Rete Ferroviaria Toscana s.p.a. A R E Z Z O Società Soggetta a direzione e coordinamento dell unico socio La Ferroviaria Italiana S.p.A.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rete Ferroviaria Toscana s.p.a. A R E Z Z O Società Soggetta a direzione e coordinamento dell unico socio La Ferroviaria Italiana S.p.A."

Transcript

1 Rete Ferroviaria Toscana s.p.a. A R E Z Z O Società Soggetta a direzione e coordinamento dell unico socio La Ferroviaria Italiana S.p.A. con sede in Arezzo Via Guido Monaco 37 Registro Imprese n BILANCIO 2013

2 BILANCIO 2013 RETE FERROVIARIA TOSCANA S.P.A. Società soggetta a direzione e controllo dell unico socio La Ferroviaria Italiana S.p.A. con sede in Arezzo Via Guido Monaco, 37 Registro Imprese n REDATTO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL ART BIS C.C. Amministratore Unico Dindalini Massimiliano Società di Revisione Baker Tilly Revisa S.p.A. Collegio Sindacale Presidente: Genalti Marco Sindaco effettivo: Montini Paolo Sindaco effettivo: Parisi Salvatore Sindaco supplente: Caposciutti Roberto Sindaco supplente: Faralli Giuliano

3 BILANCIO 2013 RETE FERROVIARIA TOSCANA S.P.A. Società soggetta a direzione e controllo dell unico socio La Ferroviaria Italiana S.p.A. con sede in Arezzo Via Guido Monaco, 37 Registro Imprese n Stato patrimoniale e Conto Economico REDATTO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL ART BIS C.C.

4 file://c:\documents and Settings\AGaloppi\Impostazioni locali\temp\rar$di12.176\i... Page 1 of 6 26/05/2014 BILANCIO ABBREVIATO Informazioni generali sull'impresa Dati anagrafici RETE FERROVIARIA Denominazione: TOSCANA S.P.A. VIA GUIDO Sede: MONACO, AREZZO Capitale Sociale: Capitale Sociale Interamente Versato: Si Codice CCIAA: Partita IVA: Codice Fiscale: Numero Rea: SOCIETA' PER Forma Giuridica: AZIONI Settore di Attivita' Prevalente (ATECO): Societa' in liquidazione: NO Societa' con socio unico: NO Societa' sottoposta ad altrui attivita' di direzione e coordinamento: Si Denominazione della societa' o ente LA FERROVIARIA che esercita l'attivita' di direzione e ITALIANA S.P.A. coordinamento: Appartenenza a un Gruppo: Si Denominazione della Societa' LA FERROVIARIA Capogruppo: ITALIANA S.P.A. Paese della Capogruppo: ITALIA Stato patrimoniale in forma abbreviata Stato patrimoniale Attivo A) Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti Parte richiamata 0 0 Parte da richiamare 0 0 Totale crediti verso soci per versamenti ancora dovuti (A) 0 0 B) Immobilizzazioni I - Immobilizzazioni immateriali Valore lordo

5 file://c:\documents and Settings\AGaloppi\Impostazioni locali\temp\rar$di12.176\i... Page 2 of 6 26/05/2014 Ammortamenti Svalutazioni 0 0 Totale immobilizzazioni immateriali II - Immobilizzazioni materiali Valore lordo Ammortamenti Svalutazioni 0 0 Totale immobilizzazioni materiali III - Immobilizzazioni finanziarie Crediti esigibili entro l'esercizio successivo 0 0 esigibili oltre l'esercizio successivo Totale crediti Altre immobilizzazioni finanziarie Totale immobilizzazioni finanziarie Totale immobilizzazioni (B) C) Attivo circolante I - Rimanenze Totale rimanenze II - Crediti esigibili entro l'esercizio successivo esigibili oltre l'esercizio successivo 0 0 Totale crediti III - Attivita' finanziarie che non costituiscono immobilizzazioni Totale attivita' finanziarie che non costituiscono immobilizzazioni 0 0 IV - Disponibilita' liquide Totale disponibilita' liquide Totale attivo circolante (C) D) Ratei e risconti Totale ratei e risconti (D) Totale attivo Passivo A) Patrimonio netto I - Capitale II - Riserva da soprapprezzo delle azioni III - Riserve di rivalutazione. 0 0 IV - Riserva legale V - Riserve statutarie 0 0 VI - Riserva per azioni proprie in portafoglio. 0 0 VII - Altre riserve, distintamente indicate. Riserva straordinaria o facoltativa Riserva per rinnovamento impianti e macchinari 0 0 Riserva ammortamento anticipato 0 0 Riserva per acquisto azioni proprie 0 0 Riserva da deroghe ex art Cod. Civ 0 0 Riserva azioni (quote) della societa' controllante 0 0 Riserva non distribuibile da rivalutazione delle partecipazioni 0 0 Versamenti in conto aumento di capitale 0 0 Versamenti in conto futuro aumento di capitale 0 0 Versamenti in conto capitale 0 0 Versamenti a copertura perdite 0 0 Riserva da riduzione capitale sociale 0 0 Riserva avanzo di fusione 0 0 Riserva per utili su cambi 0 0 Differenza da arrotondamento all'unita' di Euro 1 0 Riserve da condono fiscale:

6 file://c:\documents and Settings\AGaloppi\Impostazioni locali\temp\rar$di12.176\i... Page 3 of 6 26/05/2014 Riserva da condono ex L. 19 dicembre 1973, n. 823; 0 0 Riserva da condono ex L. 7 agosto 1982, n. 516; 0 0 Riserva da condono ex L. 30 dicembre 1991, n. 413; 0 0 Riserva da condono ex L. 27 dicembre 2002, n Totale riserve da condono fiscale 0 0 Varie altre riserve 691(*) 691 Totale altre riserve VIII - Utili (perdite) portati a nuovo. 0 0 IX - Utile (perdita) dell'esercizio. Utile (perdita) dell'esercizio Copertura parziale perdita d'esercizio 0 0 Utile (perdita) residua Totale patrimonio netto B) Fondi per rischi e oneri Totale fondi per rischi ed oneri C) Trattamento di fine rapporto di lavoro subordinato D) Debiti esigibili entro l'esercizio successivo esigibili oltre l'esercizio successivo Totale debiti E) Ratei e risconti Totale ratei e risconti Totale passivo Conti d'ordine Conti d'ordine Rischi assunti dall'impresa Fideiussioni a imprese controllate 0 0 a imprese collegate 0 0 a imprese controllanti 0 0 a imprese controllate da controllanti 0 0 ad altre imprese 0 0 Totale fideiussioni 0 0 Avalli a imprese controllate 0 0 a imprese collegate 0 0 a imprese controllanti 0 0 a imprese controllate da controllanti 0 0 ad altre imprese 0 0 Totale avalli 0 0 Altre garanzie personali a imprese controllate 0 0 a imprese collegate 0 0 a imprese controllanti 0 0 a imprese controllate da controllanti 0 0 ad altre imprese 0 0 Totale altre garanzie personali 0 0 Garanzie reali

7 file://c:\documents and Settings\AGaloppi\Impostazioni locali\temp\rar$di12.176\i... Page 4 of 6 26/05/2014 a imprese controllate 0 0 a imprese collegate 0 0 a imprese controllanti 0 0 a imprese controllate da controllanti 0 0 ad altre imprese 0 0 Totale garanzie reali 0 0 Altri rischi crediti ceduti pro solvendo 0 0 altri 0 0 Totale altri rischi 0 0 Totale rischi assunti dall'impresa 0 0 Impegni assunti dall'impresa Totale impegni assunti dall'impresa 0 0 Beni di terzi presso l'impresa merci in conto lavorazione 0 0 beni presso l'impresa a titolo di deposito o comodato beni presso l'impresa in pegno o cauzione 0 0 altro 0 0 Totale beni di terzi presso l'impresa Altri conti d'ordine Totale altri conti d'ordine 0 0 Totale conti d'ordine Conto Economico in forma abbreviata Conto economico A) Valore della produzione: 1) ricavi delle vendite e delle prestazioni ), 3) variazioni delle rimanenze di prodotti in corso di lavorazione, semilavorati e finiti e dei lavori in corso su 0 0 ordinazione 2) variazioni delle rimanenze di prodotti in corso di lavorazione, semilavorati e finiti 0 0 3) variazioni dei lavori in corso su ordinazione 0 0 4) incrementi di immobilizzazioni per lavori interni 0 0 5) altri ricavi e proventi contributi in conto esercizio altri Totale altri ricavi e proventi Totale valore della produzione B) Costi della produzione: 6) per materie prime, sussidiarie, di consumo e di merci ) per servizi ) per godimento di beni di terzi ) per il personale: a) salari e stipendi b) oneri sociali c), d), e) trattamento di fine rapporto, trattamento di quiescenza, altri costi del personale c) trattamento di fine rapporto d) trattamento di quiescenza e simili 0 0 e) altri costi

8 file://c:\documents and Settings\AGaloppi\Impostazioni locali\temp\rar$di12.176\i... Page 5 of 6 26/05/2014 Totale costi per il personale ) ammortamenti e svalutazioni: a), b), c) ammortamento delle immobilizzazioni immateriali e materiali, altre svalutazioni delle immobilizzazioni a) ammortamento delle immobilizzazioni immateriali b) ammortamento delle immobilizzazioni materiali c) altre svalutazioni delle immobilizzazioni 0 0 d) svalutazioni dei crediti compresi nell'attivo circolante e delle disponibilita' liquide 0 0 Totale ammortamenti e svalutazioni ) variazioni delle rimanenze di materie prime, sussidiarie, di consumo e merci ) accantonamenti per rischi ) altri accantonamenti ) oneri diversi di gestione Totale costi della produzione Differenza tra valore e costi della produzione (A - B) C) Proventi e oneri finanziari: 15) proventi da partecipazioni da imprese controllate 0 0 da imprese collegate 0 0 altri 0 0 Totale proventi da partecipazioni ) altri proventi finanziari: a) da crediti iscritti nelle immobilizzazioni da imprese controllate 0 0 da imprese collegate 0 0 da imprese controllanti 0 0 altri 0 0 Totale proventi finanziari da crediti iscritti nelle immobilizzazioni 0 0 b), c) da titoli iscritti nelle immobilizzazioni che non costituiscono partecipazioni e da titoli iscritti nell'attivo 0 circolante che non costituiscono partecipazioni b) da titoli iscritti nelle immobilizzazioni che non costituiscono partecipazioni 0 0 c) da titoli iscritti nell'attivo circolante che non costituiscono partecipazioni 0 0 d) proventi diversi dai precedenti da imprese controllate 0 0 da imprese collegate 0 0 da imprese controllanti 0 0 altri Totale proventi diversi dai precedenti Totale altri proventi finanziari ) interessi e altri oneri finanziari a imprese controllate 0 0 a imprese collegate 0 0 a imprese controllanti 0 0 altri Totale interessi e altri oneri finanziari bis) utili e perdite su cambi 0 0 Totale proventi e oneri finanziari ( bis) D) Rettifiche di valore di attivita' finanziarie: 18) rivalutazioni: a) di partecipazioni 0 0 b) di immobilizzazioni finanziarie che non costituiscono partecipazioni 0 0 c) di titoli iscritti all'attivo circolante che non costituiscono

9 file://c:\documents and Settings\AGaloppi\Impostazioni locali\temp\rar$di12.176\i... Page 6 of 6 26/05/2014 partecipazioni 0 0 Totale rivalutazioni ) svalutazioni: a) di partecipazioni 0 0 b) di immobilizzazioni finanziarie che non costituiscono partecipazioni 0 0 c) di titoli iscritti nell'attivo circolante che non costituiscono partecipazioni 0 0 Totale svalutazioni 0 0 Totale delle rettifiche di valore di attivita' finanziarie (18-19) 0 0 E) Proventi e oneri straordinari: 20) proventi plusvalenze da alienazioni i cui ricavi non sono iscrivibili al n Differenza da arrotondamento all'unita' di Euro 0 0 altri Totale proventi ) oneri minusvalenze da alienazioni i cui effetti contabili non sono iscrivibili al n imposte relative ad esercizi precedenti 0 0 Differenza da arrotondamento all'unita' di Euro 0 0 altri Totale oneri Totale delle partite straordinarie (20-21) Risultato prima delle imposte (A - B + - C + - D + - E) ) Imposte sul reddito dell'esercizio, correnti, differite e anticipate imposte correnti imposte differite 0 0 imposte anticipate proventi (oneri) da adesione al regime di consolidato fiscale / trasparenza fiscale 0 0 Totale delle imposte sul reddito dell'esercizio, correnti, differite e anticipate ) Utile (perdita) dell'esercizio I valori si intendono espressi in euro NOTE: Varie altre riserve ALTRE RISERVE COSTITUITA DA "RISERVA DA CONFERIMENTO" Generato automaticamente - Conforme alla tassonomia itcc-ci

10 BILANCIO 2013 RETE FERROVIARIA TOSCANA S.P.A. Società soggetta a direzione e controllo dell unico socio La Ferroviaria Italiana S.p.A. con sede in Arezzo Via Guido Monaco, 37 Registro Imprese n Nota integrativa REDATTA IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL ART BIS C.C.

11 RETE FERROVIARIA TOSCANA S.p.A. Sede Legale: Arezzo - Via Guido Monaco, 37 Capitale Sociale ,00 i.v. Registro delle Imprese di Arezzo n R.E.A. n Società Soggetta a direzione e coordinamento dell unico socio La Ferroviaria Italiana S.p.A. con sede in Arezzo Via Guido Monaco 37 Registro Imprese n Nota Integrativa al Bilancio dell esercizio chiuso al 31 Dicembre 2013 Redatta in forma abbreviata ai sensi dell art.2435 bis c.c. Signori Soci, sottoponiamo alla Vostra attenzione il bilancio d esercizio della Vostra Società chiuso al 31/12/2013. Il presente bilancio, redatto nel rispetto delle norme previste dall ordinamento giuridico italiano, presenta un utile di dopo avere rilevato imposte (IRAP ed IRES) per totali Insieme allo Stato Patrimoniale ed al Conto Economico, chiusi alla data del 31 Dicembre 2013, Vi sottoponiamo la presente Nota Integrativa, che, in base all art del C.C., costituisce parte integrante del bilancio. Vi informiamo che i principi a cui abbiamo fatto costante riferimento per la loro redazione sono quelli statuiti dall art bis 1 c. del C.C. integrati ed interpretati dai principi contabili enunciati dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti ed Esperti contabili e dai documenti dell Organismo Italiano di Contabilità e cioè: - la valutazione delle voci è stata ispirata alla prudenza e nella prospettiva della continuazione dell attività, nonché tenendo conto della funzione economica dell elemento attivo o passivo considerato; - sono stati rilevati esclusivamente gli utili realizzati alla data di chiusura dell esercizio; - i ricavi, i proventi ed i costi sono stati iscritti in base al principio della competenza economica; - sono stati considerati i rischi e le perdite di competenza dell esercizio anche se conosciuti successivamente alla sua chiusura; - gli elementi eterogenei che costituiscono le varie voci sono stati valutati separatamente. Nelle valutazioni sono state rispettate le disposizioni di cui all art C.C. come dettagliatamente esposto in prosieguo. Non si è dato luogo ne ad adattamenti ne ad aggiunte di voci. Non sussistono le situazioni di cui all art e 4 comma del C.C. Il bilancio e la presente nota integrativa sono stati redatti in forma abbreviata ai sensi dell art bis del C.C. non avendo superato negli ultimi due esercizi i limiti previsti, ed in particolare: - i ricavi delle vendite e delle prestazioni sono risultati inferiori ad il numero dei dipendenti occupati in media durante l esercizio è stato inferiore alle 50 unità Ci siamo avvalsi della facoltà di esonero dalla redazione della relazione sulla gestione prevista dallo stesso articolo in quanto sono riportate in Nota Integrativa le informazioni richieste dai n. 3 e 4 dell art C.C. Il bilancio è redatto in unità di euro. Le differenze derivanti dall arrotondamento dei valori espressi in unità di euro, ove esistenti, sono allocate in apposita riserva del patrimonio, per quanto riguarda le voci che costituiscono la situazione patrimoniale, e tra i proventi e gli oneri straordinari, se inerenti le voci di ricavo o di costo. ATTIVITA SVOLTE: La società Rete Ferroviaria Toscana S.p.a. (in sigla RFT S.p.a.) ha per oggetto la costruzione, anche per conto di terzi od in sub-concessione, di ferrovie, tranvie e di strutture per il trasporto ferroviario e/o tranviario di persone e/o Rete Ferroviaria Toscana s.p.a. Nota Integrativa Bilancio 2013 pag. 1

12 di cose. La Regione Toscana, attraverso la stipula di Contratto di Servizio, ha affidato alla società RFT S.p.a. la gestione della rete ferroviaria per le linee Arezzo-Sinalunga ed Arezzo-Stia, nonché delle infrastrutture, degli impianti e dei beni descritti nel contratto di servizio. Il contratto di servizio, in vigore alla data di presentazione del presente bilancio, scade il 31/12/2014. Comparabilità con l esercizio precedente: In ossequio alle disposizioni dell art ter del Codice Civile, è stato indicato, per ciascuna voce dello Stato Patrimoniale e del Conto Economico, l importo della corrispondente voce all esercizio precedente. Convenzioni di classificazione: Nella costruzione del bilancio al 31 dicembre 2013 sono state adottate le seguenti convenzioni di classificazione: a. Le voci della sezione attiva dello Stato Patrimoniale sono state classificate in base alla relativa destinazione aziendale, mentre nella sezione del passivo le poste sono state classificate in funzione della loro origine. Con riferimento alle voci che richiedono la separata evidenza dei crediti e dei debiti esigibili entro, ovvero oltre, l esercizio successivo, si è seguito il criterio della esigibilità giuridica (negoziale o di legge), prescindendo da previsioni sulla effettiva possibilità di riscossione entro l esercizio successivo. b. Il Conto Economico è stato compilato tenendo conto di tre distinti criteri di classificazione, e precisamente: - la suddivisone dell intera area gestionale nelle quattro sub-aree identificate dallo schema di legge; - il privilegio della natura dei costi rispetto alla loro destinazione; - la necessità di dare corretto rilievo ai risultati intermedi della dinamica di formazione del risultato d esercizio. CRITERI DI VALUTAZIONE (ART.2427 CO.1 N.1) I criteri utilizzati nella formazione al bilancio chiuso al non si discostano dai medesimi utilizzati per la formazione del bilancio del precedente esercizio. I criteri di valutazione adottati per le singole poste di bilancio sono i seguenti: Le Immobilizzazioni Immateriali sono iscritte al costo d acquisto comprensivo degli oneri di diretta imputazione e si riferiscono a costi aventi comprovata utilità pluriennale, esposti nell attivo del bilancio al netto dei relativi ammortamenti. I piani di ammortamento di tali costi sono stati predisposti tenendo conto dell arco temporale entro cui si stima essi producano utilità. L aliquota di ammortamento atta ad esprimere tale processo è stata individuata nel 20% Le Immobilizzazioni Materiali sono iscritte al costo storico di acquisizione, maggiorato dei costi accessori di diretta imputazione, ed esposte nell attivo di bilancio al netto dei relativi fondi di ammortamento. Gli ammortamenti sono stati conteggiati sulla base delle residue possibilità di utilizzazione dei cespiti cui si riferiscono, in conformità alla disposizione contenuta nell art comma 1 n. 2 del Codice Civile. Le aliquote previste sono esposte nel prospetto che segue: Immobilizzazioni materiali FABBRICATI aliq.amm.to Interscambio viaggiatori Bibbiena 4,00% Interscambio di Poppi 4,00% IMPIANTI E MACCHINARI impianti telefonici e videosorveglianza 20,00% ATTREZZATURE IND.LI COMM.LI Attrezzatura Impianti fissi 10,00% Attrezzatura varia e minuta 12,00% Impianti sollev.e carrelli elev. 20,00% ALTRI BENI Automezzi di servizio 20,00% Altri automezzi di servizio 10,00% autovetture 25,00% Radiotelefoni/Radiomobili 20,00% Mobili e arredi 12,00% Apparecch.elettroniche ufficio 20,00% Per i nuovi beni acquistati nel corso del 2013 le percentuali sopra riportate sono state ridotte in misura del 50% in ragione del loro minore utilizzo, tenuto conto della data di acquisizione e di entrata in funzione. Rete Ferroviaria Toscana s.p.a. Nota Integrativa Bilancio 2013 pag. 2

13 Si precisa che i beni di valore unitario inferiore a 516,46 acquisiti nell anno, sono stati totalmente ammortizzati ritenendo che gli stessi esauriscano il loro periodo di vita utile nel corso dell esercizio. Le Immobilizzazioni Finanziarie sono costituite da : - crediti verso altri iscritti al valore nominale in quanto ritenuti esigibili. - da partecipazioni in altre imprese valutate sulla base del costo di acquisto che non è inferiore al valore corrente. - da Altri titoli - costituiti da: POLIZZA UNIPOL A CAPITALIZZAZIONE a premio unico sottoscritta in data 21 dicembre 2012 durata 5 anni per un importo di al lordo di commissioni per 2.550; tale polizza verrà rivalutata annualmente con un rendimento lordo garantito del 3,75%. L iscrizione tra le immobilizzazioni è giustificata dalla durata dell investimento. Ai sensi dell art bis il valore di iscrizione non risulta superiore a quello di mercato alla data di chiusura dell esercizio. Le Rimanenze di materie prime, sussidiarie e di consumo sono valutate al costo di acquisto. Il valore di iscrizione non risulta inferiore a quello corrente di mercato alla data di chiusura dell esercizio. I Crediti verso Clienti, verso la controllante, verso l Erario e verso Altri sono valutati al valore nominale in quanto ritenuti esigibili. I Fondi per Rischi e Oneri sono costituiti da accantonamenti a fronte di perdite o debiti di natura determinata e di esistenza certa o probabile dei quali, alla chiusura dell esercizio, non è determinato l ammontare o la data di sopravvenienza. Il Fondo Trattamento di fine rapporto è iscritto al valore emergente dall applicazione dei disposti dell articolo 2120 del c.c. con particolare riferimento ai dettati della L. 296/06, articolo 1 commi 755 e ss. e comma 765, e del DLgs 252/05 Riforma della previdenza complementare nel settore privato. Attualmente la società ha un numero di dipendenti inferiore a 50, ma all entrata in vigore della summenzionata Legge il personale in forza era superiore al limite delle 50 unità. I Debiti sono valutati al valore nominale. In tale voce sono accolte passività certe e determinate sia nell importo che nella data di sopravvenienza. I Ratei e Risconti sono iscritti sulla base del principio della competenza economico-temporale dei costi e dei ricavi comuni a due o più esercizi. Non esistono partite attive e passive in valuta. I costi e i ricavi sono stati imputati con i criteri di prudenza e competenza. Imposte sul reddito A decorrere dal periodo d imposta 2005, la società, ha optato, per la tassazione consolidata ai sensi degli artt.117 e seguenti del DPR 917/86, unitamente alla controllante La Ferroviaria Italiana S.p.A. ed alla altra società da questa controllata, Trasporto Ferroviario Toscano S.p.A.. A seguito dell opzione, La Ferroviaria Italiana S.p.A. determina l IRES di gruppo secondo quanto stabilito dalle predette norme. I rapporti economici, le responsabilità e gli obblighi reciproci tra le predette società sono definiti nel Regolamento di partecipazione al consolidato fiscale nazionale del gruppo La Ferroviaria Italiana S.p.A., siglato in data 23 giugno 2005, secondo il quale: le società controllate con imponibile positivo trasferiscono a La Ferroviaria Italiana s.p.a. le risorse finanziarie corrispondenti alla maggiore imposta da questa dovuta; le società con imponibile negativo, in funzione dell opzione, ricevono una compensazione pari al risparmio di imposta conseguito nell esercizio da una delle partecipanti o che sarà realizzato in futuro subordinatamente alla verifica della sussistenza di oggettivi elementi che fanno presupporre la realizzazione di redditi imponibili futuri. Sono state rilevate imposte anticipate come risulta dal prospetto inserito nel commento della voce specifica. Come per gli esercizi precedenti la società, in possesso dei requisiti necessari, ha esercitato la facoltà prevista dalla legge finanziaria Regionale che prevede, per le aziende certificate SA8000, l applicazione dell aliquota IRAP agevolata pari al 3,44%. Rete Ferroviaria Toscana s.p.a. Nota Integrativa Bilancio 2013 pag. 3

14 L importo indicato nel conto economico come imposte sul reddito, , corrisponde alla somma tra l ammontare di , quale IRAP di competenza dell anno, e quello di quale IRES di competenza dell anno, dedotta IRES anticipata per La società ha provveduto all accensione di un debito vs. la consolidante per , corrispondente all imposta IRES di competenza dell esercizio ( ) al netto delle ritenute d acconto subite ( ). 2. Movimenti delle Immobilizzazioni (ART CO. 1 N. 2) Nei seguenti prospetti vengono esposte le movimentazioni delle immobilizzazioni immateriali e materiali, evidenziandone distintamente per ciascuna categoria: il costo di acquisto, gli ammortamenti alla data di inizio dell esercizio, le acquisizioni, le alienazioni e il valore netto di iscrizione in bilancio. Si precisa che i beni immateriali e materiali non sono stati oggetto, né nel passato, né nell esercizio chiuso al 31 dicembre 2013, di rivalutazioni o svalutazioni. I - IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI Le immobilizzazioni immateriali hanno un saldo di 4. Descrizione Valore al Acquisizioni + Valore al Alienazioni F.do amm.to al Ammortamenti 2013 Valore netto al Costi di impianto e ampliamento Costi di ricerca,sviluppo e pubblicità Diritti di brevetto ind.le e opere ing Concessioni, licenze,marchi e simili Avviamento Immobilizzazioni in corso e acconti Altre immobilizzazioni immateriali TOTALE ) Diritti di brevetto industriale e diritti utilizzazione opere ingegno Tale voce è costituita dal costo di acquisto sostenuto per licenze; essa viene ammortizzata in 5 anni che rappresenta il periodo di presunta utilità II - IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Le immobilizzazioni materiali hanno un saldo di : valore al Valore al F.do amm.to Storno fondo Amm.Ti F.do Amm.to Valore netto Immobilizzazioni materiali acquisizioni + alienazioni al beni alienati 2013 al al terreni e Fabbricati Impianti e macchinari Attrezz.ind.li e comm.li Altri beni Immob. Materiali in corso Totale ) Terreni e fabbricati Descrizione Valore al Acquisizioni + Alienazioni - Valore al F.do amm.to al Amm.ti 2013 Valore netto al Interscambio viaggiatori Bibbiena Nodo interscambio Poppi Totale ) Impianti e macchinari Rete Ferroviaria Toscana s.p.a. Nota Integrativa Bilancio 2013 pag. 4

15 Descrizione Valore al Acquisizioni + Alienazioni - Valore al F.do amm.to al Valore netto al Amm.ti Impianti tel/sorvegl/collegam.reti Totale ) Attrezzature industriali e commerciali Sono costituite da attrezzature varie per la manutenzione della linea ferroviaria Sinalunga-Arezzo-Stia, dagli impianti fissi e di segnalamento. La voce è costituita da: valore al Valore al F.do amm.to Storno fondo Amm.Ti F.do Amm.to Valore netto descrizione acquisizioni + alienazioni al beni alienati 2013 al al Attrezz.ind.li e comm.li Carrelli Elevatori Impianti sollev, e ascensori Totale ) Altri beni Costituiti da: Descrizione Valore al Acquisizioni + Alienazioni - Valore al F.do amm.to al Storno fondo beni alienati Amm.ti 2013 f.di amm.to Valore netto al al Automezzi di servizio Radiotel/radiomobili Mobili e arredi Apparecc.elettr.ufficio Totale BIS RIDUZIONE DI VALORE DELLE IMMOBILIZZAZIONI (ART.2427 CO. 1 N. 3-BIS) Le immobilizzazioni materiali e immateriali sono state ammortizzate tenendo conto della residua possibilità di utilizzazione, come evidenziato in precedenza. Non sussistono i presupposti per la svalutazione di alcuna delle immobilizzazioni iscritte in bilancio per perdita duratura di valore. III - IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE Le immobilizzazioni finanziarie ammontano, come al , ad e sono così costituite: Descrizione Inizio esercizio Riclassificazioni Rivalutazioni+ Svalutazioni - Acquisizioni+ Alienazioni - Ammortamenti Fine esercizio 1- PARTECIPAZIONI d- partecipazioni in altre imprese CREDITI d- crediti vs. altri ALTRI TITOLI AZIONI PROPRIE Totale La voce Partecipazioni ammonta ad 500 e comprende le quote sottoscritte in data 20/02/2007 nel Consorzio Arezzo Energia con sede in Arezzo, Via Roma n. 18 costituito dall Associazione Industriali di Arezzo con lo scopo di operare, a seguito della liberalizzazione del mercato, nel settore degli acquisti di energia elettrica e gas e Rete Ferroviaria Toscana s.p.a. Nota Integrativa Bilancio 2013 pag. 5

16 consentire alle imprese di ridurre i costi e migliorare la competitività aziendale. Grazie alla consistenza dei consumi delle imprese rappresentate, il Consorzio ha siglato un accordo con Edison-Eta3 (valido fino al 2011), poi con Modula srl (valido dal 2012), per assicurare all utenza l acquisizione di energia elettrica e gas a costi ridotti. Il Consorzio non ha scopo di lucro. La voce Crediti vs. altri rileva depositi cauzionali. La voce altri titoli si riferisce a POLIZZA UNIPOL A CAPITALIZZAZIONE a premio unico sottoscritta in data 21 dicembre 2012 durata 5 anni per un importo di ( al lordo di commissioni per 2.550). Tale polizza viene rivalutata annualmente con un rendimento lordo garantito del 3,75%. Non sussistono precedenti rivalutazioni, ammortamenti e svalutazioni. 4 VARIAZIONI DELLE ALTRE VOCI DELL ATTIVO E DEL PASSIVO (ART.2427 CO.1 N.4) Di seguito un commento alle variazioni intervenute nella consistenza delle altre voci dell attivo e del passivo. Le movimentazioni delle voci del patrimonio netto, sono elencate al prospetto contenuto al successivo punto 7 bis. I - RIMANENZE 1) DI MATERIE PRIME, SUSSIDIARIE E DI CONSUMO Passano da 268 ad e sono relative quasi esclusivamente a traverse in giacenza in conto deposito presso il fornitore al L importo comprende anche 268 per rimanenze massa vestiario dipendenti.. II - CREDITI La composizione dei crediti iscritti in bilancio è la seguente: crediti 31/12/ /12/2012 VARIAZIONI Crediti v/clienti Ft da emettere vs/clienti crediti vs. controllante LFI spa Ft da emettere vs. controll. LFI crediti tributari < 12 mesi imposte anticipate crediti vs. altri < 12 mesi Totale Non sussistono crediti di durata residua superiore a 5 anni. 1- CREDITI VS.CLIENTI assommano ad La voce clienti fatture da emettere è così composta: 4 CREDITI V/CONTROLLANTI Ammontano ad , così composti: Vs. Regione Toscana - corrispettivi IV trimestre Vs. Regione Toscana - saldo 3% corrispettivi anno Vs. Regione Toscana - adeg. corrisp. Tip al 2% anno Vs. Regione Toscana - maggior fabbisogno Vs. Cooperativa COOB - utilizzo locle biglietteria ottobre vs. Trasporto Ferroviario Toscano - riaddebito E.E. SSE Novembre/dicembre Totale Ft da emettere vs. clienti , che si riferiscono al credito IRES L.2 del 28/01/2009, trasferito alla controllante in virtù dell adesione al consolidato fiscale, derivante dall istanza di rimborso presentata nel 2009 per maggiore Ires versata per i periodi di imposta dal 2004 al 2007 come previsto dall art. 6, comma 1, del D.L. 29 novembre 2008 n. 185, convertito con modificazioni dalla Legge 28 gennaio 2009, n. 2. Rete Ferroviaria Toscana s.p.a. Nota Integrativa Bilancio 2013 pag. 6

17 Sulle somme chieste a rimborso sono stati contabilizzati anche in questo bilancio gli interessi legali secondo quanto disposto dall art. 44 del D.P.R. 29 settembre 1973, n Tali interessi sono stati contabilizzati nella voce proventi finanziari che si riferiscono al credito IRES D.L. 201/11, trasferito alla controllante in virtù dell adesione al consolidato fiscale, derivante dall istanza di rimborso presentata nel 2013 per maggiore Ires versata per i periodi di imposta dal 2007 al 2011 come previsto dall art. 2, comma 1 quater, del D.L. 6 dicembre 2011 n. 201, convertito con modificazioni dalla Legge 22 dicembre L importo trova contropartita nella voce proventi straordinari per fattura da emettere vs. controllante Lfi spa (addebito costo buoni pasto). 4 bis - CREDITI TRIBUTARI < 12 mesi Passano da ad come risulta dal seguente prospetto: Crediti tributari < 12 mesi 31/12/ /12/2012 Variazione Erario per IVA Erario per imposta sostitutiva TFR D.Lgs.47/ Erario per IRPEF su compensi Co.Co.Pro Credito Irap Unico Totale crediti tributari < 12 mesi Il credito vs erario per Iva 2013 è stato portato a nuovo. 4 ter - CREDITI PER IMPOSTE ANTICIPATE Risultano iscrizioni di tale natura; essi sono dettagliati nel commento alla voce Imposte anticipate e differite - art c. 1 n CREDITI VERSO ALTRI Sono valutati al valore nominale in quanto ritenuti esigibili. VS. ENTI CONCEDENTI 31/12/ /12/2012 variazioni R.T. interventi L. 611/ R.T. interventi manut.straord. L. 297/78 da incassare al R.T. interventi sicurezza ATTREZZAGGIO R.T. ampliamento officina Pescaiola (AR) R.T. per finanziamento CCNL VS. PERSONALE DIPENDENTE Anticipi variaz.giorno paga da rec.al momento del collocam.in quiescenza Anticipi al personale dipendente ALTRI CREDITI credito per rimb.oneri malattia pers.autoferrotramvieri Fornitori conto anticipi Inail - saldo a credito contributi Introiti di competenza Spese anticipate CREDITI INFRAGRUPPO vs. TFT SPA per interv.attrezz.mat.rotabile rimborsato da RT a TFT ma di comeptenza RFT Totale crediti Vs altri Di seguito un commento concernente le variazioni più significative dei crediti < 12 mesi: Rete Ferroviaria Toscana s.p.a. Nota Integrativa Bilancio 2013 pag. 7

18 - Regione Toscana credito per interventi manutenzione straordinaria L. 297/1978 pari a FORNITORE IMPORTO da incassare al COSTRUZIONI GIUSEPPE STIATTI - lavori completamento variante S.P. MISERICORDIA - 2 sal 31/05/2013 PROT. 829 DEL TELECOM ITALIA S.R.L. Spostamento stazione Lucignano 07/06/2013 PROT. 829 DEL RAGAZZINI COSTRUZIONI - Demolizione cavalcaferrovia km loc. casamicciola e costruzione passerella pedonale SAL N. 2 07/01/2013 PROT. N. 201 DEL 21/01/ RAGAZZINI COSTRUZIONI - Demolizione cavalcaferrovia km loc. casamicciola e costruzione passerella pedonale SAL N. 3 23/03/2013 PROT. N. 371 DEL 15/04/ RAGAZZINI COSTRUZIONI - Demolizione cavalcaferrovia km loc. casamicciola e costruzione passerella pedonale - RGOLARE ESECUZIONE 30/03/2013 PROT. N. 371 DEL 15/04/ F.M.A. S.R.L. - Demolizione cavalcaferrovia km loc. casamicciola bibbiena SAL N. 3 ( 23/03/2013 PROT. N. 371 DEL 15/04/ ING.POLVANI FABRIZIO - onorario collaudo statico passerella e scarpate Loc. Casamicciola 26/03/2013 PROT. N. 371 DEL 15/04/ STUDIO PANDOLFI E UGOLINI - SALDO onorari demoliz.cavalc.loc. csamicciola Km /04/2013 PROT. N. 371 DEL 15/04/ ARCH.DRAGONI ROBERTO - SALDO onorari demoliz.cavalc.loc. csamicciola Km /04/2013 PROT. N. 371 DEL 15/04/ TE.SI.FER S.R.L.- DIREZ.LAVORI, CONTABILITà MODIFICA PIANO FERRO STAZ. SUBBIANO E MONTE SS 09/01/2013 PROT. N. 371 DEL 15/04/ MORI OMERA - Esproprio terreno Com. capolona per stazione Subbiano 15/04/2013 PROT. N. 371 DEL 15/04/ GIOVACCHINI CLAUDIO - Esproprio terreno Com. capolona per stazione Subbiano 15/04/2013 PROT. N. 371 DEL 15/04/ MARIOTTINI GEOM. MICHELE verifica assoggettazione a V.A.S. area staz. Subbiano- saldo 03/09/2013 PROT. N DEL 17/09/ ELETTRI-FER S.R.L. completamento circuito di protezione linea ar-stia SAL Finale 18/03/2013 PROT. N. 371 DEL 15/04/ ING. BARTOLOZZI LORENZO- progettazione circuito di protezione 02/04/2013 PROT. N. 371 DEL 15/04/ MARIOTTINI GEOM. MICHELE - coord. Sicurezza lavori completamento circuito di protezione I ACCONTO PROGETT. 03/09/2013 PROT. N DEL 17/09/ ELETTRIFER S.R.L. complet.circuito protezione e ritorno elettrificazione SAL n. 1 09/12/2013 da richiedere MARIOTTINI GEOM. MICHELE. 1 acconto coord.sicurezza circuito di protez. E ritorno elettrif. 02/ da richiedere TOTALE INTERVENTI MANUTENZIONE STRAORDINARIA L. 297/78 ANNO Regione Toscana credito per interventi L. 611/96: La società ha continuato anche a realizzare interventi di potenziamento ed ammodernamento della linea ferroviaria finanziati dalla Legge 611/96 In bilancio al risulta il credito vs. la Regione Toscana per gli interventi da incassare a tale data pari a : Rete Ferroviaria Toscana s.p.a. Nota Integrativa Bilancio 2013 pag. 8

19 FORNITORE E DESCRIZIONI INTERVENTI L. 611/96 a credito vs. R.T. al IMPORTO a credito BOBINI MARIO - eliminazione P.L. KM loc. Sitorni Comune di Arezzo Imposta di registro per concenzione con Comune Castel Focognano (AR) per chiusura P.L loc. Rassina DOTT. ARCH. BORRI MARISA - onorari e spese soppressione P.L. Km linea ar stia TOTALE AL GEOTEC LABORATORIO - eliminazione P.L. KM Loc. Lucignano (AR). Linea Ar- Sinalunga GEOTEC LABORATORIO - eliminazione P.L. KM Loc. Lucignano (AR) - Linea Ar- Sinalunga NASSINI GIUSEPPINA - Chiusura P.L Comune di Capolona - Linea AR- Stia COSTRUZIONI GIUSEPPE STIATTI - lavori completamento variante S.P. MISERICORDIA - 3 sal - linea AR- Sinalunga COSTRUZIONI GIUSEPPE STIATTI - lavori completamento variante S.P. MISERICORDIA - 4 sal - Linea Ar- Sinalunga COMUNE DI CASTEL FOCOGNANO - variante loc. Fonte Antica - Rassina - soppressione P.L Linea Ar- Stia LORENZINI SARA MARTINA - variante loc. Fonte Antica - Rassina - soppressione P.L Linea Ar- Stia STUDIO TECNICO LORENZINI - variante loc. Fonte Antica - Rassina - soppressione P.L Linea Ar- Stia RASPANTI ING. LICIO - eliminazione P.L. KM Loc. Lucignano (AR). Linea Ar- Sinalunga - III ACCONTO GEOTEC LABORATORIO - eliminazione P.L. KM Loc. Lucignano (AR). Linea Ar- Sinalunga TOTALE AL Regione Toscana credito per interventi Ampliamento officina Pescaiola pari a : FORNITORE E DESCRIZIONI LAVORI - Ampliamento Off. Pescaiola al IMPORTO a credito MARIO MASCHI ARCH.: Acconto 50% progetto ampliamento officina Pescaiola TES.PROV. DELLO STATO: diritti richiesta valutazione progetto prevenzione incendi NUOVE ACQUE SPA: parere per autorizzazione scarico acque reflue ARPAT: rilascio autorizzazione scarichi Pescaiola AUTORITA' IDRICA TOSCANA: istruttoria per rilascio autorizzazione allo scarico SOIL TEST srl : indagini geognostiche geotecniche e geofisiche MAMMUCCINI SILVANO : riparazione tubo acqua e pozzetti MARIO MASCHI ARCH.: II acconto progetto recupero ed ampliamento COMUNE DI AREZZO : diritti segreteria per pratica edilizia Geol. MENCHETTI GABRIELE: onorario relazione geologica-geotecnica TOTALE AL ELETTRI-FER SRL - fornitura Sezionatore amperometrico per separaz.zona TE TECNA S.N.C. - indagini geognostiche. Sondaggi, carotaggi off. Pescaiola Totale interventi recupero ed ampliamento officina PESCAIOLA L. 611/96 Rete Ferroviaria Toscana La voce Regione Toscana finanziamento CCNL La voce accoglie quanto vantato dalla società per anticipi dalla medesima effettuati per oneri derivanti dal rinnovo del contratto Collettivo nazionale di lavoro e facenti carico al predetto soggetto. L importo corrisponde al residuo 2013 pari a La voce Crediti per recupero indennità di malattia accoglie l importo a credito per recupero indennità di malattia per i lavoratori del trasporto pubblico locale anno 2011 ai sensi dell articolo 1, comma 273, della legge 23 dicembre 2005, n L importo iscritto è pari al 100% dell importo totale come comunicato dall associazione di categoria ASSTRA e trova contropartita tra i proventi straordinari. La voce spese anticipate accoglie spese sostenute nel 2013 di competenza economica IV - DISPONIBILITA LIQUIDE La voce, che al ammontava ad passa ad Il sensibile aumento è dovuto principalmente alla diversa tempistica delle operazioni bancarie (pagamenti/versamenti). Consistono in depositi bancari pari a , depositi postali per e disponibilità in cassa per B) FONDI PER RISCHI ED ONERI Sono iscritti in base alla stima prudenziale dei rispettivi rischi ed oneri a cui si riferiscono e sono costituiti da: Rete Ferroviaria Toscana s.p.a. Nota Integrativa Bilancio 2013 pag. 9

20 3) Altri Fondi Gli accantonamenti pari ad riguardano: Il fondo oneri rinnovo CCNL accoglie quanto stanziato a titolo di onere per il rinnovo del CCNL del settore per la quota di competenza 2010, 2011, 2012 e 2013, al netto di quanto erogato nel corso del In data 26 aprile 2013, è stato sottoscritto presso il Ministero del Lavoro un accordo tra le Segreterie Nazionali Filt- Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Ugl Trasporti, Faisa-Cisal e le associazioni datoriali Asstra e Anav che ha previsto l erogazione di una cifra una tantum per gli anni pari ad 700 lordi medi (par.175) ai lavoratori delle aziende di trasporto pubblico locale in forza alla data dell accordo. C) TFR: Fondo oneri rinnovo C.C.N.L. Autoferrotramvieri accantonamento anno accantonamento anno accantonamento anno accantonamento anno accantonamento anno Erogazione tranche Una Tantum Totale fondo oneri rinnovo CCNL al Rete Ferroviaria Toscana s.p.a., all entrata in vigore della Legge 296/06 e del D.lgs 252, risultava con un numero di dipendenti superiore a 50. Il personale attualmente in forza all azienda al è invece inferiore a tale limite. Il TFR ha subito le seguenti movimentazioni: saldo al passaggi dipendenti infragruppo Accantonam. Rivalutaz. lorda Imp.sost.va Utilizzi Saldo al Gli utilizzi sono relativi all erogazione dell anticipo a n. 1 dipendente. La quota di TFR relativa all esercizio 2013 e versata al Fondo di Tesoreria o ai Fondi Pensione è stata contabilizzata tra i debiti a breve nella voce D13 Debiti vs. Istituti di previdenza. Al in tale voce risultano aperti i debiti relativi al TFR del mese di dicembre Di seguito un prospetto che evidenzia il totale TFR versato a Fondo Tesoreria Inps ed altri fondi dall entrata in vigore della Legge 296/06 e del D.lgs 252, Totale al rivalutaz imposta sost.va 2013 versam passaggio dip.ti infragruppo utilizzi 2013 Totale al Fondo tesoreria INPS Fondo previd.complem.priamo Altri fondi previdenza complem Totale Nel Conto Economico l imputazione interessa sempre la voce B 9 c Trattamento di fine rapporto. Al il costo TFR è così ripartito: Costo rivalutazione TFR rimasto in azienda Accantonamenti Fondo Tesoreria Inps Accantonamenti Fondo Prev.Compl.PRIAMO Accantonamenti Altri fondi Previd.Complem Totale costo D) DEBITI: Sono tutti valutati al valore nominale. In tale voce sono allocate passività certe e determinate, sia nell importo che nella data di sopravvenienza. I debiti sono tutti in moneta nazionale. Non sussistono debiti di durata residua superiore a 5 anni e con garanzie reali sui beni sociali. Nel loro complesso passano da ad e comprendono: Rete Ferroviaria Toscana s.p.a. Nota Integrativa Bilancio 2013 pag. 10

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

AMIR S.P.A. 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO DATI ANAGRAFICI

AMIR S.P.A. 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO DATI ANAGRAFICI 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO Data chiusura esercizio 31/12/2013 DATI ANAGRAFICI Indirizzo Sede legale: RIMINI RN VIA DARIO CAMPANA 63 Numero REA: RN - 259282 Forma giuridica: SOCIETA' PER AZIONI

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto Svolgimento della prova di verifica n. 17 Classe 4 a IGEA, Mercurio, Brocca, Programmatori, Liceo economico, IPSC Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione. Celestina Rovetto Obiettivi della

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA MEP S.p.A. Sede in Milano (MI), Piazza del Liberty, n. 2 Capitale sociale Euro 10.372.791 interamente versato Codice Fiscale 13051480153 Iscritta al Registro dell Imprese di Milano al n. 1611128 BILANCIO

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013 MONDO ACQUA S.P.A. Codice fiscale 02778560041 Partita iva 02778560041 VIA VENEZIA n. 6/B - 12084 MONDOVI' CN Numero R.E.A. 235902 - CN Registro Imprese di CUNEO n. 02778560041 Capitale Sociale 1.100.000,00

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 Il contribuente, per la compilazione

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Immobilizzazioni materiali

Immobilizzazioni materiali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni materiali Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone RISULTATO DELL ESERCIZIO ANTE IMPOSTE VARIAZIONI IN AUMENTO Negli esercizi dal 2005 al 2008 sono state realizzate plusvalenze o altri proventi rateizzati? = In base all'art. 86 del TUIR è ammessa la rateazione

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi Si è ritenuto di precisare che nel caso di un prestito obbligazionario che prevede un unico rimborso alla scadenza o di obbligazioni senza cedola (zero

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Gli articoli del codice civile sulla redazione del bilancio d esercizio

Gli articoli del codice civile sulla redazione del bilancio d esercizio Gli articoli del codice civile sulla redazione del bilancio d esercizio Sezione IX Del bilancio Art. 2423. Redazione del bilancio. Gli amministratori devono redigere il bilancio di esercizio, costituito

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000. A cura del Gruppo di Studio di Diritto tributario istituito presso l Ordine di Padova

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000. A cura del Gruppo di Studio di Diritto tributario istituito presso l Ordine di Padova IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000 ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE L'INSERTO 2 Analisi della rilevanza ai fini IRAP delle voci del Conto Economico A cura

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI SOMMARIO IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI 1. Premessa 2. Funzioni del rendiconto della gestione 3. Quadro normativo di riferimento 4. Attività operative per la predisposizione del rendiconto

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO 18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO L utilizzo durevole è il criterio per classificare le partecipazioni come immobilizzazioni finanziarie. Le tipologie

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

Operazioni varie di gestione aziendale

Operazioni varie di gestione aziendale Operazioni varie di gestione aziendale di Teresa Tardia Esercitazione di economia aziendale per la classe terza ITC Nel mese di febbraio la ditta GiLuVi, azienda commerciale, ha compiuto le seguenti: 01-feb

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli