Notiziario.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Notiziario. www.andropos.eu"

Transcript

1 Notiziario Sommario: * Anche mio nonno * Donna nella storia * Fedro in vernacolo * Elena di Sparta * Detti e Modi di dire * Gerardina * Vero o falso: menta * Una città da scoprire * Nicodemate * Consigli utili * Il cantore dei sogni Giornale n.ro 11 del 30/05/08 C I O M M A IL GUSTO DELLA VITA ANCHE MIO NONNO ODORAVA DI AGLIO Il porto di Ellis Island, un isolotto alla foce del fiume Hudson,nella baia di New York, dal 1892 al 1954,ha accolto più di 20 milioni di aspiranti cittadini statunitensi, che all'arrivo dovevano esibire i documenti di viaggio, con le informazioni della nave che li aveva portati a New York. Medici del Servizio Immigrazione controllavano ciascun emigrante, contrassegnando sulla schiena con un gessetto, coloro che dovevano essere sottoposti ad ulteriori controlli, per accertarne le condizioni di salute. Ad esempio, si scriveva K per ernia, PG per donna gravida, e X per malato mentale. Chi, poi, superava questo primo esame, veniva accompagnato nella Sala dei Registri, dove ispettori ne registravano il nome, il luogo di nascita, lo stato civile, il luogo di destinazione, la disponibilità di denaro, la professione ed eventuali precedenti penali. Alla fine, ottenevano il permesso di imbarcarsi sul traghetto per Manhattan. I marchiati venivano sottoposti a controlli più approfonditi e buona parte di essi, con i vecchi, i deformi, i ciechi, i sordomuti e tutti coloro che avevano malattie contagiose, aberrazioni mentali ed altre infermità, non erano ammessi sul suolo americano, ma venivano immediatamente reimbarcati sulla stessa nave che li aveva condotti negli Stati Uniti. Nel 1917, venne introdotto il test dell'alfabetismo e, nel 1924, vennero approvate le quote d'ingresso: dalla Irlanda, dal Regno Unito, dalla Russia e dall'italia. La Depressione del 1929 assottiglia ulteriormente il numero degli immigrati, che dai del 1930, diventano nel 1931 e nel Nel contempo, Ellis Island diventa un centro di detenzione per i rimpatri forzati di dissidenti politici, anarchici, poveri e senza lavoro, che vengono obbligati a tornare al loro paese d'origine. Gli espulsi a forza dagli Stati Uniti sono nel 1932 e nel Anche mio nonno, del quale porto il nome, fu un aspirante cittadino statunitense e, fortunatamente, non fu marcato. La mia famiglia crebbe in America a Nuova York, dove nacque mia zia Anna, la sorella di mio padre. Ora, i miei parenti americani nemmeno li conosco, ma so la vita che ha fatto mio nonno, piena di umiliazioni e sacrifici. Si può individuare il quartiere italiano dall odore dell aglio, che pervade ogni cantuccio ed ogni fessura; perfino la fresca brezza del mare non può soffiarlo via, così scriveva il SAN FRANCISCO CHRONICLE, il 6 luglio del E mentre il Ku Klux Klan linciava gli italiani, non c è spazio per l uomo con la zappa, scriveva A. Sweeny sul NORTH AMERICAN REVUE. Intelligenti pauca. Andropos 1

2 La donna nella storia Un. Pionieri Cultura Europea C.D.A.P. U.P.C.E. SANE SOCIETY SITO DEGLI AUTORI EMERGENTI Prof. B. Bruno di Cava de' Tirreni rvista.org/index- 80.html INTRODUZIONE Poche donne hanno avuto la possibilità di distinguersi nelle scienze, considerate, fino a non molto tempo fa, di esclusica pertinenza del mondo maschile. È, quindi, un fatto eccezionale che IPAZIA, vissuta ad Alessandria d Egitto, tra il IV e V secolo d.c., si sia avvicinata agli studi scientifici dal padre Teone, come egli stesso ci tramanda, nell intestazione del III libro del suo commento al Sistema matematico di Tolomeo: Commento di Teone di Alessandria al terzo libro del Sistema matematico di Tolomeo. Edizione controllata dalla filosofa Ipazia, mia figlia". LA HISTORIA Ipazia, studiosa di matematica, secondo Filostorgio, introdusse molti a questa scienza, sia con la parola,che con opere autografe,purtroppo scomparse. Pare che una delle discipline, in cui Ipazia seppe più distinguersi, fosse l astronomia. Suda, ci informa di interessanti scoperte compiute dalla donna a proposito del moto degli astri, scoperte che trasmise ai suoi contemporanei con un testo, dal titolo Canone astronomico. Ma Ipazia fu anche filosofa: Socrate Scolatico parla di lei, come della terza caposcuola del Platonismo, subito dopo Platone e Plotino. Mentre Damascio ci spiega come la nostra filosofa seppe passare dalla semplice erudizione, alla sapienza filosofica, Pallada, in un epigramma, tesse uno degli elogi più belli di Ipazia: "Quando ti vedo mi prostro, davanti a te e alle tue parole, vedendo la casa astrale della Vergine, infatti verso il cielo è rivolto ogni tuo atto Ipazia sacra, bellezza delle parole, astro incontaminato della sapiente cultura".ella diviene, così, guida spirituale, nonché maestra di filosofia neoplatonica, una disciplina dove convergevano sia studi di matematica, che di geometria. Uno dei suoi più affezionati discepoli, Sinesio, così le scrisse, ormai vinto dalla malattia: Detto questa lettera dal letto nel quale giaccio. Possa tu riceverla stando in buona salute, o madre, sorella e maestra, mia benefattrice in tutto e per tutto, essere e nome quant altrimai onorato!". Ipazia aveva scelto l amore per le scienze e non si interessava minimamente alle passioni della carne. A tal proposito, Damascio tramanda che un suo giovine allievo si era follemente innamorato di lei. Accortasi di questa sua passione, la donna gli presentò una delle pezzuole usate per il mestruo e gli disse: "Questo, 2

3 Battaglia Di Azio (2 sett. del 31 a.c.) = Antonio della Rocca dunque, ami o giovane? Niente di bello! ". All apice del suo successo culturale, perseguitata dagli ignoranti invidiosi, capeggiati da quel suo alunno Cirillo, che nel contempo era diventato Vescovo di Alessandria, avversata dai cristiani e da coloro che non trovavano riscontro, nella loro limitatezza, nelle grandi verità cui era giunta Ipazia, organizzarono vilmente il suo assassinio. Nella primavera del 415 una banda di monaci cristiani catturò Ipazia per strada, la colpì e trascinò il suo corpo fino in una chiesa dove il suo corpo fu fatta a pezzi con tegole acute e i suoi resti bruciati. Era allora Imperatore il minorenne Teodosio II, e reggente era sua sorella Pulcheria. Cirillo ( ) venne fatto santo e nel 1882 fu dichiarato dottore della chiesa cattolica. Dopo l'assassinio d Ipazia, i suoi allievi abbandonarono la città. Così Socrate Scolastico racconta la sua morte: la trascinano fino alla chiesa che prendeva il nome da Cesario: qui, strappatale la veste,la uccisero colpendola con i cocci. Dopo che l ebbero fatta a pezzi,cancellarono ogni traccia di lei nel fuoco del Cinerone. Alessandria, un grande centro culturale fin dal tempo dei Tolomei, ove avevano studiato e insegnato Eratostene, Archimede, Euclide, Tolomeo, e Plotino, perse definitivamente il suo ruolo di centro culturale. RIFERIMENTI CULTURALI Oltre a Damascio, Filostorgio, Socrate e Suda, si sono interessati alla vita, all opera ed alla personalità di Ipazia: Silvia Roncheey, Peter Brown ed Eveline Patlagen. Anche Voltaire parla di Ipazia nelle Question sur l Encyclopédie (1772), sottolineandone soprattutto l ingiusta condanna. In altri suoi scritti, poi,definirà la sua morte "excès du fanatism". Da Voltaire, l'eco di Ipazia rimbalzerà fino a Vincenzo Monti ed a Diodata Saluzzo Roero, membro dell Accademia Torinese delle Scienze e dell Arcadia, che, nel suo Ipazia, ossia delle filosofe ( 1827 ) presentò la filosofa, come martire cristiana e non pagana: Languida rosa sul reciso stelo (Da Le stelle della Storia di F.Pastore) Colori nell aria È il nuovo concorso indetto dall Associazione Culturale Impulsesart, ed colleglegato alla manifestazione internazionale, dedicata alle mongolfiere Ferrara Balloons Festival, dal 19 al 28 settembre 2008 Parco Urbano Giorgio Bassani. Inoltre,con soli 20, avrai la possibilità di vincere un pernottamento per due persone ed un entusiasmante viaggio panoramico su Ferrara, a bordo di una mongolfiera, offerto dall'organizzazione del Festival Internazionale dei Balloons. Per informazioni: 3

4 SCHERZANDO CON I CLASSICI: DALLE FAVOLE DI FEDRO: Ranae ad Solem Una molto libera traduzione in vernacolo di Franco Pastore E Rane o sole Vedendo nu mariuòle ca se spusàve, Esòpo sta favulella raccuntàve: Cùmme sapètter e rane ch o sòle stéve pe se spusà tutt o munne facèttere arrevutà. Quando Giove sentètte sta mmuìna, chiese o mutìve e tutto stu casìne. E puverèlle, scure e ntribulàte, e rispunnèttere tutte preoccupàte: - Si ùnu sole a nuie ci assécca l acqua e dìnt ò mùnne fa nu parapìglia, che càzze succede si chìste fa e figlie?- Le rane al sole (Traduzione) Vedendo un ladro che prendeva moglie, Esopo raccontò Questa favola: Come seppero le rane Che il sole stava per sposarsi Fecero un baccano tale, che destarono la curiosità del padre degli dei e degli uomini. Allora, interrogate, con rabbia e preoccupazione, esposero tutta la loro apprensione: - Se un solo sole,dissero costernate, fa evaporare l acqua del nostro stagno,cosa succederà quando da lui nasceranno altri soli?- FEDRO - LIBRO I - Ranae ad Solem - Vicini furis celebres vidit nuptias Aesopus, et continuo narrare incipit. Uxorem quondam Sol cum vellet ducere, clamorem ranae sustulere ad sidera. Convicio permotus quaerit Iuppiter causam querellae. Quaedam tum stagni incola 'Nunc' inquit 'omnes unus exurit lacus cogitque miseras arida sede emori. Quidnam futurum est si crearit liberos? Da FEDRO ED ESOPO in napoletano di F. Pastore. Raduno Internazionale Triennale "SS. Trinità di Cava" Mostra/Convegno di Arte - Cultura Religione il luglio 2008 Via Morcaldi, 6, Badia Benedettina SS. Trinità di Cava, 84013, Cava de Tirreni, Salerno, Italia. Tema dell'incontro: " Dio è Amore, Amore è Arte " 4

5 LA DONNA NELLA LETTERATURA (2) La città era situata sulla collinetta di Hisarlik ed era stata fondata, secondo la leggenda, da Ilio nella parte nord-occidentale dell Asia minore, nell attuale Turchia, a 6,5 km dal mar Egeo, ed era detta in greco Ilio dal nome del suo fondatore. Capitale della Troade, munita di possenti fortificazioni da Apollo e da Posidone, Troia, controllava lo stretto dei Dardanelli ed il commercio dei metalli tra l'egeo, il Mar Nero e la zona danubiana. Gli scavi archeologici di Heinrich Schliemann hanno permesso di individuare il sito della città di Troia sulla collina di Hissarlik, nella Turchia occidentale. Vi sono stati rinvenuti nove strati sovrapposti corrispondenti ad altrettanti insediamenti. La città omerica è stata identificata in Troia VII, distrutta da un incendio,intorno al 1260 a.c.. Ergo, è possibile che il racconto mitico di Omero abbia un qualche fondamento storico e sia collocabile, cronologicamente, in età micenea, quando un popolo di lingua greca (gli achei dell Iliade) tentò di espandersi in Asia Minore. Mentre la bella Elena festeggia a Troia il suo nuovo matrimonio con il principe Paride, Menelao, tornato a Sparta, dopo il funerale del nonno e scopre che Elena era fuggita. Allora si reca dal fratello Agamennone e chiede a lui ed a tutti i princi-pi greci, che avevano prestato giuramento alla corte di Tindareo, davanti al cavallo sacrificale, di aiutarlo a riconquistare la sposa. Menelao e Odisseo tentano di convincere i Troiani a restituire Elena, ma essi rifiutano. Allora si riunisce un grande esercito, composto da tutte le forze greche, al comando di Agamennone, per attaccare Troia. Si imbarcano sulle navi e dopo aver sacrificato IFIGENIA, la figlia di Agamennone, partono alla volta di Troia.Giunti sulle spiagge della Troade, gli eserciti si accamparono tra le navi e le possenti mura della città, in un assedio lungo e difficile. Troia, infatti, resistette per nove lunghi anni. Iniziò il decimo anno e si verificarono fatti tali da cambiare il corso degli eventi e della nostra storia. Dopo nove anni di assedio Agamennone si rifiuta di restituire a Crise, sacerdote di Apollo, la figlia Criseide, che egli ha ottenuto come preda di guerra. Il dio colpisce con una pestilenza il campo dei greci e Agamennone è costretto a restituire Criseide, ma, per compensarsi della perdita, sottrae ad Achille la schiava Briseide. 5

6 L eroe, sdegnato, si rifiuta di combattere con i greci. Poiché, i i Troiani ottengono molte vittorie, Patroclo decide di scendere in campo con le armi di Achille, ma viene ucciso da Ettore. Achille, per vendicare l'amico, torna a combattere e cerca lo scontro con Ettore, uccidendolo in duello ed infierendo sul suo corpo. Il vecchio re Priamo, giunge nel campo dei greci, chiede la restituzione del corpo di suo figlio Ettore e lo ottiene. Il destino della città di Troia, privata dell eroe più forte, è ormai segnato. Tra l altro, gli stessi dei vogliono la rovina della città. Dopo la morte di Ettore, anche il destino di Achille è segnato. Il dio Apollo dirige la freccia di Paride proprio nel suo tallone. Unico punto vulnerabile. Le armi divine di Achille verranno assegnate all'astuto Ulisse. È lui che con l inganno permette ai greci di entrare nella città per distruggerla. Ulisse tesse l inganno. Fa costruire un grande cavallo di legno, vuoto all interno,dove si nascondono i più valorosi guerrieri. I greci fingono la partenza, abbandonando il cavallo sulla spiaggia. Invano Lacoonte, figlio di Antenore, sacerdote di Apollo, scelto dai Troiani esultanti per la su partenza dei Greci, per compiere un sacrificio a Nettuno, cercò di dissuadere i suoi concittadini dal portare dentro le mura di Troia l'insidioso cavallo ligneo, costruito da Epèo, Anzi, a punirlo dell assennato consiglio, due serpenti,mandati da Nettuno dal mare, s'avventarono contro lui, soffocandolo insieme ai due figli, accorsi in suo aiuto. I Troiani imprudenti, convinti dal prodigio del serpente marino, trascinano il cavallo dentro le mura e, durante la notte, i guerrieri nemici ne escono e mettono la città a ferro e fuoco. Caduta Troia, i greci iniziano il viaggio di ritorno, ma solo pochi di essi raggiun-geranno la Grecia. Agamennone sarà ucciso dalla moglie Clitemnestra ed Ulisse vagherà per altri dieci anni, prima di raggiungere Itaca. Tutto ciò, per la bellezza di una donna: Elena di Troia. Cantami, o Diva, del Pelìde Achille l'ira funesta che infiniti addusse lutti agli Achei, molte anzi tempo all'orco generose travolse alme d'eroi, e di cani e d'augelli orrido pasto lor salme abbandonò (così di Giove l'alto consiglio s'adempìa), da quando primamente disgiunse aspra contesa il re de' prodi Atride e il divo Achille..." (ILIADE L. I trad, di V.Monti) *) (da Un unico grande sogno di Franco Pastore - Ed. ebook 2006 a cura di Poetilandia) 6

7 Dora Sirica Editrice ANTITESI Roma w w w. e d i t l i b r i. n e t Teleradio News Caiazzo Detti, proverbi e modi di dire, dagli appunti di - Quànn o ciùcce nu vvo vév hai voglia do siscà - Jètt p truva aiùt e truvàv scarrùp - Ogni parte do mùnno assumìglie a casa tòia- Trad.: Non sempre si riesce a cambiare il corso degli eventi. Spesso, infatti, i nostri sforzi ottengono il risultato contrario. Commento Tre detti campani, che si completano. Il primo si riferisce alle difficoltà inevitabili della vita che spesso è sorda ai nostri desideri e necessità. Il secondo ribadisce il concetto: i nostri sforzi per cambiare la sorte, a volte, si risolvono a nostro danno. Il terzo è un vero capolavoro di saggezza popolare: quando siamo nel giusto ed in pace con noi stessi, possiamo vivere ovunque, anche perché la vita si svolge allo stesso modo in ogni luogo. In ogni parte del mondo, infatti, si deve lavorare per vivere, lottare per rimanere in salute, sopportare pregi e difetti di una comunità sociale. Aspetti semantici: Ancora oggi abbiamo l occasione di evidenziare il rapporto dei dialetti del meridione con la lingua latina e greca. In riferimento ai tre proverbi su indicati, troviamo: *assumìglie: dal latino adsimulo (essere pressappoco simile da cui adsimilis in Tacito) *siscà re : dal latino barbaro fistula re diventato in volgare fisclare (si legge infatti in una glossa longobarda: fistula vulgo fiscla dicitur). In provenzale sisclar, in ital. fischiare ; *ciùccio: dall arabo sciécco, da cui sciachar = ragliare e sciachàro = raglio; *jètt: dal lat. Ìvit (pass.rem.di eo-is- ivi- itum- ire = andare); *munno: dal latino mundus - i = mondo; *scarrùpe, scarrupàte ( in napolet.scarrup -àt ): s intens. + gr. katà + lat. rupes = giù dalla rupe, ossia distruzione; *guàllera: dal latino vellera (pelle); da cui i termini:guallaruso, sguallariato *pertùse : dal part.pass. del verbo pertundo - is - di - pertusum ere (bucare, forare); da cui mpertusàt e spertusàt (col sign. passato da parte a parte) 7

8 per promuovere l arte DaylyMotion ALICE VIDEO D *mastu : dal latino magister (tre volte più bravo, più esperto in qualcosa, più abile maestro in ); sasìcce : parola composta da sal - salis + siccus - sicci (sale + asciutto). Infatti la salsiccia è carne salata e messa ad asciugare, in gergo, maturare in un posto arieggiato; nepùte : dal latino nepōtis (nipote); radice greca neputìos (νηπυτίοσ: il bambino). Sciarada campana Seca, seca mastu ciccio a panella e nu sasìcce o sasìcce cio mangiàmme a panella cià stipàmme. Cià stipàmme ndò pertùse, zi Totònne o guallarùse DETTI POPOLARi Quànne se zappa è quànne se puta, zi Ciccio nu ttène nepùte. Quànne po se tratta e vendemmia, zi Cicce a cà e zi Cicce a llà. Filastrocche religiose, cantate dalle donne campane di fine secolo, tra i campi, durante il lavoro, nel mese di maggio: Zomba zumbètta 1 Maria Elisabetta Cu ciente mataràzze 2 a Marònna o piglia mbraccio E o piglia pe nu dito E o porta mparaviso E o piglia pe nu pere E o porta a San Michele Mamma Santissima Mamma Adduluràta A na fenèsta te metteste E a na fenèsta te levaste Passaie san Giuvànne Battista E te purtàie nòve 3 e Crìste. 1) Zomba, zumbètta: salta, saltella 2) mataràzze: materasso 3) nòve: nuòve, notizie TUTTOVENETO.IT Tuttoveneto offre uno spazio gratuito per pubblicare on-line le opere di scrittori, pittori, scultori, musicisti e fotografi. Tuttoveneto raccoglie, grazie anche alle tue segnalazioni, la lista degli eventi più interessanti del territorio nazionale. 8

9 IL RACCONTO DEL MESE Gerardina Gente che va e che viene, senza sosta e senza riguardo per chi soffre. Vengono preparati come per una festa o un incontro conviviale senza invito; col sorriso idiota stampato sulle facce e profumati, come travestiti in calore. Si siedono sui letti, alzano la voce come se fossero al bar, con uno sguardo globale e compassato alla camerata ed ha chi sta rantolando, pronto ad esalare l ultimo respiro. Io me ne sto per i casi miei, nell attesa paziente della mia ora, godendomi qualche infermiera decente e le carezze di mio figlio, che spera ancora di riportarmi a casa per il novantacinquesimo compleanno. Povero figlio mio! Non ho sbagliato a volergli tanto bene da dare l impressione di preferirlo agli altri, ma era solo un modo di ricompensarlo per tanta dedizione. L unica cosa che mi dispiace è di non avere con me la mia Gerardina, con le sue chiappe dure ed il sorriso di Sisina, una simpatica contadinotta dell agro, che sapeva ben soddisfare le mie esuberanze giovanili. Non è che Maria, l ostetrica paganese, non sapesse fare all amore, ma non aveva estro e pensava esclusivamente al suo piacere. Tanina, invece, una splendida trentenne del mio paese, sapeva come accendermi: misteriosa e graffiante, giocava con i miei capelli biondi, alitandomi sull orecchio come una gattina in amore. Ma la più spregiudicata era Nobile, una brunetta senza scrupoli, che correva dietro tutti i pantaloni del quartiere. Olga, poi, era la Maddalena della situazione, per lei ogni occasione era buona per festeggiare alla sua maniera. Giannina era una bambola tascabile, bruna, delicata e piccolina, sospirava come Giulietta da Rimini davanti al suo Romeo. La sua vocina era tutta un fremito, quando veniva a prendere il piacere nel folto giardino di mio nonno, profumato d aranci e biancospini. Ma ecco l infermiera che ritorna, speriamo che non aggiunga altre flebo a questa che sta finendo. - Eccolo qua, il mio simpaticone!- - Cosa posso fare per voi?- - Qualcosa potrebbe - le dico maliziosamente e stendendo la mano come se dodovesse poggiarvi sopra qualcosa, ma fa finta di non aver mi sentito ed aggiunge altre flebo sulla sommità dell asta, pronte a sostituire quella che si stà svuotando. Mio figlio sta sorridendo, meglio così, sembra meno teso ed io posso appisolarmi. - Salve ragazzi! si sente improvvisamente nel silenzio della camerata. È quello stronzo del cappellano che, ogni giorno, a quest ora, viene a fare il suo show. Tutto sommato è una brava persona, con la barba ed il sorriso buono di Padre Pio. Mi sta fissando, ha gia capito che me ne sto andando, ecco, si avvicina: - Preghiamo tutti per il nostro caro fratello Armando!- iniziano a pregare, compreso mio figlio che ha le lacrime agli occhi. Abbasso le palpebre e prego anch io, mentre il rompiballe fa il segno della Croce e raccomanda la mia anima a Dio - Vorrei dirgli che sono in pace e che non ho paura, ma la testa ricade sul cuscino ed egli va a far chiasso in un altra camerata. Vorrei vedere la mia Gerardina. Certo, ho avuto tante donne, ma l unica che ho veramente amato, per tutta la mia vita, e mia moglie Nora, buona, dolce sensibile e soprattutto paziente, ha sopportato tutte le mie intemperanze. 9

10 E si che non sono stato un tipo facile, con le mie scappatelle ed i miei errori. Povera donna, in fondo ha fatto una vita di sacrifici nelle ristrettezze del dopoguerra, quando non c era spazio nemmeno per i sogni. Questa sera viene a farmi visita con mia figlia ed i miei nipoti, speriamo che la me la fanno coricare vicino, è una settimana che non sento il suo calore. Come mi manca Gerardina! L ho conosciuta sette anni fa, quando ancora ero autosufficiente, fu mia figlia a chiamarla come collaboratrice domestica e lentamente, giorno dopo giorno, si è insinuata nella mia vecchiaia, divenendo indispensabile. Per un suo sorriso, un suo tenero atteggiamento, ho accettato ogni cosa, dal bagno alla tenera carezza delle sue mani, nella pratica quotidiana delle pulizie intime. Ed è stata questa intimità a cementare un legame così forte. Purtroppo, da qualche mese, mi ha lasciato per non so quali problemi e mi manca terribilmente, speriamo che mi venga a salutare prima ch io parta. - Questa volta non ce la faccio!- sussurro a mio figlio che mi sta baciando sul capo. Poi, la sorpresa più grande: sono tutte qua le mie donne: Sisina, Maria, Giannina, Olga, Giulia, tutte quante e tutte giovani e belle, quasi mi vergogno di farmi vedere così vecchio. Sorrido a tutte ed esse sono ansiose di portarmi con loro, ma non è possibile, mia moglie non è ancora venuta. Maria mi si avvicina e mi permette di carezzarla. Uno mano fresca si posa sulla mia fronte: riconosco il tocco, è la mano della mia Norina. - Sei venuta, finalmente!- - Caro!- - Vieni coricati con me!- - Non posso, siamo in ospedale!- - Ma sei mia moglie! cerco di obiettare, senza successo. Non riesco a dirle nulla e le bacio la mano, come per sussurrarle: -Grazie per il bene che mi hai voluto!- e gliela bacio ancora e, questa volta, come per dirle addio. Ecco, l orario di visita è finito e se ne vanno tutti, anche la mia Norina, che mi lancia dalla porta un ultimo sguardo, con gli occhi umidi di pianto. Se ne vanno convinti che torneranno ancora, come è abitudine di tutti gli uomini pensare che le situazioni durino all infinito. Sto per affrontare la mia ultima notte in ospedale e mi preparo all impresa. Incubi e sogni si alternano con un ritmo impressionante. A tarda ora viene Ermanno, il mio primo nipote, figlio del mio primogenito: - Ciao nonno, come stai?- - Non sto bene!- gli rispondo laconicamente e ripiombo nel mio torpore. Cerco di far passare in fretta questa notte, presto sarò liberato. Franco se ne va e Gino prende il suo posto. Lentamente, compaiono le prime luci dell alba ed incomincio a prepararmi. I miei fratelli sono tutti ai piedi del mio letto, ma aspetto i miei genitori. Cesare mi sorride ed Alfredo mi dice che stanno per arrivare. Si aprono le porte della camerata ed entrano gli infermieri per le terapie. 10

11 Mi attaccano un altra flebo. Sorrido. Arriva la colazione e Gino cerca di farmi bere una tazza di latte. Sento una voce familiare, mi giro ed eccola lì la mia Gerardina è venuta a salutarmi, ora posso andarmene in pace. Mio padre e mia madre sono arrivati e si avvicinano, cerco di alzarmi per andare loro incontro. Gerardina mi sostiene nello sforzo. Gli occhi incominciano a storcersi, prima di chiudersi per sempre. Gino corre nel corridoio alla ricerca di un medico. Piange il mio povero figliolo, ma sono già tra le braccia di mia madre e, mentre Gerardina mi adagia delicatamente sul cuscino, con lei sto già volando verso il sole. ( Franco Pastore IL GUSTO DELLA VITA Ed. Palladio ) CONSIGLI UTILI L alito cattivo non sempre dipende dalla cattiva igiene del cavo orale: non lavarsi i denti dopo ogni pasto, non utilizziamo il filo interdentale, avere il vizio del fumo o mangiare cibi con molto aglio.esso può dipendere anche da difficoltà digestive, da stipsi, da transito rallentato nel nostro intestino e così via. Infatti, e la putrefazione del cibo all interno dello stomaco o dell intestino aprodurre gas o composti volatili che vengono eliminati con la respirazione. Allora è opportuno seguire i seguenti consigli: - stimolare la motilità gastrica e intestinale; - evitare lo stress e gli stati ansiosi; - evitare una cattiva alimentazione; - fare uso di l olio essenziale di finocchio; - ingerire ogni giorno cibi ricchi di fibre (carciofo, frutta con buccia, verdure crude, biscotti integrali), che normalizzano e migliorano il funzionamento della flora intestinale; - bere tanta acqua, per ammorbidire le feci; - Fare uso di tarassaco ed aloe vera per eliminare le tossine; - Non lasciarsi impressionare da fenomeni iniziali di meteorismo. A.L.I.A.S. - ACCADEMIA LETTERARIA ITALO-AUSTRALIANA SCRITTORI CONCORSO INTERNAZIONALE 2008 POESIA, NARRATIVA E PITTURA I lavori dovranno essere presentati in 6 copie di cui solo una firmata, corredati da un brevissimo curriculum vitae dell Autore, (quattro righe) una foto, (facoltativa) indirizzo e numero telefonico, entro e non oltre il 30/06/2008. Saranno premiati i primi tre lavori qualificati in ciascuna categoria e PREMI SPECIALI. Gli altri finalisti verranno premiati con la MENZIONE D ONORE e SEGNALAZIONE DI MERITO. Il RITORNO DEI TEMPLARI - Dal mirabile grafos di Paolo Liguori,il noto grafico delle favole di Andropos in The World, una nuova avvincente storia si è materializzata in un fumetto, che rappresenta una vera novità nel suo genere. Tratto dal dramma storico di Franco Pastore The Templars,l opera grafica visualizza l ultimo atto del grande Ordine dei monaci guerrieri : l arresto e la morte dei capi templari voluta da Filippo il Bello di Francia ed organizzata dal perfido consigliere monsieur de Nogaret. La vicenda storica si snoda in tutta la sua drammaticità nel susseguirsi delle vignette, dove l espressione dei personaggi sottolinea tutta la gravità di una situazione socio-storica, che culmina con la morte dei protagonisti attraverso il fuoco.l opera grafica chiude con la maledizione del gran maestro, Jaques de Molay, che invoca per i suoi carnefici il giudizio di Dio. 11

12 Vero o Falso? Alcuni aromi usati in cucina sono piante medicinali. - Menta piperita GALASIA ARTE MBUTOZONE.IT IL CLUB DEGLI AUTORI REKSTORY pastore/c/ VERO LA MENTA La menta,della famiglia delle Labiate, cresce in Giappone, nell America del Nord e del Sud e nelle zone temperate d Europa. Per le sue molteplici proprietà sia medicinali che industriali, viene coltivata nei nostri giardini. Si presenta come una pianta erbacea perenne, dal profumo vivo, piccante, balsamico, canforato, veramente inconfondibile, dal sapore fresco e bruciante allo stesso tempo. Il fusto è alto cm., liscio, quadrangolare, ramoso alla sommità; le foglie hanno un breve picciolo, sono appuntite e frastagliate; i fiori sbocciano da giugno a settembre, e sono disposti ai vertici dei rami, a forma di gracili spighe di color azzurro o rosato. Ha proprietà: - toniche e stimolanti della digestione, - anti-spasmodiche, - antisettiche. - Indicata anche per i gas intestinali, - l emicrania, - l inappetenza, - pruriti. L infuso : si prepara mettendo un cucchiaio di foglie secche in 100 grammi di acqua: una tazza di questa bevanda presa dopo i pasti facilita la digestione, calma eventuali dolori di stomaco e concilia il sonno. Le foglie secche di menta piperita si trovano in farmacia, confezionate in tavoletta. La tisana digestiva si può preparare mettendo in una tazza di acqua bollente un cucchiaino di fiori di camomilla, un pizzico di fiori di tiglio e un pizzico di foglie di menta. Mescolare tutto fino ad amalgamare bene gli ingredienti.questa salsa, in Inghilterra, si serve esclusivamente con l agnello al forno. 12

13 In cucina dà freschezza ai dolci e, usata con moderazione, insaporisce frittate e insalate; è usata soprattutto per preparare le salse alla menta: tritare un pugno di foglie di menta, aggiungendovi un bicchiere di buon brodo, due cucchiai di aceto bianco, un pizzico di zucchero e uno di sale. Poche foglie di menta aggiunte alle patate lessate,durante la cottura, le profumano deliziosamente. Rosa Maria Pastore ù A n g o l o d e l l a p o e s i a, d e d i c a t o a C h i a r a ASCOLTO Mi fermo ed ascolto risa di bambini, ch il canto delle cicale l accompagna: è il mio sogno Un raggio di sole m accarezza, e l anima, or calda, si rischiara. ANTITESI EDITRICE ROMA Daniela Liguori Ermanno Pastore voce e tammorre, Nuccia Paolillo voce e ballo, Cristiana Cesarano voce e ballo,michele Barbato e Giovanni del Sorbo chitarre,a. Benincasa basso acustico,pasquale Benincasa percussioni, Enrico Battaglia mandolino e violino. UN INCONTRO FELICE CON LA BELLA MUSICA DELLA NOSTRA TERRA: I TAMBURANOVA 13

14 L. A. Olivieri POETILANDIA La città dei nuovi autori Poesia Creativa D A.L.I.A.S. Salerno, una città da scoprire La storia della Pinacoteca comprende un arco di tempo che va dal primo conflitto mondiale ad oggi. Tra il 1927 e il 1938 furono recuperate opere del XV, XVI, XII e XVIII secolo, alle quali bisogna aggiungele le opere acquistate dalla Provincia dal 1927 alla "Prima mostra fra Artisti del Salernitano". Nel 1932, fu definito il nucleo storico della Pinacoteca, a cui si aggiunse la Collezione Pinto (*), che rientrava nella donazione del primo piano del palazzo omonimo, oggi sede della Pinacoteca. È recentissima la nascita della Sezione dedicata agli artisti stranieri, con l acquisto, nel maggio del '99, di un gruppo di opere dell'austriaco Peter Wilburger, poco dopo la sua scomparsa. Questa sezione si è rapidamente ampliata, grazie a numerose donazioni che hanno consentito di allestire un suggestivo percorso creativo. Fortunatamente è stata completata l opera di ristrutturazione di tutto il piano destinato alla pinacoteca, ergo, è ora possibile offrire alla pubblica fruizione un significativo approccio con la raffinata eredità, che nel tempo è andata accumulandosi e che, oggi, costituisce il patrimonio della Pinacoteca Provinciale. I dipinti sono catalogati in tre grandi gruppi: a) dal rinascimento meridionale al tardomanierismo; pregevoli sono le tavole di Andrea Sabatini da Salerno e del Maestro della Incoronazione di Eboli. Di grande interesse le tele del 600 di Giovanni Battista Caracciolo, Andrea De Lioni e Carlo Rosa. Del 700 le tele del Solimena e della sua Accademia b) dal naturalismo caravaggesco al tardo barocco; c) dall?accademia del Solimena alla pittura di genere B. Andropos (*) Il Palazzo Pinto è una dimora gentilizia del seicento, situata nel centro storico di Salerno, sulla trafficata Via dei Mercant,i a non molta distanza dal Duomo. I suoi saloni, recentemente ristrutturati, ospitano la Pinacoteca Provinciale. Il blasone della famiglia Pinto risale ai tempi dei principi Sanseverino. Il palazzo fu danneggiato durante i bombardamenti alleati, in occasione dello Sbarco di Salerno, nel settembre del

15 NICODEMATE CORTO E BELLO Dio non paga il sabato La settimana, si sa, è un periodo cronologico di sette giorni di cui l ultimo, la domenica per noi, è di riposo, perché consacrato a Dio (Es 31,13-17). Il Signore Iddio, infatti, creò l universo, compreso l uomo, in sette giorni: nel primo creò la luce, nel secondo il firmamento, nel terzo separò le acque dalla terra, nel quarto creò gli astri del cielo, nel quinto gli animali, nel sesto l uomo a Sua immagine e somiglianza e nel settimo "cessò da ogni suo lavoro" (Gn 1,1,31). E così per millenni l uomo lavorò per sei giorni e si riposò nel settimo fino a quando in Inghilterra non si cominciò a far vacanza nel pomeriggio del sabato per alcune categorie impiegatizie. Il sabato inglese si estese in altri paesi compreso il nostro dove, nel 1935, fu istituito il sabato fascista con lo scopo principale di consentire ad alcune categorie di impiegati e salariati di prendere parte all addestramento pre e postmilitare e di svolgere attività politica, professionale, culturale e sportiva. La scuola ebbe così il sabato (Inghilterra) o il giovedì (Francia e Italia) libero. Da noi la settimana corta durò fino al 1937 e da allora non fu mai richiesta da alcuno anche a causa delle numerose vacanze durante l anno scolastico.fu ripristinata agli inizi degli anni Settanta nelle scuole a Tempo Pieno e nelle scuole materne. Con i decreti delegati prima, la legge di riforma della scuola elementare poi ed, infine, con il Contratto nazionale del comparto scuola si è avuta la legittimazione normativa di quanto già avveniva in molte scuole. Ora con i decreti di sperimentazione dell autonomia si può sperimentare quello che si fa da tempo in molte scuole di ogni ordine e grado, diventate ormai agenzie dove si organizza il tempo libero dei ragazzi. A favore della settimana corta vengono portati i seguenti argomenti: - Se la vita sociale e professionale si articola sul ritmo di lavoro settimanale di cinque giorni, anche la scuola deve adeguarsi a questo ritmo, perché essa è funzione della società; - Il ragazzo ha diritto di partecipare ai vantaggi dell aumento del tempo libero e, di conseguenza, alle maggiori possibilità di riposo e di ricreazione; e la scuola oggi lo deve concedere. Il blocco di tempo libero alla fine della settimana è più favorevole alla salute, che un suo frazionamento durante la settimana; 15

16 - Se il ragazzo partecipa alla vita di famiglia di sabato, libero da impegni scolastici, la forza educativa familiare viene maggiormente valorizzata. Contro la sua introduzione vi sono i seguenti argomenti: - Molti genitori non sono preparati a sobbarcarsi il nuovo peso dell ampliato compito educativo; per questo c è da temere che il ragazzo venga abbandonato a se stesso; - Probabilmente l aumento del tempo di vacanza non verrebbe dedicato al vero riposo e alla vera ricreazione e neppure all approfondimento di una cultura extrascolastica, ma indurrebbe il ragazzo, nel migliore dei casi, in "distrazioni" che peggiorerebbero il rendimento scolastico, soprattutto all inizio della settimana. La città, il quartiere, la piazza non sono più comunità educanti ma luoghi dell insidia; - L introduzione della settimana corta rende indispensabile l estensione delle lezioni a tutta la giornata e, forse, persino l internato. Ora noi sappiamo che la scuola del solo turno antimeridiano è di fatto scomparsa ed i pomeriggi sono pieni di varie attività curricolari ed extra; pertanto, a parte il fatto che in molte realtà soprattutto al Sud si lavora anche il sabato, accorciare la settimana scolastica significa "zippare" le attività scolastiche sovraccaricando alunni e insegnanti oltre ogni ragionevole misura. Essi, infatti, sarebbero sono costretti a stare a scuola 7/8 ore al giorno per 167 giorni annui, mentre sappiamo che in Italia 7/8 ore dentro non ci sta nemmeno un pluriomicida condannato all ergastolo! (E superfluo ricordare che il bambino è un innocente?) Personalmente, per farla breve, osservo con Oliver Pratt che "se il buon Dio si fosse attenuto alla settimana corta, il mondo sarebbe perfetto, perché senza l uomo". Renato Nicodemo LA VERGINE NELLA DIVINA COMMEDIA DI RENATO NICODEMO FIRENZE ATHENEUM EDITORE Beatrice è uno strumento in mano a Maria, perché se Beatrice si fa mediatrice per il poeta, è Maria ad intercedere per la salvezza di tutta l'umanità. Nicodemo ricostruisce, così, i molteplici aspetti del grande tema mariano, nel suo snodarsi attraverso le le tre cantiche dantesche. Amore che per Dante culmina nei sublimi versi, poetici e insieme teologici, "Vergine Madre, figlia del tuo figlio, umile e alta più che creatura, termine fisso d'etterno consiglio". 16

17 IL CANTORE DEI SOGNI DELLA VITA Questo volume di Emilio Prisco e Nunzia Cerbone, così accurato e documentato, consente di riscoprire e comprendere un poeta, Adolfo Genise, autore fecondo di raffinati versi e di testi per canzoni celebri tra la fine dell Ottocento e i primi decenni del Novecento, per troppi anni caduto nell oblio. Abbiamo avuto la fortuna di seguire giorno dopo giorno questo lavoro minuzioso, che ha richiesto laboriose indagini archivistiche, non disgiunte da una inveterata competenza musicale. Del resto era ora che qualche coraggioso rivalutasse un poeta che aveva saputo trattare con Asfodelia, Glicinie e Canti nuovi temi delicati e profondi quali quelli di una natura nei suoi poliedrici e misteriosi aspetti, l amore coniugale, la caducità esistenziale. E sulla nostra vita, quanto mai effimera, appaiono di particolare pregnanza i versi di Triste ricordo dedicati alla madre, nei quali il poeta Genise sottolinea: Oh! quanto piansi e quale ho sostenuta/ in fondo al cor lotta crudele e forte / ma da quel giorno non sei più venuta!.../ Ricordo i dì felici in cui t amai/ ed or mi sembra l universo muto! Anche Genise riscopre il dramma umano nel mistero della nascita, del vivere e della morte rispolverando senza ambiguità un problema esistenziale che scaturisce sin dalla creazione dell uomo. Quale bellezza e forza sono racchiusi nel Preludio alla raccolta Glicinie: È tenue l canto mio come carezza/ d aura che fugge: è l onda che si perde/ nel gran mare del nulla: è la dolcezza/ d un sogno spento nell età più verde Sembra proprio di avvertire l eco dei lirici greci (Mimnermo) e di certi motivi leopardiani, che dovevano essere ben presenti a chi, come il Genise, era imbevuto di studi classici. Ma qual è stato l assunto che ha spinto gli Autori a realizzare questo volume, tra l altro ponderoso, che dà la possibilità al lettore, dopo una essenziale introduzione storica dell Italia postunitaria, di immergersi subito nell opera di Genise? La risposta la si deve anzitutto al fatto che Adolfo Genise è sarnese di nascita e quindi c è stata una particolare cura per rivalorizzare dovutamente il suo ruolo determinante per i testi di canzoni in lingua italiana e in dialetto napoletano. Occorreva una buona dose di caparbietà e passione per poter dare alle stampe un tal volume ben curato in tutti gli aspetti contenutistici e stilistici, se si compara soprattutto con la sciatteria di certe scritture oggi imperanti. Gli Autori presentano i versi di Genise solo con qualche accenno di analisi testuale e offrono, pertanto, al lettore la possibilità di una esegesi personale e non eterodiretta. Non potevano mancare nelle liriche accenni ad elementi su Sarno, come il suo fiume omonimo e il castello: Oh sacro fiume del mio suol natio,/ dolce cantor de le bellezze eterne,/ vorrei le arcane melodie superne/ del tuo canto imitar col canto mio./ Tu passi e canti le tue glorie al sole/ che fur d atavi illustri un dì retaggio,/ mentre ei saluta con l estremo raggio/ il tuo vecchio castello e le viole. Il sonetto Trahit sua ci fa capire a quali ideali di vita si ispirasse il Genise rifuggendo dalle vanità del mondo impuro e privilegiando l arte come suo unico tesoro. Nella raccolta Glicinie troviamo traduzioni di testi poetici dal tedesco e dal francese quali quelli di Heinrich Heine, Théophile Gautier e Maurice Maeterlinck. Una traduzione dovrebbe essere bella e fedele. Ma può esserlo? Dipende certo dal traduttore, che deve essere 17

18 a sua volta poeta, e dello stesso livello dell autore dell originale. La traduzione è per forza di cose re-invenzione in certa misura del testo originale. E solo un poeta può rendere dovutamente la trasposizione da una lingua straniera senza alterarne lo spirito originario; ed in questa operazione il Genise appare ineccepibile.limitiamoci ad esaminare la traduzione dei primi quattro versi di Dernier voeu Ultimo voto Voilà longtemps que je vous aime Madonna, io v amo e da gran tempo io v amo L aveu remonte à dix-huit ans! (vel dissi, or son tre lustri, in una sera): Vous êtes rose, je suis blême; voi siete il fiore ed io l antico ramo, J ai les hivers, vous les printemps. io son l inverno e voi la primavera. Ora si badi che se qui il Genise avesse tradotto letteralmente avremmo perso tutta la vis poetica et sentiendi insita nel testo francese. Emilio Prisco e Nunzia Cerbone hanno saputo inoltre dare al volume un taglio agile e scorrevole come quando analizzano la donna nelle liriche di Genise e ne sottolineano così il suo ruolo: Per Adolfo Genise, la donna, diremmo quasi la femmina, era una figura indispensabile e determinante nello svolgersi della sua esistenza. Sono donne che portano i nomi di Delia, Manny, Lucy che ci fanno intravedere momenti di vita, forse più sognati che vissuti insieme o come in Asfodelia e Canti nuovi, in cui si adombrano momenti legati a personaggi femminili che dalla fantasia passano alla realtà contingente. Ben diverse dalle donne delle liriche sono le figure di donna delle canzoni, alcune immaginarie, altre presentate con nomi esotici, ma tutte con caratteri ben definiti e più o meno presenti e vive nell immaginazione del poeta e forse anche nella realtà della sua vita. Nei versi delle canzoni napoletane di Genise ricorrono nomi di donne a noi tutt oggi familiari: Marì, Margarì, Furturè, Catarì, Nannì, Rusinè, Luisè, Carulì, Cuncettì, Nunziatì e ben lungi dallo sciocco esotismo oggi dilagante con i vari Jessica, Pamela, Tamara, Chantal, Desirée. La peculiarità di questo volume è non solo quella di aver saputo estrinsecare in toto la personalità di Adolfo Genise nella sua globalità poetica, ma di averci fornito, oltre ai versi, anche gli spartiti musicali delle composizioni più significative, come: Notturno, Lasciami sola!, I penzo sempe a te!, Notte sul mare, Luna curtese, Uocchie scurnuse, A Ricciulella, Suonno e fantasia, Campagnò, Oj luna, lu, e di tante altre canzoni che ci fanno capire il momento storico-culturale-musicale coevo. Ma prioritariamente in tanti versi del Genise è presente con forza trainante ed ispiratrice l AMORE (e qui ci sovviene l Alighieri con i suoi mirabili ed eterni versi: Amor, ch al cor gentil ratto s ap-prende; Amor, che a nullo amato amar perdona e Guido Guinizelli, il corifeo dello stil novo con Al cor gentil rempaira sempre amore). Una vena umoristica-erotica traspare nel refrain di Campagnò: Campagnò, si mme vuo bene,/ nun ce serve o lietto e sposa,/ ncopp a st evera addirosa/ è cchiù doce a stà cu te!/ è cchiù doce a stà cu te! I versi di Campagnò furono musicati da Giuseppe Capolongo, che fu unitamente al poeta Francesco Feola, il fondatore della casa editrice musicale La Canzonetta, che pubblicò molte composizioni di Adolfo Genise. 18

19 La prima interprete di questa canzone fu Anna Fougez, sciantosa languida, sofisticata e conturbante, diva del varietà e del caffè-concerto. Ma la canzone che su tutte le altre si staglia sia per il suo alto valore poetico che per la musica di Gaetano Lama è Come le rose su cui così intervengono gli Autori del volume: I versi semplici e delicati della canzone, colgono, con una vena di struggente malinconia, il periodico rinnovarsi della vita col rifiorire delle rose e nei voli festosi delle farfalle ne l azzurro con trepido vol! Ma la natura in fiore non trova consonanza di accenti e di sentimenti nell animo del poeta, perché, finito un amore, una voce gentile di donna non gli allieta più il cuore. La POESIA, e qui ovviamente ci riferiamo alla silloge completa genisiana analizzata da Emilio Prisco e Nunzia Cerbone, non è altro che una storia tessuta di ricordi, di immagini, di allegorie; essa ha talora un carattere autobiografico, che le perifrasi inventive e le iperboli sollevano in una sfera di incanto favoloso; e le parole servono a dipanare quell incanto, che acquista le proporzioni del simbolo e del mistero, come in Rimembranze d autunno: Cadevan le foglie!... Col vano/ fantasma dei memori dì,/ come esule augello, lontano/ migrava l mio sogno, Lucy! Il volume presenta, tra l altro, delle suggestive immagini fotografiche di Sarno, Nola, Saviano, Napoli, Lioni e Montefalcione, come pure brevi cenni sulla vita e le canzoni dei compositori-collaboratori del poeta Genise, il quale in quarant anni di attività nell ambiente musicale napoletano ebbe modo di conoscere e di godere della stima di grandi poeti, fra i quali Libero Bovio, Salvatore Di Giacomo, Ernesto Murolo, Ferdinando Russo e dei più famosi musicisti del tempo, da Giuseppe Bonavolontà a Ernesto Tagliaferro, da Eduardo Di Capua a Nicola Valente, da E. A. Mario a Ernesto De Curtis. Il nome di Adolfo Genise e molti titoli delle sue canzoni di successo sono riportati nell Enciclopedia della canzone napoletana di Ettore De Mura, in tre volumi, edita da Il Torchio nel Ma con una puntualità, tipica degli accorti e scrupolosi ricercatori, Prisco e Cerbone ritengono l elenco incompleto, come hanno avuto modo di verificare e di riportare nel loro volume. Il volume contiene i nomi dei principali interpreti delle canzoni di Genise, dal 1896 ai nostri giorni: da Raffaele de Rosa, Elvira Donnarumma, Gennaro Pasquariello, Sergio Bruni, Aurelio Fierro, Claudio Villa, Mirna Doris, Gigi Finizio, Nunzio Gallo, Nilla Pizzi, Giacomo Rondinella, a Bruno Venturini. Un accurata bibliografia, l indice dei nomi di personaggi del passato e recenti ed un elenco delle canzoni del poeta sarnese testimoniano il rigoroso, attento e sentito lavoro condotto con competenza, passione e professionalità. dr. prof. Alberto Mirabella Emilio Prisco e Nunzia Cerbone, Adolfo Genise. Il cantore dei sogni della vita. Sarno Napoli 1934, Edisud Salerno 2007 pp PREMIO GIORNALISTICO CITTA DI SALERNO - L'Associazione Cult.le "i Meridiani" Onlus, in collaborazione con la Associazione "Giovani del Sud" e l'adesione del Presidente della Re-pubblica, dell'ordine Nazionale dei Giornalisti, con il patrocinio della Regione Campania, della Provincia e del Comune di Salerno, dell'esercito Italiano, del Comitato Regionale per le Comu-nicazioni, dell Ateneo Salernitano, del Provveditorato agli Studi di Salerno, dell'ente Provinciale per il Turismo di Salerno, delle Aziende Autonome di Soggiorno e Turismo di Salerno e Paestum,con il contributo dell'anas, organizza e promuove la IV ediz. del Premio Giornalistico "Città di Salerno". L'evento si svolgerà il 22 maggio presso l'az. Aut. di Soggiorno e Turismo di Paestum, dalle 09:30 alle 13:00 ed il 23, alla Carnale di Salerno, dalle 18:30 alle 21:00. 19

20 LA TELEWEB E LA NEWS HANNO IL PATROCINIO DEGLI ENTI: - Comune di San Valentino Torio - - Ente Cultura Universale N.T.E. - Ente Morale Carminello ad Arco - La teleweb ANDROPOS IN THE WORLD e la sua NEWS non hanno finalità lucrative, né sono esse legate ad ideologie politiche. Pertanto, agiscono nella totale libertà di pensiero, in nome di una cultura, che ha a cuore i valori che rappresentano il cardine della società e della vita, nel pieno rispetto per la persona umana e contro ogni forma d idiosincrasìa. I collaboratori, volontari, non percepiscono compenso alcuno. Essi si assumono le responsabilità di quanto riportato nei propri elaborati. 2 Coloro che vogliono ricevere il giornale on line, o farlo inviare ad un amico, possono farne richiesta in Redazione,fornendo l , che servirà esclusivamente per l invio della news. Ai sensi e per gli effetti del D. Lg. 196/03, le informazioni contenute in queste pagine sono dirette esclusivamente al destinatario. È vietato, pertanto, utilizzarne il contenuto, senza autorizzazione, o farne usi diversi da quelli giornalistici. A norma della Leg. 675/96, il Suo indirizzo è stato reperito attraverso messaggi di posta elettronica che lo hanno reso pubblico. La sua rimozione da ulteriori invii, si ha con una CANCELLA. (Acquisto Spazio/w eb del 26/04/06 - Aruba S.P.A.) versione italiana:: versione europea: Direzione e gestione: Via Posidonia, 171/h, Salerno Contatti telematici: Distribuzione: Spedizione gratuita on line Vicedirettore: Rosa Maria Pastore Direttore ed Editore Franco Pastore Collaboratori di Redazione: Renato Nicodemo Alberto Mirabella Daniela Liguori Grafica: Paolo Liguori Webmaster R.M. Pastore The teleweb ANHDROPOS In THE World and his NEWS don't have gainful finality, neither hey have tied to political ideologies. Insofar they act in the fuller liberty of thought, in the name of a culture, that has to heart the values that are at the base of the society and of the life, in the full respect for the cultural difference, physics and religious. To the senses and for the effects of the D. Lg. 196/03, the contained information in these pages have directed to the recipient exclusively. Much is forbidden, to use its content, without authorization, or to do uses different of it from those journalistic. To norm of the law 675/96, Your address has been retrieved through messages of mail electronic that have made him/it public. His removal from ulterior dispatches, are had with an from the matter: To cancel. 20

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità,

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità, CANTATE AL SIGNORE (Sal 96) Fa Cantate al Signore un canto nuovo, cantate al Signore da tutta la terra. Fa Benedite il suo nome perché è buono, annunziate ogni giorno la sua salvezza. Si- Narrate la sua

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO Iniziamo il percorso ricordando agli alunni le motivazioni che hanno spinto gli uomini a creare sistemi di misurazione del tempo, come fatto già per l orologio. Facciamo

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse)

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) I PRONOMI PERSONALI PRONOMI PERSONALI SOGGETTO Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) Ella, esso, essa sono forme antiquate. Esso,

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli