GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati GESTIONE DEI CESPITI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati GESTIONE DEI CESPITI"

Transcript

1 GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati

2 PROGRAMMA DEL CORSO CESPITI - TERZA PARTE Gestione dei cespiti Le immobilizzazioni materiali L acquisto di autovetture Il leasing finanziario Le immobilizzazioni immateriali Le spese di manutenzione ordinarie e straordinarie

3 LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Le immobilizzazioni materiali (OIC16) sono costituite da quei beni che hanno una utilità pluriennale, cioè sono destinati a concorrere all attività produttiva dell impresa per più periodi amministrativi; tale caratteristica non dipende dal bene, ma dalla sua destinazione all interno del processo produttivo.

4 LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Nello stato patrimoniale alla voce B II troviamo il valore netto contabile delle immobilizzazioni materiali che corrisponde al costo storico del bene al netto degli ammortamenti e delle svalutazioni dell esercizio e degli esercizi precedenti.

5 LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI

6 LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Le immobilizzazioni materiali sono così classificabili: BII1 - Terreni e fabbricati (aree edificabili, terreni sottostanti i fabbricati, fabbricati industriali, fabbricati civili, costruzioni leggere) BII2 - Impianti e macchinari (impianti generici, impianti specifici per la produzione, macchinari) BII3 - Attrezzature industriali e commerciali BII4 - Altri beni (arredamenti, macchine elettroniche, autocarri e autovetture) BII5 - Immobilizzazioni in corso e acconti (immobilizzazioni in corso di costruzione e acconti a fornitori per acquisti di immobilizzazioni)

7 LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Le immobilizzazioni materiali sono iscritte (art.2426 n.1): in caso di acquisto presso terzi, al costo di acquisto compresi tutti gli oneri accessori (trasporto, montaggio, imposte e dazi, spese di progettazione, IVA indetraibile, ecc.) in caso di costruzione interna, al costo di produzione, comprendente tutti i costi diretti (materiali, mano d opera, progettazione, ecc) ed eventualmente una quota di altri costi generali e di oneri finanziari, relativi al periodo di fabbricazione, ragionevolmente imputabili al bene.

8 LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI

9 LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI

10 LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI

11 LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI

12 LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Il costo delle immobilizzazioni la cui utilizzazione è limitata nel tempo, deve essere sistematicamente ammortizzato in ogni esercizio in relazione alla residua possibilità di utilizzo (art.2426 n.2). Quindi tutti i cespiti sono ammortizzabili tranne i terreni perché non esauriscono la loro utilità nel tempo. I fabbricati civili detenuti a titolo di investimento possono non essere ammortizzati.

13 LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Le immobilizzazioni concorrono gradualmente alla determinazione del risultato esercizio mediante l imputazione alla voce B10b del conto economico delle quote di ammortamento.

14 LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI

15 LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI L ammortamento inizia dal momento in cui il bene è disponibile e pronto all uso e procede sulla base di un piano di ammortamento che deve essere definito tenendo conto dei seguenti elementi: valore da ammortizzare, dato dalla differenza tra costo storico e presumibile valore di realizzo al termine della vita utile. Poiché quest ultimo valore spesso non è rilevante solitamente il valore da ammortizzare corrisponde al costo di iscrizione del cespite

16 LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI vita utile, data dal periodo di tempo in cui si prevede che il cespite sarà utile alla produzione aziendale criterio di ripartizione, è il metodo scelto per imputare il valore del bene ai vari periodi amministrativi in cui sarà utilizzato il bene stesso. Gli OIC prevedono diversi criteri di ripartizione (quote decrescenti, quote variabili in base ai volumi di produzione), ma preferiscono il metodo a quote costanti

17 LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Fiscalmente l ammortamento è deducibile a partire dalla entrata in funzione del cespite e per quote costanti che non possono superare quelle calcolate applicando le apposite tabelle ministeriali. Il primo anno i coefficienti devono essere dimezzati. E inoltre possibile spesare interamente nell anno il valore dei beni strumentali inferiori a euro 516,46 (art.102 TUIR).

18 LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI

19 LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI La svalutazione è il procedimento mediante il quale il valore netto di una immobilizzazione viene diminuito per adeguarlo al maggiore tra il valore recuperabile tramite l uso e il valore recuperabile tramite la vendita (OIC9). Tale procedimento deve essere adottato nel caso la perdita di valore dell immobilizzazione sia ritenuta durevole nel tempo (art.2426 n.3). Se successivamente alla svalutazione la perdita di valore è ritenuta non più sussistente, è necessario ripristinare il precedente valore netto contabile. La svalutazione è imputata alla voce B10c del conto economico.

20 LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI

21 LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI La rivalutazione del valore del bene può essere effettuata solamente nel caso una legge speciale lo consenta ed ha comunque un limite massimo dato dal valore recuperabile dell immobilizzazione. L effetto economico della rivalutazione non costituisce mai un ricavo ma va imputato all apposita riserva di rivalutazione del patrimonio netto.

22 LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI

23 LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI

24 LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Al momento della vendita di un cespite è necessario confrontare il suo valore netto contabile, risultante dallo stato patrimoniale, con il prezzo di vendita, se: prezzo > valore netto allora la differenza genera un particolare tipo di ricavo chiamato plusvalenza solitamente riclassificato alla voce A5 del conto economico prezzo < valore netto allora la differenza genera un particolare tipo di costo chiamato minusvalenza solitamente riclassificato alla voce B14 del conto economico

25 LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Il 31/07/2014 si vende a euro 5.000,00 iva esclusa un attrezzatura del costo storico di ,00. Il cespite risulta già ammortizzato per euro ,00 con aliquota del 25%. DARE AVERE IMP.DARE IMP.AVERE Crediti v/clienti 6.100,00 Iva ns/debito 1.100,00 Amm.to attrezzature 2.904,00 F/do amm.to attr ,00 Attrezzature ,00 F/do amm.to attr ,00 Attrezzature 4.596,00 Plusvalenza 404,00

26 LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI

27 LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI

28 LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Il 31/03/2014 si vende a euro ,00 iva esclusa un impianto del costo storico di ,00. Il cespite risulta già ammortizzato per euro 5.625,00 con aliquota del 7,5%. DARE AVERE IMP.DARE IMP.AVERE Crediti v/clienti ,00 Iva ns/debito 8.800,00 Amm.to impianti 920,00 F/do amm.to impianti 920,00 Impianti 6.545,00 F/do amm.to impianti 6.545,00 Impianti ,00 Minusvalenza 3.455,00

29 LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI

30 LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI

31 LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Fiscalmente le plusvalenze relative alla cessione di beni posseduti da più di tre anni, possono essere tassate a quote constanti, nell anno del conseguimento e nei successivi fino al quarto, a scelta del contribuente (art.86 TUIR). La minusvalenza non è deducibile nel caso sorga in seguito ad assegnazione del bene ai soci o a finalità estranee all attività (art.101 TUIR).

32 L ACQUISTO DI AUTOVETTURE Il trattamento fiscale dell acquisto delle autovetture (art.164 TUIR) autovettura utilizzata come bene strumentale all attività (taxisti, noleggi con o senza conducente, ecc.). Il costo d acquisto è interamente deducibile sulla base dell ammortamento calcolato con aliquota al 25% autovettura utilizzata dagli agenti di commercio. La parte di costo d acquisto che eccede il limite di euro ,84 è indeducibile, le quote di ammortamento calcolate entro il suddetto limite sono deducibili per l 80%

33 L ACQUISTO DI AUTOVETTURE autovettura data in uso promiscuo al dipendente come fringe benefit. Le quote di ammortamento sono deducibili al 70%, non è previsto alcun limite sul costo d acquisto in tutti gli altri casi la regola generale consente la detrazione del costo d acquisto entro il limite di euro ,99 sulla base di quote di ammortamento deducibili al 20%.

34 L ACQUISTO DI AUTOVETTURE Per l acquisto di motori e ciclomotori sono previste analoghe limitazioni sulla deducibilità del costo d acquisto. Per uniformare il trattamento fiscale sono previsti tetti massimi di deducibilità annuali anche per i canoni di noleggio e di leasing riferiti ad automezzi.

35 L ACQUISTO DI AUTOVETTURE AUTOVETTURE DETRIBILITA IVA DEDUCIBILITA ACQUISTO DEDUCIBILITA NOLEGGIO DEDUCIBILITA LEASING TETTO COSTO TETTO COSTO TETTO COSTO Bene strumentale 100% NO 100% NO 100% NO 100% Ag. di commercio 100% ,84 80% 3.615,20 80% canoni corrispondenti al tetto per l acquisto 80% Benefit dipendenti 40%/100% NO 70% NO 70% NO 70% Altri casi 40% ,99 20% 3.615,20 20% canoni corrispondenti al tetto per l acquisto 20%

36 L ACQUISTO DI AUTOVETTURE

37 L ACQUISTO DI AUTOVETTURE

38 L ACQUISTO DI AUTOVETTURE

39 L ACQUISTO DI AUTOVETTURE Le plusvalenze e le minusvalenze determinate in sede di cessione dell automezzo rilevano nella stessa proporzione esistente tra ammortamento dedotto ed ammortamento effettuato

40 L ACQUISTO DI AUTOVETTURE Il 30/09/2015 si vende a euro ,00 compreso iva, un autovettura del costo storico di ,46. Il cespite risulta già ammortizzato per euro ,29 con aliquota del 25%.

41 L ACQUISTO DI AUTOVETTURE

42 L ACQUISTO DI AUTOVETTURE

43 IL LEASING FINANZIARIO Il leasing finanziario è una modalità per acquisire la disponibilità di un bene strumentale dietro pagamento di un canone periodico, conservando la possibilità di acquistarlo ad un prezzo prestabilito alla scadenza del contratto. In sostanza il leasing è una modalità di finanziamento dell azienda per l acquisto di beni ad utilità pluriennale alternativa al ricorso al mutuo bancario.

44 IL LEASING FINANZIARIO

45 IL LEASING FINANZIARIO Nel contratto di leasing si evidenziano alcuni dati: la periodicità dei canoni mensile la durata del leasing 84 mesi il valore del bene pari a ,00 il costo totale del leasing pari a ,00 l importo del maxi canone iniziale di ,00 il numero e l importo dei canoni periodici (6.928,00 x 83 rate) l importo del riscatto del bene pari a 5.830,00

46 IL LEASING FINANZIARIO

47 IL LEASING FINANZIARIO I costi del leasing sono rilevati alla voce B9 del conto economico. Il bene viene iscritto nell attivo del patrimonio dell azienda solo al termine della locazione, quando l azienda diviene effettivamente proprietaria del bene. Il valore di iscrizione corrisponde al prezzo di riscatto originalmente stabilito.

48 IL LEASING FINANZIARIO Frequentemente il primo canone, pagato alla stipula del contratto di Leasing, è più alto dei successivi (maxi canone). Per una corretta contabilizzazione del costo di competenza annuo è opportuno ripartire il costo totale del leasing sulla base della durata del contratto e procedere alla rettifica di quanto contabilizzato in corso d anno mediante l iscrizione di risconti attivi

49 IL LEASING FINANZIARIO I canoni periodici pagati alla società concedente comprendo due componenti: una quota capitale volta a rimborsare l importo relativo all acquisto del bene una quota relativa agli interessi passivi impliciti volta a remunerare la società concedente Lo scorporo della quota interessi compresa nel costo annuale del leasing è necessaria per una corretta determinazione della base imponibile IRAP.

50 IL LEASING FINANZIARIO

51 IL LEASING FINANZIARIO

52 IL LEASING FINANZIARIO Poiché durante il periodo della locazione nello stato patrimoniale non è presente alcun elemento che fornisca indicazione in merito alla presenza del bene in azienda ed ai rischi ad esso connessi, in nota integrativa è necessario fornire alcuni elementi informativi al riguardo (art.2427 n.22, OIC12 appendice D )

53 IL LEASING FINANZIARIO

54 IL LEASING FINANZIARIO Effetto sul patrimonio netto a) Contratti in corso Beni in leasing finanziario alla fine dell'esercizio precedente, al netto degli ammortamenti alla fine dell'esercizio precedente : di cui valore lordo di cui f.do ammortamento Beni acquisiti in leasing finanziario nel corso dell'esercizio 0 - Beni in leasing finanziario riscattati nel corso dell'esercizio 0 - Quote di ammortamento di competenza dell'esercizio /- Rettifiche/riprese di valore su beni in leasing finanziario 0 Beni in leasing finanziario al termine dell'esercizio, al netto degli ammortamenti complessivi : di cui valore lordo di cui f.do ammortamento b) Beni riscattati Differenza +/- tra valore complessivo dei beni riscattati, determinato secondo la metodologia finanziaria, rispetto al loro valore netto contabile alla fine dell'esercizio 0 c) Risconti attivi su interessi di canoni a cavallo d'esercizio calcolati in base al metodo finanziario 0 d) Risconti attivi contabilizzati con il metodo patrimoniale e) Crediti per imposte anticipate calcolate in base al metodo finanziario 0 f) Crediti per imposte anticipate contabilizzate con il metodo patrimoniale 0

55 IL LEASING FINANZIARIO g) Passività Debiti impliciti per leasing finanziari alla fine dell'esercizio precedente : di cui scadenti nell'esercizio successivo di cui scadenti oltre l'esercizio successivo ed entro 5 anni di cui scadenti oltre i 5 anni 0 + Debiti impliciti per leasing finanziario sorti nell'esercizio 0 - Riduzioni per rimborso quote capitale e riscatti durante esercizio (quote rimborsate in linea capitale) Debiti impliciti per leasing finanziario a fine esercizio di cui scadenti dell'esercizio successivo di cui scadenti oltre l'esercizio successivo ed entro 5 anni di cui scadenti oltre i 5 anni 0 h) Ratei passivi su interessi di canoni a cavallo d'esercizio calcolati in base al metodo finanziario 0 i) Ratei passivi contabilizzati con il metodo patrimoniale 0 k) Fondo per imposte differite calcolate in base al metodo finanziario 0 l) Fondo per imposte differire contabilizzate con il metodo patrimoniale 0 m) Effetto complessivo lordo sul patrimonio aziendale alla fine dell'esercizio n) Effetto fiscale generato nell'esercizio e nei precedenti o) Effetto sul patrimonio netto aziendale alla fine dell'esercizio

56 IL LEASING FINANZIARIO Effetto sul conto economico p) Storno di canoni su operazioni di leasing finanziario (canoni di competenza dell'esercizio) q) Rilevazione degli oneri finanziari su operazioni di leasing finanziario r) Rilevazione di quote di ammortamento di cui su contratti in essere di cui differenziale di beni riscattati 0 s) Rettifiche/riprese di valore su beni in leasing finanziari 0 t) Effetto sul risultato prima delle imposte u) Rilevazione dell'effetto fiscale imputabile all'esercizio v) Effetto sul risultato d'esercizio delle rilevazioni delle operazioni di leasing con il metodo finanziario 5.749

57 IL LEASING FINANZIARIO Fiscalmente i canoni di leasing, indipendentemente dalla durata del contratto, sono deducibili secondo le seguenti regole (art.102 TUIR): per gli immobili è prevista una durata minima fiscale di dodici anni per le autovetture la durata fiscale deve essere identica al periodo di ammortamento corrispondente alle aliquote ministeriali per gli altri beni il periodo fiscale di deduzione non può essere inferiore alla metà del periodo di ammortamento corrispondente al coefficiente previsto dalle tabelle ministeriali

58 IL LEASING FINANZIARIO

59 IL LEASING FINANZIARIO

60 LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI Le immobilizzazioni immateriali (OIC24) hanno la caratteristica di essere intangibili e prive di consistenza fisica. Sono costituite da costi che hanno una utilità pluriennale, cioè manifestano benefici economici per più periodi amministrativi in termini di maggiori ricavi o minori costi.

61 LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI Nello stato patrimoniale alla voce BI troviamo il valore netto contabile delle immobilizzazioni immateriali che corrisponde al costo storico al netto degli ammortamenti e delle svalutazioni dell esercizio e degli esercizi precedenti.

62 LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI Le immobilizzazioni immateriali sono così classificabili: BI1 Costi di impianto e di ampliamento (spese di costituzione, di start-up, di trasformazione, ecc ) sono oneri pluriennali BI2 Costi per ricerca, di sviluppo e di pubblicità (spese per ricerca applicata e per lo sviluppo di prodotti o processi) sono oneri pluriennali BI3 Diritti di brevetto industriale e diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno (costi per l acquisto o la produzione di brevetti o software tutelato oltre alle licenze per il loro utilizzo, spese relative a diritti d autore) sono beni immateriali

63 LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI BI4 Concessioni, licenze, marchi e diritti simili (costi per l acquisto o la produzione di marchi, costi per l ottenimento di concessioni su beni di terzi) sono beni immateriali BI5 Avviamento BI6 Immobilizzazioni in corso e acconti (beni immateriali in corso di costruzione e acconti a fornitori per acquisti di immobilizzazioni immateriali) BI7 Altre (migliorie su beni di terzi, oneri per concessioni di finanziamento, costi di realizzazione di software interno non tutelato) sono oneri pluriennali

64 LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

65 LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI Le immobilizzazioni immateriali, come quelle materiali, sono iscritte (art.2426 n.1) al costo di acquisto o di produzione

66 LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI Possiamo identificare tre tipologie di immobilizzazioni immateriali: oneri pluriennali sono costi iscrivibili nell attivo dello stato patrimoniale solo se è possibile dimostrare e stimare ragionevolmente la loro utilità futura; a tale fine è opportuno predisporre un piano economico da cui risultino i futuri risultati economici conseguibili

67 LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI beni immateriali sono costi relativi a beni intangibili ma che hanno tutela giuridica. Sono iscrivibili nello stato patrimoniale solo se è possibile individuarli con certezza ed eventualmente trasferirne la proprietà o il diritto all utilizzo

68 LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI avviamento rappresenta il costo relativo all acquisizione di un attività produttiva che eccede il valore dei singoli beni acquisiti e misura la capacità dell azienda acquisita a produrre un extra reddito. E iscrivibile nell attivo dello stato patrimoniale solo in caso di acquisto a titolo oneroso purché il costo risulti recuperabile, è inoltre richiesto il consenso del collegio sindacale

69 LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI Come per le immobilizzazioni materiali anche il costo delle immobilizzazioni immateriali deve essere sistematicamente ammortizzato in ogni esercizio in relazione alla residua possibilità di utilizzo (art.2426 n.2).

70 LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI Le immobilizzazioni concorrono gradualmente alla determinazione del risultato esercizio mediante l imputazione alla voce B10a del conto economico delle quote di ammortamento.

71 LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

72 LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI I meccanismi per determinare il piano di ammortamento sono gli stessi utilizzati nel caso delle immobilizzazioni materiali. È opportuno segnalare alcune peculiarità: per le voci relative agli oneri finanziari il valore residuo al termine della vita utile è sempre pari a zero quindi il valore da ammortizzare è dato dal costo storico per le voci relative a beni immateriali il valore residuo al termine della vita utile è presunto pari a zero quindi solitamente il valore da ammortizzare è dato dal costo storico

73 LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI per le voci BI1 e 2 la vita utile non può essere superiore a cinque anni. Il legislatore impone inoltre di non distribuire dividendi fino a quando le riserve disponibili non siano superiori ai costi capitalizzati, è inoltre previsto il parere favorevole del collegio dei sindaci (art.2426 n.5) per le voci BI3 e 4 la vita utile ha come limite massimo la durata legale del brevetto o della concessione, per i marchi il limite massimo è fissato in venti anni

74 LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI per l avviamento è previsto un periodo di ammortamento di massimo cinque anni, è però lasciata la facoltà di prolungarne la vita utile fino a venti anni evidenziando in nota integrativa le motivazioni della scelta (art.2426 n.6) per le altre immobilizzazioni immateriali il periodo di ammortamento è collegato alla durata dei contratti sottostanti

75 LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI Fiscalmente l ammortamento è deducibile in base alla ripartizione del costo in quote costanti calcolate sulla base della vita utile. Sono previsti però alcuni limiti (art.103 TUIR): per i brevetti e le opere dell ingegno è previsto un limite massimo di deducibilità annuo dato dalla metà del costo capitalizzato. Fanno eccezione i marchi per i quali il limite è fissato in un diciottesimo del costo

76 LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI per le concessione e gli altri diritti la deducibilità annua è collegata alla durata del contratto sottostante per l avviamento è previsto un limite massimo di deducibilità annuo dato da un diciottesimo del costo

77 LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI Per la svalutazione e la rivalutazione vale quanto detto in precedenza per i beni materiali. In caso di alienazione di una immobilizzazione immateriale si generano plusvalenze o minusvalenze come detto in precedenza per le immobilizzazioni materiali.

78 LE SPESE DI MANUTENZIONE ORDINARIE E STRAORDINARIE Gli interventi di manutenzione possono essere suddivisi in due tipologie: le manutenzioni ordinarie consistenti negli interventi di natura ricorrente, effettuati per mantenere il cespite in un buono stato di funzionamento. Tali costi sono imputati a conto economico nell anno di sostenimento.

79 LE SPESE DI MANUTENZIONE ORDINARIE E STRAORDINARIE le manutenzioni straordinarie consistenti in interventi volti a migliorare la produttività del cespite o a prolungarne la vita utile. Se l intervento di manutenzione si traduce in un aumento significativo e misurabile della capacità produttiva del bene o della sua vita utile, allora il costo è capitalizzabile secondo le seguenti modalità: - nella voce BII ad incremento del valore d iscrizione del bene a cui si riferisce, in caso di bene di proprietà dell azienda - nella voce BI7 alla voce migliorie su beni di terzi, in caso in cui il bene sia detenuto a titolo di locazione anche finanziaria

80 LE SPESE DI MANUTENZIONE ORDINARIE E STRAORDINARIE Fiscalmente il costo relativo agli interventi di manutenzione effettuati sui beni aziendali imputato a conto economico, è deducibili nel limite del 5% del costo d acquisto complessivo dei beni ammortizzabili esistenti all inizio dell esercizio. La parte di costo che eccede tale limite è deducibile in quote costanti nei cinque esercizi successivi (art.102 TUIR).

ACQUISTO ED UTILIZZO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI

ACQUISTO ED UTILIZZO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI ACQUISTO ED UTILIZZO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Le IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI sono: FATTORI PRODUTTIVI AD UTILIZZO PLURIENNALE «STRUMENTI» DEL PROCESSO PRODUTTIVO Le immobilizzazioni incorporano

Dettagli

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI 1 L AMMORTAMENTO (NOZIONE GIURIDICA) il costo delle immobilizzazioni, materiali ed immateriali, la cui utilizzazione è limitata nel tempo

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Le immobilizzazioni materiali Definizione e riferimenti Definizione: Le immobilizzazioni sono gli elementi patrimoniali destinati ad essere

Dettagli

Le immobilizzazioni materiali. internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari

Le immobilizzazioni materiali. internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari Documento OIC n. 16 Principi Contabili internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari 1 Sono beni destinati a permanere durevolmente

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

COSTI PLURIENNALI: L IMPATTO SUL BILANCIO DI ESERCIZIO

COSTI PLURIENNALI: L IMPATTO SUL BILANCIO DI ESERCIZIO Circolare N. 28 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 14 aprile 2009 COSTI PLURIENNALI: L IMPATTO SUL BILANCIO DI ESERCIZIO Una tra le più ricorrenti problematiche inerenti la chiusura di bilancio

Dettagli

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio Tassonomia XBRL Principi Contabili Italiani Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio DICEMBRE 2015 Tavolo di lavoro società non quotate XBRL Italia Note Note Le tabelle con le

Dettagli

!!!!OIC!16!!IMMOBILIZZAZIONI! MATERIALI! Prof.!Andrea!Amaduzzi!

!!!!OIC!16!!IMMOBILIZZAZIONI! MATERIALI! Prof.!Andrea!Amaduzzi! OIC16 IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prof.AndreaAmaduzzi FINALITA DEL PRINCIPIO TRATTAMENTO CONTABILE ED INFORMATIVA IN NOTA INTEGRATIVA IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI CRITERI DI RILEVAZIONE, CLASSIFICAZIONE E

Dettagli

METELLIA SERVIZI SRL UNIPERSONALE. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014. redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c.

METELLIA SERVIZI SRL UNIPERSONALE. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014. redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c. Sede in CAVA DE' TIRRENI viale GUGLIELMO MARCONI, 52 Capitale Sociale versato e 100.000,00 C.C.I.A.A. SALERNO n. R.E.A317123 Partita IVA: 03734100658 Codice Fiscale: 03734100658 Nota Integrativa al bilancio

Dettagli

SOMMARIO. Le modalità di iscrizione nello stato patrimoniale... 175

SOMMARIO. Le modalità di iscrizione nello stato patrimoniale... 175 Sezione prima IN SINTESI Capitolo I - L ammortamento dei beni materiali Normativa civilistica... 3 Normativa fiscale... 3 Prassi amministrativa... 5 Giurisprudenza... 9 Classificazione delle immobilizzazioni

Dettagli

UNICO 2008 - Le novità del Quadro RF

UNICO 2008 - Le novità del Quadro RF Seminario LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DELLE SOCIETÀ Arezzo 20 maggio 2008 Firenze 22 maggio 2008 Pisa 28 maggio 2008 UNICO 2008 - Le novità del Quadro RF Dott. Fabio Giommoni Le novità della dichiarazione

Dettagli

La valutazione delle immobilizzazioni immateriali

La valutazione delle immobilizzazioni immateriali CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle immobilizzazioni immateriali Seconda lezione 1 DEFINIZIONE condizioni produttive controllate dall impresa, utili per l esercizio della sua gestione

Dettagli

Il leasing in Nota integrativa

Il leasing in Nota integrativa Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 18 19.05.2014 Il leasing in Nota integrativa Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Nota integrativa Le operazioni di leasing

Dettagli

LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI. BENI IMMOBILI TERRENI FABBRICATI CIVILI FABBRICATI Industriali / Commerciali

LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI. BENI IMMOBILI TERRENI FABBRICATI CIVILI FABBRICATI Industriali / Commerciali LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI BENI IMMOBILI TERRENI FABBRICATI CIVILI FABBRICATI Industriali / Commerciali BENI MOBILI DUREVOLI IMPIANTI E MACCHINARI ATTREZZATURE Industriali / Commerciali MACCHINE Elettriche

Dettagli

Novità in OIC 16 Le immobilizzazioni materiali

Novità in OIC 16 Le immobilizzazioni materiali S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Novità in OIC 16 Le immobilizzazioni materiali Applicabili ai bilanci chiusi al 31 12 2014 OIC 16 Scopo e funzione L OIC 16 Immobilizzazioni materiali ha

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL Sede in VIA PALLODOLA 23 SARZANA Codice Fiscale 00148620115 - Numero Rea P.I.: 00148620115 Capitale Sociale Euro 844.650 Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono

Dettagli

Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali

Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali di Luciano Olivieri SOMMARIO Pag. riore alla metà dei coefficienti presi a base per il calcolo degli ammortamenti. 1. Premessa 2. La deducibilità degli ammortamenti

Dettagli

PCN 24 IAS 38 attività immateriali

PCN 24 IAS 38 attività immateriali PCN 24 IAS 38 attività immateriali 1 Art. 2424 B I 1) Costi di impianto e di ampliamento 2) Costi di ricerca, sviluppo e pubblicità 3) Brevetti industriali e di utilizzo di opere dell ingegno 4) Concessioni,

Dettagli

LA NOTA INTEGRATIVA. a cura di Norberto Villa

LA NOTA INTEGRATIVA. a cura di Norberto Villa LA NOTA INTEGRATIVA a cura di Norberto Villa Vecchio Codice 4 mesi 6 mesi se 2364-2 Nuovo Codice 120 giorni 180 giorni se Previsto da statuto Esigenze particolari Previsto da statuto Nel caso di... Nel

Dettagli

delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della

delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della Temi in preparazione alla maturità Ammortamento, contabilizzazione delle operazioni di gestione e di assestamento, bilancio sintetico a stati comparati, prospetti della Nota integrativa, calcolo delle

Dettagli

SOMMARIO. Schema n. 5 - Criteri di determinazione fiscale delle quote di ammortamento

SOMMARIO. Schema n. 5 - Criteri di determinazione fiscale delle quote di ammortamento Sezione prima IN SINTESI Capitolo I - L ammortamento dei beni materiali Normativa civilistica... 3 Normativa fiscale... 3 Prassi amministrativa... 6 Giurisprudenza... 13 Classificazione delle immobilizzazioni

Dettagli

LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI. a cura di Norberto Villa Pubblicista Esperto Tributario

LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI. a cura di Norberto Villa Pubblicista Esperto Tributario LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI a cura di Norberto Villa Pubblicista Esperto Tributario 1 modulo Classificazione codice civile La classe B-I dell art. 2424 C.C. individua 7 categorie di immobilizzazioni

Dettagli

LA CITTA' VERDE SOC. COOP. SOCIALE A R.L.

LA CITTA' VERDE SOC. COOP. SOCIALE A R.L. LA CITTA' VERDE SOC. COOP. SOCIALE A R.L. LA CITTA' VERDE SOC. COOP. SOCIALE A R.L. Sede in VIA MASCARINI 14/A - 40066 - PIEVE DI CENTO (BO) Codice Fiscale 04049110374 - Rea 04049110374 BO 335969 P.I.:

Dettagli

Corso di ragioneria generale ed applicata Prof. Paolo Congiu A. A. 2013-2014 IMPOSTE DIRETTE SOCIETÀ DI CAPITALI IRES

Corso di ragioneria generale ed applicata Prof. Paolo Congiu A. A. 2013-2014 IMPOSTE DIRETTE SOCIETÀ DI CAPITALI IRES Corso di ragioneria generale ed applicata Prof. Paolo Congiu A. A. 2013-2014 1 IMPOSTE DIRETTE SOCIETÀ DI CAPITALI IRES Imposta proporzionale sui redditi complessivi delle società. Risultato di bilancio

Dettagli

Beni strumentali: trattamento contabile nel bilancio e inserimento nella dichiarazione dei redditi

Beni strumentali: trattamento contabile nel bilancio e inserimento nella dichiarazione dei redditi Beni strumentali: trattamento contabile nel bilancio e inserimento nella dichiarazione dei redditi Esercitazione di economia aziendale per la classe quinta ITC All inizio dell esercizio n i beni strumentali

Dettagli

CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO

CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI CLASSIFICAZIONE DELLE OPERAZIO- NI TRATTAMENTO DEL LEASING FI- NANZIARIO SECONDO I PRINCIPI INTERNAZIONALI TRATTAMENTO

Dettagli

Bilancio 2000 Check List

Bilancio 2000 Check List Bilancio 2000 Check List AREE DI BILANCIO ELENCO VERIFICHE E CONTROLLI CREDITI VERSO SOCI PER DECIMI RESIDUI VERIFICARE IMPORTO DEI CREDITI CHE LA SOCIETÀ VANTA VERSO SOCI PER VERSAMENTI DI CAPITALE SOCIALE

Dettagli

Schema di stato patrimoniale. Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale. Stato patrimoniale - ATTIVO. Stato patrimoniale - ATTIVO

Schema di stato patrimoniale. Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale. Stato patrimoniale - ATTIVO. Stato patrimoniale - ATTIVO Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale analisi bilancio 1 Schema di stato patrimoniale ATTIVO PASSIVO A) Crediti verso soci A) Patrimonio netto B) Immobilizzazioni B) Fondi per rischi e oneri C)

Dettagli

ALFA SPA. Bilancio al 2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro

ALFA SPA. Bilancio al 2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro ALFA SPA Sede in Via Medicei 123 - MILANO (MI) 20100 Codice Fiscale 01234567890 - Rea CCIAA 211471 P.I.: 01234567890 Capitale Sociale Euro 101.400 i.v. Forma giuridica: Soc.a responsabilita' limitata A

Dettagli

GUIDA ALLA DEDUCIBILITA' DELLE SPESE DI RIPARAZIONE : ASPETTI CIVILI E FISCALI

GUIDA ALLA DEDUCIBILITA' DELLE SPESE DI RIPARAZIONE : ASPETTI CIVILI E FISCALI GUIDA ALLA DEDUCIBILITA' DELLE SPESE DI RIPARAZIONE : ASPETTI CIVILI E FISCALI MANUTENZIONE E a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Ai fini della chiusura del Bilancio d'esercizio il tema oggetto

Dettagli

LA CITTA' VERDE SOC. COOP. SOCIALE A R.L.

LA CITTA' VERDE SOC. COOP. SOCIALE A R.L. LA CITTA' VERDE SOC. COOP. SOCIALE A R.L. LA CITTA' VERDE SOC. COOP. SOCIALE A R.L. Sede in VIA MASCARINI 14/A - 40066 - PIEVE DI CENTO (BO) Codice Fiscale 04049110374 - Rea 04049110374 BO 335969 P.I.:

Dettagli

Imposte sul reddito d esercizio

Imposte sul reddito d esercizio Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 25 novembre 29 Reddito esercizio e reddito fiscale Determinazione del reddito fiscale (IRAP e IRES) Imposte sul reddito d

Dettagli

ASPETTI FISCALI E CONTABILI DEL LEASING. Gianluca De Candia Direttore operativo ASSILEA

ASPETTI FISCALI E CONTABILI DEL LEASING. Gianluca De Candia Direttore operativo ASSILEA ASPETTI FISCALI E CONTABILI DEL LEASING Gianluca De Candia Direttore operativo ASSILEA 1 ASPETTI FISCALI E CONTABILI DEL LEASING Le modifiche della Finanziaria 2008 Il regime IRES per l impresa utilizzatrice

Dettagli

Fiscal Approfondimento

Fiscal Approfondimento Fiscal Approfondimento Il Focus di qualità N. 07 11.02.2014 Il leasing per le auto A cura di Devis Nucibella Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette La disposizione di riferimento per l individuazione

Dettagli

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE GARA NAZIONALE PROGETTO MERCURIO - ANNO 2013 - PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE La prova consiste nello svolgimento di due parti, la parte A e la parte B PARTE A - obbligatoria - ( punti 20 ) Operazioni relative

Dettagli

E.S.CO. BERICA SRL Bilancio al 31/12/2013

E.S.CO. BERICA SRL Bilancio al 31/12/2013 E.S.CO. BERICA SRL Sede legale: VIA CASTELGIUNCOLI, 5 LONIGO (VI) Iscritta al Registro Imprese di VICENZA C.F. e numero iscrizione 03510890241 Iscritta al R.E.A. di Vicenza n. 221382 Capitale Sociale sottoscritto

Dettagli

COSTI DI RICERCA E SVILUPPO

COSTI DI RICERCA E SVILUPPO 4 COSTI DI RICERCA E SVILUPPO Attivo SP B.I.2 Prassi Documento OIC 12; Documento OIC 16; Documento OIC 24; Guida all applicazione dell impairment test dello IAS 36 1 PREMESSA La voce B.I.2 dello Stato

Dettagli

LE SPESE DI MANUTENZIONE E RIPARAZIONE

LE SPESE DI MANUTENZIONE E RIPARAZIONE Circolare N. 26 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 5 aprile 2011 LE SPESE DI MANUTENZIONE E RIPARAZIONE Nelle aziende, specie in quelle industriali, rivestono una notevole importanza i costi di

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 8 II) SCRITTURE DI GESTIONE G) Relative alle immobilizzazioni E sopravvenienze e insussistenze 20 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale

Dettagli

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio Tassonomia XBRL Principi Contabili Italiani Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio VERSIONE OTTOBRE 2014 Tavolo di lavoro società non quotate XBRL Italia Versione: 20141024-1

Dettagli

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale nell'indirizzo I.G.E.A. è incentrato sulla differenza tra reddito

Dettagli

1) L acquisizione dei beni strumentali

1) L acquisizione dei beni strumentali Parte Seconda: Processi e rilevazioni della gestione caratteristica 1) L acquisizione dei beni strumentali Classificazione. Le immobilizzazioni sono costituite da tutti gli elementi del patrimonio di funzionamento

Dettagli

Esempio di determinazione delle imposte correnti

Esempio di determinazione delle imposte correnti Esempio di determinazione delle imposte correnti La Belvedere S.p.A. alla fine dell esercizio X presenta il seguente conto economico: Conti Saldo dare ( ) Saldo avere ( ) Rimanenze iniziali di merci 55.000

Dettagli

LA FISCALITA DEGLI IMMOBILI E LE NOVITA IN TEMA DI ACCERTAMENTO

LA FISCALITA DEGLI IMMOBILI E LE NOVITA IN TEMA DI ACCERTAMENTO ADC ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI SINDACATO NAZIONALE UNITARIO SEZIONE ROMA LA FISCALITA DEGLI IMMOBILI E LE NOVITA IN TEMA DI ACCERTAMENTO Roma, 10 dicembre 2009 TRA

Dettagli

ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO

ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO L Alba Spa è società svolgente attività industriale e al 31/12/n prima di procedere alle scritture di assestamento di bilancio presenta le seguenti situazioni contabili:

Dettagli

ANALISI AZIENDALE e CONTROLLO DI GESTIONE

ANALISI AZIENDALE e CONTROLLO DI GESTIONE ANALISI AZIENDALE e CONTROLLO DI GESTIONE INVESTIMENTI: LEASING E FINANZIAMENTI A CONFRONTO Dott. Aldo Canal e Dott. Gianluca Giacomello Mestre (VE), 30 Ottobre 2015 Agenda Parte 1 Parte 2 SCELTE DI INVESTIMENTO

Dettagli

730, Unico 2013 e Studi di settore

730, Unico 2013 e Studi di settore 730, Unico 2013 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 50 27.05.2015 Spese di manutenzione e riparazione Profili contabili e compilazione modello Unico Categoria: Ires Sottocategoria: Determinazione

Dettagli

ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING

ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING Temi in preparazione alla maturità ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Materie: Economia aziendale (Classe 5 a Istituto Tecnico e Istituto

Dettagli

RADIOLOGIACLINICASRL. Bilancio dell esercizio chiuso al 31/12/2013

RADIOLOGIACLINICASRL. Bilancio dell esercizio chiuso al 31/12/2013 RADIOLOGIACLINICASRL Bilancio dell esercizio chiuso al 31/12/2013 Sede legale VIA LUIGI CADORNA N. 19 PADOVA PD Iscritta al Registro Imprese di PADOVA C.F. e numero iscrizione 01506850286 Iscritta al R.E.A

Dettagli

LUMI INDUSTRIES S.R.L.

LUMI INDUSTRIES S.R.L. LUMI INDUSTRIES S.R.L. Sede in RONCADE (TV) - VIA SILE 41 Codice Fiscale 04684500269 - Rea TV TV - 370113 P.I.: 04684500269 Capitale Sociale Euro 116 i.v. Forma giuridica: SRL Bilancio al 31-12-2014 Gli

Dettagli

Provvedimenti 2008 di avvicinamento IAS

Provvedimenti 2008 di avvicinamento IAS Immobilizzazioni materiali Codice civile e PC nazionali Art. 2426 C.C. Immobilizzazioni Immateriali Materiali Finanziarie Circolante Scorte Crediti Attività finanziarie Liquidità valutazione Costo storico

Dettagli

SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE LA PRIMULA ONLUS. Bilancio al 31/12/2011

SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE LA PRIMULA ONLUS. Bilancio al 31/12/2011 Reg. Imp. 03076710262 Rea 219063 Albo Nazionale Cooperative a Mutualità Prevalente n. A151631 Sede in VIA BASSE 2-31030 CASIER (TV) Capitale sociale variabile Bilancio al 31/12/2011 Stato patrimoniale

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 7/2013. OGGETTO: Spese di manutenzione su beni propri, imputazione in bilancio e deducibilità.

NOTA OPERATIVA N. 7/2013. OGGETTO: Spese di manutenzione su beni propri, imputazione in bilancio e deducibilità. NOTA OPERATIVA N. 7/2013 OGGETTO: Spese di manutenzione su beni propri, imputazione in bilancio e deducibilità. - Introduzione Nella formazione del bilancio di esercizio civilistico, bisogna porre molta

Dettagli

La gestione dei beni strumentali

La gestione dei beni strumentali Albez edutainment production La gestione dei beni strumentali Classe IV ITC 1 In questo modulo: Le modalità di acquisizione dei beni strumentali; Beni strumentali e bilancio; Ammortamento dei beni strumentali

Dettagli

Esempi scritture contabili Costituzione Spa

Esempi scritture contabili Costituzione Spa Esempi scritture contabili Costituzione Spa 1 Esempi scritture contabili Vincolo 25% 2 Esempi scritture contabili Versamento restante parte del capitale sociale 3 Esempi scritture contabili Registrazione

Dettagli

OPERAZIONE DI LOCAZIONE FINANZIARIA Leasing Finanziario

OPERAZIONE DI LOCAZIONE FINANZIARIA Leasing Finanziario OPERAZIONE DI LOCAZIONE FINANZIARIA Leasing Finanziario Le operazione di locazione finanziaria, nonostante la loro ampia diffusione, non hanno mai ricevuto una organica disciplina giuridica, consentendo

Dettagli

ATTIVO: A) Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti, con separata indicazione della parte già richiamata.

ATTIVO: A) Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti, con separata indicazione della parte già richiamata. ATTIVO: A) Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti, con separata indicazione della parte già richiamata. B) Immobilizzazioni, con separata indicazione di quelle concesse in locazione finanziaria:

Dettagli

SCUOLA MATERNA ING. E. VALVERTI FONDAZIONE Sede in VIA MADRE COCCHETTI 6 25043 BRENO (BS) C.F. 81004810172 - P.1. 00723850988

SCUOLA MATERNA ING. E. VALVERTI FONDAZIONE Sede in VIA MADRE COCCHETTI 6 25043 BRENO (BS) C.F. 81004810172 - P.1. 00723850988 SCUOLA MATERNA ING. E. VALVERTI FONDAZIONE Sede in VIA MADRE COCCHETTI 6 25043 BRENO (BS) C.F. 81004810172 - P.1. 00723850988 Nota integrativa al bilancio al 31/12/2012 Premessa Il bilancio dell'esercizio

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A.

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A. TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006 Marcolin S.p.A. Transizione ai Principi Contabili Internazionali (IAS/IFRS) Premessa In ottemperanza al Regolamento Europeo n. 1606 del 19

Dettagli

3. CONTABILITA GENERALE

3. CONTABILITA GENERALE 3. CONTABILITA GENERALE II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 1 Scritture di gestione Si distinguono le seguenti rilevazioni contabili: A. scritture relative agli acquisti; B. regolamento

Dettagli

Esercizio dal 01/01/2011 al 31/12/2011

Esercizio dal 01/01/2011 al 31/12/2011 S.p.A. Sede in BERGAMO, VIA NOVELLI 11 Capitale sociale euro 2.040.000,00 interamente versato Cod.Fiscale Nr.Reg.Imp. 03299640163 Iscritta al Registro delle Imprese di BERGAMO Nr. R.E.A. 366188 Nota Integrativa

Dettagli

REDDITI DI IMPRESA (considerazioni generali ed alcuni casi specifici) -DOTT. FABIO RAPELLI

REDDITI DI IMPRESA (considerazioni generali ed alcuni casi specifici) -DOTT. FABIO RAPELLI REDDITI DI IMPRESA (considerazioni generali ed alcuni casi specifici) -DOTT. FABIO RAPELLI 1 CAMPO DI APPLICAZIONE Esercizio di attività commerciali (art. 2195 c.c.): - attività industriale diretta alla

Dettagli

Immobilizzazioni materiali

Immobilizzazioni materiali Immobilizzazioni materiali Art. 2426 c.c.; documento n. 16 dei principi contabili OIC Principi Contabili Internazionali IAS 16 "Immobilizzazioni tecniche" * IAS 40 "Investimenti in immobili"; DPR 917/86:

Dettagli

Bilancio al 31/12/2014

Bilancio al 31/12/2014 Informazioni generali sull impresa Denominazione: Dati anagrafici Sede: ATM Spa Capitale sociale: 696.800,00 Capitale sociale interamente versato: Codice CCIAA: Via Leonardo da Vinci 13 PIOMBINO LI sì

Dettagli

LA RILEVAZIONE DI RATEI E RISCONTI

LA RILEVAZIONE DI RATEI E RISCONTI Circolare N. 32 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 26 aprile 2011 LA RILEVAZIONE DI RATEI E RISCONTI I ratei costituiscono quote di ricavi o costi di competenza dell esercizio ma la cui manifestazione

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL VIA PALLODOLA 23 19038 - SARZANA (SP) CODICE FISCALE 00148620115 CAPITALE SOCIALE EURO 844.650 BILANCIO DI ESERCIZIO CHIUSO AL 31.12.2013 Nota integrativa La presente

Dettagli

Le operazioni di investimento pluriennale: il processo di ammortamento IMMOBILIZZAZIONI - MATERIALI - IMMATERIALI

Le operazioni di investimento pluriennale: il processo di ammortamento IMMOBILIZZAZIONI - MATERIALI - IMMATERIALI Le operazioni di investimento pluriennale: il processo di ammortamento ATTIVITÀ PASSIVITÀ IMMOBILIZZAZIONI - MATERIALI - IMMATERIALI valutazione F definizione del valore iniziale F determinazione della

Dettagli

Nota integrativa al Bilancio chiuso al 31-12-2014

Nota integrativa al Bilancio chiuso al 31-12-2014 Nota integrativa al Bilancio chiuso al 31-12-2014 Nota Integrativa parte iniziale Ai sensi delle disposizioni del codice civile in tema di bilancio si forniscono le informazioni seguenti ad integrazione

Dettagli

ENERGEKO GAS ITALIA S.R.L. CON SOCIO UNICO. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2012

ENERGEKO GAS ITALIA S.R.L. CON SOCIO UNICO. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2012 Sede in BRINDISI - VIA FILOMENO CONSIGLIO, 4 Capitale Sociale versato Euro 40.000,00 Iscritta alla C.C.I.A.A. di BRINDISI Codice Fiscale e N. iscrizione Registro Imprese 01880680747 Partita IVA: 01880680747

Dettagli

FONDAZIONE SAN SALVATORE. Sede in VIA PIAVE 67-45036 FICAROL0 (RO) Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2014

FONDAZIONE SAN SALVATORE. Sede in VIA PIAVE 67-45036 FICAROL0 (RO) Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2014 Reg. Imp. 01209290293 Rea 136127 FONDAZIONE SAN SALVATORE Sede in VIA PIAVE 67-45036 FICAROL0 (RO) Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2014 Premessa Signori Consiglieri, il presente bilancio,

Dettagli

Rivalutazione beni d impresa

Rivalutazione beni d impresa Legge di stabilità 2014 art. 1, commi 140-146 2 PUÒ ESSERE ANCHE SOLO CIVILISTICA? Ossia il maggior valore può essere iscritto in bilancio senza assolvere l imposta sostitutiva, e quindi senza rilevare

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 3 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

LE NUOVE REGOLE (DAL 2012) PER LA DEDUCIBILITÀ DELLE SPESE DI MANUTENZIONE

LE NUOVE REGOLE (DAL 2012) PER LA DEDUCIBILITÀ DELLE SPESE DI MANUTENZIONE INFORMATIVA N. 094 09 APRILE 2013 IMPOSTE DIRETTE LE NUOVE REGOLE (DAL 2012) PER LA DEDUCIBILITÀ DELLE SPESE DI MANUTENZIONE Art. 102, comma 6, TUIR Art. 3, comma 16-quater, DL n. 16/2012 Dal 2012 ai fini

Dettagli

Studio 25/09/2013. Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini & Partners - Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Studio 25/09/2013. Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini & Partners - Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi MODIFICHE ALLA DEDUCIBILITA DEI COSTI DELLE AUTOVETTURE DAL 01/01/2013 EX LEGGE 92/2012 - LEGGE 228/2012 (STABILITA 2013) : EFFETTI SUGLI ACQUISTI E SULLE VENDITE 1 Deducibilità costi autovetture art.

Dettagli

Formazione Professionale Continua 2011. Padova, 13 aprile 2011

Formazione Professionale Continua 2011. Padova, 13 aprile 2011 Formazione Professionale Continua 2011 Padova, 13 aprile 2011 IL BILANCIO 2010: ASPETTI CIVILISTICI E FISCALI Immobilizzazioni immateriali Immobilizzazioni materiali Beni in locazione finanziaria Relatore:

Dettagli

Nota Integrativa Descrittiva

Nota Integrativa Descrittiva 314 Azienda Sanitaria Locale COMO Codice azienda 303 Regione Lombardia BILANCIO D ESERCIZIO 2014 Nota Integrativa Descrittiva Attività Complessiva 315 Sommario 1. Criteri generali di formazione del bilancio

Dettagli

IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali

IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali 1 1 Le immobilizzazioni materiali Le immobilizzazioni materiali sono disciplinate da due IAS di riferimento

Dettagli

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 ESERCITAZIONE N 2 ARGOMENTI CONSIDERATI: Fase di diritto e fase di fatto delle registrazioni contabili Registrazione dei finanziamenti

Dettagli

Nota integrativa al 31 dicembre 2014

Nota integrativa al 31 dicembre 2014 Nota integrativa al 31 dicembre 2014 Premessa Sig.ri Associati, nell che si è appena concluso la Vostra Associazione ha mantenuto la qualifica di ONLUS ricorrendone tutti i requisiti di legge. Nel corso

Dettagli

L ADEGUAMENTO DEL BILANCIO 2004 AL NUOVO CODICE CIVILE

L ADEGUAMENTO DEL BILANCIO 2004 AL NUOVO CODICE CIVILE L ADEGUAMENTO DEL BILANCIO 2004 AL NUOVO CODICE CIVILE Raffaele Rizzardi Bologna 14 dicembre 2004 FONTI NORMATIVE - RIFORMA DEL CODICE CIVILE - D.Lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (applicazione facoltativa per

Dettagli

ANTICA FIERA DEL SOCO SRL Società con unico socio NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CHIUSO AL 31.10.2012

ANTICA FIERA DEL SOCO SRL Società con unico socio NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CHIUSO AL 31.10.2012 Antica Fiera del Soco Srl - società con unico socio ANTICA FIERA DEL SOCO SRL Società con unico socio Sede in Grisignano di Zocco (VI) Capitale Sociale: Euro 235.400,00= i.v. Codice Fiscale e Numero Iscrizione

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 3 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 11 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

Sito internet: Bilancio al 31/12/2010

Sito internet: Bilancio al 31/12/2010 CONSORZIO ASI LECCE Sede in: ZONA INDUSTRIALE - 73100 - LECCE (LE) Codice fiscale: 00380090753 Partita IVA: 00380090753 Capitale sociale: Euro 1.170.960,53 Capitale versato: Euro 1.170.960,53 Registro

Dettagli

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico per la classe 4 a Istituti tecnici e Istituti professionali 01. Crediti verso soci per versamenti

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 5/2015

NOTA OPERATIVA N. 5/2015 NOTA OPERATIVA N. 5/2015 OGGETTO: Le immobilizzazioni materiali: definizione, classificazione e scritture contabili alla luce dei nuovi principi contabili. - Introduzione Le immobilizzazioni materiali

Dettagli

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico Biblioteca di Economia aziendale PIANO DEI CONTI DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI Documento Piano dei conti BILANCIO DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI STATO

Dettagli

DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI. 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare

DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI. 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI ALTRI INTERESSI SU IMMOBILI PATRIMONIO SU VEICOLI A MOTORE SOGGETTI IRPEF SOGGETTI IRES BANCHE ASSICURAZIONI

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Sessione ordinaria 2012 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M730 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO

Dettagli

Ricevimento della fattura di acquisto dell impianto: FORNITORI A + DEBITI VF - IMPIANTI D COSTO PLURIENNALE VE - IVA NS CREDITO D + CREDITI VF +

Ricevimento della fattura di acquisto dell impianto: FORNITORI A + DEBITI VF - IMPIANTI D COSTO PLURIENNALE VE - IVA NS CREDITO D + CREDITI VF + ESERCIZIO IMMOBILIZZAZIONI 09/11/200N - Ricevuta fattura di acquisto di un IMPIANTO al prezzo di Euro 60.000 + IVA 20%. 14/11/200N - Ricevuta fattura relativa al trasporto e al montaggio dell impianto

Dettagli

A) VALORE DELLA PRODUZIONE

A) VALORE DELLA PRODUZIONE CONTO ECONOMICO A) VALORE DELLA PRODUZIONE: 1) Ricavi delle vendite e delle prestazioni merci conto vendite - resi su vendite - ribassi e abbuoni passivi 2) Variazioni delle rimanenze di prodotti in corso

Dettagli

CONSORZIO TURISTICO AREA PISANA società consortile a responsabilità limitata

CONSORZIO TURISTICO AREA PISANA società consortile a responsabilità limitata società consortile a responsabilità limitata Sede Via Pietrasantina c/o Bus Terminal - 56100 PISA (PI) Codice Fiscale, partita IVA e iscrizione Registro Imprese di Pisa n. 0170429 050 9 Repertorio Economico

Dettagli

VERSILIA AMBIENTE SRL

VERSILIA AMBIENTE SRL VERSILIA AMBIENTE SRL Sede in VIAREGGIO - VIETTA DEI COMPARINI, 186 Codice Fiscale 02286460460 - Numero Rea LUCCA LU-212120 P.I.: 02286460460 Capitale Sociale Euro 10.000 Forma giuridica: SRL Società in

Dettagli

Ragioneria Generale e Applicata a.a. 2010-2011. Esercitazione: La valutazione delle immobilizzazioni materiali

Ragioneria Generale e Applicata a.a. 2010-2011. Esercitazione: La valutazione delle immobilizzazioni materiali a.a. 2010-2011 Esercitazione: La valutazione delle immobilizzazioni materiali 1 IL COSTO DI ACQUISTO E DI PRODUZIONE DELLE IMMOBILIZZAZIONI Art. 2426, comma 1: Le immobilizzazioni sono iscritte al costo

Dettagli

SOCIOSANITARIA SONNINESE S.R.L. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2009

SOCIOSANITARIA SONNINESE S.R.L. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2009 SOCIOSANITARIA SONNINESE S.R.L. Reg. Imp. 02329330597 Rea 162878 Sede in PIAZZA GARIBALDI SNC - 04010 SONNINO (LT) Capitale sociale Euro 10.000,00 i.v. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2009

Dettagli

CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE

CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE SOMMARIO TRATTAMENTO FISCALE E CONTA- BILE Art. 88 D.P.R. 22.12.1986, n. 917 - Principio contabile n. 16 - R.M. 29.03.2002, n. 100/E Costituiscono sopravvenienze attive i proventi

Dettagli

S.R.R. TRAPANI PROV NORD SOC. CONS. P.AZ

S.R.R. TRAPANI PROV NORD SOC. CONS. P.AZ S.R.R. TRAPANI PROV NORD SOC. CONS. P.AZ Sede in C/DA RIGALETTA MILO-VIALE CROCCI 2 ERICE (TP) Codice Fiscale 02484440819 - Numero Rea TP 174377 P.I.: 02484440819 Capitale Sociale Euro 120000.00 Settore

Dettagli

FIARC. FIARC FEDERAZIONE ITALIANA ARCIERI DI CAMPAGNA 20142 MILANO (MI) Codice Fiscale 08888610154. Bilancio al 31/12/2012

FIARC. FIARC FEDERAZIONE ITALIANA ARCIERI DI CAMPAGNA 20142 MILANO (MI) Codice Fiscale 08888610154. Bilancio al 31/12/2012 FIARC FIARC FEDERAZIONE ITALIANA ARCIERI DI CAMPAGNA 20142 MILANO (MI) Codice Fiscale 08888610154 Bilancio al 31/12/2012 Stato patrimoniale attivo 31/12/2012 31/12/2011 A) Crediti verso soci per versamenti

Dettagli

Area Contabile. Esempio

Area Contabile. Esempio I recenti provvedimenti del Governo, a partire dal D.L. n.223/06 convertito nella L. n. 248/06 (Manovra Visco-Bersani) fino ad arrivare al D.L. n.262/06 in corso di conversione in legge (collegato alla

Dettagli

CONSORZIO CALEF. Nota Integrativa al Bilancio chiuso il 31/12/2012

CONSORZIO CALEF. Nota Integrativa al Bilancio chiuso il 31/12/2012 Reg. Imp. 00672990777 Rea 64392 Premessa CONSORZIO CALEF Sede in CENTRO RICERCHE ENEA - S.S. 106 KM. 419+500-75026 ROTONDELLA (MT) Capitale sociale Euro 90.130,66 I.V. Nota Integrativa al Bilancio chiuso

Dettagli

AMBIENTE SURL. Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro

AMBIENTE SURL. Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro AMBIENTE SURL Sede in SORA Codice Fiscale 02013850603 - Numero Rea FROSINONE 124380 P.I.: 02013850603 Capitale Sociale Euro 80.000 i.v. Forma giuridica: SOCIETA' A RESPONSABILITA' LIMITATA CON UNICO SOCIO

Dettagli