Antibiotico-resistenza: Strategia e raccomandazioni dell unione europea

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Antibiotico-resistenza: Strategia e raccomandazioni dell unione europea"

Transcript

1 Alessandra Piccirillo Dipartimento di Biomedicina comparata e Alimentazione Università degli Studi di Padova Antibiotico-resistenza: Strategia e raccomandazioni dell unione europea International Poultry Forum, Cremona, 24 Ottobre 2013

2 Global Risks 2013 Rischi economici Rischi ambientali Rischi geopolitici Rischi sociali Rischi tecnologici

3 The Dangers of Hubris on Human Health World Economic Forum, 2013

4 The Dangers of Hubris on Human Health World Economic Forum, 2013

5 The Dangers of Hubris on Human Health Da quando sono stati introdotti circa 70 anni fa, i farmaci antimicrobici hanno ridotto drasticamente il tasso di mortalità per malattie infettive, nell uomo e negli animali Attualmente siamo nella situazione che sono diventati una componente essenziale della medicina moderna Non si può più fare a meno, perché oltre ad essere utilizzati nel trattamento delle malattie infettive e delle infezioni nosocomiali, sono essenziali per ridurre il rischio di complicazioni dovute a interventi chirurgici, trapianti di organo, chemioterapia anticancro, cura dei neonati prematuri, etc. Probabilmente in futuro la situazione sarà ancor più grave, a causa del trend demografico e degli stili di vita, che stanno portando ad un aumento delle malattie croniche

6 ? 1. Cosa è l antibiotico-resistenza? 2. Quali sono i costi dell antibioticoresistenza? 3. Perché si fa un uso eccessivo ed errato di farmaci antimicrobici? 4.Perché non si sviluppano nuovi farmaci antimicrobici? 5. Cosa si può fare?

7 ? 1. Cosa è l antibiotico-resistenza? 2. Quali sono i costi dell antibioticoresistenza? 3. Perché si fa un uso eccessivo e errato di farmaci antimicrobici? 4.Perché non si sviluppano nuovi farmaci antimicrobici? 5. Cosa si può fare?

8 Antibiotico-resistenza L antibiotico-resistenza si verifica quando determinati agenti antimicrobici non sono più in grado di uccidere o prevenire la crescita di alcuni batteri È un fenomeno biologico naturale: alcuni batteri sono naturalmente resistenti ad alcuni agenti antimicrobici, altri lo diventano a seguito dello sviluppo di meccanismi di resistenza (mutazione o acquisizione di geni), che però può essere amplificato da una serie di fattori: uso eccessivo e inappropriato di antimicrobici in medicina umana e veterinaria, uso di antimicrobici a fini non terapeutici, inquinamento ambientale, cui si aggiunge scarsa propensione alla ricerca e allo sviluppo di nuove molecole

9 Antibiotico-resistenza L antibiotico-resistenza ha portato alla comparsa di: Staphylococcus aureus resistenti alla meticillina/oxacillina (MRSA) Enterococcus spp. resistenti alla vancomicina Pseudomonas aeruginosa multi-resistenti Escherichia coli resistenti ai chinoloni Klebsiella pneumoniae resistenti alle cefalosporine di 3a generazione Acinetobacter baumannii resistenti ai carbapenemi

10 Antibiotico-resistenza Problema mondiale di sanità pubblica in costante crescita

11 ? 1. Cosa è l antibiotico-resistenza? 2. Quali sono i costi dell antibioticoresistenza? 3. Perché si fa un uso eccessivo ed errato di farmaci antimicrobici? 4.Perché non si sviluppano nuovi farmaci antimicrobici? 5. Cosa si può fare?

12 Costi dell antibiotico-resistenza World Economic Forum, 2013

13 ? 1. Cosa è l antibiotico-resistenza? 2. Quali sono i costi dell antibioticoresistenza? 3. Perché si fa un uso eccessivo ed errato di farmaci antimicrobici? 4.Perché non si sviluppano nuovi farmaci antimicrobici? 5. Cosa si può fare?

14 Uso farmaci in medicina umana In medicina umana la combinazione fra l incentivazione non allineata e la mancanza di informazione hanno portato ad un uso sconsiderato di antibiotici In alcuni Paesi con prescrizione obbligatoria degli antibiotici, spesso se ne fa un uso inadeguato (es. terapia di malattie virali, etc.) In altri Paesi, il sistema sanitario trae beneficio economico dalla prescrizione di antibiotici In altri Paesi il sistema sanitario non prevede la prescrizione obbligatoria di antibiotici, per cui sono venduti liberamente in farmacia o al supermercato In Nel un India, Cina ospedale 2009 la 2005 il vendita pediatrico 74% al 2010 dei di di la pazienti Pechino vendita farmaci di rappresenta per ricoverati In Francia farmaci un comune negli oltre salvavita una il ospedali quota 50% raffreddore delle è significativa aumentata cinesi persone ha di delle prescrivevano ricevuto si circa aspetta entrare 6 antibiotici volte di di ricevere antibiotici (Westly, un ospedale in via un 2012) antibiotico preventiva 98% e fino dei al 2010 pazienti (Wei, in caso 2009) lo (Yezli di stipendio influenza & Li, 2012) veniva (Carlet pagato et al., sulla 2012) base dei profitti ricavati dalla prescrizione di farmaci

15 Uso farmaci in medicina umana ECDC Surveillance Report Surveillance of antimicrobial consumption in Europe ECDC, 2013

16 Uso farmaci in medicina veterinaria In medicina veterinaria gli antibiotici sono utilizzati nell allevamento animale non solo a scopo terapeutico, ma anche a scopo profilattico e come promotori di crescita (>50% degli antimicrobici prodotti a livello globale è destinato alle produzioni animali) Oltre a ciò Inquinamento ambientale

17 Uso farmaci in medicina veterinaria Sales of veterinary antimicrobial agents in 25 EU/EEA countries in Third ESVAC report ESVAC Report, 2013

18 ? 1. Cosa è l antibiotico-resistenza? 2. Quali sono i costi dell antibioticoresistenza? 3. Perché si fa un uso eccessivo ed errato di farmaci antimicrobici? 4.Perché non si sviluppano nuovi farmaci antimicrobici? 5. Cosa si può fare?

19 Nuovi farmaci antimicrobici Sebbene negli ultimi anni nuovi farmaci antimicrobici siano stati introdotti nel mercato, non bisogna pensare che ce ne siano altri che stanno per essere commercializzati le molecole più recenti sono il risultato di ricerche avvenute decenni fa! The Antibiotic Discovery Void Perché? World Economic Forum, 2013

20 Nuovi farmaci antimicrobici 1.Negli ultimi anni l industria farmaceutica ha concentrato l attenzione su farmaci per il trattamento di malattie croniche, quali diabete e ipertensione, che hanno un maggiore ritorno economico 2.Molte industrie farmaceutiche di piccole-medie dimensioni non riescono a sostenere i costi dei trial clinici, previsti dalla normativa vigente, prima dell immissione in commercio di nuove molecole 3.Negli ultimi anni la ricerca si è concentrata su nuovi approcci per il trattamento delle malattie batteriche, quali la genomica, la nano-ingegneria e la biologia di sintesi, che però non hanno ancora dato risultati soddisfacenti

21 ? 1. Cosa è l antibiotico-resistenza? 2. Quali sono i costi dell antibioticoresistenza? 3. Perché si fa un uso eccessivo ed errato di farmaci antimicrobici? 4.Perché non si sviluppano nuovi farmaci antimicrobici? 5. Cosa si può fare?

22 Cosa si può fare? Il premio Nobel per l Economia 2009 Elinor Ostrom ha paragonato il problema dell antibiotico-resistenza a quello del riscaldamento globale in the sense that both phenomena involve nonrenewable global resources, both are caused by human activity and are intrinsically linked to our behaviour. The problem can only be addressed through international cooperation A differenza del riscaldamento globale, il problema dell antibiotico-resistenza ci fa ben sperare perché sappiamo quali azioni intraprendere l unica sfida è trovare la volontà di farlo e i meccanismi attraverso i quali combatterlo

23 Verso una Strategia Europea Luglio 1998: Opinion of the Economic & Social Committee on Resistance to Antibiotics as a Threat to Public Health (own-initiative Opinion) Settembre 1998: Invitational EU Conference on The Microbial Threat Copenhagen, Denmark Maggio 1999: Opinion of the Scientific Steering Committee on Antimicrobial Resistance Giugno 1999: Council Resolution on Antimicrobial Resistance A Strategy Against the Microbial Threat Giugno 2001: Communication from the Commission on a Community Strategy Against Antimicrobial Resistance Novembre 2001: Council Recommendation on The Prudent Use of Antimicrobial Agents in Human Medicine

24 Strategia Europea La strategia aveva come obiettivo prioritario la riduzione dell uso degli agenti antimicrobici in medicina umana e veterinaria e prevedeva una serie di misure a livello nazionale e di UE nei settori: sorveglianza, monitoraggio e raccolta dati sulla resistenza antimicrobica e sul consumo di antimicrobici in medicina umana e veterinaria (ECDC, EFSA, EMA, SCENIHR, EARS-Net, ESAC, ESVAC, EUCAST, ARPEC) prevenzione e controllo (Burden) ricerca (European Union 6th and 7th Framework Programme, Innovative Medicines Initiative, Horizon 2020) sensibilizzazione all argomento (Eurosurveillance, European Antibiotic Awareness Day, E-bug) cooperazione internazionale (Joint Programming Initiative, TFAMR, TAFTAR)

25 Strategia Europea In medicina veterinaria l attenzione è stata rivolta all uso di agenti antimicrobici negli animali, in particolare promotori di crescita, e alla sorveglianza della resistenza antimicrobica di batteri zoonosici e indicatori 2006: la legislazione dell UE sull alimentazione animale vieta l uso degli antibiotici nei mangimi per promuovere la crescita degli animali

26 Strategia Europea In medicina veterinaria l attenzione è stata rivolta all uso di agenti antimicrobici negli animali, in particolare i promotori di crescita, e alla sorveglianza della resistenza antimicrobica di batteri zoonosici e degli indicatori 2007: l EFSA pubblica specifiche per il monitoraggio armonizzato della resistenza agli antimicrobici di due importanti batteri zoonosici, Salmonella e Campylobacter, riscontrati negli animali e negli alimenti

27 Strategia Europea In medicina veterinaria l attenzione è stata rivolta all uso di agenti antimicrobici negli animali, in particolare i promotori di crescita, e alla sorveglianza della resistenza antimicrobica di batteri zoonosici e degli indicatori 2008: l EFSA pubblica specifiche per il monitoraggio armonizzato della resistenza agli antimicrobici di Escherichia coli e dei batteri del genere Enterococcus rinvenuti negli animali e negli alimenti

28 Strategia Europea In medicina veterinaria l attenzione è stata rivolta all uso di agenti antimicrobici negli animali, in particolare i promotori di crescita, e alla sorveglianza della resistenza antimicrobica di batteri zoonosici e degli indicatori 2008: l EFSA pubblica un parere che esamina in che modo gli alimenti possano diventare uno strumento di trasmissione all uomo dei batteri resistenti agli antimicrobici, formulando alcune raccomandazioni per impedire tale fenomeno e sottolineando l importanza dell applicazione delle buone prassi igieniche in tutte le fasi della filiera alimentare quale fattore determinante di prevenzione e controllo

29 Strategia Europea In medicina veterinaria l attenzione è stata rivolta all uso di agenti antimicrobici negli animali, in particolare i promotori di crescita, e alla sorveglianza della resistenza antimicrobica di batteri zoonosici e degli indicatori 2009: il gruppo BIOHAZ dell EFSA valuta la pericolosità per la salute pubblica del batterio Staphylococcus aureus meticillino-resistente (MRSA) negli animali e negli alimenti e conclude che MRSA rinvenuto negli allevamenti rappresenta soltanto una piccola percentuale di tutte le infezioni da MRSA riferite nell UE, con differenze significative da Paese a Paese. L EFSA pubblica i risultati di un indagine di riferimento su scala europea relativa alla presenza di MRSA nei suini

30 Strategia Europea In medicina veterinaria l attenzione è stata rivolta all uso di agenti antimicrobici negli animali, in particolare i promotori di crescita, e alla sorveglianza della resistenza antimicrobica di batteri zoonosici e degli indicatori 2009: in un parere congiunto, EFSA, ECDC, EMA e SCENIHR concludono che la resistenza agli antimicrobici è in crescita in tutto il mondo e sottolineano il rischio per la salute umana rappresentato dalla resistenza batterica agli antibiotici usati nella cura delle infezioni da Salmonella e Campylobacter, le due infezioni zoonotiche segnalate con maggior frequenza in Europa

31 Strategia Europea In medicina veterinaria l attenzione è stata rivolta all uso di agenti antimicrobici negli animali, in particolare i promotori di crescita, e alla sorveglianza della resistenza antimicrobica di batteri zoonosici e degli indicatori 2010: l EFSA pubblica la prima relazione sintetica dell UE sulla resistenza agli antimicrobici dei batteri zoonosici riscontrati in animali e alimenti, riferita agli anni Dal 2011: l EFSA e l ECDC redigono la prima relazione congiunta sulla resistenza agli antimicrobici di batteri zoonosici che interessano gli esseri umani, gli animali e gli alimenti

32 Strategia Europea Piano d azione di lotta ai crescenti rischi di resistenza antimicrobica (2011) L obiettivo è di rinforzare le misure già in vigore e di introdurre nuove misure più rigorose per prevenire l ulteriore diffusione della resistenza antimicrobica e per preservare la capacità di lotta alle infezioni microbiche Prevede 12 azioni da attuare in collaborazione con i Paesi membri dell UE e 7 interventi da effettuare con urgenza

33 Strategia Europea Intervento n. 1: garantire un uso adeguato degli antimicrobici nell uomo e negli animali Intervento n. 2: prevenire le infezioni microbiche e la loro propagazione Intervento n. 3: mettere a punto nuovi antimicrobici efficaci o altri strumenti di cura alternativi Intervento n. 4: collaborare con i partner internazionali per contenere i rischi associati alla resistenza antimicrobica Intervento n. 5: migliorare il monitoraggio e la vigilanza in medicina umana e veterinaria Intervento n. 6: promuovere la ricerca e l innovazione Intervento n. 7: migliorare la comunicazione, l istruzione e la formazione

34 Strategia Europea Azione n. 1: rafforzare la promozione dell utilizzazione adeguata degli antimicrobici in tutti gli Stati membri Azione n. 2: rafforzare il quadro regolamentare nel settore dei medicinali veterinari e dei mangimi medicati Azione n. 3: elaborare raccomandazioni sull utilizzazione prudente di antimicrobici in medicina veterinaria, comprese le relazioni di controllo Azione n. 4: rafforzare la prevenzione e il controllo delle infezioni presso strutture medico-sanitarie Azione n. 5: elaborare una nuova legislazione in materia di salute animale Azione n. 6: promuovere, nel quadro di un azione per tappe, lavori di ricerca in comune e mai tentati e sforzi di messa a punto di nuovi antibiotici da mettere a disposizione dei pazienti Azione n. 7: promuovere gli sforzi per analizzare la necessità di disporre di nuovi antibiotici in medicina veterinaria Azione n. 8: favorire e/o rafforzare gli impegni multilaterali e bilaterali per la prevenzione e il controllo della resistenza antimicrobica in tutti i settori Azione n. 9: rafforzare i sistemi di sorveglianza della resistenza antimicrobica e del consumo di antimicrobici in medicina umana Azione n. 10: rafforzare i sistemi di sorveglianza della resistenza antimicrobica e del consumo di antimicrobici in medicina veterinaria Azione n. 11: rafforzare e coordinare gli sforzi di ricerca Azione n. 12: indagine e ricerca d efficacia comparativa

35 Strategia Europea Il problema dell antibiotico-resistenza, ai fini di una messa in campo di interventi di riduzione efficaci, va affrontato adottando un approccio strategico coordinato e multisettoriale, basato sul principio One Health, rivolto a operatori e utenti di ogni settore

36 Cosa si può fare? L esperienza maturata in Unione Europea negli ultimi 10 anni ha dimostrato che se si rendono pubblici i dati sull uso di antibiotici e sulle resistenze e se vengono intraprese in maniera coordinata politiche nazionali sulla prevenzione e il controllo dei batteri antibiotico-resistenti, in medicina umana si può avere una significativa riduzione nell uso degli antibiotici tuttavia. c è ancora molto da fare per diminuire l uso di antibiotici in agricoltura, acquacoltura e zootecnia I batteri antibiotico-resistenti non rispettano le frontiere e una risposta efficace alla loro diffusione mondiale non si può avere senza la collaborazione internazionale e di tutte le parti in causa World Economic Forum, 2013

37

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO. Piano d'azione di lotta ai crescenti rischi di resistenza antimicrobica (AMR)

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO. Piano d'azione di lotta ai crescenti rischi di resistenza antimicrobica (AMR) COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.11.2011 COM(2011) 748 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO Piano d'azione di lotta ai crescenti rischi di resistenza antimicrobica

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA SANITÀ ANIMALE E DEI FARMACI VETERINARI Audizione del Direttore generale della sanità animale e farmaci veterinari del Ministero della salute, dr. Silvio

Dettagli

MISURA 215 ANNATA 2015/2016

MISURA 215 ANNATA 2015/2016 Prevenzione delle mastiti infettive degli ovini e dei caprini: Immunologia della mammella, antibiotico resistenza e ruolo della profilassi immunizzante MISURA 215 ANNATA 2015/2016 L'ANTIBIOTICO

Dettagli

Pharma day 2013 Situazione iniziale 22.06.2011:C.F. approvazione della strategia in materia di sanità, il DFI doveva stilare un rapporto nell autunno 2012, 17.06.2012 : votazione popolare contro il managed

Dettagli

Gruppo Fides. Dr Giuliano Grillo

Gruppo Fides. Dr Giuliano Grillo Gruppo Fides Dr Giuliano Grillo Medio di assistenza medica, infermieristica e riabilitativa Alto di assistenza tutelare e alberghiera Completamento cicli riabilitativi Trattamenti socio sanitari di mantenimento

Dettagli

Il contributo dell ECDC nella sorveglianza e controllo dell antibiotico-resistenza a livello europeo

Il contributo dell ECDC nella sorveglianza e controllo dell antibiotico-resistenza a livello europeo Il contributo dell ECDC nella sorveglianza e controllo dell antibiotico-resistenza a livello europeo Dott, Fortunato Paolo D Ancona Centro Nazionale Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute

Dettagli

Resistenza antimicrobica (AMR)

Resistenza antimicrobica (AMR) Audizione del Direttore generale della sanità animale e farmaci veterinari del Ministero della salute, dr. Silvio Borrello, presso gli Uffici di Presidenza delle Commissioni riunite Agricoltura e produzione

Dettagli

Presentazione. Infezioni correlate all assistenza sanitaria (I.C.A.)

Presentazione. Infezioni correlate all assistenza sanitaria (I.C.A.) Presentazione Infezioni correlate all assistenza sanitaria e resistenza antimicrobica costituiscono due speciali problematiche sanitarie sulle quali importanti istituzioni internazionali, quali l OMS,

Dettagli

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA Antonio Silvestri Risk Manager 1982 I RAPPORTO ISTISAN 1982 Indagine conoscitiva sulle infezioni ospedaliere negli

Dettagli

Ambasciata d Italia in Svezia Ufficio Scientifico

Ambasciata d Italia in Svezia Ufficio Scientifico Ambasciata d Italia in Svezia Ufficio Scientifico USO E ABUSO DI ANTIBIOTICI IN SVEZIA E IN ITALIA Il modello svedese per limitare l insorgenza di ceppi batterici resistenti alla terapia antibiotica A

Dettagli

Manuale Biosicurezza e uso corretto e razionale degli antibiotici in zootecnia

Manuale Biosicurezza e uso corretto e razionale degli antibiotici in zootecnia Manuale Biosicurezza e uso corretto e razionale degli antibiotici in zootecnia 1 INDICE Introduzione pag 3 Antibioticoresistenza.. pag 5 Antibioticoresistenza e alimenti pag 7 Lotta all antibioticoresistenza

Dettagli

Le produzioni italiane: la medicazione orale, l uso responsabile dell antibiotico e lo sviluppo sostenibile. Dr. Alberto Milani Formevet srl

Le produzioni italiane: la medicazione orale, l uso responsabile dell antibiotico e lo sviluppo sostenibile. Dr. Alberto Milani Formevet srl Le produzioni italiane: la medicazione orale, l uso responsabile dell antibiotico e lo sviluppo sostenibile Dr. Alberto Milani Formevet srl Le produzioni italiane - I perché più significativi Cresce il

Dettagli

Guadagnare salute e Territorio. Daniela Galeone

Guadagnare salute e Territorio. Daniela Galeone Guadagnare salute e Territorio Daniela Galeone Fattori di rischio di malattia e morte prematura in Europa Decessi DALY* 1. Ipertensione 22% 1. Tabacco 12% 2. Tabacco 19% 2. Ipertensione 9% 3. Colesterolo

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN SICUREZZA AGROALIMENTARE ORGANIZZATO DALL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA

CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN SICUREZZA AGROALIMENTARE ORGANIZZATO DALL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN SICUREZZA AGROALIMENTARE ORGANIZZATO DALL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Corso di perfezionamento in: IGIENE DELLE PRODUZIONI ANIMALI E ALIMENTARI: RUOLO DEL MEDICO VETERINARIO

Dettagli

Ricerca e sviluppo: non solo competitività ma speranza

Ricerca e sviluppo: non solo competitività ma speranza Ricerca e sviluppo: non solo competitività ma speranza Sergio Dompé Presidente Farmindustria Malattie rare e disabilità Siamo rari ma tanti Roma, 1 dicembre 2006 Ogni quattro mesi, uno di vita in più Italia:

Dettagli

La gestione sanitaria a garanzia della sicurezza del prodotto

La gestione sanitaria a garanzia della sicurezza del prodotto La gestione sanitaria a garanzia della sicurezza del prodotto Alfonso Zecconi Università degli Studi di Milano Dipartimento Patologia Animale Le tossinfezioni alimentari Problema comune a tutti gli alimenti

Dettagli

INNOVAZIONE, QUALITÀ E SICUREZZA PER IL PAZIENTE

INNOVAZIONE, QUALITÀ E SICUREZZA PER IL PAZIENTE INNOVAZIONE, QUALITÀ E SICUREZZA PER IL PAZIENTE Pasquale Mosella Presidente AssoDiagnostici Roma, 16 aprile 2015 IL SISTEMA SANITARIO NAZIONALE IN ITALIA Numero Totale di posti letto * 242.299 Posti per

Dettagli

PASQUALE FREGA Assobiotec

PASQUALE FREGA Assobiotec ITALIAN ORPHAN DRUGS DAY Venerdì 13 febbraio 2015 Sala conferenze Digital for Business - Sesto San Giovanni (MI) PASQUALE FREGA Assobiotec www.digitalforacademy.com Italian Orphan Drug Day Malattie Rare

Dettagli

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration)

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Conferenza Europea sulle Politiche sanitarie: opportunità per il futuro Copenaghen, Danimarca, 5-9 dicembre 1994. La Conferenza ha concordato di

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Antibiotici, usali con cautela Campagna di comunicazione per un uso corretto degli antibiotici L Italia tra i Paesi UE ad più alto consumo,

Dettagli

Campagna di comunicazione. Modena - Parma Autunno-inverno 2011-2012

Campagna di comunicazione. Modena - Parma Autunno-inverno 2011-2012 Campagna di comunicazione Modena - Parma Autunno-inverno 2011-2012 2012 Campagna finanziata dal bando AIFA 2008 per la ricerca indipendente E uno dei 38 progetti finanziati (su 302 lettere di intenti)

Dettagli

GMP e norme ISO nella produzione dei dispositivi medici. Antonella Mamoli Roma, 19 Maggio 2009

GMP e norme ISO nella produzione dei dispositivi medici. Antonella Mamoli Roma, 19 Maggio 2009 GMP e norme ISO nella produzione dei dispositivi medici Antonella Mamoli Roma, 19 Maggio 2009 GMP: riferimento normativo per i produttori farmaceutici L attuale normativa italiana del farmaco Il Decreto

Dettagli

Obiettivi a medio e lungo termine nel settore dei Dispositivi Medici

Obiettivi a medio e lungo termine nel settore dei Dispositivi Medici Sostenibilitàdel Sistema Sanitario e Dispositivi Medici: obiettivi e strategie Obiettivi a medio e lungo termine nel settore dei Dispositivi Medici Dott.ssa Marcella Marletta Direttore Direzione Generale

Dettagli

Progetto SIMPIOS - SItI. Un progetto comune per controllare la diffusione delle multiresistenze in Italia

Progetto SIMPIOS - SItI. Un progetto comune per controllare la diffusione delle multiresistenze in Italia Progetto SIMPIOS - SItI Un progetto comune per controllare la diffusione delle multiresistenze in Italia Introduzione La diffusione delle resistenze agli antibiotici rappresenta uno dei più importanti

Dettagli

IL TEMA SALUTE NELLA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020

IL TEMA SALUTE NELLA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020 Workshop Politiche di Integrazione Socio- Sanitaria: modelli a confronto e sfide per un futuro sostenibile IL TEMA SALUTE NELLA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020 Cittadella, 23-24 settembre 2014 IL

Dettagli

Allegato 1 Controllo delle infezioni correlate all assistenza: proposta di attività in Toscana per il biennio 2015 2016

Allegato 1 Controllo delle infezioni correlate all assistenza: proposta di attività in Toscana per il biennio 2015 2016 Allegato 1 Controllo delle infezioni correlate all assistenza: proposta di attività in Toscana per il biennio 2015 2016 a cura del 'Comitato di coordinamento regionale per la prevenzione e la lotta alle

Dettagli

Organismi Geneticamente. Vademecum sugli OGM Cosa sono e quali sono le loro caratteristiche ed effetti

Organismi Geneticamente. Vademecum sugli OGM Cosa sono e quali sono le loro caratteristiche ed effetti Organismi Geneticamente Modificati Estratto da FederBio 2014 Vademecum sugli OGM Cosa sono e quali sono le loro caratteristiche ed effetti In Italia è vietata la coltivazione di OGM, anche se non ne è

Dettagli

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Linea 3 - possibilità alle aziende che vogliano sperimentare formule di conciliazione dei tempi La

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI

QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI L ACCREDITAMENTO INTERNAZIONALE ALL ECCELLENZA Fondazione Poliambulanza ha ricevuto nel dicembre 2013 l accreditamento internazionale all eccellenza da parte di

Dettagli

Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA. Dipartimento della Prevenzione. Sicurezza Alimentare. Articolo 7 regolamento (CE) 882/04

Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA. Dipartimento della Prevenzione. Sicurezza Alimentare. Articolo 7 regolamento (CE) 882/04 Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA Dipartimento della Prevenzione Sicurezza Alimentare Sintesi delle attività in materia di controlli ufficiali di cui al reg. (CE) 882/04, svolte dal Dipartimento di

Dettagli

Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi

Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi _NICOLA COMODO Dipartimento di Sanità Pubblica Università degli Studi di Firenze L IL RUOLO DELLA SANITA PUBBLICA NELLE GRAVI EMERGENZE LA SORVEGLIANZA

Dettagli

Presentazione. della campagna di comunicazione. Antibiotici: soluzione o problema? realizzata da Ausl Parma, Ausl Modena,

Presentazione. della campagna di comunicazione. Antibiotici: soluzione o problema? realizzata da Ausl Parma, Ausl Modena, Conferenza Stampa Presentazione della campagna di comunicazione Antibiotici: soluzione o problema? realizzata da Ausl Parma, Ausl Modena, Agenzia Sanitaria Regionale e Ceveas Mercoledì 26 ottobre 2011

Dettagli

Misure di prevenzione e controllo delle infezioni da CPE Indicazioni del Ministero della Salute

Misure di prevenzione e controllo delle infezioni da CPE Indicazioni del Ministero della Salute Klebsiella pneumoniae resistente ai carbapenemi: un problema emergente di sanità pubblica Roma, 5 giugno 2012 - ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA' Misure di prevenzione e controllo delle infezioni da CPE Indicazioni

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Farmacia

Corso di Laurea Magistrale in Farmacia Universita degli Studi di Milano Corso di Laurea Magistrale in Farmacia Aspetti di economia e marketing dei medicinali e medicinali generici - Modulo: Medicinali generici Prof. Andrea Gazzaniga Il Mercato

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 8 DEL 29 GENNAIO 2007

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 8 DEL 29 GENNAIO 2007 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 29 dicembre 2006 - Deliberazione N. 2196 - Area Generale di Coordinamento N. 20 - Assistenza Sanitaria - APPROVAZIONE DEL PRO- GETTO DEL DIPARTIMENTO DI

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: OBIETTIVI DI SVILUPPO DEL MILLENNIO Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti

Dettagli

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA Prefazione Alla fine degli anni 90, i programmi di controllo della tubercolosi (TBC) in Italia sono stati adeguati alla mutata realtà epidemiologica, caratteristica di un

Dettagli

Antibiotico resistenza e il consumo di antibiotici in toscana

Antibiotico resistenza e il consumo di antibiotici in toscana Antibiotico resistenza e il consumo di antibiotici in toscana Giovanna Paggi Firenze 30 gennaio 2017 L era antibiotica Il 3 settembre 1928 : Alexander Fleming scopre, in maniera fortuita che un fungo,

Dettagli

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE Dichiarazione di Brasilia sul lavoro minorile Noi, rappresentanti dei governi e delle organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori che hanno partecipato

Dettagli

Boehringer Ingelheim. Obiettivo salute

Boehringer Ingelheim. Obiettivo salute Boehringer Ingelheim Obiettivo salute 124 anni di esperienza al servizio della salute Presente in 47 paesi con oltre 41.000 dipendenti Sedi Boehringer Ingelheim nel mondo Tra le prime 20 aziende farmaceutiche

Dettagli

Antibiotico Resistenza e Sicurezza Alimentare

Antibiotico Resistenza e Sicurezza Alimentare Antibiotico Resistenza e Sicurezza Alimentare Dott. Emiliano Bergamo Dipartimento della Sanità Pubblica Veterinaria, della Sicurezza Alimentare e degli Organi Collegiali per la Tutela della Salute Dir.

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO Definizioni

RISCHIO BIOLOGICO Definizioni RISCHIO BIOLOGICO Definizioni Titolo VIII D.L.gs. 626/94 Art. 74 (definizioni): Agente biologico: qualsiasi microorganismo, coltura cellulare ed endoparassita che potrebbe provocare: INFEZIONI, ALLERGIE,

Dettagli

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI. Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI. Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute Dott.ssa M. Teresa Scotti Bologna, 15 ottobre 2009 La promozione della salute è il processo che

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Dipartimento della sanità pubblica e dell innovazione Direzione generale dei rapporti europei ed internazionali Ufficio IV ex DGRUERI Sintesi dei contenuti discussi durante il Consiglio

Dettagli

HTA e farmaci: il ruolo dell AIFA

HTA e farmaci: il ruolo dell AIFA HTA e farmaci: il ruolo dell AIFA Simona Montilla 12 luglio 2013 Dichiarazione di trasparenza/interessi* Le opinioni espresse in questa presentazione sono personali e non impegnano in alcun modo l AIFA

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA

APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA L 80% degli eventi cardiovascolari che insorgono prima dei 75 anni è prevenibile Nel 2011 diminuisce del -3,1% l aderenza alle terapie per l ipertensione: i liguri i meno assidui;

Dettagli

L approccio sistemico alla gestione della sicurezza sul lavoro: i SGSL

L approccio sistemico alla gestione della sicurezza sul lavoro: i SGSL Salute e Sicurezza sul Lavoro in ambito caseario Implementazione di un Sistema di Gestione Siamaggiore, Loc. Pardu Nou - Giovedì 2 luglio 2015 L approccio sistemico alla gestione della sicurezza sul lavoro:

Dettagli

PACCHETTO IGIENE. 853, 854 e 882 emanati nell anno 2004.

PACCHETTO IGIENE. 853, 854 e 882 emanati nell anno 2004. PACCHETTO IGIENE L Unione Europea ha da sempre attribuito molta importanza all attività legislativa diretta a regolamentare la sicurezza igienico-sanitaria degli alimenti, con l obiettivo primario di tutelare

Dettagli

CONTENUTI DELLA ISTRUZIONE OPERATIVA

CONTENUTI DELLA ISTRUZIONE OPERATIVA Pagina 1 di 6 CONTENUTI DELLA ISTRUZIONE OPERATIVA 1 TITOLO...2 2 AMBITO DI APPLICAZIONE...2 3 DECRIZIONE DELLE ATTIVITA'...2 3.1 Introduzione...2 3.2 Criteri generali di individuazione dei microrganismi

Dettagli

Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive

Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive ALLEGATO 1 Direzione Sanità Assessorato alla Tutela della Salute e Sanità Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive INDICE INTRODUZIONE...3 REQUISITI E STRUTTURA DEL

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

Alcune azioni del Bando VII PQ HEALTH - SALUTE 2013, Innovation 1. che riflettono le priorità del PSR

Alcune azioni del Bando VII PQ HEALTH - SALUTE 2013, Innovation 1. che riflettono le priorità del PSR DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO E LA COESIONE ECONOMICADIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA REGIONALE UNITARIA COMUNITARIA Dipartimento della programmazione e dell ordinamento del Servizio sanitario nazionale

Dettagli

2014-2020. Horizon. Decisione n.1313/2013/eu - Union Civil Protection Mechanism

2014-2020. Horizon. Decisione n.1313/2013/eu - Union Civil Protection Mechanism 2014-2020 Horizon Decisione n.1313/2013/eu - Union Civil Protection Mechanism Regolamento (UE) n. 1291/2013 che istituisce Horizon 2020 - il programma quadro di ricerca e innovazione (2014-2020) Base giuridica

Dettagli

Campylobacter spp. e Igiene degli Alimenti. Valerio Giaccone Dipartimento di Sanità pubblica, Patologia comparata e Igiene veterinaria di Padova

Campylobacter spp. e Igiene degli Alimenti. Valerio Giaccone Dipartimento di Sanità pubblica, Patologia comparata e Igiene veterinaria di Padova Campylobacter spp. e Igiene degli Alimenti Valerio Giaccone Dipartimento di Sanità pubblica, Patologia comparata e Igiene veterinaria di Padova Famiglia Campylobacteraceae tre generi: Campylobacter, Arcobacter,

Dettagli

Programmi di verifica dei fornitori stranieri per gli importatori di alimenti per l uomo e gli animali

Programmi di verifica dei fornitori stranieri per gli importatori di alimenti per l uomo e gli animali Informazioni sulla FSMA (Legge per la modernizzazione della sicurezza alimentare) Programmi di verifica dei fornitori stranieri per gli importatori di alimenti per l uomo e gli animali Riepilogo/sommario

Dettagli

ANTIBIOTICI ANTIBIOTICO RESISTENZA MONITORAGGIO DEL FENOMENO

ANTIBIOTICI ANTIBIOTICO RESISTENZA MONITORAGGIO DEL FENOMENO ANTIBIOTICI ANTIBIOTICO RESISTENZA MONITORAGGIO DEL FENOMENO Gli antibiotici costituiscono un vasto gruppo di farmaci di origine biologica, utilizzati per trattare le infezioni dovute ad agenti patogeni

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Il ruolo di AIFA nella Ricerca Clinica. Luca Pani DG@aifa.gov.it

Il ruolo di AIFA nella Ricerca Clinica. Luca Pani DG@aifa.gov.it Il ruolo di AIFA nella Ricerca Clinica Luca Pani DG@aifa.gov.it Dichiarazione di trasparenza/interessi* Le opinioni espresse in questa presentazione sono personali e non possono essere considerate o citate

Dettagli

FARMACI BIOLOGICI E BIOSIMILARI

FARMACI BIOLOGICI E BIOSIMILARI FARMACI BIOLOGICI E BIOSIMILARI il punto di vista di AMICI Onlus cosa sono i farmaci biosimilari Alla luce delle scadenze brevettuali sono già in commercio, e presto ne arriveranno altri, farmaci biologici

Dettagli

Linee di indirizzo per la segnalazione e gestione degli eventi sentinella

Linee di indirizzo per la segnalazione e gestione degli eventi sentinella Allegato 1 Linea di indirizzo 1/2010 Linee di indirizzo per la segnalazione e gestione degli eventi sentinella 1. Scopo Lo scopo di questa procedura è definire le responsabilità e le modalità di gestione

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Dipartimento della prevenzione e comunicazione Direzione Generale per i rapporti con l Unione Europea e per i rapporti internazionali UFFICIO III Strategia Globale per la salute

Dettagli

La norma internazionale sulla gestione della sicurezza alimentare (ISO 22000) nell attuale contesto legislativo

La norma internazionale sulla gestione della sicurezza alimentare (ISO 22000) nell attuale contesto legislativo La norma internazionale sulla gestione della sicurezza alimentare (ISO 22000) nell attuale contesto legislativo Il Pacchetto igiene : la normativa europea cogente in materia di sicurezza alimentare Maria

Dettagli

Il quadrilatero di Teobald Smith

Il quadrilatero di Teobald Smith L EPIDEMIOLOGIA E LA SOCIOSOCIO-ECONOMIA VETERINARIA NEL PENSIERO E NELLE AZIONI DI ADRIANO MANTOVANI Giorgio Battelli GIORNATA DI STUDIO SULLA SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA Adriano Mantovani e la Sanità

Dettagli

La sicurezza alimentare dai campi alla tavola: puntualizzazioni e riflessioni

La sicurezza alimentare dai campi alla tavola: puntualizzazioni e riflessioni La sicurezza alimentare dai campi alla tavola: puntualizzazioni e riflessioni Elisabetta Delibato elisabetta.delibato@iss.it Istituto Superiore di Sanità DSPVSA Microrganismi negli alimenti Ogni alimento

Dettagli

Valutare la Prevenzione: Padova 4 novembre 2011. Prevenzione. Servizio Promozione e Sviluppo Igiene e Sanità Pubblica. Regione del Veneto

Valutare la Prevenzione: Padova 4 novembre 2011. Prevenzione. Servizio Promozione e Sviluppo Igiene e Sanità Pubblica. Regione del Veneto Valutare la Prevenzione: trasparenza, confronto, indicatori Padova 4 novembre 2011 Il confronto tra i Piani della Prevenzione Francesca Russo Servizio Promozione e Sviluppo Igiene e Sanità Pubblica Regione

Dettagli

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA IN FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI): SMALL BUSINESS ACT

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA IN FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI): SMALL BUSINESS ACT LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA IN FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI): SMALL BUSINESS ACT Che cosa è lo Small Business Act? Tenuto conto del contesto globale, caratterizzato da continui mutamenti

Dettagli

La salute animale in Svizzera Prevenire e agire tempestivamente

La salute animale in Svizzera Prevenire e agire tempestivamente Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria USAV La salute animale in Svizzera Prevenire e agire tempestivamente Ufficio federale della sicurezza

Dettagli

Rischi da esposizione ad agenti biologici

Rischi da esposizione ad agenti biologici Rischi da esposizione ad agenti biologici Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione D.Lgs. 81/08 Titolo X Esposizione ad agenti biologici Campo di applicazione Tutte le attività lavorative nelle quali

Dettagli

Assessori Regionali alla Sanità delle Regioni a Statuto Ordinario e Speciale e delle Province Autonome di Trento e Bolzano PEC

Assessori Regionali alla Sanità delle Regioni a Statuto Ordinario e Speciale e delle Province Autonome di Trento e Bolzano PEC Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ PUBBLICA E DELL INNOVAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE Ufficio 05 Ex DGPREV Viale Giorgio Ribotta, 5-00144 Roma Oggetto: Circolare Sorveglianza,

Dettagli

(Auto)analisi microbiologiche in farmacia?

(Auto)analisi microbiologiche in farmacia? (Auto)analisi microbiologiche in farmacia? Prof. Giovanni Antonini Dipartimento di Biologia, Università Roma Tre PERCHE OCCORRE FARE ANALISI MICROBIOLOGICHE? Sta assumendo sempre maggiore importanza l

Dettagli

INNOVAZIONE, QUALITÀ E SICUREZZA PER IL PAZIENTE

INNOVAZIONE, QUALITÀ E SICUREZZA PER IL PAZIENTE INNOVAZIONE, QUALITÀ E SICUREZZA PER IL PAZIENTE Luigi Boggio Presidente AssoBiomedicali Roma, 16 aprile 2015 LE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA Cosa sono le infezioni correlate all assistenza sanitaria

Dettagli

La Strategia Comunitaria sull alcol: le raccomandazioni di EUROCARE

La Strategia Comunitaria sull alcol: le raccomandazioni di EUROCARE Workshop ALCOHOL PREVENTION DAY MESE DI PREVENZIONE ALCOLOGICA Roma 12 aprile 2007 La Strategia Comunitaria sull alcol: le raccomandazioni di EUROCARE Tiziana Codenotti, Vice Presidente EUROCARE Breve

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

Controllo e autocontrollo nella filiera lattiero casearia

Controllo e autocontrollo nella filiera lattiero casearia Controllo e autocontrollo nella filiera lattiero casearia Che cos è l Autocontrollo? L Autocontrollo è un obbligo di legge.. per tutte le Aziende alimentari di realizzarlo; per le Autorità Sanitarie competenti

Dettagli

Politica di Coesione dell UE 2014 2020

Politica di Coesione dell UE 2014 2020 Politica di Coesione dell UE 2014 2020 Proposte della Commissione Europea Willebrord Sluijters Commissione Europea, Direzione Generale per le Politiche Regionali Unità Italia Malta Bologna, 6 dicembre

Dettagli

[notificata con il numero C(2015) 3745] (Il testo in lingua portoghese è il solo facente fede)

[notificata con il numero C(2015) 3745] (Il testo in lingua portoghese è il solo facente fede) 11.6.2015 L 146/11 DECISIONE DI ESECUZIONE (UE) 2015/892 DELLA COMMISSIONE del 9 giugno 2015 relativa all'approvazione di un piano di vaccinazione preventiva contro l'influenza aviaria a bassa patogenicità

Dettagli

CAPITOLO III. Ricerca e Sviluppo nel settore del farmaco

CAPITOLO III. Ricerca e Sviluppo nel settore del farmaco CAPITOLO III Ricerca e Sviluppo nel settore del farmaco RICERCA E SVILUPPO NEL SETTORE DEL FARMACO Dati ed evoluzione temporale Nel 2009 le imprese del farmaco hanno investito in Ricerca e Sviluppo 1.220

Dettagli

Riepilogo del progetto

Riepilogo del progetto Riepilogo del progetto 1. Contesto e scopo della agenda strategica Le malattie neurodegenerative (MN) sono condizioni debilitanti e in gran parte incurabili, strettamente legate all'invecchiamento. Tra

Dettagli

Marisa Arpesella. Dipartimento di Sanità pubblica Cattedra di Igiene Università degli Studi di Pavia

Marisa Arpesella. Dipartimento di Sanità pubblica Cattedra di Igiene Università degli Studi di Pavia CORSO di IGIENE Marisa Arpesella Dipartimento di Sanità pubblica Cattedra di Igiene Università degli Studi di Pavia MEDICINA PREVENTIVA Branca della Medicina che, mediante il potenziamento dei fattori

Dettagli

RISULTATI DELLE ATTIVITA DI PREVENZIONE COLLETTIVA E DI PROMOZIONE DELLA SALUTE Anno 2009

RISULTATI DELLE ATTIVITA DI PREVENZIONE COLLETTIVA E DI PROMOZIONE DELLA SALUTE Anno 2009 RISULTATI DELLE ATTIVITA DI PREVENZIONE COLLETTIVA E DI PROMOZIONE DELLA SALUTE Anno 2009 IL DIRETTORE GENERALE DELL ASL DELLA PROVINCIA DI SONDRIO Dott. Luigi Gianola Convegno del 14 Luglio 2010 Sala

Dettagli

Allegato A DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE INERENTI LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E DEI MANGIMI NELLA REGIONE TOSCANA

Allegato A DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE INERENTI LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E DEI MANGIMI NELLA REGIONE TOSCANA Allegato A DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE INERENTI LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E DEI MANGIMI NELLA REGIONE TOSCANA INDICE Premessa CAPO 1: UNITA DI CRISI 1.1 Unità di crisi della Regione Toscana

Dettagli

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE IL PUNTO DI NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE PISTOIA 6 GIUGNO OSTEOPOROSI: DIFETTO SISTEMICO A CARICO DELLO SCHELETRO CARATTERIZZATO DA UNA

Dettagli

F. Blasi P O L M O N I T I CLINICA E TERAPIA

F. Blasi P O L M O N I T I CLINICA E TERAPIA F. Blasi POLMONITI CLINICA E TERAPIA Prof. Francesco Blasi Istituto di Tisiologia e Malattie Apparato Respiratorio Università degli Studi di Milano IRCCS Ospedale Maggiore Milano POLMONITI CLINICA E TERAPIA

Dettagli

L Italia in H2020: allineamento delle strategie per una nuova ERA della ricerca

L Italia in H2020: allineamento delle strategie per una nuova ERA della ricerca InfoDay Giornata Nazionale di Lancio dei Bandi 2016-17 in Horizon 2020 L Italia in H2020: allineamento delle strategie per una nuova ERA della ricerca Giovanni Leonardi Direttore Generale Roma, 6 Ottobre

Dettagli

RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO

RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO LA RETE DEI SERVIZI SOCIALI E SANITARI PER LE PERSONE CON DISABILITÀ SENSORIALI DELL UDITO NELL AREA METROPOLITANA

Dettagli

2) PARTENARIATO LOCALE

2) PARTENARIATO LOCALE 2) PARTENARIATO LOCALE Introduzione Questo documento è una analisi basata sulle presentazioni e sugli scambi di materiale raccolto durante il lavoro del gruppo tematico che è stato condotto all interno

Dettagli

La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century)

La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century) SCHEDA 6 La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century) Quarta Conferenza Internazionale sulla Promozione

Dettagli

Realizzare l Unione Energetica europea. Proposte e raccomandazioni di policy per dare energia alla competitività dell Europa

Realizzare l Unione Energetica europea. Proposte e raccomandazioni di policy per dare energia alla competitività dell Europa Realizzare l Unione Energetica europea Proposte e raccomandazioni di policy per dare energia alla competitività dell Europa Mappa concettuale della Ricerca Contesto di riferimento : un elemento chiave

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 155, FATTA A GINEVRA IL 22 GIUGNO 1981, E RELATIVO PROTOCOLLO, FATTO A GINEVRA IL 22 GIUGNO

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

LO STATO DELLA RICERCA SANITARIA IN ITALIA

LO STATO DELLA RICERCA SANITARIA IN ITALIA SAS Campus 2011 - Università di Milano-Bicocca, 22 novembre Business Intelligence e Analytics nell università, nel business e nel government per la crescita del Sistema Paese LO STATO DELLA RICERCA SANITARIA

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA VETERINARIA, NUTRIZIONE E SICUREZZA ALIMENTI DIREZIONE GENERALE SICUREZZA ALIMENTI E NUTRIZIONE UFFICIO IV DELL

Dettagli

Food waste: da sperpero a ricchezza, esperienze dall Italia e dal mondo

Food waste: da sperpero a ricchezza, esperienze dall Italia e dal mondo in collaborazione con Food waste: da sperpero a ricchezza, esperienze dall Italia e dal mondo Strategie di valorizzazione per una filiera alimentare sostenibile e innovativa - Spazio Oberdan Angela Frigo

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE

PROGETTO DI RELAZIONE PARLAMENTO EUROPEO 2014-2019 Commissione per l'ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare 2014/2207(INI) 4.2.2015 PROGETTO DI RELAZIONE su un'assistenza sanitaria più sicura in Europa: migliorare

Dettagli

LA FORMAZIONE DEGLI OPERATORI NELLA PRESA IN CARICO DELLE FRAGILITA

LA FORMAZIONE DEGLI OPERATORI NELLA PRESA IN CARICO DELLE FRAGILITA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPARTIMENTO DI SCIENZE SOCIALI CONVEGNO PER UN WELFARE SOSTENIBILE LEA E LIVEAS: MODELLI REGIONALI A CONFRONTO TAVOLA ROTONDA LEA E LIVEAS NELLA PRESA IN CARICO

Dettagli