Rassegna Stampa. Comunicato stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rassegna Stampa. Comunicato stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata"

Transcript

1 Rassegna Stampa Comunicato stampa TUMORE DEL SENO: FUNZIONA LA TERAPIA "ACCELERATA" "IL 94% DEI PAZIENTI GUARISCE CON I TEMPI DI CURA PIU' BREVI" Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata Via Malta, 12/B Brescia Tel Fax San Antonio, 13 Dicembre 2013

2 Lettori:

3 Lettori: Tumori: funziona terapia 'accelerata' seno, 94% pazienti guarisce Roma, 13 dic. (Adnkronos Salute) - La chemioterapia nelle donne colpite da tumore del seno è più efficace se somministrata in tempi brevi. Precisamente ogni due settimane invece delle tre standard, per un totale di 4 cicli. Lo dimostra uno studio italiano di fase III (Gim 2) che ha coinvolto 2091 donne, sottoposte a chemioterapia dopo l'intervento chirurgico, per diminuire il rischio di recidive e di metastasi. Il lavoro è presentato oggi in sessione plenaria al 'San Antonio Breast Cancer Symposium', il più importante congresso mondiale sul tumore del seno, da Francesco Cognetti, direttore dell'oncologia Medica dell'istituto Regina Elena di Roma, uno dei 91 centri coinvolti nella sperimentazione."la sopravvivenza a 5 anni nel regime a 14 giorni è stata pari al 94% rispetto all'89% raggiunto dal gruppo che ha ricevuto la cura ogni 21 giorni - spiega Cognetti - si tratta di una differenza significativa del 5%. È la prima volta che, confrontando questi due schemi di somministrazione in adiuvante, cioè in pazienti già operate, vengono ottenuti risultati così positivi. Il vantaggio emerso nel modello 'accelerato', il cosiddetto regime 'dose dense' è evidente, perché un maggior numero di donne guarisce, con una minore esposizione al rischio di tossicità".l'altro obiettivo dello studio promosso dal Gruppo Italiano Mammella, che ha previsto un follow up di 7 anni, è stato quello di confrontare non solo i tempi di somministrazione, ma anche due tipi di combinazione di farmaci: il trattamento basato su tre chemioterapici (Fec) con lo schema standard a due (Ec). "Abbiamo paragonato il regime Fec (Fluorouracile, Epirubicina, Ciclofosfamide) - conclude Cognetti - con la terapia comunemente usata, cioè la sequenza Ec (Epirubicina, Ciclofosfamide). L'aggiunta di un terzo farmaco, fluorouracile, non migliora la sopravvivenza libera da malattia né quella globale. I due schemi pertanto non differiscono in termini di efficacia, però con la 'doppietta' le pazienti evidenziano meno effetti collaterali". Per il 2013 si stimano circa nuovi casi di cancro del seno nel nostro Paese. La neoplasia della mammella è la più frequentemente diagnosticata nelle under 50 (41%), nella fascia d'età intermedia (50-69 anni, 36%) e in quella più anziana ( 70 anni, 21%).

4 Tumori: funziona terapia 'accelerata' contro cancro seno (AGI) - Roma, 13 dic. - La chemioterapia nelle donne colpite da tumore del seno e' piu' efficace se somministrata in tempi brevi. Precisamente ogni due settimane invece delle tre "standard", per un totale di 4 cicli. Lo dimostra uno studio italiano di fase III (GIM 2) che ha coinvolto 2091 donne, sottoposte a chemioterapia dopo l'intervento chirurgico, per diminuire il rischio di recidive e di metastasi. Il lavoro e' presentato oggi in sessione plenaria al "San Antonio Breast Cancer Symposium", il piu' importante congresso mondiale sul tumore del seno, dal prof. Francesco Cognetti, direttore dell'oncologia Medica dell'istituto Regina Elena di Roma, uno dei 91 centri coinvolti nella sperimentazione. (AGI) Pgi (Segue)

5 Tumori: funziona terapia 'accelerata' contro cancro seno (2) (AGI) - Roma, 13 dic. - "La sopravvivenza a 5 anni nel regime a 14 giorni e' stata pari al 94% rispetto all'89% raggiunto dal gruppo che ha ricevuto la cura ogni 21 giorni - spiega il prof. Cognetti -. Si tratta di una differenza significativa del 5%. E' la prima volta che, confrontando questi due schemi di somministrazione in adiuvante, cioe' in pazienti gia' operate, vengono ottenuti risultati cosi' positivi. Il vantaggio emerso nel modello 'accelerato', il cosiddetto regime 'dose dense' e' evidente, perche' un maggior numero di donne guarisce, con una minore esposizione al rischio di tossicita'". L'altro obiettivo dello studio promosso dal Gruppo Italiano Mammella, che ha previsto un follow up di 7 anni, e' stato quello di confrontare non solo i tempi di somministrazione, ma anche due tipi di combinazione di farmaci: il trattamento basato su tre chemioterapici (FEC) con lo schema standard a due (EC). "Abbiamo paragonato il regime FEC (Fluorouracile, Epirubicina, Ciclofosfamide) - conclude il prof. Cognetti - con la terapia comunemente usata, cioe' la sequenza EC (Epirubicina, Ciclofosfamide). L'aggiunta di un terzo farmaco, fluorouracile, non migliora la sopravvivenza libera da malattia ne' quella globale. I due schemi pertanto non differiscono in termini di efficacia, pero' con la 'doppietta' le pazienti evidenziano meno effetti collaterali". Per il 2013 si stimano circa nuovi casi di cancro del seno nel nostro Paese. La neoplasia della mammella e' la piu' frequentemente diagnosticata nelle under 50 (41%), nella fascia d'eta' intermedia (50-69 anni, 36%) e in quella piu' anziana (?70 anni, 21%). (AGI) Pgi

6 13/12/2013 LETTORI TUMORI: FUNZIONA TERAPIA 'ACCELERATA' CONTRO CANCRO SENO (AGI) - Roma, 13 dic. - La chemioterapia nelle donne colpite da tumore del seno e' piu' efficace se somministrata in tempi brevi. Precisamente ogni due settimane invece delle tre "standard", per un totale di 4 cicli. Lo dimostra uno studio italiano di fase III (GIM 2) che ha coinvolto 2091 donne, sottoposte a chemioterapia dopo l'intervento chirurgico, per diminuire il rischio di recidive e di metastasi. Il lavoro e' presentato oggi in sessione plenaria al "San Antonio Breast Cancer Symposium", il piu' importante congresso mondiale sul tumore del seno, dal prof. Francesco Cognetti, direttore dell'oncologia Medica dell'istituto Regina Elena di Roma, uno dei 91 centri coinvolti nella sperimentazione. "La sopravvivenza a 5 anni nel regime a 14 giorni e' stata pari al 94% rispetto all'89% raggiunto dal gruppo che ha ricevuto la cura ogni 21 giorni - spiega il prof. Cognetti -. Si tratta di una differenza significativa del 5%. E' la prima volta che, confrontando questi due schemi di somministrazione in adiuvante, cioe' in pazienti gia' operate, vengono ottenuti risultati cosi' positivi. Il vantaggio emerso nel modello 'accelerato', il cosiddetto regime 'dose dense' e' evidente, perche' un maggior numero di donne guarisce, con una minore esposizione al rischio di tossicita'". L'altro obiettivo dello studio promosso dal Gruppo Italiano Mammella, che ha previsto un follow up di 7 anni, e' stato quello di confrontare non solo i tempi di somministrazione, ma anche due tipi di combinazione di farmaci: il trattamento basato su tre chemioterapici (FEC) con lo schema standard a due (EC). "Abbiamo paragonato il regime FEC (Fluorouracile, Epirubicina, Ciclofosfamide) - conclude il prof. Cognetti - con la terapia comunemente usata, cioe' la sequenza EC (Epirubicina, Ciclofosfamide). L'aggiunta di un terzo farmaco, fluorouracile, non migliora la sopravvivenza libera da malattia ne' quella globale. I due schemi pertanto non differiscono in termini di efficacia, pero' con la 'doppietta' le pazienti evidenziano meno effetti collaterali". Per il 2013 si stimano circa nuovi casi di cancro del seno nel nostro Paese. La neoplasia della mammella e' la piu' frequentemente diagnosticata nelle under 50 (41%), nella fascia d'eta' intermedia (50-69 anni, 36%) e in quella piu' anziana (?70 anni, 21%). (AGI)

7 LETTORI Tumori: funziona terapia 'accelerata' contro cancro seno (2) (AGI) Roma, 13 dic. "La sopravvivenza a 5 anni nel regime a 14 giorni e' stata pari al 94% rispetto all'89% raggiunto dal gruppo che ha ricevuto la cura ogni 21 giorni spiega il prof. Cognetti. Si tratta di una differenza significativa del 5%. E' la prima volta che, confrontando questi due schemi di somministrazione in adiuvante, cioe' in pazienti gia' operate, vengono ottenuti risultati cosi' positivi. Il vantaggio emerso nel modello 'accelerato', il cosiddetto regime 'dose dense' e' evidente, perche' un maggior numero di donne guarisce, con una minore esposizione al rischio di tossicita'". L'altro obiettivo dello studio promosso dal Gruppo Italiano Mammella, che ha previsto un follow up di 7 anni, e' stato quello di confrontare non solo i tempi di somministrazione, ma anche due tipi di combinazione di farmaci: il trattamento basato su tre chemioterapici (FEC) con lo schema standard a due (EC). "Abbiamo paragonato il regime FEC (Fluorouracile, Epirubicina, Ciclofosfamide) conclude il prof. Cognetti con la terapia comunemente usata, cioe' la sequenza EC (Epirubicina, Ciclofosfamide). L'aggiunta di un terzo farmaco, fluorouracile, non migliora la sopravvivenza libera da malattia ne' quella globale. I due schemi pertanto non differiscono in termini di efficacia, pero' con la 'doppietta' le pazienti evidenziano meno effetti collaterali". Per il 2013 si stimano circa nuovi casi di cancro del seno nel nostro Paese. La neoplasia della mammella e' la piu' frequentemente diagnosticata nelle under 50 (41%), nella fascia d'eta' intermedia (50 69 anni, 36%) e in quella piu' anziana (?70 anni, 21%). (AGI) Pgi att rsa1018 tumori_funziona_terapia_accelerata_contro_cancro_seno_2

8 SANITA': COGNETTI SU CARCINOMA MAMMARIO, FUNZIONA TERAPIA ACCELERATA (AGENPARL) - San Antonio, 13 dicembre 2013 La chemioterapia nelle donne colpite da tumore del seno è più efficace se somministrata in tempi brevi. Precisamente ogni due settimane invece delle tre standard, per un totale di 4 cicli. Lo dimostra uno studio italiano di fase III (GIM 2) che ha coinvolto 2091 donne, sottoposte a chemioterapia dopo l intervento chirurgico, per diminuire il rischio di recidive e di metastasi. Il lavoro è presentato oggi in sessione plenaria al San Antonio Breast Cancer Symposium, il più importante congresso mondiale sul tumore del seno, dal prof. Francesco Cognetti, direttore dell Oncologia Medica dell Istituto Regina Elena di Roma, uno dei 91 centri coinvolti nella sperimentazione. La sopravvivenza a 5 anni nel regime a 14 giorni è stata pari al 94% rispetto all 89% raggiunto dal gruppo che ha ricevuto la cura ogni 21 giorni spiega il prof. Cognetti -. Si tratta di una differenza significativa del 5%. È la prima volta che, confrontando questi due schemi di somministrazione in adiuvante, cioè in pazienti già operate, vengono ottenuti risultati così positivi. Il vantaggio emerso nel modello accelerato, il cosiddetto regime dose dense è evidente, perché un maggior numero di donne guarisce, con una minore esposizione al rischio di tossicità. L altro obiettivo dello studio promosso dal Gruppo Italiano Mammella, che ha previsto un follow up di 7 anni, è stato quello di confrontare non solo i tempi di somministrazione, ma anche due tipi di combinazione di farmaci: il trattamento basato su tre chemioterapici (FEC) con lo schema standard a due (EC). Abbiamo paragonato il regime FEC (Fluorouracile, Epirubicina, Ciclofosfamide) conclude il prof. Cognetti - con la terapia comunemente usata, cioè la sequenza EC (Epirubicina, Ciclofosfamide). L aggiunta di un terzo farmaco, fluorouracile, non migliora la sopravvivenza libera da malattia né quella globale. I due schemi pertanto non differiscono in termini di efficacia, però con la doppietta le pazienti evidenziano meno effetti collaterali. Per il 2013 si stimano circa nuovi casi di cancro del seno nel nostro Paese. La neoplasia della mammella è la più frequentemente diagnosticata nelle under 50 (41%), nella fascia d età intermedia (50-69 anni, 36%) e in quella più anziana ( 70 anni, 21%). sanita cognetti su carcinoma mammariofunziona terapia accelerata

9 Tumori: funziona terapia 'accelerata' contro cancro seno (AGI) Roma, 13 dic. La chemioterapia nelle donne colpite da tumore del seno e' piu' efficace se somministrata in tempi brevi. Precisamente ogni due settimane invece delle tre "standard", per un totale di 4 cicli. Lo dimostra uno studio italiano di fase III (GIM 2) che ha coinvolto 2091 donne, sottoposte a chemioterapia dopo l'intervento chirurgico, per diminuire il rischio di recidive e di metastasi. Il lavoro e' presentato oggi in sessione plenaria al "San Antonio Breast Cancer Symposium", il piu' importante congresso mondiale sul tumore del seno, dal prof. Francesco Cognetti, direttore dell'oncologia Medica dell'istituto Regina Elena di Roma, uno dei 91 centri coinvolti nella sperimentazione. "La sopravvivenza a 5 anni nel regime a 14 giorni e' stata pari al 94% rispetto all'89% raggiunto dal gruppo che ha ricevuto la cura ogni 21 giorni spiega il prof. Cognetti. Si tratta di una differenza significativa del 5%. E' la prima volta che, confrontando questi due schemi di somministrazione in adiuvante, cioe' in pazienti gia' operate, vengono ottenuti risultati cosi' positivi. Il vantaggio emerso nel modello 'accelerato', il cosiddetto regime 'dose dense' e' evidente, perche' un maggior numero di donne guarisce, con una minore esposizione al rischio di tossicita'". L'altro obiettivo dello studio promosso dal Gruppo Italiano Mammella, che ha previsto un follow up di 7 anni, e' stato quello di confrontare non solo i tempi di somministrazione, ma anche due tipi di combinazione di farmaci: il trattamento basato su tre chemioterapici (FEC) con lo schema standard a due (EC). "Abbiamo paragonato il regime FEC (Fluorouracile, Epirubicina, Ciclofosfamide) conclude il prof. Cognetti con la terapia comunemente usata, cioe' la sequenza EC (Epirubicina, Ciclofosfamide). L'aggiunta di un terzo farmaco, fluorouracile, non migliora la sopravvivenza libera da malattia ne' quella globale. I due schemi pertanto non differiscono in termini di efficacia, pero' con la 'doppietta' le pazienti evidenziano meno effetti collaterali". Per il 2013 si stimano circa nuovi casi di cancro del seno nel nostro Paese. La neoplasia della mammella e' la piu' frequentemente diagnosticata nelle under 50 (41%), nella fascia d'eta' intermedia (50 69 anni, 36%) e in quella piu' anziana (?70 anni, 21%). (AGI). Sanita News/VisualizzaNews.aspx?type=Agi&key=10768

10 LETTORI TUMORE DEL SENO: FUNZIONA LA TERAPIA ACCELERATA IL 94% DELLE PAZIENTI GUARISCE CON TEMPI DI CURA PIÙ BREVI San Antonio, 13 dicembre Il prof. Francesco Cognetti del Regina Elena di Roma: La sopravvivenza aumenta del 5% quando la chemioterapia, dopo l intervento chirurgico, è somministrata ogni due settimane rispetto allo schema standard a intervalli di 21 giorni. Diminuisce anche il rischio di tossicità La chemioterapia nelle donne colpite da tumore del seno è più efficace se somministrata in tempi brevi. Precisamente ogni due settimane invece delle tre standard, per un totale di 4 cicli. Lo dimostra uno studio italiano di fase III (GIM 2) che ha coinvolto 2091 donne, sottoposte a chemioterapia dopo l intervento chirurgico, per diminuire il rischio di recidive e di metastasi. Il lavoro è presentato oggi in sessione plenaria al San Antonio Breast Cancer Symposium, il più importante congresso mondiale sul tumore del seno, dal prof. Francesco Cognetti, direttore dell Oncologia Medica dell Istituto Regina Elena di Roma, uno dei 91 centri coinvolti nella sperimentazione. La sopravvivenza a 5 anni nel regime a 14 giorni è stata pari al 94% rispetto all 89% raggiunto dal gruppo che ha ricevuto la cura ogni 21 giorni spiega il prof. Cognetti -. Si tratta di una differenza significativa del 5%. È la prima volta che, confrontando questi due schemi di somministrazione in adiuvante, cioè in pazienti già operate, vengono ottenuti risultati così positivi. Il vantaggio emerso nel modello accelerato, il cosiddetto regime dose dense è evidente, perché un maggior numero di donne guarisce, con una minore esposizione al rischio di tossicità. L altro obiettivo dello studio promosso dal Gruppo Italiano Mammella, che ha previsto un follow up di 7 anni, è stato quello di confrontare non solo i tempi di somministrazione, ma anche due tipi di combinazione di farmaci: il trattamento basato su tre chemioterapici (FEC) con lo schema standard a due (EC). Abbiamo paragonato il regime FEC (Fluorouracile, Epirubicina, Ciclofosfamide) conclude il prof. Cognetti - con la terapia comunemente usata, cioè la sequenza EC (Epirubicina, Ciclofosfamide). L aggiunta di un terzo farmaco, fluorouracile, non migliora la sopravvivenza libera da malattia né quella globale. I due schemi pertanto non differiscono in termini di efficacia, però con la doppietta le pazienti evidenziano meno effetti collaterali. Per il 2013 si stimano circa nuovi casi di cancro del seno nel nostro Paese. La neoplasia della mammella è la più frequentemente diagnosticata nelle under 50 (41%), nella fascia d età intermedia (50-69 anni, 36%) e in quella più anziana ( 70 anni, 21%).

11

12 TUMORE DEL SENO: FUNZIONA LA TERAPIA ACCELERATA IL 94% DELLE PAZIENTI GUARISCE CON TEMPI DI CURA PIÙ BREVI Il prof. Francesco Cognetti del Regina Elena di Roma: La sopravvivenza aumenta del 5% quando la chemioterapia, dopo l intervento chirurgico, è somministrata ogni due settimane rispetto allo schema standard a intervalli di 21 giorni. Diminuisce anche il rischio di tossicità San Antonio, 13/12/2013 (informazione.it - comunicati stampa) San Antonio, 13 dicembre 2013 La chemioterapia nelle donne colpite da tumore del seno è più efficace se somministrata in tempi brevi. Precisamente ogni due settimane invece delle tre standard, per un totale di 4 cicli. Lo dimostra uno studio italiano di fase III (GIM 2) che ha coinvolto 2091 donne, sottoposte a chemioterapia dopo l intervento chirurgico, per diminuire il rischio di recidive e di metastasi. Il lavoro è presentato oggi in sessione plenaria al San Antonio Breast Cancer Symposium, il più importante congresso mondiale sul tumore del seno, dal prof. Francesco Cognetti, direttore dell Oncologia Medica dell Istituto Regina Elena di Roma, uno dei 91 centri coinvolti nella sperimentazione. La sopravvivenza a 5 anni nel regime a 14 giorni è stata pari al 94% rispetto all 89% raggiunto dal gruppo che ha ricevuto la cura ogni 21 giorni spiega il prof. Cognetti -. Si tratta di una differenza significativa del 5%. È la prima volta che, confrontando questi due schemi di somministrazione in adiuvante, cioè in pazienti già operate, vengono ottenuti risultati così positivi. Il vantaggio emerso nel modello accelerato, il cosiddetto regime dose dense è evidente, perché un maggior numero di donne guarisce, con una minore esposizione al rischio di tossicità. L altro obiettivo dello studio promosso dal Gruppo Italiano Mammella, che ha previsto un follow up di 7 anni, è stato quello di confrontare non solo i tempi di somministrazione, ma anche due tipi di combinazione di farmaci: il trattamento basato su tre chemioterapici (FEC) con lo schema standard a due (EC). Abbiamo paragonato il regime FEC (Fluorouracile, Epirubicina, Ciclofosfamide) conclude il prof. Cognetti - con la terapia comunemente usata, cioè la sequenza EC (Epirubicina, Ciclofosfamide). L aggiunta di un terzo farmaco, fluorouracile, non migliora la sopravvivenza libera da malattia né quella globale. I due schemi pertanto non differiscono in termini di efficacia, però con la doppietta le pazienti evidenziano meno effetti collaterali. Per il 2013 si stimano circa nuovi casi di cancro del seno nel nostro Paese. La neoplasia della mammella è la più frequentemente diagnosticata nelle under 50 (41%), nella fascia d età intermedia (50-69 anni, 36%) e in quella più anziana ( 70 anni, 21%). stampa/nuovo

13

14 Tumore del seno: funziona la terapia accelerata. Il 94% delle pazienti guarisce con tempi di cura più brevi San Antonio, 13 dicembre 2013 La chemioterapia nelle donne colpite da tumore del seno è più efficace se somministrata in tempi brevi. Precisamente ogni due settimane invece delle tre standard, per un totale di 4 cicli. Lo dimostra uno studio italiano di fase III (GIM 2) che ha coinvolto 2091 donne, sottoposte a chemioterapia dopo l intervento chirurgico, per diminuire il rischio di recidive e di metastasi. Il lavoro è presentato oggi in sessione plenaria al San Antonio Breast Cancer Symposium, il più importante congresso mondiale sul tumore del seno, dal prof. Francesco Cognetti, direttore dell Oncologia Medica dell Istituto Regina Elena di Roma, uno dei 91 centri coinvolti nella sperimentazione. La sopravvivenza a 5 anni nel regime a 14 giorni è stata pari al 94% rispetto all 89% raggiunto dal gruppo che ha ricevuto la cura ogni 21 giorni spiega il prof. Cognetti -. Si tratta di una differenza significativa del 5%. È la prima volta che, confrontando questi due schemi di somministrazione in adiuvante, cioè in pazienti già operate, vengono ottenuti risultati così positivi. Il vantaggio emerso nel modello accelerato, il cosiddetto regime dose dense è evidente, perché un maggior numero di donne guarisce, con una minore esposizione al rischio di tossicità. L altro obiettivo dello studio promosso dal Gruppo Italiano Mammella, che ha previsto un follow up di 7 anni, è stato quello di confrontare non solo i tempi di somministrazione, ma anche due tipi di combinazione di farmaci: il trattamento basato su tre chemioterapici (FEC) con lo schema standard a due (EC). Abbiamo paragonato il regime FEC (Fluorouracile, Epirubicina, Ciclofosfamide) conclude il prof. Cognetti - con la terapia comunemente usata, cioè la sequenza EC (Epirubicina, Ciclofosfamide). L aggiunta di un terzo farmaco, fluorouracile, non migliora la sopravvivenza libera da malattia né quella globale. I due schemi pertanto non differiscono in termini di efficacia, però con la doppietta le pazienti evidenziano meno effetti collaterali. Per il 2013 si stimano circa nuovi casi di cancro del seno nel nostro Paese. La neoplasia della mammella è la più frequentemente diagnosticata nelle under 50 (41%), nella fascia d età intermedia (50-69 anni, 36%) e in quella più anziana ( 70 anni, 21%).

15

16 TUMORE DEL SENO: FUNZIONA LA TERAPIA 'ACCELERATA'. "IL 94% DELLE PAZIENTI GUARISCE CON TEMPI DI CURA PIÙ BREVI" San Antonio, 13 dicembre 2013 La chemioterapia nelle donne colpite da tumore del seno è più efficace se somministrata in tempi brevi. Precisamente ogni due settimane invece delle tre standard, per un totale di 4 cicli. Lo dimostra uno studio italiano di fase III (GIM 2) che ha coinvolto 2091 donne, sottoposte a chemioterapia dopo l intervento chirurgico, per diminuire il rischio di recidive e di metastasi. Il lavoro è presentato oggi in sessione plenaria al San Antonio Breast Cancer Symposium, il più importante congresso mondiale sul tumore del seno, dal prof. Francesco Cognetti, direttore dell Oncologia Medica dell Istituto Regina Elena di Roma, uno dei 91 centri coinvolti nella sperimentazione. La sopravvivenza a 5 anni nel regime a 14 giorni è stata pari al 94% rispetto all 89% raggiunto dal gruppo che ha ricevuto la cura ogni 21 giorni spiega il prof. Cognetti -. Si tratta di una differenza significativa del 5%. È la prima volta che, confrontando questi due schemi di somministrazione in adiuvante, cioè in pazienti già operate, vengono ottenuti risultati così positivi. Il vantaggio emerso nel modello accelerato, il cosiddetto regime dose dense è evidente, perché un maggior numero di donne guarisce, con una minore esposizione al rischio di tossicità. L altro obiettivo dello studio promosso dal Gruppo Italiano Mammella, che ha previsto un follow up di 7 anni, è stato quello di confrontare non solo i tempi di somministrazione, ma anche due tipi di combinazione di farmaci: il trattamento basato su tre chemioterapici (FEC) con lo schema standard a due (EC). Abbiamo paragonato il regime FEC (Fluorouracile, Epirubicina, Ciclofosfamide) conclude il prof. Cognetti - con la terapia comunemente usata, cioè la sequenza EC (Epirubicina, Ciclofosfamide). L aggiunta di un terzo farmaco, fluorouracile, non migliora la sopravvivenza libera da malattia né quella globale. I due schemi pertanto non differiscono in termini di efficacia, però con la doppietta le pazienti evidenziano meno effetti collaterali. Per il 2013 si stimano circa nuovi casi di cancro del seno nel nostro Paese. La neoplasia della mammella è la più frequentemente diagnosticata nelle under 50 (41%), nella fascia d età intermedia (50-69 anni, 36%) e in quella più anziana ( 70 anni, 21%). di fbzfiorelli85/tumore del seno funziona la terapiaaccelerata il 94 delle pazienti guarisce con tempi di

17 TUMORE DEL SENO: FUNZIONA LA TERAPIA ACCELERATA San Antonio, 13 dicembre 2013 La chemioterapia nelle donne colpite da tumore del seno è più efficace se somministrata in tempi brevi. Precisamente ogni due settimane invece delle tre standard, per un totale di 4 cicli. Lo dimostra uno studio italiano di fase III (GIM 2) che ha coinvolto 2091 donne, sottoposte a chemioterapia dopo l intervento chirurgico, per diminuire il rischio di recidive e di metastasi. Il lavoro è presentato oggi in sessione plenaria al San Antonio Breast Cancer Symposium, il più importante congresso mondiale sul tumore del seno, dal prof. Francesco Cognetti, direttore dell Oncologia Medica dell Istituto Regina Elena di Roma, uno dei 91 centri coinvolti nella sperimentazione. La sopravvivenza a 5 anni nel regime a 14 giorni è stata pari al 94% rispetto all 89% raggiunto dal gruppo che ha ricevuto la cura ogni 21 giorni spiega il prof. Cognetti -. Si tratta di una differenza significativa del 5%. È la prima volta che, confrontando questi due schemi di somministrazione in adiuvante, cioè in pazienti già operate, vengono ottenuti risultati così positivi. Il vantaggio emerso nel modello accelerato, il cosiddetto regime dose dense è evidente, perché un maggior numero di donne guarisce, con una minore esposizione al rischio di tossicità. L altro obiettivo dello studio promosso dal Gruppo Italiano Mammella, che ha previsto un follow up di 7 anni, è stato quello di confrontare non solo i tempi di somministrazione, ma anche due tipi di combinazione di farmaci: il trattamento basato su tre chemioterapici (FEC) con lo schema standard a due (EC). Abbiamo paragonato il regime FEC (Fluorouracile, Epirubicina, Ciclofosfamide) conclude il prof. Cognetti - con la terapia comunemente usata, cioè la sequenza EC (Epirubicina, Ciclofosfamide). L aggiunta di un terzo farmaco, fluorouracile, non migliora la sopravvivenza libera da malattia né quella globale. I due schemi pertanto non differiscono in termini di efficacia, però con la doppietta le pazienti evidenziano meno effetti collaterali. Per il 2013 si stimano circa nuovi casi di cancro del seno nel nostro Paese. La neoplasia della mammella è la più frequentemente diagnosticata nelle under 50 (41%), nella fascia d età intermedia (50-69 anni, 36%) e in quella più anziana ( 70 anni, 21%).

18 ONCOLOGIA, PRESENTATA RICERCA SU CHEMIOTERAPIA PER TUMORE A SENO (AIS) San Antonio, 13 dic 2013 La chemioterapia nelle donne colpite da tumore del seno è più efficace se somministrata in tempi brevi. Precisamente ogni due settimane invece delle tre standard, per un totale di 4 cicli. Lo dimostra uno studio italiano di fase III (GIM 2) che ha coinvolto 2091 donne, sottoposte a chemioterapia dopo l intervento chirurgico, per diminuire il rischio di recidive e di metastasi. Il lavoro è presentato oggi in sessione plenaria al San Antonio Breast Cancer Symposium, il più importante congresso mondiale sul tumore del seno, dal prof. Francesco Cognetti, direttore dell Oncologia Medica dell Istituto Regina Elena di Roma, uno dei 91 centri coinvolti nella sperimentazione. La sopravvivenza a 5 anni nel regime a 14 giorni è stata pari al 94% rispetto all 89% raggiunto dal gruppo che ha ricevuto la cura ogni 21 giorni spiega il prof. Cognetti -. Si tratta di una differenza significativa del 5%. È la prima volta che, confrontando questi due schemi di somministrazione in adiuvante, cioè in pazienti già operate, vengono ottenuti risultati così positivi. Il vantaggio emerso nel modello accelerato, il cosiddetto regime dose dense è evidente, perché un maggior numero di donne guarisce, con una minore esposizione al rischio di tossicità. L altro obiettivo dello studio promosso dal Gruppo Italiano Mammella, che ha previsto un follow up di 7 anni, è stato quello di confrontare non solo i tempi di somministrazione, ma anche due tipi di combinazione di farmaci: il trattamento basato su tre chemioterapici (FEC) con lo schema standard a due (EC). Abbiamo paragonato il regime FEC (Fluorouracile, Epirubicina, Ciclofosfamide) conclude il prof. Cognetti - con la terapia comunemente usata, cioè la sequenza EC (Epirubicina, Ciclofosfamide). L aggiunta di un terzo farmaco, fluorouracile, non migliora la sopravvivenza libera da malattia né quella globale. I due schemi pertanto non differiscono in termini di efficacia, però con la doppietta le pazienti evidenziano meno effetti collaterali. Per il 2013 si stimano circa nuovi casi di cancro del seno nel nostro Paese. La neoplasia della mammella è la più frequentemente diagnosticata nelle under 50 (41%), nella fascia d età intermedia (50-69 anni, 36%) e in quella più anziana ( 70 anni, 21%). sanita.it/ricerca sviluppo e tecnologia/15233 oncologia presentata ricerca suchemioterapia per tumore a seno.html

19 Tumori: funziona terapia 'accelerata' seno, 94% pazienti guarisce Roma, 13 dic. (Adnkronos Salute) - La chemioterapia nelle donne colpite da tumore del seno è più efficace se somministrata in tempi brevi. Precisamente ogni due settimane invece delle tre standard, per un totale di 4 cicli. Lo dimostra uno studio italiano di fase III (Gim 2) che ha coinvolto 2091 donne, sottoposte a chemioterapia dopo l'intervento chirurgico, per diminuire il rischio di recidive e di metastasi. Il lavoro è presentato oggi in sessione plenaria al 'San Antonio Breast Cancer Symposium', il più importante congresso mondiale sul tumore del seno, da Francesco Cognetti, direttore dell'oncologia Medica dell'istituto Regina Elena di Roma, uno dei 91 centri coinvolti nella sperimentazione."la sopravvivenza a 5 anni nel regime a 14 giorni è stata pari al 94% rispetto all'89% raggiunto dal gruppo che ha ricevuto la cura ogni 21 giorni - spiega Cognetti - si tratta di una differenza significativa del 5%. È la prima volta che, confrontando questi due schemi di somministrazione in adiuvante, cioè in pazienti già operate, vengono ottenuti risultati così positivi. Il vantaggio emerso nel modello 'accelerato', il cosiddetto regime 'dose dense' è evidente, perché un maggior numero di donne guarisce, con una minore esposizione al rischio di tossicità".l'altro obiettivo dello studio promosso dal Gruppo Italiano Mammella, che ha previsto un follow up di 7 anni, è stato quello di confrontare non solo i tempi di somministrazione, ma anche due tipi di combinazione di farmaci: il trattamento basato su tre chemioterapici (Fec) con lo schema standard a due (Ec). "Abbiamo paragonato il regime Fec (Fluorouracile, Epirubicina, Ciclofosfamide) - conclude Cognetti - con la terapia comunemente usata, cioè la sequenza Ec (Epirubicina, Ciclofosfamide). L'aggiunta di un terzo farmaco, fluorouracile, non migliora la sopravvivenza libera da malattia né quella globale. I due schemi pertanto non differiscono in termini di efficacia, però con la 'doppietta' le pazienti evidenziano meno effetti collaterali". Per il 2013 si stimano circa nuovi casi di cancro del seno nel nostro Paese. La neoplasia della mammella è la più frequentemente diagnosticata nelle under 50 (41%), nella fascia d'età intermedia (50-69 anni, 36%) e in quella più anziana ( 70 anni, 21%). funziona terapia accelerata seno 94 pazienti guarisce _C65.aspx

20 Tumore al seno: migliori risultati con terapia accelerata, guarisce il 94% delle pazienti tumore-seno-rischi1la chemioterapia nelle donne colpite da tumore del seno e piu efficace se somministrata in tempi brevi. Precisamente ogni due settimane invece delle tre standard, per un totale di 4 cicli. Lo dimostra uno studio italiano di fase III (Gim 2) che ha coinvolto 2091 donne, sottoposte a chemioterapia dopo l intervento chirurgico, per diminuire il rischio di recidive e di metastasi. Il lavoro e presentato oggi in sessione plenaria al San Antonio Breast Cancer Symposium, il piu importante congresso mondiale sul tumore del seno, da Francesco Cognetti, direttore dell Oncologia Medica dell Istituto Regina Elena di Roma, uno dei 91 centri coinvolti nella sperimentazione. La sopravvivenza a 5 anni nel regime a 14 giorni e stata pari al 94% rispetto all 89% raggiunto dal gruppo che ha ricevuto la cura ogni 21 giorni spiega Cognetti si tratta di una differenza significativa del 5%. E la prima volta che, confrontando questi due schemi di somministrazione in adiuvante, cioe in pazienti gia operate, vengono ottenuti risultati cosi positivi. Il vantaggio emerso nel modello accelerato, il cosiddetto regime dose dense e evidente, perche un maggior numero di donne guarisce, con una minore esposizione al rischio di tossicita. L altro obiettivo dello studio promosso dal Gruppo Italiano Mammella, che ha previsto un follow up di 7 anni, e stato quello di confrontare non solo i tempi di somministrazione, ma anche due tipi di combinazione di farmaci: il trattamento basato su tre chemioterapici (Fec) con lo schema standard a due (Ec). Abbiamo paragonato il regime Fec (Fluorouracile, Epirubicina, Ciclofosfamide) conclude Cognetti con la terapia comunemente usata, cioe la sequenza Ec (Epirubicina, Ciclofosfamide). L aggiunta di un terzo farmaco, fluorouracile, non migliora la sopravvivenza libera da malattia ne quella globale. I due schemi pertanto non differiscono in termini di efficacia, pero con la doppietta le pazienti evidenziano meno effetti collaterali. Per il 2013 si stimano circa nuovi casi di cancro del seno nel nostro Paese. La neoplasia della mammella e la piu frequentemente diagnosticata nelle under 50 (41%), nella fascia d eta intermedia (50-69 anni, 36%) e in quella piu anziana ( 70 anni, 21%). al seno migliori risultati con terapia accelerata guarisce il 94 delle pazienti/246409/

21 13/12/2013 LETTORI Tumori: funziona terapia 'accelerata' seno, 94% pazienti guarisce Roma, 13 dic. (Adnkronos Salute) - La chemioterapia nelle donne colpite da tumore del seno è più efficace se somministrata in tempi brevi. Precisamente ogni due settimane invece delle tre standard, per un totale di 4 cicli. Lo dimostra uno studio italiano di fase III (Gim 2) che ha coinvolto 2091 donne, sottoposte a chemioterapia dopo l'intervento chirurgico, per diminuire il rischio di recidive e di metastasi. Il lavoro è presentato oggi in sessione plenaria al 'San Antonio Breast Cancer Symposium', il più importante congresso mondiale sul tumore del seno, da Francesco Cognetti, direttore dell'oncologia Medica dell'istituto Regina Elena di Roma, uno dei 91 centri coinvolti nella sperimentazione."la sopravvivenza a 5 anni nel regime a 14 giorni è stata pari al 94% rispetto all'89% raggiunto dal gruppo che ha ricevuto la cura ogni 21 giorni - spiega Cognetti - si tratta di una differenza significativa del 5%. È la prima volta che, confrontando questi due schemi di somministrazione in adiuvante, cioè in pazienti già operate, vengono ottenuti risultati così positivi. Il vantaggio emerso nel modello 'accelerato', il cosiddetto regime 'dose dense' è evidente, perché un maggior numero di donne guarisce, con una minore esposizione al rischio di tossicità".l'altro obiettivo dello studio promosso dal Gruppo Italiano Mammella, che ha previsto un follow up di 7 anni, è stato quello di confrontare non solo i tempi di somministrazione, ma anche due tipi di combinazione di farmaci: il trattamento basato su tre chemioterapici (Fec) con lo schema standard a due (Ec). "Abbiamo paragonato il regime Fec (Fluorouracile, Epirubicina, Ciclofosfamide) - conclude Cognetti - con la terapia comunemente usata, cioè la sequenza Ec (Epirubicina, Ciclofosfamide). L'aggiunta di un terzo farmaco, fluorouracile, non migliora la sopravvivenza libera da malattia né quella globale. I due schemi pertanto non differiscono in termini di efficacia, però con la 'doppietta' le pazienti evidenziano meno effetti collaterali". Per il 2013 si stimano circa nuovi casi di cancro del seno nel nostro Paese. La neoplasia della mammella è la più frequentemente diagnosticata nelle under 50 (41%), nella fascia d'età intermedia (50-69 anni, 36%) e in quella più anziana ( 70 anni, 21%) articolo tumori_funziona_terapia accelerata seno_94_pazienti_guarisce.aspx

22 Tumore al seno: risultati ottimi con chemioterapia accelerata La chemioterapia nelle donne colpite da tumore del seno e piu efficace se somministrata in tempi brevi. Precisamente ogni due settimane invece delle tre standard, per un totale di 4 cicli. Lo dimostra uno studio italiano di fase III (GIM 2) che ha coinvolto 2091 donne, sottoposte a chemioterapia dopo l intervento chirurgico, per diminuire il rischio di recidive e di metastasi. Il lavoro e presentato oggi in sessione plenaria al San Antonio Breast Cancer Symposium, il piu importante congresso mondiale sul tumore del seno, dal prof. Francesco Cognetti, direttore dell Oncologia Medica dell Istituto Regina Elena di Roma, uno dei 91 centri coinvolti nella sperimentazione.brest cancer 300x285 Tumore al seno: risultati ottimi con chemioterapia accelerata La sopravvivenza a 5 anni nel regime a 14 giorni e stata pari al 94% rispetto all 89% raggiunto dal gruppo che ha ricevuto la cura ogni 21 giorni spiega il prof. Cognetti. Si tratta di una differenza significativa del 5%. E la prima volta che, confrontando questi due schemi di somministrazione in adiuvante, cioe in pazienti gia operate, vengono ottenuti risultati cosi positivi. Il vantaggio emerso nel modello accelerato, il cosiddetto regime dose dense e evidente, perche un maggior numero di donne guarisce, con una minore esposizione al rischio di tossicita. L altro obiettivo dello studio promosso dal Gruppo Italiano Mammella, che ha previsto un follow up di 7 anni, e stato quello di confrontare non solo i tempi di somministrazione, ma anche due tipi di combinazione di farmaci: il trattamento basato su tre chemioterapici (FEC) con lo schema standard a due (EC). Abbiamo paragonato il regime FEC (Fluorouracile, Epirubicina, Ciclofosfamide) conclude il prof. Cognetti con la terapia comunemente usata, cioe la sequenza EC (Epirubicina, Ciclofosfamide). L aggiunta di un terzo farmaco, fluorouracile, non migliora la sopravvivenza libera da malattia ne quella globale. I due schemi pertanto non differiscono in termini di efficacia, pero con la doppietta le pazienti evidenziano meno effetti collaterali.per il 2013 si stimano circa nuovi casi di cancro del seno nel nostro Paese. La neoplasia della mammella e la piu frequentemente diagnosticata nelle under 50 (41%), nella fascia d eta intermedia (50 69 anni, 36%) e in quella piu anziana (?70 anni, 21%). al seno risultati ottimi con chemioterapia accelerata/

23 Tumori: funziona terapia 'accelerata' seno, 94% pazienti guarisce Roma, 13 dic. (Adnkronos Salute) - La chemioterapia nelle donne colpite da tumore del seno è più efficace se somministrata in tempi brevi. Precisamente ogni due settimane invece delle tre standard, per un totale di 4 cicli. Lo dimostra uno studio italiano di fase III (Gim 2) che ha coinvolto 2091 donne, sottoposte a chemioterapia dopo l'intervento chirurgico, per diminuire il rischio di recidive e di metastasi. Il lavoro è presentato oggi in sessione plenaria al 'San Antonio Breast Cancer Symposium', il più importante congresso mondiale sul tumore del seno, da Francesco Cognetti, direttore dell'oncologia Medica dell'istituto Regina Elena di Roma, uno dei 91 centri coinvolti nella sperimentazione. "La sopravvivenza a 5 anni nel regime a 14 giorni è stata pari al 94% rispetto all'89% raggiunto dal gruppo che ha ricevuto la cura ogni 21 giorni - spiega Cognetti - si tratta di una differenza significativa del 5%. È la prima volta che, confrontando questi due schemi di somministrazione in adiuvante, cioè in pazienti già operate, vengono ottenuti risultati così positivi. Il vantaggio emerso nel modello 'accelerato', il cosiddetto regime 'dose dense' è evidente, perché un maggior numero di donne guarisce, con una minore esposizione al rischio di tossicità". L'altro obiettivo dello studio promosso dal Gruppo Italiano Mammella, che ha previsto un follow up di 7 anni, è stato quello di confrontare non solo i tempi di somministrazione, ma anche due tipi di combinazione di farmaci: il trattamento basato su tre chemioterapici (Fec) con lo schema standard a due (Ec). "Abbiamo paragonato il regime Fec (Fluorouracile, Epirubicina, Ciclofosfamide) - conclude Cognetti - con la terapia comunemente usata, cioè la sequenza Ec (Epirubicina, Ciclofosfamide). L'aggiunta di un terzo farmaco, fluorouracile, non migliora la sopravvivenza libera da malattia né quella globale. I due schemi pertanto non differiscono in termini di efficacia, però con la 'doppietta' le pazienti evidenziano meno effetti collaterali". Per il 2013 si stimano circa nuovi casi di cancro del seno nel nostro Paese. La neoplasia della mammella è la più frequentemente diagnosticata nelle under 50 (41%), nella fascia d'età intermedia (50-69 anni, 36%) e in quella più anziana ( 70 anni, 21%). funziona terapia 39 accelerata 39 seno html

24 Tumore del seno: funziona la "terapia accelerata". "Il 94% dlle pazienti guarisce con tempi di cura più brevi" Presentato al Congresso americano di San Antonio lo studio GIM 2 su più di 2000 donne. Il prof. Francesco Cognetti del Regina Elena di Roma: La sopravvivenza aumenta del 5% quando la chemioterapia, dopo l intervento chirurgico, è somministrata ogni due settimane rispetto allo schema standard a intervalli di 21 giorni. Diminuisce anche il rischio di tossicità. La chemioterapia nelle donne colpite da tumore del seno è più efficace se somministrata in tempi brevi. Precisamente ogni due settimane invece delle tre standard, per un totale di 4 cicli. Lo dimostra uno studio italiano di fase III (GIM 2) che ha coinvolto 2091 donne, sottoposte a chemioterapia dopo l intervento chirurgico, per diminuire il rischio di recidive e di metastasi. Il lavoro è presentato oggi in sessione plenaria al San Antonio Breast Cancer Symposium, il più importante congresso mondiale sul tumore del seno, dal prof. Francesco Cognetti, direttore dell Oncologia Medica dell Istituto Regina Elena di Roma, uno dei 91 centri coinvolti nella sperimentazione. La sopravvivenza a 5 anni nel regime a 14 giorni è stata pari al 94% rispetto all 89% raggiunto dal gruppo che ha ricevuto la cura ogni 21 giorni spiega il prof. Cognetti -. Si tratta di una differenza significativa del 5%. È la prima volta che, confrontando questi due schemi di somministrazione in adiuvante, cioè in pazienti già operate, vengono ottenuti risultati così positivi. Il vantaggio emerso nel modello accelerato, il cosiddetto regime dose dense è evidente, perché un maggior numero di donne guarisce, con una minore esposizione al rischio di tossicità. L altro obiettivo dello studio promosso dal Gruppo Italiano Mammella, che ha previsto un follow up di 7 anni, è stato quello di confrontare non solo i tempi di somministrazione, ma anche due tipi di combinazione di farmaci: il trattamento basato su tre chemioterapici (FEC) con lo schema standard a due (EC). Abbiamo paragonato il regime FEC (Fluorouracile, Epirubicina, Ciclofosfamide) conclude il prof. Cognetti - con la terapia comunemente usata, cioè la sequenza EC (Epirubicina, Ciclofosfamide). L aggiunta di un terzo farmaco, fluorouracile, non migliora la sopravvivenza libera da malattia né quella globale. I due schemi pertanto non differiscono in termini di efficacia, però con la doppietta le pazienti evidenziano meno effetti collaterali. Per il 2013 si stimano circa nuovi casi di cancro del seno nel nostro Paese. La neoplasia della mammella è la più frequentemente diagnosticata nelle under 50 (41%), nella fascia d età intermedia (50-69 anni, 36%) e in quella più anziana ( 70 anni, 21%). e benessere/tumore del seno funziona la terapia accelerata il 94 dlle pazienti guarisce

25 Tumori: funziona terapia 'accelerata' contro cancro seno Roma, 13 dic. La chemioterapia nelle donne colpite da tumore del seno e' piu' efficace se somministrata in tempi brevi. Precisamente ogni due settimane invece delle tre 'standard', per un totale di 4 cicli. Lo dimostra uno studio italiano di fase III (GIM 2) che ha coinvolto 2091 donne, sottoposte a chemioterapia dopo l'intervento chirurgico, per diminuire il rischio di recidive e di metastasi. Il lavoro e' presentato oggi in sessione plenaria al 'San Antonio Breast Cancer Symposium', il piu' importante congresso mondiale sul tumore del seno, dal prof. Francesco Cognetti, direttore dell'oncologia Medica dell'istituto Regina Elena di Roma, uno dei 91 centri coinvolti nella sperimentazione.. notizie/

26 Tumori: funziona terapia 'accelerata' contro cancro seno Roma, 13 dic. - La chemioterapia nelle donne colpite da tumore del seno e' piu' efficace se somministrata in tempi brevi. Precisamente ogni due settimane invece delle tre 'standard', per un totale di 4 cicli. Lo dimostra uno studio italiano di fase III (GIM 2) che ha coinvolto 2091 donne, sottoposte a chemioterapia dopo l'intervento chirurgico, per diminuire il rischio di recidive e di metastasi. Il lavoro e' presentato oggi in sessione plenaria al 'San Antonio Breast Cancer Symposium', il piu' importante congresso mondiale sul tumore del seno, dal prof. Francesco Cognetti, direttore dell'oncologia Medica dell'istituto Regina Elena di Roma, uno dei 91 centri coinvolti nella sperimentazione.. funziona terapia accelerata contro cancro seno/newsdettaglio/

Dir. Resp.: Roberto Napoletano

Dir. Resp.: Roberto Napoletano Tiratura 09/2014: 40.000 Diffusione: n.d. Lettori: n.d. Dati rilevati dagli Enti certificatori o autocertificati Dir. Resp.: Roberto Napoletano da pag. 6 02-GIU-2015 www.datastampa.it Tiratura 09/2014:

Dettagli

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 I numeri del cancro in Italia 2015 Ministero della Salute - Roma 24 Settembre 2015 Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 Carmine Pinto Presidente Nazionale AIOM I quesiti per

Dettagli

Indicatori di qualità nei carcinomi genitali femminili: ovaio e utero Serata di presentazione progetto Zonta Club Locarno 13.04.2010 Registro Tumori Canton Ticino Istituto Cantonale di Patologia Via in

Dettagli

Neoplasie della mammella - 2

Neoplasie della mammella - 2 Neoplasie della mammella - 2 Fattori prognostici Numero di N+ : >3 Età e stato menopausale Diametro di T Invasione linfatica e vascolare Tipo istologico Grading Recettore per Estrogeni/Progesterone Amplificazione

Dettagli

L'ESPERIENZA DEL PROGETTO EMILI: PREVENZIONE NELLE DONNE CON TUMORE MAMMARIO ATTRAVERSO L'EDUCAZIONE ALIMENTARE E AL MOVIMENTO

L'ESPERIENZA DEL PROGETTO EMILI: PREVENZIONE NELLE DONNE CON TUMORE MAMMARIO ATTRAVERSO L'EDUCAZIONE ALIMENTARE E AL MOVIMENTO L'ESPERIENZA DEL PROGETTO EMILI: PREVENZIONE NELLE DONNE CON TUMORE MAMMARIO ATTRAVERSO L'EDUCAZIONE ALIMENTARE E AL MOVIMENTO Latina, 26 Maggio 2012 Dott.ssa Federica Sebastiani Dipartimento di Oncologia.

Dettagli

RASSEGNA STAMPA martedì 26 maggio 2015

RASSEGNA STAMPA martedì 26 maggio 2015 RASSEGNA STAMPA martedì 26 maggio 2015 Dire ore GiulioRocco 26maggio2015 Roma,25mag.(ANSA)-InItalia,ogniannovengonodiagnos ca circa366.000nuovicasiditumore maligno(circa1.000algiorno),dicuicirca196.000(54%)negliuominiecirca169.000(46%)nele

Dettagli

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma SEBASTIANO FILETTI Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche Università di Roma Sapienza, Roma La malattia tiroidea è in aumento negli ultimi anni. Quali le ragioni? Dati epidemiologici provenienti

Dettagli

Tumori: oncologi, Italia capofila in cure, si guarisce in 9 casi su 10

Tumori: oncologi, Italia capofila in cure, si guarisce in 9 casi su 10 10-06-2013 Tumori: oncologi, Italia capofila in cure, si guarisce in 9 casi su 10 Roma, 10 giu. (Adnkronos Salute) Il tumore del seno guarisce in 9 casi su 10, se diagnosticato in anticipo. L Italia è

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. 7 Febbraio 2011. A cura dell Ufficio Stampa - tel. 0957594853 fax 0957592061 e- mail ufficiostampagaribaldi@virgilio.

RASSEGNA STAMPA. 7 Febbraio 2011. A cura dell Ufficio Stampa - tel. 0957594853 fax 0957592061 e- mail ufficiostampagaribaldi@virgilio. RASSEGNA STAMPA 7 Febbraio 2011 A cura dell Ufficio Stampa - tel. 0957594853 fax 0957592061 e- mail ufficiostampagaribaldi@virgilio.it LA SICILIA Rassegna Stampa Arnas Garibaldi 7 Febbraio 2011 LA SICILIA

Dettagli

MULTIDISCIPLINARIETA E PROCESSO GISMa 26-27 settembre 2013

MULTIDISCIPLINARIETA E PROCESSO GISMa 26-27 settembre 2013 Antonio Maestri UOC Oncologia/Hospice Ospedale Santa Maria della Scaletta Azienda USL di Imola PERCORSI E RIPERCORSI SENOL RT CHIR AN PAT ONCO DIAGNOSTICA SENOLOGICA MULTIDISCIPLINARIETA E PROCESSO CHIRURGIA

Dettagli

Assapora la Vita Bergamo, 5 maggio 2012

Assapora la Vita Bergamo, 5 maggio 2012 Assapora la Vita Bergamo, 5 maggio 2012 Quotidiani - Periodici Testata Readership Titolo Data Giornalista L'Eco di Bergamo 293.000 La lotta al tumore passa anche da tavola e menu. 06-05-2012 Marina Marzulli

Dettagli

Lo screening mammografico una revisione sui dati di letteratura

Lo screening mammografico una revisione sui dati di letteratura Lo screening mammografico una revisione sui dati di letteratura Cos è uno screening Strategia di indagini diagnostiche generalizzate, utilizzate per identificare una malattia in una popolazione standard

Dettagli

Espressione di geni specifici per un determinato tumore

Espressione di geni specifici per un determinato tumore Espressione di geni specifici per un determinato tumore Paziente A: Non ha il cancro Espressione dei geni: Nessuna Biopsia Geni associati al cancro allo stomaco Paziente B: Ha un tumore allo stomaco Bassa

Dettagli

COME PREVENIRE IL CANCRO. Dott.ssa Giulia Marini

COME PREVENIRE IL CANCRO. Dott.ssa Giulia Marini COME PREVENIRE IL CANCRO Dott.ssa Giulia Marini LA PREVENZIONE DEL CANCRO Prevenire il cancro è possibile: 1. Prima che si manifesti la malattia: con stili di vita adeguati e vaccini contro il cancro 2.

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Direzione Sanitaria PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Il carcinoma della mammella rappresenta la neoplasia più frequente nel sesso femminile, in tutte le fasce

Dettagli

RASSEGNA STAMPA martedì 9 dicembre 2014

RASSEGNA STAMPA martedì 9 dicembre 2014 RASSEGNA STAMPA martedì 9 dicembre 2014 02/12/2014 - TUMORE DEL SENO E DELLA TIROIDE, CONVEGNO GIOVEDÌ IN CHIESA Campobasso. Giovedì 4 dicembre alle 18 e 30 nella chiesa di S.Antonio Abate, a Campobasso,

Dettagli

SAPIENZA Università di Roma

SAPIENZA Università di Roma SAPIENZA Università di Roma I fattori di rischio modificabili nella PREVENZIONE PRIMARIA e TERZIARIA del TUMORE DELLA MAMMELLA A cura di Angelo Pulcini Razionale Persone sane: Prevenzione primaria La Prevenzione

Dettagli

PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING. Relatore: Brunella Spadafora

PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING. Relatore: Brunella Spadafora PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING Relatore: Brunella Spadafora Epidemiologia e prevenzione dei tumori maligni I tumori nel loro insieme, costituiscono la seconda causa di morte,

Dettagli

Informazione per pazienti. Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella

Informazione per pazienti. Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella Informazione per pazienti Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella Questo opuscolo è stato realizzato per fornire alcune utili informazioni sul percorso seguito

Dettagli

Grazie dell attenzione

Grazie dell attenzione Grazie dell attenzione http://www.registri-tumori.it/pdf/aiom2012/i_numeri_del_cancro_2012.pdf In Italia circa 2.250mila persone (4% del totale della popolazione) vivono avendo avuto una precedente

Dettagli

Indicatori sulla terapia di oncologia medica

Indicatori sulla terapia di oncologia medica Indicatori sulla terapia di oncologia medica Michela Donadio Oncologia Medica Senologica Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza di Torino Torino, 2 dicembre 20 Terapie mediche neoad/adiuvanti:

Dettagli

SINOSSI DELLO STUDIO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO

SINOSSI DELLO STUDIO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO SINOSSI DELLO STUDIO TITOLO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO SPONSOR Sequenza ottimale di ormonoterapia in pazienti con carcinoma mammario metastatico ricadute dopo terapia

Dettagli

Mediamente una donna su otto sviluppa un carcinoma mammario nel corso della propria vita:

Mediamente una donna su otto sviluppa un carcinoma mammario nel corso della propria vita: VI Congresso Nazionale AICM: Le Reti Assistenziali e il Case Management per favorire la continuità di cura. Percorso della paziente affetta da cancro della mammella :esperienza lombarda M. Gjeloshi Riccione,25-26

Dettagli

dal 2004 COVER STORY: AL COMANDO, CON GRAZIA BRESCIAmensile della città anno 8 - n. 79 - Maggio 2012 - euro 3

dal 2004 COVER STORY: AL COMANDO, CON GRAZIA BRESCIAmensile della città anno 8 - n. 79 - Maggio 2012 - euro 3 dal 2004 BRESCIAmensile della città anno 8 - n. 79 - Maggio 2012 - euro 3 Spedizione in a. p. D.L 353/2003 (conv. in L.27/02/2004 n.46) art.1, comma 1, DCB Bergamo In caso di mancato recapito restituire

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

16th World Conference on Lung Cancer (WCLC): highlights

16th World Conference on Lung Cancer (WCLC): highlights 16th World Conference on Lung Cancer (WCLC): highlights RISULTATI PRELIMINARI STUDIO ITACA Lo studio Itaca è uno studio multicentrico italiano di Fase III che confronta un trattamento chemioterapico tailored

Dettagli

ANALISI DI ALCUNI INDICATORI DI FOLLOW-UP NEL TUMORE DELLA MAMMELLA NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE ANNO 2009

ANALISI DI ALCUNI INDICATORI DI FOLLOW-UP NEL TUMORE DELLA MAMMELLA NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE ANNO 2009 ANALISI DI ALCUNI INDICATORI DI FOLLOW-UP NEL TUMORE DELLA MAMMELLA NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE ANNO 2009 A cura di: Dr.ssa M. Gambino, Dr.ssa Ass. San. L. Balconi, Dr. S. Pisani U. O. S. Sorveglianza

Dettagli

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57 LA TERAPIA METRONOMICA Per oltre mezzo secolo, la terapia sistemica per i tumori è stata caratterizzata dalla somministrazione dei farmaci chemioterapici. La maggior parte di questi farmaci ha lo scopo

Dettagli

Classificazione degli studi epidemiologici

Classificazione degli studi epidemiologici Classificazione degli studi epidemiologici STUDI DESCRITTIVI - DI CORRELAZIONE O ECOLOGICI - CASE REPORT/SERIES - DI PREVALENZA O TRASVERSALI STUDI ANALITICI O OSSERVAZIONALI - A COORTE - CASO-CONTROLLO

Dettagli

Quando il dolore è ancora un problema. XVII CIPOMO Congresso Nazionale Roma, 20-22 giugno 2013

Quando il dolore è ancora un problema. XVII CIPOMO Congresso Nazionale Roma, 20-22 giugno 2013 Quando il dolore è ancora un problema XVII CIPOMO Congresso Nazionale Roma, 20-22 giugno 2013 Marta Gentili vivere senza dolore onlus In Italia, nel 2012, si stimano circa 364 mila nuove diagnosi per tumore

Dettagli

Rassegna Stampa. Co n stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata. Preliminare

Rassegna Stampa. Co n stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata. Preliminare Rassegna Stampa Preliminare Co n stampa Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata Via Malta, 12/B 25124 Brescia Tel. 030 22 61 05 Fax 030 24 20 472 intermedia@intermedianews.it www.medinews.it www.intermedianews.tv

Dettagli

DIFFERENZA DI GENERE E MEDICINA

DIFFERENZA DI GENERE E MEDICINA DIFFERENZA DI GENERE E MEDICINA L ONU, l Europa e l OMS raccomandano che il determinante genere sia tenuto presente nella programmazione delle politiche sanitarie. L ONU ha inserito la medicina di genere

Dettagli

Un paziente su cinque con cancro al polmone sopravvive dopo 3 anni

Un paziente su cinque con cancro al polmone sopravvive dopo 3 anni http://salute24.ilsole24ore.com/articles/17936-un-paziente-su-cinque-con-cancro-al-polmone-sopravvive-dopo-3-anni Un paziente su cinque con cancro al polmone sopravvive dopo 3 anni Un paziente su cinque,

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DELLA MAMMELLA NELLE DONNE GIOVANI IN VENETO. PERIODO 2005-2008 E ANDAMENTI TEMPORALI DAL 1990.

EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DELLA MAMMELLA NELLE DONNE GIOVANI IN VENETO. PERIODO 2005-2008 E ANDAMENTI TEMPORALI DAL 1990. agosto 2015 EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DELLA MAMMELLA NELLE DONNE GIOVANI IN VENETO. PERIODO 2005-2008 E ANDAMENTI TEMPORALI DAL 1990. Registro Tumori del Veneto Baracco M, Baracco S, Bovo E, Cesco G, Dal

Dettagli

per una buona salute Claudio Andreoli

per una buona salute Claudio Andreoli Alimentazione e stili di vita per una buona salute Claudio Andreoli «Uno stile di vita non corretto può aumentare il rischio di tumori o di malattie cardiache?» UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facolta

Dettagli

TUMORI: PANCREAS, ITALIA ULTIMA IN UE PER TEMPI ACCESSO CURE

TUMORI: PANCREAS, ITALIA ULTIMA IN UE PER TEMPI ACCESSO CURE 08-04-2014 LETTORI 495.000 TUMORI: PANCREAS, ITALIA ULTIMA IN UE PER TEMPI ACCESSO CURE (ANSA) - ROMA, 08 APR - I pazienti italiani che soffrono di tumore al pancreas, uno dei piu' letali, hanno la maglia

Dettagli

FONTANAROSA VITO MARIA CV EUROPEO

FONTANAROSA VITO MARIA CV EUROPEO Nome FONTANAROSA VITO MARIA Data di nascita 07/02/1960 ESPERIENZA LAVORATIVA INTERNA Nome e indirizzo del datore di lavoro Date (da - a) 01/01/2012 - in corso Tipo di azienda o settore PUBBLICO AZIENDA

Dettagli

Rassegna Stampa. Comunicato stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata CANCRO: DE LORENZO A CAPO DELLA COALIZIONE EUROPEA DEI PAZIENTI.

Rassegna Stampa. Comunicato stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata CANCRO: DE LORENZO A CAPO DELLA COALIZIONE EUROPEA DEI PAZIENTI. Rassegna Stampa Comunicato stampa CANCRO: DE LORENZO A CAPO DELLA COALIZIONE EUROPEA DEI PAZIENTI. PARI DIRITTI PER TUTTI I MALATI, SERVE SUBITO UN PIANO ONCOLOGICO Intermedia s.r.l. per la comunicazione

Dettagli

Conoscere per Vincere Il Rotary per la prevenzione Sanitaria. Giuseppe Failla R.C.Ct & Giovanni Urso R.C. Ct Nord

Conoscere per Vincere Il Rotary per la prevenzione Sanitaria. Giuseppe Failla R.C.Ct & Giovanni Urso R.C. Ct Nord Conoscere per Vincere Il Rotary per la prevenzione Sanitaria Giuseppe Failla R.C.Ct & Giovanni Urso R.C. Ct Nord Qualche numero Sul territorio nazionale: Incidenza CRC: 52.000 nuovi casi diagnosticati

Dettagli

La terapia medica primaria e adiuvante e il follow-up: le principali novità. a cura di Claudio Zamagni (Bologna) e Antonio Frassoldati (Ferrara)

La terapia medica primaria e adiuvante e il follow-up: le principali novità. a cura di Claudio Zamagni (Bologna) e Antonio Frassoldati (Ferrara) Protocollo diagnostico-terapeutico per le Pazienti con carcinoma mammario La terapia medica primaria e adiuvante e il follow-up: le principali novità a cura di Claudio Zamagni (Bologna) e Antonio Frassoldati

Dettagli

Call Center 840.000.006 www.sanita.regione.lombardia.it. Prevenzione: la nostra buona. abitudine

Call Center 840.000.006 www.sanita.regione.lombardia.it. Prevenzione: la nostra buona. abitudine Call Center 840.000.006 www.sanita.regione.lombardia.it Prevenzione: la nostra buona abitudine Carcinoma della cervice uterina: attacchiamolo da più fronti Il carcinoma della cervice uterina: una conseguenza

Dettagli

Nuove frontiere di intervento con il cemento antibiotato per combattere le infezioni alle protesi

Nuove frontiere di intervento con il cemento antibiotato per combattere le infezioni alle protesi RASSEGNA STAMPA Comunicato Stampa: Nuove frontiere di intervento con il cemento antibiotato per combattere le infezioni alle protesi 18 marzo 2015 Aggiornamento 1 aprile 2015 Sommario TESTATE DATA LETTORI

Dettagli

METASTASI UVEALI: ESPERIENZA DEGLI ULTIMI 10 ANNI

METASTASI UVEALI: ESPERIENZA DEGLI ULTIMI 10 ANNI METASTASI UVEALI: ESPERIENZA DEGLI ULTIMI 10 ANNI C.Mosci; F.Nasciuti Centro Specialistico di Oncologia Oculare Ente Ospedaliero Ospedali Galliera - Genova carlo.mosci@galliera.it XXVI RIUNIONE S.O.N.O.

Dettagli

TERAPIA. Sostegno alla Donna, alla Famiglia, Collaborazione con Organizzazioni ed altri Servizi

TERAPIA. Sostegno alla Donna, alla Famiglia, Collaborazione con Organizzazioni ed altri Servizi TERAPIA. Sostegno alla Donna, alla Famiglia, Collaborazione con Organizzazioni ed altri Servizi Francesca Rovera Università degli Studi dell Insubria Azienda Ospedale di Circolo Varese CARCINOMA MAMMARIO:

Dettagli

CALABRIA, PIGRIZIA STILE DI VITA PER IL 65% DEGLI ADOLESCENTI ANDREA BARBERIS: METTETE IN PANCHINA SEDENTARIETÀ E ALIMENTAZIONE SBAGLIATA

CALABRIA, PIGRIZIA STILE DI VITA PER IL 65% DEGLI ADOLESCENTI ANDREA BARBERIS: METTETE IN PANCHINA SEDENTARIETÀ E ALIMENTAZIONE SBAGLIATA Rassegna Stampa Comunicato stampa CALABRIA, PIGRIZIA STILE DI VITA PER IL 65% DEGLI ADOLESCENTI ANDREA BARBERIS: METTETE IN PANCHINA SEDENTARIETÀ E ALIMENTAZIONE SBAGLIATA Intermedia s.r.l. per la comunicazione

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo Relatori: Neoplasia della mammella: come si affronta Dott. Duilio Della Libera Dott. Mauro Dal Soler Dott. Pierluigi Bullian Data 16 aprile 2014 Sede Aula

Dettagli

Confronto di percorsi di diagnosi e trattamento tra Italia e USA

Confronto di percorsi di diagnosi e trattamento tra Italia e USA Confronto di percorsi di diagnosi e trattamento tra Italia e USA Anna Gigli Istituto di Ricerche sulla Popolazione e le Politiche Sociali (IRPPS-CNR) Seminario L impatto dei tumori sui sistemi sanitari:

Dettagli

TUMORI:FRONTIERA NANOFARMACI,RISULTATI PER SENO E PANCREAS FERRARI, NANOPARTICELLE COME 'TIR' PER VINCERE DIFESE CANCRO (di Manuela Correra)

TUMORI:FRONTIERA NANOFARMACI,RISULTATI PER SENO E PANCREAS FERRARI, NANOPARTICELLE COME 'TIR' PER VINCERE DIFESE CANCRO (di Manuela Correra) TUMORI:FRONTIERA NANOFARMACI,RISULTATI PER SENO E PANCREAS FERRARI, NANOPARTICELLE COME 'TIR' PER VINCERE DIFESE CANCRO (di Manuela Correra) (ANSA) - ROMA, 19 MAR - Come dei Tir o dei droni, 'trasportano'

Dettagli

Rassegna Stampa. Conferenza stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata

Rassegna Stampa. Conferenza stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata Rassegna Stampa Conferenza stampa TUMORE DEL PANCREAS, 1.200 NUOVE DIAGNOSI ALL ANNO IN CAMPANIA. NAPOLI È IN PRIMA FILA PER SOSTENERE LA PREVENZIONE Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata Via

Dettagli

RAZIONALE ED OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE ED OBIETTIVI DIDATTICI PRESIDENTI COMITATO ORGANIZZATORE Giovanni Battista D Errico COMITATO SCIENTIFICO Vincenzo Contursi Giovanni Battista D Errico SEGRETERIA SCIENTIFICA SIICP-Società Italiana Interdisciplinare per le Cure

Dettagli

Ilcestodiciliege ONLUS. Lega Italiana per la lotta contro i tumori di Modena

Ilcestodiciliege ONLUS. Lega Italiana per la lotta contro i tumori di Modena Ilcestodiciliege ONLUS Lega Italiana per la lotta contro i tumori di Modena Ilcestodiciliege onlus e la Lega per la lotta contro i tumori di Modena (per la lotta e la cura del tumore al seno) Per l aspetto

Dettagli

ANSA-FOCUS/ CRISI FA MALE A SALUTE, MENO VISITE, FARMACI E CURE. CROLLA SPESE FAMIGLIE CHE RISPARMIANO ANCHE SUL MEDICO (ANSA) - ROMA, 19 APR - Quasi

ANSA-FOCUS/ CRISI FA MALE A SALUTE, MENO VISITE, FARMACI E CURE. CROLLA SPESE FAMIGLIE CHE RISPARMIANO ANCHE SUL MEDICO (ANSA) - ROMA, 19 APR - Quasi ANSA-FOCUS/ CRISI FA MALE A SALUTE, MENO VISITE, FARMACI E CURE. CROLLA SPESE FAMIGLIE CHE RISPARMIANO ANCHE SUL MEDICO (ANSA) - ROMA, 19 APR - Quasi due milioni di anziani rinunciano a cure e farmaci,

Dettagli

14-09-2014 50/51 1 / 5

14-09-2014 50/51 1 / 5 Quotidiano 14-09-2014 50/51 1 / 5 Quotidiano 14-09-2014 50/51 2 / 5 Quotidiano 14-09-2014 50/51 3 / 5 Quotidiano 14-09-2014 50/51 4 / 5 Quotidiano 14-09-2014 50/51 5 / 5 QUOTIDIANO AIOM: estendiamo i divieti

Dettagli

APPROCCIO RADIOTERAPICO

APPROCCIO RADIOTERAPICO Unità operativa di Radioterapia Azienda Ospedaliera di Parma APPROCCIO RADIOTERAPICO Dott.ssa Dell Anna Cristina TUMORI PRIMITIVI DELLA PARETE TORACICA Sono tumori eterogenei che possono prendere origine

Dettagli

Concorso straordinario farmacie. Ecco il bando della Toscana

Concorso straordinario farmacie. Ecco il bando della Toscana Anno I Numero 57 AVVISO Giuramento di Galeno: -Sabato 15 Dicembre 2012 - Concorso Straordinario: - bando della Toscana Notizie in Rilievo Salute e Benessere 1. Le proprietà curative degli oli essenziali

Dettagli

IL TUMORE DELLA MAMMELLA NEL MONDO

IL TUMORE DELLA MAMMELLA NEL MONDO IL TUMORE DELLA MAMMELLA NEL MONDO In tutto il mondo il carcinoma della mammella è il tumore più frequente nella popolazione femminile, sia per incidenza sia per mortalità. L Organizzazione Mondiale della

Dettagli

Call Center 840.000.006 www.sanita.regione.lombardia.it

Call Center 840.000.006 www.sanita.regione.lombardia.it Call Center 840.000.006 www.sanita.regione.lombardia.it Carcinoma della cervice uterina: attacchiamolo da più fronti Il carcinoma della cervice uterina: una conseguenza rara di una infezione comune Il

Dettagli

Il ruolo dell approccio psicologico nella cura del tumore alla mammella

Il ruolo dell approccio psicologico nella cura del tumore alla mammella Torino, 10 giugno 2014 La donna con il tumore al seno: Assistenza a 360 gradi. Aggiornamento e novità Il ruolo dell approccio psicologico nella cura del tumore alla mammella Dott. Maria Rosa STANIZZO Direttore

Dettagli

R e g i o n e L a z i o

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i o Titolo del programma: Innovazione tecnologica PS su mammella, cervice uterina e colon-retto Identificativo della Linea di intervento generale: 3.1 Prevenzione della popolazione

Dettagli

La prevenzione del tumore al seno nelle giovani donne

La prevenzione del tumore al seno nelle giovani donne UNDERFORTY WOMEN BREAST CARE ONLUS La Prevenzione, diagnosi e cura del tumore al seno nelle giovani donne Centro Direzionale Isola G1 sc. C, int. 66, 9 piano Condominio Prof Studi - 80143 - Napoli (NA)

Dettagli

Dott. Franco Bonanni Direttore dipartimento salute

Dott. Franco Bonanni Direttore dipartimento salute Dott. Franco Bonanni Direttore dipartimento salute Relazione sul cancro al seno nell Unione Europea 7 maggio 2003 gli Stati membri sono invitati a fare della lotta contro il cancro al seno una priorità

Dettagli

Diagnosi precoce delle neoplasie del collo dell utero

Diagnosi precoce delle neoplasie del collo dell utero Diagnosi precoce delle neoplasie del collo dell utero La neoplasia del collo dell utero a livello mondiale rappresenta ancora il secondo tumore maligno della donna, con circa 500.000 nuovi casi stimati

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Mercoledì 08 aprile 2015. Sommario: Rassegna Associativa. Rassegna Sangue e Emoderivati

RASSEGNA STAMPA. Mercoledì 08 aprile 2015. Sommario: Rassegna Associativa. Rassegna Sangue e Emoderivati RASSEGNA STAMPA Mercoledì 08 aprile 2015 Sommario: Rassegna Associativa 2 Rassegna Sangue e Emoderivati 12 Rassegna Medico-scientifica, politica sanitaria e terzo settore 16 Prime Pagine 23 Rassegna associativa

Dettagli

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA )

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA ) Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA T. Mandarino (MMG ASL RMA ) La Malattia di Alzheimer La malattia di Alzheimer è la forma più frequente

Dettagli

Dr. Francesco Rastrelli. 19 gennaio 2015. Reti per promuovere gli screening: il ruolo dei Farmacisti

Dr. Francesco Rastrelli. 19 gennaio 2015. Reti per promuovere gli screening: il ruolo dei Farmacisti Dr. Francesco Rastrelli 19 gennaio 2015 Reti per promuovere gli screening: il ruolo dei Farmacisti Riassetto organizzativo Farmacisti territoriali Medici specialisti MEDICINA GENERALE Infermieri Medici

Dettagli

Informazioni per potenziali partecipanti. Possiamo sciogliere l'amiloidosi AL?

Informazioni per potenziali partecipanti. Possiamo sciogliere l'amiloidosi AL? Informazioni per potenziali partecipanti Possiamo sciogliere l'amiloidosi AL? È ora di affrontare diversamente l amiloidosi AL? L amiloidosi AL è una malattia rara e spesso fatale causata dall accumulo

Dettagli

coin lesion polmonare

coin lesion polmonare coin lesion polmonare accurata anamnesi ed esame obiettivo impossibile confronto con precedenti radiogrammi lesione non preesistente o modificatasi TC Follow-up caratteri di benignità lesione sospetta

Dettagli

Prevenzione della tossicità cutanea indotta da trattamento radioterapico nel tumore della mammella: confronto tra diversi trattamenti topici

Prevenzione della tossicità cutanea indotta da trattamento radioterapico nel tumore della mammella: confronto tra diversi trattamenti topici Prevenzione della tossicità cutanea indotta da trattamento radioterapico nel tumore della mammella: G.Virdis, G. Pavanato, G. Mandoliti SOC Radioterapia Oncologica Azienda ULSS 18 - Rovigo Obiettivi dello

Dettagli

Rassegna Stampa. Comunicato stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata TUMORI: OGNI GIORNO COLPITI 500 ITALIANI CON PIÙ DI 70 ANNI

Rassegna Stampa. Comunicato stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata TUMORI: OGNI GIORNO COLPITI 500 ITALIANI CON PIÙ DI 70 ANNI Rassegna Stampa Comunicato stampa TUMORI: OGNI GIORNO COLPITI 500 ITALIANI CON PIÙ DI 70 ANNI A BERGAMO LA TAPPA DELLA CAMPAGNA LA LOTTA AL CANCRO NON HA ETÀ Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata

Dettagli

Dir. Resp.: Marco Tarquinio

Dir. Resp.: Marco Tarquinio Lettori: 385.000 Diffusione: 107.541 24-SET-2013 Dir. Resp.: Marco Tarquinio da pag. 12 Lettori: 385.000 Diffusione: 107.541 24-SET-2013 Dir. Resp.: Marco Tarquinio da pag. 12 Lettori: 2.835.000 Diffusione:

Dettagli

Nella provincia di Latina sono diagnosticati in media ogni anno 98 casi ogni 100.000 uomini e 27 ogni 100.000 donne.

Nella provincia di Latina sono diagnosticati in media ogni anno 98 casi ogni 100.000 uomini e 27 ogni 100.000 donne. TUMORE DEL POLMONE Nel periodo 27-211 sono stati registrati complessivamente in provincia di Latina 172 nuovi casi di tumore del polmone. E risultato al 1 posto in termini di frequenza fra le neoplasie

Dettagli

Screening per il tumore della mammella Ruolo dei medici di medicina generale. Riportare al singolo paziente le evidenze dei grandi numeri

Screening per il tumore della mammella Ruolo dei medici di medicina generale. Riportare al singolo paziente le evidenze dei grandi numeri Screening per il tumore della mammella Ruolo dei medici di medicina generale Riportare al singolo paziente le evidenze dei grandi numeri Prevenzione:due direttrici parallele Gli studi di popolazione Health

Dettagli

Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica

Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica Domanda #1 (codice domanda: n.541) : Cosa caratterizza il grado T2 del colangiocarcinoma? A: Interessamento del connettivo periduttale B: Coinvolgimento

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

STUDI SU MATERIALE GENETICO

STUDI SU MATERIALE GENETICO Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Ospedale Busonera I.O.V. ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. STUDI SU MATERIALE GENETICO Comitato Etico Istituto Oncologico

Dettagli

TUMORI: COGNETTI, SI MUORE SEMPRE MENO, VINTI DA 1 MLN 285 MILA ITALIANI

TUMORI: COGNETTI, SI MUORE SEMPRE MENO, VINTI DA 1 MLN 285 MILA ITALIANI LETTORI 450.000 TUMORI: COGNETTI, SI MUORE SEMPRE MENO, VINTI DA 1 MLN 285 MILA ITALIANI Roma, 16 mag. (Adnkronos Salute) - "La parola 'cancro' è stata per lungo tempo quasi impronunciabile, sostituita

Dettagli

Lo sviluppo del cancro è un processo complesso che coinvolge parecchi cambiamenti nella stessa cellula staminale. Poiché tutte le cellule staminali

Lo sviluppo del cancro è un processo complesso che coinvolge parecchi cambiamenti nella stessa cellula staminale. Poiché tutte le cellule staminali Tumore Cos è il tumore? Il tumore o neoplasia (dal greco neo,, nuovo, e plasìa,, formazione), o cancro se è maligno, è una classe di malattie caratterizzate da una incontrollata riproduzione di alcune

Dettagli

L ASSOCIAZIONE ITALIANA GASTROENTEROLOGI ED ENDOSCOPISTI DIGESTIVI OSPEDALIERI PRESENTA:

L ASSOCIAZIONE ITALIANA GASTROENTEROLOGI ED ENDOSCOPISTI DIGESTIVI OSPEDALIERI PRESENTA: L ASSOCIAZIONE ITALIANA GASTROENTEROLOGI ED ENDOSCOPISTI DIGESTIVI OSPEDALIERI PRESENTA: LO SCREENING DEL CANCRO COLON-RETTALE AIGO PER I PAZIENTI: INFORMAZIONE SANITARIA A CURA DELLE COMMISSIONI AIGO

Dettagli

Dir. Resp.: Alessandro Sallusti

Dir. Resp.: Alessandro Sallusti Tiratura 04/2015: 148.106 Diffusione 04/2015: 83.049 Lettori I 2015: 484.000 Dir. Resp.: Alessandro Sallusti da pag. 37 13-06-2015 Lettori 38.890 http://www.corriere.it/salute/ CONGRESSO AMERICANO DI ONCOLOGIA

Dettagli

Prevenzione: abitudine. la nostra buona. Call Center 800.318.318 www.sanita.regione.lombardia.it

Prevenzione: abitudine. la nostra buona. Call Center 800.318.318 www.sanita.regione.lombardia.it Call Center 800.318.318 www.sanita.regione.lombardia.it Prevenzione: la nostra buona abitudine Carcinoma della cervice uterina: attacchiamolo da più fronti Il carcinoma della cervice uterina: una conseguenza

Dettagli

SCREENING DEL CARCINOMA DEL COLON-RETTO. Impatto sulla Medicina Generale

SCREENING DEL CARCINOMA DEL COLON-RETTO. Impatto sulla Medicina Generale SCREENING DEL CARCINOMA DEL COLON-RETTO Impatto sulla Medicina Generale SCOPI DEGLI SCREENING ONCOLOGICI Uno screening è un esame sistematico della popolazione per individuare le persone affette da una

Dettagli

EPATITE C: D ANNA (GAL), LORENZIN ACCELERI OK A NUOVI FARMACI E PREPARI

EPATITE C: D ANNA (GAL), LORENZIN ACCELERI OK A NUOVI FARMACI E PREPARI EPATITE C: D ANNA (GAL), LORENZIN ACCELERI OK A NUOVI FARMACI E PREPARI PIANI TERAPEUTICI ROMA, 7 mag - Accelerare, nel rispetto delle norme vigenti, il processo di autorizzazione in Italia dei farmaci

Dettagli

O.N.Da - Roche sul tumore all ovaio

O.N.Da - Roche sul tumore all ovaio Progetto sponsorizzato da Roche S.p.A. Borsa di Studio O.N.Da - Roche sul tumore all ovaio (anno 2011-2012) Bando PREMESSA Il cancro ovarico è dovuto alla proliferazione incontrollata delle cellule dell

Dettagli

Il rimedio migliore contro la leucemia sei tu.

Il rimedio migliore contro la leucemia sei tu. Informazioni sulla donazione delle cellule staminali. Il rimedio migliore contro la leucemia sei tu. Martin Q., donatore di cellule staminali registrato Salvare una vita umana è così semplice. Friederike

Dettagli

Il Test HPV come test di screening primario: la scelta della Regione Toscana Prof. Gianni Amunni

Il Test HPV come test di screening primario: la scelta della Regione Toscana Prof. Gianni Amunni Il Test HPV come test di screening primario: la scelta della Regione Toscana Prof. Gianni Amunni Direttore Istituto per lo studio e la prevenzione oncologica ISPO Direttore Istituto Toscani Tumori (ITT)

Dettagli

EVENTI AVVERSI ED INTERAZIONE TRA FARMACI

EVENTI AVVERSI ED INTERAZIONE TRA FARMACI Organizzatore: J&B S.R.L. Unipersonale Indirizzo: VIA PIEMONTE 12 Città: 87036 RENDE (CS) Telefono: 0984/837852 Fax: 0984/830987 Referente: Dott. DANIELE PERRELLI - WEB - www.jbprof.com info@jbprof.com

Dettagli

Prevenzione e stili di vita al femminile: sviluppi ed impatti a lungo termine

Prevenzione e stili di vita al femminile: sviluppi ed impatti a lungo termine Sanità 2040: progetti per innovare LUISS BUSINESS SCHOOL 27 Marzo 2015 Prevenzione e stili di vita al femminile: sviluppi ed impatti a lungo termine Riccardo Masetti Professore Ordinario di Chirurgia Generale

Dettagli

TITOLO SCREENING ONCOLOGICO DEL TUMORE DEL COLON-RETTO IN PROVINCIA DI RAGUSA: TASSI DI INVITI E ADESIONI PERIODO 2011-2014.

TITOLO SCREENING ONCOLOGICO DEL TUMORE DEL COLON-RETTO IN PROVINCIA DI RAGUSA: TASSI DI INVITI E ADESIONI PERIODO 2011-2014. TITOLO SCREENING ONCOLOGICO DEL TUMORE DEL COLON-RETTO IN PROVINCIA DI RAGUSA: TASSI DI INVITI E ADESIONI PERIODO 2011-2014. Ferrera G.* Cilia S.**, Puglisi C.***, Aprile E., Venga R.. * Resp. U.O. Epidemiologia

Dettagli

TORNARE ALLA VITA, TORNARE AL LAVORO

TORNARE ALLA VITA, TORNARE AL LAVORO RASSEGNA STAMPA TORNARE ALLA VITA, TORNARE AL LAVORO A cura di Agenzia Comunicatio COMUNICATO STAMPA SOCIALE; ACLI ROMA: IN 3 ANNI NELLA CAPITALE OLTRE 200 DONNE SONO RIMASTE INVALIDE PER CAUSE DI LAVORO

Dettagli

i criteri di valutazione

i criteri di valutazione La fattibilità economica dei progetti: i criteri di valutazione 14.XII.2011 I criteri di fattibilità del progetto La convenienza di un investimento t immobiliare per il promotore può avvenire attraverso

Dettagli

8 maggio2014. Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico. La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea.

8 maggio2014. Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico. La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea. 8 maggio2014 Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea. Aiutaci ad abbattere il muro del silenzio Ognuno di noi ha una donna che ama e che ci ama: una mamma,

Dettagli

Rassegna Stampa. Comunicato stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata TUMORE DEL SENO, +27% DI CASI NELLE DONNE UNDER 50 DAL 2000

Rassegna Stampa. Comunicato stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata TUMORE DEL SENO, +27% DI CASI NELLE DONNE UNDER 50 DAL 2000 Rassegna Stampa Comunicato stampa TUMORE DEL SENO, +27% DI CASI NELLE DONNE UNDER 50 DAL 2000 LA MAMMOGRAFIA VA ESTESA ALLE 45ENNI E ALLE OVER 70 Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata Via Malta,

Dettagli

Dovrebbero sottoporsi allo screening del seno tutte le donne?

Dovrebbero sottoporsi allo screening del seno tutte le donne? BREAST SCREENING ITALIAN The Facts SCREENING DEL SENO ITALIANO I fatti Cos è lo screening del seno? Lo screening del seno (mammografia) è un esame a raggi X del seno. L esame può rivelare la presenza di

Dettagli

Programma di screening per la diagnosi precoce del carcinoma della mammella (cancro al seno) per le donne in età compresa tra i 50 e 69 anni

Programma di screening per la diagnosi precoce del carcinoma della mammella (cancro al seno) per le donne in età compresa tra i 50 e 69 anni Programma di screening per la diagnosi precoce del carcinoma della mammella (cancro al seno) per le donne in età compresa tra i 50 e 69 anni In allegato all invito personale per la partecipazione al programma

Dettagli

Risultati della chirurgia per cancro gastrico

Risultati della chirurgia per cancro gastrico Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione San Giuseppe Moscati Avellino - Italy Struttura Complessa di Chirurgia Generale Dir. prof. F. Caracciolo Risultati della chirurgia per

Dettagli

ONCOVIEW 2012. Istruzioni per la compilazione delle schede pazienti

ONCOVIEW 2012. Istruzioni per la compilazione delle schede pazienti ONCOVIEW 2012 Istruzioni per la compilazione delle schede pazienti ONCOVIEW - COME SI COLLABORA Lo studio ONCOVIEW ha l obiettivo di fornire un quadro esaustivo ed approfondito delle terapie farmacologiche

Dettagli

Titolo, oggetto e obiettivo del Progetto: Obiettivo Primario

Titolo, oggetto e obiettivo del Progetto: Obiettivo Primario Titolo, oggetto e obiettivo del Progetto: Studio clinico randomizzato, con gruppo di controllo, sull Agopuntura Tradizionale Cinese come Terapia di Supporto in pazienti sottoposti a trattamento Chemioterapico

Dettagli

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA:

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: HPV-test Pap-test 71% CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: FALSI MITI & REALTÀ DA CONOSCERE 1 Il carcinoma della cervice uterina colpisce solo donne in età avanzata 1 Studi recenti hanno evidenziato che il

Dettagli

Lettori: 661.000 Diffusione: 35.541. Dir. Resp.: Giuseppe De Tomaso. 16-DIC-2014 da pag. 16

Lettori: 661.000 Diffusione: 35.541. Dir. Resp.: Giuseppe De Tomaso. 16-DIC-2014 da pag. 16 Lettori: 661.000 Diffusione: 35.541 Dir. Resp.: Giuseppe De Tomaso 16-DIC-2014 da pag. 16 Lettori: n.d. Diffusione: n.d. 16-DIC-2014 Dir. Resp.: Roberto Napoletano da pag. 18 Lettori: 2.848.000 Diffusione:

Dettagli

Comitato Scientifico: Gianni Amunni Oscar Bertetto Antonio Frassoldati Roberto Labianca Riccardo Masetti Paolo Pronzato

Comitato Scientifico: Gianni Amunni Oscar Bertetto Antonio Frassoldati Roberto Labianca Riccardo Masetti Paolo Pronzato Coordinamento Scientifico Pierfranco Conte Valentina Guarneri Comitato Scientifico: Gianni Amunni Oscar Bertetto Antonio Frassoldati Roberto Labianca Riccardo Masetti Paolo Pronzato A cura di OVER SRL

Dettagli