www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi

Advertisement
Documenti analoghi
Un esperienza Servizio di Assistenza Domiciliare ai Minori creare legami per innescare

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3)

Carta Dei Servizi. Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.

Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno

Città di Ispica Prov. di Ragusa

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Educando nella Provincia di Varese 2012

ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA

PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016. SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

CARTA DEI SERVIZI CENTRO SERVIZIO AFFIDO E ADOZIONI TERRITORIALE -SAAT

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità

Comunità della Paganella

Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, aprile

Educando nelle Province di Bergamo e Brescia

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE

Sostegno e Accompagnamento Educativo

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento:

PROGETTO HOME AUTISMO

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI

UNA FAMIGLIA X UNA FAMIGLIA trasformare una buona prassi in una buona politica

C O M U N E DI S P I N E A Prov.di Venezia SETTORE SERVIZI AI CITTADINI

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE

A più voci contro la dispersione scolastica

C I T T A D I E R I C E PROVINCIA DI TRAPANI

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 AFFIDO FAMILIARE

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare

SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

Un cane per amico. Titolo: Attività da realizzare

Relazione presentata al convegno Modelli sistemici e contesti che cambiano Milano, Ottobre 1998, parzialmente modificata

Servizi e interventi per i disabili

STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO

Progetto La casa di Pollicino

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe

ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA PASCOLI SCUOLA SECONDARIA BONIFACIO

Regolamento Servizio Assistenza Domiciliare Minori Premessa

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate

Educando nelle Province di Cremona e Mantova

Progetto partecipativo per la riprogettazione di spazi, tempi e modalità di accesso ai servizi socio-educativi comunali della Bassa Reggiana DOPO IL

COOPERATIVA SOCIALE STILE LIBERO (tipo A)

Che cosa è l Affidamento?

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come:

A cura di Maria Alessandra

ALLEGATO A) al capitolato speciale d appalto. Indirizzi generali per la predisposizione del Progetto di gestione

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE

Regolamento degli interventi educativi territoriali per i minori con disabilità

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

Esiti del laboratorio Lavoro di comunità

Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Alzheimer a casa: buone prassi per l assistenza domiciliare

I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO

centro servizi per la famiglia Mediazione Familiare e Laboratori Espressivi.

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI

COMUNE DI ANCONA REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare

LA MEDIAZIONE SOCIOCULTURALE NEI PERCORSI DI AFFIDAMENTO OMOCULTURALE A PARMA. Bologna, 24 maggio 2012 Comune di Parma

Fidarsi tra operatori: la collaborazione tra professionisti nel processo di affido familiare. Lecco, 28 gennaio 2010 (2 incontro)

Federfarma Napoli Associazione Sindacale dei Titolari di Farmacia della Provincia di Napoli. website:

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste Vita di casa Ambito/settore di intervento

Azioni di sistema. FNPS ,77 Totale ,77

Artigiancassa Progetto Key Woman. Roma, 5 Dicembre 2012

ASL - Uffici di Piano - Valle Imagna/Villa d Almè - Valle Brembana. Progetto: BADANTI, VERSO UN ASSISTENZA FAMILIARE QUALIFICATA

COMUNE DI BIBBIENA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO AFFIDI FAMILIARI

Relatore: Paula Eleta

IN COLLABORAZIONE CON

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training

Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia. Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS

PRESENTAZIONE CENTRO PRIMI PASSI

QUESTIONARI INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013/14

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI

Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE

REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

Mentore. Rende ordinario quello che per gli altri è straordinario

SCHEDA PROGETTO FAMIGLIA DONNE E MINORI PROVINCIA DI CAGLIARI (05/05/2015)

Politiche Per la Buona Permanenza a domicilio dell anziano non autosufficiente. Esperienze e spunti

e ilgioco com inciò..

o saper formulare con i compagni riflessioni ed ipotesi interpretative, non su richiesta del docente, ma in modo il più spontaneo possibile

CITTA DI SPINEA c.a.p Provincia di Venezia

>> Perché l'affido familiare dei minori. >> Che cos'é l'affido. >> Chi può fare l'affido e come. >> Tipologie dell'affido. >> Le forme dell'affido

I DATI DELLA CHAT DI TELEFONO AZZURRO 7 DICEMBRE O GIUGNO 2014

Artigiancassa: : Progetto Key Woman. Roma, 08 aprile 2014

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

SCHEDA PROGETTO: UN ESEMPIO immaginato da noi, ma ripreso da un azione di piano della C.M. Val Pellice

VENERDI' 15 MAGGIO AUTISMO E DISCIPLINE SPORTIVE. ACCEDERE AL SUBLIME Corso di formazione per guide alpine

Milano 16 Dicembre A cura del Comune di Milano - DC Sport benessere e qualità della vita - Servizio qualità della vita

Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE

Advertisement
Transcript:

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi Si affronta qui un tema delicato per gli operatori che lavorano nel sociale: l intervento domiciliare a favore di minorenni. Si cercherà di declinarne le caratteristiche, le criticità e le modalità innovative di erogazione di tale servizio a partire dall esperienza che si sta attuando nel Comune in cui ho lavorato come assistente sociale (Vestone, provincia di Brescia). Vestone è un piccolo comune della Valle Sabbia (BS), situato nell area nord della Valle; è il comune della zona con il maggior numero di abitanti (4489 al 1 gennaio 2013, dati Istat) ed è luogo in cui si trovano i principali servizi cui accede la popolazione dell alta valle sabbia (Asl e Comunità montana). Il servizio di ADM (assistenza domiciliare minori) è un intervento svolto da educatori professionali, presso il domicilio del minore la cui famiglia si trova in situazione di temporaneo bisogno. Lo scopo del servizio è facilitare lo sviluppo, la crescita e l autonomia del minore attraverso momenti di dialogo e di supporto per i genitori, sostegno scolastico, facilitazione dell incontro e degli scambi con i coetanei, aiuto nella ricerca di attività per il tempo libero. Tutti gli interventi sono pensati per soddisfare i bisogni del minore e del suo nucleo familiare. L accesso al servizio può avvenire con due modalità: - Spontanea: in questo caso vi è la richiesta spontanea del nucleo familiare. Ad es., il nucleo familiare percepisce una situazione di difficoltà e si rivolge al servizio sociale del Comune per chiedere aiuto; - Coatta: è presente un imposizione dell autorità giudiziaria che all interno del decreto prescrive l attivazione dell intervento domiciliare;

Il servizio può essere erogato direttamente dall ente locale che attraverso ad es una gara d appalto individua la cooperativa che erogherà il servizio oppure attraverso la gestione associata in ambito distrettuale ecc Nel caso del Comune di Vestone, è un servizio erogato direttamente dal Comune che è il titolare dell intervento. E un servizio presente dal 2005 ed è normato da un regolamento comunale che prevede la gratuità dell intervento per le famiglie che accedono al servizio se all interno del circuito giudiziario, mentre è prevista una compartecipazione per le famiglie che accedono in via spontanea al servizio. Le famiglie che usufruiscono spontaneamente del servizio versano spesso in condizioni economiche difficili, di conseguenza in nessun caso la compartecipazione della famiglia è pari al 100% del costo orario del servizio; in media tale compartecipazione si aggira intorno al 20% della spesa totale. In generale molti territori riscontrano un incremento di casi ADM attivati nel corso degli ultimi due anni sia per le situazioni spontanee che coatte. Le motivazioni possono essere due. La prima è legata alla modalità con cui viene utilizzato questo intervento: preventiva e riparativa. La seconda alla scarsa presenza di servizi educativi alternativi all ADM presenti sul territorio. Pare essere l unico intervento possibile cui ricorrere nelle situazioni di famiglie con figli minorenni in difficoltà. La presenza di un educatore al domicilio rassicura l assistente sociale, poiché vi è una figura professionale esperta che osserva, monitora e controlla la situazione. La natura preventiva dell intervento è implicita: se s interviene immediatamente all interno di una situazione potenzialmente a rischio, si evita un possibile futuro ingresso nel circuito giudiziario (se la situazione precipita, si dovrà segnalare alla procura minorile, ecc). L intervento riparativo consente al nucleo famigliare, attraverso il supporto di un esperto, di ripristinare la propria funzione educativa nel superiore interesse del minore. L adm è un intervento facilmente erogabile dall operatore, tuttavia, in alcune situazioni la presenza di poche ore settimanali (in genere 3 o 4 ore) al domicilio non consente di raggiungere gli obiettivi che ci si era prefissati. L adm può aiutare i ragazzi a comprendere qual è la direzione da seguire e può supportare i genitori in una breve porzione di quotidianità, ma di là delle ore adm cosa succede? L educatore nella maggior parte dei casi non è reperibile 24h/24 e i genitori si trovano comunque adover gestire delle situazioni particolarmente difficoltose e mettere in pratica i suggerimenti dell educatore potrebbe non essere sufficiente. Cosa fare allora? L intervento adm funziona davvero? E sufficiente da solo a rispondere ai bisogni delle famiglie? È il solo cui si può ricorrere in queste situazioni? Il problema sostanziale, a mio avviso, sta nella natura stessa con la quale si considera questo servizio come un intervento, anzi l intervento per agire in situazioni di difficoltà del nucleo

famigliare nei confronti della gestione del figlio minorenne. E necessario invece, considerare le azioni da mettere in atto per aiutare queste famiglie elevando lo sguardo e pensando ad un approccio di lavoro che favorisca la promozione del benessere famigliare e del minore, partendo dall intervento tradizionalmente utilizzato e conosciuto. Allargare la visuale significa osservare tutti i servizi formali e informali presenti sul territorio e pensare ad un approccio integrato a favore delle famiglie con minori. L adm da sola non è sufficiente, è indispensabile quindi promuovere l integrazione con le reti formali e informali presenti in un territorio. L esperienza di Vestone è esemplificativa: ci si è trovati a dover ragionare sulle modalità di razionalizzazione del servizio adm a fronte del continuo incremento delle situazioni problematiche e si è deciso di provare ad integrare l adm con un altro servizio presente nel territorio: l educativa di strada (servizio storico per il paese e che a mio avviso dovrebbe essere presente in tutti i territori). Il principio alla base è l idea che l ADM potrebbe fornire più prestazioni utilizzando le risorse presenti sul territorio comunale, in questo caso gli educatori di strada. Gli educatori che lavorano sul territorio, intercettano un numero ampio di ragazzi minorenni che frequentano i vari luoghi di aggregazione (oratorio, piazza, bar, campetto di calcio, ecc) e tra questi ci sono anche alcuni ragazzi che usufruiscono del servizio ADM. Da qualche anno esiste poi il tavolo delle politiche socio-educative di cui fanno parte: gli educatori di strada, un rappresentante per la scuola primaria e uno per la scuola secondaria di primo grado, il parroco, l assessore dei servizi sociali, l assessore allo sport, l assessore alla cultura, l assistente sociale del comune. L obiettivo del tavolo è quello di definire insieme le linee guida per stabilire quali interventi attuare in materia di politiche della famiglia. I servizi spesso sono presenti nei territori, il problema è semmai quello di organizzarli diversamente per creare un lavoro di rete territoriale che permetta di fornire un servizio maggiormente efficiente. Nel caso specifico la presenza degli educatori di strada può fornire un valore aggiunto al servizio ADM; una maggior interazione tra educatori che lavorano al domicilio, educatori di strada e ragazzi potrebbe creare un servizio che a lungo termine riduce i costi (dell adm ma anche costi in termini sociali, cioè di ragazzi seguiti dal servizio sociale). Concretamente accade che l assistente sociale, durante l incontro con il minore per l attivazione dell adm, spiega alla famiglia che cosa succederà e chiede il consenso di poter informare gli educatori di strada della situazione affinché possano attivarsi a favore del ragazzo. Durante l incontro l assistente sociale spiega al ragazzo chi sono gli educatori di strada, che cosa fanno e dove trovarli e gli propone d incontrarli nei luoghi di aggregazione del paese; contemporaneamente segnala agli educatori di strada il nome del ragazzo seguito dall adm e chiede loro di intercettarlo,

di provare a coinvolgerlo nelle attività. Il contatto non è sempre facile ma la maggior parte dei ragazzi seguiti dall adm, anche con l aiuto dell educatore, aderiscono volentieri e si avvicinano, con il tempo, all educativa di strada. In questo modo i ragazzi seguiti dall ADM intercettano spontaneamente gli educatori di strada e se decidono di partecipare agli eventi proposti dagli stessi conoscono anche altri ragazzi (non necessariamente sono tutti seguiti dall adm). E molto importante per i ragazzi poter instaurare legami significativi con i coetanei in un contesto come quello dell educativa di strada perché gli consente di non sentirsi discriminati. Alla base di tale strategia c è l idea che nel tempo si potrebbero così ridurre il numero delle richieste di ADM, e tutto ciò grazie ad una prevenzione derivante dall utilizzo appropriato e razionale dei servizi presenti sul territorio. Il servizio sociale, utilizzando le risorse disponibili, può offrire maggior possibilità di scelta alle famiglie, proponendo un insieme di servizi che riducono nelle famiglie la percezione di stigma, d incapacità genitoriale diffusa nelle famiglie che utilizzano tale servizio. Se i ragazzi, in base ai propri bisogni e a quelli delle loro famiglie, sono supportati non solo all interno del domicilio ma anche all esterno e se tale supporto non è solo individuale ma di gruppo, i ragazzi sperimentano in misura minore sentimenti di diversità, di frustrazione; le famiglie sostenute nelle loro capacità attraverso l incontro con educatori domiciliari e di strada, ricevono un accompagnamento a 360. Il servizio sociale in questo modo diventa in grado di rispondere maggiormente ai bisogni delle famiglie (bisogno di un accompagnamento globale e non sporadica di qualche ora). I casi più difficili sono seguiti meglio: si riesce a monitorarli di più e da più persone contemporaneamente (sia all interno del domicilio che all esterno sul territorio); Attraverso la costruzione di una rete tra interventi che realizza un approccio a favore delle famiglie in difficoltà si crea sul territorio una cultura della famiglia che con la mera erogazione di un intervento non è possibile. Chiaramente la scelta di tale strategia ha un costo che è principalmente quello degli operatori ma il costo che si risparmia fornendo presa in carico e prevenzione globali è maggiore del costo speso per attuare questa strategia. Il problema principale è determinato dalla formazione degli educatori di strada e domiciliari che hanno per lo più una modalità di lavoro connessa a valori culturali e religiosi occidentali; valori che la famiglia seguita dall ADM potrebbe non condividere (senza il consenso degli esercenti la potestà genitoriale non è possibile realizzare l integrazione tra i due servizi). Importante sottolineare che ad oggi la prassi di utilizzare l educativa di strada è del tutto informale e spontanea da parte della famiglia e del ragazzo (è il ragazzo a decidere quando e quanto frequentare

l educativa di strada). E fondamentale, a mio avviso, mantenere tale spontaneità per garantire alla famiglia e soprattutto al minore la possibilità di esplicitare la propria libertà e capacità di scelta. Creare il lavoro di rete fra servizi è difficile ma indispensabile. Quando l educativa di strada s integra con l ADM, il rischio è che gli educatori finiscano per concentrarsi e seguire maggiormente i ragazzi destinatari di entrambi i servizi, trascurando i ragazzi che non sono seguiti dall ADM. Affinché questo non accada, sono necessari un meticoloso lavoro di squadra e un continuo confronto tra i vari operatori coinvolti. Il servizio sociale del Comune di Vestone non ha inventato nulla di diverso ma la strategia attuata è innovativa in quanto produce un cambiamento positivo per l intera collettività. E auspicabile, oggi più che in passato, che il servizio sociale sappia mantenere uno sguardo flessibile e creativo al territorio al fine di favorire la costruzione di servizi in grado di rispondere alle reali esigenze delle famiglie, guardando di là dei servizi tradizionalmente erogati. L esperienza di Vestone è una buona prassi operativa che eleva l efficienza del servizio sociale e il benessere della società. Assistente Sociale Dr.ssa Silvia Clementi** **Collaborare Senior Portale S.O.S. Servizi Sociali On Line