La Corte dei conti. nella Camera di consiglio. del 12 marzo visto il T.U. delle leggi sull ordinamento della Corte dei conti,

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Corte dei conti. nella Camera di consiglio. del 12 marzo visto il T.U. delle leggi sull ordinamento della Corte dei conti,"

Transcript

1 Repubblica Italiana del. n. 11/2010/VSGO La Corte dei conti in Sezione regionale di controllo per l Abruzzo nella Camera di consiglio del 12 marzo 2010 composta dai Magistrati: Pietro DE FRANCISCIS Lucilla VALENTE Giovanni MOCCI Antonio MARRAZZO Andrea BALDANZA Presidente Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere (relatore) Visto l art. 100, comma 2 della Costituzione; visto il T.U. delle leggi sull ordinamento della Corte dei conti, approvato con R.D. 12 luglio 1934, n e le successive modificazioni ed integrazioni; vista la legge 14 gennaio 1994, n. 20 e successive modificazioni ed integrazioni; visto il Regolamento concernente l organizzazione delle funzioni di controllo della Corte dei conti, nel testo modificato, da ultimo, con deliberazione del Consiglio di Presidenza n. 229/CP/2008 del 19 giugno 2008 (G.U. n. 153 del 2/07/2008); 1

2 vista la legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3; vista la legge 5 giugno 2003, n. 131, relativa alle Disposizioni per l adeguamento dell ordinamento della Repubblica alla legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3 ; vista la deliberazione n. 690/2008 con la quale la Sezione regionale di controllo della Corte dei conti per l Abruzzo, nell adunanza del 18 dicembre 2008, ha approvato il programma di attività per l anno 2009; vista la deliberazione n. 8/SEZAUT/2009/QMIG in data 4 giugno 2009 della Sezione delle Autonomie della Corte dei conti, inerente le certificazioni rese dai Comuni ai sensi dell art. 77-bis, comma 32, della legge 6 agosto 2008, n. 133, di conversione del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, relative all accertamento di gettito a titolo di ICI per le unità abitative adibite ad abitazione principale e ad esse assimilate; vista la successiva deliberazione n. 1/SEZAUT/2010/QMIG del 21 dicembre 2009 della medesima Sezione delle Autonomie; visto l art. 2, comma 7 del decreto-legge 7 ottobre 2008, n convertito dalla legge 4 dicembre 2008, n in virtù del quale la certificazione, inviata al Ministero dell interno entro il 30 aprile 2009, attestante il mancato gettito ICI 2008, deve essere contestualmente trasmessa alla Corte dei conti, per la verifica della veridicità ; dato atto che in data 28 luglio 2009 venivano sollecitati, dal Magistrato istruttore, i comuni ad assolvere l obbligo della 2

3 trasmissione, poiché alcuni di essi, nonostante la disposizione normativa, non avevano provveduto a tanto; dato atto, altresì, che in data 30 luglio 2009 e 19 novembre 2009 veniva ulteriormente richiesta a tutti gli Enti la precisazione delle modalità seguite per la quantificazione dell importo dedotto a compensazione del mancato introito dell imposta comunale sugli immobili per le abitazioni principali; preso atto dei riscontri pervenuti da parte dei singoli comuni, con i quali si attesta che per la maggior parte di essi sono stati adottati i previsti regolamenti comunali e che le difformità del gettito ICI quantificato per l annualità 2008 ed il biennio precedente trovano giustificazione in ragioni molteplici, tra cui: 1. accatastamento di nuove unità immobiliari adibite ad abitazione principale; 2. errori commessi dai contribuenti, sia in sede di dichiarazione che di versamento, dovuti alla non corretta individuazione delle unità destinate a pertinenze con inserimento delle medesime nella voce altri fabbricati anziché nella voce abitazione principale ; 3. accertamenti svolti dagli Enti per il recupero ICI anni precedenti; 4. inserimento nell accertamento 2008 del mancato gettito derivante dall esenzione per gli immobili ex-rurali accatastati dopo il 2007 e adibiti ad abitazione principale; 3

4 5. abitazioni concesse in comodato d uso gratuito a parenti in linea retta, residenti ed effettivamente dimoranti nell immobile; 6. aumento dell aliquota per abitazione principale determinata per l anno 2008; ritenuto che le delucidazioni fornite dai comuni appaiono attendibili; vista l ordinanza n. 6 del 23 febbraio 2010, con la quale il Presidente ha convocato la Sezione per l odierna Camera di consiglio; udito il relatore, Consigliere Andrea BALDANZA; DELIBERA di dare atto che, sulla base delle attestazioni rese dai comuni di cui all allegato elenco, si desume la veridicità della certificazione attestante il mancato gettito ICI 2008, trasmessa al competente Ministero dell interno. Resta comunque impregiudicato qualsiasi ulteriore esame, approfondimento e/o valutazione, in sede di verifica della sana gestione finanziaria del singolo Ente. ORDINA che, a cura della Segreteria, copia della presente deliberazione venga comunicata ai Consigli comunali di cui all elenco allegato. 4

5 Così deliberato a L'Aquila, nella Camera di consiglio del12 marzo L Estensore F.to Andrea BALDANZA Il Presidente F.to Pietro DE FRANCISCIS Depositata in Segreteria il giorno 01/04/2010 IL DIRIGENTE F.to D.ssa Luciana TROCCOLI 5

6 Allegato alla deliberazione n. 11/2010/VSGO Comune Alanno Alba Adriatica Atessa Atri Avezzano Balsorano Bellante Bucchianico Campli Capistrello Cappelle sul Tavo Carsoli Casalbordino Casalincontrada Casoli Castel di Sangro Castel Frentano Castellalto Celano Cepagatti Chieti Citta' Sant'Angelo Civitella del Tronto Civitella Roveto Collecorvino Colonnella Corropoli Crecchio Cupello Fossacesia Francavilla al Mare Provincia 6

7 Gissi Giulianova Guardiagrele Isola del Gran sasso d'italia Lanciano Lettomanoppello Loreto Aprutino Luco dei Marsi Magliano de' Marsi Manoppello Martinsicuro Miglianico Montesilvano Montorio al Vomano Morro d'oro Mosciano Sant'Angelo Moscufo Notaresco Orsogna Ortona Paglieta Penne Pescara Pescina Pianella Pineto Pizzoli Popoli Pratola Peligna Ripa Teatina Rosciano Roseto degli Abruzzi San Benedetto dei Marsi San Giovanni Teatino San Salvo 7

8 San Vito Chietino Sant'Egidio alla Vibrata Sant'Omero Scafa Scerni Silvi Spoltore Sulmona Tagliacozzo Teramo Tollo Torino di Sangro Torre de' Passeri Torrevecchia teatina Tortoreto Trasacco Vasto 8