non Lo ringrazieremo mai abbastanza. Domenica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "non Lo ringrazieremo mai abbastanza. Domenica"

Transcript

1

2

3 IDDIO CI HA TANTO BENEDETTI non Lo ringrazieremo mai abbastanza. Domenica 1 a Edizione - agosto a Ristampa - novembre a Ristampa riveduta - Aprile

4 PREFAZIONE Verica, 31 agosto Ho recitato Lodi e Sesta: rispondeva il piccolo coro di tre Religiose, figlie dei coniugi Bernardini Sergio e Domenica. Penso: ecco una piccola comunità. Fare comunità è cosa molto semplice; vuol dire partire dalla stessa fede e dagli stessi ideali e condividere, mettere insieme gli stessi pensieri, le stesse gioie e pene, le esperienze come sono, e sentirsi fratelli in Gesù, invocando il Suo Nome, sposando la stessa causa. Queste tre suore sono sorelle; anche altre tre loro sorelle sono religiose: una nel Messico e due sono a Roma. Cinque di queste Religiose sono della Congregazione delle Figlie di San Paolo e una della Congregazione delle Suore Francescane Ancelle del Buon Pastore. Altri loro due fratelli sono religiosi Francescani Cappuccini: uno svolge il suo apostolato in un grosso centro industriale fra la gioventù; l'altro è missionario in Turchia. Ora il mio pensiero corre alla loro casa paterna nella località Barberino, nella mia bella Parrocchia di Verica, agli estremi confini. Tante volte ci vado in un anno; un tempo ancora più di adesso. Là ho notato una piccola comunità e tanta felicità, tanto fervore e tanta fede. In quella casa è morto Sergio Bernardini il 12 ottobre 1966, uomo robusto nel fisico e nel carattere, molto buono e mite, molto silenzioso. Vi dimorava insieme alla moglie Bedonni Domenica, morta a Modena il 27 febbraio 1971, più espansiva, più sorridente. Essa godeva intimamente ancor più di quella gioia che esprimeva esteriormente; era felice in mezzo a dieci figli, dei quali otto religiosi, perché erano del Signore ; davano occasione continuamente a lei di pensare al Signore; glielo facevano sentire vicino. Sono sue espressioni. La sua serenità e la sua felicità come quella del marito Sergio 2

5 non era dì tenere gelosamente per sé, ma di comunicare con altri, il più che poteva trovare, la sua gioia e la sua riconoscenza a Dio per i tanti figli ricevuti; essa li aveva restituiti a Dio. Al Parroco che scrive queste note, faceva vedere le stanze che occupavano i figli nella casa di Barberino, quando ritornavano alcuni da molto lontano: questa è quella dei Patriarchi, questa è dedicata a S. Francesco, quella alla S. Famiglia, quella a S. Paolo, quella all'immacolata. Indicava, non parlava; sorrideva soltanto, facendo capire che anche per Lei quelle camere erano tanti fili ideali che la univano spiritualmente ai figli. Una bella comunità, i cui soci dai confini della Parrocchia erano sparsi un po' in tutto il mondo. I due Coniugi Bernardini rimasti a Barberino condividevano con tutti la loro gioia; nella vita hanno amato, rinunciato; la loro felicità nasceva da una vita offerta e sofferta; erano felici, perchè avevano fatto felici tanti altri; avevano vissuto con tanta semplicità, senza alcuna pretesa, senza la superbia della ricchezza, dell'istruzione, senza riposo, senza odio, ma con tanta fede e carità. Nelle disgrazie umane, nelle tribolazioni, nelle pene, nelle difficoltà, nelle privazioni e nella separazione dai figli hanno trovato il segreto di essere cristianamente forti e felici. A loro è bastata quella speranza cristiana che promette e dona l'unione con Dio su questa terra e la felicità eterna alla fine della vita. Non vale la pena ricordare chi ha testimoniato tanto bene la fede, chi ha dato tanto alla Chiesa? Non vale la pena citare ad esempio chi ha collaborato così bene al piano di salvezza proposto da Dio? Non vale la pena lodare chi ha svolto egregiamente il compito della propria missione? Non vale la pena che l'ultimo loro Parroco dica: anche la professione tanto umile dei Coniugi Bernardini ha avuta il valore di una missione? Dire di sì a Dio in una vita intera e lunga, non è certo compiere miracoli, ma è un coinvolgere in bene tutte le azioni, ed essere 3

6 sempre disponibili alla grazia del Signore che compie miracoli di bontà. Ecco perchè il Parroco ha voluto non solo segnarne i nomi fra gli scomparsi come sempre, ma ha pensato di ricordare i suoi Parrocchiani di un tempo e ora cittadini del Cielo anche con queste note. Il Parroco D. EIvio Bonacorsi TESTIMONIANZE Queste memorie si aprono con le lettere che mamma Domenica rimasta sulla terra si scambia coi figli in tante direzioni e contengono le testimonianze di tanti che formano un coro di voci intorno alla memoria dei Genitori Bernardini. Le prime voci sono naturalmente quelle dei figli, compreso il Sacerdote Nigeriano, D. Felix Alaba Ade Job, ora Vescovo; sono voci traboccanti di gioia e riconoscenza. C'è il coro di tanti Sacerdoti, di Francescani, essendo Terziari e genitori di due Sacerdoti Francescani Cappuccini. Sono le lettere di Mamma Domenica che si tiene legata ai figli lontani e accenna sempre al suo sacrificio e alla Volontà di Dio. Da tutte le voci erompe verso il Cielo un inno pieno di fede, di speranza, di amore. Tutte le notizie di ordine cronologico sono sempre brevi, il loro cuore appare sempre con Dio e i figli; erano felici perché lavoravano per unire gli uomini a Dio; dove è il tuo tesoro, là è il tuo cuore L'ultima aspirazione di Mamma Domenica fu quella mal celata di avere un figlio santo da altare. Santa semplicità ai nostri occhi, ma bellezza di un'anima che, mentre si sentiva spegnere, desiderava rivivere con più intimità e freschezza nella fede dei figli per ravvivare la fede. 4

7 Papà Sergio si spense purificato soprattutto dalle pene dello spirito: gli faceva paura la sua indegnità, come diceva. Era giunto a questa ansia per tante considerazioni sulla santità di Dio, sulla consacrazione a Lui dei figli, alla vicinanza di Dio alla mia casa, come ripeteva e soggiungeva: Non sono degno che cosa ho fatto io?, Io dico delle parole, anche delle preghiere, ma i miei figli hanno compiuto dei fatti per il Signore Lei e loro m'incoraggiano, perchè sono buoni. Quante volte ha ripetuto questi discorsi nell'ultima malattia e scuoteva la testa pensieroso. Il Padre venerava i figli, questi lo amavano, lo ricordano e lo pregano; noi diciamo: Papà Sergio, Mamma Domenica, la semplicità, la spontaneità, la naturalezza, il silenzio e il sacrificio della vostra vita quotidiana si sono cambiati nel possesso di quel Dio che vi fu sempre presente. Sì, la vocazione dei figli ha senz'altro riscaldato il vostro cuore, il pensiero di Dio e dei figli che avete sempre avuto, ora è ripagato da lui e da loro col più cordiale ricordo. Essi e tutti vedono in voi un caro esempio. Voi siete cittadini del Cielo, noi ancora della terra; noi vi ricordiamo, voi assisteteci. CONGEDO In occasione delle nozze d'oro dei coniugi Bernardini, L'11 maggio 1963, Papà Sergio confessava ai suoi figli radunatisi attorno ai genitori: Voi non sapete, quante notti vostra madre abbia passato in pianto per la vostra lontananza!. Ogni volta che si ripeteva il distacco per la partenza dei figli missionari, il dolore era sempre uguale, come se fosse sempre la prima volta che si salutavano, come se fosse sempre l'ultima volta che si vedevano. Allora Mamma Domenica non trovava altro maggior conforto che alzare le mani al cielo e ripetere la frase diventatale abituale: Sia fatta la tua volontà, Signore. Nello sforzo di comprimere il pianto soggiungeva: Bisogna pur farla questa 5

8 volontà di Dio e guardava lungamente, immobile, la direzione dalla quale i figli s'erano allontanati. Quanto amore, quanto dolore, quanti desideri e quante preghiere! Di Dio aveva bisogno, per trovare forza, aiuto e conforto; aveva la soddisfazione di sapere che in Dio si riunivano tutti. Ormai i vecchi genitori vivevano di ricordi, erano nella terra come sentinelle: ora salutavano chi arrivava, ora salutavano chi partiva: un continuo congedo. Pensavano alle case abitate, costruite, al mulino, ai campi che furono la loro palestra di virtù. La loro professione li tenne in rapporto speciale coi poveri del mondo rurale, ai loro tempi molto numerosi, legati alla loro montagna; la loro povertà fu sempre difesa da un grande ottimismo evangelico; praticarono la benevolenza verso tutti, l'amore incondizionato alla Chiesa e ai Sacerdoti. Le difficoltà non hanno mai avvilito Papà Sergio: uomo dai mille mestieri, trovava sempre il modo di portare fiducia e tranquillità in famiglia, soccorso fuori. Parlando della scarsità di Sacerdoti, soleva dire: ne siamo responsabili anche noi, lui che ogni anno vedeva un figlio partire per il convento, per ben 8 anni! Poi concludeva: bisogna pregare e aiutarli. Tutti gli anni si prestava, a Natale, per il presepio, a Pasqua per le celebrazioni della Settimana Santa, alle Quarant'ore, alle quali stava presente ininterrottamente, pregando, facendo il sagrestano; lavorando nella casa canonica conversando coi Sacerdoti. Soleva dire che era proprio indegno delle grazie ricevute, troppo lontano dalla perfezione dei figli, che era meglio stesse zitto, perché quasi quasi si vergognava. Anche Mamma Domenica quante volte m'ha detto che pregava continuamente per tutti i Sacerdoti! Essa dimostrava una grande stima e una grande cordialità per loro, anche se non parlava tanto. Mamma Domenica, ricordati del vincolo contratto con me, il tuo Parroco: lavori pure per la Chiesa, spenda pure per la 6

9 Chiesa, sia pure buono non ci rimetterà io non posso aiutarla come vorrei pregherò, perché lei non ci perda. Papà Sergio e Mamma Domenica, ottenetemi che non perda nulla della bellezza del mio sacerdozio insieme ai vostri figli; nessuna delle anime che mi avvicinano. NOTA Tutti coloro che possono avere qualche interesse o desiderio, a scopo di bene, di interessarsi dei coniugi Bernardini o dei figli sparsi in tanti campi di lavoro e tanto lontani, sono pregati di rivolgersi al Parroco di Verica. Egli se ne occupa unicamente per una testimonianza di fede, di bontà, di vita cristiana vissuta nella semplicità e normalità di una famiglia benedetta da Dio. Faranno del bene le testimonianze raccolte? Saranno uno stimolo e una voce continui per i figli che lavorano in tanti lidi? Sarà l adempimento di un dovere del Parroco di Verica? E' quanto ci si augura e si spera. Responsabile: Don Elvio Bonacorsi Parroco di VERICA (Modena) Verica, 31 agosto

10 Sergio Bernardini e Domenica Bedonni - Terziari francescani - IDDIO CI HA TANTO BENEDETTI: non Lo ringrazieremo mai abbastanza! (mamma Domenica) 8

11 DAL RICORDINO DI SERGIO BERNARDINI Non mi è mai venuta meno la fiducia nella Provvidenza, anche quando i figli e le difficoltà aumentavano. Signore vi ringrazio dei doni che riceviamo tutti i giorni, ed anche delle tribolazioni e dell'aiuto per vincerle tutte con pazienza. In pace col prossimo e con la coscienza: mi sento il più signore della montagna -Non ho ricchezze, ma ho la fede. La croce è medicina per moderare la nostra superbia: guai se non ci fosse. Usate molta carità e fate del bene ai poveri, ai bisognosi di spirito, ai giovani, ai piccoli: questo è il ricordo del vostro papà. (da sue lettere ai figli neo sacerdoti). Per me la preghiera più bella è la carità. Non ricordo di aver nominato invano il nome di Dio e della Beata Vergine: questo per una ispirazione santa. Io non li spingo, ma se vogliono andare non lo impedisco perché è una via buona. A noi penserà il Signore. (dei figli che s'incamminavano per la vita religiosa). Se voi andate volentieri, noi diremo al Signore: Sia fatta la vostra volontà così come lo dicemmo quando vi demmo il consenso di consacrarvi a Lui. Se il Signore vorrà ci rivedremo ancora. Se poi Lui ci chiama a CASA ci incontreremo lassù. Sono contento che andiate a fare del bene. Se potessi verrei anch'io. Il Signore vi benedica sempre. (alle figlie partenti per le Missioni). 9

12 10 PAPA SERGIO Erano le ore tre del 12 ottobre Quell'insolito Magnificat, recitato così, d'impulso, con gioia nel lutto, dai figli con la mamma, accompagnò il grande Genitore nel suo incontro con Dio. Gloria a Dio nel più alto dei cieli: Sia fatta la tua volontà. Mia diletta e cara figlia, come sai già dal telegramma, il tuo caro e tanto buono papà è andato in Paradiso. Come sai pure che è stato ammalato due anni, ma ha sopportato con tanta pazienza e non si lamentava mai. Ha fatto una morte santa. Avevo tanto pregato che la Madonna venisse a prenderlo Lei e quando ha riaperto gli occhi, rivolti in alto, d'improvviso, con un gioioso Oh! di grande sorpresa poco prima di spirare, mi sono sentita esaudita. Così pure avevo desiderato che il funerale di Sergio fosse occasione di tanto bene in parrocchia, e così è stato, come disse 1'arciprete ch è è stato più che una Missione. Il Signore mi ha dato tanta forza. Con tutte queste belle grazie, facciamoci coraggio e preghiamo assieme, anche se pensiamo che davvero non ne abbia bisogno; che ci assista dal Cielo, come ha detto che ci aiuterà tanto (a Sr. Agata, in Australia). Basta ti manifesti la mia gioia, il mio orgoglio personale d'essere stato io, suo ultimo figlio a impartigli 1'ultima assoluzione generale, a recitare le preghiere per gli agonizzanti, a raccoglierne l'ultimo respiro, a chiudergli gli occhi e in fine, celebrare subito la prima Messa di suffragio qui nella nostra cappellina, durante la quale ho avuto la viva sensazione che il babbo, con quella, era entrato nella gloria.

13 Lo sentiamo tanto presente che nessuno di noi ha l'aspetto triste. Non ci sentiamo orfani del babbo, ma dei protetti dal suo spirito. Tornerò presto in Turchia, ma più sereno, perché il papà è in cielo. Dio sia proprio benedetto. (Padre Germano a Sr. Agata, in Australia) la glorificazione avuta in questi giorni e il suo passaggio presso Dio è un mistero arcano svelato ai nostri occhi, direi sensibilmente. Tutto è chiaro, visibile, sensibile, realmente e beatamente vissuto per noi in questi giorni: abbiamo il Cielo vicino, lo viviamo con papà nella gloria. non dico altro: guasterei l'incanto di queste ore sacre; Godiamo insieme il nostro Dio con papà che ci chiama nella gloria. Amen. A11eluia. (Sr. T.M. a Sr. Agata) Sì, anche a me, come a tutti, compresa la mamma, è successo di provare una profonda pace interiore, dopo la morte di papà tanto che suggerii di recitare il Magnificat appena spirato (Sr. Raffaella a Sr. Agata) Papà ci ha uniti particolarmente e già ci sorride compiaciuto e beato. Possiamo dubitare che sia in paradiso? La sua vita, la sua purificazione, la sua fine, sono un capolavoro che solo Dio può premiare. Fosse anche nostra la grazia di viaggiare e di partire così! I suoi funerali? Il trionfo e l'esaltazione dell'uomo umile e giusto; il passaggio di un santo. (P. Sebastiano a Sr. Agata) Il nostro cuore esulta di gioia e di santa predilezione per essere figli e membri della nostra benedetta famiglia non ti so esprimere la gratitudine che ognuno serba in cuore per tanti doni. Papà è un santo Chiediamo la grazia di essere degni di lui. (Sr. Augusta a Sr. M. Amalia) Ha lasciato in noi tanta serenità e pace, quasi gioia interiore con invidia di non essere noi al suo posto. Era bellissimo! 11

14 Siamo sereni. Abbiamo in Cielo papà che spesso ripeteva: Di lassù! Per tutti! Per tutti!. (Sr. Augusta a Sr. Agata) Il dolore è grande, ma ancora maggiore il conforto pensando alla sua santa vita. (Maria a Sr. Agata). Abbiamo pensato tanto a voi due lontane. Una vostra foto è rimasta sempre e anche nella tomba, sul cuore di papà. Un trionfo non un funerale. Siamo davvero orgogliosi di tanto papà. Tutti ci invidiano. C'è solo da non farlo sfigurare, ma imitarlo. (Paola a Sr. M. Amalia) E' passato sulla terra come un'ombra di Dio. Umile e ignorato, ha portato seco un tesoro nascosto di grazia e di bontà, facendo il bene senza strepito, quasi senza accorgersene, nonostante la sua marcata personalità. Per questo molti gli hanno voluto bene e lo ricordano in benedizione. (Sr. Igina a Sr. M. Amalia) (Di ritorno dal funerale, raccolti nella cappellina di famiglia, come nel Cenacolo, Mamma Domenica così ai figli): Sapete, noi dobbiamo proprio essere più buoni. Io per prima devo convertirmi perché sono quella che ne ha più bisogno. Temo che la gente ci stimi più di quel che meritiamo, e questo mi fa paura. Non dobbiamo offendere con la nostra condotta la santa memoria del babbo. Lui sì, dobbiamo dirlo, era veramente buono! Io lo conosco e l'ho conosciuto: era santo! Per essere come lui cercheremo di migliorare, e così in Paradiso sarà contento. Devo dirvi che me lo sento così vicino e mi viene da invocarlo con tale fiducia, da sembrarmi divenuto il mio santo protettore particolare. Gli affido tutto, e mai invano. Più che mai ringrazio il Signore d'avermi dato un babbo santo. Questo senso di pace profonda, non è forse perché siamo adesso più da vicino cittadini del cielo? Senza dubbio. E sapete? Non mi stupirei di saperlo incorrotto. (Sr. Agata da Sydney) 12

15 Da quel momento ho sentito e sento tanta pace, quasi gioia. Mi sento felice, sollevata; provo gli stessi sentimenti e quel benessere spirituale che si sente dopo un corso di esercizi ben fatti. Il solo pensarlo mi rende felice. E mamma? Che anima di Dio pure lei!. (Sr. M. Amalia da Messico) Accettate la mia profonda condoglianza per la scomparsa del nostro carissimo babbo; però sento di potermi piuttosto congratulare con voi. Non è una grazia essere figli di un padre così santo? E che privilegio per me! Sono certo che già intercede per noi, come ce ne ha già dato prove. Diceva stasera una signora che il funerale sembrava una festa. Di fatto doveva essere così. Perché l'unica ambizione dei santi non è quella di andare con il loro Signore? Voi ne siete la testimonianza vivente. Uniamoci dunque nella preghiera che Dio ci conceda di rivederlo in Cielo. (D. Felix Ade Job - Nigeria) E fu un accorrere di sacerdoti, molti Cappuccini, e tanto popolo. Andiamo al funerale di un santo!. Le lettere e i telegrammi - numerosissimi - giunti alla famiglia, scrive P. Gherardo, parlano tutti lo stesso linguaggio di lode e di ammirazione: incomparabile padre; esempio perfetto; cristiano esemplare; terziario autentico, veramente buono, un santo padre di famiglia : queste e altre le espressioni più frequenti. Molti parlano già di SERGIO BERNARDINI come di un'anima singolare e santa, da invocare quale intercessore presso Dio. Stralciamo qualche frase, fra le tante: Ne conservo il ricordo e gli esempi edificantissimi e mi viene spontaneo raccomandarmi alla sua intercessione. Pensando a un tanto padre viene più da glorificare Dio che da addolorarsi. Sinceramente sono tentata di recitare il Magnificat!. Permettetemi di inginocchiarmi vicino al vostro papà per pregarlo di intercedere grazie e favori dal Signore. Ora dal cielo vi guarda e voi con animo grato potete invocarlo con le belle parole: Padre nostro che sei nei cieli!. 13

16 Mi sono presto rallegrato sentendo, con certezza, che abbiamo un protettore in cielo. Queste ultime parole sono di un noto Cappuccino, che scrive da Roma; e così continua: Vita di cristiano e di terziario autentico e non comune era la sua. Giustamente di lui si dovrà parlare e scrivere molto da chi l'ha conosciuto e ammirato profondamente, perché è giusto che si tolga di sotto al moggio la lucerna che fu sì colma dell'olio della divina Grazia. Sergio Bernardini è certamente un'autentica testimonianza cristiana nel mondo dei lavoratori e degli umili, che non può ne deve rimanere nascosta, soprattutto nel clima postconciliare in cui viviamo, e che giustamente invita a mettere in luce la virtù esemplare dei laici. (P. Bonaventura Romani, da Pavullo) Noi della famiglia e provincia Francescana sia studenti che sacerdoti, abbiamo ognuno ricevuto dal sig. Sergio: gli siamo debitori. Ognuno accanto a lui, a casa sua, si sentiva da lui amato sollevato compreso, e ci sentivamo piccoli di fronte alla sua vitalità interiore ci sembrava che la superiorità della sua virtù e la integrità della sua vita cristiana gli desse un titolo di paternità universale, per il quale ci sentivamo tutti un po' figli quasi dei protetti dalla sua giustizia, quasi dei benedetti dalla sua integrità, quasi dei sicuri per la sua fedeltà a Dio (Dalla commemorazione del P. Guglielmo, Prov.) In un articolo intitolato: Un nuovo Martin si legge: Personalmente, la figura di Sergio Bernardini mi ricorda quella di Luigi Martin, il padre di S. Teresa del B.G.: una vita eroicamente cristiana; una numerosa famiglia, gran parte dei figli offerti a Dio L'ultimo viaggio di chi ha modellato tutta la sua vita su le evangeliche verità, non può non essere stato un trionfo. E noi, come tale, lo abbiamo vissuto. 14

17 Ricordo con venerazione Sergio Bernardini, terziario francescano, per la sua umiltà e amore a Dio e agli uomini tutti. Umile: nei colloqui avuti con lui non ho mai sentito una parola che ridondasse in sua lode. Tutto quello che faceva era niente; eppure, chi può elencare i sacrifici compiuti per la sua numerosa e degna famiglia? Sempre contento e fiducioso nella divina Provvidenza. Le sue parole erano sempre di lode e ringraziamento al buon Dio per quello che riceveva. Amore a Dio: amava Dio non solo nell'accettazione serena di quanto accadeva a lui e intorno a lui ma anche, e vorrei dire specialmente, nell'osservanza filiale della sua Legge. Ho detto filiale osservanza, perché in Bernardini Sergio non c'era tradizionalismo o formalismo nel compiere i suoi doveri cristiani, ma una profonda convinzione. Se non perdeva mai la S. Messa, se si accostava frequentemente alla Confessione e alla Comunione lo faceva perché era convinto che l'uomo deve vivere unito a Dio per essere all'altezza della sua vocazione di creatura intelligente e libera. Amore agli uomini: mi ha sempre colpito in Sergio la sua premura per chi aveva bisogno, e precisamente con l'aiuto materiale; era povero, aveva una famiglia numerosa, ma nessuno che si presentasse a lui era rimandato a mani vuote, che anzi quando conosceva casi bisognosi non aspettava di essere richiesto, ma subito mandava il suo aiuto; pane, indumenti, quello che aveva. Nel suo amore agli uomini praticava anche (in molti modi) le opere di misericordia spirituale ma era talmente umile che non vedeva negli altri che persone migliori e quindi li ascoltava volentieri, consigliava se richiesto e specialmente pregava per tutti. Quanto ci sarebbe da dire di Bernardini Sergio! Sarò felice di poter contribuire a illuminare sempre più la preziosa perla di papà Sergio. (P. Ugolino da Neviano) 15

18 Oh, il nostro grande Mosè esclamò l'arcivescovo mons. Amici, muovendogli incontro e abbracciandolo, (in occasione delle nozze d oro). A molti la sua personalità sia nel contegno esterno pieno di saggezza e di bontà, come il riflesso del suo spirito di fede, di preghiera, di culto alla volontà di Dio richiamava spontaneamente la figura tipica dei grandi Patriarchi. Per il buon Mosé - scrive di lui il parroco di S. Lazzaro (Modena) che tanto amò - Dio era sempre al primo posto. Tutto rimetteva nelle sue mani e la preghiera era un colloquio semplice col Padre celeste. Non ha invidiato la ricchezza ( io sono il più signore della montagna! diceva scherzosamente, alludendo appunto al suo pieno distacco su questo punto e alla libertà di spirito che godeva). Non si è considerato superiore a nessuno: la famiglia per lui era una risposta al volere santo di Dio. Amava i suoi monti; spaziava sereno con la sua bontà su tutto il globo dove erano i suoi figli e figlie missionari. Accettava un po' riluttante ma senza scomporsi gli attestati di stima e ammirazione dei conoscenti e dei figli che veramente l'hanno circondato di premura profondamente filiale e di venerazione riconoscente. lo l'ho avvicinato a Verica, a Modena, in mezzo agli uomini di A.C., in chiesa, nella celebrazione del 50 di matrimonio: l'ho sentito parlare della sua vita di sacrifici e di lavoro, dei ricordi di persone e avvenimenti, della vocazione dei figli ecc. e ho sempre concluso: Così è il vero uomo di Dio! Papà Mosè è stato per me ed anche per altri superiori a me un maestro. Sarà una gioia rivederlo in Cielo!. (D. Eligio Silvestri) Eccolo Sergio Bernardini come lo conservo inciso a caratteri indelebili nella mia memoria: l uomo giusto, plasmato da una ricca e vissuta esperienza di fede. L abbandono fiducioso e sicuro nelle mani misericordiose e nelle vie misteriose della Provvidenza ne segnavano di sicurezza e di serenità il bel volto dai lineamenti forti e scultorei. Una pietà semplice e profonda, una integrità di 16

19 vita sostenuta da coerenza adamantina alle esigenze di una coscienza cristallina; un atteggiamento ieratico che ne faceva un maestro inconsapevole, ma sentenzioso ed in possesso della vera sapienza cristiana. Dobbiamo davvero riconoscere che lo Spirito di Dio spira dove vuole, e soprattutto, dove trova disponibilità e prontezza d'animo: tutti i Cappuccini che ebbero la grazia di conoscere il signor Sergio, lo hanno sempre stimato e venerato come un esempio, come un Maestro, come un Padre. Qualcosa Dio gli aveva davvero donato della Sua soprannaturale paternità verso tutti! Ecco perché anche ai suoi funerali i Cappuccini dell'emilia, nonostante gli assillanti impegni del momento, parteciparono numerosi: ci sentivamo un po' tutti suoi figli, e ci pareva che con lui scomparisse la persona più cara e più sacra ai nostri affetti. (Padre Guglielmo da Corlo, Provinciale) Il suo funerale - attesta l'arciprete di Verica - fu efficace quanto una missione: la gente era commossa alla vista del trapassato, circondato dalla sua famiglia di religiosi; i numerosi sacerdoti non terminarono di udire tutte le confessioni; mancarono le ostie per le molte Comunioni Fu tutta una preghiera serena e devota, una liturgia palpitante di vita e di speranza. (D. Elvio Bonacorsi) In camposanto riposa accanto all'arciprete D. Michele Montanari che lo conobbe e stimò per trent'anni. Quello era il suo posto, commentava un noto padre Cappuccino, lì, pare ancora a servizio della Chiesa, da lui tanto amata e venerata. Per me è stato una vera luce di verità. Non so esprimere quanto abbia lasciato di ricordi buoni nella nostra famiglia; ricorderò sempre i suoi buoni esempi e io confido in Lui. Vado spesso al cimitero e mi sembra di parlare veramente con lui, gli chiedo forza e coraggio come aveva lui, e sono persuasa che egli si trova nella gloria dei santi del Cielo. (Mina Bedonni) 17

20 Papà Sergio, Non mi sento di dire le solite parole di condoglianze, perché è solo andato a casa. Ebbi la gioia e la grazia di essere accolta in quel meraviglioso CENACOLO; non lo dimenticherò mai. Il funerale fu un vero trionfo, una festa. Anche lacrime sì, ma di quelle che fanno bene che lavano piano piano l'anima e fanno vedere sotto sotto come siamo e danno desiderio di buoni propositi. (Ines Morsiani) Gli siamo obbligati; solo il vederlo in chiesa a pregare, dava serenità e pace all'anima. (Sig.ra Monticelli) F.C., noto personaggio verichese non credente e non praticante era presente al funerale. Come mai?... proprio lei... Risposta:...Quando muoiono i giusti non si può mancare. Era un uomo, che quando lo incontravo o solo lo vedevo, mi faceva pensare che forse ero io a sbagliare. Nessuno più di lui, che non predicava ma praticava, ha turbato le mie certezze. Moltissime altre testimonianze corredate da episodi dimostrano come la vita di Sergio Bernardini è cosparsa di una copiosa fioritura di autentici fioretti che ci auguriamo di poter leggere un giorno. 18

21 LA GRANDE PROVA Chi non lo conobbe da vicino, a questo punto potrà domandarsi: che ci fu dunque di speciale nella vita di quest'uomo? Perché tanta ammirazione generale e profonda? -Ciò che più convince riguardo le virtù di quest'anima umile ed eccezionale è la sua condotta profondamente cristiana in tutta la vita e specialmente nelle grandi prove. Una fede incrollabile che giunge a lodare Dio nella sventura, non ha dell'eroico? Il suo pieno abbandono in Dio, il suo raro spirito di distacco dalle cose terrene e da qualsiasi ombra di vanità, è una prova eloquente dell'alto grado di speranza cristiana che si rifletteva anche sul volto sereno, illuminato da un abituale tenue sorriso e rivelava la pace dell'uomo giusto. E come tradurre a parole quel suo schietto amor di Dio, pratico e contemplativo insieme, che si andò affinando nonostante tutto, sino all'unione abituale con Dio? Magnanimo nel perdono, di fronte a numerose ingiustizie e ingratitudini persistenti: Da molti anni non ho più pensieri contrari alla carità: mi viene spontaneo scusare: non sappiamo come la pensano dentro di loro gli altri. Per me la preghiera più bella è la carità!. Sì, questa espressione tutta sua, può darci un'idea della statura morale e spirituale di questo gigante nella virtù vissuta. Ma la prova culminante e suprema con cui Dio volle purificarlo come l'oro nel crogiolo, fu quella penosissima degli scrupoli. Due lunghi anni di autentica tortura dello spirito. Lui, l'uomo di Dio, fedelissimo, ora teme di essergli nemico; teme di aver sbagliato tutto; è convinto di essere lui a provocare i castighi di Dio; è convinto che Dio lo dovrà punire con l'inferno 19

22 e, in una suprema adesione alla misteriosa volontà divina, vi si sottomette con rassegnazione: Lui è il Padrone e sa quel che si fa,è giusto così!. Non si lamenta, e dice: servirà a voi. Sa che Dio è buono; sa che Dio lo ama ma lui, l'innamorato dell'eucarestia; lui, il fiducioso orante della Vergine; lui, l'uomo di fede, che ha creduto, che ha sperato sempre, nonostante tutto; lui, Sergio Bernardini, non spera, non ama, non vede, è nel buio e teme! -Papà, il Signore è buono; il Signore vi vuol bene: Voi non gli volete più bene? Lo so, lo so che Dio è buono! Ma io! Magari potessi volergli bene!. E' la notte dello spirito. Iddio lo prova con lungo, indicibile martirio. Moglie e figli con amore, cercano di tranquillizzarlo; ma, quella, per lui, è la voce del sangue; non lo convince. Soltanto la parola del sacerdote gli riesce ancora di conforto. Finche l'agonia dello spirito raggiunge l'estremo apice dell'olocausto. Ma sì, ma sì: mi dicono così perché loro sono buoni. Ma loro non sanno!. E resta solo, solo sul calvario; solo con il suo tormento; senza conforto! Il grande Mosè è annientato! Il novello Martin è offuscato. La quercia annosa che non teme la bufera, è sradicata. Egli è purificato! Pronto all'incontro con Dio! Mamma Domenica scriverà alle figlie io pregavo il Signore perché riacquistasse la tranquillità dello spirito e fosse pienamente cosciente, perché meritorio fosse il suo soffrire. E così è stato. Quanto è buono il Signore! Negli ultimi tempi gli erano passati quegli scrupoli e riceveva la S. Comunione. Pregavamo assieme e tanto volentieri ripeteva l'invocazione: Vergine Maria, Madre di Dio, fateci santi. E proprio con questa invocazione, in questo anelito, ha reso lo spirito. Ha fatto una buona morte, direi da santo. Alla fine ha 20

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Preghiere a Maria. - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo.

Preghiere a Maria. - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo. Preghiere a Maria - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo. - Santa Maria intercedi per noi, tu sai grazie! Cuore immacolato di Maria rifugio delle anime. - Cara Mamma aiutami

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Orazioni in suffragio

Orazioni in suffragio Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio SHALOM Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio «Pietà di me, o Dio, secondo la tua misericordia: nel tuo grande amore cancella il mio peccato».

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO CENACOLO DELLE MADRI 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO Dicembre è il mese del compleanno di Gesù: sembra che anche molti cristiani se lo

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

3. Rito della benedizione senza la Messa

3. Rito della benedizione senza la Messa 3. Rito della benedizione senza la Messa INIZIO 500. Quando la comunità è già riunita, si può cantare il Salmo 33 (34) o eseguire un altro canto adatto. Terminato il canto, tutti si fanno il segno della

Dettagli

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino?

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino? RITI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI E I PADRINI Celebrante: Genitori:... Che nome date al vostro bambino? Celebrante: Per... che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Genitori: Il Battesimo. Celebrante:

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Doc. 11 di Don Salvatore Conte

Doc. 11 di Don Salvatore Conte Doc. 11 LETTERE A NUCCIA di Don Salvatore Conte Taranto 19 / 12 / 1969 ho ricevuto la tua gradita lettera e ti ringrazio del ricordo e delle preghiere. Anche io sento il disagio della lontananza che mi

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI

7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI Ricordami Sempre 7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI FORMATI 9 x 13 cm APERTO 9 x 13 cm CHIUSO FORMATI FORMATI 10 x 15 cm APERTO FORMATI 10 x 15 cm CHIUSO ARTE 001_AR 002_AR 003_AR ARTE 004_AR ARTE

Dettagli

Consolatevi con me voi tutti che mi eravate tanto cari. Io lascio un mondo di dolori per un Regno di Pace. Nel Trigesimo

Consolatevi con me voi tutti che mi eravate tanto cari. Io lascio un mondo di dolori per un Regno di Pace. Nel Trigesimo Non piangete la mia assenza: sono beato in Dio e prego per voi. Io vi amerò dal Cielo come vi ho amati sulla terra. Consolatevi con me voi tutti che mi eravate tanto cari. Io lascio un mondo di dolori

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

IN CARCERE MA LIBERI!

IN CARCERE MA LIBERI! PATRIZIO ASTORRI GENNARO CAROTENUTO TULLIO MENGON SILVANO SPAGNUOLO LORENZO ZOCCA IN CARCERE MA LIBERI! Terza edizione Chirico INDICE Presentazione del Cardinale Michele Giordano XI Lettera del cappellano

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA C O M U N I T A E C C L E S I A L E D I S A N C A T A L D O ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA PREGHIERA PER IL SINODO SULLA FAMIGLIA IN COMUNIONE CON IL SANTO PADRE FRANCESCO E LA CHIESA SPARSA NEL MONDO San

Dettagli

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI 1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI Gesù disse ai suoi discepoli: Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè,

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità IN PREGHIERA PER TUTTE LE FAMIGLIE NELLA FESTA DELLA SANTA

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Parrocchia S.Maria della Clemenza e S. Bernardo COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Si consiglia una lettura graduale, riflettendo su una o due domande

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il brano evangelico di oggi ci offre il ritratto di ogni famiglia nelle sue componenti

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

MADONNA DELLA SALUTE

MADONNA DELLA SALUTE 1 MADONNA DELLA SALUTE SI FESTEGGIA IL 21 NOVEMBRE 1- Vergine santissima, che sei venerata con il dolce titolo di Madonna della salute, perché in ogni tempo hai lenito le umane infermità: ti prego di ottenere

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Regina; O Maria concepita senza peccato, prega per noi che ricorriamo a te!

Regina; O Maria concepita senza peccato, prega per noi che ricorriamo a te! NOVENA ALLA MEDAGLIA MIRACOLOSA Iniziare la novena giornaliera con : 1 Segno della croce 2 Atto di contrizione : Mio buon Gesù che per me sei morto sulla croce,abbi pietà di me,perdona i miei peccati e

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE. Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua

CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE. Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE RITI DI INTRODUZIONE S - Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. A - Amen. S - La Grazia e

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

EUCARESTIA E SANTA MESSA

EUCARESTIA E SANTA MESSA EUCARESTIA E SANTA MESSA Cari figli, Gesù, così come è nei Cieli, è anche qui sulla Terra, presente nell Eucarestia. Gesù è presente nell Eucarestia per fortificare lo spirito di ognuno di voi. Rendete

Dettagli

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI INTRODUZIONE La preghiera non è solo elevazione dell anima a Dio ma è anche relazione

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO PREGHIERA PER LA CANONIZZAZIONE Signore Gesù, che per riscattarci hai voluto incarnarti a Nàzaret, nascere a Betlemme e morire a Gerusalemme, degnati di ricordarti che la

Dettagli

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa 28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa Nata a Firenze nel 1401, fu sposa in età giovanissima e madre di un figlio divenuto successivamente anch esso frate e santo: il beato Giovanni Battista.

Dettagli

ENTRATA (PRELUDIO) INNO DI ENTRATA. SALUTO Pastore: Il Signore sia con voi! Comunità: E con il tuo spirito! oppure: E il Signore sia anche con te!

ENTRATA (PRELUDIO) INNO DI ENTRATA. SALUTO Pastore: Il Signore sia con voi! Comunità: E con il tuo spirito! oppure: E il Signore sia anche con te! Liturgia per matrimonio Versione abbreviata della liturgia di matrimonio della Chiesa luterana danese, autorizzata con risoluzione regale del 12 giugno 1992 ENTRATA (PRELUDIO) DI ENTRATA SALUTO Pastore:

Dettagli

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA.

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA. PREPARAZIONE ALLA PRIMA COMUNIONE LA SANTA MESSA ANNO CATECHISTICO 2008/09 NOME E COGNOME 1 DOMENICA: perché? Tutti i popoli hanno dei giorni di festa. Il popolo ebraico, a cui apparteneva Gesù, aveva

Dettagli

N. e N. 40 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 40 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 40 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

Frasi Immacolata Concezione

Frasi Immacolata Concezione Frasi Immacolata Concezione Oggi la città si riempie di luci e colori; è un trionfo di bagliori, nell aria c è già il profumo di festa e la voglia di donare un sorriso, un abbraccio e un augurio di una

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

Anno Internazionale del Fanciullo

Anno Internazionale del Fanciullo Anno Internazionale del Fanciullo COMUNICATO DEL CONSIGLIO PERMANENTE In occasione dell'anno internazionale del fanciullo, sono molte le iniziative che si prendono da ogni parte anche nel nostro paese.

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 I. RADUNO Inno processionale Coloro che guidano la celebrazione entrano e possono portare una Bibbia, una candela e del sale Indirizzo

Dettagli

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE Cos è la fede? FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO EBREI 11:1 che si sperano SPERANZA: Aspettazione fiduciosa di qualcosa in cui

Dettagli

INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI

INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI Giornata di preghiera per il Bicentenario della Diocesi 1816-2016 Giubileo della Misericordia Domenica 25 ottobre 2015 PREMESSA In vista dell apertura del Bicentenario della

Dettagli

La Santa Sede FESTA DELLE FAMIGLIE E VEGLIA DI PREGHIERA DISCORSO DEL SANTO PADRE. B. Franklin Parkway, Philadelphia Sabato, 26 settembre 2015

La Santa Sede FESTA DELLE FAMIGLIE E VEGLIA DI PREGHIERA DISCORSO DEL SANTO PADRE. B. Franklin Parkway, Philadelphia Sabato, 26 settembre 2015 La Santa Sede VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE FRANCESCO A CUBA, NEGLI STATI UNITI D'AMERICA E VISITA ALLA SEDE DELL'ORGANIZZAZIONE DELLE NAZIONI UNITE (19-28 SETTEMBRE 2015) FESTA DELLE FAMIGLIE E VEGLIA

Dettagli

Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015

Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015 Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015 Cari confratelli, cari fratelli e sorelle nel Signore, volgiamo lo sguardo alla Parola dell Apocalisse di Giovanni: Colui (Gesù) che ci ama e ci ha liberati dai nostri

Dettagli

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr.

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr. I Quaresima B Padre buono, ti ringraziamo per aver nuovamente condotto la tua Chiesa nel deserto di questa Quaresima: donale di poterla vivere come un tempo privilegiato di conversione e di incontro con

Dettagli

preghiere Associazione Ragazzi del Cielo guardando di la

preghiere Associazione Ragazzi del Cielo guardando di la preghiere Associazione Ragazzi del Cielo Ragazzi della Terra 1 guardando di la Madre di tutte le madri Vergine Maria, madre di tutti i figli, madre di tutte le madri e di tutti i padri. Noi, famiglie dei

Dettagli

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA A R C I D I O C E S I D I U D I N E Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA CRISTO NOSTRA SPERANZA (1 Tm 1,1) Anno Pastorale

Dettagli

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa Parrocchia Santi Pietro e Paolo Venite alla festa Questo libretto e di: Foto di gruppo 2 Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Occhi: se i miei occhi sono attenti, possono cogliere i gesti

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

Insieme verso Gesù. Parrocchia di San Pietro

Insieme verso Gesù. Parrocchia di San Pietro Parrocchia di San Pietro Carissimo, carissima, questo messalino ti accompagnerà lungo queste domeniche durante le quali cercheremo di capire più a fondo il significato della Messa e delle sue varie parti.

Dettagli

COME OTTENERE LE GRAZIE DALLA MADONNA DI MEDJUGORJE a cura di Antonio Norrito per la Nuova Devozione Popolare

COME OTTENERE LE GRAZIE DALLA MADONNA DI MEDJUGORJE a cura di Antonio Norrito per la Nuova Devozione Popolare COME OTTENERE LE GRAZIE DALLA MADONNA DI MEDJUGORJE a cura di Antonio Norrito per la Nuova Devozione Popolare Attraverso questa rassegna di messaggi in ordine cronologico si potrà scoprire il cammino di

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

Preghiera per la beatificazione della Venerabile Serva di Dio. ISABELLA de ROSIS Fondatrice delle Suore Riparatrici del S. Cuore

Preghiera per la beatificazione della Venerabile Serva di Dio. ISABELLA de ROSIS Fondatrice delle Suore Riparatrici del S. Cuore Cenni Biografici Madre Isabella de Rosis appartiene a quella schiera di anime elette, che, nel secolo scorso, mentre si diffondevano tante teorie contrarie alla fede, diedero vita a non pochi Istituti

Dettagli

-------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia

-------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== IMMACOLATA CONCEZIONE DELLA BEATA VERGINE MARIA

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che inizia la processione all altare)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che inizia la processione all altare) ore 18.00 7.30-11.30 (prime comunioni) (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che inizia la processione all altare) Celebriamo la Messa vigiliare della quarta domenica di Pasqua. È così grande

Dettagli

CASA ESERCIZI SPIRITUALI CASA PADRE LUIGI SUORE DELLA PROVVIDENZA VIA MOIMACCO 21, ORZANO DI REMANZACCO (UD)

CASA ESERCIZI SPIRITUALI CASA PADRE LUIGI SUORE DELLA PROVVIDENZA VIA MOIMACCO 21, ORZANO DI REMANZACCO (UD) ARCIDIOCESI DI UDINE UFFICIO DIOCESANO PER LA PASTORALE DELLA FAMIGLIA La coppia cristiana: segno di speranza pomeriiggiio dii spiiriitualliità famiilliiare domenica 27 aprile 2014 CASA ESERCIZI SPIRITUALI

Dettagli

Li inviò a due a due

Li inviò a due a due FEBBRAIO 2015 Adorazione eucaristica dell Istituto Santa Famiglia Li inviò a due a due Proseguiamo la riflessione e preghiera sulla Chiesa in uscita missionaria a partire questa volta dalle indicazioni

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE

CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE RITI DI INTRODUZIONE DELLA CHIESA STAZIONALE 1. Quando il popolo si è riunito nella Chiesa stazionale il Vescovo saluta la comunità: Nel nome del Padre e del

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

Novena alla Regina della Pace si recita dal 15 al 23 giugno o per nove giorni consecutivi, in ogni momento di necessità

Novena alla Regina della Pace si recita dal 15 al 23 giugno o per nove giorni consecutivi, in ogni momento di necessità Novena alla Regina della Pace si recita dal 15 al 23 giugno o per nove giorni consecutivi, in ogni momento di necessità PRIMO GIORNO Preghiamo per i veggenti Preghiera alla Regina della Pace Madre di Dio

Dettagli

NELL'ATTESA CI AFFIDIAMO AL SIGNORE

NELL'ATTESA CI AFFIDIAMO AL SIGNORE I A4 NELL'ATTESA CI AFFIDIAMO AL SIGNORE Preghiere per il tempo dell' attesa INNO ALLA VITA La vita è bellezza, ammirala. La vita è un opportunità, coglila. La vita è beatitudine, assaporala. La vita è

Dettagli

SANTO NATALE 2015 (Omelia all ospedale

SANTO NATALE 2015 (Omelia all ospedale SANTO NATALE 2015 (Omelia all ospedale) E nato per noi un bambino, un figlio ci è stato donato (antifona). Pochi giorni dopo l'apertura della porta Santa che ci ha visti accorrere numerosi per vivere la

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO

INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO I C1 INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO Per il celebrante e l'équipe battesimale Monizioni Accoglienza Siamo radunati sulla soglia della chiesa è un luogo altamente simbolico, poiché evoca l

Dettagli

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi 26 maggio SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi SOLENNITÀ Secondo attendibili testimonianze storiche, il 26 maggio 1432 in località Mazzolengo, vicino a Caravaggio, dove c era una

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia. GESU rimani sempre in mezzo a noi, Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di

Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia. GESU rimani sempre in mezzo a noi, Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia GESU rimani sempre in mezzo a noi, per aiutarci a volerci bene, come TU vuoi a tutti noi. Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di 12 Iniziamo

Dettagli

Ringraziamo per i 60 anni di matrimonio di

Ringraziamo per i 60 anni di matrimonio di 1 Ringraziamo per i 60 anni di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

Per il nostro incontro mensile ho riflettuto su alcune intuizioni che, nella preghiera, hanno preso corpo pensando a voi:

Per il nostro incontro mensile ho riflettuto su alcune intuizioni che, nella preghiera, hanno preso corpo pensando a voi: 1 Lettera di don Fausto alle GIOVANI COPPIE Carissimi amici, mi capita spesso di pensare a voi, di affidare al Signore qualche vostra confidenza, di condividere con voi la gioia e la fatica e questo mi

Dettagli

festa per la famiglia o famiglia per la festa?

festa per la famiglia o famiglia per la festa? Natale: festa per la famiglia o famiglia per la festa? Inserto N. 4 2010 Bè provo un po a spiegarmi: ogni anno mi viene un certo nervosino perchè mi sembra che tutti: la tv, internet, gli amici, le pubblicità

Dettagli