La capra. Ad Emma perché, qualche volta i sogni si avverano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La capra. Ad Emma perché, qualche volta i sogni si avverano"

Transcript

1 La capra Ad Emma perché, qualche volta i sogni si avverano Avevamo fatto l'amore con rabbia e con disperazione, come se fosse l'ultima volta ed ora lo guardavo dormire, coperto solo dal lenzuolo stropicciato, con il volto nascosto dai folti capelli sudati. La luna illuminava il letto, mentre la camera restava avvolta nella penombra, cullata dal pigro rotolare della risacca a pochi metri da noi. Era l'ultima notte che avremmo trascorso nella piccola isola greca, dove avevamo vissuto i nostri dieci giorni di vacanza e, forse, era anche l'ultima notte della nostra storia... Avevo conosciuto Giorgio ad un concerto, mentre cercavo, faticosamente, di procurarmi il biglietto. I posti erano vicini e, per tutta la sera, cercando invano di seguire il programma, avevo osservato di nascosto i suoi occhi bruni posarsi, insistenti, sul mio viso e sulle mie mani, finché i nostri sguardi si erano incrociati e persi l'uno nell'altro, senza riuscire a controllare l'emozione. Sentivo il mio volto arrossire, mentre lui pronunciava qualche frase imbarazzata e banale e cercavo disperatamente un pretesto per prolungare quell'incontro. Mi aveva aiutato una pioggia provvidenziale che ci aveva obbligati nell'atrio del teatro, sprovvisti dell'ombrello e con tanta voglia di continuare a guardarci. Ripensando a quel nostro primo incontro, mi sorprende ancora l'intensità con la quale fui colpita da quel ragazzo timido e un po' goffo che tentava invano di accendere le nostre sigarette e mi sono chiesta spesso fino a che punto Giorgio abbia condiviso le mie emozioni. Un frettoloso scambio di numeri di telefono, mentre il tassista, impaziente, teneva aperto lo sportello; poi il suo silenzio per lunghi, interminabili giorni... pomeriggi passati davanti alla televisione, mangiando biscotti e fissando il cellulare muto... la voglia di telefonargli e la consapevolezza che un incontro così fugace non poteva essere l'inizio di un grande amore, ma la voglia, tanta, di una storia vera, importante, dopo le delusioni degli amoretti consumati fra i banchi dell'università ed alienanti discoteche. Poi, all'improvviso, quando l'attesa aveva ceduto il passo alla rassegnazione, la sua voce dolce, un po' roca che tentava una stentata e banale conversazione; i lunghi, imbarazzati silenzi, mentre udivo, di sottofondo, un brusio... era a un convegno di lavoro e sarebbe rientrato l'indomani... cosa ne pensavo di un aperitivo per sabato? Cosa ne pensavo?! Dovetti sforzarmi per non urlargli SI al telefono e fingere un educato interesse all'invito. Non ricordo nulla delle ore trascorse al lavoro, prima dell'appuntamento, ma ricordo, con chiarezza, il vestito che indossavo, frutto di lunghe, estenuanti prove, davanti allo specchio. Mi sentivo emozionata come una scolaretta, mentre la sua alta figura mi veniva incontro, tra i tavolini del bar ma pensavo che, dopo la lunga attesa, il rivederlo mi avrebbe procurato una delusione e che quell'incontro non avrebbe avuto alcun seguito... e, poi, mi ero letteralmente persa nei suoi occhi bruni che mi accarezzavano, avvolgendomi. Avevamo parlato per ore, di noi, delle nostre vite precedenti che ci apparivano così lontane e banali; avevamo camminato per la città, fermandoci ad osservare il tramonto e l'incanto delle stelle, finché, assonnati ci eravamo lasciati, sul portone di casa mia, alle prime luci del giorno. Ti rivedrò domani, mi aveva sussurrato, baciandomi i capelli. Avevo richiuso il portone, sentendomi ancora addosso il suo profumo. Domani, avevo risposto a me stessa, salendo le scale, trasognata. I ricordi degli anni vissuti con Giorgio sfilano davanti ai miei occhi, mentre resto affacciata alla finestra, assaporando i profumi della notte ed il pigro rumore della risacca; una sigaretta si consuma lenta fra le dita. All'inizio della nostra storia, per stare insieme, rubavamo ogni attimo al lavoro ed ai mille impegni quotidiani. Pur nella banalità di una cena frettolosa o di un brutto film, ogni ora vissuta insieme diveniva straordinaria e ci lasciava la voglia di rivedersi subito e di parlare ancora. Le serate con gli amici ci sembravano interminabili, nell'attesa di stare, ancora per qualche momento, noi due, da soli. Le corse, pazze, nella campagna assolata, in sella alla sua moto, mentre il vento ci accarezzava il volto ed il profumo delle acacie si mescolava all'odore del fieno appena tagliato; le notti, ardenti, tinte dei colori di una passione che sembrava inestinguibile. 1 2

2 I risvegli, al mattino, con il suo viso vicino al mio ed il suo sguardo intenso, dolce, un po' scanzonato mentre gli confessavo che mai avrei creduto di poter essere così felice. I mille discorsi, su qualunque argomento che ci facevano accalorare e sentire, pur nella diversità delle opinioni, ancora più vicini e la gioia, sincera, un po' infantile di condividere gli entusiasmi per ogni cosa ci capitasse. Una mattina, al risveglio, ci aveva sorpresi un mondo bianco, immacolato, nascosto sotto una coperta di neve, caduta durante la notte... avevamo trascorso quella giornata di festa a passeggiare per le strade deserte, facendo a palle di neve e innalzando un goffo pupazzo che aveva suscitato il disprezzo di un vecchio giornalaio. Eravamo tornati bambini, liberi, incoscienti e felici di esistere insieme e di poter assaporare così intensamente quello scampolo di vita. Forse, quello, era stato il culmine della nostra storia incantata e, forse, da allora era iniziata la discesa. In realtà, Giorgio continuava ad essere premuroso e innamorato, ma ne coglievo, talvolta, piccoli gesti di insofferenza e di disinteresse verso le cose che continuavano a procurarmi entusiasmo: avevamo deciso, dopo pochi mesi, di vivere insieme e, per costruire il nostro nido, consultavo giornali, cataloghi e numerosi negozi, dove, qualche volta, riuscivo a trascinarlo. Una sigaretta accesa distrattamente, un'occhiata al giornale, mentre la commessa esibiva pile di piatti e di bicchieri; la noia che percepivo chiaramente mentre, educatamente, fingeva di interessarsi agli acquisti e, poi, i silenzi impacciati durante il ritorno, le scuse, non richieste, della sua distrazione per i problemi di lavoro che lo assorbivano e lo angosciavano e quello sguardo, così sfuggente e distante, se paragonato all'intensità ed al calore dei primi tempi... Avevo cercato di auto convincermi dell'inconsistenza dei miei pensieri, volendo giustificare il suo cambiamento con le scuse che mi forniva anche se, molto spesso, restavo sveglia, accanto a lui, sentendo un'angoscia e un'incertezza mai provate. Inaspettatamente, vivere insieme si era rivelato stimolante e sembrava aver ravvivato la nostra storia: Giorgio tornava spesso a casa con i fiori ed il sacchetto della spesa e si divertiva a cucinare per noi due, pavoneggiandosi come un grande chef e ridendo, divertito, alle mie proteste per la caterva di pentole e di piatti da lavare. Spesso, la domenica, ascoltavamo abbracciati i concerti di Chopin e di Beethoven; il profumo della cioccolata fumante si univa a quello dei biscotti appena sfornati, mentre la pioggia scendeva dolcemente dietro i vetri appannati e lui, baciandomi le labbra, mi giurava amore eterno. Tutto sembrava essere tornato perfetto... troppo perfetto per poter continuare! Era iniziato, per caso, mentre il suo cellulare suonava insistente. Dalla doccia scrosciante, mi aveva gridato di vedere chi fosse e, sul display, avevo letto Marina, mentre il suono si interrompeva bruscamente. È una collega della Banca, mi aveva spiegato frettolosamente, mentre usciva di corsa con il telefono in mano. Non era rientrato per cena e, da quel giorno, spesso, veniva trattenuto da improvvise riunioni che lo obbligavano a lunghe ore di straordinario. Era divenuto distratto e quasi ogni giorno dimenticava qualche oggetto a casa, per ricordarsene poi in ufficio. La mattina in cui mi ritrovai sul tavolo dell'ingresso il suo cellulare, non riuscii a resistere alla tentazione di controllare le chiamate ricevute: il nome Marina ritornava, ossessivo, sia tra le chiamate effettuate che fra quelle ricevute, nelle ore più strane del giorno e della notte, con durate lunghissime, talvolta di minuti. Tenevo fra le mani il piccolo telefono che sembrava scottare fra le dita, mentre lacrime di rabbia e di dolore rotolavano sulla mia faccia smarrita. Non sapevo che fare, se e come chiedere a Giorgio una spiegazione... era la prima volta che le mie paure avevano un nome e mi sentivo incredula e spaventata, di fronte a quel nome che apparteneva al volto della mia nemica. A nulla erano valse le giustificazioni fornite, le scuse patetiche degli impegni di lavoro; sapevo, guardando i suoi occhi sfuggenti, che quella donna si era infilata fra noi, nel nostro letto e nella nostra mente, come un subdolo contagio e che nulla sarebbe stato più come prima. Erano seguiti lunghi giorni di silenzi forzati, lo spiare ogni gesto, il contare i minuti delle sue improvvise, ingiustificate assenze, lo scrutare attraverso il suo volto pallido e tirato, la prova del sospetto... ricordo come un lungo incubo il tunnel senza uscita in cui ci eravamo infilati. Non avevo la forza di chiedergli una scelta per la folle paura di perderlo e continuavo, stupidamente, a stuzzicarlo con sciocche battute, cui faceva seguito solo una vaga, banale risposta. Poi, l'improvvisa morte di suo padre, mentre con il sorriso scanzonato esibiva agli amici la medaglia vinta al torneo di bridge, lo aveva 3 4

3 precipitato nel baratro di un dolore straziante, di una perdita non accettata che lo lasciava solo, indifeso, fragile come un bambino. Mi aveva cercato, piangendo fra le mie braccia tutte quelle lacrime che non aveva saputo versare, mentre la terra ricopriva la bara, su cui sorridevano le bellissime rose gialle che avevamo colto per lui nel nostro giardino. Lo avevo accolto come una madre, come un'amante e mi era sembrato di ritrovarlo guarito da una lunga, devastante malattia. Avevamo ripreso le nostre dolci abitudini, con rinnovato entusiasmo e con la voglia di recuperare il tempo perduto. Quella domenica pomeriggio eravamo sdraiati sul divano, paghi e felici delle ore trascorse da soli, a ricordare i bei momenti del nostro cammino insieme: Un figlio e, perché no?, una nuova casa dove ricominciare una nuova vita insieme, gli avevo proposto emozionata, mentre accarezzavo i suoi capelli appoggiati sul mio grembo. Si era alzato per prendere una sigaretta, senza rispondere e, solo dopo un tempo lunghissimo, aveva mormorato: È prematuro, Elettra, non mi sento pronto... lasciami del tempo ed era uscito senza aggiungere nulla, senza uno sguardo. Lo avevo seguito, mentre richiudeva la porta del bagno, con la allucinata certezza che avrebbe telefonato a lei... la sua voce, soffocata dall'acqua della doccia, era tesa ed impaziente, mentre le chiedeva un incontro urgente. Non riuscivo a smettere di piangere, mentre lo investivo con un fiume di parole, di recriminazioni e di accuse... Giorgio era rimasto in silenzio, fissando il cielo nuvoloso, dietro la finestra, poi, girandosi stancamente verso di me, aveva detto soltanto: Hai ragione, tutte le ragioni ma io non riesco a togliermi quella ragazza dalla testa... è una droga di cui non posso fare a meno, anche se la mia vita con te è sempre stata perfetta... forse troppo. Era caduto un silenzio innaturale fra noi, come un macigno. Non avevo più la forza di parlare e mi ero resa conto di non avere più nulla da dirgli. La valigia aperta sul letto, quattro cose buttate dentro alla rinfusa ed una porta che, pesantemente, si chiude sui miei sogni, mentre il suo viso triste mi osserva dietro al vetro. Quanti mesi erano passati? Sei, forse sette, tutti perfettamente eguali e vuoti, con la stanchezza di alzarmi, di trascinare la mia grigia esistenza fra il lavoro, i pochi amici e le insulse serate, create per cercare inutilmente di distrarmi. Avevo conosciuto altri ragazzi che erano scivolati via come l'acqua, lasciandomi dentro un vuoto e un'amarezza infinite... non soffrivo nemmeno più, mi trascinavo indolentemente, attendendo, con ansia, il momento in cui la mia pillola misericordiosa mi avrebbe concesso qualche ora di un sonno pesante, innaturale. In certi momenti, mi sembrava di essere riuscita a dimenticare il suo volto, la sua voce, le sue carezze; poi, improvviso, mi assaliva il ricordo, scatenato da un suono, da un'immagine, da uno sguardo e ripiombavo nel mio silenzioso inferno, senza la forza né la voglia di rialzarmi. Ero a cena con i colleghi di lavoro, quando avevo ritrovato casualmente un amico di Giorgio che all'epoca spesso frequentavamo; mi aveva accolto affettuosamente, confessando di non avermi telefonato, dopo la separazione, per rispetto a Giorgio che continuava a vedere e che, adesso, stava con una ragazza bruna di nome Marina. Però, non mi sembra felice, sai?, ha spesso il viso cupo e credo stia facendo delle analisi perché non si sente bene, aveva aggiunto, salutandomi con un abbraccio e promettendo di rifarsi vivo presto. Avevo provato un gran vuoto, mentre continuavo a pensare a quelle parole, fingendo di divertirmi alle stupide battute del mio commensale. Mesi, mesi e mesi ancora erano trascorsi, notti, giorni, domeniche, Natale, Pasqua... tutto, sempre, così vuoto, fino a che mi ero guardata allo specchio, vedendo un viso stanco, segnato da piccole rughe e spento: Devo rivederlo, per cancellarlo dalla testa, per verificare che, ora, la sua vita è con lei e per rendermi conto che è proprio finita!. Lo avevo deciso in un attimo, con la forza di una disperazione che, cupa e costante, mi aveva tolto la giovinezza e la voglia di vivere. Il cellulare aveva suonato a lungo, prima che Giorgio rispondesse con voce stanca. Mi dispiace disturbarti, ma ho bisogno di vederti, gli avevo detto d'un fiato, prima di perdere il coraggio per quella pazzia. Sembrava sorpreso ma felice di sentirmi, mentre decidevamo di vederci nel piccolo bar vicino all'ospedale, dove tante volte avevamo consumato frettolosi panini, conditi dalla gioia di stare insieme. Era già seduto al tavolo e, di spalle, mi sembrava dimagrito; un buffo cappello della sua squadra nascondeva i capelli, mentre, girandosi, mi rivolgeva un debole sorriso che poco illuminava il suo volto scavato e sofferente. Non ho un aspetto splendido, vero? aveva esordito, avvicinando il 5 6

4 volto per baciarmi amichevolmente sulla guancia. Ho avuto un linfoma e sono stato a lungo ricoverato per la chemioterapia che è stata pesantissima. Sembra che, da poco, ne sia completamente fuori, anche se solo il tempo potrà confermare la guarigione. Parlava con un tono impersonale, come si trattasse di altra persona, senza guardarmi. Ho perso tutti i capelli, aveva aggiunto, togliendosi il berretto e fissandomi finalmente, per la prima volta. Lo avevo accarezzato con lo sguardo, guardando la sua testa così paurosamente nuda e quelle lunghe dita affusolate, ora, così magre e nervose. Ricresceranno, avevo sorriso, cercando di dare alla mia voce tutto il calore che mi era rimasto e provando, acutissimo, un dolore per lui, per noi, per tutto quanto era successo. E Marina, dov è?. Non ero riuscita a trattenermi, quasi senza accorgermi. È finita da molto tempo. Era una malattia, e, come tale, ne sono faticosamente uscito, con qualche livido ma, forse, un po' più forte. Poi, il linfoma non mi ha lasciato il tempo per rimettere insieme i cocci della mia vita ed è passato sopra di me con la forza di uno tsunami. E tu, come stai?, cosa hai fatto in tutto questo tempo?. E ci eravamo ritrovati a parlare per ore, mentre i tavoli del bar si svuotavano e un assonnato cameriere attendeva sulla porta che ce ne andassimo. Mi sembrava di sognare, mentre sorridevo a qualche buffo episodio della sua lunga malattia, raccontata con umorismo e leggerezza, mentre quegli occhi intensi e sofferenti raccontavano tutt'altra verità. Neppure una parola spesa per lei, neppure un accenno alla vita vissuta insieme, ma solo la voglia di parlare e di ridere, come una volta. Era difficile lasciarsi e ancor più difficile spiegare il perché di quello strano, bellissimo incontro. Non c'era stato bisogno, perché, tenendo a lungo la mia mano fra le sue, mi aveva chiesto di accompagnarlo ad un concerto la sera successiva... mi ero allontanata, trasognata, mentre mi salutava, sventolando il berretto. Lentamente, timidamente, la vita aveva ricominciato ad avere senso e colore, mentre attendevo la telefonata di Giorgio che riusciva ogni giorno a trovare un nuovo pretesto per rivedermi, mantenendo un atteggiamento amichevole e scanzonato. Il sole di giugno ci aveva attirato ad una passeggiata lungo la spiaggia mentre il vento caldo accarezzava la nostra pelle sudata. I suoi capelli ancora cortissimi, ricrescevano ricci e folti, con qualche nuovo, commovente, filo d'argento che brillava nel sole... avevo allungato inconsapevolmente la mano per accarezzarlo e ci eravamo ritrovati allacciati, appassionati, affamati dei nostri corpi, delle nostre anime, così a lungo separate. Era ricominciata così la nostra vita insieme, con la gioia della riscoperta e con la consapevolezza del valore e del significato della nostra scelta. Avevo deciso di non chiedergli nulla, di non forzarlo lasciando a lui la totalità delle decisioni su di noi, anche se spesso, la notte, restavo sveglia, con gli occhi fissi al soffitto, persa nei miei pensieri, mentre il suo respiro regolare mi cullava. Il dolce cagnone affettuoso che avevamo trovato al canile e che ci aveva preso il cuore con i suoi occhi adoranti era stato la prima pietra della nostra nuova esistenza: lo portavamo a correre, la sera lungo gli argini, ridendo felici per le sue prodezze, per gli umidi baci che, improvvisi, ci stampava sulle braccia, sul viso, mentre ci chinavamo per accarezzarlo. Era il mio primo cane e accanto a Giorgio scoprivo quel nuovo, sconfinato amore senza riserve che quel grande cucciolo ci donava, facendoci sentire più uniti. La nostra vita aveva ripreso a scorrere lenta, serena, scandita dalle dolci abitudini che avevamo ritrovato: la domenica era dedicata alla cucina ed il pranzo, per noi soli, era un gioioso rito con la tavola apparecchiata a festa e la ciotola del nostro cane ai piedi. Stavo preparando il sugo per la pasta e l'aroma del basilico riempiva la cucina; il vapor acqueo emanato dalle pentole appannava il vetro, oltre il quale Giorgio lanciava la palla al cucciolo: mi ero ritrovata, con gli occhi pieni di lacrime, a chiedermi se eravamo finalmente arrivati in un porto sicuro o se quella felicità così totale era solo una nuova, fugace parentesi. Attraverso il vetro, all'improvviso, Giorgio mi aveva fissato, estraneo e distante, come se fra noi si fosse alzato un altissimo muro di ghiaccio. Era rientrato in casa senza parlare, tenendo in mano il cellulare che mi aveva porto. Il messaggio di Marina era brevissimo: Il tempo non cancella quello che conta veramente. Vorrei rivederti. Marina è stata per me come una droga e, anche se mi ha lasciato quando già cominciavo a star male, non sono mai riuscito a cavarmela dal cuore... mai, anche se amo te molto più di quanto credessi di riuscire ad amare!. 7 8

5 Era rimasto seduto, svuotato, assente, senza la voglia né la forza di continuare a parlare, mentre il sugo nella pentola bruciava ed il cane si accoccolava, triste, al mio fianco. L'aveva rivista il giorno dopo ed era tornato da me con uno sguardo spaurito, di bestia ferita, giurando che sarebbe davvero finita per sempre ma che aveva bisogno di tempo... e il tempo aveva ripreso a trascorrere lentissimo, nell'attesa di una sua chiamata. Mi ero imposta di chiedergli una scelta definitiva, prendendo tutto il tempo necessario, ma non potevo impedirmi di guardare allo specchio il mio viso ogni giorno più pallido e tirato continuando a rivivere ancora e ancora il dolore e l'angoscia degli abbandoni e dei ritorni. Mi sentivo svuotata, privata di uno scopo in quella mia grigia esistenza che trascinavo faticosamente giorno dopo giorno, notte dopo notte. Era ricomparso alla porta una mattina, dopo un mese; senza dire nulla, mi aveva stretto fra le braccia, chiedendomi un caffè... Eterno mi era sembrato il tempo trascorso nella nostra cucina mentre il liquido nero saliva, fumando, nella caffettiera e l'aroma si spandeva nell'aria. Aveva parlato poco, mentre lo fissavo muta, per dire soltanto che voleva partire con me, per una vacanza che mi era parsa come l'ennesima fuga. Non ero riuscita a parlare, sopraffatta dalla gioia di rivederlo e di sapere che, ancora, voleva provare a ricominciare con me. Marina non era stata mai nominata... forse, non esisteva più, mentre lui si entusiasmava nel propormi itinerari romantici, nei mari più belli. Ancora oggi mi chiedo perché non sia riuscita a chiedergli se fosse finalmente uscito dalla sua ossessione, ma ancora oggi so che il terrore di perderlo mi ha sempre paralizzato la mente rendendomi impossibile qualunque azione. Fra centinaia di depliants avevamo scelto una piccola isola greca, con un alberghetto in riva al mare. Ci stringevamo forte la mano, mentre l'aereo decollava e mi sembrava che, staccandosi dal suolo, restasse a terra tutto il dolore di quell'ultimo mese. Uscendo dall'aeroporto ci avevano inondato il sole, il cielo di un azzurro cobalto, i profumi inebrianti dell'estate mediterranea. Uscendo dall'aeroporto ci avevano inondato il sole, il cielo di un azzurro cobalto, i profumi inebrianti dell'estate mediterranea. Ci aveva stregati quel mare dai colori incredibili che si tingeva, solo per noi, di rosa e di viola, di verde e di turchese. Durante i primi giorni, senza parlarne, avevamo deciso di tuffarci nella nostra vacanza con la spensierata incoscienza di due ragazzini e, spesso, ci sorprendevamo a ridere come scemi per un nonnulla o a guardare estasiati i tramonti, le notti stellate, le albe dorate, mentre la risacca, pigra, rotolava a pochi metri da noi. Poi, lentamente, quasi senza accorgercene, erano cominciati i silenzi imbarazzati, le frasi dette a metà e, volutamente, lasciate sospese lievi ed ingombranti come i nostri segreti. Due giorni prima di tornare, passeggiando pigramente sulla spiaggia, Giorgio mi aveva fermata, e fissandomi negli occhi, aveva vomitato: Perché non mi hai chiesto mai nulla di Marina? Perché sei sempre così intollerabilmente perfetta?. Per un attimo l'autocontrollo e la razionalità di tutta la mia vita erano stati spazzati via da una furia cieca e primordiale che avrebbe consentito tutto... anche di uccidere. Poi, mentre un sudore freddo mi inzuppava ed il cuore cessava la sua folle corsa, avevo ripreso il controllo, rispondendogli, con la voce più fredda e calma possibile: Ti ho lasciato il tempo per capire che cosa realmente volessi, mentre io sospendevo la mia vita nell'attesa della tua scelta... perdonami se ho deciso di annullarmi per non forzarti!!! e lacrime calde scendevano senza che riuscissi a fermarle, mentre mi allontanavo, soffiandomi rumorosamente il naso. Dell'ultimo giorno trascorso nell'isola ho un ricordo allucinato, per il silenzio innaturale che si dilatava fra noi, mentre svolgevamo, meccanicamente, i preparativi per la partenza al mattino seguente. Un tramonto infuocato ci aveva colto all'improvviso, mentre raccoglievamo le ultime cose stese ad asciugare: il sole si tuffava nel mare color cobalto, mentre il silenzio, antico ed assoluto, era interrotto solo dal triste stridio dei gabbiani. Un profumo intenso ci avvolgeva, mentre restavamo immobili, vicini, sopraffatti dallo spettacolo che la natura ci donava come commiato. La sua mano sulle mie spalle, il suo alito caldo sul mio collo, mentre iniziava a baciarmi, sussurrando solo il mio nome... e, poi, le sue braccia, il suo corpo sopra il mio, in una ricerca rabbiosa ed appassionata di tutte le cose che avremmo voluto dire e che, forse, mai, saremmo riusciti ad esprimere. La sua mano sulle mie spalle, il suo alito caldo sul mio collo, mentre 9 10

6 iniziava a baciarmi, sussurrando solo il mio nome... e, poi, le sue braccia, il suo corpo sopra il mio, in una ricerca rabbiosa ed appassionata di tutte le cose che avremmo voluto dire e che, forse, mai, saremmo riusciti ad esprimere. Solo il rumore della risacca, solo il profumo che entrava dalle finestre aperte su quella sera incantata. Dopo, mentre Giorgio dormiva coprendosi il volto sudato con il braccio, avevo infilato la camiciola di cotone che aderiva sulla pelle ancora arrossata ed umida. Affacciata alla finestra, mi era passata davanti tutta la nostra storia e mi chiedevo, ancora una volta, se quella sarebbe stata la fine. Osservavo la luna che, lontana e splendente, saliva lentamente nel cielo riempiendo di mille tremule luci il mare a due passi da noi. Un rumore improvviso mi aveva allarmato, furtivo e lieve, come una presenza che si avvicinasse nel buio. I sensi anche se acuiti dalla paura, non mi permettevano di vedere nulla, se non un leggero movimento tra le piante sotto la nostra finestra... poi, improvvisa, era apparsa davanti a me una capra con il suo muso antico e mansueto, curiosa ma diffidente verso la mia mano che si allungava. Eravamo rimaste così, a guardarci, per un tempo infinito, mentre la luna saliva e la musica del mare scendeva a placare la mia anima assetata di amore. Aveva accettato una lieve carezza sulla testa da cui spuntavano due piccole corna; poi, aveva belato brevemente, come a salutarmi, mentre si girava, allontanandosi nella notte. Mi hai donato un momento di pace e mi hai aiutato a vedermi dentro. Grazie, avevo mormorato, guardandola. Alle mie spalle, Giorgio aveva chiamato, con voce assonnata; mi ero girata. Adesso ero pronta. Il suo corpo caldo contro il mio, mentre mi stringeva fra le braccia. Sposami aveva sussurrato fra i capelli mentre le sue lacrime si mescolavano alle mie scendendo, salate, sulle labbra. Finisco il racconto, ripensando a questa storia strana, nata dalle confidenze di un amica, in una notte d estate. Sono ancora trasognata, come sempre mi succede quando scrivo i miei racconti. La voce agitata ma festosa di Roberto mi colpisce improvvisa, mentre lo vedo correre verso di me dal fondo del giardino. Porta in braccio un batuffolo bianco e grigio. È una capretta appena nata; ha ancora il cordone ombelicale. L'ho trovata, sulla stradina sotto casa. Cosa ne facciamo? È minuscola, magrissima, affamata. Ci guardiamo, sorridendoci. Sappiamo tutti e due che la capretta entrerà a far parte della nostra vita, insieme ai cani, ai pesci, alle colombe. Lei sembra capire che il suo destino dipende da quell'eterno, dolcissimo ragazzo che l'ha trovata e si abbandona fra le sue braccia succhiandogli delicatamente il braccio... ma questa è un'altra storia. MARIA WANDA CALDIRONI 11 12

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Luigi De Simone POESIE

Luigi De Simone POESIE Poesie Luigi De Simone POESIE Culla la mia anima' Entra nel mio cuore e diffonditi,,,, trema il mio sangue e scalpita.. al desiderio di essere sfiorato,,, baciami e culla la mia anima,,,nutrila di piacere

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ Proprietà letteraria riservata 2012 Screenpress Edizioni - Trapani ISBN 978-88-96571-42-2 È vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuata

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO La mia mamma La mia mamma con la giacca in mano, sempre pronta a portarmi ovunque sia, con gli occhioni color terra. Io la guardo e penso a tante

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

Auguri mamma! Festa della mamma 2014

Auguri mamma! Festa della mamma 2014 Festa della mamma 2014 Quest anno dedichiamo alla mamma un intero libro. Si tratta de L abbraccio di David Grossman, splendido nell edizione Mondadori illustrata da Michal Rovner. Il nostro libro si presenterà

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi Concorso Nazionale di poesia città di Foligno Sezione Ragazzi LA VITA La vita è come un libro illustrato Dal quale spesso rimani affascinato A tal punto che resteresti incollato E vorresti sfogliarla tutta

Dettagli

Collana: Libri per bambini

Collana: Libri per bambini La Madonna a Medjugorje appare SHALOM Collana: Libri per bambini Testi e illustrazioni: Editrice Shalom Editrice Shalom 25.06.2014 33 o Anniversario delle apparizioni a Medjugorje ISBN 9788884043498 Per

Dettagli

MA CHE FREDDO FA! La prima neve di Gaia

MA CHE FREDDO FA! La prima neve di Gaia MA CHE FREDDO FA! Iniziamo con la lettura di un racconto. Lettura dell insegnante. Questo percorso didattico propone attività di analisi dei mutamenti della natura e delle attività dell uomo nella stagione

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

CONTIAMO MOLTO AUGURA TANTISSIMI AUGURI DI BUON NATALE ANCHE A TUTTI VOI ^_^

CONTIAMO MOLTO AUGURA TANTISSIMI AUGURI DI BUON NATALE ANCHE A TUTTI VOI ^_^ FRASI DI NATALE - BELLE FRASI DI AUGURI DI NATALE Scegli le migliori Frasi di Natale per fare tanti Auguri di Buon Natale Prepara il tuo sorriso migliore, a Natale tutti vogliono essere felici. Regala

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

FRAS I e CAN ZON I da scegliere per dedicare al tuo Am ore il 14 Febbraio, S AN VALEN TIN O, alla Locanda dei M assim i

FRAS I e CAN ZON I da scegliere per dedicare al tuo Am ore il 14 Febbraio, S AN VALEN TIN O, alla Locanda dei M assim i FRAS I e CAN ZON I da scegliere per dedicare al tuo Am ore il 14 Febbraio, S AN VALEN TIN O, alla Locanda dei M assim i Chiam a ai num eri 066550684 e 0665499074 o invia una m ail a even t i@locan dadeim

Dettagli

Chiara e Findarfin SMS ROMANTICI. per tutte le occasioni. Simonelli electronic Book

Chiara e Findarfin SMS ROMANTICI. per tutte le occasioni. Simonelli electronic Book Chiara e Findarfin SMS ROMANTICI per tutte le occasioni SeBook Simonelli electronic Book Tre pensieri prima dei sogni: il primo per i tuoi occhi dolci, il secondo per il tuo viso delicato, il terzo per

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete Nonni si diventa Il racconto di tutto quello che non sapete Introduzione Cari nipoti miei, quando tra qualche anno potrete leggere e comprendere fino in fondo queste pagine, forse vi chiederete perché

Dettagli

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Iscritto per: Scuola Secondaria Primo Grado Motto di iscrizione: Raccontami e dimenticherò-mostrami

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

L'indifferenza. Mi manca il coraggio di guardarti negli occhi. Nel piazzale davanti alla scuola, nei suoi corridoi affollati,

L'indifferenza. Mi manca il coraggio di guardarti negli occhi. Nel piazzale davanti alla scuola, nei suoi corridoi affollati, L'indifferenza Mi manca il coraggio di guardarti negli occhi. Nel piazzale davanti alla scuola, nei suoi corridoi affollati, nei suoi bagni che odorano di fumo di sigarette aspirate avidamente hai subito

Dettagli

POESIA DEI BAMBINI. Guarda con stupore, un dono da dio, contando le ore, chiusa nel buio, sola soletta con un berretto, dove pareva scomparsa,

POESIA DEI BAMBINI. Guarda con stupore, un dono da dio, contando le ore, chiusa nel buio, sola soletta con un berretto, dove pareva scomparsa, POESIA DEI BAMBINI Guarda con stupore, un dono da dio, contando le ore, chiusa nel buio, sola soletta con un berretto, dove pareva scomparsa, una bambinetta tanto magra, e soddisfatta, senza una famiglia,

Dettagli

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo La Combriccola della Mezza Luna pae e di e nd r e illustrato da Ottavia Rizzo www.lacombriccoladellamezzaluna.it A quelli che sanno sognare, perché non debbano mai smettere. A quelli che non sanno sognare,

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

C era una volta. Endi il Folletto

C era una volta. Endi il Folletto C era una volta Endi il Folletto Storia elaborata dalle Classi Terze delle scuole: Le Grazie Pittura San Vito - Politi Endi, il folletto, è un fanciullo di corporatura esile e non molto alto. I suoi occhi

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

preghiere Associazione Ragazzi del Cielo guardando di la

preghiere Associazione Ragazzi del Cielo guardando di la preghiere Associazione Ragazzi del Cielo Ragazzi della Terra 1 guardando di la Madre di tutte le madri Vergine Maria, madre di tutti i figli, madre di tutte le madri e di tutti i padri. Noi, famiglie dei

Dettagli

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007 PORCHIPINO Temi: L incontro, lo stare e il partire. La narrazione della storia di Porchipino, un piccolo riccio rimasto solo nel bosco, introduce i bambini al tema dell incontro, dell accoglienza del diverso

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Gigisland I edizione 2011 Luigi Giulio Bonisoli Responsabile della pubblicazione: Luigi Giulio Bonisoli Riferimenti web: www.melacattiva.com www.scribd.com/luigi Giulio

Dettagli

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA C A N I D A S S I S T E N Z A F I D E S LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA r Mirjam Spinnler e Bayou Caro Bayou, che cosa farei senza di te? Con te la mia vita è più semplice, allegra e colorata.

Dettagli

venti giorni fa a una festa e ci siamo telefonati un paio di volte. Ieri doveva esserci il nostro

venti giorni fa a una festa e ci siamo telefonati un paio di volte. Ieri doveva esserci il nostro LEZIONE 1 SOLUZIONE ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso volevo arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. Ci siamo conosciuti venti

Dettagli

Quella baldanza tutt altro che ingenua

Quella baldanza tutt altro che ingenua Quella baldanza tutt altro che ingenua Quest anno, per cause di forza maggiore, ho dovuto lasciare la Lidl di Campi Bisenzio e mi sono ritrovato a fare il capo equipe, diciamo in compartecipazione, alla

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni

IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni CANZONE: QUESTO VESTITO BELLISSIMO Giacobbe: Ecco, figlio qui per te una cosa certo che ti coprirà, ti scalderà, e poi sarà un pensiero mio per te. Ti farà pensare a me, al

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO Anno 2005/2006 La Biblioteca per i Pazienti Impressioni dei Volontari Gloria Lombardo, Valeria Bonini, Simone Cocchi, Francesca Caffarri, Riccardo

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA Associazione culturale per la promozione del Teatro Musicale contemporaneo P.Iva 04677120265 via Aldo Moro 6, 31055 Quinto di Treviso - Tv IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA TERZA VERSIONE autore:

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose Sean e le Una Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose da Drynites Sean e le Scarpe Luccicose Sean era così timido che quando arrivava il postino a consegnargli una lettera, era troppo timido per salutare.

Dettagli

Atto di fede, Luciano Ligabue

Atto di fede, Luciano Ligabue Atto di fede, Luciano Ligabue Ho visto belle donne spesso da lontano ognuno ha il proprio modo di tirarsele vicino e ho visto da vicino chi c'era da vedere e ho visto che l'amore cambia il modo di guardare

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

Ti racconto attraverso i colori

Ti racconto attraverso i colori Ti racconto attraverso i colori Report del viaggio a Valcea Ocnele Mari Copacelu INVERNO 2013 "Reale beatitudine Libero vuol dire vivere desiderando casa protetta Libertà è tenere persone accanto libere

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con LEZIONE 1 ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. (conoscersi) venti giorni fa a

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana Via Aurelia, 796-00165 Roma - Italia www.caritasitaliana.it Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana PRIMA SETTIMANA di Avvento

Dettagli

Esercizi il condizionale

Esercizi il condizionale Esercizi il condizionale 1. Completare secondo il modello: Io andare in montagna. Andrei in montagna. 1. Io fare quattro passi. 2. Loro venire da noi. 3. Lui prendere un caffè 4. Tu dare una mano 5. Noi

Dettagli

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il padre. La bambina viveva con sua madre, Maria, in via

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli