1. BUCANEVE (Genny Biagioni)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. BUCANEVE (Genny Biagioni)"

Transcript

1 1. BUCANEVE (Genny Biagioni) Le immagini scorrevano veloci e silenziose attraverso i vetri sporchi dell'autobus e Anastasia cercava di non lasciarsene sfuggire neppure una e tentava, come sempre, di dare una voce a quello che vedeva, tenendo una mano poggiata sul finestrino e ascoltando le vibrazioni. Era così che aveva conosciuto il suono scrosciante della pioggia e il rimbombo del tuono che seguiva, durante un temporale, il bagliore del lampo che illuminava il cielo. Ma anche il rumore del treno sulle rotaie, lo sbattere forte di una porta o il rintocco delle campane che, dalla finestra della casa dove era cresciuta, vedeva agitarsi a festa nelle mattine delle domeniche della sua infanzia... «Signorina? Mi scusi, è libero questo posto? Signorina...?». Fu solo il riflesso sul vetro che le rivelò che qualcuno si era avvicinato e attendeva una risposta alla domanda che lei non aveva potuto sentire. Si voltò e sorrise alla donna grassoccia e minuta, carica di valige e borsoni, che la scrutava con le sopracciglia aggrottate. «Chiedevo: posso sedermi o è occupato?» ripeté la signora, in un dialetto che rendeva difficile leggerle le labbra. Anastasia scommise che fosse meridionale, perché aveva imparato che la gente del sud parlava velocemente e si mangiava la fine delle parole, mentre quelli del nord tenevano le labbra sempre un po' chiuse e i romani, suoi concittadini, al contrario spalancavano la bocca, come se non riuscissero a contenere quelle parole che scalpitavano per librarsi nell aria. Per tutta risposta, la ragazza tolse lo zaino dal seggiolino e fece cenno alla donna di accomodarsi. «Grazie. Vengo da un paesino della Puglia e sono in visita a mia figlia che frequenta l università qui a Roma disse l altra, sedendosi. Anche lei è una studentessa?» aggiunse subito dopo, curiosa. Anastasia sapeva che, a quel punto, aveva tre scelte: fare finta di essere scema e continuare a fissarla con un sorriso inebetito stampato sul volto, voltarsi verso il finestrino, ignorandola e dando l idea di essere una maleducata di prim ordine, oppure troncare ogni tentativo di conversazione sul nascere, dicendole la verità. Decise, come sempre, per quest ultima opzione; e lo fece nel modo che, da molti anni, aveva scelto di utilizzare per comunicare con il mondo esterno. Estrasse dallo zaino il blocco e la penna, suoi inseparabili compagni di vita, e tracciò, in un elegante e svolazzante grafia, una frase che mostrò alla sua invadente vicina. «Non le rispondo per il semplice fatto che sono sordomuta lesse, a voce alta, la donna. E quando si rese conto del significato di quelle poche parole, spalancò la bocca e un espressione imbarazzata

2 le coprì di rossore il volto. Oh... mi scusi... mi dispiace... io non...» balbettò, distogliendo lo sguardo impacciata; quando poi tornò a posare gli occhi su di lei, la maschera che le mostrò rifletteva quel sentimento che, ogni volta, si dipingeva sul viso di chi non la conosceva e scopriva per caso la sua diversità: pietà, pena e dispiacere che una così bella ragazza potesse esser stata tanto sfortunata nella sua giovane vita. Anastasia sorrise con dolcezza e, per togliere la donna da ogni imbarazzo, si girò di nuovo verso il finestrino e riprese a fissare la strada. Era venuta alla luce prematura, ma niente lasciava presagire che quella gravidanza pressoché perfetta, avrebbe invece riservato ai suoi genitori un dramma che gli esami prenatali non avevano evidenziato e a cui loro non erano di certo preparati. Quando la loro bellissima bambina dai capelli biondo-rossi si era affacciata al mondo, lo aveva fatto in silenzio, senza quel pianto liberatorio che, invece, annuncia una nuova vita; e subito i dottori si erano resi conto che qualcosa non andava. La diagnosi era stata impietosa e irreversibile: la loro figlia era sordomuta e, per quanto tutti cercassero di confortarli dicendo che, con i tempi moderni, le scuole adatte e gli insegnanti competenti, Anastasia avrebbe vissuto un esistenza simile a quella degli altri suoi coetanei, la verità era che sarebbe stata per sempre diversa, svantaggiata e con una strada da percorrere perennemente in salita. Non ci misero molto a rendersi conto in quale misura: una delle prime notti, dopo la dimissione dall ospedale, i suoi genitori, distrutti dal dolore e dallo stress, si erano addormentati entrambi e nessuno dei due si accorse che la loro bambina piangeva nella culla; sua madre, svegliatasi di soprassalto all alba, la trovò paonazza per lo sforzo, mentre versava lacrime silenziose, affamata e con il pannolino da cambiare. Strinse fra le braccia quel batuffolo rosa e singhiozzò insieme a lei per delle ore, chiedendosi come avrebbe fatto a crescerla, se aveva fatto qualcosa di male in qualche precedente vita per meritarsi quella disgrazia e se, con suo marito, sarebbero stati in grado di portare a termine una missione che pareva impossibile. A distanza di ventidue anni, col senno di poi, avrebbe risposto di sì, si sarebbe detta che forse avrebbero potuto fare anche meglio ma che, certamente, avevano dato alla loro figlia la possibilità di un esistenza dignitosa, serena e colma di quell amore che, neppure per un attimo, si erano dimenticati di dimostrarle. Dopo quella notte, Anastasia dormì nel lettone, fin quando non fu abbastanza grande da essere capace di alzarsi da sola, con l unico suono dei suoi passetti sul pavimento che anticipava, nel silenzio della notte, il tocco delicato delle sue manine che carezzavano il volto assonnato dei suoi genitori. La prima parola che aveva imparato era stata mamma e la seconda papà; non ne conosceva la

3 musicalità e il suono, ma sapeva che le due sillabe che indicavano sua madre erano come due piccoli baci e quelle che identificavano suo padre assomigliavano a due sbuffi; lo sapeva perché aveva passato ore con le mani poggiate sulle loro labbra, mentre i suoi genitori ripetevano all infinito per lei quelle due bellissime parole. La sua era una famiglia benestante e, sin dai primi anni della sua infanzia, Anastasia era stata seguita da esperti del settore e, successivamente, aveva frequentato una scuola speciale dove le era stato insegnato il linguaggio dei segni e dove, con fatica, aveva anche imparato a far uscire dalla sua gola delle parole. Lei non conosceva le tonalità, il volume e l intensità della voce, ma si rendeva conto che i suoni che produceva non erano armoniosi e fluidi come quelli delle persone normali: le sue parole erano stridenti, pronunciate a scatti e, forse, troppo urlate. Lo capiva dalle espressioni concentrate di chi l ascoltava e lo sentiva dalle vibrazioni delle sue labbra contro la sua mano. Ma fin quando non ebbe compiuto gli undici anni non se ne curò più di tanto... Al momento di iscriversi alla scuola secondaria, Anastasia espresse il desiderio di frequentare un istituto pubblico e i suoi genitori, seppur con parecchie perplessità, l accontentarono. Le venne affiancata un insegnate di sostegno che traduceva, nel linguaggio dei segni, le lezioni che i professori di ogni materia tenevano nella sua classe, dimostrò una capacità di apprendimento certamente superiore alla norma e il suo rendimento era senza ombra di dubbio eccellente. I compagni adoravano quella timida e speciale ragazzina dai lunghi capelli ramati e si intenerivano quando si sforzava di parlare, per farsi capire anche da chi non conosceva il suo linguaggio mimato. Ma non tutti gli alunni avevano la stessa sensibilità. Anastasia venne presa di mira da un gruppo di ragazzi più grandi, ripetenti, che iniziarono a deriderla, ad insultarla e a sottoporla ad una serie infinita di umiliazioni quando la incontravano negli spazi comuni: le tiravano i capelli per farla voltare quando passava nei corridoi, le urlavano frasi oscene che lei non poteva sentire, ma che vedeva dipinte sulle facce cattive dei bulli che la circondavano, e scimmiottavano il suo strano modo di parlare. Un giorno si spinsero oltre: si appostarono in un angolo nascosto del cortile e quando la sua classe rientrò dalla palestra, dopo l ora di educazione fisica, la isolarono, senza che nessuno dei suoi compagni se ne accorgesse, e la spinsero contro il muro. «Vediamo come urli. Ci riesci, handicappata?» le alitò in faccia uno dei cinque, facendole venire un conato di vomito per il tanfo di birra e sigarette. «Non si dice handicappata, Paolo, ma diversamente abile...» lo corresse un altro, sghignazzando. «Facci vedere in cosa sei abile, allora...» quello che si chiamava Paolo la guardò con una pericolosa e minacciosa luce negli occhi. «Cosa vuoi che sappia fare? Non c è niente neppure da toccare, lì sotto... Sembra un acciuga!» la

4 schernì ancora un altro, con un occhiata di disprezzo al suo corpo esile e sempre acerbo. «Non importa, meglio di niente...» Paolo le strinse un piccolo seno fra le dita, con uno sguardo voglioso e famelico, e poi fece scattare una mano sul bottone dei jeans. Anastasia aveva paura, il terrore le toglieva lucidità e non riusciva a vedere altro che le bocche dei suoi aggressori che mimavano la parole mute della sua condanna, mentre il silenzio assordante che l accompagnava da sempre sembrava esploderle dentro. Forse, se si fosse sforzata, sarebbe anche riuscita ad urlare, ma la voce non voleva uscire... Tutti quegli anni di insegnamenti e sacrifici per niente! L unica volta in cui parlare sarebbe stato per lei vitale, non era in grado di farlo. Poi accadde tutto in una frazione di secondo, tanto da far dubitare ad Anastasia che fosse successo davvero: vide un pugno colpire Paolo sulla mascella e i suoi compagni arretrare di fronte ad una figura che le dava la schiena. «Pezzi di merda, vi ho insegnato questo? Vi risulta che molestare le ragazze sia nel nostro codice? La strada non ha bisogno di gente come voi...». «Mizio... noi... non...» balbettò uno del branco. «Non vi voglio neppure ascoltare. Andatevene!». I cinque ragazzi si guardarono confusi e intimoriti, poi, senza aggiungere altro, si defilarono, con Paolo che si teneva una mano sulla mascella dolorante. Anastasia osservò la scena incredula: non sapeva chi fosse il suo salvatore e non aveva idea di cosa avesse detto ai suoi aggressori per costringerli a lasciarla in pace; sapeva solo che il sollievo per averla scampata e il terrore provato quando credeva di essere spacciata le avevano reso le gambe molli. Si accucciò a terra, in preda a un tremore convulso. «Ehi... stai bene? il ragazzo s inginocchiò vicino a lei sollevandole il viso, in modo che potesse vedergli le labbra. Stai bene?» ripeté, scandendo per bene le parole. Anastasia assentì, guardandolo in volto. Lei lo conosceva! Era uno studente dell'istituto professionale che confinava con la sua scuola ed era un tipo poco raccomandabile, così si diceva, che si circondava di teppisti e prepotenti; si mormorava che suo padre, attualmente in carcere, fosse un esponente della malavita organizzata, anche se l accusa per cui c era finito riguardava reati contro il patrimonio e niente più. «Aspettami qua e non avere paura, non torneranno» le raccomandò, prima di voltarsi e dirigersi a passo svelto verso il cancello secondario. Ricomparve pochissimi minuti più tardi, durante i quali Anastasia si chiese se, invece, avrebbe fatto meglio a correre dai suoi insegnanti. In mano teneva un bicchiere termico e nell altra un quaderno a spirale; la guardò in un modo che

5 addolcì la sua espressione resa dura, oltre che per volontà, dalla lunga cicatrice che gli attraversava parte della guancia e che deturpava un volto che, altrimenti, sarebbe stato magnifico. «Bevila, è cioccolata calda» le disse, inginocchiandosi di nuovo alla sua altezza e porgendole il bicchiere che Anastasia accettò, dopo un attimo di incertezza. Non me l avrà mica drogata per finire il lavoro dei suoi compari...? pensò, sospettosa; ma poi si disse che, se avesse voluto farle del male, lo avrebbe già fatto, e bevve una sorsata, godendo del contatto del liquido dolce e bollente contro la sua gola. «A proposito, tutti mi chiamano Mizio» si presentò il ragazzo, parlando lentamente perché lei potesse capirlo. Anastasia si limitò a guardarlo, continuando a bere. «Mi dispiace per quello che è successo, ma puoi stare tranquilla che non ti infastidiranno più Mizio le porse il quaderno. Ora devo andare, ma prima vorrei farti un regalo» aggiunse. Lei corrugò le sopracciglia in modo interrogativo. «Per parlare, per comunicare... le disse. Anastasia si fece serio e lei si meravigliò che conoscesse il suo nome, il mondo là fuori è pieno di gente come Paolo: non dare a nessuno la possibilità di scoprire il punto dove farti del male». Poi se ne andò, lasciandola confusa e frastornata. Cosa voleva dire? Lei era sordomuta... era questo il suo punto debole e non poteva certo cancellarlo! Anastasia continuò a rimuginare sulla cosa, anche quando rientrò in classe e dovette inventarsi una scusa per giustificare il suo ritardo con gli insegnanti e i suoi compagni. Non raccontò mai a nessuno cosa era accaduto e non lo rivelò neppure ai suoi genitori: sarebbe stato un dolore troppo grande da sopportare ed un umiliazione troppo pesante da affrontare. E continuò a lambiccarsi il cervello sulle strane parole di Mizio. Le comprese appieno solo la sera, poco prima di addormentarsi, quando aprì il quaderno che le aveva regalato; sulla prima pagina c era scritta questa frase: Mi ricordi un bucaneve: sboccerai contro ogni avversità, mostrando al mondo solo la tua bellezza e nascondendo le difficoltà che hai dovuto scavalcare.... Si addormentò e sognò un fiore bianco in mezzo ad una distesa di candida neve. Quando si svegliò aveva le idee chiare e, nonostante la decisione che aveva preso rappresentasse una rivoluzione in quella vita a cui, con tanta forza, aveva cercato di dare un ordinaria routine, non vacillò neppure per un attimo. Si preparò per la scuola, prese il quaderno che le aveva regalato Mizio e, con una sorta di rispetto, scrisse la prima di un infinita serie di pagine che, da quel momento, l avrebbero accompagnata nel

6 suo cammino. Poi raggiunse i suoi genitori che l aspettavano per la colazione. «Buongiorno, tesoro». La salutarono con un bacio e lei, a differenza delle altre mattine, non rispose ma mostrò loro il quaderno che suo padre e sua madre si sporsero per leggere, con la fronte aggrottata ed un espressione confusa. Buongiorno a voi. Ho preso una decisione che spero rispetterete: da oggi non parlerò più e, per comunicare, mi servirò della scrittura. Per tutta la mia vita ho cercato di apparire come gli altri, imitando quello che la gente normale fa, ma la verità è che normale non lo sono: sono diversa. E quello che ho scelto è un diverso modo per dirlo al mondo. Vi ringrazio per tutto quello che avete fatto e per le possibilità che mi avete concesso, ma credo che sia arrivato il momento di camminare da sola. Entrambi lessero in silenzio, ognuno perso nelle proprie riflessioni, e Anastasia dette loro il tempo di metabolizzare la cosa. «Piccola, è successo qualcosa di brutto che ti ha fatto prendere questa decisione?» suo padre alzò gli occhi e la fissò, mentre un lampo di preoccupazione sostituiva la confusione dipinta sul suo volto. Anastasia riprese il quaderno e scrisse: Non è accaduto niente, non abbiate paura. Ora vado a scuola perché è tardi. Vi voglio bene e lo mostrò ai suoi genitori. Loro le sorrisero un po forzatamente e assentirono, continuando a guardarla mentre li salutava con la mano ed usciva di corsa da casa. Sapevano che la loro figlia aveva mentito ma, come era nella loro natura, rispettarono la sua volontà e non le chiesero mai niente, pregando che quello che era accaduto non fosse qualcosa di troppo grave, ma solo uno degli infiniti ostacoli che la vita le avrebbe messo di fronte e che (si auguravano) l avrebbero resa forte e determinata. Una volta a scuola, Anastasia comunicò la sua decisione ai compagni e agli insegnanti e, al momento dell intervallo, uscì e cercò con lo sguardo Mizio, in mezzo alle centinaia di studenti che affollavano il cortile posteriore del comprensorio. Quando riuscì ad individuarlo, gli fece un timido cenno. Lui disse qualcosa ai suoi amici e le si avvicinò. «Ciao, come stai?» la salutò, sorridendo, con le mani nelle tasche del giubbotto di pelle marrone. Lei si limitò ad assentire e gli mostrò il quaderno. Grazie mille per ieri. Ma ho una richiesta da farti: di a Paolo e ai suoi compari che non voglio più vederli infastidire nessuno degli studenti; non è mia intenzione intromettermi nelle vostre cose e nelle vostre regole, ma infierire senza motivo sui più deboli non è certamente il comportamento di un uomo con le palle. Se continueranno, denuncerò l accaduto, e non solo il mio....

7 «Non ci sarà bisogno, non succederà più» Mizio le rese il blocco. Anastasia, a quel punto, si guardò intorno, vagamente impacciata, poi si strinse nelle spalle e gli fece un cenno di saluto, prima di voltarsi e correre verso le sue amiche, che l aspettavano poco più in là. Mizio la seguì con lo sguardo fin quando non scomparve dietro la fiumana di studenti, e l ombra di un sorriso gli increspò le labbra. «Il bucaneve ha iniziato a sbocciare» mormorò fra sé. Quello fu l ultimo incontro ravvicinato che i due ragazzi ebbero; pochi mesi dopo Mizio abbandonò la scuola e solo un paio d anni più tardi Anastasia vide la sua fotografia sulla cronaca di un quotidiano: Giovane in fuga su uno scooter dopo una rapina si schianta contro un albero e muore sul colpo. Pianse fino a sfinirsi perché, anche se dentro di sé sapeva che la gente come Mizio, prima o poi, finiva male, era altrettanto consapevole che quel ragazzo le aveva cambiato la vita. Innumerevoli altre pagine avevano seguito quella sul bucaneve, nuovi blocchi avevano sostituito quell ormai logoro quaderno che le era stato donato, e lei era cresciuta insieme alle parole tracciate sui fogli, attingendo da quella forza alla quale un delinquente gentile le aveva insegnato ad aggrapparsi. Terminate le scuole medie, Anastasia aveva frequentato il liceo classico, poi si era iscritta alla facoltà di psicologia e, da studentessa modello quale era, aveva superato tutti gli esami della triennale nei tempi previsti, riempiendo di orgoglio i suoi genitori. Dopodiché, aveva scelto la specialistica: psicologia criminale; e lo aveva fatto dopo aver frequentato, attraverso un associazione di volontariato, una casa famiglia dove trovavano rifugio i minori tolti ai genitori e le donne che avevano subito minacce e percosse da parte di mariti e conviventi violenti. Guardando quelle anime martoriate che, stranamente, sceglievano di raccontare proprio a lei i loro drammi, attraverso parole e disegni tracciati nel più assoluto silenzio, Anastasia aveva sentito la necessità di comprendere quali fossero gli spettri della mente che spingevano un essere umano ad accanirsi in quel modo su un proprio simile, spesso legato a lui da un vincolo parentale e di sangue. Quando il segnale che indicava la sua fermata iniziò a lampeggiare, Anastasia si riscosse dal lungo viaggio che aveva compiuto nei suoi ricordi e, dopo aver fatto un cenno di saluto con la mano alla signora pugliese di fianco a lei, che le sorrise in risposta, si alzò e si piazzò di fronte alla porta, che si spalancò mentre l autobus si arrestava. Scese al volo ed assaporò il piacevole calore dei raggi di un luminoso sole primaverile che le carezzavano la pelle; poi raggiunse le strisce pedonali e attraversò la strada, facendo attenzione a

8 non finire travolta dal caotico traffico automobilistico della capitale. Quando varcò la soglia della Questura, l agente di guardia le fece un cenno dall angusta portineria con le vetrate antiproiettile e aprì l ingresso per farla entrare. «Buongiorno». «Ciao, splendore». Anastasia rispose con un sorriso radioso ai saluti che leggeva sulle labbra di coloro che incontrava nei corridoi e che, ormai, si erano abituati alla presenza di quella bellissima e giovane ragazza dai capelli ramati e gli occhi verdi. Aveva accettato, senza esitazione, l impiego part-time che, grazie alla sua condizione di iscritta nelle liste protette, le spettava; era solo un lavoro amministrativo nell archivio della Questura, ma che le permetteva di leggere i fascicoli sulle indagini e di essere a stretto contatto con l ambiente investigativo, vedendo applicate nella pratica le nozioni teoriche che studiava; forse non avrebbe mai esercitato la professione di criminologa, ma non era una preoccupazione che per il momento la toccava. Si sarebbe laureata e poi avrebbe visto quello che il futuro le avrebbe riservato. Un tocco leggero dietro la sua schiena, mentre raggiungeva l ufficio, la fece voltare. «Prendiamo un caffè, prima che ti immerga nelle scartoffie?» le domandò, scandendo lentamente le parole, l uomo che si trovò a fissare. Eccolo lì il secondo motivo per cui aveva accettato il lavoro, posticipando (con un bel po di sacrificio) lo studio alla sera e a parte della notte! Orlando Metelli, affascinante ispettore di polizia trentenne, era colui che, con la sua gentilezza, le aveva rapito il cuore. Anastasia aveva avuto altre brevi storie, ma niente che contasse veramente. Non era facile aprire e condividere il suo mondo silenzioso con un uomo, per cui aveva scelto di non spingersi mai oltre l affettuosa amicizia che aveva instaurato con un paio di suoi compagni di facoltà; ma con Orlando avrebbe rischiato volentieri, se solo avesse avuto il coraggio di farsi avanti. Era anche vero che l ispettore le dimostrava un certo interesse, ma lei aveva paura di scambiare la sua educata galanteria per qualcos altro di ben più importante, perciò, per non rovinare il bel rapporto che si era creato fra loro, aveva scelto di non dichiararsi e di accontentarsi della sua semplice vicinanza come amico e collega. Anastasia scrisse qualcosa sul quaderno che teneva sempre pronto, per avere la sua voce di carta costantemente a portata di mano, e si aprì in un sorriso, mentre lo mostrava al bell uomo dai capelli e gli occhi neri. Volentieri! Ma stavolta pago io!. «Sì, sì...» Orlando scosse la testa e la prese sottobraccio, preparandosi alla scarica elettrica che le

9 provocava anche solo un contatto fugace con quella meravigliosa creatura, entrata in punta di piedi nella sua vita e capace di scatenare una tempesta di emozioni a cui non era preparato. Mentre uscivano dall ingresso della Questura, Orlando si lasciò andare alle sue fantasie, domandandosi per l ennesima volta come sarebbe stato baciare le labbra rosse e carnose di Anastasia.

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Neretta e Bertola suonarono

Neretta e Bertola suonarono Neretta e Bertola suonarono il campanello di via dei Mirtilli n 15, alle ore 17. Era il primo venerdì del mese e loro erano puntualissime, come sempre. Aprì loro una vecchina piccola, piccola che con un

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

LA DISTRUZIONE DEL BALLO

LA DISTRUZIONE DEL BALLO LA DISTRUZIONE DEL BALLO Un bel giorno una ballerina era a casa a guardare la TV quando, all improvviso,suonò il campanello. Andò ad aprire era un uomo che non aveva mai visto il quale disse: Smetti di

Dettagli

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose Sean e le Una Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose da Drynites Sean e le Scarpe Luccicose Sean era così timido che quando arrivava il postino a consegnargli una lettera, era troppo timido per salutare.

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo.

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il vuoto Una tazza di tè Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il maestro servì il tè. Colmò la tazza del suo

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati *Dopo il primo incontro con la monaca buddista Doyu Freire, i bambini sono stati invitati a raccontare liberamente l esperienza, appena fatta,

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

TECNICHE DI DISTRAZIONE

TECNICHE DI DISTRAZIONE TECNICHE DI DISTRAZIONE Dobbiamo renderci conto che l ansia, la paura, la preoccupazione, sono sempre associati ad alcuni Pensieri Particolari per ogni persona, ed ognuno di noi Pensa, ha Immagini Particolari

Dettagli

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone A Neretta piace molto andare a scuola. Anche i suoi amici della Compagnia del Cuore d Oro che frequentano la sua classe vanno volentieri. Ma le cose, all inizio di quest anno, non andavano troppo bene.

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

Bravo posa la cartella dove non passano né questo né quella! Il materiale che hai preparato in modo corretto deve essere usato.

Bravo posa la cartella dove non passano né questo né quella! Il materiale che hai preparato in modo corretto deve essere usato. Bravo posa la cartella dove non passano né questo né quella! Il materiale che hai preparato in modo corretto deve essere usato. ........ In ogni situazione occorre prestare molta attenzione. Se tanti pericoli

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 Μάθημα: Ιταλικά Δπίπεδο: 2 Γιάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία: 23 Μαΐοσ

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale Discorso indiretto - o n 1 Trasformare il discorso diretto in indiretto 1. "Che cosa fai?". Mi chiese che cosa. 2. "Sono venuto a saperlo per caso". Disse a saperlo per caso. 3. "Per favore, telefoni a

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

VADO A SCUOLA CON LO SCUOLABUS. Servizi Scolastici Integrativi Comunali TRASPORTO SCOLASTICO

VADO A SCUOLA CON LO SCUOLABUS. Servizi Scolastici Integrativi Comunali TRASPORTO SCOLASTICO VADO A SCUOLA CON LO SCUOLABUS Servizi Scolastici Integrativi Comunali TRASPORTO SCOLASTICO Vado a scuola con lo Scuolabus Vado con lo Scuolabus alla scuola dell infanzia o alla scuola primaria Se non

Dettagli

CARMEN TOTARO Le piene di grazia

CARMEN TOTARO Le piene di grazia CARMEN TOTARO Le piene di grazia Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07491-9 Prima edizione: marzo 2015 Impaginazione: studio pym / Milano Le piene di grazia

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo.

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Gli sembrava di scalare il mondo e di salire in alto nel cielo, oltre le nuvole, per vedere la terra dallo spazio.

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

Vola, Aquila, vola. Favola africana. Raccontata da Christopher Gregorowski. Vola, Aquila, vola

Vola, Aquila, vola. Favola africana. Raccontata da Christopher Gregorowski. Vola, Aquila, vola Favola africana Raccontata da hristopher Gregorowski 15 Un giorno un contadino andò alla ricerca di un vitello che si era perso. La sera prima i pastori erano ritornati senza di esso. E durante la notte

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI Maggio-Giugno Le campane nel campanile suonano a festa. E risorto Gesù E Pasqua senti come suonano allegre! ascoltiamole Queste suonano forte! Maestra perchè

Dettagli

PER LA PREGHIERA (M. QUOIST PARLAMI D AMORE )

PER LA PREGHIERA (M. QUOIST PARLAMI D AMORE ) PER LA PREGHIERA Ho bisogno, ragazzi, della vostra amicizia, come voi avete bisogno della nostra. Ma non ho bisogno che uno dopo l altro mi diciate: ti amo, perché quando verrà il mio Amore, che aspetto,

Dettagli

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Quando al mattino Gellindo si sveglia al suono della prima

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Tensioni Max Pedretti NEL NOME DEL MALE copyright 2010, caosfera www.caosfera.it soluzioni grafiche e realizzazione Max Pedretti NEL NOME DEL MALE PROLOGO

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano:

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano: Imparare a "guardare" le immagini, andando al di là delle impressioni estetiche, consente non solo di conoscere chi eravamo, ma anche di operare riflessioni e confronti con la vita attuale. Abitua inoltre

Dettagli

Auguri mamma! Festa della mamma 2014

Auguri mamma! Festa della mamma 2014 Festa della mamma 2014 Quest anno dedichiamo alla mamma un intero libro. Si tratta de L abbraccio di David Grossman, splendido nell edizione Mondadori illustrata da Michal Rovner. Il nostro libro si presenterà

Dettagli

PENSIERI IN ORDINE SPARSO. - Il diario di un seminarista - di Davide Corini

PENSIERI IN ORDINE SPARSO. - Il diario di un seminarista - di Davide Corini PENSIERI IN ORDINE SPARSO - Il diario di un seminarista - di Davide Corini Come al solito ho bisogno di qualche giorno, dopo un esperienza importante, per rimettere in ordine le cose e cercare di fare

Dettagli

Enzo l incontro con Gesù

Enzo l incontro con Gesù Enzo l incontro con Gesù Enzo Casagni ENZO L INCONTRO CON GESÙ Autobiografia www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Enzo Casagni Tutti i diritti riservati A Gesù che mi ha sempre seguito fin dal seno

Dettagli

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Iscritto per: Scuola Secondaria Primo Grado Motto di iscrizione: Raccontami e dimenticherò-mostrami

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1 Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 3 ottobre 2011 LIVELLO A1 1. Completa le frasi con gli articoli determinativi (il, lo, la, l, i,

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

Questionario sulle abilità comunicativo relazionali

Questionario sulle abilità comunicativo relazionali Questionario sulle abilità comunicativo relazionali a cura di Fabio Navanteri per il tutor: da leggere ai corsisti Il questionario che vi proponiamo vi permetterà di individuare alcuni tratti del vostro

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

Collana: Libri per bambini

Collana: Libri per bambini La Madonna a Medjugorje appare SHALOM Collana: Libri per bambini Testi e illustrazioni: Editrice Shalom Editrice Shalom 25.06.2014 33 o Anniversario delle apparizioni a Medjugorje ISBN 9788884043498 Per

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

Gianni e Antonio. Una terra da abitare

Gianni e Antonio. Una terra da abitare Gianni e Antonio Una terra da abitare 2003 Queste foto non hanno nulla di originale. Sono la memoria quotidiana di un viaggiatore qualsiasi, che si è trovato, per un tempo né breve né lungo, a essere,

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO Anno 2005/2006 La Biblioteca per i Pazienti Impressioni dei Volontari Gloria Lombardo, Valeria Bonini, Simone Cocchi, Francesca Caffarri, Riccardo

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015)

UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015) UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015) Da circa otto mesi sto svolgendo un percorso di letture ad alta

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

Il piccolo pezzo di argilla

Il piccolo pezzo di argilla di iana Engel Su in alto, nella vecchia torre, c era un laboratorio. Era un laboratorio di ceramica, pieno di barili di smalti colorati, col tornio del ceramista, i forni e, naturalmente, l argilla. ccanto

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con LEZIONE 1 ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. (conoscersi) venti giorni fa a

Dettagli

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE CAPITOLO II DON ABBONDIO NON RIUSCÌ AD ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE NON SI POTEVANO CELEBRARE

Dettagli

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei.

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei. Mathilde tirò fuori l agenda e scrisse: «Il tizio seduto alla mia sinistra mi prende per i fondelli». Bevve un sorso di birra e lanciò un altra occhiata al vicino, un tizio immenso che da dieci minuti

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

Secondo incontro: La mia esperienza d amore

Secondo incontro: La mia esperienza d amore Secondo incontro: La mia esperienza d amore Prima di addentrarci nel tema dell incontro sondiamo la motivazione dei ragazzi. Propongo loro un diagramma G/T. Tutti i ragazzi pensavano ad un esercizio di

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

L'indifferenza. Mi manca il coraggio di guardarti negli occhi. Nel piazzale davanti alla scuola, nei suoi corridoi affollati,

L'indifferenza. Mi manca il coraggio di guardarti negli occhi. Nel piazzale davanti alla scuola, nei suoi corridoi affollati, L'indifferenza Mi manca il coraggio di guardarti negli occhi. Nel piazzale davanti alla scuola, nei suoi corridoi affollati, nei suoi bagni che odorano di fumo di sigarette aspirate avidamente hai subito

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso

AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso Anna Contardi e Monica Berarducci Aipd Associazione italiana persone down AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso imparare A conoscere se stessi, Gli AlTri, le proprie emozioni collana Laboratori per

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli