Emanuele Felice Perché il Sud è rimasto indietro, Il Mulino, Appendice statistica

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Emanuele Felice Perché il Sud è rimasto indietro, Il Mulino, Appendice statistica"

Transcript

1 Emanuele Felice Perché il Sud è rimasto indietro, Il Mulino, 2013 Appendice statistica

2

3 tab. A.1. il pil per abitante delle regioni italiane, (italia = 100) Piemonte Valle d Aosta Liguria Lombardia Nord-Ovest Trentino-Alto Adige n.d. n.d. n.d Veneto Friuli-Venezia Giulia n.d. n.d. n.d Emilia-Romagna Toscana Marche Umbria Lazio Nord-Est e Centro Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Sud e Isole Italia (euro 2011) note: Fino al 1951 il Molise è incluso nell Abruzzo, fino al 1938 la Valle d Aosta è inclusa nel Piemonte; stime ai confini del tempo, dati pro capite basati sulla popolazione presente. fonte: E. Felice e G. Vecchi, Italy s Modern Economic Growth, , Quaderni del Dipartimento di Economia Politica e Statistica, Università di Siena, 2012, n. 663, p. 40.

4 tab. A.2. il pil per addetto delle regioni italiane, (italia = 100) Piemonte Valle d Aosta Liguria Lombardia Nord-Ovest Trentino-Alto Adige n.d. n.d Veneto Friuli-Venezia Giulia n.d. n.d Emilia-Romagna Toscana Marche Umbria Lazio Nord-Est e Centro Abruzzo e Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Sud e Isole Italia (euro 2011) note: Si veda la tabella A.1. Per i dati dell ultima riga, la trasformazione da euro 2001 a euro 2011 è fatta utilizzando l indice Istat dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati. fonte: E. Felice, Regional value added in Italy, , and the foundation of a long-term picture, in «Economic History Review», 64, 2011, n. 3, pp (p. 939). 4

5 tab. A.3. il pil per addetto delle regioni italiane per settori, (italia = 100) Agricoltura Industria Servizi Piemonte Valle d Aosta Liguria Lombardia Nord-Ovest Trentino-Alto Adige n.d. n.d n.d. n.d n.d. n.d Veneto Friuli-Venezia Giulia n.d. n.d n.d. n.d n.d. n.d Emilia-Romagna Toscana Marche Umbria Lazio Nord-Est e Centro Abruzzo e Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Sud e Isole Italia (euro 2011) nota: Si vedano le tabelle A.1 e A.2. fonte: Felice, Regional value added, cit., p. 940.

6 tab. A.4. i tassi di attività delle regioni italiane, (italia = 100) Piemonte Valle d Aosta Liguria Lombardia Nord-Ovest Trentino-Alto Adige n.d. n.d Veneto Friuli-Venezia Giulia n.d. n.d Emilia-Romagna Toscana Marche Umbria Lazio Nord-Est e Centro Abruzzo e Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Sud e Isole Italia (%) 50,4 47,3 43,4 42,1 37,1 39,2 36,8 nota: Si veda la tabella A.1. fonte: Felice, Regional value added, cit., p

7 tab. A.5. forza lavoro delle regioni italiane per settori, (% sul totale) Agricoltura Industria Servizi Piemonte 62,7 55,4 42,5 34,8 13,8 3,7 21,5 27,4 34,6 39,1 50,4 38,2 15,8 17,3 22,8 26,1 35,8 58,1 Valle d Aosta 55,0 22,6 5,7 27,2 34,5 22,9 17,9 42,9 71,4 Liguria 45,6 35,1 25,3 25,8 10,8 3,5 25,2 32,3 35,5 29,9 32,4 23,1 29,1 32,6 39,2 44,3 56,8 73,4 Lombardia 52,6 43,3 28,5 23,2 6,4 1,9 30,1 37,6 45,5 46,3 54,7 39,9 17,3 19,1 26,0 30,5 39,0 58,2 Nord-Ovest 55,9 47,0 33,0 27,6 9,2 2,6 26,1 33,0 40,4 41,9 50,8 37,8 18,0 20,0 26,6 30,6 40,0 59,7 Trentino-Alto Adige n.d. (66,5) 50,2 49,3 19,7 8,3 n.d. (15,5) 22,2 21,6 29,1 26,7 n.d. (18,0) 27,7 29,1 51,2 65,0 Veneto 62,5 61,1 53,0 48,6 17,1 4,2 20,4 21,5 25,7 25,5 42,6 40,7 17,1 17,5 21,3 25,9 40,4 55,1 Friuli-Venezia Giulia n.d. (51,9) 37,9 39,0 14,5 3,2 n.d. (25,2) 28,1 28,7 37,7 32,5 n.d. (22,9) 34,0 32,3 47,9 64,3 Emilia-Romagna 61,8 58,3 58,6 47,7 18,7 5,6 20,3 24,2 21,0 24,1 39,0 35,9 17,9 17,5 20,5 28,1 42,3 58,4 Toscana 56,6 50,9 47,5 41,0 13,0 3,9 24,6 30,8 28,6 30,8 43,0 34,1 18,8 18,4 24,0 28,3 44,0 62,1 Marche 68,8 67,4 66,5 55,9 26,8 4,0 17,6 19,2 18,1 21,9 35,2 40,8 13,6 13,4 15,4 22,2 38,1 55,2 Umbria 73,0 69,5 64,5 55,6 23,4 4,7 14,4 17,5 19,6 21,6 36,1 32,8 12,6 13,0 15,8 22,8 40,5 62,5 Lazio 52,6 44,9 41,6 32,8 10,0 3,6 19,1 23,0 22,4 20,5 26,3 19,7 28,3 32,1 36,1 46,6 63,7 76,7 Nord-Est e Centro 61,3 57,5 52,0 44,5 16,0 4,5 20,5 23,9 23,8 24,9 36,8 32,8 18,2 18,6 24,2 30,7 47,2 62,7 Abruzzo e Molise 76,0 77,2 74,3 69,3 36,4 6,8 14,6 13,0 12,5 13,1 26,0 32,6 9,5 9,9 13,2 17,7 37,6 60,6 Campania 54,3 53,4 48,0 46,6 25,7 6,9 23,0 23,3 24,1 20,9 29,6 24,4 22,8 23,3 27,9 32,5 44,7 68,8 Puglia 63,9 63,0 52,9 64,7 39,9 11,7 19,3 20,1 25,7 13,4 24,1 26,1 16,8 16,9 21,4 21,9 36,0 62,2 Basilicata 76,6 76,7 75,2 75,2 43,7 10,8 12,8 12,8 12,9 11,0 23,8 34,6 10,6 10,5 11,9 13,8 32,5 54,7 Calabria 64,4 67,3 67,6 66,4 38,8 12,0 22,0 20,6 15,9 15,3 25,6 19,4 13,5 12,1 16,5 18,3 35,7 68,5 Sicilia 53,9 52,7 51,0 56,4 30,3 9,6 23,5 22,8 21,8 16,9 26,1 19,9 22,6 24,5 27,2 26,7 43,7 70,5 Sardegna 61,3 59,0 56,4 56,5 27,0 8,5 18,7 20,9 20,0 17,5 26,9 23,0 20,0 20,1 23,6 26,0 46,1 68,5 Sud e Isole 61,0 60,5 56,7 59,2 32,8 9,2 20,7 20,6 20,7 16,3 26,5 24,3 18,4 19,0 22,6 24,5 40,8 66,5 Italia 59,6 55,4 48,0 44,6 18,9 5,2 22,3 25,5 27,6 26,8 38,1 32,0 18,2 19,1 24,4 28,6 43,1 62,8 nota: Si veda la tabella A.1. fonte: Felice, Regional value added, cit., p. 938.

8 tab. A.6. il pil per abitante delle regioni italiane a parità di potere d acquisto, (italia = 100) Piemonte Valle d Aosta Liguria Lombardia Nord-Ovest Trentino-Alto Adige n.d. n.d. n.d Veneto Friuli-Venezia Giulia n.d. n.d. n.d Emilia-Romagna Toscana Marche Umbria Lazio Nord-Est e Centro Abruzzo e Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Sud e Isole Italia (euro 2011) nota: Si veda la tabella A.1. fonte: E. Felice e M. Vasta, Passive Modernization? The New Human Development Index and Its Components in Italy s Regions ( ), Universitat Autònoma de Barcelona, Departament d Economia i d Història Econòmica, Uhe Working Paper n. 2012_10, 2012, pp (p. 42).

9 tab. A.7. tassi di alfabetizzazione in italia e nelle sue regioni, (%) Piemonte 58,0 73,1 88,4 95,8 96,5 97,4 98,0 98,3 98,8 99,0 99,3 99,4 Valle d Aosta 97,2 98,3 98,8 99,2 99,4 99,5 99,1 Liguria 43,8 62,7 82,1 92,4 94,1 95,5 97,2 98,1 98,9 99,2 99,4 99,7 Lombardia 56,1 69,3 85,8 95,1 96,1 97,2 98,3 98,8 99,2 99,4 99,5 99,4 Nord-Ovest 55,4 70,0 86,2 95,0 96,0 97,0 98,1 98,6 99,1 99,2 99,4 99,4 Trentino-Alto Adige n.d. n.d. n.d. 98,9 98,6 99,2 99,5 99,6 99,7 99,7 99,7 99,1 Veneto 36,1 53,3 73,4 87,5 90,8 92,8 95,6 97,8 98,8 99,2 99,5 99,1 Friuli-Venezia Giulia n.d. n.d. n.d. 96,8 91,6 95,4 97,1 98,5 99,2 99,5 99,7 99,3 Emilia-Romagna 28,5 42,7 64,0 82,5 87,8 90,9 94,4 96,9 98,3 99,0 99,3 99,0 Toscana 34,2 46,0 65,7 79,6 84,9 87,8 92,1 95,3 97,5 98,6 99,2 99,5 Marche 21,8 31,1 46,2 69,5 79,1 84,0 89,2 93,8 97,0 98,3 99,1 99,4 Umbria 21,0 32,5 48,4 69,7 79,1 83,8 89,6 93,5 96,4 98,0 98,9 99,2 Lazio 34,9 49,3 66,5 78,4 84,7 88,5 92,6 95,6 97,6 98,5 99,1 99,0 Nord-Est e Centro 31,4 45,4 64,8 81,6 87,2 89,5 93,3 96,2 98,0 98,8 99,3 99,1 Abruzzo e Molise 15,6 24,0 37,9 60,4 71,9 77,6 84,3 89,6 94,0 96,2 98,1 99,0 Campania 20,9 29,6 45,8 60,7 70,0 74,1 82,0 87,7 93,1 95,2 97,2 98,2 Puglia 16,6 24,9 39,2 55,7 67,2 72,9 81,1 87,9 93,0 96,0 97,3 98,2 Basilicata 12,5 18,8 32,1 48,3 60,8 67,0 75,2 83,1 89,3 92,4 95,8 96,8 Calabria 13,4 18,4 30,7 46,0 58,2 64,0 73,5 81,2 88,4 91,7 95,3 96,2 Sicilia 15,1 23,7 41,6 55,4 66,5 72,6 81,0 87,1 92,6 95,1 97,2 98,1 Sardegna 14,4 26,0 40,1 59,4 69,9 74,4 82,8 89,0 93,9 96,4 98,1 99,0 Sud e Isole 16,6 24,8 40,3 56,2 67,2 72,5 80,7 87,0 92,5 95,1 97,1 98,1 Italia 32,1 43,9 61,4 77,2 82,4 85,8 90,5 93,9 96,5 97,6 98,6 98,9 note: Si veda la tabella A.1. Il dato è calcolato sulla popolazione con almeno 6 anni di età. fonte: Felice e Vasta, Passive Modernization?, cit., p. 40.

10 tab. A.8. il tasso di iscrizione scolastica in italia e nelle sue regioni, (%) Piemonte 32,0 32,1 32,2 29,9 35,7 32,6 40,3 56,6 61,4 61,2 69,6 75,6 Valle d Aosta 30,6 36,8 50,2 56,1 51,3 58,3 69,1 Liguria 25,7 30,2 31,5 31,2 38,8 40,2 46,5 64,0 66,7 65,1 73,9 79,7 Lombardia 29,2 31,4 33,5 32,3 38,0 33,8 40,3 56,7 61,5 62,2 70,2 76,9 Nord-Ovest 29,9 31,9 32,8 31,4 37,4 34,2 41,1 57,5 62,1 62,1 70,3 76,7 Trentino-Alto Adige n.d. n.d. n.d. 40,3 50,2 35,0 38,1 55,9 54,1 55,4 66,0 71,5 Veneto 24,0 29,8 34,5 35,4 39,2 32,2 39,4 58,0 60,7 61,9 68,8 74,6 Friuli-Venezia Giulia n.d. n.d. n.d. 31,8 37,4 32,3 41,0 58,5 62,9 64,1 76,9 81,3 Emilia-Romagna 17,3 26,0 36,8 34,0 38,8 34,3 43,5 63,2 66,4 68,4 80,7 85,6 Toscana 17,5 20,2 28,8 34,7 38,2 34,3 42,4 62,7 67,7 69,1 78,4 83,8 Marche 13,7 19,2 28,1 35,6 36,8 31,9 43,4 60,7 64,7 70,4 78,7 81,9 Umbria 13,1 20,2 27,7 35,9 37,0 32,2 44,8 65,4 69,4 72,4 80,0 84,6 Lazio 15,8 25,8 33,2 35,0 39,8 39,5 49,5 65,9 71,0 74,5 83,1 89,8 Nord-Est e Centro 18,5 24,8 34,2 35,0 39,2 34,4 43,4 62,0 65,8 68,1 77,4 82,8 Abruzzo e Molise 13,3 17,8 25,3 36,8 36,9 28,4 43,3 58,9 64,0 67,7 75,5 82,0 Campania 15,4 19,5 22,5 34,6 36,3 35,9 45,8 59,0 63,3 64,9 71,8 78,0 Puglia 10,3 14,7 22,0 31,0 32,7 34,6 43,9 56,7 60,7 63,2 66,7 72,1 Basilicata 11,5 14,3 19,1 29,8 30,0 26,4 43,4 53,6 56,8 60,4 65,2 68,4 Calabria 9,2 12,7 17,9 28,7 31,0 30,3 43,5 52,3 57,4 59,3 66,4 70,8 Sicilia 8,3 15,0 24,5 31,5 33,5 34,7 44,7 58,0 62,7 64,4 71,2 75,9 Sardegna 13,3 17,6 24,7 33,9 37,6 35,2 45,6 59,9 63,4 67,1 73,0 76,7 Sud e Isole 11,6 16,3 22,8 32,5 34,2 33,6 44,7 57,5 61,9 64,2 70,3 75,6 Italia 16,2 20,9 26,9 32,8 35,7 33,9 43,4 59,0 63,4 65,0 72,8 78,4 note: Si veda la tabella A.1. Il dato è calcolato sulla popolazione fra i 6 e i 24 anni d età. Corretto per tenere conto dei tassi di frequenza nelle scuole dell obbligo. fonte: Felice e Vasta, Passive Modernization?, cit., p. 41.

11 tab. A.9. gli anni di scuola per abitante nelle regioni italiane, (italia = 100) Piemonte Valle d Aosta Liguria Lombardia Nord-Ovest Trentino-Alto Adige n.d. n.d. n.d Veneto Friuli-Venezia Giulia n.d. n.d. n.d Emilia-Romagna Toscana Marche Umbria Lazio Nord-Est e Centro Abruzzo e Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Sud e Isole Italia (numero di anni) 1,44 2,01 2,62 3,95 4,16 4,60 5,01 5,18 6,17 8,00 8,96 9,20 note: Si veda la tabella A.1. Il dato è calcolato sulla popolazione con almeno 25 anni di età. fonte: Felice e Vasta, Passive Modernization?, cit., p. 40.

12 tab. A.10. la speranza di vita nelle regioni italiane, (italia = 100) Piemonte Valle d Aosta Liguria Lombardia Nord-Ovest Trentino-Alto Adige n.d. n.d. n.d Veneto Friuli-Venezia Giulia n.d. n.d. n.d Emilia-Romagna Toscana Marche Umbria Lazio Nord-Est e Centro Abruzzo e Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Sud e Isole Italia (anni) 33,1 39,3 44,1 54,8 58,1 65,5 70,1 72,1 74,0 76,9 79,8 81,4 nota: Si veda la tabella A.1. fonte: Felice e Vasta, Passive Modernization?, cit., p. 36.

13 tab. A.11. l indice di sviluppo umano «ibrido» per l italia e le sue regioni, (italia = 100) Piemonte 0,380 0,457 0,517 0,582 0,625 0,677 0,734 0,793 0,828 0,855 0,888 0,900 Valle d Aosta 0,651 0,732 0,781 0,817 0,833 0,867 0,898 Liguria 0,346 0,436 0,514 0,605 0,648 0,698 0,747 0,802 0,826 0,853 0,886 0,899 Lombardia 0,347 0,435 0,482 0,568 0,614 0,664 0,730 0,791 0,826 0,854 0,890 0,906 Nord-Ovest 0,359 0,439 0,498 0,578 0,623 0,672 0,734 0,793 0,827 0,854 0,889 0,904 Trentino-Alto Adige n.d. n.d. n.d. 0,597 0,639 0,651 0,717 0,780 0,806 0,846 0,890 0,901 Veneto 0,318 0,412 0,488 0,561 0,603 0,650 0,722 0,789 0,823 0,860 0,891 0,907 Friuli-Venezia Giulia n.d. n.d. n.d. 0,596 0,622 0,676 0,718 0,787 0,821 0,857 0,896 0,910 Emilia-Romagna 0,273 0,374 0,485 0,573 0,611 0,657 0,730 0,800 0,839 0,866 0,905 0,918 Toscana 0,273 0,377 0,472 0,580 0,617 0,642 0,706 0,789 0,829 0,859 0,895 0,911 Marche 0,256 0,338 0,434 0,533 0,582 0,622 0,706 0,783 0,834 0,871 0,903 0,914 Umbria 0,272 0,346 0,442 0,554 0,596 0,618 0,703 0,783 0,825 0,859 0,893 0,906 Lazio 0,264 0,398 0,486 0,552 0,588 0,648 0,727 0,789 0,828 0,869 0,898 0,917 Nord-Est e Centro 0,285 0,385 0,480 0,567 0,606 0,648 0,720 0,790 0,829 0,863 0,898 0,913 Abruzzo e Molise 0,217 0,277 0,385 0,504 0,543 0,572 0,679 0,767 0,813 0,853 0,888 0,901 Campania 0,241 0,306 0,375 0,504 0,545 0,590 0,677 0,748 0,789 0,827 0,857 0,874 Puglia 0,215 0,286 0,364 0,474 0,518 0,579 0,673 0,756 0,798 0,836 0,858 0,875 Basilicata 0,200 0,259 0,348 0,450 0,491 0,505 0,646 0,737 0,785 0,818 0,862 0,873 Calabria 0,195 0,249 0,348 0,460 0,507 0,545 0,653 0,733 0,784 0,813 0,855 0,871 Sicilia 0,233 0,284 0,366 0,495 0,536 0,569 0,661 0,741 0,791 0,826 0,859 0,873 Sardegna 0,216 0,302 0,393 0,498 0,554 0,590 0,689 0,768 0,804 0,844 0,875 0,891 Sud e Isole 0,226 0,286 0,370 0,490 0,533 0,574 0,671 0,749 0,794 0,831 0,862 0,877 Italia 0,282 0,360 0,442 0,546 0,582 0,631 0,709 0,778 0,817 0,850 0,883 0,899 note: Si veda la tabella A.1. I colori indicano i livelli di sviluppo umano (bianco fino a 0,5, basso; grigio chiaro da 0,5 a 0,8, medio; grigio scuro da 0,8 a 0,9, alto; in negativo sopra 0,9), molto alto. fonte: Felice e Vasta, Passive Modernization?, cit., p. 14. Per i dati regionali del nuovo indice di sviluppo umano presentato dalle Nazioni Unite (United Nations Development Programme, Human Development Report th Anniversary Edition. The Real Wealth of Nations: Pathways to Human Development, New York, Palgrave Macmillan for the Unpd, 2010), cfr. ibidem, pp

14 tab. A.12. i divari di «capitale umano» nelle regioni italiane, (italia = 100) Piemonte Valle d Aosta Liguria Lombardia Nord-Ovest Trentino-Alto Adige n.d. n.d. n.d Veneto Friuli-Venezia Giulia n.d. n.d. n.d Emilia-Romagna Toscana Marche Umbria Lazio Nord-Est e Centro Abruzzo e Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Sud e Isole nota: Si veda la tabella A.1. fonte: E. Felice, Regional convergence in Italy ( ): Testing human and social capital, in «Cliometrica», 6, 2012, n. 3, pp (p. 278). Cfr. l articolo anche per i dettagli sulla metodologia, le fonti e le singole componenti. 14

15 tab. A.13. i divari di «capitale sociale» nelle regioni italiane, (italia = 100) Piemonte Valle d Aosta Liguria Lombardia Nord-Ovest Trentino-Alto Adige n.d. n.d. n.d Veneto Friuli-Venezia Giulia n.d. n.d. n.d Emilia-Romagna Toscana Marche Umbria Lazio Nord-Est e Centro Abruzzo e Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Sud e Isole nota: Si veda la tabella A.1. fonti: Felice, Regional convergence in Italy, cit., p Cfr. l articolo anche per i dettagli sulla metodologia, le fonti e le singole componenti. I dati dal 1911 al 2001 sono tratti da G. Nuzzo, Un secolo di statistiche sociali: persistenza o convergenza tra le regioni italiane?, Roma, Banca d Italia, Quaderni dell Ufficio Ricerche Storiche, 2006, n

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

DIPARTIMENTO AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA UFFICIO STAMPA E RELAZIONI ESTERNE

DIPARTIMENTO AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA UFFICIO STAMPA E RELAZIONI ESTERNE 1 Condannati definitivi Per di e per Durata della Pena Residua Situazione al 13/05/2010 Fino a 1 anno Da 1 a 2 Durata della pena residua Da 2 a 3 Da 3 a 5 Da 5 a 10 Da 10 a 20 Da 20 in poi Ergastolo Totale

Dettagli

Dossier I dati regionali. Dossier Casa I dati regionali. A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi

Dossier I dati regionali. Dossier Casa I dati regionali. A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Dossier I dati regionali A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Dossier Casa I dati regionali A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Sommario... 3 Mercato immobiliare residenziale...

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico TABELLA "A" Dotazioni organiche regionali COMPLESSIVE - anno scolastico 2014-2015 a.s. 2011/12 a.s. 2012/13 a.s. 2014/15 rispetto a.s. 2011/12 a b c d e=d-a Abruzzo 5.195 5.124 5.119 5.118-77 Basilicata

Dettagli

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*)

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) Regioni e province 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 ABRUZZO 15,07 19,62

Dettagli

UTILIZZO DEI DISTRIBUTORI AUTOMATICI

UTILIZZO DEI DISTRIBUTORI AUTOMATICI UTILIZZO DEI DISTRIBUTORI AUTOMATICI Risultati della ricerca Milano, 20 ottobre 2006 Stefania Farneti Direttore di ricerca INDICE PREMESSA E OBIETTIVI 3 METODOLOGIA 4 LE 4 MACROAREE NIELSEN 5 IL CAMPIONE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Garanzia Giovani: a cinque settimane dall avvio sono 74.394 i giovani che si sono registrati

COMUNICATO STAMPA. Garanzia Giovani: a cinque settimane dall avvio sono 74.394 i giovani che si sono registrati COMUNICATO STAMPA Garanzia Giovani: a cinque settimane dall avvio sono 74.394 i giovani che si sono registrati I dati del 5 report settimanale Il primo maggio 2014 è partita ufficialmente la Garanzia Giovani.

Dettagli

Provincia di Monza e della Brianza

Provincia di Monza e della Brianza Provincia di Monza e della Brianza Comune di Lissone Via Gramsci Città di Lissone Comune di Lissone Sala Consiliare Città di Lissone Piazza IV Novembre Città di Lissone Biblioteca Civica Piazza IV Novembre

Dettagli

le implicazioni sul territorio

le implicazioni sul territorio Napoli, 08 11 settembre 2010 l hinterland milanese tra sregolazione e illegalità la mafia le implicazioni sul territorio Intenso sviluppo edilizio svincolato dall andamento demografico che genera offerta

Dettagli

La dinamica del debito pubblico italiano: un analisi territoriale

La dinamica del debito pubblico italiano: un analisi territoriale La dinamica del debito pubblico italiano: un analisi territoriale 1 Preessa La Banca d Italia fornisce periodicamente informazioni di dettaglio sul debito ( e ) delle Amministrazioni pubbliche e locali.

Dettagli

Italian per capita GDP and North-South Disparities 1861-2004

Italian per capita GDP and North-South Disparities 1861-2004 Italian per capita GDP and North-South Disparities 1861-2004 Vittorio Daniele Paolo Malanima 1. Prodotto pro capite in Italia (a prezzi costanti 1911 e 1951 e in dollari internazionali 1990 PPA) e differenziali

Dettagli

Le imprese condotte da stranieri: il grado di imprenditorialità degli stranieri nelle aziende

Le imprese condotte da stranieri: il grado di imprenditorialità degli stranieri nelle aziende Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Le da stranieri: il grado di imprenditorialità degli stranieri nelle aziende Perché studiare l imprenditoria straniera p.2 Cosa si intende per da stranieri

Dettagli

VALUTAZIONE D IMPATTO DELLE POLITICHE REGIONALI PER LA PROMOZIONE DELL APPROPRIATEZZA ORGANIZZATIVA

VALUTAZIONE D IMPATTO DELLE POLITICHE REGIONALI PER LA PROMOZIONE DELL APPROPRIATEZZA ORGANIZZATIVA Mattone Misura dell appropriatezza GdLA 26 Settembre 2006 VALUTAZIONE D IMPATTO DELLE POLITICHE REGIONALI PER LA PROMOZIONE DELL APPROPRIATEZZA ORGANIZZATIVA QUESITI DELLA RICERCA Qual è stato l impatto

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI - ALLEGATO A DISTRIBUZIONE TERRITORIALE DEI PUNTI DI VENDITA DI GIOCO IPPICO

CAPITOLATO D ONERI - ALLEGATO A DISTRIBUZIONE TERRITORIALE DEI PUNTI DI VENDITA DI GIOCO IPPICO CAPITOLATO D ONERI - ALLEGATO A DISTRIBUZIONE TERRITORIALE DEI PUNTI DI VENDITA DI GIOCO IPPICO Procedura di selezione per l affidamento in concessione dell esercizio dei giochi pubblici di cui all articolo

Dettagli

La Raccolta Differenziata in Italia

La Raccolta Differenziata in Italia 120 Da una prima quantificazione dei dati relativi all anno 2002, la raccolta differenziata si attesta intorno ai,7 milioni di tonnellate che, in termini percentuali, rappresentano il 19,1% della produzione

Dettagli

MARZO. Quaeris srl Piazza Italia, 13/d - 31030 Breda di Piave TV Tel 0422 600826 - Fax 0422 600907 www.quaeris.it - info@quaeris.

MARZO. Quaeris srl Piazza Italia, 13/d - 31030 Breda di Piave TV Tel 0422 600826 - Fax 0422 600907 www.quaeris.it - info@quaeris. 2015 MARZO Quaeris srl Piazza Italia, 13/d - 31030 Breda di Piave TV Tel 0422 600826 - Fax 0422 600907 www.quaeris.it - info@quaeris.it L opinione degli italiani: L UTILIZZO DEL TRASPORTO PUBBLICO IL CAMPIONE

Dettagli

ALFID. Associazione Laica Famiglie in Difficoltà

ALFID. Associazione Laica Famiglie in Difficoltà ALFID Associazione Laica Famiglie in Difficoltà Separazione e Divorzio: alcuni dati a confronto sui principali recenti cambiamenti in Provincia di Trento e nel resto d Italia a cura di Marco Brusegan Il

Dettagli

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il campione 2 Chi è stato intervistato? Un campione di 100 soggetti maggiorenni che risiedono in Italia. Il campione

Dettagli

La realtà delle diseguaglianze

La realtà delle diseguaglianze Rimini 23-25/03/2011 La realtà delle diseguaglianze C. Melega ...perchè parlarne? le diseguaglianze nel corso della gravidanza possono influenzare la salute materna e quella del feto con ripercussioni

Dettagli

MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010

MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010 MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010 STATISTICHE RELATIVE AL PERIODO 1 GENNAIO 31 MARZO 2016 Ministero della Giustizia Dipartimento della Organizzazione Giudiziaria, del Personale e dei Servizi Direzione

Dettagli

Prospetto 4.1. Pesi per unità di volume dei principali materiali strutturali

Prospetto 4.1. Pesi per unità di volume dei principali materiali strutturali 4.PESI PROPRI DEI MATERIALI STRUTTURALI. I pesi per unità di volume dei più comuni materiali, per la determinazione dei pesi propri. strutturali, possono essere assunti pari a quelli riportati nel prospetto

Dettagli

SPEDIZIONI LOGISTICS

SPEDIZIONI LOGISTICS 1 - ITALIANO SERVIZIO NAZIONALE STANDARD SERVIZIO NAZIONALE PALLETS Tempi di resa (per Isole e Calabria ) Tempi di resa (per Isole e Calabria ) Fino a kg 10 Fino a kg 20 Fino a kg 30 Fino a kg 50 Fino

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione Generale per il Personale scolastico

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione Generale per il Personale scolastico Decreto del direttore generale per il personale scolastico n. 82 del 24 settembre 2012: indizione dei concorsi a posti e cattedre, per titoli ed esami, finalizzati al reclutamento del personale docente

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

1. LA CONGIUNTURA MONDIALE

1. LA CONGIUNTURA MONDIALE http://www.enit.it/it/studi.html IL TURISMO STRANIERO IN ITALIA A cura della Direzione Centrale Programmazione e Comunicazione 1. LA CONGIUNTURA MONDIALE I flussi turistici internazionali continuano a

Dettagli

GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI

GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI Famiglia gioco Numero Concessioni GIOCHI A BASE SPORTIVA E IPPICA 398 CONCESSIONI GIOCO ON LINE (GAD) 144 GIOCHI NUMERICI A TOTALIZZATORE 1 LOTTO E LOTTERIE 1 BINGO

Dettagli

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi Valerio Vacca (Banca d Italia, ricerca economica Bari) Il laboratorio del credito, Napoli, 15 marzo 2012 La struttura del mercato in Cr (2010):

Dettagli

I centri antitumore dell'oncoguida suddivi per tipo di tumore e per Regione

I centri antitumore dell'oncoguida suddivi per tipo di tumore e per Regione I centri antitumore dell'oncoguida suddivi per tipo di tumore e per Regione REGIONE TUMORE ENTI CON PALLINI VERDI* ENTI SENZA PALLINO TOTALE ENTI % VERDI Abruzzo Colon - retto 2 28 30 6,67 Abruzzo Connettivo

Dettagli

DOBBIAMO AVER PAURA DELLA PIOGGIA?

DOBBIAMO AVER PAURA DELLA PIOGGIA? Nuovo Rapporto Ance Cresme alluvioni con una scia ininterrotta di disastri, vittime e costi altissimi per i cittadini. Un territorio martoriato da Nord a Sud e L aggiornamento del rapporto Ance Cresme

Dettagli

COMUNICATO UFFICIALE N. 10 del 16 aprile 2015

COMUNICATO UFFICIALE N. 10 del 16 aprile 2015 COMUNICATO UFFICIALE N. 10 del 1 aprile 201 1. CAMPIONATI NAZIONALI - SPORT DI SQUADRA AMMISSIONE ALLE FINALI NAZIONALI E COMPOSIZIONE DELLE FASI INTERREGIONALI - Under 14, Allievi, Juniores, Top Junior,

Dettagli

Listino prezzi tubi saldati tondi, di forma e speciali, da nastro laminato a caldo, nero, decapato e zincato Sendzimir

Listino prezzi tubi saldati tondi, di forma e speciali, da nastro laminato a caldo, nero, decapato e zincato Sendzimir Listino prezzi tubi saldati tondi, di forma e speciali, da nastro laminato a caldo, nero, decapato e zincato Sendzimir 1 giugno 2015 - Rev.1 ITALIA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Le Condizioni Generali

Dettagli

Mettiamoci la faccia DATI SULL INIZIATIVA. Situazione al 30 Aprile 2013

Mettiamoci la faccia DATI SULL INIZIATIVA. Situazione al 30 Aprile 2013 Mettiamoci la faccia DATI SULL INIZIATIVA Situazione al 30 Aprile 2013 1 INDICE - 1 1. Le amministrazioni partecipanti Slide 4 New entries del mese Slide 5 Amministrazioni che hanno aderito a MLF Numero

Dettagli

L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI

L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI Analisi dei PSR sulle Nuove SFIDE dell Health Check PARTE SECONDA - ASPETTI FINANZIARI Aggiornamento L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI Documento realizzato nell ambito delle attività della Rete Rurale

Dettagli

Il settore agro-alimentare in Italia. Focus sul lattiero caseario. Direzione Studi e Ricerche

Il settore agro-alimentare in Italia. Focus sul lattiero caseario. Direzione Studi e Ricerche Il settore agro-alimentare in Italia. Focus sul lattiero caseario Direzione Studi e Ricerche Milano, 30 Marzo 2016 Agenda 1 Importanza e specificità dell agroalimentare italiano 2 Il lattiero caseario

Dettagli

Le aziende agrituristiche

Le aziende agrituristiche Nel 2014 sono state autorizzate all esercizio agrituristico 21.744 aziende, con una crescita del 4% rispetto al 2013. L attività preponderante riguarda l alloggio, praticato dall 82% degli agriturismi.

Dettagli

DEPOSITI E TRASPORTI A TEMPERATURA CONTROLLATA

DEPOSITI E TRASPORTI A TEMPERATURA CONTROLLATA DEPOSITI E TRASPORTI A TEMPERATURA CONTROLLATA MAZZOCCO Srl via Caduti del Lavoro, 23 - Bogolese 43058 Sorbolo - PR - ITALY Tel. +39-0521 664003 - Fax. +39-0521 604674 NEW LOGISTIC Srl via Nobel, 5/A -

Dettagli

UNA STRATEGIA PER LA CULTURA. UNA STRATEGIA PER IL PAESE

UNA STRATEGIA PER LA CULTURA. UNA STRATEGIA PER IL PAESE UNA STRATEGIA PER LA CULTURA. UNA STRATEGIA PER IL PAESE Rapporto Annuale Federculture 2013 - Dati e analisi - Focus SICILIA - La spesa e i consumi culturali Nel 2012, dopo un lungo trend di crescita costante

Dettagli

Scuola dell'infanzia. Scuola Primaria. Posti. Regione

Scuola dell'infanzia. Scuola Primaria. Posti. Regione Scuola dell'infanzia Abruzzo 30 Basilicata 37 Calabria 144 Campania 278 Emilia Romagna 54 Lazio 118 Liguria 16 Lombardia 88 Marche 35 Molise 11 Piemonte 47 Puglia 136 Sardegna 48 Sicilia 246 Toscana 82

Dettagli

INCIDENZA E PREVALENZA PER IL TUMORE AL POLMONE IN ITALIA: STIME E PROIEZIONI PER IL PERIODO 1970-2015

INCIDENZA E PREVALENZA PER IL TUMORE AL POLMONE IN ITALIA: STIME E PROIEZIONI PER IL PERIODO 1970-2015 INCIDENZA E PREVALENZA PER IL TUMORE AL POLMONE IN ITALIA: STIME E PROIEZIONI PER IL PERIODO 197-15 Giulia Zigon, Roberta Ciampichini, Gemma Gatta, Enrico Grande, Silvia Francisci, Roberta De Angelis,

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015)

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015) Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016 (Settembre 2015) In occasione dell inizio dell anno scolastico si fornisce una breve sintesi dei principali dati relativi alla

Dettagli

ELENCO POSTI MESSI A CONCORSO SUDDIVISI PER REGIONE. Scuola dell'infanzia Regione

ELENCO POSTI MESSI A CONCORSO SUDDIVISI PER REGIONE. Scuola dell'infanzia Regione ELENCO POSTI MESSI A CONCORSO SUDDIVISI PER REGIONE Scuola dell'infanzia Abruzzo 30 Basilicata 37 Calabria 144 Campania 278 Emilia Romagna 54 Lazio 118 Liguria 16 Lombardia 88 Marche 35 Molise 11 Piemonte

Dettagli

IL TALENTO DELLE IDEE, edizione 2011-2012

IL TALENTO DELLE IDEE, edizione 2011-2012 I&C Italy - Territorial Relations Territorial Development Programs Giovani Imprenditori di Confindustria Santa Margherita Ligure, 10 Giugno PROPOSTA PROGETTUALE TIMELINE 2 OBIETTIVO Far emergere o sostenere

Dettagli

Settembre 2014. Gennaio. Settembre 2015. di trasporto 179. mezzo di trasporto 51. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI.

Settembre 2014. Gennaio. Settembre 2015. di trasporto 179. mezzo di trasporto 51. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 30/09/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

Gennaio Ottobre 2015. Gennaio. lavoro. mezzo di trasporto 62. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. In itinere.

Gennaio Ottobre 2015. Gennaio. lavoro. mezzo di trasporto 62. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. In itinere. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/10/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

1 - caratteristiche del prodotto 2 - caratteristiche del circuito 3 - modalità di utilizzo 4 - alcuni clienti

1 - caratteristiche del prodotto 2 - caratteristiche del circuito 3 - modalità di utilizzo 4 - alcuni clienti 1 - caratteristiche del prodotto 2 - caratteristiche del circuito 3 - modalità di utilizzo 4 - alcuni clienti 2007 Jakala Promoplan. Tutti i diritti riservati. 2 1. CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1/4 COS

Dettagli

STUDIO SUGLI INCENDI IN ITALIA DAL 2007 AL 2010. Dirigente Superiore Dott. Ing. Maurizio D ADDATO

STUDIO SUGLI INCENDI IN ITALIA DAL 2007 AL 2010. Dirigente Superiore Dott. Ing. Maurizio D ADDATO STUDIO SUGLI INCENDI IN ITALIA DAL 2007 AL 2010 Dirigente Superiore Dott. Ing. Maurizio D ADDATO La ricerca sviluppata ha preso in esame tutte le segnalazioni pervenute al Centro Operativo Nazionale del

Dettagli

Test preliminari: candidati e ammessi per regione

Test preliminari: candidati e ammessi per regione Test preliminari: candidati e ammessi per regione A013 CHIMICA E TECNOLOGIE CHIMICHE LOMBARDIA 182 101 TRENTINO ALTO-ADIGE 51 32 VENETO 126 76 LIGURIA 54 36 EMILIA ROMAGNA 110 67 TOSCANA 158 101 UMBRIA

Dettagli

CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI

CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI inarcassa in Cifre Statistiche su iscritti e pensionati, redditi e volume d affari Ufficio Studi e Ricerche

Dettagli

LE BANCHE DATI DELL INAIL e un focus sugli infortuni sul lavoro con mezzo di trasporto

LE BANCHE DATI DELL INAIL e un focus sugli infortuni sul lavoro con mezzo di trasporto LE BANCHE DATI DELL INAIL e un focus sugli infortuni sul lavoro con mezzo di trasporto Andrea Bucciarelli Mantova, 16 novembre 2015 Indice: - Alcuni dei canali informativi on-line sui dati Inail - Open

Dettagli

I giovani Neet registrati

I giovani Neet registrati Roma, 24 Ottobre 2014 - L adesione al programma da parte dei giovani continua. Al 23 ottobre 2014 1 si sono registrati a Garanzia Giovani 262.171 giovani, di questi il 51% (134.071 giovani) lo ha fatto

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015 119 117 114 69 52 28 14 1 343 267 242 215 444 607 736 946 938 1.168 1.066 1.622 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015 Il caldo torrido di questa estate sembra aver

Dettagli

Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata. Anno 2012

Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata. Anno 2012 Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata Anno 2012 Premessa Nel settore della vigilanza privata il 2012 è stato un anno di record per gli ammortizzatori sociali, in particolare per

Dettagli

LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE

LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE Carte Diem Roma, Relatore: Alessandro Messina LO SCENARIO DEL CREDITO IN ITALIA A giugno 2008 lo stock di impieghi era pari a 1.543 MLD Di questi, rivolti

Dettagli

Gennaio. Luglio L 2015 472 383. In occasione. di lavoro. di trasporto 65 In itinere. mezzo di trasporto 61. di lavoro Senza mezzo.

Gennaio. Luglio L 2015 472 383. In occasione. di lavoro. di trasporto 65 In itinere. mezzo di trasporto 61. di lavoro Senza mezzo. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/0/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

7. Assistenza primaria

7. Assistenza primaria 7. Assistenza primaria BSIP Marka Assistenza primaria 7.1. Medicina di base L assistenza distrettuale, allo scopo di coordinare ed integrare tutti i percorsi di accesso ai servizi sanitari da parte del

Dettagli

La competitività del sistema imprenditoriale italiano: un analisi su base regionale

La competitività del sistema imprenditoriale italiano: un analisi su base regionale VI Workshop UniCredit RegiosS Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali. I fattori di competitività territoriale La competitività del sistema imprenditoriale italiano: un analisi su base

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

REPORTISTICA ISCRITTI

REPORTISTICA ISCRITTI Augusta Tartaglione REPORTISTICA ISCRITTI Elaborazione dati periodici forniti da Previnet. Aggiornamento al 30 giugno 2014 Augusta Tartaglione Comunicazione & Promozione comunicazione@fondofonte.it tel.

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

Roma, 22 luglio 2006. Ufficio Stampa. Che cosa caratterizza le sue vacanze estive?

Roma, 22 luglio 2006. Ufficio Stampa. Che cosa caratterizza le sue vacanze estive? Ufficio Stampa Roma, 22 luglio 2006 Che cosa caratterizza le sue vacanze estive? il riposo 27 26 26 le passeggiate 15 13 10 la tintarella 7 8 10 il divertimento 1 1 10 la visita a musei e beni culturali

Dettagli

La storia. Gennaio 2015. Novembre Dicembre 2014

La storia. Gennaio 2015. Novembre Dicembre 2014 La storia Lettera Presidente Renzi; 1650 Comuni segnalano oltre 3300 richieste. (insieme eterogeneo) Incarico a DIPE per inizio istruttoria sui finanziamenti del DL DPCM 28/10 su allentamento Patto di

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2015. Il mercato delle case per vacanza

OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2015. Il mercato delle case per vacanza OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2015 Il mercato delle case per vacanza Roma, 29 luglio 2015 Previsioni di crescita del PIL (variazioni %) 2013 2014 2015 2016 Mondo 3,3 3,3 3,1 3,8 STATI UNITI

Dettagli

Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti

Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti Cod. ISTAT INT 00009 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti Titolare: Dipartimento

Dettagli

Il Teleriscaldamento: Un esempio virtuoso di utilizzazione della biomassa legnosa. Roma 6 Febbraio 2015 Walter Righini

Il Teleriscaldamento: Un esempio virtuoso di utilizzazione della biomassa legnosa. Roma 6 Febbraio 2015 Walter Righini Il Teleriscaldamento: Un esempio virtuoso di utilizzazione della biomassa legnosa Roma 6 Febbraio 2015 Walter Righini FIPER in numeri 86 impianti di teleriscaldamento a biomassa 22 impianti a biogas agricolo

Dettagli

Indagine sul livello di conoscenza delle droghe da parte della popolazione italiana

Indagine sul livello di conoscenza delle droghe da parte della popolazione italiana Indagine sul livello di conoscenza delle droghe da parte della popolazione italiana Roma, marzo 2007 Codice Ricerca: 2007-033bf www.formatresearch.com PREMESSA E NOTA METODOLOGICA Soggetto che ha realizzato

Dettagli

Allegato Tecnico n. 1 Soci delle Pro Loco associate UNPLI. PRODOTTI e SERVIZI ASSICURATIVI

Allegato Tecnico n. 1 Soci delle Pro Loco associate UNPLI. PRODOTTI e SERVIZI ASSICURATIVI CONVENZIONE ASSICURATIVA tra UNPLI UNIONE NAZIONALE PRO LOCO D ITALIA - e UNIPOLSAI ASSICURAZIONI S.p.A. Divisioni: LA FONDIARIA LA PREVIDENTE NUOVA MAA - SAI Allegato Tecnico n. 1 Soci delle Pro Loco

Dettagli

UFFICI AI QUALI INVIARE LE DOMANDE

UFFICI AI QUALI INVIARE LE DOMANDE UFFICI AI QUALI INVIARE LE DOMANDE ABRUZZO L'ABRUZZO Via F. Filomusi Guelfi - 67100 -L'Aquila Tel. 0862446148-0862446142 Fax 0862446101-0862446145 E-mail: sr-abr@beniculturali.it E-mail certificata: mbac-sr-abr@mailcert.beniculturali.it

Dettagli

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI 5.3 Il patrimonio scolastico e ospedaliero nelle aree di rischio Tra gli edifici esposti al rischio naturale rientrano alcune strutture, come le scuole e gli ospedali, che hanno una particolare importanza

Dettagli

OMNIVISION ITALIA MERCATO LABORATORIO SINTESI

OMNIVISION ITALIA MERCATO LABORATORIO SINTESI OMNIVISION ITALIA MERCATO LABORATORIO SINTESI Febbraio 2013 METODOLOGIA Il campione è di 653 studi dentistici, proporzionalmente suddivisi per aree Nielsen. North West Piemonte, Val d Aosta, Lombardia,

Dettagli

Road Show Comitato Smart Building: L edificio in rete. Una grande occasione di sviluppo

Road Show Comitato Smart Building: L edificio in rete. Una grande occasione di sviluppo Road Show Comitato Smart Building: L edificio in rete. Una grande occasione di sviluppo «L integrazione delle reti orizzontali e verticali: una sfida ed un opportunità da affrontare in sinergia» Roma,

Dettagli

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro Adelina Brusco, Daniela Gallieri Ancona, 9 giugno 2009 Assicurati e Infortuni sul lavoro sono rilevati tramite il codice fiscale che individua il Paese di nascita

Dettagli

AMBITO TARIFFARIO NORD OCCIDENTALE (VALLE D'AOSTA - PIEMONTE - LIGURIA) VALIDO DAL 1 GENNAIO 2015 AL 31 MARZO 2015

AMBITO TARIFFARIO NORD OCCIDENTALE (VALLE D'AOSTA - PIEMONTE - LIGURIA) VALIDO DAL 1 GENNAIO 2015 AL 31 MARZO 2015 AMBITO TARIFFARIO NORD OCCIDENTALE (VALLE D'AOSTA - PIEMONTE - LIGURIA) Quota Energia ne 0,000000 Oltre 0,000000 SERVIZI DI TE Totale G6 42,75 17,84 34,79 a 0,095306 G10 G40 212,39 88,65 275,23 0,754060

Dettagli

LAVORO E IMMIGRAZIONE NEI SISTEMI LOGISTICI IN ITALIA 3 aprile 2014

LAVORO E IMMIGRAZIONE NEI SISTEMI LOGISTICI IN ITALIA 3 aprile 2014 LAVORO E IMMIGRAZIONE NEI SISTEMI LOGISTICI IN ITALIA 3 aprile 2014 LAVORO E IMMIGRAZIONE NEI SISTEMI LOGISTICI IN ITALIA 3 aprile 2014 PRESENTAZIONE A CURA DI EMANUELE GALOSSI E GIULIANO FERRUCCI I lavoratori

Dettagli

L attività dei confidi

L attività dei confidi L attività dei confidi Un analisi sui dati della Centrale dei rischi Valerio Vacca Banca d Italia febbraio 214 1 Di cosa parleremo Il contributo dei confidi ail accesso al credito delle pmi La struttura

Dettagli

I sintomi del ritardo italiano: un analisi territoriale di dati e di indagini recenti

I sintomi del ritardo italiano: un analisi territoriale di dati e di indagini recenti Seminari del QSN 7 luglio 25 Istruzione I sintomi del ritardo italiano: un analisi territoriale di dati e di indagini recenti Marta Foresti - Aline Pennisi Unità di Valutazione degli Investimenti Pubblici

Dettagli

PUBBLICITÀ INERENTE ALLA TIRATURA DELLE TESTATE

PUBBLICITÀ INERENTE ALLA TIRATURA DELLE TESTATE PUBBLICITÀ INERENTE ALLA TIRATURA DELLE TESTATE QUOTIDIANE AI SENSI DELLA LEGGE N. 416/1981 Tabella 1 - Editoria quotidiana. Quote di mercato in volume (2013) Gruppo di riferimento Soggetto Denominazione

Dettagli

Statistiche in breve

Statistiche in breve Statistiche in breve A cura del Coordinamento Generale Statistico Attuariale Marzo 2016 Anno 2016 vigenti all 1.1.2016 e liquidate nel 2015 erogate dall Inps 1 Le Gestioni Le pensioni vigenti all 1.1.2016

Dettagli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli P R E M E S S A Con la presente rilevazione, la Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica si propone di fornire un censimento completo delle strutture di accoglienza per stranieri, residenziali

Dettagli

Indice delle tavole statistiche

Indice delle tavole statistiche 1 Indice delle tavole statistiche Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e classe di importo Tavola

Dettagli

SOGGIORNI TERMALI 2012 ALBERGHI E CALENDARIO DEI TURNI

SOGGIORNI TERMALI 2012 ALBERGHI E CALENDARIO DEI TURNI Indice Piemonte... 2 Lombardia... 3 Trentino- Alto Adige... 4 Friuli Venezia Giulia... 5 Veneto... 6 Emilia Romagna... 7 Toscana... 9 Lazio... 11 Campania... 12 Puglia... 14 Calabria... 15 Sicilia... 16

Dettagli

1.2) Altre nomenclature rilevanti (NACE/CPA/CPC): CPC 71222;83101;61120;74490

1.2) Altre nomenclature rilevanti (NACE/CPA/CPC): CPC 71222;83101;61120;74490 ALLEGATO DETTAGLIO PREINFORMATIVA SERVIZI 2005 1) AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO A LUNGO TERMINE DI AUTOVEICOLI SENZA CONDUCENTE Lotto 1 Berline piccole Lotto 2 Berline medie Lotto 3 Grandi berline

Dettagli

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Luglio 2008 Questa

Dettagli

>> Fotovoltaico: situazione attuale e prospettive delletecnologiee del mercato

>> Fotovoltaico: situazione attuale e prospettive delletecnologiee del mercato >> Fotovoltaico: situazione attuale e prospettive delletecnologiee del mercato IMPIANTI FOTOVOLTAICI Tecnologie attuali e nuovi modelli Bari 11 Dicembre 2007 ore 15,30 1 >> Fotovoltaico: situazione attuale

Dettagli

Dossier rincari ferroviari

Dossier rincari ferroviari Nel 2007 i pendolari in Italia hanno superato i 13 milioni (pari al 22% della popolazione) con un incremento del 18% rispetto al 2005. La vita quotidiana è quindi sempre più caratterizzata dalla mobilità,

Dettagli

LA RISCOPERTA DELLA BICICLETTA

LA RISCOPERTA DELLA BICICLETTA LA RISCOPERTA DELLA BICICLETTA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Settembre 008 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 6 Il Nord Est patria dei ciclisti Quanto

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

Francesca Belinghieri. Novara, 11 giugno 2014

Francesca Belinghieri. Novara, 11 giugno 2014 Novara, 11 giugno 2014 "Il Nuovo SET (Servizio Emergenze Trasporti), uno strumento operativo per la gestione delle emergenze a supporto delle Autorità Pubbliche e delle Imprese". Francesca Belinghieri

Dettagli

Piano scuola digitale: Azione LIM a.s. 2011-12 Allegato n.3 bis. PROGETTO LIM SUL MEPA 2009 e 2010 Risultati

Piano scuola digitale: Azione LIM a.s. 2011-12 Allegato n.3 bis. PROGETTO LIM SUL MEPA 2009 e 2010 Risultati Piano scuola digitale: Azione LIM a.s. 211-12 Allegato n. bis PROGETTO LIM SUL MEPA 29 e 21 Risultati Il Progetto LIM del MIUR: i requisiti dei prodotti (in grassetto le specificità 21) 1 LIM Area attiva

Dettagli

Direzione generale centrale Organizzazione, Personale, Sistemi Informativi e Telematica Servizio statistica e informazione geografica

Direzione generale centrale Organizzazione, Personale, Sistemi Informativi e Telematica Servizio statistica e informazione geografica Direzione generale centrale Organizzazione, Personale, Sistemi Informativi e Telematica Servizio statistica e informazione geografica Redditi, povertà ed esclusione sociale in Anno 214 Bologna, 9 dicembre

Dettagli

Parte seconda AVVERTENZE

Parte seconda AVVERTENZE Parte seconda Infortuni sul lavoro e malattie professionali definiti e indennizzati dall INAIL AVVERTENZE In questa sezione sono riportate le statistiche relative ai casi di infortunio avvenuti e le malattie

Dettagli

Analisi della diffusione di Internet in Italia

Analisi della diffusione di Internet in Italia Analisi della diffusione di Internet in Italia Istituto di Informatica e Telematica CNR Pisa Maurizio Martinelli Michela Serrecchia Il Registro.it: breve panoramica È stato delegato al CNR il 23 dicembre

Dettagli

costo quota iscrizione: 100 EURO costo partecipazione TFA: 2.577,47 EURO (di cui 77.47 euro, tassa regionale)

costo quota iscrizione: 100 EURO costo partecipazione TFA: 2.577,47 EURO (di cui 77.47 euro, tassa regionale) ABRUZZO Chieti - Pescara http://www.unich.it/unichieti/appmanager/unich/didattica?_nfpb=true&_pagelabel=ssis_didatticafirstpage_v2 costo partecipazione TFA: 2.577,47 EURO (di cui 77.47 euro, tassa regionale)

Dettagli

PRESENTAZIONE (EFFETTUABILE DA 30 GG PRIMA DEL VOTO) in tutta ITALIA

PRESENTAZIONE (EFFETTUABILE DA 30 GG PRIMA DEL VOTO) in tutta ITALIA PRESENTAZIONE Servizio Affissioni Classiche Piccoli Formati 70x100 e 100x140 sui tabelloni (EFFETTUABILE DA 30 GG PRIMA DEL VOTO) in tutta ITALIA Agenzia Leader in Italia SQUADRE DI ATTACCHINI PRONTE OVUNQUE

Dettagli

UNITÀ OPERATIVE TERRITORIALI DI CERTIFICAZIONE, VERIFICA E RICERCA

UNITÀ OPERATIVE TERRITORIALI DI CERTIFICAZIONE, VERIFICA E RICERCA UNITÀ OPERATIVE TERRITORIALI DI CERTIFICAZIONE, VERIFICA E RICERCA PIEMONTE ALESSANDRIA Competenza territoriale per le province di Alessandria, Asti 15121 Alessandria, via A. Gramsci 2 Tel. 0131/252653,

Dettagli