Comune di Colle Umberto IL NUOVO SERVIZIO DI RACCOLTA RIFIUTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di Colle Umberto IL NUOVO SERVIZIO DI RACCOLTA RIFIUTI"

Transcript

1 Comune di Colle Umberto IL NUOVO SERVIZIO DI RACCOLTA RIFIUTI Colle Umberto 10 febbraio 2014

2 Comune di Colle Umberto Nuovo sistema di raccolta differenziata domiciliare dal prossimo 1 aprile: I motivi del cambiamento i sistemi di raccolta dei Comuni in gestione CIT-SAVNO la variazione del contesto normativo

3

4

5

6

7

8 IL CONTESTO NORMATIVO: 1- LA TARI Ai fini del calcolo della TARI, si rende indispensabile un sistema per la misurazione PUNTUALE della produzione di RIFIUTO SECCO delle utenze.

9 NUOVO SISTEMA DI FATTURAZIONE TARI: COSA CAMBIA PER LE UTENZE DOMESTICHE per le abitazioni la parte fissa verrà calcolata in base al numero dei componenti del nucleo famigliare, mentre quella variabile sarà quantificata in base al numero degli svuotamenti effettuati con il contenitore del secco non riciclabile (nuovo bidone grigio), considerando l applicazione degli svuotamenti minimi di seguito indicati e previsti dal Regolamento Consortile Tariffario. TABELLA ADDEBITO SVUOTAMENTI MINIMI IN FUNZIONE DEI COMPONENTI IL NUCLEO FAMIGLIARE Numero Svuotamenti Minimi Annui Pari a litri Componenti e più componenti 7 840

10 NUOVO SISTEMA DI FATTURAZIONE TARI: COSA CAMBIA PER LE UTENZE NON DOMESTICHE Con il nuovo sistema la parte fissa sarà calcolata in base alla superficie dell utenza, rapportata ai coefficienti di produzione di rifiuti presunta, distinto per tipo di attività, mentre la tariffa variabile sarà quantificata in base al numero di svuotamenti effettivamente rilevati con il contenitore del secco non riciclabile.

11 IL CONTESTO NORMATIVO: 2- i limiti per la movimentazione di carichi da parte degli operatori Si è reso necessario modificare la tipologia di contenitori per la raccolta e utilizzare bidoni carrellati, a seguito delle recenti normative legate al CCNL di categoria vigente e in ottemperanza a quanto previsto dal D. Lgs. N. 81/2008 in materia di sicurezza sul lavoro relativamente alla movimentazione manuale dei carichi.

12 Comune di Colle Umberto La qualità della Raccolta Differenziata

13 LA SITUAZIONE ATTUALE DELLA RACCOLTA COMUNE DI COLLE UMBERTO - Dati 1 semestre 2013 Plastica 10,1% Vetro e lattine 13,0% Legno 5,0% Ferro 1,6% Raee 1,3% Altro 0,8% Secco 16,8% Carta e Cartone 22,5% Umido 19,9% Ingombranti 7,1% Verde 2,0% Raccolta Differenziata: 76,1% Fonte dati: CIT

14 % ANDAMENTO RACCOLTA DIFFERENZIATA (indifferenziata: secco e ingombranti) Comune di Colle Umberto Comuni Savno ,3 81,5 81,7 77,5 77,5 76,8 76,6 77,7 77,5 76, (1 sem.) ANNO Fonte dati: CIT - Savno

15 kg/ab*anno ANDAMENTO PRODUZIONE DI RIFIUTO SECCO PROCAPITE 100 Comune di Colle Umberto Comuni Savno ,1 66, ,9 55,3 49,5 50,4 51,4 50,9 48,9 47, (1 sem.) ANNO Fonte dati: CIT - SAVNO

16 ANALISI MERCEOLOGICHE Cosa sono? Analisi volte a determinare la qualità e la composizione del rifiuto urbano. Come si fanno? Presso gli impianti di conferimento, si preleva un campione di materiale, separando e pesando le diverse tipologie di rifiuto.

17 IL CONTROLLO I Vigili Ecologici Attivazione di un servizio di controllo del corretto conferimento dei rifiuti I vigili ecologici sono pubblici ufficiali abilitati; non si sostituiscono alla polizia municipale ma integrano il servizio di controllo del territorio: contenimento dell abbandono dei rifiuti migliore qualità del rifiuto raccolto controllo dei conferimento dei rifiuti

18 Comune di Colle Umberto Modalità del nuovo servizio di raccolta differenziata

19 I nuovi contenitori per la raccolta differenziata

20 Giorno e ora LUNEDI 10 FEBBRAIO ore Luogo PALESTRA COMUNALE

21

22

23 CALENDARIO DELLE GIORNATE DI DISTRIBUZIONE DEI CONTENITORI Giorno Orario Per le utenze di: Giovedì 27 febbraio 2014 Dalle ore alle ore (orario continuato) Menarè Venerdì 28 febbraio 2014 Dalle ore alle ore (orario continuato) Colle Umberto capoluogo Sabato 1 marzo 2014 Dalle ore 9.00 alle ore Tutte le utenze Mercoledì 5 marzo 2014 Dalle ore alle ore (orario continuato) S. Martino di Colle Umberto Giovedì 6 marzo 2014 Dalle ore 9.00 alle ore e dalle ore alle ore Colle Umberto capoluogo Lunedì 10 marzo 2014 Dalle ore alle ore (orario continuato) Tutte le utenze Nel caso in cui un utenza non possa ritirare il kit durante le giornate dedicate per la sua zona è comunque possibile recarsi in una giornata prevista per un altra frazione.

24 La distribuzione dei contenitori alle utenze domestiche presentarsi al ritiro muniti di documento di identità il ritiro dovrà essere possibilmente effettuato dall intestatario dell utenza (persona cui è intestata la fattura) o da altro componente dello stesso nucleo familiare nel caso ci si renda disponibili ad occuparsi del ritiro per conto di altri utenti, presentarsi muniti di delega sottoscritta dall utente rappresentato (vedi modulo in calce alla lettera) Chi lo desiderasse potrà trattenere le cassette per la carta e per la raccolta di vetro-lattine per scopi personali. ATTENZIONE: ricordiamo che dal 1 aprile 2014 i rifiuti esposti verranno raccolti solo con i nuovi contenitori Savno!

25 La distribuzione dei contenitori alle utenze non domestiche e condomini SE E SUFFICIENTE IL KIT PER LE UTENZE DOMESTICHE: ritiro presso il punto di distribuzione, nelle date indicate nella lettera IN CASO DI DIVERSE NECESSITA (contenitori da 240 litri oppure da 1100 litri): compilazione del modulo apposito allegato alla lettera ed invio della richiesta tramite fax al n Le ditte saranno contattate per la consegna dei contenitori (massimo 1100 litri per tipologia) PER I CONDOMINI: è possibile richiedere contenitori più grandi per la raccolta di carta, plastica lattine e vetro. Ricordiamo che da aprile i rifiuti verranno raccolti solo con i nuovi contenitori Savno e pertanto, le utenze in possesso di bidoni carrellati di qualsivoglia tipologia (es. secco, carta, umido, vetro, ecc..), sono invitate a comunicare l esistenza degli stessi attraverso MODULO RICHIESTA CONTENITORI DI MAGGIORE VOLUMETRIA.

26 IL CALENDARIO IL CALENDARIO CHE VERRA DISTRIBUITO INSIEME AI CONTENITORI RIPORTA TUTTE LE GIORNATE DI RACCOLTA ED E INDISPENSABILE PERCHE : ricorda le giornate di esposizione dei rifiuti è ricco di informazioni sulla raccolta differenziata è esplicativo dei servizi che riguardano i rifiuti

27

28 LE GIORNATE DI RACCOLTA: RACCOLTA VETRO ATTENZIONE: DA APRILE SOLO VETRO contenitore da 120 lt per ogni utenza (per le grandi utenze contenitori da 240 litri) Servizio di raccolta con frequenza mensile 2 MERCOLEDI DEL MESE ZONA A 4 MERCOLEDI DEL MESE ZONA B

29 LE GIORNATE DI RACCOLTA: Imballaggi in plastica e lattine ATTENZIONE: DA APRILE PLASTICA+LATTINE 30 sacchetti da circa 100 litri per ogni utenza (per le grandi utenze contenitori da 240 e 1100 litri ) Servizio di raccolta con frequenza QUINDICINALE ALTERNATO CON LA CARTA nella giornata di MERCOLEDI

30 LE GIORNATE DI RACCOLTA: RACCOLTA CARTA contenitore da 120 lt per ogni utenza (per le grandi utenze contenitori da 240 e 1100 litri) Servizio di raccolta con frequenza QUINDICINALE ALTERNATO CON PLASTICA/LATTINE nella giornata di: VENERDI

31 LE GIORNATE DI RACCOLTA: RIFIUTO SECCO Servizio di raccolta con frequenza QUINDICINALE nella giornata di VENERDI

32 ATTENZIONE dal 1 APRILE 2014 il secco verrà raccolto con frequenza quindicinale IL CALENDARIO CHE VERRA DISTRIBUITO RIPORTA LE NUOVE GIORNATE DI RACCOLTA

33 NOVITA : SERVIZIO PANNOLINIPANNOLONI Dal mese di APRILE 2014, sarà attivato il servizio sociale gratuito di raccolta pannolini e pannoloni, con utilizzo di appositi contenitori unifamiliari dedicati da 120 litri, previo rilascio dell autorizzazione presso lo sportello SAVNO. Utenze aventi diritto: famiglie con bambini fino ai 3 anni di età; anziani e/o persone con documentati problemi di incontinenza attestante la necessità del servizio. Attenzione: i contenitori per la raccolta dei pannolini/pannoloni NON vengono consegnati nelle giornate previste per la distribuzione, ma solo presso l ecosportello SAVNO!

34 LE GIORNATE DI RACCOLTA: RIFIUTO UMIDO Servizio di raccolta con frequenza BISETTIMANALE nella giornata di MARTEDI E VENERDI

35 NOVITA : il cestino sottolavello e i sacchi biodegradabili per la raccolta del rifiuto umido Alle utenze che non effettuano il compostaggio domestico, verrà un kit per la raccolta domestica dell umido, costituito da: - 2 rotoli di sacchetti biodegradabili; - 1 cestino da sottolavello areato. ATTENZIONE: il sottolavello è da utilizzare in casa: va esposta in strada per la raccolta solo la biopattumiera già in dotazione.

36 Centro di Raccolta o C.A.R.D. Intercomunale sito in Godega S. Urbano Zona Industriale Via Paolo Sarpi ORARIO INVERNALE 1 ottobre 31 maggio ORARIO ESTIVO 1 aprile 30 settembre MERCOLEDI 13:00 17:00 15:00 19:00 SABATO 8:00 14:00 8:00 14:00

37 Centro di Raccolta o C.A.R.D. Si tratta di un area recintata connessa al sistema di raccolta RSU comunale, dove possono essere conferiti all interno di appositi contenitori i seguenti rifiuti: INGOMBRANTI R.A.E.E (elettrici ed elettronici e neon) SFALCI E RAMAGLIE FERRO e METALLI CARTA e CARTONE LEGNO IMBALLAGGI IN PLASTICA VETRO OLI VEGETALI E MINERALI BATTERIE AUTO PILE FARMACI T/F TONER

38 Dal 18 febbraio 2014 è attivo L ECOSPORTELLO SAVNO Via Modena n. 39 orari di apertura: Martedì Mercoledì Dalle ore 14:00 alle ore 18:00

39 Comune di Colle Umberto RACCOLTA DIFFERENZIATA Cosa e come conferire

40 Comune di Colle Umberto vediamo alcune regole per fare una BUONA raccolta differenziata

41 Imballaggi in plastica e lattine Barattoli in plastica per alimenti in polvere o cibo per animali salviette umidificate Borsette della spesa Bottiglie d acqua, di bibite, latte, ecc Buste in plastica per maglie, cravatte, calze, biancheria o altri capi di abbigliamento Carta plastificata delle uova di Pasqua Cassette per frutta e verdura Cellophane Chip da imballaggio in polistirolo Confezioni di merende e cracker rigide per dolciumi (ad esempio scatole trasparenti per amaretti, vassoi interni ad impronte per i cioccolatini, ecc.) trasparenti per pasta fresca per imballo di beni durevoli (con le bolle d aria o in plastica espansa) piatti e bicchieri plastica puliti Grucce appendiabito Confezioni sagomate in plastica per alimenti in porzioni monouso per uova blister per pile, articoli da ferramenta o di cancelleria, ecc. (senza eventuali parti in cartoncino) Contenitori in plastica per cosmetici per rullini fotografici per piantine da trapiantare (purché ben ripuliti dalla terra) Coperchi in plastica di barattoli e contenitori Film e pellicole per imballaggio Flaconi di candeggina o altre sostanze identificate come pericolose (purché sciacquati), se utilizzate in ambito domestico di detersivi, saponi, prodotti per l igiene della casa, acqua distillata dispensatori di maionese, salse, ecc. di shampoo, bagnoschiuma, cosmetici o altri prodotti per l igiene della persona

42 Imballaggi in plastica e lattine Imballaggi in polistirolo Involucri in plastica per damigiane Nylon di piccole dimensioni Reggette per legatura pacchi Reti per frutta e verdura (ad esempio quelle di limoni, arance, cipolle ) Sacchetti in plastica per congelatore per confezionare vari prodotti (elettrodomestici, giocattoli, articoli regalo...) per pasta, patatine, caramelle, surgelati, ecc. per i rifiuti Sacchi o buste per prodotti da giardinaggio o cibo per animali Lattine Vaschette in alluminio Tappi in alluminio o acciaio Contenitori pelati, tonno, mais, ecc. (ben lavati) Fogli in alluminio PER RICONOSCERE IL MATERIALE PREVALENTE SI UTILIZZA LA REGOLA DELLO STRAPPO

43 Imballaggi in plastica e lattine POSSONO ESSERE CONFERITI CON IMBALLAGGI IN PLASTICA E LATTINE ANCHE: -PIATTI DI PLASTICA puliti -BICCHIERI DI PLASTICA puliti -NO POSATE DI PLASTICA - PIATTI E BICCHIERI DI PLASTICA SPORCHI VANNO NEL SECCO - RIMANGONO ESCLUSE LE POSATE DI PLASTICA: FORCHETTE, CUCCHIAI E COLTELLI DI PLASTICA VANNO CONFERITI CON IL RIFIUTO SECCO

44 da NON conferire nel sacchetto blu Giocattoli posate di plastica (forchette, coltelli, cucchiai) Borse, zaini Portacenere, portamatite Imballaggi con residui di cibo Contenitori etichettati T e/o F Manufatti per l edilizia e l idraulica come tubi, fili elettrici, ecc. Manufatti e oggetti di plastica di piccole dimensioni Arredi e giochi da giardino di plastica Secchi, bacinelle, stendibiancheria Teli di nylon, plastica e gomma Manufatti di plastica di grandi dimensioni

45 Carta e cartone Nel BIDONE vanno inseriti: Giornali Quaderni Fogli vari Cartoni piegati e rotti Confezioni in cartoncino Tetrapak e tetratop Nel BIDONE NON vanno inseriti: Borsette Nylon Carta carbone/carta chimica Carta fotografica

46 I POLIACCOPPIATI: alcune novita Recentemente i nostri impianti di ricevimento hanno ampliato le tipologie di imballaggi composti poliaccoppiati accettati, che prima venivano conferiti nel secco Se il materiale prevalente è CARTA vanno conferiti nel contenitore per la raccolta della carta: ES. SACCHETTO DEI BISCOTTI.. Se il materiale prevalente è PLASTICA vanno conferiti nel contenitore per la raccolta di imballaggi in plastica e lattine: ES. CONTENITORE DEL CAFFE. PER RICONOSCERE IL MATERIALE PREVALENTE SI UTILIZZA LA REGOLA DELLO STRAPPO

47 Attenzione: Conferire i rifiuti sfusi (senza sacchetti) all interno del contenitore; i rifiuti di carta/cartone/tetrapak devono essere conferiti solo tramite gli appositi contenitori forniti da Savno e secondo le modalità specificate nel calendario delle raccolte. I rifiuti conferiti in contenitori diversi non verranno raccolti e i trasgressori potranno essere sanzionati in base a quanto previsto dal Regolamento Consortile. I contenitori devono essere esposti la sera prima della giornata di raccolta indicata nel calendario, in un luogo pubblico, visibile, ma non di intralcio alla circolazione e ritirati il prima possibile a cura dell utente; Gli svuotamenti dei contenitori gialli non vengono conteggiati ai fini della TARES: solo lo svuotamento del bidone del SECCO incide sulla quota variabile della Tariffa.

48 Vetro Nel BIDONE VERDE vanno inseriti: Bottiglie di vetro Bicchieri Vasetti in vetro Cocci e frammenti di vetro Nel BIDONE VERDE NON vanno inseriti: Ceramica o porcellana Lampadine Neon Specchi Schermi video Cristalli e pyrex

49 Attenzione: Conferire SOLO VETRO SFUSO (senza sacchetti) all interno del contenitore; i rifiuti in vetro devono essere conferiti solo tramite gli appositi contenitori forniti da Savno e secondo le modalità specificate nel calendario delle raccolte. I rifiuti conferiti in contenitori diversi non verranno raccolti e i trasgressori potranno essere sanzionati in base a quanto previsto dal Regolamento Consortile. I contenitori devono essere esposti la sera prima della giornata di raccolta indicata nel calendario, in un luogo pubblico, visibile, ma non di intralcio alla circolazione e ritirati il prima possibile a cura dell utente; Gli svuotamenti dei contenitori verdi non vengono conteggiati ai fini della TARES: solo lo svuotamento del bidone del SECCO incide sulla quota variabile della Tariffa.

50 Umido Nella biopattumiera vanno inseriti: Scarti di cucina Fondi di caffè Filtri del tè Escrementi, lettiere di piccoli animali domestici Salviette di carta unte Ceneri spente di caminetti Piccoli ossi, gusci di cozze Tappi di sughero Nella biopattumiera NON vanno inseriti: Pannolini, assorbenti Stracci anche se bagnati

51 ll cestino sottolavello e i sacchi biodegradabili per la raccolta del rifiuto umido Il rifiuto umido andrà conferito nel cestino da sottolavello (2) utilizzando i sacchetti biodegradabili (1), che andranno chiusi e successivamente introdotti nel contenitore marrone (la biopattumiera già in dotazione - 3) da esporre in strada per la raccolta. Restano invariate le modalità e le agevolazioni per chi effettua il compostaggio domestico. ATTENZIONE: il sottolavello è da utilizzare in casa: va esposta in strada per la raccolta solo la biopattumiera già in dotazione I contenitori devono essere esposti la sera prima della giornata di raccolta indicata nel calendario, in un luogo pubblico, visibile, ma non di intralcio alla circolazione e ritirati il prima possibile a cura dell utente

52 Grigio Nella BIDONE GRIGIO vanno inseriti: spazzamento domestico sacchetti aspirapolvere piccoli giocattoli stracci, calze e tessuti assorbenti carta oleata (es. carta dei salumi) posate di plastica : forchette, cucchiai, coltelli piccoli oggetti di uso domestico (penne, nastro adesivo, rasoi, spazzolini da denti, ) cassette audio e video,floppy, CD lampadine a incandescenza siringhe in sicurezza, cerotti, cotone mozziconi di sigaretta spenti ceramica

53 Attenzione: Il rifiuto secco va riposto all interno del bidone in sacchetti chiusi; Il bidone va esposto solo quando è pieno perché il numero di svuotamenti incide sul valore della tariffa; I contenitori devono essere esposti la sera prima della giornata di raccolta indicata nel calendario, in un luogo pubblico, visibile, ma non di intralcio alla circolazione e ritirati il prima possibile a cura dell utente

54 Grazie per l attenzione! Per maggiori informazioni: www. savno.it Numero verde Savno: Comune di Colle Umberto

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Comune di Padova Assessorato all Ambiente AcegasAps Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Le 3 Zone di raccolta nel Quartiere 1 Centro Tipo di Rifiuto Cosa conferire Cosa non conferire

Dettagli

Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci.

Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci. UNIONE DEI COMUNI Agugliano Camerata Picena Offagna Polverigi Santa Maria Nuova Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci. Raccolta differenziata porta a porta. A.T.I. Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci.

Dettagli

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio ALTO BELICE AMBIENTE S.p.A. Cos'è l'imballaggio L uomo ha sempre fatto uso di contenitori e già 3500 anni fa le popolazioni egizie immagazzinavano e trasportavano unguenti, oli e vino in contenitori di

Dettagli

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Utenze domestiche Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Fare la raccolta differenziata In provincia di Modena, ogni giorno produciamo 1,75 chili di rifiuti a testa. Fare la raccolta differenziata

Dettagli

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE per Lecco e provincia Sacco VIOLA Frazione secca multimateriale L IMPIANTO DI SELEZIONE DEL SACCO VIOLA I sacchi provenienti dalla raccolta, caricati su un nastro trasportatore,

Dettagli

Guida alla nuova raccolta differenziata per la città di Como

Guida alla nuova raccolta differenziata per la città di Como Guida alla nuova raccolta differenziata per la città di Como www.apricaspa.it www.comune.como.it COMUNE DI COMO 1 2 Indice Insieme verso il 6 5% di raccolta differenziata pag. 4 Perché fare la raccolta

Dettagli

Dividere i rifiuti. bidone giallo Caritas. centro di raccolta. assorbenti igienici. audio e video cassette e custodie

Dividere i rifiuti. bidone giallo Caritas. centro di raccolta. assorbenti igienici. audio e video cassette e custodie Dividere i rifiuti A TIPOLOGIA RIFIUTO abiti accendino accumulatori acidi alcool denaturato alcool etilico alluminio contenitori alluminio oggetti di grandi dimensioni amianto ampolle anticrittogamici

Dettagli

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE ervizi. a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta UTENZE DOMESTICHE presentazione Carissimi cittadina /cittadino, torno da te, per raccontarti la nostra esperienza

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

Dove lo butto? Elenco materiali aggiornato a dicembre 2014

Dove lo butto? Elenco materiali aggiornato a dicembre 2014 Dove lo butto? Elenco materiali aggiornato a dicembre 2014 OGGETTO Abbigliamento Abiti Accendini Accumulatori Acetone Acquaragia Adesivi chimici Agende di carta e/o cartoncino Albero di Natale vivo Alimentatori

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO: DAI CASSONETTI STRADALI, AL PORTA A PORTA, ALLA TARIFFA TARI

LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO: DAI CASSONETTI STRADALI, AL PORTA A PORTA, ALLA TARIFFA TARI via Belenzani, 18 I 38122 Trento tel. 0461 884935 I fax 0461 884940 servizio_ambiente@comune.trento.it Orario di apertura al pubblico: da lun. a ven. 8. 30-12 LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO Consorzio Intercomunale di Servizi per l Ambiente LOGO COMUNE COMUNE di REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO data: OTTOBRE 2012 SOMMARIO

Dettagli

che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... CoMPoStAggio CARtieRA VetReRiA

che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... CoMPoStAggio CARtieRA VetReRiA che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... VetReRiA CARtieRA CoMPoStAggio Regione del Veneto Presidente Giancarlo Galan Assessore alle Politiche dell Ambiente Giancarlo Conta Segretario

Dettagli

Trekking di più giorni

Trekking di più giorni SEZIONE DI MORTARA Trekking di più giorni Cosa portare nello zaino Escursioni di più giorni Per i trekking il discorso peso diventa ancora più importante delle escursioni di un giorno o due. Portare sulle

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMPOSTAGGIO DOMESTICO PROGETTO DI INCENTIVAZIONE AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO DA ATTUARSI NEI COMUNI DI ABETONE, CUTIGLIANO, MARLIANA, PESCIA, PITEGLIO SAMBUCA PISTOISE, SAN MARCELLO PISTOIESE A cura di: APRILE 2008 PREMESSA Il

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

LA LEGGE SUL PESO NETTO

LA LEGGE SUL PESO NETTO La Legge sul Peso Netto 1 LA LEGGE SUL PESO NETTO Comando Polizia Municipale Via Bologna 74 - salone Ufficio Verbali Relatori: Pietro Corcione, Igor Gallo D.Lgs. 6 settembre 2005 n 206 (Codice del Consumo)

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Posizionamento del Simbolo

Posizionamento del Simbolo , 6 Versione 15, Gennaio 2015 Sezione 6. Linee Guida sul Posizionamento del Simbolo 6.1. Introduzione... 2 6.2. Principi Generali sul Posizionamento... 2 6.3. Linee Guida sul Posizionamento Generale per

Dettagli

CAPANNORI VERSO RIFIUTI ZERO AL 2020 MARZO 2011. Comune di Capannori 1

CAPANNORI VERSO RIFIUTI ZERO AL 2020 MARZO 2011. Comune di Capannori 1 CAPANNORI VERSO RIFIUTI ZERO AL 2020 MARZO 2011 Comune di Capannori 1 INTRODUZIONE GENERALE Capannori, 46.000 abitanti in Provincia di Lucca, è stato il primo Comune in Italia ad aver aderito alla Strategia

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA

Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA Acquistare una zucca fresca o già secca. Nel primo caso sarà opportuno comprarla in un periodo caldo per godere delle giornate

Dettagli

ALLEGATO 10. Materie tessili e loro manufatti della sezione XI

ALLEGATO 10. Materie tessili e loro manufatti della sezione XI ALLEGATO 10 ELENCO DELLE LAVORAZIONI O TRASFORMAZIONI ALLE QUALI DEVONO ESSERE SOTTO- POSTI I MATERIALI NON ORIGINARI AFFINCHÉ IL PRODOTTO FINITO POSSA AVERE IL CARATTERE DI PRODOTTO ORIGINARIO Materie

Dettagli

"UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE

UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE GREST 2015 L estate ormai si avvicina e l Unità Pastorale Madre Teresa di Calcutta, organizza e propone il GrEst (Oratorio estivo), rivolto ai ragazzi delle classi elementari e medie delle nostre parrocchie.

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento ha per oggetto la disciplina dei servizi di raccolta, trasporto e conferimento a smaltitori finali dei rifiuti

Dettagli

Concorso La scuola più riciclona

Concorso La scuola più riciclona Il futuro è nella nostra natura Concorso La scuola più riciclona Nell'ambito del Piano dell'offerta Formativa Territoriale (POFT) 2014/2015, il Comune di Bitonto indice il concorso La scuola più riciclona

Dettagli

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Bollette più leggere. Bollette più leggere..aria più pulita.aria più pulita Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Ostellato 28 maggio 2004 A scuola di ecologia

Dettagli

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 1 LIFTKAR, il carrello motorizzato saliscale e MODULKAR, il carrello manuale. 2 3 Caratteristiche principali: 1) Tubolare in Alluminio in

Dettagli

BOLLO ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE

BOLLO ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE MOD.COM 2 BOLLO copia per il Comune ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE Al Comune di * Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (artt. 8,9,10, comma 5),

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

La Regione Piemonte e la politica europea: gli indirizzi locali per il rispetto delle direttive comunitarie

La Regione Piemonte e la politica europea: gli indirizzi locali per il rispetto delle direttive comunitarie Il trattamento della frazione organica dei rifiuti urbani: sfide locali e globali - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - La Regione Piemonte e la politica europea:

Dettagli

PROGRAMMA DI PREVENZIONE E RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI E PRIME MISURE PER LA PREPARAZIONE AL RIUTILIZZO

PROGRAMMA DI PREVENZIONE E RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI E PRIME MISURE PER LA PREPARAZIONE AL RIUTILIZZO REGIONE UMBRIA PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI: PROGRAMMA DI PREVENZIONE E RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI E PRIME MISURE PER LA PREPARAZIONE AL RIUTILIZZO 1 INDICE 1. Introduzione: importanza

Dettagli

Eco Natural Lucart: la nuova generazione di carta ecologica

Eco Natural Lucart: la nuova generazione di carta ecologica Natural Lucart: nuova generazione di carta ecologica Una gamma di prodotti INNOVATIVA nel filosofia produttiva, eccellente nelle PRESTAZIONI ed ECOLOGICA al 100%. Professional TecHnology La prima carta

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni 3M Italia, Gennaio 2011 Bollettino Istruzioni Applicazione pellicole su vetro Bollettino Istruzioni 3M Italia Spa Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello (MI) Fax: 02 93664033 E-mail 3mitalyamd@mmm.com

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

Esperienze con l elettricità e il magnetismo

Esperienze con l elettricità e il magnetismo Esperienze con l elettricità e il magnetismo Laboratorio di scienze Le esperienze di questo laboratorio ti permettono di acquisire maggiore familiarità con l elettricità e il magnetismo e di sperimentare

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

C.L. Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Polo di Rieti. Calendario Lezioni 3 anno 2 Semestre - A.A.

C.L. Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Polo di Rieti. Calendario Lezioni 3 anno 2 Semestre - A.A. I Settiman 2-6 Ore Lunedi 2 Martedi 3 Mercoledi 4 Giovedì 5 Venerdì 6 II 09-13 Ore Lunedì 9 Martedì 10 Mercoledì 11 Giovedì 12 Venerdì 13 III 16-20 Ore Lunedì 16 Martedì 17 Mercoledì 18 Giovedì 19 Venerdì

Dettagli

più compost, meno rifiuti Vantaggi per te, vantaggi per l ambiente

più compost, meno rifiuti Vantaggi per te, vantaggi per l ambiente guida al compostaggio più compost, meno rifiuti Vantaggi per te, vantaggi per l ambiente Ho in testa una gran bella idea: Brescia più bella, più sana, più pulita. Un obiettivo possibile, adottando semplicemente

Dettagli

Deliberazione n. 105

Deliberazione n. 105 Protocollo RC n. 856/03! Anno 2005 VERBALE N. 32 Deliberazione n. 105 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE Seduta Pubblica del 12 maggio 2005 Presidenza: MANNINO - CIRINNA' L

Dettagli

Logistica di Amazon. Guida rapida alla creazione della spedizione

Logistica di Amazon. Guida rapida alla creazione della spedizione Logistica di Amazon Guida rapida alla creazione della spedizione Come inviare le spedizioni Logistica di Amazon ad Amazon in modo efficiente e senza intoppi Agenda 1 2 3 4 5 6 7 Creazione di una spedizione

Dettagli

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr Manuale d uso Rilevamento del parto www.medria.fr Grazie per la preferenza accordataci nell acquistare Vel Phone. Vi chiediamo di leggere attentamente il presente manuale di istruzioni per l uso, prima

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE. Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE. Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto MOD.COM 1, copia per il Comune ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE Al Comune di * Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto Cognome Nome C.F.

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Realizzato in PET riciclato. La natura ci guida. Consigli per comportamenti eco-logici. famila.it

Realizzato in PET riciclato. La natura ci guida. Consigli per comportamenti eco-logici. famila.it Realizzato in PET riciclato La natura ci guida Consigli per comportamenti eco-logici. famila.it Insieme per l ambiente. La nuova vita della plastica Questo supporto è stato realizzato con materiale riciclato:

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA MOD. COM 3 SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO: MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA Al SUAP Ai sensi del D. L.vo 114/98, D. L.vo 59/10 e L. 122/10 Il sottoscritto

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO Servizio: UOA APPROVVIGIONAMENTI Data: 29 dicembre 2010 Spett.le Ditta Prot. n.: 46520 da citare nella risposta Vs. rif.: Oggetto:

Dettagli

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza 10. sicurezza La dei tuoi cibi dipende anche da te sicurezza 10. La sicurezza dei tuoi cibi dipende anche da te Oggi i consumatori sono sempre più attenti alle questioni della sicurezza degli alimenti,

Dettagli

COMUNICAZIONE. Al Comune di *

COMUNICAZIONE. Al Comune di * 7864 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 82 del 30-6-2004 MOD.COM 3 Al Comune di * ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE Ai sensi della l.r. 11/03

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

PERCENTUALI CON LE FRAZIONI

PERCENTUALI CON LE FRAZIONI Visto che il 20% di un numero è uguale a frazionario per calcolare le percentuali. 20 100 n allora possiamo utilizzare il calcolo DATI n= numero intero p= frazione (percentuale) r= numeratore (tasso di

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO

CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO La gestione ambientale di una struttura turistica prevede di porre sotto controllo, gestire e ridurre gli impatti ambientali legati al ciclo di vita

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

SCHEDA TECNICA PRODOTTO PUBBLICAZIONE INFORMATIVA NO PROFIT

SCHEDA TECNICA PRODOTTO PUBBLICAZIONE INFORMATIVA NO PROFIT SCHEDA TECNICA PRODOTTO PUBBLICAZIONE INFORMATIVA NO PROFIT APRILE 2011 INDICE INDICE... 2 DOCUMENTI CITATI... 3 1 CARATTERISTICHE GENERALI... 3 1.1 OBIETTIVI DI QUALITÀ... 3 1.2 PREREQUISITI DI AMMISSIBILITÀ...

Dettagli

Raccolta di problemi del tre semplice completi di soluzioni Proportionality Problems and Three rule

Raccolta di problemi del tre semplice completi di soluzioni Proportionality Problems and Three rule Proporzionalità Problemi del tre semplice - Raccolta di problemi del tre semplice completi di soluzioni Proportionality Problems and Three rule. Il Saulo e la Bea non hanno ancora deciso quale scala installare.

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

ECO PLA Form Futura Opaco 1240 Kg/m³ 210 C 40 / 80 mm/s 0,75 Kg ± 2% Premium PLA Form Futura Semi trasparente 1250 Kg/m³ 180 C - 200 C -- 1 Kg ± 2%

ECO PLA Form Futura Opaco 1240 Kg/m³ 210 C 40 / 80 mm/s 0,75 Kg ± 2% Premium PLA Form Futura Semi trasparente 1250 Kg/m³ 180 C - 200 C -- 1 Kg ± 2% Materiale Venduto da Trasparenza Densità (21.5 ) Temperatura di fusione Velocita' consigliata Bobina (peso netto) ECO PLA Opaco 1240 Kg/m³ 210 C 40 / 80 mm/s 0,75 Kg ± 2% Premium PLA Semi trasparente 1250

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

People. Process. Product.

People. Process. Product. People. Process. Product. INTRODUZIONE Il programma StoreSafe è stato creato per identificare i prodotti Cambro che aiutano gli operatori nel settore della ristorazione collettiva a soddisfare i requisiti

Dettagli

Leonia Le città invisibili di Italo Calvino

Leonia Le città invisibili di Italo Calvino La città di Leonia rifà se stessa tutti i giorni: ogni mattina la popolazione si risveglia tra lenzuola fresche, si lava con saponette appena sgusciate dall'involucro, indossa vestaglie nuove fiammanti,

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE MOD.COM 3 Al Comune di * ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA copia per il Comune COMUNICAZIONE Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (artt.10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto

Dettagli

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato Centro d Infanzia Giacinto Bonanome Via San Marco 217 37050 Isola Rizza (Vr) Asilo Nido Integrato Progetto psicopedagogico DELLA SEZIONE API Anno scolastico 2013/2014 Centro d Infanzia Giacinto Bonanome

Dettagli

Ne forniamo alcuni esempi.

Ne forniamo alcuni esempi. Con il termine coordinamento oculo-manuale si intende la capacità di far funzionare insieme la percezione visiva e l azione delle mani per eseguire compiti di diversa complessità. Per sviluppare questa

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

ilmondo Impariamo insieme cosa sono i rifiuti e come si possono riciclare e smaltire dei Rifiuti

ilmondo Impariamo insieme cosa sono i rifiuti e come si possono riciclare e smaltire dei Rifiuti il mondo Impariamo insieme cosa sono i rifiuti e come si possono riciclare e smaltire dei Rifiuti Lo Sviluppo Sostenibile è quello sviluppo che consente alla generazione presente di soddisfare i propri

Dettagli

MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS

MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS Responsabile della Gestione Rifiuti dell ISS (Dott.ssa Loredana Musmeci) Responsabile dell Unità Gestione Rifiuti dell ISS (Ing.

Dettagli

Il sistema di lavaggio ActiveWater concentrato in 55 centimetri.

Il sistema di lavaggio ActiveWater concentrato in 55 centimetri. Il sistema di lavaggio ActiveWater concentrato in 55 centimetri. Nuove lavastoviglie ActiveWater Smart. Il massimo delle prestazioni in dimensioni ridotte. Sistema ActiveWater. Lavaggi perfetti, risparmio

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

COS È L ALLUMINIO? UN PROGETTO DI

COS È L ALLUMINIO? UN PROGETTO DI COS È L ALLUMINIO? UN PROGETTO DI 1. STORIA DELL ALLUMINIO 2. COME SI PRODUCE 3. CICLO DELL ALLUMINIO 4. ALLUMINIO INTORNO A NOI 5. LO SAPEVI CHE? UN PROGETTO DI STORIA DELL ALLUMINIO LE ORIGINI DELL ALLUMINIO

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5

1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5 Sommario 1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5 1 1. QUADRO ECONOMICO In base al computo metrico dei servizi si è desunto un costo complessivo del servizio

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli