INDICE SOMMARIO. Parte I I SOGGETTI RESPONSABILI

Save this PDF as:
Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE SOMMARIO. Parte I I SOGGETTI RESPONSABILI"

Transcript

1 INDICE SOMMARIO Parte I I SOGGETTI RESPONSABILI CAPITOLO I IL DATORE DI LAVORO di Fausto Giunta e Daniele Guerri 1. La definizione normativa di datore di lavoro Il datore di lavoro privato Il datore di lavoro nel settore pubblico La materia degli appalti La figura del committente Gli obblighi del committente La verifica dell idoneità tecnico-professionale delle imprese appaltatrici L obbligo di informazione sui rischi L obbligo di cooperazione e coordinamento Il documento unico di valutazione dei rischi interferenziali CAPITOLO II LA DISCIPLINA DELLA DELEGA DI FUNZIONI di Tiziana Vitarelli 1. Premessa Le condizioni normative di ammissibilità della delega Le condizioni pretermesse Natura e modalità della pubblicità dell atto di delega Obbligo di vigilanza del delegante I potenziali deleganti. La subdelega Le funzioni indelegabili Delega di funzioni e responsabilità degli enti ex art. 25-septies d.lgs. 231/ CAPITOLO III GLI ALTRI GARANTI DELLA SICUREZZA SUL LAVORO di Costanza Bernasconi 1. Considerazioni introduttive I dirigenti e i preposti L esercizio di fatto di poteri direttivi Il responsabile del servizio di prevenzione e protezione Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza... 86

2 VIII Indice sommario 6. Il lavoratore Il medico competente I soggetti esterni al rapporto di lavoro: i progettisti, i fabbricanti, i fornitori, gli installatori CAPITOLO IV L OBBLIGO DI IMPEDIRE L INFORTUNIO di Isabella Leoncini 1. La posizione di garanzia nel sistema prevenzionistico Le fonti normative della posizione di garanzia I confini della posizione di garanzia: la necessaria corrispondenza tra obblighi e effettivi poteri impeditivi La tendenza giurisprudenziale all estensione della responsabilità per omesso impedimento dell evento e i rischi di responsabilità oggettiva e per fatto altrui occulta I tentativi di arginare la responsabilità «di posizione» dei soggetti apicali Parte II LA RESPONSABILITÀ DEGLI ENTI PER I REATI IN MATERIA DI SICUREZZA CAPITOLO I LE MODIFICHE AL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 di Roberto Guerrini 1. L estensione della responsabilità degli enti ai delitti in materia di sicurezza e salute sul lavoro (art. 25-septies d.lgs. 231/2001) Il testo originario dell art. 25-septies introdotto dalla legge delega 123/ L illecito amministrativo dell ente, dipendente da reato: richiami strutturali Problematiche di compatibilità della disciplina generale contenuta nello Statuto di responsabilità sanzionatoria degli enti con l inclusione dei primi reati colposi nella relativa parte speciale I soggetti-persone fisiche autori di reato I modelli organizzativi di gestione e controllo dinanzi ai nuovi reati colposi L apparato sanzionatorio previsto nell art. 25-septies CAPITOLO II I MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE di Riccardo Lottini 1. Profili generali I requisiti richiesti dall art. 30 d.lgs. 81/ Le attività di risk assessment e risk management Mappatura del rischio ex art. 30 e valutazione del rischio ai sensi degli artt. 15, 18 e 29: quali rapporti? Il sistema di controllo eimeccanismi di aggiornamento già previsti dal d.lgs. 626 del I controlli di cui al d.lgs. 81/2008 e agli artt. 6, 7 d.lgs. 231 del

3 Indice sommario IX 5.2. La composizione e i compiti dell organismo di vigilanza nel settore degli infortuni sul lavoro Gli enti di piccole dimensioni Il sistema disciplinare Il sistema di registrazione degli adempimenti degli obblighi di legge Le linee guida UNI-INAIL del 28 settembre 2001 e il British Standard Occupational Health and Safety Assessment Series (BS OHSAS) 18001: La presunzione di conformità di cui al comma La commissione permanente di cui all art Modello di cui all art. 30: adozione obbligatoria o facoltativa? I rapporti tra art. 30 e art. 6 del d.lgs. 231 del 2001: il meccanismo di esonero da responsabilità nel caso di reato commesso dagli apici La compatibilità tra «elusione fraudolenta» e la natura colposa delle fattispecie di cui all art. 25-septies d.lgs. 231 del La responsabilità penale dei membri dell organismo di vigilanza per la violazione degli artt. 589 e 590 c.p Parte III I REATI E GLI ILLECITI DEL DATORE DI LAVORO E DEI DIRIGENTI CAPITOLO I I REATI PROPRI ESCLUSIVI DEL DATORE DI LAVORO di Dario Micheletti 1. L obbligo di sicurezza a carico del datore di lavoro sancito dall art c.c La rilevanza penalistica dell art c.c Le contravvenzioni di cui all art. 55 d.lgs. 81/2008: un primo quadro di sintesi Il fondamento politico-criminale della previsione di reati esclusivi del solo datore di lavoro L obbligo della valutazione dei rischi e le relative contravvenzioni L omessa valutazione dei rischi e l omessa predisposizione del documento di valutazione dei rischi (artt. 29, comma 1, e 55, comma 1, lett. a, d.lgs. 81/2008) Struttura e momento consumativo Disciplina transitoria e delimitazione soggettiva dell obbligo di valutazione dei rischi Le fattispecie aggravanti delle contravvenzioni concernenti l omessa valutazione dei rischi o l omessa predisposizione del documento di valutazione dei rischi (art. 55, comma 2, d.lgs. 81/2008) La carente redazione del documento di valutazione dei rischi (artt. 28, comma 2, e55, commi3e4, d.lgs. 81/2008) La mancata consultazione del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza e la mancata rielaborazione della valutazione dei rischi (artt. 29, commi 2e3, e55, comma 3, d.lgs. 81/2008) L omessa nomina del responsabile del servizio di prevenzione e protezione (artt. 17, comma 1, lett. b, e 55, comma 1, lett. b, d.lgs. 81/2008) L irregolare assunzione da parte del datore di lavoro del ruolo di responsabile del servizio di prevenzione e protezione (artt. 34, comma 2, e 55, comma 1, lett. b, d.lgs. 81/2008)

4 X Indice sommario CAPITOLO II I REATI CONCERNENTI LA GESTIONE DEL RISCHIO LAVORATIVO ORDINARIO di Dario Micheletti 1. Gli illeciti relativi alla tutela primaria dei lavoratori L idoneità del lavoratore ad affrontare il rischio lavorativo L affidamento ai lavoratori di compiti inadeguati (artt. 18, comma 1, lett. c; 55, comma 5, lett. c, d.lgs. 81/2008) La mancata adozione di misure restrittive all accesso dei lavoratori non formati in zone a rischio grave e specifico (artt. 18, comma 1, lett. e; 55, comma 5, lett. c, d.lgs. 81/2008) Gli obblighi di formazione ed informazione dei lavoratori. Profili generali La violazione del generale obbligo di informazione (artt. 36, commi 1e2; 55, comma 5, lett. c, d.lgs. 81/2008) L elusione dello speciale obbligo di informazione dei lavoratori esposti al rischio di un pericolo grave ed immediato. Rinvio La mancata formazione del lavoratore e degli altri addetti alla sicurezza (artt. 37, commi 1, 7, 9 e 10; 55, comma 5, lett. c, d.lgs. 81/2008) La mancata informazione dei volontari e l omessa prevenzione del rischio interferenziale (artt. 3, comma 12-bis, e 55, comma 5, lett. a, d.lgs. 81/2008) La mancata dotazione dei necessari ed idonei dispositivi di protezione individuale (artt. 18, comma 1, lett. d; 55, comma 5, lett. d, d.lgs. 81/2008) L omessa richiesta ai lavoratori di conformarsi alla normativa prevenzionistica (artt. 18, lett. f, e 55, comma 5, lett. c, d.lgs. 81/2008) L omesso aggiornamento delle misure di prevenzione (artt. 18, comma 1, lett. z; 55, comma 5, lett. d, d.lgs. 81/2008) L omessa adozione di cautele a difesa dell ambiente e della popolazione (artt. 18, comma 1, lett. q; 55, comma 5, lett. c, d.lgs. 81/2008) CAPITOLO III GLI ILLECITI IN MATERIA DI APPALTO di Silvia Callegari 1. L evoluzione dei rapporti tra committente e appaltatore in materia di sicurezza sul lavoro L ambito di operatività dell art. 26 d.lgs. 81/ La violazione dell obbligo di fornire informazioni sui rischi specifici La violazione dell obbligo di verifica dei requisiti tecnico-professionali (VTP) delle imprese appaltatrici e dei lavoratori autonomi La violazione degli obblighi di cooperazione e coordinamento e di redazione del documento di valutazione dei rischi La violazione dell obbligo di fornire la tessera di riconoscimento CAPITOLO IV I REATI CONCERNENTI LA GESTIONE DELLE EMERGENZE NEI LUOGHI DI LAVORO di Dario Micheletti 1. Le novità in materia di emergenze nei luoghi di lavoro La trasgressione delle disposizioni generali in materia di emergenze

5 Indice sommario XI 2.1. La violazione degli obblighi di coordinamento con i soggetti istituzionali esterni (artt. 43, lett. a; 55, comma 5, lett. a, d.lgs. 81/2008) La violazione degli obblighi di programmazione interna (artt. 18, comma 1, lett. t; 43, comma 1, lett. b, c, d, e; 55, comma 5, lett. a, c, d.lgs. 81/2008) L illecita richiesta di continuazione del lavoro (artt. 43, comma 4; 55, comma 5, lett. a, d.lgs. 81/2008) Le contravvenzioni concernenti gli interventi di primo soccorso (artt. 45, comma 1; 55, comma 5, lett. a, d.lgs. 81/2008) Le contravvenzioni in materia di prevenzione degli incendi La mega-clausola sanzionatoria in materia di prevenzione degli incendi (artt. 46, comma 2; 55, comma 5, lett. c, d.lgs. 81/2008) L omessa installazione dei mezzi di estinzione necessari (artt. 43, comma 1, lett. e-bis; 55, comma 5, lett. c, d.lgs. 81/2008) CAPITOLO V GLI ILLECITI CONCERNENTI L EFFETTIVITÀ DEI CONTROLLI di Jacopo Fanelli 1. Gli illeciti relativi alla effettività dei controlli Gli illeciti penali e amministrativi connessi all attività del medico competente La mancata nomina del medico competente (artt. 18, comma 1, lett. a; 55, comma 5, lett. d, d.lgs. 81/2008) L omessa richiesta al medico competente di osservare gli obblighi previsti a suo carico (artt. 18, comma 1, lett. g; 55, comma 5, lett. e, d.lgs. 81/2008) La sorveglianza sanitaria illegittima (artt. 41, comma 3, e 55, comma 5, lett. f, d.lgs. 81/2008) L omessa vigilanza sulla conformità delle mansioni lavorative al giudizio di idoneità (artt. 18, comma 1, lett. bb; 55, comma 5, lett. g, d.lgs. 81/2008) La violazione degli adempimenti sanitari derivanti dalla cessazione del rapporto di lavoro (artt. 18, lett. g-bis, 25, comma 1, lett. e, 55, comma 5, lett. h, d.lgs. 81/2008) I reati collegati alla figura del responsabile dei lavoratori per la sicurezza (RSL) L omessa comunicazione annuale all INAIL dei nominativi dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza (artt. 18, comma 1, lett. aa; 55, comma 5, lett. l, d.lgs. 81/2008) La mancata consegna al RLS dei documenti di valutazione dei rischi (artt. 18, comma 1, lett. o e p; 55, comma 5, lett. a ed e, d.lgs. 81/2008) L impedimento delle funzioni di controllo attribuite al RLS (artt. 18, comma 1, lett. n; 55, comma 5, lett. e, d.lgs. 81/2008) La violazione dell obbligo di consultazione del RLS (artt. 18, comma 1, lett. s; 55, comma 5, lett. e, d.lgs. 81/2008) Gli illeciti correlati all attività del Servizio di Prevenzione e Protezione La mancata convocazione della riunione periodica di cui all art. 35 d.lgs. 81/2008 (artt. 18, comma 1, lett. v; 35, comma 4; e 55, comma 5, lett. e, d.lgs. 81/2008) L irregolare istruzione documentale della riunione periodica (artt. 35, comma 2, e 55, comma 5, lett. f, d.lgs. 81/2008) La mancata verbalizzazione della riunione periodica (artt. 35, comma 5, e 55, comma 5, lett. h, d.lgs. 81/2008)

6 XII Indice sommario 4.4. L omessa informazione del SPP (artt. 18, comma 2, e 55, comma 5, lett. g, d.lgs. 81/2008) Le fattispecie di omessa comunicazione di infortunio all INAIL L omessa comunicazione di infortunio di durata superiore ad 1 giorno (artt. 18, comma 1, lett. r; 55, comma 5, lett. h, d.lgs. 81/2008) L omessa comunicazione di infortunio di durata superiore a 3 giorni (artt. 18, comma 1, lett. r; 55, comma 5, lett. g, d.lgs. 81/2008) L omessa custodia del DVR nella specifica unità produttiva (artt. 29, comma 4, e 55, comma 5, lett. f, d.lgs. 81/2008) CAPITOLO VI L INOTTEMPERANZA AL PROVVEDIMENTO DI SOSPENSIONE DELL ATTIVITÀ IMPRENDITORIALE di Pierluigi Rausei 1. La sospensione dell attività d impresa: ratio, natura e caratteristiche Titolari del potere e destinatari del provvedimento Presupposti per la sospensione Revoca e impugnazioni Ulteriore interdizione Omessa ottemperanza alla sospensione dell impresa per gravi e reiterate violazioni (art. 14, comma 10, prima parte) Soggetto attivo del reato ed elemento soggettivo Estinzione agevolata del reato Omessa ottemperanza alla sospensione dell impresa per lavoro irregolare (art. 14, comma 10, seconda parte) Soggetto attivo del reato ed elemento soggettivo Estinzione agevolata del reato Parte IV I REATI E GLI ILLECITI DEGLI ALTRI SOGGETTI CAPITOLO I I REATI DEL PREPOSTO di Simone Marani 1. La ridefinizione degli obblighi del preposto presidiati penalmente I reati propri del preposto: profili generali Omessa sovrintendenza o vigilanza ed omessa segnalazione (art. 19, lett. a) Omessa richiesta dell osservanza delle misure per il controllo delle situazioni di rischio, ed omessa istruzione sull abbandono del posto di lavoro (art. 19, lett. c) La richiesta della ripresa dell attività lavorativa in presenza di un pericolo grave ed immediato (art. 19, lett. e) Omessa segnalazione delle deficienze o delle altre condizioni di pericolo che si verifichino durante il lavoro (art. 19, lett. f) Omessa verifica sull adeguatezza delle istruzioni ricevute dai lavoratori che accedono a zone che li espongono ad un rischio grave e specifico (art. 19, lett. b) L omessa informazione sui fattori di rischio o sulle disposizioni in materia di protezione (art. 19, lett. d)

7 Indice sommario XIII 9. Omessa frequentazione dei corsi di formazione in materia di salute e sicurezza (artt. 19, lett. g; 37, comma7e7-bis) L abrogazione degli artt. 166, 171 e 179 d.lgs. 81/ CAPITOLO II I REATI DEI PROGETTISTI, FABBRICANTI, FORNITORI E INSTALLATORI di Paola Palladino 1. La responsabilità di progettisti, fabbricanti, fornitori ed installatori nel d.lgs. 81/2008 e nella normativa previgente Le contravvenzioni previste nell art. 57 d.lgs. 81/2008: profili generali Obblighi dei progettisti (art. 22; art. 57, comma 1) Obblighi di fabbricanti e fornitori (art. 23; art. 57, comma 2) Obblighi degli installatori (art. 24; art. 57, comma 3) CAPITOLO III GLI ILLECITI DEL MEDICO COMPETENTE di Valentina Magnini 1. Considerazioni introduttive: la ratio degli illeciti del medico competente I precetti sanzionati dall art. 58 d.lgs. 81/2008: un quadro di sintesi Il soggetto attivo: il medico competente Le attribuzioni del medico competente Le violazioni dei compiti professionali : omessa programmazione ed effettuazione della sorveglianza sanitaria Omessa tenuta e aggiornamento delle cartelle sanitarie Omissione delle visite nei luoghi di lavoro Le violazioni dei doveri collaborativi Le violazioni dei doveri informativi L effettuazione della sorveglianza sanitaria per accertare stati di gravidanza o negli altri casi vietati dalla legge: gli accertamenti medici privati sulle assenze per malattie o infortunio CAPITOLO IV GLI ILLECITI DEI LAVORATORI di Paola Palladino 1. La responsabilità dei lavoratori nel d.lgs. 81/2008 e nella normativa previgente Gli illeciti previsti nell art. 59 d.lgs. 81/2008: profili essenziali Obblighi dei lavoratori sanzionati penalmente: questioni generali Omesso rispetto di disposizioni ed istruzioni ai fini della protezione (art. 20, comma 2, lett. b; art. 59, lett. a) Omesso corretto utilizzo di attrezzature, sostanze pericolose, mezzi di trasporto, dispositivi di sicurezza (art. 20, comma 2, lett. c; art. 59, lett. a) Omesso idoneo utilizzo dei dispositivi di protezione (art. 20, comma 2, lett. d; art. 59, lett. a) Omessa segnalazione di carenze dei mezzi e dei dispositivi di cui all art. 20, lett. c e d, d.lgs. 81/2008, nonché di situazioni di pericolo ed omesso intervento (art. 20, comma 2, lett. e; art. 59, lett. a)

8 XIV Indice sommario 3.5. Rimozione o modifica non autorizzate di dispositivi di sicurezza, di segnalazione o di controllo (art. 20, comma 2, lett. f; art. 59, lett. a) Compimento di azioni o manovre di propria iniziativa (art. 20, comma 2, lett. g; art. 59, lett. a) Omessa partecipazione a programmi di formazione ed addestramento (art. 20, comma 2, lett. h; art. 59, lett. a) Violazione dell obbligo di sottoporsi a controlli sanitari (art. 20, comma 2, lett. i; art. 59, lett. a) Rifiuto ingiustificato delle designazioni in materia di prevenzione incendi e gestione delle emergenze (artt. 43, comma 3, primo periodo; 59, lett. a) Obbligo di identificazione dei lavoratori di imprese appaltatrici o subappaltatrici (art. 20, comma 3; art. 59, lett. b) CAPITOLO V GLI ILLECITI DEI COMPONENTI L IMPRESA FAMILIARE, DEI LAVORATORI AUTONOMI, DEI PICCOLI IMPRENDITORI E DEI SOCI DELLE SOCIETÀ SEMPLICI OPERANTI NEL SETTORE AGRICOLO di Alessandra Palma 1. I nuovi soggetti destinatari della normativa in materia sicurezza sul lavoro: i componenti l impresa familiare, i lavoratori autonomi, i piccoli imprenditori e i soci di società semplici operanti nel settore agricolo Violazione della normativa prevista dal Titolo III sulle attrezzature di lavoro (art. 21, comma 1, lett. a; art. 60, comma 1, lett. a) Adozione ed utilizzo di dispositivi di protezione individuale non conformi al Titolo III (art. 21, comma 1, lett. b; art. 60, comma 1, lett. a) Omessa dotazione del tesserino di riconoscimento (art. 21, comma 1, lett. c; art. 60, comma 1, lett. b) Omessa esibizione della tessera di riconoscimento da parte dei lavoratori autonomi (art. 20, comma 3; art. 60, comma 2) Modalità di estinzione degli illeciti amministrativi e penali Parte V LE SANZIONI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI CAPITOLO I IL TITOLO IV DEL D.LGS. 81/2008 SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO. PROFILI GENERALI di Sabrina Cherubini 1. La sicurezza dei cantieri temporanei o mobili nel diritto vivente anteriore al d.lgs. 494/ Le direttrici di riforma recepite dal d.lgs. 494/1996 e confluite nel Titolo IV del d.lgs. 81/ Il campo di applicazione del Titolo IV: la definizione di cantieri temporanei e mobili La delimitazione spaziale del cantiere La soglia dimensionale del cantiere

9 Indice sommario XV 6. Gli obblighi scaturenti dalla pluralità d imprese. La sussumibilità del lavoratore autonomo nella definizione di impresa CAPITOLO II GLI ILLECITI DEL COMMITTENTE O DEL RESPONSABILE DEI LAVORI di Sabrina Cherubini 1. La figura del committente quale cardine del sistema di sicurezza nei cantieri Il rapporto tra committente e responsabile dei lavori: natura giuridica, condizioni ed efficacia della nomina Il rapporto tra committente (o responsabile dei lavori) e coordinatori; fondamento, natura giuridica ed effetti Gli illeciti contemplati dall art. 157 d.lgs. 81/2008: profili generali Le contravvenzioni di omessa designazione dei coordinatori per la sicurezza L omessa designazione del coordinatore per la progettazione (artt. 90, comma 3; 157, comma 1, lett. a, d.lgs. 81/2008) L omessa designazione del coordinatore per l esecuzione (artt. 90, commi 4 e 5; 157, comma 1, lett. a, d.lgs. 81/2008) L omesso controllo dei coordinatori (artt. 93, comma 2; 157, comma 1, lett. b, d.lgs. 81/2008) La mancata verifica dell idoneità tecnico-professionale delle imprese e dei lavoratori autonomi (artt. 90, comma 9, lett. a; 157, comma 1, lett. b, d.lgs. 81/2008) L omessa verifica dell adeguata formazione e dell operato dell impresa affidataria (artt. 100, comma 6-bis; 157, comma 1, lett. b, d.lgs. 81/2008) Gli illeciti amministrativi. Modifiche alla normativa previgente CAPITOLO III I REATI DEI COORDINATORI PER LA SICUREZZA di Sabrina Cherubini 1. I coordinatori per la sicurezza in generale I compiti del coordinatore per la progettazione (CSP) L omessa redazione del piano di sicurezza e coordinamento L omessa predisposizione del fascicolo tecnico L omesso coordinamento dell applicazione delle disposizioni di cui all art. 90, comma 1, d.lgs. 81/ I compiti del coordinatore per l esecuzione (CSE) L omessa verifica dell applicazione delle disposizioni contenute nel PSC L omessa verifica dell idoneità del piano operativo di sicurezza, l omesso adeguamento del piano di sicurezza e coordinamento e del fascicolo e l omessa verifica dell adeguamento dei POS L omessa organizzazione della cooperazione, coordinamento e reciproca informazione tra i datori di lavoro L omessa verifica dell attuazione di quanto previsto dagli accordi per il coordinamento tra i RSPPL L omessa segnalazione delle inosservanze delle imprese e dei lavoratori autonomi

10 XVI Indice sommario 3.6. L omessa sospensione dei lavori La violazione del comma 2 dell art. 92 d.lgs. 81/2008: l omessa redazione del PSC e del fascicolo nell ipotesi di sopravvenuta compresenza di imprese CAPITOLO IV GLI ILLECITI DEL DATORE DI LAVORO E DEI DIRIGENTI di Iunio Valerio Romano 1. Cantieri temporanei o mobili: le fattispecie sanzionatorie a carico dei datori di lavoro e dei dirigenti Misure per la sicurezza nei cantieri temporanei o mobili: obblighi dei datori di lavoro e dei dirigenti (art. 96, comma 1, lett. g e art. 159, comma 1; art. 96, comma 1, lett. a, b, c, d, e ed f e art. 159, comma 2, lett. c) Obblighi del datore di lavoro dell impresa affidataria (art. 97, commi 1, 3 e 3-ter e art. 159, comma 2, lett. a e c) Piano di sicurezza e coordinamento (art. 100, comma 3, e art. 159, comma 2, lett. a; art. 100, comma 4, e art. 159, comma 2, lett. d) Obblighi di trasmissione (art. 101, commi2e3, eart. 159, comma 2, lett. d) Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro nelle costruzioni in quota: viabilità nei cantieri (art. 108 e art. 159, comma 2, lett. b) Idoneità delle opere provvisionali (art. 112 e art. 159, comma 2, lett. b) e lavori in prossimità di parti attive (art. 117 e art. 159, comma 2, lett. a) Scavi e fondazioni: lavori di splateamento e sbancamento (art. 118 e art. 159, comma 2, lett. a) Presenza di gas negli scavi (art. 121 e art. 159, comma 2, lett. a) Pozzi, scavi e cunicoli (art. 119 e art. 159, comma 2, lett. b) Ponteggi e impalcature in legname: parapetti, andatoie, passarelle e sottoponti (art. 126 e art. 159, comma 2, lett. a; art. 130 e art. 159, comma 2, lett. c; art. 128, comma 1, e art. 159, comma 2, lett. a) Ponteggi e opere provvisionali: montaggio e smontaggio delle opere provvisionali (artt. 122 e 123 e art. 159, comma 2, lett. a e b) Disposizione dei montanti (art. 125, commi 1, 2 e 3, e art. 159, comma 2, lett. b) Ponti a sbalzo (art. 127 e art. 159, comma 2, lett. b) Impalcature nelle costruzioni in conglomerato cementizio (art. 129, comma 1, e art. 159, comma 2, lett. b) Ponteggi fissi: montaggio e smontaggio nei lavori in quota (art. 136, commi 1,2,3,4,5e6,eart. 159, comma 2, lett. b) Manutenzione e revisione (art. 137 e art. 159, comma 2, lett. c) Autorizzazione alla costruzione ed all impiego (artt. 133, comma 3, e art. 159, comma 2, lett. c) Documentazione (art. 134 e art. 159, comma 2, lett. c) Marchio del fabbricante (art. 135 e art. 159, comma 2, lett. c) Norme particolari (art. 138 e art. 159, comma 2, lett. c)

11 Indice sommario XVII 3.5. Ponteggi movibili: ponti su cavalletti (art. 139 e art. 159, comma 2, lett. c) Ponti su ruote (art. 140 e art. 159, comma 2, lett. b e c) Costruzioni edilizie: disarmo delle armature provvisorie (art. 145 e art. 159, comma 2, lett. a e c) Lavori speciali (art. 148 e art. 159, comma 2, lett. a) Strutture speciali (art. 141 e art. 159, comma 2, lett. c) Costruzioni di archi, volte e simili (art. 142 e art. 159, comma 2, lett. c) Posa delle armature e delle centine (art. 143 e art. 159, comma 2, lett. c) Resistenza delle armature (art. 144 e art. 159, comma 2, lett. c) Difesa delle aperture (art. 146 e art. 159, comma 2, lett. c) Scale in muratura (art. 147 e art. 159, comma 2, lett. b e c) Paratoie e cassoni (art. 149 e art. 159, comma 2, lett. c) Demolizioni: ordine delle demolizioni (art. 151 e art. 159, comma 2, lett. b e c) Misure di sicurezza (art. 152 e art. 159, comma 2, lett. b) Sbarramento della zona di demolizione (art. 154 e art. 159, comma 2, lett. b) Rafforzamento delle strutture (art. 150 e art. 159, comma 2, lett. c) Convogliamento del materiale di demolizione (art. 153 e art. 159, comma 2, lett. c) Demolizione per rovesciamento (art. 155 e art. 159, comma 2, lett. c) Violazioni non altrimenti sanzionate CAPITOLO V I REATI DEI LAVORATORI AUTONOMI di Iunio Valerio Romano 1. Il lavoratore autonomo quale soggetto attivo di reato e relativi obblighi (art. 94 e art. 160, comma 1, lett. b) Piano di sicurezza e coordinamento (art. 100, comma 3, e art. 160, comma 1, lett. a) Deposito di materiali sulle impalcature (art. 124 e art. 160, comma 1, lett. c) Norme particolari (art. 138, commi3e4, eart. 160, comma 1, lett. c) Misure di sicurezza (art. 152, comma 2, e art. 160, comma 1, lett. c) Parte VI LE DISCIPLINE SPECIALI CAPITOLO I GLI ILLECITI SUI LUOGHI DI LAVORO INSALUBRI O PERICOLOSI di Cinzia Fuggetti 1. I luoghi di lavoro nel d.lgs. 81/2008 e nella normativa previgente Disposizioni generali sui luoghi di lavoro. Criticità e punti di forza

12 XVIII Indice sommario 2.1. Definizione di luogo di lavoro Requisiti di salute e sicurezza dei luoghi di lavoro Obblighi del datore di lavoro Locali sotterranei o semisotterranei Lavori in ambienti sospetti di inquinamento Notifiche all organo di vigilanza competente per territorio Le sanzioni CAPITOLO II GLI ILLECITI IN MATERIA DI ATTREZZATURE E DISPOSITIVI DI PROTEZIONE di Alessandra Palma 1. La disciplina delle attrezzature di lavoro nel d.lgs. 81/2008 e nella normativa previgente Gli illeciti contemplati dall art. 87 d.lgs. 81/2008: aspetti problematici comuni Scelta di attrezzature di lavoro prive dei requisiti minimi di sicurezza (art. 70, commi1e2;art. 87, comma 2, lett. a, comma 3, lett. a e comma 4 lett. d) Obblighi del datore di lavoro relativi all uso delle attrezzature di lavoro Violazione dell obbligo di mettere a disposizione del lavoratore attrezzature idonee rispetto alla tipologia di attività a cui sono destinate o all ambiente in cui sono inserite (art. 71, comma 1; art. 87, comma 2, lett. c) Omessa valutazione dei rischi nella scelta delle attrezzature di lavoro (art. 71, comma 2; art. 87, comma 2, lett. c) Omessa riduzione dei rischi connessi all utilizzo delle attrezzature (art. 71, comma 3; art. 87, comma 3, lett. b) Omessa adozione di misure necessarie alla installazione conforme alle istruzioni del fabbricante delle apparecchiature, alla idonea manutenzione ed all aggiornamento dei requisiti minimi di sicurezza, alla tenuta ed all aggiornamento del registro di controllo delle attrezzature (art. 71, comma 4; art. 87, comma 2, lett. c) Omessa adozione di misure idonee a garantire la sicurezza del posto di lavoro e della posizione dei lavoratori (art. 71, comma 6; art. 87, comma 4, lett. b) Omessa adozione di misure necessarie a garantire l utilizzo di apparecchiature con rischi specifici da parte di lavoratori qualificati (art. 71, comma 7; art. 87, comma 2, lett. c) Omessa esecuzione dei controlli periodici sulle attrezzature (art. 71, comma 8; art. 87, comma 2, lett. c) Omessa annotazione dei risultati dei controlli e omessa conservazione dei risultati degli ultimi tre anni (art. 71, comma 9; art. 87, comma 4, lett. b) Utilizzo di attrezzature prive di attestazione di controllo al di fuori della sede dell unità produttiva (art. 71, comma 10; art. 87, comma 4, lett. b) Omessa effettuazione di verifiche periodiche sulle attrezzature elencate all allegato VII (art. 71, comma 11; art. 87, comma 4, lett. b) Omessa dichiarazione di conformità delle attrezzature noleggiate o concesse in uso ed omessa acquisizione dell attestato di formazione dell operatore (art. 72 commi1e2;art. 87, comma 7)

13 Indice sommario XIX 6. I dispositivi di protezione individuale: il campo di applicazione del d.lgs. 81 del 2009 e la normativa previgente Violazione del principio della residualità nell adozione di dispositivi di protezione (art. 75; art. 87, comma 2, lett. d) Obblighi del datore di lavoro inerenti i DPI (art. 77) Violazione dei criteri di scelta dei DPI, adozione di DPI privi di marcatura CE o inadeguati (art. 77, comma 3; art. 87, comma 2, lett. d) Omessa o inadeguata manutenzione, riparazione o sostituzione dei DPI (art. 77, comma 4, lett. a; art. 87, comma 2, lett. d) Omessa adozione di misure necessarie a garantire che i DPI siano utilizzati soltanto per gli usi previsti e siano destinati ad un uso personale (art. 77, comma 4, lett. b e d; art. 87, comma 2, lett. d) Omessa formazione e informazione del lavoratore (art. 77, comma 4, lett. e, f ed h; art. 87, comma 3, lett. c) Violazione dell obbligo di fornire ai lavoratori informazioni comprensibili e di stabilire le procedure per la consegna e il deposito dei DPI al termine dell utilizzo (art. 77, comma 4, lett. c e g; art. 87, comma 4, lett. c) Violazione dell obbligo di addestramento del lavoratore per l uso di DPI di terza categoria (art. 77, comma 5; art. 87, comma 2, lett. d) Disposizioni in materia di impianti ed apparecchiature elettriche Omessa valutazione del rischio elettrico (art. 80, comma 1; art. 87, comma 1) Mancata adozione di misure adeguate ad eliminare o ridurre il rischio elettrico (art. 80, comma 3; art. 87, comma 3, lett. d) Esecuzione di lavori su apparecchiature sotto tensione o in assenza di sicurezza (art. 82, comma 1; art. 87, comma 2, lett. d) Esecuzione di lavori in prossimità di parti attive non protette (art. 83, comma 1; art. 87, comma 2, lett. d) Omessa adozione delle protezioni necessarie per impedire pericoli derivanti da esplosioni (art. 85, comma 1; art. 87, comma 2, lett. d), comma 2, lett. d) Omessa effettuazione di controlli su impianti elettrici ed impianti di protezione dai fulmini (art. 86, commi 1e3;art. 87, comma 4, lett. d) CAPITOLO III I REATI IN MATERIA DI SEGNALETICA di Laura Caldarelli 1. La disciplina relativa alla segnaletica di salute e sicurezza sul lavoro L apparato sanzionatorio a carico dei datori di lavoro e dei dirigenti: caratteri comuni alle singole ipotesi contravvenzionali La violazione dei doveri sanciti dall art. 163 d.lgs. 81/2008: l omesso utilizzo della segnaletica di sicurezza (Segue): la violazione di più disposizioni tecniche previste dagli allegati (Segue): la omessa adozione delle misure necessarie per la segnalazione di situazioni di rischio non considerate dal d.lgs. 81/ (Segue): l omesso ricorso alla segnaletica relativa al traffico stradale, ferroviario, fluviale, marittimo o aereo per disciplinare il traffico veicolare all interno dell impresa Omessa formazione dei lavoratori ed omessa informativa ai lavoratori Le sanzioni a carico dei preposti

14 XX Indice sommario CAPITOLO IV I REATI IN MATERIA DI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI di Elena Profiti 1. La nuova disciplina delle attività di movimentazione dei carichi (MMC) Le sanzioni a carico del datore di lavoro e del dirigente Il rischio di patologie da sovraccarico biomeccanico: il nuovo ambito applicativo Gli obblighi dei soggetti della sicurezza nel settore della MMC Violazione dell obbligo di evitare la MMC: artt. 170 lett. a e 168, comma 1, d.lgs. 81/ Violazione dell obbligo di ridurre il rischio connesso alla MMC: artt. 170 lett. a e 168, comma 2, d.lgs. 81/ Violazione dell obbligo di sorveglianza sanitaria: artt. 170 lett. a e 168, comma 2, lett. d, d.lgs. 81/ Violazione dell obbligo di informazione dei lavoratori: artt. 170 lett. b e 169, comma 1, lett. a, d.lgs. 81/ Violazione dell obbligo di formazione degli addetti alla MMC: artt. 170, lett. b e 169, comma 1, lett. b d.lgs. 81/ Le sanzioni a carico del preposto CAPITOLO V GLI ILLECITI IN MATERIA DI ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI di Alessandra Palma 1. La normativa in materia di attrezzature munite di videoterminali Gli illeciti a carico del datore di lavoro e del dirigente: questioni comuni alle fattispecie previste dall art Omessa adozione delle misure adeguate per evitare rischi per il lavoratore addetto ai videoterminali (art. 174, comma 2; art. 178, comma 1, lett. a) Omessa organizzazione dei posti di lavoro in conformità ai requisiti di cui all allegato XXXIV (art. 174, comma 3; art. 178, comma 1, lett. a) Violazione delle norme sullo svolgimento quotidiano del lavoro (art. 175, commi 1 e 3; art. 178, comma 1, lett. a) Violazione delle norme in materia di sorveglianza sanitaria (art. 176, commi 1, 3 e 5; art. 178, comma 1, lett. a) Omessa fornitura di dispositivi speciali di correzione visiva (art. 176, comma 6; art. 178, comma 1, lett. b) Inadempimento degli obblighi di informazione e formazione (art. 177; art. 178, comma 1, lett. b) CAPITOLO VI I REATI IN MATERIA DI AGENTI FISICI di Guido Casaroli 1. La disciplina di settore I precedenti legislativi Le sanzioni a carico del datore di lavoro e del dirigente nei casi di violazione delle disposizioni generali sugli agenti fisici (art. 219)

15 Indice sommario XXI 3.1. (Segue): la violazione delle previsioni in materia di valutazione dei rischi (art. 181, comma 2; art. 219, comma 1) (Segue): le infrazioni alle disposizioni miranti ad eliminare o ridurre i rischi (art. 182, comma 2; art. 219, comma 2, lett. a) (Segue): la violazione degli obblighi di informazione e formazione dei lavoratori (art. 184; art. 219, comma 2, lett. a) (Segue): le inadempienze connesse agli obblighi in materia di sorveglianza sanitaria (art. 185; art. 219, comma 2, lett. a) Gli illeciti della parte speciale Le violazioni delle disposizioni a tutela dei lavoratori contro i rischi di esposizione al rumore: le previsioni in materia di valutazione del rischio (art. 190, commi 1, 2, 3e5;art. 219, comma 1 e comma 2, lett. a) (Segue): la inosservanza delle norme sulle misure di prevenzione e protezione (art. 192, comma 2; art. 219, comma 2, lett. a) (Segue): la violazione delle previsioni in materia di dispositivi di protezione individuale (art. 193, comma 1; art. 219, comma 2, lett. a) (Segue): la inosservanza degli obblighi di informazione e formazione dei lavoratori (art. 195; art. 219, comma 2, lett. a). Rinvio (Segue): il mancato rispetto delle condizioni che consentono deroghe all uso dei DPI-u e all osservanza del valore limite di esposizione (art. 197, comma 3; art. 219, comma 2, lett. a) (Segue): presunte lacune di tutela Le infrazioni alle norme sulla protezione dei lavoratori dai rischi di esposizione a vibrazioni meccaniche (artt. 202, 203, 205, comma 4; art. 219, comma 2, lett. a) La violazione delle norme a protezione dei lavoratori dai rischi di esposizione a campi elettromagnetici (art. 209, commi1e5;art. 219, comma 1; artt. 209, commi 2 e 4, 210, comma 1; art. 219, comma 2, lett. a; art. 210, commi 2e3;art. 219, comma 2, lett. b) La inosservanza degli obblighi imposti per la protezione dei lavoratori dai rischi di esposizione a radiazioni ottiche artificiali (art. 216, comma 1; art. 219, comma 1; art. 217, comma 1; art. 219, comma 2, lett. a; art. 217, commi 2e3;art. 219, comma 2, lett. b) La disciplina in materia di agenti fisici che non sono oggetto di specifiche disposizioni nell ambito del Titolo VIII Il d.lgs. 106/2009 integrativo e correttivo del d.lgs. 81/ (Segue): correzione di errori materiali e modifiche contenutistiche (Segue): rivisitazione dell apparato sanzionatorio (Segue): aggiustamenti nei rinvii, nuove incriminazioni e proroghe dell entrata in vigore (art. 192, comma 3, primo periodo; art. 219, comma 2, lett. b; art. 196; art. 219, comma 2, lett. a; art. 216; art. 219, comma 1; art. 306, comma3) Gli illeciti del medico competente (artt. 185, 186; art. 220) CAPITOLO VII LE SANZIONI IN MATERIA DI SOSTANZE PERICOLOSE di Anna Lisa Maccari Parte I. Il titolo IX del decreto della sicurezza nei luoghi di lavoro Gli illeciti in materia di sostanze pericolose: note introduttive

16 XXII Indice sommario 2. La struttura dei reati, i soggetti attivi ed il trattamento sanzionatorio Parte II. La protezione da agenti chimici pericolosi Gli illeciti in materia di agenti chimici pericolosi: considerazioni introduttive Gli illeciti in materia di valutazione del rischio Gli illeciti in materia di misure specifiche di protezione e di prevenzione Gli illeciti in materia di disposizioni in caso di incidenti ed emergenze Gli illeciti in materia d informazione e formazione dei lavoratori Le violazioni in materia di divieti di lavorazione ed impiego di agenti chimici pericolosi, di cui all allegato XL Gli illeciti in materia di sorveglianza sanitaria e cartelle sanitarie di rischio Parte III. Le sanzioni in materia di protezione da agenti cancerogeni e mutageni Gli illeciti in materia di sostanze cancerogene e mutagene: profili generali L omessa sostituzione o riduzione degli agenti cancerogeni o mutageni Gli illeciti in materia di valutazione del rischio Gli illeciti in materia di misure tecniche, organizzative, procedurali Le violazioni in materia di misure tecniche Gli illeciti in materia d informazione e formazione Gli illeciti in materia di esposizione non prevedibile e le operazioni lavorative particolari Gli illeciti in materia di operazioni particolari Gli illeciti in materia di accertamenti sanitari e di misure preventive e protettive specifiche Gli illeciti in materia di registro di esposizione e cartelle sanitarie Parte IV. Le sanzioni in materia di esposizione all amianto La protezione dai rischi connessi all esposizione all amianto: profili generali L omessa ricerca dell amianto Le violazioni in materia di valutazione del rischio Gli illeciti in materia di notifica Le violazioni in materia di misure di prevenzione e protezione Gli illeciti in materia di misure igieniche Gli illeciti in materia di controllo dell esposizione Gli illeciti in materia di valore limite Gli illeciti in materia di operazioni lavorative particolari Gli illeciti in materia di lavori di demolizione o rimozione dell amianto Gli illeciti in materia d informazione dei lavoratori Gli illeciti in materia di formazione dei lavoratori Gli illeciti in materia di sorveglianza sanitaria Gli illeciti in materia di registro di esposizione e cartelle sanitarie e di rischio CAPITOLO VIII GLI ILLECITI IN MATERIA DI ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI di Filippo Bellagamba 1. La disciplina in materia di protezione dall esposizione ad agenti biologici nel d.lgs. 81/2008 e nel d.lgs. 626/ Gli illeciti contravvenzionali previsti dall art. 282 d.lgs. 81/2008: profili problematici comuni

17 Indice sommario XXIII 3. L obbligo di comunicazione e la necessità dell autorizzazione (artt. 269, commi 1, 2 e 3; art. 270, commi 1e4;art. 282, lett. a e b) La valutazione del rischio (art. 271, commi 1, 3e5; art. 282, comma 1; art. 271, comma 2; art. 282, comma 2, lett. a) Le misure tecniche, organizzative, procedurali ed igieniche (artt. 272 e 273, comma 1; art. 282, comma 2, lett. a) Le misure specifiche dettate a seconda del luogo di svolgimento dell attività o del tipo di processo seguito nell uso di agenti biologici Le misure specifiche per strutture sanitarie e veterinarie (art. 274, commi 2 e 3; art. 282, comma 2, lett. a) Le misure specifiche per i laboratori e gli stabulari (art. 275; art. 282, comma 2, lett. a) Le misure specifiche per i processi industriali (art. 276; art. 282, comma 2, lett. a) Le misure di emergenza (art. 277, comma 2; art. 282, comma 2, lett. b) Gli obblighi di informazione e formazione (art. 278; art. 282, comma 2, lett. a) La sorveglianza sanitaria: prevenzione e controllo e registro degli esposti e degli eventi accidentali (art. 279, commi 1e2; art. 280, commi 1e2; art. 282, comma 2, lett. a) Mancata osservanza di prescrizioni connesse alla sorveglianza sanitaria (art. 280, commi3e4;art. 282, comma 2, lett. c) La riunificazione in un unica ipotesi contravvenzionale della responsabilità concorsuale dei preposti (art. 271, comma 2; art. 272; art. 274, commi 2 e 3; art. 275; artt. 276 e 278, commi 1e3;art. 283) L obbligo di informazione del datore di lavoro sull esistenza di anomalie imputabili all esposizione dei lavoratori ad un medesimo agente biologico (art. 279, comma 3; art. 284) Le due ipotesi contravvenzionali a carico dei lavoratori (art. 277, commi 1e3; art. 285, lett. a e b) Il divieto di assunzione di cibi o bevande, di fumo e di far uso di pipette o di applicazione di cosmetici nelle aree a rischio (art. 273, comma 2; art. 286) CAPITOLO IX I REATI IN MATERIA DI ATMOSFERE ESPLOSIVE di Francesco Bencivenga 1. Considerazioni introduttive La definizione di atmosfera esplosiva La prevenzione della formazione di atmosfere esplosive come regola cautelare non specificamente sanzionata Tecnica normativa degli illeciti contravvenzionali di cui all art. 297 d.lgs. 81/ Le fattispecie contravvenzionali originate dalla clausola sanzionatoria di cui all art Violazione dell obbligo di valutare i rischi di esplosione (art. 290) Violazione dell obbligo di evitare le accensioni ed attenuare gli effetti pregiudizievoli (art. 289 comma 2) Violazione dell obbligo di strutturare gli ambienti di lavoro in sicurezza e predisporre il controllo con mezzi tecnici adeguati (art. 291) Violazione dell obbligo di coordinare le misure contro le esplosioni e di predisporre apposito documento (art. 292 comma 2)

18 XXIV Indice sommario 5.5. Violazione dell obbligo di ripartire le aree esplosive in zone (art. 293 comma1) Violazione dell obbligo di assicurare le prescrizioni minime di protezione (art. 293 comma 2) Violazione dell obbligo di redigere ed aggiornare il documento sulla protezione contro le esplosioni (art. 294) Violazione dell obbligo di informare e formare i lavoratori (art. 294-bis) Violazione dell obbligo di verifica delle installazioni elettriche (art. 296). 930 Parte VII IL REGIME SANZIONATORIO CAPITOLO I REGIME SANZIONATORIO E CAUSE DI ESTINZIONE DEGLI ILLECITI SULLA SICUREZZA DEL LAVORO di Dario Guidi 1. Cenni generali L operatività del principio di specialità tra le fattispecie sanzionatorie del d.lgs. 81/ L ampliamento del raggio applicativo della c.d. oblazione condizionata ad opera dell art. 301 d.lgs. 81/ L estinzione agevolata delle contravvenzioni in materia di sicurezza e igiene del lavoro Organi di vigilanza e prescrizione Le fasi salienti della procedura di cui agli artt. 20 e ss. del d.lgs. 758/ L adempimento con modalità diverse da quelle prescritte e la regolarizzazione spontanea della violazione La nuova ipotesi di estinzione agevolata degli illeciti amministrativi a seguito di regolarizzazione (art. 301-bis) Le modifiche al meccanismo di sostituzione delle pene detentive brevi Il potere di disposizione degli organi di vigilanza Le ragioni dell abrogazione dell art

SCHEMA SANZIONATORIO CONNESSO AL DLgs 81/08

SCHEMA SANZIONATORIO CONNESSO AL DLgs 81/08 SCHEMA SANZIONATORIO CONNESSO AL DLgs 81/08 TITOLO I PRINCIPI COMUNI Art. 55 1. E punito con l arresto da tre a sei mesi o con l ammenda da 2.500 a 6.400 euro il datore di lavoro: a) per la violazione

Dettagli

Dettaglio provvedimento Dipartimento Protezione Civile

Dettaglio provvedimento Dipartimento Protezione Civile Pagina 1 di 14 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro In questa pagina è disponibile l'indice degli articoli

Dettagli

La legislazione specifica in materia di salute e sicurezza nei cantieri temporanei o mobili e nei lavori in quota

La legislazione specifica in materia di salute e sicurezza nei cantieri temporanei o mobili e nei lavori in quota Quadro normativo di riferimento sulla legislazione specifica sui cantieri: DPR 547-55 55 DPR 164-56 D.Lgs. 494-96 96 D.Lgs. 528-99 D.Lgs. 81-08 Il DPR 547-55 55 È il primo provvedimento legislativo in

Dettagli

Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale. della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro

Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale. della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro Una premessa TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro È in vigore dal 15 maggio 2008, il nuovo Testo

Dettagli

DLGS 81: TUTTE LE SANZIONI MODIFICATE DAL CORRETTIVO DLGS 106

DLGS 81: TUTTE LE SANZIONI MODIFICATE DAL CORRETTIVO DLGS 106 DLGS 81: TUTTE LE SANZIONI MODIFICATE DAL CORRETTIVO DLGS 106 L analisi delle modifiche apportate dal decreto legislativo 106/2009 al testo unico sicurezza lavoro (dlgs 81/2008) dimostra come i principali

Dettagli

TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08

TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08 TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08 Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro Una premessa È in vigore dal 15

Dettagli

Orientarsi nelle nuove indicazioni: come leggere il DLgs 9 aprile 2008, n. 81

Orientarsi nelle nuove indicazioni: come leggere il DLgs 9 aprile 2008, n. 81 Caroli/La Nuova Sicurezza 26-05-2008 16:18 Pagina 3 DOSSIER SICUREZZA Tutela della salute Sicurezza nei luoghi di lavoro Applicazione delle nuove regole Massimo Caroli* Orientarsi nelle nuove indicazioni:

Dettagli

PROGRAMMA. UNITÀ DIDATTICA 1 Il sistema normativo: esame delle normative di riferimento. MODULO I: Normative di riferimento

PROGRAMMA. UNITÀ DIDATTICA 1 Il sistema normativo: esame delle normative di riferimento. MODULO I: Normative di riferimento Formazione obbligatoria per i Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) negli ambienti di lavoro di ufficio Art. 37 D.Lgs n 81/08 e successive modifiche di cui al D.Lgs. 106/09 della durata

Dettagli

Datore di lavoro e il dirigente

Datore di lavoro e il dirigente Datore di lavoro e il dirigente Mancata effettuazione della Valutazione dei rischi (VDR) e adozione del documento in collaborazione con l RSPP e il MC Mancata nomina del RSPP (anche se svolto direttamente)

Dettagli

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Da tenere in cantiere ai sensi del D. Lgs. 81/08 1. Documentazione Generale 01 02 Cartello informativo di cantiere Notifica Preliminare

Dettagli

IL DL D.Lgs. 9 aprile 2008 81/2008 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro (G.U. n. 101 del 30 aprile 2008)

Dettagli

GESTIONE DEGLI APPALTI. Copyright Diritti riservati

GESTIONE DEGLI APPALTI. Copyright Diritti riservati GESTIONE DEGLI APPALTI Copyright Diritti riservati GESTIONE DEGLI APPALTI RIF. D. LGS. 81/08 s.m.i. Articolo 26 - Obblighi connessi ai contratti d appalto o d opera o di somministrazione Titolo IV Cantieri

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Testo Unico. Il sistema sanzionatorio del D.Lgs. 81/08. Le sanzioni previste dal nuovo D.Lgs. 81/08 sono:

Testo Unico. Il sistema sanzionatorio del D.Lgs. 81/08. Le sanzioni previste dal nuovo D.Lgs. 81/08 sono: Testo Unico Salute e sicurezza sul lavoro Dr. Biagio Calò NORMATIVA SULL IGIENE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Le nuove disposizioni penali introdotte dal D.Lgs. 81/08 12 Giugno 2008 Direttore SPRESAL

Dettagli

IL QUADRO GENERALE DI RIFERIMENTO

IL QUADRO GENERALE DI RIFERIMENTO INDICE SOMMARIO Premessa... V CAPITOLO 1 IL QUADRO GENERALE DI RIFERIMENTO 1 L evoluzione normativa in materia di salute e sicurezza sul lavoro antecedente al 2008... 1 2 Il quadro comunitario e la sua

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

COORDINATORI PER LA PROGETTAZIONE E PER L ESECUZIONE DEI LAVORI

COORDINATORI PER LA PROGETTAZIONE E PER L ESECUZIONE DEI LAVORI Divisione Formazione Corso di formazione per COORDINATORI PER LA PROGETTAZIONE E PER L ESECUZIONE DEI LAVORI (120 ore) ai sensi del D.Lgs 81/08, art.98 Gennaio febbraio 2011 1 giornata 9.00 12.30 La legislazione

Dettagli

INDICE PRESENTAZIONE... PREMESSA...

INDICE PRESENTAZIONE... PREMESSA... INDICE PRESENTAZIONE... PREMESSA... XIII XV GLOSSARIO... 1 ADDETTO Servizio Prevenzione e Protezione... 3 ADEMPIMENTO... 6 ADDESTRAMENTO... 8 AGENTI:... 9 Biologici... 9 Chimici... 9 Fisici... 10 Cancerogeni

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER L AGGIORNAMENTO DEL COORDINATORE PER LA PROGETTAZIONE E L ESECUZIONE NEI CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI

CORSO DI FORMAZIONE PER L AGGIORNAMENTO DEL COORDINATORE PER LA PROGETTAZIONE E L ESECUZIONE NEI CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI CORSO DI FORMAZIONE PER L AGGIORNAMENTO DEL COORDINATORE PER LA PROGETTAZIONE E L ESECUZIONE NEI CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI D. lgs. 81/2008 (Testo Unico Salute e Sicurezza sui Luoghi di Lavoro) Erogabile

Dettagli

6. La delega di funzioni nella normativa cantieri... 102

6. La delega di funzioni nella normativa cantieri... 102 SOMMARIO CAPITOLO 1 IL QUADRO GENERALE DI RIFERIMENTO 1. L evoluzione normativa in materia di salute e sicurezza antecedente al 2008... 1 2. Il quadro comunitario e la sua attuazione nell ordinamento giuridico

Dettagli

LE NUOVE SANZIONI. D. Lgs. 81/08 coordinato con il D. Lgs. 106/09

LE NUOVE SANZIONI. D. Lgs. 81/08 coordinato con il D. Lgs. 106/09 LE NUOVE SANZIONI D. Lgs. 81/08 coordinato con il D. Lgs. 106/09 Obblighi e sanzioni per i Datori di Lavoro Art. 17 Obblighi del Datore di Lavoro non delegabili Datore di Lavoro a) la valutazione di tutti

Dettagli

D.L.vo 81/08 Novità STRUTTURA AMBITO OGGETTIVO DI APPLICAZIONE AMBITO SOGGETTIVO DI APPLICAZIONE. Il TU: 13 Titoli e 306 articoli

D.L.vo 81/08 Novità STRUTTURA AMBITO OGGETTIVO DI APPLICAZIONE AMBITO SOGGETTIVO DI APPLICAZIONE. Il TU: 13 Titoli e 306 articoli D.L.vo 81/08 Novità ARGOMENTI NOVITA Il TU: 13 Titoli e 306 articoli Titolo I diviso in 4 Capi Capo I Disposizioni generali Capo II definisce il Sistema Istituzionale della Tutela e Sicurezza Capo III

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Direzione Regionale del Lavoro di

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Direzione Regionale del Lavoro di Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Direzione Regionale del Lavoro di Vigilanza "10.000 Cantieri" PERIODO DAL AL RIEPILOGO VIOLAZIONI IN MATERIA DI SICUREZZA D.P.R..04.55, n. 54 4 8 10 18 1

Dettagli

INFORMAZIONE E FORMAZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO

INFORMAZIONE E FORMAZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO DECRETO LEGISLATIVO n. 81 del 9 aprile 2008 UNICO TESTO NORMATIVO in materia di salute e sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori INFORMAZIONE E FORMAZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO Relatore: Dott. Ing.

Dettagli

Il nuovo quadro normativo in materia di Appalti, Cantieri e DUVRI

Il nuovo quadro normativo in materia di Appalti, Cantieri e DUVRI Il nuovo quadro normativo in materia di Appalti, Cantieri e DUVRI Alessandra Pellegrini Direzione Tecnico Scientifica 14 Ottobre 2009 T.U. SALUTE E SICUREZZA (D.LGS. 81/2008): prime analisi e commenti

Dettagli

DELLA SICUREZZA SUL LAVORO

DELLA SICUREZZA SUL LAVORO Master Specialistico MASTER in DIRITTO DELLA SICUREZZA SUL LAVORO Analisi teorico pratica della normativa, della giurisprudenza italiana ed estera e dei principi e delle regole della scienza dell amministrazione

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO: LE NOVITA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE

SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO: LE NOVITA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO: LE NOVITA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE ASSOCIAZIONE INDUSTRIALI DELLA PROVINCIA DI VICENZA 5 DICEMBRE 2013 Il d.lgs. 81/2008, come modificato dal D.lgs. 106/2009,

Dettagli

Dlgs N 81 del 9 aprile 2008

Dlgs N 81 del 9 aprile 2008 Dlgs N 81 del 9 aprile 2008 Definizioni -Datore di Lavoro: il titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore. Ha la responsabilità dell organizzazione o dell unità produttiva in quanto esercita i poteri

Dettagli

TESTO UNICO SICUREZZA LAVORO

TESTO UNICO SICUREZZA LAVORO TESTO UNICO SICUREZZA LAVORO Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro

Dettagli

L EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA SULLA SALUTE E SICUREZZA DEL LAVORO

L EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA SULLA SALUTE E SICUREZZA DEL LAVORO CORSO RESPONSABILI DEI SERVIZI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e dell Accordo tra Stato e Regioni 26 gennaio 2006 L EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA SULLA SALUTE E SICUREZZA DEL LAVORO

Dettagli

TABELLA TEMPI E NORME DI RIFERIMENTO Documentazione Designazione del Responsabile del servizio di prevenzione e protezione (RSPP) Attestato di formazione per svolgere la funzione di RSPP Documento di valutazione

Dettagli

ORIGINE DEI DATI DESCRIZIONE DEI DATI

ORIGINE DEI DATI DESCRIZIONE DEI DATI Abstract I Servizi o Unità operative Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti Lavoro (PSAL) e le Unità Operative Impiantistiche Antinfortunistiche (UOIA), operanti nel Dipartimento di Sanità Pubblica delle

Dettagli

FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O

FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O Documenti concernenti gli obblighi a carico del Datore di Lavoro Nomine e attestati di formazione

Dettagli

Il nuovo codice della sicurezza nei cantieri

Il nuovo codice della sicurezza nei cantieri Il nuovo codice della sicurezza nei cantieri Indice della modulistica presente nel CD-Rom SICUREZZA 1. Documento di valutazione dei rischi Come calcolare il rischio Valutazione del rischio/figure professionali

Dettagli

Sommario FONTI GIURIDICHE SULLA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO. di Rolando Dubini, Anna Guardavilla, Norberto Canciani e Graziano Frigeri PREMESSA...

Sommario FONTI GIURIDICHE SULLA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO. di Rolando Dubini, Anna Guardavilla, Norberto Canciani e Graziano Frigeri PREMESSA... Sommario SOMMARIO FONTI GIURIDICHE SULLA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO di Rolando Dubini, Anna Guardavilla, Norberto Canciani e Graziano Frigeri PREMESSA...3 INDICE...7 1. LA GERARCHIA DELLE FONTI...11

Dettagli

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Cosa deve fare il Dirigente Scolastico (misure generali di tutela, art 15) Individuare

Dettagli

La responsabilità degli incaricati nel sistema di sicurezza di sicurezza della scuola

La responsabilità degli incaricati nel sistema di sicurezza di sicurezza della scuola La responsabilità degli incaricati nel sistema di sicurezza di sicurezza della scuola Avv. Hilaria Piraccini Progetto Sto bene a scuola 2 Istituto comprensivo Beinasco-Gramsci 11 dicembre 2013 Indice degli

Dettagli

Quadro normativo e organizzazione della sicurezza D.LGS. 81/08

Quadro normativo e organizzazione della sicurezza D.LGS. 81/08 Quadro normativo e organizzazione della sicurezza D.LGS. 81/08 rev. 15/10/08 Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Perché Sicurezza e Igiene del Lavoro? Tutela della salute dei lavoratori La salute,

Dettagli

DOCUMENTI DI CANTIERE RIFERIMENTI LEGISLATIVI CONTENUTI

DOCUMENTI DI CANTIERE RIFERIMENTI LEGISLATIVI CONTENUTI DOCUMENTI DI CANTIERE RIFERIMENTI LEGISLATIVI CONTENUTI Corso di aggiornamento per coordinatori in fase di progettazione ed esecuzione dei lavori 06/03/2013 Dott. Lucio QUATTROCCHI D.Lgs. 9 aprile 2008,

Dettagli

Michele Lepore PRONTUARIO. delle AUTORIZZAZIONI, VERIFICHE, CERTIFICAZIONI e dei CONTROLLI DI SICUREZZA

Michele Lepore PRONTUARIO. delle AUTORIZZAZIONI, VERIFICHE, CERTIFICAZIONI e dei CONTROLLI DI SICUREZZA Michele Lepore PRONTUARIO delle AUTORIZZAZIONI, VERIFICHE, CERTIFICAZIONI e dei CONTROLLI DI SICUREZZA Guida agli adempimenti tecnico-amministrativi di prevenzione infortuni, igiene del lavoro e prevenzione

Dettagli

D. LGS. 81/08 testo unico sulla sicurezza

D. LGS. 81/08 testo unico sulla sicurezza Campagna straordinaria di formazione per la diffusione della cultura della salute e della sicurezza rivolto al mondo dell impresa. Cantieri di sicurezza 52/1/3/277/2010 D. LGS. 81/08 testo unico sulla

Dettagli

TITOLO I - PRINCIPI COMUNI

TITOLO I - PRINCIPI COMUNI ! TITOLO I - PRINCIPI COMUNI Capo I Disposizioni generali 15 Art. 1. Finalità 15 Art. 2. Definizioni 15 Art. 3. Campo di applicazione 17 Art. 4. Computo dei lavoratori 19 Capo II Sistema istituzionale

Dettagli

La Delega di funzioni (Art. 16)

La Delega di funzioni (Art. 16) La Delega di funzioni (Art. 16) Delega di di funzioni - (Art. 16) 1. La delega di funzioni da parte del datore di lavoro, ove non espressamente esclusa, é ammessa con i seguenti limiti e condizioni: a)

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE: L'AGGIORNAMENTO DEL COORDINATORE PER LA PROGETTAZIONE E L'ESECUZIONE NEI CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI

CORSO DI FORMAZIONE: L'AGGIORNAMENTO DEL COORDINATORE PER LA PROGETTAZIONE E L'ESECUZIONE NEI CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI CORSO DI FORMAZIONE: L'AGGIORNAMENTO DEL COORDINATORE PER LA PROGETTAZIONE E L'ESECUZIONE NEI CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI D. LGS. 81/2008 (TESTO UNICO SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO) INIZIO DEL

Dettagli

CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE

CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE Giovedì 13.12.2012 Mercoledì 19.12.2012 Giovedì 10.01.2013 Giovedì 17.01.2013 venerdì 15.02.2013 Corso: ore14.00 18.00 Verifica degli apprendimenti:

Dettagli

Il quadro sanzionatorio per il datore di lavoro per violazione delle norme. salute dei lavoratori

Il quadro sanzionatorio per il datore di lavoro per violazione delle norme. salute dei lavoratori Il quadro sanzionatorio per il datore di lavoro per violazione delle norme in materia di sicurezza e tutela della salute dei lavoratori Bastia Umbra, 21 maggio 2012 dr. Armando Mattioli Art. 15. (Misure

Dettagli

Seminario regionale La sicurezza nei cantieri forestali

Seminario regionale La sicurezza nei cantieri forestali Seminario regionale La sicurezza nei cantieri forestali 14 giugno 2012 - Fenestrelle (TO) ASL CN2 Alba-Bra Servizio di Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro (S.Pre Pre.S.A.L.) TITOLO IV D.L.gs 81/08

Dettagli

MODULO II: 1959 90 TITOLO CATEGORIA

MODULO II: 1959 90 TITOLO CATEGORIA Formazione obbligatoria dei datori di lavoro che svolgono il ruolo di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP) negli ambienti di lavoro di ufficio. Art. 34 D.Lgs n 81/08 e successive

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

Impariamo a diventare bravi in SICUREZZA

Impariamo a diventare bravi in SICUREZZA SICUREZZA DEI LAVORATORI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO La presente sezione viene curata dai soci Rossella Del Regno, Chiarina Iuliano, e Gennaro Russo. Agli stessi potranno essere inviati osservazioni, quesiti

Dettagli

Produzione edilizia e sicurezza a.a. 2009-2010. Lo schema. TITOLO II Luoghi di lavoro

Produzione edilizia e sicurezza a.a. 2009-2010. Lo schema. TITOLO II Luoghi di lavoro Scienza dell Architettura e dell Ingegneria Edile TITOLO IV D.LGS. 81/08 POS Produzione edilizia e sicurezza a.a. 2009-2010 Lo schema TITOLO I CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI CAPO II SISTEMA ISTITUZIONALE

Dettagli

Safety Services s.r.l.

Safety Services s.r.l. Safety Services s.r.l. Consulenza per la Gestione della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Sistemi Qualità, Ambiente, Igiene degli Alimenti, Privacy Corsi di Formazione Aziendale Sede Legale: Via Petrarca

Dettagli

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008 Formazione del personale Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro LEGISLAZIONE SICUREZZA E IGIENE LAVORO C.C. 1942 art. 2087 Tutela delle condizioni di lavoro. L'imprenditore è tenuto ad adottare nell'esercizio

Dettagli

Datore di lavoro D.Lgs. 81/2008

Datore di lavoro D.Lgs. 81/2008 FORMAZIONE OBBLIGHI SANZIONI Datore di lavoro D.Lgs. 81/2008 Mancata informazione ai lavoratori 1.315,20 a 5.699,20 Mancata formazione ai lavoratori, ai dirigenti (RSPP) e preposti, ai lavoratori addetti

Dettagli

RSPP DATORE DI LAVORO

RSPP DATORE DI LAVORO RSPP DATORE DI LAVORO RSPP RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Il corso si propone la finalità di fornire ai Datori di Lavoro le conoscenze necessarie per poter svolgere direttamente

Dettagli

DUVRI. Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze

DUVRI. Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze DUVRI Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze Legge 3 agosto 2007, n. 123 : Misure in tema di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro e delega al Governo per il riassetto e la

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 (GU n. 101 del 30-4-2008 - Suppl. Ordinario n.108) Tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro

DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 (GU n. 101 del 30-4-2008 - Suppl. Ordinario n.108) Tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro VERS. 1.1 - Testo aggiornato alla Legge 6 agosto 2008, n. 133 (G.U. del 21 agosto 2008, n. 195) DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 (GU n. 101 del 30-4-2008 - Suppl. Ordinario n.108) Tutela della

Dettagli

D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 coordinato con il Decreto legislativo n. 106/2009

D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 coordinato con il Decreto legislativo n. 106/2009 D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 coordinato con il Decreto legislativo n. 106/2009 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO www.puntosicuro.it aggiornato al testo del decreto-legge 30 dicembre 2009,

Dettagli

Lezione 6: modulo giuridico (Allegato XIV, D.Lgs 81/08)

Lezione 6: modulo giuridico (Allegato XIV, D.Lgs 81/08) PROGRAMMA DEI CORSO RIVOLTO AI COORDINATORI PER LA SICUREZZA IN FASE PROGETTAZIONE E DI ESECUZIONE (DURATA 120 ORE) CONFORME ALL ALLEGATO XIV DEL D.LGS 81/08 Lezione 1: modulo giuridico (Allegato XIV,

Dettagli

I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità

I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità Perché e come implementare un SGSL nei luoghi di lavoro Seminario del 10 marzo 2010 1 COMPITI DEL D.d.L. E DEL DIRIGENTE (art.18,

Dettagli

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili COMITATO PARITETICO TERRITORIALE DI TORINO E PROVINCIA la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili MODELLI PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI, PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA E

Dettagli

L APPARATO SANZIONATORIO DEL D.LGS.81/08 DOPO LE MODIFICHE APPORTATE DAL D.LGS.106/09

L APPARATO SANZIONATORIO DEL D.LGS.81/08 DOPO LE MODIFICHE APPORTATE DAL D.LGS.106/09 L APPARATO SANZIONATORIO DEL D.LGS.81/08 DOPO LE MODIFICHE APPORTATE DAL D.LGS.106/09 0. PREMESSA A livello generale, il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Disposizioni integrative e correttive

Dettagli

Le principali novità introdotte dal d.lgs. 106/2009 in materia di salute e sicurezza sul lavoro

Le principali novità introdotte dal d.lgs. 106/2009 in materia di salute e sicurezza sul lavoro Le principali novità introdotte dal d.lgs. 106/2009 in materia di salute e sicurezza sul lavoro Avv. Daniele Tanoni Confindustria Pesaro Urbino Pesaro, 30 settembre 2009 Il d.lgs. 3 agosto 2009 n. 106

Dettagli

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2 CORSO di formazione per lavoratori ai sensi dell art. 37 del D.Lgs 81/08 e Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 Relatore: : Dott. Lazzaro Palumbo Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione Durata

Dettagli

Corso di formazione per Coordinatore per la progettazione e per l esecuzione dei lavori (Sicurezza cantieri)

Corso di formazione per Coordinatore per la progettazione e per l esecuzione dei lavori (Sicurezza cantieri) Coordinatore per la progettazione e per l esecuzione dei lavori (Sicurezza cantieri) Studio di Consulenza e Formazione Consulting Professional Napoli - Corso Arnaldo Lucci 102 Cell. 393.943.81.57 è partner

Dettagli

Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica,

Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica, Decreto Legislativo 231/2001 Decreto Legislativo 8 giugno 2001 n. 231 Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità

Dettagli

CAPO II NORME PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO NELLE COSTRUZIONI E NEI LAVORI IN QUOTA

CAPO II NORME PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO NELLE COSTRUZIONI E NEI LAVORI IN QUOTA TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI DLGS 81/200 08 CAPO I MISURE PER LA SALUTE E SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI CAPO II NORME PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO NELLE COSTRUZIONI

Dettagli

CORSO RSPP RISCHIO ALTO

CORSO RSPP RISCHIO ALTO CORSO RSPP RISCHIO ALTO Obiettivi Destinatari Formazione per lo svolgimento da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dei rischi ai sensi dell art.34, comma 2 e 3, del decreto

Dettagli

IL SISTEMA SANZIONATORIO

IL SISTEMA SANZIONATORIO IL SISTEMA SANZIONATORIO - Tipologie delle sanzioni - Soggetti cui si applicano - Sospensione dell attività imprenditoriale - Iter per i diversi reati -Verbali di sopralluogo, di contravvenzione e prescrizione

Dettagli

PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA. Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden

PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA. Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden SOGGETTI COINVOLTI DATORE DI LAVORO DIRIGENTI PREPOSTI R.S.P.P. Medico Competente LAVORATORI R.L.S. Obblighi

Dettagli

quanto soggetto titolare del che ha la responsabilità dell impresa o dell unità produttiva con poteri È necessario che il RLS abbia chiaro chi sono i

quanto soggetto titolare del che ha la responsabilità dell impresa o dell unità produttiva con poteri È necessario che il RLS abbia chiaro chi sono i CONOSCERE E PREVENIRE per lavorare SENZA pericoli Modulo Formativo per RLS I SOGGETTI della PREVENZIONE e le RELAZIONI ultimo aggiornamento - ottobre 2008 Chi sono i SOGGETTI della prevenzione in azienda?

Dettagli

PROGRAMMA MODULI ARGOMENTI DURATA ORE RESIDUE MODULO

PROGRAMMA MODULI ARGOMENTI DURATA ORE RESIDUE MODULO CORSO PER COORDINATORI PER LA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE E IN FASE DI ESECUZIONE DEI LAVORI (D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Allegato XIV) 120 ore Obbiettivi del corso: Il corso ha lo scopo di formare

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell'art. 1 della Legge 03/08/2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. (pubblicato nella G.U. n 101 del

Dettagli

D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 coordinato con il Decreto legislativo n. 106/2009

D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 coordinato con il Decreto legislativo n. 106/2009 D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 coordinato con il Decreto legislativo n. 106/2009 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO www.puntosicuro.it Aggiornato agli accordi del 21 dicembre 2011 in sede di

Dettagli

D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SOMMARIO TITOLO I PRINCIPI COMUNI...11 CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI...11 Articolo 1 - Finalità...11 Articolo 2 - Definizioni...11

Dettagli

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SCHEDE DI APPROFONDIMENTO IL 1 Servizio di Prevenzione e Protezione (art. 31) Che cos

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

PROGRAMMA CORSO PROGRAMMA CORSO

PROGRAMMA CORSO PROGRAMMA CORSO COD.: CO0 SALERNO MARZO 2007 ANNO FORMATIVO 2007 PROGRAMMA PER COORDINATORE DELLA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE E PER COORDINATORE PER L ESECUZIONE DEI LAVORI AI SENSI D. LGS. 494/96 Codice Corso:

Dettagli

SICUREZZA NEI CANTIERI ILLUSTRATA

SICUREZZA NEI CANTIERI ILLUSTRATA Manuel De Rossi, Giuseppe Semeraro SICUREZZA NEI CANTIERI ILLUSTRATA La legislazione di tutela della salute e sicurezza nei cantieri e nei lavori in quota disegnata Sommario Premessa 9 D.Lgs. 81/2008 e

Dettagli

Sicurezza: Corsi Rspp, Corsi Aspp, Corsi Primo Soccorso,...

Sicurezza: Corsi Rspp, Corsi Aspp, Corsi Primo Soccorso,... Sicurezza: Corsi Rspp, Corsi Aspp, Corsi Primo Soccorso,... Testo Unico sulla Sicurezza Decreto Legislativo 81/2008 OBBLIGHI FORMATIVI La prima e forse la più importante delle novità è che il decreto si

Dettagli

Reati e illeciti amministrativi nel T.U. Sicurezza Modifiche del D.Lgs. n. 106/2009 - Parte I

Reati e illeciti amministrativi nel T.U. Sicurezza Modifiche del D.Lgs. n. 106/2009 - Parte I Reati e illeciti amministrativi nel T.U. Sicurezza Modifiche del - Parte I Pierluigi Rausei - Direttore della Direzione provinciale del lavoro di Macerata Docente di Diritto sanzionatorio del lavoro nell

Dettagli

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008 Formazione del personale Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro DATORE DI LAVORO Soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore, responsabile della organizzazione o dell unità produttiva in

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE

DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE Pagina 1 di 9 DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE La documentazione di cantiere si può suddividere in: documentazione indispensabile da conservare in cantiere, documentazione che è opportuno conservare in cantiere,

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI

VALUTAZIONE DEI RISCHI Dipartimento di Prevenzione Azienda USL3 di Pistoia Il TESTO UNICO SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (Dlgs 81/2008) Ing. Massimo Selmi Pistoia, 24.03.2010 VALUTAZIONE DEI RISCHI Data Certa Valutazione

Dettagli

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica Obblighi e responsabilità derivanti dal D.Lgs. 81/08 Perché investire in sicurezza cos è la sicurezza? a cosa serve? Tutti soldi e tempo buttati?

Dettagli

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica Obblighi e responsabilità derivanti dal D.Lgs. 81/08 La sicurezza nell ambito dell attività Paolo Troncana infermieristica Attività di R.S.P.P. e

Dettagli

COME STA IL TUO CANTIERE?

COME STA IL TUO CANTIERE? Vademecum per l impresa e il cantiere 15x21 30-04-2010 10:56 maggio 2010 Pagina 1 COME STA IL TUO CANTIERE? UNA VISITA TECNICA DEL CTP PUÒ EVITARTI COMPLICAZIONI PRENOTALA ADESSO METTI IN REGOLA IL TUO

Dettagli

Associazione Artigiani Piccole e Medie Imprese di Trieste. Ufficio Ambiente e sicurezza

Associazione Artigiani Piccole e Medie Imprese di Trieste. Ufficio Ambiente e sicurezza Associazione Artigiani Piccole e Medie Imprese di Trieste Ufficio Ambiente e sicurezza PROMEMORIA NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DELLE IMPRESE DI CANTIERE 1. DOCUMENTAZIONE GENERALE (a cura dell impresa

Dettagli

VADEMECUM DELLE VIOLAZIONI E SANZIONI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

VADEMECUM DELLE VIOLAZIONI E SANZIONI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO VADEMECUM DELLE VIOLAZIONI E SANZIONI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO D. LGS. n.81/2008 e D. LGS. n.106/2009 con importi rideterminati dal 01.07.2013 ai sensi dell art.306, comma 4 bis, del T.U. 81/2008

Dettagli

ELENCO NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DA TENERE NEL CANTIERE EDILE

ELENCO NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DA TENERE NEL CANTIERE EDILE ELENCO NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DA TENERE NEL CANTIERE EDILE DOCUMENTAZIONE INERENTE LA PIANIFICAZIONE IN SICUREZZA DELL ATTIVITÀ DI CANTIERE PSC - Piano di sicurezza e coordinamento Art. 100

Dettagli

1955 DPR 547/55. DPR 547/55 Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro. Sommario

1955 DPR 547/55. DPR 547/55 Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro. Sommario Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole La principale normativa 1.1 app CORSO DI FORMAZIONE RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA EX D.Lgs. 81/08 1955 DPR 547/55 DPR 547/55

Dettagli

D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81

D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI QUADRO GENERALE e CAPO I DIVO PIOLI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Attuazione art. 1 L. 123/2007 D.Lgs. 81/08

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) NEL TESTO UNICO SULLA SICUREZZA ADEMPIMENTI E RESPONSABILITA isp. arch. Valeria

Dettagli

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE IL DATORE DI LAVORO OBBLIGHI FONDAMENTALI DEL DATORE DI LAVORO: effettuare la valutazione dei rischi, redigere

Dettagli

PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO . Pag 1/8 PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA PALLOTTA S.P.A. EMESSO APPROVATO REVISIONE DATA FUNZIONE FIRMA FUNZIONE FIRMA CdA CdA . Pag 2/8 1 INDIVIDUAZIONE DELLA AREE A RISCHIO NELL AMBITO DELLA

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI D.V.R. Capitolo 3 D.V.R. Capitolo 3 Programma per il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI CAPITOLO 3 Programma per il miglioramento nel tempo dei livelli

Dettagli

Sommario. Premessa... pag. XV

Sommario. Premessa... pag. XV Premessa... pag. XV A Abbigliamento e indumenti protettivi...» 1 Acqua...» 9 Addestramento (v. anche Informazione, formazione e addestramento dei lavoratori)...» 13 Agenti biologici...» 16 Agenti cancerogeni...»

Dettagli

25 ottobre 2013. LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO: il ruolo del medico competente

25 ottobre 2013. LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO: il ruolo del medico competente LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO: il ruolo del medico competente 25 ottobre 2013 Dall obbligo normativo alla promozione della salute negli ambienti di lavoro Relatore: dr.ssa Roberta

Dettagli

D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i. aggiornato con decreto attuativo del Jobs act D.Lgs. 151/2015

D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i. aggiornato con decreto attuativo del Jobs act D.Lgs. 151/2015 a cura di Andrea Pais altri titoli TESTO UNICO PER LA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i. aggiornato con decreto attuativo del Jobs act D.Lgs. 151/2015 Contiene

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. COMMITTENTE Il soggetto per conto del quale l'intera opera viene realizzata

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. COMMITTENTE Il soggetto per conto del quale l'intera opera viene realizzata CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI CAPO 1 Articolo 89 - DEFINIZIONI COMMITTENTE Il soggetto per conto del quale l'intera opera viene realizzata RESPONSABILE DEI LAVORI soggetto che può essere incaricato dal

Dettagli