MOUNTAIN BIKE NEL GEMONESE 13 itinerari per 7 comuni. Artegna Bordano Forgaria nel Friuli Gemona del Friuli Montenars Trasaghis Venzone

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MOUNTAIN BIKE NEL GEMONESE 13 itinerari per 7 comuni. Artegna Bordano Forgaria nel Friuli Gemona del Friuli Montenars Trasaghis Venzone"

Transcript

1 MOUNTAIN BIKE NEL GEMONESE 13 itinerari per 7 comuni Artegna Bordano Forgaria nel Friuli Gemona del Friuli Montenars Trasaghis Venzone

2

3 presentazione Sentieri, mulattiere, strade percorrono la montagna friulana formando una fittissima rete viaria. Le laboriose popolazioni che l hanno abitata da secoli, dovendo sfruttare pascoli e boschi e collegare tra loro i numerosi e sparsi paesi, ci hanno lasciato questa particolare eredità. Un ulteriore arricchimento alla viabilità lo si deve alla realizzazione di numerose strade e mulattiere militari durante la prima grande guerra, attività poi proseguita a seguito dell importante posizione strategica delle Alpi orientali. Per sviluppare l economia montana attraverso un più razionale ed economico utilizzo di boschi e pascoli e poterli proteggere più efficacemente dagli incendi, le Comunità Montane hanno anch esse rafforzato le vie di collegamento. In questi ultimi anni la nostra Comunità ha in parte sistemato ma soprattutto costruito circa 150 km di piste forestali; queste nuove arterie della montagna sono così diventate un importante strumento per lo sviluppo del turismo sportivo: trekking, podismo, pesca, parapendio e, soprattutto, la mountain bike. Il territorio del Gemonese, collocato tra le Prealpi Giulie e Carniche divise dalla valle del Tagliamento, è caratterizzato da catene montuose con andamento est-ovest, generalmente poco innevate, con il versante sud ben esposto al sole e facilmente accessibile anche in inverno. I paesi sono collocati a non più di 350 m di quota e i monti raggiungono i duemila metri. La zona, ricca di acque e di boschi, mantiene intatto il fascino di un ambiente ancora integro che le amministrazioni locali intendono conservare. Questa pubblicazione vuole essere una proposta di fruizione intelligente del territorio rivolta agli sportivi-turisti che amano la natura e sono interessati a conservarla e rispettarla come un bene comune di grande importanza. Auguriamo loro di utilizzare la bike non solo sudando chilometri ma anche sapendo guardare i fiori, le piante, gli alberi, gli animali ed i paesaggi che questo ambiente offre con dovizia e grande discrezione. Flaviano Ermacora Presidente della Comunità Montana del Gemonese

4 2 introduzione agli itinerari Ipercorsi descritti in questa guida sono in gran parte sconosciuti al grande pubblico e presentano caratteristiche diverse per quanto riguarda il livello di difficoltà, il tempo di percorrenza e, non ultimi, gli ambienti che si vanno ad attraversare. Gli aspetti naturali e paesaggistici che qualificano il territorio del Gemonese hanno consentito di individuare 13 itinerari per mountain bike: ci si può immergere nei declivi boscosi dell altopiano del Corno, segnato da numerose carrarecce e stradine, oppure c è la possibilità di affrontare l impegnativo percorso che si snoda lungo la selvaggia e isolata Val Venzonassa; gli amanti delle salite potranno accedere al pianoro del S. Simeone o alla Malga Cuarnan sfiorandone le cime, da cui si possono godere splendidi panorami; per coloro che prediligono le pedalate in solitaria gli itinerari che risalgono il Torrente Palar e la Val Tugliezzo offrono l occasione per mettersi alla prova, affrontando salite a tratti ripide avvolti nel silenzio della natura; infine vengono proposti percorsi ideali per una facile sgambata in compagnia: l anello che costeggia il Tagliamento e il Lago di Cavazzo o il giro attorno al Monte Cumieli permettono al ciclista di effettuare quasi delle escursioni, con la possibilità di fare visita a luoghi e ad ambienti di notevole interesse. Le schede, esaurienti, contengono le caratteristiche tecniche e una breve descrizione di ogni percorso, inoltre la cartina topografica con lo sviluppo del tracciato ed il profilo altimetrico forniscono ulteriori informazioni al ciclista che così potrà scegliere senza difficoltà l itinerario di suo gradimento. Per quanto riguarda le caratteristiche tecniche, di ogni singolo itinerario si è inteso evidenziare la lunghezza, il dislivello, l altitudine massima raggiunta, il tempo di percorrenza, il grado di difficoltà e le caratteristiche del fondo stradale. I dati che riguardano il tempo di percorrenza si riferiscono al tempo totale impiegato dal ciclista medio per effettuare, senza soste, l itinerario. Il dislivello rappresenta l effettiva differenza altimetrica che il ciclista deve sostenere durante il percorso. Il fondo prevalente indica in percentuale la tipologia del fondo stradale in questione.

5 La difficoltà esprime il grado di preparazione necessaria per poter affrontare gli itinerari. Per questo si è proceduto ad una suddivisione del tipo di percorso secondo il seguente criterio: Molto impegnativo: rientrano in questa categoria percorsi caratterizzati da salite estremamente ripide (pendenza media superiore all 8-9%, tratti massimi rilevabili oltre il 10%) o itinerari particolarmente lunghi, per i quali si determinano ostacoli di portata tale da richiedere un adeguata preparazione atletica. Ad esempio, salite come quella del Monte S. Simeone o della Val Tugliezzo necessitano di un impegno costante, essendo caratterizzate da pendenze medie elevate. L itinerario della Val Venzonassa richiede invece particolare attenzione sia per quanto riguarda la difficoltà del percorso (presenta tratti di salita tagliagambe e discese pericolose, inoltre parte del tragitto risulta non ciclabile), sia per salvaguardare l incolumità del ciclista, non essendoci lungo il tracciato alcun punto di appoggio. È quindi consigliabile affrontare tale percorso in compagnia e portando con sé l equipaggiamento necessario in caso di emergenza. Impegnativo: vi sono rappresentati gli itinerari caratterizzati da tratti di salita o discesa decisamente ripidi che richiedono il possesso di qualità tecnico-atletiche da parte del ciclista. Medio: si tratta di itinerari adatti ai ciclisti di media preparazione; i maggiori problemi in questo caso riguardano brevi frazioni di salita impegnativa o tratti costanti di salita di media difficoltà (si può notare come la maggior parte dei percorsi descritti sia considerata di tale livello). Turistico: vi rientrano i percorsi ideali per il neofita, essendo di facile percorrenza. Sono caratterizzati dall assenza di dislivello, con un profilo altimetrico praticamente piatto. Poiché le rilevazioni dei singoli itinerari sono state effettuate nel periodo estate-autunno 1998, non si assicura che i dati relativi al fondo stradale e alla segnaletica siano immutati. Buona pedalata! 3 Andrea Palese

6 4 gli itinerari

7 5

8 6 itinerario 1 ARTEGNA-M. FAEIT-PLAZZARIS- ISOLA-ARTEGNA Sviluppo: 16,1 km Dislivello: 560 m Altitudine massima: 734 m (Monte Faeit) Tempo di percorrenza: 1 ora e 30 min. Difficoltà: medio Fondo prevalente: 51% asfalto, 49% sterrato

9 Dal piazzale del municipio di Artegna si sale a destra lungo la strada indicata dai cartelli che segnalano il Sentiero del Monte Faeit. Dopo 1 km, giunti ad una piazzola da cui prendono avvio vari sentieri, si prosegue diritti lungo la strada asfaltata che dopo 3,1 km complessivi diventa uno sterrato assai insidioso. Percorsi 4,7 km ha termine il tratto di strada più impegnativo, caratterizzato in alcuni punti da pendenze del 14%. In corrispondenza di un ampio spiazzo prativo si può risalire a destra la mulattiera che conduce alla cima del Monte Faeit (734 m; km 5), da cui si gode uno splendido panorama sulla piana di Osoppo e l Anfiteatro morenico. Ridisceso il tracciato, si prosegue lungo la strada da cui ci si era allontanati. Si avanza ora in falsopiano sulla dorsale prativa del Monte Campeon. Dopo 7,1 km complessivi l itinerario procede a sinistra; dopo 8,7 km all altezza di un roccolo si fa ritorno sull asfalto per svoltare immediatamente a sinistra in direzione di Plazzaris, borgata di Montenars. La strada asfaltata ha termine poco oltre l abitato (km 9,6), si prosegue quindi su fondo naturale fino alla frazione di Isola (km 12,4). Raggiunta la strada asfaltata si scende verso Artegna, facendo attenzione a tenere di nuovo la sinistra all incrocio di Cologna. 7 DA VEDERE Ad Artegna, sul colle al centro del paese, di rilevante interesse sono il Castello dei Savorgnan, ricostruito nel XV secolo, e la chiesetta di S. Martino risalente al 1205, che conserva all interno un ciclo di affreschi del Cinquecento. A Montenars meritano una visita i borghi rurali di Cologna e Lucardi. Le chiese di S. Elena (Sonvilla) e di S. Giorgio Il Monte Faeit visto da ovest (Cologna) sono state ricostruite in linee architettoniche moderne, dopo il terremoto del 1976, su progetti di Augusto Romano Burelli. Su un costone roccioso che domina la forra del Torrente Orvenco, a sud dell abitato di Cologna, si scorgono i ruderi del Castello di Ravistagno, eretto nel Duecento.

10 8 itinerario 2 ARTEGNA-M. FAEIT-VAL ZIMOR- SAMMARDENCHIA-TARCENTO- ARTEGNA Sviluppo: 28,7 km Dislivello: 694 m Altitudine massima: 734 m (Monte Faeit) Tempo di percorrenza: 2 ore e 30 min. Difficoltà: impegnativo Fondo prevalente: 80% asfalto, 20% sterrato

11 Si tratta di una variante dell itinerario n. 1. Dal piazzale del municipio9 di Artegna si sale a destra lungo la strada indicata dai cartelli che segnalano il Sentiero del Monte Faeit. Dopo 1 km, giunti ad una piazzola da cui prendono avvio vari sentieri, si prosegue diritti lungo la strada asfaltata che dopo 3,1 km complessivi diventa uno sterrato assai insidioso. Percorsi 4,7 km ha termine il tratto più impegnativo, caratterizzato in alcuni punti da pendenze del 14%. In corrispondenza di un ampio spiazzo prativo si può risalire a destra la mulattiera che conduce alla cima del Monte Faeit (734 m; km 5), da cui si gode uno splendido panorama sulla piana di Osoppo e l Anfiteatro morenico. Ridisceso il tracciato, si prosegue lungo la strada da cui ci si era allontanati. Si avanza ora in falsopiano sulla dorsale prativa del Monte Campeon. Dopo 7,1 km complessivi l itinerario procede a sinistra; dopo 8,7 km, all altezza di un roccolo, confluisce a destra nella strada asfaltata proveniente da Montenars. Si pedala così per 2 km nella stretta Val di Stella, imboccando successivamente la rotabile della Val Zimor (km 10,7). La strada è interessata da un fondo sdrucciolevole e irregolare, inoltre il primo tratto si presenta piuttosto ripido. Dopo 15,8 km si svolta a destra alla volta di Sammardenchia raggiungibile dopo una salita assai impegnativa, caratterizzata da pendenze notevoli (16%). Attraverso una strada panoramica, superati i borghi di Beorchian e Coia, si arriva a Tarcento (km 21,7). Dalla cittadina, seguendo in successione le indicazioni per Billerio, Magnano ed Artegna, si fa ritorno al punto di partenza. DA VEDERE A Coia di Tarcento si erge il torrione che appartenne al Castello Frangipane, complesso fortificato eretto nel XIV secolo. A Magnano in Riviera si conservano i resti del Castello di Prampero, andato distrutto nel Cinquecento e successivamente ricostruito. Nei pressi sorge la chiesetta di S. Margherita, di origini quattrocentesche.

12 10 itinerario 3 ARTEGNA-M. FAEIT-FLAIPANO- TARCENTO-ARTEGNA Sviluppo: 28,1 km Dislivello: 596 m Altitudine massima: 734 m (Monte Faeit) Tempo di percorrenza: 2 ore e 30 min. Difficoltà: medio Fondo prevalente: 80% asfalto, 20% sterrato

13 Si tratta di un ulteriore variante dell itinerario n. 1. Dal piazzale del municipio di Artegna si sale a destra lungo la strada indicata dai cartelli che segnalano il Sentiero del Monte Faeit. Dopo 1 km, giunti ad una piazzola da cui prendono avvio vari sentieri, si prosegue diritti lungo la strada asfaltata che dopo 3,1 km complessivi diventa uno sterrato assai insidioso. Percorsi 4,7 km ha termine il tratto di strada più impegnativo, caratterizzato in alcuni punti da pendenze del 14%. In corrispondenza di un ampio spiazzo prativo si può risalire a destra la mulattiera che conduce alla cima del Monte Faeit (734 m; km 5), da cui si gode uno splendido panorama sulla piana di Osoppo e l Anfiteatro morenico. Ridisceso il tracciato, si prosegue lungo la strada da cui ci si era allontanati. Si pedala ora in falsopiano sulla dorsale prativa del Monte Campeon. Dopo 7,1 km complessivi l itinerario procede a sinistra; dopo 8,7 km, all altezza di un roccolo, confluisce a destra nella strada asfaltata proveniente da Montenars. Al bivio successivo (km 10,7) si prosegue diritti verso Frattins e Flaipano. La strada avanza sullo spartiacque che separa le valli del Vedronza e dello Zimor e sale leggermente di quota sino al Monte Stuba, per poi scendere altrettanto gradualmente oltre i piccoli borghi di Stella e Pobra. Viene così raggiunta la chiesetta di Stella (km 15,2); da qui svoltando a destra la discesa si fa più ripida, caratterizzandosi per il fondo sconnesso ed i numerosi stretti tornanti. Altri 5,9 km e si giunge a Tarcento dopo aver superato le frazioni di Malemaseria e Zomeais. Da Tarcento (km 21,1) si seguono le indicazioni per Billerio e Magnano proseguendo così alla volta di Artegna. DA VEDERE Sui versanti del Monte Faeit rivolti a nord e ad ovest era situato un castrum longobardo, vasto apprestamento difensivo di cui restano le tracce a fianco delle strade lastricate di accesso all altura. All imbocco di uno di questi percorsi sorge la chiesetta di S. Stefano in Clama risalente all XI secolo. 11

14 12 itinerario 4 SALITA AL MONTE CUARNAN Sviluppo: 12,9 km (escluso il ritorno) Dislivello: 800 m Altitudine massima: 1075 m (Malga Cuarnan) Tempo di percorrenza: 1 ora e 10 min. andata; 40 min. ritorno Difficoltà: impegnativo Fondo prevalente: 92% asfalto, 8% sterrato

15 AGemona, da piazza Garibaldi si prosegue lungo via Caneva fino all imbocco13 di via dei Cappuccini (km 0,2), dove si svolta a destra seguendo le indicazioni per il Monte Cuarnan. Al termine della borgata di Gleseute (km 1,5) si affronta in salita la strada asfaltata che, con pendenza costante, si snoda dapprima sulla sinistra del corso del Vegliato, poi attraverso la località di Siere per condurre successivamente ai prati di Plan di Cuarnan (km 11,9), dove ha termine il tratto asfaltato. Da qui si prosegue su un ampia strada bianca che dopo circa 1 km conduce a Malga Cuarnan (fare attenzione al crocicchio dopo 200 m di percorso sterrato: va imboccata a sinistra la strada con il cancello di legno). Il ritorno si effettua lungo lo stesso percorso dell andata. Interessante è la deviazione che consente di raggiungere i Pascoli Alti del Cuarnan: poche centinaia di metri prima della malga si imbocca sulla destra la faticosa mulattiera che si sviluppa verso sudovest sulla dorsale del monte. La splendida vista che si allarga sulla pianura friulana ed i vasti prati fioriti saranno la degna ricompensa per lo sforzo sostenuto. Per chi avesse ancora energie c è la possibilità di raggiungere, a piedi e in circa 30 minuti, la chiesetta del Redentore che sorge sulla cima del Cuarnan Veduta dal Monte Cuarnan (1372 m). Lungo il sentiero si incontra il ricovero Pischiutti in cui è possibile pernottare. Dalla malga, prendendo un ripido sentiero, si può salire a Sella Foredôr (1089 m). Dopo pochi minuti di cammino si ammirerà lo splendido scenario rappresentato dalla catena del Chiampon. DA VEDERE A Gemona, ricostruita dopo il terremoto del 1976, di grande interesse è il Duomo gotico, consacrato nel 1337 dopo quasi cinquant anni di lavori. Ha subito nel tempo numerosi rimaneggiamenti. Lo affianca la torre campanaria, di poco successiva. Da Porta Udine, prossima al sagrato, ha inizio via Bini, cuore del centro storico gemonese, su cui si affacciano importanti edifici: Palazzo Gurisatti, Casa D Aronco, Palazzo Sporeni, Casa Antonelli, Palazzo Elti, Palazzo Boton. Inoltre, attraverso una scalinata, si ha la possibilità di accedere direttamente all altura che conserva i resti del castello medievale. Malga Cuarnan è sede di un attività agrituristica, vi si possono acquistare i prodotti caseari tipici. La chiesetta-monumento del Redentore, che si eleva sulla cima del Cuarnan, è stata eretta per la prima volta nel 1901 e ricostruita nel 1985.

16 14 itinerario 5 GEMONA-SELLA S. AGNESE-FORTE DI M. ERCOLE-M. CUMIELI-SELLA S. AGNESE- GEMONA Sviluppo: 16,9 km Dislivello: 530 m Altitudine massima: 571 m (Monte Cumieli) Tempo di percorrenza: 1 ora e 30 min. Difficoltà: medio Fondo prevalente: 18% asfalto, 82% sterrato La Sella di S. Agnese

17 AGemona, da piazza Garibaldi si prosegue lungo via Caneva fino all imbocco di via dei Cappuccini (km 0,2), dove si svolta a destra seguendo le indicazioni per il Monte Cuarnan. Al termine della borgata di Gleseute (km 1,5) si sale ancora seguendo l evidente stradina bianca posta sull argine artificiale del Torrente Vegliato. Oltre il greto, quasi sempre in secca, si affronta la mulattiera che conduce alla Sella di S. Agnese (km 4), dove è localizzata una chiesetta votiva ricostruita dopo il terremoto del Giunti al valico si prosegue diritti in direzione nord, mantenendo la sinistra sulla dissestata strada sterrata che discende il versante. Dopo circa 300 m va imboccato il largo sentiero che sale deciso a sinistra (fare attenzione: nella bella stagione la vegetazione rigogliosa tende a nascondere il nuovo percorso). Il tracciato, accidentato e a tratti ripido, conduce a un piccolo pianoro panoramico posto su una propaggine del Monte Cumieli, con una bella veduta sui Rivoli Bianchi e l ambito di Ledis (km 5,2). Dalla balconata ha inizio una discesa che nel mezzo di una faggeta conduce, dopo circa 1 km, a un estesa zona prativa dove è localizzato un casolare (C. Cum). L itinerario procede lungo una strada prima sterrata poi cementata. Giunti ad una sbarra si prosegue diritti attraverso le rovine del Forte di Monte Ercole; al bivio successivo (km 7,7) si svolta a sinistra. Si è ora impegnati in una salita che avviene per alcune centinaia di metri su un acciottolato di recente realizzazione. Superati una galleria naturale ed un tornante, in corrispondenza di un bosco di castagni si può salire alla cima del Cumieli imboccando a sinistra un ripido sentiero (km 10,1). L ascesa è molto difficoltosa, essendo caratterizzata da fortissime pendenze. Dall altura splendido è il panorama sulla piana alluvionale del Tagliamento e le Prealpi del Gemonese. Si scende e si riprende la strada principale sino al completamento dell anello, facendo presto ritorno alla Sella di S. Agnese (km 12,9) e da qui dirigendosi di nuovo a Gemona (km 16,9). DA VEDERE La Sella di S. Agnese accoglie l omonima chiesetta, risalente alla prima metà del XIII secolo, a cui era annesso un convento. Su una piccola altura posta in prossimità del corso del Tagliamento si erge il Forte di Monte Ercole, opera militare a carattere difensivo costruita all inizio del Novecento. La cima arrotondata del Cumieli custodisce le tracce di una muraglia forse appartenente ad un castelliere protostorico. Su un contrafforte roccioso a sud del monte, accessibile dalla mulattiera che riconduce a S. Agnese, sono conservati i resti del Castello di Grossemberg eretto nel 1190 e presto abbattuto. Merita una visita il Lago Minisini presso Ospedaletto, piccolo specchio d acqua che si sta progressivamente interrando. 15

18 16 itinerario 6 GEMONA-SELLA S. AGNESE- S. CATERINA Sviluppo: 9,4 km (escluso il ritorno) Dislivello: 226 m Altitudine massima: 430 m (Sella di S. Agnese) Tempo di percorrenza: 1 ora e 20 min. andata; 1 ora ritorno Difficoltà: medio Fondo prevalente: 47% asfalto, 53% sterrato La piana di Venzone

19 AGemona, da piazza Garibaldi si prosegue lungo via Caneva fino all imbocco di via dei Cappuccini (km 0,2), dove si svolta a destra seguendo le indicazioni per il Monte Cuarnan. Al termine della borgata di Gleseute (km 1,5) si sale ancora seguendo l evidente stradina bianca posta sull argine artificiale del Torrente Vegliato. Oltre il greto, quasi sempre in secca, si affronta la mulattiera che conduce alla Sella di S. Agnese (km 4), dove è localizzata una chiesetta votiva ricostruita dopo il terremoto del Giunti al valico si prosegue diritti in direzione nord, tenendo la destra e percorrendo l ampia carrareccia a tratti sconnessa che scende in maniera decisa verso la località Plan di Muini (km 4,8). Dal punto più elevato del pianoro si procede a sinistra e al successivo bivio a destra. Viene così raggiunto il greto del Rio Pozzolons (km 5,5): seguendo una debole traccia, sul suo argine destro ci si raccorda alla mulattiera principale. Si scende verso ovest in direzione del Tagliamento per un centinaio di metri, sino ad incontrare un evidente spiazzo (km 5,8). Qui si svolta a destra imboccando la nuova carrareccia che prosegue a mezza costa verso Venzone attraversando l esteso conoide dei Rivoli Bianchi. L itinerario procede diritto verso nord lungo la mulattiera principale che presto si raccorda alla strada asfaltata proveniente da Borgo Rozza (km 6,6). Ancora 200 m e si svolta a destra per raggiungere Borgo San Giacomo e l omonima chiesetta. Poco prima della statale Pontebbana si imbocca a destra via degli Alpini che conduce alla strada che affianca il fossato della cittadella medievale di Venzone. All altezza di Porta S. Genesio si svolta ancora a destra seguendo le indicazioni per Santa Caterina. Gli ultimi 500 m, caratterizzati da una notevole pendenza media (14%), conducono al pianoro sommitale dove si erge la chiesetta pure ricostruita dopo il sisma del Il ritorno può avvenire lungo lo stesso itinerario dell andata oppure attraverso la statale Pontebbana (sconsigliato). DA VEDERE Nella piana di Venzone è situata la chiesetta dei SS. Giacomo e Anna, risalente probabilmente ai secoli X-XI. L interno conserva lacerti di affreschi trecenteschi. La cittadella medievale di Venzone è stata ricostruita dopo il 1976 con rigore filologico, mantenendo la sua struttura originaria attraverso la ricollocazione rigorosa delle pietre recuperate e l integrazione di quelle andate distrutte (anastilosi). All interno della cinta muraria meritano una visita il Duomo di Sant Andrea Apostolo in stile romanico gotico, consacrato nel 1338, e il Palazzo comunale, splendido esempio di architettura gotico fiorita risalente all inizio del Quattrocento, successivamente modificato e più volte ricostruito. Sul terrazzo che domina la piana è posta la chiesetta di S. Caterina, di origini quattrocentesche. 17

20 18 itinerario 7 LA VAL VENZONASSA E LA CONCA DI LEDIS Sviluppo: 29 km (escluso il sentiero non ciclabile) Dislivello: 1082 m Altitudine massima: 1089 m (Forca Tacia) Tempo di percorrenza: 4 ore e 30 min. Difficoltà: molto impegnativo Fondo prevalente: 22% asfalto, 78% sterrato

21 D al centro storico di Venzone si supera il ponte sul Torrente Venzonassa e si svolta a destra per Borgo Sottomonte. Subito il ciclista è impegnato in una salita caratterizzata da una pendenza costante e con un buon fondo asfaltato. Dopo 3,6 km vengono raggiunti i resti di Borgo Costa, ancora 200 m e si perviene alla curva del Gran Rio dove termina questo primo tratto di salita. Da qui si discende per qualche centinaio di metri fino ad oltrepassare il Gran Rio (km 4,2), imboccando successivamente una galleria scavata nella roccia. Da questa galleria prende avvio la pista forestale che prosegue a mezza costa sul versante meridionale della catena del Plauris (fare attenzione al fondo caratterizzato da uno sterrato irregolare, cementato nei punti più ripidi). Seguono tratti tagliagambe ed altri decisamente pedalabili, anche se l ascesa presenta comunque una pendenza impegnativa. Al 5 km si intravedono i ruderi di Borgo Maieron; dopo 6,8 km si raggiunge Borgo Prabunello per poi salire alla località Pale dal Baraz (km 8,2) da dove ha inizio una veloce discesa (200 m prima dello scollinamento vi è il bivio per le malghe Ungarina e Confin). Si scende così al Plan di Frassin (km 9,5) e a Casera Navis (km 11,4) e infine al guado della Venzonassa (km 12,1) per poi guadagnare i 1089 m di Forca Tacia. Il fondo stradale è pessimo. Al bivio (km 15,8) si svolta a destra proseguendo lungo la pista forestale, sempre in piano o in discesa, fino alla conca di Ledis, in prossimità degli Stavoli Scugjelars (km 24,7). Dopo circa 600 m attraverso un sentiero non ciclabile si giunge alla chiesetta di Ledis e al Rifugio Brigate Osoppo Battaglione Prealpi. Percorrendo sempre a piedi il tracciato, viene presto raggiunta la Forca di Ledis per poi discendere sui ghiaioni fino alla località Rivoli Bianchi. Qui ci si rimette in sella e si procede ancora in discesa per una ripida carrareccia. Dopo circa 1 km, giunti ad una biforcazione, si tiene la destra salendo sull argine che affianca il Rio Pozzolons. Si scende ancora per un centinaio di metri, quindi in corrispondenza di uno spiazzo si svolta a destra imboccando una stradina proveniente da Borgo Rozza. Prima di Borgo San Giacomo il fondo ritorna asfaltato per ricondurre rapidamente a Venzone. DA VEDERE La Val Venzonassa, lunga una decina di chilometri, assume aspetti diversificati sotto il profilo fisico e paesaggistico. Il corso superiore del torrente è caratterizzato da un alveo piuttosto ampio, quello inferiore si presenta più stretto con alte sponde tipiche della forra. Su un rilievo del versante meridionale del Monte Plauris sorge la chiesetta di S. Antonio Abate, la cui fondazione risale al XIV secolo. Inizialmente vi era annesso un romitorio, presto trasformato in stavolo. Nell interno è conservato un ciclo di affreschi della prima metà del Cinquecento. La vasta distesa ghiaiosa di Rivoli Bianchi, attraversata dall itinerario nel suo tratto conclusivo, è uno dei maggiori coni di deiezione della Regione: occupa una superficie di 1,5 kmq con un raggio di oltre 1 km, mentre lo spessore dei depositi alluvionali raggiunge quasi i 300 m. 19

22 20 itinerario 8 STAZIONE PER LA CARNIA-TUGLIEZZO- RIFUGIO FRANZ Sviluppo: 8,6 km (escluso il ritorno) Dislivello: 737 m Altitudine massima: 1008 m (Rifugio Franz) Tempo di percorrenza: 1 ora e 15 min. andata; 30 min. ritorno Difficoltà: molto impegnativo Fondo prevalente: 41% asfalto, 59% sterrato

23 AStazione per la Carnia, superata la caserma posta lungo la statale Pontebbana, si imbocca la strada asfaltata che si snoda a fianco del muro di cinta della zona militare diretta all alveo di un torrente. Dopo un ampia curva l itinerario prosegue con la salita che conduce a Tugliezzo: l ascesa è caratterizzata da pendenze abbordabili (prestare attenzione, specialmente nei periodi di piogge e di gelo, ai tratti dove il fondo stradale si presenta sconnesso). Superati gli stavoli di Tugliezzo (km 3,3), si abbandona l asfalto girando a destra e procedendo lungo una ripida strada forestale con fondo prima cementato e poi naturale. La pista si inerpica sempre a forti pendenze (superiori al 10%) nell incantevole scenario di un bosco di conifere. All unico bivio presente lungo il percorso (km 5) si svolta a destra. Dopo 8,6 km appare alla vista l inconfondibile profilo del Rifugio Franz, meta conclusiva dell itinerario. Il ritorno viene effettuato lungo lo stesso percorso dell andata: attenzione ora ad affrontare con cautela la discesa caratterizzata nel primo tratto dalle ripide rampe percorse precedentemente in Plan di Tugliezzo salita. DA VEDERE Il Rifugio Franz, meta finale dell itinerario, è una struttura in tronchi di larice realizzata negli anni 70 in sostituzione della vecchia casera Cuel de Fratte. Offre riparo con possibilità di pernottamento. Il ripiano di Giardôse costituisce una delle località fossilifere più famose delle Prealpi Giulie, ricca di Nummuliti e di qualche corallo isolato. 21 Faggeta

24 22 itinerario 9 BORDANO-PIOVERNO-SOMPLAGO- INTERNEPPO-BORDANO Sviluppo: 23 km Dislivello: 254 m Altitudine massima: 315 m (Sella di Interneppo) Tempo di percorrenza: 1 ora e 15 min. Difficoltà: turistico Fondo prevalente: 88% asfalto, 12% sterrato

25 Da Bordano si percorre in direzione nord la strada che affianca il versante orientale del Monte S. Simeone lungo la riva destra del Tagliamento. Attraversata Pioverno (km 3,3) si prosegue, sempre costeggiando il corso d acqua, alla volta della statale che transita per Cavazzo e Somplago. La strada è caratterizzata da un susseguirsi di saliscendi, ma è facilmente percorribile e consente di osservare la zona di confluenza del Fella e del Tagliamento. Dopo Pioverno l asfalto si presenta piuttosto deteriorato; al km 7,4 ha inizio un breve tratto sterrato (circa 2,1 km), fatto ritorno sull asfalto ci si raccorda alla statale dopo 11,7 km complessivi. All incrocio si svolta a sinistra: superata la breve salita del Cuel di Mena, in discesa si raggiunge Somplago (km 14) seguendo poi le indicazioni per Alesso. Poco oltre il camping si giunge al ponte dell autostrada (km 17,4) in prossimità della sponda sud-occidentale del Lago di Cavazzo, girando successivamente a sinistra e imboccando una stradina con fondo naturale. Il tratto sterrato è breve (800 m) e conduce di nuovo alla statale nella zona del parco giochi. Si procede in leggera salita fino ad Interneppo (km 20,2) che si raggiunge girando a destra. Superato il paese si affronta la dura ma breve ascesa che conduce alla Sella di Interneppo (km 21,3), per poi ridiscendere e far ritorno a Bordano. DA VEDERE Bordano è il paese delle farfalle per la presenza, sul versante meridionale del Monte San Simeone che sovrasta l abitato, di numerosi lepidotteri. Colorati murales abbelliscono le pareti delle case, inseriti in un più ampio programma di valorizzazione della località articolato in varie iniziative che si svolgono soprattutto nel mese di agosto. Il Lago di Cavazzo o dei Tre Comuni (ne fanno parte anche i comuni di Bordano e Trasaghis) è il più grande della Regione. L immissione delle acque provenienti dalla centrale di Somplago ha provocato profonde alterazioni al bacino con l impoverimento della vegetazione e della fauna. Nel settore meridionale del lago è localizzato lo stagno ecologico : si tratta di un progetto, promosso dalla Comunità Montana del Gemonese, che ha comportato la realizzazione di una zona umida a fini faunistici e la sistemazione e ricostruzione vegetazionale dell area circostante. A Cesclans su un altura si erge la Pieve di Santo Stefano, sorta nel XIV secolo ed ora in avanzata fase di recupero. 23

26 24 itinerario 10 SALITA AL MONTE S. SIMEONE Sviluppo: 13,4 km (escluso il ritorno) Dislivello: 967 m Altitudine massima: 1203 m (Baita Monte S. Simeone) Tempo di percorrenza: 2 ore andata; 45 min. ritorno Difficoltà: molto impegnativo Fondo prevalente: 30% asfalto, 65% sterrato, 5% cemento

27 D a Bordano (piazza Municipio) si risale la strada provinciale che conduce a Interneppo. Dopo circa 2 km di salita media, in prossimità dello scollinamento della Sella di Interneppo, si seguono le indicazioni per il Monte S. Simeone: svoltando a destra si imbocca la rotabile, prima asfaltata poi sterrata, che conduce al pianoro posto sul rilievo, facendo attenzione a tenere la destra in corrispondenza delle due successive deviazioni per il Monte Festa (km 2,5) e per gli Stavoli Trions. Il tratto asfaltato ha termine dopo un paio di chilometri dal bivio; si prosegue prima su un fondo cementato (fino alla prima galleria) e successivamente su una carrareccia che si sviluppa per ben 28 tornanti di cui 7 in galleria (questi non creano alcun problema al ciclista data la loro brevità). Le condizioni del fondo stradale sono piuttosto precarie: spesso si rischia letteralmente di affondare con le ruote nella ghiaia, tanto è irregolare e poco battuta la sede stradale. Va prestata attenzione, soprattutto in discesa, nell affrontare alcuni tornanti molto esposti e poco protetti. Oltre alle pessime condizioni della strada, l intera salita (11,4 km circa dal bivio) presenta delle pendenze sempre impegnative e costanti, fortunatamente prive di tratti tagliagambe (la pendenza media dall imbocco della rotabile fino alla cima è del 7,8%). Da rilevare inoltre che lungo la salita è quasi del tutto assente l ombra e che non vi è alcuna possibilità di rifornirsi d acqua. Dopo 13,2 km complessivi si raggiunge il pianoro panoramico del S. Simeone situato a 1200 m di quota. Svoltando a destra è facile raggiungere la Baita Monte San Simeone (km 13,4), unico punto di appoggio per il ciclista. Sul pianoro, oltre a vari stavoli, è localizzata una chiesetta alpestre. Lo sterrato prosegue ancora per circa 2 km in direzione della cima del monte, fino a terminare nel bosco in prossimità dell imbocco del sentiero CAI (segnavia 839), che rapidamente guadagna i 1505 m della vetta. Il ritorno si effettua lungo lo stesso percorso dell andata. DA VEDERE Il Monte S. Simeone, per la sua posizione geografica, la favorevole insolazione e la presenza di vari microclimi, è perfettamente esemplificativo delle caratteristiche ambientali e vegetazionali delle Prealpi friulane. Sul pianoro prossimo alla cima si erge una chiesetta dedicata al santo che dà il nome al monte. Risale al XIV secolo, anche se è stata sottoposta nel tempo a modifiche e a parziali ricostruzioni. A nordovest del S. Simeone, il Monte Festa conserva i resti di una fortificazione militare della prima guerra mondiale. Faceva parte di un articolato sistema difensivo, la Fortezza Alto Friuli, che doveva tenere sotto controllo le valli del Tagliamento e del Fella. 25

28 26 itinerario 11 ALESSO-FORCHIA ARMENTARIA- STAVOLI PALAR Sviluppo: 14 km (escluso il ritorno) Dislivello: 842 m Altitudine massima: 810 m Tempo di percorrenza: 1 ora e 30 min. andata; 1 ora e 15 min. ritorno Difficoltà: impegnativo Fondo prevalente: 31% asfalto, 69% sterrato

29 Da Alesso si attraversa il ponte sul Torrente Palar svoltando successivamente a27 destra (si seguono le indicazioni per la località Armentaria). Ad essere imboccata è una ripida stradina asfaltata che impone una dura e faticosa ascesa, caratterizzata da fortissime pendenze e da un fondo non sempre ottimale. Dopo 2,7 km viene raggiunto il Cuel dal Fari. Poco oltre il 3 km ha termine il tratto di salita più impegnativo, seguito da un rilassante falsopiano che gradualmente guadagna quota. Coperti 4,4 km, in località Forchiatas la strada si trasforma in una pista sterrata. In questo tratto la facilità del percorso dà la possibilità di ammirare l aspetto aspro e selvaggio della vallata. In corrispondenza di una pineta si perviene a Forchia Armentaria (km 10), da cui ha inizio la discesa verso il greto del Torrente Palar (da affrontare facendo attenzione al fondo irregolare e ai tratti non protetti). Si giunge così in vista degli Stavoli Palar, presto raggiunti sull altro versante della valle (km 14). Gli stavoli sono aperti ed è possibile pernottarvi. Ritorno lungo il medesimo itinerario. DA VEDERE La valle del Torrente Palar, selvaggia e riservata, è una delle più estese della zona. Fitti boschi ricoprono i versanti, contribuendo all integrità di un ambiente di grande interesse naturalistico. Numerosi insediamenti rurali punteggiano la valle; il loro abbandono da parte dell uomo sta provocando la scomparsa di prati e pascoli, sopraffatti dalla vegetazione arbustiva. Le pozze d acqua nei pressi dell abitato di Alesso sono frequentate d estate da numerosi bagnanti.

30 28 itinerario 12 FORGARIA-M. PRÂT- MALGA CUAR- FORGARIA Sviluppo: 45,7 km Dislivello: 1102 m Altitudine massima: 1271 m Tempo di percorrenza: 3 ore e 30 min. Difficoltà: impegnativo Fondo prevalente: 65% asfalto, 35% sterrato L altopiano di Monte Prât

31 Dal centro abitato di Forgaria, seguendo le indicazioni, si prende la strada asfaltata per Monte Prât dove si giunge dopo una lunga salita (km 8,5), caratterizzata da una pendenza media dolce e costante (5-6%). Attraversato l altopiano si prosegue diritti lungo il percorso che taglia il versante sud-orientale del Monte Cuar. Dopo 11,9 km si supera il bivio per la Val Tochel (girare a destra) per giungere successivamente allo scollinamento di Cuel di Forchia (km 13,9). Ha inizio ora una ripidissima discesa che in un paio di chilometri conduce all imbocco della pista forestale del Monte Cuar che prende avvio a sinistra, presso gli Stavoli Pra Steppa, in corrispondenza di un segnale di divieto di transito (km 15,9). Ci si immette nel nuovo tracciato superando alcuni stavoli e proseguendo in falsopiano per circa 4 km, per poi inerpicarsi lungo le pendici boscose del Cuar. Dopo 21,5 km vi è la deviazione per Malga Cuvii (proseguire diritti); finalmente si è in vista di Malga Cuar (km 25,3), passando dagli abeti e dai faggi della prima parte del percorso agli estesi pascoli attorno alla casera. Si consiglia di raggiungere a piedi la cresta sommitale per poter ammirare lo splendido panorama che si coglie dalla dorsale, con la vista che spazia verso la pianura a sud e le creste della Catena carnica a nord. Ripresa la pista, si prosegue ancora per circa 800 m in salita sino a raggiungere il punto altimetrico più elevato di tutto l itinerario (1271 m). Segue una tortuosa discesa a tratti ripida, caratterizzata spesso da un fondo irregolare, che si sviluppa per circa 5,8 km. La carrareccia ha termine poco sotto il Cuel di Forchia: da qui si torna all asfalto e si prosegue in discesa lungo la strada già percorsa precedentemente, ora diretta a Monte Prât e Forgaria. DA VEDERE L altopiano di Monte Prât è una vasta distesa ondulata caratterizzata da doline e inghiottitoi che attestano la presenza di una circolazione di tipo carsico. Praterie e fitte macchie di alberi ed arbusti sono i tratti salienti del paesaggio, da cui emergono i numerosi stavoli utilizzati un tempo per l alpeggio. Malga Cuar è la più orientale delle strutture malghive delle Prealpi Carniche ancora in funzione. Nel comprensorio, presso la Malga Amula, è in atto un progetto finalizzato all introduzione di una razza di cavallini di origine polacca ( Konik ), che dovrebbe consentire il mantenimento e il ripristino delle superfici pascolive. 29

32 30 itinerario 13 FORGARIA- M. PRÂT- VAL TOCHEL- VAL D ARZINO- FLAGOGNA Sviluppo: 39,2 km Dislivello: 761 m Altitudine massima: 894 m (Bivio Val Tochel) Tempo di percorrenza: 1 ora e 30 min. Difficoltà: medio Fondo prevalente: 100% asfalto Bosco in Val d Arzino

33 D al centro abitato di Forgaria, seguendo le indicazioni, si prende la strada asfal-31 tata per Monte Prât dove si giunge dopo una lunga salita (km 8,5), caratterizzata da una pendenza media dolce e costante (5-6%). Attraversato l altopiano si prosegue diritti lungo il percorso che taglia il versante sud-orientale del Monte Cuar. Dopo 11,9 km complessivi, esattamente sotto lo spigolo a sud del rilievo, si svolta sinistra e si scende verso la Val d Arzino attraversando, nei primi chilometri, la ridente Val Tochel. La strada, asfaltata per gran parte della sua lunghezza, richiede una particolare attenzione, presentandosi piuttosto stretta e in costante discesa. L unico insediamento che si incontra lungo il tragitto è costituito dagli Stavoli Zopiet (km 16). Dopo circa 9 km di discesa si raggiunge la strada della Val d Arzino che va percorsa in direzione di Anduins, affrontando con grande prudenza le gallerie prive di illuminazione localizzate prima dell abitato. Da Anduins, scendendo attraverso una serie di tornanti, si supera Casiacco e si giunge al Ponte dell Armistizio, oltre il quale si prosegue a sinistra alla volta di Forgaria per far ritorno al punto di partenza. DA VEDERE Il Torrente Arzino è caratterizzato da una valle profonda e stretta che il corso d acqua ha modellato formando il tipico ambiente di forra. Poco prima di Anduins è localizzata una palestra di roccia ottimamente attrezzata. Da Flagogna è possibile salire alle rovine del Castello di S. Giovanni, risalente al XII secolo. Lungo la strada che conduce a Trasaghis si estende la Riserva naturale di Cornino, con l omonimo laghetto carsico dalle forti tonalità verde azzurre e il Centro di reintroduzione dei grifoni, dotato di voliere e di un punto di alimentazione artificiale per i rapaci.

34 le guide... in tasca (in neretto i numeri degli itinerari a cui si riferiscono le pubblicazioni) Le guide del Friuli-Venezia Giulia. 4 Prealpi e Piana del Tagliamento, Provincia di Udine, 1997 Il sentiero naturalistico Monte Faeit, Sottosezione C.A.I. Artegna, 1996 (1, 2, 3) Montenars e il Monte Cuarnan, Comune di Montenars, s.d. (1, 2, 3) Gemona del Friuli. Guida storico artistica, Arti Grafiche Friulane, 1994 (4, 5, 6) Guida al sentiero naturalistico Silans-Lago di Ospedaletto, Comune di Gemona del Friuli, Pro Glemona I.A.T., II edizione 1997 (4, 5, 6) Il conoide del Vegliato e la Sella di S. Agnese, Pro Glemona I.A.T., 1997 (4, 5, 6) Malga Cuarnan e Malga Cuar. Itinerari naturalistici e agriturismo nel Gemonese, Comunità Montana del Gemonese, 1998 (4, 12) Rivoli Bianchi, Ledis e Torrente Venzonassa, Pro Glemona I.A.T., 1998 (6, 7) Venzone. Guida storico turistica, Arti Grafiche Friulane, 1991 (6, 7) Venzone. Il Centro Storico, Cooperativa Utopie Concrete, 1991 (6, 7) Venzone. La Piana, Cooperativa Utopie Concrete, 1994 (6, 7) Venzone e il Parco delle Prealpi Giulie. 1/Geografia e paesaggio, Comune di Venzone, 1992 (6, 7, 8) Venzone. Il Parco delle Prealpi Giulie, Cooperativa Utopie Concrete, 1990 (6, 7, 8) Pavees. Farfalle ed altri Insetti del Monte S. Simeone, Comune di Bordano, 1994 (9, 10) Invito al Lago dei Tre Comuni, Comune di Trasaghis, 1998 (9, 10, 11, 12) Forgaria nel Friuli, Comune di Forgaria, s.d. (12, 13) le cartine Carta topografica per escursionisti, scala 1:25.000, foglio 020, Prealpi Carniche e Giulie del Gemonese, Edizioni Tabacco

35 Realizzazione: Cooperativa Utopie Concrete-Venzone Testi: Comunità Montana del Gemonese Foto: archivio Comunità Montana del Gemonese-Ufficio cultura e turismo, archivio Sottosezione C.A.I. Artegna (pag. 7) Cartine: Franco Londero Coordinamento: Enrico Chiussi, Maurizio Tondolo Stampa: Arti Grafiche Friulane-Tavagnacco (1999) Si ringrazia per la collaborazione il Gruppo Sportivo "Pedale Gemonese" ed in particolare il sig. Andrea Palese

36

TREKKING E MOUNTAIN BIKE

TREKKING E MOUNTAIN BIKE TREKKING E MOUNTAIN BIKE Il territorio del comune di Donato, per la sua conformazione, è particolarmente adatto alla pratica dello sport della mountain bike. In pochi chilometri si può passare dai boschi

Dettagli

Anello nel bosco di conifere, attorno ai prati di Margherita dei Boschi (1.100 m.). Lunghezza itinerario 3,6 km; tempo di percorrenza 1h e 30.

Anello nel bosco di conifere, attorno ai prati di Margherita dei Boschi (1.100 m.). Lunghezza itinerario 3,6 km; tempo di percorrenza 1h e 30. Itinerari 1) GOUTA: boschi di conifere, prati, quota 1.100 m Anello nel bosco di conifere, attorno ai prati di Margherita dei Boschi (1.100 m.). Lunghezza itinerario 3,6 km; tempo di percorrenza 1h e 30.

Dettagli

SENTIERO DEGLI ALPINI e BALCONI DI MARTA - Alpi Liguri

SENTIERO DEGLI ALPINI e BALCONI DI MARTA - Alpi Liguri SENTIERO DEGLI ALPINI e BALCONI DI MARTA - Alpi Liguri Propongo un percorso molto vario ed interessante, una delle più belle escursioni sulle Alpi della Liguria,che taglia i dirupati versanti italiani

Dettagli

TORNIMPARTE CAMPO FELICE RIFUGIO SEBASTIANI

TORNIMPARTE CAMPO FELICE RIFUGIO SEBASTIANI TORNIMPARTE CAMPO FELICE RIFUGIO SEBASTIANI La partenza è da Villagrande di Tornimparte (880 m s.l.m.) lungo la strada provinciale SP1 Amiternina; dopo 400 metri circa in falsopiano svoltare a sinistra

Dettagli

Trek Valgrisenche. Percorso "soft"

Trek Valgrisenche. Percorso soft Percorso "soft" Lunghezza circa 10 Km - dislivello positivo mt. 650 - dislivello negativo mt. 770 (Fraz. Usellière rifugio Chalet de l Epèe vallone di Plontaz - capoluogo di Valgrisenche). Si parte dalla

Dettagli

Rifugio Paolo Barrasso a Monte Rapina

Rifugio Paolo Barrasso a Monte Rapina Rifugio Paolo Barrasso a Monte Rapina Descrizione Ubicato a 1542 m sul versante settentrionale della Maiella, alle coordinate geografiche N 42 008 09 E 14 003 39, il rifugio é intitolato a Paolo Barrasso,

Dettagli

Tempi di percorrenza 5:00 ore se si va all attacco del sentiero in auto. Aggiungere 40 minuti se si usa il treno

Tempi di percorrenza 5:00 ore se si va all attacco del sentiero in auto. Aggiungere 40 minuti se si usa il treno Il Cornizzolo da Civate Zona Prealpi Lombarde Triangolo Lariano Corni di Canzo Tipo itinerario Ad anello Difficoltà E (per Escursionisti) Tempi di percorrenza 5:00 ore se si va all attacco del sentiero

Dettagli

MONTE GREGORIO - MONTE PENNA DEL GESSO Il Sentiero delle Cenge

MONTE GREGORIO - MONTE PENNA DEL GESSO Il Sentiero delle Cenge MONTE GREGORIO - MONTE PENNA DEL GESSO Il Sentiero delle Cenge NOTIZIE. La cosiddetta Cresta dei Tausani è la dorsale che, dalla SS 258 Marecchiese in corrispondenza di Ponte Santa Maria Maddalena (188

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO Sezione U.L.E. Genova

CLUB ALPINO ITALIANO Sezione U.L.E. Genova CLUB ALPINO ITALIANO Sezione U.L.E. Genova NEL QUADRO DEI FESTEGGIAMENTI PER I CENTO ANNI DELLA NOSTRA SSOCIAZIONE SABATO 10 MAGGIO INAUGURAZIONE DEL NUOVO SENTIERO AQ2 AQ2 DATA: 10 maggio 2014 LOCALITA

Dettagli

Itinerario n. 117 - Fra Rocca Calascio e Campo Imperatore

Itinerario n. 117 - Fra Rocca Calascio e Campo Imperatore Pagina 1 Itinerario n. 117 - Fra Rocca Calascio e Campo Imperatore Scheda informativa Punto di partenza: Fonte Cerreto (AQ) Distanza da Roma: 125 km Lunghezza: 49 km ascesa totale: 1225 m Quota massima:

Dettagli

1 Vernuer Kalmtal Matatz Ulfas I. Obere Obisellalm. Gita nella valle alta e solitaria alla malga pittoresca al lago. percorso

1 Vernuer Kalmtal Matatz Ulfas I. Obere Obisellalm. Gita nella valle alta e solitaria alla malga pittoresca al lago. percorso 1 Vernuer Kalmtal Matatz Ulfas I Öberst, Obere Obisellalm 10,8 km 5.00 ore 1392 m 810 m 2160 m giu. ott. 26 Obere Obisellalm Gita nella valle alta e solitaria alla malga pittoresca al lago Öberst Vernuer

Dettagli

Il programma escursionistico del 2012 ha inizio lungo i sentieri del "Cammino di S.Carlo"

Il programma escursionistico del 2012 ha inizio lungo i sentieri del Cammino di S.Carlo Il programma escursionistico del 2012 ha inizio lungo i sentieri del "Cammino di S.Carlo" Il "Cammino" è un itinerario a ricordo di S.Carlo Borromeo, che in dodici tappe porta da Arona, sul Lago Maggiore,

Dettagli

DOLOMITI FRIULANE. Trekking. 27-30 Agosto 2015

DOLOMITI FRIULANE. Trekking. 27-30 Agosto 2015 Trekking ANELLO DELLE DOLOMITI FRIULANE 27-30 Agosto 2015 Trekking ad anello in senso orario di 4 giorni all interno delle Dolomiti Friulane, tra guglie vertiginose e prati assolati. L itinerario attraversa

Dettagli

Itinerario n. 026 - La Valnerina fra Arrone e la Cascata delle Marmore

Itinerario n. 026 - La Valnerina fra Arrone e la Cascata delle Marmore Pagina 1 Itinerario n. 026 - La Valnerina fra Arrone e la Cascata delle Marmore Scheda informativa Punto di partenza: Arrone Distanza da Roma : 110 km Lunghezza: 22 km Ascesa totale: 530 m Quota massima:

Dettagli

Itinerario n. 087 - Il Santuario di M.Tranquillo e la Macchiarvana

Itinerario n. 087 - Il Santuario di M.Tranquillo e la Macchiarvana Pagina 1 di 5 Itinerario n. 087 - Il Santuario di M.Tranquillo e la Macchiarvana Scheda informativa Punto di partenza: Pescasseroli Distanza da Roma: 164 km Lunghezza: 34 km Ascesa totale: 630 m Quota

Dettagli

visita il nostro sito www.prolocoballabio.it

visita il nostro sito www.prolocoballabio.it distribuito da Pro Loco Ballabio 1 Sentieri di montagna Itinerari di montagna consigliati dal Club Alpino Italiano di Ballabio e dal Comune di Ballabio Sentiero 30 Itinerario: Gera Bocchetta di Bertena

Dettagli

La notte è ormai prossima e, a metà percorso, occorre accendere le luci.

La notte è ormai prossima e, a metà percorso, occorre accendere le luci. Tempo splendido e una temperatura eccezionale hanno caratterizzato questo weekend autunnale in una valle sconosciuta ai più. Da Torino e provincia partiamo in tre (Marina, Piero ed io) per questa nuova

Dettagli

MONT GLACIER 3182 M VAL D'AOSTA VAL DI CHAMPORCHER Sabato 5 e Domenica 6 luglio 2014

MONT GLACIER 3182 M VAL D'AOSTA VAL DI CHAMPORCHER Sabato 5 e Domenica 6 luglio 2014 CLUB ESCURSIONISTI ARCORESI Via IV Novembre, 9 20043 ARCORE Tel. 039-6012956 cell. 3479471002 www.cea-arcore.com e-mail: cea.arcore@gmail.com GITA alla ROSA DEI BANCHI 3163 M E MONT GLACIER 3182 M VAL

Dettagli

MI-01 Il Mincio dal Garda a Mantova

MI-01 Il Mincio dal Garda a Mantova MI-01 Lombardia in bicicletta - Itinerari Partenza: Peschiera del Garda, stazione ferroviaria Arrivo: Mantova, stazione ferroviaria Lunghezza Totale (km): 46.0 Percorribilità: In bicicletta Tempo di percorrenza

Dettagli

C.A.I. PONTE S. PIETRO

C.A.I. PONTE S. PIETRO Il n. dei partecipanti è fissato in 10/15 massimo Le iscrizioni si ricevono in sede c.a.i. il martedì e venerdì dalle ore 20,30 alle ore 22,00 previo versamento di 100 quale caparra. Il costo complessivo

Dettagli

LA VALLE DI PALANFRÈ

LA VALLE DI PALANFRÈ LA VALLE DI PALANFRÈ Località di partenza: Palanfrè, Alpe di Palanfrè Epoca consigliata: giugno-settembre Tipo di itinerario: escursionistico Quota di partenza/arrivo: 1379 m - 2057 m Durata del percorso

Dettagli

1-86-06. : RONDANINA-MONTE SOPRA PROPATA(pendici)-CASA DEL ROMANO-CAPANNE DI CARREGA-MONTE CARMO-CAPAN NE DI CARREGA-CASA DEL ROMANO-CAPRILE

1-86-06. : RONDANINA-MONTE SOPRA PROPATA(pendici)-CASA DEL ROMANO-CAPANNE DI CARREGA-MONTE CARMO-CAPAN NE DI CARREGA-CASA DEL ROMANO-CAPRILE : RONDANINA-MONTE SOPRA PROPATA(pendici)-CASA DEL ROMANO-CAPANNE DI CARREGA-MONTE CARMO-CAPAN NE DI CARREGA-CASA DEL ROMANO-CAPRILE 1-86-06 : 12-08-2012 : da Genova-Piazza Verdi con autobus ATP delle ore

Dettagli

ULTRATRAIL 50 Km - 4000 m dislivello positivo

ULTRATRAIL 50 Km - 4000 m dislivello positivo ULTRATRAIL 50 Km - 4000 m dislivello positivo PROFILO ALTIMETRICO 2550 2350 QUOTE m slm 2150 1950 1750 1550 1350 0 5000 10000 15000 20000 25000 30000 35000 40000 45000 DISTANZA metri RISTORO COMPLETO RISTORO

Dettagli

AD OGNI PILONE E CHIESETTA DEL PERCORSO, UNA PREGHIERA ALLA MADONNA, IN MEMORIA DEL GRANDE PAPA : "KAROL WOJTYLA".

AD OGNI PILONE E CHIESETTA DEL PERCORSO, UNA PREGHIERA ALLA MADONNA, IN MEMORIA DEL GRANDE PAPA : KAROL WOJTYLA. Dedicato al Grande Papa Karol Wojtyla AD OGNI PILONE E CHIESETTA DEL PERCORSO, UNA PREGHIERA ALLA MADONNA, IN MEMORIA DEL GRANDE PAPA : "KAROL WOJTYLA". ALCUNI PUNTI Di PREGHIERA SONO CHIESETTE SCONOSCIUTE

Dettagli

Totes Gebirge - Austria

Totes Gebirge - Austria Escursione Sociale del 17 19 Luglio 2015 Totes Gebirge - Austria Descrizione generale Il Totes Gebirge è una catena montuosa delle Alpi Nord-orientali delle Alpi orientali. Si tratta di un altopiano di

Dettagli

18 Rifugio Nuvolau, 2575 m. Dolomiti d Ampezzo, Pelmo-Croda da Lago. Al nido d aquile dal panorama mozzafiato. 12 km. Lunghezza percorso.

18 Rifugio Nuvolau, 2575 m. Dolomiti d Ampezzo, Pelmo-Croda da Lago. Al nido d aquile dal panorama mozzafiato. 12 km. Lunghezza percorso. 18 Rifugio Nuvolau, 2575 m ca. 4 ½ ore 870 m 870 m ca. 4 ½ ore località Ponte di Rù Bianco, strada del passo Falzarego, 1732 m Ra Gusela Passo Giau Rif. Nuvolau Al nido d aquile dal panorama mozzafiato

Dettagli

17 Luglio 2011. Monte Croce con traversata val d Ayas Valtournenche

17 Luglio 2011. Monte Croce con traversata val d Ayas Valtournenche 17 Luglio 2011 Monte Croce con traversata val d Ayas Valtournenche I cartelli parlano chiaro... Però manca il monte Croce! Alpeggio lungo l Alta Via n 1 La salita si fa subito ripida in un bel fitto bosco

Dettagli

TREKKING IN VAL MASTALLONE

TREKKING IN VAL MASTALLONE TREKKING IN VAL MASTALLONE ITINERARIO N 1 : Santa Maria (Fobello) Colle d Egua Partenza: Santa Maria di Fobello Arrivo : Colle d Egua Codice catasto : 517 Tempo : 3 ore e 15 minuti Dislivello : 1064 m

Dettagli

Ai piedi della Pania della Croce nelle Alpi Apuane: il rifugio Del Freo Eos Foto di ML 014

Ai piedi della Pania della Croce nelle Alpi Apuane: il rifugio Del Freo Eos Foto di ML 014 Ai piedi della Pania della Croce nelle Alpi Apuane: il rifugio Del Freo Eos Foto di ML 014 Il percorso è in prevalenza ombreggiato, ma non mancano sulla sinistra panorami sulle varie vette delle Apuane

Dettagli

DA VARESE, CITTÀ GIARDINO, un escursione sulle vie della Fede

DA VARESE, CITTÀ GIARDINO, un escursione sulle vie della Fede DA VARESE, CITTÀ GIARDINO, un escursione sulle vie della Fede Varese Villa Panza Sacro Monte Campo dei Fiori il Forte di Orino - Durata 1 giorno Percorso: indirizzato a gambe un po allenate Sviluppo: 35

Dettagli

Itinerario n. 119 - Dal lago di Bolsena a Tuscania lungo il fiume Marta

Itinerario n. 119 - Dal lago di Bolsena a Tuscania lungo il fiume Marta Pagina 1 Itinerario n. 119 - Dal lago di Bolsena a Tuscania lungo il fiume Marta Scheda informativa Punto di partenza: Marta(Vt) Distanza da Roma : 100 km Lunghezza: 35 km Ascesa totale: 360 m Quota massima:

Dettagli

Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42)

Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42) n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42) Località: Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano

Dettagli

Da sasso a eremo di San Valentino

Da sasso a eremo di San Valentino Da sasso a eremo di San Valentino Escursioni e Trekking intorno al lago di Garda: all'eremo di San Valentino. Da Gargnano (m. 65 s.l.m.) o da Sasso (m. 546), in una balconata sul lago di garda. Tenendo

Dettagli

Itinerario n. 063 - La Via Francigena, da Bolsena a Viterbo

Itinerario n. 063 - La Via Francigena, da Bolsena a Viterbo Pagina 1 Itinerario n. 063 - La Via Francigena, da Bolsena a Viterbo Scheda informativa Punto di partenza: Bolsena Distanza da Roma: 113 km. Lunghezza: 34,3 km. Ascesa totale: 720 m. Quota massima: 559

Dettagli

PRIMO GIORNO: SENTIERO DA PIAN TREVISAN A PIAN DEI FIACCONI

PRIMO GIORNO: SENTIERO DA PIAN TREVISAN A PIAN DEI FIACCONI Il gruppo della Marmolada detiene, in Dolomiti, una indiscussa sovranità, da cui il nome di Regina delle Dolomiti, appunto per la massima elevazione dell intero sistema dolomitico di cui ne ospita anche

Dettagli

Tappa TO02 Da Pontremoli ad Aulla

Tappa TO02 Da Pontremoli ad Aulla Tappa TO02 Da Pontremoli ad Aulla La Via Francigena Partenza: Pontremoli, Piazza della Repubblica Arrivo: Aulla, Abbazia di S. Caprasio Lunghezza Totale (): 32.9 Percorribilità: A piedi, in mountain bike

Dettagli

Dal S.Gottardo all Oberland Bernese. di Paolo Castellani

Dal S.Gottardo all Oberland Bernese. di Paolo Castellani 12 Dal S.Gottardo all Oberland Bernese di Paolo Castellani Appena valicato il Passo del S.Gottardo, o sotto la lunga galleria autostradale (quasi 17 chilometri), si entra nel Cantone di Uri, lasciando

Dettagli

21-22/03 ALTA VIA DELLE 5 TERRE

21-22/03 ALTA VIA DELLE 5 TERRE 21-22/03 ALTA VIA DELLE 5 TERRE L Alta Via delle 5 Terre (AV5T) è un sentiero a lunga percorrenza che collega Levanto a Portoverene. Forse meno frequentato rispetto al percorso costiero classico delle

Dettagli

Percorso Zona Orientale

Percorso Zona Orientale Percorso Zona Orientale Indice Cala Luna 1 Il Canyon di Gorroppu 3 Il villaggio di Fiscali 6 Cala Luna Un itinerario dove il bianco del calcare regna sul sentiero e sul monte, per arrivare a una delle

Dettagli

5 PERCORSI NORDIC IN MUGELLO solo per associati della Modern Nordic Walking Academy (FI)

5 PERCORSI NORDIC IN MUGELLO solo per associati della Modern Nordic Walking Academy (FI) 5 PERCORSI NORDIC IN MUGELLO solo per associati della Modern Nordic Walking Academy (FI) Legenda grado difficoltà Nordic/Turistico facile: percorso senza difficoltà in cui si utilizza la tecnica n.w. lungo

Dettagli

Sci alpinismo nel gruppo di Puez

Sci alpinismo nel gruppo di Puez Sci alpinismo nel gruppo di Puez Questo articolo di Alberto De Giuli propone tre itinerari inediti per scialpinisti esperti. Si tratta di percorsi ad anello che presentano tutti i caratteri dello sci alpinismo

Dettagli

Percorso, Marcellise giro delle contrade (lungo)

Percorso, Marcellise giro delle contrade (lungo) A cura di A. Scolari Marcellise alto: itinerario lungo (Marcellise, Borgo, Casale, Cao di sopra, Casale di Tavola, San Briccio, Marion, Borgo, Marcellise). Dislivello m 205, tempo h 3.00'. Percorso facile.

Dettagli

CASTERINO (valle delle meraviglie e rocca dell abisso)

CASTERINO (valle delle meraviglie e rocca dell abisso) CASTERINO (valle delle meraviglie e rocca dell abisso) Situazione 44.0982 / 7.5063 In questa zona trovate splendide soluzioni per alloggiare in albergo o per la sosta camper in libero. Base di partenza

Dettagli

COLLABORAZIONI Biketrack è partner di:

COLLABORAZIONI Biketrack è partner di: CHI SIAMO: Un associazione senza scopo di lucro per la promozione del turismo sostenibile, per le nostre proposte ci avvaliamo di professionisti,accompagnatori cicloturistici certificati dalla Regione

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA : TREKKING, MOUNTAIN-BIKE E YOGA A POZZI MONACI

SCHEDA INFORMATIVA : TREKKING, MOUNTAIN-BIKE E YOGA A POZZI MONACI SCHEDA INFORMATIVA : TREKKING, MOUNTAIN-BIKE E YOGA A POZZI MONACI L attività che vi proponiamo prevede una giornata all insegna dello sport in montagna a 360. Escursionisti e bikers si incontreranno nella

Dettagli

Bergamo e la Val Seriana

Bergamo e la Val Seriana Bergamo e la Val Seriana 15 17 luglio 2016 La ciclovia della Val Seriana Si sviluppa sul fondovalle lungo il corso del fiume Serio. Si tratta di una vera e propria strada bianca (tranne alcuni brevi tratti

Dettagli

Itinerario 13. Orgia, Itinerari del Museo del Bosco: La passeggiata del Conte, Il fiume, il Romitorio, le carbonaie

Itinerario 13. Orgia, Itinerari del Museo del Bosco: La passeggiata del Conte, Il fiume, il Romitorio, le carbonaie Itinerario 13 Orgia, Itinerari del Museo del Bosco: La passeggiata del Conte, Il fiume, il Romitorio, le carbonaie Museo del Bosco e della Mezzadria 1 - La passeggiata del Conte Km 1,5 tempo a piedi 40

Dettagli

PRO LOCO DI BOLCA Via S. Giovanni Battista 37030 Bolca VRwww.bolca.it

PRO LOCO DI BOLCA Via S. Giovanni Battista 37030 Bolca VRwww.bolca.it PRO LOCO DI BOLCA Via S. Giovanni Battista 37030 Bolca VRwww.bolca.it - tel. 346 5446353 I NUOVI SENTIERI NEL TERRITORIO DI BOLCA La Pro Loco di Bolca, aderendo alle richieste dei turisti di poter conoscere,

Dettagli

Rifugio Alpino Luigi Vaccarone Località Lago dell Agnello - Comune di Giaglione Quota 2743 m s.l.m. (Tel. + 39 0122 33 22 6)

Rifugio Alpino Luigi Vaccarone Località Lago dell Agnello - Comune di Giaglione Quota 2743 m s.l.m. (Tel. + 39 0122 33 22 6) Rifugio Alpino Luigi Vaccarone Località Lago dell Agnello - Comune di Giaglione Quota 2743 m s.l.m. (Tel. + 39 0122 33 22 6) Il Rifugio realizzato all inizio del 1900 si trova sulla spalla di un crestone,

Dettagli

5-3-01. Pratolungo-Sentiero 299-C. Praga-Sent E1-Sant. Montaldero-Arquata Scrivia. : Arquata Scrivia-Sentiero E1-C. Lavaggi- : 23-05-2013

5-3-01. Pratolungo-Sentiero 299-C. Praga-Sent E1-Sant. Montaldero-Arquata Scrivia. : Arquata Scrivia-Sentiero E1-C. Lavaggi- : 23-05-2013 : Arquata Scrivia-Sentiero E1-C. Lavaggi- Pratolungo-Sentiero 299-C. Praga-Sent E1-Sant. Montaldero-Arquata Scrivia 5-3-01 : 23-05-2013 : Da Genova Brignole con treno delle 8.20 e arrivo a Arquata Scrivia

Dettagli

Lombardia. Run The Top. Guida e GPS. www.regione.lombardia.it

Lombardia. Run The Top. Guida e GPS. www.regione.lombardia.it Lombardia Run The Top TRINCEE TRAIL Guida e GPS www.regione.lombardia.it Lunghezza: 21 km Dislivello: 1100 mt D+ Tecnicità: percorso che si sviluppa in gran parte lungo trincee di inizio secolo con diversi

Dettagli

Sentiero dei Quattro Parchi della Brianza

Sentiero dei Quattro Parchi della Brianza CLUB ESCURSIONISTI ARCORESI Via IV Novembre, 9 20043 ARCORE Tel. 039-6012956 cell. 3479471002 www.cea-arcore.com e-mail: cea-arcore@libero.it Sentiero dei Quattro Parchi della Brianza Sabato 27 ottobre

Dettagli

Speciale Trentino: Un attraversata d'altri tempi; dal Passo Grostè al lago Tovel - Eos Foto di ML 014 g

Speciale Trentino: Un attraversata d'altri tempi; dal Passo Grostè al lago Tovel - Eos Foto di ML 014 g Speciale Trentino: Un attraversata d'altri tempi; dal Passo Grostè al lago Tovel - Eos Foto di ML 014 g È una sgambata di oltre 15 km... lunga, non difficile, ma che richiede comunque una buona perseveranza...

Dettagli

TREKKING DEL "SELLARONDA"

TREKKING DEL SELLARONDA TREKKING DEL "SELLARONDA" Quattro giorni nel gruppo del Sella Da venerdi 2 a lunedi 5 settembre 2005 Il trekking si svolge nell'inconfondibile gruppo del Sella, nelle Dolomiti,caratterizzato dal grande

Dettagli

42 - MONTI TAIGETO (M. PROFITIS ILIAS) (sosta isolata, tende o rifugio che apre di rado)

42 - MONTI TAIGETO (M. PROFITIS ILIAS) (sosta isolata, tende o rifugio che apre di rado) 42 - MONTI TAIGETO (M. PROFITIS ILIAS) (sosta isolata, tende o rifugio che apre di rado) La più classica delle gite in montagna della Grecia davvero imperdibile e non difficile, merita tutta la sua fama:

Dettagli

Dolci Ricordi. Bed. Breckfast. Itinerario Partenza Arrivo Descrizione Difficoltà

Dolci Ricordi. Bed. Breckfast. Itinerario Partenza Arrivo Descrizione Difficoltà Bed & Breckfast Dolci Ricordi I tinerari a piedi Itinerario Partenza Arrivo Descrizione Difficoltà Maccagno - Rasa - Pradonico ( del ) Campo dei Fiori - Punta di Mezzo del - - San Francesco - Maccagno

Dettagli

CIMA MUTTA (2135 m s.l.m.) Interesse: panoramico Dislivello: 781 m Difficoltà: E (E+ per la variante principale di salita) Durata: 2h-2h30

CIMA MUTTA (2135 m s.l.m.) Interesse: panoramico Dislivello: 781 m Difficoltà: E (E+ per la variante principale di salita) Durata: 2h-2h30 CIMA MUTTA (2135 m s.l.m.) Interesse: panoramico Dislivello: 781 m Difficoltà: E (E+ per la variante principale di salita) Durata: 2h-2h30 Presentazione: escursione faticosa ma breve e di soddisfazione,

Dettagli

CLUB ESCURSIONISTI ARCORESI

CLUB ESCURSIONISTI ARCORESI CLUB ESCURSIONISTI ARCORESI Via IV Novembre, 9 20043 ARCORE Tel. 039-6012956 cell. 3479471002 www.cea-arcore.com ANELLO e-mail: cea.arcore@gmail.com DEL SORAPISS DOLOMITI Sabato Domenica Lunedì 14-15-16

Dettagli

Villa Peyron e le botteghe della pietra (Itinerario 1 ANPIL Montececeri)

Villa Peyron e le botteghe della pietra (Itinerario 1 ANPIL Montececeri) Villa Peyron e le botteghe della pietra (Itinerario 1 ANPIL Montececeri) Splendida escursione, fra vedute mozzafiato su Firenze, sulle pendici di Montececeri, la montagna della "pietra forte" e della "pietra

Dettagli

PERCORSI IN BICI. Percorso No. 1 CHIANTI - Radda e Volpaia

PERCORSI IN BICI. Percorso No. 1 CHIANTI - Radda e Volpaia PERCORSI IN BICI Percorso No. 1 CHIANTI - Radda e Volpaia Tipo di strada: paved, dirt Tipo di bicicletta: mountain bike, hybrid Per chi: Bike tourists, professional bikers Lunghezza: 18.43 km Dislivello:

Dettagli

Esplorando i Sentieri del Linas in MTB

Esplorando i Sentieri del Linas in MTB Esplorando i Sentieri del Linas in MTB di Francesco Pia IL Linas è una montagna affascinante, una montagna ricca di storia, una montagna che regala grandi emozioni a chi ha voglia e curiosità di scoprirne

Dettagli

Escursione dei sette laghi in Val Ridanna

Escursione dei sette laghi in Val Ridanna Escursione dei sette laghi in Val Ridanna TREKKING Durata Distanza 8:00 h 20.7 km Dislivello Altitudine Max 1440 m 2707 m Condizione Tecnica Avventura Paesaggio Selvaggio e intatto Il primo tratto ricalca

Dettagli

DESCRIZIONE PERCORSO Lago Maggiore International Trail (Km 52,6 D+ 2.971/D- 2.974)

DESCRIZIONE PERCORSO Lago Maggiore International Trail (Km 52,6 D+ 2.971/D- 2.974) LOCANDINA SENTIERISTICA: A.S.V. = Antica Strada della Veddasca; 3V = Via Verde Varesina; S.I. = Sentiero Italia TML = Tra Monti e Lago DESCRIZIONE PERCORSO Lago Maggiore International Trail (Km 52,6 D+

Dettagli

DA VARESE, CITTA GIARDINO, un escursione sulle Vie della fede

DA VARESE, CITTA GIARDINO, un escursione sulle Vie della fede (Itinerario e-bike n. 2) DA VARESE, CITTA GIARDINO, un escursione sulle Vie della fede Varese FAI Villa e Collezione Panza Sacro Monte Campo dei Fiori il Forte di Orino Durata 1 giorno Percorso: indirizzato

Dettagli

La Via Francigena. Tappa LA02 Da Bolsena a Montefiascone

La Via Francigena. Tappa LA02 Da Bolsena a Montefiascone Tappa LA02 Da Bolsena a Montefiascone La Via Francigena Partenza: Bolsena, Chiesa di S. Cristina Arrivo: Montefiascone, Rocca dei Papi Lunghezza Totale (): 18.3 Percorribilità: A piedi, in mountain bike

Dettagli

Sistemi Informativi Territoriali. Paolo Mogorovich www.di.unipi.it/~mogorov

Sistemi Informativi Territoriali. Paolo Mogorovich www.di.unipi.it/~mogorov Sistemi Informativi Territoriali Paolo Mogorovich www.di.unipi.it/~mogorov Nozioni di Cartografia Esempi di lettura di carte Tratto da La lettura delle carte geografiche di Aldo Sestini Firenze, 1967 1

Dettagli

Parco naturale Fanes Senes Braies: escursioni nella natura (1) Col Bechei de Sora (2794 m)

Parco naturale Fanes Senes Braies: escursioni nella natura (1) Col Bechei de Sora (2794 m) Parco naturale Fanes Senes Braies: escursioni nella natura (1) Col Bechei de Sora (2794 m) Dal rifugio Fanes al Ju de Limo ed al lago. La si svolta a sinistra (est) su un sentiero evidente, però non numerato,

Dettagli

Fig. 1 : La piazzetta di San Costantino,punto di partenza e di arrivo dell anello 7. Ref. : ap-2217.

Fig. 1 : La piazzetta di San Costantino,punto di partenza e di arrivo dell anello 7. Ref. : ap-2217. PERCORSO N 7 ANELLO ALL OMBRA DEL COCCOVELLO (San Costantino Carpineta Medichetta Palazzo di Rivello San Costantino). Lunghezza : 6.250 metri. Tempo di percorrenza (senza sosta) : ± 105 min. Difficoltà

Dettagli

Passeggiandoinbicicletta.it

Passeggiandoinbicicletta.it Passeggiandoinbicicletta.it Percorso ad anello da Mantova a San Benedetto Po, su pista ciclabile e lungo gli argini del Mincio e del Po. Partendo da Mantova, un ampio giro nella pianura Padana e sugli

Dettagli

COMPRENSORIO ALPINO PENISOLA LARIANA CONSUNTIVO ISTITUTI A REGOLAMENTAZIONE SPECIALE

COMPRENSORIO ALPINO PENISOLA LARIANA CONSUNTIVO ISTITUTI A REGOLAMENTAZIONE SPECIALE COMPRENSORIO ALPINO PENISOLA LARIANA CONSUNTIVO ISTITUTI A REGOLAMENTAZIONE SPECIALE Confini: Settori: il Comprensorio Alpino è delimitato a nord e sui due lati dalle acque del Lario; a sud dal confine

Dettagli

PROGRAMMA ESCURSIONI BIKE HOTEL ESTATE 2013 AREA COMMERCIALE APT VAL DI FASSA

PROGRAMMA ESCURSIONI BIKE HOTEL ESTATE 2013 AREA COMMERCIALE APT VAL DI FASSA PROGRAMMA ESCURSIONI BIKE HOTEL ESTATE 2013 AREA COMMERCIALE APT VAL DI FASSA 1 ESCURSIONI RISERVATE OSPITI BIKE HOTELS PRENOTAZIONE: Le escursioni vanno prenotate ai recapiti del Check Point: info@fassasport.com

Dettagli

La Via Francigena. Tappa TO04 Da Avenza a Pietrasanta

La Via Francigena. Tappa TO04 Da Avenza a Pietrasanta Tappa TO04 Da Avenza a Pietrasanta La Via Francigena Partenza: Avenza, Torre di Castruccio Arrivo: Pietrasanta, Duomo Lunghezza Totale (): 27.8 Percorribilità: A piedi, in mountain bike Tempo di percorrenza

Dettagli

PV-04 Lomellina, tra il Po e la pianura

PV-04 Lomellina, tra il Po e la pianura PV-04 Lombardia in bicicletta - Itinerari Partenza: Lomello, stazione ferroviaria Arrivo: Pavia, stazione ferroviaria Lunghezza Totale (km): 51.5 Percorribilità: Bici ibride (city-bike) e Mountain Bike

Dettagli

Alta Via dell'adamello

Alta Via dell'adamello Alta Via dell'adamello L alta via dell Adamello è uno splendido percorso di trekking che si sviluppa in sette tappe, a quote comprese fra i 2000 e i 3000 metri, attraversando da sud a nord la zona del

Dettagli

Viaggio in macchina circa 4 ore. In auto

Viaggio in macchina circa 4 ore. In auto Relazione 1 Giorno Da Vimodrone al Rifugio Vitale Giacoletti Viaggio in macchina circa 4 ore In auto Da Saluzzo si risale la Valle Po, toccando Paesana, località che da Torino si raggiunge anche con l'autostrada

Dettagli

Dal rifugio Baranci verso Val Campo di Dentro

Dal rifugio Baranci verso Val Campo di Dentro Dal rifugio Baranci verso Val Campo di Dentro Sfruttiamo gli impianti che ci portano a 1500 m al rifugio Baranci. Ci avviamo ai piedi del maestoso massivo della Rocca dei Baranci verso il rifugio Tre Scarperi

Dettagli

Club Alpino Italiano. Monte Rotondo dal Santuario di Macereto. Monti Sibillini. Ussita. 1150 m 15 km. 5 h (senza soste)

Club Alpino Italiano. Monte Rotondo dal Santuario di Macereto. Monti Sibillini. Ussita. 1150 m 15 km. 5 h (senza soste) Monte Rotondo dal Santuario di Macereto Monti Sibillini DATA ESCURSIONE: 29 Giugno 2015 ORA PARTENZA: 8.30 RITROVO: DISLIVELLO: DISTANZA: DIFFICOLTA TECNICA: Ussita 1150 m 15 km EE DURATA: ACCOMPAGNATORE:

Dettagli

Monte Kilimanjaro Climbing Safari

Monte Kilimanjaro Climbing Safari Monte Kilimanjaro Climbing Safari Si consiglia la via Lemosho per l'arrampicata Monte Kilimanjaro, il percorso non è così comunemente usato ed è più difficile che gli itinerari turistici tipici per la

Dettagli

Sabato 02 Domenica 03 Aprile 2011

Sabato 02 Domenica 03 Aprile 2011 Sabato 02 Domenica 03 Aprile 2011 Percorso iper-classico del Gruppo dell'adamello. L'itinerario inizia in discesa grazie agli impianti del Tonale che permettono un comodo accesso al Passo Presena. Tipologia:

Dettagli

Villaggi Walser a due passi dal Cielo

Villaggi Walser a due passi dal Cielo Martedì 7 Luglio Villaggi Walser a due passi dal Cielo I Walser, popolo di coloni contadini dissodatori, arrivò nel medioevo nell alta Valle di Gressoney, allora disabitata, attraverso il Monte Rosa fondando

Dettagli

Presentazione creata da Antonino Oddo A.N.E. Grafica by Thor Software

Presentazione creata da Antonino Oddo A.N.E. Grafica by Thor Software Presentazione creata da Antonino Oddo A.N.E. Grafica by Thor Software La teoria senza la pratica è inutile, la pratica senza la teoria è pericolosa. - Lao Tzu - È molto importante pianificare bene le vostre

Dettagli

Trekking nel Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano

Trekking nel Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano Itinerario di affascinante bellezza per cogliere in pieno le bellezze geologiche e botaniche del luogo, dove il Monte Cervati, il gigante domina da un lato il Vallo di Diano e dall altro la costiera cilentana.

Dettagli

Trekking per il Monte Rosso - Roteck

Trekking per il Monte Rosso - Roteck Trekking per il Monte Rosso - Roteck TREKKING Durata Distanza 11:00 h 21.7 km Dislivello Altitudine Max 2250 m 3333 m Condizione Tecnica Avventura Paesaggio La punta più elevata del gruppo di Tessa Escursione

Dettagli

VALNONTEY - RIFUGIO "SELLA" CASOLARI DELL'HERBETET (giro ad anello)

VALNONTEY - RIFUGIO SELLA CASOLARI DELL'HERBETET (giro ad anello) VALNONTEY - RIFUGIO "SELLA" CASOLARI DELL'HERBETET (giro ad anello) Finalmente. E tanto tempo che sento parlare di questo giro ad anello (Valnontey, Rifugio Sella, casolari dell Herbetet, Valnontey) che

Dettagli

PV-01 La Lomellina tra Pavia e Vigevano

PV-01 La Lomellina tra Pavia e Vigevano PV-01 Lombardia in bicicletta - Itinerari Partenza: Pavia, stazione ferroviaria Arrivo: Vigevano, stazione ferroviaria Lunghezza Totale (km): 42.1 Percorribilità: Biciclette di qualsiasi tipo eccetto bici

Dettagli

1. Schenna Riffianerweg Saltaus St. Leonhard ritorno. 2. Schenna Castel Goyen Castel Labers Fragsburg Greiterhof ritorno

1. Schenna Riffianerweg Saltaus St. Leonhard ritorno. 2. Schenna Castel Goyen Castel Labers Fragsburg Greiterhof ritorno Itinerari in MTB 1. Schenna Riffianerweg Saltaus St. Leonhard ritorno Dal piazzale del paese, il sentiero asfaltato Riffianerweg ci conduce in leggera discesa al Waalerhaus al Labboden. Il percorso si

Dettagli

Le passeggiate di GAVI NANA a cura di Fabio Mesti e Roberto Recati

Le passeggiate di GAVI NANA a cura di Fabio Mesti e Roberto Recati COMUNE DI SAN MARCELLO ASSESSORATO AL TURISMO Le passeggiate di GAVI NANA a cura di Fabio Mesti e Roberto Recati Foto di Domenico Fini Situata sulle pendici del monte Crocicchio, tra foltissimi boschi

Dettagli

DESCRIZIONE PERCORSO. Pizzegoro. Montagnole alte

DESCRIZIONE PERCORSO. Pizzegoro. Montagnole alte DESCRIZIONE PERCORSO 1 GIORNO. Arrivati a Schio via treno, saliremo con un pulman fino a località Recoaro Mille (1015 msl), Comune di Recoaro Terme. La Conca di Pizzegoro è una vasta area adibita a pascolo

Dettagli

Trekking per la Cima della Neve - Schneespitze

Trekking per la Cima della Neve - Schneespitze Trekking per la Cima della Neve - Schneespitze TREKKING Durata Distanza 9:00 h 13.5 km Dislivello Altitudine Max 1730 m 3167 m Condizione Tecnica Avventura Paesaggio Verso la croce in vetta Fra vedrette

Dettagli

Attraverso la valle del Cogena- Comunalie interessate : Gorro. Lunghezza: Durata media:4 ore e 30 minuti Livello di difficoltà: Medio

Attraverso la valle del Cogena- Comunalie interessate : Gorro. Lunghezza: Durata media:4 ore e 30 minuti Livello di difficoltà: Medio Attraverso la valle del Cogena- Comunalie interessate : Gorro Lunghezza: Durata media:4 ore e 30 minuti Livello di difficoltà: Medio Tra rupi ofiolitiche e boschi lussureggianti le limpide acque del torrente

Dettagli

ATTIVITÀ DI ESCURSIONISMO - LUGLIO 2015 -

ATTIVITÀ DI ESCURSIONISMO - LUGLIO 2015 - ATTIVITÀ DI ESCURSIONISMO - LUGLIO 2015 - Per informazioni e prenotazioni: http:///iscriversi.html Email: info@friultrekandtrout.com - Cellulare: 3453597254 PER POTER PARTECIPARE ALLE SINGOLE ATTIVITÀ

Dettagli

AD01 - L'Adda e il naviglio di Paderno

AD01 - L'Adda e il naviglio di Paderno AD01 - L'Adda e il naviglio di Paderno Partenza Arrivo Lunghezza totale Categoria Tipo di bicicletta consigliato Tempo di percorrenza in bici Dislivello in salita Dislivello in discesa Quota massima Difficoltà

Dettagli

La Via Francigena. Tappa TO11 Da Monteriggioni a Siena

La Via Francigena. Tappa TO11 Da Monteriggioni a Siena Tappa TO11 Da Monteriggioni a Siena La Via Francigena Partenza: Monteriggioni, Piazza Roma Arrivo: Siena, Piazza del Campo Lunghezza Totale (km): 20.5 Percorribilità: A piedi, in mountain bike Tempo di

Dettagli

La Via Francigena. Tappa TO09 Da Gambassi a S. Gimignano

La Via Francigena. Tappa TO09 Da Gambassi a S. Gimignano Tappa TO09 Da Gambassi a S. Gimignano La Via Francigena Partenza: Gambassi Terme, chiesa Cristo Re Arrivo: San Gimignano, Piazza della Cisterna Lunghezza Totale (): 13.4 Percorribilità: A piedi, in mountain

Dettagli

Azzerare il contachilometri

Azzerare il contachilometri Percorso: I Castelli in Langa. Alba (San Cassiano), S. Rosalia, Fraz. Borzone, Castello di Grinzane, Valle Talloria, Vigne della Tenuta Fontanafredda, Sorano, Baudana, Castello Serralunga d'alba, Valle

Dettagli

www.adrianoingiro.it 2011_09 MERANO IN BICI.doc 1

www.adrianoingiro.it 2011_09 MERANO IN BICI.doc 1 CAMPER E BICI 16-17-18 SETTEMBRE 2011 - MERANO - LA CICLABILE MALLES VENOSTA MERANO - SOLO DISCESA - www.adrianoingiro.it 2011_09 MERANO IN BICI.doc 1 PROPOSTA DI VIAGGIO venerdì 16 settembre: Partenza

Dettagli

Descrizione delle escursioni nel Parco Naturale Tre Cime. Indicazioni generali:

Descrizione delle escursioni nel Parco Naturale Tre Cime. Indicazioni generali: ESCURSIONI NATURALISTICHE NELL ANNO 2015 Parco naturale TRE CIME Parco naturale FANES-SENES-BRAIES Con gli accompagnatori ufficiali ficiali del parco naturale Prenotazione e informazioni: Associazione

Dettagli

ORGANIZZA. Dal 25 al 29 luglio. Trekking di 4 giorni da rifugio a rifugio nelle Pale di San Martino di Castrozza

ORGANIZZA. Dal 25 al 29 luglio. Trekking di 4 giorni da rifugio a rifugio nelle Pale di San Martino di Castrozza ORGANIZZA Dal 25 al 29 luglio Trekking di 4 giorni da rifugio a rifugio nelle Pale di San Martino di Castrozza prenotazioni entro e non oltre il 15 giugno con versamento della quota di. 150.00 La quota

Dettagli

BOSCHI E UOMINI IN VAL CHIARINO Escursione storico naturalistica Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga

BOSCHI E UOMINI IN VAL CHIARINO Escursione storico naturalistica Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga BOSCHI E UOMINI IN VAL CHIARINO Escursione storico naturalistica Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga 3 Aprile 2005 - Quota: 16,50 euro La Val Chiarino, coperta da una foresta tra le più estese

Dettagli

Da Brescia a Paratico Km.30

Da Brescia a Paratico Km.30 Da Brescia a Paratico Km.30 Lunghezza: Km 30 Tempo di percorrenza: Circa due ore e trenta Andamento: Aperto Fondo: Asfalto e sterrato Tipo di bicicletta:: City bike, da strada, Mtb Grado di difficoltà:

Dettagli