4 A -MORI ROSSOBLU. Storie di integrazione dal profondo del calcio. Pagina1 4 A

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "4 A -MORI ROSSOBLU. Storie di integrazione dal profondo del calcio. Pagina1 4 A"

Transcript

1 4 A -MORI ROSSOBLU Storie di integrazione dal profondo del calcio Pagina1 4 A - MORI ROSSOBLU

2 A tutti i cagliaritani di adozione al loro amore per la città e per la Sardegna. Ai valori positivi dello sport, abbracciarli con la vita e viverli con passione. Pagina2

3 PREMESSA Forse l isola dei sardi non è Atlantide, forse non è neppure Scheria, l isola di Nausicaa dalle bianche braccia, ma certamente la Sardegna è un luogo in cui lo straniero, una volta approdato, non va più via. Non c è stereotipo o pregiudizio che colpisca gli immigrati di oggi che non sia stato già rivolto, un secolo o solo pochi anni fa, a noi sardi. La Sardegna viene ancora identificata da molti come terra di pastori e terra di banditi, ma, in realtà è, per coloro che non hanno pregiudizi, un luogo ricco di storia, cultura e bellezze naturali. E ospitalità. Per secoli e fino a tempi molto recenti si usava l espressione "Ti mando in Sardegna!", come minaccia soprattutto per poliziotti e militari, nulla di molto diverso dell antica condanna ad metalla ai tempi dei Romani. Però, una volta conosciuta questa terra, aspra e ruvida solo all apparenza, chi viene spesso vi rimane e queste sono le storie di chi ha fatto della Sardegna la propria casa. Di Cagliari in particolare. Pagina3

4 LA CITTA DEL SOLE E DEL SALE E tra immaginazione e memorie, inizia così la scrittura di grandi storie di integrazione dal profondo del calcio, di 4 A -Mori Rossoblù, nella Città del Sole e del Sale, un capoluogo abitudinario, così come i suoi abitanti. Riemergono i ricordi ancora vivi, di tanti giocatori storici del Cagliari Calcio, che spaziano dalla spiaggia del Poetto, con i suoi casotti multicolori che fanno da proscenio alla Sella del Diavolo e al porticciolo turistico di Marina Piccola, alle vergini coste di Villasimius e Domusdemaria, queste ultime in particolare mai affollate, oasi di tranquillità e di acqua cristallina, inestimabili paradisi ambientali, luoghi di gioco di vento e nuvole. Proseguono con i racconti delle loro lunghe passeggiate tra le stradine del centro, in cui sentivano l odore del basilico, ma anche di sporcizia e povertà autentica, propria dei quartieri storici della città, nelle cui strade tante famiglie vivevano in uno stato di indigenza assoluta. La loro ricerca di relax negli angoli sparsi della città, prima o dopo le fatiche sportive, tra i colli naturali del borgo, da Monte Urpinu a Buon Cammino, da Castello a San Michele, luoghi per offrire panorami mozzafiato sulla città, il mare e i suoi dintorni. Luoghi per curare la saudade dei paesi di origine. Con la stessa leggiadria di una miriade di fenicotteri dalle ali dipinte di rosa, il pensiero vola alto, sempre più verso un punto in cui si scorge l incerto approdo di tanti atleti a Casteddu (da Castello, il nome con il quale ancora oggi viene chiamata la città in sardo), in una squadra di calcio, nata nel 1920, che prende il nome della Città del Sole: Cagliari. Pagina4 4 A - MORI ROSSOBLU

5 Giovani promesse del calcio che, provenienti da terre oltremare vicine o lontane, giunsero in nave o in aereo nel capoluogo dell isola di Ichnusa. Oltre quel punto immaginario iniziano tante belle e piccole storie di cagliaritani, nati dall altra parte del Tirreno o di un Oceano, spediti in Sardegna chissà da chi, a forza o raggirati con false chimere e colorite speranze, un luogo in cui è fiorita nel tempo una piccola oasi di integrazione per sempre. La nostra fantasia prosegue al giorno di arrivo di quei calciatori, sfiancati da un lungo e malinconico viaggio, ai quali improvvisamente appare loro Cagliari una città che si alza ripida, ripida, dorata, accatastata nuda verso il cielo dalla pianura all'inizio della profonda baia senza forme. E' strana e piuttosto sorprendente, per nulla somigliante all'italia. Così descrive l antico borgo sardo David Herbert Lawrence, che tra il 1919 e il 1921, più o meno negli anni della nascita del Cagliari Calcio, visitò il capoluogo e l isola intera; una città che si ammucchia verso l'alto, quasi in miniatura, e mi fa pensare a Gerusalemme: senza alberi, senza riparo, che si erge spoglia e fiera, remota come se fosse indietro nella storia, come una città nel messale miniato da un monaco. Ci si chiede come abbia fatto ad arrivare là. Sembra la Spagna, o Malta: non l'italia, così termina la sua descrizione il saggista inglese. Da qualsiasi parte si arrivi a Cagliari, dal porto, dalla costa o dall entroterra, l attenzione viene rapita immediatamente dal fascino dai quartieri storici che si erpicano sui colli e dalla magia di grossi stormi di fenicotteri rosa, che d estate sorvolano le case in cotto senza intonaco, le storiche torri e le chiese, baluardi di avvistamento verso il mare o luoghi di devozione, in marmo bianco di Bonaria; eleganti uccelli che starnazzano in volo mentre spaziano tra una zona e l altra tra gli specchi d acqua della città, tra le più estese dell area mediterranea, o curiosamente bilanciano se stessi su una zampa mentre stanno in piedi e si nutrono, catturando l attenzione di chiunque li osservi. Pagina5

6 La prima volta in città, da anonimi o famosi calciatori che fossero, verosimilmente coincise con la presa di coscienza di una città dove arte, territorio e cibo da sempre costituiscono gli ingredienti perfetti di una ricetta che si chiama cultura. E così nelle trattorie storiche a due passi dal porto della città, dove esplodono i sapori mediterranei della cucina locale, influenzata dai fasti romani, dal Medioevo e dagli splendori del Rinascimento, non è difficile immaginarli seduti in un tavolo, tra il rumore del mare e il tintinnio delle stoviglie a far da contraltare alla nostalgia canaglia della terra e di coloro che hanno lasciato. Inconsapevoli di quello, che da lì a poco tempo, gli sarebbe potuto accadere, quello di legarsi alla Sardegna, affezionarsi ai sardi, lasciare il loro cuore in quelle spiagge o in quel mare che sarebbe diventato loro, l aver contratto un virus incurabile e indolore. Perché quando la Sardegna e i suoi abitanti ti entrano dentro non ti lasciano più andare via. E non potrai farci nulla, quando te ne accorgerai sarà già troppo tardi, non potrai più fare a meno di quell isola e del suo capoluogo. E stato così per tanti calciatori venuti a Cagliari convinti di trascorrere solo qualche mese di vacanza per poi andare chissà dove in cerca di miglior fortuna sportiva. Quel virus così fatale e paradossalmente innocuo è stato contratto da svariati atleti rossoblù: Luigi Riva, Giuseppe Tomasini, Claudio Olinto De Carlvaho Nené, Ricciotti Greatti, Carmelo Óscar David Suazo Velásquez, Luís Airton Oliveira Barroso, Mario Martiradonna, Mario Brugnera, Adriano Reginato, Cesare Poli, giusto per citarne alcuni, sardi di adozione, a sentir loro cagliaritani di origine controllata, che hanno messo radici in Sardegna. Ad alcuni di loro, agli artefici di uno storico scudetto di una squadra che ha fatto la leggenda del calcio italiano, sono state intitolate due strade cittadine: Viale Campione d'italia " e "Piazza Manlio Scopigno", proprio in prossimità dello stadio Amsicora, il teatro delle gesta dei rossoblù. Pagina6

7 OLTRE LA DISCRIMINAZIONE TERRITORIALE Negli anni cinquanta, quando il Cagliari lasciò il vecchio comunale di Via Pola, dove poi sorsero il mercato e nuovi palazzi, il calcio era ancora una passione non certamente aristocratica. Nel decennio successivo, quando l auto divenne un mezzo più accessibile ai giovani borghesi italiani, lo sport più seguito dagli italiani piaceva, ma il tifo della classe media era indirizzato verso le grosse e potenti squadre continentali del Nord d Italia, cariche di gloria, soprattutto la Juventus, il Torino, il Milan o l Inter. In quel periodo il benessere portava in giro tanti tifosi del resto d Italia in Sardegna, soprattutto i ricchi provinciali del Nord raggiungevano lo stadio Amsicora per seguire le trasferte della loro squadra del cuore, credendo di trovare un isola e una città ottocentesca, pastorale, quasi barbarica e ancestrale, un immagine collettiva molto presente in quel periodo, ancora viva oggi per certi aspetti. I racconti dell epoca parlano di quei tifosi come sorpresi che il Cagliari battesse con facilità le loro squadre, o meravigliati di non trovare degli accampamenti africani in giro, le piste di atterraggio sterrate, il campo sportivo non tracciato regolarmente con porte e reti a norma, stupiti di non aver trovato animali (asini, muli, pecore, e chissà cos altro) in mezzo al traffico cittadino, o che gli uomini e le donne del posto fossero vestiti in abiti civili. Nessun racconto fantasioso, si tratta di commenti oggettivamente insolenti di signori anche attempati che raggiungevano all epoca la città, anche a Cagliari così si intravedevano ano i segni del boom economico. Gli stessi inviati della TV e della Radio Pagina7 4 A - MORI ROSSOBLU

8 spesse volte scadevano nel credere di saper tutto e di voler dare lezioni di cultura e civiltà. Si trattava di discriminazione territoriale vissuta dai sardi, dai sostenitori e da tutti i giocatori del Cagliari Calcio, di ieri e dei giorni nostri. Lo stesso Cagliari storico, quello dello scudetto, quando girava per i campi d Italia, subiva questi commenti, che non facevano altro che cementare una squadra rendendola una grande famiglia, che restituì a tutti i sardi, non solo ai cagliaritani, dignità e orgoglio e regalando al calcio altri risvolti umani, altri valori sociali, ma forse l unità di un popolo, più del mare che li circonda. Per la prima volta si era instaurato un processo di identificazione tra una squadra di calcio e la sua gente. Come scrisse all epoca il grande giornalista Gianni Brera Quello storico scudetto rappresentò per Cagliari e la Sardegna il vero ingresso in Italia, affermazione probabilmente parzialmente vera in quanto i problemi di allora rimangono tutt oggi irrisolti, ad iniziare dalla continuità territoriale. Una cosa però è certa, i gol dei calciatori del Cagliari Calcio non erano i loro gol, ma i gol di ciascun sardo, dei loro genitori e dei loro figli, con essi caddero gli steccati del tempo, le barriere geografiche e le condizioni sociali di un popolo da sempre in cerca di speranze e riscatto. Questo avvenne soprattutto grazie al Cagliari di Riva e Tomasini, quello negli anni a cavallo dello scudetto, e grazie a quello di Oliveira in Coppa Uefa, che portò la città e la Sardegna a raggiungere gli emigrati sardi in ogni angolo d Italia e d Europa, storiche rimpatriate negli stadi, più di quanto non facessero i sostenitori delle squadre ospitanti, in entrambi i casi le gesta di quei calciatori generavano tanto entusiasmo e sostegno degli emigrati nelle trasferte, anche maggiore delle gare casalinghe all Amsicora o al Sant Elia. Pagina8

9 Questa città, baciata dal Mediterraneo, e questa squadra, che ancora oggi vive qualche pessimo episodio di discriminazione territoriale, seppero conquistare, più di qualunque altro spot pubblicitario, più di qualunque lezione di storia e di educazione civica nelle scuole, un po di rispetto e tanta simpatia, che ancora oggi è palpabile a tutti i calciatori che vengono ad onorare i colori rossoblù. Pagina9

10 I LOVE SARDINIA Si sprecano le interviste e le storie di tanti giocatori del Cagliari che raccontano il perché di questo legame divenuto nel tempo indissolubile con la città, un sentimento per sempre. Ricciotti Greatti, regista friulano dello scudetto rossoblù, dopo qualche stagione rifiutò la cessione al Vicenza e decise di rimanere in Sardegna a vita dove aprì un agenzia di Assicurazioni, i cagliaritani compresero la mia scelta e mi hanno premiato nel mio lavoro. Claudio Nenè,, brasiliano di Santos, è un altro esempio cagliaritano di adozione Amo la Sardegna, tutta la gente, sono in Italia da più di quarant' anni, vivo nel centro di Cagliari, ho molti amici, buone compagnie. Vivo bene il mio tempo libero grande amico del pugliese Mario Martiradonna, altro giocatore ritiratosi dal calcio giocato e rimasto nella sua città di adozione, scomparso a Cagliari nel Nenè parte spesso con la moglie Fiorella per il Piemonte, ma torna subito a casa. La saudade, per lui, è sarda. Gigi Riva a suo tempo sostenne di piacergli la Sardegna anche perché mi ha fatto guadagnare in salute, qua non esiste la neve, non esiste la nebbia, la Sardegna per me e per i miei figli è la sistemazione ideale e così è stato. Lo stesso Giuseppe Tomasini, così come Riva, manifestò a più riprese i sintomi di quel Mal di Sardegna ogni volta che vi si allontanava, una sindrome benigna che colpisce tutti quelli che vedono l isola per la prima volta e che li spinge a ritornarci. Pagina10 4 A - MORI ROSSOBLU

11 Riva confessò di non avere avuto pregiudizi iniziali sull isola, però ero lontano da casa e ogni tanto si faceva sentire la nostalgia degli amici e dei parenti, trovai un ambiente nuovo e diverso, mi faceva un pò paura perché tutti quanti parlavano della sardegna, un isola troppo lontana dal Continente ma poi ho cominciato a uscire con gli altri compagni di squadra, si andava insieme al mare, ho cercato di affiatarmi con la gente, ad abituarmi alle sue abitudini e farle mie. Quel male ha contagiato, e continua a contagiare indiscriminatamente, persone di tutte le estrazioni sociali e di qualunque professione, e non si tratta solo del colore dell acqua del mare, mi fa ridere tutta quella gente che va alle Seichelles, al mondo non c è un posto più bello della Sardegna dice Adriano Reginato, portierone del Cagliari che nel 66 stabilì il record di 712 minuti consecutivi senza subire reti. Dopo il salto nello squadrone interista di Helenio Herrera, Cesare Poli, venne ceduto al Cagliari non la presi bene, a quei tempi si diceva ancora ti mando in Sardegna, affermò Poli, da quel giorno fu amore a prima vista Capii subito quanto mi sbagliavo, incontrai tanti amici e fu uno scherzo integrarmi nel nuovo ambiente, che proseguì dopo il calcio con assicurazioni prima e arredamento dopo, una vita da imprenditore, sempre a Cagliari, ovviamente. Non ne sono immuni nemmeno i tanti calciatori del Cagliari calcio che ricordano le tante cose alle quali non possono e non vogliono rinunciare: le Seadas col miele, il profumo inconfondibile del ginepro duro e solido, il vermentino freddo e il mirto gelato, il gerundio della parlata locale e le doppie che hanno un crepitio simpatico, il pesce e la carne (la pecora a cappotto e il maialetto), le rocce scolpite dal vento e le piante piegate dal maestrale, il sughero e i granelli di sabbia che si portano nel cuore e uno scrigno di tante chiacchiere coi sardi che conservi gelosamente. Sentendoli parlare pare di stare in una terra che potrebbe vivere delle sue ricchezze naturali, di agricoltura, di pastorizia, di turismo ed invece è da sempre conquista dei capitali continentali. Pagina11

12 E sono proprio il mare, il cibo, l energia, la cultura, la gentilezza dei suoi abitanti che hanno adottato dopo pochi giorni che vive qui, e così fu anche per tanti giocatori del Cagliari Calcio. Pagina12

13 IL MAL DI SARDEGNA DI GIUSEPPE TOMASINI Cagliari, quartiere di Is Mirionis, zona di Sant'Avendrace. Rione popolare sulla strada che conduce all'aeroporto di Elmas. Qui lavora Giuseppe Tomasini, titolare di un distributore di carburanti, di un officina e di un bar. Due dipendenti per le pompe di benzina e gasolio, la caffetteria in gestione. Lombardo classe 46, nativo di Palasöl in dialetto bresciano (Palazzolo dell Oglio), una piccola cittadina bresciana al confine con la provincia di Bergamo, Giuseppe Tomasini giocò nel Cagliari Calcio dal 1968 al 1977, collezionando 156 presenze con la maglia rossoblù nel ruolo di difensore. Quando, appena 24 enne, raggiunse la città di Cagliari, certamente non trovò inverni rigidi con numerose minime sottozero, nevicate abbondanti, banchi di nebbia e umidità da tagliare a fette. Egli abbandonò giovanotto il suo paesino per dedicarsi unicamente al calcio, erano tempi dal futuro roseo per chiunque, per via di un eccellente sviluppo industriale che andava dal settore edile (si produceva calce e cemento grazie allo sfruttamento del materiale calcareo proveniente dal vicino lago d'iseo) a quello tessile, a quello delle fonderie (tutte orientate alla produzione di macchinari e parti di ricambio destinate all'industria tessile). E successivamente l industria si rafforzò per l istituzione di diverse banche e di istituti di credito, e così parallelamente nacquero anche le prime organizzazioni operaie. Nell altra parte del Tirreno, Tomasini trova, invece, una Sardegna che negli anni sessanta cerca disperatamente una soluzione alla mancanza di lavoro e di sviluppo. Pagina13 4 A - MORI ROSSOBLU

14 All età di 31 anni Tomasini smise di giocare e provò la carriera di allenatore col Cagliari in serie B (come vice) e poi rinunciò ad altre offerte perché Soffrivo di mal di Sardegna, una cosa simile al mal d'africa: impossibile rinunciare a questo clima tropicale, al sole e alla brezza e al cielo limpido. In più non avevo voglia di costringere la famiglia a continui spostamenti in giro per l'italia. Però qualcosa dovevo fare. Sapevo di questo distributore, dei problemi che aveva e della necessità di rilanciarlo. Trattai e lo ebbi in comodato d uso." Cominciò, da buon lombardo, un avventura imprenditoriale che prosegue tutt ora, tante giornate ai bordi della strada dalle 7 alle 19, con la pausa pranzo per rifiatare. "Faticare in Sardegna è un piacere: il sardo è fiero e orgoglioso e rispettoso di chi si dà da fare". Tomasini è oramai un sardo doc, trent anni vissuti nell isola gli hanno fatto perdere anche la cadenza lombarda. "Arrivai qui nel '68. Se avessi potuto, avrei rifiutato il trasferimento. Cagliari mi spaventava, a Reggio Calabria mi ero fatto un'altra idea del Sud". Timori azzerati in poco tempo: "Di nascita sono lombardo, ma papà era veneto e la mamma di Lecce. Sono cresciuto tra nebbia e terra. Qui apri la finestra e hai orizzonti ampi, visibili. Capisco la lingua sarda e un pochino la parlo. Mi considero uno di Cagliari. A Palazzolo ho un appartamento in cui non abiterò mai". La sua passione per il calcio iniziò da presto, quello nel calcio professionistico non tanto per caso. Era sera, un ragazzo giocava tranquillo dando di tanto in tanto dei calci al pallone davanti a sé. Pensava alla sua passione, allo sport che amava, mentre, sempre calciando la palla, tornava verso casa. Pensava al futuro. Pensava che forse sarebbe rimasto a lavorare in fabbrica, avrebbe aiutato la sua famiglia. Sapeva anche, però, che avrebbe dovuto metter da parte la sua vera passione, il calcio, in quella piccola cittadina vicino a Brescia. Pagina14

15 Il tempo passava e la sua passione non accennava a diminuire, anzi sembrava crescere ogni giorno di più. Capitava che finisse a giocare all'oratorio sempre più spesso, giorno dopo giorno. Non lo sapeva, o forse non se ne accorgeva, ma ogni volta diventava più bravo e sicuro di sé. Quando scendeva in campo, tutto scompariva. Rimanevano solo lui, la palla, i suoi compagni e gli avversari. Nessun altro. Il sogno di diventare calciatore allora prendeva il sopravvento e lui incominciava a giocare con tutta la passione di cui era capace, calciando la palla e muovendosi in campo con maestria, ma anche le partite finivano e il sogno ritornava in un angolino della sua testa. O, almeno, fino alla partita successiva. Era una giornata nuvolosa, a Palazzolo, quando un signore sulla quarantina, con sguardo annoiato, prese posto in una delle scalinate per osservare la partita che stava per iniziare. Ne aveva viste tante, di partite come quella. Era sempre alla ricerca delle stessa cosa, ma, puntualmente, non la trovava mai. Era specializzato nel riconoscere talenti, di questo poteva andare fiero. Ma, dopo aver aspettato quasi fino a metà partita, non si aspettava più nulla: era una partita come tutte le altre. Ormai non prestava quasi più attenzione. La squadra locale stava perdendo e gli avversari rubavano palla facilmente, ma, ad un tratto, come se percepisse la tensione nell'aria, alzò lo sguardo, giusto in tempo per vedere un brillante scambio della squadra locale e il giocatore che aveva effettuato quel passaggio. Doveva ammetterlo, prima non l'aveva proprio notato. Ecco, aveva di nuovo la palla, e lui, veloce e concentrato, si muoveva agile per il campo, schivava gli avversari, passava palla all'attaccante che, senza perdere tempo, le dava un calcio angolato. Finalmente, a metà della partita, un grido di gioia. Goal! Il Talent Scout osservò il giovane, estasiato. Di talenti, in vita sua non ne aveva visti molti, ma poteva ben dire di saperli riconoscere e quel ragazzo, che prima gli era parso uguale a tutti gli altri, aveva talento. Era un talento. Non vinsero, ma era giovane e Pagina15

16 sicuramente avrebbe giocato altre partite, anche se, quella volta, gli toccava tornare a casa con l'amaro in bocca. All improvviso una mano gli toccò la spalla. Si ritrovò davanti un signore sulla quarantina, che gli sorrideva come se avesse finalmente trovato ciò che cercava da tempo. I due parlarono per quelle che al giovane calciatore sembrarono ore mentre in verità erano solo una ventina di minuti. Quando il signore, che aveva scoperto essere un Talent Scout, se ne andò, lui restò lì, sconcertato. Non sapeva cosa dire o fare. Il suo sogno si stava avverando e mille idee si facevano spazio nella sua mente. Non sarebbe stato più costretto a metter da parte il calcio, non avrebbe dovuto lavorare in fabbrica e in quel momento poteva dire finalmente di essere un calciatore. Da Palazzolo, si spostò a Brescia, per giocare con la sua nuova squadra. Era felice. Quello che gli era sempre e solo sembrato un sogno, ora era realtà. Era troppo giovane per giocare in serie A con il Brescia e lo spostarono a Reggio Calabria. Poi, dopo alti e bassi, l alternativa: o continui a giocare e scendi in Sardegna o smetti di giocare. Fu così che, Tomasini, a malincuore, arrivò in nell isola. Era nervoso, agli inizi. La terra nuova, le persone nuove, un nuovo mondo. Col tempo, però, si abituò al clima, alla bellezza di questi luoghi e dei suoi abitanti. Era una bellezza che lo avvinceva, lo legava e lo stregava. Si accorse di essersi innamorato dalla Sardegna. La squadra con cui giocava divenne la sua famiglia. Erano gli anni gloriosi del Cagliari, quando, nel , conquistò lo scudetto. In quel momento straordinario capì, definitivamente e per sempre: quello era il luogo a cui veramente apparteneva. Era sardo, ormai, cagliaritano: non gli importava dell'appartamento che aveva comprato a Palazzolo e che non avrebbe mai usato, tanto meno del fatto che, se avesse accettato di giocare in un altra squadra, gli avrebbero offerto più soldi. Lui era di qui. Qui c era la sua famiglia, qui era quella sua Sardegna che non poteva più lasciare. Solo il pensiero gli faceva male al cuore. Pagina16

17 Restò in Sardegna, dove oggi continua a lavorare, a vedere le partite del suo Cagliari, a ricordare i bei momenti passati in campo. Il mal di Sardegna è la sua forza. Quello scudetto del 70, scolpito nella storia di Cagliari, rappresenta evento segnatempo. C'è una Sardegna prima dello scudetto e ce n'è un' altra dopo. "I racconti si tramandano di generazione in generazione, la gente continua a ringraziarci. Specie i sardi emigrati, quelli che all'epoca lavoravano nelle grandi fabbriche di Torino e Milano. In un certo senso li vendicammo di anni di sofferenze, di pane duro, di amarezze" dice Tomasini, che non si è ancora stancato della città che l ha adottato per sempre. Pagina17

18 LUIGI RIVA, ROMBO DI TUONO Detto Gigi, anzi Giggirriva come lo chiamano i sardi, attaccante del Cagliari Calcio dal 1963 al 1976, nelle cui fila segnò 164 reti in 315 presenze, detiene attualmente il record di marcature nella Nazionale Italiana con 35 gol in sole 42 partite giocate. Anche lui, come Tomasini, è lombardo di nascita, di Leggiuno, località turistica di 3500 anime in provincia di Varese, sulle rive del Lago Maggiore. Il giornalista Gianni Brera lo soprannominò "Rombo di Tuono", Giorgio Tosatti, altro giornalista di razza, scrisse Era un capo vero, un guerriero vero, e riusciva a trasmettere allo spogliatoio e al resto della squadra questa sua straordinaria voglia di vincere. Modesto e schivo, allergico alle autocelebrazioni, provocate o indotte, di abbandonare la Sardegna non ne ha mai voluto sapere. Anche se, all origine della sua storia in Rossoblù, non voleva metterci piede: solo la sorella Fausta lo convinse ad accettare la richiesta del Cagliari e dall albergo scambiò le luci della Saras con l Africa, così si racconta. La lista dei corteggiatori era lunga, li ha lasciati senza speranze. Infanzia dura, difficile, tre anni in collegio, lontano dagli affetti più cari; il rimpianto per la perdita dei genitori, ferite che il tempo può lenire ma che non ha ma guarito: Ho perso il papà a 9 anni, mia madre a 16. Quando arrivai in Sardegna ero incavolato con la vita, sembrava che il destino ce l avesse con me. Mio padre era un grande appassionato di sport, lo ricordo conversare in piazza di ciclismo; di mia madre ricordo i sacrifici. Pagina18 4 A - MORI ROSSOBLU

19 Nel 1973, la Juventus tentò di portarlo a Torino: Arrica lasciò Boniperti con un palmo di naso. Non c era prezzo per vendere Riva, commentò anni dopo. Gigi era diventato uno di noi, più sardo di un sardo. Provate a parlare male della Sardegna in sua presenza, vi farà nero, dice Giuseppe Tomasini. Qui ha trovato la sua casa, ha messo su famiglia. I ragazzi di oggi, che pure non hanno avuto il piacere di vederlo giocare, continuano ad amarlo attraverso il racconto dei nonni e dei padri. Gigi Riva è considerato il più forte goleador italiano dell ultimo dopoguerra e uno dei più forti al mondo di tutti i tempi. Oggi è un dirigente sportivo, ex campione italiano nel 1970 con la maglia del Cagliari, campione europeo nel 1968 e vicecampione del mondo nel Tuttavia, i gravi infortuni al perone destro e al sinistro e la sua voglia di condurre una vita lontano dai riflettori, hanno fatto sì che non sia arrivato ai vertici che avrebbe potuto raggiungere. La sua carriera calcistica iniziò nei dilettanti del Laveno Mombello, squadra del comune omonimo, confinante con Leggiuno, per poi passare al Legnano in Serie C, dove a 18 anni mandò a segno 6 reti in 23 partite. Fu notato dagli osservatori del Cagliari, allora militante in serie B, che lo acquistò diciottenne per il campionato al prezzo di 37 milioni di Lire. Da allora indossò la maglia rossoblù del Cagliari fino al termine della sua carriera. Riva è stato il prototipo del campione che tutti i ragazzini avrebbero voluto imitare, col suo coraggio, la sua forza e la voglia di vincere, e che gli allenatori meno intelligenti e più vanitosi detestavano. Ma Scopigno, al tempo allenatore del Cagliari, avendo notato il suo sinistro assassino che si infila alle spalle di un portiere da una posizione impossibile, lo mise in condizioni di esprimere tutto se stesso e fece la propria fortuna, portando nel 1970 il primo e unico scudetto al Cagliari. Pagina19

20 Appena giunse in Sardegna, il suo primo pensiero, inspirando quell aria umida e afosa, fu: ci rimarrò solo un anno, poi tornerò a casa. Ma in qualche modo, dopo nemmeno tanto tempo, quei 24 mila chilometri di foreste, di campagne, di coste immerse in quel mare, conquistarono il sospettoso e schivo animo di Riva. E Cagliari diventò la sua casa. D altra parte i sardi non abbatterono la loro barriera di pregiudizio nei suoi confronti finché nella partita Cagliari - Sampdoria non si guadagnò la fiducia e l affetto dei tifosi. Ciò che infatti colpì positivamente Riva fu la generosità dei sardi, che lo hanno sempre fatto sentire uno di loro, attorno a tavolate con salsicce e maialetto. E poi, disse Riva, abbiamo lo stesso carattere, non ci mettiamo in mostra, siamo silenziosi. Tra il 60 e il 70 in Sardegna tutti parlavano di Rombo di Tuono. Così fu soprannominato per i suoi potenti tiri mancini che raggiungevano velocità sorprendentemente elevate. Il sinistro di Riva va in cielo a strappare il pallone alle nuvole per riportarlo sulla terra così dicevano di lui. Cannoniere, mito del Cagliari e della Nazionale Italiana anni 60/ 70 e poi uomo guida della Nazionale fino al 2013, ha sempre scelto cosa fare e con chi stare: sempre sull isola e sempre rossoblù. Oggi si gode la vecchiaia in compagnia della sua famiglia, tra le grida dei nipotini nella sua amata Isola: La Sardegna mi ha dato affetto e continua a darmene. La gente mi è vicino come se ancora andassi in campo a fare goal. E questa per me è una cosa che non ha prezzo. Pagina20

21 IL FALCO, LUÍS AIRTON OLIVEIRA BARROSO Oliveira, soprannominato Lulù, è un calciatore brasiliano classe 1969, naturalizzato belga, di São Luis, capitale dello Stato del Maranhão. La città si distende su un'isola frastagliata, inserita in una vasta laguna, separata dalla terraferma da un sottile braccio di mare, al ritmo delle alte maree che condizionano pesantemente la navigazione commerciale e turistica nella città. Sulle rive della laguna si trovano svariate favelas dove vivono tantissime famiglie in condizioni precarie, il clima è tropicale, caldo e umido e le stagioni sono sostanzialmente due, una secca da agosto a dicembre, e una stagione piovosa, da gennaio a luglio. São Luis ha qualche punto in comune col capoluogo sardo, certamente Oliveira avrà accomunato spesso le due città nelle semplici passeggiate e in riva al mare, che manifestano paesaggi straordinari, e il tratto costiero costellato di bar e ristoranti sul lungo mare, che s'accompagna ad una piacevole brezza marina. Il suo incantevole centro storico è delimitato da romantiche strade di ciottoli e case coloniali. Migliaia di edifici di São Luis fanno parte del patrimonio mondiale dell'unesco, molte di esse sono rivestite dalla tipiche azulejo, tipiche piastrelle smaltate e decorate in stile portoghese, tra le quali si susseguono musei, gallerie e negozi di artigianato tipico locale. A metà degli anni novanta Oliveira è stato il giocatore più rappresentativo del Cagliari, in Serie A, uno dei grandi protagonisti della cavalcata che portò il Cagliari in Semifinale nella XXIII edizione della Coppa Uefa. Pagina21 4 A - MORI ROSSOBLU

22 Nel Cagliari giocò dal 1992 al 1996 e poi vi ritornò dal 1999 al 2000, dopo una breve parentesi fiorentina, prima di approdare in svariate altre città d Italia e della Sardegna, una volta appese le scarpette al chiodo decise di intraprendere la carriera di allenatore, che prosegue a tutt oggi. Il suo racconto: Era un pomeriggio del 1995, stavo giocando a Vicenza con il Cagliari ed eravamo fermi sullo 0-0. Il clima era molto teso, la partita era importante. All'improvviso, venni distratto da una parte della tifoseria: agitavano grandi bananoni di gomma gialla e mi cantavano Prendi la banana! -. Intorno a me il tempo si fermò. Mi chiesi perché se la prendessero con me: ero semplicemente un ragazzo che stava inseguendo il proprio sogno. Sono nato nelle favelas di São Luís nel Maranhão. Mio padre mi ha da sempre trasmesso la passione per il calcio e io giocavo per la strada o in campetti improvvisati. Un giorno la mia vita si incrociò con quella di un osservatore argentino. Da lì iniziò la mia carriera. Venni scelto come attaccante da portare in Europa. Ho sempre dovuto affrontare molti sacrifici per guadagnarmi da vivere. Dopo il Belgio, il Cagliari. Mi trasferii in Sardegna, una terra meravigliosa in cui mi formai una famiglia. Non avevo nulla in meno degli altri, ero circondato da persone che mi amavano. Presi coraggio e mi accorsi che un mio compagno mi stava passando la palla. Partii in contropiede, mi avvicinai al limite dell area, tiro secco all angolino Da quel momento, lo stadio si ammutolì. Il Falco colpì col suo tiro secco e dal giorno prese definitivamente il volo che consacrò il suo legame particolare con la Sardegna. Pagina22

23 LA PANTERA, CARMELO DAVID SUAZO VELÁSQUEZ Calciatore attaccante honduregno classe 1979, di San Pedro Sula, una grande città di mezzo milione di abitanti, conosciuta oggi più per il triste primato di essere tra le meno sicure nel pianeta, dal 2011 si piazza al primo con oltre 10 omicidi al giorno, dieci volte quello di Baghdad (Iraq). Le motivazioni vanno ricercate dal traffico di droga, alle guerre fra gang, all instabilità politica, alla corruzione e alla povertà. Di tutt altro tenore è la Città di Cagliari e la Sardegna, nuova casa della Pantera Nera David Suazo, leader dell Honduras e indiscusso trascinatore del Cagliari dal 2000 al L Honduras è anche un paese vario e multietnico, affascinante perché terra di contrasti e di paesaggi favolosi: montagne con la vetta coperta da soffici nuvole, acque cristalline e turchesi, piene di colorata vita sottomarina, città vivaci e dove non si dorme mai grazie alle discoteche aperte fino al mattino. Ma anche piccoli villaggi tradizionali dove ci si scalda ancora con la stufa, si gira in canoa e si vive in modo tradizionale e semplice. David ricorda come se fosse ieri tutte le emozioni di quel giorno, quando batté il record di goal in una sola stagione di "Rombo di Tuono". Cagliari e Inter erano sull'uno uno a uno, Esposito riceve palla sulla destra, entra in area, crossa basso in direzione di Suazo che di destro supera Orlandoni, e GOOOAAAL!!! La "Pantera Nera" Suazo porta in vantaggio il Cagliari! Due a uno per i sardi! La folla esplose, aprii le braccia allo stadio che in quel momento sentivo mio. Avevo l'adrenalina a mille, non sentivo più neanche la stanchezza. Mentre tutti urlavano il mio nome, i Pagina23 4 A - MORI ROSSOBLU

24 miei compagni mi corsero intorno, ci abbracciammo con foga. La partita finì due a due. Non il risultato sperato, ma avevo dato il massimo. I suoi ricordi continuano Girai piano la chiave, quella sera, per non svegliare il piccolo che sicuramente dormiva, aprii la porta e mia moglie mi abbracciò. In quel momento mi resi conto della fortuna che avevo, sotto tutti i punti di vista. Ripensai alle mie radici, all'honduras, dove iniziai a giocare a calcio. Grazie a questo sport sono arrivato a Cagliari. Mi sono subito sentito a casa. Certo, il primo anno è stato difficile, non mi ero ancora fatto notare. Poi, qualche anno di gavetta in serie B, dal 2000 al 2004, ed eccoci di nuovo in cima. Sono arrivati i goal, le soddisfazioni, e quella indimenticabile partita. Dopo il Cagliari c'è stato l'inter, il Benfica, il Genoa e il Catania. Ma c'è un motivo se ora come ora sono qua a Cagliari, anche dopo il ritiro dal calcio. Per quanto mi riguarda, io sono sardo, cagliaritano, come mia moglie Elisa e i miei figli. Sono parte della terra che mi ha accolto. Al sito ufficiale della Fifa ha concesso un'intervista dove ha parlato di Cagliari e del Cagliari in termini entusiastici. ''E stato difficile ritirarmi. Il calcio genera un sacco di emozioni ed è molto gratificante. E stato davvero difficile rinunciarvi. Mi sto abituando a poco a poco e mi sta aiutando ora che sono di nuovo attivo con il Cagliari in questo mondo. Sto lavorando per il Cagliari e i miei figli vanno a scuola qui. Mi sento felice e molto amato''. Pagina24

25 GENTE DI SARDEGNA Non è stato facile scegliere la storia e soprattutto quali storie rivelare, potevamo raccontarne altre, piccoli racconti di episodi di razzismo subiti in campo dal peruviano Julio Cesar Uribe (il primo episodio di razzismo in Italia in un campo di gioco) o dal camerunense Patrick Mboma (al quale un presidente di una società di calcio professionistica gli ha negato il trasferimento perché la piazza non sopportava un giocatore di colore ore nero), o quella di Daniele Dessena,, attuale difensore del Cagliari, una compagna, un bimbo, è stato insultato in campo e sul web per la sua scelta di mettere alle scarpette i lacci arcobaleno contro l omofobia. Ho fatto solo un piccolo gesto, per una causa in cui credo. E ripeto: avere dei pregiudizi sessuali è da ignoranti. Senza demagogia, sommariamente Cagliari e la Sardegna rappresentano un isola felice dove gli episodi di razzismo e di omofobia rimangono isolati e fini a se stessi, non attecchiscono facilmente e rimangono confinati nell ambiente di pochi esaltati ignoranti. Le storie di amore per la città di Cagliari, per l isola e sono storie di orgoglio, di fatica e di sacrificio, che abbiamo raccontato, sono storie semplici e comuni a tante altre; non è una storia di una persona, non sono storie di pochissime persone, sono storie di tantissimi calciatori che si sono integrati bene a Cagliari al punto di farne la loro città adottiva. Semplici giocatori capaci aci di farsi amare fuori dalla propria patria e dalle loro città native, per certi versi un po simili (ma con destinazioni differenti) a quella del sardo Pagina25 4 A - MORI ROSSOBLU

26 Gianfranco Zola a Londra (più che a Napoli), dove la società Transport for London gli ha intitolato il capolinea Richmond della metropolitana londinese. Storie un po come quelle in altri campi artistici, per esempio del genovese Fabrizio De André e il suo amore per la Sardegna Mi sento più contadino che musicista. Questo è il mio porto, il mio punto d arrivo. Qui voglio vivere, diventare vecchio, nonostante le sue disavventure con la moglie Dori Ghezzi che nel 1979 restarono prigionieri dei loro rapitori per ben centodiciassette giorni. Da quella esperienza il cantautore genovese seppe trarre e trasmettere una grande lezione, artistica e di vita. La fiducia della Gente di Sardegna, va conquistata col tempo, i sardi non danno mai tanta fiducia agli sconosciuti, non rientra nella loro mentalità. Sono diffidenti verso gli estranei e sinceri e leali verso gli amici ed ancora, gli ospiti desiderati sono sacri. Detti pregi e difetti, sono tanto più accentuati, tanto più ci si avvicina all'entroterra, al cuore dell'isola. Ma una volta conquistata stima e fiducia avere un amico od un collega sardo è quanto di più prezioso si possa avere, affidabilità, generosità e genuinità vi conquisteranno alla grande. Ai nostri 4 A -Mori Rossoblù, così come a tutti i giocatori del Cagliari Calcio, che hanno amato e si sono fatti amare dalla Sardegna, e dalla Città di Cagliari in particolare, e soprattutto a quelli che hanno scelto di rimanervi per sempre, non può che andare il più sincero ringraziamento per le tante emozioni che hanno saputo regalare all isola sui campi di calcio, rendendola invincibile come mai le era capitato nella sua storia così come scrisse il giornalista cagliaritano Nanni Boi. A si biri in paxi e cun saludi (traduzione dal sardo Arrivederci in pace e con salute ). Pagina26

27 SOMMARIO Pag. 3 Pag. 4 Pag. 7 Pag. 10 Pag. 13 Pag. 18 Pag. 21 Pag. 23 Pag. 25 PREMESSA LA CITTA DEL SOLE E DEL SALE OLTRE LA DISCRIMINAZIONE TERRITORIALE I LOVE SARDINIA IL MAL DI SARDEGNA DI GIUSEPPE TOMASINI LUIGI RIVA, ROMBO DI TUONO IL FALCO, LUÍS AIRTON OLIVEIRA BARROSO LA PANTERA, CARMELO DAVID SUAZO VELÁSQUEZ GENTE DI SARDEGNA Pagina27

28 Il Dirigente Scolastico Prof. Marcello Garbati IL LICEO GIOVANNI MARIA DETTORI DI CAGLIARI Il Corpo Docente Prof.ssa Maricilla Cappai Prof.ssa Fatima Carta Prof. Francesco Murtas Prof.ssa Maria Lucia Sancassano Gli alunni della classe 2 H Cilloccu Alessia Margelli Francesca Matta Barbara Mulas Beatrice Perra Laura Pica Lisa Pinna Gioia Pitzus Emma Secci Letizia Serreli Elena Sorrentino Giulia Tomaselli Anna Gli alunni della classe 1 F Angius Benedetta Marisa Argiolas Anita Atzeni Margherita Bernard Nicolò Berti Alba Cadeddu Chiara Cannas Giulia Casu Alessia Contini Francesco Contu Antonio Mariano Corona Isabella Desogus Noemi Ferreli Gioia Maccioni Laura Marcialis Marco Mirasola Ludovica Sveva Monni Federica Mura Valeria Rebecca Letizia Pinna Margherita Flavia Recasens Matteo Scioni Ilaria Spanu Lorenzo Zedda Giulia Zucca Eleonora Pagina28

29 LO STAFF DEL CALCIASTORIE DI CAGLIARI Coordinatore del progetto locale Pedagogista Responsabile rapporti con la Scuola Responsabile della Comunicazione Responsabile dell Immagine Responsabile rapporti col Cagliari Calcio Responsabile rapporti col I.P.M. di Quartucciu Istruttrice Istruttrice - Pietro Casu Prof.ssa Ilenia Barca Antonio Moi Barca Jaime Franceschi Riccardo Maura Corda Gianluca Frailis Valentina Ambu Roberta Broccia La pagina Ufficiale de Il Calciastorie di Cagliari Comitato Territoriale Cagliari Presidente: Lorenzo Durzu Viale Trieste, Cagliari (CA) Tel.: 070/ Fax: 070/ Lega Calcio: Pagina29

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe Numero 3 Maggio 2008 A cura di Giuseppe Prencipe Il nostro campione Meggiorini Riccardo nazionalità: Italia nato a: Isola Della Scala (VR) il: 4 Settembre 1985 altezza: 183 cm peso: 75 kg Società di appartenenza:

Dettagli

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO Anno 2005/2006 La Biblioteca per i Pazienti Impressioni dei Volontari Gloria Lombardo, Valeria Bonini, Simone Cocchi, Francesca Caffarri, Riccardo

Dettagli

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore.

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore. Vincenzo Cerami* Sono venuto a questo confronto senza preparare nulla. Sentendo gli interventi di chi mi ha preceduto sono tornato con la mente agli anni dell università. Stavo ripensando a Roma. Gli operai

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Chiara, Giada, Maria, Matteo, Matteo

Chiara, Giada, Maria, Matteo, Matteo Eccoci pronti a partire per Aprica, dove ci aspetta un tranquillo weekend in montagna. Ci andiamo spesso e conosciamo perfettamente tutto il tragitto. Appena ci spostiamo in direzione nord le case iniziano

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Secondo incontro: La mia esperienza d amore

Secondo incontro: La mia esperienza d amore Secondo incontro: La mia esperienza d amore Prima di addentrarci nel tema dell incontro sondiamo la motivazione dei ragazzi. Propongo loro un diagramma G/T. Tutti i ragazzi pensavano ad un esercizio di

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2008 2009. Spazio per l etichetta autoadesiva

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2008 2009. Spazio per l etichetta autoadesiva Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2008 2009 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva La

Dettagli

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio L incontro con padre Fabrizio è stato molto importante per capire che noi siamo fortunatissimi rispetto a tante altre persone e l anno prossimo

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

Il mio cane. Il mio cane si chiame Carmen è un Golden Retriver femmina di 10 anni molto buono ed intelligente.

Il mio cane. Il mio cane si chiame Carmen è un Golden Retriver femmina di 10 anni molto buono ed intelligente. Il mio cane. Il mio cane si chiame Carmen è un Golden Retriver femmina di 10 anni molto buono ed intelligente. Le piace molto stare in compagnia,le piace giocare con me con papà e con Alessandro anche

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΑΝΩΤΕΡΗΣ ΚΑΙ ΑΝΩΤΑΤΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΥΠΗΡΕΣΙΑ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΠΑΓΚΥΠΡΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ 2008

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΑΝΩΤΕΡΗΣ ΚΑΙ ΑΝΩΤΑΤΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΥΠΗΡΕΣΙΑ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΠΑΓΚΥΠΡΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ 2008 ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΑΝΩΤΕΡΗΣ ΚΑΙ ΑΝΩΤΑΤΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΥΠΗΡΕΣΙΑ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΠΑΓΚΥΠΡΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ 2008 Μάθημα: Ιταλικά Ημερομηνία και ώρα εξέτασης: Σάββατο, 14 Ιουνίου 2008 11:00 13:30

Dettagli

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni PIANO DI ETTURA Dai 9 anni Le arance di Michele Vichi De Marchi Illustrazioni di Vanna Vinci Grandi Storie Pagine: 208 Codice: 566-3270-5 Anno di pubblicazione: 2013 l autrice Vichi De Marchi è giornalista

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM Biblioteca Interculturale Mobile Nei libri il mondo Classe I - II A docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 Il Progetto Teatro viene proposto ogni anno a gruppi di classe individuati in base alle scelte

Dettagli

Bambini di strada. (Matteo Ticani)

Bambini di strada. (Matteo Ticani) Il progetto Con gli occhi di chi? Campagna di educazione allo Sviluppo contro lo sfruttamento del lavoro minorile a Nord e al Sud del mondo ha visto fra le sue attività principali, la realizzazione di

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

L ESERCITO DEI BISCOTTI

L ESERCITO DEI BISCOTTI L ESERCITO DEI BISCOTTI Siamo gli alunni del Convitto Nazionale Paolo Diacono, un Istituzione Educativa dello Stato, presente a Cividale del Friuli dal 1876. L offerta formativa del Convitto comprende:

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE.

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE. IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE Istituto ROSMINI DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la scuola superiore

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo.

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Pensieri.. In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Simone Per me non è giusto che alcune persone non abbiano il pane e il cibo che ci spettano di diritto. E pensare che molte

Dettagli

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista.

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Andare a gonfie vele Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Roma vele Islanda Olbia vacanza quarantenne Sardegna Sicilia In traghetto Fabio è stato in con la famiglia a Santa Teresa, che si trova

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici Come possono due genitori, entrambi lavoratori e con dei bambini piccoli, fare volontariato? Con una San Vincenzo formato famiglia! La Conferenza Famiglia

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

La Gazzetta di Emmaus

La Gazzetta di Emmaus E D I T O R E E M M A U S S P A A N N O 2 N U M E R O 2 2 La cucina dai sapori africani S O M M A R I O In Prima 1 Pulizie 2 Eventi 3 Manutenzione 3 Articolo 4 Fashion Pazzi di caffè 5 La cucina è il settore

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Nuovi pensieri e ricordi. Forse aforismi

Nuovi pensieri e ricordi. Forse aforismi Nuovi pensieri e ricordi Forse aforismi Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Mauro Baldassini NUOVI PENSIERI E RICORDI

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati *Dopo il primo incontro con la monaca buddista Doyu Freire, i bambini sono stati invitati a raccontare liberamente l esperienza, appena fatta,

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì!

Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì! Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì! Limerik di Ettore (nipotino grande) 9 PREFAZIONE È stata un emozione

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione Fare sport: tra tradizione e innovazione Lo sai papa, che quasi mi mettevo a piangere dalla rabbia, quando ti sei arrampicato alla rete di recinzione, urlando contro l arbitro? Io non ti avevo mai visto

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

Collana: Libri per bambini

Collana: Libri per bambini La Madonna a Medjugorje appare SHALOM Collana: Libri per bambini Testi e illustrazioni: Editrice Shalom Editrice Shalom 25.06.2014 33 o Anniversario delle apparizioni a Medjugorje ISBN 9788884043498 Per

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ 2009-2010 Μάθημα: Ιταλικά Επίπεδο: 2 Διάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία:

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

La nostra biografia. Chi era Arturo Varaia?

La nostra biografia. Chi era Arturo Varaia? La nostra biografia Ecco la rielaborazione degli alunni di 5^ dell anno scolastico 2006/2007 delle notizie acquisite dalla lettura della sua biografia e dall incontro con il prof. Paolo Storti, ex allievo

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Introduzione per il genitore o l educatore

Introduzione per il genitore o l educatore Introduzione per il genitore o l educatore Due approcci per gustare questa storia scritta con levità, realismo e poesia: introdurre i genitori e gli educatori a intravedere e rispettare il mondo interno

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B 08/06/2015 COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B - Grammatica: svolgi tutti gli esercizi da p. 3 a p. 19 (tranne l es. 6 p. 19) + leggi p. 24-25 (ripasso del verbo) e svolgi gli es. da 1

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO

L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO STORIE VISSUTE DAI NOSTRI NONNI QUANDO LA VITA ERA MOLTO DIVERSA Un tempo il Tevere era un fiume molto importante in questa zona: infatti lungo la pianura che lo costeggiava

Dettagli

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo.

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Gli sembrava di scalare il mondo e di salire in alto nel cielo, oltre le nuvole, per vedere la terra dallo spazio.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A Periodico della classe IV A Scuola elementare A. Sabin Anno Scolastico 2011/2012 INDICE 1. Presentazione: perché un giornalino 2. Cosa succede a scuola: elezioni del consiglio dei ragazzi 3. Scrittori

Dettagli

Novembre 2010. Fonte: http://www.youtube.com/watch?v=gk_mjzkiudg ...

Novembre 2010. Fonte: http://www.youtube.com/watch?v=gk_mjzkiudg ... Kiesha Crowther Siamo tutti creatori Divini, arriviamo qui senza ricordare tutto e l'oro sta proprio in questo, il succo sta in questo perché se veniste qui, su questo bellissimo pianeta ricordando chi

Dettagli

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir DA DUE A TRE dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ Voglio poterti amare senza aggrapparmi, apprezzarti senza giudicarti, raggiungerti senza invaderti, invitarti senza insistere, lasciarti senza

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

Il piccolo pezzo di argilla

Il piccolo pezzo di argilla di iana Engel Su in alto, nella vecchia torre, c era un laboratorio. Era un laboratorio di ceramica, pieno di barili di smalti colorati, col tornio del ceramista, i forni e, naturalmente, l argilla. ccanto

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

Test A2 Carta CE. Prove di comprensione del testo: LETTURA. Primo esempio

Test A2 Carta CE. Prove di comprensione del testo: LETTURA. Primo esempio Test A2 Carta CE Prove di comprensione del testo: LETTURA Primo esempio 1 Secondo esempio 2 Terzo esempio Leggi attentamente il testo, poi rispondi scegliendo una delle tre proposte. Segna la risposta

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

TECNICHE DI DISTRAZIONE

TECNICHE DI DISTRAZIONE TECNICHE DI DISTRAZIONE Dobbiamo renderci conto che l ansia, la paura, la preoccupazione, sono sempre associati ad alcuni Pensieri Particolari per ogni persona, ed ognuno di noi Pensa, ha Immagini Particolari

Dettagli

Colori e pensieri per i. bambini emiliani 04/06/2012. Colori e pensieri per i bambini emiliani 04/06/2012

Colori e pensieri per i. bambini emiliani 04/06/2012. Colori e pensieri per i bambini emiliani 04/06/2012 Colori e pensieri per i Colori e pensieri per i bambini emiliani bambini emiliani 04/06/2012 04/06/2012 Ass. Culturale B-Side in Spazio Luce, Milano. Da una idea di: Dott.ssa Anna La Guzza, Psicologa Noi

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza,

Giornale degli Alunni della Scuola Media Virgilio Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza, Noi in poche pagine Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA XVI EDIZIONE ~ ANNO 2014-2015 9 ottobre 2014 SOMMARIO SPECIALE CLASSE 3^B Ø RIFLESSIONI DEI PRIMI GIORNI DI

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli