CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Introduzione dell insegnamento «attività teatrali e intelligenza emotiva» nei programmi scolastici

Advertisement


Advertisement
Documenti analoghi
DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato LIVIA TURCO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato COSTANTINI

Associazione non profit La mela e il seme

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE N Norme sull informazione e sull educazione sessuale nelle scuole. Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LAFFRANCO, BIANCONI

PREMESSA Continuità curricolare Continuità metodologica

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BRAMBILLA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CARUSO. Delega al Governo per l istituzione dell Albo dei mediatori interculturali

DALLA TESTA AI PIEDI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO EDUCAZIONE CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO 1 BOLOGNA

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA

SCHOOL COACHING. progetto formativo

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIULIETTI

Viale Trastevere, 251 Roma

DOCENTI ESPERTI IN DIDATTICA CON TECNOLOGIE DIGITALI CERTIFICARE LE PROPRIE COMPETENZE

Bambine e Bambini costruttori di pace

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

Scheda descrittiva del Laboratorio Didattico

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE INTERIORMENTE

IL COUNSELING NELLA SCUOLA: un esperienza diretta. Valeria Aquaro

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

Consulenza e sostegno psicologico e scolastico

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GHIZZONI, COSCIA, LENZI, PES, TENTORI

Legge n. 170 del LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (GU n.

A.Bagni Alla cortese Attenzione ANNO SCOLASTICO 2012/2013 STAR BENE A SCUOLA SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO (SAP)

VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone

Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva. Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado

Il teatro è uno strumento educativo e formativo che i bambini praticano. da sempre nella forma spontanea e divertente del gioco.

PROGETTO GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI SCUOLA PRIMARIA

TEMATICA: fotografia

Il Programma per la formazione permanente.

Piazza Mercoledì 1234, Roma. Tel Fax

Progetto di cittadinanza attiva

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

Art. 1 D.D.G. Prot. N 5735/1 del Scuole Polo Oltre le emergenze - Attività di Formazione per docenti a.s. 2008/2009.

PROGETTO DI FORMAZIONE PER COMPRENDERE, SPERIMENTARE E FAR PROPRIO IL METODO

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N Istituzione della rete dei musei nazionali di scienza e tecnica (REMUNAST)

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

Società cooperativa sociale ECO onlus Ente accreditato al MIUR per la formazione del personale della scuola INCLUSION 2020:

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri "F. Brunelleschi" Corso Serale SIRIO Frosinone A.S

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE BEATO CONTARDO FERRINI. B E S : Ben-Essere-a Scuola a.s. 2015/16

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

- Corso introduttivo alla comunicazione interculturale, all associazionismo e politiche giovanili dell Unione Europea

Anno Scolastico Progetto di Tirocinio Animazione Musicale

Progetto finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Lo sportello d ascolto.

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico PROGETTO TEATRO

Cittadinanza e Costituzione Le parole, gli strumenti, i percorsi

COMUNE DI PALERMO REGOLAMENTO RECANTE MODALITA E CRITERI PER L ASSISTENZA SPECIALISTICA AGLI ALUNNI DISABILI

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

Come sfruttare al meglio le nuove opportunità di formazione continua

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

Progetto. a cura di. Massimo Merulla I

FORMAZIONE DEI FORMATORI Disagio e bullismo. Dr Fabio Muscionico U.O. Gestione Consultori Familiari

PROGETTO LEGALITÁ - Io, cittadino nel Mondo

Prot. n / C21 Salerno, 24 marzo 2014

ASILO NIDO CASCINA LEVADA

Progetto educativo. Anno Scolastico

FACOLTÀ DI SOCIOLOGIA ART. 1

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato RUGGHIA. Disciplina dell attività di agente e rappresentante di commercio

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO

Archivio dei corsi proposti per il periodo estivo 2014

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro

Il progetto COUNSELING SCOLASTICO. PERCHÉ?

LA COMUNICAZIONE EFFICACE. (TECNICHE PER LA VITA) G. Colli «Punto com» vol. B

Resta in Ascolto: Intervento sul bullismo ed i comportamenti aggressivi

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

MIUR.AOODGEFID.REGISTRO DEI DECRETI DIRETTORIALI

CLASSI PRIME OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO OBIETTIVI MINIMI

SCUOLA DELL INFANZIA DI ALSENO

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

PROGETTO CONTINUITÀ. Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini. Una scuola da scoprire e da vivere

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO

Speriamo in questo modo di fare cosa gradita e di poter ulteriormente approfondire il confronto. Grazie per l attenzione e buon lavoro.

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

Il progetto vuole essere una risposta concreta delle Istituzioni Scolastiche e del territorio alle richieste legislative degli ultimi anni.

LE OFFERTE. - INCONTRI PERSONALI DI APPRENDIMENTO dedicati al metodo di studio e ad obiettivi specifici

PROGETTO BIBLIOTECA sulle Pari Opportunità

Scuola Primaria di Marrubiu

Advertisement
Transcript:

Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1157 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CECCACCI RUBINO Introduzione dell insegnamento «attività teatrali e intelligenza emotiva» nei programmi scolastici Presentata il 26 maggio 2008 ONOREVOLI COLLEGHI! Il teatro ha, da sempre, una straordinaria funzione di educazione alla cultura, ma anche un ruolo fondamentale nella maturazione emotiva dell individuo. È evidente, quindi, come l inserimento delle attività teatrali nelle scuole rappresenti un passaggio fondamentale nel nostro Paese, dove spesso tale disciplina è affidata alla volontà di singoli insegnanti o presidi. Fare teatro vuol dire imparare ad esprimersi, a relazionarsi, a comunicare le proprie emozioni attraverso una forma d arte. Tutto ciò è strettamente collegato allo sviluppo dell intelligenza emotiva, concetto introdotto dal professor Daniel Goleman, psicologo cognitivista, consistente in una miscela equilibrata di motivazione, logica e autocontrollo, che consente, imparando a comprendere i propri sentimenti e quelli degli altri, di sviluppare una grande capacità di adattamento e di convogliare opportunamente le proprie emozioni, in modo da sfruttare i lati positivi di ogni situazione. L apprendimento emotivo è diventato un elemento nuovo della nostra cultura educativa: grazie anche all apporto di moderne discipline sociopsicologiche quali la psicologia evolutiva, la neuropsicologia e la psicolinguistica, l intelligenza emotiva si è ampiamente inserita nel nostro bagaglio culturale, apportando conoscenze ed elementi nuovi ai fini dello sviluppo cognitivo sia del bambino che dell adulto, risultati necessari nella prevenzione del disagio adolescenziale e adulto.

Atti Parlamentari 2 Camera dei Deputati 1157 Insegnare ai bambini e, durante la crescita, agli adolescenti e ai giovani a dare un nome e a mettere in parola la varietà dei sentimenti, a sviluppare l autoconsapevolezza, ovvero la capacità di riconoscere, di rispettare e di gestire le proprie emozioni, a favorire l ascolto e la comprensione dei sentimenti altrui, significa anche accrescere la capacità di stare con gli altri, di capirli e di affrontare i problemi di relazione, sapersi esprimere senza paure o imbarazzi davanti agli altri. Quello che si impara da bambini e da giovani, quando la capacità di apprendere è grande e la mente e l animo sono aperti a nozioni e a modi di essere responsabili, rimane a informare di sé l adulto. La presente proposta di legge viene presentata non solo perché è necessario promuovere questo tipo di apprendimento, ma perché potrebbe rappresentare la soluzione ai tanti problemi che travagliano la nostra società. L analfabetismo emotivo, che si caratterizza per mancanza di consapevolezza e, quindi, di controllo e di gestione delle proprie emozioni e comportamenti, è diffuso in eguale misura nei bambini, nei giovani e negli adulti a prescindere dal loro quoziente di intelligenza, dal livello culturale raggiunto e dalla professione esercitata. L aspetto preoccupante è che questa incapacità è la causa prima di tutti i fenomeni di devianza minorile, diffusione della droga, alcolismo, violenza nelle famiglie e formazione della psicologia criminale. Per questo, come già stanno facendo altri Paesi, è necessario istituire un nuovo insegnamento scolastico che abbia come materie le attività teatrali e l intelligenza emotiva. La priorità data all attività teatrale parte dalla constatazione che non si tratta di psicoanalizzare i giovani, ma di dare loro un occasione ludica, ai limiti del gioco, in cui possono apprendere nuove modalità comunicative e di autoanalisi. Il teatro, come cultura e modalità didattica, è lo strumento più efficace in tale senso. Per questo è necessario prevedere un insegnamento che coniughi, nel docente, una formazione pedagogica, umanistica e teatrale. L obiettivo primario della scuola italiana è di educare il cittadino a formarsi compiutamente come persona. Oggi sono proprio le neuroscienze che sostengono la necessità di prendere molto seriamente le emozioni, e le nuove scoperte ci assicurano che se cercheremo di aumentare l autoconsapevolezza emotiva saremo maggiormente capaci di: 1) controllare più efficacemente i nostri sentimenti negativi; 2) perseverare nonostante le frustrazioni; 3) aumentare le nostre capacità di essere empatici; 4) cooperare in modo pacifico e produttivo. Insomma, potremmo sperare in un futuro migliore. Per non parlare delle ricadute economiche in termini sia di prevenzione del crimine e del disagio sia di nuove opportunità di lavoro che si verrebbero a creare, venendo così incontro a quelle nuove professionalità emergenti legate alle professioni del teatro e della facilitazione sociopsicologica che oggi non trovano un soddisfacente sbocco, oltre che dell esigenza di rilanciare un settore, quello del teatro professionistico, ancora fortemente di nicchia. È arrivato il momento di considerare il teatro per quello che effettivamente è e per quello che ha storicamente rappresentato: uno strumento di coinvolgimento e di formazione dell uomo. Per questo, onorevoli colleghi, si è ritenuto giusto e opportuno sottoporre al vostro giudizio, raccomandandone l approvazione in tempi solleciti, questa proposta di legge che, introducendo nelle nostre scuole l insegnamento «attività teatrali e intelligenza emotiva», mira a formare i giovani che rappresentano il futuro della nostra società.

Atti Parlamentari 3 Camera dei Deputati 1157 PROPOSTA DI LEGGE ART. 1. (Introduzione dell insegnamento «attività teatrali e intelligenza emotiva» nei programmi scolastici). 1. È introdotto, nelle scuole di ogni ordine e grado del sistema educativo di istruzione e di formazione, l insegnamento «attività teatrali e intelligenza emotiva» avente le finalità di cui all articolo 2. 2. L insegnamento di cui al comma 1 forma parte integrante di tutti i programmi di esame previsti dalla normativa vigente. ART. 2. (Finalità). 1. L insegnamento di cui all articolo 1 ha la finalità di aiutare lo studente a formarsi compiutamente come persona, attraverso il controllo e la gestione delle proprie emozioni nonché la comprensione delle proprie difficoltà relazionali e delle proprie potenzialità. ART. 3. (Affidamento dell insegnamento «attività teatrali e intelligenza emotiva»). 1. All insegnamento «attività teatrali e intelligenza emotiva» sono preposti: a) nella scuola primaria, personale diplomato nelle accademie e negli istituti di alta formazione artistico-teatrale riconosciuti dal Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca; b) nella scuola secondaria di primo grado e nella scuola secondaria di secondo grado, i docenti delle materie umanistiche. 2. Entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, il Ministro

Atti Parlamentari 4 Camera dei Deputati 1157 dell istruzione, dell università e della ricerca, con proprio decreto, definisce le modalità per la realizzazione di appositi corsi di qualificazione professionale per i docenti di cui al comma 1. I corsi di qualificazione hanno la durata di sei mesi e si svolgono nelle università presso cui sono attivati corsi di laurea in scienze della formazione; i relativi contenuti sono definiti in relazione al livello di insegnamento da impartire ai sensi di quanto previsto dal comma 1 e tenuto conto dei programmi di insegnamento stabiliti in attuazione dell articolo 4. ART. 4. (Programmi di insegnamento). 1. Entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, con decreto del Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, sentito il Consiglio superiore della pubblica istruzione, sono definiti i programmi dell insegnamento «attività teatrali e intelligenza emotiva» nei singoli ordini e gradi di scuole, prevedendo: a) la promozione della conoscenza del teatro, inteso come forma di arte, cultura e comunicazione; b) la conoscenza del linguaggio teatrale attraverso l utilizzo di tecniche e di materiali; c) lo sviluppo della socializzazione, della conoscenza di sé e delle proprie possibilità espressive; d) la scansione modulare delle tematiche in forma integrata con le discipline affini. 2. Il decreto adottato ai sensi del comma 1 prevede, altresì, che l insegnamento «attività teatrali e intelligenza emotiva» sia introdotto nell orario scolastico settimanale per almeno due ore, delle quali una con eventuale presenza di materie affini.

Atti Parlamentari 5 Camera dei Deputati 1157 ART. 5. (Disposizioni finanziarie). 1. All onere derivante dall attuazione della presente legge, valutato in 25 milioni di euro per l anno 2008 e in 50 milioni di euro annui a decorrere dall anno 2009, si provvede mediante corrispondente riduzione dello stanziamento iscritto, ai fini del bilancio triennale 2008-2010, nell ambito del fondo speciale di parte corrente dello stato di previsione del Ministero dell economia e delle finanze per l anno 2008, allo scopo parzialmente utilizzando l accantonamento relativo al medesimo Ministero. 2. Il Ministro dell economia e delle finanze è autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio.

PAGINA BIANCA

PAGINA BIANCA

0,35 *16PDL0005750* *16PDL0005750*