Rassegna Web del

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rassegna Web del 23.04.2014"

Transcript

1 Rassegna Web del POLITICA E ISTITUZIONI... 3 IL PREMIER RENZI E LA RIFORMA DEI GIOCHI: COSÌ È SCRITTO, COSÌ SIA FATTO... 3 MEF, UFFICIALE LA DELEGA AI GIOCHI A GIOVANNI LEGNINI... 4 GAZZETTA UFFICIALE: PUBBLICATO IL DECRETO DI DELEGA AI GIOCHI AL SOTTOSEGRETARIO ALL ECONOMIA GIOVANNI LEGNINI... 4 GOVERNO, OPERATIVE DELEGHE MEF: A CASERO-ZANETTI IL FISCO, A LEGNINI I GIOCHI... 5 DL OCCUPAZIONE. LA V COMMISSIONE BOCCIA EMENDAMENTI SU AUMENTO PREU... 5 SENATO. IL DDL BITONCI APPRODA IN COMMISSIONE AFFARI COSTITUZIONALI... 5 MELONI (FDI): ABBIAMO UNO STATO CHE CONDONA 2 MLD ALLE SLOT MA CON LO SPESOMETRO REALIZZA UN REGIME DI POLIZIA FISCALE... 6 NENCINI (PSI): IL MINISTRO PADOAN AUMENTI LA TASSAZIONE SUI GIOCHI... 6 PIEMONTE. PER VINCERE LE REGIONALI IL PD PROMETTE BATTAGLIA AL GIOCO D AZZARDO... 6 REGIONE LOMBARDIA: MARONI INCONTRA PREFETTI E QUESTORI SU LEGGE GIOCO... 6 SCOMMESSE, POKER E ONLINE... 7 TAR LAZIO. CTD PERICOLOSI PER LA SICUREZZA E LA PUBBLICA INCOLUMITÀ SOLO SE COMPROVATI DA ELEMENTI DI FATTO... 7 CRONACA... 7 CASINÒ VENEZIA, LA HIT CHIEDE DI AVVIARE UN TAVOLO DI CONFRONTO CON IL COMUNE PER LA GESTIONE... 7 INSPIRED APRE LA SEDE ITALIANA A ROMA... 8 MONDO... 8 UK. LA GAMBLING COMMISSION LAVORA AD UN SISTEMA DI AUTOESCLUSIONE PER I GIOCATORI ONLINE E OFFLINE8 BELGIO. NOTIFICATI IN COMMISSIONE TRE PROGETTI DI LEGGE ATTI A REGOLAMENTARE IL GIOCO ON LINE... 8 A CURA DELL UFFICIO STAMPA E COMUNICAZIONE DI GAMENET S.P.A.

2 Rassegna WEB di mercoledì 23 aprile 2014 Pag. 2

3 POLITICA E ISTITUZIONI IL PREMIER RENZI E LA RIFORMA DEI GIOCHI: COSÌ È SCRITTO, COSÌ SIA FATTO (GIOCONEWS 23/04/2014) Finalmente arrivano le prime parole del nostro primo ministro sul gioco. Sia pure non pronunciate, ma scritte, nel Documento di Economia e Finanza. Fin dal primo momento in cui gli è stato affidato l'incarico di guidare il Paese dal presidente delle Repubblica, attorno al premier Matteo Renzi ruotano una serie di interrogativi in merito alle strategie che intende adottare per tentare di raddrizzare la barca italiana. E gli interrogativi maggiori nascevano proprio all'interno del settore del gioco pubblico, che attende ancora di capire quale sarà l'approccio del segretario del Pd e presidente del consiglio sulla materia, non avendo a disposizione uno storico politico né personale a cui affidarsi. Pur essendo noto per la sua vena liberale e, secondo molti, tendenzialmente liberista sul tema del gioco, in effetti, ha lasciato intravedere uno spirito conservatore: anche se durante il suo mandato come sindaco di Firenze, e in particolare durante la sua ascesa al partito e al governo, Renzi si è sempre guardato bene dall'esprimersi sulla materia, anche quando i suoi ex colleghi primi cittadini avviavano un'autentica crociata contro il settore. E ora che è salito sulla poltrona più importante, accompagnato da chi il gioco lo ha sempre visto come un problema (come il suo vice, Graziano del Rio) e sospinto da un'area del Parlamento che sul gioco chiede risposte e possibilmente anche qualche limite gli addetti ai lavori attendono con impazienza che il leader pronunci almeno una frase sul gioco da cui ricavare la propria visione. Ma Renzi, ancora una volta, è andato oltre le attese. O almeno così pare. Sì, perché invece di pronunciare parole (una volta tanto!) su come pensa di intervenire, lo ha messo nero su bianco, tracciando quella che sarebbe la prima vera riforma del gioco pubblico, che passa dall'istituzione di un Testo Unico, al riordino della tassazione di tutti i segmenti che compongono il comparto. Inviandolo, per giunta, all'unione Europea, tra gli impegni che il governo si assume per mantenere il paese competitivo e, soprattutto, all'interno dell'organo comunitario. Detta così, siamo onesti, sembrerebbe una vera e propria svolta per il settore e pure imminente. In realtà, l'annunciata riforma dei giochi è inserita all'interno del Documento di Economia e Finanzia 2014 che il governo è chiamato a presentare alle Camere, per le conseguenti deliberazioni parlamentari, entro il 10 aprile di ciascun anno, al fine di consentire al Parlamento di esprimersi sugli obiettivi programmatici di politica economica in tempo utile per l'invio al Consiglio dell'unione europea e alla Commissione europea, entro il successivo 30 aprile, del Programma di Stabilità e del Programma Nazionale di Riforma (Pnr). E così è stato fatto. In tale documento, a firma del premier incaricato, il governo espone l analisi del quadro macroeconomico italiano relativo all anno 2013 e le previsioni per l anno in corso e per il periodo Dedicando un intero paragrafo (in un faldone di 1246 pagine) al comparto del gioco pubblico, illustrando a Bruxelles, sostanzialmente, quanto previsto dalla delega in materia di giochi. Il Def parla quindi della previsione di una raccolta sistematica della disciplina in un codice delle disposizioni sui giochi e ad un riordino del prelievo erariale sui singoli giochi. Ma ci sono poi specifiche disposizioni volte, tra l altro a: tutelare i minori dalla pubblicità dei giochi e a recuperare i fenomeni di ludopatia; definire le fonti di regolazione dei diversi aspetti legati all imposizione, nonché alla disciplina dei singoli giochi, per i quali si dispone una riserva di legge esplicita alla legge ordinaria; rivisitare aggi e compensi spettanti ai concessionari; ai controlli e all accertamento dei tributi gravanti sui giochi, nonché al sistema sanzionatorio. Ma soprattutto, spiega il premier nel documento, Viene confermato il modello organizzativo fondato sul regime concessorio e autorizzatorio, ritenuto indispensabile per la tutela della fede, dell ordine e della sicurezza pubblici, per la prevenzione del riciclaggio dei proventi di attività criminose, nonché per garantire il regolare afflusso del prelievo tributario gravante sui giochi. Non solo: E garantita l applicazione di regole trasparenti e uniformi sull intero territorio nazionale in materia di tito li abilitativi all esercizio dell offerta di gioco, di autorizzazioni e di controlli, con adeguate forme di partecipazione dei Comuni al Rassegna WEB di mercoledì 23 aprile 2014 Pag. 3

4 procedimento di pianificazione della dislocazione locale di sale da gioco e di punti vendita in cui si esercita come attività principale l offerta di scommesse su eventi sportivi e non sportivi, nonché in materia di installazione degli apparecchi idonei per il gioco lecito. Insomma, nel Def il presidente del Consiglio si impegna ad attuare tutte quelle riforme che consentirebbero la messa in sicurezza del comparto del gioco, diventando così un settore sostenibile e una vera risorsa per il paese. In poche parole, un settore normale. Il percorso, dunque, è scritto. Ora si tratta solo di attuarlo. MEF, UFFICIALE LA DELEGA AI GIOCHI A GIOVANNI LEGNINI (GIOCONEWS 23/04/2014) Da oggi sono operative le deleghe che mi sono state attribuite dal Ministro dell Economia e delle Finanze, Pier Carlo Padoan. È lo stesso Giovanni Legnini (Pd), sottosegretario all Economia, ad annunciare sul proprio sito, confermando le anticipazioni di Gioconews.it, che tra queste c è anche quella relativa ai giochi. Dovrò occuparmi dei profili finanziari delle politiche di coesione interna ed europea e delle politiche finalizzate alla ricostruzione e allo sviluppo della città dell Aquila e dei territori abruzzesi colpiti dal sisma del 6 aprile 2009, ivi compreso il relativo monitoraggio, delle questioni inerenti all Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, compresi i giochi, delle attività del Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica (Cipe), dei profili finanziari e del monitoraggio dei piani di rientro degli enti locali, ivi compresa Roma Capitale, del monitoraggio dell attuazione, da parte del Ministero dell Economia e delle Finanze, della normativa vigente attraverso la normativa secondaria. Tra le altre deleghe, quella di seguire, insieme con il Vice Ministro Enrico Morando, i lavori delle commissioni bilancio di Camera e Senato, e a dare risposta, per le materie di competenza, alle interrogazioni, alle interpellanze e ad ogni altro intervento necessario nel corso dell'attività parlamentare. I PREDECESSORI - Sotto il governo Letta, la delega ai giochi era stata attribuita ad Alberto Giorgetti, mentre sotto il precedente governo Monti era un po divisa a metà tra Gianfranco Polillo e Vieri Ceriani. LUI CHI E'?! - Avvocato abruzzese 55enne, Legnini è in Parlamento dal 2004; specializzato in diritto dell impresa e della pubblica amministrazione, nelle precedenti legislature è stato relatore di maggioranza e di minoranza di molte leggi e ha seguito i lavori parlamentari di diverse finanziarie. DELEGHE IN GAZZETTA - Il conferimento delle deleghe al sottosegretario Legnini è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale di oggi [ieri, ndr.]. GAZZETTA UFFICIALE: PUBBLICATO IL DECRETO DI DELEGA AI GIOCHI AL SOTTOSEGRETARIO ALL ECONOMIA GIOVANNI LEGNINI (AGIMEG - 23/04/2014) Gli incarichi del sottosegretario Giovanni Legnini riguardano i profili finanziari delle politiche di coesione interna ed europea e delle politiche finalizzate alla ricostruzione e allo sviluppo della citta dell Aquila e dei territori abruzzesi colpiti dal sisma del 6 aprile 2009, ivi compreso il relativo monitoraggio; questioni inerenti all Agenzia delle dogane e dei monopoli, ivi compresi i giochi; attivita del Comitato interministeriale per la programmazione economica; profili finanziari e monitoraggio dei piani di rientro degli enti locali, ivi compresa Roma Capitale; monitoraggio dell attuazione, da parte del Ministero dell economia e delle finanze, della normativa vigente attraverso la normazione secondaria. E quanto si legge nel Decreto 26 marzo 2014 sulla Determinazione dei compiti da delegare al Sottosegretario di Stato on. avv. Giovanni Legnini pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale di ieri. In Gazzetta ci sono anche i decreti di delega per gli altri sottosegretari all Economia: Pier Paolo Baretta si occuperà di politiche di valorizzazione del patrimonio pubblico immobiliare e rientranti nelle competenze dell Agenzia del demanio; alla Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano, alla Conferenza Stato-citta ed autonomie locali e alla Conferenza unificata di cui al decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, ivi compresa la partecipazione alle relative sedute; al patto di stabilita interno; al personale del Ministero dell economia e delle finanze, ivi compresa la programmazione delle assunzioni; alla partecipazione dell Amministrazione alle sedi di concertazione con le parti sociali. Per Enrico Zanetti, infine, compiti riferiti a contenzioso valutario e attivita finalizzata al contrasto del riciclaggio; fiscalita dei mercati finanziari; federalismo fiscale; bilancio comunitario; piani di rientro dai Rassegna WEB di mercoledì 23 aprile 2014 Pag. 4

5 deficit sanitari e patto per la salute; disciplina della revisione legale e della gestione di relativi registri ed elenchi. rg/agimeg GOVERNO, OPERATIVE DELEGHE MEF: A CASERO-ZANETTI IL FISCO, A LEGNINI I GIOCHI (JAMMA 23/04/2014) Sono operative da venerdì le deleghe a viceministri e sottosegretario del ministero dell Economia. Come anticipato il viceministro Luigi Casero manterrà la delega al Fisco mentre al viceministro Enrico Morando sono state affidate la deleghe che erano di Stefano Fassina (ad eccezione del Cipe), quindi predisposizione del Def e della legge di Stabilità e questioni in materia di debito pubblico, Cdp, sviluppo. Per quanto riguarda i sottosegretari, Giovanni Legnini (come scrive lui stesso sul blog) si occuperà dei profili finanziari delle politiche di coesione interna ed europea e delle politiche finalizzate alla ricostruzione e allo sviluppo della città dell Aquila e dei territori abruzzesi colpiti dal sisma del 6 aprile Inoltre si occuperà del monitoraggio e delle questioni inerenti all Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, compresi i giochi, delle attività del Cipe, del monitoraggio dei piani di rientro degli enti locali, compresa Roma Capitale. Inoltre, sempre Legnini è stato delegato a seguire, insieme con il viceministro Enrico Morando, i lavori delle commissioni Bilancio di Camera e Senato. A Pier Paolo Baretta è stata invece affidata la delega alla valorizzazione del patrimonio pubblico, questioni che rientrano nelle competenze dell Agenzia del demanio, Patto di stabilità e questioni che riguardano il personale Mef. Enrico Zanetti ha invece la delega al fisco come vice di Casero (si occuperà di agenzie fiscali, contenzioso tributario, rendite finanziarie e revisori dei conti), all attuazione del federalismo fiscale, alla predisposizione del bilancio della Comunità europea. Altre deleghe di competenza diretta di Zanetti sono il patto per la salute, la fiscalità dei mercati finanziari, l antiriciclaggio e la revisione legale. DL OCCUPAZIONE. LA V COMMISSIONE BOCCIA EMENDAMENTI SU AUMENTO PREU (JAMMA 23/04/2014) Nella seduta di ieri alla Camera la V Commissione Bilancio, esaminato il progetto di legge recante Disposizioni urgenti per favorire il rilancio dell occupazione e per la semplificazione degli adempimenti a carico delle imprese, e gli emendamenti ad esso riferiti, ha approvato la proposta di parere del relatore bocciando, tra i vari emendamenti, anche le proposte Rizzetto e le 3 proposte di Fedriga che prevedono di reperire fonti di copertura aumentando il PREU. Il sottosegretario Ivan Scalfarotto ha tenuto a precisare come: Gli ipotizzati aumenti di imposta in materia di gioco risulterebbero retroattivi, con decorrenza dal 1 gennaio Pertanto data la retroattività e in considerazione del fatto che si è ormai quasi a metà anno, il previsto aumento del 15 per cento si dovrebbe tradurre, in sostanza, in un incremento sostanzialmente doppio in termini percentuali, con conseguente aumento del carico fiscale per l intero settore, suscettibile di determinare un tracollo della raccolta del gioco attraverso apparecchi, così vanificando l effetto finanziario prefigurato in termini di maggior gettito. Per tale motivo è stato dichiarato parere contrario sugli emendamenti in materia di gioco in quanto suscettibili di determinare nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica privi di idonea quantificazione e copertura. La Commissione ha infine approvato la proposta di parere del relatore. SENATO. IL DDL BITONCI APPRODA IN COMMISSIONE AFFARI COSTITUZIONALI (JAMMA 23/04/2014) Il ddl presentato dal senatore Massimo Bitonci e da altri esponenti della Lega Nord in tema di Misure di contrasto al fenomeno della ludopatia e razionalizzazione dei punti di rivendita di gioco pubblico è stato assegnato alla 1ª Commissione permanente Affari Costituzionali del Senato per l esame in sede referente. Verranno sentite per un parere in sede consultiva anche le Commissioni: Giustizia, Bilancio, Finanze e tesoro, Industria, commercio, turismo, Igiene e sanita e Politiche dell Unione europea. Ricordiamo che la proposta del Carroccio mira a dettare criteri più stringenti all installazione degli apparecchi da intrattenimento al fine di limitarne l accesso indiscriminato. Si vieta, in particolare, l installazione delle New Slot in quegli esercizi commerciali con attività principale diversa dalla commercializzazione dei prodotti di gioco pubblico che abbiano una superficie inferiore ai 20 metri quadrati. cd Rassegna WEB di mercoledì 23 aprile 2014 Pag. 5

6 MELONI (FDI): ABBIAMO UNO STATO CHE CONDONA 2 MLD ALLE SLOT MA CON LO SPESOMETRO REALIZZA UN REGIME DI POLIZIA FISCALE (JAMMA 23/04/2014) In occasione della prima scadenza dello spesometro, il presidente di Fratelli d Italia-Alleanza Nazionale, Giorgia Meloni, ha criticato aspramente l utilizzo dello strumento utilizzato dall Agenzia delle entrate per tracciare il profilo del reddito reale venendo a conoscenza degli acquisti effettuati nel 2013 per un importo pari o superiore a euro. Lo stesso Stato che da sempre condona tutto ai potenti, oggi scriveva ieri il presidente di Fratelli d Italia sulla sua pagina Facebbok con lo spesometro realizza un regime di polizia fiscale contro i cittadini comuni, le piccole imprese e i commercianti. In questi anni lo Stato ha condonato 4 miliardi di euro di evasione alle banche, 2 miliardi alle società delle slot machine, consente senza battere ciglio alle grandi aziende di trasferire fittiziamente la propria sede fiscale all estero e si comporta in modo morbido con i grandi evasori e i grandi gruppi di interesse. In compenso, da oggi, lo Stato rende operativo uno strumento che reprime la libertà e cancella definitivamente la privacy dei cittadini che dovranno rendere conto dei risparmi che hanno sul conto corrente e di ogni singola spesa che effettueranno. Questo stato di polizia fiscale è figlio dell ideologia liberticida che vorrebbe fare dei cittadini una massa docile e obbediente alle indicazioni decise dagli illuminati che detengono il potere. Fratelli d Italia-Alleanza Nazionale si batterà affinché la lotta all evasione sia fatta in modo serio e reale, concentrandosi laddove si crea la grande evasione. Non consentiremo, però, che con il pretesto della ricerca degli evasori lo Stato metta in campo una mostruosità come lo spesometro e metta sotto controllo la vita quotidiana dei cittadini. NENCINI (PSI): IL MINISTRO PADOAN AUMENTI LA TASSAZIONE SUI GIOCHI (JAMMA 23/04/2014) Suggerisco al Ministro Padoan di guardare anche al gioco d azzardo. Aumentando la tassazione sui giochi pubblici recupereremmo denari da destinare alle pensioni e al taglio del cuneo fiscale. A dichiararlo il segretario del PSI e vice ministro alle infrastrutture, Riccardo Nencini, commentando le decisioni approvate dal Governo dopo il Cdm di venerdì e presentate dal presidente del consiglio, Matteo Renzi. La riorganizzazione dello Stato aggiunge Nencini per produrre maggiore efficienza e tagliare i costi dovrà procedere guardando al alcuni ministeri più che ad altri, per evitare che alcuni servizi vengano svolti da due enti. PIEMONTE. PER VINCERE LE REGIONALI IL PD PROMETTE BATTAGLIA AL GIOCO D AZZARDO (JAMMA 23/04/2014) Stabilire distanze minime in modo che, in nessun caso, gli apparecchi da gioco vengano collocati nelle vicinanze delle scuole, dei luoghi di culto, degli impianti sportivi, delle strutture per anziani e degli oratori, usando, altresì, la leva fiscale per premiare quei locali che le dismettono. E la promessa fatta dalla democratica Marta Nicolo in corsa alle regionali piemontesi che annuncia la presentazione di una proposta di legge sul gioco d azzardo lecito. Cd REGIONE LOMBARDIA: MARONI INCONTRA PREFETTI E QUESTORI SU LEGGE GIOCO (GIOCONEWS 23/04/2014) Il presidente di Regione Lombardia, Roberto Maroni, incontrerà domani i prefetti e i questori della Lombardia sul tema delle ludopatie, in riferimento alla norma approvata dal Consiglio regionale. Al vertice saranno presenti anche Anci e il sindaco di Milano. La proposta di legge nazionale, farebbe dei sindaci le uniche vere autorità competenti a decidere sull'apertura di nuove sale. Inoltre, tra i provvedimenti contenuti, ci sarebbe un giro di vite sulla possibilità di installare macchinette in locali come bar, tabaccherie, ristoranti, che dovrebbero dedicarsi a tutt'altra attività. FONDO CONTRO LUDOPATIA - È inoltre prevista la costituzione di un fondo contro la ludopatia a favore del sistema sanitario regionale (per l'80%) e dei servizi sociali comunali (per il 20%), con un aumento lineare del 5% su tutta la tassazione legata al gioco, per generare entrate pari a 400 milioni annui da distribuire a chi si occupa di cura e prevenzione di questa malattia, dato che in questo momento lo Stato incassa le accise sul Rassegna WEB di mercoledì 23 aprile 2014 Pag. 6

7 gioco, mentre i costi per la cura e il recupero dei ludopatici sono sostenuti dalle Asl, dalle Aziende Ospedaliere e dai servizi sociali comunali. LIMITE ALLA PUBBLICITÀ - Tra le altre proposte, una limitazione alla pubblicità del gioco d'azzardo soprattutto nei confronti dei minorenni e l'introduzione di figure professionali specializzate che possano intervenire nelle sale da gioco in caso di comportamenti patologici. SCOMMESSE, POKER E ONLINE TAR LAZIO. CTD PERICOLOSI PER LA SICUREZZA E LA PUBBLICA INCOLUMITÀ SOLO SE COMPROVATI DA ELEMENTI DI FATTO (JAMMA 23/04/2014) Il Tar Lazio ha accolto il ricorso di un centro trasmissione dati che contestava un avviso orale emesso dalla Polizia Amministrativa e Sociale della Questura di Roma. Nel provvedimento del questore, si contestava all intermediario legato ad un bookmaker inglese l esercizio abusivo di attività di giuoco e scommessa e l inosservanza dei provvedimenti dell Autorità. Per la Questura di Roma sussistono a suo carico fondati ed attuali motivi per ritenere che sia dedita alla commissione di reati che mettono in pericolo la sicurezza o la tranquillità pubblica, invitando l interessato a tenere una condotta conforme alla Legge. Le determinazioni assunte dal Questore di Roma richiamano implicitamente la questione della mancanza in capo al ricorrente della necessaria licenza finalizzata alla raccolta di scommesse a mezzo di bookmaker esteri, riferendosi al sistema autorizzatorio previsto dall art. 88 del RD 18/6/1931 n Il ricorrente aveva chiesto alla Questura di Roma il rilascio dell autorizzazione prevista dalla normativa richiamata, ma la stessa gli era stata negata per il fatto di non essere titolare di concessione. Il Collegio ricorda che il Questore ha facoltà di avvisare oralmente una persona se esistono sospetti a suo carico ed invitare la stessa a tenere una condotta conforme a legge. L avviso orale presuppone la sussistenza di elementi di fatto tali da indurre a ritenere l appartenenza del soggetto ad una delle categorie di persone ritenute pericolose per la sicurezza e la pubblica incolumità, e, dunque, necessariamente richiede la presenza di circostanze tali da configurare una situazione rivelatrice di personalità incline a comportamenti asociali o antisociali, ovvero di condizioni di pericolosità per la sicurezza e la tranquillità pubblica della persona avvisata che possano eventualmente dare luogo, in seguito, all applicazione di una misura di prevenzione. In sostanza, il presupposto per l emanazione dell avviso orale consiste non tanto nell esistenza di specifiche prove in ordine alla commissione di reati, bensì nella presenza di elementi di fatto che, secondo le regole della logica e della ragionevolezza, conducono a riscontrare condizioni di pericolosità sociale. Tuttavia, come hanno spiegati i giudici romani l avviso orale contestato si presenta carente sotto il profilo motivazionale ed appare adottato all esito di una istruttoria insufficiente, in quanto fa generico riferimento al fatto che il ricorrente, negli ultimi due anni, è stato sottoposto ad indagini ed annovera precedenti di Polizia per esercizio abusivo di attività di gioco e scommessa e per inosservanza dei provvedimenti dell Autorità, ma non tiene conto dell esito dei procedimenti penali avviati nei confronti dello stesso ed, in particolare, della sentenza del Tribunale di Roma Giudice Monocratico del Per questo il Collegio ha deciso di annullare il decreto del Questore e accogliere la domanda del CTD di annullamento dell avviso orale. cd CRONACA CASINÒ VENEZIA, LA HIT CHIEDE DI AVVIARE UN TAVOLO DI CONFRONTO CON IL COMUNE PER LA GESTIONE (AGIMEG - 23/04/2014) Il gruppo sloveno Hit ha manifestato il proprio interesse a avviare un tavolo di confronto con il Comune di Venezia sull affidamento della gestione della casa da gioco, dopo che l asta per Rassegna WEB di mercoledì 23 aprile 2014 Pag. 7

8 la privatizzazione è infatti andata deserta la settimana scorsa. Abbiamo deciso di manifestare il nostro interesse, in quanto il progetto di privatizzazione del casinò di Venezia rappresenta un unicum e una particolarità storica mondiale, ha detto a MF-MilanoFinanza l a.d della multinazionale turistica Hit, Dimitrij Piciga. Le richieste del bando, però, hanno destato alcune preoccupazioni ai nostri partner finanziari, soprattutto riguardo alle tempistiche del rientro dell investimento, che secondo loro valutazioni non rispecchiano le dinamiche mondiali dei mercati moderni. Per questo motivo abbiamo deciso di optare per un tavolo di confronto con la proprietà. lp/agimeg INSPIRED APRE LA SEDE ITALIANA A ROMA (GIOCONEWS 23/04/2014) Inspired Gaming Group (Inspired), il fornitore leader di Scommesse Sportive Virtuali e di tecnologia Sbg Vlt di ultima generazione, annuncia oggi l apertura della sede Inspired Italia nel centro storico di Roma, in zona Prati. Il business di Inspired in Italia cresce rapidamente e figura oggi con Vlt, Sport Virtuali in oltre sale ed il riuscitissimo lancio del gioco Merlin per le Comma 6a. La tecnologia Open Vlt di ultima generazione firmata Inspired è in procinto di essere lanciata anche con Cogetech e Hbg che si aggiungono a Sisal, Betplus e Lottomatica. Gli Sport Virtuali di Inspired saranno live con ulteriori sette clienti che si aggiungo ai primi 6 che si trovano adesso in omologazione o in procinto di avviarne il processo. I nuovi giochi in HTML5 di Inspired per l online ed il mobile, già presentati alla fiera Ice di quest anno, sono anch essi in procinto di prendere vita in un futuro prossimo così da garantire ai giocatori italiani l accesso alle hit di Inspired ovunque si trovino. Vitaliano Casalone, Presidene di Inspired Italia, afferma: Inspired ha messo piede in Italia 4 anni fa con una manciata di dipendenti ed è cresciuta rapidamente diventando oggi uno dei principali fornitori del mercato italiano che per raccolta di gioco si posizia in Europa al secondo posto dopo il Regno Unito. Siamo molto soddisfatti della nostra nuova sede nel cuore di Roma che assicura presenza e visibilità al nostro brand. MONDO UK. LA GAMBLING COMMISSION LAVORA AD UN SISTEMA DI AUTOESCLUSIONE PER I GIOCATORI ONLINE E OFFLINE (JAMMA 23/04/2014) Continua il processo di revisione delle Condizioni di licenza e codici di condotta (LCCP) che si applicano agli operatori del gioco d azzardo autorizzato. Come annunciato dalla Gambling Commission le modifiche al Codice, a cui sta lavorando il commissario Rachel Lampard, verranno pubblicate in maniera scaglionata per permettere agli operatori di apportare le variazioni necessarie a conformarsi. L Authority britannica del gioco ha oggi comunicato che la revisione al LCCP includerà l intervento del Segretario di Stato per l approvazione del Codice delle scommesse dell Associazione dei Bookmaker Inglesi; la collaborazione con l Advertising Standards Authority in materia di adversiting e pubblicità di scommesse gratuite e bonus; la necessità di un significativo progresso nella creazione di sistemi nazionali di autoesclusione sia per i giocatori d azzardo a distanza che off-line. Gli interventi riguarderanno anche la regolamentazione del bingo, in particolare i recenti sviluppi tecnologici relativi al bingo elettronico e il rischio che il bingo venga offerto in esercizi in cui non è dichiarato come l attività principale. Il nuovo LCCP, revisionato, entrerà in vigore dal prossimo 1 Agosto 2014 e riguarderà anche norme contro il riciclaggio di denaro e un ampliamento della portata delle segnalazioni relative alle scommesse sospette. cd BELGIO. NOTIFICATI IN COMMISSIONE TRE PROGETTI DI LEGGE ATTI A REGOLAMENTARE IL GIOCO ON LINE (JAMMA 23/04/2014) Dopo il richiamo formale della Commissione Europea, nella giornata di ieri il Belgio ha provveduto a notificare a Bruxelles tre progetti di regio decreto atti a regolamentare il gioco on line. Rassegna WEB di mercoledì 23 aprile 2014 Pag. 8

9 Nello specifico il primo progetto tende a precisare le condizioni restrittive alle quali i giochi d azzardo on line possono essere offerti, in particolare sulle modalità di sorveglianza e di controllo. Il progetto di decreto in questione contiene 26 articoli e contiene criteri relativi alla registrazione e all identificazione del giocatore, il controllo dell età, i giochi offerti, le regole del gioco, la modalità di pagamento e le modalità di distribuzione dei premi. Il secondo progetto di regio decreto, contenente 14 articoli, verte invece sulla lista dei giochi che possono essere gestiti da titolari di una licenza aggiuntiva per mezzo degli strumenti della società dell informazione. Infine il terzo progetto, contenente 34 articoli e due allegati, contiene una serie di definizioni e modalità per il monitoraggio e il controllo del gioco d azzardo operato su siti Web consentiti. Nello specifico prevede le modalità di controllo preventivo e repressivo; le procedure di monitoraggio e controllo dei server sui quali sono gestiti i dati e la struttura del sito; gli obblighi da parte del titolare di una licenza aggiuntiva ( art. 10 a 19); la certificazione del server; il mancato rispetto degli obblighi di cui agli articoli 10 a 19; il controllo dei giochi del sito e dei servizi web. Mentre l allegato I contiene la Lista di controllo del server, l allegato II contiene la Documentazione all attenzione della Commissione sul gioco d azzardo sulle procedure di vigilanza e di controllo del gioco d azzardo operato su siti Web consentiti. Rassegna WEB di mercoledì 23 aprile 2014 Pag. 9

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Negli ultimi mesi lo scenario europeo ha avuto un'evoluzione nuova e positiva. I margini di flessibilità del Fiscal Compact sono

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni 9 Lastri, De Robertis, Rossetti, Ruggeri, Remaschi, Boretti, Venturi, Bambagioni, Saccardi Proposta di legge della Giunta regionale 20 ottobre Art. 20 2014, n. 1 Abrogazioni divenuta Proposta di legge

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Prot. R.U. 20990 IL DIRETTORE DELL AGENZIA Visto il Regolamento generale delle lotterie nazionali approvato con Decreto del Presidente della Repubblica 20 novembre 1948, n.1677 e successive modificazioni;

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

dei cosiddetti ambienti dedicati

dei cosiddetti ambienti dedicati In risposta ad una richiesta di Sapar e con una propria circolare del 7 settembre l Amministrazione ha chiarito i vari dubbi interpretativi sugli ambienti dedicati introdotti dal Decreto del 22 gennaio

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

del Senato Le funzioni

del Senato Le funzioni LA FUNZIONE LEGISLATIVA IL PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE DELLE LEGGI ORDINARIE IL PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE DELLE LEGGI COSTITUZIONALI LA FUNZIONE DI INDIRIZZO POLITICO LA FUNZIONE DI CONTROLLO POLITICO

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 21 NOVEMBRE 2007, N. 231 (PUBBLICATO NELLA G.U. N. 290 DEL 14 DICEMBRE 2007, S.O. N. 268) ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2005/60/CE CONCERNENTE LA PREVENZIONE DELL UTILIZZO DEL SISTEMA

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Sezione A1) da compilare in caso di società, ente anche pubblico, fondazione, trust:

Sezione A1) da compilare in caso di società, ente anche pubblico, fondazione, trust: DICHIARAZIONE AI SENSI E PER GLI EFFETTI DEL D. LGS. N. 231 DEL 21 NOVEMBRE 2007 IN TEMA DI ANTIRICICLAGGIO MODULO DI IDENTIFICAZIONE E DI ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA (AI SENSI DEGLI ARTT. 18 E 19

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Decreto Legge 6/7/2011 n. 98 (G.U. 6/7/2011 n. 155) Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria

Decreto Legge 6/7/2011 n. 98 (G.U. 6/7/2011 n. 155) Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria Legge n. 111 del 15 luglio 2011 - Conversione in legge, con modificazioni, del DL 98/11 recante disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria. (GU n. 164 del 16-07-2011) Decreto Legge 6/7/2011

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE I criteri indicati nel presente documento esemplificano una serie di situazioni di incarichi vietati per i

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat...

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat... Atto Completo http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat... Page 1 of 4 20/09/2010 DECRETO 10 settembre 2010 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Linee guida per l'autorizzazione

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione LEGGE 20 FEBBRAIO 1958, n. 75 (GU n. 055 del 04/03/1958) ABOLIZIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DELLA PROSTITUZIONE E

Dettagli

FISCALI. con il cd. decreto «salva Italia» (D.L. 6

FISCALI. con il cd. decreto «salva Italia» (D.L. 6 Guida ai NOVITÀ CIRCOLAZIONE del CONTANTE: LIMITAZIONI NAZIONALI e COMUNITARIE Analisi della circolazione del contante alla luce degli interventi chiarificatori offerti dal Mef, dall Agenzia delle Entrate,

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

DICHIARAZIONE DELLA FRANCIA

DICHIARAZIONE DELLA FRANCIA Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 17 aprile 2015 (OR. fr) Fascicolo interistituzionale: 2013/0025 (COD) 7768/15 ADD 1 REV 1 NOTA PUNTO "I/A" Origine: Destinatario: Oggetto: Segretariato generale

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015.

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

02/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 35. Regione Lazio

02/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 35. Regione Lazio Regione Lazio DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 23 aprile 2014, n. G06045 POR FESR LAZIO 2007-2013 ASSE I - Attività I.1 "Potenziamento e messa

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE (In vigore per le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale svolte dal 1 gennaio 2015)

Dettagli

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 "Disposizioni sanzionatorie in applicazione del regolamento (CEE) n. 2081/92, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga. Art. 1

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga. Art. 1 LEGGE 12 luglio 2012, n. 100 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 15 maggio 2012, n. 59, recante disposizioni urgenti per il riordino della protezione civile. (12G0123) La Camera

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 918 RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali SEZIONE TERZA Le fonti degli enti locali 2.1. Presentazione di Edmondo Mostacci L insieme delle fonti endogene degli enti locali costituisce un sottoinsieme un microcosmo, secondo la efficace definizione

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Parte I. VISTA la L.R. 2 marzo 1996 n. 12 e sue successive

Parte I. VISTA la L.R. 2 marzo 1996 n. 12 e sue successive Parte I N. 19 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 19-6-2012 4849 Contenzioso n. 160 - Tribunale di Potenza - Procedimento penale n. 3608/08 - R.G.N.R. n. 485/09 R.G.GIP - Costituzione in

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli