Deliberazione del Consiglio Comunale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Deliberazione del Consiglio Comunale"

Transcript

1 COMUNE DI ROVERETO PROVINCIA DI TRENTO Deliberazione del Consiglio Comunale fascicolo n S4/19 N. 6 registro delibere Data 10/02/2015 Oggetto: MODIFICA DELIBERAZIONE N. 2 DI DATA 24/01/2012 RECANTE "APPROVAZIONE CRITERI DI INSEDIAMENTO DI ESERCIZI CON ATTIVITA' PREVALENTE DI GIOCO CON APPARECCHI DA INTRATTENIMENTO CON VINCITA IN DENARO (ART. 110, COMMA 6 T.U.L.P.S.)". Il giorno 10 del mese di febbraio dell anno duemilaquindici ad ore 19:30, nella sala consiliare, in seguito a convocazione disposta con avvisi recapitati nella forma di legge ai componenti, si è riunito I L C O N S I G L I O C O M U N A L E composto dai Signori: 1. LORENZI BARBARA - PRESIDENTE 2. AIROLDI MARIO - VICEPRESIDENTE 15. FRISINGHELLI ORNELLA 28. PONTILLO EMILIO 3. MIORANDI ANDREA - SINDACO 16. GALLAZZINI TERESA 29. PREVIDI MAURO 4. ANGELI VILIAM 17. GALLI ALBERTO 30. SANNICOLO' FABRIZIO 5. AZZOLINI CRISTINA 18. GATTI FRANCO 31. SIMONCELLI NICOLA 6. BORGHETTI ROBERTO 19. GRAZIOLA GIUSEPPE 32. SOMMADOSSI NORMA 7. BOSCHERINI STEFANO 20. LAEZZA MARCO 33. SPAGNOLLI GIOVANNI 8. CIMMINO FRANCESCO 21. MANZANA RENATO 34. STIZ GIANPAOLO 9. CHIESA IVO 22. MASERA FEDERICO 35. TOMAZZONI MAURIZIO 10. COMENCINI ARIANNA 23. MERLO GIANLUCA 36. TRENTINI MICHELE 11. D'ANTUONO CIRO 24. MIRANDOLA PAOLO 37. VANZO EZIO 12. DALZOCCHIO MARA 25. PASSAMANI ROBERTO 38. VOLANI FRANCESCO 13. FAIT CARLO 26. PELLEGRINI LUIGINO 39. ZAMBELLI ANDREA 14. FERRARI ROBERTO 27. PLOTEGHER PIER GIORGIO 40. ZOMER FILIPPO Sono assenti i signori: Boscherini, Comencini (giust.), Galli, Laezza (giust.), Merlo, Sommadossi (giust.), Spagnolli (giust.), Vanzo (giust.).- Presiede: LORENZI BARBARA - PRESIDENTE DEL CONSIGLIO Assiste: DI GIORGIO GIUSEPPE - SEGRETARIO GENERALE Copia della presente deliberazione è in pubblicazione all'albo pretorio per 10 giorni consecutivi dal 13/02/2015 al 23/02/2015 DI GIORGIO GIUSEPPE f.to Segretario generale

2 Letto, approvato e sottoscritto IL PRESIDENTE f.to LORENZI BARBARA IL SEGRETARIO f.to DI GIORGIO GIUSEPPE CERTIFICAZIONE DI ESECUTIVITA' La presente deliberazione è divenuta esecutiva il 24/02/2015, dopo il decimo giorno dall inizio della sua pubblicazione ai sensi dell articolo 79, comma 3, del T.U.LL.RR.O.CC., approvato con D.P.Reg. 1 febbraio 2005, n.3/l. IL SEGRETARIO GENERALE Copia conforme all originale Il Segretario Generale

3 OGGETTO: Modifica deliberazione n. 2 di data recante approvazione criteri di insediamento di esercizi con attività prevalente di gioco con apparecchi da intrattenimento con vincita in denaro (art. 110, comma 6 T.U.L.P.S.) Relazione. L'art. 11 delle Norme di Attuazione del vigente Piano Regolatore Generale al punto a) esercizi pubblici prevede che le attività di sala giochi (con apparecchi da intrattenimento con vincita in denaro art. 110 comma 6 del TULPS), non possono insediarsi ad una distanza inferiore a mt. 300 dai seguenti siti sensibili: istituti scolastici o formativi di qualsiasi ordine e grado; centri giovanili o altri istituti frequentati principalmente da giovani; strutture residenziali o semiresidenziali operanti in ambito sanitario, scolastico, o socio-assistenziale ivi comprese le strutture ospedaliere, le case di cura e per anziani; luoghi di culto; biblioteche; luoghi destinati ad attività sportive in genere; giardini e parchi di pubblico godimento. La distanza viene misurata in ogni punto e in tutte le direzioni dall'accesso principale della sala giochi rispetto agli accessi principali ospitanti i luoghi sensibili. Tale previsione urbanistica è stata inserita con l'obiettivo di porre dei vincoli all'insediamento delle attività esclusive di sale gioco con apparecchi da gioco con vincita in denaro (art. 110 comma 6 del T.U.L.P.S.) in un periodo storico in cui non era possibile intervenire direttamente con altri provvedimenti per mancanza della necessaria copertura normativa. L'art. 47 della Legge provinciale 27 dicembre 2011 n. 18 ha introdotto l'art. 13 bis recante disposizioni in materia di apparecchi da gioco alla Legge provinciale 14 luglio 2000 n. 9 disciplina dell'esercizio dell'attività di somministrazione di alimenti e bevande e dell'attività alberghiera, nonché modifica all'art. 74 della legge provinciale 29 aprile 1983, n. 12 in materia di personale. Il sopra citato art. 13 bis della Legge provinciale n. 9 del 14 luglio 2000 prevede che per tutelare determinate categorie di persone maggiormente vulnerabili e per prevenire la dipendenza da gioco, i comuni possono adottare provvedimenti che limitano o vietano la collocazione di apparecchi da gioco individuati dall'articolo 110, commi 6 e 7, del regio decreto n. 773 del 1931 in un raggio non inferiore a trecento metri da luoghi sensibili e in particolare dai seguenti: a) istituti scolastici o formativi di qualsiasi ordine e grado; b) centri giovanili o altri istituti frequentati principalmente dai giovani, previsti o finanziati ai sensi della legge provinciale 14 febbraio 2007, n. 5 (legge provinciale sui giovani); c) strutture residenziali o semiresidenziali operanti in ambito sanitario, scolastico e socio-assistenziale. In aree circoscritte, anche esterne a quelle sopra indicate i comuni possono limitare o vietare la collocazione di apparecchi da gioco (art. 110, commi 6 e 7, del T.U.L.P.S.) tenuto conto dell'impatto sulla qualità del contesto urbano e sulla sicurezza urbana nonché dei problemi connessi con la viabilità, l'inquinamento acustico e il disturbo della quiete pubblica. In ossequio alla sopra indicata previsione normativa, il Comune di Rovereto ha adottato la delibera del Consiglio Comunale n. 2 di data che, allineandosi alle previsioni del PRG, ha individuato siti sensibili ulteriori rispetto all'elencazione effettuata

4 dall'art. 13 bis, comma 1, lettere a), b) e c) della L.P. 9/2000. A partire da dicembre 2011 numerosi sono stati i comuni che hanno adottato provvedimenti amministrativi volti a disciplinare, in termini restrittivi, quanto previsto dall'art. 13 bis della Legge provinciale 14 luglio 2000 n. 9 sulla collocazione degli apparecchi da gioco con o senza vincita in denaro. Altrettanto numerosi sono stati i ricorsi presentati al Tribunale Amministrativo Regionale di Trento T.R.G.A. per l'annullamento dei sopra citati provvedimenti. Successivamente all'esame dei ricorsi il T.R.G.A. di Trento ha emesso le varie sentenze, depositate nel corso del 2013, che hanno confermato la legittimità della legge provinciale. Di seguito si riportano i riferimenti ad alcune delle sentenze e dei comuni che hanno emesso il provvedimento oggetto del sindacato del giudice amministrativo: n. 63, n. 96 e n. 104 del Comune di Riva del Garda; n. 64, n. 100 e n. 101 del Comune di Campitello di Fassa; n. 160 e n. 161 del Comune di Mori; n. 194, n. 203, n. 204 del Comune di Borgo Valsugana; n. 195 e 223 del Comune di Condino; n. 205 e n. 207 del Comune di Moena; n. 206, n. 211, n. 213 del Comune di Trento; n. 214 del Comune di Cles; n. 221, n. 229 e n. 230 del 2013 Comune di Mezzolombardo; n. 222, n. 224 e n. 226 del 2013 Comune di Mezzocorona. Con le sentenze sopra riportate il T.R.G.A. di Trento ha ritenuto infondate le eccezioni di incostituzionalità relative alla Legge provinciale di settore, attesa la finalità socio-sanitaria della norma che la rende del tutto plausibile in relazione alle problematiche connesse all'abuso del gioco ed ai connessi valori di rango costituzionale. Il T.R.G.A. di Trento ha rilevato che la dottrina ha messo in rilievo che una strategia di contenimento dell'offerta dei giochi richiede una capacità di intervento sulle esigenze locali e una conoscenza della struttura sociale ed economica del territorio, che solo gli enti appunto territoriali possono avere. Trattasi dunque non solo dell'esercizio di competenze statutariamente attribuite ma anche dell'applicazione del principio della sussidiarietà responsabile, sul quale si è basata la riforma del Titolo V della Costituzione, in base al quale la disciplina volta ad affrontare specifiche problematiche locali deve collocarsi al livello territorialmente più efficiente rispetto alle diverse responsabilità istituzionali (sentenza del T.R.G.A. di Trento n. 63/2013). Lo stesso T.R.G.A. di Trento ha ritenuto ragionevoli i luoghi sensibili individuati dal legislatore provinciale in quanto coerenti con le fasce di popolazione bisognose di maggior tutela contro la ludopatia, quali istituti scolastici o formativi di ogni genere e grado, centri giovanili o altri istituti frequentati principalmente da giovani, strutture residenziali o semi-residenziali operanti in ambito sanitario, scolastico o socioassistenziale, ritenendo che il suddetto elenco abbia indubbiamente carattere non tassativo per cui ne è consentito l'ampliamento con il criterio dell'analogia (sentenza del T.R.G.A. di Trento n. 63/2013). Nella sopra indicata sentenza il T.R.G.A. di Trento afferma che si deve comunque trattare di luoghi di aggregazione frequentati, se non esclusivamente, almeno prevalentemente dalle fasce più deboli e influenzabili della popolazione: giovani, anziani e persone svantaggiate o malate, tutti potenzialmente non in grado, per immaturità, solitudine, condizioni personali e/o sociali in genere, di gestire prudentemente e con temperanza l'accesso a tale pericolosa ed insidiosa forma di intrattenimento.

5 Ha ritenuto inoltre che tra i siti sensibili, individuati agli effetti del comma 1 dell'articolo 13 bis della Legge provinciale 14 luglio 2000 n. 9, anche in base al criterio analogico, possano ritenersi incluse le biblioteche, le palestre, i centri sportivi, i parchi giochi, le piscine, gli oratori, i locali dove operano associazioni dedicate all'assistenza e alla formazione/educazione dei giovani, in quanto luoghi di aggregazione prevalentemente giovanile e di conseguenza coerenti con le finalità della legge provinciale (sentenza del T.R.G.A. di Trento n. 63/2013). Tale ragionamento vale anche per i circoli anziani, quali luoghi di ritrovo di una parte di popolazione con molto tempo libero a disposizione, i luoghi ove vengono trattate specificatamente le patologie da dipendenza (ambulatori Ser.T.), le stazioni autoferroviarie, all'interno delle quali transitano quotidianamente e prevalentemente studenti con abbonamenti urbani ed extra urbani (vedi sentenza del T.R.G.A. di Trento n. 195/2013). Il T.R.G.A. di Trento ha altresì affermato come spetti alle Amministrazioni comunali, attraverso l'adozione delle deliberazioni di natura regolamentare, il precipuo compito di individuare in concreto il singolo luogo sensibile, precisando la sua ubicazione territoriale, in quale categoria rientra e dimostrando che si tratta di un'individuazione che risponde alle finalità perseguite dall'articolo 13 bis della L.P. 9/2000. La precisazione in concreto dell'ubicazione, tramite l'indicazione del nome della via e del numero civico e/o con la segnalazione in planimetria, dei siti sensibili è infatti ritenuta dal T.R.G.A. innegabilmente essenziale (vedi sentenza del T.R.G.A. di Trento n. 206/2013). Di conseguenza l'individuazione dei siti sensibili avviene attraverso un'elencazione di dettaglio, riportante denominazione, via e numero civico, in un allegato che formerà parte integrante e sostanziale della presente deliberazione. Con tale elencazione si intende individuare in modo preciso l'ubicazione geografica dei vari siti da cui calcolare il raggio entro il quale è vietata la collocazione di nuovi apparecchi da gioco con vincita in denaro, in modo che tale individuazione possa costituire il parametro di legittimità per gli atti amministrativi comunali che potranno essere adottati in sua applicazione. In alcuni casi, come ad esempio per i parchi e/o giardini, etc., gli accessi pedonali possono essere plurimi e di conseguenza spetterà al soggetto interessato dimostrare, con documentazione tecnica, sulla base della cartografia esplicativa realizzata dall'amministrazione comunale, l'effettiva distanza intercorrente tra gli accessi relativi ai siti sensibili e l'accesso al locale ove intende operare l'installazione degli apparecchi da gioco con vincita in denaro. Per quanto attiene agli istituti scolastici o formativi di ogni ordine e grado si è proceduto in via istruttoria ad inserire nell'elenco tutte le scuole a partire da quelle dell'infanzia fino alle facoltà universitarie, comprendendo quindi la scuola dell'obbligo, gli istituti scuola media superiore, le scuole professionali e le università. Sono stati altresì inseriti i nidi d'infanzia che costituiscono un servizio socioeducativo finalizzato alla cura e alla socializzazione della prima infanzia, per un equilibrato sviluppo psico-fisico, per lo sviluppo delle potenzialità cognitive, affettive ed etico-sociali dei bambini, nella fascia d'età compresa tra i tre mesi ed i tre anni (Legge Provinciale 12 marzo 2002, n. 4 Nuovo ordinamento dei servizi socio-educativi della prima infanzia ). In merito alle strutture residenziali o semi-residenziali operanti in ambito sanitario, scolastico e socio-assistenziale, comprese le strutture ospedaliere, le case di cura per anziani si è provveduto ad elencare le R.S.A. operanti attualmente sul territorio comunale, gli alloggi protetti per gli anziani, i centri diurni per anziani che per loro natura sono frequentati in via sicuramente prevalente, se non esclusiva, dalla popolazione anziana. Nell'ambito della suddetta categoria sono poi riconducibili:

6 l'ospedale S. Maria del Carmine; la Casa di Cura Solatrix; il Servizio per le Tossicodipendenze dell'azienda Provinciale per i Servizi Sanitari. Sono stati altresì inclusi anche gli enti che operano nell'ambito del sociale e supportano persone con problemi di disagio sociale, disagio mentale, difficoltà relazionali, alcolisti in trattamento, donne uscite dalla famiglia, anche in stato di maternità, con minori in difficoltà, che per loro natura o che per particolari condizioni, anche temporanee, sono altamente vulnerabili. Inoltre in base ad un criterio analogico, rispetto alla definizione del legislatore provinciale dei luoghi sensibili a frequentazione di persone giovani o di persone che per la loro natura sono particolarmente vulnerabili, sono stati individuati i centri ludicoricreativi-sportivi-culturali di aggregazione con frequenza prevalente di giovani ed anziani operanti sul territorio comunale e nello specifico le seguenti strutture: oratori, centri diurni, centri giovani e altri luoghi di aggregazione giovanile : luoghi frequentati in via prevalente, se non esclusiva, da giovani che trovano in queste strutture luoghi di aggregazione sociale e culturale per trascorrere il tempo libero o il dopo-scuola. Alcune strutture si occupano dell'accoglienza di ragazzi della città frequentanti la scuola con l'obiettivo anche di prevenire, monitorare ed intervenire, ove possibile, su situazioni di disagio e di disadattamento; associazioni giovanili: che operano con i giovani con iniziative per il tempo libero, attraverso attività extra scolastiche e similari; circoli/associazioni/gruppi anziani: sono siti che, per le finalità istitutive, sono frequentati in via esclusiva da persone anziane e costituiscono un luogo di ritrovo, socializzazione e svago di una fascia della popolazione particolarmente vulnerabile e bisognosa di attenzioni; biblioteca civica: costituisce un punto nevralgico di ritrovo e di studio sia per fasce giovanili (ragazzi, studenti, ecc.) che per adulti. La biblioteca fornisce un ricco assortimento di giornali e riviste in libera consultazione ed un patrimonio di circa volumi (dato risalente al 2010); presso le sale di lettura sono distribuite oltre 30 moderne postazioni informatiche multimediali a completa disposizione degli utenti (dotate dei normali strumenti di office automation) e permettono la navigazione in Internet. Dai dati in possesso dell'amministrazione comunale si evince che la biblioteca vede un flusso di utenti che nel 2013 ammontava a circa unità. Numerosa è la presenza delle fasce cosiddette deboli che trovano nel sito in questione un punto ricreativo, informativo, di approfondimento gratuito di notevole spessore. Si rileva che da qualche anno la biblioteca ha avviato una serie di iniziative volte a promuovere la lettura tra i più piccoli. I bambini coinvolti in percorsi di avvicinamento alla lettura, a partire delle scuole d'infanzia fino a 10 anni, sono stati nel 2013 quasi ed hanno avuto a disposizione un patrimonio librario per la fascia 0-6 anni di circa 3800 titoli. Particolarmente significativo è l'allestimento dello spazio destinato ai bambini per momenti ludico-ricreativi e per le numerose iniziative organizzate per coinvolgere i ragazzi e le loro famiglie; impianti sportivi: impianto natatorio e piscine annesse agli istituti scolastici; impianti sportivi quali campi da calcio, palestre, campi da tennis, rugby, ecc. per i quali l'accesso non è regolamentato da un biglietto o da un abbonamento, ma che per loro natura sono fruiti in via prevalente da associazioni sportive giovanilidilettantistiche, come scuole calcio, scuole basket, ecc. oppure in via prevalente da persone anziane come i bocciodromi;

7 parchi e/o giardini: dotati al loro interno di aree gioco destinate ad un pubblico costituito in via prevalente da bambini e adolescenti (quali per esempio aree giochi per bambini, area per il pattinaggio, spazi delimitati con sabbiere, aree per spettacoli di vario genere, aree da calcio, basket, etc.); stazione autocorriere: luogo frequentato in via prevalente da persone giovani che utilizzano il trasporto pubblico urbano ed extra-urbano per coprire il tragitto casascuola, nonché da persone anziane, prive di un mezzo di trasporto privato, che utilizzano detto servizio per i loro spostamenti. Sono stati acquisiti, in fase di istruttoria, dalla società che gestisce il servizio pubblico di trasporto, i dati relativi al numero di abbonamenti rilasciati dai quali emerge: n è il numero degli abbonamenti annuali riferiti all'anno scolastico emessi per gli studenti fino alla 5^ superiore, sia sulle tratte urbane che extra-urbane; n sono gli abbonamenti annuali per gli studenti universitari, sia sulle tratte urbane che extra-urbane; n sono gli abbonamenti annuali per le persone anziane. A seguito del progetto di riconversione urbanistica dell'area ex Stazione Autocorriere, l'amministrazione comunale ha previsto nuovi percorsi di transito e fermata delle linee extraurbane, con l'individuazione delle fermate principali sull'asse via Paoli e via Manzoni, con il posizionamento di due fermate, unitamente a quelle già previste in corso Rosmini (largo Posta nei pressi del monumento ad A. Rosmini) e piazza Rosmini. In via Paoli, a fianco della farmacia comunale, ha trovato provvisoria collocazione la biglietteria; tale localizzazione consente all'utenza di avere a disposizione un punto ove munirsi del biglietto nelle immediate vicinanze delle fermate. Considerato che l'identificazione dei singoli siti non ha carattere esaustivo e potrà subire variazioni e aggiornamenti a seguito di trasferimenti e chiusure, nonché di integrazioni conseguenti all'individuazione di altri siti che rientrino comunque nelle categorie individuate in sede consiliare, si ritiene di demandare a specifico provvedimento dell'esecutivo municipale l'aggiornamento dell'elenco allegato al presente provvedimento denominato Elenco dei luoghi sensibili 2014 per ragioni legate all'efficacia ed all'economicità dell'agire amministrativo. Per quanto attiene al monitoraggio previsto dal comma 3 dell'art. 13 bis della L.P. 9/2000, il T.R.G.A. di Trento evidenzia che lo stesso si concretizza in un'attività con finalità ricognitive e programmatiche di interventi futuri che l'amministrazione potrà attuare con iniziative positive, secondo quanto consentito nell'ambito delle sue competenze in proposito (vedi sentenza del T.R.G.A. di Trento n. 63/2013). Al punto 3 della deliberazione del Consiglio Comunale n. 2/2012 era prevista l'attuazione di un monitoraggio relativo alla definizione del numero e delle tipologie di apparecchi da gioco, con vincita in denaro, presenti sul territorio comunale, in funzione dell'assunzione di eventuali ulteriori provvedimenti previsti dai commi 1 e 2 dell'art. 13 bis della Legge provinciale 14 luglio 2000 n. 9. Il Corpo di Polizia Locale ha effettuato il monitoraggio ed i dati di seguito riportati sono aggiornati alla data del 22 ottobre del corrente anno. Posto che sono stati 234 gli esercizi controllati, merita sottolineare che nel complesso è stata riscontrata la presenza di complessivi n. 350 apparecchi da intrattenimento con vincita in denaro (di cui n. 294 new slot e n. 56 Video Lottery Terminals V.L.T.); mediamente quindi il numero di congegni presente sul territorio comunale ammonta a circa n. 1,5 apparecchi per esercizio. Merita sottolineare che la normativa di settore Decreto del Direttore Generale

8 dell'amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato di data prevede la possibilità di installare nei bar, ristoranti ed esercizi assimilabili, nelle edicole e in ogni altro esercizio commerciale o pubblico diverso, nei circoli privati, nonché in altre aree aperte al pubblico, autorizzate ai sensi dell'articolo 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, un numero di apparecchi da intrattenimento con vincita in denaro new slot - che varia a seconda della dimensione del locale superficie autorizzata - e comunque fino ad un massimo di otto apparecchi per gli esercizi con superficie superiore a 100 mq. Il numero massimo degli apparecchi installabili (new slot) sale a 10 nel caso di stabilimenti balneari, alberghi ed esercizi assimilabili fino ad arrivare ad un limite di 75 apparecchi nel caso, per esempio, delle sale giochi, sempre rapportato alla dimensione del locale. Per quanto attiene invece alle Video Lottery Terminals V.L.T. - il numero di apparecchi insediabile ammonta ad un massimo di 150 per esercizi con superficie superiore a 300 mq. Con l'adozione del presente provvedimento viene cristallizza la situazione esistente che denota una presenza di congegni per esercizio ben lontana da quella ammessa dalla vigente disciplina statale. Il presente provvedimento assume di conseguenza un rilievo ed un significato altamente performante rispetto all'obiettivo che l'amministrazione comunale si è posta nel cercare di arginare la presenza sul territorio di apparecchi da intrattenimento con vincita in denaro (new slot e Video Lottery Terminals V.L.T.). E' indubbio che lo stesso non costituisce l'unico strumento di intervento, in quanto fenomeni articolati e complessi, che incidono sulle abitudini delle persone, richiedono l'adozione di misure alternative di natura sociale e culturale oltre che educativa. In tal senso si citano di seguito alcuni degli innumerevoli interventi posti in essere dall'amministrazione comunale negli ultimi anni: attivazione a fine 2011, in collaborazione con l'associazione AMA di Trento, di un mini percorso di due serate aperte a tutti sui pericoli del gioco d'azzardo e sulla dipendenza. L'associazione AMA è riuscita a raccogliere persone sufficienti per attivare un gruppo di Auto Mutuo-aiuto che nel corso del 2012 si è sdoppiato. L'amministrazione comunale ha agevolato tale gruppo, mettendo a disposizione gratuitamente la sede degli incontri; nel maggio del 2012 il Comune di Rovereto ha sottoscritto l'accordo provinciale per l' Alleanza per la tutela e la responsabilità condivisa - per il contrasto e la prevenzione del Gioco d'azzardo patologico a cui hanno aderito altri importanti interlocutori quali l'azienda Provinciale per i Servizi Sanitari, il Comune di Trento, il Consolida, la Federazione Italiana Tabaccai, la Confesercenti, ecc. In coerenza con questo accordo, l'ufficio Promozione Sociale ha organizzato nel mese di settembre un concorso a premi aperto alle scuole superiori per la realizzazione di una campagna di sensibilizzazione del tipo pubblicità progresso dal titolo Mi gioco un'idea. Win for school ; nel corso del 2012 sono stati organizzati seminari, tavole rotonde e serate aventi quale tema proprio quello del gioco d'azzardo (dal titolo A che gioco giochiamo?, Fate il nostro gioco e Sognare. ma questa volta per davvero e senza inganno! La realtà del gioco d'azzardo ); nei mesi di marzo e aprile 2013, in linea con i contenuti e le finalità dell'alleanza, il Comune di Rovereto e gli altri membri della stessa, hanno organizzato a Trento una mostra dal titolo "FATE IL NOSTRO GIOCO", un percorso interattivo tra matematica, emozioni e luoghi comuni. Nello stesso periodo, a Rovereto, è stato proposto un percorso di iniziative che si sono svolte presso la Biblioteca Civica, che hanno visto l'allestimento di una mostra, dal titolo "La dea bendata" e l'effettuazione di momenti di

9 approfondimento sui vari temi (quali ad esempio: Quando l'arte incontra il gioco d'azzardo, Fate il nostro gioco: probabilità e gioco d'azzardo", Gioco d'azzardo tra storia e devianza, etc.); nell'estate 2013 si è svolto un concorso fotografico e video per le scuole superiori, che ha visto la premiazione dei vincitori a fine settembre 2013, a conclusione del quale ha preso avvio la campagna pubblicitaria contro il gioco d'azzardo con l'utilizzo delle immagini vincitrici; sono proseguiti gli incontri del gruppo AMA con i due gruppi sul gioco d'azzardo, per i quali il comune continua a mettere a disposizione le sale per incontrarsi; nel 2014 il Comune di Rovereto ha continuato a far parte dell'"alleanza per la tutela e la responsabilità condivisa...". Il concorso a premi ha visto proclamati, a fine anno, i vincitori e nei mesi di ottobre - dicembre 2014 partirà la campagna pubblicità-progresso con le immagini vincitrici; sta proseguendo l'attività dei gruppi di Auto Mutuo Aiuto con incontri settimanali nelle sale messe a disposizione dal Comune. Il completamento del monitoraggio consente all'amministrazione comunale di estendere l'ambito del divieto di insediamento degli apparecchi da gioco, con vincita in denaro, attualmente previsto esclusivamente per le attività di sala giochi, con apparecchi da intrattenimento con vincita in denaro di cui all'art. 110, comma 6, del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza (new slot e VLT) anche per gli altri esercizi quali: esercizi pubblici, esercizi commerciali, circoli privati o associazioni, etc., in attuazione di quanto previsto al punto 3 della deliberazione del Consiglio Comunale n. 2/2012. Le limitazioni ed i divieti previsti dalla presente deliberazione si applicano anche ad eventuali incrementi quantitativi di apparecchi da gioco, con vincita in denaro, di cui all'art. 110 comma 6, (new slot e Video Lottery Terminals V.L.T.) del Regio Decreto 773/1931 (Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza) da parte di soggetti già titolari di licenze che intendano incrementare il numero di apparecchi già installati ed accertati dall'amministrazione comunale a seguito di apposito monitoraggio, in base alla previsione normativa di cui all'articolo 13 bis della Legge provinciale 14 luglio 2000 n. 9 ed anche alle sostituzioni degli apparecchi da gioco, con vincita in denaro, già installati laddove la sostituzione consista nella sostituzione di una new slot con una Video Lottery Terminals - V.L.T. Di conseguenza sono fatti salvi gli apparecchi già installati ed in esercizio alla data di entrata in vigore dal presente provvedimento amministrativo, per i quali sarà possibile la sostituzione con altri apparecchi anche tecnologicamente più avanzati, purché della medesima tipologia e categoria, di cui rispettivamente alle lettere a) o b) del comma 6 dell'art. 110 del R.D. 773/1931 (vedi sentenze del T.R.G.A. di Trento n. 96 e 205 del 2013). Appare pacifico che l'esecutivo municipale assume quindi il ruolo di attore delegato dal Civico Consesso nella gestione operativa dei vincoli e/o delle limitazioni all'insediamento degli apparecchi da intrattenimento con vincita in denaro sulla scorta dei principi statuiti dalla presente deliberazione. Viene mantenuta inalterata la distanza di mt. 300 dai luoghi sensibili, al di sotto della quale è vietata l'installazione di nuovi apparecchi da gioco, con vincita in denaro, in quanto la configurazione territoriale dei nuclei antropici consente di garantire il raggiungimento delle finalità che il presente provvedimento si propone. Le limitazioni ed i divieti imposti dal presente provvedimento non interessano le aree periferiche, alcune limitate porzioni dei centri abitati e dei piccoli nuclei residenziali isolati, nonché gran parte dell'area industriale all'interno delle quali risulta possibile l'insediamento di nuovi apparecchi da gioco con vincita in denaro.

10 Seppure l'articolo 13 bis della Legge provinciale 14 luglio 2000 n. 9 consentirebbe di limitare o vietare anche l'installazione di apparecchi di cui all'art. 110, comma 7, del R.D. 773/1931 (Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza), che non danno luogo a vincita in denaro, ma che consentono di ricevere un oggetto in premio (gru, pesche di abilità, ecc.) o sono di semplice intrattenimento (videogiochi e apparecchi meccanici ed elettromeccanici come biliardo, calcio balilla, flipper, etc.), si ritiene di mantenere il divieto di installazione esclusivamente per i congegni da intrattenimento, con vincita in denaro, in considerazione del fatto che, per inverso, la presenza di apparecchi che non danno luogo a vincite di denaro, costituisce una funzione ludico ricreativa, nonché un possibile polo di attrazione e di ritrovo per i più giovani. Sussistono tutti i presupposti giuridici e le motivazioni di fatto per assumere il presente provvedimento amministrativo; premesso e condiviso quanto sopra; IL CONSIGLIO COMUNALE preso atto dell'emendamento presentato dai consiglieri della Lega Nord e subemendato dalla Giunta comunale, approvato con 30 voti favorevoli e 1 astenuto (Passamani), che costituisce il nuovo punto 6. del dispositivo, per il dettaglio del quale si rinvia al relativo verbale; preso atto del suggerimento dei consiglieri Volani e D'Antuono di modificare gli allegati alla delibera, accolto dalla Giunta comunale, per il dettaglio del quale si rinvia al relativo verbale; visto l'articolo 13 bis della Legge provinciale 14 luglio 2000 n. 9, come integrata dall'articolo 47 della Legge provinciale n. 18 di data 27 dicembre 2011; vista la deliberazione del Consiglio Comunale n. 2 di data 24 gennaio 2012 recante Approvazione criteri di insediamento di esercizi con attività prevalenti di gioco con apparecchi da intrattenimento con vincita in denaro (art. 110, comma 6, T.U.L.P.S.); visto il R.D n. 773 e s.m.i. recante Approvazione del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza ; visto lo Statuto Comunale; visto il Testo unico delle Leggi regionali sull ordinamento dei Comuni della Regione Trentino Alto Adige approvato con D.P.Reg. 1 febbraio 2005, n. 3/L; visti gli allegati pareri di regolarità tecnico-amministrativa e di regolarità contabile sulla proposta della presente deliberazione - ai sensi dell art. 81 del T.U.LL.RR.O.C. approvato con D.P.Reg. 1 febbraio 2005, n. 3/L: parere favorevole di regolarità tecnico-amministrativa del dirigente del Servizio territorio Luigi Campostrini; parere favorevole di regolarità contabile del dirigente del Servizio finanziario Marisa Prezzi; ad unanimità di voti, palesemente espressi per alzata di mano dai 32 consiglieri

11 presenti e votanti, delibera 1. di prendere atto, per tutte le motivazioni meglio descritte nella parte premessuale del presente provvedimento, della necessità di limitare e/o inibire l'installazione di nuovi apparecchi da intrattenimento con vincita in denaro, ovunque si intendano insediare, nel rispetto e come meglio declinato nei punti successivi del presente dispositivo (esercizi pubblici, esercizi commerciali, sale giochi, aree aperte al pubblico, circoli privati, associazioni, etc.), per arginare la presenza degli stessi nell'ambito del territorio comunale, con la finalità di evitare possibili danni alla salute, alla sicurezza, alla libertà ed alla dignità umana, secondo quanto disposto dall'articolo 13 bis della Legge provinciale 14 luglio 2000 n. 9 (Disciplina dell'esercizio dell'attività di somministrazione di alimenti e bevande e dell'attività alberghiera); 2. di sostituire il punto 1 contemplato nel dispositivo della deliberazione del Consiglio Comunale n. 2 di data 24 gennaio 2012 con il seguente: al fine di tutelare le categorie maggiormente vulnerabili al fenomeno della ludopatia, nella logica di evitare possibili danni alla salute, alla sicurezza, alla libertà ed alla dignità umana, nonché nell'intento di limitare potenziali impatti sulla qualità del contesto urbano e della sicurezza, è fatto divieto di installare nuovi apparecchi da intrattenimento con vincita in denaro, di cui all'articolo 110, comma 6, del Regio decreto 773/1931 (Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza) e dei sistemi di gioco Video Lottery Terminals (V.L.T.) ovunque si intendano insediare ovvero in esercizi pubblici, in esercizi commerciali, nelle sale giochi, in aree aperte al pubblico, in circoli privati o associazioni, etc., in forza della previsione dell'articolo 13 bis della Legge provinciale 14 luglio 2000 n. 9, ad una distanza inferiore a mt. 300 dai luoghi sensibili le cui macrocategorie tipologiche sono di seguito specificate: a) gli istituti scolasti o formativi di qualsiasi ordine e grado; b) le strutture residenziali o semi residenziali operanti in ambito sanitario, scolastico e socio assistenziale ivi comprese le strutture ospedaliere, le case di cura e per anziani; c) i centri ludico ricreativi, sportivi, culturali, di aggregazione con frequenza prevalente di giovani ed anziani. Si precisa che la distanza viene misurata in ogni punto e in tutte le direzioni dall'accesso principale del locale ove s'intendano installare gli apparecchi da intrattenimento con vincita in denaro rispetto agli accessi principali ospitanti i luoghi sensibili e viceversa. I luoghi sensibili sono individuati dettagliatamente negli allegati al presente provvedimento denominati Elenco luoghi sensibili 2014 (Allegato A) nonché nelle tre tavole planimetriche (Allegati B, C e D) che riportano rappresentata anche l'area costituente il raggio di mt. 300 da ogni sito sensibile, all'interno del quale non possono essere insediati nuovi apparecchi da intrattenimento con vincita in denaro, di cui all'articolo 110, comma 6, del Regio decreto 773/1931 (Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza) e dei sistemi di gioco Video Lottery Terminals (V.L.T.); detti allegati formano parte integrante e sostanziale della presente deliberazione. L'identificazione dei singoli siti di cui all'allegato denominato Elenco luoghi sensibili 2014 e nelle tre tavole planimetriche, non ha carattere esaustivo e potrà subire variazioni ed aggiornamenti a seguito di trasferimenti e chiusure di detti luoghi sensibili, nonché integrazioni conseguenti all'individuazione di altri siti, appartenenti alle macro-tipologie sopra elencate, che presentano le caratteristiche per essere

12 ricompresi tra quelli sensibili; 3. il divieto relativo all'installazione di nuovi apparecchi da intrattenimento con vincita in denaro, di cui al punto precedente del presente dispositivo, trova applicazione anche ad eventuali incrementi quantitativi di apparecchi da gioco con vincita in denaro, di cui all'art. 110 comma 6, del Regio Decreto 773/1031 (Testo Unico delle leggi di Pubblica Sicurezza) e dei sistemi di gioco video Lottery Terminals (V.L.T.), da parte di soggetti già titolari di licenze che intendano incrementare il numero di apparecchi già installati ed accertati dall'amministrazione comunale a seguito di apposito monitoraggio ed anche alle eventuali sostituzioni degli apparecchi da gioco, con vincita in denaro, già installati laddove la sostituzione consista nello scambio di una slot machine con una V.L.T Video Lottery Terminals; 4. le limitazioni e i divieti di cui al punto 2 trovano applicazione: a) per le sale giochi (new slot e Video Lottery Terminals): con riferimento a tutti i procedimenti amministrativi non conclusi per i quali non sia già stato rilasciato l'assenso preliminare alla data di esecutività della presente deliberazione; b) per le restanti tipologie (esercizi pubblici, esercizi commerciali, aree aperte al pubblico, circoli privati o associazioni, etc.): con riferimento a tutti i procedimenti per i quali il titolo abilitativo espresso, se e in quanto dovuto, ovvero il deposito della relativa SCIA, non hanno trovato formalizzazione entro la data di esecutività del presente provvedimento; 5. di stabilire, in ossequio all'efficacia ed all'economicità dell'agire amministrativo, che le variazioni e gli aggiornamenti dell'allegato denominato Elenco dei luoghi sensibili , conseguenti e/o derivanti da trasferimenti e chiusure di detti luoghi sensibili, nonché integrazioni conseguenti all'individuazione di altri siti che presentino le caratteristiche per essere ricompresi tra quelli sensibili, avverranno mediante provvedimento da assumersi da parte dell'esecutivo municipale; 6. di impegnare la Giunta a verificare la previsione, a favore dei soggetti già titolari di licenze che intendano eliminare gli apparecchi già installati, di una agevolazione sulla componente fissa della Tariffa Rifiuti Corrispettiva (TARI) del valore pari al 50%; 7. di precisare che avverso la presente deliberazione sono ammessi i seguenti ricorsi: a) opposizione alla Giunta municipale entro il periodo di pubblicazione, ai sensi dell articolo 79, comma 5 del T.U.LL.RR.O.CC. approvato con D.P.Reg. 1 febbraio 2005, n. 3/L; b) ricorso giurisdizionale al Tribunale Regionale di Giustizia Amministrativa di Trento entro 60 giorni, ai sensi dell'art. 29 del D.Lgs. 2 luglio 2010, n. 104; c) ricorso straordinario al Presidente della Repubblica antro 120 giorni, ai sensi dell articolo 8 del D.P.R. 24 novembre 1971, n **************** Il consiglio comunale, con voti favorevoli unanimi espressi per alzata di mano dai 32 consiglieri presenti e votanti, dichiara la deliberazione immediatamente eseguibile, ai sensi dell'articolo 79 del T.U.LL.RR.O.C. n. 4 allegati

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017.

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017. Comune di Folgaria Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi.

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 1 2 OGGETTO: Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. L anno 2012 (Duemiladodici) addì 27 (Ventisette) del mese

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MARUGGIO (Provincia di Taranto) N. 231 del Reg. delib. REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE Oggetto: Riqualificazione dell area comunale in Campomarino denominata Parco Comunale Via

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

OPERA PIA ASILO SAVOIA Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficenza

OPERA PIA ASILO SAVOIA Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficenza OPERA PIA ASILO SAVOIA Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficenza ESTRATTO DAL VERBALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Il giorno 24 del mese di febbraio dell anno 2015 in seduta ordinaria come da

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

Deliberazione di Giunta Comunale

Deliberazione di Giunta Comunale Comune di Selargius Numero Data Prot. 155 25/05/99 Deliberazione di Giunta Comunale Oggetto: LAVORI DI ADEGUAMENTO E MESSA A NORMA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DEGLI EDIFICI SCOLASTICI. APPROVAZIONE PROGETTO

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 26 DEL 27.10.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 26 DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

N. 68/11 del 19 ottobre 2011

N. 68/11 del 19 ottobre 2011 COPIA EDUCATORIO DELLA PROVVIDENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE OGGETTO: N. 68/11 del 19 ottobre 2011 ADEGU DEGUAMENTO ALLA NORMATIVA A DI PREVENZIONE INCENDI ENDI: : IMPIANTO

Dettagli

Partecipa il SEGRETARIO GENERALE Dr.ssa Adriana Morittu PAG. 1

Partecipa il SEGRETARIO GENERALE Dr.ssa Adriana Morittu PAG. 1 LA PRESENTE COPIA NON SOSTITUISCE L ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N 133 DEL 08/10/2009 OGGETTO: ATTO D'INDIRIZZO PER PERFEZIONAMENTO AZIONI CONCLUSIVE PROGETTO ''LAVOR@BILE''. INSERIMENTO

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche 1)Pubblicata nel B.U. 7 novembre 1995, n. 51. Art. 1 (Ambito di applicazione) (1) Tutte le istituzioni scolastiche

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Deliberazione n. 10/SEZAUT/2010/QMIG

Deliberazione n. 10/SEZAUT/2010/QMIG Deliberazione n. 10/SEZAUT/2010/QMIG LA CORTE DEI CONTI In Sezione delle Autonomie nell adunanza del 31 marzo 2010 Visto il Testo Unico delle leggi sulla Corte dei conti, approvato con R.D. 12 luglio 1934,

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 ================================================================= OGGETTO: CORREZIONE ERRORE MATERIALE

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping)

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping) LEGGE REGIONALE 18 maggio 1999, n. 9 DISCIPLINA DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 35 Titolo III PROCEDURA DI

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE Esente da bollo N.B.: presentare almeno 10 giorni prima dell inizio SPAZIO PER ETICHETTA PROTOCOLLO COMUNALE Si consiglia di presentare in triplice copia di cui n.1 timbrata dall Ufficio PROTOCOLLO da

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROGETTO PER LO SVILUPPO DELLA RIFORMA ISTITUZIONALE ELEZIONE DEGLI ORGANI DEL COMUN GENERAL DE FASCIA COMUNI DI CAMPITELLO DI FASSA/CIAMPEDEL-CANAZEI/CIANACEI- MAZZIN/MAZIN-MOENA/MOENA-

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

FAQ SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE - L.R. 38/2006 - DGR 85-13268/2010

FAQ SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE - L.R. 38/2006 - DGR 85-13268/2010 FAQ SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE - L.R. 38/2006 - DGR 85-13268/2010 D: Quale normativa occorre applicare nel caso di attività di somministrazione di alimenti e bevande all interno di una palestra

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ACCESSO AGLI ATTI E SULLA TUTELA DELLA RISERVATEZZA DEI DATI CONTENUTI IN ARCHIVI E BANCHE DATI COMUNALI

REGOLAMENTO SULL ACCESSO AGLI ATTI E SULLA TUTELA DELLA RISERVATEZZA DEI DATI CONTENUTI IN ARCHIVI E BANCHE DATI COMUNALI REGOLAMENTO SULL ACCESSO AGLI ATTI E SULLA TUTELA DELLA RISERVATEZZA DEI DATI CONTENUTI IN ARCHIVI E BANCHE DATI COMUNALI - Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 11.12.2001 con deliberazione

Dettagli

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: LEGGE 12 MARZO 1968, n. 442 (GU n. 103 del 22/04/1968) ISTITUZIONE DI UNA UNIVERSITÀ STATALE IN CALABRIA. (PUBBLICATA NELLA GAZZETTA UFFICIALE N.103 DEL 22 APRILE 1968) URN: urn:nir:stato:legge:1968-03-12;442

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

11. Risorse ed aspetti organizzativi dell'agenzia

11. Risorse ed aspetti organizzativi dell'agenzia 11. Risorse ed aspetti organizzativi dell'agenzia 11.1 La nuova organizzazione dell'agenzia L'attuazione del disegno organizzativo delineato dal regolamento sull'organizzazione ed il funzionamento dell'agenzia

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

CITTA DI FELTRE. Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza Straordinaria di prima convocazione seduta Pubblica

CITTA DI FELTRE. Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza Straordinaria di prima convocazione seduta Pubblica COPIA CITTA DI FELTRE Deliberazione n. 62 in data 13/06/2011 Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza Straordinaria di prima convocazione seduta Pubblica Prot. nr. Data Prot. 13/07/2011 Oggetto: Piano

Dettagli

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati I circoli privati rappresentano, da sempre, un problema nella gestione delle attività di controllo sul territorio

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

hol~e; A--fç, ttgr (.. \ g.4 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA 1 7 FEB. 2015 È assente giustificato: sig. Domenico Di Simone. ... OMISSIS...

hol~e; A--fç, ttgr (.. \ g.4 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA 1 7 FEB. 2015 È assente giustificato: sig. Domenico Di Simone. ... OMISSIS... SAPIENZA 1 7 FEB. 2015 Nell'anno duemilaquindici, addì 17 febbraio alle ore 16.00, presso il Salone di rappresentanza, si è riunito il, convocato con nota rettorale prot. n. 0009903 del 12.02.2015, per

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34 TIMBRO PROTOCOLLO MODULO DI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE (SUBINGRESSO NUOVA APERTURA (di cui art. 4 comma 5^ L.R. 14/2003) - CESSAZIONE VARIAZIONI

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli