Comune di. Fidenza L ETICHETTA FA LA DIFFERENZA. Sostieni il progetto tracciabilità Aumenta la raccolta differenziata IL MANUALE DEL RICICLO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di. Fidenza L ETICHETTA FA LA DIFFERENZA. Sostieni il progetto tracciabilità Aumenta la raccolta differenziata IL MANUALE DEL RICICLO"

Transcript

1 Comune di Fidenza L ETICHETTA FA LA DIFFERENZA Sostieni il progetto tracciabilità Aumenta la raccolta differenziata IL MANUALE DEL RICICLO

2 2014: L etichetta fa la DIFFERENZA! A gennaio 2012 a Fidenza è diventato operativo il progetto-pilota per la tracciabilità dei rifiuti indifferenziati: grazie alle etichette adesive con il codice a barre applicate sui sacchetti, San Donnino Multiservizi (*) è ora in grado di stimare la quantità di rifiuti indifferenziati prodotta da ogni utenza. 2 (*) San Donnino Multiservizi Srl è una società a capitale interamente pubblico, soggetta alla direzione e al controllo del Comune di Fidenza. Dal 2007 gestisce il servizio di raccolta rifiuti urbani. Info:

3 A cosa serve la tracciabilità? Il nuovo sistema - avviato senza gravare sulle tasche dei fidentini (*) - è stato introdotto per raggiungere due importanti obiettivi: - Tutela della legalità > la tracciabilità è uno strumento per continuare a garantire ai fidentini che i rifiuti che raggiungono gli impianti di smaltimento sono solo e soltanto quelli prodotti dai fidentini stessi. Il nuovo sistema consente anche la verifica dei quantitativi di rifiuti non recuperabili prodotti dalle attività non domestiche, il cui tetto è fissato dal regolamento ATO (articolo 52 - comma 3 e allegato 5) - Maggiore equità > con la tracciabilità si è compiuto il primo passo che consentirà al Comune di scegliere, in futuro, la strada della tariffazione puntuale (*) Il progetto di San Donnino Multiservizi è stato premiato con un finanziamento di euro della Regione Emilia Romagna. A questi il Comune di Fidenza ha aggiunto euro, provenienti da fondi già stanziati nel bilancio comunale. Totale: 115mila euro a disposizione per l avviamento del progetto 3

4 2014: L etichetta fa la DIFFERENZA! Come funziona il progetto tracciabilità? 1 Insieme a questo opuscolo ogni utenza ha ricevuto cinque fogli, contenenti complessivamente 105 etichette. Su ognuna delle etichette è riprodotto il codice a barre identificativo dell utente. 2 Ogni utenza deve applicare su ogni sacchetto grigio contenente il rifiuto non recuperabile (indifferenziato) prima di esporlo nel giorno di ritiro, una delle etichette. Attenzione! Posizionare l etichetta sulla parte superiore del sacchetto e su superficie piana. 3 Ad ogni ritiro, il codice presente su ognuno dei sacchetti (*) viene registrato dal lettore del codice a barre utilizzato dagli operatori della San Donnino Multiservizi. Così sappiamo: quante volte ogni utenza espone il proprio sacchetto (*) Occhio alla privacy! Le etichette recano solo il codice a barre: i sacchetti sono quindi identificabili solo dalla San Donnino Multiservizi 4 Le etichette consegnate non hanno scadenza; in caso vengano ultimate prima della successiva consegna a domicilio, prevista

5 Sostieni il progetto tracciabilità, aumenta la raccolta differenziata per dicembre 2014, dovranno essere ritirate presso l Ufficio Servizi Ambientali in via La Bionda n. 9 (lunedì e mercoledì ; ) È importante non consegnare a terzi le proprie etichette e non smarrirle! 4 San Donnino prevede di effettuare in un anno, inoltre, da 6 a 10 pesature per ogni utenza, procedendo a campione. Così abbiamo: una stima della quantità di rifiuti conferiti da ogni utenza 5 Anche i condomini e le attività economiche che espongono l indifferenziato attraverso i bidoni carrellati devono comunque applicare il codice a barre sul proprio sacchetto, in modo che nei controlli a campione eseguiti sui sacchetti contenuti dai bidoni sia possibile, se necessario, risalire alle singole utenze. I bidoni carrellati sono inoltre dotati di un tag, un dispositivo elettronico installato dalla San Donnino Multiservizi che consente l identificazione automatica dell utenza collettiva ad ogni esposizione. È importante inoltre evitare le sostituzioni di bidoni tra condomini adiacenti; per questo occorre, prima di conferire i rifiuti, verificare che sia il bidone giusto controllando l adesivo identificativo collocato in evidenza sul bidone. 5

6 2014: L etichetta fa la DIFFERENZA! E il portafoglio? Anche alla luce dei buoni risultati nella raccolta differenziata e nel contenimento dello smaltimento di rifiuti indifferenziati l Amministrazione Comunale ha deciso, per il 2014, di lasciare al minimo la «parte variabile» della tariffa ripartendo i costi del servizio per il 55% sulle utenze domestiche e per il 45% su quelle non domestiche. Obiettivo qualità! Nel 2013 il progetto di tracciabilità di San Donnino Multiservizi ha ottenuto il certificato di qualità Bureau Veritas. Si tratta di un importante riconoscimento che attesta la correttezza delle procedure dell intero sistema di gestione dei rifiuti. Cosa vuol dire? Che San Donnino si è impegnata per l efficienza e la trasparenza dei suoi processi, per la sicurezza dei propri sistemi e naturalmente per la tutela dell ambiente, nella consapevolezza che la Certificazione può accompagnare lungo un processo di miglioramento continuo. 6

7 Sostieni il progetto tracciabilità, aumenta la raccolta differenziata Per saperne di più Tel Segui gli aggiornamenti sul progetto tracciabilità e le altre novità sui Servizi Ambientali di Fidenza sul sito www. sandonnino.it. Qui puoi consultare anche il regolamento ATO per il conferimento dei rifiuti valido su tutto il territorio della provincia di Parma. Gioca con noi! Come si differenzia il tetrapak? Dove si buttano i farmaci scaduti? In quali giorni si raccoglie l umido a Fidenza? Quello dei rifiuti è un mondo complesso: su trovi un divertente quiz per misurare la tua consapevolezza e imparare a colpi di clic 7

8 I DATI DELLA RACCOLTA L etichetta fa la DIFFERENZA! Mantenuti i buoni risultati raggiunti lo scorso anno Kg Kg Kg Kg Kg Kg Kg Kg gennaio aprile luglio ottobre rifiuti indifferenziati gennaio aprile luglio ottobre gennaio aprile luglio ottobre gennaio aprile luglio ottobre gennaio aprile luglio ottobre Il costante calo dei rifiuti indifferenziati nel corso degli anni è un grande valore e rappresenta un segno tangibile dell impegno che a Fidenza si è speso a salvaguardia dell ambiente! Il nuovo e moderno centro di Raccolta dei Rifiuti in via La Bionda è attrezzato per ricevere e differenziare ulteriori tipologie di rifiuti (plastiche dure, indumenti, olio, etc.). Conferiamole in modo separato! Ricordiamo che è importante usufruire di questo servizio per poter incrementare in modo maggiore la quantità di rifiuti raccolti in maniera differenziata. 8

9 Fidenza ha dimostrato di sapere raggiungere obiettivi sfidanti! La percentuale di raccolta differenziata nel biennio si è concretizzata oltre il 73%, ed il merito è dei cittadini. È quindi fondamentale continuare questo percorso di crescita e coinvolgere anche chi non sembra avere ancora compreso l importanza della raccolta differenziata. I vantaggi oltre che ambientali sono anche economici anche quest anno infatti, nonostante l introduzione della Tares, i cittadini di Fidenza hanno potuto vedere contenuti i costi a fronte invece di un servizio sempre più puntuale e attento. Contenere le quantità di rifiuti indifferenziati a smaltimento è un obiettivo primario per la tutela ambientale ed il sistema di raccolta differenziata adottato a Fidenza, è uno strumento efficace! Possiamo fare ancora meglio! Raggiungere traguardi sempre più importanti è possibile e Fidenza ha dimostrato di avere le carte in regola per raggiungere l eccellenza in campo ambientale. 9

10 Le regole d oro per un corretto Applicare L ETICHETTA CON IL CODICE A BARRE sul sacchetto grigio dell INDIFFERENZIATO prima di esporlo o di inserirlo nel bidone carrellato. Esporre i rifiuti racchiusi in sacchi o tramite i bidoni carrellati NEI GIORNI E NEGLI ORARI PRESTABILITI dal calendario, DAVANTI ALLA PROPRIA ABITAZIONE, o attività economica, in luogo visibile e senza creare intralcio alla circolazione. Non accatastare i rifiuti in punti di raccolta. RITIRARE nel più breve tempo possibile IL CONTENITORE DELLA CARTA, dell organico O IL BIDONE CARRELLATO se esposto su suolo pubblico, UNA VOLTA SVUOTATO. Ogni condominio/utenza dotato di BIDONI CARRELLATI deve provvedere alla loro periodica PULIZIA. I bidoni devono essere collocati in area privata evitando di arrecare qualsiasi fastidio a terzi. Inserire I RIFIUTI all interno dei bidoni carrellati SOLO DOPO AVER- LI DIFFERENZIATI ADEGUATAMENTE. Nel bidone carrellato di colore blu, la CARTA deve essere conferita senza sacco di plastica. NON INTRODURRE nei sacchi della raccolta SIRINGHE od oggetti taglienti/pungenti, che devono essere conferiti al Centro di Raccolta (CDR) di via La Bionda n.9. La raccolta porta a porta della PLASTICA riguarda solo contenitori per liquidi (non cellophane o plastiche dure, da conferire in stazione ecologica). 10 Nel BIDONE CARRELLATO PER PLASTICA, VETRO E LATTINE è

11 conferimento preferibile introdurre i rifiuti senza sacco di plastica e possibilmente sciacquati. L UMIDO ORGANICO (scarti di cucina) deve essere contenuto nei sacchetti in mater-bi consegnati a tutte le utenze o, in alternativa in sacchetti di carta, da conferire nell apposito contenitore (bidoncino o bidone carrellato). I CARTONI devono essere esposti opportunamente ripiegati e privi di altri materiali da imballaggio (polistirolo, cellophane, ecc.). I RIFIUTI URBANI PERICOLOSI, come pile scariche, farmaci scaduti, telefoni cellulari vanno conferiti presso i negozi provvisti di specifici contenitori, oppure presso il Centro di Raccolta (CDR) di via La Bionda n.9. Conferire i VESTITI usati recuperabili negli appositi cassonetti stradali di colore giallo o in alternativa presso il centro di raccolta. Gli sfalci e le potature (rifiuti vegetali) che eccedono le quantità di normale produzione (vedi pagina 18) non sono ritirati a domicilio ma vanno conferiti al Centro di Raccolta (CDR ) di via La Bionda n.9. Conferire al CENTRO DI RACCOLTA (CDR) di via La Bionda n.9 i rifiuti per i quali non è prevista la raccolta a domicilio (es: cassette, padelle, piccoli elettrodomestici, contenitori T/FC, oli vegetali o minerali, toner usati, plastiche dure ecc). è vietato conferire i sacchetti dei rifiuti nei cestini stradali. La violazione è sanzionata ai sensi del Regolamento. Restituire tutti gli IMBALLAGGI di mobili, elettrodomestici, serramenti, ecc. alle ditte che eseguono la consegna di questi prodotti: sono obbligate per legge a recuperarli. 11

12 Il kit per il corretto conferimento La fornitura gratuita prevede: bidoncino per la raccolta dell ORGANICO (solo nel caso di nuove utenze) sacchetti in mater-bi per la raccolta dell ORGANICO sacchi viola per la raccolta di PLASTICA, VETRO, LATTINE bidoncino per la raccolta della CARTA + coperchio (su richiesta) sacchi grigi per la raccolta dell INDIFFERENZIATO 5 fogli per un totale di 105 ETICHETTE ADESIVE con codice a barre identificativo (recapitati a casa) CALENDARIO con i giorni di raccolta (recapitato a casa) Pieghevole Il riciclo dalla A alla Z (recapitato a casa) Libretto informativo Il manuale del riciclo (recapitato a casa) 12 La quantità di sacchi consegnati a ciascuna utenza domestica è calcolata in base al numero delle raccolte annuali e in base alle potenzialità di conferimento di una famiglia media, in modo da garantire lo smaltimento dei rifiuti prodotti. A partire dal mese di giugno 2014 è prevista, su richiesta, un integrazione della fornitura di ulteriori 50 sacchetti per Comune di Fidenza L ETICHETTA FA LA DIFFERENZA Sostieni il progetto tracciabilità Aumenta la raccolta differenziata IL MANUALE DEL RICICLO 2014 L ETICHETTA FA LA DIFFERENZA Sostieni il progetto tracciabilità Aumenta la raccolta differenziata Il riciclo dalla A alla Z l organico. Nel caso in cui i cittadini, per diverse ragioni, necessitassero di più sacchetti, dovranno provvedere in modo autonomo all acquisto. I sacchetti per la raccolta dell organico dovranno essere esclusivamente in materiale biodegradabile (mater-bi o carta) e per le altre tipologie di rifiuti possibilmente di colore analogo alla fornitura annuale (sono facilmente reperibili nei negozi e nei supermercati). Comune di Fidenza ECOCALENDARIO 2014 UFFICIO SERVIZI AMBIENTALI Tel. 0524/ GLI SPORTELLI MARTEDì e GIOVEDì dalle ore 8.30 alle e dalle ore alle (solo modulistica e, da giugno, integrazioni sacchetti organico). LUNEDì e MERCOLEDì dalle ore 8.30 alle e dalle ore alle (dal 6 febbraio consegna dei KIT a coloro che sono stati impossibilitati al ritiro nei punti di distribuzione o nel caso di nuove utenze; inoltre consegna/sostituzione di contenitori e compostiere) Comune di Fidenza L ETICHETTA FA LA DIFFERENZA

13 Per le utenze economiche il numero dei sacchi è definito in base al criterio di assimilabilità ed alla tipologia dell attività. Le etichette adesive con codice a barre non hanno scadenza; nel caso vengano ultimate prima della successiva consegna a domicilio, prevista per dicembre 2014, si dovranno ritirare presso l Ufficio Servizi Ambientali nel Centro di Raccolta di via La Bionda n.9 (lunedì e mercoledì ; ). Ricorda che in caso di trasferimento, cessazione, o cambio dell indirizzo di domicilio è necessario recarsi presso l Ufficio Servizi Ambientali di via La Bionda (negli orari di apertura) con i documenti che attestino la nuova situazione (pagamento Tares o chiusura) per effettuare il necessario aggiornamento. Per i residenti del forese (case sparse) I sacchi dei rifiuti differenziati si devono depositare (negli orari e giorni indicati nel calendario) all incrocio tra la propria strada d accesso e la strada più vicina tra quelle inserite nell elenco seguente: Zona Nord Bargonese Borghese Cacalupo 1 Cacalupo 2 Campo bianco Carzole degli Orsi del Carretto della Granella della Rocca delle Farfallette Emilia ovest Fontana e della Maestà Fornio sud Malcantone Martiri delle Carzole More o Moretto Panperduto per Bastelli per Cannetolo per Castelnuovo per Fornio per Roncole per Soragna Portone Rimale di sotto Rocche Pratogallo Rovacchia nord Saliceto Savattina Vianova Vicinale bassa Zona Sud Castellaccio Commendarella Costa dei Cavi Costa Ferrari Costa Gialdi Costa Guarda Fontaneti del Bargone delle Bisce Lodesana di sopra Monfestone per Cogolonchio per Montemanulo per Siccomonte Pontenuovo provinciale 71 per Montemanulo provinciale 71 per Pieve Cusignano Rovacchia Ferrari Rovacchia Ferrari e delle Case rotte Sagrà Siccomonte Tabiano superiore In caso di situazioni particolari che comportino reali e documentabili disagi prima dell attivazione del servizio è necessario concordare con la San Donnino le modalità di esposizione dei rifiuti per la raccolta da parte degli addetti. 13

14 Carta, Cartone e Contenitori Tetrapak Si conferma anche per il 2014 l uso del contenitore azzurro per il conferimento di carta, cartone e contenitori Tetra Pak. Tutte le nuove utenze, sia domestiche che economiche, possono richiedere in comodato d uso gratuito il contenitore e (su richiesta) l apposito coperchio. Nell eventualità in cui il contenitore fosse rotto, danneggiato o smarrito, è possibile richiederne la sostituzione. I rifiuti di carta dovranno essere conferiti senza sacchetto nel bidoncino AZZURRO o, nel caso di condomini o attività economiche, nel bidone BLU carrellato, da esporre su suolo pubblico in luogo adiacente all accesso dell abitazione o dell attività. Il materiale sarà ritirato dagli operatori negli orari e nei giorni indicati nel calendario. Una volta svuotato, il contenitore sarà riposizionato dagli operatori nel medesimo punto in cui è stato collocato al momento dell esposizione. Gli imballaggi in cartone devono essere sempre opportunamente ripiegati o compressi per ridurne l ingombro e non devono contenere altri materiali da imballaggio. Se non si dispone del contenitore (es. supermercati, negozi abbigliamento, calzature, ecc.) gli imballaggi in cartone devono essere conferiti o in appositi roller ovvero inseriti, ripiegati, in un cartone la cui dimensione e il peso sia tale da poter essere facilmente prelevato dall addetto alla raccolta. Non inquinare la carta con sacchetti o con altri rifiuti! Cosa sì: Giornali e riviste, libri, quaderni, fogli, carta e cartoncini in genere, cartoni (scatole in cartone e imballaggi di cartone opportunamente ripiegati per ridurne il volume e facilitare le operazioni di raccolta), contenitori Tetra Pak (per latte, succhi di frutta, panna, vino, ecc. privi di rifiuto liquido e possibilmente risciacquati). Cosa no: Carta plastificata, carta carbone, carta oleata, nylon, sacchetti e cellophane, polistirolo. Giorni e orari di esposizione contenitori famiglie: venerdì attività economiche: lunedì, mercoledì e venerdì Zone Famiglie Attività economiche CENTRO STORICO FIDENZA CAPOLUOGO, PAROLA E PONTEGHIARA FRAZIONI E FORESE entro le 7.00 entro le

15 Plastica, vetro e lattine La raccolta dei contenitori in plastica, vetro e metallo avviene tramite l apposito sacco VIOLA o il bidone VERDE CHIARO carrellato: è bene svuotare e risciacquare rapidamente i contenitori, nonché schiacciarli per ridurne il volume. RICORDA! Dal 1 maggio 2012 anche PIATTI e BICCHIERI monouso rientrano nel circuito della raccolta differenziata di PLASTICA, VETRO E LATTINE. È importantissimo svuotarli da ogni residuo! Restano escluse le posate, anche se in plastica. Cosa sì: Plastica: contenitori per liquidi, bottiglie, flaconi per detersivi o prodotti per l igiene, piccole taniche, imballaggi in plastica di piccole dimensioni (max 30 x 40 cm), bicchieri e piatti monouso ben lavati. Vetro: bottiglie, vasetti, oggetti interamente in vetro. Lattine: lattine in alluminio (AL) in acciaio o in banda stagnata, vaschette per alimenti in alluminio pulite, tappi a corona e coperchi in alluminio, carta stagnola pulita. Cosa NO: Buste della spesa (shopper), buste e/o sacchetti di plastica, cellophane, oggetti in plastica e gomma (giocattoli, grucce appendiabito, carne, frutta, bicchieri e posate di plastica), ceramica, porcellana e terracotta, contenitori sostanze pericolose T/FC (es. bombolette spray), cristalli, lampadine, lampade al neon, cd, musicassette e videocassette, vetri rotti o comunque oggetti taglienti, barattoli di metallo sporchi di vernice, posate di plastica monouso. Attenzione! Non introdurre cellophane o cassette (consulta pag. 22) Attività economiche (e privati con grandi quantitativi): Le cassette in plastica, la plastica da imballo, il cellophane e il polistirolo devono essere conferiti al Centro di Raccolta. Giorni e orari di esposizione contenitori famiglie: martedì attività economiche: martedì Zone Famiglie Attività economiche CENTRO STORICO FIDENZA CAPOLUOGO, PAROLA E PONTEGHIARA FRAZIONI E FORESE entro le 7.00 entro le

16 Umido Organico Anche nel 2014 sarà possibile conferire l organico CINQUE GIORNI a settimana! La raccolta dell umido/organico si effettua di norma il lunedì, mercoledì e venerdì, inoltre il martedì e giovedì c è la possibilità di raccolta supplementare per le famiglie (a seguito di esposizione del bidoncino) e il sabato esclusivamente per i bar ed i ristoranti che richiedono il servizio (su prenotazione). Il rifiuto umido organico deve essere differenziato dalle altre tipologie di materiali con molta attenzione, evitando di inserire qualsiasi materiale non compostabile (borsine, posate, piatti e bicchieri, contenitori per alimenti in genere, etc.). Per la raccolta occorre utilizzare esclusivamente i sacchetti in mater-bi (materiale biodegradabile), ben chiusi, evitando di inserire alimenti caldi o liquidi. Unica eccezione, anche per rinforzo al sacchetto in mater-bi, è l utilizzo di sacchetti di carta (ad esempio quelli del pane). Per l esposizione utilizzare sempre la pattumiera AZZURRA o il bidone MARRONE carrellato (per condomini o attività economiche) solo ed unicamente nei giorni di raccolta stabiliti. I sacchetti in mater-bi saranno raccolti dagli operatori e il contenitore sarà ricollocato dove lo avete esposto. Cosa sì: Scarti di cucina, avanzi di cibo, gusci d uovo, verdura e frutta, piccoli ossi, fondi di caffè, filtri di the, fiori recisi, tovaglioli di carta. Cosa no: Borsine di plastica, posate, piatti e bicchieri, contenitori per alimenti in genere, pannolini e assorbenti, stracci, sostanze chimiche, oli, pile. Per i frontisti Il frontista che con l esposizione dei propri rifiuti produca imbrattamento del luogo di deposito, specialmente se non provvede all utilizzo dei contenitori in dotazione, è tenuto a ripulirlo da qualsiasi rifiuto, compreso il percolato prodotto dai rifiuti organici. Giorni e orari di esposizione contenitori famiglie: lunedì, martedì, mercoledì, giovedì e venerdì attività economiche: lunedì, martedì, mercoledì, giovedì e venerdì (sabato a richiesta) Zone Famiglie Attività economiche CENTRO STORICO FIDENZA CAPOLUOGO, PAROLA E PONTEGHIARA FRAZIONI E FORESE entro le 7.00 entro le

17 Rifiuto indifferenziato (solo il residuo della raccolta differenziata) Dei rifiuti che produciamo, considerando le tecnologie e i materiali attuali, solo il 20% circa non è riciclabile; questo significa che la maggior parte dei rifiuti domestici lo è! Il rifiuto indifferenziato, ossia la frazione non riciclabile, deve essere conferito nell apposito sacco GRIGIO oppure nel bidone GRIGIO carrellato (per condomini o alcune tipologie di attività economiche). Il calendario delle raccolte prevede due ritiri settimanali per agevolare le famiglie più numerose o con esigenze particolari. In condizioni normali si invita ad esporre solo il sacco a piena capienza, possibilmente una volta a settimana. Prima di esporlo occorre SEMPRE applicare al proprio SACCHETTO (nella parte superiore e su superficie piana) una delle ETICHETTE adesive con il codice a barre identificativo consegnate a domicilio. Le utenze che non avessero ricevuto le etichette ovvero le nuove utenze insediate nel corso dell anno, sono tenute a richiedere le etichette personalizzate all Ufficio Servizi Ambientali della San Donnino Multiservizi, presso il CDR di via la Bionda il lunedì e il mercoledì dalle 8,30 alle 12,30 e dalle 14,30 alle 16,30. Cosa sì: Oggetti in gomma, pannolini, assorbenti, posate di plastica, CD, cassette audio e video, penne biro, spugne, piccoli oggetti in plastica e bakelite, carta carbone, carta oleata, carta plastificata, calze di nylon, cocci di ceramica (piatti, tazze), cosmetici, polveri dell aspirapolvere, pennarelli, stracci sporchi. Cosa NO: Rifiuti riciclabili, rifiuti pericolosi, sfalci e ramaglie, macerie, piccoli elettrodomestici. Non introdurre siringhe o oggetti pungenti, conferiscili al Centro di Raccolta (CDR). Già dal 2012 gli oggetti in PLASTICA DURA (come secchielli o bacinelle) possono essere riciclati: conferiscili al CDR. Piatti e bicchieri monouso, invece, rientrano nella raccolta differenziata di plastica, vetro e lattine! Giorni e orari di esposizione contenitori famiglie: lunedì e giovedì attività economiche: lunedì e giovedì Zone Famiglie Attività economiche CENTRO STORICO FIDENZA CAPOLUOGO, PAROLA E PONTEGHIARA FRAZIONI E FORESE entro le 7.00 entro le

18 Sfalci e potature Si conferma anche per il 2014 l uso esclusivo dei bidoni carrellati per la raccolta del verde. Gli interessati al servizio possono prenotare gratuitamente, presso l Ufficio Servizi Ambientali, il bidone carrellato utile a conferire sfalci d erba, piccole potature e foglie. La raccolta avviene tutti i MERCOLEDÌ. Il contenitore deve essere esposto nei giorni e negli orari indicati nel calendario, esclusivamente davanti alla propria abitazione, curando di non creare intralcio alla circolazione di veicoli e pedoni. Quantitativi superiori alla capienza del bidone, dovranno essere conferiti nella raccolta successiva. Le potature, di diametro non superiore ai 3 cm, possono essere conferite nella raccolta porta a porta se debitamente legate in fascine ed esposte davanti alla propria abitazione. In occasione della potatura di alberi o siepi è possibile conferire le fascine, in quantità non superiore ad 1 m 3 /utenza (indicativamente 1 m 3 equivale al volume di una lavatrice). In caso di manutenzione di giardini e orti, con produzione elevata di materiali vegetali, è necessario provvedere autonomamente al conferimento al Centro di Raccolta (CDR), previo accordo con l Ufficio Servizi Ambientali. È comunque possibile provvedere all autosmaltimento dei rifiuti da vegetali o organici tramite l uso della compostiera! Chiedila in comodato all Ufficio Servizi Ambientali. In questo tipo di raccolta non è possibile il ritiro delle cassette di legno, che dovranno essere smaltite presso il Centro di Raccolta La Bionda. Giorni e orari di esposizione contenitori famiglie: mercoledì attività economiche: mercoledì Zone Famiglie Attività economiche CENTRO STORICO non previsto FIDENZA CAPOLUOGO, PAROLA E PONTEGHIARA non previsto FRAZIONI E FORESE entro le 7.00 non previsto 18

19 Ingombranti Anche nel 2014 il servizio di raccolta viene svolto ogni sabato dell anno su prenotazione! Il Comune mette a disposizione il ritiro gratuito a domicilio dei materiali ingombranti, limitato a normali quantità di produzione domestica. Le prenotazioni del servizio si ricevono al n (dal martedì al giovedì e ; il lunedì e il venerdì ). Gli ingombranti possono essere anche conferiti in modo autonomo presso il Centro di Raccolta (CDR), in quantità limitate alla normale produzione domestica. Per quantità di rifiuti superiori alla normale produzione domestica (esempio traslochi o sgomberi di locali, case e/o appartamenti svolte da parte di ditte specializzate) occorre preventivamente prendere accordi con l Ufficio Servizi Ambientali al n che darà disponibilità in base alla ricettività del CDR. Cosa sì: Mobili, poltrone, divani, materassi, reti per letti, specchi, lavastoviglie, frigoriferi e lavatrici (fatte salve le modifiche introdotte dalla normativa sul recupero di rifiuti elettrici ed elettronici), materiale voluminoso purchè nei limiti quantitativi della normale produzione domestica. Cosa NO: Minuterie raccolte in sacchi o scatoloni, parti di auto o motoveicoli, sfalci e ramaglie. Giorni e orari di esposizione contenitori (previa prenotazione): famiglie: sabato su prenotazione attività economiche: non previsto Zone Famiglie Attività economiche CENTRO STORICO entro le 8.30 non previsto FIDENZA CAPOLUOGO, PAROLA E PONTEGHIARA entro le 8.30 non previsto FRAZIONI E FORESE entro le 8.30 non previsto 19

20 Compostaggio domestico Che cos è: Il compostaggio domestico è una forma di autosmaltimento dei rifiuti basato su un processo naturale che permette di ricavare del buon terriccio (compost) dagli scarti organici di cucina (avanzi di cibo, scarti di frutta e verdura, filtri di caffè e the, ecc.) e del giardino (erba, foglie, ramaglie, fiori). Il compost ottenuto si può utilizzare nel giardino o nell orto, durante i rinvasi, la semina o la messa a dimora di fiori e piante. Come si può fare: Fare il compostaggio è molto semplice, basta aver cura di utilizzare le giuste proporzioni di parti secche (ramaglie e foglie) e umide (sfalci e scarti dell orto e della cucina) e consentire una buona aerazione del materiale. Il sistema di compostaggio più efficace e igienico risulta essere la compostiera per la migliore aerazione ed il rivoltamento facilitato. I vantaggi: riduce alla fonte i rifiuti immessi nel sistema di raccolta; contribuisce a risolvere il problema rifiuti: recuperarlo in proprio diminuisce i costi di smaltimento garantisce la fertilità del suolo, fornendo un fertilizzante naturale utilizzabile nell orto, in giardino e per le piante in vaso; consente un risparmio economico, limitando l acquisto di terricci e concimi organici. II Comune, per favorire e promuovere l uso del compostaggio domestico, fornisce - in comodato - le compostiere per uso domestico. I cittadini interessati possono prenotarle contattando l Ufficio Servizi Ambientali (tel ), che, sulla base delle richieste pervenute, provvederà all acquisto di un numero adeguato di compostiere. 20

21 Altre tipologie di rifiuti Abiti usati: PUOI PORTARLI anche AL centro di raccolta! La raccolta degli indumenti usati in buono stato avviene tramite gli appositi contenitori stradali posizionati da Associazioni SENZA SCOPO DI LUCRO. Questa raccolta riguarda: maglieria, biancheria, cappelli, borse, cuoio, scarpe appaiate. Per ottimizzare la raccolta è buona norma SEPARARE GLI ABITI DALLE SCARPE PO- NENDOLI IN SACCHETTI DIFFERENTI E BEN CHIUSI. NON ABBANDONARE SACCHI ALL ESTERNO DEI CONTENITORI. Già dal 2011 è possibile conferirli anche nel nuovo Centro di Raccolta in via La Bionda. Attenzione: questi cassonetti sono provvisti di un dispositivo di apertura che, per motivi di sicurezza, non consente di conferire sacchi di dimensioni eccessive, questi possono essere trasportati presso il centro di raccolta conferendoli nell apposito container. Rifiuti urbani pericolosi: Ognuno di noi produce in piccole quantità rifiuti pericolosi, quali: pile, farmaci e contenitori di sostanze che utilizziamo nel bricolage o per la pulizia della casa, etichettati con i simboli e denominati T/FC. Questi materiali devono essere raccolti separatamente per poter essere smaltiti in modo corretto e sicuro, evitando di provocare danni all ambiente e alla nostra salute. Per i farmaci scaduti è possibile il conferimento presso tutte le farmacie del territorio. Per le pile esauste è possibile il conferimento presso le tabaccherie, i supermercati ed i negozi di elettrodomestici, oltre che presso gli sportelli pubblici (Comune, San Donnino, ecc). I RUP (Rifiuti Urbani Pericolosi) possono comunque essere conferiti presso il Centro di Raccolta. 21

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Comune di Padova Assessorato all Ambiente AcegasAps Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Le 3 Zone di raccolta nel Quartiere 1 Centro Tipo di Rifiuto Cosa conferire Cosa non conferire

Dettagli

Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci.

Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci. UNIONE DEI COMUNI Agugliano Camerata Picena Offagna Polverigi Santa Maria Nuova Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci. Raccolta differenziata porta a porta. A.T.I. Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci.

Dettagli

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE per Lecco e provincia Sacco VIOLA Frazione secca multimateriale L IMPIANTO DI SELEZIONE DEL SACCO VIOLA I sacchi provenienti dalla raccolta, caricati su un nastro trasportatore,

Dettagli

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE ervizi. a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta UTENZE DOMESTICHE presentazione Carissimi cittadina /cittadino, torno da te, per raccontarti la nostra esperienza

Dettagli

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Utenze domestiche Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Fare la raccolta differenziata In provincia di Modena, ogni giorno produciamo 1,75 chili di rifiuti a testa. Fare la raccolta differenziata

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Guida alla nuova raccolta differenziata per la città di Como

Guida alla nuova raccolta differenziata per la città di Como Guida alla nuova raccolta differenziata per la città di Como www.apricaspa.it www.comune.como.it COMUNE DI COMO 1 2 Indice Insieme verso il 6 5% di raccolta differenziata pag. 4 Perché fare la raccolta

Dettagli

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio ALTO BELICE AMBIENTE S.p.A. Cos'è l'imballaggio L uomo ha sempre fatto uso di contenitori e già 3500 anni fa le popolazioni egizie immagazzinavano e trasportavano unguenti, oli e vino in contenitori di

Dettagli

Dividere i rifiuti. bidone giallo Caritas. centro di raccolta. assorbenti igienici. audio e video cassette e custodie

Dividere i rifiuti. bidone giallo Caritas. centro di raccolta. assorbenti igienici. audio e video cassette e custodie Dividere i rifiuti A TIPOLOGIA RIFIUTO abiti accendino accumulatori acidi alcool denaturato alcool etilico alluminio contenitori alluminio oggetti di grandi dimensioni amianto ampolle anticrittogamici

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMPOSTAGGIO DOMESTICO PROGETTO DI INCENTIVAZIONE AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO DA ATTUARSI NEI COMUNI DI ABETONE, CUTIGLIANO, MARLIANA, PESCIA, PITEGLIO SAMBUCA PISTOISE, SAN MARCELLO PISTOIESE A cura di: APRILE 2008 PREMESSA Il

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

Dove lo butto? Elenco materiali aggiornato a dicembre 2014

Dove lo butto? Elenco materiali aggiornato a dicembre 2014 Dove lo butto? Elenco materiali aggiornato a dicembre 2014 OGGETTO Abbigliamento Abiti Accendini Accumulatori Acetone Acquaragia Adesivi chimici Agende di carta e/o cartoncino Albero di Natale vivo Alimentatori

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento ha per oggetto la disciplina dei servizi di raccolta, trasporto e conferimento a smaltitori finali dei rifiuti

Dettagli

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Bollette più leggere. Bollette più leggere..aria più pulita.aria più pulita Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Ostellato 28 maggio 2004 A scuola di ecologia

Dettagli

che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... CoMPoStAggio CARtieRA VetReRiA

che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... CoMPoStAggio CARtieRA VetReRiA che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... VetReRiA CARtieRA CoMPoStAggio Regione del Veneto Presidente Giancarlo Galan Assessore alle Politiche dell Ambiente Giancarlo Conta Segretario

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO Consorzio Intercomunale di Servizi per l Ambiente LOGO COMUNE COMUNE di REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO data: OTTOBRE 2012 SOMMARIO

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO: DAI CASSONETTI STRADALI, AL PORTA A PORTA, ALLA TARIFFA TARI

LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO: DAI CASSONETTI STRADALI, AL PORTA A PORTA, ALLA TARIFFA TARI via Belenzani, 18 I 38122 Trento tel. 0461 884935 I fax 0461 884940 servizio_ambiente@comune.trento.it Orario di apertura al pubblico: da lun. a ven. 8. 30-12 LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO:

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

"UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE

UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE GREST 2015 L estate ormai si avvicina e l Unità Pastorale Madre Teresa di Calcutta, organizza e propone il GrEst (Oratorio estivo), rivolto ai ragazzi delle classi elementari e medie delle nostre parrocchie.

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 1 LIFTKAR, il carrello motorizzato saliscale e MODULKAR, il carrello manuale. 2 3 Caratteristiche principali: 1) Tubolare in Alluminio in

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

PROGRAMMA DI PREVENZIONE E RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI E PRIME MISURE PER LA PREPARAZIONE AL RIUTILIZZO

PROGRAMMA DI PREVENZIONE E RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI E PRIME MISURE PER LA PREPARAZIONE AL RIUTILIZZO REGIONE UMBRIA PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI: PROGRAMMA DI PREVENZIONE E RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI E PRIME MISURE PER LA PREPARAZIONE AL RIUTILIZZO 1 INDICE 1. Introduzione: importanza

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

3- Dove e come posso richiederla ed attivarla?

3- Dove e come posso richiederla ed attivarla? FAQ ITALO PIU 1- Cos è la Carta Italo Più? 2- Cosa puoi fare con Italo Più? 3- Dove e come posso acquistarla? 4- Quanto costa? 5- Come posso ricaricare la carta? 6- Dove posso controllare il saldo ed i

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

Sistemi e attrezzature per la sicurezza

Sistemi e attrezzature per la sicurezza SISTEMI E ATTREZZATURE PER LA SICUREZZA Cavalletti di segnalazione...85 Segnalatore di sicurezza fisso...85 Over-The-Spill System...85 Coni di sicurezza e accessori...86 Barriere mobili...87 Segnalatore

Dettagli

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Province di: Cagliari Carbonia Iglesias Medio Campidano Nuoro Ogliastra Olbia Tempio Oristano Sassari ACQUA

Dettagli

Informazioni per gli spettatori

Informazioni per gli spettatori Informazioni per gli spettatori Fondazione Arena di Verona si riserva il diritto di apportare alla programmazione annunciata variazioni di data, orario e/o programma che si rendano necessarie. L acquisto

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

www.integration.zh.ch

www.integration.zh.ch Cantone di Zurigo Dipartimento della giustizia e degli interni Ufficio cantonale per l integrazione Informazioni per i nuovi arrivati dall estero www.integration.zh.ch Indice 03 Immigrazione e diritto

Dettagli

più compost, meno rifiuti Vantaggi per te, vantaggi per l ambiente

più compost, meno rifiuti Vantaggi per te, vantaggi per l ambiente guida al compostaggio più compost, meno rifiuti Vantaggi per te, vantaggi per l ambiente Ho in testa una gran bella idea: Brescia più bella, più sana, più pulita. Un obiettivo possibile, adottando semplicemente

Dettagli

Leonia Le città invisibili di Italo Calvino

Leonia Le città invisibili di Italo Calvino La città di Leonia rifà se stessa tutti i giorni: ogni mattina la popolazione si risveglia tra lenzuola fresche, si lava con saponette appena sgusciate dall'involucro, indossa vestaglie nuove fiammanti,

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

Trekking di più giorni

Trekking di più giorni SEZIONE DI MORTARA Trekking di più giorni Cosa portare nello zaino Escursioni di più giorni Per i trekking il discorso peso diventa ancora più importante delle escursioni di un giorno o due. Portare sulle

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Allo scopo di garantire al Tiro sportivo con armi da fuoco un crescente sviluppo anche all interno del Nostro poligono e che i sacrifici di chi si è prodigato perché

Dettagli

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno.

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. UPPLEVA Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. 5 anni di GARANZIA INCLUSA NEL PREZZO I televisori, i sistemi audio e gli occhiali 3D UPPLEVA sono garantiti 5 anni. Per saperne

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

ilmondo Impariamo insieme cosa sono i rifiuti e come si possono riciclare e smaltire dei Rifiuti

ilmondo Impariamo insieme cosa sono i rifiuti e come si possono riciclare e smaltire dei Rifiuti il mondo Impariamo insieme cosa sono i rifiuti e come si possono riciclare e smaltire dei Rifiuti Lo Sviluppo Sostenibile è quello sviluppo che consente alla generazione presente di soddisfare i propri

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

w w w. c m r i s t o r a z i o n e. i t

w w w. c m r i s t o r a z i o n e. i t BOCCALE 4 STAGIONI Senza capsula 41,5 cl Quattro stagioni bottiglia 20 CL bottiglia 40 CL SAGITTA VINO BIANCO Calice 44 cl SWING Bottiglia 25 cl Bottiglia 50 cl OFFICINA 1825 Bicchiere 30 cl ROCKBAR Bicchiere

Dettagli

CAPANNORI VERSO RIFIUTI ZERO AL 2020 MARZO 2011. Comune di Capannori 1

CAPANNORI VERSO RIFIUTI ZERO AL 2020 MARZO 2011. Comune di Capannori 1 CAPANNORI VERSO RIFIUTI ZERO AL 2020 MARZO 2011 Comune di Capannori 1 INTRODUZIONE GENERALE Capannori, 46.000 abitanti in Provincia di Lucca, è stato il primo Comune in Italia ad aver aderito alla Strategia

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

"IMPARIAMO A RICICLARE"

IMPARIAMO A RICICLARE COLLEGIO ARCIVESCOVILE Castelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE "IMPARIAMO A RICICLARE" (progetto di durata annuale) Anno scolastico 2008/2009 Classi terze e quarte - Scuola primaria FINALITA' Il Progetto

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale 1. Introduzione al backup Guida al backup Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi Con l aumentare dei rischi associati a virus, attacchi informatici e rotture hardware, implementare

Dettagli

La Regione Piemonte e la politica europea: gli indirizzi locali per il rispetto delle direttive comunitarie

La Regione Piemonte e la politica europea: gli indirizzi locali per il rispetto delle direttive comunitarie Il trattamento della frazione organica dei rifiuti urbani: sfide locali e globali - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - La Regione Piemonte e la politica europea:

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse ADVANCE Easy Moving www.advanceeasymoving.com Il pellet diventa facile! Caldaia sempre alimentata... senza pensarci! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da

Dettagli

Concorso La scuola più riciclona

Concorso La scuola più riciclona Il futuro è nella nostra natura Concorso La scuola più riciclona Nell'ambito del Piano dell'offerta Formativa Territoriale (POFT) 2014/2015, il Comune di Bitonto indice il concorso La scuola più riciclona

Dettagli

CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO

CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO La gestione ambientale di una struttura turistica prevede di porre sotto controllo, gestire e ridurre gli impatti ambientali legati al ciclo di vita

Dettagli

Solo il meglio sotto ogni profilo!

Solo il meglio sotto ogni profilo! Solo il meglio sotto ogni profilo! Perfetto isolamento termico per finestre in alluminio, porte e facciate continue Approfittate degli esperti delle materie plastiche Voi siete specialisti nella produzione

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

Alimentazione Switching con due schede ATX.

Alimentazione Switching con due schede ATX. Alimentazione Switching con due schede ATX. Alimentatore Switching finito 1 Introduzione...2 2 Realizzazione supporto...2 3 Realizzazione Elettrica...5 4 Realizzazione meccanica...7 5 Montaggio finale...9

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che vive con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

Punto Informatico PI Telefonia PI Download PI Forum. Anno XIII n. 3019 di venerdì 20 giugno 2008 - PI / News

Punto Informatico PI Telefonia PI Download PI Forum. Anno XIII n. 3019 di venerdì 20 giugno 2008 - PI / News 1 di 9 1/30/2009 4:47 PM Punto Informatico PI Telefonia PI Download PI Forum Anno XIII n. 3019 di venerdì 20 giugno 2008 - PI / News ITALIA, DOVE MUOIONO I PC E I CELLULARI OBSOLETI Quando gli italiani

Dettagli

Elettrificatori per recinti

Elettrificatori per recinti Elettrificatori per recinti 721 Cod. R315527 Elettri catore multifunzione PASTORELLO SUPER PRO 10.000 Articolo professionale, dotato di rotoregolatore a 3 posizioni per 3 diverse elettroscariche. Può funzionare

Dettagli

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA MOD. COM 3 SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO: MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA Al SUAP Ai sensi del D. L.vo 114/98, D. L.vo 59/10 e L. 122/10 Il sottoscritto

Dettagli

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso V-ZUG SA Cappa aspirante DW-SE/DI-SE Istruzioni per l uso Grazie per aver scelto uno dei nostri prodotti. Il vostro apparecchio soddisfa elevate esigenze, e il suo uso è molto semplice. E tuttavia necessario

Dettagli

Art.1. Oggetto del regolamento

Art.1. Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI A SOSTEGNO DELLE INIZIATIVE SVOLTE PER L ORGANIZZAZIONE DELLA GI ORNATA DEL VERDE PULITO Art.1 Oggetto del regolamento Il presente

Dettagli

Logistica di Amazon. Guida rapida alla creazione della spedizione

Logistica di Amazon. Guida rapida alla creazione della spedizione Logistica di Amazon Guida rapida alla creazione della spedizione Come inviare le spedizioni Logistica di Amazon ad Amazon in modo efficiente e senza intoppi Agenda 1 2 3 4 5 6 7 Creazione di una spedizione

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS

MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS Responsabile della Gestione Rifiuti dell ISS (Dott.ssa Loredana Musmeci) Responsabile dell Unità Gestione Rifiuti dell ISS (Ing.

Dettagli

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni ASSISTENZA ESTRATTO DELLE CONDIZIONI DI SERVIZIO Il presente documento costituisce un estratto delle Condizioni di Servizio, il cui testo integrale è depositato presso la sede legale del contraente, oppure

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Realizzato in PET riciclato. La natura ci guida. Consigli per comportamenti eco-logici. famila.it

Realizzato in PET riciclato. La natura ci guida. Consigli per comportamenti eco-logici. famila.it Realizzato in PET riciclato La natura ci guida Consigli per comportamenti eco-logici. famila.it Insieme per l ambiente. La nuova vita della plastica Questo supporto è stato realizzato con materiale riciclato:

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni 3M Italia, Gennaio 2011 Bollettino Istruzioni Applicazione pellicole su vetro Bollettino Istruzioni 3M Italia Spa Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello (MI) Fax: 02 93664033 E-mail 3mitalyamd@mmm.com

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato Centro d Infanzia Giacinto Bonanome Via San Marco 217 37050 Isola Rizza (Vr) Asilo Nido Integrato Progetto psicopedagogico DELLA SEZIONE API Anno scolastico 2013/2014 Centro d Infanzia Giacinto Bonanome

Dettagli

PERCENTUALI CON LE FRAZIONI

PERCENTUALI CON LE FRAZIONI Visto che il 20% di un numero è uguale a frazionario per calcolare le percentuali. 20 100 n allora possiamo utilizzare il calcolo DATI n= numero intero p= frazione (percentuale) r= numeratore (tasso di

Dettagli