2% 8,7% 18,8% 9,2% Italia 20,4% 45,0% 8,7% 17,5% 8,4% Lombardia 16,2% 36,1% 9,8% 24,5% 13,3% Macror. Nord 16,5% 35,6% 10,7% 24,2% 13,0% Italia 18,9% 36,2% 10,4% 23,0% 11,5% Lombardia 16,9% 35,8% 10,9% 22,9% 13,4% Macror. Nord 16,5% 34,6% 11,8% 23,5% 13,6% Italia 19,4% 34,0% 11,8% 22,4% 12,4% Lombardia 17,7% 32,8% 14,8% 22,3% 12,3% Macror. Nord 17,4% 32,8% 12,5% 26,1% 11,2% Italia 21,7% 31,8% 11,7% 24,1% 10,6% Lombardia 17,3% 40,9% 10,8% 19,4% 11,6% Macror. Nord 18,2% 39,6% 10,6% 20,2% 11,4% Italia 20,3% 39,3% 10,9% 19,0% 10,4% Lombardia 18,2% 40,2% 9,1% 22,7% 10,0% Macror. Nord 16,5% 40,7% 11,4% 21,0% 10,5% Italia 21,2% 38,4% 9,2% 21,6% 9,7%

8 Professione e consumi Evidente è la differenza in termini di livello di spesa complessiva riscontrata fra le famiglie con persona di riferimento (titolare della scheda anagrafica, da ora P.R.) imprenditore, libero professionista, dirigente o impiegato e quelle in cui questa ha una differente posizione lavorativa o non lavora: in Lombardia al 2012 si passa infatti dai euro medi di imprenditori e libero professionisti ai euro di operai e assimilati, a importi di circa euro quando la P.R. è disoccupata o in generale non è occupata (Figura 5). Figura 5 Spesa media mensile familiare per consumi al variare della condizione e posizione professionale della P.R.. Lombardia, macroregione del Nord e Italia, anno Imprenditori e liberi professionisti Lavoratori in proprio Dirigenti e impiegati Operai e assimilati Ritirati dal lavoro Disoccupati o in cerca 1 occup. In altra cond. Non professionale 0 Lombardia Macroregione Nord Italia Totale famiglie I disoccupati e, fra chi è occupato, gli operai o assimilati orientano una quota più consistente del loro budget alle spese alimentari; per i ritirati dal lavoro superiore è invece il peso della spesa per l abitazione, mentre dirigenti, impiegati e lavoratori indipendenti presentano quote superiori di spesa dedicate all abbigliamento, alla sanità e all istruzione. Infine, i disoccupati e le persone in cerca di prima occupazione presentano un peso relativo della spesa superiore per il trasporto, le comunicazioni, la cultura e il tempo libero: va considerato che non solo queste persone dispongono di maggiore tempo libero, bensì si tratta generalmente, per quelle in cerca del primo lavoro, di individui giovani (Tabella 4). 8

9 Tabella 4 Distribuzione % della spesa familiare per capitolo di spesa al variare della condizione e posizione professionale della P.R.. Lombardia, macroregione del Nord e Italia, anno Condizione e posizione professional e della P.R. Territorio Alimentari e bevande Abitazione, utenze e spese per la casa Abbigliamento, calzature, sanità e istruzione Trasporto, comunicazioni, cultura e tempo libero Tabacchi o altri beni e servizi Spesa media mensile (=100%) Imprenditori e liberi professionisti Lavoratori in proprio Dirigenti e impiegati Operai e assimilati Ritirati dal lavoro Disoccupati o in cerca di 1 occupazione In altra condizione non professionale Lombardia 13,7% 37,0% 9,0% 21,3% 18,9% Macror. Nord 13,4% 36,7% 10,3% 22,6% 16,9% Italia 14,9% 36,2% 10,5% 22,6% 15,8% Lombardia 16,3% 37,9% 10,0% 22,6% 13,2% Macror. Nord 16,6% 36,6% 9,6% 23,4% 13,8% Italia 18,9% 36,3% 9,8% 22,2% 12,8% Lombardia 13,7% 37,3% 12,3% 23,2% 13,5% Macror. Nord 14,6% 36,5% 11,8% 23,5% 13,6% Italia 17,0% 36,7% 11,4% 22,4% 12,5% Lombardia 19,2% 36,1% 7,8% 23,9% 13,0% Macror. Nord 18,5% 34,9% 9,0% 25,2% 12,4% Italia 21,1% 34,4% 9,4% 23,5% 11,6% Lombardia 17,7% 46,9% 8,4% 17,9% 9,1% Macror. Nord 18,2% 45,3% 8,8% 18,2% 9,5% Italia 20,5% 44,9% 8,8% 17,2% 8,6% Lombardia 18,2% 35,7% 7,2% 26,4% 12,5% Macror. Nord 18,2% 39,0% 7,6% 23,8% 11,4% Italia 22,5% 37,3% 9,0% 21,6% 9,6% Lombardia 18,4% 42,5% 7,5% 19,5% 12,2% Macror. Nord 18,4% 43,7% 8,3% 18,9% 10,7% Italia 22,2% 43,9% 9,1% 15,9% 8,9%

10 Glossario Abitazione, utenze e spese per la casa: comprende le spese di affitto reale o figurativo (costo che le famiglie che vivono in case di proprietà dovrebbero sostenere per prendere in affitto, ai prezzi vigenti sul mercato immobiliare, un unità abitativa con caratteristiche identiche a quella in cui vivono), acqua, condominio, combustibili e energia, assicurazione sulla casa, manutenzione ordinaria e straordinaria, mobili, elettrodomestici e servizi per la casa. E considerata sia l abitazione principale sia eventuali abitazioni secondarie. In linea con la metodologia seguita da ISTAT, dato che vengono quantificati come spesa imputata anche gli affitti figurativi per l abitazione di proprietà, sono quindi escluse le spese sostenute per il mutuo. Consumi delle famiglie: beni e servizi acquistati o auto-consumati dalle famiglie per il soddisfacimento dei propri bisogni. Vi rientrano i beni che provengono dal proprio orto o azienda agricola, i beni e i servizi forniti dal datore di lavoro ai dipendenti a titolo di salario e gli affitti figurativi. Contributo in % della variazione della spesa nei singoli capitoli sulla variazione complessiva media: é calcolato in riferimento a ciascun territorio come rapporto fra la variazione in euro della spesa registrata in uno specifico capitolo e la variazione, in valore assoluto, osservata sul totale dei consumi. L utilizzo del dato al denominatore in valore assoluto rende più intuitiva la lettura dell indicatore, facendo sì che esso abbia lo stesso segno del numeratore: è negativo nel caso in cui la variazione del capitolo di spesa sia stata negativa e positivo nel caso in cui si sia avuto un incremento della spesa. Lavoratori in proprio: include, oltre a chi gestisce una piccola azienda partecipandovi con il proprio lavoro manuale, i soci di cooperativa e i coadiuvanti, i collaboratori occasionali e quelli coordinati e continuativi. Operai e assimilati: nelle analisi riportate nel presente report (Figura 5 e Tabella 4) sono stati raggruppati in tale categoria non solo gli operai in senso stretto bensì anche gli appartenenti alle categorie speciali (intermedi), gli apprendisti, i lavoratori a domicilio per conto di imprese e i graduati o militari di carriera delle FF.AA. o dei corpi di polizia. Persone in altra condizione non professionale: include casalinghe, studenti, inabili al lavoro, in servizio di leva o in servizio sostitutivo. Persone ritirate dal lavoro: chi ha cessato un'attività lavorativa per raggiunti limiti di età, invalidità o altra causa. La figura di ritirato dal lavoro non coincide necessariamente con quella di pensionato; in quanto non sempre il ritirato dal lavoro gode di una pensione e non sempre chi gode di una pensione ha lavorato (ad esempio casalinghe, inabili). 10

11 Rappresentatività dei dati a livello regionale: l indagine I consumi delle famiglie di ISTAT fornisce dati rappresentativi per stime a livello regionale; tuttavia, considerato il contenuto numero di casi campionari intervistati per la Valle d Aosta, ISTAT fornisce dei microdati in cui non è possibile scindere le osservazioni relative a questa regione da quelle del Piemonte. Per tale motivazione i dati relativi alla macroregione del Nord riportati nelle tabelle 3 e 4 e nelle figure 4 e 5 sono comprensivi anche di un contenuto numero di casi afferenti alle Valle d Aosta. I dati piemontesi e quelli macroregionali riportati nelle altre tabelle e figure sono invece al netto dei casi valdostani in quanto si tratta di elaborazioni effettuate a partire da dati estratti dalla banca dati I.STAT. Spesa media mensile: è calcolata dividendo la spesa totale per il numero delle famiglie residenti in ciascun territorio considerato. Fonti ISTAT, Indagine I consumi delle famiglie, anno 2012 e dati estratti dalla banca dati I.STAT (precedenti annualità). Éupolis Lombardia Lombardia Statistiche Report Éupolis Lombardia - Istituto superiore per la ricerca, la statistica e la formazione supporta l esercizio delle funzioni di Regione Lombardia, attraverso la promozione e diffusione di un sistema avanzato di conoscenze, al fine di sostenere lo sviluppo complessivo del territorio lombardo e degli enti, istituzioni e organismi a esso relazionati. Lombardia Statistiche Report propone approfondimenti tematici presentando il posizionamento regionale sullo specifico argomento, frutto di apposite elaborazioni sui micro-dati delle più recenti indagini rese disponibili da ISTAT. 11

Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011

Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011 Lombardia Statistiche Report N 0 / 17 febbraio 2014 Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011 Sintesi Nel 2010 le famiglie residenti in Lombardia hanno percepito

Dettagli

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE IN LOMBARDIA

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE IN LOMBARDIA NOTIZIESTATISTICHE Statistica e Osservatori Numero 3 Maggio 2005 I CONSUMI DELLE FAMIGLIE IN LOMBARDIA Primo obiettivo dell indagine sui consumi delle famiglie, condotta dall Istituto nazionale di Statistica,

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

PROSPETTO 1. SPESA MEDIANA MENSILE E SPESA MEDIA MENSILE DELLE FAMIGLIE PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA

PROSPETTO 1. SPESA MEDIANA MENSILE E SPESA MEDIA MENSILE DELLE FAMIGLIE PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA . 8 luglio 2014 Anno 2013 I CONSUMI DELLE FAMIGLIE Nel 2013, la spesa media mensile per famiglia è pari, in valori correnti, a 2.359 euro (-2,5% rispetto all anno precedente). Tenuto conto dell errore

Dettagli

La povertà in Italia nel 2009

La povertà in Italia nel 2009 15 luglio 2010 Anno 2009 La povertà in Italia nel 2009 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla povertà relativa e assoluta delle famiglie residenti in Italia, sulla base delle

Dettagli

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE 5 luglio 2011 Anno 2010 I CONSUMI DELLE FAMIGLIE Nel 2010 la spesa media mensile per famiglia è pari, in valori correnti, a 2.453 euro, con una variazione rispetto all anno precedente di +0,5%. Tenuto

Dettagli

LA SPESA DELLE FAMIGLIE PER CONSUMI IN SICILIA

LA SPESA DELLE FAMIGLIE PER CONSUMI IN SICILIA SOCIALE NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA ED ANALISI ECONOMICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 7 N.3/2015 I consumi privati rappresentano, in economia,

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

Non autosufficienza e carichi familiari in Lombardia: ieri, oggi e domani

Non autosufficienza e carichi familiari in Lombardia: ieri, oggi e domani Lombardia Statistiche Report N 1 / 8 febbraio 2016 Non autosufficienza e carichi familiari in Lombardia: ieri, oggi e domani Sintesi Al 2013 la diffusione di limitazioni nello svolgimento delle attività

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

Le famiglie del FVG: spesa per consumi e standard di vita negli anni 2011-2013

Le famiglie del FVG: spesa per consumi e standard di vita negli anni 2011-2013 Le famiglie del FVG: spesa per consumi e standard di vita negli anni 2011-2013 Agosto 2015 REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Direzione generale Area programmazione, controllo, sistemi informativi

Dettagli

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA Le famiglie con un reddito principale da lavoro autonomo presentano un rischio povertà quasi doppio rispetto a quello delle famiglie di lavoratori dipendenti.

Dettagli

L 82 PER CENTO DEI PROPRIETARI DI PRIMA CASA SONO PENSIONATI, OPERAI E IMPIEGATI

L 82 PER CENTO DEI PROPRIETARI DI PRIMA CASA SONO PENSIONATI, OPERAI E IMPIEGATI L 82 PER CENTO DEI PROPRIETARI DI PRIMA CASA SONO PENSIONATI, OPERAI E IMPIEGATI Con l abolizione della Tasi sulla prima casa, la percentuale di famiglie più interessate dallo sgravio saranno quelle dei

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Contributo di Laura Chies Esperta dell Agenzia e Dises - Università di Trieste e di Chiara Donati e Ilaria Silvestri Servizio statistica e affari

Dettagli

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ IL 12% DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel 2001 di povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per

Dettagli

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia-

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- DANIELE NICOLAI 1 Focus Introduzione imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- e di recessione in Europa ma il nostro Paese

Dettagli

Consumi e condizioni economiche delle famiglie

Consumi e condizioni economiche delle famiglie Consumi e condizioni economiche delle famiglie La fonte informativa più rilevante per l analisi della spesa familiare per beni e servizi è l indagine sui consumi delle famiglie. L ampio dettaglio relativo

Dettagli

LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI

LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI 4. suolo e risanamento acque del sottosuolo e di superficie 10. risorse idriche 6. biodiversità e paesaggio 2. acque reflue 11. risorse forestali 3. rifiuti 13. materie prime energetiche 1. aria e clima

Dettagli

CONTI ECONOMICI REGIONALI

CONTI ECONOMICI REGIONALI 27 novembre 2013 Anni 2010-2012 CONTI ECONOMICI REGIONALI Nel 2012, il Pil pro capite risulta pari a 31.094 euro nel Nord-ovest, a 30.630 euro nel Nord-est e a 27.941 euro nel Centro. Su un livello nettamente

Dettagli

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA a.a. 2009-2010 Facoltà di Economia, Università Roma Tre L Indagine sui bilanci delle famiglie italiane è un indagine campionaria condotta (ogni due anni)

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

I SERVIZI DI INTEMEDIAZIONE PUBBLICI

I SERVIZI DI INTEMEDIAZIONE PUBBLICI N.57 MARZO 2014 I SERVIZI DI INTEMEDIAZIONE PUBBLICI E PRIVATI AUTORIZZATI OVERVIEW Analizzare i canali attraverso cui i lavoratori trovano un, costituisce un esercizio di grande interesse per la conoscenza

Dettagli

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 1.242.123 3.38.42 Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.924,4 a cura del Settore Statistica del Comune di Milano

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Distribuzione del reddito e condizioni di vita in Italia

Distribuzione del reddito e condizioni di vita in Italia 22 dicembre 2008 Distribuzione del reddito e condizioni di vita in Italia Anni 2006-2007 Direzione centrale per la comunicazione e la programmazione editoriale Tel. + 39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione

Dettagli

L AUMENTO DELLA POVERTÀ

L AUMENTO DELLA POVERTÀ L AUMENTO DELLA POVERTÀ A inizio anno la Banca d Italia ha reso disponibili i dati sui bilanci delle famiglie italiane relativi al 24, frutto dell unica indagine sui redditi disponibile in Italia in grado

Dettagli

I principali risultati

I principali risultati FINANZA LOCALE: ENTRATE E SPESE DEI BILANCI CONSUNTIVI (COMUNI, PROVINCE E REGIONI). ANNO 2012 1 I principali risultati 1 Comuni Nel prospetto 1 sono riportati i principali risultati finanziari di competenza

Dettagli

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti 4 agosto 2003 Telefono e cellulare: comportamenti emergenti La crescente diffusione del telefono cellulare nella vita quotidiana della popolazione ha determinato cambiamenti profondi sia nel numero sia

Dettagli

Lavoro occasionale Di tipo accessorio

Lavoro occasionale Di tipo accessorio Lavoro occasionale Di tipo accessorio PRIMO TRIMESTRE/ 211 Lavoro occasionale di tipo accessorio I trim 211 gennaio 212 Il Report è stato realizzato da Giorgio Plazzi e Chiara Cristini, ricercatori dell

Dettagli

Dossier 4 L accesso alla casa d abitazione in Italia: proprietà, mutui, affitti e spesa delle famiglie

Dossier 4 L accesso alla casa d abitazione in Italia: proprietà, mutui, affitti e spesa delle famiglie Dossier 4 L accesso alla casa d abitazione in Italia: proprietà, mutui, affitti e spesa delle famiglie Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Luigi Biggeri presso le Commissioni

Dettagli

CONTI ECONOMICI REGIONALI

CONTI ECONOMICI REGIONALI 23 novembre 2012 Anni 1995-2011 CONTI ECONOMICI REGIONALI In occasione della diffusione delle stime provvisorie per l anno 2011, l Istat pubblica le serie dei Conti economici regionali nella nuova classificazione

Dettagli

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005 Alcuni spunti di interesse sul fenomeno infortunistico 2004 Aggiornamento al 15.03.2005 Roma, 28 aprile 2005 A) Infortuni sul lavoro: le tendenze in atto Circa 940.000 infortuni denunciati nel 2004: i

Dettagli

La pubblicità in cifre. 2006 totale anno

La pubblicità in cifre. 2006 totale anno La pubblicità in cifre 2006 totale anno PARTE 1 I MACRO INDICATORI ECONOMICI La crescita del prodotto interno lordo Dati a prezzi costanti 1995; variazioni percentuali medie annue. paesi 1994 1995 1996

Dettagli

INDAGINE SULLA SPESA DELLE FAMIGLIE PIEMONTESI FAMIGLIE PER TIPOLOGIA DI NUCLEO FAMILIARE

INDAGINE SULLA SPESA DELLE FAMIGLIE PIEMONTESI FAMIGLIE PER TIPOLOGIA DI NUCLEO FAMILIARE INDAGINE SULLA SPESA DELLE FAMIGLIE PIEMONTESI L indagine sulla spesa delle famiglie piemontesi realizzata per il quinto anno consecutivo da Unioncamere Piemonte e Regione Piemonte rientra tra le attività

Dettagli

Trattamenti pensionistici e beneficiari al 31 dicembre 2009

Trattamenti pensionistici e beneficiari al 31 dicembre 2009 21 giugno 2011 Trattamenti pensionistici e beneficiari al 31 dicembre 2009 Nel 2009 l importo complessivo annuo delle prestazioni pensionistiche previdenziali e assistenziali erogate in Italia è stato

Dettagli

CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE

CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE Edizione 2002 in collaborazione con RAPPORTO SUL CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE - Edizione 2002 RAPPORTO SUL

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

Sezione 6 Prezzi al consumo

Sezione 6 Prezzi al consumo Sezione 6 Prezzi al consumo Prossimo aggiornamento: marzo 2012 Numeri indice dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC) ISTAT Rilevazione mensile dei prezzi al consumo novembre 2011 gennaio

Dettagli

Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva

Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva con la collaborazione di Indice Presentazione 1 Introduzione 3 Le Fonti ed i Criteri Metodologici adottati 4 1. QUADRO

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE SOTTO LA SOGLIA RELATIVA IL % DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel della povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per consumi

Dettagli

Combustibili ed energia. Arredamenti. Servizi san. e. spese per la. salute. eec.

Combustibili ed energia. Arredamenti. Servizi san. e. spese per la. salute. eec. Spesa media mensile ( ) delle famiglie per alimentari e non alimentari negli anni dal 2005 al 2009 2005 2006 2007 2008 2009 Emilia-Roma 2.778 2.880 2.762 2.854 2.799 2.398 2.461 2.480 2.484 2.442 Percentuale

Dettagli

Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata

Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata Antonio Misiani In cinque anni la crisi economica ha causato la più forte contrazione dal dopoguerra del PIL (-6,9 per cento tra il 2007 e il 2012) e dei

Dettagli

Dati e informazioni su ricchezza e povertà delle famiglie straniere in Italia nel 2008. Agosto 2011

Dati e informazioni su ricchezza e povertà delle famiglie straniere in Italia nel 2008. Agosto 2011 STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Redditi, consumi e risparmi delle a confronto con le Dati e informazioni su ricchezza e povertà delle in Italia nel 2008 Agosto 2011 1 CONSIDERAZIONI E

Dettagli

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Cod. ISTAT INT 00023 AREA: Amministrazioni pubbliche e Servizi sociali Settore di interesse: Istituzioni Pubbliche e Private Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Titolare: Dipartimento per

Dettagli

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali La stima dei costi sociali intende quantificare il danno economico subito dalla società, e conseguentemente dal

Dettagli

Spese alimentari. pane e cereali 15% dolci e drogheria 14% carni 24%

Spese alimentari. pane e cereali 15% dolci e drogheria 14% carni 24% Come e quanto si spende sotto la Mole Aumentano le spese necessarie e diminuiscono quelle accessorie: abitazione e trasporti assorbono oltre la metà delle spese non alimentari, mentre tengono le spese

Dettagli

Il nuovo accertamento sintetico

Il nuovo accertamento sintetico Il nuovo accertamento sintetico 1 Lo strumento di accertamento 2 La nuova norma Articolo 38, commi 4 e 5, del DPR n. 600/1973 come modificato dal Dl n. 78/2010. L ufficio può sempre determinare sinteticamente

Dettagli

Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5%

Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5% Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5% I dati definitivi sul bilancio elettrico del 2014 fanno registrare una riduzione

Dettagli

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità La spesa sociale dei Comuni Nel 2012 (ultimo dato disponibile) i Comuni italiani, singoli o associati, hanno speso per interventi e servizi sociali sui

Dettagli

Le notizie flash: in seconda pagina le brevissime sui dati più interessanti in quarta pagina le valutazioni dello Spi-Cgil nazionale.

Le notizie flash: in seconda pagina le brevissime sui dati più interessanti in quarta pagina le valutazioni dello Spi-Cgil nazionale. Serie schede tematiche gennaio 2007 - n. 27 - cod. 67447 pag. 1 I pensionati italiani: quanti sono, quanto percepiscono, dove risiedono i pensionati di nord, centro, sud, estero le pensioni sociali in

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 24 novembre 2008 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 L Istat diffonde i risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros (R&S) in Italia, riferiti alle imprese, alle istituzioni pubbliche

Dettagli

Dossier 3 Le famiglie di giovani e le spese per l affitto

Dossier 3 Le famiglie di giovani e le spese per l affitto Dossier 3 Le famiglie di giovani e le spese per l affitto Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Luigi Biggeri presso le Commissioni congiunte V del Senato della Repubblica Programmazione

Dettagli

Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari

Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari Primo Convegno Nazionale Qualita della vita: territorio e popolazioni Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari Sabrina Stoppiello, Stafania Della Queva, Manuela Nicosia Censimento

Dettagli

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI 14 Maggio 2015 Anno 2013 I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI Nel 2013 le entrate complessive accertate delle amministrazioni provinciali sono pari a 10.363 milioni di euro, in diminuzione

Dettagli

Il valore dell export del comparto elettro-meccanico nelle regioni del Nord Italia Working paper

Il valore dell export del comparto elettro-meccanico nelle regioni del Nord Italia Working paper Il valore dell export del comparto elettro-meccanico nelle regioni del Nord Italia Working paper 2013 1 Dati rilevanti 1 Questo settore vale il 34% dell intero export italiano; Il Nord genera l 8 del valore

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. 1 Il riferimento è alla definizione di reddito complessivo comprensiva dei redditi di immobili ad uso abitativo dati in

COMUNICATO STAMPA. 1 Il riferimento è alla definizione di reddito complessivo comprensiva dei redditi di immobili ad uso abitativo dati in COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2011, a sei mesi dal termine di presentazione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione Numeri del Sud Indicatori regionali del QCS 2-26 Bollettino statistico a cura dell'unità di Valutazione degli

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali L utilizzo dei voucher per le prestazioni di lavoro accessorio (Fonti: Dati MLPS e INPS) REPORT Roma, 22 marzo 2016 L utilizzo dei voucher per le prestazioni

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 4. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 4. FLUSSI DEI REDDITI DERIVANTI DALLE LOCAZIONI DEI FABBRICATI E FLUSSI INTERTERRITORIALI 4.1 ASPETTI GENERALI In questo capitolo si presentano i dati sui canoni di

Dettagli

LE CARATTERISTICHE SOCIO-DEMOGRAFICHE DELLA VALLE D AOSTA

LE CARATTERISTICHE SOCIO-DEMOGRAFICHE DELLA VALLE D AOSTA LE CARATTERISTICHE SOCIO-DEMOGRAFICHE DELLA VALLE D AOSTA Sono numerose le evidenze scientifiche in cui si dimostra che le persone che godono di una posizione sociale privilegiata, che hanno un titolo

Dettagli

FAMIGLIA E SOCIETÀ. Tavola 7.2 Famiglie e persone per alcune tipologie - Medie 2005/2006-2007/2008 (per 100 famiglie della stessa zona)

FAMIGLIA E SOCIETÀ. Tavola 7.2 Famiglie e persone per alcune tipologie - Medie 2005/2006-2007/2008 (per 100 famiglie della stessa zona) 7 FAMIGLIA E SOCIETÀ Famiglia Secondo i dati dell'indagine Multiscopo sulle Famiglie, in si osserva un modesto ma costante aumento del numero delle famiglie. Nel 2007-2008 sono oltre 748 mila e hanno registrato

Dettagli

IL RAPPORTO ORES 2009

IL RAPPORTO ORES 2009 IL RAPPORTO ORES 2009 SINTESI DEI PRINCIPALI CONTENUTI Con ORES, Osservatorio Regionale sull Esclusione Sociale della Lombardia, l ente regionale si è dotato di uno strumento in grado di integrare i dati

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati Contesto europeo Secondo i dati resi disponibili da Eurostat, integrati con i dati ISPRA per quanto riguarda l Italia, nel 2011 i 27 Stati membri dell

Dettagli

APPRENDISTATO, UNO STRUMENTO PER AIUTARE I GIOVANI

APPRENDISTATO, UNO STRUMENTO PER AIUTARE I GIOVANI Appunti APPRENDISTATO, UNO STRUMENTO PER AIUTARE I GIOVANI Sono 54 mila i giovani in apprendistato, pari al 15% degli occupati tra i 15 e i 9 anni d età. Nel biennio 009-010 si è registrato un calo complessivo

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 4 trimestre 2014 a cura del NETWORK SECO Febbraio 2015 Il Network SeCO è costituito

Dettagli

Tutte le pensioni in Lombardia e nelle altre regioni:

Tutte le pensioni in Lombardia e nelle altre regioni: 1 Tutte le pensioni in Lombardia e nelle altre regioni: quante sono, a chi vanno, quanto rendono Rilevazioni sui trattamenti pensionistici condotta dall Istituto nazionale di statistica in collaborazione

Dettagli

Le fonti statistiche per l analisi di povertà

Le fonti statistiche per l analisi di povertà LA POVERTA IN EMILIA-ROMAGNA Conoscenza del fenomeno e sviluppo delle politiche sociali Le fonti statistiche per l analisi di povertà Giuseppina Felice Regione Emilia-Romagna Bologna, 1 luglio 2011 Sommario

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 4 trimestre 2013 a cura del NETWORK SECO marzo 2014 Il Network SeCO è costituito da:

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

ISEE: Modelli a confronto

ISEE: Modelli a confronto ISEE: Modelli a confronto La proposta di ANCI Toscana verso la modifica dell ISEE nazionale L ISEE in Italia: una panoramica PRESENTAZIONE DI : CLAUDIO GOATELLI CLESIUS SRL Oltre il 50% delle borse di

Dettagli

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA novembre 04 Introduzione In base ai dati dell VIII Censimento su Industria e Servizi dell ISTAT è stata condotta un analisi dell occupazione femminile nelle

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

I CONSUMI NELLA GRANDE CRISI: LE TENDENZE REGIONALI RECENTI Elisa Cinti 1, Sonia Neri 2

I CONSUMI NELLA GRANDE CRISI: LE TENDENZE REGIONALI RECENTI Elisa Cinti 1, Sonia Neri 2 XXXIII CONFERENZA ITALIANA DI SCIENZE REGIONALI I CONSUMI NELLA GRANDE CRISI: LE TENDENZE REGIONALI RECENTI Elisa Cinti 1, Sonia Neri 2 1 Prometeia spa, via Marconi, 43 40122 Bologna, e-mail: elisa.cinti@prometeia.it

Dettagli

LA PUBBLICITA IN SICILIA

LA PUBBLICITA IN SICILIA LA PUBBLICITA IN SICILIA Quadro produttivo, articolazione della spesa e strategie di sviluppo Paolo Cortese Responsabile Osservatori Economici Istituto G. Tagliacarne Settembr e 2014 Gli obiettivi del

Dettagli

Stime sul costo e sugli effetti distributivi di programmi di contrasto alla povertà. Massimo Baldini (CAPP) Daniele Pacifico (CAPP e MLPS)

Stime sul costo e sugli effetti distributivi di programmi di contrasto alla povertà. Massimo Baldini (CAPP) Daniele Pacifico (CAPP e MLPS) Stime sul costo e sugli effetti distributivi di programmi di contrasto alla povertà Massimo Baldini (CAPP) Daniele Pacifico (CAPP e MLPS) Il modello di riferimento Per le simulazioni è stato impiegato

Dettagli

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli Anni 2009, 2010, 2011 Cos è il lavoro

Dettagli

MANUALE di MoCAM-Calculator per abbonati

MANUALE di MoCAM-Calculator per abbonati MANUALE di MoCAM-Calculator per abbonati MoCAM-Calculator consente al professionista di calcolare l assegno di mantenimento dei figli e, se del caso, il contributo per il coniuge, ottenendo il risultato

Dettagli

REDDITO E CONDIZIONI DI VITA

REDDITO E CONDIZIONI DI VITA 16 dicembre 2013 Anno 2012 REDDITO E CONDIZIONI DI VITA Nel 2012, il 29,9% delle persone residenti in Italia è a rischio di povertà o esclusione sociale, secondo la definizione adottata nell ambito della

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 Nel IV trimestre del 2010 le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l acquisto dell abitazione per 15.041,15 milioni di euro. Rispetto allo stesso trimestre del

Dettagli

LA DISTRIBUZIONE DEL REDDITO NETTO DELLE FAMIGLIE Luca Calzola

LA DISTRIBUZIONE DEL REDDITO NETTO DELLE FAMIGLIE Luca Calzola LA DISTRIBUZIONE DEL REDDITO NETTO DELLE FAMIGLIE Luca Calzola Il lavoro intende analizzare i livelli di reddito disponibile delle famiglie umbre e il grado di disuguaglianza nella sua distribuzione. Le

Dettagli

Primi passi verso il servizio civile europeo. Al via progetto italo-francese Saranno 100 i giovani italiani e francesi coinvolti a partire dal 2016. L'accordo è stato raggiunto ieri a Parigi tra ministri

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

NOTA METODOLOGICA SULLE STIME PROVINCIALI DEI PRINCIPALI AGGREGATI DELL ATTIVITA COMMERCIALE PER GLI ANNI 2007-2012

NOTA METODOLOGICA SULLE STIME PROVINCIALI DEI PRINCIPALI AGGREGATI DELL ATTIVITA COMMERCIALE PER GLI ANNI 2007-2012 NOTA METODOLOGICA SULLE STIME PROVINCIALI DEI PRINCIPALI AGGREGATI DELL ATTIVITA COMMERCIALE PER GLI ANNI 2007-2012 Premessa Parallelamente alle valutazioni sull andamento semestrale delle vendite al dettaglio

Dettagli

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato Premessa Corso-concorso ordinario L età dei vincitori La presenza femminile Corso-concorso riservato L età dei vincitori La presenza femminile Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 2 trimestre 2015 a cura del NETWORK SECO Settembre 2015 Il Network SeCO è costituito

Dettagli

Capitolo 4. Assistenza e previdenza sociale

Capitolo 4. Assistenza e previdenza sociale Capitolo 4 Assistenza e previdenza sociale 4. Assistenza e previdenza sociale Per saperne di più... Istat I.stat il tuo accesso diretto alla statistica italiana. Roma. http://dati.istat.it. Il sistema

Dettagli

OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA. Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*)

OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA. Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*) CeSDES s.a.s Meina 28046 -Via Sempione 187 Milano 20126 Via P.Caldirola 6 sc.q OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*)

Dettagli

Parte il ReddiTest per misurare la coerenza tra reddito familiare e spese Si alza il sipario sul nuovo accertamento sintetico

Parte il ReddiTest per misurare la coerenza tra reddito familiare e spese Si alza il sipario sul nuovo accertamento sintetico Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Parte il ReddiTest per misurare la coerenza tra reddito familiare e spese Si alza il sipario sul nuovo accertamento sintetico Tutti i contribuenti possono verificare la

Dettagli

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA 11 maggio 2011 Anno 2010 LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA Nel 2010 il 46,8% della popolazione di 6 anni e più (26 milioni e 448 mila persone) dichiara di aver letto, per motivi non strettamente scolastici

Dettagli

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010 AICEB (Associazione Italiana Centri Benessere) IL MERCATO DEL BENESSERE: IMPRESE E SERVIZI OFFERTI* Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione Rimini Wellness, 14 Maggio

Dettagli

RAPPORTO IMMOBILIARE 2015 Immobili a destinazione terziaria, commerciale e produttiva. con la collaborazione di

RAPPORTO IMMOBILIARE 2015 Immobili a destinazione terziaria, commerciale e produttiva. con la collaborazione di RAPPORTO IMMOBILIARE 2015 con la collaborazione di data di pubblicazione: 28 maggio 2015 periodo di riferimento: anno 2014 a cura dell Ufficio Statistiche e Studi della Direzione Centrale Osservatorio

Dettagli

I giovani nel contesto socio-economico della regione Marche

I giovani nel contesto socio-economico della regione Marche I giovani nel contesto socio-economico della regione Marche Analisi estratta dal Capitolo 5 (La valutazione strategica) del Rapporto di valutazione 2012 realizzato da FGB e IRS nell ambito delle Attività

Dettagli

INDICATORI DEMOGRAFICI

INDICATORI DEMOGRAFICI 27 gennaio 2012 INDICATORI DEMOGRAFICI Stime per l anno 2011 Sono 556 mila i bambini nati nel 2011, seimila in meno rispetto al 2010. Il numero di persone morte nell anno è pari a 592 mila, quattromila

Dettagli

ACCERTAMENTO SINTETICO. a cura di Francesco Barone

ACCERTAMENTO SINTETICO. a cura di Francesco Barone ACCERTAMENTO SINTETICO a cura di Francesco Barone LA NUOVA DISCIPLINA La nuova disciplina: 1. la determinazione sintetica del reddito avviene mediante la presunzione relativa che tutto quanto è stato speso

Dettagli