Mamma, Papà perché oggi preghiamo in

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Mamma, Papà perché oggi preghiamo in"

Transcript

1 Azione Cattolica della Diocesi di Ferrara Comacchio SETTORE ADULTI Commissione Gruppi Famiglia Via Montebello, 8 Ferrara Tel Mamma, Papà perché oggi preghiamo in casa? Idee per brevi liturgie famigliari

2 Presentazione La famiglia è una realtà in costante mutamento: la nascita dei figli, le loro esigenze, la presenza di anziani, le difficoltà e le sofferenze di ogni genere, sono solo alcuni degli elementi presenti costantemente nella quotidianità della casa e che richiedono un continuo adattamento a ritmi e contesti diversi. Inoltre l ambito proprio della famiglia e della sua spiritualità è il quotidiano, nel quale si compiono le piccole cose di tutti i giorni che sembrano apparentemente banali, ma che acquistano di valore e importanza nella misura in cui sono segno di un amore che fonda le sue radici in Dio. Alla luce di queste due considerazioni, abbiamo voluto preparare queste schede di brevi momenti di liturgia famigliare legate alle sette parti in cui è diviso il lavoro del gruppo famiglia, nelle quali si è cercato di valorizzare la quotidianità della casa come luogo della presenza di Dio. Questo materiale, così come è scritto, potrebbe andare bene per famiglie con bambini fino a dieci anni circa, ma proprio per le infinite variabili delle singole realtà, è importante che venga considerato niente di più che uno spunto, uno schema tutt altro che rigido da plasmare e rimodellare, ampliare o snellire, secondo le proprie necessità ed esigenze, in modo da renderlo più adatto, più personale, in una parola, più famigliare.

3 1. COMUNIONE DEI BENI SPIRITUALI E MATERIALI Luogo della preghiera: cucina, durante il pasto PAPA : Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. TUTTI: Amen. FIGLIO/A: Mamma, papà, perché oggi ci avete chiamati per pregare? E perché proprio in cucina? MAMMA: Oggi, nella preghiera, vogliamo ringraziare Dio per il dono della nostra famiglia e la cucina è il luogo in cui condividiamo. F: Cosa vuol dire condividere? P: Condividere significa mettere insieme le nostre cose perché siano di tutti. F: Ma quali cose? M: Sia le cose materiali come il cibo che mangiamo, che quelle spirituali come i sentimenti, i pensieri e le preghiere. P: Ascoltiamo allora questo racconto. Il mantello di San Martino Il padre di Martino, un ufficiale della guarnigione romana, aveva costretto il figlio ad arruolarsi nell esercito. Così, contro la sua volontà, il giovane aveva dovuto abbandonare la scuola per diventare soldato. Una notte Martino uscì a cavallo per andare ad ispezionare i posti di guardia. Era inverno e il mantello che lo avvolgeva non bastava a riscaldarlo. Il cavallo procedeva al passo, ma improvvisamente Martino tirò le redini e lo fermò. Sul ciglio della strada scarsamente illuminata aveva intravisto la sagoma di un uomo. Si avvicinò e vide che si trattava di un povero vecchio: non aveva quasi nulla addosso e tremava, perché il freddo era terribile. Martino ebbe pietà di lui; senza esitare sguainò la spada e con un colpo deciso tagliò in due parti il suo mantello, ne diede metà al povero vecchio poi si allontanò. La notte seguente gli apparve in sogno Gesù. Avvolto nel mantello, il Figlio di Dio stava dicendo agli angeli: Martino mi ha coperto con questo mantello!.

4 M: Ora ascoltiamo anche questo altro racconto del Vangelo di Luca (Lc 16-19,31) Un giorno Gesù stava insegnando ai suoi discepoli e c erano anche alcuni farisei ad ascoltarlo. Raccontò questa parabola (una storia immaginata per spiegare qualcosa d importante): C era un uomo ricco, che aveva dei bellissimi vestiti e tutti i giorni faceva grandi cene. Un uomo molto povero e malato, di nome Lazzaro, stava vicino alla sua porta e cercava di sfamarsi con gli avanzi dei pasti dell uomo ricco. Un giorno il povero morì e gli angeli lo portarono vicino ad Abramo, il grande uomo giusto da cui discendono tutti gli Ebrei e che si trova ora con Dio. Anche il ricco morì e, stando tra il fuoco dell inferno, pregò Abramo dicendo: Mandami Lazzaro, perché mi dia un po d acqua!. Ma Abramo rispose: Io non posso mandare Lazzaro da te; ricordati che durante la vita tu avevi tutti i beni e Lazzaro era pieno di mali: adesso lui sta bene e tu stai male. Allora il ricco disse: Manda almeno Lazzaro dai miei fratelli, perché li avverta e non finiscano anch essi in questo brutto posto. Abramo rispose: Ci sono la legge di Mosè e gli scritti dei profeti: se ascoltano quelle parole e le mettono in pratica non devono temere. Il ricco insisteva: Loro trascurano la legge e le parole dei profeti, ma se vedono un uomo risorto dai morti si pentiranno. Ma Abramo disse: Se non ascoltano le parole di Mosè e dei profeti, che hanno parlato a nome di Dio, nemmeno se qualcuno risorgesse dai morti gli crederebbero. Ascoltando questa parabola i discepoli si ricordarono di un altra frase che aveva detto Gesù: Beati voi, che siete poveri, poiché vostro è il regno di Dio. Segno P: Adesso condividiamo concretamente le cose da mangiare e ognuno di noi durante il pasto racconterà un fatto particolare della giornata. Dopo il pasto si recita insieme la preghiera del Padre Nostro. Conclusione P: Ti ringraziamo, Dio nostro, per la gioia che ogni giorno ci doni e che abbiamo condiviso a questa tavola di famiglia; si ravvivi in noi la comunione con te, e con tutte le tue creature. T: Amen P: Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. T: Amen

5 2. CUSTODIA DELL ORDINE E DELL ARMONIA Luogo della preghiera: ripostiglio, o luogo dove si trova quel che serve per pulire la casa Materiale occorrente: un puzzle di pochi pezzi. PAPA : Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. TUTTI: Amen. FIGLIO/A: Mamma, papà, perché oggi ci avete chiamati per pregare? E perché proprio nel ripostiglio? MAMMA: Oggi, nella preghiera, vogliamo ringraziare Dio per il dono della nostra famiglia e il ripostiglio è il luogo che serve all ordine della casa. F: Ma perché e così importante che la casa sia in ordine? P: Perché è il luogo dove insieme a noi vive anche il Signore. F: Ma come fa il Signore a vivere con noi? M: Il Signore vive nella nostra casa nell amore che proviamo tra di noi e nell accoglienza che sappiamo dare a chi viene a trovarci. Quindi per rendere la casa bella ed accogliente ciascuno di noi ha un compito. P: Ascoltiamo allora questo racconto. La nuvola grigia C'era una volta una nuvola grigia. Si chiamava Rita ed era triste. - Perché sei così triste?- le chiese la nuvola bianca. Perché - rispose Rita - nessuno mi vuole bene. Quando vede me la gente affretta il passo e si rifugia in casa. Le persone sanno che porto la pioggia, e per questo mi evitano. Tu, invece, così bianca e leggera, sei guardata con amore. I bambini ti vogliono bene e giocano con te quando inventi tante forme strane. Stai nel cielo azzurro, parli con il Sole e con gli uccelli, e chi cammina per strada ti ringrazia perché porti un po d'ombra. Sono triste, mi sento sola. La nuvola bianca capì che la situazione era grave. Rita stava proprio male. Allora provò a dirle: - Rita, non devi parlare così. Tu sei importante, porti la pioggia che è preziosa per tutti. -Non è vero- replicò Rita, e si mise a piangere

6 Il contadino Gianni guardò su nel cielo e disse:-cadono gocce di pioggia. Bene! I miei campi ne avevano proprio bisogno, la terra era così arida! -Vedi?- disse la nuvola bianca alla nuvola grigia, -il contadino Gianni è contento. Questo dimostra quanto sei preziosa e importante. Ma Rita non sorrise. Era proprio giù di corda. Allora la nuvola bianca chiese aiuto agli amici. Prima di tutto chiamò il tuono, un tipo che si faceva ascoltare. -Cara Rita- disse il tuono con quel suo vocione -non hai motivo di essere triste. Pensa: se tu non ci fossi io sarei inutile. Il mio compito è di annunciare il temporale e di farlo sentire a tutti quanti, ma senza nuvola grigia non c'è temporale. Rita sembrò meno imbronciata ma la sua faccia era ancora scura. Allora la nuvola bianca chiamò il fulmine che arrivò all'istante, come suo solito (ecco perché si dice "Veloce come un fulmine"). -Cara la mia Rita- disse il fulmine saettando qua e là - io ti capisco, perché anch'io sono incompreso. Molti mi temono ma non sanno che il mio lavoro è importante. Io segnalo il temporale, dico alla gente di fare attenzione, di stare alla larga, e in più ho il compito di scaricare sulla terra tutta l'elettricità del cielo. Come vedi, è un lavoro ingrato ma io sono contento perché so di essere utile. Rita ora non piangeva, ma era ancora taciturna. Allora la nuvola bianca chiamò un altro amico, il vento, e gli disse: -Per favore, vento, fai capire alla nuvola grigia che non deve essere triste. - Triste?- sibilò il vento. - Come puoi essere triste? non ricordi i viaggi che abbiamo fatto insieme? L'ultima volta sull'oceano ti sei divertita tantissimo a contare le onde altissime. -Si- ammise Rita - ma quando i marinai di quel peschereccio mi videro, cambiarono subito rotta, temendo la burrasca. - E allora cosa dovrei dire io? - Chi sta parlando?- chiese la nuvola bianca, che sentì un brivido di freddo e uno strano ticchettio. - Non mi riconosci? Sono la grandine! - Ciao grandine!- disse la nuvola bianca -Anche tu qui per aiutare Rita? - Certamente. Mi fa proprio sorridere questa nuvoletta grigia che crede di essere antipatica. Io si che avrei tante cose da raccontare in proposito. La gente non è mai contenta di vedermi, e il contadino crede che mi diverta quando gli danneggio le verdure. Come spiegargli che anch'io faccio il mio dovere. Se io non la trasformassi in chicchi, tutta quell'acqua congelata verrebbe giù come un blocco di cemento, e allora si che sarebbero guai per chi sta sotto! La discussione stava diventando sempre più accesa. Ognuno voleva dire la sua e sulla terra il contadino era molto sorpreso: -Che sta succedendo lassù? Prima la pioggia, poi la nuvola bianca, poi quella grigia, poi tuono e fulmine, poi vento e grandine! Mai visto niente di simile!

7 La nuvola grigia ora si sentiva meglio, più sollevata, e infatti salì molto in alto. Vicino al sole. Era contenta perché gli amici le avevano dimostrato il loro affetto, ma non era convinta di essere amata anche sulla terra. Chiese consiglio al sole. - Scusami, sole, se per un po ti nascondo, ma ho bisogno del tuo consiglio. Mi capita spesso di essere triste perché non mi sento amata. Mi piacerebbe essere una nuvola bianca e leggera, che cosa devo fare? Il sole allungò uno dei suoi raggi e portò la nuvola grigia vicino a sé; Rita sentì un bel tepore e si mise ad ascoltare. - Ognuno di noi - spiegò il sole scintillando - ha un compito da svolgere perché così ha voluto il nostro Creatore. Sono tutti compiti importanti e nessuno è inutile, e ognuno di noi ha bisogno degli altri. Ti faccio un esempio. Io so di avere un compito fondamentale, perché do la luce ed il calore, e senza di me non ci sarebbe la vita. Eppure anch'io, quando è sera, devo farmi da parte, perché gli abitanti della terra hanno bisogno di riposare. Se io fossi sempre in mezzo al cielo, ci sarebbe troppo caldo sulla terra, le piante morirebbero di sete e la gente sarebbe disperata. Dunque, è giusto che durante la notte io lasci il posto alla luna e alle stelle, e che il cielo si faccia scuro. Lo stesso avviene per il vento: lui è importante, perché pulisce il cielo, trasporta i semi, fa viaggiare le barche a vela e fa volare gli aquiloni, ma troppo vento sarebbe un male. Insomma, cara nuvola grigia, voglio dirti che devi essere felice del compito che ti è stato assegnato. Ora vai, ho molto da fare! Rita torno tra le sue colleghe, altre nuvole scure che viaggiavano veloci nel cielo. - Era ora che tornassi tra noi! - le dissero in coro. - Si può sapere dove sei stata? Oggi abbiamo un incarico importante. Ricordi quel ghiacciaio sulle alte montagne? Da qualche tempo si sta sciogliendo, perché ultimamente c'è stato troppo sole. Dobbiamo subito correre là, ci vuole una bella nevicata! Ria si mise d'impegno. Arrivata vicino alle vette delle alte montagne, sentì freddo, e subito si strinse alle sue amiche. Tutte insieme fabbricarono un bel po di neve, che cadde per giorni e giorni. - Grazie! - esclamò il ghiacciaio. - Ne avevo proprio bisogno. Da troppo tempo non cadeva la neve e io stavo diventando sempre più piccolo. Ero preoccupato perché, senza la neve, la prossima estate avrei prodotto pochissima acqua. Il torrente era già quasi a secco e si lamentava. Ora finalmente potrò dirgli di stare tranquillo: avrà acqua a sufficienza per rifornire il fiume, il lago e il mare!

8 La nuvola grigia capì che il sole aveva proprio ragione. Tutti hanno un compito importante da svolgere, e ognuno ha bisogno degli altri. - Che fai lì tutta pensierosa? - le chiesero le amiche. - Lo sai che non possiamo stare ferme. Vieni, c'è da organizzare un bel temporale, laggiù ne hanno proprio bisogno! Rita finalmente sorrise e volò via felice. M: Ora ascoltiamo anche questo altro racconto del Vangelo di Luca (Lc 15, 8-9). Gesù raccontò anche un'altra parabola, quella di una donna che aveva dieci monete per lei molto importanti. "Un giorno la donna perse una delle dieci monete. La sua casa era buia, il pavimento scuro, ma cercò di ritrovare la moneta perduta. Accese un lume, spazzò la casa e guardò ovunque. Improvvisamente vide qualcosa brillare: era la moneta nascosta in un angolo buio. La donna chiamò i suoi amici e vicini e disse: "Festeggiamo! Sono così felice di avere ritrovato la moneta che avevo smarrito!" "Nello stesso modo" disse Gesù "Dio è molto felice quando qualcuno torna da Lui. Ogni persona è importante, proprio come la moneta smarrita dalla donna. Dio vuole salvare ognuno di noi" Segno P: Per sottolineare l importanza che ogni cosa sia al posto giusto per la bellezza del risultato e quanto per questo sia importante la collaborazione di tutti, insieme costruiamo un puzzle. Al termine del puzzle si recita insieme la preghiera del Padre Nostro. Conclusione P: Signore, aiutaci custodire l ordine e l armonia nei nostri cuori, nella nostra famiglia e anche nella nostra casa, come segno evidente della tua presenza in mezzo a noi. Te lo chiediamo per intercessione di Maria, che con questo spirito si è occupata ogni giorno della casa di tuo figlio Gesù. T: Ave o Maria, piena di grazia, il Signore è con te Tu sei benedetta fra tutte le donne, e benedetto è il frutto del tuo seno Gesù. Santa Maria, madre di Dio, prega per noi peccatori adesso e nell ora della nostra morte. Amen P: Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. T: Amen

9 3. AMORE PER LA VITA NELLA CORPOREITA : SALUTE E MALATTIA Luogo della preghiera: bagno PAPA : Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. TUTTI: Amen. FIGLIO/A: Mamma, papà, perché oggi ci avete chiamati per pregare? E perché proprio nel bagno? MAMMA: Oggi, nella preghiera, vogliamo ringraziare Dio per il dono della nostra famiglia e il bagno è il luogo che ci ricorda quanto è importante amare il corpo perché anche i gesti corporali sono segno dell amore di Dio. F: Ma quali sono questi gesti? P: La cura nella malattia, la pulizia, il riposo, le carezze, i baci e tutte le attenzioni che abbiamo tra noi. M: Ascoltiamo allora questo racconto che parla di quanto è importante prendersi cura gli uni degli altri. Da "IL PICCOLO PRINCIPE" di Antoine de Saint-Exupery In quel momento apparve la volpe. "Buon giorno", disse la volpe. "Buon giorno", rispose gentilmente il piccolo principe, voltandosi: ma non vide nessuno. "Sono qui", disse la voce, "sotto al melo " "Chi sei?" domandò il piccolo principe, " sei molto carino " "Sono la volpe", disse la volpe. "Vieni a giocare con me" disse il piccolo principe. "Non sono addomesticata" disse la volpe. "Ah! Scusa", fece il piccolo principe. Ma dopo un momento di riflessione soggiunse "Che cosa vuol dire addomesticare?" "Non sei di queste parti, tu", disse la volpe"che cosa cerchi?" "Cerco gli uomini", disse il piccolo principe. "Che cosa vuol dire addomesticare?" "Gli uomini" disse la volpe"hanno dei fucili e cacciano. E' molto noioso! Allevano anche delle galline. E' il loro solo interesse. Tu cerchi le galline?" "No", disse il piccolo principe. "Cerco degli amici. Che cosa vuol dire addomesticare?" "E' una cosa da molto dimenticata. Vuol dire creare dei legami " "Creare dei legami?" "Certo", disse la volpe. "Tu, fino ad ora per me, non sei che un ragazzino uguale a centomila ragazzini. E non ho bisogno di te. E neppure tu hai bisogno di me. Io non sono per te che una volpe uguale a centomila volpi. Ma. Se tu mi addomestichi, noi avremo bisogno uno dell'altro. Tu sarai per me unico al mondo, e io sarò per te unica al mondo." "Comincio a capire", disse il piccolo principe. "C'è un fiore credo che mi abbia addomesticato " "E' possibile", disse la volpe "capita di tutto sulla terra " "Oh! Non è sulla terra", disse il piccolo principe. La volpe sembrò

10 perplessa: "Su un altro pianeta?" "Sì" "Ci sono dei cacciatori su questo pianeta?" "No". "Questo mi interessa! E delle galline?" "No". "Non c'è niente di perfetto", sospirò la volpe. Ma la volpe ritornò alla sua idea: "La mia vita è monotona. Io do la caccia alle galline, e gli uomini danno la caccia a me.tutte le galline si assomigliano, e tutti gli uomini si assomigliano. E io mi annoio per ciò. Ma se tu mi addomestichi la mia vita sarà come illuminata. Conoscerò il rumore di passi che sarà diverso da tutti gli altri. Gli altri passi mi faranno nascondere sotto terra. Il tuo, mi farà uscire dalla tana, come una musica. E poi, guarda! Vedi, laggiù in fondo, dei campi di grano? Io non mangio il pane e il grano, per me è inutile. I campi di grano non mi ricordano nulla. E questo è triste! Ma tu hai dei capelli color d'oro. Allora sarà meraviglioso quando mi avrai addomesticato. Il grano, che è dorato, mi farà pensare a te. E amerò il rumore del vento nel grano ". La volpe tacque e guardò a lungo il piccolo principe: "Per favore addomesticami", disse. "Volentieri", rispose il piccolo principe, "ma non ho molto tempo, però. Ho da scoprire degli amici e da conoscere molte cose". "Non si conoscono che le cose che si addomesticano", disse la volpe."gli uomini non hanno più tempo per conoscere nulla. Comprano dai mercanti le cose già fatte. Ma siccome non esistono mercanti di amici, gli uomini non hanno più amici. Se tu vuoi un amico addomesticami!" "Che bisogna fare?" domandò il piccolo principe."bisogna essere molto pazienti", rispose la volpe. "In principio tu ti sederai un po' lontano da me, così, nell'erba. Io ti guarderò con la coda dell'occhio e tu non dirai nulla. Le parole sono una fonte di malintesi. Ma ogni giorno tu potrai sederti un po' più vicino ". Il piccolo principe ritornò l'indomani."sarebbe stato meglio ritornare alla stessa ora", disse la volpe."se tu vieni, per esempio, tutti i pomeriggi, alle quattro, dalle tre io comincerò ad essere felice. Col passare dell'ora aumenterà la mia felicità. Quando saranno le quattro, incomincerò ad agitarmi e ad inquietarmi; scoprirò il prezzo della felicità! Ma se tu vieni non si sa quando, io non saprò mai a che ora prepararmi il cuore Ci vogliono i riti". "Che cos'è un rito?" disse il piccolo principe. "Anche questa è una cosa da tempo dimenticata", disse la volpe. "E' quello che fa un giorno diverso dagli altri giorni, un'ora dalle altre ore. C'è un rito, per esempio, presso i miei cacciatori. Il giovedì ballano con le ragazze del villaggio. Allora il giovedì è un giorno meraviglioso! Io mi spingo sino alla vigna. Se i cacciatori ballassero in un giorno qualsiasi i giorni si assomiglierebbero tutti, e non avrei mai vacanza". Così il piccolo principe addomesticò la volpe. E quando l'ora della partenza fu vicina: "Ah!" disse la volpe, " Piangerò". "La colpa è tua", disse il piccolo principe, "Io, non ti volevo far del male, ma tu hai voluto che ti addomesticassi ". "E' vero", disse la volpe. "Ma piangerai!" disse il piccolo principe. "E' certo", disse la volpe. "Ma allora che ci guadagni?". "Ci guadagno", disse la volpe, "il colore del grano". Soggiunse: "Va a rivedere le rose. Capirai che la tua è unica al mondo. Quando ritornerai a dirmi addio ti regalerò un segreto". Il piccolo principe se ne andò a rivedere le rose. "Voi non siete per niente simili alla mia rosa, voi non siete ancora niente", disse. "Nessuno vi ha addomesticato e voi non avete addomesticato

11 nessuno. Voi siete come era la mia volpe. Non era che una volpe uguale a centomila altre. Ma ne ho fatto il mio amico e ne ho fatto per me unica al mondo". E le rose erano a disagio. "Voi siete belle, ma siete vuote", disse ancora. "Non si può morire per voi. Certamente, un qualsiasi passante crederebbe che la mia rosa vi rassomigli, ma lei, lei sola, è più importante di tutte voi, perché è lei che ho innaffiato, perché è lei che ho messa sotto la campana di vetro, perché è lei che ho riparato col paravento, perché su di lei ho ucciso i bruchi (salvo due o tre per le farfalle), perché è lei che ho ascoltato lamentarsi o vantarsi, o anche qualche volta tacere. Perché è la mia rosa". E ritornò dalla volpe. "Addio", disse. "Addio", disse la volpe. "Ecco il mio segreto. E' molto semplice: non si vede bene che col cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi". "L'essenziale è invisibile agli occhi", ripeté il piccolo principe, per ricordarselo. "E' il tempo che tu hai perduto per la tua rosa che ha fatto la tua rosa così importante". "E' il tempo che ho perduto per la mia rosa " sussurrò il piccolo principe per ricordarselo. "Gli uomini hanno dimenticato questa verità. Ma tu non la devi dimenticare. Tu diventi responsabile per sempre di quello che hai addomesticato. Tu sei responsabile della tua rosa ". " Io sono responsabile della mia rosa ". Ripeté il piccolo principe per ricordarselo. M: Ora ascoltiamo anche questo altro racconto del Vangelo (Mc 14, 3-9) in cui Gesù lascia che una donna si prenda cura di lui.. Gesù si trovava a Betània nella casa di Simone il lebbroso. Mentre stava a mensa, giunse una donna con un vasetto di alabastro, pieno di olio profumato di nardo genuino di gran valore; ruppe il vasetto di alabastro e versò l unguento sul suo capo. Ci furono alcuni che si sdegnarono fra di loro: Perché tutto questo spreco di olio profumato? Si poteva benissimo vendere quest olio a più di trecento denari e darli ai poveri!. Ed erano infuriati contro di lei. Allora Gesù disse: Lasciatela stare; perché le date fastidio? Ella ha compiuto verso di me un opera buona; i poveri, infatti, li avete sempre con voi e potete beneficarli quando volete, me invece non mi avete sempre. Essa ha fatto ciò che era in suo potere, ungendo in anticipo il mio corpo per la sepoltura. In verità vi dico che dovunque, in tutto il mondo, sarà annunziato il vangelo, si racconterà pure in suo ricordo ciò che ella ha fatto. Segno P: Adesso, come segno concreto del prendersi cura tra di noi, ci laveremo le mani a vicenda. M: Ora stringendoci quelle mani di cui ci siamo presi cura, recitiamo insieme la preghiera del Padre Nostro.

12 Conclusione P: Signore Gesù, tu che nella casa di Betània ti sei lasciato ungere i capelli con il profumo prezioso, rendi anche i nostri corpi e i nostri cuori capaci di ricevere le attenzioni di chi ci vuole bene, come segno del Tuo Amore, e fa che possiamo anche noi, con i nostri gesti, far provare ai nostri fratelli la meravigliosa esperienza del sentirsi amati da Te. T: Amen. P: Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. T: Amen

13 4. PREGARE INSIEME E CELEBRARE INSIEME Luogo della preghiera: davanti ad un immagine sacra PAPA : Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. TUTTI: Amen. FIGLIO/A: Mamma, papà, perché oggi ci avete chiamati per pregare? E perché proprio davanti a questa immagine? MAMMA: Oggi, nella preghiera, vogliamo ringraziare Dio per il dono della nostra famiglia e lo facciamo qui davanti perché è importante avere in casa un luogo che serve a ricordarci che il Signore abita con noi. P: Ascoltiamo allora questo brano del Vangelo di Matteo (Mt 6-9,13) Un giorno, mentre Gesù stava pregando, un discepolo gli chiese: Signore, insegnaci a pregare. Allora egli disse: Quando pregate dite così: Padre, mostra a tutti la santità del tuo nome e fa venire il tuo regno sulla terra. Dona a tutti ogni giorno il cibo necessario. Perdona il male che facciamo e aiutaci a perdonare chi ci fa del male. Non permettere che nei momenti difficili ci dimentichiamo di te e del tuo amore. Segno M: A questo punto come segno conclusivo di questa preghiera ci doniamo una benedizione tracciandoci vicendevolmente un segno di croce sulla fronte come nel giorno del battesimo, recitando la formula: Io ti benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. P: Preghiamo insieme con le parole che Gesù ci ha insegnato: Padre Nostro.

14 Conclusione P: Come preghiera conclusiva recitiamo insieme il Salmo (132) La vita fraterna Ecco quanto è buono e quanto è soave che i fratelli vivano insieme! 2 È come olio profumato sul capo, che scende sulla barba, sulla barba di Aronne, che scende sull orlo della sua veste. 3 È come rugiada dell Ermon, che scende sui monti di Sion. Là il Signore dona la benedizione e la vita per sempre. P: Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. T: Amen

15 5. UNA CASA APERTA: TESTIMONIANZA E APOSTOLATO Luogo della preghiera: entrata PAPA : Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. TUTTI: Amen. FIGLIO/A: Mamma, papà, perché oggi ci avete chiamati per pregare? E perché proprio nell entrata? MAMMA: Oggi, nella preghiera, vogliamo ringraziare Dio per il dono della nostra famiglia e l entrata è il primo luogo da cui passa chi entra nella nostra casa e serve a ricordarci l importanza dell ospitalità e dell accoglienza cristiana. F: Ma come possiamo noi ospitare ed accogliere cristianamente? P: Cercando di far sentire a casa propria chi viene nella nostra e rimanendo aperti verso tutti quelli che incontriamo nelle nostre giornate. M: Ascoltiamo ora come Gesù è stato accolto in una casa. Gesù passava un sacco di tempo, spostandosi di città in città, insegnando alla gente sull amore di Dio e su come dovevano comportarsi gli uni verso gli altri. A qualcuno non piacevano le parole di Gesù, perciò respingeva Lui ed i suoi insegnamenti. Altri, invece, amavano moltissimo Gesù e lo seguivano da un posto all altro, ascoltando attentamente ogni Sua parola. Quando Marta udì che Gesù stava per passare dalla città di Betània, fu piena d entusiasmo! Amava Gesù così tanto, e sperava di poter passare un po di tempo con Lui. Indossò il vestito migliore che aveva ed uscì di corsa in strada ad incontrare Gesù. Ti prego, Ti prego, vieni da noi! lo implorò. So che sarai stanco ed affamato dopo una giornata così lunga. Mi piacerebbe tanto preparare una buona cenetta per Te. Verrai, allora? L insistenza di Marta fu premiata: Gesù acconsentì ad andare a cena a casa sua. Marta era fuori di sé dalla gioia. Corse subito a casa a preparare per il suo Ospite Speciale. Maria, Maria! gridò. Indovina chi viene da noi oggi! Quando Maria, che era la sorella di Marta, seppe che si trattava di Gesù, fu piena di gioia quanto Marta. Insieme cominciarono a riordinare alla svelta la casa per renderla presentabile al loro ospite speciale. Marta iniziò a preoccuparsi un po. C è così tanto da fare. Come potremo mai fare tutto prima che arrivi Gesù? si domandò. Si occupò di tutte quelle piccole cose che bisognava fare, come spolverare e mettere in ordine le stanze. Poi andò in cucina a preparare qualcosa di speciale.

16 Vediamo un po farina zucchero fichi di stagione, pensava ad alta voce. Posso fare una deliziosa torta di fichi come dessert. Mentre era tutta indaffarata in cucina, sentì delle voci provenire dall esterno. E Gesù! disse con eccitazione. Devo andare ad accoglierlo. Si concesse una piccola pausa dal lavoro in cucina per salutare e dare il benvenuto in casa loro a Gesù. Quindi se ne tornò a finire di cucinare. Il tavolo era apparecchiato con la tovaglia migliore. Tutti i cibi erano perfettamente sistemati nei piatti. Marta era così occupata col lavoro da non avere il tempo di stare con Gesù. Ad un certo punto si accorse che stava facendo lei tutto il lavoro, mentre sua sorella Maria stava nella camera accanto ad ascoltare Gesù, senza far nulla per aiutarla. Marta continuava ad affaccendarsi per preparare una cena perfetta e, allo stesso tempo, diventava sempre più arrabbiata con Maria. Non è per niente giusto che lei stia lì a spassarsela parlando con Gesù, mentre io sono qui a lavorare come una matta pensò. Adesso basta! Andrò di là a sistemare la cosa! Con un falso sorriso sul volto entrò nell altra stanza. Gesù, potresti dire a Maria di venire in cucina? Penso di poter essere utile anch io, di qua disse, più gentilmente che poteva. Gesù si voltò verso di lei con uno sguardo severo e la rimproverò amorevolmente. Marta, Marta. Sei così impegnata a cercare di fare tutto bene. Ti stai procurando troppi guai. Ti stai preoccupando troppo. Guarda come Maria se ne sta qui a godere della mia compagnia. Lei ha scelto la parte migliore, e non le permetterò di lasciarmi. Marta probabilmente ritornò tranquillamente in cucina per finire al più presto possibile i suoi compiti, così che la cena potesse essere servita e lei pure potesse godersi del tempo col suo amico Gesù. P: Come avete sentito non solo sono importanti le cose da fare per accogliere chi ci viene a trovare, ma non c è vera ospitalità se manca l ascolto. Segno M: Ora per ricordarci quanto è importante ascoltare ed accogliere ci benediciamo vicendevolmente con un segno di croce le orecchie e le mani recitando la formula: Il Signore ti benedica, apra le tue orecchie ai bisogni dei tuoi fratelli e renda queste mani capaci di accogliere con amore tutti quelli che incontri.

17 Padre Nostro Conclusione P: Padre di amore e di bontà tuo figlio ospite ed amico nella casa di Marta e Maria ha vissuto l amicizia, gioia del cuore e consolazione del cammino. Noi ti chiediamo di accogliere la nostra gioia per la presenza di chi visita la nostra casa e fa che lieti di ogni incontro accresciamo la nostra comunione e la nostra amicizia. T: Amen P: Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. T: Amen

18 6. IL MONDO NELLA CASA E LA CASA NEL MONDO Luogo della preghiera: intorno alla televisione PAPA : Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. TUTTI: Amen. FIGLIO/A: Mamma, papà, perché oggi ci avete chiamati per pregare? E perché proprio davanti alla televisione? MAMMA: Oggi, nella preghiera, vogliamo ringraziare Dio per il dono della nostra famiglia e la televisione è il mezzo che porta tutto il mondo, con la sua storia, nella nostra famiglia. F: A cosa serve sapere cosa succede nel resto del mondo, fuori dalla nostra città, dal nostro paese? P: Serve a ricordarci che non siamo da soli, a farci gioire e ringraziare il Signore delle cose belle che ci sono nel mondo, ma anche a non dimenticare che succedono le cose brutte per le quali tanti nostri fratelli hanno bisogno sia di aiuti concreti che delle nostre preghiere. M: Ascoltiamo ora questo racconto del Vangelo nel quale Gesù racconta la vicenda di uno straniero che si è preso cura di una persona che non conosceva. Un giorno un avvocato venne a Gesù e gli chiese, "Che cosa devo fare per ottenere il paradiso? Gesù rispose, "Che cosa dice la legge?" Ama il Signore con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima, con tutta la tua forza e con tutta la tua mente; e il prossimo tuo come te stesso, disse l avvocato. "E giusto", disse Gesù. "Se tu fai tutto ciò, potrai entrare in paradiso. Ma l avvocato disse, pensando ad una domanda alla quale Gesù non avrebbe saputo rispondere: Ma chi è il mio prossimo? Gesù gli rispose raccontandogli questa storia: Un giorno, un uomo che stava lavorando lontano dalla città, improvvisamente s imbatté in un gruppo di ladri. I ladri presero tutto ciò che lui aveva, e poi lo picchiarono e lo abbandonarono disteso quasi morto al margine della strada. Mentre era disteso con dolore e povertà, sentì dei passi: "Ah! Sta venendo qualcuno!" pensò. "Spero che mi aiuti Spero che non sia uno degli uomini che mi hanno picchiato, che ritornano a vedere se io sono morto." Aspettò e ascoltò per un paio d ore, mentre i passi scomparivano nella distanza. Successe che ci fu un sacerdote che passò vicino, ma quando vide

19 l uomo coricato accanto alla strada, decise di prendere una strada diversa perché aveva fretta e non voleva importunarlo. Il povero uomo fu certamente felice che non fosse uno dei ladri, ma sicuramente sperava che qualcuno lo avrebbe aiutato. Dopo un po di tempo, sentì nuovamente dei passi... Voleva chiamarlo e attirare l attenzione dell uomo che camminava lì vicino, ma aveva tanto dolore, e tutto ciò che poteva fare era lamentarsi. "Forse questa persona mi vedrà e mi riconoscerà pensò allora ansiosamente. L uomo che questa volta stava passando era un levita, un maestro ben noto nel tempio. Sicuramente lui avrebbe potuto aiutare quel povero uomo. Ma quando vide l uomo che giaceva ai bordi della strada, guardò in basso... Poi girò la testa... Gli camminò vicino, ignorando completamente il poverino, addolorando ancor di più l uomo. Non passò molto tempo che l uomo sentì altri passi. Volle credere che questa persona sarebbe venuta subito ad aiutarlo, ma era già passato qualcuno per due volte e non ebbe neppure la speranza di un soccorso. Dopo ciò, arrese tutta la speranza ed era certo di morire onestamente lì ai bordi della strada. L uomo che questa volta stava attraversando la strada era un estraneo della Samaria. Proprio a nessuno piaceva la gente della Samaria ed era molto improbabile che avrebbe voluto aiutarlo. Ma mentre passava, egli notò l uomo che giaceva percosso e sanguinante al margine della strada. Provò dispiacere per lui e volle aiutarlo. Scese dal suo asino e piegato a terra vicino l uomo diede un rigoroso sguardo alle ferite. Gentilmente, coprì con delle fasce le ferite e lo aiutò ad alzarsi. Poi mise attentamente l uomo proprio sul suo cavallo, e lo portò al più vicino hotel. Restò con lui tutta la notte e si prese cura di lui. La mattina seguente doveva partire, ma sapeva che non avrebbe potuto portare l uomo con sé. Quando pagò il conto, diede al locandiere dei soldi in più, dicendogli "Prenditi cura di lui, nutrilo, e dagli tutto ciò di cui ha bisogno. Se ti dovrà qualcosa, prima che lui stia bene, segnalo, pagherò il conto la prossima volta che verrò. Gesù, dopo aver finito la storia, chiese all avvocato, "Quale di questi tre uomini si avvicinò allo straniero sulla strada?" L avvocato timidamente rispose, "Quello che si fermò e lo aiutò." E Gesù rispose, "Giusto. Ora tu vai e fa così."

20 Segno P: Oggi guarderemo la TV tenendo accesa una candela come segno della presenza di Gesù in mezzo a noi e in tutto il mondo, per poterlo ringraziare delle cose belle che vedremo o invocare per le necessità dei nostri fratelli. Padre Nostro. Conclusione P: Signore, insegnaci a non amare noi stessi, a non amare soltanto i nostri cari, a non amare soltanto quelli che ci amano. Insegnaci a pensare agli altri, ad amare anzitutto quelli che nessuno ama. Facci la grazia di capire, che ad ogni istante, mentre noi viviamo una vita serena, ci sono milioni di esseri umani che sono pure tuoi figli e nostri fratelli che muoiono di fame e di freddo senza averlo meritato. Signore, abbi pietà di tutti i poveri del mondo. Abbi pietà dei malati, ai quali tu così spesso hai sorriso, quando eri su questa terra. E non permettere più, o Signore, che viviamo felici da soli. Facci sentire l angoscia della miseria universale e liberaci dal nostro egoismo. T: Amen P: Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. T: Amen

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il brano evangelico di oggi ci offre il ritratto di ogni famiglia nelle sue componenti

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo MONASTERO INVISIBILE Diocesi di Treviso Centro Diocesano Vocazioni Aprile 2015 CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo Introduzione

Dettagli

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa Parrocchia Santi Pietro e Paolo Venite alla festa Questo libretto e di: Foto di gruppo 2 Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Occhi: se i miei occhi sono attenti, possono cogliere i gesti

Dettagli

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre UN LIBRO Novembre-dicembre CHE ANNUNCIA..... LA GIOIA DEL NATALE VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA Parole chiave SEGNI E SIMBOLI DELLA FESTA DI NATALE nella borsina ci sono due scatole che contengono

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Il Signore ci fa suoi messaggeri Abbiamo incontrato Gesù, ascoltato la sua Parola, ci siamo nutriti del suo Pane, ora portiamo Gesù con noi e viviamo nel suo amore. La gioia del Signore sia la vostra forza!

Dettagli

Novena di Natale 2015

Novena di Natale 2015 Novena di Natale 2015 io vidi, ed ecco, una porta aperta nel cielo (Apocalisse 4,1) La Porta della Misericordia Signore Gesù Cristo, tu ci hai insegnato a essere misericordiosi come il Padre celeste, e

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo.

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Pensieri.. In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Simone Per me non è giusto che alcune persone non abbiano il pane e il cibo che ci spettano di diritto. E pensare che molte

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA!

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! PREPARATIVI - Preparare un grande cerchio di cartoncino marrone (la torta ) e tanti spicchi di diversi colori vivaci (le fette ), in modo che ci sia uno spicchio

Dettagli

Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia. GESU rimani sempre in mezzo a noi, Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di

Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia. GESU rimani sempre in mezzo a noi, Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia GESU rimani sempre in mezzo a noi, per aiutarci a volerci bene, come TU vuoi a tutti noi. Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di 12 Iniziamo

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

L inizio della tristezza dell Uomo

L inizio della tristezza dell Uomo Bibbia per bambini presenta L inizio della tristezza dell Uomo Scritta da: Edward Hughes Illustrata da: Byron Unger; Lazarus Adattata da: M. Maillot; Tammy S. Tradotta da: Lorena Circiello Prodotta da:

Dettagli

Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che

Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che storia leggiamo stasera? Lo scalpiccìo dei piedini sulla scala echeggiò per tutta la casa. Tino entrò di corsa, già in pigiama, ansioso di ascoltare una storia.

Dettagli

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it XI DOMENICA PRIMA LETTURA Il Signore ha rimosso il tuo peccato: tu non morirai. Dal secondo libro di Samuèle 12, 7-10.13 In quei giorni, Natan disse a Davide: «Così dice il Signore, Dio d Israele: Io ti

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015. R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor!

Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015. R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor! Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015 Canto d'inizio: 1 TERRA TUTTA DÀ LODE A DIO R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor! 1. Servite Dio nell allegrezza, 2. Sì, il Signore

Dettagli

ENTRATA (PRELUDIO) INNO DI ENTRATA. SALUTO Pastore: Il Signore sia con voi! Comunità: E con il tuo spirito! oppure: E il Signore sia anche con te!

ENTRATA (PRELUDIO) INNO DI ENTRATA. SALUTO Pastore: Il Signore sia con voi! Comunità: E con il tuo spirito! oppure: E il Signore sia anche con te! Liturgia per matrimonio Versione abbreviata della liturgia di matrimonio della Chiesa luterana danese, autorizzata con risoluzione regale del 12 giugno 1992 ENTRATA (PRELUDIO) DI ENTRATA SALUTO Pastore:

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi 6-8 anni Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi Diocesi di Ferrara-Comacchio Hanno collaborato: Debora Curulli, Manuela Pisa, Ottavia Persanti, Elena Sambo, don Enrico Garbuio Finito di stampare:

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Consegna del Catechismo

Consegna del Catechismo .II C 1.. L albero dove i piccoli trovano il nido Fase II Consegna del Catechismo Lasciate che i bambini vengano a me Parrocchia..... Domenica. LA TUA PAROLA, SIGNORE, È LUCE AI NOSTRI PASSI Se è possibile,

Dettagli

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI Maggio-Giugno Le campane nel campanile suonano a festa. E risorto Gesù E Pasqua senti come suonano allegre! ascoltiamole Queste suonano forte! Maestra perchè

Dettagli

Il Leader: discepolo di Gesù

Il Leader: discepolo di Gesù Il Leader: discepolo di Gesù Introduzione La dimensione del discepolato è essenziale nella vita cristiana, del battezzato e nel ministero di leader. Chi vuole annunciare il vangelo non può farlo se prima

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

Un uomo mandato da Dio

Un uomo mandato da Dio Bibbia per bambini presenta Un uomo mandato da Dio Scritta da: Edward Hughes Illustrata da: Byron Unger; Lazarus Adattata da: E. Frischbutter; Sarah S. Tradotta da: Eliseo Guadagno Prodotta da: Bible for

Dettagli

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE PER LA CORONA DEL DISCEPOLO A 33 GRANI Editrice Shalom 31.05.2015 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

"La libertà e l'amore"

La libertà e l'amore "La libertà e l'amore" Per il lavoro, la riflessione e la preghiera LA SCRITTURA: Gal 5,13-14; Fil 2; Gal 2,20; Gv 15; Rm 7,15; LA LETTERATURA Da Il Piccolo Principe scritto da Antoine de Saint-Exupéry

Dettagli

POESIE SULLA FAMIGLIA

POESIE SULLA FAMIGLIA I S T I T U T O S. T E R E S A D I G E S Ù Scuola Primaria POESIE SULLA FAMIGLIA A CURA DEI BAMBINI DELLA QUARTA PRIMARIA a.s. 2010/2011 via Ardea, 16-00183 Roma www.stjroma.it La gratitudine va a mamma

Dettagli

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 I. RADUNO Inno processionale Coloro che guidano la celebrazione entrano e possono portare una Bibbia, una candela e del sale Indirizzo

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Grandi avvenimenti prodigiosi avvennero in mezzo alla gente tramite le mani degli apostoli.

Grandi avvenimenti prodigiosi avvennero in mezzo alla gente tramite le mani degli apostoli. Grandi avvenimenti prodigiosi avvennero in mezzo alla gente tramite le mani degli apostoli. (Atti degli Apostoli, capitolo 5 versetto 12) Questo libretto è di: Un sacramento cos è? Come l acqua purifica,

Dettagli

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE Cos è la fede? FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO EBREI 11:1 che si sperano SPERANZA: Aspettazione fiduciosa di qualcosa in cui

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino Una proposta di itinerario per... sposi in cammino dedicato a tutti gli sposi che hanno il desiderio di interrogarsi sul significato del loro matrimonio Sposi in cammino FAMIGLIA SORGENTE DI COMUNIONE

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino?

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino? RITI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI E I PADRINI Celebrante: Genitori:... Che nome date al vostro bambino? Celebrante: Per... che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Genitori: Il Battesimo. Celebrante:

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

WÉÅxÇ vt ED ÅtÜéÉ ECDC

WÉÅxÇ vt ED ÅtÜéÉ ECDC ctüüévv{ t w fa TÇwÜxt Parrocchia di S. Andrea Sommacampagna féååtvtåñtzçt Domenica 21 marzo 2010 WÉÅxÇ vt ED ÅtÜéÉ ECDC 12 BRUCIAMO I BIGLIETTINI Bruciamo i nostri peccati, con il perdono non ci sono

Dettagli

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry I NONNI Obiettivo: riconoscere il sentimento che ci lega ai nonni. Attività: ascolto e comprensione di racconti, conversazioni guidate. Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry Quando Roberto

Dettagli

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28)

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) La mancanza di un figlio da sempre è stata fonte di sofferenza per molte donne, Un tempo, non conoscendo i meccanismi del concepimento,

Dettagli

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi Concorso Nazionale di poesia città di Foligno Sezione Ragazzi LA VITA La vita è come un libro illustrato Dal quale spesso rimani affascinato A tal punto che resteresti incollato E vorresti sfogliarla tutta

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio :: OBIETTIVI GENERALI :: :: ATTIVITÀ ::

GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio :: OBIETTIVI GENERALI :: :: ATTIVITÀ :: GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio Gruppo Animatori Salesiani www.gascornedo.it info@gascornedo.it Data: ven 17 gennaio 2014 Tema MGS: Verso la Conquista Titolo: La Mia Anima Rimane

Dettagli

La rivelazione della Parola di Dio

La rivelazione della Parola di Dio Domenica, 26 settembre 2010 La rivelazione della Parola di Dio Salmo 119:130- La rivelazione delle tue parole illumina; rende intelligenti i semplici. Apro la bocca e sospiro, per il desiderio dei tuoi

Dettagli

14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina

14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina .. mettendoci da parte vostra ogni impegno, aggiungete alla vostra fede (2 Pietro 1:5) Natale Mondello 14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina Dio ha un piano per

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE

PARROCCHIA SACRO CUORE PARROCCHIA SACRO CUORE VEGLIA MISSIONARIA 2013 1 ARCIDIOCESI DI CAPUA PARROCCHIA SACRO CUORE VEGLIA MISSIONARIA 30 OTTOBRE 2013 SULLE STADE DEL MONDO PRESIEDE DON CARLO IADICICCO MISSIONARIO FIDEI DONUM

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli