MUNICIPIO CITTA' DI NASO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MUNICIPIO CITTA' DI NASO"

Transcript

1 . MUNICIPIO CITTA' DI NASO Provincia di Messina Delibera N. 10 del COPIA DELIBERAZIOI\E DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: Approvazione Piano Finanziario della Tassa Rifiuti " TARI". ANNO L'anno DUEMILAQUINDICI, addì DICIASSETTE del mese di MARZO ( ) alle ore 18:30 e seguenti, nella sala del Cine Auditorium Comunale ubicata in via Cuffari, giusta ordinanza sindacale n. 08 del 16 giugno 2010, a seguito determinazione del Presidente del Consiglio Comunale, il Cons.iglio Comunale, convocato ai sensi dell'art. 19,30 comma, della L.R e dell'art. 22 del vigente Statuto Comunale, si è riunito in sessione ordinaria ed in seduta di inizio disciplinata dal l' comma, dell'art. 30 della L.R , n. 9, risultano all'appello nominale: Numero Consiglieri Presenti Assenti I BEVACQUA IVAN NANI'GAETANO J CALANNA MASSIMO A PENSABENE BUEMI LUCIANO ) RIFICI FILIPPO MASSIMILIANO o LO PRESTI DECIMO 7 BONTEMPO CLAUDIO 8 SCORDINO CONO o TzuSCAzu FRANCESCO TzuSCAzu ANTONINO 2 LETIZIA ANTONINO J PARASILITI MAzuA 0 PORTINARI ALFREDO A GORGONE ROSALIA ) CATANIA FRANCESCO Assegnati n. 15 Presenti n. 1t In carica n. 15 Assenti n. 04 Assume Ia Presidenza il consigliere, dr. Ivan Bevacqua, nella qualità di Presidente del Consiglio Comunale. Partecipa il Segretario Comunale. dott.ssa Carmela Catiò. Sono presenti: Itassessore Giuseppe Randazzo Mignaccal loassessore Giovanni Rubino; Itassessore Massimo Costantino e il responsabile dell'area contabile, dott.ssa Giuseppina Mangano. II Presidente, riconosciuto legale il numero degli intervenuti, apre!a seduta. La seduta è oubblica.

2 - -: - - ll Presidente legge la proposta didelibera' fassessore Randazzo Mignacca chiede di intervenire. Dice di essere riusciti a ridurre di altri 30'000,00 euro il costo del servizio, incentivando l'uso delle compostiere, attivando anche altri sistemi per la differenziata e per ilsuo incremento si potrebbero raggiungere standard maggiori', capogruppo Nanì intende sotto*neare che da quando ir servizio è stato trasferito dagli ATo ai comuni' i costi sono stati ridotti un po, per tutti i comuni con una riduzione da ,00 euro circa a 520'000'00 euro. continua dicendo che c'è stata una riduzione del 5% dei costi sull'anno precedente ed un ampliàmento deila base der bacino di utenza, considerato che morti utenti non risultavano neanche iscritti' It capogruppo calanna, per dichiarazione divoto, asserisce divotare CoNTRARIO perché: <<"" si aspetta di più dall'amministrazione>>' ll presidente mette ai voti, per alzata e seduta, la proposta che viene approvata con n' I VOTI FAVOREVOTI e n. 03 CONTRARI ( Bevacqua' Calanna ; Bontempo); Sentita la lettura della proposta dideliberazione; Sentiti gli interventi in aula; IL CONSIGLIO COMUNALE Vista la proposta agli atti, con voti: n.08 FAVOREVOLI e n' 03 CoNTRARI ( Bevacqua; calanna', Bontempo)' DELIBERA di approvare la proposta agliatti'

3 . - -]ú w Municipio della Città di Naso Provincia di Messina proposra Dr DnLTRERAZT.*' *JJ on" 0 3 ' 0J. )l n"oil consiglio.'munalb PIìOPOIIENTE: ASSESSORE AI-LE AT'TI\/ITA' PIìODUTTIVE OGGtrT'TO: Approvazione Piano Finanzial'io dclla Tassa Rifiuti "TAIìI" - anno L'ASSESSOTìE ALLE, ATTIVITA' PRODUTTIVE \/IST,^I la legge 27 dicembre 2013 n. 147 (lcgge di stabilità 2014) che ha stabilito, tra l'ahro, I'istituzior-re dell'ln-rposta Unica Cc-ununale "ILIC" dal 1 gennaio 2014 e delle sue componenti TASI c TARI, oltre ad una modifica normativa della componente IMU; VISTO che I'art. 1, comrni da 639 a 703 deila legge soprainclicata, ha introdotto a partire dal ,la nuova tassa sui rifiuti (TARI), sostitutiva dei precedenti prelievi applicati sino al 2013 a copertura dei costi del sen'izio di gestione dei rifiuti; Ri CI-IIAMAT'O in particolare : o il comma 654, il qr"rale prevede che la tassa sui rifiuti (TARI) deve assicurare la copertura iltegralc dei costi di investimento e di csercizio relativi al servizio, ricomprendendo anche i costi dello smaltimento dei rifìuti nelle discariche;. il comma 683, in base al quale il Consiglio Comunale deve approvare le tariffe della tassa sr.ri rifiuti (TARI) in conformità al piano finanziario del sen,izio di gestione dei rifiuti urbani: o il comua 651 il quale disponc che il Conrune nella cotnmisurazione della tariffa tiene conto dr:i critcri detenninati con il rcgolaniento c'li cui al Decreto del Presidente della Repubblica 27 aprrle 1999, no 158; \/trsto I'art. 8 dcl predetto D.P.R. 158/1999, il quale dispone che ai fini della determinazione della tariffa. i coinuni appro\/ano il Piano Finanziatio degli interventi relativi al servizio di gestione dei 'ifi,'ii ',,-h,,nin,lir.'idslndo tlllltlr ut \,(tllt, lllul v i1 particolare i costi del Sef izio e gli elenenti necessari alla relatita lrtrihrrzionc della oarte fissa e di quella variabile della tariffa. per le utenze domestich e non domestiche: i/is'[à. la relazione, allegata al prcsente atto, che accompagna il piano finanziario predisposto dal Responsabile delllalea Economico Finanziaria di concefto con il Responsabile dell'area Tecnica I suiia previsione di spesa relativa al servizio di raccolta, trasporto, smaltimento dei rifiuti, di spazzamento e pulizia strade, nonché delle spese di gestione diretta del tributo in tutte le sue fasi;

4 = = VISTA la cjeiiberazione del Consiglio Comunale no 38 del 9 setternbre 2A14 con la cluale e stato approvato il Rcgolamento della Tassa RifiLrti- TA.RI'; V1STO 1'art. 53. conlrììa 16, della Legge , no 388, cotne modificato dall'art.27, cornma 8, dcila legge no 448; VISTO il Decreto del Ministero dell'lnterno che differisce al 3I matzo 2015 il termine per la clcliberazione del biiancio di previsione per I'anno 2015 da parte degli Enti Locali. VIS'IO il D.Lgs 18/08/2000 ^ n" )67. VISTO 1'Ordinamento Ar.nntinistrativo Enti l-ocali vigente in Sicilia. VISTO 1o Statr-rto Comttnalc. SI PROPONE CIIE IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERI Di approl'are il Piano Finanziario lelatii,o al servizio di gestione dei rifìuti urbaui per I'atrno 2015' reclr.ttr; ui sensi,jcl1'art. 8 ciei i).p.iì-.27 aprilc 1999 u aliegaro al prescnte provvcclirncnto qlraic paile ir-rlegliìtttc e sostatrziaie. iii stabilile c5c e conrponenti ciei costo cli gestione clei sen,izi di Igiene Urbana, deternlinati dal.í''iano Irinanziario per l'auno 2015, amnontano a complessivi ,00' Di darc atto cire l'approvazione del sr.rindicato Piano Finanziario è propedeutico e funzionale alla deielnriuilzione clelle taliîfe TA. R I. il lì.esponsabilc dcl Servizio ì,' I struttore Antltr-.\,o Ourntela Sirna tbl^^.ao,htt ^r., - ' u \ Il Proponente

5 E = -- piàruotrtqaruzfàntal - :tn R I - nmrva-ists Premcssa ll presente Piano Finanziario, redatto in conformità a quanto previsto nel D.P.R. n' 158/1999, ha lo scopo cli fornirc iclati utili all'applicazìone, ncl Contutre dinaso, del TribLrto Comunalc Servizio Rifiuti (TARI) ai sensidella l,eggc no 147 del ll Piano lìinanziario c'levet,iclenziare icosti complessivi, direttie indiretti, del servizio, e dividerli fra costi f issi e costi variabili, sulla scorta dei criteri indicatinel richiamato D.P.R. n' 158/1999. La TARI, infatti, ha tuua struttura bil.ror.nia, che riparlisce irr maniera differente i costi fissi, relativi alle componenti essenziali clel costo clc-l servizio, e cluclli variabili, dipendcnti dalla quantità dei rifilrti conferiti. Ne deriva, qttirrdi, una corrclazione tra paganlcrtto c'lei scn'izio c prodttziotlcici riíìtrri. Il [)iano iìinirnzialio. olrrc ail'ciencazione clei costi, si conrpone di trrra pane ciescrittiva che illlrstra le caralrcristiche principali dcl sclvizio di gcstione dci rifiutie le sue prospettive. ì! presente clocurtrento è stato predisposto sulla base delle "Línee guida per I.a redazione clel Piano Fitttlnziorio c iter!'eltl'tcrct:tione de!lc /crriffe", fornito agli F,nti I-ocali clal Diparlinlento delle Firtarrze del fl i n istero. la le1r11c rli stabilitiì 20i,i nn i,i7 tl,,rl ha istitlrito cot.t decorretrza 0ll0ll20l4 I'imposta unica r:giriuuale- It.jC clre si basa su clue preslrpposti impositivi, uno costiluito dal possesso di immobili e r:olicg2to alla loro naturit e valore, l'altro collegato alla erogazioned alla fruizione di servizi; la IUC si (,'(lr.ìpone delf inrposta urlrnicip:rlr: pr,-'lpria "'[N4LI", di natltra patrirrtoniale, dovuta dal possessore di irrrnrobiii. esclusc lc al,.itr:rioni plin,--i1-.ali, e cli una corl-rpollcnt,,'ril-crita ai set'r'izi. chc si arli':roia Irtr! tributo piìr iiì(-rr\,ìzi in,jivisittili"-fa:ì1". u carico sia del l)osse:js();11 clte clcll'utilizzatore clell'irnrllolrile. e nella tassa r,lri rifir.rli "'i',\ìì1",,-[-stil;a,.1 e l;nllnz.ii,l'c icosti dcl servizio di r-accolta e slnaltinlento dei rifilrti, a carico dt: I í' rrt i I izzaiore,. t-,a TARI riprencle la normativa della TARES (abolita dal 01/ ) anchc nella commisrtrazione della laiilln occofretenei-e conto dr:i clit,-'r-i cletelrrinaii con il regolatletrto di ctri al D.P.R ll l).p.ll. 158/99 errrirrrattl altr-raziorrt: del quinto collllra dell'at1. zl9. D.Lg.s.22l 1991 (c.d. dec etcr "lì.t,rrclii"), recii l:i discrpliua clcila tariflà pcr Ia gestione dei rifitrti urbani (la c.d. TIA), ed elabora un rneto,jo lorrlalizzato pef definire le cornpottenti dei costi e determinare la tariffa di riferimento, grrcvcclerrclo disposizioni transilorie ltcr gara.ntire la graduale applicazione del metodo normalizzato e della taril-la cil il 11r'i.,.JLnl,: r'a[t!,,ìtrn!,,irrrcrr1rr dcll'irttesrali: coltertrtra dei costi del sen'izio di gestione dei rifiuti i,r'birrti dlt nltt,' dci uc'rttirrti. ll ìi.p.tì. l5fì ar,'r'ebbc già cloytrto essr-re soppiantato da un ttltoro atto regolanlentare, noll ancora,:1ì.ìarato e l,eiialt() fiuo ella s1e entiìnazione contittuano ad a;tplicarsi le discipline regolamentari vigenti, costituilc in par-ticola e clal citatc D.P.R., che perlanto ha transitato dalla TIA alla TARES ed infine alla 'l'aiit.

6 = = Il richiarro tlcl D.P.R. 158/1999 all'interno dclla discil;lina della TARI pr-esuppone che il nuovo tributo lisulli crrntralibìla, almeno irr linea di nrassima, con la metodologia colltenltta in tale decreto. Si pr"ro, inl'atti, ritrarcare che trella'fari: a) [.a tariffa è cornrnisuratalle qlrantità e qualità mcdie ordinarie di rifiuti prodotti per unità di superlìcie. in rclazione agli usi c alla tipologia di attività svolte, in evidente conformità al criterio "prcsrrnlivtt" ltrcrislo clal D P.lì. l58i 1999 per gli enti locali c:ltc non abbianorganiz-zato sisterlri di rtrisrrlazionc dclle cllranlitli i riljuti conl'criti clallc singolc Lltcuze. donrestiche o norr doltrestiche (ar1. 5, corììrìur 2. c art.6, conr.na 2 D.P.R. l5b/1999); tr) La tarifla è composta da una quota determinata relazione alle componenti essenziali del costo del servizio di gestionc dei rilìlrti. rifcrite in particolare agli investimenti per le opere ed ai relativi rrnruroltaurcnti, c cla trna rilrota lapportata alle qrrantità cli riliirti cotrferiti, al serviziit 1'ornito e all'entità dei costi di g,estiori,,'. in modo che sia assicrlrala la copcttura integrale dei costi di invcslinrt:rrlo c di esercizio, conrpresi i costi di suraltinteltto. c) S(lnLr assicllratc li,ltrzioni per lu nrccolta difl'erenziata riferibile alle utenze domestiche. La tariff:r cli riferinrento faitpresentlr. corre 1;oi specifica I'art.2, D.P.R. 158/1999. "1'insieme clei criteri c dcllc corrrjizi,:ni circ {Llr,,r)rìrl cssclr lisp'.'t1e1i pcl Iar cletcrnli!raziùrìc tlella tarif'fa da parte clcgli ertii lclcali". itl llgdo cl:r',cc,.1_.r-ir.e ilrtticr_.st.i ai'lì_.repti 1l scr-r'izio cl i ucstione'dei rilìuti rrrbani". il ntctorlo. r;r;r"lailto, r l:ostiltrito cllr rrrr,ror.rrpli:sso di lcllole. nrc'todologie e presclizioni pcr determinat'c, da Lrn Iutc'. i,:csti clel scrr izio di geslicrre e, dall'altro, I'intera struttura tariflaria applicabile alle varie cutcsorie cli rrtcnza in rnaniera talc clrc il gettito clte ne dcliva copre tlrtti costi del serr izio. Ltr tarillìl i; corrrllosla d:l rrrrr parlc lìssa^ clclcrrrrinalrt irr rclaziottc alle cotnpr:ltcrtti essenziali dr:l costo r.lel sr:n'izio, rifèritr: in plrrticclare agli irrvcslimenti per le opere e ai relatir.'i an-lnlortarrenti. e da ttttl 1;at-te.,iilirlriit. r'lrilll{lrtsta alle qurrntità cli riliu.ti conferiti. al selvizio fornito e all'entità dei costi di gestiorte ed c articolala nclle fr-sce cli utcuza Come stica e non domestica. La nretodclogia di cleternrirrazione delle taril'fà si articola nelle segtuenti 1'asi fondamentali: a) InrJir''idurziorte c clas:rifì'.:aziorrc dci ccsti clel seivi:til: tr) Sirrdrli','isionc dcì costi lra fìssi c r':rliiibiii: cì 1ìl il,rrliì;riirnc cici co:;tiìs;ir: i'eriaoili in cr,ioii: irripritabili aller uii:nzi: dorttcstiche, íl) Crrlcolo ilclii: r'o'-:i ilirií-iai'ic. fissc c variabili. da altribuire alle singole categorie di utcnza. in base allc tbrmrrl e ai cocftìcienti indicati ncl metodo. l.': fusi a) i: b) {ìttailgollo ril i-.inli,t fìiranziaiio. tt rrcr_tlio iil prosd,:lir-r eclrtortticti - finanziali,t. Lrr 1a:;i i:) e d) aiicilrolr.i. in,,'ct',e. rillc Ci:iibt;'':: tai'i1îirie. iliribtrir,'i,\lìì r') rlir'":ilcr qundia collr'!r'u ilcr.sto de I si:r'r'izio di gestiont I'ifiLrti. i.rr lrr'llfìr vir:ire r.lr,te,rrrriirirla srrlla bilsi: del Piano Finanziario del sclvizio di gestione dei rifiuti urbani lc.leltc rlrrl Iìesponsabile dell'arca llcononrico Finanziaria di concefio con il Responsabile dell'area 'ft-cricn l ec. irf*qll1o con i crr:;ti inte'rni drl Colrrune nr:r'la gestione diretta del tributo in tirtte le slre fasi. l,r oîrìii'-'i"isiii:itr: r:i'iitciiraliclel sistr)1ì.ìzì l:lril'lirlio Srlìr-r lar :l{.i1tu:'nii:

7 . -. creare una conelazione tra pagamento del servizio ecl effettiva produzione dei rifiuti;.darecopentlraatuttiicostiinerentiilserviziotramitel,impiarrtotariffario;, provocare, in virtùr dei punti precedenti, un circuito virtuoso che consegua una riduzione delle Produzioni di rifiuti' Il comune di Naso garantisce 'effettuazione der servizio di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti solidi urbani e ra differenziata tramite ra ditta Multiecoplast s.r.l. in forza di affidamento diretto' giusta ordirranza Sindacale no e successive, ne'e rnore delra costituenda ARo' Il servizio di spazzamento e pulizia delle strade e piazze'in ultimo' viene espletato attraverso un progetto di attività civicautilizzandosoggetticlreversatroincondizionididisagioeconomicoesociale. pertanto, il prese'te piano Fi'anziario è redatto, in conformità al dettato del D'P'R' ' no 158' su'a scorta dei costi sostenr_rti dal'amministrazione comunale per la gestione delratariffa e per il servizio diraccolta,tfaspol-toesmaltinretrtodeirifiutisolidiurbaniediffererrziati. L'art. B del D.p.R. 15g/gg prevede crre ir pia'o finanziario cra redigere ai fini delra determinazione della tariffa comprenda: t Il programma degli interventi necessari;. ll piano finanziario degli investimerrti o La specitica dei beni, struttr-rre, servizi crisponibiri, ir ricorso a*'eventuare utilizzo di beni e strutture di terzi; n Lc risorse fittanziaric necessaric' poicrré, ar mome'ro, il servizio di raccorta dei rifiuti è stato afficlato alla ditta Multiecoplast' dotata peftanto di propriaar_rtonomia furrzionale di u, proprio bilaucio, ir piano creglin'estirnenti e ra specifica dei beri' strrtture, ecc. souo conte'uti negri atti foncla*entari clì progra'r.razioue economica della ditta medesima' Il servizio c1igiene urbana è svolto, su quasi tr.rtto il territorio cornnnale, con il sisterna di raccolta "porta a poúa,,, in sostituziorre del sistema di raccolta passiva con cassonetti stradali' in rnodo da garantire un migliore decoro urbano, una maggiore tutera dell,igiene e clella sarute pr-rbblica, un minor conferimento in discarica di Lifiuti indiffere'ziati, nonché u'a maggiore confo''ità con gli stanclarcls e gli obiettivi previsti dalla normativa nazionale e regionale. Gli ute'ti hanno la possibilità di conferire i rifiuti differenziati in giornate e/o orari anche diversi a qr,re'i previsti dar calendario di raccorta presso il centro di raccolta/isola ecologica, all,uopo aftrezzatoe sorvegliato, individuato con disposizione sindacale prot. no del 7 novembre 20i4. r'ortre, al fine di i.centivare ra raccolta differenziata dei materiali riciclabili e di ridurre la quantità di rifiuti da smartire s.rà i.stallato su spazio comu'ale Ll'eco-colnpattatore clesti'ato alla raccolta di imballaggi in plastica ed alllrminio' La tipologia di ser.vizio attualmeute svolto, nou risurta in grado di garantire erevate perce'tuali di raccolta differenziataacausadiunamolteplicitàdifattori: 1. Mancato conf-erimento in impianti di compostaggio dellafrazione organica raccolta' stante l'assenza' a distanze contenute' di impiantiserventi lo scopo' 2.Mancanzacli uu centro comunale di raccolta dei rifiuti differenztatt'

8 Le criticità evide'ziate nel precedente paragrafo necessitano di una r\organizzazione complessiva del servizio ed nna programma zione a lungo termine. Alcune de'e problematiche presenti, potranno essere affrontate a scala sovra comunale nell'ambito del nuovo moclello otgan\zzalivo degli ARo (Ambito Ristrettottimare), i' fase dicostituzione, giusta deribera consiriare diadesione n'23 dell'8 agosto 2013' Ir progetto unitario per i servizi di igiene urbana dovrà prevedere investimenti strutturali in terrnini di servizi alra raccolta (ecocentri) e potrà creare economie di scala per ottimizzare ir trasporto della frazione provincia. Temporaneamente continueranno ad essere applicati gli incentivi per i compoúamenti crre favoriscono la riduzione e il recupero dei rifiuti organici attraverso la pratica del organica anche fuori corlpostaggio dornestico' Attuarmente, il comune di Naso, sta affrontando la fase transitoria di gestione deila raccolta rifiuti tramite ARo che prevede un mantenimento degri attuari servizi mediante gli str*menti de'e ordinanze si'dacali o delleproroghetecnicheperlagestionesingoladeiservizisulterritorioamnrinistrato. per l,anno 2015, in r.ur,ottica di qualificazione di ottimizzazio'e crei servizi di gestione deirifiuti' si cerca di garantire standard rninimi per I'igiene e il decoro ltrbano' per l,anrualità 2015, al comu'e di Naso compcte soro il riconoscimento degli oneri al gestore dei servizi ed il pagarnento degli oneri di srlaltimento con i conseguenti tributi' Irr parlicolare nelra Tabelra 1 si sintetizz aiorganizzazio'e dei Servizi di Igiene urbana attivi relativamente q ' l. l'area ttrbana di Naso; 2. le lt'ee rtttali' rl ser'izio cii raccolta dorniciriare di ingombranti a'viene a chiamata per la prenotazione del ritiro dei nl ltltl. sen,izio distinte Per tipologia Ncllatabelladisegr-ritoripoúatasorroitrdicatelefrequctrzeclipassaggiodel diutenza(utenzcc]onresticheenotlc]otrrestichcsutlrttoilterritorio). T:rbe'a 1: sintesi dei ser-vizi offerti data rritta clei ser'izi di Igiene urbana ne''area u'bana cli Naso e nelle aree rurali del Comune' SBRVIZIO Raccolta attiva umido e organlco FREQUEI{ZA UTENZA UD UnD UD Raccolta secco non riciclabile Raccolta Plastica e ingombrantt v1 'ti i l UnD UD uno L I Raccolta cafta e cartone

9 . - Raccolta vetro e UD UnD del territorio comunale con diffcrenti frequenze di spazzarnento da giomaliera a settimanale quindicinale' Il servizio di lgie'e urbana sur territorio co'unale di Naso è affidato aila ditta Multiecoplast, la quale' 'ell,ambito delle prestazioni pre'iste da contratto, mette a disposizione strutture e beni serventi lo scopo' / trasporlo dei rifiuti per l'anno 2015 si sono Ai fini della determinazione dei costi di smaltimento considerati i dati storici a consuntivo dell'anno 2014.Iprincipali rifiuti e le loro quantità sono: l)escrizione ttpologta rtrtu ru Rifi uti indifferenziati Cafta e caflotre Orsattico = hrballaggi di caftone lngornbranti Plastica Vetro TOTALE Il prospetto riassur]tivo, di seguito riporlato, analizza secondo le modalità indicate nelle linee guida del N4inistero clelle Finanze, le varie voci di costo che compongono i servizi di lgiene Urbana' Esse risultano coerenti co' icriteri introdotti dal DpR r5g/1999, prcsentando u'a s'ddivisione in costi fissie'ariabili' Strazz-arnento stracle" piazze pubbl iche Raccolta e traspotlo Trattatnento e stlralti mento TOTALE Raccolta differenziata Trattamento e riciclo TOTALE Amrrrinistrazione accefiamento e rlscos Gestione , ,00 10E , , , i 1,00 geuerale del servizio TOTALE ,00 TOTAI,E GENBRALE ,00 RIPARTIZIONE COSTI FISSI E VARIABILI Quantità in KG Ke Ke Ks 143.8l0 Ke 2l.300 Ks Ks Ks Ks L ,740 COSTI VARIABILI ,00 CR'f-Raccoltaetra ,00 CTS - Trattallento e smaltitnento ,00 CRD - Raccolta differenziata c CTR -'lrattamento e riciclo COSTI FISSI CSf- - Spazzamento strade, piazze pubbliche CARC - Amministr CCC - Gestione generale del sen'izi-q 82,459, i,00

10 - I costi sono ripartiti tra utenze domestiche e non domestiche secondoil seguente schema di riferimento: QUOTA FISSA 31,7ln ,00 úténzs-nomesrlche 80% UTEME NON DOMESTICHE TOTALE DOMESTICHE ,20 TOTALE COSTI QUOTA VATìIABILB 68,29u/o ,00 úîsxze nomestiche 80% UîENZE NoN nomesrlche 20"/ ,80 TOTALE NON DOMESTICHE ,80 E piii nel dettaglìo il piano finanziario si suddivide in: QUOTA FISSA CGINDCosticligestionedelciclodciscr-viziRSUlndiffercnziati-comprendc: cs,- _ costi sostenuti per il servizio cli raccolta relativa a'o spazzarnento e lavaggio strade cornprettsivo delle quota relatival costo del pcrsortrlc: CC - Costi comuni - comprende: carc _ costi generali a carico der comune per 1a gestione der servizio tributi, in parlicolare spese postali' informatiche e cancelleria; CGG - costi del personale' calcolato nonclté i costi dcl personale cotlutrale attribtrito al setvizio' uella misura del 60% dei catronidi raccolta rifiuti e trasporto RSU CGINDCosticligestionedelciclotlcisetr,iziRsUlndiffcrenziati_conrprende: crt _ costi sostenuti per ir serr'izio di raccorta e trasporto der rifiuto indifferenziato al netto della qttota *."clicostidipersonaleirrseritanellar,occcggconlesopraspecificato; e'_ costi di trattamento e snrartimento der rifrlrto indiffere'ziato, stimati sulla base dei quantitativi 2014; CGD-Costidigcstionedelciclotliraccoltadiffererrziata_conprcnde: CRD-costidelserviziodiraccoltaetraspottodelrifiutodifferenziato; CTR - costi cli trattamento e riciclo del rifiuto differcnziato' ll Responsabile A dott.ssa Gj nico - Fiuanziaria angallo ^f.u r""ni"n, Il Responsabile arch. Mario SidótiMieliore I

11 É Parere del responsabile del servizio in ordine alla regolarità tecnica. Ai sensi dell'art.49, comma 1" del D. Lgs per come modificato dall'art. 3, comma l,lett.b) L. n e successivamente modificato dal D.Lgs. n , a sua volta contenente disposizionintegrative e correttive del D.Lgs. n. 118/11 ed ai sensi dell'art. 12, L.R. n. 30/00, per quanto concefiìe la regolarità tecnica della proposta di deliberazione relativa all'oggetto esprime parere: Favorevole. Naso.e a/c\p/zcts t l Parere del responsabilc dell'ufficio di ragioneria in ordine alla regolarità contabile. Ai sensi dell'art.49, comma 1'del D. Lgs per come modificato dall'art.3, comma l,lett.b) L. n e succcssivamente modificato dal D.Lgs. n. 126/14, a sua volta contenente disposizioni integrative correttive del D.Lgs. n. 118/11 ed ai sensi dell'art. 12, L.R. n.30/00, per quanto concerne la regolarità contabile della proposta di deliberazione relativa all'oggetto esprime parere: Favorevolc. Naso, Il Responsabile dott.ssa Gi

12 -. Registro Revisore dei Conti Contrtne di Nctso pag.29 Verbale n.21 del 0Z/03/Z0ts PARERE SU: COMUNE DI NASO PROVINCIA DI MESSINA "? í,iaii :i /u\ Proposte dall,assessore Giuseppe Randazzo. Il sottoscritto -Mileti Antonio nato a S. Marco t'esidente d'alunzio in via (ME) Gebbia il n' 16, 0g nominatjrevisore ed tvl dei C.Cl. contili n. questo 40 in data Ente con deliberazione dcl esecutiva: ESAI\{INATE Le proposte di deliberazioni presentate clali'assessorc Giuseppe Randazzo sopraclescritte. DATO ATTO - Relativarnente al P'F' 'l'ari, esso evidcnzia le modalità di gestione del ciclo clei rifìuti, gli obiettivi e ne cvidenzia i costi relativi: - Relativamente alle tariffè esse prevedono la copertura integrale cii tutti i costi. TENUTO COÌYTO Del parerc favore'ole cli regolarità tecnico cortabile espresso fl'anziario' dal dott'ssa Responsabile clel servizio Mangano 9t::tnPlia e dei por.r. dcll'area favorevore Tecnica Arcrr. reso dar Ma,'io Respo'sabire Sidoti M'igriur".iur.r,io i.rì" propri. comperenz, Il contenuto delle proposte fonnulate VìSTO ESPRIME PARERB FAVOREVOLU proposte di deliberazioni presentatc dall'assessore ogg.rrolullu Giuseppe Rancrazzo aventi acr Naso /2015 IL REVI

13 .. MUI{ICIPIO DELLA CITTA'DI NASO PROVINCIA DI MtrSSINA RIUNIONEDELLAIII^COMMISSIONE,CONSILIARE,PERMANENTE BILANCIO E FINANZE, - PE,RSONALE VERBALE N I /15 rì 16l03l20rs l,,arutocluemilaquintlici,addìl6clelmcscrlimarzo.alleorel0'30strconvocazion presiclente, è riunita nei iocali M,nicipali. ra III" Con-rmissione consiriare Permanente, sono presenti ', ) N Ai NSignori: I ' G A E T A N O V I C E ' - P R E S I D E N D E ' zj noxrempo claudio componente' E, altresì presente l,assessore RANDAZZO MIGNACCA Giuseppe AsserrtiiSigg.IVANBEVACQUA-RIFICIFilippo-]-RISCARIFrancesco-Catan Francesco ( sostituito clal consigriere Gorgonie Rosalia. giusta delega del vice-presiderrte Nani' Gaetano). SvolgelernansiotlidiSegretarioladipendenteCAI.CERANoArrrraRita,distacc suddetta Commissione. r-^ :r.^..'--^..^,.r.' Assume la Presiclenza il vice-presidet-rte NANI' Gaetano il quale constatato che il numero det prese'ti non.uggi.,'ng" quelro regale. e che ì'aula è impegnaia dalla r^ commissione. rin'ia la stessa di 1 ora ( I 1,30) - (vig"nt. regolamento delle commissioni). LETTO, APPROVATO e SOTTOSCRITTO' tl \/ICE-PRE,SI}E,NTIi f.to Nanì Gactantt IL SEGRETARIO f.to Anna Rita Calcerano Alle ore I 1,-10 risultatto prcscnti: l) NANI' GAL'I'ANO VICÌ1 -PRESlDtlNl'il 2) GORGONII lìosalia COÌ\4PONI]I.TE Asser.rti i Sigg. lvlr.n IIHVACQLJA- RIlriCl Filippo - TRISCARI Francesco- CA]'ANIA irrancesco ( sostitr-rito dal ConsigiicrcColgone Iìosalia, giusta cielega del Vice-Presidentc Nani' Gaetano). Il Vice -Presidente, constatato cìre alle ore 11,30 uon si riscontra il nr-tmero legale' dichiara ìa seduta odierna cieserta, rinvianclo ogni decisiotre al Corisiglio Comutlale' LEl'l'O. APPROVATO e SOTTOSCRITTO TL \/ TCE..I'II OSIDIiNTII f.to Nanì Gactano IL CON,{PONENTE f.to Gorgone Rosalia IL SEGRET,.\IìIO f.to Calccrano Anna Rita

14 ' - l,etto, approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE IL 5EGRETARI9 C9MUNALE IL CONSIGLIERE ANZIANO F.to dr.ivan Bevacqua F.to dott.ssa Carmela Caliò F.to rag. Gaetano Nanì CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE E' copia da servire per uso amministrativo.- Naso, lì IL SEGREI Il sottoscritto Segretario Comunale, su conforme relazione dell'addetto alle pubblicazioni, visti gli atti di ufficio; CERTIFICA Che la presentedeliberazione è stata pubblicata all'albo on line di questo Comune per 15 giorni consecutivi dal ( Reg. Pub. N. ) L'addetto alle pubblicazioni F.to IL SEGRETARTO COMUNALE F.to dott.ssa. Carmela Caliò SI ATTESTA CHE LA PRESENTE DELIBERAZIONE E' rimasta pubblicata all'albo Pretorio on line di questo Comune per 15 giorni consecutivi e che contro di essa non sono stati presentati opposizioni o reclami. E' stata trasmess ai capigruppo consiliari con nota n. del Naso, lì IL SEGRETARIO COMUNALE F.to dott.ssa Cqrmela Caliò CERTIFICATO DI ESECUTIVITA' Si certifica che la presente deliberazione è divenuta esecutiva il Naso, lì decorsi I 0 giorni dalla pubblicazione IL SEGRETARIO COMUNALE F.to dott.ssa Carmela Caliò CERTIFICATO DI RIPUBBLICAZIONE Si certifica che la presente deliberazione è stata ripubblicata all'albo Pretorio on line per l5 giorni consecutivi, dal al, e che contro di essa non sono stati presentati opposizioni o reclami. Naso, li TL SEGRETARIO COMUNALE F.to dott.ssa Carmela Caliò La presente deliberazione è immediatament esecutiva ai sensi dell'art. _ comma della Legge Region ale n. 44l1ggl - Naso, lì E' copia daservire per uso amministrativo Naso, lì Visto: IL SEGRETARIO COMUNALE F.to dott.ssa Carmela Caliò ALE

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MARUGGIO (Provincia di Taranto) N. 231 del Reg. delib. REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE Oggetto: Riqualificazione dell area comunale in Campomarino denominata Parco Comunale Via

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

Deliberazione di Giunta Comunale

Deliberazione di Giunta Comunale Comune di Selargius Numero Data Prot. 155 25/05/99 Deliberazione di Giunta Comunale Oggetto: LAVORI DI ADEGUAMENTO E MESSA A NORMA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DEGLI EDIFICI SCOLASTICI. APPROVAZIONE PROGETTO

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

VERBALEDror"**"xtzol?;?îfÈiftc4r-NTACOMUN

VERBALEDror**xtzol?;?îfÈiftc4r-NTACOMUN COMUNE DI MAGLIANO VETERE. 84050 MAGLIANO VETERE (SA) C.so Umberro t @ 0974/s92A32 _992076 COPIA VERBALEDror"**"xtzol?;?îfÈiftc4r-NTACOMUN OGGETTO: Approvazione Progetto esecutivo di efficientamento energetico

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 26 DEL 27.10.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 26 DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

Deliberazione n. 15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELL ASSEMBLEA CAPITOLINA

Deliberazione n. 15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELL ASSEMBLEA CAPITOLINA Protocollo RC n. 6578/15 Deliberazione n. 15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELL ASSEMBLEA CAPITOLINA Anno 2015 VERBALE N. 38 Seduta Pubblica del 25 marzo 2015 Presidenza: BAGLIO AZUNI MARINO

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO COMUNE di SAN COLOMBANO AL LAMBRO BORGO INSIGNE (Titolo Araldico) Provincia di MILANO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO (Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 ================================================================= OGGETTO: CORREZIONE ERRORE MATERIALE

Dettagli

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA STRAORDINARIA DI 1 CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA N 25 DEL 14/08/2014 COPIA Oggetto: Tributo per i Servizi Indivisibili (TASI) - Aliquote per l'anno

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017.

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017. Comune di Folgaria Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Partecipa il SEGRETARIO GENERALE Dr.ssa Adriana Morittu PAG. 1

Partecipa il SEGRETARIO GENERALE Dr.ssa Adriana Morittu PAG. 1 LA PRESENTE COPIA NON SOSTITUISCE L ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N 133 DEL 08/10/2009 OGGETTO: ATTO D'INDIRIZZO PER PERFEZIONAMENTO AZIONI CONCLUSIVE PROGETTO ''LAVOR@BILE''. INSERIMENTO

Dettagli

tm \, ~. "'K,', :, ~;-.,-,.,.,..y,... " COMUNE DI AGRIGENTO SETTORE III Servizi Sociali - DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. d6::l DEL,Il - 02.

tm \, ~. 'K,', :, ~;-.,-,.,.,..y,...  COMUNE DI AGRIGENTO SETTORE III Servizi Sociali - DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. d6::l DEL,Il - 02. tm \, ~. "'K,', :, ~;-.,-,.,.,..y,... " COMUNE DI AGRIGENTO SETTORE III Servizi Sociali - r:..,... i f,p.:

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA Codice ente Protocollo n. 10388 DELIBERAZIONE N. 33 in data: 28.10.2014 Soggetta invio capigruppo Trasmessa al C.R.C. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

... DELIDERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE

... DELIDERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE CITTÀ DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani... DELIDERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE n.ili: del 2 8 MRR. 2014 OGGETTO: Concessione di no 2 borse di studio intilolate alla memoria del dotto Mauri zio Vi

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Municipale. Registro delibere di Giunta COPIA N. 96

Verbale di deliberazione della Giunta Municipale. Registro delibere di Giunta COPIA N. 96 COMUNE DI TREPPO GRANDE Medaglia d Oro al Merito Civile PROVINCIA DI UDINE COMUN DI TREP GRANT Medae d Aur al Merit Civil PROVINCIE DI UDIN Verbale di deliberazione della Giunta Municipale Registro delibere

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

VERBALE DI DETERMINA

VERBALE DI DETERMINA ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA SARDEGNA "G. Pegreffi" SASSARI VERBALE DI DETERMINA N. 116 del 20/02/2013 OGGETTO: Autorizzazione preventivo per il trasloco dell'oevr - CIG Z49089DEFB L'anno

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

DECRETO n. 375 del 11/07/2014

DECRETO n. 375 del 11/07/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

N. 68/11 del 19 ottobre 2011

N. 68/11 del 19 ottobre 2011 COPIA EDUCATORIO DELLA PROVVIDENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE OGGETTO: N. 68/11 del 19 ottobre 2011 ADEGU DEGUAMENTO ALLA NORMATIVA A DI PREVENZIONE INCENDI ENDI: : IMPIANTO

Dettagli

CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI

CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI 6 Settore: Tutela Ambientale Servizio Proponente:Servizi per l'ambiente Responsabile del Procedimento:G.Laudicina Responsabile del Settore: R.Quatrosi DETERMINAZIONE

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 569 DEL 28-08-2013 - CORPO DI POLIZIA LOCALE - OGGETTO: Canone per utilizzo Pos gsm della Cassa di Risparmio del

Dettagli

OGGETTO:Programma Integrato Urbano PIU Europa PO FESR Campania 2007-2013 Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1.

OGGETTO:Programma Integrato Urbano PIU Europa PO FESR Campania 2007-2013 Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1. *** *,. * *** La tua Campania cresce in Europa Via De Turris n.16 "Palazzo S. Anna" Te/. 081 3900565 fax 081 3900592 e-mail: urbanistica@comune.castellanunare-di-stabia.napoli.it pec: urbanistica.stabia@asmepec.it

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 OGGETTO: Recepimento verbale commissione trattante aziendale del 15.10.2013. L anno Duemilatredici, il giorno ventiquatto del mese di

Dettagli

Città di Ginosa C.A.P. 74013 - Provincia di Taranto - cod. ISTAT 073007 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Città di Ginosa C.A.P. 74013 - Provincia di Taranto - cod. ISTAT 073007 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Città di Ginosa C.A.P. 74013 - Provincia di Taranto - cod. ISTAT 073007 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 95 Del reg. Data 28.4.2015 COPIA OGGETTO: Elezioni regionali del 31 maggio 2015

Dettagli

COMUNE DI AVELLINO. COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Consiglieri assegnati n. 32 Consiglieri in carica n. 32

COMUNE DI AVELLINO. COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Consiglieri assegnati n. 32 Consiglieri in carica n. 32 COMUNE DI AVELLINO COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Consiglieri assegnati n. 32 Consiglieri in carica n. 32 ANNO 2014 DELIBERAZIONE N. 274 OGGETTO: Approvazione tariffe TARI e piano economico

Dettagli

COAWYE PERC,1. (Provincia di Siracusa) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE LA GIUNTA MUNICIPALE

COAWYE PERC,1. (Provincia di Siracusa) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE LA GIUNTA MUNICIPALE COAWYE PERC,1 (Provincia di Siracusa) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. i Registro Delibere OGGETTO: Prosecuzione fino al 31/12/2014 n. 12 contratti di lavoro di diritto privato a tempo determinato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Municipale. Registro delibere di Giunta COPIA N. 94

Verbale di deliberazione della Giunta Municipale. Registro delibere di Giunta COPIA N. 94 COMUNE DI TREPPO GRANDE Medaglia d Oro al Merito Civile PROVINCIA DI UDINE COMUN DI TREP GRANT Medae d Aur al Merit Civil PROVINCIE DI UDIN Verbale di deliberazione della Giunta Municipale Registro delibere

Dettagli

Deliberazione del Consiglio Comunale

Deliberazione del Consiglio Comunale Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza Ordinaria Seduta di Prima convocazione Comune di Finale Ligure Provincia di Savona Numero progressivo 56 OGGETTO Determinazione delle aliquote e detrazioni

Dettagli

Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale

Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale COMUNE DI CESENA Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale Seduta del 31/07/2014 - delibera n. 57 OGGETTO: TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (IUC-TASI) - ALIQUOTE E ALTRE MISURE APPLICATIVE

Dettagli

hol~e; A--fç, ttgr (.. \ g.4 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA 1 7 FEB. 2015 È assente giustificato: sig. Domenico Di Simone. ... OMISSIS...

hol~e; A--fç, ttgr (.. \ g.4 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA 1 7 FEB. 2015 È assente giustificato: sig. Domenico Di Simone. ... OMISSIS... SAPIENZA 1 7 FEB. 2015 Nell'anno duemilaquindici, addì 17 febbraio alle ore 16.00, presso il Salone di rappresentanza, si è riunito il, convocato con nota rettorale prot. n. 0009903 del 12.02.2015, per

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi.

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 1 2 OGGETTO: Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. L anno 2012 (Duemiladodici) addì 27 (Ventisette) del mese

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 922 DEL 12/11/2013 PROPOSTA N. 191 Centro di Responsabilità: Servizi Sociali, Istruzione, Associazionismo, Cultura, Promozione del Territorio

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE

VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE COPIA Determinazione n. 812 del 28/11/2013 N. registro di area 139 VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE Assunta nel giorno 28/11/2013 da Laura Dordi Responsabile del Settore AFFARI GENERALI

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO PROVINCIA DI GROSSETO Piazza del Plebiscito, 1 58015 Orbetello (GR)

COMUNE DI ORBETELLO PROVINCIA DI GROSSETO Piazza del Plebiscito, 1 58015 Orbetello (GR) COMUNE DI ORBETELLO PROVINCIA DI GROSSETO Piazza del Plebiscito, 1 58015 Orbetello (GR) Tel. 0564 861111 Fax 0564 860648 C.F. 82001470531 P.I. 00105110530 DETERMINAZIONE N 722 DEL 27/10/2011 U.O. Politiche

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

Z>,n zorrr Reg. Gen. IL CAPO AREA AA.GG

Z>,n zorrr Reg. Gen. IL CAPO AREA AA.GG Piazza Toselli n. 1-96010 Buccheri (SR) Tel. 0931880359 - Fax 0931880559 DETERMINA DEL CAPO AREA AFFARI GENERATI DETERMINAN,/UóDEL Z>,n zorrr Reg. Gen. Oggetto: Liquidazione fatîure a ll'associazio ne

Dettagli

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa COMUNE DI LARI Provincia di Pisa DETERMINAZIONE N. 519 Numerazione servizio 201 Data di registrazione 17/12/2009 COPIA Oggetto : DECRETO DI ESPROPRIO RELATIVO A PROCEDIMENTO ESPROPRIATIVO PER PUBBLICA

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

COMUNE DI SUELLI. Settore Tecnico SETTORE : Cirina Sergio. Responsabile: 697 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 266 NUMERAZIONE GENERALE N. 29/10/2013.

COMUNE DI SUELLI. Settore Tecnico SETTORE : Cirina Sergio. Responsabile: 697 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 266 NUMERAZIONE GENERALE N. 29/10/2013. COMUNE DI SUELLI SETTORE : Responsabile: Settore Tecnico Cirina Sergio NUMERAZIONE GENERALE N. 697 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 266 in data 29/10/2013 OGGETTO: CIG: Z660B2D707 LIQUIDAZIONE ACCONTO FATTURA

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano.

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Prot. n. 5789 Bordano, 04.12.2014 POR FESR 2007 2013 Obiettivo

Dettagli

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME Legge regionale n.20 del 21 agosto 1991. Riordino delle competenze per l'esercizio delle funzioni amministrative in materia di bellezze naturali. (B.U. 11 novembre 1991, n. 12). (vedi circolare prot. n.

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

«? COMUNE DI LIMINA COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE. N.75 reg. delibere LA GIUNTA MUNICIPALE PROVINCIA DI MESSINA

«? COMUNE DI LIMINA COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE. N.75 reg. delibere LA GIUNTA MUNICIPALE PROVINCIA DI MESSINA «? COMUNE DI LIMINA PROVINCIA DI MESSINA N.75 reg. delibere COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE OGGETTO:Norme sulle esecuzioni forzate nei confronti degli Enti Locali II semestre 2014. L'anno

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla II I RELAZIONE TECNICA t relativa alla PROTEZIONE CONTRO I FULMINI di struttura adibita a Ufficio. sita nel comune di AF.EZZO (AR) PROPRIET A' AP{EZZO MULTISERVIZI SRL Valutazione del rischio dovuto al

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO P.G. 58467/2012 Data firma: 13/07/2012 Data esecutività: 20/07/2012

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

AMV,LbIISSRMSTE.RBLLAHRSCCTANO ANTqFI T%fift'A , JFBF.ALE"REI-*9SN$*9!.1"O*DI

AMV,LbIISSRMSTE.RBLLAHRSCCTANO ANTqFI T%fift'A , JFBF.ALEREI-*9SN$*9!.1O*DI , JFBF.ALE"REI-*9SN$*9!.1"O*DI AMV,LbIISSRMSTE.RBLLAHRSCCTANO ANTqFI T%fift'A codrce FrscArE 08080561007 PARTITA IVA 08080561007 REGISTRO IMPRESE DI ROI{'A N. Sono presenti: per il Consiglio di Amministrazione:

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 409 DEL 05/07/2012

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 409 DEL 05/07/2012 AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI Via Coppino, 26-07100 SASSARI C.F. - P. IVA 02268260904 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 409 DEL 05/07/2012 OGGETTO: Approvazione atti di gara Aggiudicazione

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 398 DEL 17/05/2011 PROPOSTA N. 93 Centro di Responsabilità: Servizio Economato,patrimonio,servizi Informatici, Ambiente Servizio: Patrimonio

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Comune di Isola del Liri

Comune di Isola del Liri SERVIZIO 1 - SEGRETERIA DEL SINDACO U.R.P. AFFARI GENERALI E PERSONALE AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO, AI SENSI DELL ART. 110, COMMA 1, DEL D. LGS. 267/2000, DI N. 1

Dettagli

ASì 00 e segg., nella sala delle adunanze del Comune, si è riunita la Giunta Comunale con l'intervento dei Sigg.ri:

ASì 00 e segg., nella sala delle adunanze del Comune, si è riunita la Giunta Comunale con l'intervento dei Sigg.ri: In esecuzione della presente deliberazione sono stati emessi i seguenti mandati: COMUNE DI CALATABIANO N. del di L. Provincia di Catania N. del di L. Il Ragioniere DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 55

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

COMUNE DI CASTELLANA SICULA PROVINCIA DI PALERMO

COMUNE DI CASTELLANA SICULA PROVINCIA DI PALERMO COMUNE DI CASTELLANA SICULA PROVINCIA DI PALERMO DETERMINAZIONE INGEGNERE CAPO SETTORE LL.PP. 3 SETTORE TECNICO Servizio di manutenzione beni comunali e servizi tecnologici DETERMINA N 263 DEL 28/07/2011

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ;

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ; Allegato A RICHIESTA AFFIDAMENTO AREE VERDI COMUNALI E RIDUZIONE TARES OGGETTO: Richiesta affidamento area verde comunale e riduzione TARES. Il sottoscritto.. nato a il.. residente a in Via.. n... CHIEDE

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

MINISTERO DELL/ISTRUZIOI\JE, DELL/UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTJCO PER SICILIA

MINISTERO DELL/ISTRUZIOI\JE, DELL/UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTJCO PER SICILIA MI IV I S'TtA D E ()) ND NI 11 i. fin /~ j>j ee I?~ it S'lo;J[.~i/f r tis«,t..;ii'\.'j1lefjr:ll~ S'IAT~ ptw)t 60 (?P~GL.2, /7- J2bJ( MINISTERO DELL/ISTRUZIOI\JE, DELL/UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO

Dettagli