DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI"

Transcript

1 DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI DECRETO 24 maggio MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Modalità di attuazione dei commi da 1 a 3 dell articolo 19 del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, in materia di imposta di bollo su conti correnti e prodotti fi nanziari. IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Visto il decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 642, e successivemodificazioniedintegrazionirecanteladisciplinadell impostadibollo; Vistoildecretolegislativo1 settembre1993,n.385,recanteiltestounicodelle leggiinmateriabancariaecreditizia; Visto il decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 237, recante la modifica della disciplinainmateriadiserviziautonomidicassadegliufficifinanziariedinparticolare l articolo6delmedesimodecretoconcernentelariscossionediparticolarientrate,come sostituitodall articolo1deldecretolegislativo19novembre1998,n.422; Vistoildecretolegislativo24febbraio1998,n.58,recanteilTestounicodelle disposizioniinmateriadiintermediazionefinanziaria,aisensidegliarticoli8e21della legge6febbraio1996,n.52; Visto il decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, concernente norme di semplificazionedegliadempimentideicontribuentiinsededidichiarazionedeiredditi edell impostasulvaloreaggiuntononchédimodernizzazionedelsistemadigestione delledichiarazioniedinparticolareilcapoiiidellostessoconcernente Disposizioniin materiadiriscossione laddoveall articolo17,comma2,letterah ter),èdispostocheil sistemadelversamentounitarioelacompensazionedelleimposteedeicontributi dovutipossonoessereestesiallealtreentrateindividuatecondecretodelministrodelle finanze,diconcertoconilministrodeltesoro,delbilancioedellaprogrammazione economica,econiministricompetentipersettore; Visto il decreto del Ministero delle finanze del 17 dicembre 1998 di approvazione dei modelli di versamento in lire ed in euro delle entrate già di competenzadeiservizidicassadegliufficidipendentidaldipartimentodelleentratee daldipartimentodelterritorioemodalitàdiriscossione; Vistoildecretolegislativo7settembre2005,n.209,recanteilCodicedelle assicurazioniprivate; 5

2 VistoilproprioDecretodell 8novembre2011concernentel estensionedelle modalitàdiversamentotramitemodellof24all impostasullesuccessioniedonazioni, all impostadiregistro,all impostaipotecaria,all impostacatastale,alletasseipotecarie, all impostadibollo,all impostacomunalesull incrementodivaloredegliimmobili, all impostasostitutivasuifinanziamentiamedioelungotermine,aitributispeciali nonchéairelativiaccessori,interessiesanzioni,compresiglionerielesanzionidovuti perl inosservanzadellanormativacatastale,emanatoaisensidell articolo17,comma2, letterahter)deldecretolegislativo9luglio1997,n.241; Vistoildecretolegge6dicembre2011,n.201,convertitoconmodificazioni, dallalegge22dicembre2011,n.214,laddoveall articolo19,comma5,èdispostoche condecretodelministrodell economiaedellefinanzesonostabilitelemodalitàdi attuazionedeicommida1a3dellostessoarticoloconcernentilemodificheapportate all articolo 13 della Tariffa, parte prima, allegata al decreto del Presidente della Repubblica26ottobre1972n.642edallerelativenote3bise3ter; Vistoildecretolegge2marzo2012n.16edinparticolarel articolo8,commida 13a16,recantemodificheinmateriadiimpostadibollo; Vistoildecretolegislativo30luglio1999,n.300,esuccessivemodificazioni, recantelariformadell organizzazionedelgovernoanormadell articolo11dellalegge 15 marzo 1997, n. 59, ed in particolare l articolo 23 concernente l istituzione del Ministerodell economiaedellefinanzeelesueattribuzioni; Rilevatal esigenzadiprovvedereadeterminarelemodalitàdiattuazionedei commida1a3dell articolo19deldecretolegge6dicembre2011,n.201,convertitocon modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, come integrati e modificati dall articolo8,commida13a16,deldecretolegge2marzo2012,n.16,convertito,con modificazioni,dallalegge26aprile2012,n.44. DECRETA Articolo1 Definizioni 1.Aglieffettidelpresentedecretosiintendonoper: a)entegestore:ilsoggettocheaqualsiasititoloesercitasulterritoriodella Repubblica l attività bancaria, finanziaria o assicurativa rispettivamente secondo le disposizionideldecretolegislativo1 settembre1993,n.385,recanteiltestounicodelle leggiinmateriabancaria,deldecretolegislativo24febbraio1998,n.58,recanteiltesto unicodelledisposizioniinmateriadiintermediazionefinanziaria,degliarticoli8e21 dellalegge6febbraio1996,n.52,ovverodeldecretolegislativo7settembre2005,n.209, 6

3 recanteilcodicedelleassicurazioniprivate,ivicompreseleposteitalianes.p.a.,chesi relazionidirettamenteodindirettamenteconilclienteancheaifinidellecomunicazioni periodicherelativealrapportointrattenutoedelrendicontoeffettuatosottoqualsiasi forma; b)cliente:ilsoggettolacuidefinizioneècontenutanelprovvedimentodel Governatore della Banca d Italia del 9 febbraio 2011, pubblicato nella G.U. del 16 febbraio2011,n.38.nonsiconsideranorapportiaperticonilclientequelliapertiper ordinedell autoritàgiudiziaria; c) prodotti finanziari: i prodotti elencati nell articolo 1 del decreto legislativo24febbraio1998,n.58,ivicompresiidepositibancariepostali,anchese rappresentatidacertificati. Articolo2 Impostadibollodisciplinatadall articolo13,comma2bis,dellatariffa,allegatoa, PartePrima,deldecretodelPresidentedellaRepubblica26ottobre1972,n Ilcomma2bisdell articolo13dellatariffa,allegatoa,parteprima,del decretodelpresidentedellarepubblica26ottobre1972,n.642,individualemisure dell impostadibollodacorrispondereannualmenteaseguitodellainstaurazionee tenutadirapportidicontocorrenteodilibrettidirisparmiopressobancheeposte italianes.p.a.. 2.L impostadicuialcomma1deveesserecalcolatainmisuradifferenziatain funzionedelsoggettotitolaredelrapportoedelperiododirendicontazionedell estratto contoovverodelrendiconto.nelcasodiestratticontoorendicontiinviatiallesocietà fiduciarie, l imposta deve essere calcolata nella misura annua di euro 34,20, se il fiducianteèpersonafisica,ovveronellamisuradieuro100,00,sesoggettodiverso.peri librettialportatore,siconsiderailsoggettocheneharichiestol emissione.incasodi piùrapportidicontocorrenteovverolibrettiidenticamenteintestati,l impostadicuial comma1èdovutaconriferimentoaciascunrapportoovverolibretto. 3.Ilperiododiriferimentoperilcalcolodell impostadovutaèl annocivile.se gliestratticontosonoinviatiperiodicamentenelcorsodell annoovveroincasodi estinzioneodiaperturadeirapportiincorsod anno,l impostaèrapportataalperiodo rendicontato. 4.Seilclienteèpersonafisica,l impostanonèdovutapergliestratticontoei rendicontiilcuivaloremediodigiacenzanonsuperaeuro5.000,00.atalfine,sono unitariamenteconsideratituttiirapportidicontocorrenteeilibrettidirisparmio 7

4 identicamenteintestati,intrattenuticonlamedesimabanca,conposteitalianes.p.ao emessidacassadepositieprestiti. 5.L impostaèapplicatadall entegestore: a) al31dicembrediciascunanno,incasodiperiodicitàannualeoin assenzadiinviodeldocumento; b) allafinedelperiodorendicontatoincasodiperiodicitàinfrannuale stabilitecontrattualmente; c) alladatadicessazionedelrapportoincasodiestinzioneinfrannuale. 6.L impostadibollononèdovutaconriferimentoaiconticorrentiintestatia personefisichequalorailvaloredellagiacenzamediarisultinegativo.taliconticorrenti nonconcorronoaformareilvaloremediodigiacenzaaifinidell esenzionedieuro 5.000,00. Articolo3 Impostadibollodisciplinatadall articolo13,comma2ter,dellatariffa,allegatoa, PartePrima,deldecretodelPresidentedellaRepubblica26ottobre1972,n Ilcomma2terdell articolo13dellatariffa,allegatoa,parteprima,del decretodelpresidentedellarepubblica26ottobre1972,n.642,individua,nellamisura proporzionaledell 1permilleperl anno2012edell 1,5permillepergliannisuccessivi, l impostadibollosubaseannuaapplicatadaglientigestoriinfunzionedelvaloredi mercatoo,inmancanza,delvalorenominaleodirimborsodeiprodottifinanziari, compresiidepositibancariepostali,ancherappresentatidacertificati,calcolatoal terminedelperiodorendicontatoovveroal31dicembrediciascunannoinassenzadi rendicontazione.inmancanzadeipredettivalori,siassumeilcostodiacquistocome desumibiledalleevidenzedell intermediario. 2.Ilperiododiriferimentoperilcalcolodell impostadovutaèl annocivile.se lecomunicazionisonoinviateperiodicamentenelcorsodell annoovveroincasodi estinzioneodiaperturadeirapportiincorsod anno,l impostaèrapportataalperiodo rendicontato. 3.Aifinidelladeterminazionedell impostadapartedell entegestore,sitiene contodelvaloredeiprodottifinanziaririlevatoalterminedelperiodorendicontato, comerisultantedallecomunicazioniperiodicherelativealrapportointrattenutoedal rendicontoeffettuatosottoqualsiasiformao,inassenzadirendicontazioneperiodicae peribuonipostalifruttiferi,al31dicembrediognianno.se,incostanzadirapporto,sia all iniziochealterminedelperiodorendicontatononsonopresentiprodottifinanziari nésonostateregistratemovimentazioninelcorsodelperiodostesso,l impostanonè dovuta. 8

5 4.L importominimodell impostadacorrisponderesubaseannuaèdieuro 34,20.Limitatamenteall anno2012l importomassimodell impostadacorrisponderesu baseannuanonpuòeccederelamisuradieuro1.200,00.nelcasodirendicontiperiodici ovveroincasodiestinzioneodiaperturadeirapportiincorsod anno,ledettemisure minime e massime sono ragguagliate al periodo rendicontato e sono applicate in considerazionedell ammontarecomplessivodeiprodottifinanziaridelclientepressoil medesimoentegestore. 5.Aifinidell esenzionedaimpostapervalorideibuonipostalifruttiferinon superioriadeuro5.000,00sonounitariamenteconsideratituttiibuonifruttiferidicuiil clienterisultiintestatariopressoposteitalianes.p.a.,esclusiibuonipostalifruttiferi emessiinformacartaceaprimadel1 gennaio Inpresenzadipiùentigestori,lecomunicazionirelativeaprodottifinanziari rilevanti,aifinidell applicazionedell imposta,sonoquelleinviate,ancheaisensidella nota3ter,secondoperiodo,all art.13dellatariffa,allegatoa,parteprima,allegataal D.P.R.26ottobre1972,n.642,dall entegestorecheintrattienedirettamenteconilcliente unrapportodicustodia,amministrazione,deposito,gestioneoaltrostabilerapporto. Conriferimentoallepolizzediassicurazioneedaibuonifruttiferipostali,l impostaè comunqueapplicataacura,rispettivamente,dell impresadiassicurazioneediposte italianes.p.a..perirapportiintrattenutipressol entegestoreperiltramitedisocietà fiduciarie,l impostadeveessereapplicatadall entegestore. 7.Perlecomunicazionirelativeapolizzediassicurazioneeoperazionidicui, rispettivamente,airamivitaiiievdicuiall articolo2,comma1,deldecretolegislativo 7dicembre2005,n.209,abuonipostalifruttiferinonchéaprodottifinanziaridiversida quelli dematerializzati, per i quali non sussista un rapporto di custodia ed amministrazione,ovveroaltrostabilerapporto,l impostadibolloperciascunannoè dovutaall attodelrimborsooriscatto.l impostapuòessereapplicata,conlemedesime modalità, anche per le comunicazioni relative a polizze emesse da imprese di assicurazioniestereoperantiinitaliainregimedilibertàdiprestazionediservizie stipulatedasoggettiresidentinellostato,ovedetteimpreserichiedanolautorizzazione perilpagamentoinmodovirtualeesemprechéesercitinooabbianoesercitatolafacoltà previstadall articolo26ter,comma3,deldecretodelpresidentedellarepubblica29 settembre 1973, n In tal caso, limpresa estera adempie direttamente allapplicazione dellimposta di bollo ovvero tramite un rappresentante fiscale che rispondeinsolidoconessaperilversamentodellimposta. Articolo4 Modalitàdipagamentodell imposta,ordinarieetransitorie 9

6 1.L impostadibollodicuiall articolo13,commi2bise2ter,dellatariffa, AllegatoAParteprima,deldecretodelPresidentedellaRepubblica26ottobre1972n. 642,puòessereassoltainmodovirtuale,aisensidell articolo15dellostessodecreto. 2.Qualoral entegestore,alladatadientratainvigoredelpresentedecreto,non abbiaancorapresentatoladomandadicuiall articolo15,terzocomma,deldecretodel PresidentedellaRepubblica26ottobre1972n.642perilpagamentodell impostadi bolloinmodovirtuale,ricomprendenelladichiarazioneiviprevistaanchegliattiei documentiemessidal1 gennaio2012efinoalladatadelrilasciodell autorizzazione,se nongiàassoggettatiall impostadibollo. 3.Restafermol obbligodipagamentodell accontodiimpostaconscadenza16 aprilediognianno,secondoledisposizionidicuiall articolo15bisdeldecretodel PresidentedellaRepubblica26ottobre1972,n.642comemodificatodall articolo5, comma2,deldecretolegge2marzo2012,n.16.ataleobbligosonoaltresìtenutele impresediassicurazione.l acconto,perl anno2013,deveessereversatoentroil16 aprile2012daglientigestorichealladatadientratainvigoredeldecretolegge2marzo 2012,n.16risultavanoinpossessodell autorizzazionealpagamentodell impostadi bolloinmodovirtuale.perisoggetticheottengonol autorizzazionealpagamento dell impostadibolloinmodovirtualenelperiodocompresotrail3marzo2012edil16 aprile 2012, nonché per le imprese di assicurazioni che risultano in possesso dell autorizzazionealpagamentodell impostadibolloinmodovirtualealladatadel16 aprile2012,l acconto,perl anno2013,vaversatoentroilterminedisessantagiorni dalladatadipubblicazionedelpresentedecreto.l accontoèdeterminatoinmisura parial95percento,ridottoal50percentoconriferimentoall impostadovutaaisensi delcomma2terdell articolo13dellatariffa,allegatoa,parteprima,almedesimo decreto. Con riferimento all acconto, relativo all anno 2013, in applicazione delle disposizionidicuialsuccessivocomma6,nonsiprocedeall applicazionedisanzioni pereventualierrorinelladeterminazionedell impostadovuta. 4.L impostaèsostitutivadiquelladovutapertuttigliattiedocumentiformatio emessiovveroricevutidaglientigestori,indicatinell articolo2,nota2bisenegliarticoli9, comma1,letteraa),13,commi1e2,e14dellatariffa,allegatoa,parteprima,aldecreto del Presidente della Repubblica ottobre 1972, n. 642, relativi a operazioni e rapporti regolatimediantecontocorrenteolibrettodirisparmio,ovverorelativialdepositotitolio aglialtrirapporticoncernentiprodottifinanziari,ivicompresiidepositibancariepostali, ancherappresentatidacertificati;l effettosostitutivooperaancheincasodigiacenza media pario inferiore acomplessivi euro5.000 per gliestratti dei conti correntie i rendicontideilibrettidirisparmiononchéperlecomunicazionirelativeaibuonipostali fruttiferidivaloredirimborsocomplessivamentenonsuperioreaeuro Dai versamenti dovuti ai sensi degli articoli 15 e 15bis del decreto del PresidentedellaRepubblica26ottobre1972,n.642,possonoesserescomputatieventuali 10

7 12A06249 crediti residui dell imposta di bollo, comprese le eccedenze dei versamenti dell addizionaleistituitadall articolo11,comma5,deldecretolegge19dicembre1994, n.691,convertito,conmodificazioni,dallalegge16febbraio1995,n Pericomportamentiadottatidaglientigestorifinoalladatadientratain vigoredelpresentedecreto,difformidalleprevisioniivicontenute,nonsidaràluogo all applicazionedellesanzioni. IlpresentedecretosaràpubblicatonellaGazzettaUfficialedelleRepubblicaitaliana. Roma, 24 maggio 2012 Il Ministro: MONTI DECRETO 24 maggio Misura e modalità di versamento all Istituto di vigilanza delle assicurazioni private del contributo dovuto, per l anno 2012, dalle imprese esercenti attività di assicurazione e riassicurazione. IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Vista la legge 12 agosto 1982, n. 576, recante la riforma della vigilanza sulle assicurazioni, istitutiva dell Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo (ISVAP), Visto il decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, recante il Codice delle assicurazioni private, entrato in vigore il 1 gennaio 2006, e, in particolare, gli articoli 335, riguardante la nuova disciplina dell obbligo di pagamento annuale di un contributo di vigilanza da parte delle imprese di assicurazione e riassicurazione, e 354 recante abrogazioni e norme transitorie; Visto l art. 23 del decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, che ha istituito il Ministero dell economia e delle fi nanze, attribuendogli le funzioni dei Ministeri del tesoro, del bilancio e della programmazione economica e delle fi nanze; Visto il decreto del Ministro dell economia e delle fi nanze 20 maggio 2011, pubblicato nella Gazzetta Uffi ciale n. 136 del 14 giugno 2011, con il quale sono state determinate la misura e le modalità di versamento all ISVAP del contributo di vigilanza per l anno 2011; Visto il Regolamento ISVAP n. 10 del 2 gennaio 2008 concernente la procedura di accesso all attività assicurativa e l Albo delle imprese di assicurazione di cui al Titolo II del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209; Considerato che occorre provvedere alla determinazione del contributo di vigilanza dovuto dalle imprese di assicurazione e riassicurazione per l anno 2012 nella misura e con le modalità di versamento adeguate alle esigenze di funzionamento dell ISVAP; Visto il provvedimento dell ISVAP 11 novembre 2010, n. 2843, pubblicato nella Gazzetta Uffi ciale n. 273 del 22 novembre 2010 con il quale è stata determinata l aliquota per il calcolo degli oneri di gestione nella misura del 4,75 per cento da dedursi dai premi assicurativi incassati nell esercizio 2011, ai fi ni della determinazione del contributo di vigilanza sull attività di assicurazione e riassicurazione, ai sensi dell art. 335, comma 2, del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209; Visto il bilancio di previsione per l esercizio 2012, pubblicato nella Gazzetta Uffi ciale serie generale n. 297 del 22 dicembre 2011 che evidenzia spese di funzionamento per il 2012, pari a euro ,00; Vista la comunicazione dell ISVAP del 5 marzo 2012 con la quale viene individuato il fabbisogno dell Istituto per l anno 2012 relativamente al contributo di vigilanza a carico delle imprese di assicurazione e riassicurazione, pari a euro ,72 e viene resa nota la stima dell ammontare dei premi incassati nell anno 2011 rispettivamente, dalle imprese che esercitano i rami dell assicurazione diretta e l attività di sola riassicurazione e viene proposto di determinare l aliquota del contributo di vigilanza per l esercizio 2012, a carico delle imprese di assicurazione e riassicurazione nazionali, delle rappresentanze di imprese di assicurazione e riassicurazione extraeuropee, che operano nel territorio della Repubblica, nella misura unica dello 0,43 per mille dei premi incassati nell esercizio 2011; 11

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 23 dicembre 1996, n. 662 e, in particolare, l articolo 2, comma 100, lettera a), che ha istituito il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese;

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE VISTO il decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell economia

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 15 febbraio 2010. Modi che ed integrazioni al decreto 17 dicembre 2009, recante: «Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

PROVVEDIMENTO N. 30 DEL 24 MARZO 2015

PROVVEDIMENTO N. 30 DEL 24 MARZO 2015 PROVVEDIMENTO N. 30 DEL 24 MARZO 2015 PROVVEDIMENTO RECANTE MODIFICHE AL REGOLAMENTO ISVAP N. 24 DEL 19 MAGGIO 2008 CONCERNENTE LA PROCEDURA DI PRESENTAZIONE DEI RECLAMI ALL ISVAP E LA GESTIONE DEI RECLAMI

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

SERIE GENERALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. PARTE PRIMA Roma - Martedì, 5 febbraio 2013 AVVISO ALLE AMMINISTRAZIONI

SERIE GENERALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. PARTE PRIMA Roma - Martedì, 5 febbraio 2013 AVVISO ALLE AMMINISTRAZIONI SERIE GENERALE Spediz. abb. post. - art. 45% 1, - comma art. 2, 1 comma 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46662 - Filiale - Filiale di Roma di Roma GAZZETTA Anno 154 - Numero 30 UFFICIALE DELLA

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE

IL MINISTRO DELLA SALUTE Testo aggiornato al 20 settembre 2013 Decreto ministeriale 26 marzo 2013 Gazzetta Ufficiale 8 agosto 2013, n. 185 Contributo alle spese dovuto dai soggetti pubblici e privati e dalle società scientifiche

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92)

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) REGOLAMENTO RECANTE APPROVAZIONE DELLE DELIBERAZIONI IN DATA 16 MAGGIO

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI VISTO il decreto

Dettagli

TESTI COORDINATI E AGGIORNATI

TESTI COORDINATI E AGGIORNATI TESTI COORDINATI E AGGIORNATI Testo del decreto-legge 31 dicembre 2014, n. 192 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 302 del 31 dicembre 2014), coordinato con la legge di conversione 27 febbraio

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

Esenzione dall IMU, prevista per i terreni agricoli, ai sensi dell articolo 7, comma 1, lettera h), del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504.

Esenzione dall IMU, prevista per i terreni agricoli, ai sensi dell articolo 7, comma 1, lettera h), del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 284 del 6 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI Deliberazione 15 dicembre 2010 Criteri per l iscrizione all Albo nella categoria 8: intermediazione e commercio dei rifiuti. IL COMITATO NAZIONALE Visto il decreto legislativo

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Prot. R.U. 20990 IL DIRETTORE DELL AGENZIA Visto il Regolamento generale delle lotterie nazionali approvato con Decreto del Presidente della Repubblica 20 novembre 1948, n.1677 e successive modificazioni;

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

ALLEGATO A - TARIFFA (Parte I) Atti, documenti e registri soggetti all'imposta fin dall'origine

ALLEGATO A - TARIFFA (Parte I) Atti, documenti e registri soggetti all'imposta fin dall'origine ALLEGATO A - TARIFFA (Parte I) Atti, documenti e registri soggetti all'imposta fin dall'origine Articolo della Tariffa INDICAZIONE DEGLI ATTI SOGGETTI AD IMPOSTA IMPOSTE DOVUTE (Euro) Fisse Proporzionali

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

rl-0luf~c!f'go8r~lo Ministp.ri Ec,- in.

rl-0luf~c!f'go8r~lo Ministp.ri Ec,- in. M' ~ULARI 10i0N 9900 (''Oh TE DEl CC f~ti Uf.FICJ.O CONTROLLO AlTI, Mlft E'CON.CO FI ANZ RI' MOD.99/01 REG.TO ALLA CORTE DEI ONTI rl-0luf~c!f'go8r~lo Ministp.ri Ec,- in. Vista la legge 23 dicembre 1996,

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 novembre 2013

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 novembre 2013 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 novembre 2013 Modalita' per la pubblicazione dello scadenzario contenente l'indicazione delle date di efficacia dei nuovi obblighi amministrativi introdotti,

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Uf ciale n. 6 del 10 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA

Supplemento ordinario alla Gazzetta Uf ciale n. 6 del 10 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA Supplemento ordinario alla Gazzetta Uf ciale n. 6 del 10 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale -

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

PIÙ VALORE PRIVATE EDITION

PIÙ VALORE PRIVATE EDITION Linea Investimento Garantito PIÙ VALORE PRIVATE EDITION Assicurazione in caso di morte a vita intera a premio unico Il presente Fascicolo Informativo contenente: Scheda Sintetica, Nota Informativa, Condizioni

Dettagli

S E R I E G E N E R A L E DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Sabato, 16 luglio 2011 AVVISO AL PUBBLICO

S E R I E G E N E R A L E DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Sabato, 16 luglio 2011 AVVISO AL PUBBLICO S E R I E G E N E R A L E Spediz. abb. post. - art. 45% 1, - comma art. 2, 1 comma 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46662 - Filiale - Filiale di Roma di Roma GAZZETTA Anno 152 - Numero 164 UFFICIALE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 136 del 15 giugno 2015 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 15 giugno 2015

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 136 del 15 giugno 2015 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 15 giugno 2015 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 136 del 15 giugno 2015 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat...

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat... Atto Completo http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat... Page 1 of 4 20/09/2010 DECRETO 10 settembre 2010 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Linee guida per l'autorizzazione

Dettagli

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015.

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI VADEMECUM TASI

SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI VADEMECUM TASI SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI Che cos'è la TASI VADEMECUM TASI E' il tributo dovuto per la copertura dei servizi indivisibili. Il presupposto E' il possesso o la detenzione a qualsiasi

Dettagli

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008)

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Disposizioni atte a regolamentare l'emissione di aldeide formica da pannelli a base di legno e manufatti con essi realizzati in

Dettagli

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Il presente Fascicolo Informativo contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

del Senato Le funzioni

del Senato Le funzioni LA FUNZIONE LEGISLATIVA IL PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE DELLE LEGGI ORDINARIE IL PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE DELLE LEGGI COSTITUZIONALI LA FUNZIONE DI INDIRIZZO POLITICO LA FUNZIONE DI CONTROLLO POLITICO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Testo Unico Bancario. Testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia. Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385

Testo Unico Bancario. Testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia. Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 Testo Unico Bancario Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 Testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia Versione aggiornata al decreto legislativo 19 settembre 2012, n. 169 ottobre 2012

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO-LEGGE 12 settembre 2014, n. 133. Misure urgenti per l apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche, la digitalizzazione del Paese, la semplificazione burocratica, l emergenza del

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

L. 10 dicembre 1993, n. 515. Disciplina delle campagne elettorali per l'elezione alla Camera dei deputati e al Senato della Repubblica.

L. 10 dicembre 1993, n. 515. Disciplina delle campagne elettorali per l'elezione alla Camera dei deputati e al Senato della Repubblica. L. 10 dicembre 1993, n. 515. Disciplina delle campagne elettorali per l'elezione alla Camera dei deputati e al Senato della Repubblica. 1. Accesso ai mezzi di informazione. 1. Non oltre il quinto giorno

Dettagli

Schema di decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri recante: Attuazione del principio della valutazione tra pari per la selezione dei

Schema di decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri recante: Attuazione del principio della valutazione tra pari per la selezione dei Schema di decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri recante: Attuazione del principio della valutazione tra pari per la selezione dei progetti di ricerca ai sensi dell articolo 20, comma 1, della

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 Modalità per l accreditamento e la vigilanza sui soggetti pubblici e privati che svolgono attività di conservazione dei documenti informatici di cui all'articolo 44-bis,

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

Prima della sottoscrizione leggere attentamente la Scheda Sintetica e la Nota Informativa

Prima della sottoscrizione leggere attentamente la Scheda Sintetica e la Nota Informativa Certezza 10 Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CNA) Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

VALORE 2.0. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato

VALORE 2.0. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato VALORE 2.0 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato Il presente Fascicolo informativo, contenente: Scheda sintetica Nota informativa Condizioni di

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A)

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A) D.L. 22.06.2012 n. 83, in vigore dal 26.06.2012 IMMOBILI ABITATIVI - La disciplina delle cessioni di fabbricati abitativi Con riferimento al regime delle cessioni la novella sostituisce il n. 8-bis dell

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Modello unico per l iscrizione, la reiscrizione e la cancellazione Sezione A

Modello unico per l iscrizione, la reiscrizione e la cancellazione Sezione A SPAZIO RISERVATO ALL IVASS ALLEGATO Modello unico per l iscrizione, la reiscrizione e la cancellazione Sezione A BOLLO (applicare obbligatoriamente una marca dell importo previsto dalla disciplina vigente

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 21 NOVEMBRE 2007, N. 231 (PUBBLICATO NELLA G.U. N. 290 DEL 14 DICEMBRE 2007, S.O. N. 268) ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2005/60/CE CONCERNENTE LA PREVENZIONE DELL UTILIZZO DEL SISTEMA

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

49-15-000905 Alle Imprese di assicurazione e di riassicurazione con sede legale in Italia

49-15-000905 Alle Imprese di assicurazione e di riassicurazione con sede legale in Italia SERVIZIO GESTIONE RISORSE DIVISIONE ORGANIZZAZIONE Roma 20/03/2015 Prot. n. All.ti n. 49-15-000905 Alle Imprese di assicurazione e di riassicurazione con sede legale in Italia Alle Imprese di assicurazione

Dettagli