Pistoia, 6 giugno 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pistoia, 6 giugno 2012"

Transcript

1 SERVIZIO POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO, SERVIZI PER L'IMPIEGO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, OSSERVATORIO SOCIALE, POLITICHE SOCIALI E PER LA GIOVENTÙ, POLITICHE PER LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO La situazione occupazionale in Pistoia, 6 giugno 2012 OSSERVATORIO PROVINCIALE SUL MERCATO DEL LAVORO 1

2 Note alla lettura I dati presentati per la si riferiscono ai seguenti comuni: Buggiano, Chiesina Uzzanese, Lamporecchio, Larciano, Massa e Cozzile, Monsummano, Montecatini, Pescia, Pieve a Nievole, Ponte Buggianese, Uzzano. Si segnala che i dati di stock (iscritti allo stato di disoccupazione, alle liste di mobilità) rappresentano la fotografia, il conteggio dei soggetti effettuato l ultimo giorno del mese di riferimento. I dati di flusso si riferiscono invece ad un fenomeno (iscrizioni allo stato di disoccupazione) avvenuto in un determinato arco temporale. Le comunicazioni di avviamento si riferiscono agli inserimenti lavorativi e non ai lavoratori avviati: il medesimo lavoratore dunque può risultare avviato al lavoro più volte nel corso dell anno. I dati utilizzati nel presente Report fanno riferimento ad estrazioni SIL aggiornate al mese di Dicembre Future estrazioni potranno differire per periodi sovrapponibili a causa del completamento delle operazioni di caricamento informazioni nella banca dati SIL, Sistema Informativo Lavoro. Dirigente del Servizio Politiche Attive del Lavoro, Servizi per l'impiego, Formazione Professionale, Osservatorio Sociale, Politiche Sociali e per la Gioventù, Politiche per la Sicurezza nei Luoghi di Lavoro: Anna Pesce Supporto al coordinamento: Carla Gassani Analisi e ricerche: Simona Dolfi Supporto informatico all'attività di gestione della banca dati SIL: Giacomo Biagi 2

3 Persone iscritte allo stato di disoccupazione: dati di stock e di flusso Al 31 dicembre 2011 il totale delle persone in cerca di occupazione, domiciliate nella, sono pari a , il 46% circa del totale provinciale (in termini assoluti unità), una quota leggermente superiore alla popolazione in età attiva (15-64 anni) che vi risiede (42,4%). Si tratta per la maggioranza di donne, in termini assoluti pari al 62,5% del totale, lo stock di donne in cerca di occupazione della rappresenta il 47% del totale provinciale (contro il 45% degli uomini). Tabella 1. Iscritti allo stato di disoccupazione per comune di domicilio del lavoratore in, valori assoluti e percentuali (31/12/2011, dati di stock) Pop. in età attiva COMUNE DI DOMICILIO F M TOT Val. % Val. % BUGGIANO ,1% 3,1% CHIESINA UZZANESE ,5% 1,6% LAMPORECCHIO ,1% 2,7% LARCIANO ,1% 2,2% MASSA E COZZILE ,8% 2,7% MONSUMMANO TERME ,4% 7,5% MONTECATINI-TERME ,4% 7,2% PESCIA ,2% 6,8% PIEVE A NIEVOLE ,0% 3,4% PONTE BUGGIANESE ,2% 3,1% UZZANO ,9% 2,1% TOTALE VALDINIEVOLE ,1% 42,4% TOTALE PROVINCIALE ,0% 100,0% Grafico 1. Stock di persone iscritte allo stato di disoccupazione dei CPI, provincia di Pistoia e, 31/12/2011, valori assoluti F M TOTALE Se prendiamo in considerazione le fasce di età si rileva che la maggior parte delle persone in cerca di occupazione della hanno un età compresa tra i anni (il 37,8% del totale pari a in termini assoluti), seguono le persone che appartengono alla fascia 3

4 45-55 anni (il 22,7% pari a persone). I giovani under 29 anni rappresentano più di 1/5 del totale (in termini assoluti persone) mentre gli over 55 anni sono pari al 17,5%, in termini assoluti persone. La distribuzione percentuale appare pertanto in linea con la dato provinciale. Grafico 2. Stock persone iscritte allo stato di disoccupazione domiciliate in, per genere e fasce di età 31/12/2011, valori percentuali > 55 17,5% <18 0,02% ,6% ,4% ,7% ,8% Le persone straniere in cerca di occupazione, domiciliate nei comuni della sono pari a 3.075, il 18% circa dello stock totale, con un incidenza lievemente superiore rispetto al dato provinciale (17% circa). Per la maggioranza si tratta di donne (1.966 donne e uomini). Grafico 3. Stock di persone iscritte allo stato di disoccupazione domiciliate in, per genere e provenienza (31/12/2011) F M TOTALE Italiani Stranieri Le persone iscritte alla L.68/99 in sono pari a il 42,2% del totale provinciale, per la maggioranza si tratta di donne (813 donne e 626 uomini). 4

5 Grafico 4. Stock di persone iscritte alla L.68/99 in provincia di Pistoia e in, per genere (31/12/2011) TOTALE M F Le persone domiciliate nei comuni della che si sono recate ai Centri per l Impiego per iscriversi allo stato di disoccupazione nel corso del 2011 sono pari a (il 41,5% del flusso totale provinciale), in aumento del 6,6% rispetto al 2010 (valore lievemente superiore alla variazione provinciale). Grafico 5. Flusso di iscrizioni allo stato di disoccupazione di cittadini domiciliati in provincia di Pistoia e in, per genere (anno 2011) F M TOTALE Sono soprattutto le donne ad essersi iscritte, pari a 2.147, registrando un incremento sul 2010 pari all 8,3%, inferiore al dato provinciale (+12,2%). Il flusso di iscrizioni degli uomini è invece pari a unità, registrando un incremento sul 2010 del 4,6% (superiore alla variazione registrata a livello provinciale pari al 6,6%). Se prendiamo in considerazione la fascia di età si rileva che in termini assoluti la maggiore quota di iscrizioni riguarda la fascia (1.438 persone) che registra una variazione positiva di circa il 4% sul

6 Grafico 6. Flusso di iscrizioni allo stato di disoccupazione di cittadini domiciliati in provincia di Pistoia e in, per genere, variazioni percentuali 2011/2010 Totale 6% 6,60% M 4,60% 6,60% F 8,30% 12,20% 0,00% 5,00% 10,00% 15,00% Tabella 2. Flussi di iscrizioni allo stato di disoccupazione di cittadini domiciliati in, per fasce di età e genere (anno 2011) Var. % F M TOT F M TOT F M TOT < ,5% -53,3% -57,1% ,5% 25,6% 13,1% ,9% -9,9% -1,8% ,6% 0,5% 3,9% ,2% -2,7% 6,0% > ,7% 5,8% 31,5% TOT ,3% 4,6% 6,6% TOT PROV. Pistoia ,2% 6,6% 6,3% Numerose anche le iscrizioni per la fascia di età anni pari a 1.047, in aumento del 13% circa sul 2010, variazione pari a circa il doppio del valore provinciale. Grafico 7. Flusso iscrizioni allo stato di disoccupazione di cittadini domiciliati in provincia e in, per genere e fasce di età, variazioni percentuali 2011/ ,10% -25,70% > ,80% < 18 8,00% 6,00% 4,30% 3,90% 3,30% 6,70% 13,10% 30,40% 31,50% -80,00% -60,00% -40,00% -20,00% 0,00% 20,00% 40,00% 6

7 In controtendenza con l andamento provinciale le iscrizioni dei giovani anni che registrano una diminuzione di circa il 2% in ed un aumento nel territorio provinciale di circa il 3%. Da segnalare il notevole incremento tra il 2010 ed il 2011 del flusso di iscrizioni della fascia di età over 55 anni superiore al 30%, in linea con l andamento provinciale. Gli avviamenti al lavoro Nel corso del 2011 le assunzioni effettuate da aziende con unità produttive sul territorio della sono pari a , il 45% circa del totale avviamenti provinciali. Grafico 8. Avviamenti al lavoro nelle unità produttive della provincia di Pistoia e della, 31/12/2011, valori assoluti F M TOTALE Rispetto al 2010 si registra una diminuzione degli avviamenti pari a -2% circa, flessione superiore a quella registrata sul territorio provinciale (-0,5%). La variazione determinante il calo medio delle assunzioni in è quella registrata per la componente maschile (-6,9%), superiore alla contrazione registrata a livello provinciale (-3,2%) mentre gli avviamenti delle lavoratrici aumentano rispetto all anno scorso di un +2,4% (per gli uomini +1,6%). Grafico 9. Avviamenti al lavoro nelle unità produttive della provincia di Pistoia e dei comuni della, 31/12/2011, variazioni percentuali 2011/2010-1,8% -0,5% Totale -6,9% -3,2% M F 1,6% 2,4% -8,0% -6,0% -4,0% -2,0% 0,0% 2,0% 4,0% 7

8 L aver effettuato meno assunzioni non appare comunque un fenomeno omogeneo sul territorio: mentre nei comuni di Buggiano (-25,6%) e Larciano (-24,3%) gli avviamenti al lavoro sono diminuiti di circa ¼, a Ponte Buggianese e a Pescia mostrano andamenti positivi e pari rispettivamente a circa il 28,9% ed il 13,3%. Tabella 3. Avviamenti al lavoro nelle unità produttive dei comuni della, 31/ e 2011, valori assoluti e variazioni percentuali Var. % COMUNE UP F M TOT F M TOT F M Somma: BUGGIANO ,8% -31,5% -25,6% CHIESINA UZZANESE ,4% -25,0% -9,2% LAMPORECCHIO ,1% -14,7% -5,6% LARCIANO ,8% -25,6% -24,3% MASSA E COZZILE ,8% -12,0% -0,3% MONSUMMANO TERME ,4% 2,3% 6,0% MONTECATINI-TERME ,0% -15,8% -7,8% PESCIA ,1% 18,4% 13,3% PIEVE A NIEVOLE ,1% -3,7% -0,6% PONTE BUGGIANESE ,5% 36,4% 28,9% UZZANO ,1% -12,9% 2,6% TOT VALDINIEVOLE ,4% -6,9% -1,8% TOT PROV. PISTOIA ,6% -3,2% -0,5% In linea con quanto accade a livello provinciale, la maggior parte degli avviamenti nella avviene con contratti a termine (89,1%). Tabella 4. Avviamenti al lavoro per tipologia contrattuale zona, 31/12/2011, valori assoluti e % F M TOT VAL. % LAVORO A TEMPO INDETERMINATO ,9% LAVORO A TEMPO DETERMINATO ,8% APPRENDISTATO ,5% SOMMINISTRAZIONE ,7% LAVORO A PROGETTO / CO.CO.CO ,4% LAVORO AUTONOMO NELLO SPETTACOLO ,3% LAVORO OCCASIONALE ,8% LAVORO DOMESTICO ,5% LAVORO INTERMITTENTE ,9% TIROCINIO ,7% ALTRE FORME ,5% TOTALE ,0% 1 La voce Altre forme comprende: associazione in partecipazione, lavoro ripartito, contratto di formazione lavoro nella pubblica amministrazione, attività socialmente utile, contratto di inserimento lavorativo, contratto di agenzia, lavoro a domicilio. 8

9 Le donne rappresentano la maggioranza degli avviamenti in in tutte le tipologie contrattuali ad eccezione dell apprendistato (per il 59,4% si tratta di avviamenti di uomini). Mentre i rapporti di lavoro a tempo indeterminato sono pari a circa l 11% del totale (il 52% riguardano le donne), gli avviamenti a tempo determinato sono pari al 51,8% (il 55% riguardano avviamenti della componente femminile), segue il lavoro intermittente (14% circa, di cui il 62,3% riguarda avviamenti di donne). Grafico 10. Avviamenti al lavoro per tipologia contrattuale nei comuni della, 31/12/2011, valori percentuali TIROCINIO 1,7% LAVORO INTERMITTENTE 13,9% LAVORO DOMESTICO 5,5% LAVORO OCCASIONALE 1,8% AUTONOMO NELLO SPETTACOLO 0,3% LAVORO A PROGETTO / COCOCO 4,4% SOMMINISTRAZIONE 3,7% APPRENDISTATO 4,5% ALTRE FORME 1,5% INDETERMINATO 10,9 % DETERMINATO 51,8 % Sono le Attività alberghiere e di ristorazione (4.554 avviamenti, il 28% del totale) ad aver effettuato le maggiori assunzioni in, dato superiore di circa il 10% al dato provinciale. Grafico 11. Avviamenti al lavoro per macrosettore nelle unità produttive dei comuni della, 31/12/2011, valori percentuali ALTRO 13% AGRICOLTURA ATTIVITA' 4% MANIFATTURIERE 11% SERVIZI ALLE IMP RESE 12% COSTRUZIONI 6% COMMERCIO 9% P.A., ISTRUZIONE E SANITA' 14% TRASP ORTO E MAGAZZINAGGIO 3% ALBERGHI E RISTORANTI 28% 9

10 Segue la Pubblica Amministrazione con circa il 14% degli avviamenti (2.244 in termini assoluti). I servizi alle imprese ed il settore manifatturiero presentano un incidenza simile e pari rispettivamente all 11,5% e all 11,3% del totale avviamenti. Tabella 5. Avviamenti al lavoro per macrosettore nelle unità produttive dei comuni della, 31/ e 2011, valori assoluti e percentuali. F M TOT Val. % AGRICOLTURA ,7% ATTIVITA' MANIFATTURIERE ,3% COSTRUZIONI ,2% COMMERCIO ,9% TRASPORTO E MAGAZZINAGGIO ,4% ALBERGHI E RISTORANTI ,9% P.A., ISTRUZIONE E SANITA' ,8% SERVIZI ALLE IMPRESE ,5% ALTRO ,3% TOTALE ,0% Le vertenze collettive Sono 10 le vertenze collettive riguardanti unità produttive del territorio della, stipulate nel corso del 2011 presso l Amministrazione Provinciale, tra le aziende e le Parti Sociali, attivando la procedura di esame congiunto, per un totale di 471 lavoratori e lavoratrici coinvolti/e. Tabella 6. Verbali di esame congiunto stipulati presso l Amministrazione Provinciale ed accordi sindacali comunicati alla stessa Amministrazione per aziende della, anno 2011 Attività economica ATECO 207 AZIENDE CON SEDE NELLA VALDINIEVOLE Comune UP Oggetto Lavoratori Organico dell accordo interessati comunicato COSTRUZIONE DI MATERIALE ROTABILE FERROVIARIO MASSA E COZZILE CIGS FABBRICAZIONE DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE MONSUMMANO CIGS FABBRICAZIONE DI CARTA E PRODOTTI DI CARTA MASSA E COZZILE CIGD ATTIVITA' LAVANDERIE INDUSTRIALI MASSA E COZZILE MOB.223/ CONFEZIONE DI ARTICOLI DI ABBIGLIAMENTO MONTECATINI TERME CIGD COMMERCIO BUGGIANO MOB.223/ CIGD 22 FABBRICAZIONE DI ARTICOLI IN PELLE PIEVE A NIEVOLE MOB.223/ STAMPA E SERVIZI CONNESSI ALLA STAMPA PONTE BUGGIANESE CIGS FABBRICAZIONE DI ARTICOLI IN PELLE MONSUMMANO CIGS AZIENDE CON SEDE IN ALTRE PROVINCE LAVORI DI COSTRUZIONE SPECIALIZZATI PONTE BUGGIANESE MOB.223/ TOTALE LAVORATORI - AZIENDE CON SEDE PROV. PT TOTALE LAVORATORI - AZIENDE CON SEDE ALTRE PROV TOTALE COMPLESSIVO LAVORATORI Fonte: elaborazioni Osservatorio sul Mercato del Lavoro su dati Servizio Lavoro 2 Sotto la voce Altro sono aggregate Attività professionali, scientifiche e tecniche, Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e di divertimento, Attività di famiglie e convivenze come datori di lavoro per personale domestico. 10

11 Per la maggior parte (219 persone) l oggetto dell accordo ha riguardato la Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria, mentre la CIGD ha coinvolto 209 lavoratori e lavoratrici e la mobilità L.223/91 43 persone. Lavoratori in mobilità: dati di stock e di flusso Sono pari a i lavoratori e le lavoratrici della, iscritti alle liste di mobilità al 31 dicembre 2011, per la maggioranza si tratta di uomini (867 donne). Tabella 7. Iscritti alle liste di mobilità per domicilio del lavoratori per comuni della e genere al 31/12/2011, (dati di stock) COMUNE DOMICILIO F M TOT VAL. % BUGGIANO ,8% CHIESINA UZZANESE ,4% LAMPORECCHIO ,3% LARCIANO ,4% MASSA E COZZILE ,4% MONSUMMANO TERME ,2% MONTECATINI- TERME ,7% PESCIA ,9% PIEVE A NIEVOLE ,3% PONTE BUGGIANESE ,1% UZZANO ,8% TOT VALDINIEVOLE ,3% TOT PROV. PISTOIA ,0% Essi rappresentano il 41,3% del totale provinciale (3.583 iscritti). Grafico 12. Stock iscritti alle liste di mobilità per e provincia di Pistoia per genere al 31/12/2011 TOTALE M F

12 Tabella 8. Iscritti alle liste di mobilità per settore e tipo di mobilità per i lavoratori domiciliati in al 31/12/2011, (dati di stock) MOBILITA' MOBILITA' 236/93 L.223/91 TOT Val. % AGRICOLTURA, SILVICOLTURA E PESCA ,8% ESTRAZIONE DI MINERALI DA CAVE E MINIERE 1 1 0,1% ATTIVITA' MANIFATTURIERE ,8% FORNITURA DI ACQUA RETI FOGNARIE, ATTIVITA' DI GESTIONE DEI RIFIUTI E RISANAMENTO ,5% COSTRUZIONI ,5% COMMERCIO ALL'INGROSSO E AL DETTAGLIO, RIPARAZIONE DI AUTOVEICOLI E MOTOCICLI ,2% TRASPORTO E MAGAZZINAGGIO ,9% ATTIVITA' DEI SERVIZI DI ALLOGGIO E DI RISTORAZIONE ,8% SERVIZI DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE ,5% ATTIVITA' FINANZIARIE E ASSICURATIVE 4 4 0,3% ATTIVITA' IMMOBILIARI 7 7 0,5% ATTIVITA' PROFESSIONALI, SCIENTIFICHE E TECNICHE ,4% NOLEGGIO, AGENZIE DI VIAGGIO, SERVIZI DI SUPPORTO ALLE IMPRESE ,1% AMMINISTRAZIONE PUBBLICA E DIFESA, ASSICURAZIONE SOCIALE OBBLIGATORIA 2 2 0,1% ISTRUZIONE ,7% SANITA' E ASSISTENZA SOCIALE ,7% ATTIVITA' ARTISTICHE, SPORTIVE, DI INTRATTENIMENTO E DIVERTIMENTO 8 8 0,5% ALTRE ATTIVITA' DI SERVIZI ,7% NON SPECIFICATO ,0% TOTALE ,0% Per la maggior parte si tratta di mobilità relativa ad aziende con meno di 15 dipendenti in base alla L.236/93 che conta persone. Le persone in mobilità provengono per la maggior parte dal settore manifatturiero (33% circa) e dalle costruzioni (20,5%), segue il commercio (16,2%). Tabella 9. Iscrizioni alle liste di mobilità dei lavoratori domiciliati in per tipo di mobilità e genere, 2011 (dati di flusso) Var. % F M TOT F M TOT F M TOT MOBILITA' 236/ ,9% -8,7% 4,0% MOBILITA' L.223/ ,1% 4,9% -15,1% TOTALE VALDINIEVOLE ,1% -6,6% 1,0% TOTALE PROV. PT ,6% 0,8% 1,5% 12

13 Se passiamo a considerare il flusso di iscrizioni alla liste di mobilità, dei lavoratori domiciliati nei comuni della, nel corso del 2011 rileviamo che sono pari a 804, un 1% in più rispetto al 2010, con differenze tra i generi: mentre per la componente femminile il ricorso alla mobilità è aumentato del 15% circa, per la componente maschile si è contratto di un -6,6% rispetto al Tali variazioni non rispecchiano quanto accade a livello provinciale in cui si assiste ad un aumento per entrambi i generi e pari al +2,6% per le donne e +0,8% per gli uomini (in media +1,5%). Grafico 13. Iscritti alle liste di mobilità per la e la provincia di Pistoia per tipo di mobilità e per genere, 2011 (dati di flusso) Totale 1,5% 1,00% -15,10% -6,90% L.223/91 L.236/93 3,60% 4,00% Positivo il calo del 15% circa del ricorso alla mobilità per le imprese con più di 15 dipendenti della zona, flessione superiore al valore provinciale pari al 6,9%. 13

14 14

7. Centro per l Impiego San Lazzaro di Savena. Comuni di riferimento:

7. Centro per l Impiego San Lazzaro di Savena. Comuni di riferimento: 7. Centro per l Impiego San Lazzaro di Savena Comuni di riferimento: San Lazzaro di Savena, Castenaso, Loiano, Monghidoro, Monterenzio, Ozzano e Pianoro Al 31 dicembre le persone in cerca di lavoro 1 iscritte

Dettagli

Un segmento del mercato del lavoro: le assunzioni in provincia di Ravenna - Anno 2009

Un segmento del mercato del lavoro: le assunzioni in provincia di Ravenna - Anno 2009 Un segmento del mercato del lavoro: le assunzioni in provincia di Ravenna - Anno 2009 Nel territorio provinciale nel corso del 2009 sono state registrate 97.659 assunzioni 1 (da tener presente che ogni

Dettagli

Situazione occupazionale comune di Monsummano - Terme

Situazione occupazionale comune di Monsummano - Terme Situazione occupazionale comune di Monsummano - Terme Dati al III trimestre 2011 Note alla lettura Si segnale che i dati di stock (iscritti allo stato di disoccupazione) rappresentano la fotografia, il

Dettagli

Elaborazione dati sul Mercato del Lavoro al 30 settembre 2013

Elaborazione dati sul Mercato del Lavoro al 30 settembre 2013 Proviinciia Massa Carrara Settore Formazione Professionale e Politiche del Lavoro Servizio Politiche del Lavoro Elaborazione dati sul Mercato del Lavoro al 30 settembre 2013 22 Novembrre 2013 1/15 Indice

Dettagli

Le medie ISTAT ed i dati dei Centri per l Impiego

Le medie ISTAT ed i dati dei Centri per l Impiego SERVIZIO POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO, SERVIZI PER L'IMPIEGO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, OSSERVATORIO SOCIALE, POLITICHE SOCIALI E PER LA GIOVENTÙ, POLITICHE PER LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO La Disoccupazione

Dettagli

Elaborazione dati sul Mercato del Lavoro I Trimestre 2011

Elaborazione dati sul Mercato del Lavoro I Trimestre 2011 Proviinciia Massa Carrara Settore Formazione Professionale e Politiche del Lavoro Servizio Politiche del Lavoro Elaborazione dati sul Mercato del Lavoro I Trimestre 2011 Gaabrriieellee Leevii 7 Luglliio

Dettagli

8. CENTRO PER L IMPIEGO ZOLA PREDOSA. Comuni di riferimento:

8. CENTRO PER L IMPIEGO ZOLA PREDOSA. Comuni di riferimento: 8. CENTRO PER L IMPIEGO ZOLA PREDOSA Comuni di riferimento: Zola Predosa, Casalecchio di Reno, Sasso Marconi, Bazzano, Castello di Serravalle, Crespellano, Monte San Pietro, Monteveglio e Savigno Al 31

Dettagli

5. CENTRO PER L IMPIEGO DI PORRETTA TERME. Comuni di Riferimento:

5. CENTRO PER L IMPIEGO DI PORRETTA TERME. Comuni di Riferimento: 5. CENTRO PER L IMPIEGO DI PORRETTA TERME Comuni di Riferimento: Porretta Terme, Camugnano, Castel d'aiano, Castel di Casio, Castiglione dei Pepoli, Gaggio Montano, Granaglione, Grizzana, Lizzano in Belvedere,

Dettagli

Avviamenti e cessazioni in provincia di Varese

Avviamenti e cessazioni in provincia di Varese Avviamenti e cessazioni in provincia di Varese Anno 2014 II trimestre agosto 2014 Indice AVVIAMENTI Per tipologia di contratto pag. 1 Per tipologia di contratto e modalità di lavoro pag. 2 Per Centri Impiego

Dettagli

Le dichiarazioni di immediata disponibilità al lavoro in provincia di Varese

Le dichiarazioni di immediata disponibilità al lavoro in provincia di Varese Le dichiarazioni di immediata disponibilità al lavoro in provincia di Varese Anno 2016 IV trimestre febbraio 2017 Indice AVVIAMENTI Per tipologia di contratto pag. 1 Per tipologia di contratto e modalità

Dettagli

2. CENTRO PER L IMPIEGO DI BOLOGNA. Comune di riferimento: Bologna

2. CENTRO PER L IMPIEGO DI BOLOGNA. Comune di riferimento: Bologna 2. CENTRO PER L IMPIEGO DI BOLOGNA Comune di riferimento: Bologna Le persone in cerca di lavoro 1 al 31/12/2008 sono 19.953 (il 42,6% del totale provinciale) di cui 10.490 donne (52,6%) e 9.463 uomini

Dettagli

Il Quadro Economico/Occupazionale nella Provincia di Pesaro e Urbino

Il Quadro Economico/Occupazionale nella Provincia di Pesaro e Urbino Il Quadro Economico/Occupazionale nella Provincia di Pesaro e Urbino Provincia di Pesaro e Urbino - Servizio Formaz. Prof.le e Politiche del Lavoro Ufficio Mercato del lavoro 1.2.5.3 1 Pop. Residente Pop.

Dettagli

Elaborazione dati sul Mercato del Lavoro al 30 settembre 2011

Elaborazione dati sul Mercato del Lavoro al 30 settembre 2011 Proviinciia Massa Carrara Settore Formazione Professionale e Politiche del Lavoro Servizio Politiche del Lavoro Elaborazione dati sul Mercato del Lavoro al 30 settembre 2011 Rev.. 03 08 novembrre 2011

Dettagli

3 CENTRO PER L IMPIEGO DI IMOLA. Comuni di riferimento:

3 CENTRO PER L IMPIEGO DI IMOLA. Comuni di riferimento: 3 CENTRO PER L IMPIEGO DI IMOLA Comuni di riferimento: Imola, Borgo Tossignano, Casalfiumanese, Castel del Rio, Castel Guelfo, Castel San Pietro Terme, Dozza Imolese, Fontanelice, Medicina, Mordano. Sono

Dettagli

Assunzioni nel I semestre 2013 e nel I semestre 2012

Assunzioni nel I semestre 2013 e nel I semestre 2012 COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende Comunali, Servizi Pubblici e Statistica LE ASSUNZIONI NEL I SEMESTRE 2013 Edizione 1/STst/27.01.2014 Supera: nessuno Il

Dettagli

Avviamenti e cessazioni. in provincia di Varese. Anno effettuati da aziende con sede. IV trimestre

Avviamenti e cessazioni. in provincia di Varese. Anno effettuati da aziende con sede. IV trimestre Avviamenti e cessazioni effettuati da aziende con sede in provincia di Varese Anno 2015 IV trimestre marzo 2016 Indice AVVIAMENTI Per tipologia di contratto pag. 1 Per tipologia di contratto e modalità

Dettagli

Rapporto 3 Trimestre 2010 (con dati da Gennaio a Settembre) Provincia di Firenze

Rapporto 3 Trimestre 2010 (con dati da Gennaio a Settembre) Provincia di Firenze Rapporto 3 Trimestre 2010 (con dati da Gennaio a Settembre) Provincia di Firenze 1 Questo rapporto esce a cura della Direzione Politiche del Lavoro della Provincia di Firenze, si ringrazia: Dr. Daniele

Dettagli

LA SITUAZIONE OCCUPAZIONALE La Valdinievole nel contesto provinciale

LA SITUAZIONE OCCUPAZIONALE La Valdinievole nel contesto provinciale Provincia di Pistoia Servizio Politiche attive del Lavoro, Servizi per lʹimpiego, Formazione Professionale, Osservatorio Sociale, Politiche sociali e per la Gioventù, Politiche di Sicurezza nei luoghi

Dettagli

Le medie ISTAT ed i dati dei Centri per l Impiego

Le medie ISTAT ed i dati dei Centri per l Impiego SERVIZIO POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO, SERVIZI PER L'IMPIEGO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, OSSERVATORIO SOCIALE, POLITICHE SOCIALI E PER LA GIOVENTÙ, POLITICHE PER LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO La Situazione

Dettagli

Guadagni in deroga e la Mobilità in provincia di Varese. Anno 2011

Guadagni in deroga e la Mobilità in provincia di Varese. Anno 2011 La Cassa Integrazione Guadagni in deroga e la Mobilità in provincia di Varese Anno 2011 febbraio 2012 Indice Lavoratori inseriti in lista di MOBILITÀ Per legge di riferimento pag. 1 Per Centro per l Impiego

Dettagli

Imprese Roma Capitale

Imprese Roma Capitale 500.000 400.000 Stock di Unità Locali registrate di imprese 421.115 432.125 300.000 Unità Locali registrate +2,6% vs 2015 Unità Locali attive +5,1% vs 2015 200.000 100.000 0 500.000 400.000 300.000 2015

Dettagli

I FALLIMENTI IN PROVINCIA DI BOLOGNA 1^ Semestre 2015

I FALLIMENTI IN PROVINCIA DI BOLOGNA 1^ Semestre 2015 I FALLIMENTI IN PROVINCIA DI BOLOGNA 1^ Semestre 215 I dati utilizzati nella presente pubblicazione sono stati elaborati dall Ufficio Statistica della Camera di Commercio di Bologna sugli estratti delle

Dettagli

Settore Formazione, Lavoro, Sviluppo Economico e Turistico Servizio Crisi Aziendali

Settore Formazione, Lavoro, Sviluppo Economico e Turistico Servizio Crisi Aziendali Settore Formazione, Lavoro, Sviluppo Economico e Turistico Servizio Crisi Aziendali Sintesi Statistica 1 Semestre 2013 In questa sintesi vengono riportati i dati afferenti le procedure di Cassa Integrazione

Dettagli

Guadagni in deroga e la Mobilità in provincia di Varese. Anno 2010

Guadagni in deroga e la Mobilità in provincia di Varese. Anno 2010 La Cassa Integrazione Guadagni in deroga e la Mobilità in provincia di Varese Anno 2010 febbraio 2011 Indice Lavoratori inseriti in lista di MOBILITÀ Per legge di riferimento pag. 1 Per Centro per l Impiego

Dettagli

Avviamenti e cessazioni in provincia di Varese. I trimestre

Avviamenti e cessazioni in provincia di Varese. I trimestre Avviamenti e cessazioni in provincia di Varese Anno 2011 I trimestre aprile 2011 Indice AVVIAMENTI Per tipologia di contratto pag. 1 Per tipologia di contratto e modalità di lavoro pag. 2 Per Centri Impiego

Dettagli

Avviamenti e cessazioni in provincia di Varese. III trimestre

Avviamenti e cessazioni in provincia di Varese. III trimestre Avviamenti e cessazioni in provincia di Varese Anno 2011 III trimestre novembre 2011 Indice AVVIAMENTI Per tipologia di contratto pag. 1 Per tipologia di contratto e modalità di lavoro pag. 2 Per Centri

Dettagli

Rapporto. Richiesta Cassa Integrazione Guadagni in deroga e mobilità in deroga e APPROFONDIMENTO del consuntivato decretato della Cigd.

Rapporto. Richiesta Cassa Integrazione Guadagni in deroga e mobilità in deroga e APPROFONDIMENTO del consuntivato decretato della Cigd. Rapporto. Richiesta Cassa Integrazione Guadagni in deroga e mobilità in deroga e APPROFONDIMENTO del consuntivato decretato della Cigd. 30 novembre 2012 1 Nota introduttiva Alla data del 30 novembre 2012

Dettagli

Rapporto. Richiesta Cassa Integrazione Guadagni in deroga e mobilità in deroga. 30 marzo

Rapporto. Richiesta Cassa Integrazione Guadagni in deroga e mobilità in deroga. 30 marzo Rapporto. Richiesta Cassa Integrazione Guadagni in deroga e mobilità in deroga. 30 marzo 2013 1 Nota introduttiva Alla data del 30 marzo 2013, nel sistema telematico CO Veneto sono state inserite 7605

Dettagli

Nota introduttiva. 1 Veneto Lavoro,. Unità di crisi aziendali, settoriali e territoriali.

Nota introduttiva. 1 Veneto Lavoro,. Unità di crisi aziendali, settoriali e territoriali. Rapporto 1. Richiesta Cassa Integrazione Guadagni in deroga e mobilità in deroga e APPROFONDIMENTO del consuntivato decretato della Cig in deroga 30 giugno 2012 Nota introduttiva Alla data del 30 giugno

Dettagli

Cassa Integrazione in Deroga

Cassa Integrazione in Deroga Cassa Integrazione in Deroga (Analisi dati al 3 Marzo 2017) - 1 - Dal 4 maggio 2009 al 3 Marzo 2017 sono pervenute c/o il Settore lavoro della Regione Toscana 81.640 richieste di autorizzazione alla CIG

Dettagli

Cassa Integrazione in Deroga

Cassa Integrazione in Deroga Cassa Integrazione in Deroga (Analisi dati al 3 Novembre 2016) Dal 4 maggio 2009 al 3 Novembre 2016 sono pervenute c/o il Settore lavoro della Regione Toscana 81.381 richieste di autorizzazione alla CIG

Dettagli

STATISTICHE IN BREVE. Archivio Statistico delle Imprese Attive (Asia) Anni La struttura delle imprese e dell occupazione

STATISTICHE IN BREVE. Archivio Statistico delle Imprese Attive (Asia) Anni La struttura delle imprese e dell occupazione STATISTICHE IN BREVE Archivio Statistico delle Imprese Attive (Asia) Anni 2007-2010 La struttura delle imprese e dell occupazione Nel 2010, secondo l ATECO 2007, le imprese attive nell industria e nei

Dettagli

4. CENTRO PER L IMPIEGO DI MINERBIO. Comuni di riferimento:

4. CENTRO PER L IMPIEGO DI MINERBIO. Comuni di riferimento: 4. CENTRO PER L IMPIEGO DI MINERBIO Comuni di riferimento: Minerbio, Argelato, Baricella, Bentivoglio, Budrio, Castel Maggiore, Galliera, Granarolo Emilia, Malalbergo, Molinella, San Giorgio di Piano,

Dettagli

La Cassa Integrazione Guadagni in deroga e la Mobilità in provincia di Varese. Anno 2013

La Cassa Integrazione Guadagni in deroga e la Mobilità in provincia di Varese. Anno 2013 La Cassa Integrazione Guadagni in deroga e la Mobilità in provincia di Varese Anno 2013 febbraio 2014 Indice Lavoratori inseriti in lista di MOBILITÀ Per legge di riferimento pag. 1 Per Centro per l Impiego

Dettagli

L IMPRESA FEMMINILE IN LIGURIA

L IMPRESA FEMMINILE IN LIGURIA L IMPRESA FEMMINILE IN LIGURIA L imprenditoria femminile in Liguria conta 36.170 imprese a fine 2014 e il suo peso sull intero tessuto imprenditoriale è pari al 22,1%, superiore di mezzo punto percentuale

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI. Calabria REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2013 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI. Calabria REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2013 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2013 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: marzo 2013 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2013 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2013 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2013 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: marzo 2013 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI. Toscana REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI. Toscana REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ANCONA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2016 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ANCONA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2016 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2016 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Marzo 2016 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

L Imprenditoria Femminile in provincia di Sondrio in pillole

L Imprenditoria Femminile in provincia di Sondrio in pillole FOCUS ECONOMIA 2016 N. 1 L Imprenditoria Femminile in provincia di Sondrio in pillole Ufficio Studi e Progetti Speciali - CCIAA Sondrio 1 Le imprese femminili 1 in provincia di Sondrio Le imprese femminili

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VIBO VALENTIA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VIBO VALENTIA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2012 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: gennaio 2013 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

SERVIZIO POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO, SERVIZI PER L'IMPIEGO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, OSSERVATORIO SOCIALE, POLITICHE SOCIALI E PER LA GIOVENTÙ,

SERVIZIO POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO, SERVIZI PER L'IMPIEGO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, OSSERVATORIO SOCIALE, POLITICHE SOCIALI E PER LA GIOVENTÙ, SERVIZIO POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO, SERVIZI PER L'IMPIEGO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, OSSERVATORIO SOCIALE, POLITICHE SOCIALI E PER LA GIOVENTÙ, POLITICHE PER LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Il mercato

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

LE IMPRESE NELLA REGIONE MARCHE

LE IMPRESE NELLA REGIONE MARCHE LE IMPRESE NELLA REGIONE MARCHE Dati disponibili a luglio 2016 Regione Marche P.F. Sistema Informativo Statistico La struttura delle imprese La dimensione delle imprese La densità imprenditoriale La dinamica

Dettagli

Il mercato del lavoro in Liguria nel I Semestre 2017 (*)

Il mercato del lavoro in Liguria nel I Semestre 2017 (*) Il mercato del lavoro in Liguria nel I Semestre 2017 (*) OSSERVATORIO MERCATO DEL LAVORO Settembre 2017 (*) I dati e le informazioni contenute nelle Note di sintesi costituiscono un contributo che l Osservatorio

Dettagli

Liguria. Il Valore aggiunto è espresso in milioni di euro; l Occupazione in migliaia di ULA; la Produttività in migliaia di euro.

Liguria. Il Valore aggiunto è espresso in milioni di euro; l Occupazione in migliaia di ULA; la Produttività in migliaia di euro. Liguria La Tabella 1 illustra le previsioni riguardanti il quadro economico e il mercato del lavoro della regione Liguria. Nel periodo di previsione il valore aggiunto regionale aumenta del 6,7%, passando

Dettagli

LE IMPRESE LIGURI NEL 2 TRIMESTRE 2015

LE IMPRESE LIGURI NEL 2 TRIMESTRE 2015 LE IMPRESE LIGURI NEL 2 TRIMESTRE 215 Resta positivo il bilancio anagrafico delle imprese, in frenata i fallimenti. Tra aprile e giugno in Liguria il saldo tra iscrizioni e cessazioni di imprese resta

Dettagli

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA I TRIMESTRE 2016

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA I TRIMESTRE 2016 NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA I TRIMESTRE 2016 Camera di Commercio di Modena Via Ganaceto, 134 41121 Modena Tel. 059 208806 http://www.mo.camcom.it Natalità

Dettagli

> 55 anni 9,9% < 18 anni 0% 30-44 41%

> 55 anni 9,9% < 18 anni 0% 30-44 41% Le qualifiche maggiormente richieste nel 2013 Fonte: Excelsior, SIL (per gli avviamenti i dati sono provvisori, future estrazioni potranno differire a causa del completamento delle operazioni di caricamento

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI. Calabria REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 3 TRIMESTRE 2013 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI. Calabria REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 3 TRIMESTRE 2013 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 3 TRIMESTRE 2013 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Settembre 2013 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

Comunità di Primiero Provincia Autonoma di Trento

Comunità di Primiero Provincia Autonoma di Trento Comunità di Primiero Provincia Autonoma di Trento Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Trento Associazione Artigiani di Primiero Fonte OML su dati CPI - Centro Per l Impiego I.N.P.S.

Dettagli

Progetto Programmazione e Gestione delle Politiche Migratorie. Immigrazione e Lavoro Sommerso Azioni di Prevenzione, Contrasto e Politiche Attive

Progetto Programmazione e Gestione delle Politiche Migratorie. Immigrazione e Lavoro Sommerso Azioni di Prevenzione, Contrasto e Politiche Attive Progetto Programmazione e Gestione delle Politiche Migratorie Immigrazione e Lavoro Sommerso Azioni di Prevenzione, Contrasto e Politiche Attive MLPS - Direzione Generale per l attività ispettiva: «La

Dettagli

Friuli-Venezia Giulia

Friuli-Venezia Giulia Friuli-Venezia Giulia La Tabella 1 illustra le previsioni riguardanti il quadro economico e il mercato del lavoro della regione Friuli-Venezia Giulia. Nel periodo 2015-2019 il valore aggiunto regionale

Dettagli

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2017: aggiornamento al 31/8/2017 DATI INAIL NAZIONALI

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2017: aggiornamento al 31/8/2017 DATI INAIL NAZIONALI OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2017: aggiornamento al 31/8/2017 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega

Dettagli

Report del Mercato del Lavoro in provincia di Brescia Anno2014

Report del Mercato del Lavoro in provincia di Brescia Anno2014 PROVINCIA DI BRESCIA AREA LAVORO E POLITICHE ECONOMICHE Settore Lavoro e Formazione Professionale Osservatorio del Mercato del Lavoro della Provincia di Brescia Report del Mercato del Lavoro in provincia

Dettagli

DATI INAIL NAZIONALI

DATI INAIL NAZIONALI OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2016: aggiornamento al 31/7/2016 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega

Dettagli

LE IMPRESE NELLA REGIONE MARCHE

LE IMPRESE NELLA REGIONE MARCHE LE IMPRESE NELLA REGIONE MARCHE Anno 2016 Regione Marche P.F. Performance e Sistema Statistico La struttura delle imprese La dimensione delle imprese La densità imprenditoriale La dinamica demografica

Dettagli

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 30/11/2015

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 30/11/2015 OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 30/11/2015 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di

Dettagli

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2014: aggiornamento al 30/04/2014 DATI INAIL NAZIONALI

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2014: aggiornamento al 30/04/2014 DATI INAIL NAZIONALI Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 204: aggiornamento al 30/04/204 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega Engineering su base dati Inail DATI INAIL NAZIONALI

Dettagli

DATI INAIL NAZIONALI

DATI INAIL NAZIONALI OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2016: aggiornamento al 31//2016 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega

Dettagli

DATI INAIL NAZIONALI

DATI INAIL NAZIONALI OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 201: aggiornamento al 30//201 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega

Dettagli

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2017: aggiornamento al 30/4/2017 DATI INAIL NAZIONALI

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2017: aggiornamento al 30/4/2017 DATI INAIL NAZIONALI OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 07: aggiornamento al 30//07 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega Engineering

Dettagli

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2017: aggiornamento al 30/6/2017 DATI INAIL NAZIONALI

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2017: aggiornamento al 30/6/2017 DATI INAIL NAZIONALI OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2017: aggiornamento al 30/6/2017 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega

Dettagli

DATI INAIL NAZIONALI

DATI INAIL NAZIONALI OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2017: aggiornamento al 31/7/2017 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega

Dettagli

IL SISTEMA IMPRENDITORIALE IN PROVINCIA DI BRINDISI I TRIMESTRE 2011

IL SISTEMA IMPRENDITORIALE IN PROVINCIA DI BRINDISI I TRIMESTRE 2011 IL SISTEMA IMPRENDITORIALE IN PROVINCIA DI BRINDISI I TRIMESTRE 2011 LA DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE I dati relativi al primo trimestre 2011, indicano, per quanto riguarda le sedi di impresa nella provincia

Dettagli

Imprenditoria giovanile

Imprenditoria giovanile Imprenditoria giovanile Nel 2014 si registrano, nella provincia di Brindisi, 860 iscrizioni di imprese giovanili 1 a fronte di 428 cessazioni (al netto delle cancellazioni d ufficio), con un saldo positivo

Dettagli

II trimestre 2014 INDICATORI DEL LAVORO NELLE IMPRESE

II trimestre 2014 INDICATORI DEL LAVORO NELLE IMPRESE 16 settembre 2014 II trimestre 2014 INDICATORI DEL LAVORO NELLE IMPRESE Nel secondo trimestre 2014 nel complesso dell'industria e dei servizi di mercato il monte ore lavorate diminuisce, in termini destagionalizzati,

Dettagli

4. Lavoro e previdenza

4. Lavoro e previdenza 4. Lavoro e previdenza L economia dell area pratese è strettamente legata all andamento del settore tessile/abbigliamento, come dimostra il fatto che le aziende di questo settore costituiscono il circa

Dettagli

OSSERVATORIO PROVINCIALE SUL MERCATO DEL LAVORO

OSSERVATORIO PROVINCIALE SUL MERCATO DEL LAVORO SERVIZIO POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO, SERVIZI PER LʹIMPIEGO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, OSSERVATORIO SOCIALE, POLITICHE SOCIALI E PER LA GIOVENTÙ, POLITICHE PER LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Report

Dettagli

DATI INAIL NAZIONALI

DATI INAIL NAZIONALI OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 7: aggiornamento al 8//7 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega Engineering

Dettagli

LE IMPRESE LIGURI NEL 3 TRIMESTRE 2014

LE IMPRESE LIGURI NEL 3 TRIMESTRE 2014 LE IMPRESE LIGURI NEL 3 TRIMESTRE 2014 Imprese, 384 in più tra luglio e settembre (+0,2% ): 22 nuove iscrizioni al giorno contro 18 chiusure. Continua la corsa dei fallimenti: in Liguria +66,7%, seconda

Dettagli

4. Lavoro e previdenza

4. Lavoro e previdenza 4. Lavoro e previdenza L economia dell area pratese è strettamente legata all andamento del settore tessile/abbigliamento, come dimostra il fatto che le aziende di questo settore costituiscono il circa

Dettagli

Imprenditoria femminile

Imprenditoria femminile Imprenditoria femminile Alla data del 31 dicembre 2012 le imprese femminili 1 annotate al registro imprese della Camera di Commercio di Brindisi sono 8.868 (di cui 7.802 attive) in lieve contrazione rispetto

Dettagli

DATI INAIL NAZIONALI Anno 2016: aggiornamento al 31/7/2016

DATI INAIL NAZIONALI Anno 2016: aggiornamento al 31/7/2016 CE.S.I.L. RE Centro Studi Infortuni sul lavoro Reggio Emilia, 2//2016 Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro a cura del Centro Studi Infortuni sul Lavoro di Conflavoro Pmi Reggio Emilia

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2013 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: marzo 2013 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Toscana. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Toscana. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Toscana Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 ottobre 2016 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce di

Dettagli

Tipologia dei Corsi di formazione: Corrispondenza ATECO classi di rischio

Tipologia dei Corsi di formazione: Corrispondenza ATECO classi di rischio Tipologia dei Corsi di formazione: Corrispondenza ATECO classi di rischio La formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro è regolamentata dall Accordo Stato Regioni del 22/12/2011, questo stabilisce

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: Dicembre 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

MATERIALI DI LAVORO PER LA

MATERIALI DI LAVORO PER LA MATERIALI DI LAVORO PER LA COSTRUZIONE DEL PROFILO DI COMUNITÀ PIANI DI ZONA -2015 A CURA DELL OSSERVATORIO PROVINCIALE POLITICHE SOCIALI DELLA PROVINCIA DI TRIESTE Contesto economico produttivo Ambito

Dettagli

In occasione. di lavoro Senza mezzo. di trasporto 32 In itinere. mezzo di trasporto 62. In itinere Senza. di trasporto 144. Con mezzo di.

In occasione. di lavoro Senza mezzo. di trasporto 32 In itinere. mezzo di trasporto 62. In itinere Senza. di trasporto 144. Con mezzo di. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/08/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI SAVONA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI SAVONA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 3 TRIMESTRE 2017 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: Settembre 2017 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 3 TRIMESTRE 2017 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: Settembre 2017 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 3 TRIMESTRE 2016 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: Settembre 2016 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

Primi risultati del IX Censimento dell industria e servizi anno 2011

Primi risultati del IX Censimento dell industria e servizi anno 2011 COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Primi risultati del IX Censimento dell industria e servizi anno 2011 Edizione 1/ST/st/07.10.2013

Dettagli

Note di sintesi sull andamento delle imprese in Liguria (*) (2 trimestre 2011)

Note di sintesi sull andamento delle imprese in Liguria (*) (2 trimestre 2011) Note di sintesi sull andamento delle imprese in Liguria (*) (2 trimestre 2011) OSSERVATORIO MERCATO DEL LAVORO Luglio 2011 (*) I dati e le informazioni contenute nelle Note di sintesi costituiscono un

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Provincia autonoma di Trento. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Provincia autonoma di Trento. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Provincia autonoma di Trento Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 dicembre 2016 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle

Dettagli

I dati dei Centri per l Impiego

I dati dei Centri per l Impiego Massa Carrara, Lucca e La Disoccupazione nel Territorio Provinciale I dati dei Centri per l Impiego Anno 2015 Pagina 1 di 9 Massa Carrara, Lucca e 1 -Le persone iscritte ai CPI - dati di stock Al 31 Dicembre

Dettagli

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2016: aggiornamento al 31/1/2016

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2016: aggiornamento al 31/1/2016 OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 6: aggiornamento al 3//6 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega Engineering

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Basilicata. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Basilicata. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Basilicata Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 gennaio 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce

Dettagli

NATALITA : 5,6% FORMA GIURIDICA SALDO 2016 BILANCIO DEI SETTORI: Tasso di crescita MORTALITA :5,5% IMPRESE REGISTRATE AL 31/12/2016

NATALITA : 5,6% FORMA GIURIDICA SALDO 2016 BILANCIO DEI SETTORI: Tasso di crescita MORTALITA :5,5% IMPRESE REGISTRATE AL 31/12/2016 IMPRESE REGISTRATE AL 31/12/216 119.242 DI CUI ARTIGIANE 34.862 SALDO 216 11 NATALITA : 5,6% MORTALITA :5,5% FORMA GIURIDICA crescita 2,4 % SOCIETA DI CAPITALI -,8% IMPRESE INDIVIDUALI BILANCIO DEI SETTORI:

Dettagli

Note di sintesi sull andamento delle imprese in Liguria (*) (III trimestre 2016)

Note di sintesi sull andamento delle imprese in Liguria (*) (III trimestre 2016) Note di sintesi sull andamento delle imprese in Liguria (*) (III trimestre 2016) OSSERVATORIO MERCATO DEL LAVORO Ottobre 2016 (*) I dati e le informazioni contenute nelle Note di sintesi costituiscono

Dettagli

Quasi 10mila imprese femminili in più nel 2016

Quasi 10mila imprese femminili in più nel 2016 Quasi 10mila in più nel 2016 Commercio, agricoltura, turismo, servizi, manifattura: ecco lo zoccolo duro del fare impresa delle donne Roma, 7 marzo 2017 Quasi 10mila in più nel 2016, con una variazione

Dettagli

LE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI PARMA NEL I TRIMESTRE 2016

LE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI PARMA NEL I TRIMESTRE 2016 LE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI PARMA NEL I TRIMESTRE Al 31.3. le imprese registrate presso la Camera di Commercio di Parma sono 46.041, di cui 41.149 attive. Rispetto al 31.12. la consistenza delle imprese

Dettagli

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2016: aggiornamento al 30/4/2016

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2016: aggiornamento al 30/4/2016 OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2: aggiornamento al //2 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega Engineering

Dettagli

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2017: aggiornamento al 31/1/2017 DATI INAIL NAZIONALI

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2017: aggiornamento al 31/1/2017 DATI INAIL NAZIONALI OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 7: aggiornamento al 3//7 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega Engineering

Dettagli

Lazio i. Tabella 1. Quadro economico e del mercato del lavoro. Variazione 1 percentuale

Lazio i. Tabella 1. Quadro economico e del mercato del lavoro. Variazione 1 percentuale Lazio i La Tabella 1 illustra le previsioni riguardanti il quadro economico e il mercato del lavoro della regione Lazio. Nel periodo di previsione il valore aggiunto regionale aumenterà del 4,2%, passando

Dettagli

Crisi e Mercato del Lavoro a Bergamo nel Congresso CGIL Bergamo, 1-2 Marzo 2010

Crisi e Mercato del Lavoro a Bergamo nel Congresso CGIL Bergamo, 1-2 Marzo 2010 Crisi e Mercato del Lavoro a Bergamo nel 2009 La produzione industria, commercio, servizi Foto: Paola Mattioli 0-2 -4-6 Varese Como Lecco Sondrio -3,9 Milano Lodi Bergamo Brescia Pavia -4,7 Cremona Mantova

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Liguria. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Liguria. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Liguria Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 dicembre 2016 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Liguria. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Liguria. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Liguria Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 gennaio 2017 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce di

Dettagli

27 Febbraio 2015 n 4

27 Febbraio 2015 n 4 27 Febbraio 2015 n 4 STATISTICA - COMUNE DI FERRARA Occupazione e disoccupazione a Ferrara nel 2014 Premessa I dati sul mercato del lavoro nel comune di Ferrara vengono ricavati da specifiche indagini

Dettagli