Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1 I. Buonasera signore, posso disturbarla un secondo? Come? È di fretta? Beh, la capisco: il lavoro, il traffico, la famiglia... chi non è di fretta al giorno d oggi? Comunque ci vorrà solo un s... sì, arrivederci. Mi scusi. Buonasera. Le è mai capitato di svegliarsi una mattina e di non trovare più il suo naso? No, aspetti... non se ne vada. Buonasera. Le interessa ques... ma come fa a dire che non le interessa niente se non le ho ancora detto cosa posso offrirle? Duemilacinquecentouno. Ehi, ciao. Come ti chiami? Che bel nome! E quanti anni hai? Sei? Allora sei proprio grande, vai già a scuola. E ti piace? Sì? Ma che bravo! Prendi, ti regalo una caramella. È buona, all arancio. Oh, buonasera signora, è lei la madre? Ma lo sa che ha proprio un figlio simp... no, ma che fa?! Non la butti via, l avevo regalata a suo figlio. Ma no che non è avvel... Eh no, non si permetta più di dirlo. Può anche darmi dello straccione ma pedofilo lo va a dire a qualcun altro. Ma tu guarda che gente! Ciao bello. Sì, signora, sto salutando il suo bambino. C è forse qualche legge che me lo proibisce? Guardi che la sento anche se non urla. Arrivederci e tante belle cose. Buonasera a lei. No, no, nessun problema con la signora; solo una... chiamiamola... incomprensione. Ma lasciamo perdere e guardi qui: c è forse qualcosa che le può interessare? Ho libri, musicassette, caramelle all arancio, al limone, alla menta... non trova proprio niente che le possa interessare? Non importa, se vuole passare un altro giorno, a quest ora io sono sempre qua. Arrivederla. Come dice, signore? Vuole delle caramelle alla menta per la gola? Ecco qua un bel pacchetto. Fanno trecento lire. No, le assicuro che non sono rubate. Come faccio a guadagnare vendendole a così poco? È questo il punto, io non ci guadagno niente, anzi, ci perdo. No, non è una trovata pubblicitaria, né sono appena uscito dal manicomio. I miei prezzi sono questi, forse anche inferiori ai prezzi di produzione. Esatto ogni giorno io perdo decine di migliaia di lire quando va bene, poche centinaia di lire quando va male. Riesco a vivere perché questo non è il mio vero lavoro: è più, diciamo, un passatempo. Io sono avvocato, ho uno studio proprio in fondo a questa via. Lo vede il palazzo giallo? Ecco, là, al terzo piano, il balcone con i gerani rossi. Quest anno sono sbocciati presto e ho temuto che sarebbero morti prima dell estate ma, come può notare lei stesso, hanno resistito proprio bene. L anno prossimo ho intenzione di mettere anche un po di edera sul muro. Ah, lei sostiene che starebbe meglio una buganvillea? Grazie del suggerimento, lo terrò presente. Comunque, tornando al nostro discorso, io non pratico questo passatempo per vendere, o meglio, per guadagnare. Lo faccio per tanti altri motivi; alcuni non sono in grado di spiegarli, altri, sempre che lei voglia dedicarmi qualche minuto, posso andare ad illustrarglieli, e mi fermi se l annoio. Bene, in tal caso comincio. Lei, guardandomi in faccia in questo momento, affermerebbe che sono un avvocato? Con i vestiti che indosso e con attorno tutte queste borse

2 piene di cianfrusaglie nessuno lo direbbe. Mi piace osservare come la gente per strada mi guardi in modo così diverso da quella che entra nel mio studio. Eppure in entrambi i casi spesso è la prima volta che mi vedono. Qui in strada gli occhi che mi puntano parlano di disprezzo, di compassione, di indifferenza. Nel mio studio c è aria di apprezzamento, di stima, di benevolenza. Lei ha perfettamente ragione: anch io mi lascio condizionare da come uno è vestito, dal lavoro che fa e così via. Ma, badi bene, non sto affatto sostenendo che sia un ingiustizia avere questa forma di pregiudizio. Non ho alcuna intenzione di fare il moralista. Quando vediamo una persona, subito abbiamo bisogno di farci una nostra idea su di lei; è istintivo. Quello che cerco di dire è che uno dei motivi per i quali riservo mezz ora al giorno... sì, tutti i giorni, finito di lavorare, mi cambio nello studio, prendo la mercanzia e scendo in strada per circa mezz ora. Cosa stavo dicendo...? Ah, sì... uno di questi motivi è che voglio essere guardato con occhi diversi, tutto qua. Semplicemente essere guardato con occhi diversi, senza fare poi commenti circa il modo in cui esso viene fatto. Io avvocato e venditore ambulante, la stessa persona, gli stessi pensieri, gli stessi atteggiamenti, le stesse convinzioni, ma visto da due punti così estremamente differenti. Lei mi chiede il perché di questo, ma chiederebbe ad un innamorato perché vuole bene alla sua ragazza? O a un pittore perché dipinge quadri? Io mi trovo nella medesima situazione: si possono dare diverse risposte, ma ognuna risulterebbe insoddisfacente per chi ha posto la domanda e non darebbe giustizia alla vera motivazione. Esse sono solamente parti di una risposta più grande che nessuno conosce. Le mie vere risposte? Una credo sia che con questo passatempo mi alieno da quello che penso di essere. Io nella vita sono un avvocato che ogni tanto si mette a fare l ambulante. Ma non potrei invece essere un ambulante che dedica la maggior parte del suo tempo a fare l avvocato? Queste sono le due ipotesi possibili, giusto? Ma ce n è una terza: io sono un uomo che a volte è avvocato, a volte ambulante. Prima le ho detto che le due cose sono la stessa persona, hanno gli stessi pensieri... ma questo è vero solo in parte. In realtà sono due ruoli di una stessa persona, due ruoli, così vicini ed allo stesso tempo così lontani, legati da un sottile filo. Quando sono in strada ho modi completamente differenti di rapportarmi con le persone rispetto a quando sono nello studio. In strada sono io che devo andare dal cliente, divento più loquace, cambio modo di propormi; viene fuori una parte di me che altrimenti si annoierebbe all ombra dell avvocato. Lei parla di schizofrenia, ma rifletta un istante: non siamo forse tutti schizofrenici, non in senso patologico, bensì come dall inizio di questo secolo Pirandello e molti altri hanno ben descritto? Ciò che mi si può imputare è che probabilmente io vivo questo fatto in maniera più consapevole di quanto lo facciano gli altri. So di essere un grande dado che dà un numero diverso a seconda della faccia che mostra. Il cielo è blu... e rosso, e azzurro, e bianco, e arancione... non possiamo certo dire che sia schizofrenico anche lui. E poi si ricordi bene di quello che le ho detto all inizio del nostro discorso: i motivi per i quali lei mi può trovare per la strada a vendere oggetti sono tanti, non solo

3 quello che le ho appena spiegato. Forse, senza essere a conoscenza degli altri, si può arrivare a deduzioni erronee. Per questo non mi sembra proprio che mi si possa dire di essere affetto da sdoppiamento di personalità. Ma lei sta guardando l orologio... forse l ho trattenuta troppo. Sicuro, io domani sono qui, sempre alla stessa ora. D altra parte sono sette anni che ho questo orario. Già, sono tanti. Mi sembra ieri quando timidamente, per la prima volta, mi piazzai su questa via e cominciai a vendere... ma, dato che ha un impegno, non voglio trattenerla più a lungo. Possiamo certamente continuare domani. Anche a me ha fatto piacere. Arrivederci. II. Oh, buonasera. Come sta? Eh, io mica tanto. No, no, degli affari non mi posso lamentare: ho venduto qualche caramella, un biglietto del tram e un libro di Hesse. È il lavoro che oggi mi ha un po stressato. A volte ho in mano delle cause che mi fanno rimpiangere di essere diventato avvocato... e anche di essere uomo. Comunque il mio passatempo mi è utile per scaricare la tensione accumulata durante la giornata. Già, questo è un altro dei tanti motivi. Immagino lei voglia che io continui il discorso di ieri sera. A che punto ero arrivato? Oh, sì, dunque... sono sette anni che faccio l ambulante in questa via e ho visto passare davanti a me non so quante migliaia di persone. Forse è questo il primo motivo che mi ha spinto verso la strada: osservare le persone. Probabilmente lei getterà lo sguardo soltanto su chi veste in modo eccentrico, io invece faccio un analisi accurata di chiunque calpesti questo marciapiede: i vestiti, i gesti, le espressioni dei volti, i tic, la camminata. Si ritorna così al discorso che le facevo ieri, al giudicare una persona per come si presenta. A me però non interessa giudicarle, a me interessa studiarle per prevedere quale reazione avranno quando mi avvicino a loro. Dopo quasi sette anni di esperienza posso dirle che indovino quasi sempre come si comporteranno. Per esempio: ieri ho capito subito che lei era una persona che poteva essere coinvolta, e a mano a mano che il discorso andava avanti la vedevo sempre più incuriosito. D altra parte se non fosse stato così non avrei iniziato a parlarle, o comunque lei se ne sarebbe andato via. Dicevo... osservo per prevedere le reazioni. Quando mi avvicino ad uno, quasi sempre so già se si fermerà ad ascoltare quello che ho da proporre, o se invece tirerà dritto senza voltarsi. Sì, anche se penso che non si fermerà, tento di coinvolgerlo ugualmente: da una parte perché posso sempre sbagliarmi, dall altra perché ho bisogno anche di sentirmi rifiutato. A questo punto entra in gioco un altro motivo. Mi piace far conoscere alla gente la magia che sprigiona l osservare quadri, il leggere libri, l ascoltare musica. Quando trovo un potenziale cliente, tento di incuriosirlo gettando qualche frase presa da un libro, nella speranza che, in senso buono, egli abbocchi. Non sempre accade e spesso riesco a vendere solo caramelle o cianfrusaglie. Ma se il cliente mostra di essere interessato, non me lo lascio sfuggire ed inizio a dare consigli sui libri, sulla musica... e con questi prezzi è facile che alla fine si comperi qualcosa. A quante persone ho fatto conoscere ed amare

4 Maupassant, Raffaello, Beethoven, Duchamp, Seneca, Hendrix... e molti, molti altri ancora! La maggior parte degli acquirenti non sono intellettuali o colti, ma semplici individui che avevano solo bisogno di una spinta per avvicinarsi a quei mondi. Io sono felice per essere riuscito nel mio intento, ma sono ancora più felice quando quelle persone si ripresentano a me di loro spontanea volontà. Arrivano qua, mi ringraziano, ed insieme discorriamo della piccola Rocque, della Pastorale, di Willy Loman, di Dean Moriarty, delle merde d autore. Le assicuro che dialogando con loro ho appreso, di più e meglio, concetti che magari mi sfuggivano e non ero in grado di trovare in alcuno scritto. Circa quattro anni fa ho messo in contatto fra di loro un piccolo gruppo di clienti, i quali poi hanno stabilito di riunirsi in una specie di club, per conversare ogni tanto. No, io non vado ai loro incontri. Preferisco fare da osservatore esterno: se incontro qualcuno del gruppo qua, nella via, do qualche idea sulla quale possono poi discutere, oppure espongo il mio punto di vista su argomenti controversi. E poi, come diceva Groucho Marx: Non vorrei mai far parte di un club che accettasse fra i suoi soci uno come me. No, non penso di poter essere definito un filantropo. È diverso... è... è... non so come definirlo, però secondo me è un concetto diverso. È... è diverso. Senta, per caso anche oggi ha degli impegni? No? Bene, allora permetta che le offra un aperitivo. No, no,,ho già qua tutto io. Sapendo che sarebbe tornato questa sera, ho portato qualcosa da bere e da mangiare. Ha presente Charlot? Ecco qua i bicchieri... i tovaglioli... qualche stuzzichino... ed infine... il vino. Ho il cavatappi in questa tasca, lo apre lei? Ora è tutto pronto. Com è? Sono contento. Vede, anche questo momento può essere preso come uno dei tanti motivi. Quando riesco a creare un rapporto umano con le persone, mi sento soddisfatto. Ho avuto clienti di tutti i tipi e con alcuni di essi ho ancora adesso legami particolari. C è uno studente che ogni venerdì mi compra dieci biglietti del tram perché qui risparmia. In genere non permetto queste cose perché non voglio che la gente approfitti di me per i prezzi che faccio, ma quel ragazzo è proprio simpatico e lavora per mantenersi all università, così gli vendo i biglietti a poco e mi fa compagnia per una decina di minuti. Di quelli che si riuniscono a conversare le ho già detto. Poi c è un signore che baratta i... oh, sta arrivando... mi scusi, dopo le spiego. Duemilacinquecentotre... duemilacinquecentocinque. Non si stupisca, le ho detto che con qualcuno ho rapporti particolari. Quello con cui ho appena parlato è il proprietario del negozio di scarpe che c è qua di fronte. Con lui tutte le sere continuo uno stupido gioco iniziato circa tre anni fa: a partire dall uno, ognuno dice un numero a testa per un totale di tre numeri al giorno. Io ho i numeri dispari; oggi mi è toccato dirne due e lui uno, quindi domani lui ne dirà due ed io uno. Non ricordo più quando abbiamo iniziato, né perché; non so neanche se e quando finiremo. Esatto, di solito le uniche parole che ci scambiamo sono i numeri, ma capita a volte che lui si fermi più a lungo, e allora chiacchieriamo piacevolmente. Prima che mi interrompessi, le stavo raccontando di quel signore che baratta i suoi libri con i miei. Abbiamo delle

5 interminabili discussioni perché il baratto avviene non in base al prezzo di copertina, bensì in base al valore letterario che noi gli attribuiamo. Naturalmente ognuno ha le proprie opinioni sugli scrittori ed è dura mettersi d accordo, anche perché entrambi vogliamo avere ragione, specie quando abbiamo torto. Ci divertiamo come matti a trovare argomenti a favore del proprio libro per tentare di convincere l altro che lo scambio è equo. Pensi che l altra settimana voleva scambiare alla pari un suo D annunzio con un mio Leopardi. Vuole un altro goccio di vino? C è gente che si presenta con i propri disegni, dipinti, sculture, e mi chiede di venderli. Io prendo in consegna le opere che giudico più belle, devono essere piccole per motivi di spazio, e tento di piazzarle. Gli autori sanno che non guadagneranno un granché, ma loro non cercano soldi. È capitato che uno di questi mi lasciasse il ricavato della vendita, ritenendosi già soddisfatto poiché qualcuno aveva apprezzato e comprato la sua opera. Alcuni sono davvero bravi, tanto che un mio amico gallerista ogni tanto mi passa a trovare e acquista qualche tela. Ancora un oliva? Certo, certo, queste persone, con le quali ho rapporti che vanno al di là del semplice vendere e comprare, sono soltanto una ristretta minoranza rispetto a tutti i clienti, e ancora più ristretta rispetto a tutti quelli che passano da questa via, però non mi lamento. Come si dice: pochi ma buoni. Fortunatamente sono più di quanti lei ne ha ipotizzati, ma se ce ne fossero anche solo venti, sarei lo stesso contento. Sì, anche se ce ne fossero cinque in meno: comunque quindici sono sempre un buon numero. Anche per dieci non smetterei di fare l ambulante. Sotto alle dieci persone? Perché no? Il poco è molto a chi non ha che il poco. Per una... certo. Per riguardo a quell unico individuo, mi presenterei puntuale tutti i giorni. Beh, se proprio non riuscissi a legare neanche con uno... ma proprio nessuno... continuerei a scendere in strada ugualmente, perché è l avvocato che ne ha bisogno. E sarebbe, inoltre, uno stimolo a migliorare: peggio di zero buoni clienti non si può fare. Indubbiamente questo passatempo ha anche degli aspetti negativi, e non sono pochi. A cominciare dal freddo pungente delle sere d inverno, o dal doversi riparare sotto a un balcone nelle giornate di pioggia. In quei giorni vendere diventa un problema perché per strada c è poca gente, e quella poca non si ferma volentieri. Ci sono poi certi atteggiamenti delle persone che mi avviliscono. Qualcuno tira fuori mille lire dalla tasca, me le mette in mano prima ancora che io riesca a parlare e se ne va contento, con la coscienza a posto per aver compiuto la sua buona azione quotidiana. Altri mi scambiano per un adepto di chissà quale religione che vuole coinvolgerli in chissà quali progetti. Altri controllano di avere ancora il portafoglio dopo che li ho avvicinati. Mangi pure l ultimo, ne ho altri nella sacca... suvvia, non faccia complimenti. Ritorniamo a noi... stare a stretto contatto con la diffidenza della gente, questa è la cosa che mi dà più fastidio. In tanti, troppi, pensano che non ci si possa fidare di uno che vende oggetti per la strada. Se poi i prezzi sono così bassi, deve per forza esserci la fregatura. I biglietti del tram sono falsi, le caramelle avvelenate, ai

6 libri mancano le pagine, le cassette sono pirata; ecco quello che pensano. Lo so che c è tanta gente che truffa e non si può far altro che dubitare di me. È questo il punto: mi dà fastidio che sia inevitabile non potersi fidare degli sconosciuti. Parlando più in generale... non si può fare l autostop, non si può lasciare la bicicletta in strada, non si possono accettare caramelle. A uno che passa per la strada, cosa gli si chiede? L ora e la sigaretta. Basta. Ci si continua a fidare dei negozi alimentari solo perché sarebbe più scomodo non farlo: ognuno a curare il proprio orto. Sì, questa è un esagerazione. Ma penso che lei abbia capito cosa voglio dire. Ci si può, ed in un certo senso ci si deve, fidare dei panettieri, dei tassisti, dei medici eccetera... perché effettuano servizi per la comunità e sono pagati. Se qualcuno, in buona fede, propone un servizio gratuito o a bassissimo prezzo per l individuo, attirerà su di sé il sospetto di tutti. Infatti non è concepibile che uno possa svolgere un attività che vada contro le normali regole del mercato. Lei dice che parlo, parlo, senza però dare soluzioni. Io invece penso che il mio stare qui in strada abbia aiutato e possa aiutare molti a superare la diffidenza verso gli sconosciuti. Non dico che uno debba diventare grande amico di chiunque incontri, dico soltanto che non dovrebbe pensare in continuazione Questo mi vuole fregare e contemporaneamente evitare egli stesso di imbrogliare gli altri. Penso, più che altro lo spero, che lei stesso da questa sera guarderà con occhi diversi le persone con le quali avrà contatti occasionali. Sì, è tutto utopistico, ma non posso fare a meno di sperarlo. Il mio sogno è che un estraneo per strada accetti la mia richiesta di un prestito di cinquantamila lire da restituire il giorno seguente alla stessa ora e nello stesso posto in cui ci siamo incontrati. A volte provo a realizzarlo, ma è inutile che le riferisca le risposte che ho ricevuto. Un anno fa è accaduto un episodio per il quale, ancora oggi, i miei amici mi prendono bonariamente in giro. Uno a cui avevo chiesto i soldi mi ha detto perché invece non glieli prestavo io. L ho fatto, gli ho prestato cinquantamila lire con l accordo che me le avrebbe restituite il giorno dopo. Non l ho più rivisto. Ma io continuo, vado avanti per la mia strada. Ho la fortuna di avere finanziariamente le spalle coperte e quindi non ho l assillo di dover vendere a tutti i costi più merce possibile. Vendo a chi voglio, quello che voglio, al prezzo che voglio, e questa è una gran bella soddisfazione. A proposito... non le ho ancora domandato se per caso lei è interessato a comperare un libro... una cassetta... un quadro... Sì, ora controllo subito quali libri ho portato oggi. Ha già in mente qualcosa o propongo io? Sì... dunque... vediamo cosa ho di breve... oh, ecco qua. Sono dei racconti di Böll. Il libro è grande, ma sono tanti brevi racconti di qualche pagina. Volendo può anche prendere cinque minuti di pausa al lavoro e leggerne uno. Duemila lire. Grazie... ecco a lei il resto. Come dice? Ah, ah, è vero. Oggi il cielo è schizofrenico. Speriamo non piova; ho letto stamani le previsioni del tempo e non dovrebbe, ma non si sa mai. Fra poco andrò anch io a casa. Ancora cinque minuti per tentare di vendere qualcosa... ma no, non è vero che mi ha fatto buttare la giornata. Le ho già detto che a me fa piacere trovare qualcuno con cui parlare e perciò, tirando le somme, questa per me è stata una giornata

7 positiva, mi creda. Piuttosto sono io che spero di non averla annoiata troppo. Allora le auguro buon appetito... e chissà mai che non ci si rincontri. Io sono sempre qua, penso che oramai lo sappia. Stia bene. Arrivederci. Buonasera. Mi scusi se la disturbo... lei ha mai desiderato possedere la luna?

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16 ALLA SCUOLA MATERNA Marzia: Buongiorno, sono venuta per iscrivere il mio bambino. Maestra: Buongiorno, signora. Io sono la maestra. Come si chiama il bambino. Marzia: Si chiama Renatino Ribeiro. Siamo

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

GRAMMATICA IL MODO CONGIUNTIVO - 1 Osserva i seguenti esempi:

GRAMMATICA IL MODO CONGIUNTIVO - 1 Osserva i seguenti esempi: GRAMMATICA IL MODO CONGIUNTIVO - 1 Osserva i seguenti esempi: Sono certo che Carlo è in ufficio perché mi ha appena telefonato. So che Maria ha superato brillantemente l esame. L ho appena incontrata nel

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Arrivederci! 1 Test di progresso

Arrivederci! 1 Test di progresso TEST DI PROGRESSO (Unità 1 e 2) 1) Completa il mini dialogo con le forme verbali corrette. Ciao, io sono Tiziano. Ciao, io mi chiamo Patrick. (1)... italiano? No, ma (2)... italiano molto bene. (1) a)

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

BIANCOENERO EDIZIONI

BIANCOENERO EDIZIONI RACCONTAMI BIANCOENERO EDIZIONI Titolo originale: The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde, 1886 Ringraziamo Giulio Scarpati che ha prestato la sua voce per questo progetto. Consulenza scientifica al

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita"

Consigli di lettura alla Libreria Rinascita Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita" Pagine d Estate: proposte di letture per l estate 2014 Quest'iniziativa vuole incentivare il gusto per la lettura e avvicinare i preadolescenti ai testi di

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Tempi che corrono. Ore 8.30. Ore 8.32. Milano, giugno 2007

Tempi che corrono. Ore 8.30. Ore 8.32. Milano, giugno 2007 Milano, giugno 2007 Tempi che corrono Ore 8.30 Maria si siede al tavolo con la sua colazione: cappuccio, brioche e una spremuta d'arancia. Comincia a sfogliare il giornale, ma è distratta... Non dalla

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri

Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri In caso di rapina in un pubblico esercizio Mantieni la massima calma ed esegui prontamente ciò che viene chiesto dai rapinatori. Non prendere

Dettagli

COREA. Il Mazzarello Center: una comunità terapeutica che vive lo spirito del Sistema preventivo

COREA. Il Mazzarello Center: una comunità terapeutica che vive lo spirito del Sistema preventivo COREA Il Mazzarello Center: una comunità terapeutica che vive lo spirito del Sistema preventivo Breve presentazione del contesto sociale in cui si lavora Il contesto socio-culturale della Corea sperimenta

Dettagli

CHE LAVORO FAI? UNITÁ 2. Ciao, Pablo. dove vai? Io vado a lavorare. Pablo: Pablo:

CHE LAVORO FAI? UNITÁ 2. Ciao, Pablo. dove vai? Io vado a lavorare. Pablo: Pablo: CHE LAVORO FAI? Rachid: Rachid: Rachid: Rachid: Ciao, Pablo. dove vai? Io vado a lavorare. Che lavoro fai? Io lavoro in fabbrica. E tu? Io faccio il muratore. Anche lui è muratore. Si chiama Rachid. Lui

Dettagli

Nuovo Progetto italiano VIDEO 1 Sottotitoli episodi. 1 Un nuovo lavoro

Nuovo Progetto italiano VIDEO 1 Sottotitoli episodi. 1 Un nuovo lavoro 1 Un nuovo lavoro Buongiorno. Buongiorno! Sei Gianna, no? La nuova collega. Sì, Gianna Terzani. Ciao, io sono Michela. Piacere. Il direttore ancora non c è, arriva verso le 10. Va bene, non c è problema.

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). In questa lezione abbiamo ricevuto Gabriella Stellutti che ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano che studia l italiano in Brasile. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie

Dettagli

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto La Milano che (non) vorrei... 13 aprile 2014 Anche per oggi suona la campanella che annuncia la fine delle lezioni! Insieme ai miei compagni di

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Arrivederci! 3 Test di progresso

Arrivederci! 3 Test di progresso TEST DI PROGRESSO (Unità 1 e 2) 1) Completa il mini dialogo con le forme verbali corrette. Oggi pomeriggio voglio andare a comprare un pigiamino per la bambina di Paola, mi vuoi accompagnare? La bambina

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA Tutti gli anni, affrontando l argomento della divisibilità, trovavo utile far lavorare gli alunni sul Crivello di Eratostene. Presentavo ai ragazzi una

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

[Pagina 1] [Pagina 2]

[Pagina 1] [Pagina 2] [Pagina 1] Gradisca. 2.10.44 Rina amatissima, non so se ti rivedrò prima di morire - in perfetta salute - ; lo desidererei molto; l'andarmene di là con la tua visione negli occhi sarebbe per me un grande

Dettagli

Unità 1. I Numeri Relativi

Unità 1. I Numeri Relativi Unità 1 I Numeri Relativi Allinizio della prima abbiamo introdotto i 0numeri 1 naturali: 2 3 4 5 6... E quattro operazioni basilari per operare con essi + : - : Ci siamo però accorti che la somma e la

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini P O R T O L I O UN TEMPO GHIACCIATO Tra le nevi perenni della Groenlandia per ritrovare se stessi. Il racconto di una fuga verso il Nord, in un luogo pieno di luce e di spazio, dove svegliarsi ogni giorno

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

perché non ballate? 5 Baciami. Baciami, tesoro, disse lei. Chiuse gli occhi. Lo teneva stretto. Lui dovette aprirle a forza le dita.

perché non ballate? 5 Baciami. Baciami, tesoro, disse lei. Chiuse gli occhi. Lo teneva stretto. Lui dovette aprirle a forza le dita. Perché non ballate? In cucina si riversò da bere e guardò la camera da letto sistemata sul prato davanti a casa. Il materasso era scoperto e le lenzuola a righe bicolore erano piegate sul comò, accanto

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac 2 Titolo: Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Autrice: Marie Sexton, www.mariesexton.net Traduzione: Amneris

Dettagli

Opuscolo per i bambini

Opuscolo per i bambini I bambini hanno dei diritti. E tu, conosci i tuoi diritti? Opuscolo per i bambini Ref. N. Just/2010/DAP3/AG/1059-30-CE-0396518/00-42. Con approvazione e supporto finanziario del Programma della Unione

Dettagli

Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse

Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse Unità 3 41 Il Vesuvio Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse affresco - Pompei Capri Il golfo di Napoli Pompei Napoli Pompei Capri 42 L imperfetto indicativo L alternanza passato prossimo e imperfetto

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano?

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? 1. Sofia ha appena ricevuto un e-mail con questo titolo: Se mi dai una mano, arrivo! Secondo te, di che cosa parla il messaggio? Discutine con un compagno.

Dettagli