Come un bipede e un quadrupede vollero salvare la Reggia di Simone Schiavi Racconto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Come un bipede e un quadrupede vollero salvare la Reggia di Simone Schiavi Racconto"

Transcript

1 Come un bipede e un quadrupede vollero salvare la Reggia di Simone Schiavi Racconto Mi chiamo Lampo e sono un bastardo. No, non dico così per una questione di carattere. Non amo far soffrire i miei simili, né posso definirmi cattivo; però è così che loro mi chiamano, e non so se intendono ferirmi, nel dirlo, o se sia soltanto una presa d atto. Loro sono i miei compagni di lappate; alti, snelli, lucidi, nobili di origini e d animo, veri condottieri. E anche in questo sta la precarietà della vita, l ossimoro vivente che vede loro, grondanti aristocrazia da ogni pelo, costretti a farsi comandare a bacchetta da veri bifolchi, uomini avvezzi soltanto alle bevute, alle canzonacce e alle scorrerie di bassa lega. E invece il sottoscritto, umile di nascita, bastardo appunto, giacché dei miei natali conosco ben poco, appartiene ad una di quelle belle anime che in questi tempi grami sono così difficili da trovare, e ancor più difficili da apprezzare. Sono il cane di un precettore, per presentarmi in poche parole. Per questo riesco a pensare in modo corretto, e perfino nella lingua che discende direttamente dal latino; giacché dalle mie parti, in verità, si parla e si riflette soltanto in un idioma contadino. E poi, non faccio per vantarmi, ma vivo in un castello, anzi: in una Reggia, con tanto di erre maiuscola. Ignoro quanto tempo mi sarà ancora concesso per godere di questo privilegio, poiché mala tempora currunt, come dice il mio precettore, scuotendo la testa canuta. Non so se trascorrerò qui ciò che resta di questo interminabile anno, il Per adesso, comunque, poter annusare gli scacchi di marmo bianco e nero sul pavimento, mingere vivacemente su una colonna portentosa per dire che sì, questa è veramente casa mia, e io ne sono l umile ma orgoglioso guardiano, beh, è una sensazione che ben pochi tra i miei simili possono conoscere. Si sa che la nostra fedeltà è ripagata con ceffoni, più spesso con cinghiate; ma il mio precettore no, lui mi parla, mi spiega la vita, accudisce la mia mente come faceva, in un tempo vicino ma passato, coi figli del Re. Si illude che io lo comprenda e me lo ripete spesso. Se sapesse che io lo capisco davvero, forse se ne sarebbe turbato e mi tratterebbe, dubbioso, come un cane qualunque; come questi stolti, eleganti bracchi della Reggia, buoni solo a rintracciar cadaveri nel bosco. Comunque sia, lui è diverso dalle altre persone che mi circondano. E in lui, come in molti, i pregi sono i difetti dei perdenti. Non mi dilungo oltre, perché è proprio di lui che vorrei parlare, e di ciò che ho visto coi miei occhi nocciola in questi ultimi giorni. Qui alla Reggia di Venaria c è fermento: sono tornati i francesi, che ricacciammo via un secolo fa. Di questo Napoleone si dice un gran bene, un gran male; comunque sia, qualcosa di grandioso, e certo sembra pensare ai posteri più che ai suoi contemporanei, piccoli uomini dalla vista limitata. Forse potrebbe diventare un nuovo Alessandro Magno, per non parlare di quell impero romano che perfino qui, non molto distante dalla mia modesta cuccia, aveva creato un mondo nuovo. Così va vaticinando il mio precettore. Io sono un umile, semplice cane; semplice in senso buono, è naturale, poiché le mie qualità sono notorie e anche questi esseri umani, così geniali, così fallaci, senza di noi sarebbero spesso in gravi ambasce; che siano contadini con un campo da guardare, pastori con un gregge distratto e vacuo, o nobili smaniosi di impagliare un animale con cui ornare un salone. Così è anche per me e il mio precettore. E io mi preoccupo per lui. Intorno a noi sta per principiare un secolo nuovo, che mi dicono essere il decimo nono. Io ho sei anni compiuti e mi sento in buona salute, credo di avere ancora parecchi muri da annusare e scodelle da vuotare. Ma lui, lui no: dacché si è sparsa la voce che stiamo per essere allontanati dalla Reggia, da questa Venaria tanto amata, Si direbbe che il mio padrone abbia perso il senno e il sonno. Quando fu trasportato qui da Torino, praticamente di peso, non gradì per

2 nulla. Essere un precettore di corte era, e lo sarebbe tuttora, una carica di grande importanza. Prese sempre molto sul serio questo suo compito, per il quale era portato da sempre: nobile d animo, nobile di nascita, curioso ancor prima che colto, aveva destato l interesse di Carlo Emanuele III, che voleva figli migliori di lui, come ogni padre, perfino quelli pessimi. E sapeva che in fondo il Piemonte, piccolo stato tra grandi, affamati giganti, avrebbe dovuto fare i conti con chi sta al di là delle montagne o del grande fiume. Meglio prepararsi, quindi. Poi, tutto è andato come sappiamo. Il giovane Carlo Emanuele IV, il Re dei miei umani, è malato, abbattuto, indifeso. Si è rifugiato in quella terra distante chiamata Sardegna, perché questo Bonaparte ci ha colti inermi, come dopo un lungo sonno. Non è più tempo di palazzine di caccia, adesso, e come verrà abbandonata a breve la Venaria, così succederà anche per Stupinigi, quella remota residenza dove altri cani, altri servitori, altre carrozze hanno soggiornato negli ultimi decenni. Ma continuo a divagare. Forse è la mia natura di cane da compagnia, da canzonacce, senza lavoro, senza meta e senza neanche un osso da sotterrare in un giardino. Parlavo del signor precettore. Il suo primo amore era fuggito lontano; forse l'aveva portata via un qualche malanno, chissà, e lui aveva scelto di sublimare le passioni terrene nello studio delle lettere e delle arti. Fatto sta che, lentamente, il vino e l'acquavite erano diventati per lui compagni di vita, certo più degli altri esseri umani. I suoi problemi nacquero quando, con l'aiuto di un servetto corruttibile, ottenne una bottiglia molto speciale dalle cantine private del Re. Mai, farsi amici i garzoni di cucina; promettono la loro fedeltà, il loro silenzio complice e poi ti vendono per poco, un ora di riposo in più, qualche avanzo di un polletto che il nostro signore ha rifiutato a fine banchetto. Tradito e scoperto, il precettore aveva meritato una punizione esemplare. La fucilazione o l'impiccagione erano troppo, anche in questi tempi violenti, almeno per un uomo sempre stimato, nonostante tutto, dal nostro amato Re. Mai, Sua Maestà avrebbe acconsentito a vederselo trascinare via per i piedi, arruffato, lercio e scalciante. Così, un nobilastro dall'animo sbirresco, uno di quelli che oggi si saranno già venduti ai francesi, si autoproclamò tutore dell'ordine a Palazzo Reale e decise equanimemente per l'esilio. Essendo il mio padrone un ubriacone, data anche la mitezza della pena, nemmeno il Re avrebbe avuto di che lamentarsi. In quel modo il precettore si trovò alla Venaria, in quel casino di caccia rimaneggiato mille volte, sempre pensato, costruito e cancellato. Fu lì che lo conobbi, scansato da tutti e prigioniero di se stesso e dei suoi vizi. Io, da cane, pregiudizi non ne ho, figurarsi; lui mi pareva uomo di cervello e non di grida o di cinghiate, così mi piacque da subito. Stretta un'amicizia, se così si può dire, tra uomo e cane, attesi con lui che tornassero i tempi della fiducia e del suo rientro nella capitale, anche se mi sarebbe dispiaciuto. Questo momento, poi, non arrivò mai, e lui rimase sempre qui, insieme a me, in questa corte fantasma di paggi, servitori e quant'altro, tutti bloccati come sotto incantesimo, ad attendere che le nuvole passino sopra la loro testa, sempre troppo bassa per intercettarle. Finché Napoleone arrivò fin qui e decise che la nostra non era più una Reggia, con una erre maiuscola, ma un vuoto involucro di stucchi e mattoni. Quando i francesi fecero circolare una voce allarmante sarebbero arrivati i loro sgherri a censire i mobili, per farne una bella lista e disperderli ai quattro venti io tesi le mie orecchie. Cercavo di cogliervi qualche alito di menzogna, ma non ne trovai affatto. I giorni passavano rapidi, in una sospensione della vita quotidiana, con questa armata di servitori, non sempre umili, ad attendere il da farsi. Tutti avrebbero dovuto capire che il rischio della vita era concreto, perché di teste non pensanti c'è sempre bisogno, ma di chi pensa si può fare a meno, e spesso ci si guadagna. I miei colleghi cani, loro, non hanno percepito nulla. Sono così lucidi e pettinati, così stolti da rovesciare il mondo intero per inseguire una libellula o un fagiano senza accorgersi che tutto il loro universo sta finendo zampe all'aria. Non mi confido più con loro, saliva inutile, meglio abbaiare alle nuvole. Ma il mio precettore no, non si è rassegnato, e vuole combattere: proprio lui, che non conosce

3 neanche il significato, di quella parola. Dico però, a sua discolpa, che ha scelto la strada più impervia ma anche la più coraggiosa. E ora, lasciatemi bere un secondo da questa pozza d'acqua nel giardino, prima che vi racconti il tutto. Dunque, grazie per la pausa. Dicevo: avvenne, due o tre anni fa, quand'ero cane adolescente, che il nostro precettore prendesse ad allietare gli abitanti della Reggia con brevi racconti, componimenti e storie, in ispecie destinati al pubblico femminile. Quand'era sobrio, eccome, se sapeva divertire, commuovere, indurre a pietà verso i personaggi che inventava senza sosta, ricavati quasi sempre dalla sua fervida fantasia. In una di queste storie aveva immaginato un racconto sulla peste del Seicento, con lo sfondo di una Milano assediata, su un matrimonio che non s'aveva da fare. Quella storia aveva divertito ben pochi uditori e soprattutto pochissime uditrici. Pensò che questo suo racconto non fosse interessante, che mai avrebbe potuto trarne un libro. Anzi: aveva piuttosto spaventato il suo pubblico, stroncando prematuramente la propria carriera di narratore. E invece, poco tempo fa, quel suo vecchio racconto dovette tornargli alla mente di prepotenza. Un uomo come lui, anche sommato a quei figuri che oggi abitano la decadente Venaria, non poteva certo fermare le armate francesi. Nemmeno quei pochi, ligi, grigi funzionari che si erano presentati una prima volta qui davanti, sotto la torre dell'orologio, per quella che chiamarono attività d'inventario. Un uomo no, quindi; molti uomini, neppure; una forza soprannaturale, invece, poteva forse bloccarli. Una malattia, per esempio. La peste. Si era così documentato nella piccola biblioteca del palazzo su quanto concerneva la peste; sul contagio del 1630, su quelli successivi, sui rimedi stregoneschi immaginati da quelle genti ingenue. Passati quasi due secoli, certo i tempi sono cambiati, ma i focolai delle malattie, come vedo anche nella mia condizione di cane, sanno ancora impaurire. Epidemie, le chiamano. Servono per distribuire equamente le morti violente tra i militari, che hanno già la guerra, e i civili. Comunque sia, si rinchiuse per giorni e giorni nella biblioteca del palazzo. Una biblioteca che io non avevo quasi mai visto aperta; quando vi trovai per caso la porta spalancata, perché qualcuno faceva pulizie o si nascondeva a dormire tra gli scaffali non certo a leggere qualcosa ero stato preso a pedate, che al giorno d'oggi sono la più efficace, se non l'unica, modalità di comunicazione tra noi cani e gli uomini. Lui, invece, il signor precettore, si era barricato lì dentro e non ne usciva più, se non per mangiare e per pochi, censurabili, naturali bisogni. Quando lo vidi spuntar fuori, dopo una robusta settimana, iniziai a zampettargli intorno per festeggiare la sua uscita dalla clausura temporanea. Era trionfante. O almeno così mi parve di primo acchito, perché invece, quando si avvicinava agli altri bipedi, assumeva le sembianze di un uomo orripilato e scosso da qualcosa di terribile. Si approssimava a servi, e garzoni, e cuochi, e portieri; a tutti coloro che trovava, sibilava nell'orecchio un qualcosa tale da farli ritrarre all'istante. Purtroppo non si esprimeva mai ad alta voce in mia presenza, tanto che non capivo quale fosse il motivo del contendere. Soltanto a fine giornata, sparsa ormai ai quattro venti quest'informazione segreta, mi guardò come se avesse voluto parlarmi. Gli improvvisai una serie di wof, arf e un sempre efficace arwl, per fargli intuire che gli stavo dando ascolto: credo di essere stato capito, perché mi prese il muso tra le mani lisce e mi espresse un solo, inafferrabile concetto. La peste, che ammazza gli altri, ci salverà. Abbaiai ancora un po', con la scarsa convinzione tipica del cane che non comprende del tutto, ma obbedisce. Non mi era chiaro cosa elaborasse, né sapevo come aiutarlo, se poi davvero aveva un qualche piano: di certo, comunque, sembrava finalmente soddisfatto e non stava a me infastidirlo o distrarlo dai suoi propositi. Iniziai a notare un subbuglio generico, mentre si susseguivano, sempre più frequenti, le voci di un imminente arrivo dei francesi a palazzo; molti francesi, non soltanto due o tre burocrati di corte. Ormai erano loro, i padroni della città, perché anche gli umani, perfino quelli che si credono liberi, e forse soprattutto loro, hanno un padrone; la loro venuta era solo questione di tempo. Ero imbarazzato per il mio precettore, che aveva iniziato a fare una specie di teatro, con la sua

4 assurda idea di fermare i francesi in arrivo, foss anche questo Napoleone in persona!, diceva, gridando ad alta voce nelle stanze del piano basso, tra le cucine, i garzoni e gli aiutanti. Ormai avevano imparato a conoscerlo, e lo dileggiavano con quel rispettoso disprezzo, se così si può dire, riservato ai matti veri. Quelli che vedono più lontano dei sani (a patto che ne esistano). I miei compari, quegli eleganti, eterei segugi, volevano giocare tra loro e con me, il loro amico Lampo. Si disputavano un osso spolpato o un moncherino di salsiccia, annusavano pozze e parti intime con voluttà, come sempre, senza capire, senza intuire. Saetta (detto Erode, scherzosamente ma non troppo, perché aveva accompagnato i pargoletti reali nelle loro passeggiate), oggi voleva fare la lotta con me, suggermi le orecchie e masticarmi la coda, ma ho dovuto ringhiare, prepotenza che detesto, per mostrargli che il momento è grave, e ogni cagnara sarebbe fuori luogo. Mentre lui tornava sconsolato ad inseguire qualche farfalla in movimento, povera anima bella, ho visto crescere il trambusto di minuto in minuto. Intorno a noi, sacchi di riso ammucchiati alle finestre, marmitte e pentoloni sottratti al soffritto e ammassati verso il loggiato, cataste di legna ammonticchiate a fare barricate. Mi è capitato altre volte, in questi sei lunghi anni di vita, di osservare soldati; mai all opera, tuttavia: si trattava in realtà di nobili in visita, con le loro specie di buffe uniformi, simili ai grotteschi spaventapasseri che vedo quando scappo e vado trotterellando per le cascine delle vicinanze, a cercare uova fresche e compagne calde. Ma questo esercito improvvisato, se possibile, era ancora più stravagante e impacciato. Valletti, paggi, uscieri, personale di cucina, garzoni, faccendieri vari, lecchini di sotto-corte; persino Candido, il guardiano della vacca, Agostino il parrucchiere della reggia, e addirittura la servetta deputata a raccogliere e selezionare l immondizia (dopo che l abbiamo esaminata io e gli altri cani, che pure se ne vergognano un po'). Tutti erano intenti ad alzare barricate, a occludere ogni apertura rivolta verso il borgo della Venaria, a sbarrare le porte con assi di legno sottratti chissà dove. Non capivo cosa succedesse; essendo io indubitabilmente cane, nessuno si sentiva in dovere di darmi uno straccio di spiegazione, tranne quell'unica, delirante frase sulla peste che ci salverà. Certo, il personale della reggia, ormai imbolsito e pure scontento per la promozione di Stupinigi, afoso borgaccio senza neanche una collina a cingerne la vista, pareva tornato giovane e scattante. Ciascuno agiva come se avesse voluto e potuto bloccare un intero esercito. Il solo pensiero della peste, in arrivo tramite la bieca soldataglia straniera, bastava a terrorizzare quella colorata moltitudine di persone; i più ipocondriaci già iniziavano a grattarsi, ignorando in realtà se questo fosse un sintomo di malattia avanzata o piuttosto di ordinarie pulci. Il panico comunque cresceva a vista d'occhio, e con questo anche l'impegno di ognuno per isolare la reggia da ogni visita esterna. Oggi, dopo tanti preparativi, pare arrivato il gran giorno del non-so-cosa. Voglio seguire il corso degli eventi. Intorno a me, centinaia di esagitati esseri umani: una specie forse troppo intelligente, capace di sopportare tutto, tranne il panico. E quando il panico nasce da qualcosa di invisibile, come questa supposta peste, si agitano fino ad esserne inghiottiti. Proprio come quel mio compare di avventure che affogò nella peschiera dei giardini, qui alla reggia, mentre rincorreva festante una stupida lepre. Solo in questo momento riesco ad infilare il muso tra le inferriate dell ingresso, sotto la torre dell orologio, e vedo ciò che non riuscivo a immaginare: tre o quattro figuri ben vestiti, certamente di nobile rango e comunque premiati da un ruolo che richiede deferenza. Parlano francese, strana lingua, più simile al piemontese parlato tra le mura della mia reggia che a quel certo italiano, sentito solo in qualche lettura del mio precettore. Provo a capire cosa stiano dicendo. Paiono infastiditi, come se dovessero affrontare un ostacolo imprevisto e quindi doppiamente irritante. Eccellenza, generale De Courbet, osa dire uno di quei figuri all altro, più alto in grado. Sfoderiamo le armi? Credo che con questa gentaglia basterebbe la mia terzetta a pietra focaia, o perfino la mia sciabola. No, mio giovane allievo. Non serve. Basta il mio nome. E si rivolge agli altri, assiepati nel cortile, dietro il cancello, con gli occhi sbarrati come gufi nella notte. Villici, ciarlatani, plebaglia. Sono il generale De Courbet. Il nostro, e vostro, grande Napoleone Bonaparte, è uomo d'azione e non ama

5 le attese. Noi, se possibile, siamo ancor meno pazienti. Per cui, aprite immediatamente quel cancello, ché dobbiamo inventariare quella mobilia ancora custodita in questo rudere. Chi si arrende subito avrà senz altro uno sconto di pena. Quanto agli altri, non avranno nemmeno il privilegio di una morte dignitosa. Qui il mio precettore si volta verso la sua truppaglia disorganizzata. Prende un piglio simile a quello dei condottieri di cui parlava ai principini, raccontando quelle storie educative che tanto piacevano al loro padre. Cittadini della reggia, richiama all'ordine i suoi compagni di lotta. Questi soldati sono venuti a strapparci dai muri che ci ospitano e che hanno perfino visto nascere alcuni di voi. Costoro sono stranieri, quegli stessi stranieri che un secolo fa ci tennero in scacco e sapemmo scacciare, tornati ora per farci pagare un tributo di sangue. Ma non è tutto. Non soltanto ci ruberanno questo palazzo così glorioso, che ci ricorda il nostro amato Re, ormai esiliato ma mai dimenticato. Il peggio non è ciò che ci tolgono, ma ciò che ci porteranno. La peste, sì, proprio la peste, se permetteremo loro di entrare. Alla parola peste, si alzano grida e strepiti, le braccia mulinano, gli stracci volano. Nessuno conosce siffatta peste ma tutti sanno che uccide dopo immani sofferenze. Basta e avanza, questa conoscenza basica, per spingere alla rivolta perfino quell esempio di ignavia e mollezza che è il personale di corte. E il mio precettore lo sa bene. Non vorrete la peste! Non vorrete che voi, e i vostri figli, e i figli dei vostri figli diffondano questa piaga! È risaputo che le malattie arrivano sempre dall'estero: quindi, popolo della reggia, lottiamo contro di loro, non permettiamo che entrino, che ci sottraggano tutto e che in cambio ci lascino, orrenda eredità, questo flagello divino! Urla, schiamazzi, manifestazioni di paura e di giubilo insieme. Io abbaio furiosamente per l eccitazione e perché è l unico modo di unirmi al coro. Sento, però, che l orario del pranzo è già passato da un po senza il pranzo medesimo. Ciò che gli umani non capiscono dei cani è questo: senza pranzo non ragioniamo, ci sentiamo in pericolo; non è un capriccio, è un motivo serio. Intanto, i miei compagni abbaiano insieme a me, anche se sospetto che vogliano più che altro adattarsi al livello sonoro di questi strepitanti bipedi. Non ci hanno nemmeno presi a calci, comunque, nonostante il nostro frastuono; segno che la situazione è peggiore del previsto. Guardo il capo della rivolta, ansimante e sudato, direi alticcio. Il mio sesto senso canino mi fa pensare che talvolta per paura, fame, rancore basti una scintilla per infuocare un uomo che pare insignificante ai più; lo trasforma in un simbolo, in un condottiero, in un eroe per il quale immolarsi, senza dubbi e senza domande. Ora, tutti giurano fedeltà eterna al mio padrone; anche, o soprattutto, chi lo considerava uno stramboide. Acquista un nuovo carisma e riceve, in cambio, l anima e il corpo di questa turba. Costoro sono pazzi, generale. Si sentono assediati. Blaterano di una certa peste. I francesi non capiscono cosa stia succedendo, perché non conoscono l inganno dell epidemia immaginaria. Ora basta, plebe! Il grande Napoleone è magnanimo e potrebbe risparmiarvi, se vi consegnate spontaneamente. Ricordate: il vostro tremolante Carlo Emanuele non è più qui a proteggervi, non siete più dei privilegiati. E non abbiamo alcun bisogno di voi. Quindi arrendetevi ora, subito. Jamais, félons! On est deux cent cinquante-cinq personnes, toutes liées jusqu à la mort, qu'elle soit la nôtre ou la vôtre!, urla il precettore, con gli occhi spiritati e il naso rubizzo, usando il suo francese per impressionarli. E poi si rivolge a me, direttamente a me quale emozione! nel mezzo dell azione: Abbaia, Lampo, corri, abbaia ancora, chiama i tuoi amici cani, latrate, mostrate i denti al nemico. Non ci staneranno di qua, non me ne andrò da questa reggia, non permetterò che la trasformino in caserma o che venga profanata in qualche altro modo da questi mangiatori di rane, maledetti per l'eternità! Io continuo ad abbaiare senza sosta. Corro a ringhiare un po' attraverso l inferriata. Vedo avvicinarsi altri soldati francesi, richiamati di corsa a sedare una rivolta inattesa. Proprio lo stupore accresce il loro esprit mal tourné; un fastidio che certamente inasprirà le condizioni dei futuri prigionieri.

6 Ma lo stratagemma della peste non funziona, povero il mio precettore. I militari sfondano il cancello in un amen, esondano nel cortile della reggia e subito vi è il fuggi fuggi generale. I paggetti se la filano in ogni direzione, terrorizzati dai portatori di peste più che dalle loro sciabole sguainate. Il capocuoco, che ha smesso di rubacchiare derrate solo da poche ore, scappa ansimando e dondolando la trippa a destra e sinistra. Le servette urlano come poiane. Il custode della vacca corre a rifugiarsi presso la medesima. I valletti inciampano di continuo con le loro raffinate calzature, forse comode su un pavimento di mosaici, non certo per trottare sullo sterrato. L'ultimo ad uscire sarà lui, il mio padrone, il precettore. Ora dà di matto, si contorce, urla profanità blasfeme in francese e in ogni altra lingua conosciuta, a meno che non stia delirando. Grida da indemoniato ma non pare violento; così, i soldati l'hanno legato alla bell'e meglio, caricato a spalle e deposto su un barroccio colmo di letame, unico veicolo requisibile all'istante. Partono in silenzio, senza infierire; pare che lo trattino con la stima dovuta agli uomini buoni quando finalmente si arrabbiano. Uomini simili a noi cani, insomma. L'ultima parola che gli ho sentito gridare è stata il mio nome. Lampo, urla, Lampo! Lasciatemi il mio cane, portatemi via col mio cane!. E invece ci hanno separati, anche se so che prima o poi ci riuniranno, e lui tornerà a spiegarmi i fatti dell'universo. In fondo è quella, la cuccia che gli spetta in questo mondo; un mondo in cui vincitori e sconfitti si cambiano di posto come fanno i popolani quando ballano tra di loro. Ora sono rimasto qui soltanto io, dopo che una turba di paggi e servi si è dispersa chissà dove, in una diaspora forzata. Perfino i miei amici, gli altri cani, liberati da gabbie e catene, sono corsi a stanare qualche bestia selvatica; ora, la riserva di caccia è tutta loro, visto che nessun sovrano la reclamerà più. Non so perché non sia fuggito anch'io. In questo istante, sto osservando il generale De Courbet. Poco fa, costui minacciava di sfracellare questa specie di resistenza stracciona. Ora, invece, tace. È lì, in piedi, con la mano sulla sciabola. Ancora si sentono le ultime urla e già qualcuno sta inventariando i mobili di pregio, che verranno venduti a breve; un altro, senza scomporsi, inizia a rubacchiare i pezzi che si possono nascondere. Un terzo entra con le galosce infangate nella galleria di Diana; non posso sentirlo, ma senz'altro starà calcolando il numero di cavalli che potrebbe contenere. Il generale è fermo. Non sa che dire e punta gli occhi in alto, verso le finestre del secondo piano. Indugia con lo sguardo sulle fontane prosciugate, sul giardino spettinato, sui vialetti schiaffeggiati dal vento e deserti. Guarda la reggia, la mia casa. Sibila solo quattro parole. Peccato. Era bella davvero.

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE CATERINA ROMANO 27/01/2012 Nonna, posso sedermi vicino a te? Ho paura. In televisione ci sono dei brutti film. Fanno vedere tante persone malate e dicono

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria 4 ottobre 2015 Giornata delle famiglie al Museo PROGETTO: Liliana Costamagna Progetto Grafico: Roberta Margaira Questo album ti accompagna a scoprire

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

La locandiera. PERSONAGGI: Cavaliere di Ripafratta Marchese di Forlipopoli Conte d Albafiorita Mirandolina, locandiera Fabrizio, cameriere di locanda

La locandiera. PERSONAGGI: Cavaliere di Ripafratta Marchese di Forlipopoli Conte d Albafiorita Mirandolina, locandiera Fabrizio, cameriere di locanda La locandiera PERSONAGGI: Cavaliere di Ripafratta Marchese di Forlipopoli Conte d Albafiorita Mirandolina, locandiera Fabrizio, cameriere di locanda 5 10 Atto I La scena si rappresenta a Firenze, nella

Dettagli

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35 01 - Come Un Cappio Un cappio alla mia gola le loro restrizioni un cappio alla mia gola le croci e le divise un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide un cappio che io devo distruggere e spezzare

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Il Gatto con gli stivali. Un mugnaio venuto a morte Lasciò ai figliuoli una triste sorte

Il Gatto con gli stivali. Un mugnaio venuto a morte Lasciò ai figliuoli una triste sorte Il Gatto con gli stivali Un mugnaio venuto a morte Lasciò ai figliuoli una triste sorte Ogni suo bene aveva disfatto Tranne un mulino, un asino e un gatto Le divisioni furon presto fatte Senza bisticci

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Racconti visioni e libri per rospi da baciare

Racconti visioni e libri per rospi da baciare febbraio 2008 Cari bambini e ragazzi che verrete al festival chiamato AIUTO, STO CAMBIANDO! Racconti visioni e libri per rospi da baciare a Cagliari dall 8 all 11 ottobre 2009 NOTA: questa la lettera originale,

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza,

Giornale degli Alunni della Scuola Media Virgilio Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza, Noi in poche pagine Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA XVI EDIZIONE ~ ANNO 2014-2015 9 ottobre 2014 SOMMARIO SPECIALE CLASSE 3^B Ø RIFLESSIONI DEI PRIMI GIORNI DI

Dettagli

La strada che non andava in nessun posto

La strada che non andava in nessun posto La strada che non andava in nessun posto All uscita del paese si dividevano tre strade: una andava verso il mare, la seconda verso la città e la terza non andava in nessun posto. Martino lo sapeva perché

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

Bù! di e con Claudio Milani

Bù! di e con Claudio Milani Bù! di e con Claudio Milani Testo n Francesca Marchegiano e Claudio Milani Scenografie n Elisabetta Viganò, Paolo Luppino, Armando e Piera Milani Musiche n Debora Chiantella e Andrea Bernasconi Produzione

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE

AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE G.B. GUARINI Sezioni A B C Progetto di educazione ambientale AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE Anno scolastico 20011/2012 Le insegnanti hanno deciso di predisporre questo

Dettagli

Gianni e Antonio. Una terra da abitare

Gianni e Antonio. Una terra da abitare Gianni e Antonio Una terra da abitare 2003 Queste foto non hanno nulla di originale. Sono la memoria quotidiana di un viaggiatore qualsiasi, che si è trovato, per un tempo né breve né lungo, a essere,

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna. (mezzo) (età) MEDIO + EVO

MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna. (mezzo) (età) MEDIO + EVO IL MEDIOEVO IL MEDIOEVO MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna (mezzo) (età) MEDIO + EVO I FATTI PIÙ IMPORTANTI ALL INIZIO DEL MEDIOEVO i barbari e i

Dettagli

Sono Nato Per Essere Veloce

Sono Nato Per Essere Veloce 01 - Nato Per Essere Veloce roppo veloce sta correndo la mia vita troppo veloce scorre via la musica musica selvaggia? furiosa adrenalina frenetico sussulto, incontrollabile rumore Sono Nato Per Essere

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Canzoncina. Di qui potete vedere Come sia innocuo il bere. Canto di un amata.

Canzoncina. Di qui potete vedere Come sia innocuo il bere. Canto di un amata. Canzoncina I. C era una volta un tizio A diciottanni prese il vizio Di bere, e per questa china Lui andò in rovina. Morì a ottantant anni e il perché È chiaro a me e a te. 2. C era una volta un piccolo,

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo?

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo? Intervista rilasciata su videocassetta dalla Sig.ra Miranda Cavaglion il 17 giugno 2003 presso la propria abitazione in Cascine Vica, Rivoli. Intervistatrice: Prof.ssa Marina Bellò. Addetto alla registrazione:

Dettagli

I primi passi con un cucciolo

I primi passi con un cucciolo I primi passi con un cucciolo 15 I primi passi con un cucciolo Abbiamo preso Metchley dal canile quando aveva nove settimane. Già durante il suo primo giorno da noi ho iniziato l addestramento con il tocco

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO Io racconto, tu mi ascolti. Noi ci conosciamo Istituto comprensivo n.8 ( Fe ) SCUOLA PRIMARIA DI BAURA Classe seconda Ins: Anna Maria Faggioli, Marcello Gumina, Stefania Guiducci.

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Corso Scegli Gesù SG01 Lezione 1 IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Troppo difficile? Antiquato? Solo per persone molto religiose? No! Ti dimostreremo che sono solo pregiudizi. LA NOSTRA GENERAZIONE È INSICURA

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Progetto . Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguire virtute e canoscenza.

Progetto <L Apprendista Cittadino >. Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguire virtute e canoscenza. Progetto . Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguire virtute e canoscenza. Le tematiche offerte, gli spunti di riflessione, gli argomenti trattati sono risultati interessanti

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Sulle orme del cuore

Sulle orme del cuore Sulle orme del cuore GAIA TORTI SULLE ORME DEL CUORE A chi leggerà queste righe. A chi aprirà il suo cuore leggendole. Alle mie amiche, che mi hanno sempre incoraggiato a scrivere. Alla mia famiglia.

Dettagli

1. Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini

1. Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini Pag 1 1 Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini Pag 2 Pag 3 La nonna: è il capostipite della famiglia Cantona, insieme al cognato Nicola ha aperto il pastificio di famiglia e lo ha gestito con

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE EMOZIONI. adesso che abbiamo la strada ferrata in mezza giornata si viene e

UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE EMOZIONI. adesso che abbiamo la strada ferrata in mezza giornata si viene e UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE EMOZIONI adesso che abbiamo la strada ferrata in mezza giornata si viene e si va Il paese della RABBIA 1. Dove si sente la rabbia 2. Io mi arrabbio quando 3. Cosa mi aiuta 4.

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

Corso di laurea in Lingue e culture straniere

Corso di laurea in Lingue e culture straniere Prova di ammissione al Corso di laurea in Lingue e culture straniere per i candidati di paesi non appartenenti alla UE. Verifica delle conoscenze linguistiche dell italiano, livello B1. PROVA 2 A. Comprensione

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank.

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank. Anna Frank era una ragazza ebrea-tedesca, oggi divenuto simbolo dell'olocausto, ovvero dello sterminio degli Ebrei per mano della Germania nazista e dai suoi alleati ai tempi della seconda guerra mondiale.

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

Storie di gatti Episodio 1 Sceneggiatura di Cristina Berta

Storie di gatti Episodio 1 Sceneggiatura di Cristina Berta Storie di gatti Episodio 1 Sceneggiatura di Cristina Berta Scena 1 Titolo del film. Animazione di Tino, il gatto protagonista. Scena 2 [Esterno giorno Gabbione] Primo Piano di un gatto che si riposa e

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

PER MANO NEL MONDO DI OZ

PER MANO NEL MONDO DI OZ PER MANO NEL MONDO DI OZ BALLO INIZIALE base 1 NARRATORE: C era una volta una bambina di nome _SARA : Mirella! NARRATORE: No...la bambina si chiamava _CHIARA : Maria Pia! NARRATORE: No, si chiamava TUTTI:

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

1 Alunno Preferisco non imparare nulla ma essere libero.

1 Alunno Preferisco non imparare nulla ma essere libero. Prigionieri di ombre Quando il ragionare dei bambini diventa scrittura teatrale. Si tratta di rifare un cammino già fatto. Riprendere quanto già detto, e non soltanto nella forma scritta, bensì nelle espressioni,

Dettagli

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE Gli Italiani vogliono essere indipendenti. Gli Italiani cercano di liberarsi dagli austriaci e dagli amici degli austriaci. Questo periodo si chiama RISORGIMENTO. Gli

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

TITOLO: IO SONO IO 1. LA LETTURA ANIMATA DI STORIE SULLA DIVERSITÀ: La cosa più importante A. Abbatiello

TITOLO: IO SONO IO 1. LA LETTURA ANIMATA DI STORIE SULLA DIVERSITÀ: La cosa più importante A. Abbatiello TITOLO: IO SONO IO Il presupposto da cui siamo partite non è tanto quello di considerare gli alunni tutti uguali, ma di affrontare la classe considerando gli alunni come essere unici, ponendosi nell ottica

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo INTERVISTA 9 I- Prima di svolgere questa attività, svolgeva un altro lavoro B- Io ho sempre lavorato in proprio, finito il liceo ho deciso di non andare all università, prima ho avuto un giornale di annunci

Dettagli

TOPO FELICE, I GIOCHI E LA FATA

TOPO FELICE, I GIOCHI E LA FATA TOPO FELICE, I GIOCHI E LA FATA (Buio, musica, voce narrante inizia a raccontare) VOCE NARRANTE Questa è la storia di Felice, un topolino che vive in un parco meraviglioso. FELICE IL TOPOLINO VIVE IN QUESTO

Dettagli

Illustrato da Michele Bettio

Illustrato da Michele Bettio Da una conversazione avvenuta in viaggio Simona: Sai Giorgio, sono stata ad una conferenza di Eugenio Perazza, fondatore di Magis Design. Ha raccontato una bella storia, si intitola Martino Testadura.

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

Stefano Santomauro TOCCATE UNA NUVOLA (Monologo in atto unico) Prima stesura: 2002 Ultima revisione: aprile 2005 www.noiteatro.it

Stefano Santomauro TOCCATE UNA NUVOLA (Monologo in atto unico) Prima stesura: 2002 Ultima revisione: aprile 2005 www.noiteatro.it Stefano Santomauro TOCCATE UNA NUVOLA (Monologo in atto unico) Prima stesura: 2002 Ultima revisione: aprile 2005 www.noiteatro.it L attore entra in silenzio. Mentre entra si allarga l occhio di bue. Una

Dettagli

Quando eravamo scimmie

Quando eravamo scimmie Quando eravamo scimmie Zio, è vero che tu insegni antro... non mi ricordo più come si chiama. Antropologia, sì è vero Chiara. Mi spieghi cos è? Che non è mica tanto chiaro. Sedetevi qui, anche tu, Elena.

Dettagli

ILIADE. Prof.ssa Marcella Costato IC Cornate d Adda a.s.2006/07

ILIADE. Prof.ssa Marcella Costato IC Cornate d Adda a.s.2006/07 ILIADE 1 PERSONAGGI DELL ILIADE I PERSONAGGI DELL ILIADE SONO UOMINI E DEI, ABITANTI DELLA GRECIA E DI TROIA. GLI UOMINI, SONO ECCEZIONALI E HANNO QUALITA FUORI DAL COMUNE. ESSI SONO GUERRIERI VALOROSI

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

VINO ROSSO TACCO 12. La Perdita

VINO ROSSO TACCO 12. La Perdita VINO ROSSO TACCO 12 Edito da CAIRO Editore Un estratto da La Perdita Arriva un momento in cui capiamo che un capitolo della nostra vita finisce. Un capitolo si chiude e la vita cambia, inesorabilmente.

Dettagli

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO Anno 2005/2006 La Biblioteca per i Pazienti Impressioni dei Volontari Gloria Lombardo, Valeria Bonini, Simone Cocchi, Francesca Caffarri, Riccardo

Dettagli

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE CAPITOLO II DON ABBONDIO NON RIUSCÌ AD ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE NON SI POTEVANO CELEBRARE

Dettagli

Secondo incontro: La mia esperienza d amore

Secondo incontro: La mia esperienza d amore Secondo incontro: La mia esperienza d amore Prima di addentrarci nel tema dell incontro sondiamo la motivazione dei ragazzi. Propongo loro un diagramma G/T. Tutti i ragazzi pensavano ad un esercizio di

Dettagli

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook Louise L. Hay vivi bene adesso Ebook Traduzione: Katia Prando Editing: Enza Casalino Revisione: Martina Marselli, Gioele Cortesi Impaginazione: Matteo Venturi 2 E ora parliamo di autostima. Non avrai mai

Dettagli

RIASSUNTO DELLO SPETTACOLO

RIASSUNTO DELLO SPETTACOLO Voci Narrazione di Claudio Milani Con Claudio Milani Testo Francesca Marchegiano Illustrazioni e Scene Elisabetta Viganò, Armando Milani Musiche e canzoni Sulutumana, Andrea Bernasconi Cantante lirica

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli