REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 66/ 14 DEL

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 66/ 14 DEL 27.11.2008"

Transcript

1 DELIBERAZIONE N. 66/ 14 Oggetto: Decreto interministeriale 13 novembre 2007 e art. 8 della legge 25 febbraio 2008, n Attribuzione nuove funzioni all Agenzia ARGEA Sardegna ai sensi dell art. 7, comma 19, della L.R. 5 marzo 2008, n. 3. Commercializzazione uova L Assessore dell agricoltura e riforma agro-pastorale richiama l'attenzione della Giunta sull'esigenza garantire la qualità e la provenienza dei prodotti venduti sul mercato,in quanto ciò si traduce in un incremento del valore aggiunto e ne facilita la vendita, favorendo oltre che i produttori, gli operatori commerciali e i consumatori. I recenti Regolamenti Comunitari sono coerenti con questi obiettivi e prevedono, tra l'altro: - che tutte le uova vendute al consumatore finale, incluse quelle che non sono classificate secondo il peso, debbano essere marchiate con il codice del produttore, che permetta al consumatore di conoscere oltre al sistema di allevamento (biologico, all aperto,a terra, in gabbia), il paese di produzione delle uova, il comune la provincia dell allevamento ed il produttore. Lo Stato membro può esonerare da questo obbligo le uova provenienti da produttori aventi fino a 50 galline ovaiole, a condizione che il nome e l indirizzo del produttore siano indicati nel punto vendita; - che le uova destinate all industria alimentare e non alimentare possano essere esonerate dallo Stato membro dagli obblighi di stampigliatura; - che dal 1 luglio 2008 gli Stati membri possano esonerare gli operatori, su loro richiesta, dagli obblighi in materia di stampigliatura qualora le uova siano consegnate direttamente dal sito di produzione all industria alimentare. La normativa comunitaria è stata recepita a livello nazionale con due distinti atti normativi, il decreto interministeriale 13 novembre 2007, recante modalità per l applicazione di disposizioni comunitarie in materia di commercializzazione delle uova, e l art. 8 della legge 25 febbraio 2008, n. 34 riguardante disposizioni per l adempimento di obblighi derivanti dall appartenenza dell Italia alle Comunità europee (legge comunitaria 2007). L Assessore riferisce che, attraverso tali norme, sono state affidate alle Regioni le procedure amministrative per l autorizzazione, la revoca ed il controllo dei centri di imballaggio delle uova 1/ 5

2 precedentemente svolte dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (MIPAAF). In particolare il decreto interministeriale 13 novembre 2007 prevede il trasferimento in carico alla Regione delle seguenti competenze: - Autorizzazione dei centri di imballaggio uova situati nel proprio territorio, previo accertamento delle condizioni previste all art. 5 del Reg. (CE) n. 557/2007 della Commissione e acquisizione del codice di identificazione attribuito dal Mipaaf al predetto centro, ai fini della pubblicazione della lista aggiornata a livello nazionale dei centri di imballaggio uova pubblicata nel sito - Verifica almeno ogni tre anni presso i centri di imballaggio uova autorizzati ricadenti nel proprio territorio, della permanenza dei requisiti di cui all art. 5 del Reg. (CE) 557/2007 per il mantenimento dell autorizzazione. - Revoca o sospensione fino al momento del ripristino degli obblighi imposti dalla normativa comunitaria e nazionale, dell autorizzazione dei centri di imballaggio uova a seguito di controlli che riscontrino delle non conformità agli obblighi stessi, sia a seguito di controllo della Regione che su segnalazione dell Ispettorato centrale per il controllo della qualità dei prodotti agroalimentari o degli altri organismi di controllo abilitati. - Revoca o sospensione dell autorizzazione dei centri di imballaggio uova a seguito di segnalazione del Mipaaf che rilevi inadempienze degli stessi centri relativamente al pagamento delle quote annuali previste dalla legge n. 137/91 e dal successivo DM di applicazione n. 434/91. L Assessore precisa che in questa fase è necessario definire, per la materia riguardante la commercializzazione delle uova, le funzioni da mantenere in capo all Assessorato all Agricoltura e quelle da affidare all Agenzia ARGEA Sardegna ai sensi dell art. 7 comma 19 della L.R. 5 marzo 2008, n. 3. Tale articolo prevede che: oltre alle funzioni assegnate dalle vigenti disposizioni, all Agenzia ARGEA Sardegna possono essere attribuite con delibera della Giunta regionale, da adottarsi su proposta dell Assessore dell agricoltura e riforma agro-pastorale e previo parere della competente Commissione consiliare, che deve essere espresso entro venti giorni, ulteriori funzioni in materia di agricoltura e pesca. L Assessore riferisce inoltre che il comma 7 dell art. 8 della legge 25 febbraio 2008, n. 34 prevede che : Le spese relative alle autorizzazioni di cui al comma 1 sono poste a carico dei richiedenti, secondo tariffe basate sul costo del servizio e modalità di versamento da stabilire con disposizioni 2/ 5

3 delle Regioni e delle Province autonome competenti per territorio, e che pertanto è necessaria la loro determinazione. L Assessore prosegue ricordando che nel citato decreto interministeriale è previsto che le Regioni mettano a disposizione dei consumatori anche direttamente presso i punti vendita, le informazioni che consentano di interpretare correttamente i codici distintivi del produttore apposti sulle uova ed in particolare: 1. lo Stato membro o paese terzo di produzione; 2. il sistema di allevamento; 3. la denominazione e sede dell azienda in cui ha avuto luogo la produzione; 4. gli estremi della ASL competente per l allevamento di produzione. Lo stesso decreto prevede che i centri di imballaggio possano apporre sulle uova e sugli imballaggi che le contengono, diciture che fanno riferimento al tipo di alimentazione somministrata alle galline ovaiole, è inoltre possibile indicare la data di deposizione e il termine di 9 giorni dalla predetta data di deposizione al fine di poter utilizzare la dicitura EXTRA. L Assessore fa presente che al fine di adempiere al compito di mettere in condizione i consumatori di interpretare correttamente le informazioni presenti sulle uova sotto forma di codici distintivi, è necessario individuare l Organismo cui affidare tale compito. Sulla base delle funzioni assegnate dalla L.R. 8 agosto 2006, n. 13 all Agenzia LAORE Sardegna, che prevedono tra l altro che curi l informazione e favorisca la valorizzazione delle produzioni agroalimentari,ritiene sia opportuno incaricare la predetta Agenzia per l attuazione dei sopradescritti adempimenti. Tutto ciò premesso, l Assessore dell Agricoltura e Riforma Agro-Pastorale propone: 1 Di attribuire ai sensi dell art. 7 comma19 della L.R. 5 marzo 2008, n.3, all Agenzia ARGEA Sardegna le seguenti funzioni amministrative: - Rilascio dell autorizzazione ad operare dei centri di imballaggio uova previo accertamento dei requisiti di cui all art. 5 del Reg. (CE) n. 557/2007; - Controlli dei centri di imballaggio uova autorizzati sulla sussistenza dei requisiti di cui all art. 5 del Reg. (CE) n. 557/2007, che prevedano, sulla base di un piano di controllo 3/ 5

4 elaborato entro il 31 gennaio di ogni anno dalla stessa ARGEA, un controllo ogni 3 anni per ciascun centro di imballaggio autorizzato; - Revoca o sospensione dell autorizzazione dei centri di imballaggio uova sulla base delle risultanze di controlli effettuati dalla stessa ARGEA o su segnalazione dell Ispettorato Centrale per il controllo della qualità dei prodotti agroalimentari o dagli altri organismi di controllo abilitati oltrechè del Mipaaf, nel caso di inadempienze legate all applicazione della L. 137/91 e DM n. 434/91, relativamente al versamento delle quote annuali. - Aggiornamento dei provvedimenti di autorizzazione dei centri di imballaggio uova, al variare della denominazione o ragione sociale e della potenzialità lavorativa giornaliera intesa come numero di uova lavorate. - ogni altro adempimento di natura gestionale, non rientrante tra quelli di indirizzo e controllo e monitoraggio sull attuazione delle disposizioni normative, che sono riservati alla competenza dell Assessorato dell Agricoltura. 2 di dare mandato all'assessore all'agricoltura e Riforma Agro-Pastorale per la determinazione dell'importo e della modalità di versamento per la richiesta dell'autorizzazione all'imballaggio e commercializzazione delle uova, ai sensi dell'art. 8 della legge 25 febbraio 2008 n di individuare l Agenzia Laore quale soggetto cui affidare il compito di informare i consumatori sulla corretta interpretazione dei codici apposti sulle uova. La Giunta regionale, condividendo quanto rappresentato e proposto dall Assessore dell Agricoltura e Riforma Agro-Pastorale, constatato che il Direttore Generale ha espresso parere favorevole di legittimità DELIBERA 1. di attribuire ai sensi dell art. 7 comma19 della L.R. 5 marzo 2008, n.3, all Agenzia ARGEA Sardegna le seguenti funzioni amministrative: - Rilascio dell autorizzazione ad operare dei centri di imballaggio uova previo accertamento dei requisiti di cui all art. 5 del Reg. (CE) n. 557/2007; 4/ 5

5 - Controlli dei centri di imballaggio uova autorizzati sulla sussistenza dei requisiti di cui all art. 5 del Reg. (CE) n. 557/2007, che prevedano, sulla base di un piano di controllo elaborato entro il 31 gennaio di ogni anno dalla stessa ARGEA, un controllo ogni 3 anni per ciascun centro di imballaggio autorizzato; - Revoca o sospensione dell autorizzazione dei centri di imballaggio uova sulla base delle risultanze di controlli effettuati dalla stessa ARGEA o su segnalazione dell Ispettorato Centrale per il Controllo della Qualità dei Prodotti Agroalimentari o dagli altri organismi di controllo abilitati oltrechè del Mipaaf, nel caso di inadempienze legate all applicazione della L. 137/91 e DM n. 434/91, relativamente al versamento delle quote annuali. - Aggiornamento dei provvedimenti di autorizzazione dei centri di imballaggio uova, al variare della denominazione o ragione sociale e della potenzialità lavorativa giornaliera intesa come numero di uova lavorate. - ogni altro adempimento di natura gestionale, non rientrante tra quelli di indirizzo e controllo e monitoraggio sull attuazione delle disposizioni normative, che sono riservati alla competenza dell Assessorato dell Agricoltura. 2. di dare mandato all'assessore all'agricoltura e Riforma Agro-Pastorale per la determinazione dell'importo e della modalità di versamento per la richiesta dell'autorizzazione all'imballaggio e commercializzazione delle uova, ai sensi dell'art. 8 della legge 25 febbraio 2008 n di individuare l Agenzia Laore quale soggetto cui affidare il compito di informare i consumatori sulla corretta interpretazione dei codici apposti sulle uova. La presente deliberazione sarà inviata al Consiglio regionale per l espressione del parere, relativamente al punto 1), da parte della competente Commissione consiliare, ai sensi dell art. 7 comma 19 della L.R. 5 marzo 2008, n. 3. Il Direttore Generale Fulvio Dettori Il Presidente Renato Soru 5/ 5

Prot. n. (APN/08/38850) ------------------------------------------------------------- LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Prot. n. (APN/08/38850) ------------------------------------------------------------- LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Prot. n. (APN/08/38850) ------------------------------------------------------------- LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Visti: - il Reg. (CE) n. 1028/2006, del 19 giugno 2006, recante norme di commercializzazione

Dettagli

13 2007 1028/2006, 557/2007, 267, 29 2003. (GU

13 2007 1028/2006, 557/2007, 267, 29 2003. (GU DECRETO 13 Novembre 2007 Modalita' per l'applicazione di disposizioni comunitarie in materia di commercializzazione delle uova, ai sensi dei regolamenti (CE) n. 1028/2006, del Consiglio e n. 557/2007,

Dettagli

9.3.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10 DELIBERAZIONE 28 febbraio 2011, n. 104

9.3.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10 DELIBERAZIONE 28 febbraio 2011, n. 104 9.3.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10 DELIBERAZIONE 28 febbraio 2011, n. 104 Indirizzi per l attività di gestione degli elenchi regionali degli operatori biologici e dei concessionari

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 52/16 DEL 23.12.2014

DELIBERAZIONE N. 52/16 DEL 23.12.2014 Oggetto: D.Lgs. 14.8.2012, n. 150 e decreto interministeriale 22 gennaio 2014. Piano d'azione nazionale per l'uso sostenibile dei prodotti fitosanitari. Direttive per l'attuazione nella Regione Sardegna

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DECRETO 11 dicembre 2009. Modalità per l applicazione di disposizioni comunitarie in materia di commercializzazione delle uova, ai sensi dei regolamenti

Dettagli

Oggetto: Costituzione Elenco regionale dei fornitori delle aziende agrituristiche. Il Direttore del Servizio

Oggetto: Costituzione Elenco regionale dei fornitori delle aziende agrituristiche. Il Direttore del Servizio Oggetto: Costituzione Elenco regionale dei fornitori delle aziende agrituristiche. Il Direttore del Servizio VISTA la legge regionale 8 agosto 2006 n.13 di Riforma degli enti agricoli e riordino delle

Dettagli

DISCIPLINARE. Uova di gallina ovaiola con accesso all'aperto

DISCIPLINARE. Uova di gallina ovaiola con accesso all'aperto Qualità con indicazione di origine "Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige" DISCIPLINARE per il settore Uova di gallina ovaiola con accesso all'aperto Decreto Presidente della Provincia n. 55 del 04.02.2014

Dettagli

La rintracciabilità nel settore delle uova e degli ovoprodotti

La rintracciabilità nel settore delle uova e degli ovoprodotti La rintracciabilità nel settore delle uova e degli ovoprodotti EUWEP ASSEMBLEA GENERALE 2010 VERONA, 4 GIUGNO Dr. Silvio Borrello Direttore Generale della sicurezza degli alimenti e della nutrizione Ministero

Dettagli

Oggetto: Bando per il riconoscimento degli Organismi erogatori di servizi di consulenza aziendale

Oggetto: Bando per il riconoscimento degli Organismi erogatori di servizi di consulenza aziendale Oggetto: Bando per il riconoscimento degli Organismi erogatori di servizi di consulenza aziendale agricola e/o forestale, previsti dalla Misura 114 del P.S.R. 2007-2013 della Regione Sardegna Utilizzo

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. PREMESSO CHE: - la Regione Calabria ha il più vasto patrimonio di terreni pubblici di tutto il territorio nazionale;

LA GIUNTA REGIONALE. PREMESSO CHE: - la Regione Calabria ha il più vasto patrimonio di terreni pubblici di tutto il territorio nazionale; LA GIUNTA REGIONALE PREMESSO CHE: - la Regione Calabria ha il più vasto patrimonio di terreni pubblici di tutto il territorio nazionale; - con la legge regionale 21 agosto 2007 n.18, la Regione ha inteso

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 62/ 4 DEL 14.11.2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 62/ 4 DEL 14.11.2008 DELIBERAZIONE N. 62/ 4 Oggetto: Legge regionale n. 4/2006 - Agenzia Sardegna Promozione Ricognizione delle competenze, funzioni e risorse. Direttive per il loro trasferimento Il Presidente della Regione,

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 9/53 DEL 23.2.2012

DELIBERAZIONE N. 9/53 DEL 23.2.2012 IBERAZIONE N. 9/53 23.2.2012 Oggetto: Procedure per la richiesta di nuova autorizzazione o di rinnovo dell autorizzazione per le attività di trapianto di organi. L Assessore dell Igiene e Sanità e dell

Dettagli

ALLEGATO CHIEDE. A tal riguardo il sottoscritto dichiara che il proprio centro d imballaggio sarà situato in: e che (barrare le caselle di interesse):

ALLEGATO CHIEDE. A tal riguardo il sottoscritto dichiara che il proprio centro d imballaggio sarà situato in: e che (barrare le caselle di interesse): ALLEGATO SCHEMA DI DOMANDA AUTORIZZAZIONE Bollo 14,62 All Assessorato Agricoltura della Regione Piemonte Direzione Agricoltura Settore Sviluppo Delle Produzioni Zootecniche C.so Stati Uniti,21 10128 TORINO

Dettagli

Il Direttore Generale. VISTO lo Statuto dell Agenzia, approvato con Delibera della Giunta Regionale n. 5/15 del

Il Direttore Generale. VISTO lo Statuto dell Agenzia, approvato con Delibera della Giunta Regionale n. 5/15 del DETERMINAZIONE N 118/11 Oggetto: Determinazioni del Direttore Generale nn. 73/2010 del 13.07.2010 e 87/2011 del 09.08.2011. Rettifica. VISTA la Legge Regionale 8 agosto 2006, n. 13; VISTA la Legge Regionale

Dettagli

Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale

Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale R E G I O N E P U G L I A Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO RURALE SERVIZIO AGRICOLTURA CODICE CIFRA: /DEL/2008/ OGGETTO: Piano Regionale per la ristrutturazione

Dettagli

Oggetto: Bando per il riconoscimento degli Organismi erogatori di servizi di consulenza aziendale

Oggetto: Bando per il riconoscimento degli Organismi erogatori di servizi di consulenza aziendale Oggetto: Bando per il riconoscimento degli Organismi erogatori di servizi di consulenza aziendale agricola e/o forestale, previsti dalla Misura 114 del P.S.R. 2007-2013 della Regione Sardegna Utilizzo

Dettagli

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 22 dicembre 2014. Cofinanziamento nazionale a carico del Fondo di rotazione di cui alla legge n. 183/1987 per

Dettagli

Regolamento (CE) n. 1028/2006 del Consiglio del 19 giugno 2006 recante norme di commercializzazione applicabili alle uova.

Regolamento (CE) n. 1028/2006 del Consiglio del 19 giugno 2006 recante norme di commercializzazione applicabili alle uova. Regolamento (CE) n. 1028/2006 del 19 giugno 2006. Regolamento (CE) n. 1028/2006 del Consiglio del 19 giugno 2006 recante norme di commercializzazione applicabili alle uova. (pubbl. in Gazz. Uff. dell Unione

Dettagli

Ambiente per gli adempimenti di competenza.

Ambiente per gli adempimenti di competenza. 8790 N. 36 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 1-9-2015 Parte I biente e Territorio, Infrastrutture, Opere Pubbliche e Trasporti dovrà provvedere alla redazione del provvedimento amministrativo

Dettagli

(2) Emanato dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali. IL DIRETTORE GENERALE. del controllo della qualità e dei sistemi di qualità

(2) Emanato dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali. IL DIRETTORE GENERALE. del controllo della qualità e dei sistemi di qualità D.Dirett. 2 marzo 2009 (1). Conferimento alla Camera di commercio, industria, artigianato, agricoltura di Taranto dell'incarico a svolgere le funzioni di controllo previste dal decreto 29 marzo 2007 per

Dettagli

DETERMINAZIONE N. G10565 DEL 04 SETTEMBRE 2015

DETERMINAZIONE N. G10565 DEL 04 SETTEMBRE 2015 DETERMINAZIONE N. G10565 DEL 04 SETTEMBRE 2015 OGGETTO: Decreto Legislativo 27 maggio 1999 n. 165 - Decreto Ministeriale 27 marzo 2008 e D.G.R. 17 ottobre 2008 n. 725. Autorizzazione all attività di Centro

Dettagli

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA REALIZZATO CON LA COLLABORAZIONE TECNICA DI DINTEC DICEMBRE 2009 PREMESSA L agricoltura biologica è un particolare metodo di gestione della produzione

Dettagli

IL DIRETTORE DEL SERVIZIO. lo statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione;

IL DIRETTORE DEL SERVIZIO. lo statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; 06.01.08 DETERMINAZIONE PROT. N. 7281 REP. N. 677 Oggetto: Reg. (CE) n. 1698/2005. PSR 2007/2013. Misura 214 Pagamenti Agroambientali - Azioni 214/1 Agricoltura Biologica, 214/2 Difesa del suolo, 214/4

Dettagli

ASSESSORATO DELL'AGRICOLTURA E RIFORMA AGRO- PASTORALE DECRETO N 804/ DEC A 44 DEL 29.05.2012

ASSESSORATO DELL'AGRICOLTURA E RIFORMA AGRO- PASTORALE DECRETO N 804/ DEC A 44 DEL 29.05.2012 DECRETO N 804/ DEC A 44 DEL 29.05.2012 Oggetto: Programma di Sviluppo Rurale 2007/2013. Misura 214 Pagamenti Agroambientali. Azione 214/6 Produzione Integrata. Revisione registro aziendale delle operazioni

Dettagli

D.M. 16 dicembre 1991, n. 434.

D.M. 16 dicembre 1991, n. 434. D.M. 16 dicembre 1991, n. 434. Regolamento per l attuazione dell art. 1, commi 4, 5 e 6 della legge 10 aprile 1991, n. 137, recante norme per 1 esercizio delle funzioni di controllo sulla commercializzazione

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Prot. n 5442 Decreto Ministeriale recante la procedura a livello nazionale per la registrazione delle DOP e IGP ai sensi del Regolamento (CE) n. 510/2006. Visto il regolamento (CE) n. 510/2006 del Consiglio

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Regolamento (CE) N. 765/2008 del

Dettagli

Le Politiche della Regione nell ambito dei consumi e alimentazione a KM 0

Le Politiche della Regione nell ambito dei consumi e alimentazione a KM 0 Le Politiche della Regione nell ambito dei consumi e alimentazione a Valorizzazione produzioni agro alimentari di qualità Premessa Cosa si intende per consumo a KM 0? prodotti provenienti da areali di

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO QUALITA GARANTITA DALLA REGIONE SARDEGNA

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO QUALITA GARANTITA DALLA REGIONE SARDEGNA Allegato alla Delib.G.R. n. 10/16 del 17.3.2015 REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO QUALITA GARANTITA DALLA REGIONE SARDEGNA 1/9 Riferimenti normativi Il presente regolamento è stato elaborato sulla

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 183/2005 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO (CE) N. 183/2005 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO REGOLAMENTO (CE) N. 183/2005 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 12 gennaio 2005 che stabilisce requisiti per l igiene dei mangimi Regolamento 183/2005 Applicazione sul territorio regionale L applicazione

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA "PROMOZIONE DELL'ACCESSO AL LAVORO DELLE PERSONE DISABILI". Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 49 del 24 luglio 2001 IL CONSIGLIO

Dettagli

Le novità in materia di salute e sicurezza sul lavoro introdotte dal Jobs Act

Le novità in materia di salute e sicurezza sul lavoro introdotte dal Jobs Act Le novità in materia di salute e sicurezza sul lavoro introdotte dal Jobs Act LEGGE 10 DICEMBRE 2014, N. 183 (C.D. «JOBS ACT») L articolo 1, comma 5, della L. 183/2014 «Deleghe al Governo in materia di

Dettagli

ORGANISMO PAGATORE REGIONE LOMBARDIA

ORGANISMO PAGATORE REGIONE LOMBARDIA Allegato 1 al decreto n. ORGANISMO PAGATORE REGIONE LOMBARDIA Modalità e condizioni per la presentazione della domanda di contributo per le assicurazioni nel settore OCM Vitivinicolo Campagna 2010 1 Sommario

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 22 del 12 02 2015. DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO AGRICOLTURA 2 febbraio 2015, n.

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 22 del 12 02 2015. DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO AGRICOLTURA 2 febbraio 2015, n. 5094 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO AGRICOLTURA 2 febbraio 2015, n. 5 Misura Investimenti Campagna 2014 2015. Piano Nazionale di Sostegno Vitivinicolo Reg. (CE) n. 1308/2013 D.M. n. 1831 del 4 Marzo

Dettagli

Manuale per l autorizzazione dei centri di imballaggio uova

Manuale per l autorizzazione dei centri di imballaggio uova Manuale per l autorizzazione dei centri di imballaggio uova EG (CE) N. 1234/2007 DEL CONSIGLIO del 22 ottobre 2007 EG (CE) N. 589/2008 DELLA COMMISSIONE del 23 giugno 2008 Manuale per la gestione dei controlli

Dettagli

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue.

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue. OGGETTO: Programma nazionale di sostegno al settore vitivinicolo misura investimenti. Regolamento (CE) n. 1308/2013 articolo 50. Bando annualità 2016. DGR/CR n. 96 del 19/11/2015. NOTA PER LA TRASPARENZA:

Dettagli

Decreto 13 maggio 1999, n. 219. Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato.

Decreto 13 maggio 1999, n. 219. Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato. Decreto 13 maggio 1999, n. 219 Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato. IL MINISTRO DEL TESORO DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA Visto il decreto legislativo 24 febbraio 1998,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Regolamento (CE) N. 765/2008 del

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE EUROPEE E INTERNAZIONALI E DELLO SVILUPPO RURALE DIREZIONE GENERALE DELLE POLITICHE INTERNAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA

Dettagli

Promozione e riconoscimento dei distretti agroalimentari di qualità DAQ. Art. 1 (Finalità)

Promozione e riconoscimento dei distretti agroalimentari di qualità DAQ. Art. 1 (Finalità) Promozione e riconoscimento dei distretti agroalimentari di qualità DAQ Art. 1 (Finalità) 1. La presente legge disciplina le procedure di individuazione e di riconoscimento dei Distretti Agroalimentare

Dettagli

Carni bovine Regolamento CE 1760/2000 identificazione e registrazione dei bovini etichettatura delle carni bovine disposizioni comuni

Carni bovine Regolamento CE 1760/2000 identificazione e registrazione dei bovini etichettatura delle carni bovine disposizioni comuni Carni bovine Le carni bovine, a seconda della modalità con cui vengono vendute, possono essere sottoposte sia alle norme di carattere generale sull etichettatura dei prodotti alimentari sia a quelle specifiche

Dettagli

Oggetto: Bando per il riconoscimento degli Organismi erogatori di servizi di consulenza aziendale

Oggetto: Bando per il riconoscimento degli Organismi erogatori di servizi di consulenza aziendale Oggetto: Bando per il riconoscimento degli Organismi erogatori di servizi di consulenza aziendale agricola e/o forestale, previsti dalla Misura 114 del P.S.R. 2007-2013 della Regione Sardegna Utilizzo

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO SVILUPPO RURALE

DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO SVILUPPO RURALE REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO SVILUPPO RURALE SETTORE INTERVENTI COMUNITARI PER LA PESCA.FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO

Dettagli

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA PROGRAMMA REGIONALE DI SVILUPPO 2014-2019 STRATEGIA 5.8 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE AVVISO PUBBLICO MANIFESTAZIONE DI INTERESSE FINALIZZATA ALL'ACQUISIZIONE DI PROPOSTE PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI

Dettagli

SGA - SGQ ISO 14001:2004 EN ISO 9001:2000. Manifestazioni ed Eventi Mercatini Bio P_749_M08_C_ALL01 CARTA QUALITÁ PNDB

SGA - SGQ ISO 14001:2004 EN ISO 9001:2000. Manifestazioni ed Eventi Mercatini Bio P_749_M08_C_ALL01 CARTA QUALITÁ PNDB Pag. 1 di 6 CARTA QUALITÁ PNDB Settore MANIFESTAZIONI ED EVENTI Disciplinare per gli organizzatori dei mercatini di operatori che vendono o espongono prodotti da agricoltura biologica Unione Europea Progetto

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Regolamento (CE) N. 765/2008 del

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 5/10 DEL 7.2.2007

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 5/10 DEL 7.2.2007 Oggetto: Definizione delle modalità applicative dell imposta regionale sulle plusvalenze dei fabbricati adibiti a seconde case. Art. 2, legge regionale 11 maggio 2006, n. 4. L Assessore della Programmazione,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Regolamento (CE) N. 765/2008 del

Dettagli

Allegato al Decreto dell Assessore dell Agricoltura e Riforma Agro-pastorale n. 1624/DecA/43 del 10.11.2014

Allegato al Decreto dell Assessore dell Agricoltura e Riforma Agro-pastorale n. 1624/DecA/43 del 10.11.2014 Allegato al Decreto dell Assessore dell Agricoltura e Riforma Agro-pastorale n. 1624/DecA/43 del 10.11.2014 Direttive per l azione amministrativa e la gestione della Misura 2.3 dell Asse II del Fondo Europeo

Dettagli

PARTE SECONDA. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE - 26 giugno 2007, n. 967

PARTE SECONDA. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE - 26 giugno 2007, n. 967 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 110 del 1-8-2007 13791 PARTE SECONDA Deliberazioni del Consiglio e della Giunta DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE - 26 giugno 2007, n. 967 Approvazione

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI AGRICOLTURA SOCIALE

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI AGRICOLTURA SOCIALE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI AGRICOLTURA SOCIALE Art. 1 - Finalità e oggetto. 1. La Regione del Veneto promuove l agricoltura sociale quale aspetto della multifunzionalità delle attività agricole, per ampliare

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SEZIONE AGRICOLTURA 16 dicembre 2015, n.728

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SEZIONE AGRICOLTURA 16 dicembre 2015, n.728 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SEZIONE AGRICOLTURA 16 dicembre 2015, n.728 Reg. (CE) n. 1308/2013 D.M. 23 gennaio 2006 Programma finalizzato al miglioramento della produzione e commercializzazione dei prodotti

Dettagli

E. Monica Russo. Integratori alimentari e novel food

E. Monica Russo. Integratori alimentari e novel food E. Monica Russo Integratori alimentari e novel food enza.russo@lab-to.camcom.it Isernia, 2 aprile 2014 1 MINISTERO DELLA SALUTE www.salute.gov.it TEMI E PROFESSIONI ALIMENTI ALIMENTI PARTICOLARI integratori

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 57 del 17-5-2016 23189

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 57 del 17-5-2016 23189 23189 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 26 aprile 2016, n.596 Gestione temporanea dell Azienda agricola di proprietà regionale Fortore. Adozione di schema di avviso di manifestazione di interesse per

Dettagli

LINEE GUIDA PER Il FINANZIAMENTO DI AREE ATTREZZATE DESTINATE ALLA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI AGRICOLI IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19

LINEE GUIDA PER Il FINANZIAMENTO DI AREE ATTREZZATE DESTINATE ALLA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI AGRICOLI IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LINEE GUIDA PER Il FINANZIAMENTO DI AREE ATTREZZATE DESTINATE ALLA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI AGRICOLI IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 GENNAIO 2010 N.1. INDICE 1. Premessa 2. Riferimenti normativi

Dettagli

Il Direttore del Servizio per le Politiche di sviluppo rurale. e delle filiere agroalimentari

Il Direttore del Servizio per le Politiche di sviluppo rurale. e delle filiere agroalimentari Oggetto: Programma di sviluppo rurale Regione Sardegna 2007-2013- Misura 111: conferimento di incarichi di lavoro autonomo ad esperti di varie tematiche nell ambito delle attività di informazione previste

Dettagli

Il fascicolo aziendale

Il fascicolo aziendale Il campo tiene banco Indice Perché il fascicolo? Cenni normativi A chi rivolgersi Il contenuto L aggiornamento I controlli Perché il fascicolo? Ogni azienda che si presenta alla Pubblica Amministrazione

Dettagli

Modalita' di attuazione del regolamento UE n. 1071/2014, relativo ad. alcune misure eccezionali di sostegno del mercato avicolo.

Modalita' di attuazione del regolamento UE n. 1071/2014, relativo ad. alcune misure eccezionali di sostegno del mercato avicolo. MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DECRETO 16 gennaio 2015 Modalita' di attuazione del regolamento UE n. 1071/2014, relativo ad alcune misure eccezionali di sostegno del mercato

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 6 FEBBRAIO 2014 40/2014/R/GAS DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ACCERTAMENTI DELLA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI DI UTENZA A GAS L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO Nella riunione

Dettagli

SCHEMA TIPO DI DISCIPLINARE PER LO SVOLGIMENTO DI MERCATI DEL CONTADINO AUTORIZZATI DAL COMUNE DI JESI RISERVATI ALLA VENDITA DIR

SCHEMA TIPO DI DISCIPLINARE PER LO SVOLGIMENTO DI MERCATI DEL CONTADINO AUTORIZZATI DAL COMUNE DI JESI RISERVATI ALLA VENDITA DIR SCHEMA TIPO DI DISCIPLINARE PER LO SVOLGIMENTO DI MERCATI DEL CONTADINO AUTORIZZATI DAL COMUNE DI JESI RISERVATI ALLA VENDITA DIRETTA DA PARTE DEGLI IMPRENDITORI AGRICOLI ai sensi dell art. 4 comma 3 del

Dettagli

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA DELIBERA 3 agosto 2012. Fondo per lo sviluppo e la coesione regione Puglia. Programmazione delle residue risorse 2000-2006 e 2007-2013 e modifica

Dettagli

Programmazione SISSAR 2013-2015 - Anno 2015

Programmazione SISSAR 2013-2015 - Anno 2015 Programmazione del sistema integrato dei servizi di sviluppo agricolo e rurale di cui alla l.r. 5/2006 per il periodo 2013-2015. Aggiornamento annuale per il 2015. Sezione I - PROGRAMMAZIONE E ORGANIZZAZIONE

Dettagli

REGIONE PUGLIA Area politiche per lo sviluppo rurale

REGIONE PUGLIA Area politiche per lo sviluppo rurale REGIONE PUGLIA Area politiche per lo sviluppo rurale DETERMINAZIONE DELL AUTORITA DI GESTIONE PSR 2007-2013 ATTO DIRIGENZIALE ORIGINALE Codifica adempimenti L.R. 15/08 (trasparenza) Ufficio istruttore

Dettagli

(Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità)

(Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) 7.7.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 186/1 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) REGOLAMENTO (CE) N. 1028/2006 DEL CONSIGLIO del 19 giugno 2006 recante norme

Dettagli

REGIONE TOSCANA-GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA'

REGIONE TOSCANA-GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA' REGIONE TOSCANA-GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA' AREA DI COORDINAMENTO SANITA' SETTORE POLITICHE PER LA QUALITA' DEI SERVIZI SANITARI. Il Dirigente Responsabile/

Dettagli

anno 2011 2.000.000 anno 2012 2.000.000

anno 2011 2.000.000 anno 2012 2.000.000 Oggetto: L.R. n. 15/2010, art. 12 Impianti per la produzione di energia rinnovabile nelle aziende agricole. Programmazione della spesa e indirizzi attuativi. UPB S06.04.013, Capitolo SC06.1107 (FR) e Capitolo

Dettagli

Regolamento (CE) 104/2000 Regolamento (CE) 2065/2001 Regolamento (CE) 1224/2009 Regolamento (CE) 404/2011

Regolamento (CE) 104/2000 Regolamento (CE) 2065/2001 Regolamento (CE) 1224/2009 Regolamento (CE) 404/2011 1. L obbligo della rintracciabilità è stato assunto dal Consiglio della Comunità Europea, quale principio attraverso il quale organizzare i mercati in tale settore, tenendo conto dell evoluzione del mercato,

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Misure urgenti per il miglioramento del sistema di controllo come disciplinato agli artt. 27 e seguenti del Reg. (CE) n. 834/2007 e relativi regolamenti di applicazione. VISTO il Reg. (CE) n. 834/2007

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO SAPORE DI CAMPANIA

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO SAPORE DI CAMPANIA REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO SAPORE DI CAMPANIA Articolo 1 La Regione Campania istituisce e gestisce il marchio collettivo di qualità denominato Sapore di Campania, con le seguenti finalità:

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE INTEGRATA DEGLI EFFLUENTI DI ALLEVAMENTO AVICOLI NELLA PROVINCIA DI FORLÌ-CESENA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE INTEGRATA DEGLI EFFLUENTI DI ALLEVAMENTO AVICOLI NELLA PROVINCIA DI FORLÌ-CESENA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE INTEGRATA DEGLI EFFLUENTI DI ALLEVAMENTO AVICOLI NELLA PROVINCIA DI FORLÌ-CESENA LA REGIONE EMILIA ROMAGNA LA PROVINCIA DI FORLI -CESENA L ASSOCIAZIONE DI PRODUTTORI

Dettagli

Il Direttore Generale

Il Direttore Generale Oggetto: PSR 2007-2013 - Misura 123 Accrescimento del valore aggiunto dei prodotti agricoli e forestali 2^ sottofase Azione 1 - Trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli. Rigetto ricorso

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 1 DEL 19-01-2010 REGIONE SARDEGNA

LEGGE REGIONALE N. 1 DEL 19-01-2010 REGIONE SARDEGNA LEGGE REGIONALE N. 1 DEL 19-01-2010 REGIONE SARDEGNA Norme per la promozione della qualità dei prodotti della Sardegna, della concorrenza e della tutela ambientale e modifiche alla legge regionale 23 giugno

Dettagli

Comune di Cortazzone

Comune di Cortazzone Comune di Cortazzone REGOLAMENTO del MERCATO RISERVATO ALL ESERCIZIO DELLA VENDITA DIRETTA DA PARTE DEGLI IMPRENDITORI AGRICOLI Articolo 1 (Finalità ed impegni di carattere generale) 1) Il presente Regolamento

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il D.Lgs. 30 luglio 1999, n. 300, recante Riforma dell organizzazione del Governo a norma dell art. 11 della legge 15 marzo 1997, n. 59 e successive modifiche ed integrazioni ; VISTO il D.Lgs. 30

Dettagli

Rintracciabilità e tracciabilità strumenti di valorizzazione i del prodotto

Rintracciabilità e tracciabilità strumenti di valorizzazione i del prodotto MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI Direzione generale della pesca marittima e dell acquacoltura Aggiornamento in acquacoltura Corso di formazione Firenze 12/04/2013 Rintracciabilità

Dettagli

Dott. Alessandro Bonadonna per SEMI ONLUS L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE

Dott. Alessandro Bonadonna per SEMI ONLUS L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE 1. Assicurare una corretta e trasparente informazione al consumatore 2. Permettere la libera circolazione delle merci all interno dell Unione Europea

Dettagli

A relazione dell'assessore Sacchetto:

A relazione dell'assessore Sacchetto: REGIONE PIEMONTE BU13 28/03/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 25 marzo 2013, n. 11-5559 Piano Verde - Programma regionale per la concessione di contributi negli interessi sui prestiti contratti

Dettagli

REGIONE ABRUZZO DIREZIONE RIFORME ISTITUZIONALI ENTI LOCALI CONTROLLI SERVIZIO SISTEMI LOCALI E PROGRAMMAZIONE DELLO SVILUPPO MONTANO

REGIONE ABRUZZO DIREZIONE RIFORME ISTITUZIONALI ENTI LOCALI CONTROLLI SERVIZIO SISTEMI LOCALI E PROGRAMMAZIONE DELLO SVILUPPO MONTANO ALL. A REGIONE ABRUZZO DIREZIONE RIFORME ISTITUZIONALI ENTI LOCALI CONTROLLI SERVIZIO SISTEMI LOCALI E PROGRAMMAZIONE DELLO SVILUPPO MONTANO Criteri e modalità per la presentazione e verifica di ammissibilità

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 45/19 DEL 27.9.2005

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 45/19 DEL 27.9.2005 45/19 DEL 27.9.2005 Oggetto: Riorganizzazione delle funzioni regionali in materia di donazioni, prelievi e trapianti di organi, tessuti e cellule. L Assessore dell Igiene, Sanità e dell Assistenza Sociale

Dettagli

Oggetto: L.R. n. 12/2011, art. 6. Linee di indirizzo ex art. 8, 8. comma 1, 1. L.R. n. 31/1998.

Oggetto: L.R. n. 12/2011, art. 6. Linee di indirizzo ex art. 8, 8. comma 1, 1. L.R. n. 31/1998. Oggetto: Iniziative a sostegno del servizio s idrico integrato nella Regione R Sardegna, di cui alla L.R. n. 12/2011, art. 6. Linee di indirizzo ex art. 8, 8 comma 1, 1 L.R. n. 31/1998. Il Presidente,

Dettagli

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza 5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza Riferimenti normativi Articolo 20 lettera a) punto iv) ed articolo 24 Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 15 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

Produzione primaria per uso domestico. Preparazione, manipolazione origine animale. conservazione domestica (eccetto di alimenti miele)

Produzione primaria per uso domestico. Preparazione, manipolazione origine animale. conservazione domestica (eccetto di alimenti miele) Ogni operatore del settore alimentare notifica Produzione primaria per uso domestico privato alimenti di Preparazione, manipolazione origine animale che esegua e conservazione domestica (eccetto di alimenti

Dettagli

Direttore Generale DETERMINAZIONE N. 3247

Direttore Generale DETERMINAZIONE N. 3247 Oggetto: Acquisto autovetture di servizio, D.L. 06.07.2012 n. 95, convertito nella legge 7 agosto 2012 n. 135, articolo 5. Richiesta autorizzazione all utilizzo dell avanzo di amministrazione. IL DIRETTORE

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 46/ 42 DEL 27.12.2010

DELIBERAZIONE N. 46/ 42 DEL 27.12.2010 DELIBERAZIONE N. 46/ 42 Oggetto: Legge regionale n. 3/ 2008, art. 4, comma 1, lett. b). Assegni di merito a favore degli studenti universitari. U.P.B. S02.01.009 Pos. Fin. SC2.0183. Disponibilità finanziaria

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO EL CAPEL DE NAPOLEON DI SAN MARTINO BUON ALBERGO

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO EL CAPEL DE NAPOLEON DI SAN MARTINO BUON ALBERGO Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO EL CAPEL DE NAPOLEON DI SAN MARTINO BUON ALBERGO Sommario Art. 1 Titolarità, denominazione ed uso del marchio Art. 2

Dettagli

Definizioni. Verbale di controllo ispettivo. Modalità e termini per la gestione delle non conformità

Definizioni. Verbale di controllo ispettivo. Modalità e termini per la gestione delle non conformità Decreto Dipartimentale 26 settembre 2014 n. 18096 (pubblicazione sul sito internet del MiPAAF).- Individuazione dei tempi e delle modalità di gestione dei provvedimenti adottati dagli Organismi di controllo

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 36/6 DEL 14.7.2015

DELIBERAZIONE N. 36/6 DEL 14.7.2015 Oggetto: Adempimenti connessi alla legge 4 luglio 2005, n. 123 Norme per la protezione dei soggetti malati di celiachia : 36.093,10 - Capitolo SC05.0138 della U.P.B. S05.01.007 del Bilancio Regionale 2015

Dettagli

SIB SISTEMA INTEGRATO DEL BIOLOGICO

SIB SISTEMA INTEGRATO DEL BIOLOGICO SIB SISTEMA INTEGRATO DEL BIOLOGICO MANUALE UTENTE CONSULTAZIONE DEI PROGRAMMI ANNUALI DI PRODUZIONE, PREPARAZIONE E IMPORTAZIONE VERSIONE 1.2 DEL 12/02/2014 Indice 1 Introduzione... 3 1.1 PREMESSA...

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 19 febbraio 2014, n. 212.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 19 febbraio 2014, n. 212. 1099 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 19 febbraio 2014, n. 212. Approvazione delle "Linee guida per il controllo igienico-sanitario della qualità delle acque utilizzate nelle imprese alimentari". LA

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Prot. n. 542 del 19 dicembre 2012 VISTO l art. 66, comma 1, della legge 27 dicembre 2002, n. 289 (Legge finanziaria 2003), e successive modificazioni, che istituisce i contratti di filiera e di distretto,

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

Attuazione della legge 27 dicembre 2006, n. 296, sulla tracciabilità delle biomasse per la produzione di energia elettrica. (2)

Attuazione della legge 27 dicembre 2006, n. 296, sulla tracciabilità delle biomasse per la produzione di energia elettrica. (2) Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali D.M. 2-3-2010 Attuazione della legge 27 dicembre 2006, n. 296, sulla tracciabilità delle biomasse per la produzione di energia elettrica. Pubblicato

Dettagli

Vista la legge 29 dicembre 2000, n. 422, legge comunitaria per l'anno 2000, ed in particolare l'articolo 3 e l'allegato C;

Vista la legge 29 dicembre 2000, n. 422, legge comunitaria per l'anno 2000, ed in particolare l'articolo 3 e l'allegato C; D.P.R. 17 febbraio 2003, n. 84 Regolamento di attuazione della direttiva 1999/94/CE concernente la disponibilità di informazioni sul risparmio di carburante e sulle emissioni di CO 2 da fornire ai consumatori

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dello sviluppo economico. di concerto con

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dello sviluppo economico. di concerto con Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali di concerto con Il Ministro dello sviluppo economico VISTO l articolo 17 della Legge 23 agosto 1988, n. 400, recante Disciplina dell'attività

Dettagli

Autorità di Gestione. Alla Direzione centrale attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali

Autorità di Gestione. Alla Direzione centrale attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali Autorità di Gestione Alla Direzione centrale attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali Servizio coordinamento generale, finanziario, giuridico e controlli Servizio politiche

Dettagli

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue.

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue. OGGETTO: Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2014-2020. Apertura dei termini di presentazione delle domande di aiuto per i tipi d intervento 1.1.1, 3.1.1, 3.2.1, 4.1.1, 4.2.1, 5.2.1, 6.1.1 e 6.4.1

Dettagli

Programma di promozione e sviluppo della filiera corta e della vendita diretta. Approvazione manifestazioni di interesse e affidamento di servizi.

Programma di promozione e sviluppo della filiera corta e della vendita diretta. Approvazione manifestazioni di interesse e affidamento di servizi. Oggetto: Programma di promozione e sviluppo della filiera corta e della vendita diretta. Approvazione manifestazioni di interesse e affidamento di servizi. Il Direttore del Servizio VISTA la Legge Regionale

Dettagli

Prot.UMU.2012.1474 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma lì, 30 OTT. 2012 CIRCOLARE N. 45. Ai Produttori interessati

Prot.UMU.2012.1474 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma lì, 30 OTT. 2012 CIRCOLARE N. 45. Ai Produttori interessati ORGANISMO PAGATORE UFFICIO MONOCRATICO Via Palestro, 81-00185 Roma Tel. 06.494991 - Fax 06.49499940 Prot.UMU.2012.1474 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma lì, 30 OTT. 2012 CIRCOLARE N. 45 Ai Produttori interessati

Dettagli

VISTO il regolamento (CE) del Consiglio n. 1493/99 del 17 maggio 1999, relativo all'organizzazione comune del mercato vitivinicolo;

VISTO il regolamento (CE) del Consiglio n. 1493/99 del 17 maggio 1999, relativo all'organizzazione comune del mercato vitivinicolo; MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI Decreto 14 settembre 2001 Applicazione Reg. (CE) n. 1623/2000. Modalità per il rispetto dell'obbligo dei produttori vinicoli di consegnare le fecce e le vinacce

Dettagli