IL LAVORO AL VIDEOTERMINALE. Aspetti normativi e prevenzione del rischio

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL LAVORO AL VIDEOTERMINALE. Aspetti normativi e prevenzione del rischio"

Transcript

1 IL LAVORO AL VIDEOTERMINALE Aspetti normativi e prevenzione del rischio

2 INDICE Introduzione...Pag 3 Campo di applicazione della normativa...pag 5 Misure organizzative di prevenzione....pag 7 Concezione della postazione VDT: Attrezzatura......Pag 8 Ambiente Pag 13 Interfaccia elaboratore/uomo Pag 17 Effetti sulla salute..pag 18 La sorveglianza sanitaria..pag 21 Indicazioni comportamentali per la prevenzione: La prevenzione dei disturbi muscolo scheletrici.pag 23 La prevenzione dei disturbi oculovisivi.pag 25 La prevenzione dei disturbi da affaticamento mentale.pag 27 Bibliografia.Pag 29 2

3 Introduzione Tra le più significative innovazioni tecnologiche dell ultimo secolo, il personal computer occupa un posto di sicuro rilievo. Il suo utilizzo si è progressivamente diffuso in ogni settore dell attività umana, lavorativa e ricreativa, anche per la possibilità d accesso, tramite esso, ai servizi offerti dalla rete Internet. Nel mondo del lavoro l introduzione di questa attrezzatura ha innegabilmente prodotto un sostanziale miglioramento dell attività produttiva e gestionale (informatizzazione dei processi). Tuttavia, come spesso accade con il rapido succedersi delle innovazioni tecnologiche, l uso della tecnologia emergente inizialmente non ha dato luogo ad un contemporaneo ripensamento dell ambiente, dell organizzazione e dei tempi di lavoro per renderli più confacenti all adattamento degli operatori. Conseguentemente, tra gli addetti all attività al videoterminale (VDT) ha cominciato a diffondersi, con sempre maggiore frequenza, l attribuzione di disturbi psico-fisici correlati al suo utilizzo. Il manifestarsi di tali disturbi, fin dalla prima metà degli anni 80, ha indotto la comunità scientifica, e la stessa Organizzazione Mondiale della Sanità, a realizzare specifici studi sul tema della nocività del lavoro ai videoterminali i cui risultati tuttora dimostrano che i fattori di rischio per la salute riguardano principalmente il modo d uso piuttosto che l attrezzatura in sé. Specifici rischi per l'operatore o la sua prole derivanti da radiazioni, ionizzanti e non ionizzanti, sono stati esclusi da tutte le ricerche e le indagini epidemiologiche sinora svolte sui VDT. Altresì riguardo ai campi elettromagnetici, la presenza della marcatura CE sull attrezzatura garantisce che tali campi siano mantenuti al di sotto dei limiti raccomandati e riscontrabili nei comuni ambienti di vita ove sono utilizzate apparecchiature elettriche e televisive. I rischi per la salute, connessi con attività lavorative svolte con VDT, ancor più se prolungate, possono essere per: - la vista e gli occhi, - l apparato muscolo-scheletrico in conseguenza della postura assunta, - l affaticamento mentale o stress. 3

4 I suddetti rischi, riconducibili alla progettazione delle postazioni ed al modo di lavorare, possono essere contenuti con interventi di natura preventiva. A tal fine, il legislatore comunitario, e conseguentemente quello italiano, nell includere, per la prima volta, tale tipologia di lavoro tra le attività a rischio, hanno indicato e disciplinato le principali misure di prevenzione da adottare per la tutela della salute e della sicurezza degli addetti. Ed è indicativo che, tra le diverse misure preventive previste (progettazione del posto di lavoro, organizzazione del lavoro, sorveglianza sanitaria, ecc.), un ruolo importante sia attribuito all obbligo di informazione e formazione degli operatori. Sono questi, infatti, che adeguatamente informati e formati, devono nella loro quotidianità attivamente impegnarsi a adottare comportamenti di protezione, della propria salute e sicurezza, finalizzati al benessere anche nella vita extralavorativa. 4

5 Campo di applicazione della normativa L uso di attrezzature munite di videoterminali (VDT) è disciplinato in Italia dal Titolo VII del Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro, e successive modifiche ed integrazioni. Le disposizioni contenute nel suddetto Titolo si applicano alle attività lavorative che comportano l'uso di attrezzature munite di videoterminali. non si applicano ai lavoratori addetti: a) ai posti di guida di veicoli o macchine; b) ai sistemi informatici montati a bordo di un mezzo di trasporto; c) ai sistemi informatici destinati in modo prioritario all'utilizzazione da parte del pubblico; d) alle macchine calcolatrici, ai registratori di cassa e a tutte le attrezzature munite di un piccolo dispositivo di visualizzazione dei dati o delle misure, necessario all'uso diretto di tale attrezzatura; e) alle macchine di videoscrittura senza schermo separato. Le definizioni adottate dal legislatore per l applicazione della normativa sono le seguenti: a) videoterminale: uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato; b) posto di lavoro: l'insieme che comprende le attrezzature munite di videoterminale, eventualmente con tastiera ovvero altro sistema di immissione dati, incluso il mouse, il software per l'interfaccia uomo-macchina, gli accessori opzionali, le apparecchiature connesse, comprendenti l'unità a dischi, il telefono, il modem, la stampante, il supporto per i documenti, la sedia, il piano di lavoro, nonché l'ambiente di lavoro immediatamente circostante; c) lavoratore: il lavoratore che utilizza un'attrezzatura munita di videoterminali, in modo sistematico o abituale, per venti ore settimanali, dedotte le interruzioni di cui all'articolo

6 Articolo Svolgimento quotidiano del lavoro Il lavoratore, ha diritto ad una interruzione della sua attività mediante pause ovvero cambiamento di attività. Le modalità di tali interruzioni sono stabilite dalla contrattazione collettiva anche aziendale. In assenza di tale disposizione contrattuale il lavoratore ha comunque diritto ad una pausa di quindici minuti ogni centoventi minuti di applicazione continuativa al videoterminale. Le modalità e la durata delle interruzioni possono essere stabilite temporaneamente a livello individuale ove il medico competente ne evidenzi la necessità. È comunque esclusa la cumulabilità delle interruzioni all'inizio ed al termine dell'orario di lavoro. Nel computo dei tempi di interruzione non sono compresi i tempi di attesa della risposta da parte del sistema elettronico, che sono considerati, a tutti gli effetti, tempo di lavoro, ove il lavoratore non possa abbandonare il posto di lavoro. La pausa è considerata a tutti gli effetti parte integrante dell'orario di lavoro e, come tale, non è riassorbibile all'interno di accordi che prevedono la riduzione dell'orario complessivo di lavoro. 6

7 Misure organizzative di prevenzione Le principali misure organizzative di prevenzione, che il datore di lavoro deve adottare a tutela degli addetti ai videoterminali, si basano sull analisi dei posti di lavoro dotati di tali attrezzature, da effettuarsi nell ambito della complessiva valutazione dei rischi, riferita a: i rischi per la vista e per gli occhi; i problemi legati alla postura ed all affaticamento fisico o mentale; le condizioni ergonomiche e di igiene ambientale. Tale valutazione deve tener conto anche della somma ovvero della combinazione della incidenza dei rischi riscontrati. In altre parole, il datore di lavoro deve provvedere a valutare i rischi nel loro complesso (ambienti, impianti, ecc.), i rischi specifici sopra elencati, nonché i rischi derivanti dalle possibili interazioni tra le diverse fattispecie di rischio. Per quanto riguarda l applicazione dei principi ergonomici alle attività con il VDT, si ricorda che essa prevede un analisi del rapporto uomo-macchina e, quindi, fra i metodi di lavoro e gli strumenti impiegati durante l utilizzo del VDT, nonché fra l uomo e l area di lavoro, al fine di concepire, o acquisire, strumenti, macchine o dispositivi che possano essere utilizzati dalla maggior parte delle persone, con il massimo conforto di sicurezza e di efficienza. A seguito della suddetta analisi e valutazione dei rischi, il datore di lavoro, previa consultazione con il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza ed in collaborazione con il medico competente, deve individuare ed adottare appropriate misure per ovviare ai rischi riscontrati nonché attuare adeguate misure di prevenzione quali: predisporre i posti di lavoro in conformità ai requisiti minimi di cui all allegato XXXIV del D.Lgs 81/08; organizzare, tramite il medico competente, la sorveglianza sanitaria; fornire, a sue spese, i dispositivi speciali di correzione, in funzione dell attività svolta, qualora i risultati degli esami specialistici ne evidenzino la necessità e non sia possibile utilizzare i dispositivi normali di correzione; elaborare ed attuare un piano specifico di informazione e formazione per i lavoratori addetti ai VDT circa: - le misure applicabili al posto di lavoro per ovviare ai rischi riscontrati in sede di valutazione dei rischi; - le modalità di svolgimento dell attività; - le protezione degli occhi e della vista. 7

8 Concezione della postazione VDT Il datore di lavoro deve predisporre i posti di lavoro in conformità ai requisiti minimi di cui all allegato XXXIV del D.Lgs 81/08, Attrezzatura Il datore di lavoro nella concezione delle postazioni VDT deve tener conto che l'utilizzazione in sé dell'attrezzatura non sia fonte di rischio per i lavoratori. Schermo La risoluzione dello schermo deve essere tale da garantire una buona definizione, una forma chiara, una grandezza sufficiente dei caratteri e, inoltre, uno spazio adeguato tra essi. L'immagine sullo schermo deve essere stabile; esente da farfallamento, tremolio o da altre forme di instabilità. La brillanza e/o il contrasto di luminanza tra i caratteri e lo sfondo dello schermo devono essere facilmente regolabili da parte dell'utilizzatore del videoterminale e facilmente adattabili alle condizioni ambientali. Lo schermo deve essere orientabile ed inclinabile liberamente per adeguarsi facilmente alle esigenze dell'utilizzatore. È possibile utilizzare un sostegno separato per lo schermo o un piano regolabile. Sullo schermo non devono essere presenti riflessi e riverberi che possano causare disturbi all'utilizzatore durante lo svolgimento della propria attività. Lo schermo deve essere posizionato di fronte all operatore in maniera che, anche agendo su eventuali meccanismi di regolazione, lo spigolo superiore dello schermo sia posto un pò più in basso dell orizzontale che passa per gli occhi dell operatore e ad una distanza degli occhi pari a circa cm, per i posti di lavoro in cui va assunta preferenzialmente la posizione seduta. 8

9 Tastiera e dispositivi di puntamento La tastiera deve essere separata dallo schermo e facilmente regolabile e dotata di meccanismo di variazione della pendenza onde consentire al lavoratore di assumere una posizione confortevole e tale da non provocare l'affaticamento delle braccia e delle mani. Lo spazio sul piano di lavoro deve consentire un appoggio degli avambracci davanti alla tastiera nel corso della digitazione, tenendo conto delle caratteristiche antropometriche dell operatore. La tastiera deve avere una superficie opaca onde evitare i riflessi. La disposizione della tastiera e le caratteristiche dei tasti devono agevolarne l'uso. I simboli dei tasti devono presentare sufficiente contrasto ed essere leggibili dalla normale posizione di lavoro. Il mouse o qualsiasi dispositivo di puntamento in dotazione alla postazione di lavoro deve essere posto sullo stesso piano della tastiera, in posizione facilmente raggiungibile e disporre di uno spazio adeguato per il suo uso. Piano di lavoro Il piano di lavoro deve avere una superficie a basso indice di riflessione, essere stabile, di dimensioni sufficienti a permettere una disposizione flessibile dello schermo, della tastiera, dei documenti e del materiale accessorio. L altezza del piano di lavoro fissa o regolabile deve essere indicativamente compresa fra 70 e 80 cm. Lo spazio a disposizione deve permettere l alloggiamento e il movimento degli arti inferiori, nonché l ingresso del sedile e dei braccioli se presenti. La profondità del piano di lavoro deve essere tale da assicurare una adeguata distanza visiva dallo schermo. Il supporto per i documenti deve essere stabile e regolabile (alto/basso; destra/sinistra) e deve essere collocato in modo tale da ridurre al minimo i movimenti della testa e degli occhi. 9

10 Sedile di lavoro Il sedile di lavoro deve essere stabile, avere altezza regolabile in maniera indipendente dallo schienale e permettere all'utilizzatore libertà nei movimenti, nonché una posizione comoda. Le dimensioni della seduta devono essere adeguate alle caratteristiche antropometriche dell utilizzatore e presentare superficie piana per permettere una corretta distribuzione dei pesi del tronco; La stabilità del sedile deve essere garantita da una base sufficientemente ampia, con cinque razze, tale da impedire ribaltamenti accidentali; Lo schienale deve fornire un adeguato supporto alla regione dorso-lombare dell utente. Pertanto deve essere adeguato alle caratteristiche antropometriche dell utilizzatore e deve avere altezza e inclinazione regolabile. Nell ambito di tali regolazioni l utilizzatore dovrà poter fissare lo schienale nella posizione selezionata. Lo schienale e la seduta devono avere bordi smussati. I materiali devono presentare un livello di permeabilità tali da non compromettere il comfort dell utente e pulibili. Il sedile deve essere dotato di un meccanismo girevole per facilitare i cambi di posizione e deve poter essere spostato agevolmente secondo le necessità dell utilizzatore. I braccioli, se presenti, non devono impedire l'accesso al piano di lavoro e devono essere del tipo chiuso per impedire l'impigliamento; Un poggiapiedi sarà messo a disposizione di coloro che lo desiderino per far assumere una postura adeguata agli arti inferiori. Il poggiapiedi non deve spostarsi involontariamente durante il suo uso. Dovrà essere di dimensioni adeguate: larghezza 45 cm. profondità 35 cm. Inclinazione superficie in materiale anti-scivolo 10

11 Computer portatili L impiego prolungato dei computer portatili necessita della fornitura di una tastiera e di un mouse o altro dispositivo di puntamento esterni nonchè di un idoneo supporto che consenta il corretto posizionamento dello schermo. Schema riassuntivo 11

12 La postura L'operatore deve assestare la propria postura comodamente regolando i vari elementi del posto di lavoro: - il tronco deve essere in posizione tendenzialmente eretta, con appoggio del tratto lombare allo schienale per ridurre la compressione dei dischi intervertebrali; - gli angoli "braccio-avambraccio" e "coscia-gamba" devono essere di circa 90 (retti) per ridurre al minimo l'affaticamento muscolare e permettere una buona circolazione periferica; - l'angolo "tronco-coscia" deve essere all'incirca di 100 per garantire una adeguata distribuzione dei carichi sull'apparato osteoarticolare ed impedire dannose compressioni pelvico-addominali; - il bordo superiore dello schermo deve essere posto all'altezza degli occhi, o al di sotto di essa, e a una distanza compresa tra i 50 e 70 cm, per evitare l'affaticamento della muscolatura oculare e contratture dei muscoli del collo; - la tastiera deve essere disposta in modo tale da permettere l'appoggio degli avambracci (a 15 cm circa dal bordo del tavolo) per evitare contratture muscolari. 12

13 Ambiente Spazio Il posto di lavoro deve essere ben dimensionato e allestito in modo che vi sia spazio sufficiente per permettere cambiamenti di posizione e movimenti operativi. Illuminazione L'illuminazione generale e specifica (lampade da tavolo) deve garantire un illuminamento sufficiente e un contrasto appropriato tra lo schermo e l'ambiente circostante, tenuto conto delle caratteristiche del lavoro e delle esigenze visive dell'utilizzatore. Riflessi sullo schermo, eccessivi contrasti di luminanza e abbagliamenti dell operatore devono essere evitati disponendo la postazione di lavoro in funzione dell'ubicazione delle fonti di luce naturale e artificiale. Si dovrà tener conto dell esistenza di finestre, pareti trasparenti o traslucide, pareti e attrezzature di colore chiaro che possono determinare fenomeni di abbagliamento diretto e/o indiretto e/o riflessi sullo schermo. Le finestre devono essere munite di un opportuno dispositivo di copertura regolabile per attenuare la luce diurna che illumina il posto di lavoro. In particolare andranno osservati i seguenti criteri: - nè davanti nè dietro allo schermo video ci devono essere delle finestre, o fonti di luce artificiale non schermata; - la direzione dello sguardo operatore - schermo deve trovarsi parallela alle finestre; - i VDT devono essere disposti il più lontano possibile dalle finestre; - l'illuminazione artificiale generale deve essere schermata e disposta a file parallele alle finestre; l'illuminazione localizzata con lampade da tavolo deve permettere la regolazione dell'intensità; - le pareti, i pavimenti, i soffitti e le porte, come il piano di lavoro, devono essere opachi e di colore chiaro neutro. Valori ottimali (intensità luminosa) - Per un ufficio tradizionale: 500 LUX - Per un ufficio con VDT: Se il lavoro è prevalentemente di colloquio con VDT: 200 LUX Se il lavoro è prevalentemente di digitazione sul VDT da testi scritti: 400 LUX 13

14 Rumore Nell'ambiente di lavoro dove si utilizzano Videoterminali difficilmente i livelli di intensità sonora sono tali da provocare un danno all'apparato uditivo, tuttavia possono risultare fastidiosi per un'attività che può richiedere anche un'elevata concentrazione mentale ed in particolare non devono perturbare l'attenzione e la comunicazione verbale. In particolare si consigliano le seguenti misure preventive: - installare i VDT in locali poco disturbati da fonti di rumore esterno e interno; - scegliere strumentazione poco rumorosa; - isolare gli strumenti rumorosi in ambienti separati o con dispositivi fonoisolanti; - negli uffici "open space" può essere utile ricorrere a pannelli divisori fonoassorbenti. Principali fonti di rumore al posto di lavoro al VDT e livelli d'intensità raggiunti. 14

15 Radiazioni Tutte le radiazioni, eccezion fatta per la parte visibile dello spettro elettromagnetico, devono essere ridotte a livelli trascurabili dal punto di vista della tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori. Le radiazioni generate dai VDT sono: radiazioni ionizzanti: - raggi X; In passato si era temuto che l'attività con VDT svolta durante la gravidanza potesse determinare danni al feto per esposizione a radiazioni ionizzanti. Questo non è stato dimostrato; infatti in tutti gli studi effettuati finora i livelli di emissione sono risultati trascurabili, ampiamente al di sotto dei limiti standard per la sicurezza ambientale (1 msievert/anno). radiazioni non ionizzanti N.I.R.: - radiazioni ultraviolette UV; - radiazioni infrarosse IR; - radiofrequenze RF (1,5 KHz MHz); - campi elettromagnetici a bassa frequenza VLF * (15-25 Khz); - campi elettromagnetici a frequenza estremamente bassa ELF * (50-60 Hz); - campi elettrostatici. I raggi U.V., I.R. e le R.F. in tutte le indagini effettuate sono risultati sempre molto al di sotto degli standard raccomandati; inoltre le radiazioni U.V. generate dal video sono del tipo UVA, cioè le meno dannose per l'organismo. Campi elettromagnetici: gli effetti sono tuttora oggetto di studio, ma la non specificità dei disturbi riferiti dagli operatori (cefalea, vertigini, irritabilità, nausea, ansietà ecc.) rende difficile stabilire con certezza una relazione con l'esposizione a VDT. Si deve ricordare che i campi elettromagnetici sono generati anche da altre sorgenti presenti nell'ambiente lavorativo (fotocopiatrici, ventilatori, climatizzatori ecc.) e domestico ( apparecchi TV, frigorifero, aspirapolvere, asciugacapelli, frullatore ecc.). Alla distanza di 50 cm dai più moderni monitor si sono riscontrati valori medi di campo magnetico attorno allo 0.06 microt, ben al di sotto del limite d'azione (1 microt). I maggiori produttori di VDT garantiscono con marchi o attestati il rispetto dei limiti raccomandati. 15

16 Parametri microclimatici Le condizioni microclimatiche non devono essere causa di discomfort per i lavoratori. Le attrezzature in dotazione al posto di lavoro non devono produrre un eccesso di calore che possa essere fonte di discomfort per i lavoratori. E' preferibile che le condizioni microclimatiche siano controllate tramite un impianto di condizionamento che assicuri situazioni di confort sia nella stagione estiva che invernale: - la temperatura, nella stagione calda, non dovrebbe essere inferiore a quella esterna di oltre 7 C; nelle altre stagioni, dovrebbe essere compresa tra 18 e 20 C; - l'umidità va mantenuta fra il 40 e il 60% nella stagione calda e fra il 40 e il 50% nelle altre stagioni; va evitata l'eccessiva secchezza dell'aria che favorisce l'irritazione delle mucose congiuntivali e dell'apparato respiratorio; - la velocità dell'aria deve essere inferiore a 0,15 m/sec; - il ricambio dell'aria deve garantire almeno 32 mc per persona e per ora. Impianto elettrico E' necessario che il tavolo del VDT sia posto vicino alle prese evitando percorsi dei cavi che possono essere d'intralcio e pericolosi. Ove non vi e' altra soluzione che far passare i cavi sul pavimento gli stessi devono essere protetti da una specifica protezione. La linea elettrica di alimentazione deve avere il filo di terra ed essere protetta con un rele' differenziale. Sono da evitare prese multiple e prese volanti. 16

17 Interfaccia elaboratore/uomo All'atto dell'elaborazione, della scelta, dell'acquisto del software, o allorchè questo venga modificato, come anche nel definire le mansioni che implicano l'utilizzazione di unità videoterminali, il datore di lavoro terrà conto dei seguenti fattori: a) il software deve essere adeguato alla mansione da svolgere; b) il software deve essere di facile uso adeguato al livello di conoscenza e di esperienza dell'utilizzatore. Inoltre nessun dispositivo di controllo quantitativo o qualitativo può essere utilizzato all'insaputa dei lavoratori; c) il software deve essere strutturato in modo tale da fornire ai lavoratori indicazioni comprensibili sul corretto svolgimento dell attività; d) i principi dell ergonomia devono essere applicati in particolare all elaborazione dell informazione da parte dell uomo. 17

18 Effetti sulla salute Gli studi sinora condotti, come già accennato, hanno evidenziato che i principali effetti sulla salute derivanti dal lavoro con VDT sono: disturbi oculo-visivi (astenopia o affaticamento visivo); insorgenza di disturbi muscolo-scheletrici, legati alle posture assunte; fatica mentale o stress. Tali effetti, che derivano direttamente dalla modalità di utilizzo del VDT, sono da mettere in relazione con: la durata dell esposizione al VDT; le caratteristiche della postazione di lavoro e dell ambiente circostante; le caratteristiche dell hardware e del software; la specificità del lavoro svolto al VDT; e possono essere evitati rispettando rigorosamente le prescrizioni minime e le misure organizzative di prevenzione, in precedenza richiamate, nonché le indicazioni generali di comportamento, illustrate più avanti, valide per tutti i soggetti. Disturbi oculo-visivi Sintomi: bruciore, lacrimazione secchezza senso di corpo estraneo ammiccamento frequente fastidio alla luce, pesantezza visione annebbiata o sdoppiata stanchezza alla lettura cefalea NEL COMPLESSO SONO DISTURBI REVERSIBILI Principali cause: difetti visivi non corretti o mal corretti condizioni ambientali e/o di illuminazione sfavorevoli riflessi da superfici lucide luce diretta (artificiale o naturale) su monitor o occhi presenza di superfici di colore estremo (bianco o nero) difettosità del monitor impegno visivo statico, ravvicinato, protratto nel tempo 18

19 Disturbi muscolo scheletrici Sensazioni: senso di peso, di fastidio intorpidimento dolore rigidità di: - collo - schiena - spalle - braccia - mani Cause: posizione di lavoro scorretta errata scelta degli arredi posizione di lavoro fissa e mantenuta per lungo tempo movimenti rapidi e ripetitivi delle mani (uso di tastiera e mouse) I dolori muscolari: Compaiono a causa delle contrazioni muscolari statiche, ad esempio quando si digita a braccia non appoggiate; in questo caso ai muscoli arriva meno sangue del necessario: il muscolo mal nutrito si affatica e diventa dolente. I dolori alla colonna vertebrale: Compaiono perché le posizioni fisse rendono più difficile il nutrimento dei dischi intervertebrali. I disturbi alla mano: Compaiono perché i nervi e i tendini della mano, nei movimenti rapidi, sono sovraccaricati o compressi e possono infiammarsi. Ciò può generare dolore intenso, impaccio ai movimenti, formicolii alle dita. Questo disturbo è raro e compare in coloro che digitano o usano il mouse velocemente per buona parte del turno lavorativo. 19

20 Fatica mentale o stress Disturbi di tipo psicologico o psicosomatico: mal di testa, stanchezza irritabilità, tensione nervosa ansia, depressione insonnia problemi digestivi Cause: carico di lavoro superiore o inferiore alle capacità della persona mancanza di riconoscimento lavoro monotono e/o ripetitivo isolamento da colleghi software o hardware inadeguati fattori ambientali: - spazio - microclima 20

21 La sorveglianza sanitaria La sorveglianza sanitaria viene effettuata con particolare riferimento: a) ai rischi per la vista e per gli occhi; b) ai rischi per l apparato muscolo-scheletrico. Sono sottoposti a sorveglianza sanitaria i lavoratori che utilizzano un'attrezzatura munita di videoterminali, in modo sistematico o abituale, per venti ore settimanali, dedotte le pause. Tale attività è svolta dal medico competente al fine di formulare un giudizio di idoneità alla mansione e prevede: a) visita medica preventiva intesa a constatare l assenza di controindicazioni al lavoro cui il lavoratore è destinato; b) visita medica periodica per controllare lo stato di salute dei lavoratori; c) visita medica su richiesta del lavoratore, qualora sia ritenuta dal medico competente correlata ai rischi professionali o alle sue condizioni di salute, suscettibili di peggioramento a causa dell attività lavorativa svolta. Sulla base delle risultanze degli accertamenti effettuati nel corso delle visite, il medico competente esprime uno dei seguenti giudizi relativi alla mansione specifica: a) idoneità; b) idoneità parziale, temporanea o permanente, con prescrizioni o limitazioni; c) inidoneità temporanea; d) inidoneità permanente. Salvi i casi particolari che richiedono una frequenza diversa stabilita dal medico competente, la periodicità delle visite di controllo è biennale per i lavoratori classificati come idonei con prescrizioni o limitazioni e per i lavoratori che abbiano compiuto il cinquantesimo anno di età; quinquennale negli altri casi. Per i casi di inidoneità temporanea il medico competente stabilisce il termine per la successiva visita di idoneità. Il datore di lavoro fornisce a sue spese ai lavoratori i dispositivi speciali di correzione visiva, in funzione dell'attività svolta, quando l esito delle visite ne evidenzi la necessità e non sia possibile utilizzare i dispositivi normali di correzione. L obbligo di fornire i dispositivi speciali di correzione è stato introdotto dall art. 7 della Legge comunitaria 2002 (Legge 3 febbraio 2003, n in G.U. del 7 febbraio 21

22 2003, n. 31), laddove la precedente disposizione prevedeva a carico del datore di lavoro unicamente la spesa per la dotazione dei dispositivi speciali di correzione. I dispositivi speciali di correzione Le lenti, che il lavoratore impiega quotidianamente anche al di fuori dell ambiente di lavoro, sono normali dispositivi di correzione ottica ma non sono da considerarsi dispositivi speciali di correzione visiva e pertanto non devono essere forniti dal datore di lavoro. Qualora invece il lavoro al VDT comporta l acquisizione di lenti diverse da quelle usate al di fuori dell ambiente di lavoro, queste lenti aggiuntive (e solo queste) sono da intendersi come DPI. A dirimere i dubbi di attribuzione dei costi relativi ai dispositivi speciali di correzione del visus interviene la Circolare n. 30 del , emanata dal Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale, che di seguito si cita. Con la locuzione dispositivi speciali di correzione, di cui all art. 55, comma 5, del DLgs 626/94, si devono intendere quei particolari dispositivi che consentono di eseguire l attività al videoterminale in buone condizioni di lavoro quando non si rivelino non adatti i dispositivi normali di correzione, cioè quelli usati dal lavoratore nella vita quotidiana. Ne deriva che, nell ipotesi in cui il dispositivo speciale di correzione sia integrato nel normale dispositivo di correzione, il datore di lavoro è tenuto a pagare il costo relativo alla correzione speciale. In altri termini, per DPI specifici si devono intendere quei mezzi correttivi per l'occhio senza i quali il lavoratore non può svolgere, e solo in ambito lavorativo, una certa mansione (per esempio, ausili per ipovedenti, ingranditori, lenti "speciali" ). 22

23 Indicazioni comportamentali per la prevenzione Le indicazioni comportamentali di seguito illustrate, se correttamente recepite dagli addetti e utilizzate nella pratica quotidiana, consentono di prevenire l insorgenza di eventuali disturbi connessi ad un uso scorretto dei videoterminali. La prevenzione dei disturbi muscolo scheletrici I disturbi muscolo-scheletrici derivano in primo luogo dal fisiologico invecchiamento dell uomo, ma frequentemente sono causati da posture scorrette assunte sia nel corso dell attività lavorativa sia del quotidiano agire per atteggiamento e/o abitudine. Per quanto riguarda l utilizzo del videoterminale tali disturbi derivano in primo luogo dalla postura assunta. In generale è bene sottolineare che non esiste una postura corretta da adottare e mantenere nel lavoro al VDT e che la migliore soluzione è cambiare quanto più spesso possibile la posizione del corpo e dei suoi segmenti nello spazio di lavoro, compatibilmente con il lavoro da svolgere. Posture sedute fisse, o eccessivamente costrette o addirittura scorrette (come accavallare le gambe, irrigidire il collo, curvare la schiena), provocano un lavoro muscolare incongruo e/o eccessivo che può causare cattiva circolazione sanguigna, intorpidimento ed irrigidimento di vari segmenti corporei, sino al manifestarsi di dolori, più o meno acuti, a: collo, schiena, spalle, braccia, polsi, mani. La sedentarietà, prolungata anche nella vita extra lavorativa, nonché l adozione di posture scorrette facilitano il manifestarsi e talvolta l aggravamento di tali disturbi. Altresì caratteristiche e fattori individuali, come le alterazioni metaboliche e del peso corporeo (ad es. obesità), sesso, età presenza di patologie artrosiche, ecc., possono influire sulla comparsa, più o meno precoce, di questo tipo di sintomi. Per la prevenzione di tali disturbi nel lavoro al VDT è bene attenersi alle indicazioni di seguito illustrate. Assumere la postura corretta di fronte al video, con i piedi ben appoggiati al pavimento e la schiena poggiata allo schienale della sedia nel tratto lombare, regolando allo scopo l altezza della sedia e l inclinazione dello schienale. 23

24 Posizionare lo schermo del video di fronte, in maniera che lo spigolo superiore dello schermo sia posto un po più in basso del piano dell orizzontale che passa per gli occhi dell operatore e ad una distanza dagli occhi pari a circa cm. Disporre la tastiera davanti allo schermo ed il mouse, o eventuali altri dispositivi di uso frequente, sullo stesso piano della tastiera ed in modo che siano facilmente raggiungibili. Eseguire la digitazione ed utilizzare il mouse evitando irrigidimenti delle dita e del polso e cercando di tenere gli avambracci appoggiati sul piano di lavoro in modo da alleggerire la tensione dei muscoli del collo e delle spalle. Evitare, per quanto possibile, posizioni di lavoro fisse per tempi prolungati. Nel caso ciò fosse inevitabile, ricordarsi di sgranchirsi spesso (collo, schiena, arti superiori ed inferiori). Se si dispone di una sedia con braccioli assicurarsi che non provochino un eccessivo innalzamento o abbassamento delle spalle quando si desidera utilizzarli. 24

25 La prevenzione dei disturbi oculovisivi Premesso che anche l occhio subisce un invecchiamento fisiologico e, pertanto, alcuni sintomi in ogni caso potrebbero apparire in conseguenza dell età, la prevenzione dei disturbi dell occhio connessi all uso dei VDT riguarda i due aspetti dello stesso: l organo in sé e la funzione visiva da questo svolta. Per quanto riguarda l organo, il microclima ha la sua importanza poiché un ambiente troppo caldo e/o secco può creare piccoli fastidi interferendo sulla naturale lacrimazione, così come l attenzione cui costringe lo schermo fa sì che si ammicchi meno. Tali condizioni determinano un evaporazione più rapida del filtro lacrimale e l occhio diventa secco o arrossato con più facilità. L intervento preventivo, in questo caso, richiede, oltre al rispetto della corretta aerazione ed umidificazione dell ambiente, un volontario ammiccamento degli occhi, o battito delle palpebre, al fine di consentire alle palpebre la naturale funzione di protezione, pulizia e lubrificazione della superficie oculare. Qualora il processo naturale di lacrimazione fosse deficitario (si ricorda che il vizio del fumo può aggravare un simile sintomo), si può ricorrere all uso di lacrime artificiali per una migliore lubrificazione dell occhio. Nel caso in cui il sintomo fosse persistente è bene ricorrere ad una visita specialistica. La funzione visiva, invece, naturalmente soggetta ad affaticamento in conseguenza di una costanza di messa a fuoco (es. lettura prolungata di testi), è sollecitata dall uso del VDT in modo particolare giacché l immagine che deve essere messa a fuoco proviene essa stessa da una sorgente luminosa. Per prevenire i conseguenti disturbi di affaticamento visivo (astenopia) e di arrossamento degli occhi si dovrà: illuminare correttamente il posto di lavoro, possibilmente con luce naturale, mediante la regolazione di tende o veneziane, ovvero con illuminazione artificiale. E bene, al riguardo, ricordare che le condizioni di maggior comfort visivo sono raggiunte con illuminamenti non eccessivi e con fonti luminose poste al di fuori del campo visivo e che non si discostino, per intensità, in misura rilevante da quelle degli oggetti e superfici presenti nelle immediate vicinanze, in modo da evitare contrasti eccessivi; orientare ed inclinare lo schermo per eliminare, per quanto possibile, riflessi sulla sua superficie; assumere la postura corretta di fronte al video in modo che la distanza occhischermo sia pari a circa cm.; 25

26 disporre il porta-documenti, se presente, alla stessa altezza e distanza dagli occhi dello schermo ricorrendo ai meccanismi di regolazione; distogliere periodicamente lo sguardo dal video per guardare oggetti lontani, al fine di ridurre l affaticamento visivo (figura 1); durante le interruzioni ed i cambiamenti di attività previsti, è opportuno non dedicarsi ad attività che richiedano un intenso impegno visivo come ad esempio la correzione di un testo scritto (figura 2); curare la pulizia periodica di tastiera, schermo e mouse; utilizzare gli eventuali dispositivi speciali di correzione della vista, se prescritti e forniti dal datore di lavoro. (figura 1) (figura 2) 26

27 La prevenzione dei disturbi da affaticamento mentale Il benessere mentale o psichico della persona dipende da una serie di variabili che attengono sia la vita lavorativa che extra-lavorativa dell individuo. Nell ambiente di lavoro, elemento centrale per il benessere mentale è indubbiamente l organizzazione del lavoro ed il clima aziendale in generale. Per gli addetti ai videoterminali, i principali fattori di fatica mentale e stress sono riconducibili al tipo di interazione richiesta dalla macchina (software) ed ai ritmi e alla durata del lavoro. In quest ultimo caso, occorre tenere presente che il tipo di reazione ad una data situazione dipende anche dalla personalità del soggetto: uno stesso tipo di lavoro può risultare soddisfacente, monotono o complesso in personalità diverse. Uno studio, condotto dall IIMS, sullo stress da VDT (Giannini A.M., Bonaiuto P., Caratteristiche e condizioni dello stress negli operatori al computer. Indicazioni e prevenzione, IIMS Editore, Roma, 1998.) ha evidenziato come più resistenti sembrano essere coloro che caratterialmente sono portati ad un iper controllo della situazione e dell ambiente. In questi individui scatta il rifiuto a prendere coscienza dei disturbi somatici sotto stress, il che determina ulteriori conseguenze negative sulla loro salute risultando, ad esempio, i più colpiti da malattie cardio-circolatorie. Le persone estroverse, invece, risultano le più stressate dall attività al videoterminale perché costrette ad interagire continuamente con l elaboratore a scapito dei rapporti interpersonali. Più in generale, dallo studio è emerso che il personal computer è fonte di stress per chi è obbligato a usarlo per attività ripetitive e non per chi sceglie volontariamente di lavorare con questo strumento per le possibilità che esso offre. In ogni caso, le variabili di più frequente riscontro, che devono essere controllate, per la fatica mentale e lo stress ai VDT sono: ripetitività delle operazioni ovvero monotonia del compito; scarsa conoscenza del software che si utilizza ovvero senso di abbandono in caso di difficoltà a procedere nel lavoro; rumorosità ambientale o interferenze che interrompono l esecuzione del lavoro; sovraccarico ovvero sottocarico di lavoro anche in termini di responsabilità generali; clima aziendale e rapporto con i colleghi e con i capi. Considerato che tali variabili sono correlate al contesto lavorativo, è necessario che il datore di lavoro conosca tali problematiche ed attivi procedure organizzative e di coinvolgimento del personale, affinché il manifestarsi di tali fenomeni sia ridotto al minimo. Ciò premesso, al fine di evitare affaticamento mentale e stress gli addetti devono: seguire le indicazioni e la formazione ricevuti per l uso dei programmi e delle procedure informatiche; disporre di tempo sufficiente per acquisire le necessarie competenze ed abilità; rispettare la corretta distribuzione delle interruzioni; 27

28 utilizzare il software per il quale si è ricevuta l informazione necessaria ovvero facile da usare; in caso di anomalie del software e/o delle attrezzature rivolgersi al/i referente/i per la soluzione del problema. Infine, è bene ricordare che un lavoro continuo ed eccessivamente prolungato al VDT, senza interruzioni, non solo facilita la comparsa di disturbi dell apparato muscoloscheletrico e di affaticamento visivo, ma comporta anche una diminuzione delle prestazioni lavorative con conseguente aumento degli errori nell esecuzione dei compiti. 28

29 Bibliografia Lavorare con i videoterminali Misure tecnico-organizzative ed indicazioni comportamentali per il lavoro con attrezzature munite di VDT Istituto Italiano di Medicina Sociale Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro RAPPORTO BREVE N I dispositivi di correzione visiva e i dispositivi di protezione individuali nel lavoro al VDT. Azienda Sanitaria Unica Regionale delle Marche - DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE - Servizio Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro Servizio Sanitario Nazionale Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia. Agenzia Regionale della Sanità: il rischio legato all utilizzo di videoterminali. 29

Procedura di sicurezza Postazioni Videoterminale

Procedura di sicurezza Postazioni Videoterminale LICEO STATALE G. TURRISI COLONNA Procedura di sicurezza Postazioni Videoterminale Revisione: 00 Data: 29/03/2011 1 A emissione OGGETTO Indicazioni riguardanti la corretta gestione delle postazioni di lavoro

Dettagli

Requisiti e prescrizioni per la sicurezza dei lavoratori

Requisiti e prescrizioni per la sicurezza dei lavoratori Requisiti e prescrizioni per la sicurezza dei lavoratori 32 Requisiti e Prescrizioni di Sicurezza Il D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. indica requisiti e prescrizioni per: - Luoghi di Lavoro; - Uso delle attrezzature

Dettagli

Sicurezza nei luoghi di lavoro

Sicurezza nei luoghi di lavoro Sicurezza nei luoghi di lavoro Il termine ergonomia indica l insieme delle tecniche, degli strumenti e degli accorgimenti che consentono di creare un ambiente di lavoro sicuro e confortevole. Le norme

Dettagli

Linee guida all uso dei videoterminali

Linee guida all uso dei videoterminali Linee guida all uso dei videoterminali Titolo VII - ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI Capo I - Disposizioni generali Art. 172. Campo di applicazione 1. Le norme del presente titolo si applicano alle

Dettagli

L ERGONOMIA APPLICATA AL LAVORO IN UFFICIO. Redatto da Dott.Guido Perina- Medico Competente

L ERGONOMIA APPLICATA AL LAVORO IN UFFICIO. Redatto da Dott.Guido Perina- Medico Competente L ERGONOMIA APPLICATA AL LAVORO IN UFFICIO PATOLOGIA DA INDOOR: NON SOLO IL VIDEOTERMINALE 1) Problemi legati all'affaticamento fisico e mentale: lo stress 2) Disturbi al Sistema Muscolo-Scheletrico 3)

Dettagli

Come. Uso di attrezzature munite di videoterminali

Come. Uso di attrezzature munite di videoterminali ing. Domenico Mannelli Come Uso di attrezzature munite di videoterminali DEFINIZIONI videoterminale: schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA VIDEOTERMINALI protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico Territoriale

Dettagli

RISCHIO DA ESPOSIZIONE A VIDEOTERMINALI

RISCHIO DA ESPOSIZIONE A VIDEOTERMINALI RISCHIO DA ESPOSIZIONE A VIDEOTERMINALI I principali fattori di rischio vanno ricercati in : una scarsa conoscenza ed applicazione dei principi ergonomici; una mancanza di informazione e di consapevolezza

Dettagli

PROCEDURA 05/B UTILIZZO ERGONOMIA POSTAZIONI VIDEOTERMINALI

PROCEDURA 05/B UTILIZZO ERGONOMIA POSTAZIONI VIDEOTERMINALI PROCEDURA 05/B UTILIZZO ERGONOMIA POSTAZIONI VIDEOTERMINALI ATTREZZATURE Osservazione generale. L'utilizzazione in sé dell'attrezzatura non deve essere fonte di rischio per i lavoratori. Spazio Come indicato

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE Art. 37, comma 2, D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011. Ing. Antonio Giorgi RSPP

CORSO DI FORMAZIONE Art. 37, comma 2, D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011. Ing. Antonio Giorgi RSPP I.C. A. VOLTA Via Botticelli, 31 04100 Latina CORSO DI FORMAZIONE Art. 37, comma 2, D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011 Ing. Antonio Giorgi RSPP Videoterminali 2 VDT : CONCETTI

Dettagli

CORSO BASE SULLA SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO

CORSO BASE SULLA SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO LICEO SCIENTIFICO BERTRAND RUSSELL CLES (Tn) CORSO BASE SULLA SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO Modulo 4: Lavoro al Video Terminale secondo il D.Lgs. 81/2008 s.m. e l Accordo della Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

L USO DEI VIDEOTERMINALI E CAUSA DI PATOLOGIE?

L USO DEI VIDEOTERMINALI E CAUSA DI PATOLOGIE? L USO DEI VIDEOTERMINALI E CAUSA DI PATOLOGIE? RISCHI CONNESSI ALL USO DEL VDT L USO DEL VDT NON E MAI CAUSA DELL INSORGENZA DI PATOLOGIE SPECIFICHE L USO DEL VDT PUO SLATENTIZZARE O PEGGIORARE I SINTOMI

Dettagli

D.LGS. 81/08 TITOLO VII Art. 172 Campo di applicazione

D.LGS. 81/08 TITOLO VII Art. 172 Campo di applicazione 1 D.LGS. 81/08 TITOLO VII Art. 172 Campo di applicazione Le norme del presente titolo si applicano alle attività lavorative che comportano l uso di attrezzature munite di videoterminali. Non si applicano

Dettagli

VIDEOTERMINALI: prime note al confronto tra D. Lgs. 626/94 e D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO ) di Graziano Frigeri Medico del Lavoro, Euronorma

VIDEOTERMINALI: prime note al confronto tra D. Lgs. 626/94 e D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO ) di Graziano Frigeri Medico del Lavoro, Euronorma VIDEOTERMINALI: prime note al confronto tra D. Lgs. 626/94 e D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO ) di Graziano Frigeri Medico del Lavoro, Euronorma Decreto Legislativo 626/94 Titolo VI D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO

Dettagli

D.Lgs. 81/08 TITOLO VII ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI

D.Lgs. 81/08 TITOLO VII ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI Dipartimento Sanità Pubblica SERVIZI PREVENZIONE SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC della Sicurezza e Igiene sul Lavoro STOP DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC

Dettagli

VIDEOTERMINALI & SALUTE

VIDEOTERMINALI & SALUTE VIDEOTERMINALI & SALUTE note informative per il personale dell Istituto note informative per il personale dell Istituto Pagina 1 Il presente documento informativo è stato promosso dal Servizio di Prevenzione

Dettagli

VIDEOTERMINALI E PREVENZIONE

VIDEOTERMINALI E PREVENZIONE VIDEOTERMINALI E PREVENZIONE 1 USO DEI VDT: NORMATIVA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO L uso di attrezzature munite di videoterminali (VDT) è disciplinato in Italia dal D.Lgs 81/08 TITOLO VII (art.i. 172-179).

Dettagli

Sicurezza al videoterminale

Sicurezza al videoterminale http://magazine.paginemediche.it/it/366/dossier/medicina-del-lavoro/detail_1917_sicurezza-al-videoter... Pagina 1 di 12 Magazine paginemediche.it: attualità e approfondimento sulla salute Medicina del

Dettagli

Formazione sicurezza studente lavoratore

Formazione sicurezza studente lavoratore Formazione sicurezza studente lavoratore ILVIDEOTERMINALE 1. Definizione del termine Videoterminale 2. Definizione del termine Vidoterminalista 3. Definizione del termine Posto di lavoro 4. Obblighi del

Dettagli

Formazione specifica Unità Didattica 1. L ambiente e le attrezzature di lavoro

Formazione specifica Unità Didattica 1. L ambiente e le attrezzature di lavoro Formazione specifica Unità Didattica 1 L ambiente e le attrezzature di lavoro Definizione di ambiente di lavoro D.Lgs. 81/2008 Per luogo di lavoro si intende: i luoghi destinati a ospitare posti di lavoro,

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE. DEL RISCHIO VIDEOTERMINALE rispetto dei requisiti minimi riportati nell'allegato XXXIV del D.Lgs. 81/08

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE. DEL RISCHIO VIDEOTERMINALE rispetto dei requisiti minimi riportati nell'allegato XXXIV del D.Lgs. 81/08 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO VIDEOTERMINALE rispetto dei requisiti minimi riportati nell'allegato IV del D.Lgs. 81/08 Azienda: Studio Geom.Benni Sede: www.testo-unico-sicurezza.com WWW.BENNI.ORG

Dettagli

Il lavoro al Videoterminale (VDT)

Il lavoro al Videoterminale (VDT) Servizio Prevenzione e Protezione Viale Innovazione, 2-Edificio U11-20126 Milano tel.02-64486190-fax 02-64486191 Il lavoro al Videoterminale (VDT) Effetti sulla salute e prevenzione I videoterminali Negli

Dettagli

Davanti al PC - Le ultime novità

Davanti al PC - Le ultime novità Davanti al PC - Le ultime novità Le nuove regole alla luce dei cambiamenti legislativi Le linee guida d'uso dei videoterminali (Decreto 2 ottobre 2000 del Ministero del lavoro e della previdenza sociale)

Dettagli

USO DI VIDEOTERMINALI

USO DI VIDEOTERMINALI USO DI VIDEOTERMINALI In senso stretto un videoterminale (o VDT) è un apparecchio di visualizzazione simile allo schermo televisivo, che permette di vedere le informazioni immagazzinate nel nostro computer.

Dettagli

Corso di Medicina del Lavoro

Corso di Medicina del Lavoro Corso di Medicina del Lavoro Malattie muscoloscheletriche e da agenti fisici Il rischio da Videoterminale Il rischio da Videoterminale 1 of 55 Legislazione Titolo VI del D.lgs. 626/94, che ha recepito

Dettagli

Lavoro al Videoterminale. Ai sensi del D.Lgs. 81/08 Titolo VII Attrezzature munite di VDT

Lavoro al Videoterminale. Ai sensi del D.Lgs. 81/08 Titolo VII Attrezzature munite di VDT Lavoro al Videoterminale Ai sensi del D.Lgs. 81/08 Titolo VII Attrezzature munite di VDT Campo di applicazione (art. 172) Le norme del presente titolo si applicano alle attività lavorative che comportano

Dettagli

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI E VIDEOTERMINALI. A cura di: Danilo Monarca e Massimo Cecchini

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI E VIDEOTERMINALI. A cura di: Danilo Monarca e Massimo Cecchini CORSO RESPONSABILI DEI SERVIZI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e dell Accordo tra Stato e Regioni 26 gennaio 2006 MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI E VIDEOTERMINALI A cura di:

Dettagli

FTA-I-ClimIllumn-V.ppt - ESCLUSIVO uso didattico interno - videoterminali

FTA-I-ClimIllumn-V.ppt - ESCLUSIVO uso didattico interno - videoterminali ottobre 2008 1 elio giroletti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA dip. fisica nucleare e teorica via bassi 6, 27100 pavia, italy tel. 038298.7905 - girolett@unipv.it - www.unipv.it/webgiro microclima, illuminazione

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli

Rischi trasversali. Relatore: dott.ssa Cristina Iani

Rischi trasversali. Relatore: dott.ssa Cristina Iani Rischi trasversali Movimentazione manuale carichi, utilizzo di videoterminali, principi ergonomici Relatore: dott.ssa Cristina Iani Dipartimento Scienze Sociali, Cognitive e Quantitative Riferimenti bibliografici

Dettagli

I VIDEOTERMINALI Titolo VII e Allegato XXXIV del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

I VIDEOTERMINALI Titolo VII e Allegato XXXIV del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. I VIDEOTERMINALI Titolo VII e Allegato XXXIV del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Rossella Benatti RSPP Università di Brescia I Videoterminali 1 I VIDEOTERMINALI L uso di attrezzature munite di videoterminali si

Dettagli

Sicurimpariamo al. Inail Sede di Torino Centro 21 marzo 2012 Funzione Prevenzione Roberto Sciarra

Sicurimpariamo al. Inail Sede di Torino Centro 21 marzo 2012 Funzione Prevenzione Roberto Sciarra Sicurimpariamo al Ferrante Aporti Inail Sede di Torino Centro 21 marzo 2012 Funzione Prevenzione Roberto Sciarra 1 Comportamenti di sicurezza e gestione delle attività 2 Principali figure della sicurezza:

Dettagli

Il lavoro al videoterminale

Il lavoro al videoterminale Il lavoro al videoterminale Presentazione informativa per chi lavora utilizzando attrezzature munite di videoterminali (VDT) inclusi gli studenti che frequentano il laboratorio didattico informatico. Ai

Dettagli

LA POSTAZIONE AL VIDEOTERMINALE

LA POSTAZIONE AL VIDEOTERMINALE Ergonomia / Videoterminali / Utilizzo sicuro dei VDT LA POSTAZIONE AL VIDEOTERMINALE Introduzione Gli aspetti posturali connessi al lavoro al VDT sulla salute dei lavoratori sono stati studiati da molti

Dettagli

Dispense tratte dal manuale Inail

Dispense tratte dal manuale Inail Dispense tratte dal manuale Inail Relazionare tenendo conto dei seguenti punti: Quali sono i possibili disturbi dovuti al lavoro al videoterminale? Cosa si può fare per evitarli? (posizione del monitor

Dettagli

FORMAZIONE DEI LAVORATORI

FORMAZIONE DEI LAVORATORI FORMAZIONE DEI LAVORATORI USO DI ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI D I S P E N S A M O N O G R A F I C A 1 VIDEOTERMINALI - Sommario: 1. Definizione - 2. Fonti normative - 3. Patologia - 4. Obblighi

Dettagli

Ambiente e Lavoro sicuro S.r.l. Consulenza, Formazione e Gestione di Sistemi per la Sicurezza sul Lavoro e Medicina del Lavoro

Ambiente e Lavoro sicuro S.r.l. Consulenza, Formazione e Gestione di Sistemi per la Sicurezza sul Lavoro e Medicina del Lavoro Consulenza, Formazione e Gestione di Sistemi per la Sicurezza sul Lavoro e Medicina del Lavoro Formazione e informazione dei dipendenti in materia di sicurezza, igiene del lavoro e protezione ambientale

Dettagli

LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI Collana Cultura della Sicurezza LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI Quaderno informativo N. 9 Collana Cultura della Sicurezza LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI Quaderno informativo

Dettagli

Rischi connessi all organizzazione del lavoro e di natura ergonomica: rischio. Tutela delle lavoratrici madri

Rischi connessi all organizzazione del lavoro e di natura ergonomica: rischio. Tutela delle lavoratrici madri MODULO 1 Organizzazione della prevenzione aziendale e valutazione dei rischi Rischi connessi all organizzazione del lavoro e di natura ergonomica: rischio connesso all uso dei videoterminali e movimentazione

Dettagli

Addetto al Videoterminale Sett. Amministrativo/Ufficio

Addetto al Videoterminale Sett. Amministrativo/Ufficio 1 Indice LA FIGURA DEL LAVORATORE AI VIDEOTERMINALI... 7 Chi è? 7 Quale formazione? 7 IN BREVE... 8 Le istruzioni per l uso corretto del computer 8 LA LEGISLAZIONE DI RIFERIMENTO... 9 Significato della

Dettagli

Il D.Lgs. 81/08 Titolo VII

Il D.Lgs. 81/08 Titolo VII Opuscolo Informativo per il lavoratore Il D.Lgs. 81/08 Titolo VII USO DEL VIDEOTERMINALE 1 INDICE GENERALE: Capitolo 1: Definizioni e normativa - Titolo VII D.Lgs. 81/08:.....pag. 4 Obblighi del datore

Dettagli

15/04/2014 VIDEOTERMINALE = V.D.T.

15/04/2014 VIDEOTERMINALE = V.D.T. = V.D.T. Corso di formazione SALUTE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO APPARECCHIATURE DOTATE DI SCHERMO IN GRADO DI RIPRODURRE DATI ALFA-NUMERICI, GRAFICI E IMMAGINI Titolo modulo Utilizzo di attrezzature

Dettagli

REQUISITI AMBIENTE DI LAVORO

REQUISITI AMBIENTE DI LAVORO LINEE GUIDA PER IL CORRETTO UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI REQUISITI AMBIENTE DI LAVORO Di seguito vengono specificate le precauzioni che debbono essere adottate in funzione dell utilizzo sistematico ed abituale

Dettagli

VIDEOTERMINALI CARATTERISTICHE DELLE POSTAZIONI DI LAVORO NORME COMPORTAMENTALI. 1 di 21

VIDEOTERMINALI CARATTERISTICHE DELLE POSTAZIONI DI LAVORO NORME COMPORTAMENTALI. 1 di 21 VIDEOTERMINALI CARATTERISTICHE DELLE POSTAZIONI DI LAVORO NORME COMPORTAMENTALI 1 di 21 ATTIVITA AL VIDEOTERMINALE LEGGE 29/12/2000 - N 422 MODIFICHE del D.Lgs 626/94 LAVORATORE: Il lavoratore che utilizza

Dettagli

Videoterminali LINEE GUIDA SULL USO DEI. Azienda ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione Garibaldi C a t a n i a

Videoterminali LINEE GUIDA SULL USO DEI. Azienda ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione Garibaldi C a t a n i a Azienda ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione Garibaldi C a t a n i a Direttore Generale: Dr. A. Pellicanò LINEE GUIDA SULL USO DEI Videoterminali Servizio di Prevenzione e Protezione

Dettagli

LA POSTAZIONE DI LAVORO AL VIDEOTERMINALE

LA POSTAZIONE DI LAVORO AL VIDEOTERMINALE SCHEDA TECNICA N 17 LA POSTAZIONE DI LAVORO AL VIDEOTERMINALE SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AZIENDALE V I A A L B E R T O N I, 1 5-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1. 1 3 7 - FA X 0 5 1. 6 3.

Dettagli

Bagolino,30 ottobre 2014. valutazione dei rischi connessi all attività lavorativa e didattica 10.1 PERSONALE AMMINISTRATIVO

Bagolino,30 ottobre 2014. valutazione dei rischi connessi all attività lavorativa e didattica 10.1 PERSONALE AMMINISTRATIVO M i n i s t e r o d e l l I s t r u zi o n e, d e l l U n i v e r s i t à e d e l l a R i c e r c a Istituto Comprensivo di Bagolino Via A. Lombardi 18-25072 Bagolino (BS) C.M. BSIC806008 - C.F. 87002590179

Dettagli

Q? Regione. 'rftft* 1. Oggetto e scopo 2. Campo di applicazione 3. Responsabilità. 7.2 Disturbi Muscolo - Scheletrici 7.3 Fatica Mentale. 7.4.

Q? Regione. 'rftft* 1. Oggetto e scopo 2. Campo di applicazione 3. Responsabilità. 7.2 Disturbi Muscolo - Scheletrici 7.3 Fatica Mentale. 7.4. Rev. o l'ai!. I di 12 SOMMARIO: 1. Oggetto e scopo 2. Campo di applicazione 3. Responsabilità 4. Definizioni e abbreviazioni 5. Documenti di Riferimento 6. Moduli e documenti di registrazione 7. Modalità

Dettagli

4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione

4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione 4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione D.Lgs 81/08 - TITOLO II LUOGHI DI LAVORO Articolo 63- Requisiti di salute e sicurezza Allegato IV Luoghi di di

Dettagli

Il D.Lgs. 81/2008 (Testo Unico sulla sicurezza) si applica a tutte le imprese con lavoratori dipendenti ed alle Pubbliche Amministrazioni.

Il D.Lgs. 81/2008 (Testo Unico sulla sicurezza) si applica a tutte le imprese con lavoratori dipendenti ed alle Pubbliche Amministrazioni. CAMPO DI APPLICAZIONE Il D.Lgs. 81/2008 (Testo Unico sulla sicurezza) si applica a tutte le imprese con lavoratori dipendenti ed alle Pubbliche Amministrazioni. FIGURE INTERESSATE Datore di Lavoro Lavoratore

Dettagli

Gli ambienti di lavoro: spazio, aerazione, illuminazione, illuminazione di emergenza. I Servizi: Spogliatoi, Lavelli, Servizi igienici

Gli ambienti di lavoro: spazio, aerazione, illuminazione, illuminazione di emergenza. I Servizi: Spogliatoi, Lavelli, Servizi igienici Gli ambienti di lavoro: spazio, aerazione, illuminazione, illuminazione di emergenza I Servizi: Spogliatoi, Lavelli, Servizi igienici VIDEOTERMINALI Decreto Legislativo 81/2008 Decreto ministeriale 2 ottobre

Dettagli

PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI DERIVANTI DALL USO DI ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI PREMESSA ORGANIZZAZIONE DELL AREA DI LAVORO

PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI DERIVANTI DALL USO DI ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI PREMESSA ORGANIZZAZIONE DELL AREA DI LAVORO PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI DERIVANTI DALL USO DI ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI PREMESSA... Lungi dal volere riportare aridamente le prescrizioni in merito all uso di attrezzature munite

Dettagli

DEFINIZIONI USO ED IMPIEGO DEI VIDEOTERMINALI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO ANALISI DEL POSTO DI LAVORO

DEFINIZIONI USO ED IMPIEGO DEI VIDEOTERMINALI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO ANALISI DEL POSTO DI LAVORO USO ED IMPIEGO DEI VIDEOTERMINALI Formazione dei lavoratori ai sensi del D.Lgs. 81/2008 DEFINIZIONI videoterminale: schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione

Dettagli

UTILIZZAZIONE DEI VIDEOTERMINALI

UTILIZZAZIONE DEI VIDEOTERMINALI UTILIZZAZIONE DEI VIDEOTERMINALI Gianluca Sotis (UPP-CNR, Roma) Definizioni (art. 173) Videoterminale: schermo alfa numerico o grafico Per lavoratore che utilizza videoterminali si intende un soggetto

Dettagli

LAVORARE AL VIDEOTERMINALE

LAVORARE AL VIDEOTERMINALE CORSO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE DEI LAVORATORI ESPOSTI A VDT LAVORARE AL VIDEOTERMINALE Titolo VII del D.Lgs 81/08 I^ PARTE I rischi per la sicurezza e per gli occhi Con il Decreto Legislativo 81/08

Dettagli

UFFICI E LAVORO AI VIDEOTERMINALI

UFFICI E LAVORO AI VIDEOTERMINALI Scheda Tecnica 06 - Uffici e lavoro ai vdtpagina 1 di 6 AZIENDA U N I T À SANITARIA LOCALE REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA Servizi di Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro - Unità Operativa

Dettagli

Roma, 27/02/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 52

Roma, 27/02/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 52 Direzione Centrale Sviluppo e Gestione Risorse Umane Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Pianificazione e Controllo di Gestione Direzione

Dettagli

RELAZIONE. Unità Produttiva: CUSTOMER SERVICES Contact Center

RELAZIONE. Unità Produttiva: CUSTOMER SERVICES Contact Center Pag. 1 di 9 Allegato 1 al DVR RELAZIONE sulla valutazione dei rischi connessi all uso del videoterminale (secondo quanto previsto dal Titolo VII del Decreto Legislativo 81/08) Unità Produttiva: CUSTOMER

Dettagli

UFFICI E LAVORO AI VIDEOTERMINALI

UFFICI E LAVORO AI VIDEOTERMINALI Uffici VDTsch 06_2010_UPagina 1 di 11 DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA GRUPPO DIPARTIMENTALE NIP CAMPO CONTENUTO N. 06 2010 OGGETTO DESCRIZIONE SCOPO ELEMENTI DI SCELTA VINCOLI LEGISLATIVI UFFICI E LAVORO

Dettagli

Regole Lavorative per gli Operatori Videoterminalisti

Regole Lavorative per gli Operatori Videoterminalisti Regole Lavorative per gli Operatori Videoterminalisti Manuale per un corretto uso delle Attrezzature Munite di Videoterminali, secondo il Testo Unico sulla Sicurezza e Salute sui Luoghi di Lavoro Decreto

Dettagli

APPENDICE A MISURE DI PREVENZIONE PER DOCENTI. Attività didattica in aula

APPENDICE A MISURE DI PREVENZIONE PER DOCENTI. Attività didattica in aula APPENDICE A MISURE DI PREVENZIONE PER DOCENTI Descrizione attività Attività didattica in aula L attività è costituita fondamentalmente dalle lezioni che l insegnate impartisce agli alunni, avvalendosi

Dettagli

Studi professionali: sicurezza nell uso dei videoterminali. Guida informativa

Studi professionali: sicurezza nell uso dei videoterminali. Guida informativa 2 Studi professionali: sicurezza nell uso dei videoterminali Guida informativa Guida informativa a cura di Giuseppe Piegari* *Presidente della Commissione per gli Interpelli in Materia di Salute e Sicurezza

Dettagli

OPUSCOLO PER I LAVORATORI RISCHI CONNESSI ALL USO DEL VDT

OPUSCOLO PER I LAVORATORI RISCHI CONNESSI ALL USO DEL VDT OPUSCOLO PER I LAVORATORI RISCHI CONNESSI ALL USO DEL VDT RISCHI FISICI - I VIDEOTERMINALI Definizioni (videoterminale, posto di lavoro e lavoratore) Videoterminale: uno schermo alfanumerico o grafico

Dettagli

Videoterminali: guida all'utilizzo sicuro

Videoterminali: guida all'utilizzo sicuro Videoterminali: guida all'utilizzo sicuro Introduzione Le linee guida per l'utilizzo del videoterminale emanate con il decreto del ministero del lavoro del 2 ottobre 2000 sono state stata messe a punto

Dettagli

Per minimizzare i rischi potenziali di lesioni da posizioni fisiche non confortevoli, è importante adottare una postura corretta.

Per minimizzare i rischi potenziali di lesioni da posizioni fisiche non confortevoli, è importante adottare una postura corretta. Lo stress Fattori di stress: Scarsa conoscenza del software e dell hardware; mancanza di informazioni sulla progettazione, sull organizzazione e sui e sui risultati del lavoro; mancanza di una propria

Dettagli

digitazione della tastiera; uso del mouse; frequenti spostamenti della testa; torsioni del busto rispetto al piano di lavoro.

digitazione della tastiera; uso del mouse; frequenti spostamenti della testa; torsioni del busto rispetto al piano di lavoro. PROBLEMI MUSCOLO - SCHELETRICI Sebbene siano più frequenti i problemi di tipo visivo e oculare, da sempre l`attenzione si è principalmente concentrata su problemi di tipo muscolo-scheletrico, come ad esempio

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA UTILIZZO DI APPARECCHIATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA UTILIZZO DI APPARECCHIATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA UTILIZZO DI APPARECCHIATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI L uso di attrezzature munite di videoterminale ha avuto negli ultimi anni una enorme diffusione nel mondo del lavoro ed è

Dettagli

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute Ergonomia in uffi cio Per il bene della vostra salute Ogni persona è unica, anche per quanto riguarda la struttura corporea. Una postazione di lavoro organizzata in modo ergonomico si adatta a questa individualità.

Dettagli

10. Fare prevenzione: esercizi di rilassamento e altre raccomandazioni

10. Fare prevenzione: esercizi di rilassamento e altre raccomandazioni 28 10. Fare prevenzione: esercizi di rilassamento e altre raccomandazioni Muoversi di più Chi lavora abitualmente al videoterminale deve approfittare di qualsiasi occasione per muoversi e cambiare la posizione

Dettagli

SCHEMA ANALISI ERGONOMICA

SCHEMA ANALISI ERGONOMICA SCHEMA ANALISI ERGONOMICA CODICE DELLA POSTAZIONE DI LAVORO N DI MAPPA AZIENDALE COGNOME E NOME SESSO..M F... DATA DI NASCITA.DATA DI ASSUNZIONE MANSIONE. ATTIVITA' SVOLTA REPARTO. ORE DI LAVORO AL GIORNO.ORE

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI GRUPPI OMOGENEI (ART. 4 D. LGS. 626/94 E S.M.I.)

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI GRUPPI OMOGENEI (ART. 4 D. LGS. 626/94 E S.M.I.) CITTA DI ALESSANDRIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE P.ZZA DELLA LIBERTA N. 1 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI GRUPPI OMOGENEI (ART. 4 D. LGS. 626/94 E S.M.I.) Direzione Programmazione e Controllo

Dettagli

Ns.rif.:web/banca_dati/linee_guida/videoterminali/Anno2004/056

Ns.rif.:web/banca_dati/linee_guida/videoterminali/Anno2004/056 Ns.rif.:web/banca_dati/linee_guida/videoterminali/Anno2004/056 ISBN 88-87098-33-6 GUIDE E MANUALI GIULIA OMBUEN Ns.rif.:web/banca_dati/linee_guida/videoterminali/Anno2004/056 Lavorare con i videoterminali

Dettagli

D. Lgs. 195/2003 Modulo B B 8.5.1 RISCHI FISICI I VIDEOTERMINALI

D. Lgs. 195/2003 Modulo B B 8.5.1 RISCHI FISICI I VIDEOTERMINALI B 8.5.1 RISCHI FISICI I VIDEOTERMINALI IL LAVORO AL VIDEOTERMINALE Valutazione del rischio in relazione alla normativa Attività rischiosa Tutela normativa NORMATIVA D.Lgs. n. 626/94 ( integrato dal D.

Dettagli

Il ruolo del medico in azienda e i principali rischi per la salute del lavoratore. Dott. Carlo Valchi Medico Specialista in Medicina del Lavoro

Il ruolo del medico in azienda e i principali rischi per la salute del lavoratore. Dott. Carlo Valchi Medico Specialista in Medicina del Lavoro Il ruolo del medico in azienda e i principali rischi per la salute del lavoratore Dott. Carlo Valchi Medico Specialista in Medicina del Lavoro Il ruolo del medico in azienda: premesse norma2ve DECRETO

Dettagli

TESTO UNICO SULLA SICUREZZA

TESTO UNICO SULLA SICUREZZA TESTO UNICO SULLA SICUREZZA Artt. 36 37 D.Lgs. 81/08 e D.Lgs. 106/09 Indicazioni operative ed informazioni per un corretto approccio alle apparecchiature munite di videoterminali R.S.P.P Ing.. Pasquale

Dettagli

Valutazione Ergonomica del rischio da videtoerminali una metodologia di valutazione

Valutazione Ergonomica del rischio da videtoerminali una metodologia di valutazione 31 Congresso Nazionale di Igiene Industriale Valutazione Ergonomica del rischio da videtoerminali una metodologia di valutazione Relazione a cura Ing. Diego Cerra Solve Consulting s.r.l. 31 Congresso Nazionale

Dettagli

Le patologie legate all'uso di videoterminali. Modulo: Danni correlati al lavoro al VDT: caratteristiche e diagnosi

Le patologie legate all'uso di videoterminali. Modulo: Danni correlati al lavoro al VDT: caratteristiche e diagnosi Le patologie legate all'uso di videoterminali Modulo: Danni correlati al lavoro al VDT: caratteristiche e diagnosi Benvenuto nel modulo "Danni correlati al lavoro al VDT: caratteristiche e diagnosi" Effetti

Dettagli

LAVORO AL VIDEOTERMINALE Informativa per i lavoratori ai sensi art.36 D.Lgs. n.81/2008

LAVORO AL VIDEOTERMINALE Informativa per i lavoratori ai sensi art.36 D.Lgs. n.81/2008 LAVORO AL VIDEOTERMINALE Informativa per i lavoratori ai sensi art.36 D.Lgs. n.81/2008 Medicina del Lavoro IFO ISTITUTI FISIOTERAPICI OSPITALIERI Via Elio Chianesi, 53-00144 Roma Tel. 06 5266 5904 Fax

Dettagli

ASPP Modulo A6 RISCHI SPECIFICI : RISCHI DA AGENTI FISICI

ASPP Modulo A6 RISCHI SPECIFICI : RISCHI DA AGENTI FISICI REGIONE BASILICATA ASM AZIENDA SANITARIA LOCALE DI MATERA AMBITO TERRITORIALE DI MONTALBANO JONICO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DELLA SALUTE UMANA U.O. DI PREVENZIONE, PROTEZIONE ED IMPIANTISTICA NEI LUOGHI

Dettagli

Modulistica Servizio Protezione Prevenzione: ISTRUZIONI OPERATIVE DI SICUREZZA

Modulistica Servizio Protezione Prevenzione: ISTRUZIONI OPERATIVE DI SICUREZZA Pagina 1 di 5 Nella scuola sono state individuate ed integrate su indicazione del personale, le seguenti misure di prevenzione e protezione: MISURE ANTINCENDIO E DI EMERGENZA Tutto il personale docente

Dettagli

Il rispetto delle normative a garanzia del benessere dell uomo

Il rispetto delle normative a garanzia del benessere dell uomo L ILLUMINAZIONE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO Il rispetto delle normative a garanzia del benessere dell uomo Dott. Ing. Gianni Drisaldi Le grandezze fotometriche Il Flusso Luminoso L Intensità luminosa L illuminamento

Dettagli

D. LGS. 81/08 L USO IN SICUREZZA DEI VIDEOTERMINALI LO STRESS DA LAVORO

D. LGS. 81/08 L USO IN SICUREZZA DEI VIDEOTERMINALI LO STRESS DA LAVORO D. LGS. 81/08 L USO IN SICUREZZA DEI VIDEOTERMINALI LO STRESS DA LAVORO I Videoterminali Riferimenti normativi: D. Lgs. 81 del 2008 Titolo VII (art.i. 172 179) RISCHIO VDT Cos è lavoro al videoterminale?

Dettagli

ADDETTI AI VIDEOTERMINALI

ADDETTI AI VIDEOTERMINALI FREELY AVAILABLE ONLINE ISSN: 2240-2594 ADDETTI AI VIDEOTERMINALI in adempimento al D.Lgs. n 81/2008 Caciari T 1, Casale T 1, Pimpinella B 1, De Sio S 1, Bonomi S 1, Monti C 1, Nardone N 1, Andreozzi G

Dettagli

Non sono videoterminalisti i lavoratori addetti

Non sono videoterminalisti i lavoratori addetti Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007 n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro Titolo VII Attrezzature munite

Dettagli

COMUNE DI ROMA. SOVRAINTENDENZA BB.CC. UNITA ORGANIZZATORIA INTERSETTORIALE Servizio Prevenzione e Protezione LAVORO AL VIDEOTERMINALE.

COMUNE DI ROMA. SOVRAINTENDENZA BB.CC. UNITA ORGANIZZATORIA INTERSETTORIALE Servizio Prevenzione e Protezione LAVORO AL VIDEOTERMINALE. COMUNE DI ROMA SOVRAINTENDENZA BB.CC. UNITA ORGANIZZATORIA INTERSETTORIALE Servizio Prevenzione e Protezione Quaderno n 3 LAVORO AL VIDEOTERMINALE Quaderno n 3 Responsabile S.P.P. P.I. A. Moglioni Data

Dettagli

FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA. Lavoro di ufficio e addetto VideoTerminali(VDT)

FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA. Lavoro di ufficio e addetto VideoTerminali(VDT) FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA Lavoro di ufficio e addetto VideoTerminali(VDT) dott. Piazza Augusto -ECO86 Biesse Studio -Lecco I pericoli presenti nel mio ambiente di lavoro

Dettagli

CORRETTA POSTAZIONE DI LAVORO

CORRETTA POSTAZIONE DI LAVORO CORRETTA POSTAZIONE DI LAVORO Nelle pause di lavoro (ufficiali e non) evitare di rimanere seduti e di impegnare la vista (es. leggendo il giornale o navigando su Internet) Art.175 D.Lgs.81 - Pause stabilite

Dettagli

I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE E COLLETTIVA

I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE E COLLETTIVA I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE E COLLETTIVA a cura di Marialuisa Diodato SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V IA A LBERTONI, 15-40138 BOLOGNA! 051.63.61.371-FAX 051.63.61.358 E-mail: spp@aosp.bo.it

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA UTILIZZO DI APPARECCHIATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI Ai sensi D.Lgs. n. 151 del 26 marzo 2001

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA UTILIZZO DI APPARECCHIATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI Ai sensi D.Lgs. n. 151 del 26 marzo 2001 Data 02-09-2010 Data 02-09-2010 Pagina 1 di 27 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA UTILIZZO DI APPARECCHIATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI Ai sensi D.Lgs. n. 151 del 26 marzo 2001 AZIENDA SEDE E UNITA

Dettagli

Catalogo corsi Formazione E-Learning FORMAZIONE GENERALE

Catalogo corsi Formazione E-Learning FORMAZIONE GENERALE Catalogo corsi Formazione E-Learning FORMAZIONE GENERALE Obiettivi del corso: Fornire i concetti di rischio, danno, prevenzione, protezione, organizzazione della prevenzione aziendale, diritti, doveri

Dettagli

Informatica di base: software

Informatica di base: software by Studio Elfra sas Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione Aggiornato a Aprile 2009 Informatica di base 1 Software Il software è l'insieme dei programmi che permettono

Dettagli

Il microclima come agente fisico

Il microclima come agente fisico Il microclima come agente fisico Definizione di microclima Nel D. Lgs. 81/08 il microclima è elencato tra gli agenti fisici per i quali è richiesta la valutazione del rischio, assieme a: rumore, vibrazioni,

Dettagli

LA SORVEGLIANZA SANITARIA

LA SORVEGLIANZA SANITARIA VIDEOTERMINALI Dott. Lazzaro Palumbo 1 LA SORVEGLIANZA SANITARIA è esercitata dal medico competente; sono previste visite: preventive (prima dell avviamento alla mansione); è dovuta per chi utilizza i

Dettagli

Rischi fisici connessi all uso dei videoterminali

Rischi fisici connessi all uso dei videoterminali CORSO FORMATIVO RISCHIO USO VIDEOTERMINALE Rischi fisici connessi all uso dei videoterminali Roma, 22 giugno 2010 Dott.ssa Alessandra Petrocchi S.C. Fisica Sanitaria Az. Ospedaliera Complesso Ospedaliero

Dettagli

Sei sicuro in ufficio? Vademecum della sicurezza in ufficio. Sei sicuro in ufficio?

Sei sicuro in ufficio? Vademecum della sicurezza in ufficio. Sei sicuro in ufficio? Sei sicuro in ufficio? Vademecum della sicurezza in ufficio Sei sicuro in ufficio? 1 Indice Premesse pag. 2 1 Armonia e benessere sul posto di lavoro pag. 3 2 Cos è il decreto legislativo n. 81 pag. 4

Dettagli

Lavoro al videoterminale I nove consigli per lavorare comodi

Lavoro al videoterminale I nove consigli per lavorare comodi Lavoro al videoterminale I nove consigli per lavorare comodi Evitare riflessi e abbagliamenti Posizionare lo schermo e il tavolo parallelamente alla finestra per evitare riflessi e abbagliamenti fastidiosi

Dettagli

Intervenire sull organizzazione del lavoro

Intervenire sull organizzazione del lavoro Intervenire sull organizzazione del lavoro Sistema Ambiente ha un modulo per l esame delle condizioni più specificatamente ergonomiche. Il metodo consente la definizione di parametri oggettivi di misurazione

Dettagli

Decreto Legislativo 81/08. Formazione dei lavoratori sui rischi specifici. Lavoro di ufficio

Decreto Legislativo 81/08. Formazione dei lavoratori sui rischi specifici. Lavoro di ufficio Decreto Legislativo 81/08 Formazione dei lavoratori sui rischi specifici Lavoro di ufficio Pericoli e interventi preventivi a contrasto del rischio VDT Materiali per la rielaborazione dei contenuti dei

Dettagli

VIDEOTERMINALI COMPUTER ed ERGONOMIA

VIDEOTERMINALI COMPUTER ed ERGONOMIA VIDEOTERMINALI COMPUTER ed ERGONOMIA Per i lavoratori di uffici e servizi D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81, art. 36 e D.M. 16.01.1997, art. 177 Programma e Moduli Argomenti delle lezioni Aspetti normativi e

Dettagli

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Limite di peso da sollevare da soli Maschi adulti 25 Kg femmine adulte 20 Kg maschi adolescenti 20 Kg femmine adolescenti

Dettagli