Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro

Advertisement


Advertisement
Documenti analoghi
15 Ottobre Legge 53/2000, art. 9 modalità di richiesta di finanziamento di un progetto

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE

Cittadinanza di genere

Programma Ore Preziose

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL REGIONE TOSCANA. Cittadinanza di genere.

Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese

Tempi di vita e tempi di lavoro. La conciliazione fa bene all azienda

COME COMPILARE IL MODELLO DI DOMANDA PER L AMMISSIONE AI FINANZIAMENTI

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO (approvato con atto di G.C. n. 117/2013)

PIANO TRIENNALE DEGLI OBIETTIVI E DELLE AZIONI POSITIVE PARI OPPORTUNITA Legge 125/1991, d.lgs. n.196 del 2000, Legge 246/2005, d.lgs.

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGE REGIONALE 2 aprile 2009, n. 16

PERCORSI INFORMATIVI PER AZIENDE, LAVORATRICI, LAVORATORI. OCCUPABILITÀ CONCILIAZIONE FLESSIBILITÀ FORMAZIONE

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FONDO SOCIALE EUROPEO

Piano triennale delle azioni positive per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne

Etica ed Economia 2011/2012

Contrattazione e welfare

COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA

finanziamenti artigiancassa a sostegno delle imprenditrici Una nuova convenzione per rispondere alle vostre esigenze

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

QUALI PROGETTI E QUALI RISULTATI

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015

Lo standard di certificazione Family Audit. Presentazione ad aziende Gian Paolo Barison

PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE

Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali

Rapporto sulla implementazione della Carta

REGIONE PIEMONTE. Legge regionale 18 marzo 2009, n. 8.

Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione

SOGGETTO ATTUATORE (indicare il Partner interessato): La Biotre.sas di Cappella Giuseppe, & C

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE

STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto.

L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE

PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO

PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO Premessa

REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE ABRUZZO. COMUNE DI PESCARA ATTIVA SpA

QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO

RELAZIONE A CURA DI ISA PIGA ASSESSORATO AL LAVORO E FORMAZIONE PROFESSIONALE

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 7 Luglio 2013 REGIONE LOMBARDIA NEWS IN EVIDENZA

AVVISO PUBBLICO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI RIVOLTI ALLA REALIZZAZIONE DELLE AZIONI PREVISTE DALLA L.R. 16 DEL

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2013/2015 Definitivo

PIANO DI AZIONI POSITIVE per il triennio

MISURA Utilizzo di servizi di consulenza

N. 512 FISCAL NEWS. Regione Campania: contributi per dottorati La circolare di aggiornamento professionale. A cura di Carlo De Luca

LA CONCILIAZIONE IN AZIENDA. Finanziamenti per soluzioni di conciliazione Legge 53 art.9, comma 1

FINANZIAMENTI E AGEVOLAZIONI PER ENTI NO PROFIT CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AL FOTOVOLTAICO

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DI OPERAZIONI A VALERE SULL ASSE 2 OCCUPABILITA.

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Famiglia, Minori, Giovani, Pari Opportunita', Servizio Civile - Servizio

Bando per la erogazione di contributi

Periodo (01 Aprile 29 Maggio 2015)

POLITICA DI COESIONE

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

COMUNE DI CASELETTE Provincia di Torino P.A.P. - PIANO DI AZIONI POSITIVE - TRIENNIO 2013/2015

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA RELATIVE ALLE POLITICHE ABITATIVE A FAVORE DELLA POPOLAZIONE STRANIERA IMMIGRATA -anno 2007-

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI

5.1 Organizzazione delle fonti di finanziamento e coinvolgimento del settore privato

PIANO DI COMUNICAZIONE

Occupazione femminile

07. Valorizzazione delle Risorse Umane e delle Politiche per l Occupazione

Settore Istruzione, Educazione Formazione

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli

MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 60/ 25 DEL

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

POLITICA DI COESIONE

Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera

Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010

SCHEDA SINTETICA LEGGE n. 215/1992 Azioni positive per l'imprenditoria femminile

PROGRAMMA ICO INTERVENTI COORDINATI PER L OCCUPAZIONE. Avviso pubblico per le imprese nei settori Agroalimentare, ICT e Nautico

A relazione del Presidente Cota: Richiamate:

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i.

Circolare n 10. Oggetto. Quartu S.E., 03 ottobre 2011

GIOVANI INNOVATORI IN AZIENDA

FINANZIAMENTO DI AZIONI DI FLESSIBILITÀ PER LE AZIENDE IN FAVORE DELLA CONCILIAZIONE LAVORO E FAMIGLIA

POLITICA DI COESIONE

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE - PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA TRIENNIO 2015/2017 (art. 48 del D.Lgs n 198)

COORDINAMENTO INTERPROFESSIONALE PARI OPPORTUNITÀ Provincia di Padova

Piano triennale di azioni positive per la realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra donne e uomini

Caregiver & conciliazione

Le agevolazioni regionali per l imprenditoria giovanile, femminile e dei soggetti destinatari di ammortizzatori sociali (L.R.

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne.

PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA

FAQ E AMMESSA LA PARTECIPAZIONE IN RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO DI CONCORRENTI; IN CASO DI RISPOSTA AFFERMATIVA, CON QUALI MODALITA

PIANO TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DI INTERVENTI DI CONCILIAZIONE FAMIGLIA LAVORO SUL TERRITORIO DELLA ASL MILANO1

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO. Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile

Advertisement
Transcript:

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Linea 3 - possibilità alle aziende che vogliano sperimentare formule di conciliazione dei tempi La programmazione del Fondo Sociale Europeo 2000-2006 per la qualificazione delle risorse umane da cui discende il Programma Operativo della Regione Piemonte definisce tra le priorità strategiche e trasversali l obiettivo di perseguire attivamente le pari opportunità uomo - donna, vigilando in particolare sulla selezione dei progetti e sull adeguata presenza di donne tra i loro destinatari. Per la prima volta, l obiettivo delle pari opportunità, insieme ad altri due obiettivi portanti della programmazione quali sviluppo locale e società dell informazione è recepito in tutti gli assi di intervento in materia di promozione delle politiche a favore dell occupazione. Per favorire l azione di mainstreaming delle pari opportunità uomo-donna su tutti gli e assi e le misure la Comunità europea ha deciso che non meno del 10% delle risorse destinate a ciascun Paese membro dal Fondo Sociale Europeo fossero destinate all asse E, una versione specificatamente dedicata alle pari opportunità donna-uomo delle misure previste negli altri ambiti. Fine ultimo dell asse E è quello di rafforzare e garantire l effettiva disponibilità di risorse per migliorare la posizione relativa della componente femminile e superare gli impedimenti di carattere tecnico e culturale che ostacolano all adozione del principio di pari opportunità di genere. Il raggiungimento delle finalità specifiche della misura E1 avviene attraverso un ampia gamma di strumenti funzionali al miglioramento della condizione femminile sul mercato del lavoro in particolare per: Aumentare il tasso di partecipazione delle donne al lavoro e favorire l imprenditorialità femminile Migliorare la posizione relativa della componente femminile nel mondo del lavoro e favorire la conciliazione tra tempi del mondo del lavoro e tempi della vita familiare e personale. Gli interventi sono previsti nell ambito dei servizi per il lavoro e la formazione professionale da attuarsi con azioni volte ad incidere sia sulle cause oggettive e che su quelle culturali di discriminazione e segregazione nei confronti delle donne. Tra questi il Programma Operativo della Regione Piemonte individua nella linea d intervento 3 lo strumento per favorire la flessibilità nell'organizzazione del lavoro attraverso la concessione di incentivi alle aziende, private e pubbliche, che vogliano affrontare una riorganizzazione dei sistemi e degli orari di lavoro al fine di consentire un miglior coordinamento tra i tempi di vita familiare e professionale. La linea 3 prevede due tipologie d azione e l accesso avviene tramite il Bando annuale della Regione Piemonte. Alleghiamo una sintetica scheda di sintesi relativa al secondo bando scaduto il 7 ottobre 2002, specificando che il prossimo bando è previsto per fine 2004.

Linea di intervento 3 Aiuti a favore delle aziende private e pubbliche affinché introducano elementi di flessibilità nei confronti dei/delle dipendenti gravati da vincoli familiari o attuino iniziative di animazione sui temi della parità e facilitino l applicazione delle nuove normative a favore delle donne e degli uomini nel mercato del lavoro. Tipologia di Azione 3.1 Progetti per la flessibilità nell organizzazione del lavoro finalizzata alla conciliazione Soggetti attuatori Imprese, Organismi bilaterali, Organismi rappresentativi delle parti sociali e loro emanazioni, Province, Comuni, Altri Enti locali, Altri Enti pubblici. N.B.: qualora gli organismi bilaterali non godano di autonomia finanziaria e organizzativa potranno essere soggetti proponenti e individuare un soggetto attuatore che possieda i requisiti adeguati per la gestione del progetto; tali requisiti corrispondono a: data di costituzione anteriore di almeno un anno alla data di pubblicazione del presente bando sul B.U.R.. documentata esperienza qualitativa in materia di organizzazione del lavoro e/o competenze analoghe. Nel caso di appartenenza ad un gruppo aziendale il progetto potrà essere proposto da una sola tra le aziende del gruppo oppure direttamente dalla società capogruppo. Destinatari finali Lavoratrici e lavoratori che saranno coinvolti nelle sperimentazioni previste nelle azioni specifiche. Attività ammesse Studi, analisi e azioni finalizzate a sostenere le aziende private e pubbliche affinché introducano elementi di flessibilità nei confronti dei/delle dipendenti al fine di favorire la conciliazione fra responsabilità di lavoro e responsabilità familiari. N.B. Le iniziative potranno indicare gli elementi di coerenza con le finalità della Legge 53/2000 Disposizioni per il sostegno della maternità e della paternità, per il diritto alla cura e alla formazione e per il coordinamento dei tempi delle città. Azioni specifiche 3.1.1 Progettazione di formule organizzative e messa a punto di modalità e strumenti operativi per introdurre e/o rafforzare formule integrate di telelavoro nelle aziende. 3.1.2 Studio e sperimentazione di soluzioni operative per integrare il part-time nell organizzazione aziendale. Incentivazione e semplificazione di accesso alle opportunità di utilizzo del part-time (forme più flessibili, utilizzo per i livelli più alti).

3.1.3 Studio e sperimentazione di soluzioni di job sharing (lavoro ripartito o condiviso tra più lavoratori/trici) anche in posizioni medio-alte e di job rotation (rotazione o sostituzione tra lavoratori/trici). 3.1.4 Studio di formule organizzative, per rispondere alle esigenze dei/delle dipendenti con vincoli familiari, che integrino i diversi strumenti esistenti (es: permessi straordinari, alternanza tra telelavoro e forme tradizionali, aspettative, flessibilità concordata etc.) anche con studi di fattibilità e sperimentazioni di modelli organizzativi in ambito aziendale finalizzati alla cura dei figli (es. nidi aziendali o interaziendali, etc.). 3.1.5 Azioni di consulenza, accompagnamento e tutoring per le lavoratrici e i lavoratori che si inseriscono in una nuova modalità lavorativa. 3.1.6 Azioni di promozione di percorsi di carriera, di valorizzazione e riconosci-mento delle competenze femminili nell ambito dei luoghi di lavoro, finalizzate a moltiplicare le possibilità di scelta e la pianificazione del progetto di carriera professionale delle donne. Costi ammissibili All interno di ciascuna azione si presentano le seguenti grandi categorie di costo riconducibili al Conto economico preventivo di progetto da presentare in allegato alla domanda di contributo. 1) Costi per la preparazione. 2) Costi per la realizzazione. 3) Costi per la diffusione dei risultati. 4) Costi per il coordinamento, per il monitoraggio e per la valutazione. Tutti i costi sono ammissibili soltanto se sostenuti esclusivamente in data successiva a quella della pubblicazione del bando di riferimento. I costi per la realizzazione devono ammontare indicativamente almeno al 70% del costo complessivo del progetto e la percentuale rimanente deve essere ripartita adeguatamente tra le altre spese. Importo massimo finanziabile 100.000,00 Euro (oneri fiscali compresi, ove previsti dalla normativa vigente) per tutti i soggetti. Sulla linea 3 il bando 2002 ha destinato 3.500.000,00 Cofinaziamento Nel caso in cui il soggetto attuatore e/o proponente partecipino al piano finanziario con una quota di finanziamento proprio sarà attribuito uno specifico punteggio rapportato alla percentuale del cofinanziamento. Priorità Verranno privilegiate le iniziative di forte impatto che interverranno sull innovazione e promozione del lavoro anche in termini di valorizzazione e promozione del lavoro femminile, che contengano elementi significativi di trasferibilità e che coinvolgano le istituzioni di parità regionali e/o locali.

Scadenze La Regione Piemonte ha bandito finora due scadenze della linea d intervento 3: - 10 giugno 2001 (Linea 3.1 progetti approvati 22 - Linea 3.2 progetti approvati 11) - 07 ottobre 2002 (Linea 3.1 progetti approvati 102 - Linea 3.2 progetti approvati 41) I fondi del 2003 sono stati utilizzati per finanziare i numerosi progetti approvati nel 2002. Prossima scadenza prevista fine 2004. Riferimenti normativi Regolamento (CE) N.1784/1999 relativo al Fondo Sociale Europeo UE, Regolamento (CE) N.1685/2000, Programma Operativo Regionale per l'obiettivo 3, 2000-2006 della Regione Piemonte approvato con decisione C (2000) 2068 del 21/9/2000, Complemento di programmazione del POR, approvato con DGR n. 54 5526 del 11/03/02. Bandi e informazioni Sito della Regione Piemonte Sezione Lavoro http://www.regione.piemonte.it/lavoro/pariopp/index.htm Tipologia di Azione 3.2 Progetti per la diffusione della cultura di parità Soggetti attuatori Organismi bilaterali, organismi rappresentativi delle parti sociali e loro emanazioni, Enti locali, altri Enti pubblici. N.B.: qualora gli organismi bilaterali non godano di autonomia finanziaria e organizzativa potranno essere soggetti proponenti e individuare un soggetto attuatore che possieda i requisiti adeguati per la gestione del progetto. Destinatari finali Lavoratrici e lavoratori Attività ammesse Attivazione di iniziative di informazione e di animazione sui temi della parità finalizzate all applicazione delle nuove normative a favore delle donne e degli uomini nel mercato del lavoro e la diffusione delle buone prassi. Azioni specifiche Le azioni specifiche su cui si invita a sviluppare la progettazione sono le seguenti:

3.2.1 Studi, ricerche, seminari e percorsi di aggiornamento - rivolti sia a figure strategiche nell organizzazione del lavoro sia ai/alle lavoratori/trici - su tematiche inerenti l applicazione delle pari opportunità nell organizzazione del lavoro e nell integrazione delle formule di gestione flessibile dell orario, perseguendo l obiettivo di sensibilizzare gli apparati decisionali e garantire loro gli strumenti per l esercizio della parità negli ambienti di lavoro. 3.2.2 Proposte per sostenere la diffusione e la sperimentazione nei luoghi di lavoro della legge sui congedi parentali e della normativa in materia di parità e di pari opportunità. Saranno valutate in modo positivo le iniziative che siano finalizzate all applicazione dei principi contenuti nelle norme in vigore ed in particolare la legge 53/2000, che coinvolgano le parti sociali e le azioni per la diffusione e la trasferibilità delle prassi sperimentate. 3.2.3 Iniziative e progetti volti a sostenere e a promuovere l applicazione dell art. 9 della L.53/2000, al fine di consentire alle imprenditrici e agli imprenditori, alle lavoratrici e ai lavoratori autonomi di usufruire di particolari forme di flessibilità degli orari e dell organizzazione del lavoro, anche tramite l introduzione e l attivazione di una figura professionale in sostituzione del/la titolare dell impresa o del/la lavoratore/trice autonomo/a. 3.2.4 Organizzazione di seminari e convegni di presentazione di modelli orga-nizzativi innovativi nell applicazione delle pari opportunità nei luoghi di lavoro, nonché di esperienze particolarmente significative e di elevata trasferibilità, con eventuale produzione di materiale cartaceo e/o informatico di supporto. Costi ammissibili All interno di ciascuna azione si presentano le seguenti grandi categorie di costo riconducibili al Conto economico preventivo di progetto da presentare in allegato alla domanda di contributo. 1) Costi per la preparazione. 2) Costi per la realizzazione. 3) Costi per la diffusione dei risultati. 4) Costi per il coordinamento, per il monitoraggio e per la valutazione. Tutti i costi sono ammissibili soltanto se sostenuti esclusivamente in data successiva a quella della pubblicazione del bando di riferimento. Si ritiene opportuno sottolineare che i costi per la realizzazione devono ammontare indicativamente almeno al 70% del costo complessivo del progetto e la percentuale rimanente deve essere ripartita adeguatamente tra le altre spese. Importo massimo finanziabile Importo massimo finanziabile dei progetti: 100.000,00 euro (oneri fiscali compresi, ove previsti dalla normativa vigente) per tutti i soggetti. Sulla linea 3 il bando 2002 ha destinato 3.500.000,00 Cofinaziamento

Nel caso in cui il soggetto attuatore e/o proponente partecipino al piano finanziario con una quota di finanziamento proprio sarà attribuito uno specifico punteggio rapportato alla percentuale del cofinanziamento. Scadenze La Regione Piemonte ha bandito finora due scadenze della linea d intervento 3: - 10 giugno 2001 (Linea 3.1 progetti approvati 22 - Linea 3.2 progetti approvati 11) - 07 ottobre 2002 (Linea 3.1 progetti approvati 102 - Linea 3.2 progetti approvati 41) I fondi del 2003 sono stati utilizzati per finanziare i numerosi progetti approvati nel 2002. Prossima scadenza prevista fine 2004. Riferimenti normativi Regolamento (CE) N.1784/1999 relativo al Fondo Sociale Europeo UE, Regolamento (CE) N.1685/2000, Programma Operativo Regionale per l'obiettivo 3, 2000-2006 della Regione Piemonte approvato con decisione C (2000) 2068 del 21/9/2000, Complemento di programmazione del POR, approvato con DGR n. 54 5526 del 11/03/02. Bandi e informazioni Sito della Regione Piemonte Sezione Lavoro http://www.regione.piemonte.it/lavoro/pariopp/index.htm