Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia. Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione 2015 \ 2017

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia. Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione 2015 \ 2017"

Transcript

1 Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione 2015 \ 2017

2 COORDINAMENTO EDITORIALE Tullio Pepe (Responsabile della Prevenzione della Corruzione) SUPPORTO ALLA REDAZIONE TESTI Antonella Cianchi PROGETTO GRAFICO - PROGETTO EDITORIALE - IMPAGINAZIONE Redazione del Centro Editoriale Nazionale (CEN) 2015 INGV Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Via di Vigna Murata, Roma Tel. 06/ Fax 06/

3 Premessa 5 1. Novità normative e organizzative Novità normative Novità organizzative 6 2. L INGV: finalità, assetti organizzativi e regolamenti 7 3. Stato dell arte Realizzazione della prima fase del piano di formazione Approvazione del codice di comportamento Mappatura dei processi a rischio Procedure di reclutamento delle risorse umane Incompatibilità a carico dei componenti gli organi di vertice Inconferibilità e incompatibilità di incarichi attribuiti a dipendenti Programma di attività Individuazione delle attività maggiormente esposte al rischio di corruzione - mappatura del rischio Integrazione delle procedure e monitoraggio delle attività a rischio individuate Formazione del personale addetto Rotazione degli incarichi di responsabilità delle aree a rischio Risorse a disposizione del responsabile Elaborazione di direttive per l attribuzione degli incarichi dirigenziali e verifica dell insussistenza di cause di incompatibilità bis Definizione procedura per la segnalazione di condotte illecite Verifica dell efficacia del piano Tempi di attuazione del piano Il Programma per la Trasparenza e l'integrità 19

4

5 Premessa La Legge 6 novembre 2012, n. 190, recante Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell illegalità nella pubblica amministrazione ha introdotto l obbligo per tutte le PA di redigere, approvare e aggiornare un Piano per la Prevenzione della Corruzione. L Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) ha provveduto ad approvare il suo primo Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione (PTPC) nel corso del In data 25/3/2014, infatti, con Delibera n. 119/2014, il Consiglio di Amministrazione (CdA) ha approvato il PPC predisposto dal Responsabile della Prevenzione della Corruzione (RPC) nominato con Delibera CdA n. 66/2013, nella persona del Dott. Tullio Pepe, Dirigente di II fascia dell INGV. Il PTPC, ai sensi dell art. 1, comma 8, della Legge n. 190/2012, è stato trasmesso attraverso il sistema integrato PERLA PA secondo le indicazioni fornite dal Dipartimento della Funzione Pubblica. Il RPC ha rilasciato la prescritta relazione annuale 2014 prevista dall art. 1, comma 14, della Legge n. 190/2012 e dal Piano Nazionale Anticorruzione, pubblicandola nell apposita sezione Altri contenuti - corruzione di Amministrazione Trasparente: Con il presente documento si procede all aggiornamento del PTPC in discorso per il triennio , utilizzando il carattere trascorrente del Piano stesso. L approvazione del presente Piano è a cura dell organo di indirizzo politico, il Consiglio di Amministrazione dell Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia. 1. Novità normative e organizzative 1.1 Novità normative Nel corso del 2014 il panorama normativo riguardante la prevenzione della corruzione, delineato da: la Legge 6 novembre 2012, n. 190, recante Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell illegalità nella pubblica amministrazione ; il Decreto Legislativo 14 marzo 2013, n. 33, Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni ; il Decreto Legislativo 8 aprile 2013, n. 39, Disposizioni in materia di inconferibilità e incompatibilità di incarichi presso le pubbliche amministrazioni e presso gli enti privati in controllo pubblico, a norma dell articolo 1, commi 49 e 50, della legge 6 novembre 2012, n. 190 ; il Decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, n. 62, Regolamento recante codice di comportamento dei dipendenti pubblici, a norma dell articolo 54 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 ; la Delibera CIVIT n. 72/2013 dell 11/9/2013 concernente l approvazione del Piano Nazionale Anticorruzione (PNA); oltre che dalle numerose ulteriori Delibere CiVIT in materia, si è arricchito di ulteriori elementi; l A.N.A.C., che oggi promuove e coordina le strategie di prevenzione della corruzione ha emanato, infatti, ulteriori atti esplicativi quali: Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione 2015 /

6 la Delibera n. 144 del 7/10/2014 (ambito soggettivo di applicazione del D.Lgs. n. 33/2013), in materia di obblighi di pubblicazione concernenti gli organi di indirizzo politico nelle pubbliche amministrazioni; la Delibera n. 146 del 18/11/2014, in materia di esercizio del potere di ordine nel caso di mancata adozione di atti o provvedimenti richiesti dal piano nazionale anticorruzione e dal piano triennale di prevenzione della corruzione nonché dalle regole sulla trasparenza dell attività amministrativa o nel caso di comportamenti o atti contrastanti con i piani e le regole sulla trasparenza citati (articolo 1, comma 3, Legge 6 novembre 2012, n. 190); la Delibera n. 148 del 3/12/2014 (pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 5 dell 8 gennaio 2015), in materia di attestazioni OIV, o strutture con funzioni analoghe, sull assolvimento degli obblighi di pubblicazione per l anno 2014 da parte delle pubbliche amministrazioni e attività di vigilanza e controllo dell Autorità. 1.2 Novità organizzative Sotto il profilo istituzionale l esercizio 2014 ha costituito una fase densa di novità. Nel corso del 2014, in particolare, l INGV ha dato un forte impulso alla realizzazione di quanto programmato per la riorganizzazione delle attività scientifiche e amministrative dell Ente. Nel corso del 2014, infatti: a seguito del Decreto del Presidente n. 409 del 6/12/2013, c è stato il kick-off delle attività delle tre strutture di ricerca corrispondenti alle macro aree di competenza dell Ente: Terremoti, Vulcani e Ambiente; con Delibera n. 137 del 4/6/2014 il CdA ha formalizzato l avvicendamento del Direttore della Struttura di ricerca Ambiente e il Dott. Fabio Florindo è subentrato al Dott. Antonio Navarra; con propri decreti, i Direttori delle tre Strutture di ricerca hanno definito le Linee di Attività e nominato i rispettivi Responsabili, come si evince dal link: con Decreto del Presidente n. 240 del 24/7/2014 sono stati identificati i Referenti delle Infrastrutture Trasversali. Dette Infrastrutture, in collegamento con le Linee di Attività, concorrono alla finalizzazione delle attività delle strutture scientifiche INGV. Tra le infrastrutture che rappresentano espressione di eccellenza scientifica ricordiamo le reti strumentali, i laboratori sperimentali, i centri di calcolo e le banche dati INGV; con la Delibera n. 129 del 5/5/2014, il CdA ha approvato la riorganizzazione delle Sezioni INGV e la loro articolazione in Unità Funzionali; successivamente, con propri decreti, i Direttori di Sezione hanno definito i Gruppi di Ricerca e hanno nominato i responsabili delle Unità Funzionali, come si evince dal link: Anche per quanto riguarda l organizzazione amministrativa, seguendo le indicazioni di cui alla Delibera CdA n. 111/2013, è stata operata una vera e propria ristrutturazione dell Amministrazione centrale. In particolare, l Amministrazione centrale è stata così articolata in due Direzioni centrali: - Direzione Centrale Affari Amministrativi e Personale - Direzione Centrale Ragioneria e Bilancio e in sei Centri Servizi: - Centro Servizi Prevenzione e Protezione. - Centro Servizi Gestione Patrimonio. - Centro Servizi Informativi. - Centro Servizi Pianificazione e Controllo. - Centro Servizi per l Editoria e la Cultura Scientifica. Presso l Amministrazione centrale, inoltre, è costituito l Ufficio di Presidenza (a cui afferisce anche l Ufficio Comunicazione). Altra novità importante è stata la nomina del nuovo Organismo Indipendente di Valutazione INGV che ha perso 6 Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione 2015 / 2017

7 l aspetto monocratico del primo mandato per aprirsi alla forma collegiale del nuovo gruppo di componenti nominati con Delibera del CdA n. 143/2014. Con Delibera n. 95 del 18/6/2014 l A.N.AC. ha espresso il proprio parere favorevole sulla nomina. Da ultimo, ma solo in termine di data, il CdA nel mese di Dicembre 2014 ha approvato in prima lettura il Codice Etico dell INGV. Al momento della redazione del presente Programma si sta chiudendo la procedura aperta alla consultazione di detto codice. 2. L INGV: finalità, assetti organizzativi e regolamenti L Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) è un ente di ricerca scientifica non strumentale dotato di personalità giuridica di diritto pubblico con autonomia scientifica, organizzativa, finanziaria e contabile. L INGV, che è sottoposto alla vigilanza del Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca (MIUR), è stato costituito con Decreto legislativo 29 settembre 1999, n. 381 ed è diventato operativo poco più di un anno dopo con la nomina degli organi direttivi e l approvazione dei regolamenti generali. Con il suo avvio si è aperta una nuova pagina nella storia della Geofisica e delle Scienze della Terra in Italia. Nel nuovo Istituto, infatti, sono confluiti l Istituto Nazionale di Geofisica (ING), l Osservatorio Vesuviano (OV) e alcuni istituti affini per vocazione scientifica, già parte del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), quali l Istituto Internazionale di Vulcanologia di Catania (IIV), l Istituto di Geochimica dei Fluidi di Palermo (IGF) e l Istituto di Ricerca sul Rischio Sismico di Milano (IRRS). L INGV ha assorbito anche le funzioni di sorveglianza sismica e vulcanica della Sicilia orientale che venivano svolte dal Sistema Poseidon, previsto dall articolo 2, comma 2, del Decreto legge 3 maggio 1991, n. 142, convertito dalla Legge 3 luglio 1991, n. 195, e ha fornito fino al termine della loro attività sede e supporto al Gruppo Nazionale per la Difesa dai Terremoti (GNDT) e al Gruppo Nazionale per la Vulcanologia (GNV), istituiti ai sensi dell articolo 17 della legge 24 febbraio Ai sensi dell art. 6 della legge 21 febbraio 1992 n. 225 è componente del Servizio Nazionale di Protezione Civile di cui all art. 6 della legge 24 febbraio 1992, n. 225 ed è un Centro di Competenza del Dipartimento della Protezione Civile ai sensi della Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 27 febbraio In tale veste espleta, nell ambito di accordi-quadro decennali e convenzioni annuali con il Dipartimento della Protezione Civile (DPC), il già ricordato servizio di sorveglianza h24 sulla sismicità del territorio nazionale e sui vulcani italiani attivi e svolge funzioni di coordinamento delle reti sismiche regionali e locali. Dalle classifiche stilate da riviste scientifiche internazionali, è considerato il miglior Istituto al mondo nel settore della vulcanologia e uno dei migliori nel settore della geofisica. Particolarmente lusinghieri per l Ente, inoltre, sono risultati gli esiti della VQR eseguita recentemente dall ANVUR. Lo Statuto vigente, emanato con Decreto del Presidente n. 90 del 21 marzo 2011 e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 90 del 19 aprile 2011, ne definisce la missione, gli organi di indirizzo, gli organi di gestione e gli organi di controllo, come si evince dal link: Ad ogni buon conto, si riporta di seguito l organigramma essenziale. Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione 2015 /

8 Presidente e Consiglio di Amministrazione Collegio dei Revisori dei Conti Consiglio scientifico Direttore generale Strutture di ricerca Amministrazione centrale Sezioni Completano l organizzazione dell Ente l Organismo Indipendente di Valutazione (OIV) e il Comitato Unico di Garanzia (CUG). L INGV impronta tutte le attività amministrative, tecnico-gestionali, contabili, finanziarie nel rispetto dei regolamenti di cui si è dotata (qui di seguito elencati) e che sono pubblicati nel Sito WEB istituzionale al link: Regolamento di organizzazione e funzionamento. Regolamento di Amministrazione e finanza. Regolamento del Personale. Regolamento elettorale. Regolamento spin-off. Regolamento concessione dei permessi retribuiti per 150 ore per motivi di studio. Regolamento per il trattamento dei dati sensibili e giudiziari. Regolamento per l accesso agli atti amministrativi. Regolamento per l erogazione al personale di benefici di natura assistenziale e sociale. Regolamento delle spese in economia per fornitura di beni e servizi e lavori. Regolamento sui servizi pubblici essenziali in caso di sciopero. Regolamento per la tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Regolamento per il conferimento degli assegni di ricerca. Codice etico (approvato dal CdA in data 18 dicembre 2014 e in fase di consultazione pubblica al momento della elaborazione del presente Piano). Codice di comportamento dei dipendenti pubblici. 8 Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione 2015 / 2017

9 Uno strumento addizionale di cui si è dotata l Amministrazione Centrale per regolare alcune specifiche attività sono le direttive e le circolari, pubblicate nella apposita sezione al link: Sono già pubblici nella apposita sezione di Amministrazione Trasparente i Programmi Triennali per la Trasparenza e l Integrità come pure il precedente Piano della Prevenzione della Corruzione e i Piani e le Relazioni sulla Performance. Per quanto riguarda le procedure per l affidamento dei lavori, servizi e forniture, trovano integrale applicazione le disposizioni del Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE, di cui al D.Lgs , n. 163 e del relativo regolamento di attuazione e di esecuzione di cui al D.P.R. 207/2010. Nell apposita sezione di Amministrazione Trasparente, infine, risulta facilmente reperibile, infine, ogni informazione circa le risorse umane, finanziarie e strumentali a disposizione dell Istituto. 3. Stato dell arte Gli obiettivi prefissati dal PTPC per l anno 2014 sono stati perseguiti solo in parte. In particolare, si è provveduto a: - realizzare la prima fase del piano di formazione; - approvare il Codice di comportamento del Personale dell INGV sulla base del Regolamento approvato, ai sensi dell art. 54 del Decreto legislativo n. 165/2001, con D.P.R. 16/4/2013, n. 62. mentre sono state rinviate al 2015 le attività necessarie a mappare i seguenti processi: - l attribuzione di incarichi di consulenza professionale con compensi di importo superiore a ,00 oltre oneri di legge; - l erogazione ai dipendenti di prestiti personali a tasso agevolato di importo superiore a 5.000,00, a carico del Fondo Assistenza. 3.1 Realizzazione della prima fase del piano di formazione Il Dipartimento di Economia e Management (DEM) dell Università degli Studi di Ferrara ha da tempo sviluppato specifiche attività di formazione e di ricerca nel settore della prevenzione della corruzione ed è interessato a sviluppare una collaborazione con primari enti di ricerca. Si è ritenuto utile rivolgersi al predetto Dipartimento la scorsa primavera quando, da una parte, si è iniziato a dare attuazione al Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione (PTPC) approvato, come detto, dal CdA con Delibera n. 119/2014 del 25/3/2014 e, dall altra, si è provveduto a definire il piano per la Formazione del Personale In particolare, stipulando un apposita convenzione triennale (1/7/ /6/2017), si è stabilito che il DEM si impegna a fornire all INGV ogni supporto scientifico su attività di formazione, ricerca e pubblicistica su ambiti tematici concernenti in generale la prevenzione della corruzione, per il corrispettivo di ,00 lordi annui. L obiettivo finale della collaborazione sarà l elaborazione di un modello d integrazione del PTPC con il sistema di programmazione e controllo, funzionale alle specifiche caratteristiche ed esigenze dell INGV ma universalmente replicabile per altri enti di ricerca a livello nazionale. Il Responsabile della Convenzione per conto del DEM è il Prof. Enrico Deidda Gagliardo, già docente presso la Scuola degli EPR di Bressanone. Con Avviso al Personale n del 18/7/2014, il RPC ha provveduto a organizzare il primo Modulo didattico del Percorso formativo di base concordato con il Prof. Deidda Gagliardo. Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione 2015 /

10 3.2 Approvazione del codice di comportamento Ai sensi dell art. 54, comma 5, del D.Lgs. n. 165/2001 e s.m.i. e dell art. 1, comma 2, del D.P.R. n. 62/2013, con la collaborazione dei Direttori delle Sezioni e del Comitato Unico di Garanzia (CUG), il RPC ha provveduto a predisporre lo schema di Codice di comportamento, alla cui osservanza è tenuto tutto il personale dipendente, a tempo indeterminato e determinato. Le disposizioni di detto Codice si applicheranno, altresì, per quanto compatibili, a tutti i soggetti che intrattengono rapporti con l INGV e, in particolare, ai collaboratori o consulenti, con qualsiasi tipologia di contratto o incarico e a qualsiasi titolo, e a ogni altro soggetto che intrattenga un rapporto formalizzato con l Istituto. Nella sua seduta del 3/12/2014, come si evince dall Estratto dal Verbale, il CdA ha approvato in prima lettura lo schema di Codice. Al fine di garantire l intervento del maggior numero di soggetti interessati, è stato pubblicato sul Sito WEB istituzionale un avviso di procedura aperta alla partecipazione, al fine di acquisire proposte e osservazioni in relazione al Codice, pubblicato contestualmente all avviso, delle quali si terrà conto nella relazione illustrativa di accompagnamento allo stesso. In data 19/1/2015 è scaduto il termine per l inoltro di osservazioni in merito all ipotesi di Codice di comportamento. Nella seduta del CdA del 21/1/2015, il Direttore generale, come si evince dall Estratto dal Verbale, ha comunicato che stanno pervenendo da parte del CUG e dei Direttori di Sezione le osservazioni sullo schema del Codice di comportamento dei dipendenti dell INGV e che si è in attesa del parere dell OIV. Pertanto, propone di rinviare ogni deliberazione in merito alla prossima seduta al fine di predisporre il nuovo testo con l evidenziazione degli emendamenti proposti. 3.3 Mappatura dei processi a rischio La mappatura dei processi a rischio e, in particolare, di quelli relativi agli incarichi di collaborazione e alle sovvenzioni al Personale è stata rinviata all anno Il rinvio è stato dettato da: - il ritardo con il quale il PTPC è stato approvato; - l esigenza di dare priorità ad attività relative ad altri settori della prevenzione della corruzione, dettate da circostanze contingenti. Circa quest ultimo punto, si precisa che trattasi di attività di controllo: - sulle procedure di reclutamento delle risorse umane; - sull esistenza di eventuali incompatibilità a carico dei componenti gli Organi di vertice dell Istituto; - sulle eventuali inconferibilità e incompatibilità di incarichi attribuiti a dipendenti dell INGV. In particolare, si precisa quanto segue. 3.4 Procedure di reclutamento delle risorse umane Con Circolare AC n. 3 del 3/2/2014, è stata predisposta una dettagliata codifica delle procedure per la gestione del personale e, in particolare, per il reclutamento delle risorse umane. Grazie a tale codifica è stato possibile, vigilare sulla correttezza delle attivazioni e degli eventuali rinnovi di contratti di lavoro subordinato, di assegni di ricerca, di borse di studio e di contratti di collaborazione (professionale, coordinata e continuativa, occasionale). In particolare, prima di predisporre i decreti di approvazione delle graduatorie generali di merito delle singole procedure selettive, il procedimento consente di verificare la correttezza di tutti gli atti concorsuali. 3.5 Incompatibilità a carico dei componenti gli organi di vertice Su esplicita richiesta del Collegio dei Revisori dei Conti, il RPC ha provveduto a eseguire un attenta verifica della 10 Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione 2015 / 2017

11 situazione del Presidente, dei consiglieri di amministrazione, dei consiglieri scientifici e del Direttore generale in relazione a eventuali incompatibilità. Con note nn del 24/6/2014 e del 18/7/2014 (ALLEGATI 5 e 5bis) il RPC ha sostenuto l assenza di situazioni di incompatibilità. Circa la posizione del Presidente e dei componenti il CdA, peraltro, alle stesse conclusioni sembra pervenuto il MIUR, dal momento che dopo aver sospeso la piena operatività del CDA per circa due mesi, da settembre a novembre 2014, al fine di eseguire le necessarie verifiche nel merito, ha ripristinato tale piena operatività con nota n del 13/11/ Inconferibilità e incompatibilità di incarichi attribuiti a dipendenti In data 10/10/2014, il Direttore generale ha richiesto al RPC, con nota n del 10/10/2014, una relazione urgente in materia di inconferibilità e incompatibilità di incarichi conferiti da Terzi a dipendenti INGV, giusta la richiesta del MIUR di cui alla nota del 9/10/2014. In data 21/10/2014, con nota n. 1846, il RPC ha provveduto a trasmettere la richiesta relazione, con la quale ha segnalato, tra l altro, la necessità che l Ente disponga la sostituzione di alcuni dipendenti a cariche di vertice di società partecipate dall INGV, al fine di rimuovere situazioni di incompatibilità. Sempre in tale materia, il D.Lgs. n. 39/2013 ha dettato un ulteriore compito in capo al RPC volto al controllo sui conferimenti di incarichi dirigenziali e di responsabilità amministrativa di vertice, rispetto alle disposizioni introdotte dal citato decreto, disciplinanti casi di inconferibilità e di incompatibilità (art. 15). Anche il Codice di comportamento dei pubblici dipendenti, di cui al D.P.R. 62/2013, e in particolare l art. 15, stabilisce che Il responsabile cura la diffusione della conoscenza dei codici di comportamento nell amministrazione, il monitoraggio annuale sulla loro attuazione, ai sensi dell articolo 54, comma 7, del decreto legislativo n. 165 del 2001, la pubblicazione sul sito istituzionale e della comunicazione all Autorità Nazionale Anticorruzione, di cui all articolo 1 - comma 2 della legge 6 novembre 2012, n. 190, dei risultati del monitoraggio. Per operare detto controllo il RPC è coadiuvato da una rete di referenti (identificati con il Decreto del Direttore generale n. 206/2014) che sia per l Amministrazione Centrale che per le sedi periferiche, operando secondo un regolamento interno di richiesta e successivo rilascio di nullaosta, monitorano le attività conferite da Amministrazioni terze ai dipendenti INGV. La stessa rete di referenti si occupa anche di registrare sul portale della Funzione Pubblica ogni incarico assegnato a personale esterno all amministrazione. Al RPC vengono poi presentati a cadenza trimestrale i dati agglomerati. Gestione separata (ma con lo stesso iter di autorizzazione) viene tenuta per tutti i componenti degli Organi di indirizzo per i quali il rilascio della eventuale autorizzazione è in capo al RPC. L INGV ha riscontrato particolari opportunità e vantaggi nel consolidamento della sinergia tra adempimenti relativi alla L. 190/2012 e D.L. 39/ Programma di attività La carenza, evidenziata nel precedente Cap. 3, di mappature dei processi a rischio ha comportato un rallentamento nell avvio di alcune attività previste dal PTPC quali: - eventuali integrazioni/correttivi delle procedure dirette a ridurre o eliminare i margini di rischio, con particolare attenzione alla omogeneizzazione, in collaborazione con i competenti uffici dell AC e degli altri CRA, delle procedure stessa e della relativa e modulistica; - un piano di controllo e meccanismi di verifica del rispetto delle procedure; - particolari meccanismi di informativa nei riguardi del RPC. Tali attività, pertanto, avranno assoluta priorità tra le iniziative dell anno Per quanto concerne, più in generale, il programma di attività, l INGV intende confermare gli stessi obiettivi indicati nel precedente Piano e suggeriti dal Piano Nazionale Anticorruzione e cioè: 1. individuazione delle attività maggiormente esposte al rischio di corruzione - mappatura del rischio; Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione 2015 /

12 2. integrazione delle procedure e monitoraggio delle attività a rischio individuate; 3. formazione del personale addetto; 4. rotazione degli incarichi di responsabilità delle aree a rischio; 5. risorse a disposizione del responsabile; 6. elaborazione di direttive per l attribuzione degli incarichi dirigenziali e verifica dell insussistenza di cause di incompatibilità; 7. verifica dell efficacia del piano; 8. tempi di attuazione del piano. aggiungendone uno ulteriore e cioè: 6.bis definizione procedura per la segnalazione di condotte illecite. 4.1 Individuazione delle attività maggiormente esposte al rischio di corruzione - mappatura del rischio Nell ambito del presente Piano, un passaggio essenziale ai fini della definizione di un efficace strategia di prevenzione della corruzione è rappresentato dalla gestione del rischio che ricomprende, come precisato dal PNA l insieme delle attività coordinate per guidare e tenere sotto controllo l amministrazione con riferimento al rischio. Per l individuazione delle attività dell Ente esposte al rischio corruzione il Responsabile intende procedere con il supporto di alcuni Centri Servizi dell Amministrazione e coadiuvato dal Team Trasparenza, a effettuare una analisi dell organizzazione del lavoro e delle procedure in vigore, utilizzando anche gli esiti dell attività commissionata dall Ente nel 2013 per elaborare la Analisi dell assetto strategico - organizzativo dell INGV e per pervenire alla mappatura delle attività a rischio corruzione, alla predisposizione, cioè, di un catalogo in cui, per ciascuna procedura vengono messi in evidenza: - gli uffici coinvolti; - i comportamenti che generano rischio; - i reati possibili; - il livello di rischio; - i regolamenti e le norme di riferimento; - le azioni di mitigazione dei rischi; - le azioni di formazione necessarie. - A titolo di esempio: Procedura Uffici coinvolti Comportamenti che generano rischio Reati possibili Livello di rischio Norme di riferimento Azioni di mitigazione del rischio Azioni di formazione necessarie Affidamento fornitura sotto soglia Ufficio Acquisti dei vari CRA Predisposizione bando mirato. Preselezione mirata dei partecipanti. Affidamenti diretti in deroga alle norme vigenti. Forzatura sull unicità del fornitore. Peculato Alto D.Lgs n. 163/2003. Regolamento per le spese in economia. Uniformare processi per tutto l Ente. Utilizzo accordiquadro e bandi-tipo istituzionali. Rotazione buyer, RUP, commissari di gara. Formazione dei buyer e dei richiedenti anche scientifici. Frazionamento artificioso dell affidamento. 12 Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione 2015 / 2017

13 La mappatura delle attività a rischio corruzione è, quindi, l analisi che permetterà di focalizzare l attenzione sui comportamenti che potenzialmente possono dar vita a rischi per l Ente. Dall analisi potrebbero confermarsi come ambiti a maggior rischio corruzione quelli ricompresi nelle categorie più appresso elencate, peraltro già individuate dalla stessa legge n. 190/2012 e cioè: - incarichi a persone fisiche; - acquisizione di beni e servizi; - cassa economale; - fondi per il benessere del personale; - concorsi per l acquisizione di risorse umane. Più in particolare, in una prima fase, l analisi, calibrata sulla specificità dell INGV, sarà focalizzata sui seguenti aspetti: - organizzazione; - processo decisionale; - flussi finanziari. per ciascuno dei seguenti ambiti di attività: a. la scelta del terzo contraente nell affidamento di forniture e servizi per importi superiori a ,00 oltre IVA (incluse locazioni e utenze); b. la scelta del terzo contraente nell affidamento di lavori per importi superiori a ,00 oltre IVA; c. l attribuzione di incarichi di consulenza professionale con compensi di importo superiore a ,00 oltre oneri di legge; d. le procedure concorsuali o selettive per assunzioni di unità di personale con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato e a tempo determinato, a tempo pieno e a tempo parziale; e. l acquisto di beni e servizi tramite cassa economale, di importo superiore a 500,00; f. l erogazione ai dipendenti di prestiti personali a tasso agevolato di importo superiore a 5.000,00, a carico del Fondo Assistenza. 4.2 Integrazione delle procedure e monitoraggio delle attività a rischio individuate Per le attività catalogate a rischio e le relative procedure l Ente nella figura Responsabile della prevenzione della corruzione (Responsabile), predisporrà: - integrazioni/correttivi delle procedure dirette a ridurre o eliminare i margini di rischio; - un piano di controllo e meccanismi di verifica del rispetto delle procedure; - comunicazioni indirizzate agli Organi di indirizzo per l evidenziazione di figure/incarichi ritenute incompatibili. In particolare, per ciascuna delle predette attività il Responsabile: a. verrà posto nella condizione di visionare preventivamente tutti gli atti relativi; b. ottimizzerà, in collaborazione con i competenti uffici dell AC e degli altri CRA, procedure e modulistica (con particolare attenzione alla definizione e tenuta dell albo ufficiale dei fornitori e al rispetto dei vincoli CONSIP); c. segnalerà alla Direzione generale le attività il cui monitoraggio avrà evidenziato criticità. 4.3 Formazione del personale addetto Il Responsabile della Prevenzione della Corruzione ha provveduto a predisporre un Piano formativo per tutto il personale sui temi della integrità e della prevenzione della corruzione e dell illegalità, secondo le indicazioni fornite nel Piano Nazionale. Il programma di formazione è stato studiato e realizzato con docenti dell Università degli studi di Ferrara. Il primo ciclo del programma di formazione si è tenuto presso la sede centrale INGV in collegamento videoconferenza con tutte le sezioni periferiche nel settembre Il primo modulo è stato: Quale rapporto tra trasparenza, Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione 2015 /

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

ALLEGATO 1 Soggetti, azioni e misure finalizzati alla prevenzione della corruzione

ALLEGATO 1 Soggetti, azioni e misure finalizzati alla prevenzione della corruzione ALLEGATO 1 Soggetti, azioni e misure finalizzati alla prevenzione della corruzione A Soggetti e ruoli della strategia di prevenzione... 3 A.1 Soggetti e ruoli della strategia di prevenzione a livello nazionale...

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Autorità Nazionale Anticorruzione (Bozza di delibera) Linee guida in materia di tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti (c.d. whistleblower) Parte I - Questioni generali 1. Ricognizione della

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI COMUNE DI VILLACHIARA Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 174 del 22/10/1997,

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE I criteri indicati nel presente documento esemplificano una serie di situazioni di incarichi vietati per i

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

PROGRAMMA. ANTICORRUZIONE E GESTIONE DELLA COSA PUBBLICA. ADEMPIMENTI, PRASSI OPERATIVA E MODELLI ORGANIZZATIVI 20 gennaio 2014

PROGRAMMA. ANTICORRUZIONE E GESTIONE DELLA COSA PUBBLICA. ADEMPIMENTI, PRASSI OPERATIVA E MODELLI ORGANIZZATIVI 20 gennaio 2014 PROGRAMMA ANTICORRUZIONE E GESTIONE DELLA COSA PUBBLICA. ADEMPIMENTI, PRASSI OPERATIVA E MODELLI ORGANIZZATIVI 20 gennaio 2014 Avv. Renato Botrugno - Avvocato in Roma La normativa prevista dalla legge

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

ALLEGATO 1 ALLA DELIBERA. 148/2014- GRIGLIA DI RILEVAZIONE AL 31/12/2014. Curricula. Compensi di qualsiasi natura connessi all'assunzione della carica

ALLEGATO 1 ALLA DELIBERA. 148/2014- GRIGLIA DI RILEVAZIONE AL 31/12/2014. Curricula. Compensi di qualsiasi natura connessi all'assunzione della carica mministrazione BEDOLLO 31/1/215 LLEGTO 1 LL DELIBER. 148/214- GRIGLI DI RILEVZIONE L 31/12/214 livello 1 (Macrofamiglie) Denominazione sotto-sezione 2 livello (Tipologie di dati) mbito soggettivo (vedi

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

Il dato è pubblicato nella sezione "Amministrazione trasparente" del sito istituzionale? (da 0 a 2) Tempo di pubblicazione/ Aggiornamento.

Il dato è pubblicato nella sezione Amministrazione trasparente del sito istituzionale? (da 0 a 2) Tempo di pubblicazione/ Aggiornamento. llegato 1 mministrazione "Comune di Cervaro" Data di compilazione "28/01/15" COMPLETEZZ COMPLETEZZ DEL LLEGTO 1 LL DELIER. 148/2014- GRIGLI DI RILEVZIONE L 31/12/2014 PULICZIONE RISPETTO GLI GGIORNMENTO

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

STRUTTURA BUROCRATICA DEL COMUNE DI CASTELTERMINI

STRUTTURA BUROCRATICA DEL COMUNE DI CASTELTERMINI ALLEGATO A STRUTTURA BUROCRATICA DEL COMUNE DI CASTELTERMINI SEGRETARIO GENERALE Individuazione aree/p.o. e ripartizione dei servizi AREA - POSIZIONE ORGANIZZATIVA N.1 1) Servizio affari generali, servizio

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

Contenuti dell'obbligo. Programma triennale per la trasparenza e l'integrità e relativo stato di attuazione (art. 10, cc. 1, 2, 3, d.lgs.

Contenuti dell'obbligo. Programma triennale per la trasparenza e l'integrità e relativo stato di attuazione (art. 10, cc. 1, 2, 3, d.lgs. llegato 1 Data compilazione 30/01/2015 (Tipologie mbito soggettivo (ve foglio 3 "mbito LLEG 1 LL DELIBER. 148/2014- GRIGLI DI RILEVZIO L 31/12/2014 Tempo ione/ ggiornamento PUBBLICZIO è nella "mministrazion

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI A cura della Direzione Generale Servizio organizzazione, formazione, valutazione e relazioni sindacali

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

Ordinamento del personale degli enti locali

Ordinamento del personale degli enti locali Questionario n. 2 Ordinamento del personale degli enti locali 1) Qual è la differenza tra rapporto organico e rapporto di servizio? A) Il rapporto organico non ha natura giuridica, il rapporto di servizio

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

Studio De Marco Canu Zanon Gregoris Consulenti del Lavoro in Udine. Circolare numero: 009/2015

Studio De Marco Canu Zanon Gregoris Consulenti del Lavoro in Udine. Circolare numero: 009/2015 CONSULENTI DEL LAVORO: Rag. Gioacchino De Marco Dott. Riccardo Canu Dott. Elena Zanon P.az Roberta Gregoris Studio De Marco Canu Zanon Gregoris Consulenti del Lavoro in Udine Via Zanon 16/6 33100 Udine

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli