la prevenzione va a scuola [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili]

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "la prevenzione va a scuola [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili]"

Transcript

1 va a scuola [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili] SCUOLA BUS

2 SCUOLA BUS LA PREVENZIONE VA A SCUOLA [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili]

3 Proposta operativa nell ambito del Piano regionale del Direzione centrale salute, integrazione sociosanitaria e politiche sociali A cura di: Servizi di Igiene e sanità pubblica profilassi malattie infettive delle Aziende per i Servizi Sanitari Regione Friuli Venezia Giulia Gruppo di Lavoro: Direzione centrale salute, integrazione sociosanitaria e politiche sociali Cinzia Braida Tolinda Gallo ASS n. 1 Triestina Claudia Krajnik Rossana Stacul ASS n. 2 Isontina Angelo Palmas Daniela Schabetz ASS n. 3 Alto Friuli Mariarita Forgiarini ASS n. 4 Medio Friuli Grazia Maria Chiacig Mariagrazia Pellizzon ASS n. 5 Bassa Friulana Patrizia Brunetti Michela Paravano ASS n. 6 Friuli Occidentale Carla Padovan

4 va a scuola [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili]

5 [presentazione]

6 La scuola rappresenta il luogo ideale per radicare la cultura della salute e della sicurezza, intesa, non come norme astratte o prescrittive da rispettare, ma come stili di vita da seguire in tutti i contesti sociali, ivi compresi gli ambienti educativi. Sanità e scuola sono pertanto coinvolte ed intrecciate fortemente nella costruzione dei processi di accompagnamento ed educazione degli alunni, ma anche dei genitori e della comunità, affinché si realizzino condizioni favorevoli alla tutela e alla promozione della salute di ciascuno e della collettività nel suo complesso. Questa pubblicazione rappresenta una guida per la gestire al meglio le situazioni emergenti di Sanità Pubblica e, più in generale, per garantire una efficace comunicazione tra gli operatori del e le famiglie su temi come la prrofilassi delle malattie infettive nella comunità infantile e scolastica. Il manuale contiene brevi descrizioni di patologie, quadri clinici o condizioni di rischio e di strumenti che, di conseguenza, vengono messi a disposizione, tracciando gli interventi operativi da attuare di volta in volta nelle istituzioni scolastiche.. La guida, che nasce dall esperienza concreta delle strutture competenti in materia di sicurezza e di prevenzione, permetterà il consolidamento di azioni regionali coordinate tra scuola e sanità sul tema delle malattie infettive con un approccio più coordinato a beneficio dei singoli cittadini. Maria Sandra Telesca Assessore regionale alla salute, integrazione socio-sanitaria e politiche sociali PRESENTAZIONE

7 INDICE PREMESSA 9 MALATTIE CON DIARREA E VOMITO 10 diarrea infettiva 11 INFEZIONI RESPIRATORIE 13 influenza 14 pertosse 15 tubercolosi 17 RASH CUTANEI E INFEZIONI DELLA PELLE 19 morbillo 20 rosolia 22 scabbia 23 scarlattina 25 varicella 27 ALTRE INFEZIONI 28 congiuntiviti 29 epatite A 31 epatite B 34 infezione da HIV-AIDS 36 malattie invasive batteriche [meningiti/sepsi] 38 parotite 42 pediculosi 43 mononucleosi infettiva 45 tigna del cuoio capelluto 47 ossiuriasi 49 megaloeritema infettivo [V malattia] 50

8 INDICAZIONI DI CARATTERE GENERALE 51 misure di prevenzione efficaci per il controllo delle principali 52 malattie infettive a scuola allontanamento 55 le misure di prevenzione di carattere generale 59 lavaggio delle mani 59 utilizzo e igiene di oggetti e indumenti personali 60 educazione alimentare 60 contatti in ambienti di vita collettiva 61 comportamento in caso di esposizione a sangue o altri 62 liquidi biologici sanificazione degli ambienti 62 L OFFERTA VACCINALE REGIONALE PER L INFANZIA ED 63 ADOLESCENZA l offerta vaccinale regionale per l infanzia ed adolescenza 64 GLOSSARIO 66 BIBLIOGRAFIA 67

9 [premessa]

10 9 PREMESSA Le malattie infettive rappresentano uno dei principali problemi di Sanità Pubblica sia per l impatto sulla salute, sia per l impatto sociale ma anche per la percezione del rischio ad esse correlato. Quando alcune malattie infettive si manifestano in una comunità infantile o nella scuola spesso determinano allarmismi ingiustificati e gli interventi di prevenzione, che la sanità pubblica mette in campo sono a volte ritenuti insufficienti, perché è ancora diffusa la convinzione che tutti i mezzi possibili, dall isolamento dei malati alla disinfezione delle scuole siano essenziali. Così come vengono ritenuti ancora necessari i certificati di riammissione scolastica dopo assenza per malattia. È ormai noto che la maggior parte delle malattie si trasmettono già dal periodo di incubazione ed è altrettanto noto che in molti casi il contagio può essere evitato adottando semplici precauzioni e misure di igiene, purché applicate costantemente anche in assenza di persone malate: si parla infatti di precauzioni universali, ossia precauzioni da utilizzare indipendentemente dall insorgenza di casi di malattia. Per molte malattie inoltre il mezzo di prevenzione sicuramente più efficace è costituito dalle vaccinazioni. Adottare misure preventive come la vaccinazione dei bambini e seguire le norme di buone pratiche igieniche sono i modi migliori per prevenire la diffusione delle infezioni. Questo opuscolo fornisce gli orientamenti sulle più comuni malattie infettive e i periodi consigliati per i quali i bambini devono essere tenuti lontani dalla scuola o asilo nido, sulla base delle migliori evidenze disponibili, fornendo consigli che possono essere facilmente adottati e messi in pratica. I tempi per la riammissione dopo malattia infettiva, fanno riferimento al periodo di contagiosità della stessa, ma possono differire da bambino a bambino, proprio perché diversa è la risposta di ognuno sul piano clinico. Pertanto si raccomanda ai genitori di attenersi alle indicazioni del proprio Pediatra o Medico curante.

11 10 malattie con diarrea e vomito cosa fare se [malattie con diarrea e vomito]

12 cosa fare se malattie con diarrea e vomito 11 DIARREA INFETTIVA COS È Si tratta di infezioni intestinali, causate nelle comunità infantili più frequentemente da virus (rotavirus, adenovirus intestinali, norovirus..), meno frequentemente da batteri (es salmonella) o altri parassiti. I periodi di incubazione sono generalmente brevi (da poche ore a qualche giorno) e si manifestano con diarrea accompagnata talvolta dalla presenza di febbre, nausea, vomito e dolori addominali. COME SI DIFFONDE I patogeni intestinali possono diffondersi per via fecale o per via orale, sia direttamente con trasmissione interpersonale, sia indirettamente tramite superfici ambientali, oggetti e cibi. Il rischio di contaminazione alimentare può essere aumentato quando il personale che segue bambini che ancora portano il pannolino ha anche il compito di preparare o servire cibo Il contatto con animali a casa o in classe espone i bambini a patogeni di cui l animale può essere portatore. La maggior parte di piccoli rettili e i roditori (hamster, tartarughe acquatiche,.) sono colonizzati da salmonella. INCUBAZIONE I periodi di incubazione sono generalmente brevi (da poche ore a qualche giorno). CONTAGIOSITÀ Basso Rischio di diffusione nella scuola: Alto negli asili nido e scuola infanzia

13 12 malattie con diarrea e vomito cosa fare se DIARREA INFETTIVA COME PREVENIRLA L igiene delle mani (corretto lavaggio) è la misura più importante insieme all aggiornamento del personale e al controllo delle procedure per minimizzare la trasmissione oro-fecale di infezioni. COSA DEVE FARE LA SANITÀ PUBBLICA Nei confronti del malato: sorveglianza ed indagine epidemiologica, educazione sanitaria per contenere la diffusione della malattia Nei confronti dei contatti e della collettività: sorveglianza ed indagine epidemiologica, educazione sanitaria per contenere la diffusione della malattia COSA DEVONO FARE I GENITORI Osservanza scrupolosa delle indicazioni del Pediatra o del Medico curante e di quanto indicato dal Servizio di Igiene e Sanità Pubblica. I bambini affetti da diarrea infettiva devono astenersi dalla frequenza della scuola e di collettività in generale (palestre, piscine, oratori, mense ecc.), fino a 48 ore dopo l ultima scarica di diarrea. Per la riammissione non è richiesto alcun certificato medico. Se un bambino di età inferiore ai 5 anni presenta diarrea con più di 3 scariche liquide in 3 ore nel corso dell attività scolastica, il responsabile della scuola o del nido, al fine di tutelare la collettività, provvederà ad allontanarlo dalla classe e inviterà il genitore a riportare il bambino al domicilio il prima possibile e a consultare il medico curante.

14 [infezioni respiratorie]

15 14 infezioni respiratorie cosa fare se INFLUENZA COS È L influenza è una malattia infettiva virale contagiosa.si presenta con brividi, mal di testa, malessere generale, dolori diffusi. Ci può essere mal di gola, congestione nasale, meno frequentemente congiuntivite, dolore addominale, nausea e vomito (soprattutto nei bambini). Contrariamente a quanto si pensa, l influenza è una malattia che può dare gravi complicanze soprattutto nelle persone con patologie croniche. COME PREVENIRLA Adottare misure di igiene generale e respiratoria. Vaccinare i bambini con patologie croniche per prevenire possibili gravi complicanze. COSA DEVE FARE LA SCUOLA Promuovere comportamenti corretti ( misura peraltro da adottare sempre indipendentemente dalla presenza di un caso di malattia) come: lavarsi spesso le mani con acqua e sapone; coprire la bocca e il naso con un fazzoletto in caso di tosse o starnuti; non scambiare oggetti o cibo con i compagni; non toccarsi occhi, naso o bocca con le mani non lavate; Areare i locali (misura peraltro da adottare sempre indipendentemente dalla presenza di un caso di malattia). Promuovere la vaccinazione per il personale scolastico. COME SI DIFFONDE Per via aerea attraverso goccioline di saliva. Incubazione: Da 1-3 giorni. Contagiosità: La presenza del virus nelle secrezioni cessa generalmente dopo una settimana. Rischio di diffusione nella scuola: Molto alto. COSA DEVE FARE LA SANITÀ PUBBLICA Nei confronti del malato: astensione dalla frequenza della scuola fino a guarigione. Nei confronti dei contatti e della collettività: nessun provvedimento. COSA DEVONO FARE I GENITORI attenersi alle indicazioni del Pediatra o del Medico curante.

16 cosa fare se infezioni respiratorie 15 PERTOSSE COS È La pertosse è una malattia batterica acuta delle alte vie respiratorie, inizialmente di modesta entità che evolve poi nei caratteristici accessi di tosse convulsiva. Le complicanze sono più gravi e frequenti nel primo anno di vita: convulsioni e/o danno cerebrale,otite e polmonite. COME SI DIFFONDE Per via aerea attraverso goccioline infette provenienti dal tratto respiratorio Incubazione: da 5 a 21 giorni. Contagiosità: È massima nella fase catarrale e nelle prime 2 settimane dopo l inizio della tosse; gradualmente diminuisce e diviene trascurabile in circa 3 settimane. La contagiosità è di circa 5 giorni dopo l inizio di adeguata terapia antibiotica. Rischio di diffusione nella scuola: Alto per i soggetti che non hanno effettuato la vaccinazione.

17 16 infezioni respiratorie cosa fare se PERTOSSE COME PREVENIRLA Attraverso la vaccinazione eseguita dal 3 mese di vita in associazione con gli altri vaccini previsti dal calendario vaccinale in modo da assicurare la protezione del bambino nel periodo di maggiore pericolosità della malattia. Il richiamo viene effettuato in età pre-scolare ed adolescenziale associato con il vaccino anti-difterico-tetanico. COSA DEVE FARE LA SCUOLA Attenersi alle buone regole di pulizia e aerazione dei locali della scuola. Non è necessaria la disinfezione dei locali COSA DEVE FARE LA SANITÀ PUBBLICA Nei confronti del malato: astensione dalla frequenza scolastica per almeno 5 gg. dall inizio della terapia antibiotica. I casi sospetti, non trattati con antibiotico, vanno isolati per 21 giorni dall inizio dei sintomi. Nei confronti dei contatti e della collettività: verifica dell avvenuta vaccinazione anti-pertossica dei contatti stretti familiari o meno. Valutazione dell opportunità di somministrare una dose di richiamo. Sorveglianza sanitaria dei soggetti suscettibili: i bambini esposti al contagio, specialmente quelli con ciclo vaccinale incompleto, devono essere attentamente osservati riguardo ai sintomi respiratori per 21 giorni dopo il termine del contatto. Bambini sintomatici con tosse devono essere esclusi dalla comunità, fino a valutazione medica La profilassi antibiotica è raccomandata per i contatti familiari e gli altri contatti stretti, anche a bambini che frequentano lo stesso asilo, indipendentemente dall età e dalle vaccinazioni ricevute. Il suo uso precoce può limitare la trasmissione. COSA DEVONO FARE I GENITORI attenersi alle indicazioni del Pediatra o del Medico curante.

18 cosa fare se infezioni respiratorie 17 TUBERCOLOSI COS È La Tubercolosi è una malattia batterica contagiosa che può colpire qualsiasi organo o apparato. Le prime manifestazioni della tubercolosi polmonare si verificano 1-6 mesi dopo l infezione iniziale e comprendono: febbricola, sudorazione notturna, perdita di peso, tosse. Il batterio può rimanere nell organismo allo stato latente anche per tutta la vita. In alcuni casi può riattivarsi, a distanza di mesi o anche di anni, determinando la malattia tubercolare attiva. COME SI DIFFONDE Per via aerea, attraverso l inalazione di goccioline respiratorie emesse dal soggetto che presenta la malattia attiva polmonare o laringea. Incubazione: Circa 2-12 settimane. Il rischio di malattia è più elevato nei 6 mesi dopo l infezione e resta alto per 2 anni. Contagiosità: È possibile finché i bacilli tubercolari sono presenti nelle secrezioni polmonari della persona infetta. Dura poche settimane (almeno 2) dall inizio di una terapia efficace e ben condotta. La Tubercolosi extrapolmonare non è contagiosa. Rischio di diffusione nella scuola: Medio / basso, varia a seconda dell età dell ammalato (i bambini di meno di 10 anni sono raramente contagiosi) e della forma tubercolare (polmonare o extrapolmonare). Sono a maggior rischio di contrarre la malattia i bambini di età inferiore a 3 anni.

19 18 infezioni respiratorie cosa fare se TUBERCOLOSI COME PREVENIRLA I contatti stretti (convivente o persona che condivide con il soggetto ammalato uno spazio chiuso per almeno 8 ore al giorno) vanno sottoposti a test specifici per l individuazione dei soggetti che potrebbero aver contratto l infezione senza essersi ammalati I soggetti risultati positivi vanno sottoposti ad ulteriori approfondimenti diagnostici e valutati per l eventuale trattamento farmacologico. COSA DEVE FARE LA SCUOLA Contattare telefonicamente il Servizio Igiene e Sanità Pubblica per l eventuale segnalazione del caso. Su richiesta del Servizio Igiene e Sanità Pubblica fornire l elenco nominativo di tutti i bambini frequentanti la classe/scuola con i relativi numeri telefonici. Distribuire una lettera di comunicazione ai genitori predisposta dal Servizio Igiene e Sanità Pubblica ed organizzare un incontro (se necessario). Collaborare con il Servizio Igiene e Sanità Pubblica per l organizzazione di riunioni informative per l eventuale effettuazione presso la scuola delle indagini tubercoliniche. Consegnare eventuale materiale informativo ai genitori predisposto dal Servizio Igiene e Sanità Pubblica. Attenersi alle buone regole di pulizia e aerazione dei locali della scuola. Non è necessaria la disinfezione straordinaria dei locali COSA DEVE FARE LA SANITÀ PUBBLICA Nei confronti del malato: allontanamento dalla scuola fino alla negativizzazione dell espettorato (significa fino a quando nel catarro non è più presente il bacillo della tubercolosi) e successiva sorveglianza sanitaria per almeno sei mesi. Riammissione in comunità previo accertamento della non contagiosità. Nei confronti dei contatti e della collettività: sorveglianza sanitaria dei conviventi e dei contatti stretti per la ricerca di altri casi di infezione o malattia tramite l esecuzione dei test specifici ed eventuali altri accertamenti. COSA DEVONO FARE I GENITORI Osservanza scrupolosa delle indicazioni del Pediatra o del Medico curante e di quanto indicato dal Servizio di Igiene e Sanità Pubblica.

20 [rash cutanei e infezioni della pelle]

21 20 rash cutanei e infezioni della pelle cosa fare se MORBILLO COS È Il morbillo è una malattia infettiva molto contagiosa causata da un virus, che si trasmette per via aerea. Si manifesta con febbre molto elevata, congiuntivite, tosse ed un tipico esantema (macchioline rosse) che compare 3-5 giorni dopo la febbre, inizia dal viso, si diffonde poi al corpo e agli arti. L esantema si attenua nell arco di 3-4 giorni dando luogo ad una desquamazione cutanea. Le complicanze della malattia sono frequenti e consistono in otite media, polmonite e in rari casi encefalite. COME PREVENIRLA La prevenzione si basa sulla vaccinazione : il vaccino è offerto gratuitamente a tutti i bambini dall età di mesi e una seconda dose di richiamo ai 5/6 anni e a tutti i soggetti suscettibili. La vaccinazione contro il Morbillo ( usata in combinazione con il vaccino contro la rosolia e la parotite) è una vaccinazione universalmente raccomandata. Il Piano Nazionale dell eliminazione del Morbillo e della Rosolia congenita ribadisce la necessità di indagare tutte le malattie febbrili con rash cutanei per identificare casi di Morbillo e Rosolia. COME SI DIFFONDE Per via aerea, attraverso goccioline respiratorie infette o per contatto diretto con le secrezioni nasali o faringee e, meno comunemente, con oggetti contaminati. Incubazione: giorni dall esposizione all inizio dei sintomi. Contagiosità: Da 1-2 giorni prima dell inizio dei sintomi, fino a 4 giorni dopo la comparsa dell esantema. Rischio di diffusione nella scuola: Molto alto. COSA DEVE FARE LA SANITÀ PUBBLICA Nei confronti del malato: il malato deve essere allontanato dalla scuola per almeno 5 giorni dalla comparsa dell esantema. A casa evitare il contatto diretto con altre persone non vaccinate. Nei confronti dei contatti e della collettività: promuovere la vaccinazione dei suscettibili individuando quindi i soggetti ai quali raccomandare la vaccinazione per prevenire la diffusione della malattia. La vaccinazione eseguita entro 72 ore dal contatto può essere protettiva nei confronti della malattia. La vaccinazione va fatta anche se si suppone che la persona si sia già contagiata e potrebbe essere a sua volta in fase di incubazione: almeno per il morbillo si riducono di molto le probabilità di manifestare la malattia.

22 cosa fare se rash cutanei e infezioni della pelle 21 MORBILLO COSA DEVE FARE LA SCUOLA Contattare telefonicamente il Servizio Igiene e Sanità Pubblica per l eventuale segnalazione del caso. Fornire al Servizio Igiene e Sanità Pubblica l elenco nominativo di tutti i bambini frequentanti la classe/scuola con i relativi numeri telefonici. Distribuire una lettera di comunicazione ai genitori, predisposta dal Servizio Igiene Sanità Pubblica. Promuovere la vaccinazione anche per il personale scolastico non immune. COSA DEVONO FARE I GENITORI Attenersi alle indicazioni del Pediatra, del Medico curante e del personale del Servizio Igiene e Sanità Pubblica. Aderire alle indagini sierologiche proposte dal Servizio Igiene e Sanità Pubblica nell ambito del Piano Nazionale di eliminazione del morbillo. Tenere il bambino a casa fino a completa guarigione e fino ad almeno 5 giorni dalla comparsa dell esantema. E molto importante che la scuola sia informata della malattia per consentire un adeguata profilassi degli altri alunni frequentanti.

23 22 rash cutanei e infezioni della pelle cosa fare se ROSOLIA COS È La rosolia è una malattia infettiva causata da un virus. Si presenta spesso senza sintomi o con manifestazioni lievi quali ingrossamento dei linfonodi retro-auricolari e della base del collo, eruzione cutanea di breve durata e modica febbre. Le complicanze sono rare. Il maggior rischio è l infezione contratta durante il primo trimestre di gravidanza da una donna non immune. In questo caso può determinare aborto, morte fetale o malformazioni congenite (sindrome da rosolia congenita). COME PREVENIRLA Il vaccino nella forma trivalente (Morbillo-Rosolia- Parotite) viene offerto a tutti i bambini dall età di mesi ed una seconda dose di richiamo a 5/6 anni e a tutti i soggetti suscettibili. Il controllo della Rosolia è necessario soprattutto per prevenire malformazioni congenite nei neonati nati da donne non immuni che contraggono la malattia durante la gravidanza. COSA DEVE FARE LA SCUOLA Contattare telefonicamente il Servizio Igiene e Sanità Pubblica per l eventuale segnalazione del caso. Allontanare il personale scolastico in gravidanza non immune. Promuovere la vaccinazione per il personale scolastico non immune. COME SI DIFFONDE Per via aerea, attraverso goccioline respiratorie infette. Incubazione: da 14 a 21 giorni. Contagiosità: La massima contagiosità è da circa una settimana prima della comparsa dell esantema fino a 6-7 giorni dopo. Rischio di diffusione nella scuola: Molto alto, tuttavia nei bambini la malattia si manifesta quasi sempre in modo lieve. COSA DEVE FARE LA SANITÀ PUBBLICA Nei confronti dei malati: allontanamento dalla frequenza scolastica per 7 giorni dalla comparsa dell esantema. Nei confronti dei contatti e della collettività: individuazione dei contatti suscettibili: persone mai vaccinate o che non hanno ancora contratto la rosolia, in particolare donne gravide ( che vanno allontanate). Promuovere la vaccinazione per il personale scolastico non immune. COSA DEVONO FARE I GENITORI Avvertire il Pediatra o il Medico curante e tenere a casa il bambino fino al termine del periodo di contagiosità. Aderire alle indagini sierologiche proposte dal Servizio Igiene e Sanità Pubblica nell ambito del Piano Nazionale di eliminazione della Rosolia congenita.

24 cosa fare se rash cutanei e infezioni della pelle 23 SCABBIA COS È La Scabbia è una malattia parassitaria della cute causata da un acaro. Inizia con una eruzione papulare (piccole macchie rosse) ed un intenso prurito, soprattutto notturno. L acaro scava dei cunicoli nella cute e vi depone le uova dalle quali in 2-3 giorni originano le larve. Nei bambini di meno di due anni, l eruzione è spesso vescicolare con frequente localizzazione alla testa, collo, palmo delle mani e pianta dei piedi. Nei bambini più grandi e negli adulti vengono colpite in modo particolare le pieghe interdigitali (tra dito e dito), la zona dei polsi, i gomiti, le pieghe ascellari. COME SI DIFFONDE Per contatto diretto cute-cute; meno frequente è la trasmissione indiretta attraverso la biancheria e gli effetti personali, in particolare se sono stati contaminati da poco da una persona infettata. L acaro, se non è a contatto con la cute, non vive più di 3-4 giorni. Incubazione: Nei soggetti senza una precedente esposizione è di solito 4-6 settimane; nei casi di pregresse esposizioni i sintomi insorgono 1-4 giorni dopo la riesposizione all acaro. Contagiosità: Il malato è contagioso fino alla distruzione degli acari e delle uova ottenuta con uno o due cicli di trattamento, distanziati di una settimana. Rischio di diffusione nella scuola: Molto basso

25 24 rash cutanei e infezioni della pelle cosa fare se SCABBIA COME PREVENIRLA Educazione sanitaria sulle modalità di trasmissione e di disinfestazione di indumenti e altri oggetti per evitare l infestazione. COSA DEVE FARE LA SCUOLA Contattare telefonicamente il Servizio Igiene e Sanità Pubblica per l eventuale segnalazione del caso. Consegnare ai genitori materiale informativo predisposto dal Servizio Igiene e Sanità Pubblica. Collaborare con il Servizio Igiene e Sanità Pubblica per l effettuazione di incontri informativi con i genitori. Seguire le indicazioni del Servizio Igiene e Sanità Pubblica. COSA DEVE FARE LA SANITÀ PUBBLICA Nei confronti del malato: allontanamento dalla frequenza scolastica fino al giorno successivo a quello di inizio del trattamento specifico. Nei confronti dei contatti e della collettività: ricerca di altri casi di infestazione. Trattare a scopo preventivo i familiari e i contatti stretti, sintomatici e non. Interventi di bonifica dell ambiente ove vive il soggetto. Lenzuola e vestiario vanno lavati a temperatura superiore a 60 C; i capi non lavabili a temperature elevate vanno tenuti da parte o chiusi in sacchetti di nylon almeno una settimana per evitare reinfestazioni. COSA DEVONO FARE I GENITORI Attenersi alle indicazioni del Pediatra, del Medico curante e del personale del Servizio Igiene e Sanità. Trattamento preventivo di tutti i familiari.

26 cosa fare se rash cutanei e infezioni della pelle 25 SCARLATTINA COS È La Scarlattina è una malattia causata da un batterio, lo Streptococco beta-emolitico di gruppo A, produttore di tossina. I sintomi compaiono all improvviso con febbre, mal di gola, faringite; nei casi più gravi può comparire febbre elevata, nausea e vomito. Dopo circa ore compare il tipico esantema (che svanisce alla pressione), puntiforme, apprezzabile al tatto (tipo carta vetrata) e caratteristica colorazione a fragola della lingua. Le complicanze possibili sono l otite, l ascesso tonsillare e, in via eccezionale, la glomerulonefrite e la malattia reumatica. Con una certa frequenza l infezione da Streptococco Beta-emolitico di Gruppo A si presenta come una faringotonsillite, oppure senza sintomi di malattia: si parla in questo ultimo caso di portatore asintomatico dello Streptococco; lo stato di portatore può durare anche per lungo tempo, ma con minima contagiosità. COME SI DIFFONDE Per via aerea attraverso goccioline respiratorie di ammalati o portatori. Incubazione: 1-3 giorni, raramente più lungo. Contagiosità: Dalla comparsa della malattia e per tutta la sua durata. La contagiosità si interrompe dopo ore dall inizio di adeguata terapia antibiotica. Rischio di diffusione nella scuola: Medio.

27 26 rash cutanei e infezioni della pelle cosa fare se SCARLATTINA COME PREVENIRLA La diffusione in ambito scolastico si contrasta con la diagnosi e il trattamento precoce del caso. COSA DEVE FARE LA SCUOLA Contattare telefonicamente il Servizio Igiene e Sanità Pubblica per l eventuale segnalazione di epidemie. Attenersi alle buone regole di pulizia e aerazione dei locali della scuola. Promuovere comportamenti corretti ( misura peraltro da adottare sempre indipendentemente dalla presenza di un caso di malattia) come il lavarsi spesso le mani con acqua e sapone Pulire e disinfettare i giochi. COSA DEVE FARE LA SANITÀ PUBBLICA Nei confronti del malato: allontanamento dalla frequenza scolastica almeno fino a 48 ore dopo l inizio della terapia antibiotica. Questo trattamento riguarda anche altri bambini con faringotonsilliti streptococciche. Nessun trattamento è previsto per i portatori asintomatici di Streptococco. Nei confronti dei contatti e della collettività: la profilassi antibiotica e l esecuzione del tampone faringeo di norma non sono indicati. COSA DEVONO FARE I GENITORI attenersi alle prescrizioni e alle indicazioni del del Pediatra o del Medico curante.

28 cosa fare se rash cutanei e infezioni della pelle 27 VARICELLA COS È La Varicella è una malattia infettiva virale molto contagiosa; si manifesta con una eruzione cutanea caratteristica che inizia con macchioline rosse che poi evolvono in vescicole e croste. La comparsa delle vescicole inizia al cuoio capelluto e al viso e si estende al tronco e agli arti. Le lesioni si presentano a ondate successive con stadi di maturità differenziati, presenti nello stesso momento. L eruzione cutanea può accompagnarsi a febbre elevata. Le complicanze sono rare (polmonite, encefalite, sovrainfezioni batteriche delle lesioni cutanee). COME PREVENIRLA La prevenzione si basa sulla vaccinazione: il vaccino è offerto gratuitamente a tutti i bambini dall età di mesi e una seconda dose di richiamo ai 5/6 anni e a tutti i soggetti appartenenti alle categorie a rischio ancora suscettibili. COSA DEVE FARE LA SCUOLA Sostenere la promozione della vaccinazione nel personale scolastico non immune. Attenersi alle buone regole di pulizia e aerazione dei locali della scuola. COME SI DIFFONDE Per via aerea con le goccioline respiratorie o per contatto diretto con il liquido contenuto nelle vescicole. Incubazione: Da 14 a 20 giorni. Contagiosità: Da 1-2 giorni prima della comparsa delle prime vescicole, a 5-7 giorni dopo (e comunque fino alla comparsa delle croste). Rischio di diffusione nella scuola: Molto alto. Generalmente la presenza di un caso in una comunità porta all infezione di tutti i soggetti suscettibili. COSA DEVE FARE LA SANITÀ PUBBLICA Nei confronti del malato: allontanamento dalla scuola almeno fino all essiccamento delle vescicole. Nei confronti dei contatti e della collettività in generale non è previsto alcun provvedimento. Vaccinare le persone suscettibili di 12 mesi o più, entro 72 ore dall esposizione, può prevenire o modificare significativamente la malattia. Promuovere la vaccinazione per il personale scolastico non immune. COSA DEVONO FARE I GENITORI Attenersi alle prescrizioni e alle indicazioni del Pediatra o del Medico curante.

29 [altre infezioni]

30 cosa fare se altre infezioni 29 CONGIUNTIVITI COS È La congiuntivite è un infiammazione della congiuntiva, dovuta ad agenti infettivi di natura batterica (ad esempio, emofilo, streptococco, stafilococco) o virale (adenovirus). Si manifesta con lacrimazione, arrossamento delle congiuntive, essudato purulento (occhi appiccicosi). Nelle comunità infantili si presenta generalmente in forma epidemica, cioè coinvolgente più soggetti. COME SI DIFFONDE La trasmissione della malattia avviene per contatto diretto con secrezioni congiuntivali o delle vie respiratorie di soggetti infetti, con le dita o con oggetti contaminati (fazzoletti, giochi, occhiali). Incubazione È più o meno lungo a seconda che si tratti di forme batteriche (24-72 ore) o di forme virali (5-12 giorni). Contagiosità È elevata ed è presente per tutta la durata dei sintomi nelle forme batteriche; anche fino a 14 giorni dall insorgenza nelle forme virali. Nelle forme batteriche un bambino in trattamento antibiotico non è più contagioso. Rischio di diffusione nella scuola: alto negli asili nido

LE MALATTIE BATTERICHE INVASIVE: PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA GESTIONE DI UN CASO DI MALATTIA INVASIVA DA MENINGOCOCCO

LE MALATTIE BATTERICHE INVASIVE: PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA GESTIONE DI UN CASO DI MALATTIA INVASIVA DA MENINGOCOCCO LE MALATTIE BATTERICHE INVASIVE: PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA GESTIONE DI UN CASO DI MALATTIA INVASIVA DA MENINGOCOCCO INTRODUZIONE Negli ultimi anni si è manifestata una crescente attenzione nei confronti

Dettagli

Ultimo aggiornamento: gennaio 2012. Il contenuto di questo testo può essere liberamente riprodotto purché sia citata la fonte.

Ultimo aggiornamento: gennaio 2012. Il contenuto di questo testo può essere liberamente riprodotto purché sia citata la fonte. VACCINAZIONI: LE RISPOSTE ALLE DOMANDE PIU FREQUENTI DEI GENITORI Autori: Dr. Giovanni Ara (Dipartimento di Prevenzione ASL Biella, Regione Piemonte) Dr. Franco Giovanetti (Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

Sei vaccinato? Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch

Sei vaccinato? Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch Sei vaccinato? Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch 0844 448 448 Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch L eliminazione del morbillo un obiettivo internazionale

Dettagli

In viaggio con 1 b i i a n i b m n viaggio con i bam I bnii

In viaggio con 1 b i i a n i b m n viaggio con i bam I bnii In viaggio con i bambini 1 Indice Prefazione 4 Introduzione 5 Le vaccinazioni 7 EPATITE A FEBBRE TIFOIDE FEBBRE GIALLA ENCEFALITE GIAPPONESE ENCEFALITE DA MORSO DI ZECCA MALATTIA MENINGOCOCCICA COLERA

Dettagli

Autore: Franco Giovanetti Dirigente medico Dipartimento di Prevenzione ASL CN2 Alba Bra Regione Piemonte

Autore: Franco Giovanetti Dirigente medico Dipartimento di Prevenzione ASL CN2 Alba Bra Regione Piemonte Vaccinazioni pediatriche: le domande difficili Autore: Franco Giovanetti Dirigente medico Dipartimento di Prevenzione ASL CN2 Alba Bra Regione Piemonte Il contenuto del presente documento può essere liberamente

Dettagli

RAZIONALE CALENDARIO PER LA VITA - 2 EDIZIONE 2014

RAZIONALE CALENDARIO PER LA VITA - 2 EDIZIONE 2014 RAZIONALE CALENDARIO PER LA VITA - 2 EDIZIONE 2014 A due anni dalla prima edizione, il Calendario per la Vita si rinnova e si aggiorna. La creazione di una collaborazione strutturata e permanente tra Società

Dettagli

Servizi educativi da 0 a 3 anni

Servizi educativi da 0 a 3 anni QUADERNI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA DIPARTIMENTO DI MEDICINA DEL LAVORO Osservatorio Nazionale Epidemiologico sulle condizioni di salute e sicurezza negli ambienti di vita Servizi educativi da 0 a 3

Dettagli

La sordità infantile: lo screening uditivo neonatale universale, il percorso del paziente ipoacusico in età pediatrica.

La sordità infantile: lo screening uditivo neonatale universale, il percorso del paziente ipoacusico in età pediatrica. La sordità infantile: lo screening uditivo neonatale universale, il percorso del paziente ipoacusico in età pediatrica. Alessandro Martini a, Paola Marchisio b, Luciano Bubbico c, Patrizia Trevisi a, Lodovico

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL DONATORE DI SANGUE ED IL CANDIDATO DONATORE

INFORMAZIONI PER IL DONATORE DI SANGUE ED IL CANDIDATO DONATORE INFORMAZIONI PER IL DONATORE DI SANGUE ED IL CANDIDATO DONATORE Il sangue è un componente dell organismo indispensabile alla vita, ma non riproducibile in laboratorio; costituisce per molti ammalati un

Dettagli

CINQUE PUNTI CHIAVE PER ALIMENTI PIÙ SICURI

CINQUE PUNTI CHIAVE PER ALIMENTI PIÙ SICURI CINQUE PUNTI CHIAVE PER ALIMENTI PIÙ SICURI MANUALE DEPARTMENT OF FOOD SAFETY, ZOONOSES AND FOODBORNE DISEASES A.S.L. TO5 Ce.I.R.S.A. Centro Interdipartimentale di Ricerca e Documentazione per la Sicurezza

Dettagli

Malattia da virus Ebola Procedura regionale

Malattia da virus Ebola Procedura regionale Malattia da virus Ebola Procedura regionale Versione 07.11.2014 Regione del Veneto Area Sanità e Sociale Sezione Attuazione Programmazione Sanitaria Settore Promozione e Sviluppo Igiene e Sanità Pubblica

Dettagli

Pidocchi?... non perdiamo la testa

Pidocchi?... non perdiamo la testa Pidocchi?... non perdiamo la testa INFORMAZIONI SULLA PEDICULOSI DEL CAPO Ripartizione Sanità Indice Prefazione... 01 01 INTRODUZIONE... 03 02 COME AVVIENE IL CONTAGIO?... 07 03 PREVENZIONE... 09 04 TRATTAMENTO:

Dettagli

Prevenzione e controllo delle infezioni da Clostridium difficile

Prevenzione e controllo delle infezioni da Clostridium difficile GIIO DOCUMENTO DI INDIRIZZO Prevenzione e controllo delle infezioni da Clostridium difficile Il presente documento è frutto della collaborazione di molte persone ed è stato condiviso con gli organi collegiali

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI GUIDA PER GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE

SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI GUIDA PER GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI GUIDA PER GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE Coordinamento editoriale: Marta Fin, Alba Carola Finarelli, Laura Vicinelli, Claudio Visani Redazione: Alessandro Brunozzi,

Dettagli

Quando nasce un bambino

Quando nasce un bambino Quando nasce un bambino DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E COMUNICAZIONE Direzione Generale della Comunicazione e Relazioni Istituzionali Prefazione Una corretta informazione riveste un importanza fondamentale

Dettagli

LA CHEMIOTERAPIA quando è utile, quali sono i suoi risultati, gli effetti collaterali

LA CHEMIOTERAPIA quando è utile, quali sono i suoi risultati, gli effetti collaterali I MANUALI DI ULISSE LA CHEMIOTERAPIA quando è utile, quali sono i suoi risultati, gli effetti collaterali Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori a cura dell Ufficio Relazioni con il Pubblico Si

Dettagli

Kangaroo Mother Care Una guida pratica

Kangaroo Mother Care Una guida pratica ARTICOLO DI AGGIORNAMENTO Acta Neonantologica & Pediatrica, 1, 2006, 5-39 Kangaroo Mother Care Una guida pratica Edizione Italiana del testo WHO a cura del Gruppo di Studio della S.I.N. sulla Care in Neonatologia

Dettagli

Un indagine empirica sul vissuto dei giovani pazienti e dei loro genitori

Un indagine empirica sul vissuto dei giovani pazienti e dei loro genitori Il bambino con diabete nella vita quotidiana Un indagine empirica sul vissuto dei giovani pazienti e dei loro genitori a cura di Monica Azzolini In collaborazione con Il bambino con diabete nella vita

Dettagli

REGIONE LAZIO ASSESSORATO ALL AGRICOLTURA AREA SERVIZIO FITOSANITARIO E RISORSE GENETICHE GUIDA AL CORRETTO IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI

REGIONE LAZIO ASSESSORATO ALL AGRICOLTURA AREA SERVIZIO FITOSANITARIO E RISORSE GENETICHE GUIDA AL CORRETTO IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE LAZIO ASSESSORATO ALL AGRICOLTURA AREA SERVIZIO FITOSANITARIO E RISORSE GENETICHE GUIDA AL CORRETTO IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI Elaborato a cura dell Area Servizio Fitosanitario e Risorse

Dettagli

Camminiamo insieme. Gli ematologi ai pazienti con trombocitemia

Camminiamo insieme. Gli ematologi ai pazienti con trombocitemia Camminiamo insieme Gli ematologi ai pazienti con trombocitemia 1 A cura di: Prof. Valerio De Stefano Professore Ordinario Istituto di Ematologia Università Cattolica di Roma - Policlinico Agostino Gemelli

Dettagli

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Documento di linee-guida per la prevenzione e il controllo della legionellosi. LA CONFERENZA PERMANENTE

Dettagli

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Documento di linee-guida per la prevenzione e il controllo della legionellosi. LA CONFERENZA PERMANENTE

Dettagli

Vademecum per gli addetti al primo soccorso e alle emergenze nelle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado

Vademecum per gli addetti al primo soccorso e alle emergenze nelle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado Vademecum per gli addetti al primo soccorso e alle emergenze nelle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado Edizione 2014 Pubblicazione realizzata da INAIL Sovrintendenza Sanitaria Centrale

Dettagli

Non so cosa avrei fatto oggi senza di te MANUALE PER I FAMILIARI DELLE PERSONE CON DEMENZA

Non so cosa avrei fatto oggi senza di te MANUALE PER I FAMILIARI DELLE PERSONE CON DEMENZA Non so cosa avrei fatto oggi senza di te MANUALE PER I FAMILIARI DELLE PERSONE CON DEMENZA Non so cosa avrei fatto oggi senza di te MANUALE PER I FAMILIARI DELLE PERSONE CON DEMENZA Quando ti guardo sono

Dettagli

FONDAZIONE IRCCS CA GRANDA

FONDAZIONE IRCCS CA GRANDA FONDAZIONE IRCCS CA GRANDA OSPEDALE MAGGIORE POLICLINICO Benvenuti in maternità DIPARTIMENTO PER LA SALUTE DELLA DONNA, DEL BAMBINO E DEL NEONATO U.O. DI NEONATOLOGIA E TERAPIA INTENSIVA NEONATALE 1 Con

Dettagli

Dopo il cancro: aspetti psicosociali e qualità di vita

Dopo il cancro: aspetti psicosociali e qualità di vita guide CROinforma Piccole Dopo il cancro: aspetti psicosociali e qualità di vita Questa guida fornisce un informazione scientifica generale: soltanto il medico può, in base alla storia clinica e familiare

Dettagli

Guida ai diritti del malato

Guida ai diritti del malato Guida ai diritti del malato ERRORI MEDICI? DIMISSIONI FORZATE? INVALIDITÀ CIVILI NEGATE? LISTE D ATTESA INTERMINABILI? CARTE DEI SERVIZI INTROVABILI? DANNI DA TRASFUSIONI E DA VACCINAZIONI OBBLIGATORIE?

Dettagli