Come è fatta la materia, cioè quali particelle la costituiscono,

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Come è fatta la materia, cioè quali particelle la costituiscono,"

Transcript

1 LA MACCHINA LHC A GINEVRA E LA FISICA DELL INFINITAMENTE PICCOLO GIOVANNI VITTORIO PALLOTTINO 10 settembre 2009: giornali e televisioni riferiscono con dovizia di dettagli, non sempre peraltro ben comprensibili, sull impresa in corso al CERN, il Centro Europeo per le Ricerche Nucleari di Ginevra. Non si trattava di un esperimento, ma di un primo, problematico, collaudo del funzionamento di LHC, la macchina acceleratrice di particelle più potente mai costruita dall uomo. Come è fatta la materia, cioè quali particelle la costituiscono, e quali forze si esercitano fra i suoi costituenti sono due temi essenziali della ricerca fisica. Temi che hanno visto straordinari progressi nel corso dell ultimo secolo. Le indagini svolte nel tentativo di individuare i mattoni fondamentali della materia, tuttavia, hanno condotto all equivalente di un gioco di scatole cinesi, portando prima a stabilire che essa è costituita da molecole e che le molecole sono fatte di atomi; poi che gli atomi sono costituiti da particelle ancora più piccole (elettroni, protoni e neutroni); e infine che anche alcune di queste, a loro volta, consistono di particelle più piccole ancora, chiamate quark. Le quali, tuttavia, almeno per quanto sappiamo finora, non possono esistere separatamente, ma solo in coppie o tripletti: sia i protoni che i neutroni sono costituiti dall unione di tre quark. Le particelle che sono costituite da quark, come i neutroni e i protoni, sono chiamate adroni, dal greco adros (forte), in quanto la loro stabilità è assicurata dalla forza nucleare forte, che è la più intensa fra le forze fondamentali della natura. Come si svolge l indagine sulla natura intima della materia, nel difficile percorso verso l infinitamente piccolo? Non certamente usando dei microscopi, per quanto perfezionati: il potere risolutivo di questi strumenti, cioè il minimo dettaglio che essi consentono di osservare, è infatti già insufficiente per gli atomi, le cui dimensioni sono inferiori al miliardesimo di metro. Il metodo seguito in questi studi consiste nel lanciare dei proiettili contro il bersaglio in esame per esaminarne gli effetti: anche senza vederlo, così, si imparano molte cose. Il primo a seguire questa strada, attorno a un secolo fa, fu il fisico inglese Ernest Rutherford, con un esperimento che segnò la nascita della fisica nucleare. Scagliando un fascetto di particelle 1 contro un sottilissimo foglio di oro ed esaminando le direzioni delle particelle che lo avevano attraversato, egli potè stabilire che gli atomi sono praticamente vuoti, con la quasi totalità della loro massa concentrata in un nucleo piccolissimo: la maggior parte delle particelle, infatti, passava pressoché indisturbata. Le indagini successive, rivolte a investigare sempre in maggior dettaglio la costituzione degli atomi e dei nuclei atomici, richiesero proiettili dotati di energie ben maggiori di quelle ottenibili dalle sorgenti naturali usate da Rutherford. Per questo vennero usate particelle dotate di carica elettrica, per esempio elettroni, che acquistavano energia viaggiando in apparati nei quali un intenso campo elettrico provvedeva ad accelerarle. Gli apparati acceleratori usati inizialmente erano basati sullo stesso principio dei visori (tubi a raggi catodici) impiegati fino a poco tempo fa nei televisori: una differenza di potenziale fra due elettrodi interni accelera gli elettroni emessi da un metallo riscaldato fino a che essi colpiscono lo schermo con energia sufficiente a crearvi l immagine. A questi seguirono altre macchine acceleratrici, chiamate ciclotroni e sincrotroni, nelle quali il fascio di particelle cariche percorre orbite a spirale o approssimativamente circolari in presenza di un campo elettrico alternato, il cui segno s inverte a ogni giro in modo che le particelle vengano continuamente accelerate. L effetto complessivo di accelerazione, così, è assai grande perché ad esso contribuisce la somma di quanto ottenuto a ogni singolo giro. Ma poiché le particelle in moto, per il principio d inerzia, tendono a proseguire il loro moto in linea retta, in queste macchine è necessaria la presenza di un campo magnetico che ne incurvi continuamente la traiettoria. Ma che cosa giustifica questa corsa verso energie sempre più elevate? Una ragione è che maggiori energie consentono di creare particelle di masse maggiori negli eventi in cui l energia si trasforma in massa; un altra è che le alte energie consentono di esplorare dimensioni più piccole. * * * 1 Si trattava, più precisamente, di particelle alfa, cioè di nuclei di atomi di elio, emessi da atomi di elementi radioattivi nel decadimento che li trasforma in atomi di altri elementi. 28

2 APPROFONDIMENTI La prima motivazione si capisce ricordando l equazione di equivalenza di Einstein E = mc 2, per cui la massa delle particelle ottenibili è direttamente proporzionale all energia disponibile. Chamberlain e Segrè poterono produrre la coppia protone-antiprotone perché la macchina acceleratrice da essi impiegata (il sincrotrone Bevatron a Berkeley, California) era in grado di accelerare le particelle a energie sufficientemente alte, in effetti fino a 6,4 GeV 2 (miliardi di elettronvolt). Cioè circa mille volte maggiore di quella delle particelle usate da Rutherford nel suo esperimento. La seconda motivazione si capisce ricordando la teoria di De Broglie, un fondamento della meccanica quantistica, secondo la quale una particella in moto si comporta come un onda, con lunghezza d onda inversamente proporzionale alla sua quantità di moto, cioè al prodotto fra la sua massa e la sua velocità. E dato che il dettaglio ottenibile nell esplorazione trova un limite nella lunghezza d onda delle particelle esploratrici, proprio come avviene nei microscopi che utilizzano la luce, occorre spingere al massimo la loro velocità e quindi la loro energia, ricorrendo a macchine acceleratrici sempre più potenti. Fig. 1 - Vista all interno della grande galleria circolare del collisore LHC lunga 27 km. Fonte: Cern, Ginevra. I collisori. Un salto di qualità decisivo per accrescere l energia che può essere sviluppata negli acceleratori di particelle si ebbe con l impiego dei cosidetti collisori, che sfruttano un idea proposta da Bruno Touschek ( ), un fisico austriaco che operò a lungo in Italia. L essenza dell idea è semplicissima: se lanciamo due palle di cannone l una contro l altra, lo scoppio sarà ben più fragoroso dell urto di una di esse contro un bersaglio fisso. Tutt altro che semplice, invece, è la sua attuazione, dato che nei collisori, anziché limitarsi ad accelerare un fascio di particelle per inviarlo poi contro un bersaglio, si accelerano due fasci contrapposti di particelle e di antiparticelle, che percorrono quasi la stessa traiettoria, portandoli poi a scontrarsi esattamente. Nonostante le difficoltà tecniche e concettuali, la prima macchina di questo tipo, denominata AdA (Anello di Accumulazione), fu costruita in tempi assai brevi nei laboratori di Frascati dell Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) entrando in funzione nel febbraio 1961, meno di un anno dalla proposta di Touschek. La soluzione sviluppata a Frascati, in seguito, fu adottata nella costruzione di macchine acceleratrici sempre più potenti, fra cui il LEP (Large Electron Positron collider) al CERN, che raggiunse energie di 200 GeV, e l acceleratore di cui qui ci occupiamo, cioè il Grande Collisore di adroni LHC (Large Hadron Collider). In questa macchina circoleranno in sensi opposti un fascio di protoni e uno di antiprotoni, ciascuno dei quali verrà accelerato a 7 TeV (1 TeV = ev); sicché l energia disponibile quando un protone incontra un antiprotone sarà di 14 TeV. Questa energia è certamente assai grande 3, ma tuttavia è assai inferiore, e di svariati ordini di grandezza, a quelle dei protoni più energetici della radiazione cosmica primaria che da sempre colpisce il nostro pianeta. Sicché il timore che gli eventi prodotti da LHC conducano a fenomeni catastrofici è infondato. Si è parlato molto, per esempio, della possibilità che in LHC si producano dei minuscoli buchi neri, che in seguito, accrescendosi, risucchierebbero la macchina, la regione circostante e poi tutta la Terra. Accurati studi dimostrano che ciò è impossibile 4, come del resto sembra assai ragionevole, considerando che nulla di simile è avvenuto, in presenza della ben più potente radiazione cosmica, nei quattro miliardi di anni di esistenza della Terra. La macchina LHC. Il collisore LHC è stato realizzato al confine fra la Svizzera e la Francia, a una profondità media di 100 metri, all interno di una grande galleria circolare, lunga 27 km (Fig. 1), dove in precedenza si trovava il LEP. In questa galleria sono installati sia gli apparati che occorrono al funzionamento della macchina, sia quelli degli 2 L energia delle particelle atomiche e subatomiche si misura abitualmente in unità di elettronvolt (ev), dove 1 ev è l energia che acquista una particella dotata di una carica elettrica unitaria, per esempio un elettrone o un protone, quando si sposta fra due punti fra i quali vi è la differenza di potenziale di 1 volt: una quantità di energia straordinariamente piccola. Vale infatti l equivalenza: 1 elettronvolt = 1, joule. Fra i multipli dell elettronvolt si usano spesso i MeV, dove M (mega) indica 10 6, i GeV, dove G (giga) indica 10 9 e i TeV, dove T (tera) indica Assai grande, s intende, nella scala microscopica dei fenomeni che riguardano singole particelle nucleari o subnucleari. In realtà assai piccola nella scala dei fenomeni ordinari, dato che 14 TeV corrispondono all energia sviluppata da una potenza di due millesimi di watt durante 2,2 millesimi di secondo. Cioè poco più dell energia di un moscerino in volo. 4 I buchi neri cosmici, che possono produrre eventi catastrofici, hanno masse gigantesche, da dieci a un miliardo di volte quella del Sole. I minuscoli buchi neri eventualmente prodotti in LHC avrebbero invece masse estremamente piccole e quindi l attrazione gravitazionale da essi prodotta sarebbe insufficiente a catturare la materia circostante. 29

3 esperimenti. I fasci di protoni e antiprotoni corrono all interno di due condutture metalliche a tenuta di vuoto, percorrendo traiettorie contrapposte che si incrociano in quattro punti, dove avvengono le collisioni fra le particelle e dove quindi sono situati i quattro esperimenti principali che ne studiano gli effetti. È evidente l importanza di avere un alto vuoto nella regione dove viaggiano i fasci, per ridurre al minimo le interazioni fra le particelle e le molecole di gas residuo. Parti essenziali della macchina sono le cavità a radiofrequenza, all interno delle quali si produce il campo elettrico alternato che serve prima ad accelerare le particelle e poi a compensarne le perdite di energia, e i magneti (Fig. 2), con una massa complessiva di decine di migliaia di tonnellate, alcuni dei quali provvedono a focalizzare i fasci, altri a incurvarne la traiettoria nel modo desiderato. Di questi ultimi ve ne sono ben 1432, ciascuno lungo 15 m. Il campo magnetico prodotto da essi è elevatissimo 5 perché raggiungerà a regime l intensità di 8,3 tesla, pari a oltre centomila volte quella del campo terrestre, richiedendo, negli avvolgimenti, correnti di ampère. Per ottenere campi così intensi è necessario ricorrere a magneti dotati di avvolgimenti superconduttori, impieganti cavi di niobio-titanio, una tecnologia nella quale l Italia ha una grande tradizione; gran parte, infatti, dei magneti di LHC proviene dall Ansaldo San Giorgio di Genova. I magneti superconduttori, d altra parte, per funzionare devono trovarsi a temperature bassissime, nel caso particolare a 1,9 gradi kelvin (cioè 271 C). Ciò si ottiene con un sistema criogenico basato sull impiego di elio superfluido 6, sfruttandone le particolari proprietà, fra cui essenziale l altissimo valore della conducibilità termica. Il sistema criogenico di LHC deve provvedere, quando la macchina è in funzione, a compensare le perdite di energia di tutte le sue parti, cioè in definitiva il calore sviluppato internamente più quello trasmesso dall esterno (accuratamente minimizzato con raffinati sistemi di isolamento), che quando la macchina funzionerà a piena potenza ammonterà complessivamente a circa 140 kw. Uno sforzo poderoso, d altra parte, richiede il raffreddamento iniziale di tutta la macchina, con il passaggio dalla temperatura ambiente a quella, bassissima, di lavoro: impresa che impiega prima 12 milioni di litri di azoto liquido e poi 700 mila litri di elio liquido. Il funzionamento del sistema criogenico, quello delle cavità risonanti e soprattutto l alimentazione dei magneti richiedono la disponibilità di grandi quantità di elettricità, con una potenza di circa 300 MW, pari a due volte quella assorbita da tutta la città di Ginevra. A ciò provvede principalmente l ente elettrico nazionale francese (Electricité de France), che tuttavia Fig. 2 - Posa in opera di uno dei grandi magneti che servono a incurvare la traiettoria dei fasci di particelle che, altrimenti, viaggerebbero in linea retta. Fonte: Cern, Ginevra. non garantisce la fornitura nelle settimane attorno a Natale di massimo consumo in rete, sicché in tali periodi avrà luogo lo spegnimento programmato di LHC. Ma perché LHC è così grande? Quando le particelle passano attraverso il campo magnetico che ne incurva la traiettoria, esse subiscono una accelerazione prodotta dalla forza magnetica (forza di Lorenz): il modulo della loro velocità resta costante, ma ne cambia la direzione. Come qualsiasi carica elettrica, che quando viene accelerata irraggia onde elettromagnetiche (come avviene nelle antenne dei trasmettitori radio), le particelle del fascio emettono radiazione, cedendo una parte della loro energia. L intensità di questa radiazione elettromagnetica è direttamente proporzionale alla quarta potenza dell energia delle particelle e inversamente proporzionale al quadrato del raggio di curvatura della traiettoria. Si comprende quindi l importanza di avere un raggio di curvatura più grande possibile, compatibilmente, si capisce, con le dimensioni del sito disponibile e con i costi di costruzione. I fasci di particelle. L origine dei fasci di protoni ed antiprotoni è una bottiglia contenente idrogeno. Strappando a questi atomi l unico elettrone che essi posseggono si ottengono i nuclei di idrogeno, cioè i protoni. Questi vengono accelerati attraversando una serie di macchine disposte in cascata fino a raggiungere l energia di 450 GeV, quando vengono immessi nella ciambella di LHC. Qui vengono accelerati ulteriormente grazie al campo elettrico presente nelle ca- 5 L intensità del campo necessario è tanto maggiore quanto più grandi sono l energia delle particelle e la curvatura della traiettoria che si vuole ottenere. 6 Il gas elio si trasforma in liquido alla temperatura di 4,2 K (a pressione normale). Raffreddandolo ulteriormente, esso subisce un altra transizione di fase a circa 2,2 K, questa volta trasformandosi in un superfluido e assumendo così proprietà particolarissime, fra cui una fortissima riduzione della viscosità. 30

4 APPROFONDIMENTI Fig. 3 - L esperimento ATLAS, costruito in una gigantesca caverna attorno al tubo metallico dove si scontrano i fasci di protoni e antiprotoni, è lungo 45 m, alto 25 m e pesa quanto la torre Eiffel, circa 7000 tonnellate. Le sue parti essenziali sono schiere di rivelatori e dispositivi elettronici, che estraggono le informazioni essenziali per lo studio degli eventi prodotti dalle collisioni fra le particelle dei fasci. Immagine tratta dal sito dell esperimento ATLAS al CERN: vità a radiofrequenza raggiungendo, quando la macchina funzionerà a piena potenza, l energia di 7 TeV. In realtà, l effetto di accelerazione vera e propria, cioè l aumento di velocità, sarà trascurabile 7. La ragione è che quando si fornisce energia a una particella con velocità prossima a quella della luce, che come stabilisce la teoria relatività speciale di Einstein costituisce un limite invalicabile, questa energia va soprattutto ad accrescerne la massa e gli incrementi di velocità sono tanto più modesti quanto maggiore è l energia della particella. E gli antiprotoni? Questi si ottengono inviando i protoni a colpire un bersaglio fisso, dove l energia sviluppata in questi eventi si trasforma in materia producendo coppie protone-antiprotone. Poiché i fasci viaggiano praticamente alla velocità della luce, essi percorrono l intera circonferenza dell anello di LHC 11 mila volte al secondo. Per favorire lo studio degli eventi di collisione, i fasci non sono continui: le particelle che li costituiscono sono raggruppate in 2808 fiotti, ciascuno dei quali ne comprende cento miliardi, che si susseguono al ritmo di uno ogni 25 miliardesimi di secondo. Questo è dunque il periodo fondamentale della sequenza delle collisioni fra protoni e antiprotoni che hanno luogo nei quattro punti dove si trovano gli esperimenti di rivelazione. I quali debbono quindi raccogliere enormi quantità di dati a un ritmo velocissimo. Gli obiettivi delle ricerche e gli esperimenti. L energia massima sviluppata nelle collisioni con il LEP era 200 GeV, quella della più potente macchina in funzione attualmente, il collisore Tevatron al Fermilab di Chicago, è 2 TeV. Accrescerla a 14 TeV, come consentirà LHC, significa estendere grandemente le possibilità di indagine. Sicché l elenco delle ricerche che si potranno affrontare è piuttosto esteso, ma la discussione tutt altro che agevole per i non esperti. Limitiamo perciò la nostra attenzione agli obiettivi fondamentali. Primo fra tutti la rivelazione dell elusivo bosone 8 di Higgs, la cui esistenza è postulata dalla teoria attualmente accettata dai fisici, il cosidetto Modello Standard, e che forse era stato intravisto negli ultimi periodi di funzionamento del LEP. L interesse per i bosoni di Higgs, sta nel fatto che essi sarebbero alla base del meccanismo che attribuisce massa alle particelle previsto appunto nel quadro del Modello Standard. A tal proposito ricordiamo che il grande fisico teorico inglese Stephen Hawking, lo scienziato che siede sulla cattedra di Newton, ha scommesso 100 dollari sulla prospettiva di non trovarlo, spiegando che ciò sarebbe assai più eccitante, richiedendo nuovi approcci, rispetto a una semplice verifica di quanto previsto. Fra gli altri obiettivi, si cercherà di dare rispo- sta a una serie di problemi aperti, riguardanti la possibilità di ricondurre le diverse forze fondamentali oggi note a manifestazioni di una unica forza unificata, come suggerito dalle teorie di Grande Unificazione; la questione della asimmetria fra materia e antimateria; la natura della materia oscura e della energia oscura, che per quanto sappiamo oggi rappresentano il 95% della massa totale dell Universo; l esistenza di altre dimensioni dello spazio, come prevede la teoria delle stringhe, sviluppata nell arduo compito di conciliare la meccanica quantistica con la relatività generale, ma finora priva di riscontri sperimentali; la possibile esistenza delle particelle ombra o sparticelle, simmetriche rispetto a quelle che conosciamo, che sono ipotizzate nel quadro della teoria chiamata supersimmetria. I quattro esperimenti principali di LHC, situati in gigantesche caverne sotterranee attorno ai quattro punti dove protoni e antiprotoni s incontrano, sono costituiti essenzialmente da schiere di rivelatori, mirati a fornire informazioni su natura, energia, direzione di quanto viene prodotto negli eventi di collisione. Si raccoglieranno, così, enormi quantità di dati, che vengono gradualmente scremati, in base alla loro significatività, con successive elaborazioni fino a ridurli a quantità gestibili da parte dei sistemi informatici. I due esperimenti di rivelazione di natura generale, entrambi mirati soprattutto al bosone di Higgs, sono ATLAS (Fig. 3) e CMS. 7 Più precisamente, chiamando c la velocità della luce, quando le particelle a 450 GeV vengono iniettate in LHC la loro velocità avranno la velocità c, quando avranno acquistato l energia di 7 TeV la loro velocità arriverà a c. 8 Bosone è il nome collettivo della categoria di particelle che possono trovarsi in un medesimo stato fisico quantico (a differenza, per esempio, di quanto avviene per gli elettroni di un atomo, ciascuno dei quali deve trovarsi in uno stato diverso). In questa categoria rientrano i fotoni, cioè i quanti di energia elettromagnetica. 31

5 Il primo dovrebbe anche gettare luce sulle extradimensioni dello spazio, il secondo sulla natura della materia oscura. Lo scopo principale dell esperimento LHCb è quello di investigare la questione dell antimateria mancante : perché nell universo la materia prevale sull antimateria se il Big Bang iniziale produsse uguali quantità delle due forme di materia? Ancora al Big Bang si riconduce l esperimento ALICE. Questo studierà la particolare forma di materia chiamata plasma di quark e gluoni 9 che si ritiene sia esistita brevi istanti, milionesimi di secondo, dopo il Big Bang. Per ricreare questa situazione particolarissima, caratterizzata da temperature altissime e densità di materia elevatissima, i fasci che circoleranno nel collisore saranno costituiti da ioni di piombo, assai più pesanti e più energetici dei protoni. Si prevede inoltre che ALICE possa spiegare la ragione per cui la massa dei protoni e dei neutroni è circa cento volte maggiore della somma delle masse dei tre quark che li costituiscono. Questi esperimenti sono stati realizzati e vengono gestiti da collaborazioni internazionali che impegnano un gran numero di scienziati di molte istituzioni di numerosi paesi. Ad ATLAS, per esempio, lavorano circa 2500 fisici di 169 istituzioni appartenenti a 37 paesi. Complessivamente, assommano a 48 i paesi, dall Armenia all Uzbekistan, che partecipano agli esperimenti di LHC. La partecipazione italiana. Dopo il francese, la lingua della regione, e l inglese, la lingua internazionale della scienza, il linguaggio che si ode più di frequente al CERN è l italiano, per la fortissima presenza dei nostri compatrioti in questo centro di ricerca: sia ricercatori ospiti, addetti agli esperimenti, sia membri dello staff locale. Alla nascita del CERN, del resto, ha contribuito in modo essenziale l opera di Edoardo Amaldi, portando l Italia nel ristretto numero dei paesi fondatori. E il CERN ha avuto due italiani fra i direttori generali: il Nobel Carlo Rubbia e Luciano Maiani, attuale presidente del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR). La presenza italiana è poi fortissima negli esperimenti di LHC, sia come numero di fisici sia come responsabili internazionali. Di grande rilievo è poi la partecipazione dell industria italiana alla costruzione di LHC. Questa ha coinvolto oltre 50 aziende nazionali, grandi, medie e piccole, molte delle quali hanno contribuito con parti di altissima tecnologia, con un ritorno di commesse alquanto maggiore del contributo complessivo all impresa da parte del governo italiano. E infatti l Italia è il secondo paese nel computo complessivo delle forniture, preceduto solamente dalla Francia. Costi e benefici. Il costo dell impresa? Attorno a 6 miliardi di euro: una cifra che lascia sconcertati, portando a pensare che forse sarebbe meglio destinare questi investimenti a ricerche più mirate agli interessi della società umana. In un blog in rete, per esempio, mi è capitato di leggere: «Spero veramente che la prossima volta che vengono spesi 6 miliardi di euro dagli scienziati ciò riguardi la cura del cancro. Perché l ultima volta che i fisici hanno prodotto qualcosa di utile il risultato è stato milioni di morti a Hiroshima, Nagasaki e Chernobyl». Queste considerazioni, a prescindere dalla vis polemica e dalle inesattezze dell estensore del blog, sono profondamente sbagliate, come dimostra la storia. Dalla ricerca fondamentale, cioè non mirata a obiettivi specifici immediati, sono infatti derivati straordinari benefici all umanità, con risultati incomparabilmente maggiori rispetto ai costi: pensiamo soltanto all invenzione della pila da parte di Alessandro Volta o alla scoperta dei raggi X da parte di Roentgen. E aggiungiamo che proprio al CERN, per opera del fisico Timothy Berners Lee, nel 1990 ebbe origine il Web, la cui tecnologia venne messa a disposizione di tutti: una innovazione di eccezionale impatto per la società, di cui sarebbe difficile valutare la ricaduta in termini economici. Senza la quale l estensore della nota anzidetta non avrebbe potuto raggiungerci con il suo pensiero. Non mancano, tuttavia, e sono importantissime, le ricadute dirette della fisica e della tecnologia delle macchine acceleratrici. Infatti solo una piccola frazione dei circa diecimila acceleratori esistenti oggi nel mondo è dedicata, come LHC, alla ricerca pura. La maggior parte di queste macchine viene infatti utilizzata nell industria per scopi pratici, fra i quali menzioniamo in particolare la fabbricazione dei circuiti integrati, i dispositivi che costituiscono il cuore dei calcolatori e di innumerevoli altri apparecchi elettronici che usiamo comunemente. Un altro settore di largo impiego è quello della sanità, dove gli acceleratori sono impiegati per produrre sia i raggi X utilizzati nella radioterapia dei tumori che i radioisotopi impiegati per scopi diagnostici e terapeutici. In questo ambito, una novità di grande rilievo è costituita dall adroterapia 10, la cura dei tumori che si avvale di fasci di adroni, cioè protoni o ioni di carbonio, prodotti da particolari macchine acceleratrici. Queste particelle colpiscono le cellule malate in modo estremamente selettivo, raggiungendole in profondità, rilasciandovi la maggior parte della loro energia e risparmiando i tessuti sani adiacenti, a differenza di quanto avviene con i raggi X usati comunemente in radioterapia. Giovanni Vittorio Pallottino, Univ. La Sapienza, Roma * * * 9 I gluoni sono le particelle, non ancora osservate direttamente, che costituiscono i messaggeri della più intensa fra le forze fondamentali della natura: la forza nucleare forte, che si esercita fra i quark, assicurando la stabilità dei nuclei degli atomi. 10 Un grande centro di adroterapia oncologica (CNAO), uno fra i primi in Europa, è in fase di avvio a Pavia. Le idee essenziali a questa impresa come pure la sua promozione si devono al fisico italiano Ugo Amaldi. 32

LHC (Large Hadron Collider) & Particella di dio

LHC (Large Hadron Collider) & Particella di dio LHC (Large Hadron Collider) & Particella di dio LHC Il Large Hadron Collider (in italiano: grande collisore di adroni,abbreviato LHC) èun acceleratore di particelle, situato presso il CERN di Ginevra.

Dettagli

Organizzazione Europea per la Ricerca Nucleare. 50 anni di ricerca in fisica. 05 Novembre 2003 1

Organizzazione Europea per la Ricerca Nucleare. 50 anni di ricerca in fisica. 05 Novembre 2003 1 Organizzazione Europea per la Ricerca Nucleare 50 anni di ricerca in fisica 05 Novembre 2003 1 Una nuova visione del futuro abbiamo rivolto la nostra attenzione alla creazione di questo nuovo ente internazionale,

Dettagli

ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari. Istituto Paritario Scuole Pie Napoletane - Anno Scolastico 2012-13 -

ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari. Istituto Paritario Scuole Pie Napoletane - Anno Scolastico 2012-13 - ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari L A V E R A N A T U R A D E L L A L U C E La luce, sia naturale sia artificiale, è una forma di energia fondamentale per la nostra esistenza e per quella

Dettagli

I giganti a caccia Due enormi esperimenti sono pronti nel sottosuolo di Ginevra.

I giganti a caccia Due enormi esperimenti sono pronti nel sottosuolo di Ginevra. I giganti a caccia Due enormi esperimenti sono pronti nel sottosuolo di Ginevra. di Maria Curatolo 24 > 25 Scoprire il bosone di Higgs è uno degli scopi principali del Large Hadron Collider (Lhc) e, in

Dettagli

Al Cern, Istituto nazionale di fisica nucleare travato il Bosone Higgs.

Al Cern, Istituto nazionale di fisica nucleare travato il Bosone Higgs. Nobel per la fisica Englert per scoperta del bosone Higgs. allo scozzese, Higgs e al belga, Al Cern, Istituto nazionale di fisica nucleare travato il Bosone Higgs. Il bosone di Higgs: lo scozzese Peter

Dettagli

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora,

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, ma la natura produce di continuo energie superiori nelle

Dettagli

Acceleratori e superconduttività (SC) sono stati dei buoni amici per LHC: LARGE HADRON COLLIDER

Acceleratori e superconduttività (SC) sono stati dei buoni amici per LHC: LARGE HADRON COLLIDER LHC: LARGE HADRON COLLIDER il ruolo della superconduttività in una grande impresa scientifica di Lucio Rossi* La fisica delle particelle prevede l esistenza di un bosone non ancora rivelato, il bosone

Dettagli

La fisica delle particelle Costi e benefici sociali

La fisica delle particelle Costi e benefici sociali La fisica delle particelle Costi e benefici sociali Roberto Ferrari Istituto Nazionale di Fisica Nucleare uno dei padri: Edoardo Amaldi Carpaneto Piacentino (5/9/1908) - Roma (5/12/1989) Uno dei ragazzi

Dettagli

Capitolo 7 Le particelle dell atomo

Capitolo 7 Le particelle dell atomo Capitolo 7 Le particelle dell atomo 1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone 5. L esperimento

Dettagli

RELATIVITA RISTRETTA E APPLICAZIONI NELLA REALTA ATTUALE

RELATIVITA RISTRETTA E APPLICAZIONI NELLA REALTA ATTUALE RELATIVITA RISTRETTA E APPLICAZIONI NELLA REALTA ATTUALE Nato ad Ulma il 14 Marzo del 1789. 1921 premio Nobel per la fisica. Morto il 18 aprile 1955 a Princeton. 1905: annus mirabilis Pubblicazione di

Dettagli

Da Galileo a Higgs: un viaggio lungo 400 anni

Da Galileo a Higgs: un viaggio lungo 400 anni Da Galileo a Higgs: un viaggio lungo 400 anni Riccardo Torre Dipartimento di Fisica - Università di Padova 12 Febbraio 2015 Masterclass 2015 Liceo L. Stefanini, Venezia-Mestre Prerequisiti un po di fisica

Dettagli

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa A Ferrara, 14 miliardi di anni fa 1 L eredità di Copernico Quale è la relazione fra l uomo e l universo per ciò che riguarda: x : lo spazio t : il tempo m: la materia m t C X 2 Un viaggio nel tempo t di

Dettagli

I m i n i Big Ba n g d e l La r g e Ha d r o n Co l l i d e r 1

I m i n i Big Ba n g d e l La r g e Ha d r o n Co l l i d e r 1 31 I m i n i Big Ba n g d e l La r g e Ha d r o n Co l l i d e r 1 (alla scoperta delle leggi che governano l Universo) Rino Castaldi INFN, Sezione di Pisa 1. Introduzione La conoscenza che abbiamo del

Dettagli

Alice e la zuppa di quark e gluoni

Alice e la zuppa di quark e gluoni Alice e la zuppa di quark e gluoni Disegnatore: Jordi Boixader Storia e testo: Federico Antinori, Hans de Groot, Catherine Decosse, Yiota Foka, Yves Schutz e Christine Vanoli Produzione: Christine Vanoli

Dettagli

IL MODELLO ATOMICO DI BOHR

IL MODELLO ATOMICO DI BOHR IL MODELLO ATOMICO DI BOHR LA LUCE Un valido contributo alla comprensione della struttura dell atomo venne dato dallo studio delle radiazioni luminose emesse dagli atomi opportunamente sollecitati. Lo

Dettagli

LE RADIAZIONI. E = h. in cui è la frequenza ed h una costante, detta costante di Plank.

LE RADIAZIONI. E = h. in cui è la frequenza ed h una costante, detta costante di Plank. LE RADIAZIONI Nel campo specifico di nostro interesse la radiazione è un flusso di energia elettromagnetica o di particelle, generato da processi fisici che si producono nell atomo o nel nucleo atomico.

Dettagli

1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone

1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone Unità n 7 Le particelle dell atomo 1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone 5. L esperimento

Dettagli

Big bang, particelle (antimateria) acceleratori...

Big bang, particelle (antimateria) acceleratori... Big bang, particelle (antimateria) acceleratori... Cosa e perché ricerchiamo G. Mazzitelli, 2 Aprile 2014, Liceo Cannizzaro Colleferro http://giovannimazzitelli.wordpress.com Introduzione: Il metodo scientifico

Dettagli

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Fisica delle Particelle: esperimenti Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Il processo scientifico di conoscenza Esperimento Osservazione quantitativa di fenomeni riguardanti alcune particelle

Dettagli

Il Modello Standard. Giuseppe Salamanna Università Roma Tre Master Classes 27 marzo 2015

Il Modello Standard. Giuseppe Salamanna Università Roma Tre Master Classes 27 marzo 2015 Il Modello Standard Giuseppe Salamanna Università Roma Tre Master Classes 27 marzo 2015 1 Sommario I costituenti elementari della materia Tre famiglie di mattoni elementari Quattro forze fondamentali:

Dettagli

L ATOMO. Risponde (o almeno ci prova)

L ATOMO. Risponde (o almeno ci prova) L ATOMO Di cosa sono fatte le cose? Come si è arrivati a capire gli atomi? Com è fatto un atomo? Quanto è grande un atomo? Che atomi esistono in natura? Perché esistono gli atomi? Risponde (o almeno ci

Dettagli

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO ELETTROLOGIA 1) CONCETTI FONDAMENTALI Cariche elettriche: cariche elettriche dello stesso segno si respingono e cariche elettriche di segno opposto si attraggono. Conduttore:

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

LA PARTICELLA DI DIO Perché è più importante delle altre? Casino dell'aurora - UA - 26.3.14

LA PARTICELLA DI DIO Perché è più importante delle altre? Casino dell'aurora - UA - 26.3.14 LA PARTICELLA DI DIO Perché è più importante delle altre? 1 L origine 1993 GODDAM 2 Dai raggi cosmici alla particella di Higgs CERN 2012 Fabiola Gianotti Peter Higgs 1912 Victor Hess 3 Dai raggi cosmici

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

La radioattività e la datazione al radio-carbonio

La radioattività e la datazione al radio-carbonio 1 Espansione 2.2 La radioattività e la datazione al radio-carbonio Henry Becquerel. I coniugi Pierre e Marie Curie. La radioattività La radioattività è un fenomeno naturale provocato dai nuclei atomici

Dettagli

MODELLI ATOMICI. Modello Atomico di Dalton

MODELLI ATOMICI. Modello Atomico di Dalton MODELLI ATOMICI Gli atomi sono i piccoli mattoni che compongono la materia. Circa 2500 anni fa, il filosofo DEMOCRITO credeva che tutta la materia fosse costituita da piccole particelle che chiamò atomi.

Dettagli

Relatività INTRODUZIONE

Relatività INTRODUZIONE Relatività INTRODUZIONE Un po di ordine Einstein, nel 1905, dopo aver inviato alcuni articoli alla rivista scientifica «Annalen der physik» diventa subito famoso, uno dei quali riguardava la relatività

Dettagli

19 Il campo elettrico - 3. Le linee del campo elettrico

19 Il campo elettrico - 3. Le linee del campo elettrico Moto di una carica in un campo elettrico uniforme Il moto di una particella carica in un campo elettrico è in generale molto complesso; il problema risulta più semplice se il campo elettrico è uniforme,

Dettagli

Il CERN di Ginevra Organizzazione Europea per la Ricerca Nucleare

Il CERN di Ginevra Organizzazione Europea per la Ricerca Nucleare Il CERN di Ginevra Organizzazione Europea per la Ricerca Nucleare Stefano Covino! INAF / Osservatorio Astronomico di Brera! UTL Vimercate - 2011! 1 Una nuova visione del futuro abbiamo rivolto la nostra

Dettagli

L elettromagnetismo nella ricerca per l energia da fusione nucleare di plasma d idrogeno. R Cesario

L elettromagnetismo nella ricerca per l energia da fusione nucleare di plasma d idrogeno. R Cesario L elettromagnetismo nella ricerca per l energia da fusione nucleare di plasma d idrogeno R Cesario R Cesario I primi tesisti di Roma Tre a Frascati (2005-2006) Sommario del corso integrativo di Progetto

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

Acceleratori e Rivelatori Introduzione:due passi indietro Rivelatori

Acceleratori e Rivelatori Introduzione:due passi indietro Rivelatori Acceleratori Acceleratori e Rivelatori Introduzione:due passi indietro Rivelatori Perché alte energie? Generazione di particelle Cavità a radiofrequenza Tipologie di acceleratori Modo di utilizzo Tipologie

Dettagli

Programma seminari per le scuole superiori da tenersi a Città della Scienza

Programma seminari per le scuole superiori da tenersi a Città della Scienza Programma seminari per le scuole superiori da tenersi a Città della Scienza Orario seminari dalle 10:30 alle 12:00 Titolo: Dal macro al micro-cosmo Relatore: Dr. Giuliana Fiorillo (Università degli Studi

Dettagli

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria Quale frequenza di lavoro scegliere Geometria del pezzo da trattare e sue caratteristiche elettromagnetiche

Dettagli

PARTICELLE SUBATOMICHE

PARTICELLE SUBATOMICHE MODELLI ATOMICI Il cammino per arrivare alla moderna teoria atomica è stato lungo e complesso: ogni nuova scoperta faceva venire alla luce anche nuovi problemi, che dovevano essere affrontati e risolti;

Dettagli

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME 6. IL CONDNSATOR FNOMNI DI LTTROSTATICA MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO LTTRICO UNIFORM Il moto di una particella carica in un campo elettrico è in generale molto complesso; il problema risulta più semplice

Dettagli

Programma seminari per le scuole superiori da tenersi a Città della Scienza. Orario seminari dalle 10:30 alle 12:00

Programma seminari per le scuole superiori da tenersi a Città della Scienza. Orario seminari dalle 10:30 alle 12:00 Programma seminari per le scuole superiori da tenersi a Città della Scienza Orario seminari dalle 10:30 alle 12:00 Titolo: fisici il GPS ed Internet: da ARPANET al GARR, dal WEB alla GRID Relatore: Dott.

Dettagli

Paleontologia. Archeologia. Radioisotopi. Industria. Biologia. Medicina

Paleontologia. Archeologia. Radioisotopi. Industria. Biologia. Medicina Paleontologia Industria Radioisotopi Archeologia Medicina Biologia I radioisotopi I radioisotopi (o radionuclidi), sono dei nuclidi instabili che decadono emettendo energia sottoforma di radiazioni, da

Dettagli

Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica

Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica Nome: N.M.: 1. 1d (giorno) contiene all incirca (a) 8640 s; (b) 9 10 4 s; (c) 86 10 2 s; (d) 1.44 10 3 s; (e) nessuno di questi valori. 2. Sono

Dettagli

1-LA FISICA DEI CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI.

1-LA FISICA DEI CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI. 1-LA FISICA DEI CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI. Tutti i fenomeni elettrici e magnetici hanno origine da cariche elettriche. Per comprendere a fondo la definizione di carica elettrica occorre risalire alla

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente.

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente. CORRENTE ELETTRICA Si definisce CORRENTE ELETTRICA un moto ordinato di cariche elettriche. Il moto ordinato è distinto dal moto termico, che è invece disordinato, ed è sovrapposto a questo. Il moto ordinato

Dettagli

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Termologia Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Trasmissione del calore Legge di Wien Legge di Stefan-Boltzmann Gas

Dettagli

Tabella periodica degli elementi

Tabella periodica degli elementi Tabella periodica degli elementi Perchè ha questa forma? Ovvero, esiste una regola per l ordinamento dei singoli atomi? Le proprietà dei materiali hanno una relazione con la tabella? L applicazione dei

Dettagli

UN ANELLO PER DOMARLI TUTTI

UN ANELLO PER DOMARLI TUTTI Antonio Merlini UN ANELLO PER DOMARLI TUTTI CERN-OPEN-2014-031 30/06/2014 Viaggio nel mondo degli acceleratori di particelle Liceo scientifico A.Sorbelli di Pavullo nel Frignano (Modena) anno scolastico

Dettagli

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica Corrente elettrica LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Cos è la corrente elettrica? La corrente elettrica è un flusso di elettroni che si spostano dentro un conduttore dal polo negativo verso il polo positivo

Dettagli

Legge di Faraday. x x x x x x x x x x E B. x x x x x x x x x x R x x x x x x x x x x. x x x x x x x x x x. x x x x x x x x x x E B 1

Legge di Faraday. x x x x x x x x x x E B. x x x x x x x x x x R x x x x x x x x x x. x x x x x x x x x x. x x x x x x x x x x E B 1 B ds Legge di Faraday E x x x x x x x x x x E B x x x x x x x x x x R x x x x x x x x x x B 1 x x x x x x x x x x E x x x x x x x x x x E Schema Generale Elettrostatica moto di una carica q in un campo

Dettagli

Programma seminari per le scuole superiori da tenersi a Città della Scienza. Titolo: fisici il GPS ed Internet: da ARPANET al GARR, dal WEB alla GRID

Programma seminari per le scuole superiori da tenersi a Città della Scienza. Titolo: fisici il GPS ed Internet: da ARPANET al GARR, dal WEB alla GRID Programma seminari per le scuole superiori da tenersi a Città della Scienza Orario seminari dalle 10:30 alle 12:00 Titolo: fisici il GPS ed Internet: da ARPANET al GARR, dal WEB alla GRID Relatore: Dott.

Dettagli

Credevo di essere un fisico

Credevo di essere un fisico Credevo di essere un fisico Giorgio Roncolini CREDEVO DI ESSERE UN FISICO biografia www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Giorgio Roncolini Tutti i diritti riservati A mia moglie Anna Ai miei figli

Dettagli

elettrone positrone e viceversa una coppia elettrone positrone si annichila tipicamente in due (o più) fotoni. Partendola un fotone di alta energia

elettrone positrone e viceversa una coppia elettrone positrone si annichila tipicamente in due (o più) fotoni. Partendola un fotone di alta energia ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI 9 febbraio 2007-02-09 Italo Mannelli Scuola Normale Superiore di Pisa MATERIA E ANTIMATERIA Ricerca e applicazioni (Riassunto) GENERALITA L esistenza di coppie di oggetti,

Dettagli

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015 1 Giochi d ombra [Punti 10] Una sorgente di luce rettangolare, di lati b e c con b > c, è fissata al soffitto di una stanza di altezza L = 3.00 m. Uno schermo opaco quadrato di lato a = 10cm, disposto

Dettagli

Per dare una risposta al quesito che abbiamo posto, consideriamo il sistema schematizzato in figura.

Per dare una risposta al quesito che abbiamo posto, consideriamo il sistema schematizzato in figura. Verifica dei postulati di Einstein sulla velocità della luce, osservazioni sull esperimento di Michelson e Morley Abbiamo visto che la necessità di introdurre un mezzo come l etere nasceva dalle evidenze

Dettagli

May 5, 2013. Fisica Quantistica. Monica Sambo. Sommario

May 5, 2013. Fisica Quantistica. Monica Sambo. Sommario May 5, 2013 Bohr, Born,, Dirac e Pauli accettano in modo incondizionato la nuova fisica Einstein, De, e pur fornendo importanti contributi alla nuova teoria cercano di ottenere una descrizione CAUSALE

Dettagli

ELEMENTI DI DI OTTICA E FISICA NUCLEARE INSEGNAMENTO COMPLEMENTARE (9 CFU) PER:

ELEMENTI DI DI OTTICA E FISICA NUCLEARE INSEGNAMENTO COMPLEMENTARE (9 CFU) PER: ELEMENTI DI DI OTTICA E FISICA NUCLEARE INSEGNAMENTO COMPLEMENTARE (9 CFU) PER: CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE E TECNOLOGIE PER LO STUDIO E LA CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEI SUPPORTI DELLA

Dettagli

Campioni atomici al cesio

Campioni atomici al cesio Campioni atomici al cesio Introduzione Gli orologi con oscillatore a cristallo di quarzo, che si sono via via rivelati più affidabili e precisi degli orologi a pendolo, hanno iniziato a sostituire questi

Dettagli

RIVELAZIONE DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI. Nelle tecniche di rivelazione delle radiazioni ionizzanti le grandezze da rivelare possono essere diverse:

RIVELAZIONE DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI. Nelle tecniche di rivelazione delle radiazioni ionizzanti le grandezze da rivelare possono essere diverse: RIVELAZIONE DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI Nelle tecniche di rivelazione delle radiazioni ionizzanti le grandezze da rivelare possono essere diverse: -Fluenza di particelle -Fluenza di energia -Informazioni

Dettagli

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio?

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Carlo Cosmelli, Dipartimento di Fisica, Sapienza Università di Roma Abbiamo un problema, un grosso

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Da Newton a Planck. La struttura dell atomo. Da Newton a Planck. Da Newton a Planck. Meccanica classica (Newton): insieme

Da Newton a Planck. La struttura dell atomo. Da Newton a Planck. Da Newton a Planck. Meccanica classica (Newton): insieme Da Newton a Planck Meccanica classica (Newton): insieme La struttura dell atomo di leggi che spiegano il mondo fisico fino alla fine del XIX secolo Prof.ssa Silvia Recchia Quantomeccanica (Planck): insieme

Dettagli

LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI

LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI Giovanni Petrecca Dipartimento di Ingegneria Elettrica- Facoltà di Ingegneria

Dettagli

Corso di Laurea in TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA

Corso di Laurea in TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA Corso di Laurea in TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA Anno: 1 Semestre: 1 Corso integrato: MATEMATICA, FISICA, STATISTICA ED INFORMATICA Disciplina: FISICA MEDICA Docente: Prof.

Dettagli

Le proprietà periodiche degli elementi LA LEZIONE

Le proprietà periodiche degli elementi LA LEZIONE Le proprietà periodiche degli elementi LA LEZIONE Le proprietà degli elementi mostrano delle tendenze che possono essere predette usando il sistema periodico ed essere spiegate e comprese analizzando la

Dettagli

INDICE CARICA ELETTRICA E LEGGE DI COULOMB 591 ENERGIA POTENZIALE E POTENZIALI ELETTRICI 663 CAMPO ELETTRICO 613 PROPRIETÀ ELETTRICHE DELLA MATERIA 93

INDICE CARICA ELETTRICA E LEGGE DI COULOMB 591 ENERGIA POTENZIALE E POTENZIALI ELETTRICI 663 CAMPO ELETTRICO 613 PROPRIETÀ ELETTRICHE DELLA MATERIA 93 INDICE CAPITOLO 25 CARICA ELETTRICA E LEGGE DI COULOMB 591 25.1 Elettromagnetismo: presentazione 591 25.2 Carica elettrica 592 25.3 Conduttori e isolanti 595 25.4 Legge di Coulomb 597 25.5 Distribuzioni

Dettagli

FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA

FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA Prof. Ceccarelli Antonio ITIS G. Marconi Forlì Articolazione: Elettrotecnica Disciplina: Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici A.S. 2012/13 FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA CHE COSA

Dettagli

Forza. Forza. Esempi di forze. Caratteristiche della forza. Forze fondamentali CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA

Forza. Forza. Esempi di forze. Caratteristiche della forza. Forze fondamentali CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA Forza CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA Cos è una forza? la forza è una grandezza che agisce su un corpo cambiando la sua velocità e provocando una deformazione sul corpo 2 Esempi

Dettagli

SCIENZE. L Universo e le Stelle. Introduzione. il testo:

SCIENZE. L Universo e le Stelle. Introduzione. il testo: 01 Introduzione Noi viviamo su un pianeta che si chiama Terra. La Terra si trova in uno spazio grandissimo (spazio infinito). In questo spazio infinito ci sono tante cose (tante parti di materia). Come

Dettagli

GRANDEZZE FISICHE. Prof.ssa Paravizzini M.R.

GRANDEZZE FISICHE. Prof.ssa Paravizzini M.R. GRANDEZZE FISICHE Prof.ssa Paravizzini M.R. PROPRIETA DEL CORPO SOGGETTIVE OGGETTIVE PR.SOGGETTIVE: gusto, bellezza, freschezza, forma MISURABILI PR. OGGETTIVE: massa, temperatura, diametro, ecc.. Le misure

Dettagli

LE PARTICELLE ELEMENTARI: loro scoperta

LE PARTICELLE ELEMENTARI: loro scoperta LE PARTICELLE ELEMENTARI: loro scoperta Atomo: composto da particelle elementari più piccole (protoni, neutroni, elettroni) Atomi di elementi diversi contengono le STESSE particelle, ma in numero diverso

Dettagli

EMISSIONE E ASSORBIMENTO DI LUCE DA PARTE DELLA MATERIA

EMISSIONE E ASSORBIMENTO DI LUCE DA PARTE DELLA MATERIA EMISSIONE E ASSORBIMENTO DI LUCE DA PARTE DELLA MATERIA Poiché la luce è energia trasportata da oscillazioni del campo elettrico (fotoni) e la materia è fatta di particelle elettricamente cariche (atomi

Dettagli

Insegnare relatività. nel XXI secolo

Insegnare relatività. nel XXI secolo Insegnare relatività nel XXI secolo L ' i n e r z i a d e l l ' e n e r g i a L'inerzia dell'energia Questa è la denominazione più corretta, al posto della consueta equivalenza massa energia. Einstein

Dettagli

Capitolo 6. La danza delle particelle

Capitolo 6. La danza delle particelle Capitolo 6 La danza delle particelle Si lavorava su LEP, e tanto, ma già si sapeva di dover andare oltre. E oltre c era una macchina che ormai aveva un nome: Large Hadron Collider, e unoscopo: scommettereche

Dettagli

Le stelle nascono all'interno di enormi nuvole di gas e polvere, come quella mostrata nella figura a sinistra, dove, a causa di qualche "disturbo"

Le stelle nascono all'interno di enormi nuvole di gas e polvere, come quella mostrata nella figura a sinistra, dove, a causa di qualche disturbo Le stelle nascono all'interno di enormi nuvole di gas e polvere, come quella mostrata nella figura a sinistra, dove, a causa di qualche "disturbo" esterno, si iniziano a formare dei "grumi" più densi che

Dettagli

SOSTENIBILITÀ: ENERGIA E PREVISIONI TERREMOTI GRAZIE AL NUCLEARE PULITO = LA NUOVA FRONTIERA DELLA SCIENZA DISCUSSA AL POLITECNICO DI TORINO

SOSTENIBILITÀ: ENERGIA E PREVISIONI TERREMOTI GRAZIE AL NUCLEARE PULITO = LA NUOVA FRONTIERA DELLA SCIENZA DISCUSSA AL POLITECNICO DI TORINO AGENZIE DI STAMPA ADNKRONOS LANCI DI AGENZIA SOSTENIBILITÀ: ENERGIA E PREVISIONI TERREMOTI GRAZIE AL NUCLEARE PULITO SOSTENIBILITÀ: ENERGIA E PREVISIONI TERREMOTI GRAZIE AL NUCLEARE PULITO = LA NUOVA FRONTIERA

Dettagli

APPUNTI DI RISONANZA MAGNETICA NUCLEARE Dr. Claudio Santi. CAPITOLO 1 NMR Risonanza Magnetica Nucleare

APPUNTI DI RISONANZA MAGNETICA NUCLEARE Dr. Claudio Santi. CAPITOLO 1 NMR Risonanza Magnetica Nucleare APPUNTI DI RISONANZA MAGNETICA NUCLEARE Dr. Claudio Santi CAPITOLO 1 NMR Risonanza Magnetica Nucleare INTRODUZIONE Nel 1946 due ricercatori, F. Block ed E.M.Purcell, hanno indipendentemente osservato per

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE

LE FONTI ENERGETICHE LE FONTI ENERGETICHE Le fonti energetiche Nella vita di tutti i giorni utilizziamo, per gli scopi più diversi, energia; essa è immagazzinata in svariati corpi e materiali disponibili in natura. Quasi tutta

Dettagli

La scoperta del bosone di Higgs. I cieli di Brera 17 aprile 2013 Corrado Lamberti

La scoperta del bosone di Higgs. I cieli di Brera 17 aprile 2013 Corrado Lamberti La scoperta del bosone di Higgs I cieli di Brera 17 aprile 2013 Corrado Lamberti Stazione dell esperimento ATLAS in costruzione. Si vedono 6 degli 8 magneti toroidali. La stazione sperimentale ha un diametro

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Unità di misura e formule utili

Unità di misura e formule utili Unità di misura e formule utili Lezione 7 Unità di misura Il Sistema Internazionale di unità di misura (SI) nasce dall'esigenza di utilizzare comuni unità di misura per la quantificazione e la misura delle

Dettagli

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Relazione sull incontro con Massimo Volante Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Il ciclo della vita di una stella (1) Protostella (2b) Nana bruna (2a) Stella (3) Gigante rossa Sono esaurite le

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1 I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano pag.1

Dettagli

Cap. 4: Forze e Momenti

Cap. 4: Forze e Momenti Cap. 4: Forze e Momenti Forza Il concetto di forza serve ad esprimere l interazione tra corpi. Quando si spinge o si tira un oggetto, si interagisce con esso esercitando una forza e conseguentemente modificandone

Dettagli

INIZIO E FINE DI UNA STELLA. Osservatorio Astronomico di Pedaso

INIZIO E FINE DI UNA STELLA. Osservatorio Astronomico di Pedaso INIZIO E FINE DI UNA STELLA Osservatorio Astronomico di Pedaso Le stelle nascono dentro al grembo celeste che è la NEBULOSA. La nebulosa è un insieme di gas composto per la maggior parte di IDROGENO, ELIO,

Dettagli

Atomo: Particelle sub atomiche (appunti prof. Paolo Marchesi)

Atomo: Particelle sub atomiche (appunti prof. Paolo Marchesi) Atomo: Particelle sub atomiche (appunti prof. Paolo Marchesi) Il presente documento schematizza le principali particelle sub atomiche. Lo scopo di questa dispensa è fornire una schematizzazione sintetica

Dettagli

PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: NOTE TEORICHE: Differenza di potenziale Generatore di tensione Corrente elettrica

PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: NOTE TEORICHE: Differenza di potenziale Generatore di tensione Corrente elettrica Liceo Scientifico G. TARANTINO ALUNNO: Pellicciari Girolamo VG PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: Verificare la Prima leggi di Ohm in un circuito ohmico (o resistore) cioè verificare che l intensità di corrente

Dettagli

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2 46 Tonzig La fisica del calore o 6 R/2 rispettivamente per i gas a molecola monoatomica, biatomica e pluriatomica. Per un gas perfetto, il calore molare a pressione costante si ottiene dal precedente aggiungendo

Dettagli

Collettori solari. 1. Elementi di un collettore a piastra

Collettori solari. 1. Elementi di un collettore a piastra Collettori solari Nel documento Energia solare abbiamo esposto quegli aspetti della radiazione solare che riguardano l energia solare e la sua intensità. In questo documento saranno trattati gli aspetti

Dettagli

Liceo Scientifico Statale A. Volta, Torino Anno scolastico 2015 / 2016

Liceo Scientifico Statale A. Volta, Torino Anno scolastico 2015 / 2016 Liceo Scientifico Statale A. Volta, Torino Anno scolastico 2015 / 2016 FISICA ELETTROMAGNETISMO FISICA MODERNA classe 5 B MAG. 2016 Esercitazione di Fisica in preparazione all Esame di Stato A.S. 2015-2016

Dettagli

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono LA MATERIA 1 MATERIA PROPRIETÀ (caratteristiche) COMPOSIZIONE (struttura) FENOMENI (trasformazioni) Stati di aggregazione Solido Liquido Aeriforme Atomi che la compongono CHIMICI Dopo la trasformazione

Dettagli

ELETTROSTATICA + Carica Elettrica + Campi Elettrici + Legge di Gauss + Potenziale Elettrico + Capacita Elettrica

ELETTROSTATICA + Carica Elettrica + Campi Elettrici + Legge di Gauss + Potenziale Elettrico + Capacita Elettrica ELETTROSTATICA + Carica Elettrica + Campi Elettrici + Legge di Gauss + Potenziale Elettrico + Capacita Elettrica ELETTRODINAMICA + Correnti + Campi Magnetici + Induzione e Induttanza + Equazioni di Maxwell

Dettagli

Il nucleo degli atomi

Il nucleo degli atomi Il nucleo atomico 1. Energia di legame nucleare 2. La radioattività naturale 3. Banda di stabilità degli isotopi degli elementi naturali 4. Decadimenti radioattivi 5. Reazioni nucleari Il nucleo degli

Dettagli

Induzione magnetica. Corrente indotta. Corrente indotta. Esempio. Definizione di flusso magnetico INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE

Induzione magnetica. Corrente indotta. Corrente indotta. Esempio. Definizione di flusso magnetico INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE Induzione magnetica INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE Che cos è l induzione magnetica? Si parla di induzione magnetica quando si misura una intensità di corrente diversa da zero che attraversa

Dettagli

Superconduttori vecchi e nuovi: la storia centenaria di un fenomeno ancora giovane

Superconduttori vecchi e nuovi: la storia centenaria di un fenomeno ancora giovane Superconduttori vecchi e nuovi: la storia centenaria di un fenomeno ancora giovane Marco Grilli Dipartimento di Fisica Bibliografia J. Matricon, G. Waysand, La guerre du froid, Ed. Seuil Superconduttività

Dettagli

1 di 3 07/06/2010 14.04

1 di 3 07/06/2010 14.04 Principi 1 http://digilander.libero.it/emmepi347/la%20pagina%20di%20elettronic... 1 di 3 07/06/2010 14.04 Community emmepi347 Profilo Blog Video Sito Foto Amici Esplora L'atomo Ogni materiale conosciuto

Dettagli

2. La disequazione 9 (3x 2 + 2) > 16 (x - 3) è soddisfatta: A) sempre B) solo per x < 0 C) solo per x > 2/3 D) mai E) solo per x < 2/3

2. La disequazione 9 (3x 2 + 2) > 16 (x - 3) è soddisfatta: A) sempre B) solo per x < 0 C) solo per x > 2/3 D) mai E) solo per x < 2/3 MATEMATICA 1. Per quali valori di x è x 2 > 36? A) x > - 6 B) x < - 6, x > 6 C) - 6 < x < 6 D) x > 6 E) Nessuno 2. La disequazione 9 (3x 2 + 2) > 16 (x - 3) è soddisfatta: A) sempre B) solo per x < 0 C)

Dettagli

LE COSTANTI E LE LEGGI FISICHE DIPENDONO DAL TEMPO

LE COSTANTI E LE LEGGI FISICHE DIPENDONO DAL TEMPO Pagina 1 di 8 LE COSTANTI E LE LEGGI FISICHE DIPENDONO DAL TEMPO Ing. Pier Franz Roggero, Dott. Michele Nardelli, P.A. Francesco Di Noto Abstract: This paper explains that all physical constants and consequently

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

Einstein ci dice che la luce è costituita da unità elementari chiamate fotoni. Cosa sono questi fotoni?

Einstein ci dice che la luce è costituita da unità elementari chiamate fotoni. Cosa sono questi fotoni? La natura della luce Einstein ci dice che la luce è costituita da unità elementari chiamate fotoni. Cosa sono questi fotoni? Se si potesse fotografare un fotone in un certo istante vedremmo una deformazione

Dettagli

Cenni sugli Acceleratori

Cenni sugli Acceleratori Cenni sugli Acceleratori Bibliografia Lezioni per gli studenti estivi del CERN. http://bruening.home.cern.ch/bruening/summerschool/ Review of Particle Physics contiene parametri degli acceleratori, oltre

Dettagli