Progettare un unità di apprendimento di lingua straniera (francese)

Advertisement


Advertisement
Documenti analoghi
RACCORDO TRA LE COMPETENZE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SOVIZZO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO DI FRANCESE

PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO. Classe/i: 1) Disciplina:FRANCESE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE a.s. 2015/2016 ARESTI VALERIA SPAGNOLO. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s.

IL CURRICOLO DI SCUOLA LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima

CONOSCENZE ABILITÀ CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione in lingua straniera

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CAVAION CURRICOLO PER LA SCUOLA PRIMARIA LINGUA INGLESE

Progettazione consapevole: riconoscere ed analizzare i propri e gli altrui bisogni

INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUINTA

Curricolo di LINGUA INGLESE

Unité d apprentissage 1

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria

Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione)

ISTITUTO TECNICO STATALE MARCONI CAGLIARI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DISCIPLINA: LINGUA INGLESE CLASSE: I S

Obiettivi di apprendimento ASCOLTO (COMPRENSIONE ORALE)

ISTITUTO COMPRENSIVO DI EDOLO CURRICOLO DI LINGUA INGLESE - SCUOLA PRIMARIA - CLASSE PRIMA. Conoscere alcuni vocaboli in inglese di uso comune.

LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI

LINGUA INGLESE AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA. ASCOLTO (comprensione orale)

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER L INSEGNAMENTO DELLA LINGUA E CIVILTA INGLESE - I BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Istituto Compr. di Legnaro e Polverara Scuola Primaria Curricolo di LINGUA INGLESE. Obiettivi di apprendimento disciplinari

Istituto Comprensivo San Vito Scuola Primaria PROGETTAZIONE ANNUALE LINGUA INGLESE CLASSI V A - B

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA

Obiettivi formativi Competenze europee Da Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione (2012)

LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO L. INGLESE (Lab. alunni) Move on Trinity 2 RELAZIONE FINALE

ISTITUTO COMPRENSIVO n BOLOGNA *** *** *** PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE Anno Scolastico 2015/16

INGLESE CLASSE PRIMA

CURRICOLO CLASSI I II III IV - V SCUOLE PRIMARIE IC PORTO MANTOVANO

SITUAZIONE DI PARTENZA

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione)

UNITÀ DI APPRENDIMENTO ABILITA

Progetto per l insegnamento della lingua inglese. Motivazione e Organizzazione del progetto. Motivazione

Imparare ad imparare Comunicazione nella lingua straniera Spirito d'iniziativa Competenze sociali e civiche Consapevolezza ed espressione culturale

Programmazione di Francese Classe I B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016

IL CURRICOLO PER IL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE SCUOLA PRIMARIA E

Ricezione scritta (lettura)

Elsworth/Rose,ADVANTAGE 1,Longman. -Jordan/Fiocchi,Grammar Files,Trinità Whitebridge

Direzione Didattica di Budrio Istituto Comprensivo di Budrio CURRICOLI VERTICALI ITALIANO. Anno Scolastico

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI INGLESE. TRAGUARDI DELLE COMPETENZE AL TERMINE della CLASSE I

Curricolo Inglese Circolo Didattico Sassari

DISCIPLINA LINGUA INGLESE CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA. relative ai testi in uso o alle varie attività proposte.

Traguardi per lo sviluppo delle competenze

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: TECNICO TURISTICO

Asse linguistico Propedeutico al 1 livello 1 periodo

AREA DISCIPLINARE: LINGUA FRANCESE PROGRAMMAZIONE CLASSI PRIME, SECONDE E TERZE A.S / 2014

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: B 2 ALBERGHIERO

NUCLEO FONDANTE CONOSCENZE ABILITA' COMPETENZE

Piano di formazione per l insegnamento in Inglese nella scuola primaria

Programmazione di Classe Prima

Competenza chiave europea di riferimento Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio 18/12/2006 Indicazioni Nazionali per il Curricolo 2012

INGLESE SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE IL GIRASOLE DI SAN MARTINO IN BELISETO. English is fun

PROGETTAZIONE ANNUALE. A. S. 200_/0_ Classe sez.

Programmazione annuale Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura)

LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti

Contratto Formativo Individuale

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE LINGUA INGLESE

Istituto comprensivo Arbe Zara Viale Zara,96 Milano Tel. 02/

Contenuti - temi - attività didattiche CLASSE PRIMA

INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA

COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

LINGUA INGLESE PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE I - anno scol. 2015/2016

Istituto scolastico Lucca PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA per competenze INGLESE

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

LINGUA INGLESE (I traguardi sono riconducibili al Livello A1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue del Consiglio d Europa)

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

In questo primo anno di scuola media il metodo adottato sarà il più vario possibile. Sarà data molta importanza all aspetto orale per abituare gli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: INGLESE CLASSE PRIMA

CURRICOLO DISCIPLINARE AREA LINGUISTICA L2:

SCHEDA INFORMAZIONI DELLO STUDENTE

Scuola Primaria - LINGUA INGLESE

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, SOCIALI e della GRAFICA PUBBLICITARIA EUROPA POMIGLIANO D ARCO

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: LINGUA INGLESE - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

Quadro comune europeo di riferimento per le lingue. Apprendimento, insegnamento, valutazione

CURRICOLO VERTICALE INGLESE Scuola primaria

Il testo narrativo autobiografico Io com ero, come sono, come sarò

I.C. CLEMENTE REBORA STRESA CURRICOLO VERTICALE DI INGLESE

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA PER LA LINGUA INGLESE

Istituto Comprensivo E. Fermi - Romano di Lombardia (BG) Scuola Secondaria di primo grado PIANO DI LAVORO DI LINGUA FRANCESE

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

FRANCESE. Ricezione orale (ascolto) Comprendere istruzioni, espressioni e frasi di uso quotidiano. Comprendere il senso generale di un una storia.

Istituto Scolastico Comprensivo di Petritoli. Scuola Secondaria di 1 grado. Curricolo annuale A. S

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 CURRICOLO DI INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 o QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI PRIME

Vitamines 3 -- Programmazione per il terzo anno della scuola secondaria di primo grado

ISTITUTO COMPRENSIVO LUCCA2. Progettazione curricolare della lingua inglese

PROGETTO ACCOGLIENZA

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO D I P A R T I M E N T O D I L I N G U E S T R A N I E R E

Programmazione preventiva Italiano

INDICATORI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO classe prima

PROGETTO INTERCULTURA ANNO SCOLASTICO 2010/2011

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento

Advertisement
Transcript:

Progettare un unità di apprendimento di lingua straniera (francese) Progettare un unità di apprendimento - insegnamento di lingua straniera, significa, individuato un bisogno di apprendimento, per una particolare classe di alunni, definire degli obiettivi (formativi, linguistici, comunicativi, di saper apprendere e di saper essere) da raggiungere attraverso l esecuzione di un compito di apprendimento adatto e significativo per loro, che preveda una sequenza di attività da eseguire individualmente e in gruppo. Vanno inoltre descritti i metodi e le soluzioni organizzative che si intendono applicare e vanno definiti gli strumenti e i criteri di verifica e di valutazione delle conoscenze, delle abilità e delle competenze. Individuazione di un interesse, di un bisogno degli alunni. Pensiamo ad una classe di prima media, che ha iniziato a studiare da alcune settimane la lingua francese. Gli alunni sanno già salutare, presentarsi semplicemente, contare fino al venti ecc., dimostrano il desiderio di comunicare, di dialogare tra di loro e di conoscere la Francia e i francesi. Proviamo ora ad individuare delle connessioni tra questi bisogni di apprendimento e il PECUP (Profilo educativo culturale e professionale dello studente) e il POF (Piano dell offerta formativa) della scuola nella quale operiamo. Per esempio: Riferimenti al PECUP: Identità (conoscenza di sé) e relazione con gli altri ( l alunno apprende ad interagire con compagni, coetanei e adulti). Riferimenti al POF: (ogni scuola ha la sua dicitura) Questa istituzione scolastica favorisce situazioni formative di interazione volte all instaurarsi di relazioni positive, improntate alla solidarietà, al rispetto, alla tolleranza e alla pace. Formulazione del compito di apprendimento. Compito da valutare in situazione Riprendendo l esempio precedente: - Gli alunni simulano l incontro con i loro corrispondenti francesi che saranno loro ospiti in primavera in occasione di uno scambio culturale. In coppie, drammatizzano situazioni di incontro, di presentazione, di scambio di informazioni personali (identità, famiglia, amici) e descrizioni di persone.

Formulazione degli obiettivi. L insegnante definisce gli obiettivi formativi e linguistico-comunicativi che articolano l apprendimento individuato, e gli obiettivi di saper apprendere e di saper essere che riguardano la capacità di imparare (per esempio): a. obiettivi formativi: - Sviluppare lo spirito di collaborazione e di partecipazione alle attività di classe. - Stabilire relazioni positive con compagni e insegnanti utilizzando correttamente semplici espressioni per richiedere informazioni sull identità, per descrivere e per presentare e presentarsi. b. obiettivi comunicativi: Saper fare (comunicativi) - presentarsi e parlare di sé; - descrivere e presentare altre persone; - chiedere e dire l età, la nazionalità, la residenza ; - esprimere il possesso; - parlare della propria famiglia. c. Obiettivi linguistici: Saperi linguistici: - aree lessicali: le nazionalità, la famiglia, le professioni, la descrizione fisica, il carattere; - la forma interrogativa (quel, comment, où, d où); - femminile e maschile; - verbi: habiter, être, avoir, aller, s appeler (persone singolari); - aggettivi possessivi; d. Obiettivi relativi al saper apprendere: - essere capaci di discriminare e produrre suoni e schemi prosodici non famigliari; - prestare attenzione alle informazioni presentate; - utilizzare strategie di compensazione; - essere capaci di correggersi; - pianificare il proprio testo (orale e scritto); e. Obiettivi di saper essere: - acquisire fiducia nei propri mezzi e autostima; - acquisire consapevolezza circa il proprio apprendimento, i propri punti deboli e i propri punti forti;

Formulazione degli standard di riferimento Per la formulazione degli standard di riferimento, ci si può ispirare ai descrittori di competenza del Quadro Europeo di Riferimento delle lingue livello A1. Riguardo alla situazione presa in esame, si potrebbero individuare tre descrittori di livello relativamente alle competenze di comprensione e di produzione orale. a. L alunno comprende quando gli chiedono il nome ed altre informazioni sulla sua identità. Risponde con pronuncia e intonazione corrette ed è in grado di porre le stesse domande facendosi comprendere. È in grado di parlare di sé e della propria famiglia correttamente e con fluidità verbale. b. L alunno comprende domande sulla sua identità (nome e altre informazioni), solo se pronunciate lentamente e chiaramente articolate. Risponde, e pone a sua volta domande con pronuncia e intonazione parzialmente corrette e frasi incomplete. Parla di sé e della sua famiglia con frasi semplici e isolate, e pronuncia e intonazione parzialmente corrette. c. L alunno comprende domande sulla sua identità, solo se ripetute più di una volta, lentamente e chiaramente articolate. Risponde e pone domande con parole-frasi. La mediazione didattica È la fase attiva e più importante del percorso di apprendimento, nella quale l insegnante mette in atto la sua professionalità e la sua autonomia nel trovare e nell applicare le soluzioni metodologiche e didattiche più adatte e più efficaci per la realizzazione dell apprendimento: a. metodi: approccio comunicativo e nozionale-funzionale. Ricorso ad una metodologia interattiva, che mette gli alunni in situazione di comunicazione e in grado di utilizzare concretamente i concetti linguistici insegnati, anche facendo ricorso a linguaggi non verbali e ad attività artistico espressive e tecnico-pratiche. Ruolo del docente facilitatore di apprendimento. Lezione partecipata e non frontale. b. totale ore: c. soluzioni organizzative del gruppo classe: attività individuali, lavoro di gruppo, lavoro in coppia. d. Attività: Comprensione orale di registrazioni di dialoghi semplici; risposte orali a domande orali o scritte; espressione orale di dati personali; lettura ad alta voce di dialoghi; associazione di domande a risposte; riutilizzo in modo semi guidato o autonomo di elementi lessicali e morfosintattici; memorizzazione e drammatizzazione di dialoghi; completamento di dialoghi; comprensione di schede descrittive di persone; descrizione orale e scritta di foto o immagini di persone. e. verifica di atti di parola e di contenuti linguistici: l insegnante può verificarne l acquisizione anche durante lo svolgimento delle attività didattiche, oppure può ricorrere a strumenti di verifica quali: drammatizzazioni di dialoghi in coppia, verbalizzazioni, test di ascolto ecc. Valutazione delle competenze personali maturate Questa fase, proposta alla fine del percorso, ha lo scopo di rendere manifeste le competenze maturate, le conoscenze apprese e gli obiettivi formativi raggiunti, nella realizzazione di un compito in situazione. Esempio: Gli alunni fingono di ricevere i loro corrispondenti francesi: organizzano il loro benvenuto: i ragazzi interagiscono, drammatizzano situazioni in cui si presentano, si scambiano informazioni personali, descrivono famigliari e amici, dimostrando di ricordare le nozioni linguistiche e di saperle riutilizzare in modo personale. Un espansione di questo compito potrebbe essere la realizzazione dell album delle fotografie degli alunni della classe accompagnate dalla loro scheda di identità.

Modalità di valutazione delle competenze La valutazione delle competenze e delle conoscenze riutilizzate nella realizzazione del compito, è svolta dall insegnante attraverso osservazioni di tipo: - narrativo (relazione e formulazione di giudizi); - con griglie riguardo alla competenza pragmatica e strategica (pianificazione, compensazione, controllo, correzione), alla capacità di comunicare (coerenza, precisione, completezza del contenuto; adeguatezza degli atti di parola); alla competenza linguistica (fonetica e prosodia, fluidità; morfosintassi; lessico). Alla fine del compito, ogni alunno: - rifletterà sul lavoro da lui svolto, compilando un carnet de bord sul quale annoterà le sue impressioni su: come ha lavorato, cosa ha trovato facile, cosa ha trovato difficile, come ha superato le difficoltà; - effettuerà un test di autovalutazione del grado di assimilazione delle conoscenze e di acquisizione delle competenze (per esempio: lo so o lo so fare: bene; abbastanza bene; non molto bene; per niente). Documentazione degli esiti a. Portfolio delle competenze personali: è la raccolta dei lavori, dei prodotti personali più significativi riguardo al lavoro svolto dagli alunni: Questi prodotti possono essere la loro carta d identità con foto, il disegno del loro albero genealogico, la descrizione con disegno di un loro compagno. Potrebbe anche esserci il prodotto finale del gruppo classe, per esempio il video delle drammatizzazioni degli alunni o l album delle fotografie della classe. b. Riflessioni del docente riguardo a: - andamento dell unità; - metodologia utilizzata; - modifiche procedurali; - aggiustamenti didattici