Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1 I. Buonasera signore, posso disturbarla un secondo? Come? È di fretta? Beh, la capisco: il lavoro, il traffico, la famiglia... chi non è di fretta al giorno d oggi? Comunque ci vorrà solo un s... sì, arrivederci. Mi scusi. Buonasera. Le è mai capitato di svegliarsi una mattina e di non trovare più il suo naso? No, aspetti... non se ne vada. Buonasera. Le interessa ques... ma come fa a dire che non le interessa niente se non le ho ancora detto cosa posso offrirle? Duemilacinquecentouno. Ehi, ciao. Come ti chiami? Che bel nome! E quanti anni hai? Sei? Allora sei proprio grande, vai già a scuola. E ti piace? Sì? Ma che bravo! Prendi, ti regalo una caramella. È buona, all arancio. Oh, buonasera signora, è lei la madre? Ma lo sa che ha proprio un figlio simp... no, ma che fa?! Non la butti via, l avevo regalata a suo figlio. Ma no che non è avvel... Eh no, non si permetta più di dirlo. Può anche darmi dello straccione ma pedofilo lo va a dire a qualcun altro. Ma tu guarda che gente! Ciao bello. Sì, signora, sto salutando il suo bambino. C è forse qualche legge che me lo proibisce? Guardi che la sento anche se non urla. Arrivederci e tante belle cose. Buonasera a lei. No, no, nessun problema con la signora; solo una... chiamiamola... incomprensione. Ma lasciamo perdere e guardi qui: c è forse qualcosa che le può interessare? Ho libri, musicassette, caramelle all arancio, al limone, alla menta... non trova proprio niente che le possa interessare? Non importa, se vuole passare un altro giorno, a quest ora io sono sempre qua. Arrivederla. Come dice, signore? Vuole delle caramelle alla menta per la gola? Ecco qua un bel pacchetto. Fanno trecento lire. No, le assicuro che non sono rubate. Come faccio a guadagnare vendendole a così poco? È questo il punto, io non ci guadagno niente, anzi, ci perdo. No, non è una trovata pubblicitaria, né sono appena uscito dal manicomio. I miei prezzi sono questi, forse anche inferiori ai prezzi di produzione. Esatto ogni giorno io perdo decine di migliaia di lire quando va bene, poche centinaia di lire quando va male. Riesco a vivere perché questo non è il mio vero lavoro: è più, diciamo, un passatempo. Io sono avvocato, ho uno studio proprio in fondo a questa via. Lo vede il palazzo giallo? Ecco, là, al terzo piano, il balcone con i gerani rossi. Quest anno sono sbocciati presto e ho temuto che sarebbero morti prima dell estate ma, come può notare lei stesso, hanno resistito proprio bene. L anno prossimo ho intenzione di mettere anche un po di edera sul muro. Ah, lei sostiene che starebbe meglio una buganvillea? Grazie del suggerimento, lo terrò presente. Comunque, tornando al nostro discorso, io non pratico questo passatempo per vendere, o meglio, per guadagnare. Lo faccio per tanti altri motivi; alcuni non sono in grado di spiegarli, altri, sempre che lei voglia dedicarmi qualche minuto, posso andare ad illustrarglieli, e mi fermi se l annoio. Bene, in tal caso comincio. Lei, guardandomi in faccia in questo momento, affermerebbe che sono un avvocato? Con i vestiti che indosso e con attorno tutte queste borse

2 piene di cianfrusaglie nessuno lo direbbe. Mi piace osservare come la gente per strada mi guardi in modo così diverso da quella che entra nel mio studio. Eppure in entrambi i casi spesso è la prima volta che mi vedono. Qui in strada gli occhi che mi puntano parlano di disprezzo, di compassione, di indifferenza. Nel mio studio c è aria di apprezzamento, di stima, di benevolenza. Lei ha perfettamente ragione: anch io mi lascio condizionare da come uno è vestito, dal lavoro che fa e così via. Ma, badi bene, non sto affatto sostenendo che sia un ingiustizia avere questa forma di pregiudizio. Non ho alcuna intenzione di fare il moralista. Quando vediamo una persona, subito abbiamo bisogno di farci una nostra idea su di lei; è istintivo. Quello che cerco di dire è che uno dei motivi per i quali riservo mezz ora al giorno... sì, tutti i giorni, finito di lavorare, mi cambio nello studio, prendo la mercanzia e scendo in strada per circa mezz ora. Cosa stavo dicendo...? Ah, sì... uno di questi motivi è che voglio essere guardato con occhi diversi, tutto qua. Semplicemente essere guardato con occhi diversi, senza fare poi commenti circa il modo in cui esso viene fatto. Io avvocato e venditore ambulante, la stessa persona, gli stessi pensieri, gli stessi atteggiamenti, le stesse convinzioni, ma visto da due punti così estremamente differenti. Lei mi chiede il perché di questo, ma chiederebbe ad un innamorato perché vuole bene alla sua ragazza? O a un pittore perché dipinge quadri? Io mi trovo nella medesima situazione: si possono dare diverse risposte, ma ognuna risulterebbe insoddisfacente per chi ha posto la domanda e non darebbe giustizia alla vera motivazione. Esse sono solamente parti di una risposta più grande che nessuno conosce. Le mie vere risposte? Una credo sia che con questo passatempo mi alieno da quello che penso di essere. Io nella vita sono un avvocato che ogni tanto si mette a fare l ambulante. Ma non potrei invece essere un ambulante che dedica la maggior parte del suo tempo a fare l avvocato? Queste sono le due ipotesi possibili, giusto? Ma ce n è una terza: io sono un uomo che a volte è avvocato, a volte ambulante. Prima le ho detto che le due cose sono la stessa persona, hanno gli stessi pensieri... ma questo è vero solo in parte. In realtà sono due ruoli di una stessa persona, due ruoli, così vicini ed allo stesso tempo così lontani, legati da un sottile filo. Quando sono in strada ho modi completamente differenti di rapportarmi con le persone rispetto a quando sono nello studio. In strada sono io che devo andare dal cliente, divento più loquace, cambio modo di propormi; viene fuori una parte di me che altrimenti si annoierebbe all ombra dell avvocato. Lei parla di schizofrenia, ma rifletta un istante: non siamo forse tutti schizofrenici, non in senso patologico, bensì come dall inizio di questo secolo Pirandello e molti altri hanno ben descritto? Ciò che mi si può imputare è che probabilmente io vivo questo fatto in maniera più consapevole di quanto lo facciano gli altri. So di essere un grande dado che dà un numero diverso a seconda della faccia che mostra. Il cielo è blu... e rosso, e azzurro, e bianco, e arancione... non possiamo certo dire che sia schizofrenico anche lui. E poi si ricordi bene di quello che le ho detto all inizio del nostro discorso: i motivi per i quali lei mi può trovare per la strada a vendere oggetti sono tanti, non solo

3 quello che le ho appena spiegato. Forse, senza essere a conoscenza degli altri, si può arrivare a deduzioni erronee. Per questo non mi sembra proprio che mi si possa dire di essere affetto da sdoppiamento di personalità. Ma lei sta guardando l orologio... forse l ho trattenuta troppo. Sicuro, io domani sono qui, sempre alla stessa ora. D altra parte sono sette anni che ho questo orario. Già, sono tanti. Mi sembra ieri quando timidamente, per la prima volta, mi piazzai su questa via e cominciai a vendere... ma, dato che ha un impegno, non voglio trattenerla più a lungo. Possiamo certamente continuare domani. Anche a me ha fatto piacere. Arrivederci. II. Oh, buonasera. Come sta? Eh, io mica tanto. No, no, degli affari non mi posso lamentare: ho venduto qualche caramella, un biglietto del tram e un libro di Hesse. È il lavoro che oggi mi ha un po stressato. A volte ho in mano delle cause che mi fanno rimpiangere di essere diventato avvocato... e anche di essere uomo. Comunque il mio passatempo mi è utile per scaricare la tensione accumulata durante la giornata. Già, questo è un altro dei tanti motivi. Immagino lei voglia che io continui il discorso di ieri sera. A che punto ero arrivato? Oh, sì, dunque... sono sette anni che faccio l ambulante in questa via e ho visto passare davanti a me non so quante migliaia di persone. Forse è questo il primo motivo che mi ha spinto verso la strada: osservare le persone. Probabilmente lei getterà lo sguardo soltanto su chi veste in modo eccentrico, io invece faccio un analisi accurata di chiunque calpesti questo marciapiede: i vestiti, i gesti, le espressioni dei volti, i tic, la camminata. Si ritorna così al discorso che le facevo ieri, al giudicare una persona per come si presenta. A me però non interessa giudicarle, a me interessa studiarle per prevedere quale reazione avranno quando mi avvicino a loro. Dopo quasi sette anni di esperienza posso dirle che indovino quasi sempre come si comporteranno. Per esempio: ieri ho capito subito che lei era una persona che poteva essere coinvolta, e a mano a mano che il discorso andava avanti la vedevo sempre più incuriosito. D altra parte se non fosse stato così non avrei iniziato a parlarle, o comunque lei se ne sarebbe andato via. Dicevo... osservo per prevedere le reazioni. Quando mi avvicino ad uno, quasi sempre so già se si fermerà ad ascoltare quello che ho da proporre, o se invece tirerà dritto senza voltarsi. Sì, anche se penso che non si fermerà, tento di coinvolgerlo ugualmente: da una parte perché posso sempre sbagliarmi, dall altra perché ho bisogno anche di sentirmi rifiutato. A questo punto entra in gioco un altro motivo. Mi piace far conoscere alla gente la magia che sprigiona l osservare quadri, il leggere libri, l ascoltare musica. Quando trovo un potenziale cliente, tento di incuriosirlo gettando qualche frase presa da un libro, nella speranza che, in senso buono, egli abbocchi. Non sempre accade e spesso riesco a vendere solo caramelle o cianfrusaglie. Ma se il cliente mostra di essere interessato, non me lo lascio sfuggire ed inizio a dare consigli sui libri, sulla musica... e con questi prezzi è facile che alla fine si comperi qualcosa. A quante persone ho fatto conoscere ed amare

4 Maupassant, Raffaello, Beethoven, Duchamp, Seneca, Hendrix... e molti, molti altri ancora! La maggior parte degli acquirenti non sono intellettuali o colti, ma semplici individui che avevano solo bisogno di una spinta per avvicinarsi a quei mondi. Io sono felice per essere riuscito nel mio intento, ma sono ancora più felice quando quelle persone si ripresentano a me di loro spontanea volontà. Arrivano qua, mi ringraziano, ed insieme discorriamo della piccola Rocque, della Pastorale, di Willy Loman, di Dean Moriarty, delle merde d autore. Le assicuro che dialogando con loro ho appreso, di più e meglio, concetti che magari mi sfuggivano e non ero in grado di trovare in alcuno scritto. Circa quattro anni fa ho messo in contatto fra di loro un piccolo gruppo di clienti, i quali poi hanno stabilito di riunirsi in una specie di club, per conversare ogni tanto. No, io non vado ai loro incontri. Preferisco fare da osservatore esterno: se incontro qualcuno del gruppo qua, nella via, do qualche idea sulla quale possono poi discutere, oppure espongo il mio punto di vista su argomenti controversi. E poi, come diceva Groucho Marx: Non vorrei mai far parte di un club che accettasse fra i suoi soci uno come me. No, non penso di poter essere definito un filantropo. È diverso... è... è... non so come definirlo, però secondo me è un concetto diverso. È... è diverso. Senta, per caso anche oggi ha degli impegni? No? Bene, allora permetta che le offra un aperitivo. No, no,,ho già qua tutto io. Sapendo che sarebbe tornato questa sera, ho portato qualcosa da bere e da mangiare. Ha presente Charlot? Ecco qua i bicchieri... i tovaglioli... qualche stuzzichino... ed infine... il vino. Ho il cavatappi in questa tasca, lo apre lei? Ora è tutto pronto. Com è? Sono contento. Vede, anche questo momento può essere preso come uno dei tanti motivi. Quando riesco a creare un rapporto umano con le persone, mi sento soddisfatto. Ho avuto clienti di tutti i tipi e con alcuni di essi ho ancora adesso legami particolari. C è uno studente che ogni venerdì mi compra dieci biglietti del tram perché qui risparmia. In genere non permetto queste cose perché non voglio che la gente approfitti di me per i prezzi che faccio, ma quel ragazzo è proprio simpatico e lavora per mantenersi all università, così gli vendo i biglietti a poco e mi fa compagnia per una decina di minuti. Di quelli che si riuniscono a conversare le ho già detto. Poi c è un signore che baratta i... oh, sta arrivando... mi scusi, dopo le spiego. Duemilacinquecentotre... duemilacinquecentocinque. Non si stupisca, le ho detto che con qualcuno ho rapporti particolari. Quello con cui ho appena parlato è il proprietario del negozio di scarpe che c è qua di fronte. Con lui tutte le sere continuo uno stupido gioco iniziato circa tre anni fa: a partire dall uno, ognuno dice un numero a testa per un totale di tre numeri al giorno. Io ho i numeri dispari; oggi mi è toccato dirne due e lui uno, quindi domani lui ne dirà due ed io uno. Non ricordo più quando abbiamo iniziato, né perché; non so neanche se e quando finiremo. Esatto, di solito le uniche parole che ci scambiamo sono i numeri, ma capita a volte che lui si fermi più a lungo, e allora chiacchieriamo piacevolmente. Prima che mi interrompessi, le stavo raccontando di quel signore che baratta i suoi libri con i miei. Abbiamo delle

5 interminabili discussioni perché il baratto avviene non in base al prezzo di copertina, bensì in base al valore letterario che noi gli attribuiamo. Naturalmente ognuno ha le proprie opinioni sugli scrittori ed è dura mettersi d accordo, anche perché entrambi vogliamo avere ragione, specie quando abbiamo torto. Ci divertiamo come matti a trovare argomenti a favore del proprio libro per tentare di convincere l altro che lo scambio è equo. Pensi che l altra settimana voleva scambiare alla pari un suo D annunzio con un mio Leopardi. Vuole un altro goccio di vino? C è gente che si presenta con i propri disegni, dipinti, sculture, e mi chiede di venderli. Io prendo in consegna le opere che giudico più belle, devono essere piccole per motivi di spazio, e tento di piazzarle. Gli autori sanno che non guadagneranno un granché, ma loro non cercano soldi. È capitato che uno di questi mi lasciasse il ricavato della vendita, ritenendosi già soddisfatto poiché qualcuno aveva apprezzato e comprato la sua opera. Alcuni sono davvero bravi, tanto che un mio amico gallerista ogni tanto mi passa a trovare e acquista qualche tela. Ancora un oliva? Certo, certo, queste persone, con le quali ho rapporti che vanno al di là del semplice vendere e comprare, sono soltanto una ristretta minoranza rispetto a tutti i clienti, e ancora più ristretta rispetto a tutti quelli che passano da questa via, però non mi lamento. Come si dice: pochi ma buoni. Fortunatamente sono più di quanti lei ne ha ipotizzati, ma se ce ne fossero anche solo venti, sarei lo stesso contento. Sì, anche se ce ne fossero cinque in meno: comunque quindici sono sempre un buon numero. Anche per dieci non smetterei di fare l ambulante. Sotto alle dieci persone? Perché no? Il poco è molto a chi non ha che il poco. Per una... certo. Per riguardo a quell unico individuo, mi presenterei puntuale tutti i giorni. Beh, se proprio non riuscissi a legare neanche con uno... ma proprio nessuno... continuerei a scendere in strada ugualmente, perché è l avvocato che ne ha bisogno. E sarebbe, inoltre, uno stimolo a migliorare: peggio di zero buoni clienti non si può fare. Indubbiamente questo passatempo ha anche degli aspetti negativi, e non sono pochi. A cominciare dal freddo pungente delle sere d inverno, o dal doversi riparare sotto a un balcone nelle giornate di pioggia. In quei giorni vendere diventa un problema perché per strada c è poca gente, e quella poca non si ferma volentieri. Ci sono poi certi atteggiamenti delle persone che mi avviliscono. Qualcuno tira fuori mille lire dalla tasca, me le mette in mano prima ancora che io riesca a parlare e se ne va contento, con la coscienza a posto per aver compiuto la sua buona azione quotidiana. Altri mi scambiano per un adepto di chissà quale religione che vuole coinvolgerli in chissà quali progetti. Altri controllano di avere ancora il portafoglio dopo che li ho avvicinati. Mangi pure l ultimo, ne ho altri nella sacca... suvvia, non faccia complimenti. Ritorniamo a noi... stare a stretto contatto con la diffidenza della gente, questa è la cosa che mi dà più fastidio. In tanti, troppi, pensano che non ci si possa fidare di uno che vende oggetti per la strada. Se poi i prezzi sono così bassi, deve per forza esserci la fregatura. I biglietti del tram sono falsi, le caramelle avvelenate, ai

6 libri mancano le pagine, le cassette sono pirata; ecco quello che pensano. Lo so che c è tanta gente che truffa e non si può far altro che dubitare di me. È questo il punto: mi dà fastidio che sia inevitabile non potersi fidare degli sconosciuti. Parlando più in generale... non si può fare l autostop, non si può lasciare la bicicletta in strada, non si possono accettare caramelle. A uno che passa per la strada, cosa gli si chiede? L ora e la sigaretta. Basta. Ci si continua a fidare dei negozi alimentari solo perché sarebbe più scomodo non farlo: ognuno a curare il proprio orto. Sì, questa è un esagerazione. Ma penso che lei abbia capito cosa voglio dire. Ci si può, ed in un certo senso ci si deve, fidare dei panettieri, dei tassisti, dei medici eccetera... perché effettuano servizi per la comunità e sono pagati. Se qualcuno, in buona fede, propone un servizio gratuito o a bassissimo prezzo per l individuo, attirerà su di sé il sospetto di tutti. Infatti non è concepibile che uno possa svolgere un attività che vada contro le normali regole del mercato. Lei dice che parlo, parlo, senza però dare soluzioni. Io invece penso che il mio stare qui in strada abbia aiutato e possa aiutare molti a superare la diffidenza verso gli sconosciuti. Non dico che uno debba diventare grande amico di chiunque incontri, dico soltanto che non dovrebbe pensare in continuazione Questo mi vuole fregare e contemporaneamente evitare egli stesso di imbrogliare gli altri. Penso, più che altro lo spero, che lei stesso da questa sera guarderà con occhi diversi le persone con le quali avrà contatti occasionali. Sì, è tutto utopistico, ma non posso fare a meno di sperarlo. Il mio sogno è che un estraneo per strada accetti la mia richiesta di un prestito di cinquantamila lire da restituire il giorno seguente alla stessa ora e nello stesso posto in cui ci siamo incontrati. A volte provo a realizzarlo, ma è inutile che le riferisca le risposte che ho ricevuto. Un anno fa è accaduto un episodio per il quale, ancora oggi, i miei amici mi prendono bonariamente in giro. Uno a cui avevo chiesto i soldi mi ha detto perché invece non glieli prestavo io. L ho fatto, gli ho prestato cinquantamila lire con l accordo che me le avrebbe restituite il giorno dopo. Non l ho più rivisto. Ma io continuo, vado avanti per la mia strada. Ho la fortuna di avere finanziariamente le spalle coperte e quindi non ho l assillo di dover vendere a tutti i costi più merce possibile. Vendo a chi voglio, quello che voglio, al prezzo che voglio, e questa è una gran bella soddisfazione. A proposito... non le ho ancora domandato se per caso lei è interessato a comperare un libro... una cassetta... un quadro... Sì, ora controllo subito quali libri ho portato oggi. Ha già in mente qualcosa o propongo io? Sì... dunque... vediamo cosa ho di breve... oh, ecco qua. Sono dei racconti di Böll. Il libro è grande, ma sono tanti brevi racconti di qualche pagina. Volendo può anche prendere cinque minuti di pausa al lavoro e leggerne uno. Duemila lire. Grazie... ecco a lei il resto. Come dice? Ah, ah, è vero. Oggi il cielo è schizofrenico. Speriamo non piova; ho letto stamani le previsioni del tempo e non dovrebbe, ma non si sa mai. Fra poco andrò anch io a casa. Ancora cinque minuti per tentare di vendere qualcosa... ma no, non è vero che mi ha fatto buttare la giornata. Le ho già detto che a me fa piacere trovare qualcuno con cui parlare e perciò, tirando le somme, questa per me è stata una giornata

7 positiva, mi creda. Piuttosto sono io che spero di non averla annoiata troppo. Allora le auguro buon appetito... e chissà mai che non ci si rincontri. Io sono sempre qua, penso che oramai lo sappia. Stia bene. Arrivederci. Buonasera. Mi scusi se la disturbo... lei ha mai desiderato possedere la luna?

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO Sommario Nel primo capitolo di questo quaderno lei ha ritenuto che il gioco d azzardo sta causando problemi nella sua vita. Si è posto obiettivi

Dettagli

HO PERSO IL COSO PER LAVARE I DENTI

HO PERSO IL COSO PER LAVARE I DENTI HO PERSO IL COSO PER LAVARE I DENTI Elisa Riedo conversa con Maria, 8 febbraio 2007. Il nome della paziente e ogni altro dato che possa permetterne l identificazione è stato alterato per rispettarne la

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

WWW.COPIONI.CORRIERESPETTACOLO.IT

WWW.COPIONI.CORRIERESPETTACOLO.IT Aldo, Giovanni e Giacomo Sketch del controllore (da 'Tel chi el telun) Aldo: Non c è bisogno che tira perché non è che scappo. Giovanni: Intanto ha allungato il passo. Aldo: Ho allungato il passo perché

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19.

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19. Insegnante intervistata: 12 anni di insegnamento; al momento dell intervista insegna nelle classi II di una scuola primaria Durata intervista: 30 minuti 1. Ti chiederei gentilmente di pensare ad un bambino

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Destinazione 11. Ciao Maria!

Destinazione 11. Ciao Maria! Destinazione 11 Ciao Maria! Ciao Luca! Guarda oggi ho un regalino per te eh. No, ma veramente? No, non dovevi, ma oggi non è Natale, non è il mio compleanno, non è San Valentino, perché? Ma dai non c è

Dettagli

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore 2013 ad est dell equatore vico orto, 2 80040 pollena trocchia (na) www.adestdellequatore.com info@adestdellequatore.com [uno] Milano. Un ufficio

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners ( Section I Listening) Transcript Familiarisation Text Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai? Ehh Francesco! Sono stata

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

Un compleanno speciale

Un compleanno speciale Testo teatrale ideato dalla classe 5D Un compleanno speciale ATTO UNICO Sceneggiatura a cura di Monica Maglione. Coreografia: Elisa Cattaneo / Alessandro Riela. Musiche: Papi, Sexy Back. Narratore: Davide

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

Alice in viaggio nel magico mondo del volontariato. Classe 3 E Scuola Secondaria di Primo Grado G. Galilei Casalecchio di Reno (BO)

Alice in viaggio nel magico mondo del volontariato. Classe 3 E Scuola Secondaria di Primo Grado G. Galilei Casalecchio di Reno (BO) Alice in viaggio nel magico mondo del volontariato Classe 3 E Scuola Secondaria di Primo Grado G. Galilei Casalecchio di Reno (BO) Il paese delle meraviglie 26 febbraio 2015 OFFICINE MINGANTI 1 fiera interattiva

Dettagli

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno.

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. NONNO: Sera a tutti. MAMMA: Ciao papà. CASA DI CHARLIE In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. CHARLIE: Ciao nonno. NONNA: Ciao caro. MAMMA: La zuppa

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Destinazione 13. Buongiorno Maria!

Destinazione 13. Buongiorno Maria! Destinazione 13 Buongiorno Maria! Mmmm... Oh Mari! Ohi! Tutto bene? Ciao Leonardo! Come va la vita? Mio piccolo amico! Mio piccolo amico? No eh? No! No, no! Giochi con i pupazzetti, sei troppo gentile

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo INTERVISTA 9 I- Prima di svolgere questa attività, svolgeva un altro lavoro B- Io ho sempre lavorato in proprio, finito il liceo ho deciso di non andare all università, prima ho avuto un giornale di annunci

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

Guida didattica all unità 2 In libreria

Guida didattica all unità 2 In libreria Destinazione Italiano Livello 3 Guida didattica all unità 2 In libreria 1. Proposta di articolazione dell unità 1. Come attività propedeutica, l insegnante svolge un attività di anticipazione, che può

Dettagli

Ciao a tutti! Volevo come scritto sul gruppo con questo file spiegarvi cosa è successo perché se non ho scelto la cucciola senza pedigree e controlli (e come sto per spiegare non solo) è anche grazie ai

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Raffaella una cassiera

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 12 AL NEGOZIO A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 AL NEGOZIO DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno. A- Posso aiutarla? B- Ma,

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Cognome : Nome : Data : Istruzioni Non si tratta di una valutazione. Si tratta di individuare le proprie competenze

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

NOTIZIE DALL INTERNO

NOTIZIE DALL INTERNO Istituto Comprensivo Cantù2 Scuola Primaria di Fecchio Anno 7. Numero 3 Giugno 2012 SCUOLA IN...FORMA Pag. 2 NOTIZIE DALL INTERNO (CURIOSANDO NELLA SCUOLA) A CURA DI ALICE, TABATA, MATTEO CAMESASCA (QUINTA)

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

INTRODUZIONE. La ragazza

INTRODUZIONE. La ragazza 5 INTRODUZIONE La ragazza Il braccio era vicino al telefono. Forse la ragazza aveva cercato di chiamare qualcuno, ma poi non aveva avuto il tempo di farlo. I lunghi capelli neri scendevano sul viso e coprivano

Dettagli

Incipit mondi diversi. Nonmicrederetemai, neancheinunmilionedianni,maviassicurocheèlapura verità!

Incipit mondi diversi. Nonmicrederetemai, neancheinunmilionedianni,maviassicurocheèlapura verità! Scrittori di Classe è un concorso letterario originale ed entusiasmante, rivolto alle classi delle scuole primarie e secondarie di primo grado di tutta Italia. Gli alunni della classe 5^ di Pietramala,

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere?

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere? CANOVACCIO 6 Estratto da: L azienda senza peccati scagli la prima pietra! I sette peccati capitali dalla vita personale alla vita professionale. Il teatro chiavi in mano. In pausa pranzo nel parco Come

Dettagli

NONA LEZIONE L AUTOSTOP

NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE 96 L autostop Scendi pure tu dalla macchina? Devo spingere anch io? Sì, se vuoi. Ma scusa, quanto è distante il distributore di benzina? Non lo so qualche chilometro.

Dettagli

- 1 reference coded [1,06% Coverage]

<Documents\bo_min_1_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [1,06% Coverage] - 1 reference coded [1,06% Coverage] Reference 1-1,06% Coverage Ti lega il computer? Sì. Io l ho sempre detto. Io ho una visione personale. Anche quelli che vanno a cercare

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Questionario COMPASS*

Questionario COMPASS* Questionario COMPS* Istruzioni Il presente questionario viene utilizzato per addestrarsi a discriminare fra le varie modalità di reazione a situazioni sociali specifiche in casa e fuori. Consta di 30 casi

Dettagli

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale Discorso indiretto - o n 1 Trasformare il discorso diretto in indiretto 1. "Che cosa fai?". Mi chiese che cosa. 2. "Sono venuto a saperlo per caso". Disse a saperlo per caso. 3. "Per favore, telefoni a

Dettagli

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati Le storie di Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati 1 Un messaggio scontato FIRENZE, IN UN POMERIGGIO D INVERNO. MATILDE È NELLA SUA CAMERA. Uffa! Ma quando finiscono questi compiti? Sono quasi le

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

Avete spirito scientifico?

Avete spirito scientifico? GIOCO n. 1 a Avete spirito scientifico? Fare ricerca richiede anche di sapere e comprendere quali sono gli atteggiamenti verso la conoscenza di chi partecipa all impresa scientifica. Per capire se possiedi

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Video Articolo_Come farsi un bersaglio per smettere di correre dietro ai clienti

Video Articolo_Come farsi un bersaglio per smettere di correre dietro ai clienti Video Articolo_Come farsi un bersaglio per smettere di correre dietro ai clienti Ciao Sono Loris Comisso Creatore del Programma Professionista Libero l unico sistema per smettere di lavorare 15 ore al

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. ( Section I Listening and Responding) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. ( Section I Listening and Responding) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers ( Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text FE Ciao, Flavia. Mi sono divertito moltissimo sabato. Che serata magnifica!

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: Ciao, Flavia. Mi sono divertito moltissimo sabato

Dettagli

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 3

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 3 PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... pazza! MODULO 3 Fino ad ora abbiamo lavorato sulla consapevolezza, identificando le 4 chiavi che ci servono per aver successo nel nostro

Dettagli

Stefano Santomauro TOCCATE UNA NUVOLA (Monologo in atto unico) Prima stesura: 2002 Ultima revisione: aprile 2005 www.noiteatro.it

Stefano Santomauro TOCCATE UNA NUVOLA (Monologo in atto unico) Prima stesura: 2002 Ultima revisione: aprile 2005 www.noiteatro.it Stefano Santomauro TOCCATE UNA NUVOLA (Monologo in atto unico) Prima stesura: 2002 Ultima revisione: aprile 2005 www.noiteatro.it L attore entra in silenzio. Mentre entra si allarga l occhio di bue. Una

Dettagli

venti giorni fa a una festa e ci siamo telefonati un paio di volte. Ieri doveva esserci il nostro

venti giorni fa a una festa e ci siamo telefonati un paio di volte. Ieri doveva esserci il nostro LEZIONE 1 SOLUZIONE ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso volevo arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. Ci siamo conosciuti venti

Dettagli

Chiara, Giada, Maria, Matteo, Matteo

Chiara, Giada, Maria, Matteo, Matteo Eccoci pronti a partire per Aprica, dove ci aspetta un tranquillo weekend in montagna. Ci andiamo spesso e conosciamo perfettamente tutto il tragitto. Appena ci spostiamo in direzione nord le case iniziano

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti

Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti Va bene diventare cameriere però, mangiare tutto quel cibo e bere prima, durante e dopo il pasto è esagerato! Per fortuna che

Dettagli

Cosa non farei per te

Cosa non farei per te Cosa non farei per te Un fotoromanzo per pensare a cura delle Peerleaders Il gruppo di amici... Paolo - 17 anni Gloria - 16 anni Andrea - 18 anni Sara - 18 anni Roberta - 16 anni Elena - 18 anni Martina

Dettagli

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio L incontro con padre Fabrizio è stato molto importante per capire che noi siamo fortunatissimi rispetto a tante altre persone e l anno prossimo

Dettagli

AL CENTRO COMMERCIALE

AL CENTRO COMMERCIALE AL CENTRO COMMERCIALE Ciao Michele, come va? Che cosa? Ciao Omar, anche tu sei qua? Sì, sono con Sara e Fatima: facciamo un giro per vedere e, forse, comprare qualcosa E dove sono? Voglio regalare un CD

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ: 2008-2009 Μάθημα: Ιταλικά Επίπεδο: 3 Διάρκεια : 2 ώρες Ημερομηνία:

Dettagli

COSA FARE PER NON CADERE IN QUESTA TRUFFA? Non fidarti degli sconosciuti che ti fermano per strada e non dare mai loro denaro, per nessun motivo.

COSA FARE PER NON CADERE IN QUESTA TRUFFA? Non fidarti degli sconosciuti che ti fermano per strada e non dare mai loro denaro, per nessun motivo. ATTENTO ALLA TRUFFA! Sei appena stata in Banca a ritirare denaro o in Posta per prendere la pensione. All uscita ti si avvicinano una o più persone sconosciute che ti mostrano un tesserino e ti dicono:

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

PAZIENTE: Le ho mai parlato della mania delle foto? CLINICO: No. PAZIENTE: Adesso era un periodo che non ci pensavo più, ma ho passato dei mesi con

PAZIENTE: Le ho mai parlato della mania delle foto? CLINICO: No. PAZIENTE: Adesso era un periodo che non ci pensavo più, ma ho passato dei mesi con PAZIENTE: Le ho mai parlato della mania delle foto? CLINICO: No. PAZIENTE: Adesso era un periodo che non ci pensavo più, ma ho passato dei mesi con questa mania di fare sempre fotografie ai bambini: e

Dettagli