Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1

2 Narrando vol. 1

3

4

5 Narrando... vol. 1

6

7 Indice I Una finestra sul passato... pag. 8 di Ahzrarn estratto dalla quest [Unicorno] Verso il mare...» 16 di Bèneal estratto dalla quest [Incontri - Ricordi] I quattro stadi della consapevolezza...» 19 di Boda estratto dalla quest [Tela di Ragno] Cronache...» 29 di Iluvë-Kelu-Lûm racconto libero Danza di Sole ke Nasce...» 41 di Eurk e Misty estratto dalla quest [Sublimazione e Vendetta] Sublimazione...» 46 di Eurk e Misty estratto dalla quest [Sublimazione e Vendetta] L ultima fuga...» 52 di Everdark estratto dalla quest [Soldati] Mi hanno dato due ore...» 55 di Lenna estratto dalla quest [Scelte - I Coltelli] Nuova vita...» 57 di Minokin estratto dalla quest [Tela di Ragno] Risveglio...» 60 di Minokin estratto dalla quest [Tela di Ragno] Strane melodie...» 67 di Misty e Kaeel racconto libero [Locanda del Destino] Ricordi...» 72 di Misty estratto dalla quest [Unicorno] Ama!...» 75 di Kilian racconto libero L altro lato della medaglia...» 77 di Meister racconto libero Il secondo scontro ha inizio...» 79 di Kilian estratto dalla quest [Unicorno] Gli occhi di Agathor...» 82 di Kilian estratto dalla quest [Unicorno] 7

8 Una finestra sul passato di Ahzrarn Ahzrarn è da poco stato trasferito su Alar dal suo mondo a causa di una maledizione scagliatagli addosso dai Guardiani degli Elementi per aver fallito una delle prove determinanti del rituale degli Uhndrashi. Viene salvato da Uhlume, un uomo misterioso dalla carnagione scura che gli ha offerto di viaggiare insieme a causa di un amnesia che Ahzrarn sta sperimentando. I due si sono ora fermati in un piccolo villaggio appena a sud della Grande Distesa di Althour; mentre Uhlume dialoga con lo sciamano, Ahzrarn sta assistendo ad una danza rituale. Il tutto è all interno di un ricordo che si riaffaccia nella memoria di Ahzrarn, mentre sta per commettere il sacrificio necessario per provare la sua lealtà a Kalaham, un demone che infesta la palude di Draw Hove. Il resto della storia fa parte della saga Unicorno. Decine di corpi nudi, vestiti solamente di un corto cingi lombi di pelliccia, stavano danzando attorno ad un ruggente ed immenso fuoco, le espressioni contratte in una smorfia di concentrazione e fervore. Uomini dai muscoli lucenti di sudore, coperti da un complicato intreccio di tatuaggi, compivano spettacolari salti mortali attraverso le fiamme, senza la minima esitazione; totalmente persi nel ritmo travolgente dei tamburi. Donne dai lunghi capelli neri, danzavano sensualmente scuotendo il bacino e i lombi, anch esse muovendosi ritmicamente al suono cupo e sordo. Il grande falò scoppiettava allegramente, mandando centinaia di ardenti braci a volteggiare nell aria pungente. Trasportato dalle onde sonore e dai fumi narcotizzanti che si spandevano da decine di bracieri posti intorno al falò, Ahzrarn si alzò e cominciò a danzare selvaggiamente insieme agli abitanti del villaggio, dimenticando ogni cosa, fondendo la propria mente nell atmosfera dal sapore onirico di quella sera. Uhlume, avvolto in una macchia di oscurità, contemplava pensoso il giovane ormai mescolato ai ritualisti. Seduto di fianco a lui, lo sciamano fissava sereno in direzione del falò, beandosi dell energia spirituale che veniva sviluppata da quella rappresentazione di fede. - Shenar, cosa percepisci? Il mistico piantò gli occhi vecchi e stanchi in quelli di Uhlume, sormontati da un paio di candide sopracciglia, le quali ne enfatizzavano la profondità dello sguardo. 8

9 - Remoti sono i tempi nei quali si perdono le radici della sua storia, Maestro, un epoca passata e ormai dimenticata, quando ancora la vasta creazione era dominata dal caos primordiale. Il caos... corpi senza forma che cozzano uno contro l altro nel vuoto siderale. - La sua anima è così antica? rispose con voce atona l uomo. - Vari fili del Karma si intrecciano in lui, egli non è una vita sola per un unica anima, egli è una vita divisa in due destini... Lo sciamano prese da terra un bastone cavo, munito di un fornello all estremità e carico di foglie essiccate al sole. Lentamente, scandì una frase in una lingua arcana, al termine della quale, il fornello si fece rosso e ardente. Placidamente, il vecchio mistico aspirò una lunga boccata, spandendo poi lo spesso ed aspro fumo nell aria. - Egli non è di questo creato, lotte in seno all equilibrio precario del suo mondo lo hanno bandito, forse per sempre, dalle sue terre natali. Uhlume gettò uno sguardo distratto ad Ahzrarn, sempre immerso nella magica danza rituale. - Sento di non poter esercitare la mia influenza su quell essere. Quale che sia il suo destino, il luogo del suo riposo eterno non si trova qui. Disse Uhlume a voce bassa. Il vecchio sacerdote tribale aspirò un altra boccata dal bastone ardente. - Confuso e pericoloso è il suo tragitto, oscurati dalle menzogne saranno i suoi occhi, grandi saranno le sue sofferenze... le prove di una vita vissuta due volte... Uhlume chiuse gli occhi, fondendo la propria mente con la notte. - Quale legame lo mantiene qui? Lo stregone depose il suo bastone e fissò per un momento il grande fuoco, smarrendosi per un attimo tra le sue fiamme. - Una grave colpa grava sulla sua anima, ciclo di secoli e secoli di incarnazioni insieme ad altri fratelli... Lo spirito vacante ha trovato un guscio di carne in lui, al momento del suo passaggio tra le due dimensioni. Il vecchio mistico fece una pausa significativa. - Ora vivrà ricordando e dimenticando eventi che furono, intrecciando i tenui e sottili legami presenti nei due passati, Uhndrashi in uno e Rosa nell altro. Pericolosa è la mescolanza delle due esistenze, s impone una scelta. Uhlume riaprì gli occhi e volse nuovamente lo sguardo sul giovane, studiandolo. - Dimmi, Shenar, esiste una soluzione? - Una scelta è necessaria: Rosa o Uhndrashi? Così come vita e morte si rincorrono e non si incontrano che per un misero e intenso attimo, così le due sue esistenze dovranno divenire, sorelle gemelle senza alcuna consapevolezza dell esistenza dell altra. Uhlume si chiuse in un silenzio riflessivo e meditabondo. Lo sciamano, chiuse gli occhi ed entrò in comunione con la Natura, mentre il rituale arrivava al culmine della potenza spirituale. 9

10 - Uomo... non è forse la Morte stessa a decidere della tua Vita? Destino beffardo, conduci un gioco crudele su questo giovane, sospendendolo in bilico fra due esistenze. - La scelta è compiuta, dunque, solo colui che porta il fardello di una vita intensa può decidere quali sofferenze affrontare in attesa della sua inevitabile ed ineluttabile Ora... - La mia guida mi ha donato un ultima illuminazione, Signore dell Eternità. Presto giungerà il momento della mia partenza dal mondo dei vivi verso il tuo reame, mio signore. Attenderò con serenità questo momento, intensa è stata la mia vita, pieno di ricordi e senza rimpianti mi appresto a varcare le soglie per l ultimo viaggio della mia stanca anima. Uhlume annuì maestosamente, un espressione di calore che gli inumidiva gli occhi color dell ossidiana. - Ci vedremo presto, custode di segreti dimenticati. Detto questo, l imponente Uhlume si alzò da terra e, a passi lenti e misurati, uscì dalla macchia scura che avvolgeva come un manto il corpo dello sciamano. Proprio nel culmine del rito, Ahzrarn si era sentito come richiamato alla realtà, come se venisse strappato dal mondo onirico che stava attraversando, smarrito nell estasi del ballo. Aveva sentito la voce del vecchio sciamano sussurrargli qualcosa, mentre riprendeva consapevolezza del suo corpo e della sua mente, tornando a essere un individuo singolo e non l unione di molti che provavano una sensazione comune. Si era sentito osservato alle spalle, studiato, sviscerato e messo a nudo. Una sensazione che lo aveva messo a disagio immediatamente, perciò si era voltato per scoprire l origine di quello sguardo, incontrando le iridi color ossidiana di Uhlume. Una luce diversa dalla solita spensieratezza animava gli espressivi e penetranti occhi, enfatizzati dalle bianche sopracciglia; era come se, di colpo, il calore umano che vi aveva visto quando li aveva scorti la prima volta, fosse stato aspirato via del tutto, lasciando solo una cinica indifferenza. Il giovane, ancora immobile in mezzo alla calca, sentì il desiderio di avvicinarsi a quello strano uomo, nonostante avvertisse la gelida morsa della paura nello stomaco, urlandogli di voltarsi e fuggire. Non lo fece, si sentiva attratto dall imponente figuro, quindi, lentamente, mosse i primi passi in sua direzione. Agitato, Ahzrarn arrivò dirimpetto all uomo dalla pelle color ebano e si fermò. Con un improvviso scatto, sempre senza togliere gli occhi da quelli del giovane, Uhlume lo avvolse nello spesso mantello nero....il silenzio... La sensazione di planare dolcemente verso il basso, sospinto da un venticello caldo e rassicurante....affondo... nella notte... 10

11 Scivolava sempre più in basso, cullandosi nella morbidezza del mantello spesso e accogliente che lo copriva del tutto....shhhhh... - Luce... mormorò il giovane, sdraiato sulla nuda roccia, aprendo gli occhi. Si trovava su un immenso pianoro roccioso spazzato da un vento desertico, carico di sabbia grigiastra. Si alzò lentamente, volgendo lo sguardo al cielo. - Polvere? Al posto del cielo e del sole vi era una distesa di polvere grigia, compatta, dall aspetto solido. - Che fine ha fatto la festa? Il ricordo del mantello morbido e caldo dell uomo quietò la sua crescente agitazione, facendolo rimanere lucido. Calma... da quando sono giunto in questo mondo me ne sono già successe di tutti i colori, ma questa le supera tutte! pensò, iniziando a passeggiare nervosamente sulla roccia brunastra; una folata di vento gli sbatté in faccia una miriade di granelli di sabbia grigia, costringendolo a socchiudere gli occhi e a voltarsi. Imprecando, si terse il viso con il dorso della mano, poi se la pulì sulla strana tunica color azzurrino pallido che lo Spirito dei Ghiacci gli aveva donato per sopravvivere al freddo della valle nella quale si era risvegliato. I miei poteri... chissà se posso appellarmi ad un Elemento? Ahzrarn chiuse gli occhi e stese le braccia lungo i fianchi, poi, si lasciò scivolare lentamente al suolo, stendendovisi, la mente rivolta dentro a se stesso, cercando di visualizzare la propria scintilla vitale. Una luce color turchese pulsava nel profondo della sua anima, gettando una sfumatura blu oltremare su di una rosa nera, fiorita. Il ricordo di quel fiore fece vacillare la sua concentrazione, spezzando la ragnatela di energie che stava intessendo intorno a sé, alla ricerca di una fonte elementale. - Comprendi, Figlio della Vita, la mia incertezza nei tuoi confronti? La voce di Uhlume, gelida quanto l acqua di sorgente, raggiunse le sue orecchie, facendolo sobbalzare. Acqua della stessa tonalità della luce vista nel suo viaggio introspettivo gli lambiva le caviglie sommergendole ritmicamente. Sorpreso, Ahzrarn si rese conto di trovarsi disteso in una spiaggia di ghiaia, di fronte a sé, un immenso oceano si perdeva nell orizzonte. - Ma dov è? In risposta al suo pensiero, Uhlume apparve di fronte a lui, il lungo mantello nero che danzava nel vento scopriva completamente la corazza di cuoio dalle tonalità del viola e dell oro, colori regali e ridicoli, comuni a dèi e giullari. Nella mano sinistra, stringeva la sua grossa mazza animata da una luce caleidoscopica. Fu una visione che tolse il respiro ad Ahzrarn: mai aveva visto una simile maestosità, sembrava quasi che l intero universo trattenesse il fiato, in sua presenza. 11

12 Goffamente, il giovane si alzò in piedi, ma le gambe gli cedettero, facendolo cadere in ginocchio. - D... dove siamo? chiese con voce esitante e rotta dall emozione, dopo aver trovato finalmente la forza di proferir parola di fronte alla temibile figura. - Nel mio Regno, fu la risposta. Le labbra non si sono mosse, eppure lui ha risposto... sembra che questo luogo sia parte del suo essere... - Chi sei? disse Ahzrarn, riprendendosi dallo shock iniziale. - Sono la Fine. Qualcosa di freddo e viscido stava risalendo lungo la spina dorsale del ragazzo, bloccandogli i muscoli. L imperiosa voce proseguì - Ahzrarn Vom Vazdru. Sentendo il proprio nome pronunciato con tanta maestosità, il giovane ritrovò parte della propria baldanza. Il ragazzo si levò in piedi, sfidando Uhlume. - Perché sono qui? chiese con voce dura. - Devi scegliere la strada che ti condurrà alla morte. La voce aveva un tono di distaccato disinteresse, un tono che Ahzrarn giudicò terrificante. Quali esseri potevano parlare con tale indifferenza della morte senza subirne le implicazioni? Solo coloro che non ne sono soggetti fu la prima risposta che gli venne in mente. Oppure... Un pensiero sconvolgente stava facendosi strada nel cervello del ragazzo, un pensiero che poteva condurlo alla follia. E se fosse...? Scosse la testa con violenza, volendo cacciare quell assurdità No, non è possibile, assolutamente... eppure... Ahzrarn fissò Uhlume, con la tacita domanda negli occhi. - Azrael è il mio nome; un tempo fui Aceldama; Uriel, per taluni; menestrelli e bardi cantano anche di me, l Angelo della Notte Eterna, il Triste Mietitore... La voce rimase in sospeso, vibrando. -...la Morte, colui che sono. Ebbe l effetto di un maglio scagliato a potenza inverosimile dritto in fronte ad Ahzrarn, la testa iniziò a vorticargli furiosamente, esplosioni di colori lo accecavano, stordendolo. Cadde a terra con le mani avanti, poi ebbe un conato e vomitò bile, essendo digiuno; l aspro e mefitico sapore lo riportò alla realtà, una realtà da cui avrebbe voluto fuggire. 12

13 - La Morte!!! La Morte mi ha portato con sé! - Vazdru, non sei qui per vagare nel Giardino Eterno. Ahzrarn alzò la testa, fissando Uhlume negli occhi. - Rosa o Uhndrashi? Scegli, affinché il percorso che ti porterà al mio cospetto sia chiaro ai miei occhi! La voce divenne dolce, come quella di un padre che parla al proprio figlio. - Cucciolo di uomo, la Morte stessa ti concede la facoltà di decidere la tua Vita, il Destino così ha decretato. - Ma come posso scegliere se non ne conosco i rischi? Il tono divenne tagliente come la lama di un rasoio. - Qualunque sia la tua scelta, io ti avrò. Ahzrarn sussultò. - Quanto tempo ho per scegliere? - Il sole galoppa verso i confini del mondo, apprestandosi a sorgere nel mondo degli uomini. Affrettati: la luna è mia compagna e amante e grazie ad essa posso lasciarti sospeso fra me e la mia gemella; ma quando il primo raggio di sole illuminerà il tuo corpo, ogni tuo respiro diverrà un rantolo e uno spasmo e allora ci incontreremo, figlio mio; sarai Figlio della Morte. Parole che mozzarono il respiro ad Ahzrarn. - Osserva, vivente, quale destino si appresta a ghermire il tuo corpo, spogliando la tua anima... Uhlume indicò il soffitto di polvere con la grossa mazza. -...esseri viventi che si riuniranno finalmente in un lungo abbraccio, le differenze che li avevano allontanati da vivi, qui perdono significato. Vi era una strana pace interiore in Ahzrarn, non aveva più paura, la mente si spianò, concedendogli di pensare al massimo della sua lucidità, quasi non fosse parte della decisione che stava per prendere... una scelta che avrebbe influenzato la sua intera vita appena agli inizi. - È forse questo, il segreto della Morte? Quali distrazioni possono occupare la mia mente, ben sapendo che nella Morte non vi è differenza fra vincitori e vinti, fra nobili e reietti? La voce profonda e cavernosa disse: - Se tu vivi in attesa della morte, per cosa muori in attesa della vita? - Si... io vivo in attesa di morire, ma se nella morte non ci sono valori per cosa combatto? - Vivi... - Vivo... vivo per morire, muoio per cosa? - Morire per vivere? - Morire per aspettare di vivere? - Muori... 13

14 - Morire... morire per concludere la mia vita, per riposare dopo aver combattuto e vinto... - Attendi... - Attendere... che cosa attendo dalla morte alla vita? Che cosa attendo dalla vita alla morte? - L ideale... L IDEALE! - Vivo in attesa di morire e la mia vita muore attendendo la vita che l ideale mi può donare... - Ma questo può voler dire che la Morte... - Scegli! L alba chiede il diritto di regnare sulla terra. Ahzrarn strinse gli occhi, riducendoli a due fessure: aveva preso la sua decisione. - Scelgo l oblio... Uhlume agganciò la mazza dietro la schiena e si mise a braccia conserte, fissandolo. - Voglio poter costruire il mio destino scelta per scelta, giorno per giorno, combattendo con il fato... nessuna strada voglio preclusa, né Rosa né Uhndrashi, sarà la mia Vita a decidere quale Morte mi condurrà a te, Padre. Ahzrarn s inginocchiò al cospetto di Uhlume, onorandolo come ogni Elemento onora il proprio opposto, offrendogli la propria anima. - La Morte ti è testimone, Ahzrarn Vom Vazdru, nessuna tavoletta del destino verrà scolpita con il titolo d Uhndrashi, nessuna pelle di agnello recherà scritto Rosa innanzi al tuo nome. Il giovane si sentì stringere alla bocca dello stomaco, la solennità di quelle parole lo aveva colpito nell intimo, scolpendole nella sua anima. - Viaggerai ancora con me, nel mondo degli uomini, laddove il filo del tuo destino s intreccia con quello della Rosa? Ahzrarn rimase sorpreso dalla domanda, effettivamente si stava chiedendo che cosa ci facesse la Morte in giro per il mondo degli uomini, sotto mentite spoglie. - Si... ma... non riuscirò a dimenticare quanto è successo qui... mi ha sconvolto troppo. Confessò il giovane. - Non avrai memoria di me, né della tua scelta. La Morte non è data a comprendere ai vivi, fino a quando calcherai il mondo di carne e sangue, il nostro incontro verrà obliato dalla tua mente. Ahzrarn fece per rispondere, ma la voce imperiosa di Uhlume lo interruppe: - Se rimembrerai ciò che quivi hai veduto, vorrà dire che la Morte starà sfiorandoti... Accadrà, giovane uomo, accadrà quando la tua vita sarà prossima al termine, quando troverai finalmente la risposta... Ahzrarn annuì, non sapendo più cosa chiedere al regale figuro posto di fronte a sé. 14

15 - Vieni a me ora, torneremo nel mondo a cui appartieni e nel quale io sono un semplice osservatore. Il ragazzo si avvicinò al possente corpo di Uhlume, il quale lo avvolse nel suo mantello. Il soffio del Vento Eterno... Lo sciabordio del Mare delle Anime......Il Regno dei Morti. 15

16 Verso il Mare di Bèneal In una torrida mattina di Lysida, di un tempo perduto nella memoria, una ragazzina di stirpe elfica esaminava il corso del fiume Morgon. Sostò un poco incerta sul da farsi, poi aiutandosi col tacco sfilò gli stivali che abbandonò sull erba, rivoltò i pantaloni alla bene e meglio e si sedette sulla riva sfiorando con i piedi la superficie. Distrattamente iniziò a tuffare le punte sollevando spruzzi e minuscole perle d acqua le bagnarono le caviglie. Quel giorno Neàniel aveva ricevuto visite, un giovane gnomo di Upr-Cormr che chiedeva di essere introdotto nella società druidica. - Non vorrei che ti annoiassi piccola mia. La solita goffa scusa con cui la allontanava quando doveva discutere di faccende riservate. Bèneal aveva ormai concluso che per quanto accorte fossero le sue manovre non sarebbe riuscita ad origliare di nascosto perché sempre il druido la sorprendeva chiedendole se avesse smarrito la via o se fosse inciampata nello stelo di un fiore. Sbuffando si incamminò ma prima di sparire tra gli alberi rivolse un ultima torva occhiata all incomodo ospite: non tollerava che perfetti sconosciuti condividessero con Neàniel una sfera che a lei era preclusa. Vi era una precisa armonia nelle loro giornate, una dedizione reciproca che nessun altro avrebbe compreso. Quel vecchio, dagli occhi vivi come braci e dalla barba grigia come un passato sbiadito, era l unica persona che abitasse il cuore dell elfa, per lui nutriva un affetto innocente e possessivo come spesso accade a chi abbia disimparato i sentimenti. Ciaf... Ciaf... Bèneal giocava con i piedi nel fiume, la mente acerba intenta a rimuginare, quando un confuso allarme pizzicò i suoi sensi, percepì correnti inquiete di cui, suo malgrado, temeva di conoscere la causa. Seguì in trasparenza la pinna argentea di un luccio che guizzava incalzato dal Terrore stesso e la rabbia che ne seguì la fece scalciare sull acqua, inzuppando il fondo dei calzoni. Svelta la ragazzina si alzò in piedi e sistemò i vestiti, lo sguardo vagava intorno come in cerca di un ispirazione finché baluginò di piacere posandosi su una ninfea bianca appena sbocciata. La colse con le dita sottili e, specchiandosi nella superficie del fiume, la appuntò a destra tra le ciocche rosse, sorridendo compiaciuta alla sua immagine riflessa. Ci volle poco per risalire la corrente, seguendola lungo la sponda, pochi nervosi minuti durante i quali la sua mente ribollì di rabbia. Giunse alla meta nell attimo preciso in cui la fiocina calò sul fondo, la vide risalire accompagnata dagli ultimi spasmi della preda e vide le squame bril- 16

17 lare sotto il sole del mattino. I pugni si contrassero spingendo le unghie nella carne fino a farle male - Quanto sono disgustosi gli uomini pensò ma si costrinse a mantenere la calma per la buona riuscita della sua piccola recita. Inspirando a fondo si avvicinò all inconsapevole spettatore, studiandolo per capire con chi avrebbe avuto a che fare e fino a che punto si sarebbe potuta spingere. Per fortuna era solo un ragazzetto, forse appena più grande di lei se si fossero rapportati gli anni elfici con quelli umani. Ridacchiava eccitato per la gloriosa impresa, con un espressione ebete impressa sul viso. - Oh! Bèneal si sforzò di modulare nella voce un finto stupore. - Sei stato rapidissimo, disse mentre avanzava verso di lui. Il ragazzo sollevò lo sguardo dal suo trofeo e si ritrovò davanti una graziosa elfa che gli sorrideva ammirata. Per una volta Tyr doveva essersi ricordato di lui perché era davvero la sua giornata fortunata! O se non altro questi furono i suoi ingenui pensieri. Bèneal piegò il capo da un lato, arrotolando una ciocca di capelli intorno alle dita. Il ragazzetto la fissava senza reagire, strofinando le mani contro la casacca per asciugare il sudore, lentamente come ipnotizzato dall elfa e dai suoi grandi occhi grigi. Non era difficile supporre che per la prima volta una qualsiasi creatura femminile si stesse interessando a lui. - C... Ciao, balbettò deglutendo a fatica quando lei era ormai a pochi passi. Un evidente stato di confusione gli impediva frasi appena più articolate, tutto ciò che riuscì a fare quando la ragazza gli fu davanti fu allungare una timida mano verso la ninfea che le adornava i capelli. Solo quando sentì la seta dei petali sotto la pelle ruvida il giovane parve ridestarsi e si ritrasse pentito, abbassando lo sguardo sull erba umida su cui giaceva l arpione che, chissà quando, gli era scivolato dalle mani. - Scusami, disse grattandosi la nuca imbarazzato, gli occhi ancora bassi. Bèneal gli sollevò il mento con l indice costringendolo a guardarla dritta in viso, lo sentì tremare sotto il suo tocco lieve. Poi indicò il pesce morente e gli chiese con un sorriso, stavolta più inespressivo: - È stato divertente? - Per la barba di Tyr! Sì che è divertente! Ma bisogna avere dei bei riflessi... esclamò il giovane non lasciandosi sfuggire una facile occasione di vanto. L elfa era così bella, il suo corpo così vicino che gli sembrava di non capire più nulla, senza contare la vena sulla tempia che aveva iniziato a pulsargli forte per l eccitazione. D un tratto gli venne un idea, un poco sfacciata doveva ammetterlo, ma che lo fece sentire piacevolmente furbo: - Potrei insegnarti... Forse, in quella giornata voluta per lui dagli dèi, si sarebbe sentito davvero un vincente, fino in fondo. L elfa, curiosamente, lo squadrò dall alto in basso e senza apparente ragione scoppiò in una lunga rumorosa irritante risata... possibile che stesse ridendo di lui? 17

18 Lo sguardo del ragazzo si fece accigliato: - Cos hai da ridere...? A dispetto delle intenzioni non riuscì a conferire a quelle parole un tono di domanda, tanto incerta e confusa suonava la sua voce. Ma la risata non accennava a cessare - Cos hai d... stavolta le parole gli si strozzarono in gola, estinguendosi in un rantolo stupito. Qualcosa gli premeva tra le gambe, qualcosa di appuntito che l elfa aveva estratto dal fianco con un gesto fulmineo. Mentre chinava il capo una goccia di sudore gli scivolò lungo la fronte, accompagnata da un tremito. Vide un falcetto, di quelli in uso tra i contadini ma più maneggevole e affilato, la mano di lei teneva inclinata l impugnatura, pronta a conficcare nel pube la lama ricurva come un amo strattonato da una lenza. - Insegnarmi? Credi ancora di potermi insegnare? Quando lo sguardo del ragazzo incrociò nuovamente il suo, Bèneal non rideva più limitandosi a fissarlo con disprezzo. Aumentò la pressione del falcetto per far indietreggiare il suo avversario il quale, per evitare il contatto con la lama, fu costretto ad allargare le gambe più che poté assumendo un andatura grottesca. Solo allora l elfa si decise a porre termine alla sua piccola, innocente vendetta e con la mano che le restava libera spinse in avanti il ragazzetto facendolo cadere all indietro nel fiume. Questi annaspò sconvolto ingoiando parecchia acqua finché ritrovò l equilibrio e si rimise in piedi. Della diabolica ragazzina non rimaneva traccia. 18

19 I quattro stadi della consapevolezza by Boda PARTE I Stadio 1...la perdita del sè... Un singolo istante dilatato nel tempo in maniera incredibile. Trascorse pochissimo tempo, e poi il bardo si ritrovò accasciato al suolo dopo aver sentito il morso sul collo di Gregorius. Si sentiva svuotato, nudo e vulnerabile come non mai. E stava lì, rannicchiato al suolo, posizione fetale, impossibilitato in ogni movimento. Diventava faticoso anche pensare. Sentiva i suoi occhi muoversi frenetici, a scatti, scrutando verso l alto. Visti dal basso del nudo pavimento, Fraserh e Gregorius parevano enormi, mastodontici. Sorridevano, tutto doveva essere andato a buon fine. Ma tutto... cosa? Istintivamente portò le mani giunte sul petto, aveva freddo. Troppo freddo. Una sensazione di refrigerio che intorpidiva i suoi arti, che lo lasciava senza respiro. Tentò di mettersi in piedi, ma riuscì soltanto a sgranchirsi per un istante le dita delle mani che erano attraversate da un formicolio persistente e insopportabile. Era certo, stava morendo. O forse in lui stava morendo soltanto la parte razionale, stava perdendo la consapevolezza di essere vivo, stava perdendo il nucleo della vita. I due incrociarono le braccia sul petto, non parevano aver intenzione di aiutare il bardo. Si limitavano a guardare, forse era pura routine quella, per loro. Era questo il prezzo da pagare per il potere? Stava morendo e di questo ne era certo. Improvvisamente la sua vista si annebbiò e la bocca diventò secca. Deglutire era diventata un azione troppo gravosa per il suo stato attuale. Osservarsi intorno era praticamente impossibile, vedeva solo ombre, null altro. L olfatto era quasi sparito, non riusciva a percepire nulla. Ogni senso era scomparso. Si sentiva come un feto intrappolato in una gabbia di follia e di dolore, e il suo cordone ombelicale era la speranza. La speranza che tutto ciò sarebbe finito il prima possibile. Iniziò a contorcersi sul pavimento, fitte insopportabili lo colpirono al ventre, alla testa, alle gambe. Ovunque. Sentiva i propri organi straziarsi, mutilarsi, accartocciarsi su se stessi per poi implodere. Un conato di vomito lo assalì, ma dalla sua bocca non uscì altro che aria e la sua gola era diventata di carta. 19

20 Aveva paura. Una paura atroce. Sentiva di non essere più in grado di controllare il suo corpo e si chiedeva se un corpo lo avesse ancora in verità, visto che la sensibilità stava svanendo gradualmente. Il terrore lo assalì. Essere consapevoli che quell attimo era giunto, l attimo in cui tutto sarebbe scomparso, il momento in cui non sarebbe rimasto nient altro che il ricordo lo stava rendendo folle. Il dolore tornò, su tutto il corpo, più forte che mai. Gli parve di sentire il cranio spaccarsi in due, sentì che non c era nulla da fare. E si lasciò andare verso l abisso. Pianse. Un pianto senza lacrime, non riusciva a piangere. Gemeva, si tormentava, rantolava sul pavimento come in preda ad un assalto interno. Qualcosa dentro di lui lo stava uccidendo, o forse era già morto e doveva solo farci l abitudine. I due si inginocchiarono e lo sollevarono di peso. Si sentì sballottato come una marionetta, gli arti non rispondevano ai suoi comandi. Nulla era più sotto il suo controllo. Riuscì a riacquistare un minimo di vista, si guardò intorno muovendo soltanto le pupille che sentiva pesanti ma allo stesso tempo inconsistenti. Gregorius e Fraserh lo condussero in una piccola stanza e lo misero a sedere su una sedia in legno, finemente lavorata. Sembrava quasi un trono. Sui braccioli vi erano delle catene, così come sul poggia piedi. Aiutarono il bardo a sedersi e lo fissarono alla sedia assicurandosi che non potesse fare movimenti bruschi. Si sentiva come una sacca vuota, gettata in un angolo impolverato. Dimenticato da tutti. Seduto sul piccolo trono vide i due collocarsi alle estremità della stanza, buia. Lo osservavano. Lo stavano osservando morire e non lo stavano aiutando. Era una situazione insostenibile, per chiunque. Fece un movimento col braccio destro, ma si sentì quasi spezzare l osso e allora decise di stare buono e subire passivamente. In fondo non aveva scelta. Tornarono nuovamente le fitte lancinanti. Lo stomaco si ritirò, le interiora sembravano mangiarsi l una con l altra. Ansimava, ebbe altri conati di vomito, ma non accadde nulla. Proseguì così per diverse ore, mentre i due, sempre nella penombra della stanza, brindavano con calici e bevevano sorridendo al bardo. Tutto pareva ovattato, impalpabile, avvolto in una foschia sovrannaturale. Alla fine dovette cedere e l oblio più tetro lo avvolse. Strabuzzò gli occhi all indietro e tutto scomparve, per sempre. L abisso aveva vinto, il dolore aveva vinto. Non pensò a nulla in quell istante, si ripetè solo che la morte l aveva colto in un momento molto strano e con una modalità molto ambigua, ma tuttavia non poteva fare nulla per sfuggirvi. Cadde all indietro di schiena sulla sedia, mentre dal palmo della mano destra, proprio lungo il perimetro di quel maledetto simbolo, la pelle iniziò a schiarirsi notevolmente e pareva esser diventata anche più sottile. Aveva perso ogni cosa anche l unica parte che lo poteva tenere ancora in vita. 20

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35 01 - Come Un Cappio Un cappio alla mia gola le loro restrizioni un cappio alla mia gola le croci e le divise un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide un cappio che io devo distruggere e spezzare

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Tensioni Max Pedretti NEL NOME DEL MALE copyright 2010, caosfera www.caosfera.it soluzioni grafiche e realizzazione Max Pedretti NEL NOME DEL MALE PROLOGO

Dettagli

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose Sean e le Una Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose da Drynites Sean e le Scarpe Luccicose Sean era così timido che quando arrivava il postino a consegnargli una lettera, era troppo timido per salutare.

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

Sono Nato Per Essere Veloce

Sono Nato Per Essere Veloce 01 - Nato Per Essere Veloce roppo veloce sta correndo la mia vita troppo veloce scorre via la musica musica selvaggia? furiosa adrenalina frenetico sussulto, incontrollabile rumore Sono Nato Per Essere

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Vola, Aquila, vola. Favola africana. Raccontata da Christopher Gregorowski. Vola, Aquila, vola

Vola, Aquila, vola. Favola africana. Raccontata da Christopher Gregorowski. Vola, Aquila, vola Favola africana Raccontata da hristopher Gregorowski 15 Un giorno un contadino andò alla ricerca di un vitello che si era perso. La sera prima i pastori erano ritornati senza di esso. E durante la notte

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

INDICE GEOLOGIA PIANO ANTISISMICO EDIFICI LESIONATI VOLONTARIATO AQUILA OGGI PROTEZIONE CIVILE CONFERENZA

INDICE GEOLOGIA PIANO ANTISISMICO EDIFICI LESIONATI VOLONTARIATO AQUILA OGGI PROTEZIONE CIVILE CONFERENZA LA 2Cs PRESENTA.... INDICE GEOLOGIA PIANO ANTISISMICO EDIFICI LESIONATI MONUMENTI VOLONTARIATO AQUILA OGGI PROTEZIONE CIVILE CONFERENZA 14 NOVEMBRE 2009 ITIS G.MARCONI-VERONA Incontro con Chiara Nardi,

Dettagli

Il principe Biancorso

Il principe Biancorso Il principe Biancorso C era una volta un re che aveva tre figlie. Un giorno, stando alla finestra con la maggiore a guardare nel cortile del castello, vide entrare di corsa un grosso orso che rugliava

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

1 Premio sez. Poesia. C era una volta.

1 Premio sez. Poesia. C era una volta. 1 Premio sez. Poesia C era una volta. C era una volta una bimba adorabile ben educata e un sorriso invidiabile. Nulla le mancava, tutto poteva, una vita da sogno conduceva. C era una volta un bimbo adorabile

Dettagli

I miti e le leggende inventati dai bambini. A tutti i bambini piace inventare storie...

I miti e le leggende inventati dai bambini. A tutti i bambini piace inventare storie... I miti e le leggende inventati dai bambini A tutti i bambini piace inventare storie... Con i miei bambini della classe terza ho voluto stimolare il lavoro di gruppo facendo loro scrivere un mito o una

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 ATTORI: 3B RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 CANTANTI: 4B Narratrice Valentina Massimo Re sì Re no Orsetto Farfalla Uccellino Cerbiatto Lepre Popolo del paese sì Popolo del paese no Sophie Dana

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Gigisland I edizione 2011 Luigi Giulio Bonisoli Responsabile della pubblicazione: Luigi Giulio Bonisoli Riferimenti web: www.melacattiva.com www.scribd.com/luigi Giulio

Dettagli

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007 PORCHIPINO Temi: L incontro, lo stare e il partire. La narrazione della storia di Porchipino, un piccolo riccio rimasto solo nel bosco, introduce i bambini al tema dell incontro, dell accoglienza del diverso

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

IURY E LA Tigre bianca

IURY E LA Tigre bianca IURY E LA Tigre bianca di Infanti Susy Dedicato a tutti coloro, che desiderano cambiare il mondo accanto a se, con l'augurio di non perdere mai la speranza. C era una volta, in un tempo non molto lontano,

Dettagli

Gli eroi sono chiamati a risolvere un mistero che scuote il regno di Andor. E forse è l'inizio di qualcosa di più pericoloso...

Gli eroi sono chiamati a risolvere un mistero che scuote il regno di Andor. E forse è l'inizio di qualcosa di più pericoloso... Storico delle modifiche 1.1 aggiunta questa pagina di copertina Leggende di Andor La vendetta del negromante I episodio Trasformazioni inquietanti Versione 1.1 Questa leggenda richiede la versione base

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA Associazione culturale per la promozione del Teatro Musicale contemporaneo P.Iva 04677120265 via Aldo Moro 6, 31055 Quinto di Treviso - Tv IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA TERZA VERSIONE autore:

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso nei suoi pensieri.

Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso nei suoi pensieri. Testi di Joanna Bellati, Anna Lucatello, Annachiara Moretti Illustazioni di Alice Dittura, Giorgia Rizzo Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso

Dettagli

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS Marco Marcuzzi Pensieri IL SAMARITAN ONLUS PREFAZIONE Questi pensieri sono il frutto dell esperienza di vita e dell intuizione di un amico che ancora oggi coltiva con cura, pazienza e amore la sua anima.

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO

POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO FAMIGLIA Famiglia è un insieme di persone che riescono a scaldarti il cuore; ti aiutano a passare i momenti peggiori, sanno sempre che fare, sanno

Dettagli

LA GABBIA Attività collegata alla lettura del romanzo L occhio del lupo di Daniel Pennac. A cura della classe 4^F a.s. 2013-14

LA GABBIA Attività collegata alla lettura del romanzo L occhio del lupo di Daniel Pennac. A cura della classe 4^F a.s. 2013-14 LA GABBIA Attività collegata alla lettura del romanzo L occhio del lupo di Daniel Pennac A cura della classe 4^F a.s. 2013-14 Riscaldamento motorio/ teatrale - Siamo allo zoo: immaginiamo di vedere al

Dettagli

Ti racconto attraverso i colori

Ti racconto attraverso i colori Ti racconto attraverso i colori Report del viaggio a Valcea Ocnele Mari Copacelu INVERNO 2013 "Reale beatitudine Libero vuol dire vivere desiderando casa protetta Libertà è tenere persone accanto libere

Dettagli

I colori dell autunno

I colori dell autunno I quaderni di Classe II A Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi Castrezzato (BS) I colori dell autunno Haiku Poëtica Novembre 2009 Poëtica Classe II A - Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi -

Dettagli

Dark alice in wonderland

Dark alice in wonderland Dark alice in wonderland Laura D Agostino DARK ALICE IN WONDERLAND racconto Ad Elisa, Ciasky, Ary e al mio Bianconiglio Per aver sempre creduto in me TUTTE LE CANZONI FINISCONO MA E UN BUON MOTIVO PER

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ Proprietà letteraria riservata 2012 Screenpress Edizioni - Trapani ISBN 978-88-96571-42-2 È vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuata

Dettagli

M I S T E R I D E L D O L O R E

M I S T E R I D E L D O L O R E M I S T E R I D E L D O L O R E Mio Dio, dona a tutti, a tutti gli uomini, la conoscenza di te e la compassione dei tuoi dolori. Le rosaire. Textes de, Monastère de Chambarand, Roybon 2009, p. 27 1. L

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

L'indifferenza. Mi manca il coraggio di guardarti negli occhi. Nel piazzale davanti alla scuola, nei suoi corridoi affollati,

L'indifferenza. Mi manca il coraggio di guardarti negli occhi. Nel piazzale davanti alla scuola, nei suoi corridoi affollati, L'indifferenza Mi manca il coraggio di guardarti negli occhi. Nel piazzale davanti alla scuola, nei suoi corridoi affollati, nei suoi bagni che odorano di fumo di sigarette aspirate avidamente hai subito

Dettagli

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli