MONITORAGGIO DEL SUOLO E ALTRI MONITORAGGI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MONITORAGGIO DEL SUOLO E ALTRI MONITORAGGI"

Transcript

1 MONITORAGGIO DEL SUOLO E ALTRI MONITORAGGI 16 febbraio 2011 Sezione Provinciale di Ferrara Via Bologna, Ferrara ENRICA CANOSSA-MANUELA MENGONI-CLAUDIA MILAN

2 Protocollo 16/01/2009 Studio di sorveglianza ambientale e sanitaria 1 - I monitoraggi della qualità dell aria << s intende sottoporre a valutazione di fattibilità sia il tema relativo alla mutagenesi nel particolato considerandone comunque il complicato contesto immissivo >> HERA ha stipulato con ARPA una Convenzione per l esecuzione dei campionamenti e delle misure, che sono iniziate a Cassana a luglio 2010

3 MONITORAGGIO DELLA MUTAGENICITÀ DEL PARTICOLATO (Convenzione ARPA ER - HERAMBIENTE del 16/06/2010) Per effettuare il monitoraggio si è scelto di confrontare CASSANA con il punto di fondo urbano parco (Villa Fulvia), già parte della rete di monitoraggio della mutagenicità del PM2,5 di Arpa Emilia Romagna. Per questo i mesi monitorati saranno gli stessi: gennaio, febbraio, luglio, novembre e dicembre Sui campioni della rete vengono effettuati di norma i seguenti test di Mutagenesi: su tutti i campioni il test di reversione batterica sui ceppi TA98 e TA100 di Salmonella typhimurium in presenza e in assenza di attivazione metabolica esogena; sui soli campioni di gennaio, luglio e novembre il test della Cometa (Comet test) su leucociti umani coltivati in vitro. Per avere maggiori informazioni, ARPA si è accordata con HERA stabilendo di effettuare il Comet test su tutti e cinque i mesi, sia nel punto di ricaduta che in quello di fondo urbano (anche il costo di questi due Comet test in più, su Villa Fulvia, sarà a carico di HERA).

4 Protocollo 16/01/2009 Studio di sorveglianza ambientale e sanitaria 1 - I monitoraggi della qualità dell aria << s intende sottoporre a valutazione di fattibilità sia il tema relativo alla mutagenesi nel particolato considerandone comunque il complicato contesto immissivo >> 2 - Altri monitoraggi ambientali << Come previsto dal Decreto di AIA, in area da definirsi all intorno delle emissioni dell impianto, dovrà essere avviata un indagine di biomonitoraggio ambientale, finalizzata a valutare il bioaccumulo di metalli in licheni epifiti e/o muschi un indagine sulle deposizioni umide al fine di valutarne l assetto ionico e la presenza di metalli tossici quantificare la presenza, nel suolo, di PCDD e PCDF, metalli, PCB e IPA >>

5 Il suolo: schema semplificato d indagine Perché lo studio del suolo? 1. Effetto memoria dei suoli Riporti di terreni e materiali Umidità Umidità Origine, provenienza e composizione geochimica dei sedimenti ph Scheletro Escluso per valutazioni ambientali, incluso per cfr con limiti D.Lgs 152/2006 Tessitura (sabbia, limo, argilla) Dati locali, elaborazioni con fattori di arricchimento Osservazioni e informazioni locali Possibili effetti su grado di ritenzione sostanze Da: Ricerca di microinquinanti in suoli superficiali della provincia di Ferrara RAPPORTO

6 Il suolo: schema semplificato d indagine Modulazioni spaziali delle ricadute: sono cruciali entità e modalità della diffusione atmosferica (con ruolo chiave della meteoclimatologia) Meteoclimatologia + emissioni atmosferiche + trasporto a distanza Dati meteo, modellistica, dati locali e di letteratura Elaborazioni su base spaziale e temporale Ricadute da sorgente specifica Riporti di terreni e materiali Umidità Origine, provenienza e composizione geochimica dei sedimenti ph Scheletro Escluso per valutazioni ambientali, incluso per cfr con limiti D.Lgs 152/2006 Tessitura (sabbia, limo, argilla) Dati locali, elaborazioni con fattori di arricchimento Osservazioni e informazioni locali Possibili effetti su grado di ritenzione sostanze Da: Ricerca di microinquinanti in suoli superficiali della provincia di Ferrara RAPPORTO

7 Il suolo: schema semplificato d indagine Confondenti : Fondo d inquinamento atmosferico + emissioni atmosferiche da insediamenti urbani e industriali (media scala) + pressioni prossime ai siti indagati (pratiche agricole, ) + micro-contaminazioni dei suoli + eventuali componenti naturali dei suoli (es.: metalli) Meteoclimatologia + emissioni atmosferiche + trasporto a distanza Dati meteo, modellistica, dati locali e di letteratura Riduzione effetto memoria (evitati suoli agricoli) Contaminazio ni diffuse di meso - e macro - scala Elaborazioni su base spaziale e temporale Possibilit à di valori non rappresentativi ( ri- campionamenti, test di anomalia) Ricadute da sorgente specifica Macro - contaminazioni puntuali ( sversamenti ) Rimescolamenti meccanici (aratura ) Micro - contaminazioni puntuali Effetti di componenti biologiche Riporti di terreni e materiali Umidità Origine, provenienza e composizione geochimica dei sedimenti ph Scheletro Escluso per valutazioni ambientali, incluso per cfr con limiti D.Lgs 152/2006 Tessitura (sabbia, limo, argilla) Dati locali, elaborazioni con fattori di arricchimento Osservazioni e informazioni locali Possibili effetti su grado di ritenzione sostanze Da: Ricerca di microinquinanti in suoli superficiali della provincia di Ferrara RAPPORTO

8 Studio delle potenziali ricadute al suolo (Convenzione ARPA ER - HERAMBIENTE del 16/06/2010) Metalli (16 elementi) Antimonio, Arsenico, Berillio, Cadmio, Cobalto, Cromo totale ed esavalente, Mercurio, Nichel, Piombo, Rame, Selenio, Stagno, Tallio, Vanadio, Zinco Villa Fulvia Conchetta Disc, inerti Inceneritore Barco v. Diana Gherardi Acq. Po Autostrada Staz. Cassana Disc. RSU 1) Si osserva somiglianza tra le aree potenzialmente impattate del Polo Chimico e il sito di Cassana (nuova stazione di monitoraggio di SEF) con l inceneritore di via Diana. 2) Nell area circostante l inceneritore di v. Diana si osservano 2 punti con valori superiori al limite di quantificazione (0.5 mg/kg s.s.): il più alto in area di tipo A (classificazione dei suoli ai sensi del D.Lgs 152/2006) e il minore in area di tipo B (sito industriale). Il primo dista 500 m dall inceneritore, il secondo 250 m.

9 Studio delle potenziali ricadute al suolo (Convenzione ARPA ER - HERAMBIENTE del 16/06/2010) Metalli (16 elementi) Antimonio, Arsenico, Berillio, Cadmio, Cobalto, Cromo totale ed esavalente, Mercurio, Nichel, Piombo, Rame, Selenio, Stagno, Tallio, Vanadio, Zinco Diossine (7 congeneri) 2,3,7,8-T4CDD 1,2,3,7,8-P5CDD 1,2,3,4,7,8-H6CDD 1,2,3,6,7,8-H6CDD 1,2,3,7,8,9H6CDD 1,2,3,4,6,7,8-H7CDD O8CDD Furani (10 congeneri) 2,3,7,8-T4CDF 1,2,3,7,8-P5CDF 2,3,4,7,8-P5CDF 1,2,3,4,7,8-H6CDF 1,2,3,6,7,8H6CDF 2,3,4,6,7,8-H6CDF 1,2,3,7,8,9-H6CDF 1,2,3,4,6,7,8-H7CDF 1,2,3,4,7,8,9-H7CDF O8CDF

10 Studio delle potenziali ricadute al suolo (Convenzione ARPA ER - HERAMBIENTE del 16/06/2010) Diossine (7 congeneri) 2,3,7,8-T4CDD 1,2,3,7,8-P5CDD 1,2,3,4,7,8-H6CDD 1,2,3,6,7,8-H6CDD 1,2,3,7,8,9H6CDD 1,2,3,4,6,7,8-H7CDD O8CDD Furani (10 congeneri) 2,3,7,8-T4CDF 1,2,3,7,8-P5CDF 2,3,4,7,8-P5CDF 1,2,3,4,7,8-H6CDF 1,2,3,6,7,8H6CDF 2,3,4,6,7,8-H6CDF 1,2,3,7,8,9-H6CDF 1,2,3,4,6,7,8-H7CDF 1,2,3,4,7,8,9-H7CDF O8CDF I-TEFS (NATO/CCMS, 1998) WHO-TEFS (OMS, 2006)

11 Studio delle potenziali ricadute al suolo (Convenzione ARPA ER - HERAMBIENTE del 16/06/2010) Metalli (16 elementi) Antimonio, Arsenico, Berillio, Cadmio, Cobalto, Cromo totale ed esavalente, Mercurio, Nichel, Piombo, Rame, Selenio, Stagno, Tallio, Vanadio, Zinco Diossine (7 congeneri) 2,3,7,8-T4CDD 1,2,3,7,8-P5CDD 1,2,3,4,7,8-H6CDD 1,2,3,6,7,8-H6CDD 1,2,3,7,8,9H6CDD 1,2,3,4,6,7,8-H7CDD O8CDD Furani (10 congeneri) 2,3,7,8-T4CDF 1,2,3,7,8-P5CDF 2,3,4,7,8-P5CDF 1,2,3,4,7,8-H6CDF 1,2,3,6,7,8H6CDF 2,3,4,6,7,8-H6CDF 1,2,3,7,8,9-H6CDF 1,2,3,4,6,7,8-H7CDF 1,2,3,4,7,8,9-H7CDF O8CDF Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA) (21 composti) Naftalene Acenaftene Acenaftilene Fluorene Fenantrene Fluorantene Antracene Pirene Benzo(a)antracene Crisene Benzo(b+j)fluorantene Benzo(k)fluorantene Benzo(a)pirene Benzo(e)pirene Dibenzo(a,h)antracene Indeno(1,2,3,c,d)pirene Benzo(g,h,i)perilene Dibenzo(a,e)pirene Dibenzo(a,i)pirene Dibenzo(a,h)pirene Dibenzo(a,l)pirene

12 Studio delle potenziali ricadute al suolo (Convenzione ARPA ER - HERAMBIENTE del 16/06/2010) Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA) (21 composti) Naftalene Acenaftene Acenaftilene Fluorene Fenantrene Fluorantene Antracene Pirene Benzo(a)antracene Crisene Benzo(b+j)fluorantene Benzo(k)fluorantene Benzo(a)pirene Benzo(e)pirene Dibenzo(a,h)antracene Indeno(1,2,3,c,d)pirene Benzo(g,h,i)perilene Dibenzo(a,e)pirene Dibenzo(a,i)pirene Dibenzo(a,h)pirene Dibenzo(a,l)pirene * Staz. Cassana Disc, inerti Disc. RSU Inceneritore Barco Villa Fulvia Conchetta Acq. Po Autostrada Gherardi v. Diana * Secondo il DM 471/99, diversamente dal vigente D.Lgs 152/06, nella sommatoria degli IPA si includevano: pirene, indeno(1,2,3-c,d)pirene, dibenzo(a,h)antracene.

13 Studio delle potenziali ricadute al suolo (Convenzione ARPA ER - HERAMBIENTE del 16/06/2010) POLICLOROBIFENILI (PCB) (16 congeneri) H7CB-( ) H7CB-170 T3CB-28 T4CB-52 P5CB-95 P5CB-101 P5CB-99 P5CB-110 H6CB-151 H6CB-149 H6CB-146 H6CB-( ) H6CB-138 H7CB-187 H7CB-183 H7CB-177 PCB Dioxin-like (2 congeneri) P5CB-118 P5CB-105 Conchetta Staz. Cassana Disc, inerti Villa Fulvia Inceneritore Barco Acq. Po Autostrada Gherardi v. Diana Disc. RSU

14 Studio delle potenziali ricadute al suolo (Convenzione ARPA ER - HERAMBIENTE del 16/06/2010) POLICLOROBIFENILI (PCB) (16 congeneri) H7CB-( ) H7CB-170 T3CB-28 T4CB-52 P5CB-95 P5CB-101 P5CB-99 P5CB-110 H6CB-151 H6CB-149 H6CB-146 H6CB-( ) H6CB-138 H7CB-187 H7CB-183 H7CB-177 PCB Dioxin-like (2 congeneri) P5CB-118 P5CB-105 RISPETTO ALLO STUDIO DEL 2007 PCB Dioxin-like (10 congeneri) T4CB-81 T4CB-77 P5CB-123 P5CB-114 P5CB-126 H6CB-( ) H6CB-156 H6CB-157 H6CB-169 H7CB-189 PH Granulometria % Sabbia Limo Argilla

15 Studio delle potenziali ricadute al suolo (Convenzione ARPA ER - HERAMBIENTE del 16/06/2010) Piano di campionamento N + W E S 20 siti di campionamento (Convenzione HERA): 3 siti di massima ricaduta, lungo l asse EW all interno della fascia di distanza di 500 m, secondo preliminare modellistica diffusionale: punti 03, 08, 18; 3 siti di influenza a circa 250 m di distanza dal camino: punti 01, 02, 04; 3 siti di influenza a circa 500 m di distanza dal camino: punti 05, 06, 07; 4 siti di influenza a circa 1000 m di distanza dal camino: punti 09, 10, 11, 12; 4 siti di influenza a circa 1500 m di distanza dal camino: punti 13, 14, 15, 16; 1 sito nella fascia residenziale di Porotto, presso la nuova stazione (SEF) di monitoraggio della qualità dell'aria: punto 17; 1 sito (bianco urbano) nell area urbana a circa 9 Km di distanza dal camino, in località Villa Fulvia, presso la nuova stazione (ARPA) di monitoraggio della qualità dell'aria: punto 19; 1 sito punto di controllo a circa 4 Km di distanza dal camino, in località Fondo Reno: punto 20.

16 Studio delle potenziali ricadute al suolo (Convenzione ARPA ER - HERAMBIENTE del 16/06/2010) Piano di campionamento Mappa delle concentrazioni di ricaduta al suolo di particolato PM10 (ipotesi limiti autorizzativi, 2009 ) Punti di massimo impatto inceneritore Via Diana-Canal Bianco Punti di campionamento suolo, anno 2010 Camino inceneritore La scelta del PM10 è dovuta sia all interesse dell inquinante in sé come indicatore della qualità dell aria, sia al suo ruolo come substrato sul quale aderiscono altri inquinanti pericolosi quali metalli pesanti (Sb, As, Pb, Cr, Co, Cu, Mn, Ni, V, Cd, Tl), Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA), Policlorodibenzodiossine e Policlorodibenzofurani (PCDD/ F), Policlorobifenili (PCB).

17 Studio delle potenziali ricadute al suolo (Convenzione ARPA ER - HERAMBIENTE del 16/06/2010) Modalità di campionamento I campionamenti sono stati effettuati a colonna indisturbata fino alla profondità di circa 10 cm. Le aliquote prelevate sono ti tipo: Campione medio-composito: si ricava dalla mescolanza di 4 campioni puntuali prelevati all interno di un area (sito di campionamento) di circa 10 mq. Tali campioni sono stati effettuati su tutti i siti d indagine. Campione singolo: si tratta di un campione puntuale prelevato nei singoli 4 vertici all interno dell area di circa 10 mq. Tali campioni sono stati effettuati nei 4 siti di influenza a circa 250 m dal camino (punti 01, 02, 03, 04) e per il sito di massima ricaduta (punto 18) per effettuare un approfondimento sulla variabilità dei campionamenti.

18 Impostazione metodologica d indagine sui dati Dati grezzi Statistica descrittiva: trattazione preliminare dei dati Test di anomalia (campioni 4 da 4) Rappresentazioni grafiche delle distribuzioni (es: Box-and-Wiskers) Altro tipo di analisi/valutazioni NO Misure di tendenza centrale, misure di dispersione Sono distribuzioni gaussiane? SI Elaborazione statistica dei dati Analisi di correlazione dei parametri: retta di regressione, matrici di correlazione Analisi spaziale Esistono fattori confondenti? Esistono relazioni con il fondo naturale dei suoli? Analisi di similarità dei parametri: Cluster analyisis Analisi temporale (anni ) Si evidenziano ricadute in funzione della distanza dal camino? Si evidenziano variazioni temporali?

19 Elaborazione dei dati: analisi della correlazione e retta di regressione (siti di campionamento di suolo intorno all inceneritore di Via Diana-Canal Bianco Anno 2010) Argilla % Metallo mg/kg s.s. D1 x1 y1 D2 x2 y2 D3 x3 y3 Dn xn yn Punto Berillio mg/kg s.s. Argilla/Berillio: y = x; r = ; p = ; r2 = Argilla %

20 Elaborazione dei dati: matrice di correlazione (siti di campionamento di suolo intorno all inceneritore di Via Diana-Canal Bianco Anno 2010) Correlazioni: argilla% - metalli - benzo(a)pirene Argilla Arsenico Berillio Cadmio Cromo tot Nichel Piombo Rame Vanadio Benzo(a)pirene

21 Elaborazione dei dati: analisi spaziale (siti di campionamento di suolo intorno all inceneritore di Via Diana-Canal Bianco Anno 2010) Punti di campionamento suolo: inceneritore Via Diana-Canal Bianco Camino inceneritore La tessitura indica la composizione % delle particelle solide del suolo, distinte in base alla loro dimensione (scheletro, sabbia, limo, argilla). E una proprietà fisica del suolo che influenza la mobilità degli elementi. L argilla (particelle < 2 µm) contiene elementi naturali nella sua struttura mineralogica; ha un elevata capacità di adsorbimento dei metalli.

22 Argilla Elaborazione dei dati: analisi della correlazione e retta di regressione (siti di campionamento di suolo intorno all inceneritore di Via Diana-Canal Bianco Anno 2010) Argilla % Benzo(a) pirene ng/ g s.s. D1 x1 y1 D2 x2 y2 Punto D3 x3 y3 Dn xn yn 11; 86.3 Argilla:Benzo(a)pirene: y = x; r = ; p = ; r2 = ; ; 55 Benzo(a)pirene ng/g s.s. 13.1; ; ; ; ; 32.6; ; ; ; 6.5; ;16.6; 28.1;231.9; ; Argilla %

23 Elaborazione dei dati: analisi spaziale (siti di campionamento di suolo intorno all inceneritore di Via Diana-Canal Bianco Anno 2010) Punti di campionamento suolo: inceneritore Via Diana-Canal Bianco Camino inceneritore Il benzo(a)pirene è un microinquinante organico rilasciato nell aria, in genere prodotto da processi di combustione. E necessario approfondire se si riesce a distinguere, con questo parametro, l impatto dell inceneritore dalle altre sorgenti emissive (traffico, altre emissioni della PMI). Si osserva che le zone di Porotto (D11, D15) e Cassana (D17) non sembrano essere molto interessate (come da Mappa delle concentrazioni di ricaduta al suolo di particolato PM10 ).

24 Elaborazione dei dati: Cluster analysis (siti di campionamento di suolo intorno all inceneritore di Via Diana-Canal Bianco Anno 2010) Cluster analysis (su variabili standardizzate) Dendrogramma: media non pesata dei gruppi, 1-r di Pearson Argilla Berillio Vanadio Cromo tot Nichel Arsenico Cadmio Piombo Rame 0.0 Benzo(a)pirene Distanza Legame 1.0

25 Elaborazione dei dati: analisi spaziale e temporale (siti di campionamento di suolo intorno all inceneritore di Via Diana-Canal Bianco) Punti di campionamento suolo: inceneritore Via Diana-Canal Bianco Camino inceneritore In questa analisi non sono stati presi in considerazione i punti D13 (discarica RSU) e D18 (massima ricaduta). Nell indagine del 2010 il Nichel correla con il Cromo totale: rappresentativo dei sedimenti alluvionali del Po (da: dati bibliografici; Regione E-R: La distribuzione spaziale delle concentrazioni rilevate non sembra mostrare variazioni significative. Si ricorda che il Nichel è uno degli elementi considerati dalla normativa come tracciante della qualità dell aria.

26 Profili dei congeneri di PCDD e PCDF riferiti a diverse fonti di emissione Incenerimento di rifiuti solidi urbani Incenerimento di rifiuti pericolosi Veicoli a benzina senza piombo Autocarri diesel Da: Istituto Superiore di Sanità - Linee guida per la prevenzione della contaminazione da PCDD e PCDF e da sostanze diossina-simili in azienda agricola. Rapporti ISTISAN 06/5. I valori dei congeneri rilevati sono normalizzati rispetto al congenere predominante (100 %).

27 Profili dei congeneri di PCDD e PCDF (siti di campionamento di suolo intorno all inceneritore di Via Diana-Canal Bianco Anno 2010) 250 m N 250 m E 250 m S 250 m W POROTTO CASSANA I valori dei congeneri rilevati sono normalizzati rispetto al congenere predominante (100 %)

28 Elaborazione dei dati: analisi temporale (siti di campionamento di suolo intorno all inceneritore di Via Diana-Canal Bianco Anno 2010)

29 Elaborazione dei dati: analisi temporale (siti di campionamento di suolo intorno all inceneritore di Via Diana-Canal Bianco Anno 2010) SITI DI TIPO A L indagine è in corso anche per gli altri parametri

30 CRONOPROGRAMMA PROTOCOLLO LOCALE RELATIVO ALL IMPOSTAZIONE DI UNO STUDIO DI SORVEGLIANZA AMBIENTALE E SANITARIA COLLEGATO ALLE EMISSIONI DELL INCENERITORE/TERMOVALORIZZATORE HERA DI CASSANA/FERRARA

31 Allegato 1 PREMESSA: Il cronoprogramma si estende fino al termine del primo biennio di applicazione del Protocollo di Sorveglianza in quanto al termine di questo periodo è previsto un primo step di valutazione degli studi condotti LEGENDA Campagne minori effettuate presso la stazione C in attesa dell'avvio del Protocollo (ENTE TERZO CNR) Comunicazione Provincia di Ferrara relativa al monitoraggio immissioni (PG HERA del 21/04/2008) "in attesa di formalizzazione del Protocollo si è manifestata l'opportunità di anticipare parte delle analisi che in esso verranno proposte " Protocollo locale di sorveglianza ambientale e sanitaria collegato all'inceneritore/termovalorizzatore hera di Cassana (ARPA - 16 gennaio 2009) Comunicazione Provincia di Ferrara avente come oggetto la richiesta di integrazioni e prescrizioni finali per il Protocollo di Sorveglianza delle immissioni in atmosfera (PG HERA 19/03/2010) Attività di monitoraggio Soggetti coinvolti Monitoraggio qualità dell'aria Acquisto centraline e strumenti Pratiche di occupazione suolo pubblico punti A e B HA Installazione Stazioni di misura HA Attivazione e collaudo HA Monitoraggio di base CNR Monitoraggio intensivo - Stazioni A, B, C Campagna di misura inq. gassosi (NOx, CO, SO2) - Stazione C Lettura e condivisione dei contenuti della Relazione Tecnica CNR HA/ARPA CNR/HA Emissione Relazione Tecnica CNR Trasmissione ai soggetti supervisori Altri monitoraggi ambientali HA HA/Comune Mutagenesi Predisposizione Contratto/Convenzione HA e ARPA Monitoraggio genotossicità del PM 2,5 - Stazione C Emissione Relazione Tecnica ARPA ARPA Trasmissione ai soggetti supervisori Monitoraggio del suolo HA Predisposizione Contratto/Convenzione HA e ARPA Monitoraggio del suolo (20 punti compresi in area 1,5 km di raggio) ARPA Emissione Relazione Tecnica ARPA Trasmissione ai soggetti supervisori Deposizioni umide HA Progettazione attività e acquisto strumentazione HA Affidamento attività di campionamento e analisi Monitoraggio specie ioniche e misura mm pioggia (campionamento settimanale) - Stazioni A, B, C HA Lab. HERA SPA Lettura e condivisione dei contenuti della Relazione Tecnica CNR/HA Emissione Relazione Tecnica CNR Trasmissione ai soggetti supervisori Biomonitoraggio HA Progettazione attività HA/UNIFE Predisposizione Contratto/Convenzione HA e UNIFE Campionamento (area di 1,5 km di raggio) UNIFE Analisi e elaborazione dati bioaccumulo UNIFE Lettura e condivisione dei contenuti della Relazione Tecnica UNIFE/HA Emissione Relazione Tecnica UNIFE Trasmissione ai soggetti supervisori HA avvio previsto: settimana dal 10 al 14 gennaio

32 MONITORAGGIO DEL SUOLO E ALTRI MONITORAGGI Sezione Provinciale di Ferrara Via Bologna, Ferrara 16 febbraio 2011 Grazie per l attenzione! ENRICA CANOSSA-MANUELA MENGONI-CLAUDIA MILAN

ATTIVITÀ CONDOTTE DA ARPA

ATTIVITÀ CONDOTTE DA ARPA ATTIVITÀ DI MONITORAGGIO AMBIENTALE 8 giugno 2010 Sezione Provinciale di Ferrara Via Bologna, 534 44124 Ferrara ATTIVITÀ CONDOTTE DA ARPA Ricerca di microinquinanti in suoli superficiali della provincia

Dettagli

Valutazioni e analisi di microinquinanti

Valutazioni e analisi di microinquinanti Valutazioni e analisi di microinquinanti LA RETE DI MONITORAGGIO CON STAZIONI FISSE SUL TERRITORIO REGIONALE 25 STAZIONI FISSE suddivise in 14 URBANE 9 INDUSTRIALI 2 RURALI ~ 150 parametri misurati Superamenti

Dettagli

Tab.1 Punti di monitoraggio oggetto di campionamento di suolo

Tab.1 Punti di monitoraggio oggetto di campionamento di suolo ARPAT Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana Dipartimento Provinciale di Arezzo U.O. C. Prevenzione e Controlli Ambientali Integrati 52100 Arezzo - viale Maginardo, 1 tel. 0575939105

Dettagli

La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: affidabilità dei risultati d analisi.

La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: affidabilità dei risultati d analisi. R&C Lab S.r.l. La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: rintracciabilità come garanzia di affidabilità dei risultati d analisi. Dr. Dino Celadon Responsabile Ricerca & Sviluppo Ambientale

Dettagli

Risultati della caratterizzazione dei fumi

Risultati della caratterizzazione dei fumi Progetto Produzione di energia e sostanza organica dai sottoprodotti del vigneto Risultati della caratterizzazione dei fumi Paolo Giandon ARPAV Dipartimento Provinciale di Treviso Biella, 24 settembre

Dettagli

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Ligure

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Ligure Validazione della Caratterizzazione Ambientale dei Cantieri Navali Michelini s.r.l. V.le S. Bartolomeo S.I.N. Pitelli La Spezia 1 Indice INDICE...2 1 PREMESSA...3 2 RISULTATI DELLA CARATTERIZZAZIONE...5

Dettagli

Decreto Ministeriale 14 aprile 2009, n. 56

Decreto Ministeriale 14 aprile 2009, n. 56 Decreto Ministeriale 14 aprile 2009, n. 56 Acque superficiali Tab. 1/A Standard di qualità nella colonna d acqua per le sostanze dell elenco di priorità 1 2 (1) Le sostanze contraddistinte dalla lettera

Dettagli

Rapporto finale di sintesi dei risultati delle indagini ambientali

Rapporto finale di sintesi dei risultati delle indagini ambientali HIA21 - Participative assessment of the health, environmental and socio-economic impacts resulting from urban waste treatment LIFE10 ENV/IT/000331 AZIONE D1 Rapporto finale di sintesi dei risultati delle

Dettagli

* * *ARPARA* * *

* * *ARPARA* * * Pagina 1 di 7 Dati Anagrafici Campione di: Prelevatore: Richiesta/Verbale n : Data Prelievo: Campione Formale: Punto Prelievo: Ditta/Struttura prelievo Comune di Prelievo: Cliente: Indirizzo cliente: Quesito:

Dettagli

Progetto Sito di Ferrara Nuova Torcia MTD (Migliore Tecnologia Disponibile) per Basell Poliolefine Italia S.r.l.

Progetto Sito di Ferrara Nuova Torcia MTD (Migliore Tecnologia Disponibile) per Basell Poliolefine Italia S.r.l. Progetto Sito di Ferrara Nuova Torcia MTD (Migliore Tecnologia Disponibile) per Basell Poliolefine Italia S.r.l. Comunicazione al pubblico ai sensi del PMA approvato con prescrizioni da ISPRA (Istituto

Dettagli

Monitoraggio della Qualità dell Aria nel Comune di Avigliano Umbro

Monitoraggio della Qualità dell Aria nel Comune di Avigliano Umbro Monitoraggio della Qualità dell Aria nel Comune di Avigliano Umbro Aprile Maggio 2015 1 Pag / indice 03 / Scopo della campagna di monitoraggio 03 / Scelta del sito di monitoraggio 05 / Misure effettuate

Dettagli

Risultati ante operam o prima dell assunzione presso l impianto (T0) I 55 lavoratori coinvolti nello studio di biomonitoraggio al T0 hanno un buono

Risultati ante operam o prima dell assunzione presso l impianto (T0) I 55 lavoratori coinvolti nello studio di biomonitoraggio al T0 hanno un buono Biomonitoraggio dei lavoratori addetti all impianto di termovalorizzazione dei rifiuti di Torino Risultati sui livelli di bioaccumulo di metalli e inquinanti organici dopo un anno dall avvio dell impianto

Dettagli

AL PERSONALE DOCENTE e NON DEOCENTE. CIRCOLARE n 157

AL PERSONALE DOCENTE e NON DEOCENTE. CIRCOLARE n 157 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Liceo Scientifico, Liceo Classico, Liceo delle Scienze Umane, Liceo Linguistico Tito Lucrezio Caro 35013 CITTADELLA (PD) - Via Alfieri, 58 tel. 049 5971313 - fax 049 5970692

Dettagli

Biomonitoraggio di metalli urinari nella popolazione residente nei pressi del termovalorizzatore di Torino

Biomonitoraggio di metalli urinari nella popolazione residente nei pressi del termovalorizzatore di Torino Biomonitoraggio di metalli urinari nella popolazione residente nei pressi del termovalorizzatore di Torino Monica Chiusolo 1, Ennio Cadum 1, Martina Gandini 1, Alessandro Alimonti 2, Beatrice Bocca 2,

Dettagli

EMISSIONI IN ATMOSFERA DA CENTRALI A TURBOGAS A cura di Arpa Sezione di Piacenza e Ferrara

EMISSIONI IN ATMOSFERA DA CENTRALI A TURBOGAS A cura di Arpa Sezione di Piacenza e Ferrara EMISSIONI IN ATMOSFERA DA CENTRALI A TURBOGAS A cura di Arpa Sezione di Piacenza e Ferrara Premessa In questo documento si vogliono approfondire gli elementi tecnici caratteristici delle emissioni in atmosfera

Dettagli

La gestione dei materiali di risulta nei cantieri Evoluzione normativa e casi di studio

La gestione dei materiali di risulta nei cantieri Evoluzione normativa e casi di studio La gestione dei materiali di risulta nei cantieri Evoluzione normativa e casi di studio IL SITO CONTAMINATO DELLA NUOVA STAZIONE AV DI BOLOGNA Gestione dell iter amministrativo e delle interferenze con

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

Confronto attuale-futuro (con termovalorizzatore a Case Passerini) sistema rifiuti e riscaldamento

Confronto attuale-futuro (con termovalorizzatore a Case Passerini) sistema rifiuti e riscaldamento Capitolo 6 Risultati pag. 447 Confronto attuale-futuro (con termovalorizzatore a Case Passerini) sistema rifiuti e riscaldamento Come già detto nel paragrafo 5.8, i risultati riportati in questo paragrafo

Dettagli

6.5. Risultati simulazioni sistema rifiuti e riscaldamento

6.5. Risultati simulazioni sistema rifiuti e riscaldamento Capitolo 6 Risultati pag. 301 6.5. Risultati simulazioni sistema rifiuti e riscaldamento Come già detto nel paragrafo 5.8, i risultati riportati in questo paragrafo fanno riferimento alle concentrazione

Dettagli

Primo interrogativo dell indagine

Primo interrogativo dell indagine Primo interrogativo dell indagine? Quali i livelli d inquinamento superficiale dei suoli intorno agli inceneritori? Situazione grave?? strumenti di lettura Zero problemi DLgs 152 / 26: alcune questioni

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA N. 702/14

RAPPORTO DI PROVA N. 702/14 Data emissione: 23 settembre 2014 Committente: RUGGERI SERVICE SpA - Strada Statale 275 Maglie Leuca, Muro Leccese(LE) Sito di provenienza: Stabilimento di Muro Leccese Matrice dichiarata: Emissioni in

Dettagli

MONITORAGGIO DEL SUOLO

MONITORAGGIO DEL SUOLO Dipartimento Provinciale di Treviso Servizio Suoli MONITORAGGIO DEL SUOLO DETERMINAZIONE DELLE CONCENTRAZIONI DI MICROINQUINANTI ORGANICI PRIMA RILEVAZIONE A SCALA REGIONALE 2010-2013 REPORT INTERMEDIO

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Dipartimento Provinciale ARPAV di Venezia Via Lissa, 6 30171 Venezia Mestre - Italy Tel. +39 041 5445511 Fax +39 041 5445500 e-mail: dapve@arpa.veneto.it Servizio Sistemi Ambientali Responsabile del Procedimento:

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA N DEL 29/11/2012

RAPPORTO DI PROVA N DEL 29/11/2012 Rimini, lì 29/11/2012 RAPPORTO DI PROVA N 1211603001 DEL 29/11/2012 Studio: 1211603 Data di ricevimento: 15/11/2012 Commessa/lotto: 46318451 Committente: URS Italia S.p.A. Campionamento effettuato da:

Dettagli

Sviluppo dell anagrafe dei siti contaminati nella Provincia Autonoma di Trento

Sviluppo dell anagrafe dei siti contaminati nella Provincia Autonoma di Trento Sviluppo dell anagrafe dei siti contaminati nella Provincia Autonoma di Trento A. Camin I. Castellani G. Rampanelli Rimini 5-8/11/2008 L Anagrafe dei siti contaminati Il 15/12/1999, sul Supplemento Ordinario

Dettagli

Prove di combustione

Prove di combustione Giornata Dimostrativa del Progetto BioTec Analisi delle tecniche di combustione e ricerca sui processi di produzione di biocombustibili da biomasse agro-forestali Prove di combustione Andrea Cristoforetti

Dettagli

Attività di monitoraggio della qualità dell aria effettuato da ARPA FVG nel Comune di Cormons Gennaio Aprile 2014

Attività di monitoraggio della qualità dell aria effettuato da ARPA FVG nel Comune di Cormons Gennaio Aprile 2014 Attività di monitoraggio della qualità dell aria effettuato da ARPA FVG nel Comune di Cormons Gennaio Aprile 2014 Cormons, 27 marzo 2015 La normativa sulla qualità dell ambiente Decreto legislativo. n.

Dettagli

Identificare l impatto locale di una sorgente di inquinanti: il caso di Coriano

Identificare l impatto locale di una sorgente di inquinanti: il caso di Coriano Identificare l impatto locale di una sorgente di inquinanti: il caso di Coriano Marco Cervino Istituto di Scienze dell'atmosfera e del Clima Consiglio Nazionale delle Ricerche Il contributo del Dipartimento

Dettagli

Qualità dell aria Torino, 8 febbraio 2011

Qualità dell aria Torino, 8 febbraio 2011 Qualità dell aria La rilevanza del fenomeno dell accumulo di biossido di azoto nella Pianura Padana rilevato da misure satellitari Concentrazione di biossido di azoto sull Europa tra Gennaio 2003 e Giugno

Dettagli

6.1. Risultati simulazioni termovalorizzatore Osmannoro2000

6.1. Risultati simulazioni termovalorizzatore Osmannoro2000 pag. 217 6. Risultati Di seguito si riportano i risultati relativi alle diverse simulazioni di diffusione atmosferica degli inquinanti effettuate. In particolare sono riportati i risultati sotto forma

Dettagli

IL TERMOVALORIZZATORE DI GRANAROLO DELL EMILIA: DALLA 1 ALLA 2 FASE

IL TERMOVALORIZZATORE DI GRANAROLO DELL EMILIA: DALLA 1 ALLA 2 FASE IL TERMOVALORIZZATORE DI GRANAROLO DELL EMILIA: DALLA 1 ALLA 2 FASE Vito Belladonna Annamaria Colacci Vanes Poluzzi ARPA Sezione Provinciale di Bologna 1 PROTOCOLLO - 1 FASE DI MONITORAGGIO (ANNI 1998-2000)

Dettagli

Finalità delle indagini e del progetto

Finalità delle indagini e del progetto Caffaro e Brescia I nuovi dati Finalità delle indagini e del progetto Maria Luisa Pastore Brescia, 20 Ottobre 2015 Stato delle conoscenze prima del progetto 2002 2005 2003 2006 Le indagini condotte da

Dettagli

ALLEGATO 1 Integrazioni delle disposizioni in materia di gestione dei fanghi di depurazione in agricoltura

ALLEGATO 1 Integrazioni delle disposizioni in materia di gestione dei fanghi di depurazione in agricoltura ALLEGATO 1 Integrazioni delle disposizioni in materia di gestione dei fanghi di depurazione in agricoltura La caratterizzazione analitica dei fanghi di depurazione, da effettuarsi da parte del produttore

Dettagli

Rete di monitoraggio in Italia per valutare le ricadute al suolo utilizzando muschi e suoli superficiali

Rete di monitoraggio in Italia per valutare le ricadute al suolo utilizzando muschi e suoli superficiali Rete di monitoraggio in Italia per valutare le ricadute al suolo utilizzando muschi e suoli superficiali R. M. Cenci BIOMONITORAGGIO DELL'ARIA: VERSO UNA PROPOSTA NORMATIVA Roma, 3 Marzo 2009 1 Attività

Dettagli

Rocca B (Ind/U) Traffico Urbano (Zalamella) Fondo Urbano Res. (Caorle) Fondo Sub Urbano (Delta Cervia)

Rocca B (Ind/U) Traffico Urbano (Zalamella) Fondo Urbano Res. (Caorle) Fondo Sub Urbano (Delta Cervia) 2. LA RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITÀ DELL ARIA 2.1 - Configurazione attuale della Rete La Regione Emilia Romagna ha iniziato nel 2005 una prima modifica della struttura della Rete Regionale di monitoraggio

Dettagli

La Tabella 1 riporta la denominazione dei siti nei quali sono stati ubicati i deposimetri:

La Tabella 1 riporta la denominazione dei siti nei quali sono stati ubicati i deposimetri: Relazione sul monitoraggio dei microinquinanti organici nelle deposizioni atmosferiche totali nell intorno dello Stabilimento Ferriere Nord Sider Potenza - Zona Industriale di Potenza. Nella presente relazione

Dettagli

Servizi Consulenze Analisi Ambientali i S.C.A. s.n.c. - Analisi ambientali e alimentari, formazione I

Servizi Consulenze Analisi Ambientali i S.C.A. s.n.c. - Analisi ambientali e alimentari, formazione I Servizi Analisi Ambientali i S.C.A. s.n.c. - Analisi ambientali e alimentari, formazione I CARATTERIZZAZIONE CHIMICO-FISICA DI SEDIMENTI FLUVIALI PER SOSPETTA PRESENZA DIIDROCARBURI PRESSO LA FOCE DEL

Dettagli

UNITA OPERATIVA. Istituto Superiore di Sanità. Bagnoli Futura S. p. A.

UNITA OPERATIVA. Istituto Superiore di Sanità. Bagnoli Futura S. p. A. UNITA OPERATIVA Istituto Superiore di Sanità Dott.ssa Loredana Musmeci (Direttore del Reparto Suolo e Rifiuti) Dott.ssa Eleonora Beccaloni Dott.ssa Maria Rita Cicero Dott. Fabrizio Falleni Dott.ssa Federica

Dettagli

RISULTATI ANALITICI SUL SEDIMENTO TAL QUALE

RISULTATI ANALITICI SUL SEDIMENTO TAL QUALE Pag. 1 di 10 PAD B5017411 (2125604) - USO RISERVATO RISULTATI ANALITICI SUL SEDIMENTO TAL QUALE D.lgs. 152/2006 Norme in materia ambientale tabella A tabella B ph 10/10/12 D.M. 13 Settembre 99 G.U. n 185

Dettagli

THEOLAB S.p.A. Corso Europa, 600/A Volpiano (TO)

THEOLAB S.p.A. Corso Europa, 600/A Volpiano (TO) 1 NUOVA NORMATIVA CLASSIFICAZIONE RIFIUTI Febbraio Giugno 2015 Legge 11 agosto 2014 n. 116 conversione del D.L. 24 giugno 2014, n. 91 Decisione della Commissione n. 2014/955/UE del 18 dicembre 2014 (in

Dettagli

Ricerca di microinquinanti in suoli superficiali della provincia di Ferrara

Ricerca di microinquinanti in suoli superficiali della provincia di Ferrara Sezione Provinciale di Ferrara Via Bologna, 534 44124 Ferrara Ricerca di microinquinanti in suoli superficiali della provincia di Ferrara RAPPORTO A cura di : D.ssa Manuela Mengoni Dr. Giovanni F. Garasto

Dettagli

Rocca B (Ind/U) Traffico Urbano (Zalamella) Fondo Urbano Res. (Caorle) Fondo Sub Urbano (Delta Cervia)

Rocca B (Ind/U) Traffico Urbano (Zalamella) Fondo Urbano Res. (Caorle) Fondo Sub Urbano (Delta Cervia) 2. LA RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA 2.1 - Configurazione attuale della Rete La Regione Emilia Romagna ha iniziato nel 2005 una prima modifica della struttura della Rete Regionale di monitoraggio

Dettagli

Monitoraggio di PM2.5 e PM1 in prossimità del termovalorizzatore RSU di Bologna

Monitoraggio di PM2.5 e PM1 in prossimità del termovalorizzatore RSU di Bologna Monitoraggio di PM2.5 e PM1 in prossimità del termovalorizzatore RSU di Bologna Mauro Rossi Responsabile Campagne di Monitoraggio del Progetto Moniter ARPA Emilia-Romagna Progetto Moniter 2007-2011 ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Campagna di rilevamento della qualità dell'aria

Campagna di rilevamento della qualità dell'aria Rete di monitoraggio della qualità dell'aria di Reggio Emilia Campagna di rilevamento della qualità dell'aria Castelnovo nè Monti A cura del Servizio Sistemi Ambientali Unità Monitoraggio e Valutazione

Dettagli

PREMESSA. prossimità. La scelta di. probabilmente,

PREMESSA. prossimità. La scelta di. probabilmente, PREMESSA Come richiesto dalla Commissione si è provveduto ad integrare lee campagnee analitiche dei terreni comprendendo anche il primo metro superficiale, in ragione dell utilizzo delle stesse come terre

Dettagli

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda 1 di 6 ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Acqua sotterranea, superficiale potabile, Acqua di scarico, percolato Idrocarburi totali come n-esano APAT CNR IRSA 5160B2 Man 29 2003 Acque di scarico

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento Progetto Speciale recupero urbanistico e ambientale aree industriali. Comune di Levico Terme. Trento 14 gennaio 2008

Provincia Autonoma di Trento Progetto Speciale recupero urbanistico e ambientale aree industriali. Comune di Levico Terme. Trento 14 gennaio 2008 Provincia Autonoma di Trento Progetto Speciale recupero urbanistico e ambientale aree industriali Comune di Levico Terme MAPPATURA AMBIENTALE DEL CONTENUTO IN METALLI DEL TERRENO AL FINE DELLA DEFINIZIONE

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS Direzione generale PIANO DI MONITORAGGIO AMBIENTALE DELLA LAGUNA DI SANTA GILLA E DELLO STAGNO DI CAPOTERRA FASE I CAMPIONATURA ED

Dettagli

RELAZIONE CARATTERIZZAZIONE TERRE E ROCCE DA SCAVO PREMESSA DESCRIZIONE DEL PROGETTO DI SCAVO

RELAZIONE CARATTERIZZAZIONE TERRE E ROCCE DA SCAVO PREMESSA DESCRIZIONE DEL PROGETTO DI SCAVO PREMESSA DESCRIZIONE DEL PROGETTO DI SCAVO INQUADRAMENTO GEOGRAFICO DELL AREA MODELLO CONCETTUALE PRELIMINARE OBIETTIVI DELL INDAGINE PIANO D INDAGINI TECNICA CAMPIONAMENTO DELLE TERRE 3 OPERAZIONI CAMPIONAMENTO

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA. Tipo Campione LATTE CRUDO / LATTE DI MASSA Conferimento N 1 Specie Animale BOVINO Numero Campioni 1. Risultato

RAPPORTO DI PROVA. Tipo Campione LATTE CRUDO / LATTE DI MASSA Conferimento N 1 Specie Animale BOVINO Numero Campioni 1. Risultato Rapporto di N 172679 Data Generazione 09-11-2015 Metodo di Ricerca IPA 05-11-2015 Data fine prove 09-11-2015 BENZO (A) ANTRACENE BENZO (A) PIRENE SOMMA BAP+BAA+BBF+CRY CRISENE BENZO(B)FLUORANTENE Inferiore

Dettagli

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi Appendice III (articolo 5, comma 1 e art. 22 commi 5 e 7) Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi 1. Tecniche di modellizzazione 1.1 Introduzione. In generale,

Dettagli

PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda N 1 di 5 PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 1 2 3 Acque potabili, naturali, industriali, di scarico Alluminio, Antimonio, Arsenico, Bario, Berillio, Boro, Cadmio, Calcio, Cobalto, Cromo, Ferro, Magnesio,

Dettagli

Cinzia Perrino. Composizione chimica del particolato atmosferico in aree industriali

Cinzia Perrino. Composizione chimica del particolato atmosferico in aree industriali Cinzia Perrino Composizione chimica del particolato atmosferico in aree industriali CONSIGLIO NAZIONALE delle RICERCHE ISTITUTO sull INQUINAMENTO ATMOSFERICO Area della Ricerca RM1 Montelibretti (Roma)

Dettagli

REALIZZAZIONE DI ALLEVAMENTO AVICOLO CONVENZIONALE (art. 9 L.R. 13/90)

REALIZZAZIONE DI ALLEVAMENTO AVICOLO CONVENZIONALE (art. 9 L.R. 13/90) S u t i d o di G eo lo g a i COMUNE DI SAN LORENZO IN CAMPO (Provincia di PESARO-URBINO) REALIZZAZIONE DI ALLEVAMENTO AVICOLO CONVENZIONALE (art. 9 L.R. 13/90) Committente: SOCIETA AGRICOLA PONTE PIO S.r.l.

Dettagli

Sulle matrici indagate sono stati determinati i livelli di concentrazione delle seguenti sostanze:

Sulle matrici indagate sono stati determinati i livelli di concentrazione delle seguenti sostanze: 1 La Relazione sui risultati preliminari dei Piani di monitoraggio sugli inquinanti ambientali nell area del Poligono interforze del salto di Quirra, predisposta dall Istituto zooprofilattico della Sardegna

Dettagli

PROGRESS: UN CODICE PER IL CALCOLO DELLE EMISSIONI DA VEICOLI STRADALI IN AMBITO URBANO

PROGRESS: UN CODICE PER IL CALCOLO DELLE EMISSIONI DA VEICOLI STRADALI IN AMBITO URBANO VIII Incontro EXPERT PANEL EMISSIONI DA TRASPORTO STRADALE Roma, 5 novembre 2003 PROGRESS: UN CODICE PER IL CALCOLO DELLE EMISSIONI DA VEICOLI STRADALI IN AMBITO URBANO Massimo Capobianco, Giorgio Zamboni

Dettagli

Monitoraggio qualità dell aria incendio TMB 11 dicembre 2018

Monitoraggio qualità dell aria incendio TMB 11 dicembre 2018 Monitoraggio qualità dell aria incendio TMB 11 dicembre 2018 Giovedi 13 dicembre 2018, ore 19:30 A seguito dell incendio sviluppatosi presso l impianto TMB nella giornata dell 11 dicembre sono state attivate

Dettagli

Allegato 1 Trend dei monitoraggio da stazioni fisse

Allegato 1 Trend dei monitoraggio da stazioni fisse Allegato 1 Trend dei monitoraggio da stazioni fisse Indice 1 / A1.1 Particolato fine (PM 10) 7 / A1.2 Particolato fine (PM 2.5) 11 / A1.3 Biossido di azoto (NO 2) 14 / A1.4 Monossido di carbonio (CO) 17

Dettagli

Figura 1. Siti di ubicazione dei deposimetri

Figura 1. Siti di ubicazione dei deposimetri Relazione sulla campagna di misura per la determinazione PCDD/F, dl-pcb (PCB diossina simili), IPA e metalli (periodo dal 31/08/2017 al 04/10/2017)nelle deposizioni atmosferiche totali di nei siti: piazzale

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA. Tipo Campione LATTE CRUDO / LATTE DI MASSA Conferimento N 1 Specie Animale BOVINO Numero Campioni 1. Risultato

RAPPORTO DI PROVA. Tipo Campione LATTE CRUDO / LATTE DI MASSA Conferimento N 1 Specie Animale BOVINO Numero Campioni 1. Risultato Sede Accettante Portici Utente Accettazione Richiesta N 97028 Accettata il 04-08-2015 SISTEMA QRCODE del 03-08-2015 C/O IZSM - VIA SALUTE,2 80055 PORTICI (NA) Attività di prelievo DE MAIO MARIO Detentore

Dettagli

Accesso alla banca dati dell inventario delle emissioni in atmosfera

Accesso alla banca dati dell inventario delle emissioni in atmosfera Accesso alla banca dati dell inventario delle emissioni in atmosfera Regione Liguria Dipartimento Ambiente Patrizia Costi Settore aria clima e ciclo integrato dei rifiuti INDICE Accesso alle informazioni

Dettagli

REALIZZAZIONE DI ALLEVAMENTO AVICOLO BIOLOGICO (art. 9 L.R. 13/90)

REALIZZAZIONE DI ALLEVAMENTO AVICOLO BIOLOGICO (art. 9 L.R. 13/90) S u t i d o di G eo lo g a i COMUNE DI SAN LORENZO IN CAMPO (Provincia di PESARO-URBINO) REALIZZAZIONE DI ALLEVAMENTO AVICOLO BIOLOGICO (art. 9 L.R. 13/90) (con riconversione sito direzionale dismesso

Dettagli

pubblicato su fanpage.it

pubblicato su fanpage.it EMERGENZA TERRA DEI FUOCHI RISULTATI INERENTI IL MONITORAGGIO STRAORDINARIO EFFETTUATI A FRONTE DELL EMERGENZA TERRA DEI FUOCHI A seguito dell emergenza terra dei fuochi è stato organizzato un campionamento

Dettagli

Confronto tra concentrazioni limite accettabili ex D.M. 471/99 e concentrazioni soglia di contaminazione ex D.Lgs 152/06.

Confronto tra concentrazioni limite accettabili ex D.M. 471/99 e concentrazioni soglia di contaminazione ex D.Lgs 152/06. Confronto tra concentrazioni limite accettabili ex D.M. 471/99 e concentrazioni soglia di contaminazione ex D.Lgs 152/06 Acque sotterranee D.M. 471/99 D.Lgs. 152/06 Sostanze Valori limite (μ/l) Sostanze

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SANITA'

DIREZIONE GENERALE SANITA' 2275 13/03/2013 Identificativo Atto n. 180 DIREZIONE GENERALE ANITA' AGGIORNAMENTO DEL REGITRO DELLA REGIONE LOMBARDIA DEI LABORATORI CHE EFFETTUANO ANALII NELL'AMBITO DELLE PROCEDURE DI AUTOCONTROLLO

Dettagli

Trattamento dei rifiuti in Campania: impatto sulla salute umana. Marco Leonardi marco.leonardi@protezionecivile.it

Trattamento dei rifiuti in Campania: impatto sulla salute umana. Marco Leonardi marco.leonardi@protezionecivile.it Trattamento dei rifiuti in Campania: impatto sulla salute umana Marco Leonardi marco.leonardi@protezionecivile.it EMERGENZA RIFIUTI CAMPANIA Stato di emergenza dal 1994 Il triangolo della morte STUDIO

Dettagli

Le nuove aree agricole indagate

Le nuove aree agricole indagate Caffaro e Brescia I nuovi dati Dott.ssa Geol. Maria Luigia Tedesco Dott. Geol. Enrico Alberico Brescia, 20 Ottobre 2015 Le campagne di indagini precedenti svolte da ARPA 2002 2005 2003 2006 Metodo delle

Dettagli

Domanda di autorizzazione alle emissioni in atmosfera ai sensi dell art. 269, D.lgs. 152/2006 (stabilimenti anteriori al 2006).

Domanda di autorizzazione alle emissioni in atmosfera ai sensi dell art. 269, D.lgs. 152/2006 (stabilimenti anteriori al 2006). Marca da Al SUAP del Comune di Bollo Domanda di autorizzazione alle emissioni in atmosfera ai sensi dell art. 269, D.lgs. 152/2006 (stabilimenti anteriori al 2006). Il/la sottoscritto/a nato/a a il residente

Dettagli

Gestione delle terre e rocce da scavo Caratterizzazione Chimico Fisica dei Suoli: possibili profili analitici

Gestione delle terre e rocce da scavo Caratterizzazione Chimico Fisica dei Suoli: possibili profili analitici Confartigianato Cuneo Cuneo - Sala incontri Fondazione CRC Via Roma 17 19-02-2014 Gestione delle terre e rocce da scavo Caratterizzazione Chimico Fisica dei Suoli: possibili profili analitici valido supporto

Dettagli

6 SINTESI REGIONALE DEI RISULTATI

6 SINTESI REGIONALE DEI RISULTATI 6 SINTESI REGIONALE DEI RISULTATI 6.1 Ossidi di zolfo Per quanto riguarda gli ossidi di zolfo le emissioni sono dovute per il 93% ad Altre sorgenti/assorbenti in natura (con oltre 1.225.400 tonnellate)

Dettagli

Al Comitato Cittadino Osservatorio per la Discarica Tremonti osservatorio per la discarica tremonti@pec.it

Al Comitato Cittadino Osservatorio per la Discarica Tremonti osservatorio per la discarica tremonti@pec.it Sezione Provinciale di Bologna Via F. Rocchi, 19 - Via Triachini, 17 40138 Bologna Tel. 051 396211 Fax 051 342642 PEC: aoobo@cert.arpa.emr.it e-mail: urpbo@arpa.emr.it SERVIZIO TERRITORIALE SINADOC 923/2015

Dettagli

DOCUMENTO A SUPPORTO DEL PIANO DI RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA

DOCUMENTO A SUPPORTO DEL PIANO DI RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l Ambiente dell Emilia-Romagna Via Po, n. 5 40139 - BOLOGNA tel 051/6223811 - fax 051/543255 P.IVA e C.F. 04290860370 Sezione Provinciale di Forlì-Cesena C.P. 345

Dettagli

MICRO-B srl Via Cremona, 25/b 46041 Asola (MN) C.F. : 02140460201 P. Iva: 02140460201 Tel. : 0376 712079 Fax : 0376 719207 Web: www.micro-b.it e-mail: info@micro-b.it Reg. Imp. : Cap. Soc. i.v. : MN 02140460201

Dettagli

Allegato 1 al Titolo III-bis alla Parte Quarta. Norme tecniche e valori limite di emissione per gli impianti di incenerimento di rifiuti

Allegato 1 al Titolo III-bis alla Parte Quarta. Norme tecniche e valori limite di emissione per gli impianti di incenerimento di rifiuti Allegato 1 al Titolo III-bis alla Parte Quarta Norme tecniche e valori limite di emissione per gli impianti di incenerimento di rifiuti A. VALORI LIMITE DI EMISSIONE IN ATMOSFERA 1. Valori limite di emissione

Dettagli

LUCART. Cartiera Lucchese S.p.a. Via Ciarpi, Porcari (Lucca) - Stabilimento di Diecimo Zona Industriale Diecimo (Lucca)

LUCART. Cartiera Lucchese S.p.a. Via Ciarpi, Porcari (Lucca) - Stabilimento di Diecimo Zona Industriale Diecimo (Lucca) 1 LUCART Cartiera Lucchese S.p.a. Via Ciarpi,77-55016 - Porcari (Lucca) - Stabilimento di Diecimo Zona Industriale 55020 Diecimo (Lucca) Resoconto delle Indagini Ambientali condotte nel territorio della

Dettagli

RELAZIONE PRELIMINARE INCENDIO MIGLIARO (FE)

RELAZIONE PRELIMINARE INCENDIO MIGLIARO (FE) RELAZIONE PRELIMINARE INCENDIO MIGLIARO (FE) A seguito della segnalazione telefonica pervenuta alle ore 19.15 del 26/07/2012 al Servizio di Pronta Disponibilità Ambientale di ARPA/FE, da parte dei Vigili

Dettagli

ALLEGATO 2. Piano di Monitoraggio e Controllo

ALLEGATO 2. Piano di Monitoraggio e Controllo PROVINCIA DI CAGLIARI-PROVINCIA DE CASTEDDU ASSESSORATO ALLE POLITICHE ERGETICHE - POLITICHE AMBITALI ECONOMIA VERDE Settore Ecologia e Protezione Civile Via diego Cadello, 9b 09121 CA ALLEGATO 2 Piano

Dettagli

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli

ATTIVITA 2 Monitoraggio della qualità dell aria

ATTIVITA 2 Monitoraggio della qualità dell aria ATTIVITA 2 Monitoraggio della qualità dell aria Maria Rosa ARPAV-Dip. Prov. VE ATTIVITA' 1 Stima delle emissioni in atmosfera ATTIVITA' 5 Modellistica qualità dell'aria ATTIVITA' 4 Modellistica applicata

Dettagli

Le attività di monitoraggio: il caso dell acciaieria Valbruna di Vicenza

Le attività di monitoraggio: il caso dell acciaieria Valbruna di Vicenza Le attività di monitoraggio: il caso dell acciaieria Valbruna di Vicenza Dipartimento Provinciale di Vicenza Servizio Stato dell Ambiente dr chim. Ugo Pretto, p.i. Francesca Mello Il sito produttivo Acciaierie

Dettagli

Monitoraggio qualità dell aria incendio TMB 11 dicembre 2018

Monitoraggio qualità dell aria incendio TMB 11 dicembre 2018 Monitoraggio qualità dell aria incendio TMB 11 dicembre 2018 Martedì 18 dicembre 2018, ore 17:45 A seguito dell incendio sviluppatosi presso l impianto TMB nella giornata dell 11 dicembre sono state attivate

Dettagli

II TRIMESTRE 2013. 1 di 6. N. totale stazioni Laguna di Baseleghe 4 Laguna di Caorle 5 Area centrale Laguna di Venezia 15.

II TRIMESTRE 2013. 1 di 6. N. totale stazioni Laguna di Baseleghe 4 Laguna di Caorle 5 Area centrale Laguna di Venezia 15. II TRIMESTRE 2013 La qualità delle acque di transizione della regione Veneto è controllata, in applicazione della normativa vigente, dal Servizio Osservatorio Acque Marine e Lagunari di ARPAV. Nella mappa

Dettagli

Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 9.1.2015 COM(2014) 750 final 2014/0359 (NLE) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa all accettazione dell emendamento del protocollo del 1998 della convenzione del

Dettagli

4.3. Il monitoraggio dell inquinamento atmosferico

4.3. Il monitoraggio dell inquinamento atmosferico 300 250 200 media min max 150 100 50 0 Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre (mm) Dicembre Fig. 4.9. Episodi di nebbia nel Porto di Venezia (anni 1985-1991).

Dettagli

Discarica di Ginestreto e possibili effetti sullo stato di salute dei residenti

Discarica di Ginestreto e possibili effetti sullo stato di salute dei residenti Discarica di Ginestreto e possibili effetti sullo stato di salute dei residenti Negli ultimi anni i cittadini residenti nel territorio vicino all area della discarica di Ginestreto del comune di Sogliano,

Dettagli

Gruppo di Lavoro Strategia. M. Belli ISPRA. - Le attività/i coordinamenti/lo stato dell arte

Gruppo di Lavoro Strategia. M. Belli ISPRA. - Le attività/i coordinamenti/lo stato dell arte Auditorium - Via Curtatone 7 II Sessione: Attività tecniche ARPA APPA - Le attività/i coordinamenti/lo stato dell arte Gruppo di Lavoro Strategia M. Belli Gruppo di Lavoro Strategia Istituito dal Consiglio

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA. spett.le RESIDUI DELLA PULIZIA STRADALE AGNO CHIAMPO AMBIENTE VIA CALLESELLA, 89

RAPPORTO DI PROVA. spett.le RESIDUI DELLA PULIZIA STRADALE AGNO CHIAMPO AMBIENTE VIA CALLESELLA, 89 spett.le AGNO CHIAMPO AMBIENTE VIA CALLESELLA, 89 36075 MONTECCHIO MAGGIORE (VI) Sigla campione (dichiarato dal cliente) Data di emissione RDP Luogo di prelievo (indicato dal cliente) Punto di prelievo

Dettagli

Applicazione del modello ADMS URBAN a Ferrara

Applicazione del modello ADMS URBAN a Ferrara SCHEDA SOURCE - Dominio INPUT = 15 X 12 km, OUTPUT = 13 X 10 Km SORGENTE GRIGLIA PARAMETRI: georef.. Celle 250mX250m (ArcView( ArcView), h griglia (m), emissioni (t/a) La sorgente griglia contiene la sommatoria

Dettagli

Norme tecniche e valori limite di emissione per gli impianti di incenerimento di rifiuti

Norme tecniche e valori limite di emissione per gli impianti di incenerimento di rifiuti ALLEGATO 1 Norme tecniche e valori limite di emissione per gli impianti di incenerimento di rifiuti A. VALORI LIMITE DI EMISSIONE IN ATMOSFERA 1. Valori limite di emissione medi giornalieri a) Polveri

Dettagli

Via Bettini Via Del Frullo

Via Bettini Via Del Frullo Via Bettini Via Del Frullo Nell ambito del Protocollo d Intesa tra la Provincia di Bologna, i Comuni di Bologna, Castenaso e Granarolo dell Emilia, Arpa di Bologna, Ausl di Bologna, Università di Bologna

Dettagli

Ricerca di microinquinanti nel suolo del comune di Ferrara

Ricerca di microinquinanti nel suolo del comune di Ferrara Seminario Qualità dell aria e dintorni: recenti indagini di Approfondimento in provincia di Ferrara - 26 maggio 2008 Provincia di Ferrara Ricerca di microinquinanti nel suolo del comune di Ferrara in relazione

Dettagli

Focus Valutazione degli impatti in atmosfera

Focus Valutazione degli impatti in atmosfera Focus Valutazione degli impatti in atmosfera VALUTAZIONE di IMPATTO AMBIENTALE ai sensi del D. Lgs 152/2006 e smi e Legge Regionale 9/99 di un Impianto per la valorizzazione energetica di sottoprodotti

Dettagli

Spett.le 2 F s.n.c. di Federico Fastro & C. Via Conti d Onigo, 6 31040 Pederobba (TV)

Spett.le 2 F s.n.c. di Federico Fastro & C. Via Conti d Onigo, 6 31040 Pederobba (TV) Spett.le 2 F s.n.c. di Federico Fastro & C. Via Conti d Onigo, 6 31040 Pederobba (TV) DATI IDENTIFICATIVI DEL CAMPIONE N richiesta prove : 2014 1862 Del : 01/08/2014 Cliente: 2 F s.n.c. di Federico Fastro

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA. Tipo Campione LATTE CRUDO / LATTE DI MASSA Conferimento N 1 Specie Animale BUFALO Numero Campioni 1. Risultato

RAPPORTO DI PROVA. Tipo Campione LATTE CRUDO / LATTE DI MASSA Conferimento N 1 Specie Animale BUFALO Numero Campioni 1. Risultato Rapporto di N 133984 Data Generazione 21-08-2015 Metodo di Pesticidi organo-clorurati: ECB, HCH-alfa, HCH-gamma, Eptacloro, Aldrin, HCH beta, Epossido eptacloro, 2-4 DDE, alfa-endosulfan, tg-clordane,

Dettagli

Studi modellistici di dispersione e degli inquinanti

Studi modellistici di dispersione e degli inquinanti Studi modellistici di dispersione e degli inquinanti Modelli matematici per lo studio della dispersione degli inquinanti in atmosfera Modelli gaussiani Windimula ARIAImpact Modelli gaussiani di nuova generazione

Dettagli

17RI01679 del 26/07/2017

17RI01679 del 26/07/2017 Certificato di analisi n : 17RI01679 del 26/07/2017 Dati relativi al campione Categoria merceologica: Rifiuto Liquido Spett. AMIU S.p.A. Via Barletta 161 76125 Trani (BT) Campione dichiarato: C.E.R. 19.13.08-rifiuti

Dettagli

Un analisi di dettaglio della qualità dell aria in provincia di Torino

Un analisi di dettaglio della qualità dell aria in provincia di Torino Un analisi di dettaglio della qualità dell aria in provincia di Torino Antonella Pannocchia Arpa Piemonte La provincia di Torino nel contesto territoriale della pianura padana La provincia di Torino è

Dettagli

MODELLO PER LA STIMA DELL ESPOSIZIONE

MODELLO PER LA STIMA DELL ESPOSIZIONE Progetto di sorveglianza degli effetti sanitari diretti e indiretti dell impianto di trattamento rifiuti (PAIP) di Parma Delibera n. 938/2008 del 15/10/2008 la Giunta provinciale di Parma VIA-AIA: Prescrizioni

Dettagli

NEWSLETTER n. 41. Agosto 05

NEWSLETTER n. 41. Agosto 05 NEWSLETTER n. 41 a cura dell Ufficio del Portavoce Ufficio Stampa di ARPA Lombardia Giovanni Galgano Tel. 02.69666.362 Grafica ProgettoWEB ARPA Lombardia Sommario CHE ARIA TIRA A VARESE 2 IL CENTRO DI

Dettagli