INDICI GENETICI ANNO 2013 RAZZA CAPRINA MALTESE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICI GENETICI ANNO 2013 RAZZA CAPRINA MALTESE"

Transcript

1 associazione nazionale della pastorizia INDICI GENETICI ANNO 2013 RAZZA CAPRINA MALTESE

2

3 RELAZIONE TECNICA

4

5 6 CICLO DI VALUTAZIONE GENETICA DELLA RAZZA CAPRINA MALTESE L allevatore ha l esigenza di creare la nuova generazione di becchi e capre da utilizzare in azienda. Gli indici genetici sono un ottimo strumento di selezione per individuare gli animali da destinare alla rimonta o alla riforma ma talvolta se non sussistono le condizioni per poterli stimare accuratamente, per caratteri quali la produzione del latte, l allevatore può volere selezionare gli animali che avranno maggiori produzioni future piuttosto che quelli con la migliore progenie. Per la stima della produzione futura si utilizza l indice di Abilità produttiva. È un indice che valorizza tutte le informazioni anagrafiche e produttive disponibili in banca dati, calcolato aggregando in un'unica informazione la stima genetica e la soluzione ambientale permanente ottenute dal calcolo delle soluzioni genetiche. Nella componente ambientale permanente possiamo considerare tutte le cause specifiche che influenzano costantemente e con la stessa entità tutta la carriera produttiva di ogni animale pertanto tiene conto delle misure rilevate più di una volta sullo stesso animale come ad esempio due o più lattazioni della stessa capra. Grazie all utilizzo di questo nuovo strumento selettivo il processo selettivo sulla razza Maltese è iniziato. Obiettivo di selezione e raccolta dei dati fenotipici. In Italia questa razza è allevata al Centro-Sud e nelle Isole e gli sforzi della selezione sono finalizzati ad migliorare l attitudine produttiva e casearia della razza, valorizzando le qualità del latte, del grasso e della proteina senza trascurare l aspetto morfologico. Quando si parla di programma genetico bisogna distinguere fra il programma di una azienda e quello sull intera razza. Gli allevatori non sempre hanno obiettivi comuni ed effettuano le scelte in funzione di una miriade di fattori che singolarmente non potrebbero essere individuati ne tanto meno analizzati; alcuni investono di più in miglioramento genetico e ricavano una importante percentuale del loro reddito dalla vendita di soggetti da riproduzione, altri sono solo interessati alla vendita del latte e altri ancora alla sua trasformazione casearia. Il compito di chi si occupa dell intera razza è quello di farla progredire nel suo insieme, accrescere cioè la media per i caratteri obiettivo di selezione. Nella razza Maltese il miglioramento genetico viene realizzato non in maniera diffusa nella popolazione ma in aziende del Libro genealogico caratterizzate da un buon livello imprenditoriale dove si utilizzano moderne bio-tecnologie, la verifica delle ascendenze, controlli sulla qualità del latte e dei foraggi ed altro ancora. L effetto della sua applicazione determina, di fatto, nella popolazione una suddivisione della stessa in una parte attiva (sostanzialmente gli animali iscritti al Libro Genealogico) che partecipa al programma di miglioramento, ed una commerciale alla quale gli effetti dello stesso sono trasmessi a cascata dalla prima. Nonostante il grande impegno del sistema degli Allevatori italiano, nelle capre esiste lo sbilanciamento nel rapporto fra popolazione attiva e popolazione commerciale a netto favore di quest ultima che ne limita l efficacia. Questa attività di selezione è coordinata dall Ufficio Centrale del Libro Genealogico dell Asso.Na.Pa. e tra le varie figure istituzionali che partecipano a questa attività ricordiamo: Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, Associazione Italiana Allevatori, Associazioni Provinciali e Regionali degli Allevatori ed il Laboratorio di Genetica e Servizi. Il processo per la produzione degli indici genetici inizia con la raccolta ed archiviazione dei dati produttivi ed anagrafici direttamente nelle aziende che permettono di mettere in relazione le produzioni degli animali legati da vincoli di parentela. I dati anagrafici e produttivi aziendali sono rilevati dai tecnici delle APA e trasmessi alla Banca dati dell Asso.Na.Pa. e all Ufficio Centrale dei Controlli dell AIA, per essere poi utilizzati per proprie competenze istituzionali. I dati pervenuti in Asso.Na.Pa. sono controllati in fase di acquisizione e questa attività di verifica è fondamentale per le stime riproduttive, in quanto il risultato finale dipende dalla correttezza delle informazioni che permettono di mettere in relazione le produzioni degli animali apparentati fra loro. Strumento di selezione. Per ottenere il massimo progresso genetico è necessario rendere ottimali gli accoppiamenti e la loro carriera riproduttiva e a tale scopo l allevatore accoppia le migliori capre con i migliori becchi,

6 evitando le unioni fra consanguinei, e queste scelte così finalizzate, garantiscono nel tempo un miglioramento genetico ed il suo accumulo generazione dopo generazione. L allevatore, ad ogni ciclo di valutazione genetica analizzando i risultati degli indici dei propri becchi potrà verificare la loro stabilità rispetto alla valutazione precedente. È comunque importante che sappia che la fluttuazione degli indici è normale in quanto sono delle stime e come tali dipendono dalle informazioni presenti al momento del calcolo, ad esempio per un becco la fluttuazione dell indice dipende dall ingresso delle nuove lattazioni delle sue figlie che si sono aggiunte alle preesistenti lattazioni e dal numero di aziende coinvolte. Con le fluttuazioni degli indici l allevatore deve convivere e regolarsi di conseguenza senza troppi allarmismi. Le esperienze maturate in altre realtà zootecniche insegnano che il progresso genetico realizzabile su di un nucleo di allevamenti è nettamente superiore alla somma di quanto ottenibile da ogni singolo allevatore nel proprio allevamento; pertanto le azioni intraprese sulle razze caprine sono orientate primariamente verso una gestione collettiva del patrimonio genetico della razza, integrate da un auspicabile sviluppo di centri di FA, sia per ottenere una capillare diffusione del becco miglioratore ed anche per infittire la rete di connessioni aziendali necessarie per migliorare le stime genetiche. L Ufficio centrale della AssoNaPa, per ovviare alle difficoltà pratiche degli allevatori nella costruzione dei gruppi di monta ha predisposto su internet, per i tecnici delle APA, un programma on line per la verifica della consanguineità negli accoppiamenti programmati. Metodologia Blup animal model. La valutazione genetica effettuata sulla razza Maltese è del tipo BLUP animal model, ha il pregio di indicizzare simultaneamente i riproduttori di entrambi i sessi e gli indici che si ottengono dalla elaborazione non sono i veri valori genetici degli animali ma le loro stime e come tali soggette ad approssimazione. Il software utilizzato è MTjaa20 di J.Misztal, molto versatile con possibilità di ampliare il numero di caratteri da selezionare in base alle finalità da perseguire. È detto Animal model perché si valutano contemporaneamente tutti i riproduttori, becchi e capre nel nostro caso; inoltre, nella stima del valore riproduttivo si tiene conto sia del valore genetico delle capre, con cui i becchi sono stati accoppiati, che degli effetti della selezione; infine, garantisce una maggiore accuratezza delle valutazioni perché si utilizzano tutte le parentele conosciute. Parametri genetici: Ereditabilità e Ripetibilità sono due parametri propri di ogni razza e carattere. La ereditabilità ( h 2 ) quantifica quale proporzione della produzione è determinata dai geni trasmessi dai genitori; in letteratura troviamo spesso per questi caratteri produttivi valori compresi fra 0.15 e 0.30; tanto maggiore è h 2 tanto più rapido è il miglioramento genetico che è possibile ottenere nella razza. La ripetibilità (= r) rappresenta il grado di associazione tra due misure rilevate più di una volta sullo stesso animale; ad es. due o più lattazioni della stessa capra. In questo primo turno di valutazione abbiamo calcolato, con il programma MT26, i parametri genetici della razza Maltese e data la loro importanza saranno oggetto di verifica nei prossimi turni di valutazione, successivamente si manterranno fissi per un lungo periodo e questo migliorerà la stabilità degli indici limitando la fluttuazione. Tabella. Ereditabilità, correlazioni genetiche (in alto) e correlazioni fenotipiche (in basso) Latte Kg Kg Grasso litri Proteine Latte litri kg Proteine Kg Grasso Modello statistico Prima di analizzare in dettaglio il modello è utile focalizzare l attenzione su quali possono essere i fattori che meglio descrivono la vita produttiva di una capra. Tali fattori sono definiti effetti fissi se hanno un effetto omogeneo su tutte le capre (ad es. l età al parto delle capre è un fattore comune a tutte le capre che hanno partorito alla stessa età) e effetti casuali se differenti da animale ad animale (patrimonio genetico). Gli effetti fissi a loro volta li possiamo distinguere in tempo-

7 dipendenti, cioè che non variano nel corso di tutta la vita della capra (es. età al primo parto) e tempo-dipendenti (anno di parto che differisce da lattazione a lattazione). Il modello statistico consente di scomporre un dato produttivo nei vari effetti che hanno concorso a determinarlo: Y(*) = HYS + ABP + G + EPA + E Il modello ha come variabile dipendente il latte, le proteine ed il grasso; Y (*)= Latte in litri, Proteine e Grasso in chilogrammi; HYS = "Management" (Azienda/anno/stagione di parto) ossia l effetto della interazione dell attività dell allevatore in un dato anno e nella stagione di parto; ABP= Ordine di Parto; G = Genotipo dell animale (è l indice genetico che si sta cercando di stimare); EPA = Effetto Ambientale Permanente specifico per ogni animale che influenza costantemente e con la stessa entità tutta la carriera produttiva; E = Altri fattori ambientali non identificati con precisione e non riconducibili agli effetti sopra indicati nel modello. Il modello risulta essere non particolarmente complesso e il numero di capi non consente alcun trattamento preferenziale. Caratteri da selezionare, Base genetica e Passaggi di proprietà. I caratteri da selezionare sono rappresentati dalla produzione del latte, grasso e proteine in 210 giorni di lattazione e nel data set produttivo sono inserite: - tutte le lattazioni chiuse troncate ai 210 gg di lattazione; con durata della lattazione inferiore viene utilizzato il dato produttivo effettivamente calcolato; - le lattazioni aperte, cioè lattazioni delle capre che alla ricezione degli archivi produttivi sono ancora in mungitura; queste lattazioni sono utilizzate proiettate alla durata di riferimento. La proiezione è un valido strumento per utilizzare le lattazioni aperte con almeno 3 controlli funzionali e queste lattazioni consentono di anticipare la stima genetica delle caprette già durante la prima lattazione e disporre subito delle stime tendenziali, utili per le scelte aziendali. Le produzioni sono influenzate dalla interazione di altri fattori ambientali di cui però si tiene conto nel modello come Allevamento, Anno e Stagione di Parto. La base genetica qui adottata è del tipo fisso e rappresenta la media degli indici delle capre nate in un certo anno e sarà aggiornata ogni 5 anni, questo stabilizzerà le stime degli indici e ne renderà possibile un confronto negli anni. Se non ci fosse questo aggiornamento periodico, l allevatore sarebbe portato a credere che l indice molto elevato sia una aspettativa di un pari miglioramento della sua media aziendale, mentre in realtà è una attesa di miglioramento rispetto alla media dell anno cui si riferisce la base genetica quindi una promessa che l allevatore ha in parte già realizzato in azienda. È bene ricordare che l indice genetico non è un dato abilitante alla riproduzione e pertanto gli allevatori possono usare senza alcun vincolo i loro becchi aziendali; sarà l affermarsi nel tempo della valutazione genetica a fissare i limiti del loro impiego quale strumento di scelta riproduttiva. Alle APA è comunicata la stima del valore per singolo capo e poiché le informazioni produttive e anagrafiche che ogni animale porta con sé sono diverse, diverso sarà il suo indice. Il programma dei passaggi di proprietà verifica che le lattazioni delle capre siano assegnate alle aziende dove hanno avuto origine e conclusione; se riscontra che la lattazione è stata interrotta da un passaggio di proprietà, ossia ci sono più aziende coinvolte per la stessa lattazione, allora questa lattazione sarà eliminata e non farà parte dall archivio produttivo.

8 Dati alla elaborazione del I dati anagrafici e produttivi utilizzati nella valutazione genetica per la razza Maltese sono riportati in tabella. Tabella 2. Dati utilizzati nella elaborazione Anagrafiche: num. Becchi 330 Capre Madri Nonne Totale Lattazioni utili: Quantità di latte Qualità del latte qualità/totale 41.89% Consistenze dei capi in base al latte qualità (proteine e grasso). In tabella riportiamo le informazioni sul numero di capi totali, sui capi con il latte qualità e la percentuale sul totale. Maltese Capi con latte qualità Totale capi % Becchi ,54 Capre con lattazione ,87 Lattazioni ,89 Situazione della connessione. Uno dei vantaggi della metodologia BLUP sta nella stima simultanea degli effetti ambientali e genetici e che le loro stime risultano essere le migliori possibili, ma perché ciò si realizzi è necessario che si abbia una accettabile condizione di connessione fra le aziende. Un esempio tipico di mancata connessione è quello di un becco che ha figlie in un unico allevamento, le quali figlie sono le uniche capre di quel gregge per quella classe di allevamento, anno e stagione (HYS), non esiste cioè la possibilità di confrontare nelle stesse condizioni ambientali le figlie di quel becco con altre della stessa classe. In questa situazione è difficile distinguere l effetto gregge dall effetto becco ma questo becco se avesse figlie in altri allevamenti allora queste ulteriori informazioni consentirebbero di corregge gli effetti allevamento e genetico. Nei dati che presentiamo risulta che la rete di connessione fra aziende e becchi è bassa ma potrebbe essere migliore se venissero anche solo in parte ridotte le cause che ne limitano lo sviluppo, tra queste ricordiamo l utilizzo per più anni dello stesso becco aziendale a causa della scarsa propensione degli allevatori ad utilizzare riproduttori di altre aziende; pertanto se non si interverrà in tal senso si otterranno buoni risultati ma non nell immediato futuro. Per il calcolo della connessione è stato utilizzato il software Conness sviluppato dalla dr.ssa Moioli (C.R.A.Roma) che elabora la coppia becco azienda ottenendo un elenco di allevamenti dove le produzioni sono comparabili ed un altro dove non è possibile fare confronti. Tabella della connessione e valore percentuale sul totale. Aziende: % Connesse/Sconnesse connesse Becchi 33 / Trend. Come già accennato questi indici hanno la finalità di semplificare le scelte aziendali della rimonta e della riforma. Gli indice quantitativi sono calcolati per i soli capi in possesso delle informazioni sul latte qualità. Non possiamo aspettarci risultati interessanti se non dopo alcune generazioni, quando avremo le lattazioni delle figlie dei capi nati da mirati accoppiamenti aziendali.

9 Tabella. Calcolo del trend femminile Anni Capre Indice Indice Latte Kg Prot. num. media media Indice Kg Grasso media Anni Tabella. Calcolo dei trend maschile Becchi Indice Indice Latte Kg Prot. num. media media Indice Kg Grasso media Risultati degli indici - anno 2013 Maltese Sono state utilizzate lattazioni, di cui con i dati della qualità, di capre prodotte in 69 aziende. Sono stati elaborati gli indici genetici di riproduttori di cui femmine e 330 becchi. Le capre con lattazioni sono mentre 861 sono senza lattazione e indicizzate in quanto madri. I becchi sono 330 e hanno figlie con lattazioni utili. La produzione media di razza a 210 giorni è di 311±141 litri. Sono state create 1400 classi HYS con le lattazioni in banca dati dal 1990 fino ad oggi. litri di latte. L'indice genetico medio dei becchi è di ±26σ i valori minimo e massimo sono -171 e 91. L'indice genetico medio delle capre è di 0.73±19σ i valori minimo e massimo sono -129 e 173. kg Proteine. L'indice genetico medio dei becchi è di 0.03±10σ i valori minimo e massimo sono -29 e 44. L'indice genetico medio delle capre è di 0.38 ±7σ e i valori minimo e massimo sono -27 e 37. kg Grasso. L'indice genetico medio dei becchi è di -0.23±10σ i valori minimo e massimo sono -25 e 42 L'indice genetico medio delle capre è di ±6σ e i valori minimo e massimo sono -26 e 32. Obiettivi e Indirizzi. Gli obiettivi che si intendono perseguire con la diffusione degli indici sono: - 1) scelta della rimonta e della riforma in funzione delle esigenze aziendali; - 2) individuazione delle migliori capre dell allevamento e dei migliori becchi della razza se appartenenti al gruppo delle aziende connesse; - 3) aumento la base di selezione; - 4) eventuale calcolo degli indici in più periodi dell'anno; - 5) incentivo all'utilizzo dei migliori riproduttori tramite la F.A.; Per i giovani animali non ancora indicizzati, figli di soggetti con valutazione genetica, il loro indice pedigree, può essere indicativamente stimato come media aritmetica degli indici dei genitori. Con gli aggiornamenti apportati alle procedure di elaborazione possiamo fornire le valutazioni genetiche in qualsiasi periodo dell'anno, non essendo più legati alla chiusura delle lattazioni, andando pertanto incontro alle esigenze degli allevatori. Indice di Abilità produttiva La sua validità è esclusivamente entro azienda e non per i confronti sulla popolazione L Indice di Abilità produttiva esprime l insieme degli effetti genetici e ambientali permanenti di una capra, quindi la potenziale produzione per un carattere che si ripete. Rappresenta un importante occasione per realizzare una prima virtuosa sinergia fra l AssoNaPa e le aziende di Maltese, al fine di fornire agli allevatori un indice semplice, di pronto utilizzo nella quotidiana gestione aziendale ed indispensabile per la scelta della rimonta e degli scarti, oltre ad essere caratterizzato da una buona rispondenza alle esigenze casearie degli allevatori. Conclusioni. La selezione avviata dall AssoNaPa, per incrementare la produzione del Latte, della Proteina e del Grasso, in questi ultimi anni, ha conseguito buoni risultati nelle razze Saanen e Camosciata e possiamo attenderci anche per la Maltese gli stessi risultati. Una considerazione finale per il grado di connessione delle aziende che in solo in alcune aree è accettabile, come ad esempio in Sardegna, ma in altre lo è di meno con il rischio che possibile ottenere solo stime aziendali.

10

11 ASSOCIAZIONE NAZIONALE DELLA PASTORIZIA RAZZA CAPRINA MALTESE Elenco BECCHI Ordinati per Base Genetica=2005 Data Calcolo 01/07/2013

12

13 ELENCO BECCHI ORDINATI PER FIGLIE AZIENDE ANNI ULTIMO ANNO PARTO FIGLIE IT011AG128A IT017AG015A IT026AG031A IT029AG008A IT029AG031A IT IT IT IT IT IT IT IT IT IT IT IT IT IT IT IT IT IT IT IT IT IT IT IT IT IT IT IT IT IT IT IT IT ITAGCJ ITAGCJ ITAGCJ ITAGCJ ITAGCJ ITAGFW 00079A ITAGFW 00080A ITAGFW 00087A ITAGFW ITAGGJ ITAGIG

14 ELENCO BECCHI ORDINATI PER FIGLIE AZIENDE ANNI ULTIMO ANNO PARTO FIGLIE ITAGKM 00041A ITAGKM 00042A ITAGMK 00027A ITAGMK 00033A ITAGPN 00038B ITAGPN 00039B ITAGT ITCAFFA ITCAFFA ITCAFFA ITCAFFA ITCAFFA ITCAFFA ITCAPE ITCAPE ITCAPE ITCAPE ITCAPE ITCAPE ITCAPE ITCAPE ITCAPE ITCAPE ITCAPE ITCAPE ITCAPE ITCAPE ITCAPE ITCAPE ITCAPE ITCAPE ITCLBD 00203J ITCLBD 00211J ITCLBD 00212J ITCLBD 00488A ITCLBD 00508A ITCLBF 00484A ITCLBH 00004A ITCLBH ITCLBH ITCLBH ITCLBH ITCLBH ITCLBH ITCLBH ITCLBH ITCLBH ITCLBH ITCLHU 00063A

15 ELENCO BECCHI ORDINATI PER FIGLIE AZIENDE ANNI ULTIMO ANNO PARTO FIGLIE ITCLIZ 00025J ITCLIZ 00062J ITCTLA 00030A ITCTLA 00092A ITGRGS ITLEAV 00777J ITLEAV 00778J ITLEAV 00779J ITLTDF ITLTDF ITLTNF ITLTNF 00244J ITLTNF ITLTNF 00268I ITLTNF 00282J ITLTNF 00389J ITLTNF 00401J ITLTNF 00403J ITLTNF 00405J ITLTNF ITLTNF ITLTNF ITLTNF ITLTNF ITLTNF 00843J ITLTNF 00847J ITLTNF 00886J ITLTNF 01308J ITLTNF 01511J ITLTNF ITLTNF ITLTNF ITLTNF 01515J ITLTNF 02161J ITMEVA ITMEVA ITMEVA ITMEZQ 00050A ITMTFV ITMTFV ITMTFV ITMTFV ITMTFV ITMTFV 00643J ITMTFV 00835J ITMTFV 00975J ITMTFV 00980J ITMTFV 01172J ITMTFV 01173J

16 ELENCO BECCHI ORDINATI PER FIGLIE AZIENDE ANNI ULTIMO ANNO PARTO FIGLIE ITMTFV 01174J ITMTFV 01175J ITMTFV 01179J ITMTFV 01180J ITMTFV 01181J ITMTFV 01182J ITMTFV 01350J ITMTFV 01352J ITMTFV 01354J ITMTFV 01469J ITMTFV 01473J ITMTFV 01477J ITMTFV 01485J ITMTFV 01651J ITMTFV 01653J ITMTFV 01654J ITMTFV 01791J ITMTFV 01792J ITMTFV 01793J ITMTFV 01794J ITMTFV 01796J ITMTFV 01799J ITMTFV ITMTFV 01889J ITMTFV ITMTFV ITMTFV ITMTFV ITMTFV ITMTFV ITMTFV ITMTFV ITMTFV ITMTFV ITMTFV ITMTFV ITMTFV ITMTFV ITMTFV ITMTFV ITMTFV ITMTFV ITMTFV ITMTFV ITMTFV ITMTFV ITMTFV ITMTFV ITMTFV

17 ELENCO BECCHI ORDINATI PER FIGLIE AZIENDE ANNI ULTIMO ANNO PARTO FIGLIE ITMTFV ITMTFV ITMTFV ITNUAG ITNUDT 00002J ITNUFN 00035J ITNUGL ITNULA 00137J ITNUNP 00067J ITNUPA 00022J ITNUPM 00116J ITNUPM 00222J ITNUPM 00300J ITNUPM 00302I ITNUPM ITNUPM 00392J ITNUPM 00394J ITNUPM 00475J ITNUPM 00483J ITNUPM 00487J ITNUPM 00489J ITNUPM 00491J ITNUPM 00493J ITNUPM 00516J ITNUPM 00580J ITNUPM ITNUPM ITNUPM ITNUPM ITNUPM ITNUPM ITNUPM ITNUPM ITNUPM ITNUPR ITNUPR 00110J ITNUPR ITNUPR 00147J ITNUPR 00148J ITNUPR ITNURR 00047J ITNURR ITNURR ITNURR ITNURR ITNURR ITNURR ITNURR ITNURR

18 ELENCO BECCHI ORDINATI PER FIGLIE AZIENDE ANNI ULTIMO ANNO PARTO FIGLIE ITNURR ITNUSG ITNUSS ITNUSS ITNUSS ITNUTP 00001N ITNUTP ITNUTP ITNUZK 00013J ITORZA 00024L ITORZA 00027L ITORZA 00028M ITORZA 00031M ITPAADL00072A ITPZDA ITPZDA ITPZDA ITPZDA ITPZDA ITPZIZ 00278I ITPZIZ 00280I ITPZIZ 00398I ITPZIZ ITPZIZ ITR.NF ITR.NF ITR.NF ITR.NF ITR.NF ITR.NF ITR.NF ITR.NF ITR.NF ITR.NF ITR.NF ITR.NF ITR.NF ITR.NF ITR.NF ITR.NF ITR.NF ITSSAG ITSSBG 00096J ITSSBV 00011J ITSSBV 00020J ITSSOM 00009J ITSSWI ITSSWI

19 ASSOCIAZIONE NAZIONALE DELLA PASTORIZIA RAZZA CAPRINA MALTESE Elenco CAPRE Ordinate per CODICE ed ABILITA NATE DAL 2001, NON ELIMINATE Base Genetica=2005 Data Calcolo 01/07/2013

20

21 ELENCO CAPRE ORDINATE PER E A.P IT /03/ IT /02/ IT /02/ IT /01/ IT /03/ IT /09/ IT /02/ IT /01/ IT /09/ IT /06/ IT /01/ IT /05/ IT /02/ IT /06/ IT /05/ IT /05/ IT /02/ ITLTNF /03/ IT /12/ ITLTNF /03/ ITLTNF /03/ IT /02/ IT /02/ ITLTNF 02041J 02/03/ ITLTNF /02/ ITLTNF 01611J 01/01/ ITLTNF /01/ IT /02/ IT /03/ IT /12/ ITLTNF 01830J 02/03/ ITLTNF /03/ IT /02/ IT /02/ ITLTNF 01938J 02/01/ ITLTNF 01829J 02/03/ IT /03/ IT /02/ ITLTNF /03/ ITLTNF /01/ ITLTNF /05/ IT /03/ IT /12/ ITLTNF 01848J 28/03/ IT /12/ IT /03/ IT /02/ IT /12/

22 ELENCO CAPRE ORDINATE PER E A.P IT /11/ IT /05/ ITLTNF 01824J 22/02/ ITLTNF 01933J 10/01/ ITLTNF /03/ ITLTNF /03/ ITLTNF 01967J 02/02/ ITLTNF /03/ IT /03/ ITLTNF /04/ ITLTNF /04/ ITLTNF 01891J 01/02/ IT /01/ IT /02/ IT /11/ ITLTNF 01859J 07/04/ ITLTNF 01959J 10/01/ ITLTNF /03/ ITLTNF 02273J 01/05/ ITLTNF 02168J 30/03/ ITLTNF /03/ ITLTNF 01984J 04/03/ ITLTNF /01/ ITLTNF 01856J 06/04/ IT /02/ IT /02/ ITLTNF 01906J 27/01/ ITLTNF 02190J 02/03/ ITLTNF /12/ ITLTNF 01969J 26/01/ ITLTNF /03/ ITLTNF /02/ ITLTNF 01801J 07/02/ ITLTNF 01707J 16/01/ ITLTNF 01606J 04/01/ ITLTNF /02/ IT /02/ IT /05/ IT /02/ IT /04/ ITLTNF /04/ ITLTNF 01911J 06/01/ ITLTNF 01808J 13/02/ ITLTNF 01813J 15/02/ ITLTNF /03/ ITLTNF /02/ ITLTNF /12/ IT /11/

23 ELENCO CAPRE ORDINATE PER E A.P IT /02/ IT /03/ IT /12/ IT /05/ IT /02/ ITLTNF 01908J 01/02/ ITLTNF /07/ ITLTNF 02092J 04/02/ ITLTNF /03/ ITLTNF /05/ IT /02/ IT /04/ IT /03/ IT /01/ ITLTNF 02265J 19/03/ ITLTNF /03/ ITLTNF /03/ ITLTNF /03/ ITLTNF 02068J 01/03/ IT /02/ IT /03/ IT /11/ IT /04/ IT /03/ IT /09/ ITLTNF 02050J 10/03/ ITLTNF 01976J 12/01/ ITLTNF /03/ ITLTNF 01803J 08/02/ ITLTNF 01956J 05/01/ ITLTNF 02281J 08/05/ IT /02/ IT /04/ IT /02/ IT /11/ IT /04/ ITLTNF /03/ ITLTNF 01839J 04/06/ ITLTNF 02056J 10/03/ ITLTNF 01942J 03/01/ ITLTNF 02247J 23/03/ ITLTNF /03/ IT /04/ IT /05/ ITLTNF 02193J 04/03/ ITLTNF /03/ ITLTNF 02262J 10/04/ ITLTNF /01/

24 ELENCO CAPRE ORDINATE PER E A.P ITLTNF 01643J 24/12/ ITLTNF 02286J 01/05/ ITLTNF 02155J 21/03/ ITLTNF /12/ ITLTNF 01562J 03/01/ IT /03/ IT /02/ IT /03/ IT /03/ IT /02/ IT /12/ IT /09/ ITLTNF /01/ ITLTNF 02104J 19/12/ ITLTNF 02147J 15/03/ ITLTNF 02150J 26/03/ ITLTNF /12/ ITLTNF /03/ ITLTNF 01818J 17/02/ ITLTNF 01923J 26/01/ ITLTNF /04/ ITLTNF 01926J 21/02/ ITLTNF /01/ ITLTNF 01957J 11/01/ ITLTNF /04/ ITLTNF 02113J 27/12/ ITLTNF 02133J 23/12/ IT /12/ IT /01/ IT /02/ IT /04/ IT /03/ IT /02/ IT /12/ IT /01/ ITLTNF 02255J 17/03/ ITLTNF /05/ ITLTNF 01951J 02/01/ ITLTNF 01953J 26/01/ ITLTNF 01907J 01/02/ ITLTNF 01876J 09/01/ ITLTNF /05/ ITLTNF 01845J 05/01/ ITLTNF /01/ ITLTNF 01987J 01/01/ ITLTNF /03/ ITLTNF /03/ ITLTNF /03/

25 ELENCO CAPRE ORDINATE PER E A.P ITLTNF 02279J 19/03/ ITLTNF /03/ ITLTNF 02213J 13/04/ ITLTNF 02198J 21/03/ ITLTNF /01/ IT /02/ IT /02/ IT /03/ IT /02/ ITLTNF 02202J 11/03/ ITLTNF /12/ ITLTNF /03/ ITLTNF /05/ ITLTNF 01988J 02/02/ ITLTNF /03/ ITLTNF /02/ ITLTNF 01937J 10/02/ ITLTNF 01946J 10/01/ ITLTNF /03/ ITLTNF 01850J 03/04/ ITLTNF /01/ ITLTNF 01934J 04/01/ ITLTNF /01/ ITLTNF /03/ ITLTNF /03/ ITLTNF /01/ ITLTNF /03/ ITLTNF 02248J 08/03/ IT /02/ IT /03/ IT /03/ IT /04/ IT /02/ IT /02/ IT /12/ IT /02/ ITLTNF /03/ ITLTNF /03/ ITLTNF 02181J 06/03/ ITLTNF 02194J 04/03/ ITLTNF /03/ ITLTNF 02103J 15/12/ ITLTNF /03/ ITLTNF 01817J 17/02/ ITLTNF /03/ ITLTNF 02140J 01/01/ ITLTNF 02196J 30/03/ ITLTNF 02229J 09/04/

INDICI GENETICI ANNO 2014 RAZZA CAPRINA CAMOSCIATA DELLE ALPI

INDICI GENETICI ANNO 2014 RAZZA CAPRINA CAMOSCIATA DELLE ALPI INDICI GENETICI ANNO 2014 RAZZA CAPRINA CAMOSCIATA DELLE ALPI RELAZIONE TECNICA VALUTAZIONE GENETICA DELLE RAZZE CAPRINE SAANEN E CAMOSCIATA DELLE ALPI L allevatore ha l esigenza di creare la nuova generazione

Dettagli

SEMPLIFICAZIONE DEI CONTROLLI FUNZIONALI: ANALISI DELLA CAPRA NERA DI VERZASCA

SEMPLIFICAZIONE DEI CONTROLLI FUNZIONALI: ANALISI DELLA CAPRA NERA DI VERZASCA SEMPLIFICAZIONE DEI CONTROLLI FUNZIONALI: ANALISI DELLA CAPRA NERA DI VERZASCA Rita Rizzi Dipartimento di Scienze Veterinarie e Sanità Pubblica Giornata tematica GESTIONE GENETICA DELLE POPOLAZIONI CAPRINE

Dettagli

CARATTERI QUANTITATIVI misurabili su una scala metrica variabilità continua

CARATTERI QUANTITATIVI misurabili su una scala metrica variabilità continua CARATTERI DI INTERESSE ZOOTECNICO CARATTERI QUANTITATIVI misurabili su una scala metrica variabilità continua CARATTERI QUALITATI VI classificazione delle unità sperimentali variabilità discontinua CARATTERI

Dettagli

BIOTECNOLOGIE. Miglioramento genetico Gestione della variabilità

BIOTECNOLOGIE. Miglioramento genetico Gestione della variabilità Miglioramento genetico Gestione della variabilità BIOTECNOLOGIE Un aspetto alla volta. Quali specie interessate da programmi di miglioramento genetico e come funzionano? Quali le problematiche e quali

Dettagli

RISPOSTA ALLA SELEZIONE

RISPOSTA ALLA SELEZIONE RISPOSTA ALLA SELEZIONE Una volta valutati e scelti i riproduttori secondo criteri di selezione precisi, è necessario stimare la risposta ottenibile con un determinato progetto selettivo e verificare a

Dettagli

GUSTAVO GANDINI 6 SEMINARIO S.A.T.A. CAPRINI E OVINI

GUSTAVO GANDINI 6 SEMINARIO S.A.T.A. CAPRINI E OVINI 6 SEMINARIO S.A.T.A. CAPRINI E OVINI IN COLLABORAZIONE CON PROGETTO INTERREG NERA DI VERZASCA ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DELLA LOMBARDIA APPROCCIO GESTIONALE NELL ALLEVAMENTO DELLA CAPRA DA LATTE

Dettagli

INDICI GENETICI ANNO 2014 RAZZA CAPRINA MALTESE

INDICI GENETICI ANNO 2014 RAZZA CAPRINA MALTESE INDICI GENETICI ANNO 2014 RAZZA CAPRINA MALTESE Giovanni Sleiter - Asso.Na.Pa. RELAZIONE TECNICA 2014 - VALUTAZIONE GENETICA DELLA RAZZA CAPRINA MALTESE Ogni anno l allevatore ha l esigenza di creare

Dettagli

NOTE ILLUSTRATIVE I CARATTERI

NOTE ILLUSTRATIVE I CARATTERI NOTE ILLUSTRATIVE Il BUTA BIN presenta i risultati aggiornati della valutazione genetica dei tori di F.A. effettuata con il metodo Blup Animal Model. Il B.L.U.P. (Best Linear Unbiased Prediction) è il

Dettagli

QUA U L A ITA T T A IVI V

QUA U L A ITA T T A IVI V Principi di genetica e miglioramento genetico Roberto Mantovani Università degli Studi di Padova Evoluzioni della genetica 1. Genetica qualitativa 2. Genetica quantitativa 3. Genetica molecolare 1 Il Miglioramento

Dettagli

La scelta delle madri e delle capretteda rimonta

La scelta delle madri e delle capretteda rimonta Gestione della riproduzione ovina e caprina Trento -31 Maggio 2016 La scelta delle madri e delle capretteda rimonta Guido Bruni Quante caprette da rimonta e quante madri? Bisogna tener conto della riforma

Dettagli

IL MIGLIORAMENTO GENETICO IN ZOOTECNIA

IL MIGLIORAMENTO GENETICO IN ZOOTECNIA IL MIGLIORAMENTO GENETICO IN ZOOTECNIA COS E Il miglioramento genetico (MG) degli animali zootecnici è la tecnica che consente l'aumento delle prestazioni produttive e riproduttive degli allevamenti attraverso

Dettagli

Gli strumenti operativi della selezione : i valori genetici dei riproduttori

Gli strumenti operativi della selezione : i valori genetici dei riproduttori Gli strumenti operativi della selezione : i valori genetici dei riproduttori Paolo Carnier Dipartimento di Scienze Zootecniche Facoltà di Medicina Veterinaria di Padova email carnier@ux1. @ux1.unipd.itit

Dettagli

CALCOLO DEL VALORE GENETICO DI UN RIPRODUTTORE

CALCOLO DEL VALORE GENETICO DI UN RIPRODUTTORE CALCOLO DEL VALORE GENETICO DI UN RIPRODUTTORE Lo strumento adatto per misurare la qualità genetica di un individuo è il valore genetico (o riproduttivo), che fornisce informazioni sulla bontà di un determinato

Dettagli

I Controlli Funzionali (1)

I Controlli Funzionali (1) I Controlli Funzionali (1) La più tradizionale delle attività dell Associazione di razza verte nell'ambito della selezione con l'effettuazione dei controlli funzionali e la tenuta dei libri genealogici.

Dettagli

Raccolta ed utilizzo dei dati dei controlli nella Razza Piemontese

Raccolta ed utilizzo dei dati dei controlli nella Razza Piemontese Raccolta ed utilizzo dei dati dei controlli nella Razza Piemontese Marco Bona Responsabile Ufficio Tecnico ANABORAPI Associazione Nazionale Allevatori Bovini di Razza Piemontese Argomenti trattati Situazione

Dettagli

Il Contratto Genetico Caprino: le novità per il 2016

Il Contratto Genetico Caprino: le novità per il 2016 Gestione della riproduzione ovina e caprina Trento - 31 Maggio 2016 Il Contratto Genetico Caprino: le novità per il 2016 Guido Bruni Nel 2012: LE ADESIONI AL CONTRATTO 27 Allevamenti: In 3 Regioni (Piemonte,

Dettagli

Indice totale economico

Indice totale economico Indice totale economico Ausilio moderno per la selezione Con l indice totale economico, l allevatore svizzero della razza Bruna avrà per la prima volta a disposizione un mezzo ausiliario moderno, il quale

Dettagli

GENETICA QUANTITATIVA

GENETICA QUANTITATIVA GENETICA QUANTITATIVA Caratteri quantitativi e qualitativi I caratteri discontinui o qualitativi esibiscono un numero ridotto di fenotipi e mostrano una relazione genotipo-fenotipo semplice I caratteri

Dettagli

Certificato di ascendenza e produttività (CAP)

Certificato di ascendenza e produttività (CAP) Schützenstrasse 10 3052 Zollikofen Tel. 031 388 61 11 / Fax 031 388 61 12 info@szzv.ch / www.szzv.ch / www.schweizer-gitzi.ch / www.capranet.ch Certificato di ascendenza e produttività (CAP) Spiegazioni

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE

REGOLAMENTO GENERALE 10 ª MOSTRA NAZIONALE OVINI DI RAZZA SARDA ISCRITTI AL LIBRO GENEALOGICO Macomer (NU) 22,23,24, APRILE 2016 ------------------------------------------------------ REGOLAMENTO GENERALE Art. 1 L Associazione

Dettagli

I risultati del Centro Genetico di Asciano e le nuove attività previste nell ambito del PSRN

I risultati del Centro Genetico di Asciano e le nuove attività previste nell ambito del PSRN I risultati del Centro Genetico di Asciano e le nuove attività previste nell ambito del PSRN dr. Silverio Grande Asciano, 07 aprile 2017 Il Centro Genetico è collocato all interno dell azienda agricola

Dettagli

programmi di introduzione di razze esotiche in Sardegna

programmi di introduzione di razze esotiche in Sardegna Approcci metodologici per la valutazione dell efficacia di programmi di introduzione di razze esotiche in Sardegna ANTONELLO CARTA AGRIS SARDEGNA Gestione risorse genetiche locali Nell ultimo secolo le

Dettagli

PRESTAZIONI RIPRODUTTIVE

PRESTAZIONI RIPRODUTTIVE Efficienza riproduttiva: Il monitoraggio dell APA di Milano Lodi e il miglioramento genetico del Libro genealogico Cremona, 1 dicembre 200 Dr Maurizio Gallo Direttore ANAS PRESTAZIONI RIPRODUTTIVE 1-200

Dettagli

Sarda primitiva, Sarda incrociata o Maltese: quale genotipo caprino per la filiera lattiero-casearia della Sardegna? ANTONELLO CARTA AGRIS SARDEGNA

Sarda primitiva, Sarda incrociata o Maltese: quale genotipo caprino per la filiera lattiero-casearia della Sardegna? ANTONELLO CARTA AGRIS SARDEGNA Sarda primitiva, Sarda incrociata o Maltese: quale genotipo caprino per la filiera lattiero-casearia della Sardegna? ANTONELLO CARTA AGRIS SARDEGNA Attività industriale Foto: www.sardegnaenatura.it Attività

Dettagli

il punto sul programma di selezione sviluppi in corso genomica e tecnologie della riproduzione

il punto sul programma di selezione sviluppi in corso genomica e tecnologie della riproduzione ANAFI il punto sul programma di selezione sviluppi in corso genomica e tecnologie della riproduzione Gonzaga, 12 settembre 2015 Convegno I.Z. - Genomica e Nuove Tecnologie della Riproduzione 2 Migliaia

Dettagli

RILEVAZIONE ESTIMATIVA DEL BESTIAME BOVINO, BUFALINO, SUINO, OVINO, CAPRINO, EQUINO e RATITI

RILEVAZIONE ESTIMATIVA DEL BESTIAME BOVINO, BUFALINO, SUINO, OVINO, CAPRINO, EQUINO e RATITI ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA RILEVAZIONE ESTIMATIVA DEL BESTIAME BOVINO, BUFALINO, SUINO, OVINO, CAPRINO, EQUINO e RATITI AL 1 DICEMBRE 2010 ISTRUZIONI PER LA RILEVAZIONE 1 INDICE 1. Caratteristiche

Dettagli

INDICE PROFITTABILITA

INDICE PROFITTABILITA INDICE PROFITTABILITA N 0 ottobre 2017 Ricerca Innovazione e Selezione per Bufala - C.F. 93091380613 Obiettivo La selezione della bufala da latte deve mirare a migliorare il profitto aziendale di ogni

Dettagli

BOLLETTINO dei controlli della produttività del latte 2015

BOLLETTINO dei controlli della produttività del latte 2015 ASSOCIAZIONE ITALIANA ALLEVATORI ENTE MORALE D.P.R. N. 1051 DEL 27-10-1950 UFFICIO CENTRALE DEI CONTROLLI DELLA PRODUTTIVITÁ ANIMALE SOTTOPOSTO ALLA VIGILANZA DEL MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

Dettagli

SALVATORE MURRU GLI STRUMENTI ISTITUZIONALI PER LA CONSERVAZIONE DELLE RAZZE CAPRINE A LIMITATA DIFFUSIONE IN ITALIA

SALVATORE MURRU GLI STRUMENTI ISTITUZIONALI PER LA CONSERVAZIONE DELLE RAZZE CAPRINE A LIMITATA DIFFUSIONE IN ITALIA 6 SEMINARIO S.A.T.A. CAPRINI E OVINI IN COLLABORAZIONE CON PROGETTO INTERREG NERA DI VERZASCA ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DELLA LOMBARDIA APPROCCIO GESTIONALE NELL ALLEVAMENTO DELLA CAPRA DA LATTE

Dettagli

STRATEGIE PER LA SELEZIONE GENETICA PER LA RESISTENZA ALLA SCRAPIE E I CARATTERI PRODUTTIVI

STRATEGIE PER LA SELEZIONE GENETICA PER LA RESISTENZA ALLA SCRAPIE E I CARATTERI PRODUTTIVI STRATEGIE PER LA SELEZIONE GENETICA PER LA RESISTENZA ALLA SCRAPIE E I CARATTERI PRODUTTIVI Antonello Carta AGRIS Sardegna Obiettivi TRADIZIONALI Le pecore da latte hanno una duplice attitudine (65-75%

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA RILEVAZIONE

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA RILEVAZIONE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA RILEVAZIONE ESTIMATIVA DEL BESTIAME BOVINO, BUFALINO, SUINO, OVINO, CAPRINO, EQUINO e RATITI ISTRUZIONI PER LA RILEVAZIONE 1 INDICE 1. Caratteristiche dell indagine e campo

Dettagli

Nato negli USA nel 1968, è il programma di accoppiamento su misura più utilizzato al mondo

Nato negli USA nel 1968, è il programma di accoppiamento su misura più utilizzato al mondo Nato negli USA nel 1968, è il programma di accoppiamento su misura più utilizzato al mondo Un database con oltre 380.000 tori e oltre 6 milioni di vacche valutate all anno Considera 35 caratteri ed è efficace

Dettagli

La genetica dei caratteri quantitativi

La genetica dei caratteri quantitativi Studia l ereditarietà nelle popolazioni dei caratteri quantitativi Molti caratteri sono quantitativi, cioè hanno molte classi fenotipiche Il modo in cui si esprimono e vengono trasmessi i caratteri quantitativi

Dettagli

Metodologia per la stima dei carichi di azoto (N) di origine agricola della Regione Veneto

Metodologia per la stima dei carichi di azoto (N) di origine agricola della Regione Veneto Metodologia per la stima dei carichi di azoto (N) di origine agricola della Regione Veneto La stima dei carichi azotati di origine agricola derivanti dagli apporti delle concimazioni organiche e minerali

Dettagli

Università degli Studi di Firenze

Università degli Studi di Firenze Dimensione delle popolazioni e consanguineità In popolazioni ad accoppiamento casuale incremento di consanguineità DF = 1 / (2N) Per generazione L equazione indica: incremento di consanguineità è inversamente

Dettagli

Iscrizione al LG Revisione del 15 Mar 2010

Iscrizione al LG Revisione del 15 Mar 2010 Iscrizione al LG Revisione del 15 Mar 2010 sso.na.pa. - Roma Razze di LG codice descrizione indirizzo produttivo codice descrizione indirizzo produttivo Ovini 25 ltamurana latte 23 arbaresca carne 24 Comisana

Dettagli

ASSOCIAZIONE PROVINCIALE ALLEVATORI CREMONA

ASSOCIAZIONE PROVINCIALE ALLEVATORI CREMONA Prot. n 0478 Cremona, 10 marzo 2017 Oggetto: Quota integrativa Controlli Funzionali 2017 - A TUTTI GLI ASSOCIATI LORO SEDI ====================== Per il nuovo anno il Comitato Direttivo APA ha deliberato

Dettagli

A N A L I S I G E N O M I C A Loci marcatori per le produzioni lattiero casearie Economic Traits Loci ETLs

A N A L I S I G E N O M I C A Loci marcatori per le produzioni lattiero casearie Economic Traits Loci ETLs A N A L I S I G E N O M I C A A N A L I S I G E N O M I C A Loci marcatori per le produzioni lattiero casearie Economic Traits Loci ETLs A N A L I S I G E N O M I C A Loci marcatori per le produzioni lattiero

Dettagli

BOLLETTINO dei controlli della produttività del latte 2015

BOLLETTINO dei controlli della produttività del latte 2015 ASSOCIAZIONE ITALIANA ALLEVATORI ENTE MORALE D.P.R. N. 1051 DEL 27-10-1950 UFFICIO CENTRALE DEI CONTROLLI DELLA PRODUTTIVITÁ ANIMALE SOTTOPOSTO ALLA VIGILANZA DEL MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

Dettagli

Concetti di miglioramento genetico

Concetti di miglioramento genetico Concetti di miglioramento genetico Categories : Anno 2008, N. 68-1 novembre 2008 Alcuni concetti base per affrontare lo studio del miglioramento genetico delle specie animali in produzione zootecnica di

Dettagli

C.T.C. Registro Anagrafico razze bovine autoctone Notiziario n. 18

C.T.C. Registro Anagrafico razze bovine autoctone Notiziario n. 18 Associazione Italiana Allevatori (Ente Morale D.P.R. n.l051 del 27/10/1950 COMMISSIONE TECNICA CENTRALE DEL REGISTRO ANAGRAFICO DELLE RAZZE BOVINE AUTOCTONE A LIMITATA DIFFUSIONE Si riportano nel presente

Dettagli

STANDARD DI RAZZA E SCHEDE ILLUSTRATIVE DELLE PECORE VENETE ISCRITTE AL REGISTRO ANAGRAFICO

STANDARD DI RAZZA E SCHEDE ILLUSTRATIVE DELLE PECORE VENETE ISCRITTE AL REGISTRO ANAGRAFICO STANDARD DI RAZZA E SCHEDE ILLUSTRATIVE DELLE PECORE VENETE ISCRITTE AL REGISTRO ANAGRAFICO 65 Standard di razza e schede illustrative delle pecore venete iscritte al registro anagrafico IL REGISTRO ANAGRAFICO

Dettagli

KATIA STRADIOTTO 6 SEMINARIO S.A.T.A. CAPRINI E OVINI

KATIA STRADIOTTO 6 SEMINARIO S.A.T.A. CAPRINI E OVINI 6 SEMINARIO CAPRINI E OVINI IN COLLABORAZIONE CON PROGETTO INTERREG NERA DI VERZASCA ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DELLA LOMBARDIA APPROCCIO GESTIONALE NELL ALLEVAMENTO DELLA CAPRA DA LATTE : LA CONSERVAZIONE

Dettagli

Bollettino R.A. Bovini Autoctoni Anno 2003

Bollettino R.A. Bovini Autoctoni Anno 2003 Registro Anagrafico delle popolazioni bovine autoctone e gruppi etnici a limitata diffusione Bollettino R.A. Bovini Autoctoni Anno 2003 ASSOCIAZIONE ITALIANA ALLEVATORI Ministero delle Politiche Agricole

Dettagli

MISURE DI PREVENZIONE SU BASE GENETICA PER L ERADICAZIONE DELLA SCRAPIE

MISURE DI PREVENZIONE SU BASE GENETICA PER L ERADICAZIONE DELLA SCRAPIE MISURE DI PREVENZIONE SU BASE GENETICA PER L ERADICAZIONE DELLA SCRAPIE Giuseppe Noce Funzionario Esperto Veterinario ARS Regione Marche 27 giugno 2017 Cioè, parleremo di : Piano selezione genetica scrapie

Dettagli

CONSISTENZE E PRESTAZIONI PRODUTTIVE.

CONSISTENZE E PRESTAZIONI PRODUTTIVE. CONSISTENZE E PRESTAZIONI PRODUTTIVE. Nonostante la difficile situazione in cui versa la zootecnia italiana, la PRI si sta ulteriormente diffondendo all esterno dell areale originario (Tabella 1); attualmente

Dettagli

Prove di progenie. Quali vacche della popolazione? Prove di progenie. Razza Frisona Italiana Schema di selezione. Figure coinvolte nelle P.P.

Prove di progenie. Quali vacche della popolazione? Prove di progenie. Razza Frisona Italiana Schema di selezione. Figure coinvolte nelle P.P. Prove di progenie Perché sulle figlie? Es. Fratelli pieni Problema: il carattere di interesse si esprime solo in uno dei due sessi Nei bovini da latte produzione solo nelle femmine Valutiamo l attitudine

Dettagli

INTRODUZIONE Com è ormai consuetudine, l ANABIC ripropone a distanza di tre anni l aggiornamento di Attività e Risultati, pubblicazione che

INTRODUZIONE Com è ormai consuetudine, l ANABIC ripropone a distanza di tre anni l aggiornamento di Attività e Risultati, pubblicazione che INTRODUZIONE Com è ormai consuetudine, l ANABIC ripropone a distanza di tre anni l aggiornamento di Attività e Risultati, pubblicazione che sintetizza il lavoro svolto dall Associazione nei vari settori

Dettagli

Domande e risposte su bando Misura 10 anno Operazione SALVAGURADIA DI RAZZE ANIMALI LOCALI MINACCIATE DI ABBANDONO

Domande e risposte su bando Misura 10 anno Operazione SALVAGURADIA DI RAZZE ANIMALI LOCALI MINACCIATE DI ABBANDONO Domande e risposte su bando Misura 10 anno 2016. Operazione 10.1.11 - SALVAGURADIA DI RAZZE ANIMALI LOCALI MINACCIATE DI ABBANDONO DOMANDA 1 E possibile per un impresa agricola presentare domanda di adesione

Dettagli

ALLEVAMENTO BOVINO DA LATTE. Prof.ssa Marina Gentili

ALLEVAMENTO BOVINO DA LATTE. Prof.ssa Marina Gentili ALLEVAMENTO BOVINO DA LATTE Prof.ssa Marina Gentili 1 ALLEVAMENTO BOVINO DA LATTE FINALIZZATO ALLA PRODUZIONE DI LATTE VACCINO. PICCOLI ALLEVAMENTI (FINO A 50 CAPI) E GRANDI ALLEVAMENTI (200/300/500 CAPI).

Dettagli

INDICE PROFITTABILITA

INDICE PROFITTABILITA INDICE PROFITTABILITA N 1 novembre 2017 Ricerca Innovazione e Selezione per Bufala - C.F. 93091380613 Obiettivo La selezione della bufala da latte deve mirare a migliorare il profitto aziendale di ogni

Dettagli

AssoNaPa Associazione Nazionale della Pastorizia. Salvatore Murru

AssoNaPa Associazione Nazionale della Pastorizia. Salvatore Murru AssoNaPa Associazione Nazionale della Pastorizia Salvatore Murru Libri Genealogici Registri Anagrafici L AssoNaPa compiti delegati delle razze ovine e caprine allevate in Italia Miglioramento genetico

Dettagli

Per una valutazione made in Italy della razza Valutazione genetica del peso a 210 giorni ed accrescimento giornaliero per la razza Limousine italiana

Per una valutazione made in Italy della razza Valutazione genetica del peso a 210 giorni ed accrescimento giornaliero per la razza Limousine italiana Per una valutazione made in Italy della razza Valutazione genetica del peso a 210 giorni ed accrescimento giornaliero per la razza Limousine italiana Mauro Fioretti Ufficio Studi A.I.A. Per la razza Limousine

Dettagli

- Riproduzione riservata - 1

- Riproduzione riservata - 1 Il libro genealogico ed il pedigree; I libri genealogici sono stati creati per preservare lo standard di razza. Al libro genealogico sono iscritti solo quei soggetti che discendono da una serie di capostipiti

Dettagli

AQUA. Achieving good water QUality status in intensive Animal production areas

AQUA. Achieving good water QUality status in intensive Animal production areas LIFE09 ENV/IT/000208 Manuale Calcola N Strumento per il calcolo del bilancio dell'azoto a livello di allevamento AQUA Achieving good water QUality status in intensive Animal production areas CERTIFICATO

Dettagli

Gestione della Riproduzione indici e fertilità reale mano d opera

Gestione della Riproduzione indici e fertilità reale mano d opera Centro Studi Clinica Veterinaria S Francesco S. Nicolò a Trebbia (PC) 18 3 2017 Gestione della Riproduzione indici e fertilità reale mano d opera Dott. Alberto Brizzi Medico Veterinario Parametri di valutazione

Dettagli

Il software Aral con per la gestione economica della stalla da latte.

Il software Aral con per la gestione economica della stalla da latte. Il software Aral con per la gestione economica della stalla da latte. Montichiari, 18 febbraio 2017 Costi, ricavi e produttività della produzione del latte CARLO LOVATI Aral con è un software di gestione

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 25/9 DEL

DELIBERAZIONE N. 25/9 DEL Oggetto: Contributi alle Associazioni Interprovinciali e Provinciali degli Allevatori per l anno 2017. Trasferimenti all Agenzia LAORE per la gestione e l erogazione delle attività di cui all art. 1 della

Dettagli

- Riproduzione riservata - 1

- Riproduzione riservata - 1 Un esempio per determinare l accoppiamento; Prima di definire l accoppiamento l allevatore deve individuare l obbiettivo genetico che vuole raggiungere ed i criteri per misurarlo. I caratteri che formano

Dettagli

Qualità del latte e Benessere Animale. Guspini 29 maggio Dott.Agr. Marcello Marrocu A.R.A.S

Qualità del latte e Benessere Animale. Guspini 29 maggio Dott.Agr. Marcello Marrocu A.R.A.S Qualità del latte e Benessere Animale Guspini 29 maggio 2016 Dott.Agr. Marcello Marrocu A.R.A.S L ARAS nel Guspinese 2 equipe di tecnici ( 2 Zootecnici e 2 Veterinari) che lavorano solo nel Guspinese.

Dettagli

Indice economico salute (Ies) un nuovo indice di selezione

Indice economico salute (Ies) un nuovo indice di selezione DOSSIER / NUOVI SPUNTI DALLA RICERCA Da Anafi Indice economico salute (Ies) un nuovo indice di selezione Comitato direttivo, hanno lavorato allo sviluppo di un nuovo indice di selezione da affiancare al

Dettagli

INDICE ATTITUDINE RIPRODUTTIVA DELLE FATTRICI IAR 2017 LEGENDA TABELLA INDICI

INDICE ATTITUDINE RIPRODUTTIVA DELLE FATTRICI IAR 2017 LEGENDA TABELLA INDICI INDICE ATTITUDINE RIPRODUTTIVA DELLE FATTRICI IAR 2017 LEGENDA TABELLA INDICI INDICAZIONI DI LETTURA DELLA TABELLA INDICE IAR COS È LO IAR L INDICE DI ATTITUDINE RIPORDUTTIVA (IAR) è una stima del potenziale/capacità

Dettagli

LEGENDA ELABORAZIONE INDICI GENETICI 2017

LEGENDA ELABORAZIONE INDICI GENETICI 2017 LEGENDA ELABORAZIONE INDICI GENETICI 2017 Il presente volumetto raccoglie i dati di tutti i soggetti presenti al 7 DICEMBRE 2016, così come risulta dagli archivi di Libro. ATTENZIONE: alcuni soggetti possono

Dettagli

Controlli della produttività del latte in Italia

Controlli della produttività del latte in Italia ASSOCIAZIONE ITALIANA ALLEVATORI ENTE MORALE D.P.R. N. 1051 DEL 27-10-1950 UFFICIO CENTRALE DEI CONTROLLI DELLA PRODUTTIVITÁ ANIMALE SOTTOPOSTO ALLA VIGILANZA DEL MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

Dettagli

BLAND-ALTMAN PLOT. + X 2i 2 la differenza ( d ) tra le due misure per ognuno degli n campioni; d i. X i. = X 1i. X 2i

BLAND-ALTMAN PLOT. + X 2i 2 la differenza ( d ) tra le due misure per ognuno degli n campioni; d i. X i. = X 1i. X 2i BLAND-ALTMAN PLOT Il metodo di J. M. Bland e D. G. Altman è finalizzato alla verifica se due tecniche di misura sono comparabili. Resta da comprendere cosa si intenda con il termine metodi comparabili

Dettagli

MANUALE DI USO. Documento: Manuale 005 FLUSSO DATI E COLLEGAMENTO A BANCHE DATI ESTERNE

MANUALE DI USO. Documento: Manuale 005 FLUSSO DATI E COLLEGAMENTO A BANCHE DATI ESTERNE MANUALE DI USO Documento: Manuale 005 FLUSSO DATI E COLLEGAMENTO A BANCHE DATI ESTERNE Ultima revisione 07 gennaio 2016 Man005 Flusso dati e collegamento a banche dati esterne 07 gennaio 2016 Pag. 1 FLUSSO

Dettagli

Alberto Menghi, Paolo Rossi

Alberto Menghi, Paolo Rossi 81 a Fiera Agricola Zootecnica Italiana BENESSERE ANIMALE: LA VACCA DA LATTE dalle parole ai fatti Montichiari, 15 febbraio 2009 ANALISI ECONOMICA DI ALCUNI CASI CONCRETI Alberto Menghi, Paolo Rossi Centro

Dettagli

V CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA ANALISI CON TECNICHE DI DATA MINING SULLE AZIENDE CON ALLEVAMENTI

V CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA ANALISI CON TECNICHE DI DATA MINING SULLE AZIENDE CON ALLEVAMENTI V CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA ANALISI CON TECNICHE DI DATA MINING SULLE AZIENDE CON ALLEVAMENTI ANALISI DEI GRAFICI RELATIVI AGLI ALLEVAMENTI - 1 Figura 1 Ovini e caprini Distribuzione dei capi

Dettagli

Gli indici di Selezione

Gli indici di Selezione Trait Y Trait Y Gli indici di Selezione Dr. Antonia Bianca Samoré Dipartimento VSA Università degli Studi di Milano Antonia.Samore@unimi.it Razza Bruna obiettivi di selezione Aumento della qta di prot

Dettagli

15/01/2018. (fonte: Capgènes)

15/01/2018. (fonte: Capgènes) Master sulla riproduzione e sulla genetica caprina Zanica (BG) 11 Gennaio 2018 Risultati riproduttivi del Contratto Genetico Caprino Mario Villa Veterinario Libero Professionista Referente per il Contratto

Dettagli

REGOLAMENTO DEL LIBRO GENEALOGICO PER CAPRINI

REGOLAMENTO DEL LIBRO GENEALOGICO PER CAPRINI REGOLAMENTO DEL LIBRO GENEALOGICO PER CAPRINI Federazione svizzera di allevamento caprino (FSAC) Cooperativa In vigore dal 1 gennaio 2016 Indice 1 SCOPO E FONDAMENTI GIURIDICI... 5 1.1 Scopo... 5 1.2 Campo

Dettagli

REGIONE CALABRIA. Criteri di calcolo della dimensione economica aziendale espressa in Produzione Standard (PS).

REGIONE CALABRIA. Criteri di calcolo della dimensione economica aziendale espressa in Produzione Standard (PS). Allegato A REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO AGRICOLTURA E RISORSE AGROALIMENTARI AUTORITÀ DI GESTIONE PSR CALABRIA 2014-2020 Criteri di calcolo della dimensione economica aziendale espressa in Produzione

Dettagli

Consistenza comparto zootecnico e descrizione dell attività di ricerca Giovanni Cosso

Consistenza comparto zootecnico e descrizione dell attività di ricerca Giovanni Cosso Progetto RISGENSAR: Conservazione delle risorse genetiche animali Incontro con gli allevatori Consistenza comparto zootecnico e descrizione dell attività di ricerca Giovanni Cosso Patrimonio caprino in

Dettagli

INCROCIO CON RAZZE PIU PRODUTTIVE Sfruttamento delle vari abilità genetica tra razze (genetica combinatoria)

INCROCIO CON RAZZE PIU PRODUTTIVE Sfruttamento delle vari abilità genetica tra razze (genetica combinatoria) MIGLIORAMENTO GENETICO Due strategie fondamentali INCROCIO CON RAZZE PIU PRODUTTIVE Sfruttamento delle vari abilità genetica tra razze (genetica combinatoria) SELEZIONE INTRARAZZA Sfruttamento della variabi

Dettagli

Foto: Braunvieh Schweiz, Lustenberger Natural Pictures, KeLeKi, Luca Nolli.

Foto: Braunvieh Schweiz, Lustenberger Natural Pictures, KeLeKi, Luca Nolli. Obiettivo zootecnico 2016 La razza Bruna l la longeva razza da proteine Il comitato della federazione ha definito l obiettivo zootecnico fino all anno 2016. Dopo un attenta valutazione dell attuale stato

Dettagli

WIN P.G.A. Profilo Genetico Allevamento

WIN P.G.A. Profilo Genetico Allevamento WIN P.G.A. Profilo Genetico Allevamento DESCRIZIONE Winpga è un programma su Personal Computer, in ambiente windows (Visual FoxPro), per il monitoraggio genetico e ambientale a livello aziendale, provincia,

Dettagli

L ESPERIENZA OPERATIVA DELLO SCHEMA DI SELEZIONE E CONSERVAZIONE APPLICATO ALLA RAZZA BOVINA RENDENA ROBERTO MANTOVANI E DARIO TONIETTO

L ESPERIENZA OPERATIVA DELLO SCHEMA DI SELEZIONE E CONSERVAZIONE APPLICATO ALLA RAZZA BOVINA RENDENA ROBERTO MANTOVANI E DARIO TONIETTO 6 SEMINARIO S.A.T.A. CAPRINI E OVINI IN COLLABORAZIONE CON PROGETTO INTERREG NERA DI VERZASCA ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DELLA LOMBARDIA APPROCCIO GESTIONALE NELL ALLEVAMENTO DELLA CAPRA DA LATTE

Dettagli

CALCOLO DI UNA RAZIONE PER BOVINE DA LATTE. Esempio di calcolo considerando alcuni alimenti tipo e fabbisogni da tabelle

CALCOLO DI UNA RAZIONE PER BOVINE DA LATTE. Esempio di calcolo considerando alcuni alimenti tipo e fabbisogni da tabelle CALCOLO DI UNA RAZIONE PER BOVINE DA LATTE Esempio di calcolo considerando alcuni alimenti tipo e fabbisogni da tabelle Marcello mundula 2016 TIPOLOGIA DI ANIMALI ALLEVATI Allevamento di bovine da latte

Dettagli

Modelli e Metodi per la Simulazione (MMS)

Modelli e Metodi per la Simulazione (MMS) Modelli e Metodi per la Simulazione (MMS) adacher@dia.uniroma3.it Programma La simulazione ad eventi discreti, è una metodologia fondamentale per la valutazione delle prestazioni di sistemi complessi (di

Dettagli

sistema produttivo zootecnico esistente sul territorio, e nell elaborazione

sistema produttivo zootecnico esistente sul territorio, e nell elaborazione 64 Assessorato attività produttive, agricoltura, zootecnia La realtà zootecnica del Comune di Viggiano Il Comune di Viggiano con l intento di programmare un azione di sostegno al settore zootecnico ha

Dettagli

A.S.S.I. INCENTIVAZIONE PRODUZIONE DI PREGIO TRAMITE ACCOPPIAMENTI PROGRAMMATI Anno 2010 NORME-ADEMPIMENTI REGOLAMENTO

A.S.S.I. INCENTIVAZIONE PRODUZIONE DI PREGIO TRAMITE ACCOPPIAMENTI PROGRAMMATI Anno 2010 NORME-ADEMPIMENTI REGOLAMENTO A.S.S.I. AREA CAVALLO DA SELLA INCENTIVAZIONE PRODUZIONE DI PREGIO TRAMITE ACCOPPIAMENTI PROGRAMMATI Anno 2010 NORME-ADEMPIMENTI REGOLAMENTO Approvato con Determinazione del Segretario Generale n. 553

Dettagli

Segnalazioni alle prefetture

Segnalazioni alle prefetture Segnalazioni alle prefetture Segnalazioni alle prefetture SEGNALAZIONI ALLE PREFETTURE Le segnalazioni alle Prefetture (ai sensi degli art. 75 e 121 del DPR 309/90), per utilizzo o possesso di sostanze

Dettagli

WMS: a voi la parola! Come accedere al servizio. Piano di Accoppiamento WMS. Contattaci!

WMS: a voi la parola! Come accedere al servizio. Piano di Accoppiamento WMS. Contattaci! Come accedere al servizio WMS: a voi la parola! WMS «Oggi mi sembra impossibile fare un accoppiamento senza il programma WMS: con questo sistema ho evitato molti errori che ci sarebbero costati certamente

Dettagli

SCHEDE CALCOLO INDICI

SCHEDE CALCOLO INDICI SCHEDE CALCOLO INDICI AGGIORNATO AD APRILE 2013 SOMMARIO: 1. INDICE DI SELEZIONE E INDICI COMPOSTI... 3 2. GLI INDICI PER I CARATTERI PRODUTTIVI E PER LE CELLULE SOMATICHE... 5 3. INDICI MORFOLOGICI...

Dettagli

Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale

Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale Capofila: Università degli Studi di Palermo Titolo Progetto: DisolaGirgentana

Dettagli

GESTIONE FAUNISTICO-VENATORIA DEL CAPRIOLO (Capreolus capreolus) RELAZIONE CONSUNTIVA STAGIONE VENATORIA 2013/2014

GESTIONE FAUNISTICO-VENATORIA DEL CAPRIOLO (Capreolus capreolus) RELAZIONE CONSUNTIVA STAGIONE VENATORIA 2013/2014 GESTIONE FAUNISTICO-VENATORIA DEL CAPRIOLO (Capreolus capreolus) RELAZIONE CONSUNTIVA STAGIONE VENATORIA 2013/2014 La presente relazione è stata redatta dal Dott. Filippo Savelli in veste di tecnico faunistico

Dettagli

FN(fieno normale) cioè il fieno ottenuto da prato stabile asciutto in medie condizioni di vegetazione e fertilità del terreno.

FN(fieno normale) cioè il fieno ottenuto da prato stabile asciutto in medie condizioni di vegetazione e fertilità del terreno. Appunti sintetici Economia VA 2013 Carico approssimativo di una superficie foraggera: Discreto: 6-7 q.li/ha Buono : 2 capi grossi/ha FN(fieno normale) cioè il fieno ottenuto da prato stabile asciutto in

Dettagli

SCHEMA DI VEQ PER VES FOTOMETRIA CAPILLARE QUANTITATIVA. Emissione 2 25/11/2011 Approvazione DCRB Pagina 1 di 6

SCHEMA DI VEQ PER VES FOTOMETRIA CAPILLARE QUANTITATIVA. Emissione 2 25/11/2011 Approvazione DCRB Pagina 1 di 6 Emissione 2 25/11/2011 Approvazione DCRB Pagina 1 di 6 PROGRAMMA DI VEQ PER VES A. Organizzazione del Programma MATERIALI DI CONTROLLO: campioni di lattice pronti per l uso utilizzabili esclusivamente

Dettagli

La selezione genetica come strumento di controllo in ambito sanitario

La selezione genetica come strumento di controllo in ambito sanitario La selezione genetica come strumento di controllo in ambito sanitario Francesca Baldinelli Il progetto pilota per la selezione genetica degli ovini in provincia di Siena: una praticabile prospettiva strategica

Dettagli

(in numeri e grafici, aggiornamento compagna 2014/15)

(in numeri e grafici, aggiornamento compagna 2014/15) a cura del SETTORE STUDI ECONOMICI Rapporto n. 21 ottobre 2015 (in numeri e grafici, aggiornamento compagna 2014/15) I N D I C E PREMESSA... 2 I PRIMI ACQUIRENTI... 3 LE QUOTE... 5 MOVIMENTAZIONE delle

Dettagli

Analogie con la produzione di latte La lattazione in una bovina da latte è pari a 305 giorni La sua lattazione media sarà quindi di 152,5 giorni

Analogie con la produzione di latte La lattazione in una bovina da latte è pari a 305 giorni La sua lattazione media sarà quindi di 152,5 giorni Il concetto di peso vivo medio allevato nell allevamento del suino all ingrasso Analogie con la produzione di latte La lattazione in una bovina da latte è pari a 305 giorni La sua lattazione media sarà

Dettagli

RELAZIONE SULLA RESTITUZIONE DEI DATI INVALSI ANNO SCOLASTICO 2015/2016

RELAZIONE SULLA RESTITUZIONE DEI DATI INVALSI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE N. 2 SANT AGATA de GOTI Viale Vittorio Emanuele III - 82019 Sant Agata de Goti (BN) Tel./Fax 0823/953048 e-mail: bnic827002@istruzione.it - pec: bnic827002@pec.istruzione.it

Dettagli

INFLAZIONE (INDICE IPCA) AL NETTO DEI PRODOTTI ENERGETICI IMPORTATI Modalità operative di costruzione e procedure di previsione dell indicatore

INFLAZIONE (INDICE IPCA) AL NETTO DEI PRODOTTI ENERGETICI IMPORTATI Modalità operative di costruzione e procedure di previsione dell indicatore INFLAZIONE (INDICE IPCA) AL NETTO DEI PRODOTTI ENERGETICI IMPORTATI Modalità operative di costruzione e procedure di previsione dell indicatore Non esiste nelle statistiche ufficiali Istat sul paniere

Dettagli

Stato di avanzamento della ricerca Studio sulle scelte sessuali femminili in Testudo hermanni hermanni

Stato di avanzamento della ricerca Studio sulle scelte sessuali femminili in Testudo hermanni hermanni Stato di avanzamento della ricerca Studio sulle scelte sessuali femminili in Testudo hermanni hermanni Giulia Cutuli e Sara Fratini Dipartimento di Biologia Evoluzionistica Leo Pardi, Università di Firenze

Dettagli

Disciplinare per lo svolgimento dei controlli della produzione nella specie ovina e caprina

Disciplinare per lo svolgimento dei controlli della produzione nella specie ovina e caprina ASSOCIAZIONE ITALIANA ALLEVATORI (Ente Morale D.P.R. n. 1051 del 27-10-1950) Disciplinare per lo svolgimento dei controlli della produzione nella specie ovina e caprina (D.M. 8-1-1996) Ministero delle

Dettagli

INCENTIVAZIONE PRODUZIONE DI PREGIO TRAMITE ACCOPPIAMENTI PROGRAMMATI PER L ALLEVAMENTO CAVALLO DA SELLA ITALIANO ANNO 2011

INCENTIVAZIONE PRODUZIONE DI PREGIO TRAMITE ACCOPPIAMENTI PROGRAMMATI PER L ALLEVAMENTO CAVALLO DA SELLA ITALIANO ANNO 2011 INCENTIVAZIONE PRODUZIONE DI PREGIO TRAMITE ACCOPPIAMENTI PROGRAMMATI PER L ALLEVAMENTO CAVALLO DA SELLA ITALIANO ANNO 2011 PREMESSA L ASSI in un ottica di miglioramento qualitativo dell allevamento del

Dettagli

Oggetto: L. R. 14 GENNAIO 1998 N 1 ART. 7 BIS

Oggetto: L. R. 14 GENNAIO 1998 N 1 ART. 7 BIS SEDE ISTITUZIONALE: c/o Comune di Montepulciano Codice Fiscale 90020700523 SEDE AMMINISTRATIVA: Corso Garibaldi, 10 53047 Sarteano (Siena) 0578/268081 0578/268082 www.cm-cetona.si.it e-mail: info@cm-cetona.si.it

Dettagli

Rilevare Rilevare i calori con sistemi precisi e automatizzati.

Rilevare Rilevare i calori con sistemi precisi e automatizzati. Servizio di Fecondazione Artificiale Rilevare Rilevare i calori con sistemi precisi e automatizzati. Inseminare I nostri Tecnici sono a disposizione di chi voglia avvalersi della competenza e della professionalità

Dettagli

Analisi dei redditi e dei costi nelle Aziende Pastorali

Analisi dei redditi e dei costi nelle Aziende Pastorali Analisi dei redditi e dei costi nelle Aziende Pastorali Scuola di Specializzazione in Sanità Animale, Benessere e Produzioni Zootecniche Manca M. Elena Mura M. Caterina Nonne Antonella Polinas Marta Usai

Dettagli

UNA ANALISI APPROFONDITA DELLE STALLE MISTE NELL ARCO DI UN VENTENNIO

UNA ANALISI APPROFONDITA DELLE STALLE MISTE NELL ARCO DI UN VENTENNIO UNA ANALISI APPROFONDITA DELLE STALLE MISTE NELL ARCO DI UN VENTENNIO Di Giacomo Menta, Matteo Venuti, Elena Zampieri Circa venti anni fa (1993) si iniziò un lavoro tendente a conoscere meglio la situazione

Dettagli