REGALIAMOCI UNA CITTÀ PIù PULITA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGALIAMOCI UNA CITTÀ PIù PULITA"

Transcript

1 SESTO PULITA REGALIAMOCI UNA CITTÀ PIù PULITA NOVITÀ E CONSIGLI PER LA RACCOLTA DEI RIFIUTI E PER L IGIENE URBANA.

2 SESTO PULITA A cura dell Amministrazione comunale di Sesto San Giovanni Assessorato all Ambiente Realizzazione: ESA - Milano - Graphic design di Lorenzo Grazzani Illustrazioni di Ezio Rolle Stampa: GRAFICHE CASALI S.R.L. Quinto Dè Stampi di Rozzano (MI) Finito di stampare nel mese di Novembre 2001 Questo opuscolo è stato stampato su carta Pigna-Ricarta. Pigna-Ricarta, è stata prodotta utilizzando totalmente fibre secondarie, provenienti da carte stampate e non stampate, accuratamente selezionate senza subire processi di sbianca e disinchiostrazione.

3 3 Gentili Signore, Egregi Signori, La raccolta dei rifiuti si riorganizza. L obiettivo è una città più pulita e con maggior decoro, una maggior comodità per i cittadini, ottenendo contemporaneamente una raccolta differenziata più razionale e con minori costi. Spariscono dalle strade le campane per il vetro, divenute purtroppo un costante elemento di degrado a causa dell abbandono abusivo di rifiuti di vario tipo. Il vetro verrà raccolto, insieme alle lattine, in bidoni depositati in ogni condominio. Ugualmente, carta e cartone andranno messi in bidoni condominiali appositi. In casa rimarrà il sacco trasparente, dove dovranno essere messi soltanto gli oggetti di plastica. Contemporaneamente, viene riorganizzata e rafforzata la pulizia di strade e marciapiedi. Verrà effettuato lo spazzamento meccanizzato ed il lavaggio settimanale di tutte le strade della città, e verrà introdotta la pulizia meccanizzata quindicinale della maggior parte dei marciapiedi. Lo svolgimento di questi servizi e di tutti gli altri riguardanti l igiene urbana è affidato dal 1 luglio scorso, per cinque anni, alla ditta Aimeri s.p.a. Questo libretto contiene tutte le informazioni necessarie per poter collaborare attivamente al successo della raccolta differenziata e della pulizia della città. Si ricorda che per eventuali chiarimenti o informazioni è sempre attivo il numero verde L ASSESSORE ALL AMBIENTE Beniamino Bonardi IL SINDACO Filippo Penati

4 4 Il Sacco nero Le novità Questo tipo di rifiuto verrà raccolto tre volte a settimana, un giorno si e uno no, secondo la seguente suddivisione per zone: Zone Una volta in questo sacco finivano tutti i rifiuti domestici; oggi, per fortuna, grazie alla raccolta differenziata, trovano posto solo quelle frazioni di rifiuti che non possono essere recuperate in alcun modo o possono esserlo solo se avviate alla termocombustione per essere trasformati in energia elettrica. LUNEDÌ MERCOLEDÌ VENERDÌ MARTEDÌ GIOVEDÌ Che cosa si butta nel sacco nero? In primo luogo tutti gli avanzi di cibo e di cucina, inoltre: i contenitori di tetrapack (per intenderci, quelli del latte o dei succhi di frutta; si riconoscono facilmente perché riportano la sigla CA carta accoppiata) tutti gli oggetti in plastica diversi dagli imballaggi (piatti, bicchieri, posate sporchi di avanzi), pannolini e assorbenti stracci unti e sporchi le polveri di spazzamento domestico. Per scoprire a quale zona appartiene la Via in cui abitate, controllate nell elenco alfabetico in fondo a questo volumetto. Il servizio effettuerà il ritiro dei sacchi a partire dalle ore 6.15 e lo completerà entro le ore circa. Attenzione! I sacchi, con al massimo 8 kg di rifiuti, dovranno essere esposti (nel periodo Ottobre/Marzo) dalle ore e (nel periodo Aprile/Settembre dalle ore 23.00) alle ore 6.00 del giorno di raccolta nella zona prospicente ed antistante l ingresso dell abitazione; in caso contrario, si rischia una sanzione.

5 La carta 5 I vecchi giornali, le riviste, le confezioni di cartone per la pasta, le scatole per le scarpe, gli scatoloni e gli imballi (purché in quantità limitate e adeguatamente sminuzzati) hanno ormai un proprio contenitore dove potranno essere conferiti. Si tratta di bidoni bianchi di plastica, muniti di ruote, che sono stati distribuiti capillarmente su tutto il territorio cittadino. Questo sistema permetterà di raccogliere la carta e i cartoni già separati dalle altre frazioni, ma ciò che è più conveniente è poter mettere tutto nel contenitore specifico. Chi avesse la necessità di disfarsi di grossi quantitativi di cartoni e imballi può sempre portarli presso la piattaforma ecologica di via Copernico (vedi a pag. 12).

6 6 La plastica Anche per le plastiche si passa al sacco specifico: il Sacco Giallo. Da ora, oltre alle bottiglie per l acqua minerale e per le bibite (che ricordiamo è sempre meglio schiacciare perché si riduce il loro volume e nel sacco ce ne stanno di più), nel sacco giallo potrete mettere anche molte altre tipologie di contenitori in plastica. Ecco che cosa: Imballaggi plastici per alimenti bottiglie acqua minerale, bibite, olio, succhi, latte, ecc. flaconi/dispensatori sciroppi, creme, salse, yogurt, ecc. confezioni rigide/flessibili per alimenti in genere (es. scatole trasparenti e vassoi interni ad impronte); confezioni rigide/flessibili per alimenti in genere (affettati, formaggi, pasta fresca, frutta, verdura); buste e sacchetti per alimenti in genere (es.: pasta, riso, patatine, salatini, caramelle, surgelati); vaschette porta uova; vaschette per alimenti, carne e pesce; vaschette e barattoli per gelati; contenitori per yogurt, creme di formaggio, dessert; reti per frutta e verdura; film e pellicole; barattoli per alimenti in polvere; contenitori vari per alimenti per animali; coperchi; cassette per prodotti ortofrutticoli e alimentari in genere. (ovviamente questi materiali possono andare nel sacco giallo soltanto se puliti dai residui putrescibili che vi erano contenuti; pertanto vanno prima vanno sciacquati o lavati, nell impossibilità è meglio buttarli nel sacco nero). Imballaggi plastici per sostanze non alimentari Flaconi per detersivi, saponi, prodotti per l igiene della casa, della persona, cosmetici, Barattoli per confezionamento di prodotti vari (cosmetici, articoli da cancelleria, salviette umide, detersivi, rullini fotografici); Film e pellicole da imballaggio (anche espanse per imballaggi di beni durevoli); Blister, contenitori rigidi e formati a sagoma, come: gusci per giocattoli, pile, articoli da cancelleria o da ferramenta e per il fai da te, gadget vari); Scatole e buste per confezionamento di capi di abbigliamento (es.: camice, biancheria, calze cravatte); Gusci, barre, chips da imballaggio in polistirolo espanso; Reggette per legatura pacchi; Sacchi, sacchetti, buste (es.: shoppers, sacchi per detersivi, per prodotti giardinaggio, per alimenti animali) Vasi per vivaisti (ovviamente tali materiali non devono contenere altri residui pericolosi e non) È importante che ogni singolo pezzo sia pulito e privo di residui, liquidi o solidi, che vi erano contenuti. I sacchi gialli, ricordiamo che ne servono una cinquantina l anno, potranno essere acquistati da ogni singolo utente presso i principali negozi e nella grande distribuzione, e all ufficio economato di via Vittorio Veneto, 45. Chi avesse la necessità di disfarsi di grossi quantitativi di plastica o di teli di cellophane può sempre portarli presso la piattaforma ecologica di via Copernico (vedi a pag. 12).

7 Il vetro, le lattine d alluminio e le latte di metallo 7 terrecotte, lampadine e lampade al neon esauste, poiché si rischia di compromettere la qualità del vetro buono. Per quanto riguarda invece vetri di grosse dimensioni, come per esempio lastre o damigiane, si consiglia di non utilizzare il contenitore domestico, ma di conferirle alla piattaforma ecologica di via Copernico (vedi a pag. 12). Il vetro è la frazione differenziata che viene raccolta da più tempo in modo distinto dagli altri rifiuti. Oggi noi introduciamo una novità. Abbiamo eliminato le grandi campane stradali e ognuno al proprio domicilio avrà il proprio contenitore per il vetro. Nello stesso contenitore potranno essere buttate sia le lattine di alluminio sia i barattoli di latta in banda stagnata e metallo (confezioni di pomodori, legumi, cibo per animali). Prima di buttare via un contenitore è sempre buona cosa risciacquarlo dei residui. È importante evitare di buttare in questi contenitori oggetti in ceramica come piatti,

8 8 Tutto lo stesso giorno Come abbiamo visto, da ora in poi Carta, Plastica e Vetro hanno uno specifico contenitore domiciliare, tutti i contenitori dei rifiuti (sacco giallo, bidone bianco, bidone verde e sacco nero devono essere costoditi per l utilizzo nelle proprie abitazioni o propietà private (spazi specifici o allo scopo destinati). Ma come funzionano lo svuotamento e la raccolta? A seconda delle zone in cui si risiede, il giorno della raccolta è sempre lo stesso per tutte e tre le tipologie di rifiuti (carta, vetro, plastica) e coincide con uno dei tre giorni di raccolta del sacco nero. Nello stesso momento si potranno pertanto portare a bordo strada i due bidoni, quello bianco della carta e quello verde del vetro, e il sacco giallo delle plastiche. L esposizione dei contenitori (sacco giallo, carta e vetro) devono essere esposti entro le ore 6 dell unico giorno di raccolta. Gli operatori inizieranno la raccolta alle ore 6.15 e la completeranno entro le ore (le per il vetro). Per scoprire a quale zona appartiene la Via in cui abitate, controllate nell elenco alfabetico in fondo a questo volumetto.

9 9 Quando? Zona1 LUNEDÌ Che cosa? Zona2 Zona3 Zona4 Zona5 Zona6 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ VETRO E LATTINE CARTA E CARTONE SACCO GIALLO (PLASTICA)

10 10 I rifiuti urbani pericolosi Di questa categoria di rifiuti fanno parte le pile e i farmaci, oltre agli oli minerali, i contenitori di materiali etichettati T e/o F e le batterie per automobili. Pile: esistono, sparsi sul territorio, un centinaio di contenitori specifici, di cui tre quarti si trovano presso uffici pubblici e il resto su strada. Questi vengono svuotati ogni mese. Farmaci e medicinali scaduti: possono essere portati agli specifici contenitori situati presso le farmacie, dove gli addetti al servizio di raccolta passano ogni quindici giorni per lo svuotamento. Chi avesse la necessità di disfarsi dei seguenti tipi di rifiuti pericolosi: oli minerali contenitori etichettati T e/o F batterie per automobili altri urbani pericolosi deve portarli presso la piattaforma ecologica di via Copernico.

11 Gli ingombranti 11 A tutti capita di doversi disfare di un vecchio mobile o di un elettrodomestico che non funziona più. Da oggi è è possibile usufruire di un servizio di prelievo a domicilio, da attivare con prenotazione telefonica: gli operatori del servizio di igiene ambientale verranno direttamente a casa vostra a prelevare ciò di cui dovete disfarvi. Nella categoria degli ingombranti rientrano: frigoriferi, surgelatori, congelatori, televisori, computer, monitor, lavatrici e lavastoviglie, condizionatori d aria (beni durevoli, che tutti i rivenditori sono tenuti comunque a ritirare al momento della consegna del nuovo). Basterà telefonare al numero verde , attivo dal lunedì al venerdì (orario d ufficio) ed il sabato mattina, ed entro otto giorni al massimo, i materiali saranno ritirati a casa vostra; dovrete solo preoccuparvi di farli trovare a ciglio strada. Il servizio verrà effettuato ogni giorno con un incremento il sabato per favorire coloro che nel corso della settimana non sono disponibili. Le persone appartenenti a particolari categorie protette, individuate dall Amministrazione comunale, potranno usufruire del servizio di prelievo del materiale ingombrante direttamente al piano di casa. Chi non potesse attendere l arrivo degli addetti potrà sempre portare i propri materiali ingombranti alla piattaforma ecologia di via Copernico (vedi pag.12). Attenzione! Il servizio ritiro ingombranti a domicilio è riservato solo alle utenze domestiche.

12 12 La piattaforma ecologica In via Copernico, nella zona sud-est della città, è situata la nostra piattaforma ecologica dove ogni cittadino residente può conferire tutte quelle tipologie di rifiuti che non possono essere raccolte con la raccolta differenziata, oppure che, per volume e dimensioni, è più comodo conferire alla piattaforma stessa. Sui quasi quattromila metri quadrati dell area sono situati i diversi contenitori per il conferimento dei materiali, tutti protetti da tettoie, che vengono ora svuotati con maggior frequenza, in modo che non si trovi mai il contenitore pieno. Tutta l area è stata curata anche dal punto di vista ambientale con una siepe di tigli e cipressi e abbellita da aiuole e fiori. Una segnaletica e una cartellonistica efficace ed esauriente guida l utente, dall ingresso all uscita, in modo intuitivo verso le aree di svuotamento dei propri rifiuti. Nella tabella a lato ecco quali sono i materiali che possono essere portati in piattaforma. Materiali da portare alla piattaforma ecologica ingombranti (divani, mobili, materassi, ecc ), oggetti non differenziabili, polistirolo espanso stracci carta e cartone, carta pulita legname, rottami in legno rottami metallici, materiali ferrosi, rifiuti inerti (macerie di piccole lavorazioni edili domestiche), scarti vegetali e ramaglie da scarti e potature oli vegetali rifiuti pericolosi (pile esauste, farmaci) rifiuti speciali e tossici lampade al neon batterie d auto esaurite pneumatici, frigoriferi e frigocongelatori, oli minerali, accessori computer, cavi elettrici, tubi catodici, lastre di vetro, contenitori di vernici e solventie altri prodotti etichettati t/f, toner esausti di stampanti e fotocopiatrici.

13 13 Ecco gli orari di apertura della piattaforma UTENZE DOMESTICHE E NON DOMESTICHE: L ingresso in piattaforma è regolamentato per le quantità ed è consentito solo alle persone residenti, e più precisamente: a tutte le utenze domestiche alle utenze non domestiche quali le aziende artigianali, commerciali o produttive di servizi e provenienti da insediamenti civili in genere (fabbricati ovvero luoghi con destinazione abitativa) intendendosi per tali: edifici che non rientrano nel settore degli impianti industriali. Attualmente la verifica della residenza e la registrazione degli ingressi è affidata al personale addetto alla piattaforma, con conseguenti momenti di attesa per gli utenti che vogliano conferire i propri rifiuti. Tra qualche mese sarà invece in funzione un controllo automatico degli ingressi. Ad ogni famiglia ed a ogni utenza non domestica (individuata secondo il criterio sopra riportato) sarà affidata una tessera magnetica personale con la quale potrà accedere in piattaforma senza soste ed attese. LUNEDÌ 14 Dalle alle 18 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ Dalle 9,30 alle 12,30 e dalle 14 alle 18 SOLO per UTENZE DOMESTICHE Dalle 14 alle 18 DOMENICA Dalle 9,30 alle 12

14 14 La pulizia di strade e piazze Il servizio di igiene urbana è particolarmente attento alla pulizia delle nostre strade e piazze. A tale proposito vengono impegnati ogni giorno circa 50 addetti che, sia manualmente sia con l ausilio di mezzi speciali, puliscono oltre 180 Km di strade e piazze comunali. Ai cittadini è richiesta una fattiva collaborazione poiché se nei giorni in cui è prevista la pulizia della strada gli addetti trovano le auto posteggiate lungo la via, non possono lavorare e quindi ne va della qualità del servizio. Inoltre, le auto parcheggiate durante la pulizia vengono multate dagli agenti di polizia municipale, pertanto al danno della mancata pulizia si aggiunge la beffa della contravvenzione. Perciò prestate attenzione ai cartelli di divieto per la pulizia delle strade: ci aiuterete a pulire meglio ed eviterete il fastidio di una multa. Nuovi percorsi garantiscono la sosta alternativa nelle vie adiacenti a quelle interessate dall intervento di pulizia. Nella realizzazione del programma di pulizia e lavaggio strade su percorsi protetti da cartelli di divieto di sosta l impegno maggiore, in termini di tempo ed attenzione, è stato proprio dedicato allo studio e formulazione delle fasce orarie e della progressione dei percorsi giornalieri. Tutto ciò per ridurre il disagio ai residenti e privilegiare le attività preminenti nell ora (posteggio notturno-mattutino, attività com-

15 15 merciali della tarda mattinata, ecc.); inoltre, abbiamo cercato di salvaguardare, per quanto possibile, le necessità di spazi per il posteggio notturno delle autovetture dei residenti. Poiché il servizio parte alle ore 8 8 e15 (invece che alle 6 6 e 15) nessuno sarà più obbligato la sera prima del lavaggio alla ricerca del parcheggio alternativo e sicuro. I cestini stradali Negli ultimi mesi abbiamo installato ben mille cestini stradali, che hanno lo scopo di raccogliere i rifiuti che ognuno può produrre mentre cammina per strada, dal pezzo di carta al pacchetto vuoto di sigarette o altri generi. Evitare di sporcare strade e marciapiedi si può, ci sono i cestini. Grazie ad essi, potremo misurare il tasso di attaccamento alla città dei Sestesi.

16 16 Porterà anche fortuna, ma spesso non è gradita A molti è capitato, almeno una volta nella vita, di pestare camminando qualcosa lasciato dal più noto amico dell uomo, il cane: la sua cacca. Ora il nostro servizio di igiene urbana è molto attivo nella pulizia di vialetti e marciapiedi, però sarebbe opportuno che ogni proprietario di animale, così come avviene ormai in ogni parte del mondo civilizzato, si dotasse di paletta e sacchetto e provvedesse a raccogliere i bisogni del proprio cane. Presso l ufficio economato in via Vittorio Veneto, 45 si possono ritirare sia i gettoni per le macchine distributrici automatiche oppure le palette e i sacchetti usa e getta. Nelle zone maggiormente frequentate abbiamo installato macchine distributrici di palette e sacchetti usa e getta. Anche questo è un piccolo gesto per regalarci una città più pulita.

17 INOLTRE! 17 orari e giorni del lavaggio delle Aree mercati e mercatini Dove? FORLÌ DI DIO VILLORESI BOCCACCIO CASIRAGHI FIORANI PADOVANI CASIRAGHI MONTE GRAPPA FERMI BECCARIA CAVALLOTTI BARACCA FARUFFINI SESTO VECCHIO VOLTA - RAVASI PURICELLI GUERRA CARLO MARX RONDINELLA ALFIERI - MONTI BALILLA - TOTI SESTO NUOVO BANDIERA - CARD.FERRARI BIXIO - SAINT DENIS LUN MAR MER GIO VEN SAB 14,30/16,30 14,30/16,30 14,30/16,31 14,30/16,31 14,30/16,32 14,30/16,33 14,30/16,34 14,30/16,35 14,30/16,36 14,30/16,37 14,30/16,38 14,30/16,39 14,30/16,40 14,30/16,41 14,30/16,42 14,30/17,30 14,30/17,31 14,30/17,32 14,30/17,33

18 18 Il lavaggio delle aree di parcheggio DOVE? PARCHEGGIO BUOZZI - VENEZIA PARCHEGGIO CASIRAGHI MONTE GRAPPA PARCHEGGIO CAVALLOTTI MAESTRI DEL LAVORO PARCHEGGIO CIMITERO PARCHEGGIO EDISON FRONTE ENEL PARCHEGGIO FIORANI PARCHEGGIO LA FRATTA - DE ZORZI PARCHEGGIO LUINI PARCHEGGIO MANIN - CENTRO SPORTIVO PARCHEGGIO MANTOVANI PARCHEGGIO MARZABOTTO PARCHEGGIO MATTEOTTI - PODGORA PARCHEGGIO MILANESE - CLERICI PARCHEGGIO PRIMO MAGGIO PARCHEGGIO STADIO BREDA PARCHEGGIO VERGA - MONTE GRAPPA PARCHEGGIO VOLTA - FERMI QUANDO? 8,00 /11,00 8,00 /11,00 8,00 /11,00 8,00 /11,00 8,00 /11,00 8,00 /11,00 8,00 /11,00 Indicazioni per le utenze non domestiche Abbiamo già parlato delle utenze non domestiche; per gran parte di esse è accessibile la piattaforma ecologica comunale; per tutte (aziende artigianali, commerciali o produttive di servizi, industriali) sono previsti dei servizi specifici, quali la raccolta di: oli vegetali, rifiuti assimilati, imballaggi, sacco nero giornaliero per ristoranti, mense, trattorie, etc.. A questi utenti sarà inviato prossimamente un apposita comunicazione e un opuscolo informativo specifico. Per saperne di più! Ricordiamo che per ogni informazione è sempre attivo il numero verde dove risponde una persona, non un risponditore automatico, per dare risposte specifiche o fornire utili indicazioni alla risoluzione di ogni dubbio o quesito. I possessori di un computer prossimamente potranno collegarsi da casa propria al sito internet comunale, ora in corso di allestimento, dove troveranno oltre a molte delle informazione qui contenute altre notizie in merito ai servizi di Igiene Urbana.

19 PER INFORMAZIONI NUMERO VERDE IL PORTALE DEL CITTADINO

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Comune di Padova Assessorato all Ambiente AcegasAps Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Le 3 Zone di raccolta nel Quartiere 1 Centro Tipo di Rifiuto Cosa conferire Cosa non conferire

Dettagli

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE ervizi. a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta UTENZE DOMESTICHE presentazione Carissimi cittadina /cittadino, torno da te, per raccontarti la nostra esperienza

Dettagli

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE per Lecco e provincia Sacco VIOLA Frazione secca multimateriale L IMPIANTO DI SELEZIONE DEL SACCO VIOLA I sacchi provenienti dalla raccolta, caricati su un nastro trasportatore,

Dettagli

Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci.

Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci. UNIONE DEI COMUNI Agugliano Camerata Picena Offagna Polverigi Santa Maria Nuova Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci. Raccolta differenziata porta a porta. A.T.I. Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci.

Dettagli

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio ALTO BELICE AMBIENTE S.p.A. Cos'è l'imballaggio L uomo ha sempre fatto uso di contenitori e già 3500 anni fa le popolazioni egizie immagazzinavano e trasportavano unguenti, oli e vino in contenitori di

Dettagli

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Utenze domestiche Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Fare la raccolta differenziata In provincia di Modena, ogni giorno produciamo 1,75 chili di rifiuti a testa. Fare la raccolta differenziata

Dettagli

Guida alla nuova raccolta differenziata per la città di Como

Guida alla nuova raccolta differenziata per la città di Como Guida alla nuova raccolta differenziata per la città di Como www.apricaspa.it www.comune.como.it COMUNE DI COMO 1 2 Indice Insieme verso il 6 5% di raccolta differenziata pag. 4 Perché fare la raccolta

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento ha per oggetto la disciplina dei servizi di raccolta, trasporto e conferimento a smaltitori finali dei rifiuti

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Dividere i rifiuti. bidone giallo Caritas. centro di raccolta. assorbenti igienici. audio e video cassette e custodie

Dividere i rifiuti. bidone giallo Caritas. centro di raccolta. assorbenti igienici. audio e video cassette e custodie Dividere i rifiuti A TIPOLOGIA RIFIUTO abiti accendino accumulatori acidi alcool denaturato alcool etilico alluminio contenitori alluminio oggetti di grandi dimensioni amianto ampolle anticrittogamici

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

Città di Novate Milanese

Città di Novate Milanese Città di Novate Milanese - Provincia di Milano - Cod. Fisc. P. Iva n. 02032910156 Sede municipale di V. Veneto, 18 c.a.p. 20026 Novate Milanese (MI) tel. 02/354731 fax. 02/33240000 lavpubblici@comune.novate-milanese.mi.it

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... CoMPoStAggio CARtieRA VetReRiA

che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... CoMPoStAggio CARtieRA VetReRiA che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... VetReRiA CARtieRA CoMPoStAggio Regione del Veneto Presidente Giancarlo Galan Assessore alle Politiche dell Ambiente Giancarlo Conta Segretario

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

Dove lo butto? Elenco materiali aggiornato a dicembre 2014

Dove lo butto? Elenco materiali aggiornato a dicembre 2014 Dove lo butto? Elenco materiali aggiornato a dicembre 2014 OGGETTO Abbigliamento Abiti Accendini Accumulatori Acetone Acquaragia Adesivi chimici Agende di carta e/o cartoncino Albero di Natale vivo Alimentatori

Dettagli

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale 1. Introduzione al backup Guida al backup Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi Con l aumentare dei rischi associati a virus, attacchi informatici e rotture hardware, implementare

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Bollette più leggere. Bollette più leggere..aria più pulita.aria più pulita Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Ostellato 28 maggio 2004 A scuola di ecologia

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMPOSTAGGIO DOMESTICO PROGETTO DI INCENTIVAZIONE AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO DA ATTUARSI NEI COMUNI DI ABETONE, CUTIGLIANO, MARLIANA, PESCIA, PITEGLIO SAMBUCA PISTOISE, SAN MARCELLO PISTOIESE A cura di: APRILE 2008 PREMESSA Il

Dettagli

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse ADVANCE Easy Moving www.advanceeasymoving.com Il pellet diventa facile! Caldaia sempre alimentata... senza pensarci! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da

Dettagli

Leonia Le città invisibili di Italo Calvino

Leonia Le città invisibili di Italo Calvino La città di Leonia rifà se stessa tutti i giorni: ogni mattina la popolazione si risveglia tra lenzuola fresche, si lava con saponette appena sgusciate dall'involucro, indossa vestaglie nuove fiammanti,

Dettagli

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE l originale www.casadelcammino.it for SI RINGRAZIANO IN MODO

Dettagli

"UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE

UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE GREST 2015 L estate ormai si avvicina e l Unità Pastorale Madre Teresa di Calcutta, organizza e propone il GrEst (Oratorio estivo), rivolto ai ragazzi delle classi elementari e medie delle nostre parrocchie.

Dettagli

Logistica di Amazon. Guida rapida alla creazione della spedizione

Logistica di Amazon. Guida rapida alla creazione della spedizione Logistica di Amazon Guida rapida alla creazione della spedizione Come inviare le spedizioni Logistica di Amazon ad Amazon in modo efficiente e senza intoppi Agenda 1 2 3 4 5 6 7 Creazione di una spedizione

Dettagli

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Allo scopo di garantire al Tiro sportivo con armi da fuoco un crescente sviluppo anche all interno del Nostro poligono e che i sacrifici di chi si è prodigato perché

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO

CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO La gestione ambientale di una struttura turistica prevede di porre sotto controllo, gestire e ridurre gli impatti ambientali legati al ciclo di vita

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Pizzaport il Thermoport di classe 2 per pizze e quant altro! [ Sistemi universali di trasporto vivande ] buone soluzioni

Pizzaport il Thermoport di classe 2 per pizze e quant altro! [ Sistemi universali di trasporto vivande ] buone soluzioni Pizzaport il Thermoport di classe 2 per pizze e quant altro! [ Sistemi universali di trasporto vivande ] buone soluzioni Appena sfornate! Calde... pizze dal Pizzaport Per un ottimo isolamento: struttura

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO Consorzio Intercomunale di Servizi per l Ambiente LOGO COMUNE COMUNE di REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO data: OTTOBRE 2012 SOMMARIO

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza 10. sicurezza La dei tuoi cibi dipende anche da te sicurezza 10. La sicurezza dei tuoi cibi dipende anche da te Oggi i consumatori sono sempre più attenti alle questioni della sicurezza degli alimenti,

Dettagli

Trekking di più giorni

Trekking di più giorni SEZIONE DI MORTARA Trekking di più giorni Cosa portare nello zaino Escursioni di più giorni Per i trekking il discorso peso diventa ancora più importante delle escursioni di un giorno o due. Portare sulle

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni 3M Italia, Gennaio 2011 Bollettino Istruzioni Applicazione pellicole su vetro Bollettino Istruzioni 3M Italia Spa Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello (MI) Fax: 02 93664033 E-mail 3mitalyamd@mmm.com

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

TECNOLOGIA LCD e CRT:

TECNOLOGIA LCD e CRT: TECNOLOGIA LCD e CRT: Domande più Frequenti FAQ_Screen Technology_ita.doc Page 1 / 6 MARPOSS, il logo Marposs ed i nomi dei prodotti Marposs indicati o rappresentati in questa pubblicazione sono marchi

Dettagli

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni ASSISTENZA ESTRATTO DELLE CONDIZIONI DI SERVIZIO Il presente documento costituisce un estratto delle Condizioni di Servizio, il cui testo integrale è depositato presso la sede legale del contraente, oppure

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

Parts of my Pop-in... 7 8a

Parts of my Pop-in... 7 8a A C 5 B Parts of my Pop-in... 5 6 0 D 9 7 8a 8b IT IMPORTANTE! CONSERVARE LE ISTRUZIONI PER CONSULTAZIONI FUTURE Come usare i Pop-in Precauzioni d uso Non usare ammorbidenti con i vostri Pop-in. Non usare

Dettagli

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA MOD. COM 3 SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO: MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA Al SUAP Ai sensi del D. L.vo 114/98, D. L.vo 59/10 e L. 122/10 Il sottoscritto

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE MOD.COM 3 Al Comune di * ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA copia per il Comune COMUNICAZIONE Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (artt.10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

COMUNICAZIONE. Al Comune di *

COMUNICAZIONE. Al Comune di * 7864 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 82 del 30-6-2004 MOD.COM 3 Al Comune di * ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE Ai sensi della l.r. 11/03

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE

Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE MOD.COM. 6 copia per il Comune Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE Al Comune di *... Ai sensi del D.L.vo 31/3/1998

Dettagli

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr Manuale d uso Rilevamento del parto www.medria.fr Grazie per la preferenza accordataci nell acquistare Vel Phone. Vi chiediamo di leggere attentamente il presente manuale di istruzioni per l uso, prima

Dettagli

Gran Fondo PUNT DEL DIAU

Gran Fondo PUNT DEL DIAU LANZO TORINESE - SABATO 04 OTTOBRE 2014 Gran Fondo PUNT DEL DIAU REGOLAMENTO LA GARA GRAN FONDO DI CORSA IN MONTAGNA PUNT DEL DIAU avrà una lunghezza di circa km.25 e un dislivello positivo di circa 1450

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO

ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO LA NORMATIVA COMUNITARIA E I CRITERI PER L INDIVIDUAZIONE DEL MADE IN Merci interamente ottenute o sostanzialmente trasformate La

Dettagli

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classe 1 - Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni con fini assistenziali

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

BOLLO ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE

BOLLO ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE MOD.COM 2 BOLLO copia per il Comune ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE Al Comune di * Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (artt. 8,9,10, comma 5),

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA

PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA LA COTTURA IN PENTOLA A PRESSIONE La pentola a pressione è uno strumento ancora tutto da scoprire, da conoscere e da valorizzare, sia dal punto di vista

Dettagli

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64 Problemini e indovinelli 2 Le palline da tennis In uno scatolone ci sono dei tubi che contengono ciascuno 4 palline da tennis.approfittando di una offerta speciale puoi acquistare 4 tubi spendendo 20.

Dettagli

www.integration.zh.ch

www.integration.zh.ch Cantone di Zurigo Dipartimento della giustizia e degli interni Ufficio cantonale per l integrazione Informazioni per i nuovi arrivati dall estero www.integration.zh.ch Indice 03 Immigrazione e diritto

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE. Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE. Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto MOD.COM 1, copia per il Comune ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE Al Comune di * Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto Cognome Nome C.F.

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5

1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5 Sommario 1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5 1 1. QUADRO ECONOMICO In base al computo metrico dei servizi si è desunto un costo complessivo del servizio

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Il sistema di lavaggio ActiveWater concentrato in 55 centimetri.

Il sistema di lavaggio ActiveWater concentrato in 55 centimetri. Il sistema di lavaggio ActiveWater concentrato in 55 centimetri. Nuove lavastoviglie ActiveWater Smart. Il massimo delle prestazioni in dimensioni ridotte. Sistema ActiveWater. Lavaggi perfetti, risparmio

Dettagli

DAL NUMERO ALLA FRAZIONE

DAL NUMERO ALLA FRAZIONE SCHEDA N. 2 DAL NUMERO ALLA FRAZIONE 1. Calcola il valore di ogni frazione e colora tanti disegni quanti ne indica il risultato. 2 di 18 =. 9 di 2 =. di 1 =. 8 di 2 =. 2. Calcola il valore di ogni frazione.

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi.

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi. STORIA E TRADIZIONE La Pasticceria Orlandi nasce per volontà di Romano Orlandi che dopo una lunga gavetta nelle più famose pasticcerie milanesi, nel 1952 decide di mettersi in proprio aprendo il suo negozio

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

ALLEGATO N. 1 ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI

ALLEGATO N. 1 ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI ALLEGATO N. 1 (aggiornato G.U.R.I. N. 96 26/04/2014) ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI (Barrare la categoria di specializzazione SOA) Categorie opere generali (ex D.P.R.

Dettagli

47 Anno Domini Triathlon Festival

47 Anno Domini Triathlon Festival 47 Anno Domini Triathlon Festival Campionati Italiani Assoluti di Triathlon Sprint Staffetta a squadre Coppa Crono a Squadre Sabato 05 ottobre 2013 Domenica 06 ottobre 2013 Parco Le Bandie, Lovadina (TV)

Dettagli

PERCENTUALI CON LE FRAZIONI

PERCENTUALI CON LE FRAZIONI Visto che il 20% di un numero è uguale a frazionario per calcolare le percentuali. 20 100 n allora possiamo utilizzare il calcolo DATI n= numero intero p= frazione (percentuale) r= numeratore (tasso di

Dettagli

SEL.PRESS. ITALIA PROGETTIAMO MACCHINE PER L ECOLOGIA COMPATTATORI ECOLOGICI E SEPARATORI DI LIQUIDI SISTEMI PER LA VERA RACCOLTA DIFFERENZIATA

SEL.PRESS. ITALIA PROGETTIAMO MACCHINE PER L ECOLOGIA COMPATTATORI ECOLOGICI E SEPARATORI DI LIQUIDI SISTEMI PER LA VERA RACCOLTA DIFFERENZIATA SEL.PRESS. ITALIA SISTEMI PER LA VERA RACCOLTA DIFFERENZIATA www.selpress.it - www.selpressitalia.com e-mail: selpress@tin.it - info@selpress.it PROGETTIAMO MACCHINE PER L ECOLOGIA COMPATTATORI ECOLOGICI

Dettagli