BUDGET 2013 Approvato

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BUDGET 2013 Approvato"

Transcript

1 A-PDF PageMaster Demo. Purchase from to remove the watermark BUDGET 2013 Approvato Dipartimento Oncologico Elenco strutture S.C. ANATOMIA ED ISTOLOGIA PATOLOGICA S.C. FISICA SANITARIA S.C. ONCOLOGIA S.C. RADIOTERAPIA S.S.D. SENOLOGIA (BREAST UNIT) S.S.D. TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Dr. Franco Fedeli Dr.ssa Franca Foppiano Dr. Carlo Aschele Dr. Tindaro Scolaro Dr.. Paolo De Nobili Dr. Massimo Salesi S.C. Governo Clinico, Programmazione Sanitaria, Rischio Clinico, Controllo di Gestione ASL 5 'Spezzino'

2 Budget Anno 2013 ATTIVITA' OSPEDALIERA S.C. ANATOMIA ED ISTOLOGIA PATOLOGICA Dr. Franco Fedeli INDICATORE PESO OBIETTIVO 2013 A2012 A2011 Scost % Anno12/Anno11 FONTE DATI SPECIALISTICA AMBULATORIALE Valore prestazioni per esterni % CUP (Datasiel) Numero prestazioni per esterni CUP (Datasiel) Valore prestazioni per interni % ICT TOTALE PRESTAZIONI 10 >= % TOTALE 10

3 Schede di Budget Anno 2013 S.C. ANATOMIA ED ISTOLOGIA PATOLOGICA- SA dott. Franco Fedeli Consumi INDICATORE PESO OBIETTIVO 2013 ANNO 2012 ANNO 2011 Scost % A2012 / A2011 Farmaci <= % Diagnostici - <= % Dispositivi medici - <= % Altri sanitari - <= % Totale sanitari (escluso farmaci) 30,0 <= % Economali <= % Farmaci ai dimessi >= I valori obiettivo per i consumi di diagnostici, dispositivi medici e altri sanitari sono puramente indicativi. Fonte: Contabilità Analitica Totale Consumi Totale Canoni/Noleggi Totale Spesa del Personale Prestazioni Interne (consulenze) - - Prestazioni Interne di Laboratorio Analisi Prestazioni Interne di Trasfusionale - - Prestazioni Interne Anatomia Patologica Prestazioni Interne di Radiologia - - Prestazioni Interne Nucleare - - TOTALE COSTI DIRETTI RICAVI SDO - - RICAVI AMBULATORIALE (compresi PAC) RICAVI PRESTAZIONI INTERNE TOTALE RICAVI RAPPORTO RICAVI/COSTI DIRETTI 30 > 0,45 0,44 0,52-15% TOTALE 60

4 Schede di Budget anno 2013 SCHEDA QUALITA' ED EFFICIENZA S.C. ANATOMIA ED ISTOLOGIA PATOLOGICA- SA INDICATORE PESO OBIETTIVO 2013 ANNO 2012 ANNO 2011 Scost 2012/2011 Attività scientifica (articoli con IF, relatore convegni nazionali-internazionali etc.) 10,0 Valutazione consuntiva Diminuzione tempi di attesa referti (verifica con SIA) per classi di complessità 10,0 < 10 gg Informatizzazione richieste/invio referti ai reparti 5,0 Attivazione < Rendicontazione informatizzata attività screening (previa attivazione modulo) 5,0 < Revisione procedure e documenti già redatti e pubblicati su intranet Andamento rispetto alla media del Dipartimento revisione 50% doc Scost rispetto media TOTALE 30

5 S.C. ANATOMIA ED ISTOLOGIA PATOLOGICA- SA 5 Regione Liguria - ASL 5 Schede Budget Anno 2013 PERSONALE DIPENDENTE rilevazione rilevazione di ruolo in comando incaricati di ruolo in comando incaricati dott. Franco Fedeli Budget 2013 Personale sanitario dipendente Medici Laureati non medici Infermieri Ostetriche Altro personale infermieristico Tecnici sanitari (radiologia/laboratorio) Tecnici sanitari prevenzione Tecnici sanitari riabilitazione Personale tecnico-amministrativo dipendente Assistenti Sociali O.S.S 1 1 Ausiliari e O.T.A. Altri tecnici e professionali Dirigenti PTA Amministrativi (fascia DS-D) Amministrativi (fascia C-AB) Nel 2011 Ausiliari e Ota sono ricompresi nella riga OSS e tutti i tecnici sanitari nella riga dei tecnici di laboratorio/radiologia 4/4

6 Schede di Budget anno 2013 SCHEDA QUALITA' ED EFFICIENZA S.C. FISICA SANITARIA INDICATORE PESO OBIETTIVO 2013 ANNO 2012 ANNO 2011 Scost 2012/2011 Attività scientifica (articoli con IF, relatore convegni nazionali-internazionali etc.) 5,0 Valutazione consuntiva Progetto RX in sala operatoria tramite software Ormaweb. Estensione aziendale 25,0 < Messa a punto dell'utilizzo di immagini CT/pet nei piani trattamento terapeutici 25,0 Relazione< Screening mammografico: omegeneizzazione qualità tecnica e dosimetrica a livello aziendale 25,0 < Valorizzazione attività con creazione nomenclatore tariffario delle prestazioni 20,0 < Revisione procedure e documenti già redatti e pubblicati su intranet revisione 50% doc TOTALE 100

7 S.C. FISICA SANITARIA Personale sanitario dipendente Medici 5 Regione Liguria - ASL 5 Schede Budget Anno 2013 PERSONALE DIPENDENTE rilevazione rilevazione di ruolo in comando incaricati di ruolo in comando incaricati dott.ssa Franca Foppiano Budget 2013 Laureati non medici Infermieri Ostetriche Altro personale infermieristico Tecnici sanitari (radiologia/laboratorio) 1 1 Tecnici sanitari prevenzione Tecnici sanitari riabilitazione Personale tecnico-amministrativo dipendente Assistenti Sociali O.S.S Ausiliari e O.T.A. Altri tecnici e professionali Dirigenti PTA Amministrativi (fascia DS-D) Amministrativi (fascia C-AB) Nel 2011 Ausiliari e Ota sono ricompresi nella riga OSS e tutti i tecnici sanitari nella riga dei tecnici di laboratorio/radiologia

8 S.C. ONCOLOGIA Attività Regione Liguria - ASL 5 Schede di Budget 2013 Attività Dr. Carlo Aschele INDICATORE PESO Obiettivo 2013 A2012 A2011 Scost % A2012/A2011 FONTE DATI POSTI LETTO ORDINARI MEDI 12,0 12,0 POSTI LETTO DIURNI MEDI 16,0 16,0 Tasso occ. dimessi - P.L. ORDINARI (%) 106,90% 112,0% -5% SDO+flusso PL Dir Amm Presidio Tasso occ. dimessi - P.L. DH (%) 357% 331,9% 7% DEGENZA ORDINARIA Casi % SDO Degenza Media > 1 giorno 4,0 <= 14,50 14,56 15,7-7% SDO Peso Medio > 1 giorno 4,0 >= 1,35 1,29 1,39-7% SDO Punti totali > 1 giorno % SDO SDO DEGENZA CICLO DIURNO DH/DS (n. casi) % SDO DH DIAGNOSTICI 4,0 < % SDO DAY SERVICE AMBULATORIALI >= DS AMBULATORIALE ESTERNI ISTIT. 5,0 >= % CUP (Datasiel) AMBUL EST ISTIT. NUMERO % CUP (Datasiel) Drg a rischio inappropriatezza (PATTO SALUTE) 6,0 < % SDO % Ricoveri ripetuti entro 30 gg stessa MDC 3,0 < 6,0% 6,4% 6,6% -4% SDO % Dimissioni Volontarie 4,0 < 0,2% 0,2% 0,3% -8% SDO TOTALE 30 Drg Medici a rischio inappropriatezza (in regime ordinario): coma da Del. Reg. Liguria n. 717 del 21/06/2011. Si considera ripetuto il ricovero che ha, rispetto ad un ricovero precedente, stesso cod. fiscale, stessa MDC, tempo di ammissione e precedente dimissione <= 30 giorni. Il ricovero ripetuto viene attribuito al reparto che ha fatto la penultima dimissione. Sono esclusi i ricoveri con mod. dimissione: volontaria, traferito ad altro istituto, trasferito ad altro regime di ricovero; con reparto di ammissione psichiatria; relativi ai dimessi per radioterapia e chemioterapia. Per i DH diagnostici al netto dei criteri di esclusione

9 Schede di Budget Anno 2013 S.C. ONCOLOGIA - FE dott. Carlo Aschele Consumi INDICATORE PESO OBIETTIVO 2013 ANNO 2012 ANNO 2011 Scost % A2012 / A2011 Farmaci 19,0 <= % Diagnostici - <= % Dispositivi medici - <= % Altri sanitari - <= % Totale sanitari (escluso farmaci) 5,0 <= % Economali 1,0 <= % Farmaci ai dimessi >= % I valori obiettivo per i consumi di diagnostici, dispositivi medici e altri sanitari sono puramente indicativi. Fonte: Contabilità Analitica Totale Consumi Totale Canoni/Noleggi Totale Spesa del Personale Prestazioni Interne (consulenze) Prestazioni Interne di Laboratorio Analisi Prestazioni Interne di Trasfusionale Prestazioni Interne Anatomia Patologica Prestazioni Interne di Radiologia Prestazioni Interne Nucleare TOTALE COSTI DIRETTI RICAVI SDO RICAVI AMBULATORIALE (compresi PAC) RICAVI PRESTAZIONI INTERNE TOTALE RICAVI RAPPORTO RICAVI/COSTI DIRETTI 15 > 1,00 0,96 1,06-9% TOTALE 40

10 Schede di Budget anno 2013 SCHEDA QUALITA' ED EFFICIENZA S.C. ONCOLOGIA - FE INDICATORE PESO OBIETTIVO 2013 ANNO 2012 ANNO 2011 Scost 2012/2011 Attività scientifica (articoli con IF, relatore convegni nazionali-internazionali etc.) 4,0 Valutazione consuntiva Farmaceutica: piani terapeutici/richieste motivate informatizzate 2,0 100% Standardizzazione protocolli di trattamento farmacologico per le principali neoplasie 4,0 rendicontazione < Attivazione flusso mensile prestazioni interne su file excel 2,0 Invio mensile Attivazione griglia CUP I e II visite Sarzana e II visite Spezia (entro 30 gg da trasferimento a SZ) con aumento visite (6 sp 3 sz) 3,0 Attivazione < Definizione protocollo per la gestione della dimissione pazienti terminali (definiti da dip.to Oncologico) in coll.ne con Oncologia e Cure Primarie 5,0 < Attivazione 3 Day Service Ambulatoriali (neoplasie colon, mammella, polmone) 5,0 < Piano di trasferimento e integrazione Oncologia presso ospedale di Sarzana (coll.ne Medicina Sz) 5,0 < Rispetto tempistica e qualità SDO, consenso informato, rilevazione dolore etc. Revisione procedure e documenti già redatti e pubblicati su intranet Andamento rispetto alla media del Dipartimento Verifica DS revisione 50% doc Scost rispetto media TOTALE 30

11 Schede Budget Anno 2013 PERSONALE DIPENDENTE S.C. ONCOLOGIA - FE 5 rilevazione rilevazione di ruolo in comando incaricati di ruolo in comando incaricati dott. Carlo Aschele Budget 2013 Personale sanitario dipendente Medici Laureati non medici Infermieri Ostetriche Altro personale infermieristico Tecnici sanitari (radiologia/laboratorio) Tecnici sanitari prevenzione Tecnici sanitari riabilitazione Personale tecnico-amministrativo dipendente Assistenti Sociali O.S.S Ausiliari e O.T.A. 1 1 Altri tecnici e professionali Dirigenti PTA Amministrativi (fascia DS-D) Amministrativi (fascia C-AB) Nel 2011 Ausiliari e Ota sono ricompresi nella riga OSS e tutti i tecnici sanitari nella riga dei tecnici di laboratorio/radiologia 1 Sumaista (30h) in reparto 4/4

12 S.C. RADIOTERAPIA Regione Liguria - ASL 5 Budget Anno 2013 ATTIVITA' OSPEDALIERA Dr. Tindaro Scolaro INDICATORE PESO OBIETTIVO 2013 A2012 A2011 Scost % Anno12/Anno11 FONTE DATI SPECIALISTICA AMBULATORIALE Valore prestazioni per esterni 40 >= % CUP (Datasiel) Numero prestazioni per esterni CUP (Datasiel) Valore prestazioni per interni ICT TOTALE PRESTAZIONI % TOTALE 40

13 Schede di Budget Anno 2013 S.C. RADIOTERAPIA - FE dott. Tindaro Scolaro Consumi INDICATORE PESO OBIETTIVO 2013 ANNO 2012 ANNO 2011 Scost % A2012 / A2011 Farmaci <= % Diagnostici - <= % Dispositivi medici - <= % Altri sanitari - <= % Totale sanitari (escluso farmaci) 7,0 <= % Economali 3,0 <= % Farmaci ai dimessi >= % I valori obiettivo per i consumi di diagnostici, dispositivi medici e altri sanitari sono puramente indicativi. Fonte: Contabilità Analitica Totale Consumi Totale Canoni/Noleggi - - Totale Spesa del Personale Prestazioni Interne (consulenze) Prestazioni Interne di Laboratorio Analisi Prestazioni Interne di Trasfusionale - - Prestazioni Interne Anatomia Patologica - - Prestazioni Interne di Radiologia - - Prestazioni Interne Nucleare - - TOTALE COSTI DIRETTI RICAVI SDO - - RICAVI AMBULATORIALE (compresi PAC) RICAVI PRESTAZIONI INTERNE TOTALE RICAVI RAPPORTO RICAVI/COSTI DIRETTI 35 > 0,85 0,84 0,96-12% TOTALE 45

14 Schede di Budget anno 2013 SCHEDA QUALITA' ED EFFICIENZA S.C. RADIOTERAPIA - FE INDICATORE PESO OBIETTIVO 2013 ANNO 2012 ANNO 2011 Scost 2012/2011 Attività scientifica (articoli con IF, relatore convegni nazionali-internazionali etc.) 5,0 Valutazione consuntiva Avvio tecnica IMRT e definizione nuove procedure (con valutazione di impatto su liste di attesa) 5,0 Revisione procedure e documenti già redatti e pubblicati su intranet rendicontazione < revisione 50% doc Corretta compilazione ricette rosse 5,0 verifica a campione Andamento rispetto alla media del Dipartimento Scost rispetto media TOTALE 15

15 S.C. RADIOTERAPIA - FE Personale sanitario dipendente 5 Regione Liguria - ASL 5 Schede Budget Anno 2013 PERSONALE DIPENDENTE rilevazione rilevazione di ruolo in comando incaricati di ruolo in comando incaricati dott. Tindaro Scolaro Budget 2013 Medici Laureati non medici Infermieri Ostetriche Altro personale infermieristico Tecnici sanitari (radiologia/laboratorio) Tecnici sanitari prevenzione Tecnici sanitari riabilitazione Personale tecnico-amministrativo dipendente Assistenti Sociali O.S.S Ausiliari e O.T.A. Altri tecnici e professionali Dirigenti PTA Amministrativi (fascia DS-D) Amministrativi (fascia C-AB) Nel 2011 Ausiliari e Ota sono ricompresi nella riga OSS e tutti i tecnici sanitari nella riga dei tecnici di laboratorio/radiologia 4/4

16 S.S.D. SENOLOGIA Regione Liguria - ASL 5 Budget Anno 2013 ATTIVITA' OSPEDALIERA dott. Paolo De Nobili INDICATORE PESO Bdgt 2013 Anno 2012 Anno 2011 Scost % Anno 12 / Anno 11 FONTE DATI SPECIALISTICA AMBULATORIALE EST. ISTITUZIONALE Ecografie (esterni CUP) >= % DB Radio Mammografie (esterni CUP) >= % DB Radio Screening - chiamate (100% presentate - adesione stimata 50-55%) 90 >= Considerata la produzione per esterni di dott. De Nobili e dott. Bono e lo screening (eco+mammo) di tutti i medici % DB Radio TOTALE 90

17 Schede di Budget anno 2013 SCHEDA QUALITA' ED EFFICIENZA S.S.D. SENOLOGIA (BREAST UNIT) INDICATORE PESO OBIETTIVO 2013 ANNO 2012 ANNO 2011 Scost 2012/2011 Attività scientifica (articoli con IF, relatore convegni nazionali-internazionali etc.) 5,0 No Riduzione Rapporto Ecografie / Mammografie 5,0 30/70 42/58 Revisione procedure e documenti già redatti e pubblicati su intranet revisione 50% doc Andamento rispetto alla media del Dipartimento Scost rispetto media TOTALE 10

18 Schede Budget Anno 2013 PERSONALE DIPENDENTE S.S.D. SENOLOGIA (BREAST UNIT) 5 rilevazione rilevazione di ruolo in comando incaricati di ruolo in comando incaricati dott. Paolo De Nobili Budget 2013 Personale sanitario dipendente Medici Laureati non medici Infermieri Ostetriche Altro personale infermieristico Tecnici sanitari (radiologia/laboratorio) Tecnici sanitari prevenzione Tecnici sanitari riabilitazione Personale tecnico-amministrativo dipendente Assistenti Sociali O.S.S Ausiliari e O.T.A. Altri tecnici e professionali Dirigenti PTA Amministrativi (fascia DS-D) Amministrativi (fascia C-AB) Nel 2011 Ausiliari e Ota sono ricompresi nella riga OSS e tutti i tecnici sanitari nella riga dei tecnici di laboratorio/radiologia Utilizza 2 tecnici di radiologia a rotazione (in carico a Radiologia 1). Richiede aumento di 4 ore settimanali OSS 3/3

19 Budget Anno 2013 Scheda Attività S.S.D. TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Dr. Massimo Salesi Attività INDICATORE PESO OBIETTIVO 2013 A2012 A2011 Scost % Anno12/Anno11 FONTE DATI POSTI LETTO DIURNI MEDI 2,0 2,0 Tasso occ dimessi P.L DH (%) 54,5% 76,1% -28% SDO+PL da Dir Amm Presidio DEGENZA CICLO DIURNO DH DIAGNOSTICI <= % SDO DAY SERVICE AMBULATORIALI >= DS DAY HOSPITAL/DAY SURGERY (n. casi) 20 >= % SDO AMBULAT ESTERNI (valore) 25 >= % CUP AMBULAT ESTERNI (numero) >= % CUP Riduzione di 1 Posto Letto DH TOTALE 45

20 Schede di Budget Anno 2013 S.S.D. TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE - FE dott. Massimo Salesi Consumi INDICATORE PESO OBIETTIVO 2013 ANNO 2012 ANNO 2011 Scost % A2012 / A2011 Farmaci 5,0 <= % Diagnostici - <= % Dispositivi medici - <= % Altri sanitari - <= % Totale sanitari (escluso farmaci) 5,0 <= % Economali <= % Farmaci ai dimessi >= % I valori obiettivo per i consumi di diagnostici, dispositivi medici e altri sanitari sono puramente indicativi. Fonte: Contabilità Analitica Totale Consumi Totale Canoni/Noleggi - - Totale Spesa del Personale Prestazioni Interne (consulenze) Prestazioni Interne di Laboratorio Analisi Prestazioni Interne di Trasfusionale - - Prestazioni Interne Anatomia Patologica - - Prestazioni Interne di Radiologia - - Prestazioni Interne Nucleare - - TOTALE COSTI DIRETTI RICAVI SDO RICAVI AMBULATORIALE (compresi PAC) RICAVI PRESTAZIONI INTERNE TOTALE RICAVI RAPPORTO RICAVI/COSTI DIRETTI 25 > 0,43 0,42 0,41 2% TOTALE 35

21 Schede di Budget anno 2013 SCHEDA QUALITA' ED EFFICIENZA S.S.D. TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE - FE INDICATORE PESO OBIETTIVO 2013 ANNO 2012 ANNO 2011 Scost 2012/2011 Attività scientifica (articoli con IF, relatore convegni nazionali-internazionali etc.) 2,0 Valutazione consuntiva Organizzazione corso di formazione aziendale per la gestione del dolore 8,0 < Definizione protocollo per la gestione della dimissione pazienti terminali (definiti da dip.to Oncologico) in coll.ne con Oncologia e Cure Primarie 5,0 < Attivazione flusso mensile prestazioni interne su file excel 3,0 Invio mensile Revisione procedure e documenti già redatti e pubblicati su intranet 2,0 revisione 50% doc Rispetto tempistica e qualità SDO, consenso informato, rilevazione dolore etc. Andamento rispetto alla media del Dipartimento Verifica DS Scost rispetto media TOTALE 20

22 S.S.D. TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE - FE Personale sanitario dipendente 5 Regione Liguria - ASL 5 Schede Budget Anno 2013 PERSONALE DIPENDENTE di ruolo in comando incaricati di ruolo in comando incaricati dott. Massimo Salesi Medici Laureati non medici Infermieri Ostetriche Altro personale infermieristico Tecnici sanitari (radiologia/laboratorio) Tecnici sanitari prevenzione Tecnici sanitari riabilitazione rilevazione rilevazione Budget 2013 Personale tecnico-amministrativo dipendente Assistenti Sociali O.S.S Ausiliari e O.T.A. Altri tecnici e professionali Dirigenti PTA Amministrativi (fascia DS-D) Amministrativi (fascia C-AB) Nel 2011 Ausiliari e Ota sono ricompresi nella riga OSS e tutti i tecnici sanitari nella riga dei tecnici di laboratorio/radiologia 4/4

BUDGET 2013 Approvato

BUDGET 2013 Approvato A-PDF PageMaster Demo. Purchase from www.a-pdf.com to remove the watermark BUDGET 2013 Approvato Dipartimento dei Servizi Elenco strutture S.C. MEDICINA NUCLEARE S.C. MEDICINA TRASFUSIONALE S.C. NEURORADIOLOGIA

Dettagli

Contabilità Analitica Premessa

Contabilità Analitica Premessa Contabilità Analitica Premessa La funzione di programmazione aziendale e controllo presso l'aou San Luigi si sviluppa tramite una suite di cruscotti aziendali Abaco per l analisi dell andamento della produzione

Dettagli

Esperienza di utilizzo integrato del blocco operatorio in una rete ospedaliera provinciale

Esperienza di utilizzo integrato del blocco operatorio in una rete ospedaliera provinciale CONVEGNO INTERNAZIONALE ACCREDITAMENTO, PROGRAMMI DI VALUTAZIONE ESTERNA E SICUREZZA DEL PAZIENTE Roma, 7-8 marzo 2011 Esperienza di utilizzo integrato del blocco operatorio in una rete ospedaliera provinciale

Dettagli

Tariffari e politiche di rimborsi regionali

Tariffari e politiche di rimborsi regionali L attività di day surgery nella Regione Lombardia è praticata sin dagli anni 70 in diverse strutture ospedaliere della Regione; dove venivano trattate in day hospital alcune patologie ortopediche pediatriche

Dettagli

PRIMO CICLO IN DIMISSIONE E DISTRIBUZIONE DEI FARMACI OSPEDALIERI

PRIMO CICLO IN DIMISSIONE E DISTRIBUZIONE DEI FARMACI OSPEDALIERI PRIMO CICLO IN DIMISSIONE E DISTRIBUZIONE DEI FARMACI OSPEDALIERI Erica Magnani FARMACEUTICA OSPEDALIERA INIZIATIVE ORGANIZZATIVE / GESTIONALI 1. L organizzazione interna 2. La distribuzione farmaci per

Dettagli

LA CONTINUITA DI CURA DALL OSPEDALIZZAZIONE ALLA RSA

LA CONTINUITA DI CURA DALL OSPEDALIZZAZIONE ALLA RSA CONFERENZA EPISCOPALE PIEMONTESE CONSULTA REGIONALE PER LA PASTORALE DELLA SALUTE LA CONTINUITA DI CURA DALL OSPEDALIZZAZIONE ALLA RSA Torino, 10 dicembre 2012 Giovanni MONCHIERO Il Servizio Sanitario

Dettagli

REGOLE SISTEMA REGIONALE SANITARIO 2015. Direzione Generale Sanità

REGOLE SISTEMA REGIONALE SANITARIO 2015. Direzione Generale Sanità REGOLE SISTEMA REGIONALE SANITARIO 2015 Direzione Generale Sanità 1 ARGOMENTI TRATTATI NELLE REGOLE DI SISTEMA 1. Inquadramento economico e finanziario: il bilancio ponte 2. Il livello programmatorio:

Dettagli

AOU Cagliari Azienda Ospedaliero Universitaria Cagliari DIREZIONE GENERALE

AOU Cagliari Azienda Ospedaliero Universitaria Cagliari DIREZIONE GENERALE AOU Cagliari Azienda Ospedaliero Universitaria Cagliari DIREZIONE GENERALE AOU Cagliari Azienda Ospedaliero Universitaria Cagliari CONDIVISIONE DEL BUDGET 2012 Programmazione e Controllo di Gestione Email:

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura

Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura Allegato 3 requisiti organizzativi di personale minimi per le attività ospedaliere Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura 1 Gli schemi

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2012

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2012 RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2012 .. 1 1. Presentazione La Relazione sulla Performance 2012 riassume la valutazione annuale del Ciclo di gestione della performance. In particolare la Relazione è lo strumento

Dettagli

U.O. FARMACIA LFA.P 13

U.O. FARMACIA LFA.P 13 . Pag. 1 / 5 Viene definito File F il tracciato record per la gestione, attivazione e rendicontazione dei farmaci somministrati e forniti dalle strutture ospedaliere, per l utilizzo ambulatoriale e domiciliare,

Dettagli

ASSESSORATO TUTELA DELLA SALUTE E SANITA' DIREZIONE CONTROLLO DELLE ATTIVITA' SANITARIE

ASSESSORATO TUTELA DELLA SALUTE E SANITA' DIREZIONE CONTROLLO DELLE ATTIVITA' SANITARIE ASSESSORATO TUTELA DELLA SALUTE E SANITA' DIREZIONE CONTROLLO DELLE ATTIVITA' SANITARIE MATRICE DELLE ECCEZIONI DI CALCOLO PER AZIENDA Per le aziende che non hanno le caratteristiche richieste dall'indicatore,

Dettagli

Dott. Franco Bonanni Direttore dipartimento salute

Dott. Franco Bonanni Direttore dipartimento salute Dott. Franco Bonanni Direttore dipartimento salute Relazione sul cancro al seno nell Unione Europea 7 maggio 2003 gli Stati membri sono invitati a fare della lotta contro il cancro al seno una priorità

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

Informazione per pazienti. Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella

Informazione per pazienti. Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella Informazione per pazienti Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella Questo opuscolo è stato realizzato per fornire alcune utili informazioni sul percorso seguito

Dettagli

TRASFERIMENTO DELLE TERAPIE ONCOLOGICHE E ONCO-EMATOLOGICHE COMPRESE DAL DRG 410 A LIVELLO AMBULATORIALE REGIONE ABRUZZO

TRASFERIMENTO DELLE TERAPIE ONCOLOGICHE E ONCO-EMATOLOGICHE COMPRESE DAL DRG 410 A LIVELLO AMBULATORIALE REGIONE ABRUZZO TRASFERIMENTO DELLE TERAPIE ONCOLOGICHE E ONCO-EMATOLOGICHE COMPRESE DAL DRG 410 A LIVELLO AMBULATORIALE REGIONE ABRUZZO SOMMARIO PREMESSA... 2 CLASSIFICAZIONE... 3 CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 CRITERI LOGISTICI

Dettagli

LEGENDA DEGLI INDICATORI pagina 1 di 4

LEGENDA DEGLI INDICATORI pagina 1 di 4 Aziende Sanitarie del Veneto QUADRO ANALITICO LEGENDA DEGLI INDICATORI pagina 1 di 4 FONTI 01. POPOLAZIONE (al 31/12/n) 1. N Residenti (al 31/12/n) Datawarehouse Regionale - Flusso Anagrafe (i dati provengono

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE

DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE Organigramma DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE AREA DI SUPPORTO DIREZIONALE PER L ORGANIZZAZIONE E LO SVILUPPO (ASDOS) INGEGNERIA CLINICA DIREZIONE

Dettagli

ELECTRONIC PATIENT RECORD: L INTEGRAZIONE DELLE INFORMAZIONI A SUPPORTO DELLA GOVERNANCE SANITARIA

ELECTRONIC PATIENT RECORD: L INTEGRAZIONE DELLE INFORMAZIONI A SUPPORTO DELLA GOVERNANCE SANITARIA ELECTRONIC PATIENT RECORD: L INTEGRAZIONE DELLE INFORMAZIONI A SUPPORTO DELLA GOVERNANCE SANITARIA Adalgisa Protonotari Direttore Programmazione Sanitaria Coordinatore Area Direzione delle Attività Clinico-Assistenziali

Dettagli

INCENTIVARE L USO APPROPRIATO DEL RICETTARIO SSR DA PARTE DEGLI SPECIALISTI OSPEDALIERI

INCENTIVARE L USO APPROPRIATO DEL RICETTARIO SSR DA PARTE DEGLI SPECIALISTI OSPEDALIERI Modalità da seguire da parte dei Medici Specialisti per il corretto uso del ricettario SSR definite fra ASL Città di Milano e le seguenti strutture di ricovero e cura pubbliche e private accreditate: (versione

Dettagli

PIANO ANNUALE DI ATTIVITA 2011 approvato dal CC

PIANO ANNUALE DI ATTIVITA 2011 approvato dal CC PIANO ANNUALE DI ATTIVITA approvato dal CC Vista la delibera costitutiva della ROR (dicembre 2008) e considerate le finalità della rete oncologica come già espresse dal Piano Sanitario Regionale 2009-

Dettagli

ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA. Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015

ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA. Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015 Regione Campania ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA di TEANO Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015 GUIDA AI SERVIZI OSPEDALE DI COMUNITÀ DI TEANO (OdC) Premessa L Ospedale di Comunità di Teano è una struttura

Dettagli

Lo IEO è uno dei 42 Istituti italiani di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico per patologie specifiche e fa parte del Servizio Sanitario Nazionale.

Lo IEO è uno dei 42 Istituti italiani di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico per patologie specifiche e fa parte del Servizio Sanitario Nazionale. Paolo Zilioli Sistemi Informativi Istituto Europeo di Oncologia Roma Fortum PA - 2011 Lo IEO è uno dei 42 Istituti italiani di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico per patologie specifiche e fa parte

Dettagli

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Margherita Palazzo Valentini, Roma 19 marzo 2010 1 Il Sistema

Dettagli

Istituto Tumori Toscano ITT

Istituto Tumori Toscano ITT Istituto Tumori Toscano ITT Il percorso normativo Azione Progr. per l oncologia 1998 P.S.R. Istituzione Coordinamento Rete Oncologica 2001 P.S.R. 2002 Istituto Toscano Tumori Istituzione delle UU.OO. di

Dettagli

LA CONTINUITA ASSISTENZIALE

LA CONTINUITA ASSISTENZIALE e-oncology II edizione: L informatizzazione in Oncologia Trento, 22 ottobre 2010 LA CONTINUITA ASSISTENZIALE Prof. Oscar Alabiso Oncologia AOU Novara Continuità Assistenziale : organizzazione centrata

Dettagli

Progetto Nazionale di Ricerca sugli Eventi Avversi Presentazione dei risultati dell ACO San Filippo Neri

Progetto Nazionale di Ricerca sugli Eventi Avversi Presentazione dei risultati dell ACO San Filippo Neri Progetto Nazionale di Ricerca sugli Eventi Avversi Presentazione dei risultati dell ACO San Filippo Neri Lorenzo Sommella Silvana Cinalli - Amalia Biasco Luigi Pinnarelli Maria Maddalena Sanna Studio dell

Dettagli

DAL CASE MANAGER AL CARE MANAGER. Infermiera care manager in medicina interna Derossi Valentina

DAL CASE MANAGER AL CARE MANAGER. Infermiera care manager in medicina interna Derossi Valentina DAL CASE MANAGER AL CARE MANAGER Infermiera care manager in medicina interna Derossi Valentina La nostra storia inizia MARZO 2007 L infermiere CASE Manager in Medicina Interna (PROGETTO FLORENCE) CASE

Dettagli

Bilancio di Mandato 2003-2007 LE STRATEGIE Dr. Gianluigi Scannapieco Dr.ssa Marina Donadi. La salute, costruiamola insieme

Bilancio di Mandato 2003-2007 LE STRATEGIE Dr. Gianluigi Scannapieco Dr.ssa Marina Donadi. La salute, costruiamola insieme Bilancio di Mandato 2003-2007 LE STRATEGIE Dr. Gianluigi Scannapieco Dr.ssa Marina Donadi Il Bilancio di Mandato dell'azienda Ulss 9 Treviso La modalità di lavoro per la realizzazione del Bilancio di Mandato

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Direzione Sanitaria PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Il carcinoma della mammella rappresenta la neoplasia più frequente nel sesso femminile, in tutte le fasce

Dettagli

8º Forum Cultura d'impresa

8º Forum Cultura d'impresa 8º Forum Cultura d'impresa C.S.S. in costruzione 1947/56 C.di Ricerca MENDEL Roma, 2001 Poliambulatorio G.P. II S.G.R., 2002 C.S.S. oggi ISBReMIT - Institute for Stem-cell Biology, Regenerative Medicine

Dettagli

Azienda Ospedaliero Universitaria di Ferrara Master Budget 2015 Piano annuale della Performance - Obiettivi Aziendali

Azienda Ospedaliero Universitaria di Ferrara Master Budget 2015 Piano annuale della Performance - Obiettivi Aziendali Azienda Ospedaliero Universitaria di Ferrara Master Budget 2015 Piano annuale la Performance - Obiettivi Aziendali Dimensione la 1 Performance la produzione 1.a Efficienza dei Processi Ottimizzazione dei

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE. PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013. Certificato N 9122 AOLS. Data applicazione Redazione Verifica Approvazione

PROCEDURA AZIENDALE. PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013. Certificato N 9122 AOLS. Data applicazione Redazione Verifica Approvazione PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013 Certificato N 9122 AOLS Data applicazione Redazione Verifica Approvazione 02/04/2013 Dr.ssa G. Saporetti Sig.ra Pallone Dr.ssa G. Saporetti Dr.ssa L. Di Palo Dr. M. Agnello

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

IL MALATO ONCOLOGICO IN PRONTO SOCCORSO: QUALI ALTERNATIVE?

IL MALATO ONCOLOGICO IN PRONTO SOCCORSO: QUALI ALTERNATIVE? IL MALATO ONCOLOGICO IN PRONTO SOCCORSO: QUALI ALTERNATIVE? Pronto Soccorso Ospedale S.Anna Como C. Maino, I. Bossi, E. Viganò, E. Guggiari, M. Grigioni, F. Cantaluppi, D. Leoni Scopo dello studio Monitoraggio

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ISO 9001:2008 il BLOCCO OPERATORIO OSPEDALE di SALUZZO ASL CN1

LA CERTIFICAZIONE ISO 9001:2008 il BLOCCO OPERATORIO OSPEDALE di SALUZZO ASL CN1 LA CERTIFICAZIONE ISO 9001:2008 il BLOCCO OPERATORIO OSPEDALE di SALUZZO ASL CN1 di Simona Ghigo, SC Direzione Sanitaria Presidio Savigliano Saluzzo, ASL CN1; Guido Cento, SC Ufficio Qualità Integrato

Dettagli

SOFTWARE per la gestione degli ospiti. Cartella Utente WEB

SOFTWARE per la gestione degli ospiti. Cartella Utente WEB SOFTWARE per la gestione degli ospiti Cartella Utente WEB MODULO GESTIONE IDR Attualmente ci sono due tipi assessorati che rilasciano l accreditamento per istituti di riabilitazione: Assessorato della

Dettagli

SOSTENIBILITA DELL ASSISTENZA A DOMICILIO: RUOLO DEL CAREGIVING FAMILIARE

SOSTENIBILITA DELL ASSISTENZA A DOMICILIO: RUOLO DEL CAREGIVING FAMILIARE SOSTENIBILITA DELL ASSISTENZA A DOMICILIO: RUOLO DEL CAREGIVING FAMILIARE Brescia, 7 novembre 2011 Enrico Zampedri, direttore generale Alessandro Signorini, direttore sanitario Contenuti dell intervento

Dettagli

ASSISTENZA OSPEDALIERA

ASSISTENZA OSPEDALIERA ASSISTENZA OSPEDALIERA Il 2005 ha segnato per Modena due importanti avvenimenti: l apertura del Nuovo Ospedale a Baggiovara con il conseguente trasferimento del Sant Agostino- Estense, che si è concluso

Dettagli

Attuazione della legge 38/2010 nella Regione Liguria Ordine dei medici 7 giugno 2014

Attuazione della legge 38/2010 nella Regione Liguria Ordine dei medici 7 giugno 2014 Attuazione della legge 38/2010 nella Regione Liguria Ordine dei medici 7 giugno 2014 G. Paoli Settore counicazione, ricerca sistema informativo e progetti in sanità delibera 277 del 16 Marzo 07 l obiettivo

Dettagli

Normativa della regione Liguria e stato di avanzamento dello screening mammografico

Normativa della regione Liguria e stato di avanzamento dello screening mammografico È opportuno differenziare le procedure di screening per carcinoma della mammella sulla base di specifici fattori di rischio? 30 Maggio 2012 Teatro della Gioventù Aula Barabino Via Cesarea 16 - Genova Gabriella

Dettagli

! "# $% $ A. Gorel i!!!

! # $% $ A. Gorel i!!! !"# $%!! ! " # $ && %!&!%&!%'( &!%&!%'( %&!%&!%'( ) $ * +,-./ ) $ 1 + -./ 0 $ + -../! + -../ -./1+ -../ ' ( 3 ' & 2! )) 2 $ )!!$*!! #!!* 2!%% &)! 2 *!% ) *!!! 2!! ) 2 #$ $*)! +%!$ 2! )) * #!! )*%!!%*)!,#-&)

Dettagli

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. ..Tornando a casa

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. ..Tornando a casa Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a..tornando a casa Gentile Sig. / Sig.ra, sta per tornare a casa dopo un periodo di ricovero presso la nostra Struttura

Dettagli

RUOLO DELL'INFERMIERE

RUOLO DELL'INFERMIERE SCREENING MAMMOGRAFICO RUOLO DELL'INFERMIERE Giovanna Iula Infermiere Coordinatore Screening Mammografico IL CENTRO MULTIDISCIPLINARE DI SENOLOGIA Centro Multidisciplinare di Senologia Prevenzione primaria:

Dettagli

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia Direzione Regionale Sanità e Servizi Sociali Centro di Riferimento Oncologico Regionale Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia L esperienza del CRO e il programma di una Rete Oncologica Regionale

Dettagli

Posti letto per tipo di disciplina negli ospedali a gestione diretta della provincia di Vicenza. Anni 2011 2013.

Posti letto per tipo di disciplina negli ospedali a gestione diretta della provincia di Vicenza. Anni 2011 2013. Posti letto per tipo di disciplina negli ospedali a gestione diretta della provincia di Vicenza. Anni 2011 2013. Anno 2011 2012 2013 104 ULSS 4 Alto Vicentino 105 ULSS 5 Arzignano 106 ULSS 6 Vicenza Acuti

Dettagli

REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO

REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO SOMMARIO SOMMARIO... 1 PRESENTAZIONE SC CURE PALLIATIVE... 2 LA MISSION...

Dettagli

www.fondazioneistud.it Testimonianza di best practice nelle cure palliative domiciliari a Milano

www.fondazioneistud.it Testimonianza di best practice nelle cure palliative domiciliari a Milano www.fondazioneistud.it Testimonianza di best practice nelle cure palliative domiciliari a Milano verso Damasco verso Damasco l incontro con Vittorio Ventafridda un nuovo modello di cure (modello Floriani)

Dettagli

PIANO SANITARIO Integrativo FASI Dirigenti

PIANO SANITARIO Integrativo FASI Dirigenti PIANO SANITARIO Integrativo FASI Dirigenti Milano 2013 1 PIANO SANITARIO Integrativo Dirigenti Riservato agli iscritti al FONDO DI ASSISTENZA SANITARIA F.A.S.I. Le prestazioni previste nel presente Piano

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N 082 DEL 23 FEBBRAIO 2015 CONVENZIONE TRA L AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II,

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N 082 DEL 23 FEBBRAIO 2015 CONVENZIONE TRA L AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II, ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N 082 DEL 23 FEBBRAIO 2015 CONVENZIONE TRA L AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II, PARTITA IVA n. 06909360635, nella persona del Direttore Generale, Prof. Giovanni

Dettagli

Allegato 3 Tabella di raccordo Centri di costo

Allegato 3 Tabella di raccordo Centri di costo Linee guida per il Controllo di gestione della ASL e delle Aziende Ospedaliere Allegato 3 Tabella di raccordo Centri di costo Presidi ospedalieri ASL PRESIDIO OSPEDALIERO AZIENDALE NTRO DI COSTO DENOMINAZIONE

Dettagli

RIORGANIZZAZIONE DEI REPARTI INTERNISTICI PER INTENSITA' DI CURA

RIORGANIZZAZIONE DEI REPARTI INTERNISTICI PER INTENSITA' DI CURA RIORGANIZZAZIONE DEI REPARTI INTERNISTICI PER INTENSITA' DI CURA BOLOGNA - VENERDI' 24 GENNAIO 2014 CONGRESSO ANIMO EMILIA ROMAGNA Revisione organizzativa per intensità delle cure dell Area Internistica

Dettagli

S. C. di CHIRURGIA GENERALE OSPEDALE SAN BASSIANO

S. C. di CHIRURGIA GENERALE OSPEDALE SAN BASSIANO S. C. di CHIRURGIA GENERALE OSPEDALE SAN BASSIANO PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La Struttura Complessa di Chirurgia fa parte del Dipartimento di Chirurgia Generale e d Urgenza. Comprende la Struttura Semplice

Dettagli

Ministero della Salute. Regione Toscana

Ministero della Salute. Regione Toscana Ministero della Salute Progetto SiVeAS Sistema di Valutazione della Performance della Sanita' Italiana Proposta primi indicatori Regione Toscana Fonte dati: Ministero e database SDO 2007-2008 A cura del

Dettagli

IL TUMORE DELLA MAMMELLA NEL MONDO

IL TUMORE DELLA MAMMELLA NEL MONDO IL TUMORE DELLA MAMMELLA NEL MONDO In tutto il mondo il carcinoma della mammella è il tumore più frequente nella popolazione femminile, sia per incidenza sia per mortalità. L Organizzazione Mondiale della

Dettagli

A090 - UOS PEDIATRIA - P.O. S.MARIA C.V.

A090 - UOS PEDIATRIA - P.O. S.MARIA C.V. Periodo: Gennaio - Dicembre - 2011 TOTALI GENERALI PRODUTTIVITA' 0,00 1.274.133,62 1.151.307,53 234.541,12 COSTI 0,00 1.632.853,15 1.702.316,84 1.054.626,74 RAPPORTO PROD./COSTI 0,00 78,03 67,63 22,24

Dettagli

Spesa farmaceutica ospedaliera. Attuazione Programmi Operativi 2013-2015: Intervento 17.1 "Razionalizzazione della spesa farmaceutica ospedaliera".

Spesa farmaceutica ospedaliera. Attuazione Programmi Operativi 2013-2015: Intervento 17.1 Razionalizzazione della spesa farmaceutica ospedaliera. REGIONE PIEMONTE BU25S1 19/06/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 21 maggio 2014, n. 53-7644 Spesa farmaceutica ospedaliera. Attuazione Programmi Operativi 2013-2015: Intervento 17.1 "Razionalizzazione

Dettagli

La continuità assistenziale: il modello PAI. Divisione Oncologia Medica

La continuità assistenziale: il modello PAI. Divisione Oncologia Medica La continuità assistenziale: il modello PAI LIVIA DE SIO Divisione Oncologia Medica ACO A.C.O. SanFilippoNeriRoma RETE SANITARIA IN ONCOLOGIA: obiettivi Presa in carico del paziente in modo globale Riconoscimentoi

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. BERTOLI DANIELE Data di nascita 19/11/1960. Dirigente ASL I fascia - S.C. Cardiologia Clinica Riabilitativa,

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. BERTOLI DANIELE Data di nascita 19/11/1960. Dirigente ASL I fascia - S.C. Cardiologia Clinica Riabilitativa, INFORMAZIONI PERSONALI Nome BERTOLI DANIELE Data di nascita 19/11/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia ASL DI SPEZZINO Dirigente ASL I fascia - S.C. Cardiologia

Dettagli

Buona codifica e costo standard

Buona codifica e costo standard Buona codifica e costo standard Elena Cantù Le nuove linee guida per la corretta codifica delle SDO della Regione Veneto Verona, 16 aprile 2010 2 Quale significato hanno i costi standard nel dibattito

Dettagli

Terapia del dolore e cure palliative

Terapia del dolore e cure palliative Terapia del dolore e cure palliative { Legge 38/10 e alcuni dati sulla sua applicazione Dott. Angelo G. Virtuani Ordine dei Medici Chirurghi Monza Sabato 9 novembre 2013 Legge N.38 del 15/03/2010 - G.U.

Dettagli

Il Punto Senologico. Dott.ssa Elda Longhitano. 25 settembre 2009. Direttore di Presidio Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Modena

Il Punto Senologico. Dott.ssa Elda Longhitano. 25 settembre 2009. Direttore di Presidio Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Modena Il Punto Senologico Dott.ssa Elda Longhitano Direttore di Presidio Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Modena 25 settembre 2009 XIII Conferenza Nazionale della Rete HPH Ospedali e Servizi

Dettagli

DATI ANAGRAFICI DELLE STRUTTURE SANITARIE

DATI ANAGRAFICI DELLE STRUTTURE SANITARIE DATI ANAGRAFICI DELLE STRUTTURE SANITARIE Con il modello si intende costituire, al 1 gennaio 2007, l anagrafe delle strutture sanitarie pubbliche e private accreditate e delle strutture sociosanitarie

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITA DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA Aggiornamento delle Linee guida per la metodologia

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 1373 DEL 11/12/2015

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 1373 DEL 11/12/2015 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 1373 DEL 11/12/2015 OGGETTO: Screening della mammella definizione terzo round IL COMMISSARIO

Dettagli

Criticità liguri. Gabriella Paoli

Criticità liguri. Gabriella Paoli Criticità liguri Gabriella Paoli Cosa serve per poter applicare in Liguria programmi di prevenzione secondaria per il tumore eredo familiare della mammella? Normativa a supporto Competenze Organizzazione

Dettagli

Procedura di dimissione del paziente dalla U.O.C. Cardiologia III

Procedura di dimissione del paziente dalla U.O.C. Cardiologia III DIPATIMENTO PE LE MALATTIE DELL APPAATO CADIOCICOLATOIO U.O.C. Cardiologia III Procedura di dimissione del paziente dalla U.O.C. Cardiologia III Gruppo di Lavoro CPSE caposala: Antonella Astorino CPS Infermiere:

Dettagli

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Comando Provinciale di Lecco La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie Lecco, 16 Settembre 2015 La rete ospedaliera, nuovi modelli organizzativi

Dettagli

Sistema Sanitario della Regione Lombardia: la contabilità analitica a supporto della funzione di governo del SSR

Sistema Sanitario della Regione Lombardia: la contabilità analitica a supporto della funzione di governo del SSR Sistema Sanitario della Regione Lombardia: la contabilità analitica a supporto della funzione di governo del SSR Dott. Francesco Laurelli Regione Lombardia Direzione Generale Sanità Unità Organizzativa

Dettagli

7 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidence & Governance per la Sostenibilità della Sanità Pubblica. Integrazione ospedale-territorio

7 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidence & Governance per la Sostenibilità della Sanità Pubblica. Integrazione ospedale-territorio 7 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidence & Governance per la Sostenibilità della Sanità Pubblica Bologna, 17 febbraio 2012 Integrazione ospedale-territorio Sperimentazione di una rete di strutture a media

Dettagli

Il caso dell'azienda Ospedaliera Ca'Granda Niguarda di Milano

Il caso dell'azienda Ospedaliera Ca'Granda Niguarda di Milano Il caso dell'azienda Ospedaliera Ca'Granda Niguarda di Milano Dall'ospedale tradizionale all'intensità di cure: opportunità organizzative, criticità e gestione del cambiamento Ospedale Niguarda: carta

Dettagli

PATOLOGIA DELLA MAMMELLA

PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Pag. 1 di 5 Redazione: dott. G.Pellis dott. N.Lizza Verifica: Serena Di Caccamo Approvazione: Willy Pierre Mercante Pareri specialistici: Modifiche rispetto alla versione precedente: Aggiornamento Pag.

Dettagli

PIANO SANITARIO INTEGRATIVO FASI 2014

PIANO SANITARIO INTEGRATIVO FASI 2014 PIANO SANITARIO INTEGRATIVO FASI 2014 PIANO SANITARIO Integrativo Dirigenti Riservato agli iscritti al FONDO DI ASSISTENZA SANITARIA F.A.S.I. Le prestazioni previste nel presente Piano Sanitario sono integrative

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CONGEDO ORDINARIO ANNO 2005

PROGRAMMAZIONE CONGEDO ORDINARIO ANNO 2005 AZIENDA OSPEDALE - UNIVERSITA' Arcispedale Sant'Anna PROGRAMMAZIONE CONGEDO ORDINARIO ANNO 2005 L Azienda ritiene di confermare anche per l anno 2005 l obiettivo di procedere ad una tendenziale riduzione

Dettagli

Regioni e ospedali privati accreditati: quali meccanismi di governo e controllo?

Regioni e ospedali privati accreditati: quali meccanismi di governo e controllo? CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale Regioni e ospedali privati accreditati: quali meccanismi di governo e controllo? Elena Cantù Milano, 8 giugno 2011 Quali sistemi

Dettagli

Audizione presso la XII Commissione Igiene e Sanità Senato della Repubblica Roma, 31 Ottobre 2012

Audizione presso la XII Commissione Igiene e Sanità Senato della Repubblica Roma, 31 Ottobre 2012 Audizione presso la XII Commissione Igiene e Sanità Senato della Repubblica Roma, 31 Ottobre 2012 Dott. Maurizio Lera Direttore U.O.S. di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva Azienda ULS 12 Viareggio

Dettagli

MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE

MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE Consumi e manutenzioni di esercizio o non servizi per servizi non e erogazione

Dettagli

VALLE D'AOSTA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE

VALLE D'AOSTA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE VALLE D'AOSTA NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATA REGONALE AVVSO A LETTOR Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne il testo è comunque

Dettagli

PO XX. Procedura Operativa Ospedaliera GESTIONE DELLE AGENDE DI PRENOTAZIONE RICOVERI. Documento:PO/XX. Pagina 1 di 11 17/01/2008

PO XX. Procedura Operativa Ospedaliera GESTIONE DELLE AGENDE DI PRENOTAZIONE RICOVERI. Documento:PO/XX. Pagina 1 di 11 17/01/2008 Documento: Pagina 1 di 11 PO XX Procedura Operativa Ospedaliera GESTIONE DELLE AGENDE DI PRENOTAZIONE RICOVERI EMESSA DA DATA REDATTA DA VERIFICATA DA REVISIONE PARAGRAFO n PAGINA n MOTIVO DIREZIONE PILI

Dettagli

Documento 01 Tipologia di Prodotto/Servizio Day Hospital Medico

Documento 01 Tipologia di Prodotto/Servizio Day Hospital Medico Documento 01 Tipologia di Prodotto/Servizio Day Hospital Medico REVISIONE DATA REDATTO E ELABORATO APPROVATO FIRMA 0 27/04/2011 Coord.Infermieristico DH Medico Assungia Cora Direttore U.O.C. Medicina Generale

Dettagli

PIANO ANNUALE DI ATTIVITA RETE ONCOLOGICA REGIONALE. anno 2012

PIANO ANNUALE DI ATTIVITA RETE ONCOLOGICA REGIONALE. anno 2012 PIANO ANNUALE DI ATTIVITA RETE ONCOLOGICA REGIONALE anno Vista la delibera costitutiva della ROR (dicembre 2008) e considerate le finalità della rete oncologica come già espresse dal Piano Sanitario Regionale

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica

Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica Prescrizione: La responsabilità della corretta prescrizione è attribuita a: Medici di Medicina Generale che svolgono le visite domiciliari

Dettagli

S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza

S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza Dipartimento di Emergenza e Accettazione S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza Ospedale San Paolo di Savona Guida ai Servizi Tel. 019 8404963/964

Dettagli

L informatizzazione in ambiente sanitario: prospettive attuali e future

L informatizzazione in ambiente sanitario: prospettive attuali e future L informatizzazione in ambiente sanitario: prospettive attuali e future Dott. Pietro Paolo Faronato Direttore Generale Azienda ULSS 1 Belluno Padova, 27 settembre 2013 1 Verso la Sanità Digitale Sanità

Dettagli

Workshop Il trattamento del tumore della mammella Breast Unit

Workshop Il trattamento del tumore della mammella Breast Unit 2014 Motore Sanità: Il nuovo patto Stato-Regioni: tra tagli ed efficienza Milano 15.9.2014 Workshop Il trattamento del tumore della mammella Breast Unit Mario Saia Area Sanità e Sociale Direttore Generale

Dettagli

guida ai servizi di psichiatria adulti

guida ai servizi di psichiatria adulti Dipartimento di Salute Mentale guida ai servizi di psichiatria adulti del Dipartimento di Salute Mentale Copia Prodotta Internamente dal Servizio Informazione e Comunicazione Ausl Imola Luglio 2005 Suggerimenti,

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PER MANIFESTAZIONE INTERESSE

CAPITOLATO TECNICO PER MANIFESTAZIONE INTERESSE CAPITOLATO TECNICO PER MANIFESTAZIONE INTERESSE FORNITURA SOFTWARE GESTIONALE E MANUTENZIONE PER IL CONTROLLO AMMINISTRATIVO/SANITARIO DELLA ASSISTENZA SPECIALISTICA AMBULATORIALE E RICOVERI OSPEDALIERI

Dettagli

MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE

MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE Assistenza sanitaria collettiva in ambiente di vita e di lavoro servizi sanitari per servizi non sanitarie erogazione di sanitari 10100 Igiene e sanità pubblica 10200 Igiene degli alimenti e della nutrizione

Dettagli

MA 28. DAI NEUROSCIENZE UOC di PSICHIATRIA du Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE. Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 7. pag.

MA 28. DAI NEUROSCIENZE UOC di PSICHIATRIA du Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE. Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 7. pag. pag. 7 DAI NEUROSCIENZE UOC di PSICHIATRIA du Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 7 Inserire eventuali altri loghi appartenenti all UO (es. Università,

Dettagli

GLOSSARIO E DISPOSIZIONI OPERATIVE

GLOSSARIO E DISPOSIZIONI OPERATIVE GLOSSARIO E DISPOSIZIONI OPERATIVE GLOSSARIO ( Valide per tutti i piani sanitari relativamente alle forme di assistenza in essi previsti ) Franchigia/ scoperto Parte del danno indennizzabile, espressa

Dettagli

Breast Cancer Unit. ESPERIENZA della ASL5 Spezzino

Breast Cancer Unit. ESPERIENZA della ASL5 Spezzino Breast Cancer Unit ESPERIENZA della ASL5 Spezzino Breast Cancer Unit ASL5 MODELLO ORGANIZZATIVO: prevede che la paziente, fin dal primo contatto, venga accolta e guidata lungo un percorso appropriato,

Dettagli

L ospedale del futuro: siamo preparati? Massimo Laus Bologna

L ospedale del futuro: siamo preparati? Massimo Laus Bologna L ospedale del futuro: siamo preparati? Massimo Laus Bologna L ospedale del futuro Edilizia/tecnologia Logistica ( intensità di cura) Percorsi dei Pazienti Le nuove professioni sanitarie Responsabilità

Dettagli

Il problema dei farmaci

Il problema dei farmaci Presentazione del Manuale Gestione del Rischio Clinico e Sicurezza delle Cure negli Ambulatori dei MMG e PdF Roma, 16 marzo 2010 Auditorium Lungotevere Ripa, 1 Il problema dei farmaci Susanna Ciampalini

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 28 DEL 26 GIUGNO 2006

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 28 DEL 26 GIUGNO 2006 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 6 giugno 2006 - Deliberazione N. 737 - Area Generale di Coordinamento N. 20 - Assistenza Sanitaria - Regolamentazione farmaci di fascia H: modalita di prescrizione

Dettagli

Glossario. www.provincia.bz.it/oep Dati ondine Ricoveri ospedalieri Elaborazioni a cura dell Osservatorio Epidemiologico Provinciale)

Glossario. www.provincia.bz.it/oep Dati ondine Ricoveri ospedalieri Elaborazioni a cura dell Osservatorio Epidemiologico Provinciale) GLOSSARIO LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA Insieme di prestazioni e servizi che il Servizio sanitario nazionale è tenuto a fornire a tutti i cittadini, gratuitamente o dietro pagamento di una quota di

Dettagli

Assistenza Continuativa in Ematologia. Claudio Cartoni UOC Ematologia A.O. Policlinico Umberto I - Roma

Assistenza Continuativa in Ematologia. Claudio Cartoni UOC Ematologia A.O. Policlinico Umberto I - Roma Assistenza Continuativa in Ematologia Claudio Cartoni UOC Ematologia A.O. Policlinico Umberto I - Roma I BISOGNI Le persone affette da malattie oncologiche ematologiche e le loro famiglie presentano bisogni

Dettagli

Assetti di Governance dei Servizi Territoriali. Le cure primarie: Il caso della ASL di L Aquila

Assetti di Governance dei Servizi Territoriali. Le cure primarie: Il caso della ASL di L Aquila Assetti di Governance dei Servizi Territoriali Le cure primarie: Il caso della Introduzione Profilo Aziendale Indice Il Governo dei servizi territoriali: la scelta dell Il modello di Programmazione e Controllo

Dettagli

OBIETTIVI ASSEGNATI DALLA REGIONE ALLE AZIENDE OSPEDALIERE PER L'ANNO 2012

OBIETTIVI ASSEGNATI DALLA REGIONE ALLE AZIENDE OSPEDALIERE PER L'ANNO 2012 OBIETTIVI ASSEGNATI DALLA REGIONE ALLE AZIENDE OSPEDALIERE PER L'ANNO 2012 Obiettivo: Gestione del paziente cronico Al fine di rafforzare la continuità assistenziale nella gestione dei pazienti con patologie

Dettagli