ALFABETO DEL CITTADINO. Libera Lombardia

Advertisement


Advertisement
Documenti analoghi
PROGETTO LEGALITÁ - Io, cittadino nel Mondo

Percorsi di Educazione alla legalità per la scuola primaria e la scuola secondaria di primo e secondo grado

ASS.INMEDIA ONLUS. Anno scolastico 2013/2014. Proponente:

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO TINOZZI-PASCOLI PESCARA

VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO

7 CIRCOLO DIDATTICO - MODENA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CAPACCIO PAESTUM

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa

Progetto di plesso Scuola primaria di Lama Anno scolastico 2014/2015

CARTA della promozione della

Il Consiglio comunale dei ragazzi.

PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO

PRESENTAZIONE. IL PRESIDENTE Alessandra Fucillo. Carissimi Amici,

CITTÀ DI IMOLA MEDAGLIA D ORO AL VALORE MILITARE PER ATTIVITA PARTIGIANA

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN

Visite in comune. Comune di Olgiate Molgora. Progetto

Finalità del percorso scolastico

C I T T A DIN I. ( Percorsi educativi per una città vivibile)

PROGETTO L EUROPA PER I PICCOLI

Istituto Comprensivo Statale F. Surico Scuola Primaria anno scolastico 2009/2010 Programmazione Cittadinanza e Costituzione

A più voci contro la dispersione scolastica

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA,PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO DI DELIA. ANNO SCOLASTICO 2008/2009.

ASSOCIAZIONE ANTIRACKET E ANTIUSURA UGO ALFINO CONFCOMMERCIO CATANIA

LA CULTURA DEI DIRITTI UMANI PER UNA SOCIETÀ POSSIBILE

RICICLABILANDIA PREMESSA

2. CAMPO DI APPLICAZIONE

La Memoria genera Speranza

Piccolo Atlante della corruzione

Progetto di cittadinanza attiva

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA

Prot. 35/2015/Segr. Padova, 12 maggio Ai Dirigenti Scolastici delle scuole secondarie di secondo grado del Veneto

Ordine Assistenti Sociali Basilicata. Azienda Sanitaria. Locale di Potenza

LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s.

Guida la vita. Il Senso della Vita e la Sicurezza Stradale

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale

Orientamento scolastico e partnership dei genitori

PROGETTI SCUOLA PRIMARIA

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

PROGETTO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA

via Regina Elena, Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/ Fax 0733/ IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Convivenza civile e cittadinanza attiva e consapevole

Che cosa può rendere felice la società? Quale lavoro può migliorare la società? Guida per l insegnante

LA SCUOLA DELL INFANZIA E LA SCUOLA DELL ACCOGLIENZA, DELLA RELAZIONE, DELLA CURA

U A : La competizione sportiva

1 Circolo Didattico di Sondrio - Commissione per l handicap Progetto A piccoli passi

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

UNITÀ DI APPRENDIMENTO A SCUOLA DI REGOLE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA

ACCORDO DI PROGRAMMA PROVINCIALE PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA E FORMATIVA DEI BAMBINI E ALUNNI DISABILI (in breve Accordo di programma)

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Alla ricerca dei diritti perduti

Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra. "Ma qual è la pietra che sostiene il ponte?" - chiede Kublai Kan. "Il ponte non è sostenuto da

2/3 - Cantieri di Cittadinanza: educare alla legalità e costruire partecipazione

Prot. N. 3156/B33 Crema, 24 Novembre 2014

PROTOCOLLO CONTINUITA

Il Consiglio Comunale dei Ragazzi/e di Cordenons

PROTOCOLLO CONTINUITÀ SCUOLA PRIMARIA - SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO E SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale CITTADINANZA E COSTITUZIONE

MODALITÀ ISCRIZIONE ON LINE

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona

educazione alla legalità

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL. CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE

IMPARIAMO A CONOSCERCI

Capitolo 5 Qual è il "mandato" della scuola?

PROGETTO BIBLIOTECA sulle Pari Opportunità

PROGETTO ACCOGLIENZA

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO E. DE AMICIS DI ANZOLA DELL'EMILIA. PROGETTO ACCOGLIENZA scuola secondaria

ANNO SCOLASTICO Via DeGasperi Pavia

OGGETTO: INSERIMENTO NEL P.O.F. DELLE PROPOSTE EDUCATIVE TELETHON.

AOODRLA/REGISTRO UFFICIALE. Prot USCITA Roma,09 ottobre Ai Dirigenti delle istituzioni scolastiche della Regione LAZIO

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo

Concorso di idee #La Mia scuola sicura# Progetto: Promozione della cultura della sicurezza

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

responsabile e solidale

Il progetto Legalità "Meno strada... più Scuola"

PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016. Bisogni. Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione

ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA VIA PUGLIE, 4 ROMA. VALUTAZIONE e QUALITA'

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

EDUCAZIONE ALLA LEGALITA. Introduzione

Scuola Secondaria I grado VITTORIA COLONNA a.s 2014/2015 PROGETTO ACCOGLIENZA PERCORSO DI ACCOGLIENZA CLASSI PRIME

Orario p.m. Tot. ore settimanali Scuola dell Infanzia Dal LUN. al VEN. 40h. Primaria Rodari Dal LUN. al VEN.

Questo concorso frutto della collaborazione fra il Centro studi "Paolo Borsellino" e la Direzione generale per lo Studente, l Integrazione, la

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO

La Carta di Montecatini

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Scientifico Linguistico Statale Paolo Giovio - Como

CONCORSO GIORNALISTICO PER LE SCUOLE GIUSEPPE FAVA

Incontri per genitori di alunni diversamente abili

ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento

CONCORSO PERCHÉ NO. promosso da: CENTRO DI SOLIDARIETÁ DI GENOVA DESTINATO ALLE SCUOLE SECONDARIE DI I E II GRADO DELLA PROVINCIA DI GENOVA

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI

CITTA DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA

PROGRAMMA SEGNALI 3 BANDO DI RECLUTAMENTO TUTOR INTERNO IL DIRIGENTE SCOLASTICO

Scuola dell Infanzia Progetti e Laboratori a.s. 2015/16

Advertisement
Transcript:

ALFABETO DEL CITTADINO Libera Lombardia

PREMESSA Il tema della legalità e quello dell impegno che la scuola deve assumere per la costruzione di relazioni consapevoli tra cittadini e tra questi e le istituzioni sono al centro del dibattito sul ruolo più generale della formazione della persona, come premessa culturale indispensabile per radicare nella coscienza dei giovani i valori di democrazia, di libertà, di solidarietà, di giustizia. Con un progetto generale di Educazione alla legalità, la nostra Associazione intende collaborare con la scuola per conseguire l obbiettivo di far acquisire stili di vita, valori e sentimenti improntati al civismo, di far percepire la differenza tra solidarietà attiva e comportamenti guidati dall individualismo, tra capacità di conservare indipendenza di giudizio e conformismo. Altro importante obbiettivo è fornire gli strumenti per la conoscenza delle Istituzioni, locali e centrali, e la coscienza dei propri diritti e doveri. Per la scuola primaria, considerato che ogni parola in uso nel nostro linguaggio ha un preciso significato, bisogna lavorare sul significato di parole chiave relative all argomento da trattare, affinché i bimbi siano in grado di progettare, attraverso le parole stesse, un disegno diverso del loro futuro. Si parte quindi dall Alfabeto del Cittadino, una guida illustrata, fornita da Libera, che contiene parole, disegni e filastrocche ispirate dal tema della convivenza civile democratica, della legalità, dei diritti e dei doveri, composto da 21 schede (una per ogni lettera dell alfabeto), che presentano una delle possibili serie di parole chiave (A come amico, B come banda, C come coraggio ). Ogni scheda riporta sul fronte una illustrazione a tutta pagina e sul retro una filastrocca. Obbiettivi generali Conoscere ed implementare nella quotidianità i principi della Carta Costituzionale; Praticare una autentica formazione civica, nell esercizio consapevole dei diritti di cittadinanza, anche attraverso l impegno personale a migliorare la qualità della vita all interno dell ambiente scolastico e della comunità locale; Favorire il dialogo, la collaborazione e l interazione tra le varie componenti della scuola: alunni, genitori, docenti, capo d istituto, personale ausiliario e le agenzie educative e formative presenti sul territorio.

Obbiettivi formativi - Distinguere comportamenti corretti da quelli scorretti; - Comprendere che in una società civile l organizzazione della vita personale e sociale si fonda sul rispetto reciproco, sulla solidarietà e sulla partecipazione; - Riconoscere le influenze ambientali negative che incidono sui comportamenti; - Riflettere sul ruolo di ognuno all interno della società; - Elaborare strategie di contrasto a comportamenti scorretti; - Conoscere le tappe significative attraverso cui si è snodata la conquista dei diritti; - Costruire percorsi di cittadinanza attiva. Modalità d intervento 1. Distribuzione del materiale di supporto alla realizzazione del progetto ai docenti, illustrando il percorso progettuale e condividendo le fasi di lavoro da organizzare; 2. Lettura didattica dell Alfabeto del cittadino, riflessione sui temi delle regole e del rispetto degli altri; 3. Elaborazione da parte di ogni bambino o di ogni gruppo classe del proprio alfabeto del cittadino, da realizzare con nuovi disegni e testi. Fasi di lavoro: Analisi delle lettere dell alfabeto e associazione da parte di ogni bimbo di una parola che abbia tali lettere come iniziali; Con le parole suggerite dagli alunni, ideare filastrocche, da imparare ed eventualmente musicare; Lavorare sulle nuove parole con l ausilio di facilitatori che affianchino i piccoli (educatori, pedagogisti); Realizzare un opuscolo o manifesto che raccolga gli elaborati dei bambini. RISULTATI ATTESI Suscitare attenzione sul rispetto degli altri e delle regole, cominciando dai bambini più piccoli; promuovere azioni di educazione alla legalità, e di recupero di situazioni problematiche.

PROFESSIONALITA SPECIFICHE COINVOLTE Insegnanti, pedagogisti, grafici, segreteria Legge 285/97- Comune di Pavia-, relatori, funzionario di servizio per interventi educativi scolastici ed extrascolastici- Comune di Pavia. DESCRIZIONE SINTETICA Il progetto, realizzato nell ambito delle attività finanziate dalla legge 285/ 97, in partenariato con il Comune di Pavia, ed in collaborazione con Libera Lombardia- Associazioni, nomi e numeri contro le mafie-, è nato dalla volontà di Arci Pavia di diffondere la conoscenza delle istituzioni, in particolare di quelle locali, e dei principi del vivere civile. Hanno aderito a vari livelli del progetto le Direzioni didattiche del I, III e IV Circolo della città, e gli istituti secondari di primo grado Angelini, Casorati e Leonardo da Vinci. Il primo momento, dopo un incontro per presentare il progetto a coloro che avevano dato la loro adesione ed illustrare le modalità dell intervento, è stata la formazione degli insegnanti sui temi dei diritti civili e della cittadinanza, realizzata da Tommaso Vitale dell Università Bocconi di Milano, Giuseppe Deiana, docente di Storia al Liceo Parini di Milano, Jole Garuti, attuale Referente Nazionale del Gruppo Libera Formazione, Associazione Libera, Associazioni nomi e numeri contro le mafie. La formazione è consistita in momenti di scambio esperienziale tra insegnanti e docenti intervenuti, alla ricerca di un valido registro comunicativo per trasmettere agli alunni i contenuti del progetto; sempre con il metodo del confronto si sono discussi i termini dell alfabeto proposti, e le modalità dell intervento nel corso delle attività curricolari. Ogni insegnante delle elementari ha poi autonomamente sviluppato in classe il proprio percorso, sui concetti di legalità e socialità, giocando con le lettere dell alfabeto, avvalendosi dell Alfabeto del cittadino come traccia. A tutte le classi delle elementari è stata offerta inoltre l opportunità di compiere visite guidate alla Questura, alla Provincia, al Comune, e di incontrare in classe rappresentanti dell Arma dei Carabinieri, sul tema: Legge e regola, parole sorelle che vanno a braccetto con i bambini. Nelle scuole secondarie, invece, il percorso si è focalizzato sui diritti e doveri dei cittadini e sulla conoscenza delle Istituzioni presenti sul territorio. Alcuni insegnanti hanno somministrato un questionario, per valutare come le stesse fossero percepite e quanto fossero conosciute; inoltre sono stati distribuiti, per analisi e riflessione, lo Statuto del Comune di Pavia, la

Dichiarazione dei diritti dell uomo, la Dichiarazione dei diritti dei bambini, la Convenzione dei diritti del fanciullo, lo Statuto delle studentesse e degli studenti. Momento Finale Il 26 maggio, insieme a Jole Garuti e ai maestri delle elementari del III Circolo che avevano lavorato sull Alfabeto del cittadino, abbiamo fatto un incontro per presentare e condividere i risultati del lavoro svolto, ed abbiamo concordato un momento conclusivo con gli alunni. Il sei giugno 2006, in Municipio, sono stati esposti i cartelloni con l illustrazione dell alfabeto fatto dai ragazzi; le classi, accompagnate dagli insegnanti, dopo aver esaminati gli elaborati e riflettuto sul loro contenuto, si sono recati in Sala Consiliare per ascoltare commenti e valutazioni sul loro percorso e sul loro lavoro. Nella mostra spiccavano per originalità i lavori della I elementare di Montebolone, ma da tutti gli elaborati traspariva l interesse e l impegno con cui i temi erano stati trattati e recepiti. Come atto finale, l assessore ha fatto stampare un fascicoletto, intitolato: L ABC del cittadino, con l alfabeto realizzato dai ragazzi; lo stesso, consegnato da Jole Garuti agli alunni che avevano partecipato al progetto, nell ottobre 2006, durante un incontro svoltosi presso la scuola elementare Vallone, è stato successivamente distribuito a tutti gli alunni delle elementari di Pavia.

Foto di copertina: C come città dalla mostra dei lavori dei bambini -Palazzo Mezzabarba - maggio 2006 Stampa realizzata con il contributo