Immatricolazioni e collaudi di veicoli alimentati a GPL e Metano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Immatricolazioni e collaudi di veicoli alimentati a GPL e Metano 1998 2008"

Transcript

1 La qualificazione delle officine di installazione impianti GPL e Metano Alessandro Tramontano Direttore Consorzio Ecogas

2 Immatricolazioni e collaudi di veicoli alimentati a GPL e Metano GPL (coll. + immat.) Metano (coll. + immat.) GPL collaudi Metano collaudi I dati sono estratti ed elaborati dal Consorzio Ecogas dai file prodotti dal CED della Motorizzazione.

3 Collaudi GPL e metano suddivisi per U.T.T. ( Anno 2008) Località Numero collaudi GPL Numero collaudi metano Località Numero collaudi GPL Numero collaudi metano Località Numero collaudi GPL Numero collaudi metano AG AGRIGENTO GE GENOVA PZ POTENZA AL ALESSANDRIA GO GORIZIA 69 0 RA RAVENNA AN ANCONA GR GROSSETO RC REGGIO CALABRIA AO AOSTA 81 1 IM IMPERIA RE REGGIO EMILIA AP ASCOLI PICENO IS ISERNIA RG RAGUSA AQ L'AQUILA KR CROTONE RI RIETI AR AREZZO LC LECCO RM ROMA AT ASTI LE LECCE RN RIMINI AV AVELLINO LI LIVORNO RO ROVIGO BA BARI LO LODI SA SALERNO BG BERGAMO LT LATINA SI SIENA BI BIELLA LU LUCCA SO SONDRIO BL BELLUNO MC MACERATA SP LA SPEZIA BN BENEVENTO ME MESSINA SR SIRACUSA BO BOLOGNA MI MILANO SS SASSARI BR BRINDISI MN MANTOVA SV SAVONA BS BRESCIA MO MODENA TA TARANTO BZ BOLZANO MS MASSA CARRARA TE TERAMO CA CAGLIARI MT MATERA TN TRENTO CB CAMPOBASSO NA NAPOLI TO TORINO CE CASERTA NO NOVARA TP TRAPANI CH CHIETI NU NUORO 83 0 TR TERNI CL CALTANISSETTA OR ORISTANO TS TRIESTE 45 0 CN CUNEO PA PALERMO TV TREVISO CO COMO PC PIACENZA UD UDINE CR CREMONA PD PADOVA VA VARESE CS COSENZA PE PESCARA VB VERBANIA CT CATANIA PG PERUGIA VC VERCELLI CZ CATANZARO PI PISA VE VENEZIA EN ENNA PN PORDENONE VI VICENZA FE FERRARA PO PRATO VR VERONA FG FOGGIA PR PARMA VT VITERBO FI FIRENZE PS PESARO VV VIBO VALENTIA FO FORLI' PT PISTOIA FR FROSINONE PV PAVIA ITALIA U.T.T. U.T.T. U.T.T.

4 Collaudi GPL e Metano nelle aree metropolitane anno 2008 Aree Metropolitane (circa abitanti) ROMA NAPOLI TORINO MILANO BOLOGNA VERONA PADOVA VENEZIA MODENA REGGIO EMILIA BRESCIA BARI PALERMO FIRENZE PERUGIA PARMA TARANTO CAGLIARI CATANIA FOGGIA MESSINA LIVORNO GENOVA REGGIO CALABRIA SIRACUSA TRIESTE Collaudi GPL nelle aree metropolitane rispetto al totale Italia altri 41,69% collaudi GPL Aree Metropolitane collaudi (circa abitanti) metano BOLOGNA PERUGIA PARMA NAPOLI BARI VERONA REGGIO EMILIA FOGGIA FIRENZE PADOVA MODENA ROMA CATANIA VENEZIA BRESCIA TORINO LIVORNO GENOVA TARANTO MILANO PALERMO SIRACUSA MESSINA CAGLIARI REGGIO CALABRIA 0 45 TRIESTE 0 aree metr. 58,31% Collaudi Metano nelle aree metropolitane rispetto al totale Italia altri 61,36% aree metr. 38,64% Collaudi Metano nelle aree metropolitane Anno 2008 BARI NAPOLI VERONA Collaudi GPL nelle aree metropolitane Anno 2008 BOLOGNA MILANO REGGIO EMILIA PARMA VERONA PADOVA FOGGIA VENEZIA PERUGIA FIRENZE PADOVA MODENA ROMA CATANIA VENEZIA BRESCIA TORINO LIVORNO BOLOGNA MODENA REGGIO EMILIA BRESCIA BARI PALERMO FIRENZE PERUGIA PARMA TARANTO TORINO NAPOLI ROMA

5 Veicoli omologati, trasformati, trasformati prima dell immatricolazione Anno: 2007 omologati trasformati prima della immatricolazione collaudati dopo la immatricolazione Benzina - Benzina GPL - Metano Me etano GPL Me etano GPL Me etano Anno : 2007 Italia Anno: 2008 omologati trasformati prima della immatricolazione collaudati dopo la immatricolazione GPL - Benz zina Metano - Ben nzina Metano GPL Metano GPL Metano Anno: Italia

6 Veicoli trasformati a GPL e metano rispetto all anno d immatricolazione del veicolo Collaudi dimetano anno 2008 Anno Immat. Veicolo Collaudi % su Tot. Prima del ,47% ,46% % 7,38% ,96% ,75% ,40% ,57% ,81% ,37% ,82% Totale complessivo ,00% 2007; 8,37% 2006; 3,81% 2005; 3,57% 2004; 3,40% 2003; 4,75% 2002; 5,96% 2001; 7,38% 2008; 11,82% 2000; 7,46% Prima del 2000; 43,47% Collaudi GPL anno 2008 Anno Immat. Veicolo Collaudi % su Tot. Prima del ,54% % 5,76% ,41% ,76% 2007; 8,95% ,10% ,19% 2006; 4,26% ,69% ,26% ,95% ,34% Totale complessivo ,00% 2005; 3,69% 2008; 23,34% 2004; 3,19% 2003; 4,10% 2002; 4,76% 2001; 5,41% Prima del 2000; 36,54% 2000; 5,76%

7 Veicoli omologati, trasformati, trasformati prima dell immatricolazione IV trim GPL - Benzina omologati Metano - Benzina IV trim Categoria (N1) Meta ano trasformati prima della immatricolazione GP PL Meta ano collaudati dopo la immatricolazionei i GP PL Meta ano Cate egoria (N1) Italia IV trim Categoria (N1 M1) ina GPL - Benz omologati Metano - Ben nzina Metano trasformati prima della immatricolazione GPL Metano collaudati dopo la immatricolazione GPL Metano Categoria a (N1 M1) Italia

8 Veicoli immatricolati e trasformati tutte le alimentazioni anno 2007 anno 2008 Alimentazione % su totale % su totale % anno 2008 su anno 2007 Diesel ,63% ,28% -21,24% Benzina ,63% ,77% -9,88% Benzina + Metano; Esclusivamente Metano Trasformat. Prima dell'immatric. A Metano ,41% ,58% 33,38% 166 0,01% 156 0,01% -6,02% Benzina + GPL ,50% ,37% 325,32% Trasformat. Prima dell'immatric. A GPL ,55% ,68% 10,41% Trasformati a Metano ,06% ,41% 18,86% Trasformati a GPL ,07% ,76% 29,56% Benzina + Elettrico ,13% ,14% -3,33% Benzina + Etanolo 6 0,00% 95 0,00% 1483,33% Diesel + Elettrico 11 0,00% 17 0,00% 54,55% Elettrico 23 0,00% 126 0,01% 447,83% Totale ,20% Totale auto a gas ,60% ,80% 42,30%

9 Veicoli immatricolati e trasformati tutte le alimentazioni anno 2007 anno 2008 Alimentazione % su totale % su totale Diesel ,63% ,28% Benzina ,63% ,77% GPL (Immatricol. + Trasformazioni) Metano (Immatricol. + Trasformazioni) ,13% ,81% ,48% ,99% Benzina + Elettrico ,13% ,14% Benzina + Etanolo 6 0,00% 95 0,00% Diesel + Elettrico 11 0,00% 17 0,00% Elettrico 23 0,00% 126 0,01% Totale

10 Prenotazioni veicoli MSE 2009 GPL (350) METANO (500) GPL (500) METANO (650) ,67% 3,69% 61,27% 5,37% Totale GPL ,94% Totale Metano ,06% Totale Pren ,00% Utilizzo del fondo 27,87% Totale Importo Importo Impegnato % fondo impegnato 27,87% Categoria N. Prenotazioni % OFFICINE ,73% CONCESSIONARIE ,27% 72,13% % fondo impegnato % fondo residuo Ripartizione prenotazioni Prenotazioni GPL / Metano Ripartizione per operatore 28,27% ,73% GPL (350) METANO (500) GPL (500) METANO (650) Totale GPL Totale Metano OFFICINE CONCESSIONARIE

11 Prenotazioni veicoli MSE 2009 Data N. Prenot. settimane 02/01/ /01/ /01/ /01/ /01/ prima settimana 07/01/ /01/ /01/ /01/ /01/ riferimento 12/01/ /01/ /01/ /01/ /01/ /01/ seconda settimana 18/01/ ,22% 19/01/ /01/ /01/ /01/ /01/ /01/ na terza settiman 25/01/ ,19% 26/01/ /01/ /01/ /01/ /01/ /01/ quarta ettimana 01/02/ ,22% 02/02/ /02/ /02/ /02/ /02/ /02/ se quinta settimana 08/02/ ,95% 09/02/ /02/ sesta settimana 11/02/ /02/ /02/ /02/ /02/ ,11% 16/02/2009 / /02/ /02/ /02/ /02/ /02/ /02/ ,37% 23/02/ /02/ settima settimana ava mana 25/02/2009 / /02/ /02/ /02/ /03/ ,65% otta settim Data N. Prenot. settimane 02/03/ /03/ /03/ /03/ /03/ /03/ /03/ ,73% 09/03/ /03/ /03/ /03/ /03/ /03/ nona settimana cima mana dec settim 15/03/ ,60% 16/03/ /03/ /03/ /03/ undicesima settimana 20/03/ ore 16,00 21/03/ /03/ ,14% otazioni N. pren Primo mese Secondo mese Terzo mese (parziale)

12 Prenotazioni veicoli MSE 2009 PROVINCIA N. Pren. % su Tot. Circol. Benz % N. pren su benzina Circol Gas ( Gpl+Met) % N. pren su Gas Numero aderenti Pren. per aderenti PROVINCIA N. Pren. % su Tot. Circol. Benz % N. pren su benzina Circol Gas ( Gpl+Met) AGRIGENTO 46 0,09% 09% ,06% 06% ,67% 14 3,33 MESSINA 167 0,31% ,06% 06% ,18% 25 6,7 ALESSANDRIA 533 0,99% ,32% ,49% 41 13,0 MILANO ,07% ,18% ,55% ,1 ANCONA 815 1,52% ,50% ,52% 103 7,9 MODENA ,00% ,41% ,43% 82 13,1 AOSTA 33 0,06% ,04% 753 4,38% 6 5,5 NAPOLI ,66% ,36% ,06% ,9 AREZZO 584 1,09% ,44% ,49% 38 15,4 NOVARA 332 0,62% ,22% ,56% 30 11,1 ASCOLI PICENO 513 0,96% ,38% ,99% 58 8,8 NUORO 4 0,01% ,01% ,30% 6 0,7 ASTI 147 0,27% ,17% ,24% 12 12,3 ORISTANO 20 0,04% ,03% ,92% 14 1,4 AVELLINO 213 0,40% ,16% ,79% 23 9,3 PADOVA ,71% ,44% ,79% 161 9,0 BARI ,07% ,23% ,52% 115 9,6 PALERMO 673 1,25% ,14% ,15% 104 6,5 BELLUNO 98 0,18% ,13% ,05% 15 6,5 PARMA 641 1,19% ,45% ,57% 48 13,4 BENEVENTO 137 0,26% ,16% ,64% 17 8,1 PAVIA 477 0,89% ,24% ,86% 43 11,1 BERGAMO ,21% ,32% ,74% 92 12,9 PERUGIA 709 1,32% ,29% ,80% 85 8,3 BIELLA 100 0,19% ,12% ,78% 15 6,7 PESARO E URBINO 478 0,89% ,35% ,46% 67 7,1 BOLOGNA ,14% ,64% ,00% ,0 PESCARA 240 0,45% ,21% ,38% 41 5,9 BOLZANO 129 0,24% ,08% ,98% 29 4,4 PIACENZA 390 0,73% ,40% ,58% 29 13,4 BRESCIA ,17% ,27% ,56% ,5 PISA 447 0,83% ,28% ,99% 41 10,9 BRINDISI 143 0,27% ,10% ,32% 26 5,55 PISTOIA 375 0,70% ,32% ,33% 30 12,5 CALTANISSETTA 27 0,05% ,01% ,36% 34 0,8 PORDENONE 140 0,26% ,11% ,20% 19 7,4 CAGLIARI 119 0,22% ,12% ,91% 7 17,0 POTENZA 236 0,44% ,19% ,72% 31 7,6 CAMPOBASSO 97 0,18% ,14% ,32% 23 4,2 PRATO 179 0,33% ,17% ,77% 26 6,9 CASERTA 536 1,00% ,19% ,86% 48 11,2 RAGUSA 76 0,14% ,06% ,44% 22 3,5 CATANIA 486 0,91% ,10% ,13% 72 6,8 RAVENNA ,20% ,87% ,54% 79 15,0 CATANZARO 79 0,15% ,06% ,77% 18 4,4 REGGIO CALABRIA 45 0,08% ,02% ,68% 13 3,5 CHIETI 233 0,43% ,17% ,97% 38 6,1 REGGIO EMILIA ,92% ,57% ,92% 61 16,9 COMO 171 0,32% ,07% 07% ,10% 39 4,44 RIETI 122 0,23% ,20% ,49% 22 5,55 COSENZA 86 0,16% ,04% ,85% 21 4,1 RIMINI 461 0,86% ,40% ,90% 45 10,2 CREMONA 280 0,52% ,23% ,51% 33 8,5 ROMA ,07% ,26% ,19% 586 7,4 CROTONE 29 0,05% ,06% ,25% 3 9,7 ROVIGO 316 0,59% ,41% ,60% 51 6,2 CUNEO 604 1,13% ,28% ,60% 67 9,0 SALERNO 618 1,15% ,17% ,17% 109 5,7 ENNA 14 0,03% ,02% ,53% 7 2,0 SASSARI 55 0,10% ,04% ,55% 11 5,0 FERRARA 909 1,69% ,73% ,12% 85 10,7 SAVONA 48 0,09% ,04% ,94% 11 4,4 FIRENZE ,38% ,33% ,66% ,2 SIENA 142 0,26% ,13% ,47% 25 5,7 FOGGIA 284 0,53% ,16% ,50% 38 7,5 SIRACUSA 47 0,09% 09% ,03% 03% ,86% 24 2,0 FORLI' 878 1,64% ,63% ,36% 73 12,0 SONDRIO 23 0,04% ,03% 600 3,83% 12 1,9 FROSINONE 470 0,88% ,26% ,09% 67 7,0 TARANTO 142 0,26% ,08% ,17% 33 4,3 GENOVA 190 0,35% ,06% ,99% 31 6,1 TERAMO 276 0,51% ,26% ,16% 26 10,6 GORIZIA 7 0,01% ,01% 314 2,23% 2 3,5 TERNI 361 0,67% ,40% ,50% 33 10,9 GROSSETO 168 0,31% ,20% ,05% 23 7,3 TORINO ,66% ,34% ,76% ,6 IMPERIA 30 0,06% ,03% 962 3,12% 6 5,0 TRAPANI 84 0,16% ,05% ,26% 21 4,0 ISERNIA 13 0,02% ,04% ,67% 6 2,2 TRENTO 131 0,24% ,08% ,54% 27 4,9 LA SPEZIA 85 0,16% ,11% ,58% 8 10,6 TREVISO ,62% ,44% ,98% 96 14,6 L'AQUILA 216 0,40% ,20% ,41% 21 10,3 TRIESTE 15 0,03% ,01% 452 3,32% 7 2,1 LATINA 478 0,89% ,25% ,11% 57 8,4 UDINE 129 0,24% ,05% ,18% 25 5,2 LECCE 465 0,87% ,16% ,93% 82 5,7 VARESE 501 0,93% ,13% ,77% 60 8,4 LECCO 225 0,42% ,17% ,70% 28 8,0 VENEZIA ,32% ,44% ,35% ,6 LIVORNO 183 0,34% ,14% ,05% 22 8,3 VERBANIA 90 0,17% ,13% ,30% 8 11,3 LODI 198 0,37% ,27% ,69% 16 12,4 VERCELLI 155 0,29% ,21% ,16% 16 9,7 LUCCA 392 0,73% ,24% ,25% 38 10,3 VERONA ,34% ,57% ,28% ,4 MACERATA 336 0,63% ,32% ,24% 49 6,9 VIBO VALENZIA 8 0,01% 01% ,01% 01% ,39% 3 2,7 MANTOVA 573 1,07% ,39% ,42% 50 11,5 VICENZA 992 1,85% ,31% ,60% 117 8,5 MASSA CARRARA 264 0,49% ,34% ,06% 15 17,6 VITERBO 325 0,61% ,27% ,91% 27 12,0 MATERA 38 0,07% ,06% ,12% 11 3,5 Non assegnata 6 0,01% ITALIA ,00% ,24% ,78% ,7 % N. pren su Gas Numero aderenti Pren. per aderenti

13 Prenotazioni veicoli MSE regione Veneto 2009 % N. pren Circol Gas % N. pren Numero Pren. per PROVINCIA N. Pren. % su Tot. Circol. Benz su benzina ( Gpl+Met) su Gas aderenti aderenti Belluno 98 0,18% ,13% ,05% 15 6,5 Padova % 2,71% % 0,44% % 3,79% ,0 Rovigo 316 0,59% ,41% ,60% 51 6,2 Treviso ,62% ,44% ,98% 96 14,6 Venezia ,32% ,44% ,35% ,6 Verona ,34% ,57% ,28% ,4 Vicenza 992 1,85% ,31% ,60% 117 8,5 Veneto ,61% ,42% ,59% ,0 Italia ,00% ,24% ,78% ,7 Prenotazioni per aderenti 16,0 14,6 14,0 12,0 10,6 10,4 10,0 9,0 10,0 8,5 9,7 8,0 6,5 6,2 6,0 4,0 2,0 0,0 Belluno Padova Rovigo Treviso Venezia Verona Vicenza Veneto Italia

14 Codice della Strada Proposta di legge Semplificazione delle procedure relative alla modifica delle caratteristiche costruttive dei veicoli a motore

15 Codice della Strada Proposta di legge Semplificazione delle procedure relative alla modifica delle caratteristiche costruttive dei veicoli a motore Le modifiche delle caratteristiche costruttive, limitatamente ai veicoli in circolazione delle categorie internazionali L, M1 e N1, sono consentite senza preventivo nulla osta della casa costruttrice del veicolo e senza visita e prova presso i competenti uffici delle direzioni generali territoriali del Dipartimentoper per i trasporti terrestri e del trasporto intermodale del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti della Direzione generale per la Motorizzazione qualora vengano rispettate le seguenti condizioni:

16 Codice della Strada Proposta di legge Semplificazione delle procedure relative alla modifica delle caratteristiche costruttive dei veicoli a motore Ciascun componente. La ditta che procede alla modifica deve essere certificata ai sensi di opportune specifiche norme tecniche prodotte emanate dall ente di unificazione nazionale o europeo ed adottate dal Dipartimento per i Trasporti Terrestri e del trasporto intermodale del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, contenenti requisiti riguardanti le competenze professionali e le strutture tecniche necessarie all esecuzione delle specifiche operazioni di modifica. Al termine dei lavori la ditta suddetta è tenuta a rilasciare al committente una dichiarazione di conformità attestante il rispetto della legislazione tecnica vigente in materia e del sopracitato manuale d installazione fornitogli dal costruttore del componente o insieme di componenti. Tale dichiarazione di conformità deve essere allegata alla richiesta di aggiornamento della carta di circolazione;. L'aggiornamento della carta di circolazione è effettuato dagli uffici della Direzione generale per la motorizzazione.

17 Codice della Strada Relazione allegata Semplificazione delle procedure relative alla modifica delle caratteristiche costruttive dei veicoli a motore La proposta di semplificazione di cui alla lettera aa) è basata sul principio che l installazione di un componente o insieme di componenti che abbia subito un processo di verifica specifico e completo da parte di una autorità di omologazione a ciò preposta e che sia installato da un ditta all uopo certificata possa essere posta sullo stesso piano di una operazione realizzata in originale. Le condizioni essenziali affinché un tale processo realizzato in post vendita sia assimilabile ad uno identico effettuato in fase di costruzione e montaggio del veicolo originale sono le seguenti: Componenti. Omologazioni... la ditta che procede alla modifica sia certificata in base a specifici standard tecnici che ne qualifichino le competenze professionali oltre che il possesso delle necessarie strutture tecniche; che la stessa ditta emetta un dichiarazione di conformità attestante il rispetto delle norme di settore e del manuale d installazione del costruttore.

18 Codice della Strada Relazione allegata Semplificazione delle procedure relative alla modifica delle caratteristiche costruttive dei veicoli a motore La conformità di produzione sarà assicurata attraverso il sistema di omologazione/controllo di conformità dei componenti o insieme di componenti mentre quella d installazione sarà rilasciata dall installatore specializzato ed attesterà il rispetto sia di tutte le normative applicabili che del manuale d installazione prodotto dal costruttore. E quindi certa la tracciabilità delle responsabilità dei singoli soggetti della filiera così come avviene nel caso di veicoli e/o componenti nuovi originali. Secondo la nostra esperienza, maturata in questi anni in una attività così intensa, un siffatto sistema omologativo e di montaggio non può ingenerare i pericoli paventati di alcuni soggetti intervenuti prima di noi nell ambito di questa indagine conoscitiva poiché si tratta di una semplificazione burocratica che sarebbe compensata da una regolamentazione tecnica più stringente di quella attuale.

19 Codice della Strada Relazione allegata Semplificazione delle procedure relative alla modifica delle caratteristiche costruttive dei veicoli a motore L espressione fai da te è infatti attribuibile a qualunque prodotto industriale, se ci si vuole riferire alla piena libertà decisionale che le imprese hanno nelle scelte progettuali e nei processi produttivi, mentre la stessa espressione non si addice a prodotti che sono soggetti ad una approvazione preventiva da parte delle autorità, sono sottoposti ad una verifica di conformità, sono installati da operatori qualificati e possono essere assoggettati ad ogni eventuale azione di controllo durante l uso. La proposta si riduce, pertanto, ad una semplificazione solo di ordine amministrativo in quanto i c.d. collaudi in unico esemplare eseguiti dagli uffici provinciali non possono essere, per propria natura, adeguatamente approfonditi e rimangono, quindi, poco più che un impegno burocratico per il quale l amministrazione si prende la responsabilità in solido con l operatore del corretto e sicuro intervento di modifica, la cui effettiva validità tecnica continua, invece, a risiedere solo nella bontà delle apparecchiature installate e nelle capacità e nelle competenze dell installatore.

20 Codice della Strada Relazione allegata Semplificazione delle procedure relative alla modifica delle caratteristiche costruttive dei veicoli a motore E è proprio a tal fine che la proposta di norma tende a irrobustire gli standard qualitativi delle apparecchiature e delle figure professionali autorizzate a effettuare il loro montaggio. Inoltre, la semplificazione delle vigenti procedure di collaudo avrà perfino il merito di responsabilizzare maggiormente l esecutore della modifica, con un conseguente beneficio dal punto di vista della sicurezza reale.

21 Codice della Strada Audizione Semplificazione delle procedure relative alla modifica delle caratteristiche costruttive dei veicoli a motore Gli interventi di conversione a gas sono realizzati da circa officine specializzate sparse uniformemente su tutto il territorio nazionale, che hanno trovato in questa occupazione un importante fonte di sostentamento anche a compensazione di una sempre più esigua attività di manutenzione e riparazione delle auto nei periodi coperti da garanzia, interventi che sono di fatto appannaggio delle sole officine autorizzate dei costruttori di automobili. A nostro avviso, però, la facilitazione delle pratiche di collaudo dovrebbero essere compensate da maggiori certezze sul fronte delle omologazioni dei prodotti e delle relative certificazioni di conformità, nonché su una maggiore responsabilizzazione degli operatori ultimiche procedono alla modifica dell auto auto, cioèi i c.d. installatori. A tal proposito, si evidenzia che sia per il GPL che per il metano per autotrazione esistono molteplici normative tecniche nazionali ed internazionali che ne regolamentano tanto gli aspetti di sicurezza quanto quelli ambientali.

22 La qualificazione delle officine di installazione impianti GPL e Metano Alessandro Tramontano Direttore Consorzio Ecogas

CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA

CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA Area di Agrigento (Sicilia) AG CDL CATANIA Alessandria (Piemonte) AL CDL MILANO Ancona (Marche) AN CDL PADOVA Aosta (Valle d'aosta) AO CDL MILANO Arezzo (Toscana) AR CDL ROMA

Dettagli

Gli Uffici delle Dogane. Province di competenza

Gli Uffici delle Dogane. Province di competenza ti trovi in: Home - Agenzia - Uffici - Indirizzi e Organigramma periferico - Uffici Dogane Gli Uffici delle Dogane Gli Uffici delle Dogane Regione Abruzzo Basilicata Campania Dogane Avezzano Pescara Potenza

Dettagli

AGRIGENTO Ass. Amministrativo 584 561 23 2 ALESSANDRIA Ass. Amministrativo 332 307 25 2 ANCONA Ass. Amministrativo 451 380 71 5 AREZZO Ass. Amministrativo 337 270 67 5 ASCOLI PICENO Ass. Amministrativo

Dettagli

2015: RADIAZIONI AUTOVETTURE SECONDO LA CLASSE EURO (Val. %)

2015: RADIAZIONI AUTOVETTURE SECONDO LA CLASSE EURO (Val. %) Roma, 6 novembre 2015 MERCATO AUTOVEICOLI ACI: RALLENTA AD OTTOBRE IL MERCATO DELLE AUTO USATE MENTRE PER I MOTOCICLI SI REGISTRA UN CALO DEL 9% Rallenta, ma non si ferma, nel mese di ottobre il trend

Dettagli

Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 2011

Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 2011 GRAFICI STATISTICI Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 211 RAMI VITA - Premi lordi contabilizzati per ramo di attività e per tipologia di premio: 73.869 milioni di euro Malattia,

Dettagli

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute ABRUZZO Case di cura / Ospedali / Day-Surgery CHIETI e provincia L'AQUILA e provincia PESCARA e provincia Centri diagnostici /Poliambulatori/Studi

Dettagli

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso Chieti L'Aquila Pescara Teramo Matera Potenza Catanzaro Cosenza Crotone 3 7 3 5 6 4 5 7 6 A03 CHIMICA E TECNOLOGIE CHIMICHE A06 COSTRUZIONI E TECNICO A07 DISCIPLINE ECONOMICO-AZIENDALI 3 A09 DISCIPLINE

Dettagli

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO -

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO Previnet è in grado di mettere a disposizione dei propri clienti un network

Dettagli

AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco

AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco http://www.agimeg.it/?p=2768 AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco Giochi 2012, Milano la provincia dove si è giocato di più. In sole 4 province finisce il 25% delle giocate Sul podio anche

Dettagli

Abruzzo Chieti 2 Abruzzo L' Aquila 2 Abruzzo Pescara 0 Abruzzo Teramo Totale Abruzzo. 12 Basilicata Matera 0 Basilicata Potenza Totale Basilicata

Abruzzo Chieti 2 Abruzzo L' Aquila 2 Abruzzo Pescara 0 Abruzzo Teramo Totale Abruzzo. 12 Basilicata Matera 0 Basilicata Potenza Totale Basilicata Mobilità professionale personale ATA profilo professionale DSGA Destinatari dei corsi di di cui all'art. 7 CCNI 3.12.29 - art. 1, comma 2, sequenza contrattuale 25.7.28 - (ex art. 48 CCNL/27) DSGA Personale

Dettagli

ENTE BILATERALE TURISMO GARDESANO. Attività Formativa 1999-2008

ENTE BILATERALE TURISMO GARDESANO. Attività Formativa 1999-2008 Attività Formativa 0 CORSI ANNO ANNO ANNO ANNO ANNO ANNO ANNO ANNO ANNO ANNO NUMERO NUMERO 00 01 02 03 04 05 06 07 0 CORSI PARTECIPANTI IGIENE ALIMENTARE X X 2 37 RESPONSABILE SICUREZZA LAVORO X X 2 AREA

Dettagli

Assemblea dei Delegati di Coopersalute

Assemblea dei Delegati di Coopersalute Assemblea dei Delegati di Coopersalute Firenze, 21 giugno 2010 Villa Vittoria Firenze Fiera TOTALE ISCRITTI febbraio 2010 54.568 ISCRITTI ISCRITTI in percentuale suddivisi per regione di residenza febbraio

Dettagli

Software Ecodev D Visura tramite SMS: Istruzioni e modalità di utilizzo

Software Ecodev D Visura tramite SMS: Istruzioni e modalità di utilizzo Software Ecodev D Visura tramite SMS: Istruzioni e modalità di utilizzo Il servizio Visure PRA per gli Autodemolitori si arricchisce di una nuova funzione, visure tramite SMS, che accelera la verifica

Dettagli

SINTESI CONVENZIONE I DETTAGLI DELLA CONVENZIONE

SINTESI CONVENZIONE I DETTAGLI DELLA CONVENZIONE SINTESI CONVENZIONE Intesa Sanpaolo e Confcommercio Imprese per l Italia hanno rinnovato l Accordo, fissando condizioni di assoluto rilievo su POS e ANTICIPO TRANSATO POS, per le imprese associate. Novità

Dettagli

1,5% Infrastrutture di base Indice di infrastrutture economiche

1,5% Infrastrutture di base Indice di infrastrutture economiche PRATO Valori medi 21-25 della media 1999-23 e 2-24. (Italia = 1) Umano e le politiche per migliorare il (Siemens-Ambrosetti, 23) Lucca, Siena, PratoArezzo, Livorno Massa Carrara, Pistoia Pisa Grosseto

Dettagli

FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI

FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI ABRUZZO - MOLISE UFFICIO ISPETTIVO DI PESCARA Pescara, Chieti, L'Aquila, Teramo, Campobasso, Isernia Via Latina n.7 -. 65121 Pescara Telefono 06 5793.3110

Dettagli

Fermo Potenza Firenze Prato Fonte: UIL Servizio Politiche Territoriali

Fermo Potenza Firenze Prato Fonte: UIL Servizio Politiche Territoriali LA MAPPA DELLE CITTA DOVE IL 16 OTTOBRE SI PAGHERA L ACCONTO TASI CITTA CITTA CITTA Agrigento Foggia Ragusa Alessandria Gorizia Ravenna Ascoli Piceno Grosseto Reggio Calabria Asti Imperia Rieti Avellino

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I contratti di rete Il monitoraggio sui Contratti di rete di Unioncamere, su dati Infocamere, mette in

Dettagli

3) Contributi integrativi volontari di cui all art.4 del D.P.R. N.1432/1971. a) Operai agricoli a tempo determinato;

3) Contributi integrativi volontari di cui all art.4 del D.P.R. N.1432/1971. a) Operai agricoli a tempo determinato; Versamenti volontari del settore agricolo - Anno 2005 (Inps, Circolare 29 luglio 2005 n. 98) Si illustrano di seguito le modalità di calcolo, per l anno in corso, dei contributi volontari relative alle

Dettagli

Competenza territoriale per le province di Ancona, Ascoli Piceno, Pesaro e Urbino, Macerata,

Competenza territoriale per le province di Ancona, Ascoli Piceno, Pesaro e Urbino, Macerata, ALESSANDRIA Competenza territoriale per le province di Alessandria, Asti Via A. Gramsci, 2 15121 Alessandria Tel. 0131/316265 e-mail: alessandria.r.dipartimento@inail.it-posta certificata: alessandriaricerca@postacert.inail.it

Dettagli

SCHEDA DI ADESIONE AL PROGETTO LINGUE 2000 ANNO SCOLASTICO 2000/2001 (da inviare al Provveditorato entro il 30/09/2000)

SCHEDA DI ADESIONE AL PROGETTO LINGUE 2000 ANNO SCOLASTICO 2000/2001 (da inviare al Provveditorato entro il 30/09/2000) Lettera circolare n 195/2000 Allegato 1/1 SCHEDA DI ADESIONE AL PROGETTO LINGUE 2000 ANNO SCOLASTICO 2000/2001 (da inviare al Provveditorato entro il 30/09/2000) 1. DATI GENERALI DELLA SCUOLA DATI ANAGRAFICI

Dettagli

Elenco dei numeri dei conti correnti "Poste italiane Proventi di Filiale..." da utilizzare per l'acquisto di Stampati con recapito a domicilio

Elenco dei numeri dei conti correnti Poste italiane Proventi di Filiale... da utilizzare per l'acquisto di Stampati con recapito a domicilio AGRIGENTO 306928 POSTE ITALIANE SPA FILIALE AGRIGENTO - PROVENTI DI FILIALE IT75P0760116600000000306928 ALBA 15674286 POSTE ITALIANE SPA FILIALE ALBA PROVENTI FILIALE IT89P0760110200000015674286 ALESSANDRIA

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Prospetto Informativo on line Ricevuta del prospetto Soggetto che effettua la comunicazione 011 - Consorzi e Gruppi di imprese (art. 31, d.lgs. 276/2003)

Dettagli

cmg FIRE ATTITUDE ABRUZZO BASILICATA ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo

cmg FIRE ATTITUDE ABRUZZO BASILICATA ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo ABRUZZO ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo Tel.: 338 7339896 mail: fabrizio.andriano@gmail.com BASILICATA DANIELE RAFFAELE & FIGLI sas Provincia: Potenza Tel.: 335 6226928 mail:

Dettagli

OGGETTO: Verbale di Accordo del 16 luglio 2009 - inserimenti sportelleria.

OGGETTO: Verbale di Accordo del 16 luglio 2009 - inserimenti sportelleria. Risorse Umane ed Organizzazione Relazioni Industriali Alle Segreterie Nazionali delle OO.SS. SLC-CGIL SLP-CISL UIL-POST FAILP-CISAL CONFSAL. COM.NI UGL-COM.NI Roma, 2 dicembre 2009 OGGETTO: Verbale di

Dettagli

SINTESI DELLO STUDIO

SINTESI DELLO STUDIO SINTESI DELLO STUDIO CARO AFFITTI E COSTO PER LA CASA: DIFFICOLTA DA RISOLVERE Maggio 2009 Nel II semestre 2008 le famiglie italiane per pagare l affitto della casa in cui vivono hanno impiegato il 26,4%

Dettagli

Per i residenti di Torino: Potete portare l'oggetto Toshiba da riparare presso il nostro laborat orio, enza l'appuntamento nei orari di apertura.

Per i residenti di Torino: Potete portare l'oggetto Toshiba da riparare presso il nostro laborat orio, enza l'appuntamento nei orari di apertura. Riparazioni in garanzia: Per poter usufruire dell'assistenza tecnica in garanzia, il cliente deve contattare la sede Toshiba Italy Srl tramite il numero a pagamento messo a disposizione. 199... Gestione

Dettagli

IMU: PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI

IMU: PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI : PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI. ABITAZIONE PRINCIPALE DA 33 A 133 MEDI EURO L ANNO. SECONDE CASE SCONTI IN 59 CITTA PER I REDDITI MEDIO

Dettagli

PAGINE GIALLE. Roma, marzo 2006

PAGINE GIALLE. Roma, marzo 2006 PAGINE GIALLE Roma, marzo 2006 0 Per il 2006 è in corso il rinnovo dell accordo con SEAT. A tal riguardo Poste Italiane provvederà ad assicurare l intera distribuzione e raccolta dei set. Tale processo

Dettagli

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00012 AREA: Ambiente e Territorio Settore di interesse: Ambiente Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso

Dettagli

IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI

IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI Dario Focarelli Direttore Generale ANIA Milano, 12 marzo 2013 «LA RESPONSABILITÀ CIVILE AUTOMOBILISTICA STRATEGIA, INNOVAZIONE

Dettagli

Numero di graduatorie 2013

Numero di graduatorie 2013 Trasferimenti Volontari Individuali - DOMANDE 2013 5.930 Domande presentate 5.810 Domande inserite in graduatoria (120 RISORSE ESCLUSE PER MANCANZA REQUISITI PREVISTI DALL ACCORDO DEL 22 MAGGIO 2013) 132

Dettagli

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano A cura dell Area Professionale Statistica L Automobile Club d Italia produce ormai da molti anni la pubblicazione Localizzazione degli Incidenti

Dettagli

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2011

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2011 ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2011 A CURA DELL AREA PROFESSIONALE STATISTICA FEBBRAIO 2012 A.G. ANDAMENTO MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA

Dettagli

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli

IN ARRIVO LO SPAURACCHIO TASI: CON LA PRIMA RATA DI GIUGNO I COMUNI INCASSERANNO 2,3 MILIARDI DI EURO

IN ARRIVO LO SPAURACCHIO TASI: CON LA PRIMA RATA DI GIUGNO I COMUNI INCASSERANNO 2,3 MILIARDI DI EURO IN ARRIVO LO SPAURACCHIO TASI: CON LA PRIMA RATA DI GIUGNO I COMUNI INCASSERANNO 2,3 MILIARDI DI EURO Con la scadenza della prima rata della Tasi prevista per il prossimo 16 giugno, i Comuni incasseranno

Dettagli

Consumo carburanti (litri procapite) % autovetture cilindrata > 2.000 cc 20.511,2 2.725 1.134 519,1 7,33 61,71 5,89 0,41 0,44

Consumo carburanti (litri procapite) % autovetture cilindrata > 2.000 cc 20.511,2 2.725 1.134 519,1 7,33 61,71 5,89 0,41 0,44 LA CLASSIFICA REGIONALE Il confronto tra reddito disponibile e i sette indicatori di consumo nel 2008 Posizione REGIONI Reddito disponibile (euro procapite) Consumi alimentari (euro) Consumo energia elettrica

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ITALIA POPOLAZIONE Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 11 A. Le idee importanti l L Italia è uno Stato con 20 regioni e 103 province l In Italia ci sono molte città. Le

Dettagli

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010 La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la quarta annualità un indagine

Dettagli

INPS - Circolare 22 novembre 2007, n. 128

INPS - Circolare 22 novembre 2007, n. 128 INPS - Circolare 22 novembre 2007, n. 128 Oggetto: Versamenti volontari del settore agricolo - anno 2007. Sommario: 1) Lavoratori agricoli dipendenti 2) Coltivatori diretti, mezzadri e coloni e imprenditori

Dettagli

Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza

Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza 2 Rapporto Famiglia-reddito-casa A cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Novembre 2008 1 INDICE Nota introduttiva pag. 3 Dati demografici pag. 4 Tabella

Dettagli

Ai Signori Presidenti Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati LORO SEDI

Ai Signori Presidenti Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati LORO SEDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Roma, 28 febbraio 2014 prot. n. 1479 Ai Signori Presidenti Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati

Dettagli

Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010

Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010 Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010 Ed. settembre 2013 Agenda Obiettivo della statistica Oggetto della statistica Grado di partecipazione Alcuni confronti con la statistica precedente

Dettagli

Ufficio Città Totali Distretto

Ufficio Città Totali Distretto Ufficio Città Totali Distretto Procura della Repubblica Termini Imerese 296 Palermo Procura della Repubblica Sciacca 254 Palermo Ufficio di Sorveglianza Trapani 108 Palermo P.G. della Rep. presso Corte

Dettagli

Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale

Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale EDIZIONE SETTEMBRE 2010 INDICE 1 CARATTERISTICHE DELLA SPERIMENTAZIONE... 3 2 CONDIZIONI DI ACCESSO ALLA

Dettagli

107/2015 e al D.D.G. 767/2015 Diffida ad adempiere.

107/2015 e al D.D.G. 767/2015 Diffida ad adempiere. RACCOMANDATA A/R Spett. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA in persona del ministro pro tempore Viale Trastevere 76/A 00153 - ROMA OGGETTO: Domanda di ammissione alle Fasi del piano

Dettagli

Tabelledettaglioscuolasecondaria.xls Secondaria di I grado

Tabelledettaglioscuolasecondaria.xls Secondaria di I grado PIEMONTE ALESSANDRIA A028 EDUCAZIONE ARTISTICA 1 PIEMONTE ALESSANDRIA A032 EDUCAZIONE MUSICALE NELLA SCUOLA MEDIA 1 PIEMONTE ALESSANDRIA A033 EDUCAZIONE TECNICA NELLA SCUOLA MEDIA 1 PIEMONTE ALESSANDRIA

Dettagli

Codice Iban Descrizione Conto Sede o Ufficio di Riferimento

Codice Iban Descrizione Conto Sede o Ufficio di Riferimento 000013255112 IT-48-J-07601-10400-000013255112 INPDAP CONTRIBUTI VARI ALESSANDRIA 000012080636 IT-47-Q-07601-02600-000012080636 INPDAP CONTRIBUTI VARI ANCONA 000011499654 IT-90-Y-07601-03600-000011499654

Dettagli

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00012 AREA: Ambiente e Territorio Settore di interesse: Ambiente Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso

Dettagli

Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese

Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese 17 giugno 2013 Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese I dati desk sul credito alle imprese Dall avvento della crisi (dal 2008 in poi) l andamento dei prestiti alle imprese italiane

Dettagli

La produzione di rifiuti urbani in Italia

La produzione di rifiuti urbani in Italia La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER 1 RIFIUTI OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE APRILE 2010 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la terza annualità un indagine

Dettagli

RISTORANTI ETNICI. Quanti sono e dove sono?

RISTORANTI ETNICI. Quanti sono e dove sono? L INFLUSSO DELLA CUCINA ETNICA SULLE ABITUDINI ALIMENTARI DEGLI ITALIANI L integrazione alimentare coinvolge di più i giovani e i residenti al Nord e al Centro A Milano, Prato e Trieste la maggiore presenza

Dettagli

07-12-000181 SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI SEZIONE STUDI E STATISTICA

07-12-000181 SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI SEZIONE STUDI E STATISTICA SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI Roma 27 giugno 2012 Prot. n. All.ti n. 07-12-000181 12 Alle Imprese di assicurazione autorizzate all esercizio del ramo R.C. auto con sede legale in Italia LORO

Dettagli

SMART CITY INDEX. La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena

SMART CITY INDEX. La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena SMART CITY INDEX La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena Lo Smart City Index Al fine di misurare il livello di smartness di una città, Between ha creato lo Smart City Index, un ranking delle

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane;

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane; Prot. n. 29228 IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle

Dettagli

REGIONE UFFICIO INCARICO LIVELLO

REGIONE UFFICIO INCARICO LIVELLO ABRUZZO DR ABRUZZO AREA DI STAFF AL DIRETTORE REGIONALE ABRUZZO DR ABRUZZO CENTRO DI ASSISTENZA MULTICANALE DI PESCARA ABRUZZO DR ABRUZZO DIRETTORE REGIONALE AGGIUNTO 1 ABRUZZO DR ABRUZZO UFFICIO ACCERTAMENTO

Dettagli

TRASPARENZA E INFORMAZIONE: IL CASO DI COMUNI E REGIONI

TRASPARENZA E INFORMAZIONE: IL CASO DI COMUNI E REGIONI TRASPARENZA E INFORMAZIONE: IL CASO DI COMUNI E REGIONI Analisi della UIL sui siti internet dei Comuni Capoluogo di Provincia e delle Regioni Roma Agosto 2008 UIL- Servizio Politiche Territoriali TRASPARENZA

Dettagli

Roma, Uff.IX Prot.n. 22107. Alla Presidenza del Consiglio dei ministri Segretariato generale. A tutti i Ministeri - Gabinetto

Roma, Uff.IX Prot.n. 22107. Alla Presidenza del Consiglio dei ministri Segretariato generale. A tutti i Ministeri - Gabinetto Roma, Uff.IX Prot.n. 22107 Alla Presidenza del Consiglio dei ministri Segretariato generale A tutti i Ministeri - Gabinetto Agli Uffici centrali di bilancio presso i ministeri Alle Ragionerie provinciali

Dettagli

Tabelle premi per le assicurazioni di Responsabilità civile Veicoli e Natanti a motore

Tabelle premi per le assicurazioni di Responsabilità civile Veicoli e Natanti a motore Tabelle premi per le assicurazioni di Responsabilità civile Veicoli e Natanti a motore - Escluse Imposte - Compresi Contributi per: - Servizio Sanitario Nazionale (10,5%) - Fondo Vittime della Strada (4%)

Dettagli

affittare casa è sempre più conveniente, prezzi giù -4,7% nel 2014

affittare casa è sempre più conveniente, prezzi giù -4,7% nel 2014 affittare casa è sempre più conveniente, prezzi giù -4,7% nel 2014 il prezzo medio ora è di 8,4 euro al metro quadro cali generalizzati nei principali centri: bene padova (1,6), tengono meglio roma (0,1%)

Dettagli

AMBITI del 1 RAGGRUPPAMENTO dell'all. 1 DM 226/2011

AMBITI del 1 RAGGRUPPAMENTO dell'all. 1 DM 226/2011 Tabella riportante per ciascun ambito le date aggiornate per l intervento sostitutivo della Regione di cui all'articolo 3 del, in caso di mancato avvio della gara da parte dei Comuni, in seguito a DL n.69/2013

Dettagli

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2013

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2013 ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2013 A CURA DELL AREA PROFESSIONALE STATISTICA A.G. GENNAIO 2014 ANDAMENTO MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA

Dettagli

TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA

TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA Siamo fermamente convinti che redigere un preciso quadro di riferimento, attestante le coperture Assicurative di un Cliente, consenta allo stesso di potersi

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO

MINISTERO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica PRESSO LE SOCIO-RIABILITATIVE ALLE DATE DEL 31 MARZO E 30 GIUGNO 2002

Dettagli

Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015

Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015 Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015 Dopo un ulteriore incremento dell 1% il prezzo medio in Italia si attesta a 8,5 euro al mese Forti oscillazioni nei centri minori, pressoché

Dettagli

Annuario 231. Per i professionisti che si occupano di D.Lgs. 231/2001 Per le aziende in cerca di professionisti

Annuario 231. Per i professionisti che si occupano di D.Lgs. 231/2001 Per le aziende in cerca di professionisti Per i professionisti che si occupano di D.Lgs. 231/2001 Per le aziende in cerca di professionisti Perché? Le recenti azioni giudiziarie hanno indotto nelle aziende la necessità di dotarsi di un modello

Dettagli

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE FEBBRAIO 2012

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE FEBBRAIO 2012 La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE FEBBRAIO 2012 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la quinta annualità un indagine

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Prospetto Informativo on line Ricevuta del prospetto Tipo comunicazione Codice comunicazione 01 - Prospetto informativo 1001514C00394126 Data invio 13/02/2014

Dettagli

L INDICE DEL RISCHIO DI POVERTA LOCALE. Rapporto concluso sulla base delle informazioni statistiche disponibili al 29-05-2009

L INDICE DEL RISCHIO DI POVERTA LOCALE. Rapporto concluso sulla base delle informazioni statistiche disponibili al 29-05-2009 L INDICE DEL RISCHIO DI POVERTA LOCALE Luglio 2009 Una analisi per i comuni capoluogo di provincia PUBBLICAZIONI Monografia A cura di Rapporto concluso sulla base delle informazioni statistiche disponibili

Dettagli

CRISI Confartigianato: La crisi del credito costa alle imprese 13,8 miliardi l anno

CRISI Confartigianato: La crisi del credito costa alle imprese 13,8 miliardi l anno NOTA PER LA STAMPA Roma, 17 aprile 2009 CRISI Confartigianato: La crisi del credito costa alle imprese 13,8 miliardi l anno Le imprese italiane pagano un prezzo sempre più alto per la crisi del credito:

Dettagli

Quasi 55 miliardi sono però tornati nelle tasche degli italiani sotto forma di vincite. Nelle casse dell'erario oltre 9 miliardi

Quasi 55 miliardi sono però tornati nelle tasche degli italiani sotto forma di vincite. Nelle casse dell'erario oltre 9 miliardi Fonte 15-12-2011 ore 12:31 - sb GIOCHI: 2011 RECORD, RACCOLTA A 76 MLD Quasi 55 miliardi sono però tornati nelle tasche degli italiani sotto forma di vincite. Nelle casse dell'erario oltre 9 miliardi Ancora

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA QUALITÀ DELLA VITA DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SULLA QUALITÀ DELLA VITA DELLE IMPRESE OSSERVATORIO SULLA QUALITÀ DELLA VITA DELLE IMPRESE La struttura imprenditoriale Report 2 / 2012 1862-2012 150 anni per lo sviluppo Camera di Commercio Forlì-Cesena UFFICIO STATISTICA E STUDI OSSERVATORIO

Dettagli

Appendici al Conto generale del patrimonio

Appendici al Conto generale del patrimonio Appendici al Conto generale del patrimonio Appendice 1 Beni mobili ATTIVITA' (Mobili) - Consistenze e variazioni di beni mobili divisi per > e > Tabella MINISTERI CATEGORIA

Dettagli

DOSSIER FOTOGRAFIA: imprese e import/export di strumenti ottici e attrezzature fotografiche a Milano, in Lombardia e in Italia nel 2006

DOSSIER FOTOGRAFIA: imprese e import/export di strumenti ottici e attrezzature fotografiche a Milano, in Lombardia e in Italia nel 2006 DOSSIER FOTOGRAFIA: imprese e import/export di strumenti ottici e attrezzature fotografiche a Milano, in Lombardia e in Italia nel A cura della Camera di commercio di Milano Imprese attive nel settore

Dettagli

TABELLE PREMI. Settore IV. Autocarri e Motocarri

TABELLE PREMI. Settore IV. Autocarri e Motocarri TARIFFE PER LE ASSICURAZIONI DI RESPONSABILITA CIVILE VEICOLI A MOTORE E NATANTI TABELLE PREMI (ESCLUSI SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE ED IMPOSTE) Settore IV Autocarri e Motocarri EDIZIONE 01.12.2013 (EFFETTO

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE ----------- IL DIRETTORE GENERALE Decreto n.5 VISTO il Contratto collettivo nazionale del Comparto scuola, sottoscritto il 26/05/99, ed in particolare l art.34, che ha delineato il profilo di Direttore

Dettagli

A CURA DELL OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DI. c è un nido? RILEVAZIONE ANNUALE SUi costi e numero degli ASILI NIDO in italia

A CURA DELL OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DI. c è un nido? RILEVAZIONE ANNUALE SUi costi e numero degli ASILI NIDO in italia A CURA DELL OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DI c è un nido? RILEVAZIONE ANNUALE SUi costi e numero degli ASILI NIDO in italia Settembre 2015 Asili nido comunali Dossier a cura dell Osservatorio prezzi &

Dettagli

- 2002 - PROVINCIA MONITOR BIELLA

- 2002 - PROVINCIA MONITOR BIELLA Rilevazione Dicembre - 2002 - PROVINCIA MONITOR BIELLA INDICE Metodologia Immagine dell'ente La notorietà dei settori di competenza della Le aree di intervento nei settori di attività sviluppati dalla

Dettagli

I primi effetti delle misure sul credito: dopo TLTRO e QE una prima inversione di tendenza

I primi effetti delle misure sul credito: dopo TLTRO e QE una prima inversione di tendenza 8 giugno 2015 I primi effetti delle misure sul credito: dopo TLTRO e QE una prima inversione di tendenza Premessa: quadro dei dati desk e andamento del credit crunch Dall avvento della crisi economica

Dettagli

FEDERALISMO MUNICIPALE

FEDERALISMO MUNICIPALE FEDERALISMO MUNICIPALE DECRETO LEGISLATIVO 292 (STIME E PROIEZIONI SULLA BASE DEL TESTO DEPOSITATO IN COMMISSIONE BICAMERALE PER IL FEDERALISMO) Proiezione degli effetti sui singoli Comuni Capoluoghi di

Dettagli

Confartigianato lancia l allarme sommerso: in Italia 640.000 abusivi

Confartigianato lancia l allarme sommerso: in Italia 640.000 abusivi Confartigianato lancia l allarme sommerso: in Italia 640.000 abusivi Calabria e Crotone maglia nera per il lavoro irregolare Primato positivo per Emilia Romagna e Bolzano L economia sommersa arruola un

Dettagli

LA MOBILITA SOSTENIBILE IN ITALIA: indagine sulle principali 50 città

LA MOBILITA SOSTENIBILE IN ITALIA: indagine sulle principali 50 città LA MOBILITA SOSTENIBILE IN ITALIA: indagine sulle principali 50 città Lorenzo Bertuccio Direttore Scientifico Euromobility Gruppo di lavoro: Emanuela Cafarelli Aldo Di Berardino Federica Parmagnani L indagine

Dettagli

Breve sintesi - 2012

Breve sintesi - 2012 Breve sintesi - 2012 L Italia e l Europa nel 2012 Nel 2010 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha proclamato un nuovo decennio di iniziative per la Sicurezza Stradale 2011-2020 al fine di ridurre

Dettagli

Indagine sulle tariffe applicate

Indagine sulle tariffe applicate Indagine sulle tariffe applicate 1 Indagine realizzata a cura dell Osservatorio prezzi&tariffe di Cittadinanzattiva 2 Indice Premessa... 5 Nota metodologica... 7 I risultati dell indagine... 8 Dati territoriali...

Dettagli

Transizione alla televisione digitale nella Provincia autonoma di Trento. Fondazione Ugo Bordoni

Transizione alla televisione digitale nella Provincia autonoma di Trento. Fondazione Ugo Bordoni Transizione alla televisione digitale nella Provincia autonoma di Trento Fondazione Ugo Bordoni Un esempio di transizione: dalla fotografia analogica alla fotografia digitale Alcuni esempi di transizione

Dettagli

CIRCOLARE N. 7. Direzione dell Agenzia

CIRCOLARE N. 7. Direzione dell Agenzia PROT. n 63125 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: CIRCOLARE N. 7 Direzione dell Agenzia DATA DECORRENZA: 1 ottobre 2004 Roma, 12 agosto 2004 Attribuzione di nuovi codici ufficio ai fini del pagamento

Dettagli

SPECIALE "UN ANNO DI GIOCHI IN ITALIA": VOLANO POKER ONLINE E BINGO, MA SONO LE NEWSLOT A FARE IL MERCATO (2)

SPECIALE UN ANNO DI GIOCHI IN ITALIA: VOLANO POKER ONLINE E BINGO, MA SONO LE NEWSLOT A FARE IL MERCATO (2) SPECIALE "UN ANNO DI GIOCHI IN ITALIA": A FINE ANNO GLI ITALIANI AVRANNO SPESO OLTRE 60,8 MILIARDI PER DARE LA CACCIA ALLA FORTUNA. ALL'ERARIO QUASI 9 MILIARDI DI EURO (1) Un altro anno record per il mercato

Dettagli

Il Consiglio Nazionale Andi ha approvato importanti delibere sul futuro della professione

Il Consiglio Nazionale Andi ha approvato importanti delibere sul futuro della professione http://fe-mn-andi.mag-news.it/nl/n.jsp?6o.0_.a.a.a.a 1 di 2 27/12/2011 17.14 Feb 07 2011 Il Consiglio Nazionale Andi ha approvato importanti delibere sul futuro della professione Sondaggio ANDI Delibera

Dettagli

Bollettino Statistico

Bollettino Statistico I S T I T U TO P E R L A V I G I L A N ZA SULLE ASSICURAZIONI Bollettino Statistico IPER: L'andamento dei prezzi effettivi per la garanzia r.c.auto nel terzo trimestre 2014 Anno II - n. 1, 20 febbraio

Dettagli

OGGETTO: Istituzione dei codici per il versamento, tramite modello F24, dei contributi dovuti dagli iscritti all Ordine dei Consulenti del Lavoro

OGGETTO: Istituzione dei codici per il versamento, tramite modello F24, dei contributi dovuti dagli iscritti all Ordine dei Consulenti del Lavoro Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti RISOLUZIONE N. 24 /E Roma, 03/03/2011 OGGETTO: Istituzione dei codici per il versamento, tramite modello F24, dei contributi dovuti dagli iscritti all Ordine

Dettagli

MODULO LOCALE. Quotidiani e periodici con diffusione locale

MODULO LOCALE. Quotidiani e periodici con diffusione locale MODULO LOCALE Quotidiani e periodici con diffusione locale ABRUZZO Chieti Centro (il) - ed. Chieti Lanciano-Vasto L Aquila Centro (il) - ed. l'aquila Avezzano Sulmona Pescara Centro (il) Pescara Centro

Dettagli

c o m u n i c a t o s t a m p a

c o m u n i c a t o s t a m p a c o m u n i c a t o s t a m p a Immigrati: 335mila imprese nel 2014, in testa cinesi e marocchini, più spazio a bengalesi e indiani Cresciute di 23mila unità in un anno Roma, 7 aprile 2015 L Italia delle

Dettagli

La Crisi della Ristorazione

La Crisi della Ristorazione La Crisi della Ristorazione Ufficio studi 1 L IMPATTO DELLA CRISI SULLA RISTORAZIONE IN ITALIA I sumi delle famiglie nella ristorazione La spesa delle famiglie in servizi di ristorazione è stata nel 2011

Dettagli

Calcolo del fabbisogno energetico

Calcolo del fabbisogno energetico Calcolo del fabbisogno energetico Il fabbisogno energetico mensile Fasi di calcolo del fabbisogno energetico mensile Fattori climatici e gradi-giorno Gli scambi termici Scambi termici per trasmissione

Dettagli

Scheda tecnica n.1 - Sostituzione di lampade ad incandescenza con lampade fluorescenti compatte con alimentatore incorporato

Scheda tecnica n.1 - Sostituzione di lampade ad incandescenza con lampade fluorescenti compatte con alimentatore incorporato Scheda tecnica n.1 - Sostituzione di lampade ad incandescenza con lampade fluorescenti compatte con alimentatore incorporato 1. ELEMENTI PRINCIPALI 1.1 Descrizione dell intervento Tipologia di intervento:

Dettagli

Bollettino Statistico

Bollettino Statistico I S T I T U TO P E R L A V I G I L A N ZA SULLE ASSICURAZIONI Bollettino Statistico IPER: L'andamento dei prezzi effettivi per la garanzia r.c.auto nel quarto trimestre 2014 Anno II - n. 2, 8 aprile 2015

Dettagli

Asili nido comunali in Italia: tra caro rette e liste di attesa

Asili nido comunali in Italia: tra caro rette e liste di attesa Asili nido comunali in Italia: tra caro rette e liste di attesa Indagine a cura dell Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva Novembre 2012 Asili nido comunali Dossier a cura dell Osservatorio

Dettagli

8.333 294 Posti di sostegno 6.216 0

8.333 294 Posti di sostegno 6.216 0 trasferimenti - Maggio 2015 / Riepilogo generale Situazione posti scuola secondaria di I grado dopo i trasferimenti per il 2015/2016 (al 28/5/2015) (potrebbe esserci qualche variazione in aumento nel caso

Dettagli

CROTONE Servito da CATANZARO. REGGIO CALABRIA Servito da CATANZARO. VIBO VALENTIA Servito da CATANZARO CAMPANIA. AVELLINO Servito da SALERNO

CROTONE Servito da CATANZARO. REGGIO CALABRIA Servito da CATANZARO. VIBO VALENTIA Servito da CATANZARO CAMPANIA. AVELLINO Servito da SALERNO M.T.N. SPA ABRUZZO CHIETI 66020 SAMBUCETO SAN GIOVANNI TEATINO (CH) VIA LAGO DI GARDA, 46 Tel. 085.4460364 Fax. 085.4460972 mtnpe@mtnspa.com mtnpe@mtnspa.com giacenzepe@mtnspa.com L'AQUILA PESCARA TERAMO

Dettagli

Calcolo del risparmio energetico

Calcolo del risparmio energetico Calcolo del risparmio energetico Calcolo semplificato del risparmio annuo di energia in fonte primaria previsto con un intervento di efficienza energetica In un involucro edilizio ogni intervento di qualificazione

Dettagli