Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Advertisement


Advertisement
Documenti analoghi
Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, aprile

Sommario. Scheda Accoglienza pag. 7. Scheda Inserimento e accompagnamento pag. 11. Scheda Formazione pag. 13. Scheda Trattenere pag.

LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto

MOTIVAZIONE DEL SOCCORRITORE

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO

QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012

e ilgioco com inciò..

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

COMUNITÀ DI PRATICA. i loro membri condividono modalità di AZIONE E INTERPRETAZIONE della realtà

Formazione genitori. I percorsi

IL COACHING delle Ambasciatrici

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo

GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

VIAGGIO FANTASCIENTIFICO: ALLA SCOPERTA DI TERRA - ARIA ACQUA FUOCO

OBIETTIVI EDUCATIVI E DIDATTICI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA

SO Office Solutions SOLUZIONI E MACCHINE PER UFFICIO

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

ASSOCIAZIONE MOSAICO CORSO DI FORMAZIONE PER VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

Unità d apprendimento /Competenza

, progettati e realizzati in loco ricorrendo alle risorse umane presenti nelle strutture d Ateneo

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico PROGETTO TEATRO

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Esiti del laboratorio Lavoro di comunità

Cartificate of Advanced Studies (CAS) Docente di pratica professionale SI/SE

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

Programmazione annuale Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura)

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

ALLEGATO B. Sistema permanente di valutazione valutazione dell apporto individuale SCHEDE DI VALUTAZIONE INDIVIDUALI

TRAINING. Riservato ad agenti e venditori. (3 giornate intervallate)

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

Fase 1 - evidenze scientifiche e best practice ACCOGLIENZA STATO DEL PROGETTO AL 7 GIUGNO 2012

Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor

IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA. Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale.

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007)

Come gestire il cambiamento organizzativo?

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

Sezioni VERDE e GIALLA PROGETTO ALIMENTAZIONE COSA MANGIO OGGI?

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, gennaio 2005

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CENTALLO - VILLAFALLETTO CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO. Promuovere la pace per evitare la guerra

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado

PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA

Lo Standing adeguato per l inserimento in azienda

TRE ANNI TRAGUARDI per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI di apprendimento CONTENUTI

SAPERE E SAPER FARE IN CUCINA ISTITUTO COMPRENSIVO «E. DE AMICIS» SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO «G. PASCOLI» ANZOLA DELL EMILIA (BO)

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti.

CITTADINO VOLONTARIO: PARLIAMO DEI VOLONTARI! Rete tra i Responsabili della gestione dei Volontari delle ODV

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA

Il processo di valutazione Fase 1: Compilazione delle schede e analisi di adeguatezza dei valutatori Fase 2: Colloquio di valutazione...

Introduzione alla responsabilità sociale delle imprese (CSR) per le piccole e medie imprese

TOLLO CH -VIA CAVOUR N.2

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ FRA SCUOLA E FAMIGLIA

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA

Istituto Comprensivo di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 Grado Via Nazionale, 35/b QUERO (Belluno) I PLAY WITH ENGLISH

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting

SERVIZI LIONS A FAVORE DEI BAMBINI VALUTAZIONE DEI BISOGNI COMUNITARI

Chi sono. Progettista di Formazione. Giudice di Gara dal Giudice di Partenza Nazionale dal 1981

L USO DELLA PNL IN AZIENDA: COME, QUANDO E PERCHE

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO

Gestire e valorizzare le risorse umane. Ennio Ripamonti

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità

IL VALORE DELLA COMUNICAZIONE ALL INTERNO DI UN TEAM

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE. N. responsabili posizioni organizzative

ALL. A Competenze chiave di cittadinanza

Scuola dell Infanzia M.Montessori. Progetto Educativo-Didattico A.S

Il Piano di comunicazione

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

Come scrivere una lettera di presentazione?

C È SEMPRE BISOGNO DI SANGUE

CONOSCERE ED UTILIZZARE LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA

Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA TEATRALITA

Sante Perazzolo Trainer PNL e coach PNL new code

LA RELAZIONE l area della relazionalità

DALLA TESTA AI PIEDI

2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria

Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2

CITTADINANZA E COSTITUZIONE. Premessa

Organizzazione di un team virtuale: alcuni aspetti chiave

SCUOLA DELL INFANZIA DI ALSENO

QUESTIONARI INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013/14

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti GIOVEDI 1/ VENERDI 2/

IL PERCORSO VERSO LA QUALITÀ SALA ACTIV RILON CENTER PLOVDIV 1 NOVEMBRE 2008

Advertisement
Transcript:

Accogliere e trattenere i volontari in associazione Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Accoglienza Ogni volontario dovrebbe fin dal primo incontro con l associazione, potersi sentire accolto e a proprio agio, conoscendo l organizzazione di volontariato nel suo insieme e che cosa effettivamente gli viene chiesto di fare, con tempi e azioni ben definite. È la relazione che si instaura con il nuovo volontario che costruisce le motivazioni a entrare a farvi parte e soprattutto a rimanere.

Evidenziare la mission... La parte relativa alle informazioni generali da sola non basta, infatti si tratta fin da subito di evidenziare la mission e la vision, ovvero per quali valori l odv esiste e quali sono i piani futuri: in questo modo il nuovo volontario può cominciare a sentirsi parte di un percorso. Il percorso di accoglienza può quindi essere fatto con rispetto e cura oltre che competenza nel merito della relazione con l altro. Occorre tenere conto della paura, dell età della persona, delle motivazioni... Di fronte alle diverse attività di un associazione (disabilità, ambiente, malattie degenerative, animazione di quartiere ) ci può essere da parte del cittadino che si avvicina alla vostra associazione interesse, senso della sfida, ma anche timore, paura di non farcela, senso di distanza.

...Utile per capire bene chi ha davanti, che tipo di volontario. Si tratta di una fase delicata, per questo è utile per l associazione stessa cercare di dedicarle tempi e spazi adeguati. E importante anche avere una persona dedicata: può essere anche un volontario con una certa sensibilità e capacità di ascolto, o il volontario dell associazione che ha più esperienza, oppure ancora la persona che magari ha contattato il nuovo volontario. La cosa importante è che questa persona (si può chiamare tutor) sia di riferimento per le prime volte del nuovo volontario in associazione, cercando dal primo incontro di capire quali motivazioni muovono il neo volontario, cogliendone paure e attese, presentando l associazione (finalità e attività specifiche) e proponendo già al neo volontario un ruolo o un attività in cui inserirsi.

attenzione a : - non usare linguaggio strettamente tecnico; - non dare per scontato che il neo volontario conosca appieno le problematiche che stanno a cuore all associazione (donazione organi, malattie degenerative, bambini con particolari esigenze, temi ambientali ); - facilitare la libertà di domanda : l altro non dovrebbe sentirsi in obbligo verso di voi ; Riflettere sul tema generale della solidarietà come stile di vita; - concordare orari e tempi dell attività. NB: è importante sottolineare che il tutor, che tra l altro ha uno stretto rapporto con gli altri volontari e la dirigenza a cui rimanda un feed - back formale e informale, pur svolgendo questa funzione non è il solo ad accogliere: è l intera associazione che accoglie!

Inserimento e accompagnamento In questa fase il tutor potrebbe organizzare spazi dedicati ad incontri di accompagnamento del neo volontario, o del gruppo di nuovi volontari anche se arrivati in tempi diversi, nell attività associativa, in cui : - si chiariscono le reciproche aspettative e i dubbi; - si raccoglie e discute la richiesta di formazione del neo volontario per affrontare meglio alcune questioni pertinenti all attività che si svolge; - si spiega quel che non si deve fare in associazione e come ci si deve comportare in situazioni critiche ; - si spiegano quali sono le questioni amministrative di cui tener conto, quali sono gli strumenti di lavoro (se ci sono) e le persone cui fare riferimento per le varie attività.

...tra vecchi e nuovi Sarebbe importante che in queste fasi successive fossero presenti oltre al volontario tutor, anche gli altri volontari, come il responsabile dell associazione o di alcune attività o progetti rilevanti per il lavoro del volontario. Quello dell inserimento/accompagnamento diventa in questo modo un importante occasione di socializzazione tra vecchi e nuovi volontari, rafforzando la disponibilità a lavorare insieme nel rispetto delle reciproche capacità e competenze. In più, questo accompagnamento rende visibile ulteriormente il valore che l associazione attribuisce al neo volontario, il quale d altro canto acquisisce maggior consapevolezza e fiducia nel proprio personale contributo verso l associazione e le tematiche che affronta

Formazione La formazione del neo volontario serve ad aumentare le competenze e le abilità necessarie per svolgere l azione volontaria con soddisfazione e successo per lo stesso volontario,ma anche per l odv e, naturalmente, il destinatario dell azione. Si parte dalle conoscenze-competenze del neo volontario per poter definire insieme l obiettivo del percorso formativo.

Percorso incentrato su: - il sapere: ovvero, l acquisizione di nuove conoscenze; - il saper fare: ovvero, l apprendimento di tecniche, strumenti, strategie; - il saper essere : ovvero, lo sviluppo della consapevolezza di sé) e suoi contenuti. Una cosa importante per l associazione è tenere conto nella definizione dei tempi della disponibilità effettiva dei volontari da un lato e delle esigenze dell organizzazione. NB: la formazione è utile all odv in quanto apporta un miglioramento del livello globale di funzionamento dell associazione e della qualità dei servizi offerti

Trattenere Per dare continuità all azione volontaria è utile che l odv metta in primo piano il volontario con le sue motivazioni ed esigenze. Identificare le motivazioni di ogni volontario è utile infatti non solo nella fase di accoglienza e inserimento/accompagnamento, ma anche in quella di posizionamento organizzativo e mantenimento: è infatti da quelle che si capisce qual è il compito o mansione più appropriata. Una volta condivisi missione e valori, infatti, i volontari sono spinti a rimanere quando svolgono attività interessanti e significative per gli utenti o la comunità e per l associazione. È bene considerare che ciò che può essere poco importante o noioso per un potenziale volontario può essere estremamente stimolante per un altro: per questo se possibile occorre da parte dell odv uno sforzo in più di ascolto, comprensione ed adeguamento per soddisfare le reali aspettative del volontario e ottenere così un azione volontaria positiva ed efficace.

Le motivazioni mutano nel tempo essere quindi attenti ai cambiamenti nei livelli di partecipazione e nella qualità del lavoro volontario. Capire se questi cambiamenti dipendono da situazioni personali oppure da insoddisfazione verso l esperienza di volontariato permette all odv di individuare le strategie migliori per rivitalizzare l impegno volontario e la partecipazione. (Nel secondo caso si può proporre, per esempio, di cambiare attività, di attribuire maggiori responsabilità, o toglierne, di fare più formazione, di cambiare le persone con cui si collabora o spostare il volontario su altro progetto...) Se si colgono e gestiscono i cambiamenti si eviterà la disaffezione non solo nei confronti dell attività, ma dell organizzazione nel suo complesso.

..qualità del contesto organizzativo se ci sono continue tensioni all interno dell associazione tra le varie persone, o confusione di ruoli, funzioni e responsabilità, poca chiarezza rispetto ad obiettivi e metodi di lavoro, allora probabilmente sarà difficile che il volontario abbia voglia di dare continuità alla propria esperienza. Altri aspetti che influiscono profondamente sulla disponibilità di un volontario a continuare la collaborazione possono essere: - il non poter lavorare bene, cioè non avere strumenti e competenze per sapere se sta lavorando bene, se sta raggiungendo gli obiettivi, se sta utilizzando metodi di lavoro giusti;

... - il non sentirsi riconosciuti e valorizzati: vale la pena ricordare che i volontari non vogliono sentirsi dire grazie, ma fa piacere lo stesso essere ringraziati per l impegno. Festeggiare i successi e i risultati ottenuti, riconoscere il contributo di ognuno è molto importante, perché rafforza il senso di appartenenza e sottolinea l importanza delle azioni dei volontari. È soprattutto nella quotidianità del lavoro svolto che grazie diventa particolarmente significativo.