Note sulla semplificazione per silentium (con qualche complicazione)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Note sulla semplificazione per silentium (con qualche complicazione)"

Transcript

1 Pier Luigi Portaluri Ordinario di Diritto amministrativo nella Facoltà di Giurisprudenza dell Università del Salento Note sulla semplificazione per silentium (con qualche complicazione) SOMMARIO: 1. Il silenzio assenso prima e dopo la novella del Ambito di applicazione ed effettività dell istituto. 3. Silenzio assenso, provvedimento tardivo e potere di autotutela. 4. Qualche grey case. 1. Il silenzio assenso prima e dopo la novella del Centrale, nel quadro delle riforme amministrative degli anni 90, il ruolo della semplificazione: un insieme assai variegato di interventi, aventi il fine ultimo di diminuire «il carico burocratico che grava su cittadini e imprese» 1. Fu con la legge n. 241 del 1990 che, per la prima volta, il legislatore affrontò il tema della semplificazione dell azione amministrativa in modo organico 2 : nel Capo IV trova posto la disciplina generale della conferenza di servizi, degli accordi fra pp.aa., dell acquisizione di pareri e valutazioni tecniche, dell autocertificazione, della denuncia di inizio attività, del silenzio assenso. Tra questi istituti, alcuni paiono finalizzati a rendere possibile la cd. semplificazione organizzativa, ossia ad abbattere principalmente i costi amministrativi; altri paiono diretti ad assicurare la «semplificazione di garanzia», ossia ad abbattere i «compliance cost che gravano sul privato» 3. A quest ultima tipologia è ascrivibile il silenzio assenso, ossia quel fatto giuridico (consistente nel contegno omissivo tenuto dall Amministrazione nel termine per la 1 L. VANDELLI, La semplificazione nel quadro delle riforme amministrative, in L. VANDELLI e G. GARDINI (a cura di), La semplificazione amministrativa (Quaderni della Scuola di Specializzazione in Diritto Amministrativo e Scienza dell Amministrazione), Maggioli, Bologna, 1999, p. 11 ss.. 2 Secondo L. TORCHIA (Tendenze recenti della semplificazione amministrativa, in Dir. amm., 1998, p. 390 ss.), un altro momento importante nella storia allo stesso tempo «antica e povera» della semplificazione è rappresentato dalla l. n. 59/ 97, la quale «definisce la semplificazione amministrativa come principio generale dell ordinamento giuridico, al quale si devono uniformare le regioni a statuto ordinario e gli enti locali nella regolamentazione dei procedimenti di loro competenza»: ne deriva secondo l A. che «il principio di semplificazione può essere utilizzato come criterio per valutare e sindacare l azione (amministrativa e regolamentare)». 3 E. BOSCOLO, Silenzio assenso in tema di pubblici esercizi (commento a Cons. Stato, sez. IV, 22 dicembre 1998, n. 1858), in Giorn. dir. amm., 1999, p. 430 ss.: «i compliance cost sono i costi che i privati debbono sopportare per conformarsi ad uno scenario normativo eccessivamente complesso e per rapportarsi con una amministrazione scarsamente efficiente, mentre i costi amministrativi sono quelli sostenuti dalle pubbliche amministrazioni per garantire l espletamento delle pubbliche funzioni» (spec. p. 435). 1

2 conclusione del procedimento) cui la legge attribuisce gli effetti di accoglimento dell istanza presentata dal privato 4 : il silenzio assenso corrisponde pertanto, «sul piano sostanziale, ad un consenso silenzioso e, sul piano procedimentale, ad un modo (alternativo al provvedimento formale) di conclusione del procedimento» 5. Prima della novella del 2005, ai sensi dell originario art. 20, l. n. 241/ 90 l istituto era destinato a trovare applicazione soltanto nei casi tassativamente determinati con regolamento 6 : di conseguenza, solo per i procedimenti ivi censiti era ammesso come possibile esito l accoglimento per silentium dell istanza 7 ; tutti gli altri procedimenti dovevano invece concludersi con l adozione di un provvedimento espresso. In seguito alle modifiche apportate con la l. n. 80/ 05, la situazione è molto diversa. Infatti, il nuovo art. 20 cit. prevede ora che, fatti salvi i casi di d.i.a., «nei procedimenti ad istanza di parte per il rilascio dei provvedimenti amministrativi il silenzio dell amministrazione competente equivale a provvedimento di accoglimento della domanda, senza necessità di ulteriori istanze o diffide» se la medesima amministrazione non comunica all interessato entro il termine di conclusione del procedimento il provvedimento di diniego, ovvero non indice una conferenza di servizi nei trenta giorni successivi alla presentazione della domanda 8. 4 In particolare, secondo F.G. SCOCA, Il silenzio della pubblica amministrazione alla luce del suo nuovo trattamento processuale, in Dir. proc. amm., 2002, p. 239 ss.) il silenzio assenso «ha in comune con il silenzio mero soltanto il fatto dell inerzia dell amministrazione durante lo svolgimento di un procedimento amministrativo; e da esso si distingue per gli effetti sostanziali che vengono collegati all inerzia, e per il venir in essere di quell assetto di interessi previsto in astratto dalla norma e concretamente voluto dal privato con la presentazione dell istanza». 5 F.G. SCOCA, Il silenzio della pubblica amministrazione, cit.. Secondo V. CERULLI IRELLI, Modelli procedimentali alternativi in tema di autorizzazioni, in Dir. amm., 1993, p. 55 ss., nei casi di silenzio assenso il procedimento «deve in principio concludersi con provvedimento espresso e motivato»; tuttavia, «la fase decisoria viene a trovare in questi casi una soluzione alternativa (si badi bene, non fisiologica) nel cd. silenzio [ ], che produce ex lege gli stessi effetti che avrebbe prodotto l atto autorizzatorio richiesto». La ratio dell istituto è, comunque, «quella di rimediare nei limiti del possibile ad una patologia amministrativa quale è sempre e comunque l inerzia». Di diverso avviso è M. CHITI, La semplificazione amministrativa e la nuova disciplina degli atti di consenso, in L. VANDELLI e G. GARDINI (a cura di), La semplificazione amministrativa, cit., p. 87 ss., il quale riferendosi all art. 20, l. n. 241/ 90 nella formulazione previgente sostiene che emergono due ipotesi di conclusione del procedimento, «quella ordinaria con provvedimento espresso e motivato, e quella di silenzio assenso», soggiungendo che la specialità di quest ultima «non significa però eccezionalità dell istituto né tantomeno suo carattere patologico». 6 Poi approvato con d.p.r. n. 300 del Ancora F.G. SCOCA, Il silenzio della pubblica amministrazione, cit., osserva che la previsione normativa del silenzio assenso produce conseguenze anche sul modo di concepire la posizione della p.a. nel procedimento amministrativo, la quale «da una generale situazione soggettiva di «dovere» (di provvedere) viene a trovarsi in una situazione di «onere» di provvedere, nel senso che è tenuta a provvedere in maniera espressa nella misura in cui intende impedire il venir in essere dell assetto di interessi richiesto dal privato e astrattamente previsto dalla norma come compatibile con l interesse pubblico». 8 In merito alla data di presentazione dell istanza il Tar Lazio (sez. II, 7 aprile 2004, n. 3267, in ha precisato che a rilevare ai fini della decorrenza del termine per la conclusione 2

3 L accoglibilità per silentium delle istanze presentate dai privati è divenuta pertanto la regola generale 9, cui fanno eccezione oltre ai casi di d.i.a. le ipotesi indicate al comma 4 dell art , per le quali il legislatore esige tuttora la conclusione del procedimento mediante l adozione di un provvedimento espresso 11. del procedimento e, quindi, per l eventuale formazione del silenzio assenso è ovviamente la data di arrivo dell istanza al protocollo generale dell Amministrazione, non contando per contro quella di arrivo all ufficio competente. Ad avviso di quel Collegio, sarebbe infatti «del tutto contrastante con la ratio dell istituto del silenzio assenso la possibilità che esso si formi solo dal momento di ricevimento dello stesso dal competente ufficio interno del Comune, potendo la tesi comportare il completo azzeramento della efficacia dell istituto (volto a favorire la speditezza e la semplificazione delle procedure amministrative), dal momento che i Comuni, al fine di evitare la formazione del silenzio assenso, potrebbero ad libitum ritardare la trasmissione delle domande pervenute al protocollo generale ai competenti uffici». 9 Di un ribaltamento del modello originario della legge n. 241 parla G. FONDERICO, Il nuovo tempo del procedimento, la d.i.a. ed il silenzio assenso, in Giorn. dir. amm., 2005, p ss.: «il silenzio assenso diviene il modo normale di conclusione del procedimento anche a contenuto discrezionale salvi i silenzi dinieghi, i casi attratti nella d.i.a., quelli legati ai consueti interessi sensibili [ ] e quelli in cui sia la normativa comunitaria ad imporre una conclusione espressa». Anche secondo R. GIOVAGNOLI - M. FRATINI, Le nuove regole dell azione amministrativa al vaglio della giurisprudenza, Giuffrè, Milano, 2007, p. 349 ss., «rispetto al sistema previgente, la rottura è netta. Nel vecchio testo dell art. 20 legge n. 241, il silenzio-assenso era una eccezione al principio della conclusione del procedimento mediante provvedimento espresso (art. 2, comma 1, legge n. 241 cit.) ed era ammesso solo in ipotesi tassativamente determinate (dal regolamento governativo emanato in attuazione della norma); con la legge n. 80/2005, esso diviene una regola di generale applicazione e le eccezioni sono tassative». Da notare poi il rilievo di L. GIANI, Commento all art. 20, in N. PAOLANTONIO, A. POLICE e A. ZITO (a cura di), La pubblica amministrazione e la sua azione. Saggi critici sulla legge n. 241/1990 riformata dalle leggi nn. 15/2005 e 80/2005, Giappichelli, Torino, 2005, p. 411 ss., per il quale uno degli effetti più evidenti della generalizzazione dell istituto del silenzio assenso «si manifesta nella interpretazione dell art. 328 c.p., il cui ambito di operatività finisce con l essere necessariamente ridimensionato». 10 Di cui si dirà infra. 11 Perplessità sulla legittimità costituzionale della scelta legislativa di generalizzare l istituto del silenzio assenso sono state manifestate da N. PAOLANTONIO, Comportamenti non provvedimentali produttivi di effetti giuridici, in F.G. SCOCA (a cura di), Diritto amministrativo, Giappichelli, Torino, 2008, p. 480 ss.: «v è a chiedersi se la previsione di un istituto che legittima in via generale l amministrazione a rimanere inerte, ossia a sottrarsi al dovere d ufficio, sia conforme al principio costituzionale di buon andamento dell azione amministrativa (art. 97 Cost.)». Diverse sono state le occasioni in cui la Corte costituzionale si è pronunciata sulla legittimità di norme che hanno introdotto specifiche ipotesi di silenzio assenso: le prime sentenze (Corte cost. n. 393/ 92, n. 408/ 95 e 26/ 96) denotano ad avviso di M. CHITI (La semplificazione amministrativa e la nuova disciplina degli atti di consenso, cit.) «una lettura del modello che la dottrina aveva cercato di superare, ovvero che nei casi di silenzio-assenso ciò che rileva è il decorso del tempo, rimanendo l usuale procedimento di verifica e controllo meramente eventuale». Espressione di un maggior favor pare invece essere una sentenza più recente la n. 336/ 05 (in Foro amm. - CdS, 2005, p ss.) che affronta la questione della legittimità costituzionale dell art. 87 del Codice delle comunicazione elettroniche (d.lgs. n. 259/ 03) laddove contempla un ipotesi di silenzio assenso per l installazione delle stazioni radio base. Ad avviso della Corte la disposizione «prevede moduli di definizione del procedimento, informati alle regole della semplificazione amministrativa e della celerità, espressivi in quanto tali di un principio fondamentale di diretta derivazione comunitaria»; ed ha aggiunto che, «del resto, l'evoluzione attuale dell'intero sistema amministrativo si caratterizza per una sempre più accentuata valenza dei "principi di semplificazione" nella regolamentazione di talune tipologie procedimentali ed in relazione a determinati interessi che vengono in rilievo (cfr. artt. 19 e 20 della legge n. 241 del 1990, come modificati dall'art. 3 del decreto-legge 14 marzo 2005, n. 35, recante Disposizioni urgenti nell'ambito del Piano di azione per lo sviluppo economico, sociale e territoriale, convertito, con modificazioni, nella legge 14 maggio 2005, n. 80)». Quanto al caso di specie, la Corte ha precisato che «la pluralità delle esigenze e dei valori di rilevanza costituzionale sottesi alle "materie" nel cui ambito rientrano le disposizioni censurate, in una con la finalità complessiva di garantire un rapido sviluppo dell'intero sistema delle comunicazioni elettroniche (cfr. sentenza n. 307 del 2003) secondo i dettami sanciti a livello comunitario, induce a ritenere che le norme in esame siano espressione di principi fondamentali». Infine, la Consulta ha ricordato di aver «già avuto modo di precisare sia pure con riferimento a procedimenti aventi una esclusiva valenza urbanistica in relazione alla denuncia di inizio attività di cui all'art. 2, comma 60, della legge 23 dicembre 1996, n. 662 (Misure di razionalizzazione della finanza pubblica), ora confluito nell'art. 3

4 2.- Ambito di applicazione ed effettività dell istituto. Complicato è però definire l ambito di applicazione delle nuove disposizioni in materia di silenzio assenso. Rileva anzitutto, in generale, l art. 29, l. n. 241/ 90 (rubricato appunto «Ambito di applicazione della legge»), il quale prevede al primo comma che «le disposizioni della presente legge si applicano ai procedimenti amministrativi che si svolgono nell ambito delle amministrazioni statali e degli enti pubblici nazionali e, per quanto stabilito in tema di giustizia amministrativa, a tutte le pubbliche amministrazioni». Ferma restando l applicazione a tutte le pubbliche amministrazioni delle norme in materia di giustizia amministrativa 12, questa norma sancisce quindi che le disposizioni della l. n. 241/ 90 disciplinano tutti i procedimenti di Amministrazioni statali e di Enti pubblici nazionali: di conseguenza dalla lettura di questo primo comma parrebbe esclusa la loro applicabilità ai procedimenti svolti nell ambito delle Amministrazioni regionali o degli Enti locali. Senonché lo stesso art. 29 al secondo comma aggiunge che «le regioni e gli enti locali, nell ambito delle rispettive competenze, regolano le materie disciplinate dalla presente legge nel rispetto del sistema costituzionale e delle garanzie del cittadino nei riguardi dell azione amministrativa, così come definite dai principi stabiliti dalla presente legge» 13. La disposizione non chiarisce se (ed entro quali limiti) la legge in esame si applichi anche ai procedimenti di Amministrazioni regionali e locali del d.p.r. n. 380 del 2001, che le fattispecie nelle quali, in alternativa alle concessioni o autorizzazioni edilizie, si può procedere alla realizzazione delle opere con denuncia di inizio attività a scelta dell'interessato integrano il proprium del nuovo principio dell'urbanistica (...). In definitiva le norme impugnate perseguono il fine, che costituisce un principio dell'urbanistica, che la legislazione regionale e le funzioni amministrative in materia non risultino inutilmente gravose per gli amministrati e siano dirette a semplificare le procedure (sentenza n. 303 del 2003, punto del Considerato in diritto)». 12 Ai sensi dell art. 117 Cost., comma 2, lett. l), il legislatore statale ha infatti potestà legislativa esclusiva in materia di «giurisdizione e norme processuali; ordinamento civile e penale; giustizia amministrativa». 13 Sulla problematica interpretazione di questa norma cfr. in particolare A. CELOTTO - M.A. SANDULLI, Legge n. 241 del 1990 e competenze regionali: un «nodo di Gordio», in Foro amm. - CdS, 2005, p ss.; V. CERULLI IRELLI, Osservazioni generali sulla legge di modifica della l. n. 241/90-6. parte, in A. ROMANO TASSONE, Legge n. 241 del 1990 e competenze regionali: osservazioni sulla posizione di A. Celotto- M.A. Sandulli, in federalismi.it; A. CELOTTO, Il nuovo art. 29 della l. n. 241 del 1990: norma utile, inutile o pericolosa?, in 14 Con riferimento alle disposizioni sul silenzio assenso la questione subisce una complicazione ulteriore. Rilevano qui sia l articolo 2, commi 2 e 3 sia l art. 20 della l. n. 241/ 90. Riporto per comodità di lettura il testo delle norme. L art. stabilisce che, «fatta salva l applicazione dell art. 19, nei procedimenti ad istanza di parte per il rilascio dei provvedimenti amministrativi il silenzio dell amministrazione competente equivale a provvedimento di accoglimento della domanda, senza necessità di ulteriori istanze o diffide, se la medesima amministrazione non comunica all interessato, nel termine di cui all articolo 2, commi 2 o 3, il provvedimento di diniego [ ]» (comma 1). 4

5 L opzione ermeneutica che pare preferibile è quella che muove dalla considerazione secondo la quale le norme della l. n. 241/ 90 nell enunciare i principi dell attività amministrativa costituiscono espressione della potestà legislativa statale (di cui all art. 117 Cost., lett. m) di determinazione dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali che devono essere garantiti su tutto il territorio nazionale 15. Queste norme fissano pertanto il livello essenziale di garanzie da assicurare al cittadino nei riguardi dell azione amministrativa 16 : in quanto essenziale, una tal soglia può in sede di regolazione regionale o locale esser solo innalzata, consentendo così il raggiungimento di un livello di guarentigie 17 più elevato. L articolo 2 cit. prevede poi, al comma 2, che «con uno o più regolamenti adottati ai sensi dell articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400, su proposta del Ministro competente, di concerto con il Ministro per la funzione pubblica, sono stabiliti i termini entro i quali i procedimenti di competenza delle amministrazioni statali devono concludersi, ove non siano direttamente previsti per legge. Gli enti pubblici nazionali stabiliscono, secondo i propri ordinamenti, i termini entro i quali devono concludersi i procedimenti di propria competenza.[...]»; ed aggiunge, al successivo comma 3, che «qualora non si provveda ai sensi del comma 2, il termine è di novanta giorni». Insomma, l art. 20 cit. richiama il termine (di conclusione del procedimento) di cui all art. 2, commi 2 e 3, ma quei commi com è evidente disciplinano il termine dei soli procedimenti di Amministrazioni statali e di Enti pubblici nazionali: se ne potrebbe dedurre che le norme in materia di silenzio assenso non sono affatto applicabili ai procedimenti delle Amministrazioni regionali e degli Enti locali. Riferendosi al termine di conclusione del procedimento di cui ai commi 2 e 3 dell art. 2, secondo G. FONDE- RICO, Il nuovo tempo del procedimento, cit., «il tempo dell azione amministrativa si potrebbe far rientrare tra i livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali, il che consentirebbe di estendere alle Regioni ed alle altre amministrazioni locali quantomeno il termine suppletivo di novanta giorni introdotto dalla legge n. 80 (salvi i termini regionali più ridotti)». 15 Condivido l opinione di V. CERULLI IRELLI, Osservazioni generali, cit., secondo cui tra i livelli essenziali delle prestazioni rientrano «quei principi dell attività amministrativa, segnatamente oggetto della legge sul procedimento, che riguardano i rapporti tra l Amministrazione e i soggetti terzi: diritti alla partecipazione, diritti all accesso, diritti a conoscere i motivi dell azione e così via (pubblicità e trasparenza)»; conclude Cerulli Irelli: «i principi desumibili dalle norme della legge in oggetto, (peraltro formulata quasi interamente per principi), salve solo marginali norme di dettaglio, divengono vincolanti per le regioni e per gli enti locali in quanto assunti a rango costituzionale». Pur ritenendo «plausibile» l opzione ermeneutica secondo la quale i principi di cui alla l. n. 241/ 90 rappresentano livelli essenziali delle prestazioni, A. CELOTTO e M.A. SANDULLI, Legge n. 241 del 1990 e competenze regionali, cit., sostengono però che questa interpretazione sconta due problemi di difficile superamento. Il primo sarebbe di carattere «testuale: se il legislatore di riforma avesse davvero voluto intendere che i principi della l. n. 241 debbono rappresentare l.e.p. ai sensi della citata lett. m) perché non lo avrebbe reso esplicito anche nell art. 29 comma 2, così come ha fatto nell art. 22 comma 2» a proposito del diritto di accesso?» La seconda difficoltà sarebbe «sistematica: se la disciplina del procedimento amministrativo rientrasse nella competenza statale sui l.e.p., perché mai le regioni dovrebbero rispettarne solo i principi?». 16 Al riguardo, L. OLIVERI (Ambito di applicazione del silenzio assenso nella nuova legge 241/1990, in ha osservato che «in realtà, tutte le norme della legge sono immediatamente e direttamente applicabili, anche per i procedimenti amministrativi delle amministrazioni non statali, perché solo in tal modo si riesce a garantire un livello minimo di diritti civili (il diritto di ottenere dall amministrazione risposte entro tempi certi e di poter contare su strumenti di rimedio diretto all inerzia dell amministrazione, come il silenzio assenso) uguale su tutto il territorio nazionale, come previsto dall articolo 117, comma 2, lettera m) della Costituzione; inoltre, solo in tal modo si può ottenere una unità giuridica della disciplina dell attività amministrativa, che non può, nei suoi istituti fondanti e generali, avere applicazioni parziali nel territorio, ma deve poter contare su una normativa generale univoca». 17 Proprio per il silenzio assenso, una normazione regionale la l.r. Piemonte n. 7/ 05 sembra essere distante dal modello delineato nel 2005 dal legislatore statale. L art. 27 di questa legge regionale stabilisce che «entro un anno dalla data di entrata in vigore della presente legge, la Giunta regionale provvede con regolamento, adottato ai sensi dell art. 27, comma 2, dello Statuto, a disciplinare i casi in cui trovano applicazione le fattispecie di cui agli articoli 19 e 20 della legge n. 241/1990»: qui il 5

6 Da ciò deriva che le norme racchiuse nella l. n. 241/ 90 laddove indicano i principi dell attività amministrativa sono applicabili anche alle Amministrazioni regionali e locali le quali, nell esercizio delle loro potestà legislative e regolamentari, possono soltanto incrementare le garanzie minime ivi assicurate già al cittadino. Bisogna poi chiedersi, venendo al particolare, quale sia l ambito di applicazione delle specifiche disposizioni in materia di silenzio assenso, ossia dell art. 20, l. n. 241/ 90. Al comma 4 esso prevede che «le disposizioni del presente articolo non si applicano agli atti e procedimenti riguardanti il patrimonio culturale e paesaggistico, l ambiente, la difesa nazionale, la pubblica sicurezza e l immigrazione, la salute e la pubblica incolumità, ai casi in cui la normativa comunitaria impone l adozione di provvedimenti amministrativi formali, ai casi in cui la legge qualifica il silenzio dell amministrazione come rigetto dell istanza, nonché agli atti e procedimenti individuati con uno o più decreti del Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro per la funzione pubblica, di concerto con i Ministri competenti»: dall ambito di applicazione delle norme in materia di silenzio assenso sono quindi esclusi i procedimenti riguardanti i peculiari interessi ivi enumerati; i casi di silenzio diniego; i casi in cui la normativa comunitaria impone l adozione di provvedimenti amministrativi formali; infine, gli atti e i procedimenti che saranno individuati con uno o più decreti del Presidente del Consiglio dei ministri. Il novero delle ipotesi sottratte dall ambito di applicazione del silenzio assenso è pertanto abbastanza ampio e, sopra tutto, tale da lasciare qualche incertezza. Eccettuati i casi di silenzio diniego e le tipologie procedimentali che saranno individuate con uno o più decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri 18, non pare infatti agevole individuare inequivocamente i procedimenti per i quali la normativa comunitaria esige l adozione di un provvedimento formale espresso e, ancor meno, i procedimenti riguardanti il patrimonio culturale e paesaggistico, l ambiente, la difesa nazionale, la salute, l immigrazione, la pubblica sicurezza e la pubblica incolumità. silenzio assenso non conoscerà un applicazione generalizzata a tutti i procedimenti ad istanza di parte come avviene nel modello delineato dal legislatore statale ma opererà solo nei casi individuati con successivo regolamento regionale. 18 Per i criteri (impliciti) che dovrebbero guidare l individuazione delle tipologie procedimentali da escludere mediante i decreti de quibus dall ambito di applicazione del silenzio assenso v. R. GIOVAGNOLI M. FRATINI, Le nuove regole dell azione amministrativa al vaglio della giurisprudenza, Giuffrè, Milano, 2007, p. 278 ss.. 6

7 A ciò si deve aggiungere che il legislatore del 2005 ha pure omesso di occuparsi del raccordo tra le nuove norme generali in tema di silenzio assenso e le discipline di settore (anteriori) 19. In una recente pronuncia 20 il Giudice amministrativo, dopo aver sottolineato che la nuova disciplina introdotta dalla l. n. 80/ 05 «è concepita come legge generale che regola l'intera materia e ad essa devono adeguarsi ed armonizzarsi tutte le norme procedimentali di settore», ha concluso che in caso di contrasto tra norma generale e quella di settore «non si può far ricorso al principio di specialità che postula l'equivalenza tra le norme stesse, ma deve necessariamente applicarsi il criterio cronologico, in base al quale la legge successiva prevale su quella precedente anche se speciale». Di conseguenza, il Collegio ha affermato la prevalenza delle norme introdotte dalla l. n. 80/ 05 ivi comprese quelle che contemplano le ipotesi escluse dall ambito di applicazione del silenzio assenso sulle norme (anteriori) di settore 21. La considerazione che l intervento novellatore ha la portata di una riforma generale della materia pare aver ispirato anche un altra recente pronuncia 22, con la quale il Giudice territoriale ha finito per ammettere la formazione per silentium del permesso di costruire 23, osservando che il novellato art. 20, comma 1 «si applica anche al procedimento di rilascio del permesso di costruire, dato che il citato art. 20, 4 comma della citata L. 241/90 elenca gli atti e i procedimenti tassativi cui la disposizione non si applica, fra i quali non vi è il procedimento in questione». A queste osservazioni sull ambito di applicazione delle norme sul silenzio assenso aggiungo una considerazione relativa all effettività dell istituto de quo. Come detto, l art. 20, comma 1 sancisce la formazione del silenzio assenso qualora la p.a. procedente non comunichi all interessato (entro il termine di conclusione 19 Secondo G. FONDERICO, Il nuovo tempo del procedimento, cit., «la volontà del legislatore del 2005 sembrerebbe quella di ridisciplinare l intera materia, con tutti gli effetti che ne discendono. Ciò non toglie che in ciascun caso di possibile conflitto tra norme la soluzione potrà essere diversa, specie quando la legge anteriore avesse connotati di particolare specialità che ne giustifichino la sopravvivenza». 20 Tar Lazio, sez. II, 19 febbraio 2008, n. 1512, in 21 In particolare, il Giudice romano ha sostenuto che «in presenza di una scelta del Legislatore diretta alla semplificazione amministrativa e all'accelerazione delle decisioni da parte della P.A., che però in particolari materie quali quella riguardante il patrimonio paesaggistico e l'ambiente esclude espressamente il ricorso all'accoglimento tacito dell'istanza per effetto del mero decorso del termine, non può che ricorrere la figura dell'abrogazione tacita per nuova regolamentazione, applicandosi, pertanto, la legge successiva». Da qui il Tar ha ritenuto che, ai sensi del novellato art. 20, comma 4 cit., per quello specifico procedimento (riguardante il patrimonio paesaggistico e l ambiente) è esclusa la formazione del silenzio assenso: e ciò, sebbene la disciplina di settore (anteriore alla novella del 2005) preveda il silenzio assenso. 22 Tar Campobasso, 25 gennaio 2007, n. 57, in 23 Nonostante la disciplina di settore d.p.r. n. 380/ 01 preveda che «decorso inutilmente il termine per l adozione del provvedimento conclusivo, sulla domanda di permesso di costruire si intende formato il silenziorifiuto» (art. 20, comma 9). 7

8 del procedimento) il provvedimento di diniego dell istanza ovvero non proceda (ai sensi del successivo comma) all indizione entro trenta giorni dalla presentazione dell istanza medesima di una conferenza di servizi. La tempestiva indizione di questa conferenza pare allora idonea ad impedire sempre e comunque la formazione del silenzio assenso cosicché, ove poi la p.a. non concluda il procedimento con l adozione del provvedimento, all istante non rimane che ricorrere al Giudice amministrativo (ai sensi dell art. 21-bis, l. Tar) per reagire contro il silenzio-inadempimento 24. L indizione della conferenza di servizi ex art. 20, comma 2, consente insomma alla p.a. procedente di depotenziare l istituto del silenzio assenso 25. In sintesi, con la l. n. 80/ 05 il legislatore ha previsto l applicazione generalizzata del silenzio assenso a tutti i procedimenti ad istanza di parte 26. Ma, come è stato rilevato, ad onta del preannunciato obiettivo di semplificazione la nuova normativa ha introdotto «elementi di complicazione», idonei forse a restringere in concreto l operatività dell istituto rispetto al passato 27. Anzitutto, incerto pare essere l ambito di applicazione delle disposizioni racchiuse nel novellato articolo 20: non è chiaro se esse siano applicabili (e, eventualmente, entro quali limiti) ai procedimenti che si svolgono nell ambito delle Amministrazioni regionali e degli Enti locali; non è agevole stabilire quali tipologie procedimentali sono comprese nel novero delle esclusioni di cui al comma 4 dello stesso articolo; manca un criterio di raccordo con le discipline di settore che, prima della novella del 2005, avevano introdotto specifiche ipotesi di silenzio assenso ovvero avevano espressamente attribuito il significato di silenzio rifiuto alla (eventuale) inerzia della p.a.. In secondo luogo, la possibilità di impedire la formazione del silenzio assenso mediante l indizione di una conferenza di servizi entro trenta giorni dalla presentazione della domanda costituisce come si diceva uno strumento pernicioso (e lasciato alla libera disponibilità delle Amministrazioni) in grado di vanificare gli obbiettivi perseguiti da questo istituto di semplificazione. 24 Così pure G. FONDERICO, Il nuovo tempo del procedimento, cit.. 25 Giusta è l osservazione di G. VESPERINI, La denuncia di inizio attività e il silenzio assenso, in Giorn. dir. amm., 2007, p. 83 ss., secondo cui «in questo modo, paradossalmente, un istituto di semplificazione viene utilizzato per contrastare un altro istituto di semplificazione». 26 Salvi lo si ripete i casi di d.i.a. e le ipotesi espressamente escluse ai sensi dell art. 20, comma 4 cit.. 27 G. VESPERINI, La denuncia di inizio attività, cit.. 8

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali SEZIONE TERZA Le fonti degli enti locali 2.1. Presentazione di Edmondo Mostacci L insieme delle fonti endogene degli enti locali costituisce un sottoinsieme un microcosmo, secondo la efficace definizione

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

di Claudio Facchini, dirigente del settore sviluppo economico del Comune di Faenza ARTICOLO PUBBLICATO NELLA RIVISTA AZIENDITALIA N.

di Claudio Facchini, dirigente del settore sviluppo economico del Comune di Faenza ARTICOLO PUBBLICATO NELLA RIVISTA AZIENDITALIA N. SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA E SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE A CONFRONTO Nell articolo vengono messe in luce le differenze radicali tra il procedimento disciplinato dal DPR 447/1998, per

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Approvato con deliberazione del Consiglio provinciale n. 161 del 28 ottobre 1997, così come integrata dalla deliberazione del Consiglio

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di

Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di sospensione automatica della stipulazione del contratto; riforma introdotta dal Decreto Legislativo n. 53/2010 di attuazione

Dettagli

Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia.

Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia. Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia. Commento di B. Bosetti In seguito a ricorso straordinario al Capo dello Stato, è annullato il Piano di Governo del territorio (PGT)

Dettagli

Capitolo Sesto Il procedimento amministrativo, il diritto di accesso e l informatizzazione della P.A.

Capitolo Sesto Il procedimento amministrativo, il diritto di accesso e l informatizzazione della P.A. Capitolo Sesto Il procedimento amministrativo, il diritto di accesso e l informatizzazione della P.A. Sezione Prima Procedimento e accesso 1. Il procedimento amministrativo A) Generalità Affinché un atto

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

PROVINCIA DI PAVIA Settore Affari Generali REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SULL ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

PROVINCIA DI PAVIA Settore Affari Generali REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SULL ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI PROVINCIA DI PAVIA Settore Affari Generali REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SULL ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato con deliberazione del consiglio provinciale n. 68/29250

Dettagli

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE I problemi del sistema vigente Lo Sportello Unico per le attività Produttive (SUAP) non ha avuto diffusione su tutto il territorio nazionale e non ha sostituito

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Il diritto di accesso agli atti endoprocedimentali del procedimento tributario di Michele Rossi

Il diritto di accesso agli atti endoprocedimentali del procedimento tributario di Michele Rossi Il diritto di accesso agli atti endoprocedimentali del procedimento tributario di Michele Rossi 1. Breve excursus in tema di diritto d accesso agli atti amministrativi 2. Evoluzione normativa fino alla

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 37 DEL 19/07/2010 CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art l Oggetto e Finalità Art 2 Definizioni Art 3 Privatizzazione

Dettagli

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping)

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping) LEGGE REGIONALE 18 maggio 1999, n. 9 DISCIPLINA DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 35 Titolo III PROCEDURA DI

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

L accesso ai documenti amministrativi. Dipartimento per il coordinamento amministrativo Dipartimento per l informazione e l editoria

L accesso ai documenti amministrativi. Dipartimento per il coordinamento amministrativo Dipartimento per l informazione e l editoria L accesso ai documenti amministrativi 11.1 Dipartimento per il coordinamento amministrativo Dipartimento per l informazione e l editoria L accesso ai documenti amministrativi 11.1 PRESIDENZA DEL CONSIGLIO

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

Oggetto: Parere legale sulla legittimità dell affidamento esterno di collaudi di opere pubbliche a dipendenti della Pubblica Amministrazione.

Oggetto: Parere legale sulla legittimità dell affidamento esterno di collaudi di opere pubbliche a dipendenti della Pubblica Amministrazione. A v v. V I T T O R I N O C A G N O N I PATROCINANTE IN CASSAZIONE A v v. S A N D R A B O N F E A v v. A L E S S A N D R O C A G N O N I A v v. E M I L I A N O C A G N O N I A v v. F E D E R I C O C A G

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO Si chiede di precisare quali sono gli effetti delle

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

TABELLA n. 10: Il Silenzio assenso, art. 20, L. 241/90 e s.m.

TABELLA n. 10: Il Silenzio assenso, art. 20, L. 241/90 e s.m. TABELLA n. 10: Il Silenzio assenso, art. 20, L. 241/90 e s.m. L art. 20, L. 241/90 e s.m. L. 241/90 L. 241/90 modificata dalla L. 127/97 LEGGI L. 7 agosto 1990, n. 241, L. 7 agosto 1990, n. 241, Nuove

Dettagli

Regolamento comunale sul procedimento amministrativo e sul diritto di accesso agli atti e di esclusione

Regolamento comunale sul procedimento amministrativo e sul diritto di accesso agli atti e di esclusione COMUNE DI MASI TORELLO Provincia di Ferrara Regolamento comunale sul procedimento amministrativo e sul diritto di accesso agli atti e di esclusione Approvato con deliberazione C.C. 65 del 13/12/2006 1

Dettagli

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013 MASSIMA Ad avviso di questo Collegio, né l art. 23 della l. 18 aprile 2005, n. 62 (legge comunitaria 2004), né l art. 57 D. Lgs. 12 aprile 2006, n. 163, né i principi comunitari consolidati in materia

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web L art.32, comma 1 della legge 18 giugno 2009, n.69 ha fissato al 1 gennaio 2010 [la data in cui], gli obblighi di pubblicazione

Dettagli

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Anno XLI Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Prima n. 9 mercoledì, 17 febbraio 2010 Firenze Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Portineria

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME Legge regionale n.20 del 21 agosto 1991. Riordino delle competenze per l'esercizio delle funzioni amministrative in materia di bellezze naturali. (B.U. 11 novembre 1991, n. 12). (vedi circolare prot. n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti.

Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. L. 14 gennaio 1994, n. 20 (1). (commento di giurisprudenza) Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 14 gennaio 1994, n. 10. 1. Azione

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE Quest Associazione apprezza la decisione dell ISVAP di avviare la procedura per la revisione del regolamento n.5/2006, sull attività degli intermediari

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI D.P.R. 12 aprile 2006 n. 184 in relazione al capo V della L. 7 agosto 1990 n. 241 e successive modificazioni (Delibere del Consiglio dell

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

ASTRID pubblicato in ASTRID Rassegna n. 4 del 2005

ASTRID pubblicato in ASTRID Rassegna n. 4 del 2005 ASTRID pubblicato in ASTRID Rassegna n. 4 del 2005 Verso un più compiuto assetto della disciplina generale dell azione amministrativa. Un primo commento alla legge 11 febbraio 2005, n. 15, recante Modifiche

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Informazione e pubblicità Art. 3 Accesso ai documenti amministrativi Art.

Dettagli

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI COMUNE DI VILLACHIARA Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 174 del 22/10/1997,

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

Documento. 10 Novembre 2011

Documento. 10 Novembre 2011 Documento 10 Novembre 2011 Rimborso della Tassa di concessione governativa sull utilizzo dei telefoni cellulari: un quadro d insieme delle interpretazioni in essere e sulle possibili soluzioni operative

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli