Promemoria: trattamento fiscale delle spese di perfezionamento

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Promemoria: trattamento fiscale delle spese di perfezionamento"

Transcript

1 Promemoria: trattamento fiscale delle spese di perfezionamento Osservazione preliminare Questo promemoria si prefigge di agevolare agli studenti degli esami modulari, quelli professionali federali e quelli federali professionali superiori dell ASFC la compilazione della dichiarazione d imposta per quel che concerne la possibile deduzione delle spese di perfezionamento. Lo stesso si rivolge anzitutto agli studenti domiciliati o assoggettati fiscalmente in Svizzera. Il Capitolo 7 fornisce alcune indicazioni riguardo alle modalità di un accordo in materia di formazione con il datore di lavoro, prendendo in considerazione le norme inerenti il nuovo certificato di salario. Indice 1 Introduzione 1 2 Base legale 1 3 Tipi di spese 2 4 Comportamento delle autorità fiscali 3 5 Corretto modo di procedere del contribuente Esporre che si tratta di spese di perfezionamento: Elencare e documentare dettagliatamente le spese del perfezionamento: 3 6 Contribuenti imposti alla fonte In generale Modo di procedere 5 7 Nuovo certificato di salario 5 1 Introduzione Il perfezionamento riveste un importanza decisiva in questa nostra società del sapere globalizzato. Ciò vale, da un lato, per le persone che si perfezionano, ma, dall altro, anche per l economia svizzera nel suo complesso. Il trattamento fiscale di queste spese delle quali si fanno carico gli studenti è soprattutto nei tempi più recenti oggetto di frequenti controversie. 2 Base legale La legislazione svizzera in materia di imposte sul reddito poggia sul sistema dell imposizione del reddito netto complessivo. Dai proventi imponibili possono essere dedotte, secondo l art. 9 cpv. 1 LAID e l art. 26 cpv. 1 lett. d LIFD nonché ai sensi delle corrispondenti disposizioni delle leggi tributarie cantonali, le spese di perfezionamento e riqualificazione necessarie che sono connesse alla professione. Il concetto di necessità è stato interpretato in maniera estensiva dal Tribunale federale: in linea di principio, sono deducibili tutte le spese del perfezionamento che sono oggettivamente connesse alla professione attualmente esercitata e che il contribuente ritiene appropriate per il mantenimento delle sue opportunità professionali, anche se l esborso non è assolutamente indispensabile per evitare la

2 perdita della posizione professionale attuale. Secondo la giurisprudenza del Tribunale federale vi si annoverano quelle spese che sono utili per il conseguimento del reddito e che secondo l opinione corrente rientrano nella norma. Non si esige che senza aver sostenuto l esborso in esame non si avrebbe potuto conseguire il corrispondente reddito. È sufficiente che le spese, secondo un apprezzamento di natura economica, possano essere considerate utili al conseguimento del reddito e che la rinuncia a sostenere le medesime non sarebbe stato ragionevole per il contribuente. Contrariamente al principio della tassazione dei coniugi, il quale sottolinea l unità economica quale comunione di guadagno e di consumo dei coniugi, le autorità fiscali ammettono la deduzione delle spese di perfezionamento unicamente in caso di conseguimento di un reddito da parte del singolo contribuente interessato (trattamento su base individuale). 3 Tipi di spese In considerazione del fatto che solo le spese di perfezionamento e riqualificazione possono essere dedotte dai proventi imponibili, non però le spese di formazione, le varie tipologie di spese sono esposte di seguito. Spese di perfezionamento Sono direttamente e strettamente connesse all esercizio della professione attuale. Si tratta di spese che servono a mantenere o garantire la posizione lavorativa raggiunta oppure, in altre parole, di esborsi che sono effettuati per mantenersi aggiornati nella professione originaria oppure per rispondere all accrescimento dei requisiti o ai nuovi requisiti posti dalla medesima. Le spese di reinserimento e avanzamento professionale in senso stretto costituiscono una sottocategoria delle spese di perfezionamento. Spese di avanzamento professionale in senso stretto Si tratta di spese di formazione deducibili nella misura in cui sono sostenute per l avanzamento nella medesima professione, ossia nella professione originaria. Spese di reinserimento Sono spese di reinserimento deducibili quelle spese che, dopo un assenza di durata prolungata dalla professione originariamente appresa ed esercitata, devono essere sostenute per consentire il reinserimento nella vita professionale. Spese di riqualificazione Le spese di riqualificazione sono deducibili se circostanze esterne, come ad esempio la chiusura di un azienda, la scomparsa di una professione, una malattia, un infortunio e simili, hanno determinato il cambiamento della professione. Se tale fattispecie non ricorre, si tratta allora di spese di formazione. Spese di formazione Per contro, gli esborsi sostenuti per acquisire le capacità e conoscenze necessarie nell apprendimento di una professione non sono deducibili poiché si tratta di spese di formazione (art. 34 lett. b LIFD). Vi si annoverano anche le spese per la trasmissione di cultura generale o per la preparazione a un altra professione. Spese di avanzamento professionale in senso lato Sono considerate spese di formazione anche gli esborsi sostenuti per accedere a una posizione professionale superiore che si differenzia in modo inequivocabile rispetto a quella della professione precedente. Di quale genere di spesa si tratta deve essere valutato oggettivamente, nell ottica del contribuente interessato, segnatamente mediante un apprezzamento delle singole materie, risp. delle conoscenze Pagina 2 di 8

3 specialistiche trasmesse, prendendo in considerazione il ciclo di studio nel suo insieme in relazione all attività esercitata dal contribuente nel periodo di computo. 4 Comportamento delle autorità fiscali Le deduzioni delle spese di perfezionamento sono sovente rifiutate senza motivazione alle autorità fiscali, con il semplice rinvio a un altro identico caso, e le medesime sono considerate spese di formazione. Il contribuente riceve da parte delle autorità fiscali uno scritto da firmare in cui egli dichiara di concordare sul fatto che si tratta di spese di formazione. Con la sottoscrizione da parte del contribuente, per le autorità fiscali il caso è risolto. Questo modo di procedere semplifica certamente il lavoro delle autorità fiscali, ma non tiene sufficientemente conto della fattispecie concreta afferenti ai singoli contribuenti. 5 Corretto modo di procedere del contribuente 5.1 Esporre che si tratta di spese di perfezionamento: - l avvenuta conclusione di una prima formazione professionale e della formazione o del perfezionamento ultimati nel frattempo devono essere esposti dettagliatamente (attestati, lavori); - la necessità del perfezionamento deve eventualmente essere esposta mediante uno scritto del datore di lavoro attestante che egli richiede o sostiene tale perfezionamento; - il percorso professionale e la posizione professionale attuale devono essere esposti dettagliatamente (certificati di lavoro, contratti di lavoro, descrizione dei posti); - la stretta e diretta connessione fra il perfezionamento e la professione attualmente esercitata deve essere illustrata dettagliatamente (convergenza fra materie di studio e attività professionale); - è necessario esporre che non si tratta né di una formazione generica, né di una nuova formazione, ma di un approfondimento o di una specializzazione nell ambito di una formazione già conclusa (illustrare nel dettaglio sulla base della formazione già conclusa, risp. del perfezionamento e delle materie oggetto di tale perfezionamento); - si deve esporre che il contribuente, dopo aver ultimato il perfezionamento, manterrà in linea di massima la medesima posizione professionale e che, di conseguenza, non si tratta di spese di avanzamento professionale in senso lato. 5.2 Elencare e documentare dettagliatamente le spese del perfezionamento: 1. Alla compilazione della dichiarazione d imposta, le deduzioni per le spese di perfezionamento devono essere esposte e documentate dettagliatamente, allegando le ricevute di pagamento. Nella misura in cui si tratta di spese di perfezionamento, sarà in particolare possibile far valere le deduzioni seguenti: - spese per corsi (conferma del datore di lavoro attestante che il perfezionamento è necessario, risp. richiesto, ma che egli non partecipa tuttavia, direttamente e indirettamente, all assunzione del costi; risp. la misura in cui egli vi partecipa); - tasse d esame; Pagina 3 di 8

4 - libri, riviste specializzate, giornali, ecc.; - materiale d ufficio, classificatori, ecc.; - PC/laptop, se necessario per il perfezionamento e il datore di lavoro, ad es. poiché lo stesso contiene dati sensibili, non mette a disposizione il laptop aziendale per il perfezionamento. (Lavori di seminario, lavoro di diploma, riassunti, Internet, Intranet dell Università di San Gallo) ~ ½-¼ per anno (ev. è riconosciuta solo una deduzione di ½, poiché ½ è considerato uso privato); - Stampante ~ ½-¼ (ev. è riconosciuta solo una deduzione di ½, poiché ½ è considerato uso privato); - cartucce per la stampante, carta; - spese per fotocopie; - ½ dei costi fissi per il collegamento telefonico, per le discussioni dei gruppi di studio, lavori di seminario, ecc.; - ~ CHF /mese: spese telefoniche variabili; - ½ spese collegamento Internet; - Spese per una camera di studio privato necessario in considerazione del numero contenuto di ore di lezione in classe e della quota elevata delle ore di studio personale contestuale all esercizio della professione (da attestare mediante il materiale del corso). Tale camera è corrispondentemente allestita ed è utilizzata esclusivamente per lo studio (allegare contratto di locazione e conferma del datore di lavoro). Regola generale: (canone di locazione + elettricità + riscaldamento): (numero di locali più 1 locale); - ev. acquisizioni per il locale di studio, scrivania, libreria, lampada, ecc. ~½-¼ per anno; - tutte le spese sostenute per recarsi al luogo in cui sono impartite le lezioni in classe spese di trasferta); - eventuali spese di pernottamento con vitto; - tutti i pranzi ed ev. le cene (CHF /pasto) nei giorni in cui si tengono le lezioni in classe, nella misura in cui il vitto non sia incluso nelle tasse del corso. 2. Le comunicazioni delle autorità fiscali indicanti, con il semplice rinvio a un altro identico caso, che le spese in esame sono considerate spese di formazione, non devono essere firmate. 3. Occorre eventualmente valutare l eventualità di presentare un reclamo. Ciò comporta una nuova valutazione dell intera fattispecie. L autorità di reclamo non è vincolata alle richieste del contribuente. 6 Contribuenti imposti alla fonte 6.1 In generale Anche i contribuenti imposti alla fonte hanno la facoltà, in applicazione del principio di uguaglianza giuridica (art. 8 Cost.), di far valere deduzioni straordinarie quali le spese di malattia e infortunio, i contributi al secondo o al terzo pilastro, le spese di perfezionamento, ecc. Le legislazioni cantonali in Pagina 4 di 8

5 materia di imposta alla fonte prevedono pertanto la possibilità di concedere a posteriori delle deduzioni non contemplate dalle tariffe. Alcuni Cantoni mettono a disposizione formulari appositi. 6.2 Modo di procedere Il contribuente imposto alla fonte che intende, fra l altro, far valere la deduzione per le spese di perfezionamento, deve presentare una domanda di correzione della tariffa al reparto imposte alle fonte dell ufficio cantonale delle contribuzioni con la motivazione suesposta che si tratta di spese di perfezionamento, adducendo le relative prove. È importante che tale richiesta sia inoltrata entro il 31 marzo dell anno successivo all insorgere delle spese poiché si tratta di un termine previsto dalla legge che non può essere prorogato. 7 Nuovo certificato di salario Con il nuovo certificato di salario è stato introdotto un formulario unico valido per tutta la Svizzera. Dall anno civile 2008, in tutti i Cantoni, è ritenuto valido solo il nuovo certificato di salario. Secondo le Istruzioni rivedute del 20 gennaio 2010 (Istruzioni) per la compilazione del nuovo certificato di salario della Conferenza fiscale svizzera (CFS), tutti le indennità effettuate dal datore di lavoro a favore del dipendente per i suoi corsi di formazione e perfezionamento (trasferte e vitto esclusi) devono, in linea di massima essere dichiarati nel certificato di salario rilasciato al dipendente (cifra 13.3 nuovo certificato di salario). Si intende così assicurare che il dipendente deduca dal suo reddito imponibile unicamente le sue spese nette di perfezionamento. Tuttavia se, sulla base di un accordo particolare stipulato con un istituto di formazione, il datore di lavoro versa un importo per eventuali corsi di perfezionamento frequentati dai suoi dipendenti, l importo che ricade a carico dei singoli dipendenti dovrà essere dichiarato unicamente se il medesimo raggiunge o supera CHF all anno. Se il datore di lavoro partecipa alle spese di perfezionamento, si consiglia pertanto di allestire il corrispettivo contratto fra il datore di lavoro e il dipendente in modo tale che il contributo del datore di lavoro sia inferiore a CHF 12'000 per anno civile. In tale eventualità, il datore di lavoro non dovrà dichiarare tale importo nel nuovo certificato di salario. Non devono essere esposti le indennità per i perfezionamenti tipicamente accessori alla professione (ad es. corsi per l utilizzo del computer e corsi di lingue) nonché le spese per seminari della durata di più giorni. Il redattore del presente promemoria è un associato di Bertsch Minder Partner Rechtsanwälte, Zurigo. Avvocato Stefan Minder lic. oec. HSG et lic. iur. HSG Zeltweg Zurigo Stato: 1 maggio 2013 Pagina 5 di 8

1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi

1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi 2.09 Stato al 1 gennaio 2010 Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere In generale 1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

2.09 Stato al 1 gennaio 2013

2.09 Stato al 1 gennaio 2013 2.09 Stato al 1 gennaio 2013 Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere In generale 1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Doppia imposizione intercantonale (art. 127 cpv. 3 Cost.) Proposta di una nuova regolamentazione a livello di legge

Doppia imposizione intercantonale (art. 127 cpv. 3 Cost.) Proposta di una nuova regolamentazione a livello di legge Doppia imposizione intercantonale (art. 127 cpv. 3 Cost.) Proposta di una nuova regolamentazione a livello di legge con considerevoli semplificazioni amministrative l articolo 127 capoverso 3 della Costituzione

Dettagli

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità 6.01 Stato al 1 gennaio 2009 perdita di guadagno Persone aventi diritto alle indennità 1 Hanno diritto alle indennità di perdita di guadagno (IPG) le persone domiciliate in Svizzera o all estero che: prestano

Dettagli

Foglio informativo: l assicurazione contro la disoccupazione

Foglio informativo: l assicurazione contro la disoccupazione Dipartimento federale dell economia, della formazione e della ricerca DEFR Segreteria di Stato dell economia SECO Mercato del lavoro / Assicurazione contro la disoccupazione Foglio informativo: l assicurazione

Dettagli

FAQ per i datori di lavoro

FAQ per i datori di lavoro FAQ per i datori di lavoro - Perché io, imprenditore, dovrei aspettarmi aiuto da un istituzione come l ufficio AI? L ufficio AI si impegna a mantenere o reinserire nel mondo del lavoro le persone diversamente

Dettagli

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte?

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte? Kanton Zürich Finanzdirektion Scheda informativa per i dipendenti assoggettati all imposta alla fonte nel Cantone di Zurigo Valida dal 1 gennaio 2015 Kantonales Steueramt Dienstabteilung Quellensteuer

Dettagli

UN ESEMPIO DA VALUTARE: LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI E DEI BENI DELLA SVIZZERA

UN ESEMPIO DA VALUTARE: LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI E DEI BENI DELLA SVIZZERA UN ESEMPIO DA VALUTARE: LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI E DEI BENI DELLA SVIZZERA Nel n. 118, 1977 di questa rivista, avevamo riprodotto il modulo utilizzato nel Canton Ticino per la dichiarazione non solo

Dettagli

La disciplina fiscale dei lavoratori dipendenti stranieri in Svizzera

La disciplina fiscale dei lavoratori dipendenti stranieri in Svizzera 1 La disciplina fiscale dei lavoratori dipendenti stranieri in Svizzera Convegno Università di Novedrate 9 ottobre 2013 Sabina Rigozzi, Collaboratrice scientifica SUPSI 2 Sommario 1 Una panoramica dei

Dettagli

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 5.2.4 DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI Bellinzona, gennaio 2009 CIRCOLARE N. 4/2008 Abroga la circolare n. 4/2007 del gennaio 2008 DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 2. Scuole

Dettagli

Tabella per il calcolo del minimo di esistenza agli effetti del diritto esecutivo

Tabella per il calcolo del minimo di esistenza agli effetti del diritto esecutivo Tabella per il calcolo del minimo di esistenza agli effetti del diritto esecutivo (art. 93 LEF), estratto dal Foglio ufficiale 68/2009 La Camera di esecuzione e fallimenti del Tribunale d'appello, quale

Dettagli

Armonizzazione e coordinamento delle prestazioni sociali (Laps) 1. Scopo

Armonizzazione e coordinamento delle prestazioni sociali (Laps) 1. Scopo Armonizzazione e coordinamento delle prestazioni sociali (Laps) 1. Scopo La legge ha lo scopo di armonizzare e coordinare i principi e le disposizioni che disciplinano la concessione delle prestazioni

Dettagli

FAQ. P:\100 TempTraining\Marketing_Kommunikation\Website\FAQ_i.docx 1/6

FAQ. P:\100 TempTraining\Marketing_Kommunikation\Website\FAQ_i.docx 1/6 FAQ Domande generali... 2 Qual è lo scopo di temptraining?... 2 Chi sono i partner sociali del contratto collettivo di lavoro (CCL) Personale a prestito?... 2 Chi beneficia di temptraining?... 2 Cercate

Dettagli

Noi sosteniamo il valore delle nostre professioni. Convenzione per gli apprendisti del settore alberghiero e della ristorazione

Noi sosteniamo il valore delle nostre professioni. Convenzione per gli apprendisti del settore alberghiero e della ristorazione Noi sosteniamo il valore delle nostre professioni. Convenzione per gli apprendisti del settore alberghiero e della ristorazione Convenzione del 15 ottobre 1992 Stato al 1 maggio 2013 2 I Contraenti e campo

Dettagli

Donatella Ferrari. Scuola Universitaria della Svizzera Italiana (SUPSI), Lugano

Donatella Ferrari. Scuola Universitaria della Svizzera Italiana (SUPSI), Lugano Donatella Ferrari Scuola Universitaria della Svizzera Italiana (SUPSI), Lugano 1 Art. 3 Federalismo Cost. Fed. I Cantoni sono sovrani per quanto la loro sovranità non sia limitata dalla Costituzione federale

Dettagli

Ordinanza sugli obblighi di attestazione per le partecipazioni di collaboratore

Ordinanza sugli obblighi di attestazione per le partecipazioni di collaboratore Ordinanza sugli obblighi di attestazione per le partecipazioni di collaboratore (Ordinanza sulle partecipazioni di collaboratore, OParC) del 27 giugno 2012 Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli

Dettagli

TRATTAMENTO FISCALE DI MISSIONI E RIMBORSI SPESE

TRATTAMENTO FISCALE DI MISSIONI E RIMBORSI SPESE TRATTAMENTO FISCALE DI MISSIONI E RIMBORSI SPESE Si riporta di seguito una sintesi delle principali disposizioni normative riguardanti il trattamento di missione e i rimborsi spese. Per maggiori dettagli

Dettagli

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare Stampa Aspetti fiscali sulla previdenza complementare admin in LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: ASPETTI FISCALI Come è noto, la riforma, attuata con il Decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, in vigore

Dettagli

Promozione della proprietà d abitazioni

Promozione della proprietà d abitazioni Promozione della proprietà d abitazioni Chi vuole realizzare il sogno di una casa propria, può utilizzare per il relativo finanziamento anche i fondi risparmiati con la previdenza professionale. Di seguito

Dettagli

ESPOSIZIONE DEL QUESITO

ESPOSIZIONE DEL QUESITO RISOLUZIONE N. 378/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 10 ottobre 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Qualificazione fiscale dei compensi erogati

Dettagli

Portrait. Contributi e prestazioni. Piani assicurativi e le loro possibilità di combinazione Disposizioni comuni

Portrait. Contributi e prestazioni. Piani assicurativi e le loro possibilità di combinazione Disposizioni comuni Portrait Contributi e prestazioni Piani assicurativi e le loro possibilità di combinazione Disposizioni comuni Sono determinanti le disposizioni del Regolamento Berna, febbraio 2008 I nostri Piani delle

Dettagli

RISOLUZIONE N. 101/E

RISOLUZIONE N. 101/E RISOLUZIONE N. 101/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 novembre 2014 OGGETTO: Consulenza giuridica ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 SOSTITUTO D IMPOSTA - CESSIONE QUOTE FONDI MOBILIARI

Dettagli

del 30 novembre 1998 (Stato 21 dicembre 2004)

del 30 novembre 1998 (Stato 21 dicembre 2004) Ordinanza sulla maturità professionale 412.103.1 del 30 novembre 1998 (Stato 21 dicembre 2004) L Ufficio federale della formazione professionale e della tecnologia (Ufficio federale), visto l articolo

Dettagli

6.01 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità di perdita di guadagno

6.01 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità di perdita di guadagno 6.01 Prestazioni dell'ipg ( e maternità) perdita di guadagno Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le persone che prestano nell esercito svizzero, nel di protezione civile, nel civile, nel della Croce Rossa

Dettagli

Contributi degli indipendenti all AVS, all AI e alle IPG

Contributi degli indipendenti all AVS, all AI e alle IPG 2.02 Contributi Contributi degli indipendenti all AVS, all AI e alle IPG Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve L assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti (AVS), l assicurazione invalidità (AI) e

Dettagli

Imposta federale diretta Periodo fiscale 2001/2002

Imposta federale diretta Periodo fiscale 2001/2002 Divisione principale imposta federale diretta, imposta preventiva, tasse di bollo Eidgenössische Steuerverwaltung ESTV Administration fédérale des contributions AFC Amministrazione federale delle contribuzioni

Dettagli

n 5 maggio 2014 Regime Enti non commerciali

n 5 maggio 2014 Regime Enti non commerciali 1. Agevolazioni per l imposta sul reddito: IMPOSTE DIRETTE 2. Agevolazioni per l imposta sul reddito: IRAP 3. Detrazione IRPEF per la pratica sportiva dilettantistica 4. Cinque per Mille 5. Adempimenti

Dettagli

Sage 200 Personale Documentazione nuova imposta alla fonte 2014 10.10.2013

Sage 200 Personale Documentazione nuova imposta alla fonte 2014 10.10.2013 Sage 200 Personale Documentazione nuova imposta alla fonte 2014 10.10.2013 Sommario Sommario 2 1.0 Introduzione 3 2.0 Panoramica delle nuove tariffe 4 3.0 Conversione alle nuove tariffe 7 3.1 Requisiti

Dettagli

Riduzione individuale di premio (sussidio) nell'assicurazione sociale malattie per l anno 2012

Riduzione individuale di premio (sussidio) nell'assicurazione sociale malattie per l anno 2012 Riduzione individuale di premio (sussidio) nell'assicurazione sociale malattie per l anno 2012 1. Informazioni di carattere generale A partire dall anno 2012 nel nostro Cantone entrerà in vigore un nuovo

Dettagli

PROF. BERTELLI STEFANO MATERIA : SCIENZA DELLE FINANZE

PROF. BERTELLI STEFANO MATERIA : SCIENZA DELLE FINANZE Istituto Tecnico Statale Commerciale e per Geometri "E. Fermi" Pontedera - (PI) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-Mail: mail@itcgfermi.it PIANO di LAVORO PROF.

Dettagli

Spiegazioni per la compilazione del modulo di richiesta (concessione di contributi federali per progetti secondo gli articoli 54/55 LFPr)

Spiegazioni per la compilazione del modulo di richiesta (concessione di contributi federali per progetti secondo gli articoli 54/55 LFPr) Dipartimento federale dell economia, della formazione e della ricerca DEFR Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l'innovazione SEFRI Spiegazioni per la compilazione del modulo di richiesta

Dettagli

Imposizione parziale dei proventi da partecipazioni della sostanza privata e limitazione della deduzione degli interessi passivi

Imposizione parziale dei proventi da partecipazioni della sostanza privata e limitazione della deduzione degli interessi passivi Dipartimento federale delle finanze DFF Amministrazione federale delle contribuzioni AFC Divisione principale imposta federale diretta, imposta preventiva, tasse di bollo Imposta federale diretta Berna,

Dettagli

Guida all assicurazione sociale per i dipendenti. Edizione 2015

Guida all assicurazione sociale per i dipendenti. Edizione 2015 Guida all assicurazione sociale per i dipendenti Edizione 2015 Indice Introduzione...3 Cambiamento di impiego...4 Disoccupazione...6 Congedo non pagato, perfezionamento professionale, soggiorni linguistici,

Dettagli

Convenzione per gli apprendisti del settore alberghiero e della ristorazione

Convenzione per gli apprendisti del settore alberghiero e della ristorazione Convenzione per gli apprendisti del settore alberghiero e della ristorazione Convenzione del 15 ottobre 1992 Stato al 1 maggio 2013 I Contraenti e campo di applicazione Art. 1 Contraenti e campo di applicazione

Dettagli

Risoluzione n. 30/E. Roma, 16 febbraio 2006

Risoluzione n. 30/E. Roma, 16 febbraio 2006 Risoluzione n. 30/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 febbraio 2006 OGGETTO: Istanza di Interpello. Avv. ALFA. Trattamento fiscale applicabile alle spese sostenute da un professionista

Dettagli

Assicurazione di capitali con premio unico

Assicurazione di capitali con premio unico Prassi Amministrazione delle imposte dei Grigioni LIG 29 lett. b LIFD 20 I lett. a Cfr. in merito a questo tema anche la circolare no. 24 sulle assicurazioni di capitali con premio unico (periodo fiscale

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale applicabile al contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

Ordinanza sulla diffusione della formazione svizzera all estero

Ordinanza sulla diffusione della formazione svizzera all estero Ordinanza sulla diffusione della formazione svizzera all estero (Ordinanza sulle scuole svizzere all estero, OSSE) 418.01 del 28 novembre 2014 (Stato 1 gennaio 2015) Il Consiglio federale svizzero, visti

Dettagli

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI.

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. REGIMI CONTABILI ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. 1 REGIME ORDINARIO 2 REGIME SEMPLIFICATO

Dettagli

2.08 Stato al 1 gennaio 2011

2.08 Stato al 1 gennaio 2011 2.08 Stato al 1 gennaio 2011 Contributi all assicurazione contro la disoccupazione L assicurazione contro la disoccupazione è obbligatoria 1 Come l assicurazione per la vecchiaia e i superstiti (AVS),

Dettagli

RISOLUZIONE N. 471/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 471/E QUESITO RISOLUZIONE N. 471/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 dicembre 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Persone fisiche - Disciplina dell acquisto

Dettagli

COMMENTO. sull Accordo intercantonale sui contributi per i cicli di formazione delle scuole specializzate superiori (ASSS) del 22 marzo 2012

COMMENTO. sull Accordo intercantonale sui contributi per i cicli di formazione delle scuole specializzate superiori (ASSS) del 22 marzo 2012 COMMENTO sull Accordo intercantonale sui contributi per i cicli di formazione delle scuole specializzate superiori (ASSS) del 22 marzo 2012 Versione modificata del 7 maggio 2012 Introduzione L Accordo

Dettagli

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata Roma, 06 giugno 2005 Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 30/E Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a

Dettagli

OGGETTO:Istanza di Interpello - Art. 7, comma 2, d. lgs. vo n. 387 del 29 dicembre 2003.

OGGETTO:Istanza di Interpello - Art. 7, comma 2, d. lgs. vo n. 387 del 29 dicembre 2003. RISOLUZIONE N. 22/E Roma, 28 gennaio 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO:Istanza di Interpello - Art. 7, comma 2, d. lgs. vo n. 387 del 29 dicembre 2003. Con istanza d interpello, concernente

Dettagli

Regolamento del Tribunale penale federale sulle spese, gli emolumenti, le ripetibili e le indennità della procedura penale federale

Regolamento del Tribunale penale federale sulle spese, gli emolumenti, le ripetibili e le indennità della procedura penale federale Regolamento del Tribunale penale federale sulle spese, gli emolumenti, le ripetibili e le indennità della procedura penale federale (RSPPF) del 31 agosto 2010 Il Tribunale penale federale, visti gli articoli

Dettagli

2.06 Stato al 1 o gennaio 2011

2.06 Stato al 1 o gennaio 2011 2.06 Stato al 1 o gennaio 2011 Lavoro domestico Quali attività sono considerate lavori domestici? 1 Si intendono, ad esempio, le attività delle seguenti persone: addetta/addetto alle pulizie, bambinaia

Dettagli

ÖKK ASSICURAZIONE CONTRO LA PER- DITA DI GUADAGNO (LCA)

ÖKK ASSICURAZIONE CONTRO LA PER- DITA DI GUADAGNO (LCA) ÖKK ASSICURAZIONE CONTRO LA PER- DITA DI GUADAGNO (LCA) Direttiva concernente il salario soggetto a premi In vigore dal 1.1.2008 1. Obbligo di pagare premi e contributi I contributi ed i premi di principio

Dettagli

Ingresso e soggiorno in Europa

Ingresso e soggiorno in Europa Ingresso e soggiorno in Europa CH-4501 Soletta Dornacherstrasse 28A Casella postale 246 Telefono 032 346 18 18 Telefax 032 346 18 02 info@ch-go.ch www.ch-go.ch Indice Introduzione... 3 1. Entrata in Europa...

Dettagli

OGGETTO: Interpello 954-541/2006 Art. 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Università Telematica Pegaso

OGGETTO: Interpello 954-541/2006 Art. 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Università Telematica Pegaso RISOLUZIONE N. 6/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 24 gennaio 2007 OGGETTO: Interpello 954-541/2006 Art. 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Università Telematica Pegaso Con l interpello

Dettagli

di Massimo Gabelli, Roberta De Pirro

di Massimo Gabelli, Roberta De Pirro 4 Marzo 2009, ore 16:54 Imposte dirette Trattamento fiscale delle spese alberghiere e di ristorazione Con la Circolare n. 6/E del 3 marzo 2009, l Agenzia delle Entrate ha fornito ulteriori precisazioni

Dettagli

2 REDDITO LORDO ANNUALE DETERMINANTE

2 REDDITO LORDO ANNUALE DETERMINANTE REGOLAMENTO COMUNALE CHE DISCIPLINA LE MODALITA DI REGRESSO DEL CONTRIBUTO COMUNALE VERSATO ALLE CASE ANZIANI NON SUSSIDIATE NEI CONFRONTI DEL CITTADINO OSPITE 1 PRINCIPI GENERALI Il presente Regolamento

Dettagli

Modello di regolamento spese

Modello di regolamento spese Modello di regolamento spese Circolare del 28 agosto 2006 / 11 dicembre 2007 Le autorità fiscali cantonali riconoscono reciprocamente i regolamenti spese approvati dall autorità fiscale del Cantone di

Dettagli

Ordinanza dell Assemblea federale concernente la legge sulle indennità parlamentari 1

Ordinanza dell Assemblea federale concernente la legge sulle indennità parlamentari 1 Ordinanza dell Assemblea federale concernente la legge sulle indennità parlamentari 1 171.211 del 18 marzo 1988 (Stato 1 gennaio 2010) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo

Dettagli

Indicazioni per l attività di infermiere/i indipendenti secondo la LAMal 1

Indicazioni per l attività di infermiere/i indipendenti secondo la LAMal 1 07-2011 Cure infermieristiche indipendenti Indicazioni per l attività di infermiere/i indipendenti secondo la LAMal 1 Contratti e prestazioni secondo l asicurazione malattia 2011 l Associazione svizzera

Dettagli

Malattia e infortunio

Malattia e infortunio Pagina 1/6 Malattia e infortunio 87 Se durante la formazione professionale di base, una persona in formazione si ammala o è vittima di un incidente, essa dispone di una protezione giuridica particolare.

Dettagli

Istanza di gratuito patrocinio in virtù dell articolo 119 CPC

Istanza di gratuito patrocinio in virtù dell articolo 119 CPC Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento delle istituzioni Divisione della Giustizia Istanza di gratuito patrocinio in virtù dell articolo 119 CPC Incarto (se la causa è già pendente) Numero Autorità di

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche 00187 ROMA Via Piave 61 sito internet: www.flp.it Email: flp@flp.it tel. 06/42000358 06/42010899 fax. 06/42010628 Segreteria Generale Prot. n.2393/flp2006

Dettagli

Profilo della formazione in linguistica applicata nel quadro delle scuole universitarie professionali

Profilo della formazione in linguistica applicata nel quadro delle scuole universitarie professionali 4.3.3.1.2. Profilo della formazione in linguistica applicata nel quadro delle scuole universitarie professionali (SUP-LA) del 10 giugno 1999 1. Statuto La formazione in linguistica applicata di livello

Dettagli

STUDIO D ALESSIO COMMERCIALISTI

STUDIO D ALESSIO COMMERCIALISTI COMMERCIALISTI Circolare informativa n 3/2011 Cedolare secca sui canoni di locazione degli immobili abitativi Premessa La cedolare secca, ossia il nuovo regime opzionale di imposizione sostitutiva sul

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1

REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1 REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1 Art. 1. FINALITA Presso la Facoltà di Giurisprudenza dell Università di Trieste è istituito il Master Universitario

Dettagli

Riconoscimento dei diplomi d'insegnamento esteri

Riconoscimento dei diplomi d'insegnamento esteri Riconoscimento dei diplomi d'insegnamento esteri L esame di diplomi d insegnamento esteri avviene in base ai requisiti minimi previsti nei regolamenti di riconoscimento svizzeri, nonché in base ai principi

Dettagli

2.06 Stato al 1 o gennaio 2014

2.06 Stato al 1 o gennaio 2014 2.06 Stato al 1 o gennaio 2014 Lavoro domestico Quali attività sono considerate lavori domestici? 1 Si intendono, ad esempio, le attività delle seguenti persone: addetta/addetto alle pulizie, bambinaia

Dettagli

RISOLUZIONE N. 162/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 162/E QUESITO RISOLUZIONE N. 162/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 18 giugno 2009 OGGETTO : Interpello articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Deducibilità spese per servizi di telefonia fissa e

Dettagli

Cambiamento nella vita professionale. La previdenza dopo lo scioglimento del rapporto di lavoro.

Cambiamento nella vita professionale. La previdenza dopo lo scioglimento del rapporto di lavoro. Cambiamento nella vita professionale. La previdenza dopo lo scioglimento del rapporto di lavoro. Cambiamento nella vita professionale. La previdenza dopo lo scioglimento del rapporto di lavoro. Inizio

Dettagli

Profilo delle scuole universitarie d arti visive e di arti applicate (SUAAV)

Profilo delle scuole universitarie d arti visive e di arti applicate (SUAAV) 4.3.3.1.5. Profilo delle scuole universitarie d arti visive e di arti applicate (SUAAV) del 10 giugno 1999 1. Statuto Le scuole universitarie d arti visive 1 e d arti applicate (SUAAV) rientrano nella

Dettagli

852.11 Ordinanza sull aiuto sociale e i prestiti ai cittadini svizzeri all estero

852.11 Ordinanza sull aiuto sociale e i prestiti ai cittadini svizzeri all estero Ordinanza sull aiuto sociale e i prestiti ai cittadini svizzeri all estero (OAPE) del 4 novembre 2009 (Stato 1 gennaio 2010) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 25 della legge federale del

Dettagli

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI 5.2.5 DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI Bellinzona, marzo 2010 CIRCOLARE N. 5/2010 Abroga la circolare n. 5/2003 del gennaio 2003 TRATTAMENTO FISCALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI DELLE ASSICURAZIONI

Dettagli

Regolamento concernente la promozione della proprietà d abitazioni della cassa pensione pro

Regolamento concernente la promozione della proprietà d abitazioni della cassa pensione pro Regolamento concernente la promozione della proprietà d abitazioni della cassa pensione pro validi dallo 01.01.2011 cassa pensione pro Bahnhofstrasse 4 Casella postale 434 CH-6431 Svitto t + 41 41 817

Dettagli

Studio Bitetti Dottori Commercialisti Revisori Contabili

Studio Bitetti Dottori Commercialisti Revisori Contabili Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: La nuova tassazione per le locazioni degli immobili Gentile cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che è entrato

Dettagli

2.01 Stato al 1 o gennaio 2013

2.01 Stato al 1 o gennaio 2013 2.01 Stato al 1 o gennaio 2013 Contributi paritetici all AVS, all AI e alle IPG Obbligo contributivo 1 Sono tenute a pagare i contributi sul proprio salario all AVS, all AI e alle IPG le persone che esercitano

Dettagli

del 25 novembre 1996 (Stato 5 dicembre 2006)

del 25 novembre 1996 (Stato 5 dicembre 2006) Ordinanza sulla qualifica degli specialisti della sicurezza sul lavoro 822.116 del 25 novembre 1996 (Stato 5 dicembre 2006) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 83 capoverso 2 della legge federale

Dettagli

Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA)

Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA) Come è nato e a cosa serve Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA) Il Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA) è stato istituito dall art. 1 ter del Decreto Legge n. 249/ 2004 convertito dalla

Dettagli

L A C O N F E R E N Z A L A T I N A D E I C A P I D E I D I P A R T I M E N T I D I G I U S T I Z I A E P O L I Z I A (CLDGP)

L A C O N F E R E N Z A L A T I N A D E I C A P I D E I D I P A R T I M E N T I D I G I U S T I Z I A E P O L I Z I A (CLDGP) L A C O N F E R E N Z A L A T I N A D E I C A P I D E I D I P A R T I M E N T I D I G I U S T I Z I A E P O L I Z I A (CLDGP) Decisione del 25 settembre 2008 relativa alla remunerazione e alle indennità

Dettagli

VISITING PROFESSOR E RESEARCHER Anno 2010

VISITING PROFESSOR E RESEARCHER Anno 2010 VISITING PROFESSOR E RESEARCHER Anno 2010 (Compensi erogati a soggetti non residenti) Con questa nota informativa i Visiting Professor e Researcher hanno a disposizione: 1. una guida ai documenti che dovranno

Dettagli

Aspetti specifici. Il contratto di apprendistato

Aspetti specifici. Il contratto di apprendistato Stato: agosto 2008 Aspetti specifici del contratto di apprendistato SCHEDA INFORMATIVA www.sse-sbv-ssic.ch Il contratto di apprendistato è un contratto di lavoro a tempo determinato la cui particolarità

Dettagli

Condizioni Generali (CGA)

Condizioni Generali (CGA) Condizioni Generali (CGA) Assicurazione contro gli infortuni secondo la legge federale del 20.3.1981 (LAINF) Edizione 08.2006 8000612 10.09 WGR 067 I Sommario L assicurazione contro gli infortuni secondo

Dettagli

2.03 Contributi Contributi delle persone senza attività lucrativa all AVS, all AI e alle IPG

2.03 Contributi Contributi delle persone senza attività lucrativa all AVS, all AI e alle IPG 2.03 Contributi Contributi delle persone senza attività lucrativa all AVS, all AI e alle IPG Stato al 1 gennaio 2016 In breve L assicurazione vecchiaia e superstiti (AVS), l assicurazione invalidità (AI)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (integrato con modifiche apportate dal Senato Accademico con delibera n 994

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA All. D al bando di ammissione pubblicato in data 15/10/2012 Art. 1 - Tipologia L Università degli studi di Pavia attiva, per l a.a. 2012/2013, presso la Facoltà di Giurisprudenza, Dipartimento di Giurisprudenza,

Dettagli

Scolari & Partners T a x a n d l e g a l

Scolari & Partners T a x a n d l e g a l A tutti i Signori Clienti loro sedi Saronno, 17 Aprile 2011 Oggetto: Circolare del 17.04.2011 Argomento nr. 1) LA CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI - REGISTRAZIONE POSSIBILE FINO AL 6 GIUGNO 2011 Il decreto

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 1 Deliberato dal Consiglio di Amministrazione in data 22 luglio 2014 Sommario REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI... 3 Contributi versati fino al 31 dicembre 2006... 3 Contributi

Dettagli

Chiarezza sulle prestazioni di previdenza professionale. Il certificato di previdenza

Chiarezza sulle prestazioni di previdenza professionale. Il certificato di previdenza Chiarezza sulle prestazioni di previdenza professionale Il certificato di previdenza Chiarezza sulle prestazioni di previdenza professionale Il certificato di previdenza contiene molte informazioni preziose

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLA SCUOLA DI OLOS

CARATTERISTICHE DELLA SCUOLA DI OLOS CARATTERISTICHE DELLA SCUOLA DI OLOS QUALITA, COMPETENZA ED ESPERIENZA La qualità della didattica, impartita dal Centro Olos, si basa sull'alta formazione scientifica, culturale ed esperienziale dei suoi

Dettagli

Circolare N.37 del 13 marzo 2012

Circolare N.37 del 13 marzo 2012 Circolare N.37 del 13 marzo 2012 Beni ai soci: comunicazione entro il 2 aprile 2011 Richiesta dei documenti necessari al fine dell adempimento Beni ai soci: comunicazione entro il 2 aprile 2011 Richiesta

Dettagli

SCELTA DEL REGIME FISCALE

SCELTA DEL REGIME FISCALE SCELTA DEL REGIME FISCALE a cura di Tommaso Valleri Disclaimer La presente guida ha un valore puramente indicativo. Non sostituisce in alcun modo la consulenza di un commercialista o di analogo professionista.

Dettagli

massaggiatori medicali con attestato professionale federale

massaggiatori medicali con attestato professionale federale / mansionario Esame di professione per massaggiatori medicali con attestato professionale federale Segreteria degli esami Organizzazione del mondo del lavoro dei massaggiatori medicali (OdA MM) Segreteria

Dettagli

LA CONFERENZA LATINA DEI CAPI DEI DIPARTEMENTI DI GIUSTIZIA E POLIZIA (CLDgP)

LA CONFERENZA LATINA DEI CAPI DEI DIPARTEMENTI DI GIUSTIZIA E POLIZIA (CLDgP) LA CONFERENZA LATINA DEI CAPI DEI DIPARTEMENTI DI GIUSTIZIA E POLIZIA (CLDgP) LA CONFÉRENZA DEL CONCORDATO SULL ESECUZIONE DELLA DETENZIONE PENALE DELLE PERSONE MINORENNI NEI CANTONI ROMANDI E PARZIALMENTE

Dettagli

Nota sulla fornitura dei dati conformemente agli standard salariali CH con imposta alla fonte

Nota sulla fornitura dei dati conformemente agli standard salariali CH con imposta alla fonte Informazione del 4 marzo 2015 Nota sulla fornitura dei dati conformemente agli standard salariali CH con imposta alla fonte Gentili signore ed egregi signori, Con l'introduzione degli standard salariali

Dettagli

RISOLUZIONE N. 186/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 25 luglio 2007

RISOLUZIONE N. 186/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 25 luglio 2007 RISOLUZIONE N. 186/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 luglio 2007 OGGETTO: Trattamento fiscale applicabile alle prestazioni erogate dal fondo integrativo dell ENEL ai propri dipendenti

Dettagli

Gestione delle risorse umane Compiti

Gestione delle risorse umane Compiti Esami modulari SVF-ASFC Edizione Primavera 2009 Gestione delle risorse umane Compiti Durata dell esame: 60 minuti Mezzi ausiliari ammessi: nessuno Incollate l etichetta con il vostro n. di riferimento!

Dettagli

6.02 Stato al 1 gennaio 2010

6.02 Stato al 1 gennaio 2010 6.02 Stato al 1 gennaio 2010 Indennità in caso di maternità Aventi diritto 1 Hanno diritto all indennità di maternità le donne che al momento della nascita del bambino: esercitano un attività lucrativa

Dettagli

Corsi interaziendali per Grafica AFC / Grafico AFC. Direttiva

Corsi interaziendali per Grafica AFC / Grafico AFC. Direttiva Corsi interaziendali per Grafica AFC / Grafico AFC Direttiva 9 luglio 2010 2 5 Direttiva Direttiva concernente l organizzazione e lo svolgimento dei corsi interaziendali per grafici del 9 luglio 2010 Vista

Dettagli

Opzione specifica Economia e Diritto. Liceo Cantonale di Lugano 2

Opzione specifica Economia e Diritto. Liceo Cantonale di Lugano 2 Opzione specifica Economia e Diritto Liceo Cantonale di Lugano 2 Nome: Cognome: Punti: Valutazione: ARGOMENTI D ESAME punteggio massimo 1) Il regime dei beni fra i coniugi punti 9 2) Budget delle economie

Dettagli

1.2011 Stato al 1 gennaio 2011

1.2011 Stato al 1 gennaio 2011 1.2011 Stato al 1 gennaio 2011 Modifiche concernenti contributi e prestazioni in vigore dal 1 gennaio 2011 Indice Cifra Contributi 1-5 Prestazioni dell AVS 6-7 Prestazioni dell AI 8-9 Prestazioni complementari

Dettagli

10.2.1.1.1. Regolamento della legge tributaria. (del 18 ottobre 1994)

10.2.1.1.1. Regolamento della legge tributaria. (del 18 ottobre 1994) 10.2.1.1.1 Regolamento della legge tributaria (del 18 ottobre 1994) Commisurazione del dispendio per l imposizione globale (art. 13 LT) Spese deducibili degli immobili appartenenti alla sostanza privata

Dettagli

Assicurazioni sociali e lavoro a tempo parziale. assegni famiglia.

Assicurazioni sociali e lavoro a tempo parziale. assegni famiglia. Assicurazioni sociali e lavoro a tempo parziale importanti per tutti coloro che lavorano a tempo parziale e allevano figli o assistono familiari. sull AVS, l AI, la previdenza professionale, nonché sull

Dettagli

Guida ALL APPRENDISTATO ESISTONO 3 TIPOLOGIE DI APPRENDISTATO:

Guida ALL APPRENDISTATO ESISTONO 3 TIPOLOGIE DI APPRENDISTATO: 1 Guida ALL APPRENDISTATO 2012 Il Testo Unico approvato dal Governo italiano con il Decreto Legislativo n. 167 del 14 settembre 2011 ed entrato effettivamente in vigore a partire dal 25 ottobre dello stesso

Dettagli

IL DIRETTORE. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE

IL DIRETTORE. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE Prot. n. 2015/154278 Disposizioni concernenti l accesso alla procedura di accordo preventivo connessa all utilizzo di beni immateriali ai sensi dell articolo 1, commi da 37 a 45, della legge 23 dicembre

Dettagli

Fondazione Crt: Reading Economics - il linguaggio dell economia

Fondazione Crt: Reading Economics - il linguaggio dell economia Fondazione Crt: Reading Economics - il linguaggio dell economia Descrizione In breve La Fondazione CRT, ente di diritto privato senza scopo di lucro, in collaborazione con l Università degli Studi di Torino

Dettagli