DISCIPLINARE DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA ATTREZZATA SITA IN LOCALITÀ VALLESICA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DISCIPLINARE DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA ATTREZZATA SITA IN LOCALITÀ VALLESICA"

Transcript

1 DISCIPLINARE DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA ATTREZZATA SITA IN LOCALITÀ VALLESICA INDICE Art. 1 - Principi e finalità Art. 2 - Funzione e definizione della Piattaforma Ecologica Attrezzata per la Raccolta Differenziata Art. 3 - Utenti della piattaforma Art. 4 - Orari di apertura Art. 5 - Materiali che possono essere conferiti alla Piattaforma Ecologica Attrezzata Art. 6 - Operatori del servizio Art. 7 - Modalità di consegna e scarico dei materiali Art. 8 - Modalità di stoccaggio dei materiali Art. 9 - Divieto di abbandono dei rifiuti nei pressi della Piattaforma Ecologica Attrezzata Art Costo del servizio Art Modalità di conduzione della Piattaforma Ecologica Attrezzata Art Adempimenti amministrativi e responsabilità del Gestore Art Controllo, vigilanza e contestazioni Art Sanzioni Art Incentivi Art Entrata in vigore Art. 1 - Principi e finalità Il presente Disciplinare regolamenta le modalità di accesso e di conferimento dei rifiuti urbani ed assimilabili presso la Piattaforma Ecologica Attrezzata sita in via Vallesica, ritenuta quale utile strumento per il perseguimento degli obiettivi di raccolta differenziata. L area della Piattaforma Ecologica Attrezzata si sviluppa su una superficie complessiva di circa mq. identificata catastalmente al foglio 2, mappale 53 e 8 di proprietà del comune di Sperlonga. Art. 2 - Funzione e definizione della Piattaforma Ecologica Attrezzata per la raccolta differenziata La Piattaforma Ecologica Attrezzata per la raccolta differenziata è un area pubblica, situata in via Vallesica, nella quale i cittadini utenti residenti o proprietari di immobili, presenti sul territorio comunale di Sperlonga, possono conferire le varie tipologie di rifiuti urbani che, per qualità e/o quantità e/o dimensioni, non possono essere prelevati durante lo svolgimento dei normali servizi di raccolta porta a porta dei rifiuti operativi sul territorio. La gestione della stessa è affidata alla società Servizi Industriali srl. per l'intera durata dell appalto di cui alla determinazione dirigenziale n. 14/Rg 170 del e secondo le modalità previste dall articolo n. 42 del Capitolato Speciale d Appalto. I rifiuti depositati nella Piattaforma Ecologica Attrezzata vengono ceduti da parte del Gestore a terzi autorizzati per le successive operazioni di recupero, riciclaggio, trattamento o smaltimento secondo le modalità specifiche, definite per ciascuna frazione, dalla normativa vigente.

2 Art. 3 - Utenti della Piattaforma Ecologica Attrezzata L'accesso alla Piattaforma Ecologica Attrezzata è consentito esclusivamente agli utenti i cui rifiuti per qualità e/o quantità e/o dimensioni, non possono essere prelevati durante lo svolgimento dei normali servizi di raccolta porta a porta. Per le caratteristiche tipologiche della Piattaforma Ecologica Attrezzata, sono da considerarsi utenti esclusivamente: A. i cittadini residenti nel comune di Sperlonga; B. i cittadini non residenti, proprietari di un abitazione nel comune di Sperlonga; C. le attività produttive presenti sul territorio del comune di Sperlonga; D. le ditte operanti per conto del comune, regolarmente autorizzate (per appalti pubblici) dal Settore Ambiente del comune di Sperlonga, qualora nell appalto non siano stati riconosciuti gli oneri per lo smaltimento dei rifiuti prodotti; E. i dipendenti comunali incaricati degli interventi di igiene urbana. Gli utenti possono accedere alla Piattaforma Ecologica Attrezzata esclusivamente durante le ore di apertura al pubblico. L accesso degli utenti sarà controllato dal Gestore nel seguente modo: - per coloro che effettuano conferimenti occasionali o saltuari, di cui a punti A), B) E C), previa esibizione di valido documento di riconoscimento e attestazione di regolare iscrizione a ruolo per il pagamento della tassa sullo smaltimento dei rifiuti; - per le ditte di cui al punto D) esibendo l'autorizzazione al conferimento rilasciata dal Settore Ambiente del Comune. Il conferimento dovrà avvenire alla presenza del personale incaricato addetto alla Piattaforma Ecologica Attrezzata. L accesso alla Piattaforma Ecologica Attrezzata avverrà sotto la responsabilità del conferente il quale non potrà rivendicare eventuali danni né nei confronti del Gestore, né nei confronti del comune. Il conferente risponderà viceversa di tutti i danni che abbia arrecato agli impianti o a terzi ritenendo tale anche il Gestore. Non è possibile per i conferenti prelevare alcun materiale dalla Piattaforma Ecologica Attrezzata. Sono, altresì, autorizzati al conferimento di rifiuti urbani, con delega ai sensi della vigente normativa in materia, terzi in nome e per conto del proprietario regolarmente iscritto al ruolo per il pagamento della Tassa sullo smaltimento dei rifiuti. Le attività produttive presenti sul territorio del comune di Sperlonga potranno usufruire del servizio limitatamente ad alcune tipologie di rifiuti, ossia le frazioni assimilate ai Rifiuti Solidi Urbani (R.S.U.) specificatamente indicate al successivo art. 5 del presente Disciplinare. Si precisa che non possono essere assimilati ai Rifiuti Solidi Urbani i rifiuti che si formano nelle aree produttive, compresi i magazzini di materie prime e di prodotti finiti, salvo i rifiuti prodotti negli uffici, nelle mense, nei bar e nei locali al servizio dei lavoratori o comunque aperti al pubblico (art. 195 comma 2 lettera e), del D.Lgs. 152/2006). Si sottolinea inoltre che è tassativamente vietato conferire qualsiasi frazione di rifiuto riconducibile a Rifiuti Urbani Pericolosi (R.U.P.). Al fine di consentire il corretto funzionamento della Piattaforma Ecologica Attrezzata, le varie tipologie di rifiuti saranno accettate solo compatibilmente con le capacità di ricezione dei singoli contenitori presenti all interno della stessa.

3 Art. 4 - Orari di apertura L accesso da parte dell utenza è garantito nei seguenti giorni con il seguente orario: dal lunedì al sabato dalle ore 09:30 alle ore 12:30. L orario sarà esposto a cura del Gestore all ingresso della Piattaforma Ecologica Attrezzata. Gli orari di cui sopra, per esigenze migliorative del servizio all utenza, potranno variare; le eventuali modifiche saranno comunicate agli utenti nei modi ritenuti più efficaci. Durante l orario di accesso è presente il servizio di custodia, incaricato dal Gestore, munito di apposita attrezzatura ed abbigliamento ai sensi delle vigenti normative antinfortunistiche, il quale ha l onere di: 1. in caso di motivata necessità di verifica, di chiedere all utenza l esibizione di un documento di riconoscimento; 2. effettuare un accurato controllo visivo dei carichi ai fini dell ammissione allo scarico; 3. respingere i rifiuti qualora difformi alle prescrizioni di legge; 4. in caso di insufficienza di spazio allo stoccaggio del rifiuto, negare l accesso ed il relativo conferimento alla Piattaforma Ecologica Attrezzata, rinviando l utente ad un periodo successivo; 5. sorvegliare affinché siano evitati danni alle strutture, alle attrezzature, ai contenitori e a quanto altro presente all interno della struttura; 6. mantenere in perfetto ordine e provvedere alla pulizia sia all interno che all esterno della Piattaforma Ecologica Attrezzata ogni qualvolta se ne presenti la necessità; 7. garantire la corretta tenuta dei registri di carico e scarico dei rifiuti conferiti, con la compilazione dei formulari di identificazione dei rifiuti. Art. 5 - Materiali che possono essere conferiti alla Piattaforma Ecologica Attrezzata Possono essere conferiti presso la Piattaforma Ecologica Attrezzata, per il temporaneo deposito, le seguenti tipologie di rifiuti: o Rifiuti ingombranti o Imballaggi di plastica e metallici o Carta e cartone ed imballaggi in cartone o Vetro in lastre o Legno ed imballaggi in legno o Materiali ferrosi o Rifiuti vegetali (frazione verde) o Pneumatici o Materiali derivanti da piccole attività di costruzione o demolizione o Oli vegetali o Oli minerali o Pile o Medicinali scaduti o Batterie esauste o Contenitori T e/o F o RAEE I rifiuti che non possono invece essere conferiti presso la Piattaforma Ecologica Attrezzata e per i quali lo smaltimento rimane a carico dell utente sono tutti quelli non contemplati nel presente Disciplinare. In particolare rimangono esclusi: amianto, bombole di estintori e combustibili. Potranno essere attivate sperimentalmente, da parte del Gestore in accordo col comune di Sperlonga, forme di raccolta differenziata di ulteriori tipologie di rifiuto (senza che questo

4 comporti una modifica al presente Disciplinare) attraverso le quali sia possibile conseguire la riduzione del quantitativo di materiale indifferenziato da mandare a smaltimento. Art. 6 - Operatori del servizio. Il servizio di gestione della Piattaforma Ecologica Attrezzata sarà reso attraverso operatori a ciò preposti, e precisamente: a) dal personale incaricato dal Gestore al fine di controllare il corretto conferimento dei rifiuti alla Piattaforma Ecologica Attrezzata da parte degli utenti; b) dal personale delle ditte incaricate dal Gestore di trasportare in idonei impianti i rifiuti di cui al precedente art. 5, purché in presenza del personale abilitato; Gli operatori potranno accedere alla Piattaforma Ecologica Attrezzata anche negli orari di chiusura al pubblico. I compiti degli operatori sono: 1. fermare gli utenti all ingresso, controllare la tipologia di rifiuto da conferire, procedere all eventuale pesatura se trattasi di rifiuto di cui all art. 10 del presente Disciplinare ed indirizzare l'utente alle specifiche zone di conferimento; 2. verificare che la permanenza degli utenti perduri solo per lo stretto tempo necessario, controllando che nessuno effettui operazioni quali cernita, rovistamento e prelievo di rifiuti o di altri materiali; 3. verificare che nessun rifiuto venga abbandonato al di fuori delle specifiche zone di destinazione e che il conferimento avvenga nel pieno rispetto delle norme di sicurezza al fine di prevenire eventuali infortuni; 4. mantenere pulito il piazzale ed i locali di servizio, prestando particolare attenzione all area dei contenitori con particolare attenzione alla zona in prossimità dei contenitori del vetro; 5. lavare periodicamente l'intera area con getto d acqua monitorando il quantitativo di acque reflue che confluisce nel desoliatore e provvedendo allo smaltimento delle stesse; 6. verificare lo svolgimento dei servizi di raccolta e trasporto dei rifiuti da parte delle aziende concessionarie, in particolare, controllare che gli autisti delle ditte incaricate raccolgano e/o scarichino i rifiuti senza dispersioni sul piazzale (movimentazione di materiale con ragno, movimentazione di containers, aspirazione di oli a mezzo autocisterna, caricamento su autocarri o furgoni di batterie, frigoriferi e polistirolo); 7. provvedere a pesare ogni carico di rifiuto prima del trasferimento presso gli impianti autorizzati; 8. compilare diligentemente i formulari ed i registri previsti dalla normativa vigente; 9. programmare e organizzare il ritiro o la vuotatura dei contenitori presso le concessionarie interessate, ovvero segnalare qualsiasi problema dovesse insorgere rispetto al servizio; 10. segnalare tempestivamente all Ufficio di Polizia Locale eventuali contestazioni che dovessero insorgere con l utenza; Art. 7 - Modalità di consegna e scarico dei rifiuti Lo scarico dei rifiuti presso la Piattaforma Ecologica Attrezzata avverrà secondo le seguenti modalità: a) L utente della Piattaforma Ecologica Attrezzata è tenuto a conferire i rifiuti già suddivisi per gruppi merceologici oltre a provvedere, a propria cura, al deposito nei vari contenitori, appositamente predisposti per ciascun tipo, seguendo diligentemente le indicazioni dei cartelli presenti nell'area nonché le disposizioni ed i suggerimenti forniti dal personale di presidio. Il tutto

5 dovrà avvenire in modo da permettere una facile e sicura movimentazione, senza rischi di sversamenti o di occupazione di spazi diversi o maggiori di quelli assegnati al tipo di rifiuto. b) L utente dovrà assicurarsi dell assenza di frazioni estranee nei diversi materiali consegnati. In particolare dovrà: - conferire bottiglie, flaconi, barattoli (anche in metallo) e contenitori vari senza residui del contenuto (preferibilmente sciacquati) e adeguatamente ridotti in volume; - non conferire assolutamente carta sporca, unta, carta carbone, carta plastificata, carta vetrata o catramata, carta da fax, nonché poli-accoppiati (es. scatole del latte, tetrapak); - conferire bottiglie in plastica, lattine e scatole di cartone già schiacciate per ridurne il volume; - non conferire altri oggetti in plastica insieme ai contenitori per liquidi; - evitare di conferire con il vetro lastre di pyrex, lampadine ed oggetti in ceramica; - rimuovere dai contenitori in vetro fascette metalliche e tappi (le etichette possono essere lasciate). c) non devono essere conferiti, unitamente alle frazioni soggette a raccolta, anche i contenitori o gli imballaggi utilizzati per il loro trasporto (sacchi, scatole). Questi ultimi dovranno essere smaltiti negli appositi contenitori predisposti nella Piattaforma Ecologica Attrezzata o, qualora non disponibili per la specifica frazione, nei contenitori per i RSU indifferenziati; d) a fine operazione di consegna, gli operatori dovranno provvedere alla pulizia delle aree e dei piazzali di servizio eventualmente occupati durante le fasi di scarico; in caso di inadempienza nella pulizia e/o rimozione del materiale erroneamente scaricato, l Amministrazione comunale potrà rivalersi sul Gestore della Piattaforma Ecologica Attrezzata; e) il conferimento avverrà alla presenza del personale incaricato dal Gestore e solo dopo formale autorizzazione allo scarico nei contenitori o negli spazi indicati; f) in caso di insufficienza di spazio necessario allo stoccaggio del rifiuto in arrivo, il personale incaricato potrà temporaneamente rifiutare l'accesso ed il relativo conferimento alla Piattaforma Ecologica Attrezzata, rinviando l'utente ad un periodo successivo; g) il personale incaricato potrà altresì impedire, a suo insindacabile giudizio, lo scarico del tipo di rifiuto non pienamente separato da altro rifiuto; h) il personale incaricato dovrà in ogni caso rifiutare il conferimento alla Piattaforma Ecologica Attrezzata di rifiuti non compresi in quelli citati al precedente art. 5; i) eventuali richieste, proteste o segnalazioni da parte degli utenti e relativi al servizio di raccolta differenziata, dovranno essere indirizzate al Settore Ambiente del comune di Sperlonga. Art. 8 - Modalità di stoccaggio dei rifiuti All'interno della Piattaforma Ecologica Attrezzata, la movimentazione dei diversi tipi di rifiuto conferiti avverrà esclusivamente a cura delle ditte incaricate, con l'impiego di idonei mezzi meccanici e nel rispetto delle norme di sicurezza. Il personale incaricato alla gestione della Piattaforma Ecologica Attrezzata è responsabile della corretta tenuta dei registri di carico e scarico dei rifiuti conferiti che dovrà avvenire, attraverso la puntuale compilazione dei formulari di identificazione dei rifiuti. Art. 9 Divieto di abbandono di rifiuti nei pressi della Piattaforma Ecologica Attrezzata E vietato lasciare rifiuti, sia durante gli orari di apertura che di chiusura, in spazi diversi da quelli appositamente individuati nell'area Attrezzata (esempio: nei pressi del cancello d ingresso o sull area pertinente alla Piattaforma Ecologica Attrezzata).

6 Art Costo del servizio Il servizio di ricezione dei rifiuti presso la Piattaforma Ecologica Attrezzata viene svolto a titolo gratuito ad esclusione delle sotto elencate tipologie di rifiuti per le quali è previsto un costo di smaltimento. Pertanto il Gestore dopo l avvenuta pesatura attraverso la strumentazione presente presso la Piattaforma Ecologica, applicherà le seguenti tariffe /Kg: Codice CER Descrizione Tariffa ( /kg) Materiale derivante da piccole attività di costruzione o demolizione 0, Legno 0, Frazione Verde 0, Ingombranti 0,17 Le tariffe sopra riportate vengono fissate annualmente in base ai costi di smaltimento e saranno soggette ad aggiornamenti annuali, in diminuzione o in aumento, in virtù di comprovata variazione dei costi di smaltimento, di gestione ed amministrativi. L adozione di eventuali nuove tariffe dovranno essere obbligatoriamente approvate dall Amministrazione comunale, prima della loro entrata in vigore. Art Modalità di conduzione della Piattaforma Ecologia Attrezzata Il personale addetto al funzionamento della Piattaforma Ecologica Attrezzata è tenuto ad assolvere ai seguenti compiti: 1. aprire e chiudere la Piattaforma Ecologica Attrezzata 2. presidiare la Piattaforma Ecologica Attrezzata negli orari di apertura 3. controllare la natura dei rifiuti conferiti e rifiutarne l accettazione nel caso non rientrino fra i rifiuti di cui all art. 5 o non abbiano la provenienza indicata nell art informare l utente sulle modalità di conferimento e sull individuazione esatta dei contenitori in cui depositare i rifiuti, verificando il rispetto di tali modalità 5. assistere gli utenti nello scarico e separazione dei rifiuti di dimensioni rilevanti 6. assicurarsi dell adeguata protezione dagli agenti atmosferici dei rifiuti deteriorabili 7. assicurare l adeguata e frequente pulizia dei contenitori e delle superfici 8. provvedere a mantenere la Piattaforma Ecologica Attrezzata in idonee condizioni d igiene 9. evitare il deposito dei rifiuti (in particolare i RUP) al di fuori degli appositi contenitori, assicurandone il ritiro con frequenza adeguata 10. provvedere al deposito dei rifiuti conferiti distinto per componenti merceologiche 11. effettuare le eventuali operazioni di riduzione del volume e/o imballaggio Art Adempimenti amministrativi e responsabilità del Gestore E responsabilità del soggetto Gestore garantire la corretta modalità di deposito, secondo la normativa vigente, delle varie frazioni di Rifiuti Urbani Pericolosi. E responsabilità del soggetto Gestore verificare i requisiti di legge per i soggetti trasportatori ed emettere la regolare documentazione di consegna secondo la normativa vigente.

7 E compito del soggetto Gestore informare periodicamente il Responsabile del Settore Ambiente in merito a: 1. andamento della raccolta differenziata 2. problematiche connesse all attività di raccolta delle frazioni recuperate 3. segnalazioni disservizi e comportamenti scorretti. 4. mantenimento dei registri di carico/scarico dei rifiuti pericolosi Il personale incaricato della gestione della Piattaforma Ecologica Attrezzata è responsabile della corretta tenuta dei registri di carico e scarico dei rifiuti conferiti, che dovrà avvenire attraverso la corretta compilazione dei formulari di identificazione rifiuti, previa pesatura. All'interno della Piattaforma Ecologica Attrezzata è tassativamente vietato: - conferire tipologie di rifiuti provenienti da attività produttive ad esclusione di quelle indicate al precedente art. 5 del presente Disciplinare e secondo le modalità previste dall art. 7; - conferire ed accedere al di fuori dagli orari e dei giorni di esercizio, tranne che per operazioni legate allo smaltimento e/o autorizzate dal Comune; - asportare dai contenitori rifiuti precedentemente introdotti o effettuare cernite; - scaricare ed introdurre nei contenitori rifiuti diversi da quelli elencati al precedente art. 5 del presente Disciplinare; - occultare all interno di altri rifiuti, tipologie di rifiuti non ammesse dal Disciplinare; - abbandonare materiali e/o rifiuti al di fuori della Piattaforma Ecologica Attrezzata e/o, all interno dello stesso, al di fuori degli appositi contenitori; - danneggiare, spostare o ribaltare i contenitori, accendere fuochi al loro interno, scrivere, verniciare e affiggere su di essi targhette adesive non autorizzate; - eseguire localmente cernite di qualunque genere, in quanto il rifiuto deve essere conferito già suddiviso per tipologia (carta - vetro - metalli). Fermo restando il divieto di conferimento nei contenitori presenti all interno della Piattaforma Ecologica Attrezzata delle tipologie e delle frazioni di rifiuto oggetto di raccolta differenziata obbligatoria, gli utenti della Piattaforma Ecologica Attrezzata sono tenuti alla piena osservanza del presente Disciplinare e specificatamente al rispetto delle seguenti norme e disposizioni: - conferire direttamente e scaricare negli apposti contenitori esclusivamente i rifiuti ammessi. Per i rifiuti ingombranti potrà essere chiesto l ausilio del personale addetto; - conferire i rifiuti già suddivisi per tipologie, al fine di agevolarne la raccolta differenziata; - rispettare e seguire le indicazioni del personale addetto alla gestione della Piattaforma Ecologica Attrezzata e della cartellonistica appositamente predisposta; - accedere ai singoli contenitori ed ai luoghi di deposito temporaneo esclusivamente ottenuta la debita autorizzazione da parte del personale preposto alla gestione della Piattaforma Ecologica Attrezzata; - soffermarsi nell area solamente per il tempo necessario al conferimento, evitando di trattenersi nelle aree di ammasso e di movimentazione di materiali e container; - mantenere un comportamento educato e corretto nei confronti del personale preposto alla gestione della Piattaforma Ecologica Attrezzata e segnalare al Responsabile del Settore Ambiente eventuali manchevolezze o irregolarità da parte del personale addetto, per l eventuale assunzione dei provvedimenti dal caso. L'Amministrazione comunale di Sperlonga si riserva di modificare le modalità di effettuazione della raccolta differenziata all'interno della Piattaforma Ecologica Attrezzata qualora vengano a mutare la convenienza o le esigenze tecniche ed organizzative.

8 In particolare, al fine di consentire il corretto funzionamento della Piattaforma Ecologica Attrezzata, le varie tipologie di rifiuti saranno accettate compatibilmente con le capacità di ricezione dei singoli contenitori presenti all interno della stessa. Tale limitazione è esercitata dal personale addetto alla gestione. Non saranno ammessi rifiuti che per tipologia, quantità e relative prescrizioni non rientrano tra quelli indicati nelle tabelle di cui sopra, tranne quelli raccolti nell ambito del servizio di raccolta di rifiuti urbani differenziati all interno del territorio comunale, realizzati direttamente dal Comune o abbandonati nelle aree pubbliche. Unicamente per i rifiuti per i quali è previsto un costo di smaltimento di cui alle tariffe dell art.10, al momento del conferimento dei rifiuti, il personale addetto alla gestione della Piattaforma Ecologica Attrezzata registrerà: 1) i dati anagrafici dei cittadini utenti dietro presentazione di un documento di riconoscimento valido che attesti la residenza e/o di altro sistema stabilito dall Amministrazione comunale; 2) la tipologia di rifiuto conferita ed il rispettivo quantitativo; Nel caso di conferimenti che necessitano di autocertificazione e/o di formulari di identificazione dei rifiuti (unicamente per le attività produttive), sarà richiesto di compilare i relativi moduli e/o i relativi formulari. Tutte le registrazioni vengono effettuate nel rispetto della vigente normativa in materia ed essenzialmente a fini statistici, di controllo delle quantità autorizzate oltre che per l'attivazione di eventuali iniziative di incentivazione delle raccolte differenziate. Art. 13 Controllo, vigilanza e contestazioni Eventuali contestazioni insorgenti in merito all esercizio della Piattaforma Ecologica Attrezzata devono essere in prima istanza, formulate al Settore Ambiente, cui compete la vigilanza sull attività di conduzione della Piattaforma Ecologica Attrezzata. Il personale del Settore Ambiente effettuerà controlli periodici presso la Piattaforma Ecologica Attrezzata al fine di verificarne l attività dei gestori ed il corretto utilizzo da parte degli utenti. Art Sanzioni Alle violazioni e per quanto previsto dal presente Disciplinare, fatte salve le sanzioni di carattere penale e quelle fissate dalla normativa vigente, sono applicate le sanzioni previste dal vigente Regolamento di Polizia Urbana a Tutela del Decoro Urbano, della Sicurezza dei Cittadini e dell igiene Ambientale (D.C.C. n. 9 del ) nonché la vigente normativa statale e regionale in materia di rifiuti e di igiene-sanità. Art Incentivi L Amministrazione comunale si riserva la facoltà, con successivo e separato atto, di avviare forme di incentivi sulla raccolta differenziata, utilizzando per la pesatura delle diverse frazioni la strumentazione presente presso la Piattaforma Ecologica Attrezzata. Art. 16 Entrata in vigore del disciplinare Il presente disciplinare entrerà in vigore alla data di pubblicazione all Albo Pretorio del Comune di Sperlonga.

Comune di SAN DONATO MILANESE Provincia di Milano Via C. Battisti 2-20097 San Donato Milanese (Mi)

Comune di SAN DONATO MILANESE Provincia di Milano Via C. Battisti 2-20097 San Donato Milanese (Mi) Comune di SAN DONATO MILANESE Provincia di Milano Via C. Battisti 2-20097 San Donato Milanese (Mi) Area Gestione Territorio Ambiente e Attività Produttive DISCIPLINARE DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE Stazione Ecologica Attrezzata. APPROVATO CON DELIBERA CONSILIARE N. 23 del 31.05.2007

REGOLAMENTO DI GESTIONE Stazione Ecologica Attrezzata. APPROVATO CON DELIBERA CONSILIARE N. 23 del 31.05.2007 REGOLAMENTO DI GESTIONE Stazione Ecologica Attrezzata APPROVATO CON DELIBERA CONSILIARE N. 23 del 31.05.2007 REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ATTREZZATA (SEA) ART. 1 - FUNZIONE E DESTINATARI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA Approvato con deliberazione C.C. n. 7 del 15.02.2007 Art. 1 (Oggetto del regolamento) 1. Il presente regolamento ha per oggetto

Dettagli

COMUNE DI INVERIGO Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA IN LOC. FORNACETTA DI INVERIGO

COMUNE DI INVERIGO Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA IN LOC. FORNACETTA DI INVERIGO COMUNE DI INVERIGO Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA IN LOC. FORNACETTA DI INVERIGO Approvato con atto C.C. n. 28/2000 - Modificato con atto C.C. n. 23 del

Dettagli

GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ED ASSIMILABILI AGLI URBANI.

GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ED ASSIMILABILI AGLI URBANI. COMUNE DI ROBBIATE Provincia di Lecco GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ED ASSIMILABILI AGLI URBANI. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 53 del 23/12/2015

Dettagli

ISOLA ECOLOGICA ARECHI Regolamento di gestione

ISOLA ECOLOGICA ARECHI Regolamento di gestione ISOLA ECOLOGICA ARECHI Regolamento di gestione 1 ART. 1) OGGETTO Il presente Regolamento disciplina l organizzazione e la gestione dell Isola ecologica comunale denominata Arechi. In particolare il presente

Dettagli

COMUNE di PAGAZZANO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI COMUNALE

COMUNE di PAGAZZANO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI COMUNALE COMUNE di PAGAZZANO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI COMUNALE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento, adottato ai sensi del D.Lgs. 3 Aprile 2006 n 152 e successive

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA E SUA FINALITA Il Centro di Raccolta

Dettagli

COMUNE di MALAGNINO PROVINCIA DI CREMONA

COMUNE di MALAGNINO PROVINCIA DI CREMONA COMUNE di MALAGNINO PROVINCIA DI CREMONA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLA PIAZZOLA ECOLOGICA ATTREZZATA NORME DI ACCESSO E FUNZIONAMENTO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.

Dettagli

Regolamento comunale per la gestione del Centro di raccolta rifiuti

Regolamento comunale per la gestione del Centro di raccolta rifiuti Comune di Osio Sotto (Provincia di Bergamo) Regolamento comunale per la gestione del Centro di raccolta rifiuti Novembre 2011 Art. 1 Istituzione del servizio Il Comune di Osio Sotto istituisce il servizio

Dettagli

Isola Ecologica FILICHITO

Isola Ecologica FILICHITO COMUNE DI CASALNUOVO DI NAPOLI - Provincia di Napoli - Isola Ecologica FILICHITO - Regolamento di Gestione - 1 ART. 1) - OGGETTO Il presente Regolamento disciplina l organizzazione e la gestione dell Isola

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13.03.2003 con deliberazione n 9 2 CAPITOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 1 - Obiettivi

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI COMUNE DI CALCI PROVINCIA DI PISA SETTORE 5 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI Approvato con Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA ATTREZZATO E SUA FINALITA Il centro

Dettagli

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE SITO NEL COMUNE DI PONTEDERA ZONA INDUSTRIALE LA BIANCA VIA DON MEI Art. 1 Definizione centro raccolta

Dettagli

COMUNI DI FARA OLIVANA CON SOLA ed ISSO

COMUNI DI FARA OLIVANA CON SOLA ed ISSO Allegato alla deliberazione del Consiglio Comunale n.16 del 26 Giugno 2008 IL SEGRETARIO COMUNALE DIRETTORE GENERALE Brando dr. Giuseppe COMUNI DI FARA OLIVANA CON SOLA ed ISSO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO

Dettagli

C O M U N E D I P A L A I A

C O M U N E D I P A L A I A C O M U N E D I P A L A I A Provincia di Pisa Servizio LL.PP. Ambiente, Protezione Civile, Sicurezza sul Lavoro, Patrimonio REGOLAMENTO COMUNALE DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ATTREZZATA Approvato

Dettagli

COMUNE DI MERLINO Provincia di Lodi

COMUNE DI MERLINO Provincia di Lodi REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI PRESSO LA PIAZZOLA ECOLOGICA COMUNALE Il presente regolamento determina i criteri per un ordinato e corretto utilizzo della piazzola ecologica

Dettagli

Provincia di Bergamo

Provincia di Bergamo COMUNE DI MORENGO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INDICE Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 2 Compiti del Comune Art. 3 Compiti del gestore Art. 4 Compiti degli

Dettagli

TITOLO 5 - ECOCENTRO

TITOLO 5 - ECOCENTRO TITOLO 5 - ECOCENTRO 1. L' ecocentro comunale è connesso e funzionale al sistema di gestione dei rifiuti urbani. 2. Il Comune e il Gestore del servizio rendono pubblico il sito ove è realizzato l'ecocentro

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER LA GESTIONE E L USO DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI DIFFERENZIATI URBANI

R E G O L A M E N T O PER LA GESTIONE E L USO DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI DIFFERENZIATI URBANI R E G O L A M E N T O PER LA GESTIONE E L USO DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI DIFFERENZIATI URBANI (Approvato con delibera di C.c. n. 24 del 31.03.2010 modificato con delibera di C.c. n. 29 del 31.05.2012)

Dettagli

COMUNE DI SCANDOLARA RAVARA Provincia di Cremona

COMUNE DI SCANDOLARA RAVARA Provincia di Cremona Prot. 952 Scandolara Ravara, 12/04/2016 Ordinanza Sindacale n. 5/2016 del 12/04/2016 OGGETTO: Disposizioni per il conferimento dei rifiuti presso il Centro di Raccolta Comunale. IL SINDACO VISTO il Regolamento

Dettagli

33010 CASSACCO (UD) Piazza A. Noacco, 1 Tel. 0432 852811 Fax. 0432 853412 Cod. Fiscale 80007390307 Partita IVA 01010880308

33010 CASSACCO (UD) Piazza A. Noacco, 1 Tel. 0432 852811 Fax. 0432 853412 Cod. Fiscale 80007390307 Partita IVA 01010880308 COMUNE DI CASSACCO Comun di Cjassà 33010 CASSACCO (UD) Piazza A. Noacco, 1 Tel. 0432 852811 Fax. 0432 853412 Cod. Fiscale 80007390307 Partita IVA 01010880308 Regolamento per la gestione dei centri di raccolta

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA PIATTAFORMA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA PIATTAFORMA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI COMUNE DI MOTTA VISCONTI PROVINCIA DI MILANO Piazza San Rocco 9/a 20186 MOTTA VISCONTI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA PIATTAFORMA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI (PIATTAFORMA

Dettagli

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento di gestione della stazione ecologica

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento di gestione della stazione ecologica CITTÀ DI FOLIGNO Regolamento di gestione della stazione ecologica Approvato con D.C.C. n. 119 del 19/09/2003 Modificato con D.C.C. n. 97 del 28/11/2007 Art. 1 - Modalità di utilizzo Le modalità per la

Dettagli

COMUNE DI CASALE CORTE CERRO

COMUNE DI CASALE CORTE CERRO COMUNE DI CASALE CORTE CERRO (Provincia del Verbano Cusio Ossola) REGOLAMENTO COMUNALE PER CONFERIMENTO RIFIUTI INGOMBRANTI NELL ISOLA ECOLOGICA Approvato con deliberazione C.C. n. 18 del 23/04/2012 I

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 8 DEL 13.04.2015 INDICE Premessa Art. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 2 - DEFINIZIONI

Dettagli

COMUNE DI ISOLA DEL LIRI REGOLAMENTO PER IL CENTRO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA

COMUNE DI ISOLA DEL LIRI REGOLAMENTO PER IL CENTRO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA COMUNE DI ISOLA DEL LIRI REGOLAMENTO PER IL CENTRO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA Testo emendato ed approvato con deliberazione C.C. n.8 del 27.03.2012 INDICE TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI ART.

Dettagli

COMUNE DI MARRUBIU Provincia di ORISTANO Piazza Roma, 5-09094 MARRUBIU (OR) REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ECOCENTRO COMUNALE

COMUNE DI MARRUBIU Provincia di ORISTANO Piazza Roma, 5-09094 MARRUBIU (OR) REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ECOCENTRO COMUNALE COMUNE DI MARRUBIU Provincia di ORISTANO Piazza Roma, 5-09094 MARRUBIU (OR) REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ECOCENTRO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 17 del 13/05/2008 1. FINALITA DELLA STAZIONE

Dettagli

COMUNE CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa

COMUNE CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa COMUNE CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI CENTRI DI RACCOLTA Approvato con Deliberazione C.C. n 33 del 14/07/2010 1 art. 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

Art. 1 Oggetto del Regolamento. 1. Il Centro di Raccolta del Comune di Rapagnano è situato in via San Paolo, lungo la S.P.

Art. 1 Oggetto del Regolamento. 1. Il Centro di Raccolta del Comune di Rapagnano è situato in via San Paolo, lungo la S.P. Art. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il Centro di Raccolta del Comune di Rapagnano è situato in via San Paolo, lungo la S.P. 72 Rapagnanese; 2. Oggetto del presente regolamento è la gestione, l organizzazione

Dettagli

CITTA DI BORGOMANERO PROVINCIA DI NOVARA

CITTA DI BORGOMANERO PROVINCIA DI NOVARA CITTA DI BORGOMANERO PROVINCIA DI NOVARA REGOLAMENTO ECOCENTRO (piattaforma ecologica) per il conferimento, il deposito temporaneo e lo smaltimento dei rifiuti differenziati, ingombranti e pericolosi Approvato

Dettagli

COMUNE DI BENTIVOGLIO Provincia di Bologna

COMUNE DI BENTIVOGLIO Provincia di Bologna COMUNE DI BENTIVOGLIO Provincia di Bologna Regolamento comunale per la gestione del Centro di Raccolta dei Rifiuti urbani raccolti in modo differenziato (già Stazione Ecologica Attrezzata) Norme di accesso

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA ALLEGATO A alla Delibera del Consiglio Comunale n. 37 del 28/12/2015 COMUNE DI SCORRANO. (Provincia di Lecce) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Eguaglianza

Dettagli

vt.it integrazioni, DM

vt.it integrazioni, DM Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 01010 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www.comune.marta. vt.it Regolamento sulla gestione dell ecocentro comunale per la raccolta

Dettagli

Allegato alla Delibera Di C. C. n. 41del 23/12/2008 REGOLAMENTO D USO DELLE PIAZZOLE ECOLOGICHE

Allegato alla Delibera Di C. C. n. 41del 23/12/2008 REGOLAMENTO D USO DELLE PIAZZOLE ECOLOGICHE Allegato alla Delibera Di C. C. n. 41del 23/12/2008 REGOLAMENTO D USO DELLE PIAZZOLE ECOLOGICHE Art. n.1 Definizione e Campo di Applicazione. Le piazzole ecologiche o ecopiazzole sono aree attrezzate destinate

Dettagli

CITTA DI CASAGIOVE Provincia di Caserta

CITTA DI CASAGIOVE Provincia di Caserta CITTA DI CASAGIOVE Provincia di Caserta REGOLAMENTO DI GESTIONE CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI URBANI DIFFERENZIATI PER FRAZIONI OMOGENEE Art.1 OGGETTO Il presente Regolamento disciplina l organizzazione e

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO Regione dell'umbria Piano d Ambito per la gestione integrata dei Rifiuti Urbani dell A.T.O. N.2 ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA Perugia, Dicembre 2007 AMBITO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DELL ISOLA ECOLOGICA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DELL ISOLA ECOLOGICA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DELL ISOLA ECOLOGICA Art. 1 - Oggetto del regolamento 1.1 Il presente regolamento ha per oggetto la disciplina della gestione e dell'utilizzo dell'area opportunamente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI IN FORMA DIFFERENZIATA IN LOCALITÀ EX MACELLI.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI IN FORMA DIFFERENZIATA IN LOCALITÀ EX MACELLI. REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI IN FORMA DIFFERENZIATA IN LOCALITÀ EX MACELLI. Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA E SUA FINALITA Il Centro di Raccolta è un area presidiata

Dettagli

COMUNE DI MASSA MARITTIMA Prov. di Grosseto

COMUNE DI MASSA MARITTIMA Prov. di Grosseto REGOLAMENTO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE SOMMARIO Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 2 GESTIONE DEL CENTRO Art. 3 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 4 ACCESSO SOGGETTI AUTORIZZATI (UTENTI) - MODALITÀ Art.

Dettagli

COMUNE DI GARLASCO Provincia di Pavia AREA TERRITORIO - UFFICIO ECOLOGIA

COMUNE DI GARLASCO Provincia di Pavia AREA TERRITORIO - UFFICIO ECOLOGIA COMUNE DI GARLASCO Provincia di Pavia AREA TERRITORIO - UFFICIO ECOLOGIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA Approvato con deliberazione di C.C. n. 28 del 22.05.2003 Art. 1 FINALITA

Dettagli

CENTRO RACCOLTA RIFIUTI URBANI DIFFERENZIATI

CENTRO RACCOLTA RIFIUTI URBANI DIFFERENZIATI COMUNE DI VIGGIÙ COMUNE DI CLIVIO Provincia di Varese CENTRO RACCOLTA RIFIUTI URBANI DIFFERENZIATI REGOLAMENTO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale Viggiù n. 6 del 2-3-2011 Approvato con

Dettagli

COMUNE DI CALVENZANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLA PIAZZOLA ECOLOGICA

COMUNE DI CALVENZANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLA PIAZZOLA ECOLOGICA COMUNE DI CALVENZANO (Provincia di Bergamo) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLA PIAZZOLA ECOLOGICA Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n 27 del 29/06/2005 1 INDICE Art. 1 PIATTAFORMA

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO (CO)

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO (CO) Comunità Montana Triangolo Lariano Gestione Associata dei Servizi di Igiene Urbana, Raccolta Differenziata e Smaltimento RSU REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO

Dettagli

APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. n. 26 del 15/10/2013. Regolamento per la gestione dell Isola Ecologica in via S. Quasimodo. Art.

APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. n. 26 del 15/10/2013. Regolamento per la gestione dell Isola Ecologica in via S. Quasimodo. Art. APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. n. 26 del 15/10/2013 Regolamento per la gestione dell Isola Ecologica in via S. Quasimodo Art. 1 OGGETTO Il presente regolamento determina i criteri per un ordinato e corretto

Dettagli

Regolamento comunale per la gestione della piattaforma ecologica

Regolamento comunale per la gestione della piattaforma ecologica Regolamento comunale per la gestione della piattaforma ecologica 1 Art. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento, adottato ai sensi dell art.21 comma 2 del D.Lvo. n.22 del 5/2/1997, ha per oggetto

Dettagli

COMUNE DI CASORATE PRIMO

COMUNE DI CASORATE PRIMO COMUNE DI CASORATE PRIMO Provincia di Pavia ************************************ PIATTAFORMA ECOLOGICA DI VIA MARCO BIAGI ************************************ REGOLAMENTO Approvato con Deliberazione di

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI FAUGLIA Provincia di Pisa DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n 12 del 21.01.2012 In vigore dal 21.01.2012 REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo Regolamento sulla gestione del centro comunale per la raccolta dei rifiuti urbani (CCR) Art. 183, comma 1, lettera c), del D.lgs. 12 aprile 2006 e successive

Dettagli

Mini guida relativa al funzionamento del centro di raccolta rifiuti sito nel Comune di Ardesio

Mini guida relativa al funzionamento del centro di raccolta rifiuti sito nel Comune di Ardesio Mini guida relativa al funzionamento del centro di raccolta rifiuti sito nel Comune di Ardesio Il Centro di Raccolta Differenziata dei rifiuti è un area presidiata ove si svolge l attività di raccolta

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI COMUNE DI VIGASIO PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI Allegato alla Deliberazione del Consiglio Comunale n. del - 1 - INDICE Art. 1 - Centro di raccolta

Dettagli

COMUNE DI PIEVE DI CENTO Provincia di Bologna

COMUNE DI PIEVE DI CENTO Provincia di Bologna COMUNE DI PIEVE DI CENTO Provincia di Bologna Regolamento comunale per la gestione del Centro di Raccolta dei Rifiuti urbani raccolti in modo differenziato (Stazione Ecologica Attrezzata) Norme di accesso

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE STAZIONI ECOLOGICHE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE STAZIONI ECOLOGICHE COMUNE DI SPELLO Provincia di Perugia REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE STAZIONI ECOLOGICHE Approvato con deliberazione consiliare n. 9 del 14 marzo 2005 Modificato ed integrato con deliberazione consiliare

Dettagli

COMUNE DI CAMPOLONGO TAPOGLIANO PROVINCIA DI UDINE

COMUNE DI CAMPOLONGO TAPOGLIANO PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI CAMPOLONGO TAPOGLIANO PROVINCIA DI UDINE Piazza Indipendenza n. 2 - C.A.P. 33040 Tel. 0431-99092 Fax 0431-973707 e-mail: tecnico@com-campolongo-tapogliano.regione.fvg.it - Cod.Fisc. - P.IVA 02551830306

Dettagli

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE Ordinanza n. 755 del 12 novembre 2013 Oggetto: DIVIETO DI ABBANDONO RIFIUTI E MATERIALI IL SINDACO VISTO D.Lgs 03/04/06 n. 152 e s.m.i. Norme in materia ambientale ed in particolare: - l articolo 178 ove

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI E SULLA CORRETTA SEPARAZIONE E CONFERIMENTO DELLE VARIE FRAZIONI DI RIFIUTO URBANO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI E SULLA CORRETTA SEPARAZIONE E CONFERIMENTO DELLE VARIE FRAZIONI DI RIFIUTO URBANO COMUNE DI FUIPIANO VALLE IMAGNA Provincia di Bergamo Via Arnosto n. 25 24030 Fuipiano Valle Imagna Tel. 035856134 - Fax 035866402 C. Fisc. 00542030168 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEL CENTRO DI

Dettagli

In data.. TRA PREMESSO

In data.. TRA PREMESSO i.e.s. CONVENZIONE PER IL CONFERIMENTO DEI RIFIUTI URBANI, SPECIALI NON PERICOLOSI E PERICOLOSI AI SENSI DEL D.LGS. 03/04/2006 N.152 ARTICOLO 188 COMMA 2 LETTERA C). In data.. TRA AnconAmbiente S.p.A.

Dettagli

CITTA DI MERCATO S. SEVERINO Provincia di Salerno

CITTA DI MERCATO S. SEVERINO Provincia di Salerno CITTA DI MERCATO S. SEVERINO Provincia di Salerno Allegato Delibera di Giunta Comunale n. del - 1 - INDICE Art. 1 Principi e finalità Art. 2 Definizioni Art. 3 Riferimenti Normativi Art. 4 Funzione e definizione

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO ECOCENTRO REGOLAMENTO AREA ATTREZZATA DI RAGGRUPPAMENTO

PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO ECOCENTRO REGOLAMENTO AREA ATTREZZATA DI RAGGRUPPAMENTO PROVINCIA DI ROMA!"#!"$%& REGOLAMENTO ECOCENTRO REGOLAMENTO AREA ATTREZZATA DI RAGGRUPPAMENTO Approvato con delibera di C.C. n. 36 del 29.07.2008 1 !" " # $ %&'%&'(&) ) #*! '+(&,-!,. $&, / ""!" ", 0++&.

Dettagli

Regolamento comunale per la gestione dei conferimenti alla stazione ecologica attrezzata

Regolamento comunale per la gestione dei conferimenti alla stazione ecologica attrezzata COMUNE DI SAVIGNANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA Codice Fiscale e Partita IVA 00242970366 Tel.(059) 75.99.11 - Fax (059) 73.01.60 E-mail: info@comune.savignano-sul-panaro.mo.it Regolamento comunale per

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE (RICICLERIA)

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE (RICICLERIA) Versione 1.0 18/10/2011 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE (RICICLERIA) (DOCUMENTO IN VIA DI APPROVAZIONE) Art. 1 OGGETTO Il presente regolamento, adottato ai sensi del D.lgs. 3 aprile

Dettagli

Allegato B COMUNE DI SEREGNO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLA PIATTAFORMA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI

Allegato B COMUNE DI SEREGNO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLA PIATTAFORMA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI Allegato B COMUNE DI SEREGNO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLA PIATTAFORMA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA PIATTAFORMA COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI S. STINO DI LIVENZA

COMUNE DI S. STINO DI LIVENZA COMUNE DI S. STINO DI LIVENZA Allegato A) alla deliberazione di C.C. n.11 del 25.05.2015 REGOLAMENTO PER LA CONDUZIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE DEL CAPOLUOGO ART. 1 FINALITA Il Comune di Santo Stino

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA PIATTAFORMA PER LA RACCOLTA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA PIATTAFORMA PER LA RACCOLTA Pag. 1 di 10 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA RIFIUTI URBANI (Isola Ecologica) Pag. 2 di 10 INDICE Art.- 1 - Accesso alla piattaforma ecologica - Tipologie di rifiuti ammesse e non alla piattaforma

Dettagli

TABELLA A : SANZIONI IN MATERIA DI RACCOLTA RIFIUTI Allegato a D.G.C. 1/2011 ZONA AL DI FUORI DEL PERIMETRO PORTA A PORTA

TABELLA A : SANZIONI IN MATERIA DI RACCOLTA RIFIUTI Allegato a D.G.C. 1/2011 ZONA AL DI FUORI DEL PERIMETRO PORTA A PORTA TABELLA A : SANZIONI IN MATERIA DI RACCOLTA RIFIUTI Allegato a D.G.C. 1/2011 ZONA AL DI FUORI DEL PERIMETRO PORTA A PORTA ARTICOLO DI RIFERIMENTO FATTISPECIE VIOLAZIONE SANZIONE MINIMO EDITTALE 1.1 Nelle

Dettagli

Ambito Territoriale Ottimale per la gestione dei rifiuti (Art. 8 L.R. 11 del 13 maggio 2009)

Ambito Territoriale Ottimale per la gestione dei rifiuti (Art. 8 L.R. 11 del 13 maggio 2009) Ambito Territoriale Ottimale per la gestione dei rifiuti (Art. 8 L.R. 11 del 13 maggio 2009) PIANO D AMBITO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ED ASSIMILATI (LINEE GUIDA D.G.R.n. 1229 DEL 7 settembre 2009

Dettagli

Comune di Talmassons MODALITA OPERATIVE PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE DEI RIFIUTI URBANI

Comune di Talmassons MODALITA OPERATIVE PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE DEI RIFIUTI URBANI Comune di Talmassons MODALITA OPERATIVE PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE DEI RIFIUTI URBANI Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 184 del 25.11.2010 Art. 1 NORME GENERALI

Dettagli

Disciplina per il funzionamento e l utilizzo della nuova Stazione Ecologica Attrezzata

Disciplina per il funzionamento e l utilizzo della nuova Stazione Ecologica Attrezzata Allegato A) Delibera Giunta Comunale n. 79 del 03.07.2009 Comune di Castelvetro Piacentino Provincia di Piacenza Disciplina per il funzionamento e l utilizzo della nuova Stazione Ecologica Attrezzata Approvato

Dettagli

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA Pagina 1 di 7 CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA impianto di stoccaggio provvisorio e messa in riserva di rifiuti urbani e assimilati operante ai sensi del D.M. 08/04/2008, D.M. 13/05/2009, DL 205/2010

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI

REGOLAMENTO DEL CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI 1 COMUNE D'EUROPA CITTÀ DI SAN MAURO TORINESE PROVINCIA DI TORINO SETTORE PIANIFICAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO Servizio Ecologia e Ambiente REGOLAMENTO DEL CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO RACCOLTA ED ELIMINAZIONE RIFIUTI DEL COMUNE DI GRANCIA ================================

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO RACCOLTA ED ELIMINAZIONE RIFIUTI DEL COMUNE DI GRANCIA ================================ REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO RACCOLTA ED ELIMINAZIONE RIFIUTI DEL COMUNE DI GRANCIA ================================ INDICE Cap. I Norme generali - Art. 1 concetto - Art. 2 obbligatorietà - Art. 3 rifiuti

Dettagli

COMUNE DI SERMONETA. Provincia di Latina. Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani

COMUNE DI SERMONETA. Provincia di Latina. Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani COMUNE DI SERMONETA Provincia di Latina Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani Approvato con deliberazione CC. n. 33 del 16/12/2013 Regolamento

Dettagli

Spett.le ASIT S.p.A. Largo S.Francesco, 1 05035 TERNI

Spett.le ASIT S.p.A. Largo S.Francesco, 1 05035 TERNI Spett.le ASIT S.p.A. Largo S.Francesco, 1 05035 TERNI Oggetto: Richiesta di CONVENZIONE per il conferimento dei rifiuti assimilati agli urbani presso il Centro di Raccolta del Comune di Narni sito in Strada

Dettagli

MODULO DI ADESIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA E CONVENZIONE

MODULO DI ADESIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA E CONVENZIONE ALLEGATO 1.A MODULO DI ADESIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA E CONVENZIONE -------- Dati anagrafici Il sottoscritto. nato a il. residente in via.... n.. cap... del Comune di Prov..... nella qualità di... dell

Dettagli

L ESPERIENZA TOSCANA NELLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI RIFIUTI AGRICOLI. Piediripa di Macerata, 27 maggio 2003

L ESPERIENZA TOSCANA NELLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI RIFIUTI AGRICOLI. Piediripa di Macerata, 27 maggio 2003 L ESPERIENZA TOSCANA NELLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI RIFIUTI AGRICOLI Marco Buzzichelli A.R.R.R. Spa Piediripa di Macerata, 27 maggio 2003 Delibera del Consiglio Regionale della Toscana n. 385 del 21 dicembre

Dettagli

COMUNE DI CAVEDINE. Provincia di Trento REGOLAMENTO D USO DELLA DISCARICA DI MATERIALI INERTI IN LOC. FABIAN - C.C. LAGUNA MUSTE.

COMUNE DI CAVEDINE. Provincia di Trento REGOLAMENTO D USO DELLA DISCARICA DI MATERIALI INERTI IN LOC. FABIAN - C.C. LAGUNA MUSTE. COMUNE DI CAVEDINE Provincia di Trento REGOLAMENTO D USO DELLA DISCARICA DI MATERIALI INERTI IN LOC. FABIAN - C.C. LAGUNA MUSTE. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.33 di data 27 maggio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE DI II LIVELLO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE DI II LIVELLO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE DI II LIVELLO Approvato con delibera del C.C. n. 54 del 29.11.2001 Modificato con delibera di C.C n. 23 del 30.09.2008 (in neretto la modifica)

Dettagli

C O M U N E D I A B R I O L A

C O M U N E D I A B R I O L A C O M U N E D I A B R I O L A PROVINCIA DI POTENZA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO RACCOLTA RIFIUTI SOLIDI URBANI IN MANIERA DIFFERENZIATA VISTA la Delibera di Giunta municipale n.41 del 12/04/2013 con la

Dettagli

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa REA IMPIANTI srl Relatore: Dott. Massimiliano Monti GESTIONE DEI RIFIUTI: ASPETTI TECNICI ECONOMICI E FINANZIARI SISTEMI DI RACCOLTA Con mezzo automatizzato-monoperatore

Dettagli

Comune di Padova DISCIPLINARE PER L'ACCESSO E LA GESTIONE DEI CENTRI DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI RACCOLTI IN MODO DIFFERENZIATO

Comune di Padova DISCIPLINARE PER L'ACCESSO E LA GESTIONE DEI CENTRI DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI RACCOLTI IN MODO DIFFERENZIATO Comune di Padova DISCIPLINARE PER L'ACCESSO E LA GESTIONE DEI CENTRI DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI RACCOLTI IN MODO DIFFERENZIATO 1. OGGETTO DEL DISCIPLINARE Il presente disciplinare determina i criteri

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI SITA IN VIA MONTE GRAPPA

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI SITA IN VIA MONTE GRAPPA CITTA DI ARESE Provincia di Milano Assessorato all Ambiente REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI SITA IN VIA MONTE GRAPPA INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE COMUNE DI LONATE POZZOLO Provincia di Varese REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 25 del 30.06.2008 1 Sommario PARTE I^

Dettagli

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale COMUNE DI PIANO DI SORRENTO Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale [Art. 183, comma 1, lettera cc), del D.lgs. 152 del 12 aprile 2006 e successive modificazioni e integrazioni, DM 08

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI COMUNI DI ZOLA PREDOSA E CASALECCHIO DI RENO E PER L ATTRIBUZIONE DI PREMI PER LA RACCOLTA

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI COMUNI DI ZOLA PREDOSA E CASALECCHIO DI RENO E PER L ATTRIBUZIONE DI PREMI PER LA RACCOLTA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI COMUNI DI ZOLA PREDOSA E CASALECCHIO DI RENO E PER L ATTRIBUZIONE DI PREMI PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. Approvato

Dettagli

COMUNE DI VENEGONO SUPERIORE

COMUNE DI VENEGONO SUPERIORE COMUNE DI VENEGONO SUPERIORE PROVINCIA DI VARESE POLIZIA LOCALE ORDINANZA N 103 Venegono Superiore, 20 novembre 2009 Oggetto: Disposizioni in materia di conferimento dei rifiuti. IL SINDACO Visto l art.

Dettagli

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale C O M U N E D I P I A N O D I S O R R E N T O Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale [Art. 183, comma 1, lettera cc), del D.lgs. 12 aprile 2006 e successive modificazioni e integrazioni,

Dettagli

CITTA di SARZANA Provincia della Spezia REGOLAMENTO ISOLA ECOLOGICA

CITTA di SARZANA Provincia della Spezia REGOLAMENTO ISOLA ECOLOGICA REGOLAMENTO ISOLA ECOLOGICA Adottato con deliberazione di Giunta Comunale n. 144 del 30.05.2002 ad oggetto Approvazione del Regolamento per l utilizzo dell Isola Ecologica, esecutiva ai sensi di legge,

Dettagli

Città di Cernobbio REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI URBANI

Città di Cernobbio REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI URBANI Città di Cernobbio REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI URBANI Regolamento approvato con deliberazione di C.C. n. 27 del 26.06.2012 1 PREMESSA Il Regolamento per la gestione del Centro

Dettagli

Pag. 1. 1. Principi e Finalità

Pag. 1. 1. Principi e Finalità 1. Principi e Finalità Il Comune di Francavilla al Mare ha da tempo attivato un articolato sistema di raccolta differenziata dei rifiuti attraverso la raccolta porta a porta. Negli ultimi anni è emersa

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E USO DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI NEL COMUNE DI CODOGNO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E USO DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI NEL COMUNE DI CODOGNO Provincia di Lodi REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E USO DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI NEL COMUNE DI CODOGNO Redatto in conformità del D.Lgs 152/2006 s.m.i., del D.M.08/04/2008 così come modificato da D.M.

Dettagli

NORME PER IL CONFERIMENTO DEI RIFIUTI AI CENTRI DI RACCOLTA DEL COMUNE DI UDINE

NORME PER IL CONFERIMENTO DEI RIFIUTI AI CENTRI DI RACCOLTA DEL COMUNE DI UDINE DIPARTIMENTO TERRITORIO E AMBIENTE SERVIZIO ECOLOGIA NORME PER IL CONFERIMENTO DEI RIFIUTI AI CENTRI DI RACCOLTA DEL COMUNE DI UDINE Ottobre 2008 IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO ing. SILVANO ONGARO 0 Art. 1

Dettagli

COMUNE DI TARANTO DIREZIONE AMBIENTE, SALUTE E QUALITA DELLA VITA COMUNE DI TARANTO. Direzione Ambiente, Salute e Qualità della Vita

COMUNE DI TARANTO DIREZIONE AMBIENTE, SALUTE E QUALITA DELLA VITA COMUNE DI TARANTO. Direzione Ambiente, Salute e Qualità della Vita COMUNE DI TARANTO Direzione Ambiente, Salute e Qualità della Vita RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI ABBANDONATI IN AREE DI PROPRIETA COMUNALE SPECIFICHE TECNICHE Pag. 1 Titolo 1 Norme generali

Dettagli

REGOLAMENTO CENTRO DI RACCOLTA

REGOLAMENTO CENTRO DI RACCOLTA COMUNE DI BORMIO COMUNE DI VALFURVA PROVINCIA DI SONDRIO REGOLAMENTO CENTRO DI RACCOLTA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 68 del 22/09/2008 SOMMARIO Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO pag.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIANAMENTO DELL ECOCENTRO

REGOLAMENTO PER IL FUNZIANAMENTO DELL ECOCENTRO COMUNE DI ARNESANO Prov. di Lecce Settore Polizia Municipale Servizio Igiene Ambientale REGOLAMENTO PER IL FUNZIANAMENTO DELL ECOCENTRO Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 46 del 04/12/2009

Dettagli

LA RACCOLTA CHE UNISCE LE VALLI. le nuove regole per la raccolta dei rifiuti nel Comune di COASSOLO TORINESE * * * * *

LA RACCOLTA CHE UNISCE LE VALLI. le nuove regole per la raccolta dei rifiuti nel Comune di COASSOLO TORINESE * * * * * Stampato su riciclata da carta e contenitori Tetra Pak LA RACCOLTA CHE UNISCE LE VALLI le nuove regole per la raccolta dei rifiuti nel Comune di COASSOLO TORINESE Gentile cittadino Lo stile di vita della

Dettagli

COMUNE DI AGLIANO TERME. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3]

COMUNE DI AGLIANO TERME. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3] COMUNE DI AGLIANO TERME Provincia di Asti RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3] 1 A. MODELLO GESTIONALE E ORGANIZZATIVO (ART. 8 D.P.R. n.158/1999, comma 3, lettera

Dettagli

COMUNE DI QUINTANO. Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE DEI RIFIUTI

COMUNE DI QUINTANO. Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE DEI RIFIUTI CMUNE DI QUINTAN Provincia di Cremona REGLAMENT PER LA GESTINE DEL CENTR DI RACCLTA CMUNALE DEI RIFIUTI Approvato con Delibera C.C. n 7 del 23.02.2012 1 INDICE Art. 1 CENTR DI RACCLTA CMUNALE Art. 2 GESTINE

Dettagli

UTENZE NON DOMESTICHE

UTENZE NON DOMESTICHE Comune di San Cesareo UTENZE NON DOMESTICHE per informazioni numero verde 800.180.330 www.comune.sancesareo.rm.it www.aimeriambiente.it Massimilian Massimiliano Rosolino, testimonial per l Ambiente FRAZIONE

Dettagli

COMUNE DI VILLENEUVE

COMUNE DI VILLENEUVE COMUNE DI VILLENEUVE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA DISCARICA SITA IN LOC. CHAMPLONG DESSUS NEL COMUNE DI VILLENEUVE DI 2^ CATEGORIA DI TIPO A PER LO SMALTIMENTO DI RIFIUTI SPECIALI INERTI. Approvato

Dettagli

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 23 dicembre 2003, n. 48-11386 Modifica della scheda di rilevamento dei dati di produzione dei rifiuti urbani di cui alla D.G.R. 17-2876 del 2 maggio 2001 (B.U. n. 5

Dettagli