Consiglio di Amministrazione dell E.A.R. Teatro di Messina. presidente Luciano Ordile. vicepresidente Daniela Faranda

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Consiglio di Amministrazione dell E.A.R. Teatro di Messina. presidente Luciano Ordile. vicepresidente Daniela Faranda"

Transcript

1

2 Consiglio di Amministrazione dell E.A.R. Teatro di Messina presidente Luciano Ordile vicepresidente Daniela Faranda consiglieri Carmela David Carmelo Ietto Gustavo Ricevuto Francesco Rizzo

3 Teatro significativo in chiave messinese di Maurizio Marchetti La Casa degli Artisti è una sezione dei nostri cartelloni ospitati presso la Sala Laudamo, il ridotto del Teatro Vittorio Emanuele non per questo meno importante e significativo nell ambito della qualità della vetrina teatrale che abbiamo la responsabilità di proporre al giudizio del nostro pubblico. Tale sezione, dedicata ai teatranti messinesi (attori, registi, autori, produttori, scenografi o quant altro) che si sono distinti con la loro attività nell ambito nazionale, sta per concludere la sua seconda edizione con uno spettacolo, produzione del Teatro di Messina, cui teniamo particolarmente: Patri i famigghia, novità assoluta di Dario Tomasello. In queste quattro stagioni da me dirette, in totale sintonia con il Consiglio di Amministrazione e con la Sovrintendenza, abbiamo portato avanti progetti, sia di produzione che di ospitalità, che privilegiassero gli artisti e le compagnie messinesi e, tra i nuovi autori, Tomasello è risultato tra i più interessanti non solo nell ambito cittadino ma anche a livello nazionale. Con Ultimo giorno (già coprodotto dal nostro Ente con il Teatro Stabile del Friuli) Tomasello ha descritto il dramma di una famiglia musulmana, invece con Patri i famigghia il giovane autore messinese si confronta con una tematica e con una struttura drammaturgica completamente diversa che affronta, in chiave ironica e leggera e con un linguaggio in parte dialettale, il traumatico ma inevitabile passaggio di una famiglia siciliana dalla propria origine contadina ad una opportuna, se non forse opportunistica, acquisizione di una struttura familiare più cinicamente borghese. Lo spettacolo sarà realizzato da un gruppo di giovani ma affermati artisti messinesi di assoluto rilievo e di grande talento quali Roberto Bonaventura, sensibile regista, ed Angelo Campolo, Annibale Pavone ed Adele Tirante, bravissimi interpreti. In bocca al lupo a tutti! 3

4 la famiglia al centro del disfacimento di Dario Tomasello Patri i famigghia è un apologo sul senso di desolazione e di sradicamento, vissuto da una generazione che non riesce ad assumersi la responsabilità più delicata: quella della cura paterna dei propri cari, del proprio tempo. In un gioco ambiguo di ricognizione memoriale, tramato in dialetto messinese, tre cugini, Angelica, Rino e Nando, ritrovatisi per necessità alla morte del padre di quest ultimo, tessono la tela, amara e divertita, dei ricordi di un infanzia dolcissima, crudele e smarrita. L esito di quel ritrovarsi inatteso trascina echi di perduti rancori e tessere maliziose di un mosaico impossibile da ricomporre. L età adulta si è compiuta senza costrutto, senza ipotesi di salvezza. Non resta che rifugiarsi nel passato, le cui ombre fanno meno paura dell evidenza brutale della realtà odierna. Il prezzo di questo viaggio a ritroso vale comunque i rischi che esso comporta. Tutti si sottomettono alla sfida e più riaffiora viscerale la natura antica e radicale del rapporto più, come in un affresco verghiano, la roba, la terra, diviene l oggetto di un astiosa contesa. Ancora una volta, secondo una linea privilegiata della drammaturgia meridionale (da Eduardo a Spiro Scimone), è la famiglia la chiave cruciale del disfacimento che ci è toccato in sorte. Il progetto intende fare riferimento ad una genealogia teatrale fortemente inscritta nel contesto territoriale e, per questo stesso motivo, dotata di respiro universale. 4

5 Un girotondo di scelte sbagliate di Roberto Bonaventura Patri i famigghia è una cassapanca di legno piena di ricordi, è il tentativo di tenerla chiusa per divenire grandi, è la voglia di riaprirla per restare protetti. Il nostro lavoro è partito dall assenza del padre, del capo della famiglia, di colui che tiene tutto e tutti uniti. Ci siamo scontrati con una forte sensazione di smarrimento, con l impossibilità di avere una direzione, con la percezione di essere adulti che non riescono a smettere di essere figli. Queste dinamiche hanno dato vita ad un gioco che rende i tre personaggi grottesche caricature di adulti malriusciti, in un girotondo talvolta patetico, talaltra lento e spietato, in cui inesorabile scorre il tempo. I figli sono allora costretti a guardare la loro vita fatta di scelte sbagliate, di atavici conflitti per un pezzo di terra, di esistenze che si trascinano senza coraggio. Triste e innaturale è dunque quell immaturità che avvertiamo quando occorrerebbe divenire un po più saggi. Avvilente e mortificante è quella sensazione di sicurezza perduta per sempre in nome di falsi ideali. L alone di insondabili certezze, che avvolge chi davvero ha compiuto un cammino da padre, finisce con lo schiacciare i tre figli, caricature che danzano sul palco pezzi di umanità povera e cieca. Chistu è u nostru problema! Non avemu patri, non semu patri! Sulu figghi sapemu esseri. Proponiamo tutto questo in un tono di commedia, che, a tratti e volutamente, diviene surreale. Siamo partiti dalla nostra tradizione dialettale e l abbiamo contaminata e sporcata con elementi teatrali diversi, quasi a sottolineare la mancanza di coerenza, l indecisione, la mancanza di reali e convincenti punti di vista, l impossibilità di una generazione di essere all altezza dei Padri. La scenografia è pensata come memoria, un ricordo filtrato dagli occhi di un bambino, che morbosamente vorrebbe sempre tornare, forzatamente sempre aprire la sua scatola dei giochi 5

6

7

8 Dario Tomasello Autore È nato a Messina il 20 gennaio Insegna Discipline dello Spettacolo e Letteratura italiana contemporanea presso l Università degli Studi di Messina. Coordina, nell ambito della stagione di prosa del Teatro di Messina, la rassegna Paradosso sull autore, riservata alla nuova drammaturgia italiana. È autore di Sua Maestà Siciliana (presentato a Primavera dei teatri nel 2008); Babele ovvero non lasciate che passi l età (presentato al Festival di Taormina Arte nel 2007); Ultimo giorno (prodotto dal Teatro di Messina insieme al Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia nel 2009). 8

9 Roberto Bonaventura Regista Laureato con lode in lettere moderne presso l università di Roma2 con una tesi sul teatro di Beniamino Joppolo, inizia a lavorare in teatro nel 1996 come aiuto regista di Ninni Bruschetta con il quale collabora fino al Partecipa a varie tournée teatrali, ricoprendo diversi ruoli tecnici e artistici, con Nutrimenti Terrestri, Massimo Romeo Piparo, Walter Manfrè, Vetrano-Randisi e altri. Collabora stabilmente con la compagnia Scimone Sframeli (La Busta e Pali). Dal 1999 lavora a numerosi progetti col regista attore Giovanni Boncoddo. A novembre del 2002 debutta nella regia al Teatro S. Leonardo di Bologna con il monologo Oratorio tratto da Retablo di Vincenzo Consolo, interpretato da Antonio Alveario. Nel 2003 fonda l associazione culturale Il Castello di Sancio Panza, della quale è direttore artistico, con cui realizza diversi spettacoli. Dal 1999 al 2007 lavora nell organizzazione del Festival di Santarcangelo dei teatri. Al suo attivo anche diversi cortometraggi e collaborazioni con il regista Francesco Calogero. Dal 2007 dirige una serie di laboratori con Universiteatrali e il progetto Officina Performativa del Teatro di Messina. È direttore artistico del ForteTeatroFestival, giunto alla quarta edizione, che si svolge ogni estate al Parco ecologico S. Jachiddu in Messina e ospita gruppi di ricerca teatrale provenienti da tutta Italia. Dopo lo spettacolo Oratorio, con la sua regia ricordiamo: La leggenda di Colapesce, Il testamento di Don Chisciotte, tratto dal celebre romanzo di Cervantes, Metamorphoseon libri XI, da Apuleio, Mamma. Piccole tragedie minimali di Annibale Ruccello con Gianluca Cesale, I Microzoi di Beniamino Joppolo prodotto dall Ente Teatro di Messina. Realizza con la sua compagnia anche spettacoli di Teatro ragazzi tratto dalle tradizioni popolari, da Ende, Cervantes e altri autori. 9

10 Angelo Campolo Nando Classe 1983, si è diplomato nel 2005 alla Scuola del Piccolo Teatro di Milano fondata da Giorgio Strehler e diretta da Luca Ronconi. Come attore ha lavorato in diverse produzioni del Piccolo, tutte per la regia di Ronconi. Dal 2009 al 2011, incontra Antonio Calenda che lo dirige in Edipo Re, tra i protagonisti di Ultimo giorno e in Picasso e la ragazza rapata, di Dacia Maraini. Nel 2008 ha recitato come protagonista per il Piccolo Teatro di Milano ne La barca dei Comici, dai Memoirés di Goldoni, diretto da Stefano De Luca. Dal 2005 al 2009 ha lavorato con registi come Robert Karsen in Madre Coraggio e Armando Pugliese in Chantecler. Nel 2007 e nel 2008 ha interpretato nelle stagioni di Taormina Arte, diretto da Giampiero Cicciò, il ruolo di Diego in Stato d assedio e quello di Giovanni Battista in Salomè. Per il cinema è stato autore del corto A domani, vincitore del premio della giuria presieduta da Abbàs Kiarostami al Taormina film festival del 2002 e nel 2009 di Un altra mattina, vincitore del premio del pubblico al programma tv La25ora. Come attore ha debuttato nel 2009 in La Prima Linea, diretto da Renato De Maria. In tv nel 2008 è stato protagonista di puntata in Distretto di Polizia 8, per la regia di Alessandro Capone, proseguendo nella stessa fiction l anno successivo diretto da Alberto Ferrari. Nel 2010 ha preso parte al cortometraggio Il volo diretto da Wim Wenders ed è stato co-protagonista del film TV su Raiuno Tutti i padri di Maria!, diretto da Luca Manfredi. Dal 2002 è direttore artistico di Daf Teatro dell esatta fantasia, associazione per la quale scrive, dirige e interpreta spettacoli, tra i quali: Le regole del giuoco del tennis (2006), Lo chiamavano Giufà (2008), Trafficu ppi nenti (2010), ed inoltre cura, insieme ad Annibale Pavone, il laboratorio di ricerca teatrale Il gioco più serio. 10

11 Annibale Pavone Rino Dopo il diploma alla Bottega Teatrale di Firenze diretta da Vittorio Gassman, inizia a lavorare, sempre in ruoli di spicco, con registi come Walter Pagliaro (Gli attori in buonafede di Marivaux), Giancarlo Cobelli (Re Giovanni di Shakespeare), Federico Tiezzi (Amleto di Shakespeare), Mariano Rigillo (Enrico IV di Luigi Pirandello), Ninni Bruschetta (Giulio Cesare di Shakespeare), Giampiero Cicciò (Lo stato d assedio di Albert Camus e Perthus di Jean-Marie Besset). Ma per la sua carriera è fondamentale il sodalizio che lo lega al regista Antonio Latella con il quale da quasi vent anni condivide un percorso professionale rivelatosi tra i più innovativi per il teatro italiano contemporaneo. Diretto da Latella, è da ricordare soprattutto nei ruoli di Starbuck in Moby Dick da Herman Melville (accanto a Giorgio Albertazzi e Marco Foschi), Estragone in Aspettando Godot di Samuel Beckett, Julian in Porcile di Pier Paolo Pasolini, Totò in Totò il buono dal racconto di Cesare Zavattini (su Antonio De Curtis) andato in onda su Rai Radio Tre nel Nell ultimo anno ha recitato in Lear, sempre diretto da Latella, e in Mamma Mafia di Letizia Russo, per il teatro Schauspielhaus di Colonia, in Germania. Dal 2010 cura a Messina il laboratorio di ricerca teatrale Il gioco più serio per il gruppo DAF - teatro dell esatta fantasia. 11

12 Adele Tirante Angelica È attrice, cantante e autrice di testi e canzoni. Si forma presso il laboratorio teatrale del teatro Vittorio Emanuele di Messina, con il maestro Donato Castellaneta, (Pupetto), tra gli altri, partendo da una precedente esperienza di teatro presso la compagnia Pubblico incanto diretta da Tino Caspanello, dal 1997 al Ha frequentato laboratori con: Lina Wertmuller, Davide Enia, Emma Dante, Vincenzo Pirrotta, Franco Scaldati, Gaetano Bruno e Sabino Civilleri. Matura esperienza come cantante in formazioni musicali di diversa estrazione, specializzandosi nel blues e nella musica popolare, dopo un periodo di lezioni di impostazione jazz con Rosalba Bentivoglio. Ha lavorato con vari registi tra cui Antonio Calenda, Donato Castellaneta, Maurizio Marchetti, Walter Manfré, David Gallarello, Luciano Melchionna, con cui da un po di anni collabora in varie produzioni, tra cui Dignità autonome di prostituzione, premio Golden Graal 2009 e Muraglie (Taoarte 2010). Fa parte del gruppo di ricerca Compagnia divano occidentale orientale diretto da Giuseppe L. Bonifati. Finalista del Premio Riccione per il teatro anno 2005, con il testo teatrale Scantu che debutta al Festival interculturale di narrazione teatrale di Roma (2008) con la compagnia Cosa sono le nuvole, fondata con Nella Tirante e altri attori con cui collabora di frequente; vince un premio di produzione all interno de I teatri del sacro (Eti-Federgat) 2009 con Euphoria. Come cantautrice partecipa nel 2010 alla rassegna Gli ascoti del Tenco col duo Le scarpette rosse, come una delle proposte cantautorali più interessanti del panorama nazionale. viene segnalata con un premio speciale della giuria a Musicultura (Premio Recanati) anno 2006, finalista al Biellafestival (2006); selezionata per la trasmissione di Radio Uno Rai Demo (2006); si esibisce costantemente nel duo Le scarpette rosse fondato con Cristiana Giustini, in club e locali. Nel 2009 ha debuttato nel cinema con Giuseppe Tornatore in Baaria (Venezia 06) nel ruolo di Rosalia. Ultimamente è stata protagonista del cortometraggio Salvatore dei fratelli Bruno e Fabrizio Urso, nella cinquina finalista dei David di Donatello 2011 e selezionato alla Fiera del Festival di Cannes Ha una profonda passione per le lingue e il loro mistero, per la cultura popolare: la sua sapienza essenziale costituisce il nutrimento della propria dimensione umana e artistica. 12

13 Marilisa Busa' Assistente alla regia Nata a Messina, è laureanda in Giurisprudenza con tesi assegnata in diritto dell informatica I contratti telematici nella Pubblica Amministrazione. In teatro ha maturato una lunga esperienza come assistente alla regia e responsabile della segreteria organizzativa. Questi alcuni degli spettacoli per i quali ha lavorato: Sua maestà siciliana, Un Amleto, Il convitato di pietra e Babele ovvero Non lasciate che passi l età, regie di Giovanni Boncoddo; Il drago, regia di Sasà Neri; Don Giovanni e i suoi fratelli, Teatrofestival; Anna Cappelli di Annibale Ruccello, regia di Massimiliano Mecca; Città perfetta, saggio del laboratorio di Universi Teatrali a cura di Giovanni Boncoddo e Roberto Bonaventura; Microzoi di Beniamino Joppolo e Mamma di Annibale Ruccello, regie di Roberto Bonaventura; L altro regno e Il cavaliere povero, regie di Monia Alfieri; Bronte Quale di libertà di Carmelo Causale, produzione del Teatro di Messina, regia di Gianni Scuto. Dal 2007 collabora stabilmente con il regista Roberto Bonaventura e con l associazione culturale Il castello di Sancio Panza. 13

14 Adele Tirante, Angelo Campolo e Annibale Pavone (foto di Domenick Giliberto)

15 Personaggi (in ordine di apparizione) Angelica Rino Nando

16 ANGELICA Mancu sta vota ci veni RINO Mancu l uttima vota ci vinni ANGELICA Chi ci trasi? FURESTERI Rino la guarda dubitativo. ANGELICA L uttima vota muriu to patri! Rino ancora più perplesso. ANGELICA Chi c interessava a iddu giustamenti? RINO Mancu pi to patri ci vinni ANGELICA Appunto! Ma sta vota si tratta i Pippo i so patri RINO Angelica? ANGELICA Ohu RINO Menu mali chi non vinni ANGELICA Picchi? RINO Si vinia parrava o telefoninu tuttu u tempu. Megghiu. Almeno si parra o telefonu aiu na scusa pi non parrarici. L ultima vota chi vinni, p u compleannu i Pippo, stesi a tavola cu telefonu tuttu o tempu mpizzatu a ricchi. Iddu ridia e paria cuntentu di essiri ccà a casa. In realtà cu sapi chi ci stavanu cuntannu dall autra patti du telefonu ANGELICA Non è vero. Picchì a ddiri accussì? Io mi ricoddu che ad un cettu puntu parrau cu mia RINO Sì, picchì nun avia capitu chiddu chi ci avia spiatu u cammareri. Tu ci u dicisti e iddu rispunniu ANGELICA Sale! RINO E u cammareri prima ristau na picca interdetto appoi ci pottau u sale nto cafè ANGELICA Ma iddu stava parrannu u telefonu RINO E infatti ntinnia a Borsa a Borsa sale (ride) minchia chi faccia chi ci vinni mentri bivia ddu velenu, senza stutari ddu cazzu i cellulari, ci u sputau nta facci a matri i to maritu ANGELICA Allura, chidda già è tutta ppuntata chi spinguli RINO Idda ci fici a so maritu: Patrizio che dici, dopo il caffè, potremmo andare no? ANGELICA Pippo n a potti mai supputtari a chidda RINO Ti ricoddi comu a chiamava? ANGELICA No, comu a chiamava? RINO Il paggetto ANGELICA Il paggetto? 16

17 RINO Si picchì è servizievole e avi dda pettinatura a minchia ANGELICA Dai, non ci diri accussì, mancu è giustu però RINO (con lo sguardo perso nel nulla) ma quannu rriva du fissa i Nandu? io annari ncampagna. a campagna si non c era iò ad aiutare a Pippo, si piddìa tutto, ddu fissa i Nandu sempri appressu a Borsa ANGELICA Veru, a Borsa ll azioni RINO Na bona azioni però n a fici mai e intanto si piddìa tuttu i limuna ll aranci ll animali i pianti dopo tutti i sacrifici pi cattarila chi fici Pippo a du passi du mari è un miracolo si non n a espropriaru pi ffarici un lido tanto ormai semu circondati n avemu unu a ddestra e unu a sinistra e iddu, Nandu, si nni futti mancu si nun fussi puru a soi ANGELICA Ma cettu iddu a Milano avia a pinzari o so guadagnu RINO U so guadagnu era cca ma iddu su scuddau chistu e a campagna si nun era pi mmia e pi Pippo s avissi pedduta ANGELICA A Pippo ci piacia assai a campagna RINO Ti ricoddi comu a chiamava? ANGELICA U nostru paradiso! RINO U nostru paradiso! Ma si Nandu nun si movi e nun mi dugna na manu si nni va tuttu allancallaria. Iddu nun penza che a campagna avi bisogno i tempu. Cettu, iddu penza i so guadagni Matri mi sta venennu na fami m a fai a minestra sabbaggia? Ah? M a fai? ANGELICA Ora? RINO E quannu? Cchiù taddu? ANGELICA Ma ora stamu spittannu a Nandu RINO Va, fammilla! comu a facia Pippo a cugghii aieri nta campagna va, fammilla! tu a sai fare comu a facia Pippo ANGELICA No, avi a veniri Carlo mi mmi pigghia RINO Ma picchì t u maritasti a ddu fissa? ANGELICA Ma, n o sacciu. Mi facia sentiri cchiù sicura chiddu chi avia prima non mi dava ricettu RINO U vidi: chistu mi fa scantari ANGELICA Cosa? RINO Chistu stissu chi stai dicennu. Io ti canuscia comu una alternativa chi faci i manifestazioni contra u ponti ANGELICA A Pippo, però, u ponti ci piacia RINO E che ci trasi? Tu eri chidda ca se ne futtia d i reguli. Ci mpiantasti na malaparti a me matri dda vota chi ti vulia puttari o ballu d i debuttanti ANGELICA Cettu, vistuta addamanera! Mi paria na cosa i cannaluvara! 17

18 RINO E n autra vota chi ci mpiantasti na questioni a me soru picchì avia fattu a lista p i so diciotto anni ANGELICA Si unn o giuellieri! Mancu si s avia a maritari! RINO Sì, ma m a fari finiri i parrari però ANGELICA E parra, parra! RINO Bbonu! Tu eri chidda chi facia i campagni contro l immunità parlamentare, contro le multinazionali, contro la globalizzazione girotondi e quant altro e ora ti mittisti ccu ddu imprenditori c a giacca e a cravatta ANGELICA Non fa l imprenditore. Iddu organizza eventi. RINO Peggiu ANGELICA Chi bboi ddiri? RINO È un sensali ANGELICA Non è un sensali RINO Ma si m u ricoddu c avia a cravatta puru a scola media ANGELICA Mutu a stari RINO E facia l eppi aur c a scusa i organizzarici i festini elettorali a so zziu ANGELICA Ti dissi: mutu! RINO E non diri chi tantu non canciasti bannera, picchì a patti politica è sempri a stissa ANGELICA Mutu RINO Bonu: passasti da suffragetta a valletta ANGELICA Ti dissi mutu (in lacrime gli mette una mano sulla bocca per farlo tacere) RINO (divincolandosi) e sì ora mi stutu Angelica si siede trattenendo a stento i singhiozzi. RINO A sai a verità com è? Chiddu chi mi fa scantari è ca paremu furasteri, genti estranei: chi ci ffai tu cu to maritu? E cu to soggera? Cu chiddi? E ccu mmia? ANGELICA Rino ti fai u scattru picchì Pippo non c è si c era Pippo RINO Si c era Pippo, Nandu non vinia ed erumu tu e io comu aieri, comu oggi, comu sempri ANGELICA T a ricoddi dda vota, quannerumu picciriddi che me patri e me matri non c erunu? RINO Quannu? ANGELICA Dda vota RINO Quannerumu picciriddi to patri e to matri non c erunu mai ANGELICA Si vabbeni, raggiuni tu hai 18

19 RINO Picchì? Staiu babbiannu? Cuntimi un compleannu ch i to genitori quanneri picciridda ANGELICA Dda vota nta l 81 quannu ci spararu o Papa! RINO E sintemu: che ti regalaru to patri e to matri? ANGELICA Mercedes! A me bambola preferita! RINO Chidda t a regalau me patri ANGELICA Ma chi stai dicennu to patri non c era nta ddu mumentu avia annatu in Germania a travagghiari nta ddu stabilimento automobilistico RINO Infatti! E secunnu tia a bambola picchì si chiamava Mercedes? ANGELICA Io pinzava pi dda telenovela brasiliana RINO Si va bbonu a telenovela! Pausa Comunque dda vota c era magari Nandu e io ti fici abbidiri u discu i Donatella Rettore ANGELICA Chiddu ch i denti d a tigre? RINO Eh! ANGELICA Chiddu chi ll occhi fosforescenti chi si dumaunu nto scuru? RINO Eh! Minchia d i risati ANGELICA Sì, pi ttia e pi ddu strunzu i to cucinu Nandu a mia mi facistu cianciri RINO Ni scialammu pi ddaveru ANGELICA M ummaginu RINO Allura sì chi nni divettiumu Nandu era simpaticu non avia o telefoninu ANGELICA Era gentile era cchiù gentile i tia iddu infatti nun m u vulia fari o schezzu d u discu RINO Sì non t u vulia fari cu t u dissi? ANGELICA Iddu m u dissi na vota chi ci ficimu a veglia a Nanna Nerina RINO E tu ci cridisti magara magara? ANGELICA Iddu si n avia pentuto, ciancia poverazzu io m umbrazzai e iddu RINO E iddu? ANGELICA Mi desi na gran baciata RINO Capia! Pi chistu ti dissi sta minchiata! ANGELICA No! M a dissi picchì erumu scantati o scuru RINO Comu dda vota d u discu? ANGELICA Cchiù assai! 19

20 RINO E allura? ANGELICA E allura iddu mi cuntau na storia che ci avia cuntatu Pippo RINO Sintemu. ANGELICA Orlando, il paladino, un ionnu va nt un paisi aunni c eruni i fantasimi a ggenti ci spiegau unnera a casa ch i fantasimi e siccome stava scurannu ci diciunu puru, mentre che fujunu p u scantu, chi all una i notti i motti si faciunu vivi sì, insomma, si mustraunu i ggenti. Orlando invece i scantarisi si stipa nto ncantu c a fedele spada durlindana al fianco e spetta spetta che ti spetta RINO E chi spetta? ANGELICA e ora! A aviri pacienza! Dunque, spunta un fantasima ca parìa un cristianu: avia i pedi, i iammi, i brazza, i manu, a testa tuttu va! Sulu a facci era strana era comu si ci ll aviunu cancellata, ma Orlando non si scanta, assecuta u fantasima ca passiava p a casa, arriva nto cottile e u fantasima ci mostra un cespuglio appena iddu fici pi vaddarilu si sbigghiau annau a cchiamari o so scudiero che p u scantu dummia all ostello, chiamanu i ggenti e Orlando ci fa vidiri u cespuglio. A ggente scava, dissotterra un cadavere e un vecchio, nta ddu frangenti, si ricuddau nentimenu d un delittu anticu ca ci avia statu tant anni arreti e d un corpu ca non s avia cchiù trovatu RINO I motti s annu a lassari nta lloro paci ANGELICA No! No, i morti s annu a ssapiri ricuddari. Chista è a vera paci RINO P i motti? ANGELICA No. P i vivi. A MOTTI BUTTANA Bussano alla porta insistentemente. ANGELICA Cu ie? RINO Cu po iessiri? Saravi Nando chi rrivau ANGELICA Rrivau sta vota! Io m u sentia Angelica va alla porta (fuori scena). La porta si chiude. Entrano Nando e Angelica. Rino guarda Angelica compunta e Nando e non può fare a meno di sorridergli nervosamente. Poi torna serio. È visibilmente agitato per qualche motivo. RINO Muriu aieri. ANGELICA Mi dispiaci. Manciasti acchecosa? RINO A lingua! Si manciau a lingua sicunnu mia NANDO (squilla il telefono, dapprima non lo trova, risponde di scatto) lo sai quanto ci ho messo ad arrivare da Catania a qui? Non è pensabile. Sono fuori. Ma che ci stanno a fare in questo posto di merda? Poi hanno fatto 20

21 tutte ste rotatorie ma che cazzo bisogna saperle usare però sennò si perde solo più tempo (abbassa al voce) no, non ti sto facendo perdere tempo siete già a Linate lo so, lo so che non ci mettete niente a venire giù pronto? Pronto? (la conversazione si interrompe bruscamente) RINO Cadiu a linea? ANGELICA Cu cu parravi? NANDO (squilla di nuovo il telefono) ho capito che ci siete ho capito! (cercando di trovare riparo dai cugini, tuttavia non riesce ad abbassare la voce) Datemi solo un po di tempo, perdio! No no, una settimana, al massimo, dai! Come? Come 12 ore? Ma no, no dai non scherziamo il trucco del bagaglio? sì, sì che me lo ricordo il trucco del bagaglio no, dai, per favore (cade di nuovo la linea. Evidentemente, dall altro capo, qualcuno ha riattaccato. Nando guarda nervosamente nella propria borsa da viaggio, tirandone fuori, alla rinfusa, vari oggetti) RINO Mancu rrivasti e già fai tuttu stu traficu e to patri, Pippo, muriu chi avi mancu un ionnu ANGELICA Nando ti senti bbonu? NANDO No è evidente RINO E ripigghiti! u funerali avissi a iessiri dumani ANGELICA Ancora c è i parrari cu ll agenzia ghiamarici o municipiu capiri c amu a ffari cu sta casa. RINO E ca campagna soprattutto! A campagna si avissi statu pi ttia s avissi pidduta (guardandolo intensamente) Nandu a campagna! Eppi na pinzata. Stai a sentiri. NANDO Non ora Rino. RINO Ma comu nun binisti puru p a campagna? Scusa picchì tunnasti? To patri mancu u vaddasti, ti metti a parrai o telefonu ma si po sapiri picchì tunnasti? NANDO Sono qui per i funerali di mio padre. Facciamoli e facciamola finita. RINO (quasi sottovoce) finiu finiu aieri e tu non c eri tantu pi canciari. NANDO Rino non ti capisco quando parli! RINO Non capisci picchì ti scuddasti i tuttu, i quannerumu picciriddi, d a campagna, i to patri NANDO Non capisco perché non mi guardi in faccia quando parli sempre con la faccia a terra con questo atteggiamento voi avete perso in partenza! RINO (rivolto ad Angelica) Ma che ci trasi io c i staa parrannu d a campagna e iddu mi dici avete perso in partenza ANGELICA Bonu, nun faciti accussì, cammativi 21

22 RINO io ci di dicu dove vai e iddu mi rispunni porto pesci. Nando? Pippo muriu e tu si u figghiu è giustu e poi fari chiddu chi bboi, ma io era ca a travagghiari cu iddu, chi mani nta terra amu a parrari da campagna! NANDO Fottiti tu e la campagna! ANGELICA Si mette davanti a Rino che si sta dirigendo minaccioso da Nando. Rivolta a Rino. Vatinni, ci parru io, avi a salutari so patri. RINO Sì, mi ni vaiu ncampagna ll animali su megghiu i tia! (esce sbattendo fragorosamente la porta) ANGELICA (dopo un lungo silenzio) Tu non ni capisci a nui ma mancu iò capisciu a tia NANDO (le sorride sornione. Poi si avvicina e l accarezza dolcemente) Non è vero, ti sbagli, a te ti capisco ancora. Solo una cosa non ho mai capito: perché ti sei sposata quel minchione di tuo marito ANGELICA Mi sentivo più sicura e protetta. E ora chi non c è Pippo, almeno sacciu che c è iddu. NANDO Quando è successo esattamente? ANGELICA Aieri sira NANDO Perché ieri mattina mi hai detto che stava bene? ANGELICA Picchì veru era. Si manciau magara i pipi chini pi pranzu. NANDO I pipi chini? ANGELICA Eh! Veddura è. Mali non ci putia fari. NANDO Questo era quello che diceva lui per poterli mangiare. Ha sempre inventato scuse. ANGELICA Ora pari chi sta dummennu. U voi vidiri? NANDO Dite sempre che i morti dormono. Non ne posso più di sentire questa storia. ANGELICA Ti ricordi il gioco che facevamo da piccoli? NANDO No. ANGELICA Come? Che tu eri impegnato fuori per lavoro e poi rincasavi e io ti aspettavo così appoggiata al tavolo. Ti ricoddi ah? NANDO Non lo so, mi sento stanco Angelica. ANGELICA E ti ricordi a festa d a Madonna, ah, t a ricoddi a to spada comu chidda i sandokan, gialla, u culuri chi ti piacia, e io chi vulia quella bambola con il foulard rosso e me matri non ma potti cattari? NANDO Non te l ha voluta comprare! ANGELICA Me matri era cuscienziusa mica mi putia spenniri tutti di gran soddi. 22

23 NANDO Sì e allora mia madre ti ha comprato quella coperta rossa, t a ricoddi, si? ANGELICA Si. Cu sapi chi fini fici. Forse è ancora cca. Angelica cerca in una vecchia cassapanca la coperta rossa, Nando la segue, la trovano. NANDO Chista ma ricoddu ANGELICA Vai va. Va mu saluti e parrici. NANDO Salutare chi? Parrari cu cui? Non c è nessuno di là. Solo la morte! A motti buttana chi ca nuatri si divittiu putu troppu mi pari! ANGELICA Tu m u dicivi sempre! Agli ostacoli si va incontro senza paura, a fronte alta. T a ricoddi dda vota che a fronte alta, senza paura scinniumu d a scola e ddu machinuni mi staa pigghiannu npienu e tu ti mittisti davanti, mi spincisti e u machinuni pigghiau a ttia npienu NANDO Hai visto? Ti ho salvata quella volta. ANGELICA Eh no! Tu non ti facisti nenti, mentri io, a fotti che mi spincisti, annai a sbattiri nterra c a me bedda facci e mi fici stu sguaru nto mentu. Vadda, vaddami bbonu. NANDO Mi dispiace ANGELICA E ora non hai mancu i cugghiuna pi passari dda patti. NANDO Ti prego. Pensi che ce l avesse con me? ANGELICA Si fici taddu. Aunnè c arriva Carlo e mi pigghia. NANDO No, non mi laciare adesso. ANGELICA Povero Pippo si c era iddu a stura ni tinia tutti uniti comu na vota. Esce. Lascia Nando da solo Buio SCAMMOGGHIA NANDO Non dormi vero? Non avresti dormito se avessi visto davvero cosa stava succedendo oppure no dormivi, sempre hai dormito, perché se fossi stato sveglio te ne saresti accorto te ne saresti accorto della fine che facevano i tuoi soldi sempre puntuali, eh! Anzi, grazie, grazie. Non ti ho mai ringraziato. Non ne avevo il tempo. Finivano prima che potessi farlo. Gli esami mai dati, i bonifici per la cooperativa avresti dovuto bonificare le mie giornate se ci fosse stato un assegno in bianco per rendere pulita la mia vita. Una volta l ho sognato sai, ma quello no, non me lo hai mai inviato, sarebbe servito ad azzerare i miei ricordi, il mio ricordo di te, ma posso rimediare adesso. Devo rimediare. I signori che mi hanno prestato i 23

24 soldi, i soldi veri quelli che mi servivano a tirare avanti non i tuoi con cui gestivo a malapena i miei debiti, insomma, sì, quei tizi non scherzano mi faranno il trucco del bagaglio sono già all aeroporto mi daranno qualche ora, forse un paio di giorni, niente di più Sapuppa mi ha spiegato la situazione. È stato chiarissimo, sai? Come aggirare il discorso dell ipoteca sulla campagna. Mi ripigghio tutti cosi, ma a me manera Venderò tutto: le speranze di Rino, la rassegnazione di Angelica e anche la memoria, sì, cancellerò tutto Mi ripigghio tutti cosi, ma a me manera ANGELICA Senti io vaio un minutu nto bagnu. Si arriva Carlo ci dici m i spetta. NANDO Va be ANGELICA Però diccillu. Non fari comu quannerumu picciriddi che uno ti dicia una cosa e tu t a scuddavi subbito. NANDO No. ANGELICA Non t a ricoddi dda vota che ti dissiru i stutarici o focu sutt o latte e tu ti mittisti a leggiri ddu libru e ti bruciasti tutt o brazzu? NANDO (si guarda il braccio e annuisce) ANGELICA Perciò, pozzu stari tranquilla? NANDO Sì. ANGELICA Sicuru sicuru? NANDO Ma sì, Angelica, stai tranquilla, dai. Vai, vai in bagno. ANGELICA E tu cchi ffai nto frattempo? NANDO Eh che faccio. Sto qui. Guardo un po di riviste. ANGELICA Allora iò vaiu NANDO Vai vai. Nando si guarda intorno. C è una vecchia libreria polverosa con delle riviste di storia. Ne apre una, comincia a sfogliarla e a leggerla. La posa. Ne prende una un po più in alto e facendo questo movimento gli cade una pallina da tennis in testa. Riavendosi dal colpo, la guarda ed è come se gli si schiudesse dinanzi un panorama inusitato di ricordi. In quel momento si sente aprire la porta ed entra Rino. Nando nasconde prontamente la pallina, ma non riesce a nascondere un espressione un po colpevole. RINO Chi stavi facennu? NANDO Io? Niente. RINO Nenti? T avissi a vaddari nta stu momentu. NANDO Perché? Che ho? RINO Chi hai? E che nni sacciu? Dimmillu tu. NANDO Già finito il lavoro in campagna? Non dovevi perderci del tempo? RINO Che ffai pigghi p avanti pi non restari arreti? 24

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni PIANO DI ETTURA Dai 9 anni Le arance di Michele Vichi De Marchi Illustrazioni di Vanna Vinci Grandi Storie Pagine: 208 Codice: 566-3270-5 Anno di pubblicazione: 2013 l autrice Vichi De Marchi è giornalista

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta Nel corso del primo anno : - riconosce il nome proprio; - dice due-tre parole oltre a dire mamma e papà ; - imita

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Un compleanno speciale

Un compleanno speciale Testo teatrale ideato dalla classe 5D Un compleanno speciale ATTO UNICO Sceneggiatura a cura di Monica Maglione. Coreografia: Elisa Cattaneo / Alessandro Riela. Musiche: Papi, Sexy Back. Narratore: Davide

Dettagli

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA Associazione culturale per la promozione del Teatro Musicale contemporaneo P.Iva 04677120265 via Aldo Moro 6, 31055 Quinto di Treviso - Tv IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA TERZA VERSIONE autore:

Dettagli

Prima che la storia cominci

Prima che la storia cominci 1 Prima che la storia cominci Non so da dove sia scaturita questa mia voglia di scrivere storie. So che mi piace ascoltare le narrazioni degli altri e poi ripensare quelle storie fra me e me, agitarle,

Dettagli

Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12. Livello A1

Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12. Livello A1 Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ Completa con gli articoli (il, lo, la, l, i, gli, le) TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 30 gennaio

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 ATTORI: 3B RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 CANTANTI: 4B Narratrice Valentina Massimo Re sì Re no Orsetto Farfalla Uccellino Cerbiatto Lepre Popolo del paese sì Popolo del paese no Sophie Dana

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

cantare in un concorso fare il gemellaggio con un altra scuola

cantare in un concorso fare il gemellaggio con un altra scuola Unità Per cominciare... Osservate le seguenti attività e iniziative. Di solito, quali di queste è possibile svolgere a scuola? fare lezioni di guida cantare in un concorso organizzare una mostra proteggere

Dettagli

AL CENTRO COMMERCIALE

AL CENTRO COMMERCIALE AL CENTRO COMMERCIALE Ciao Michele, come va? Che cosa? Ciao Omar, anche tu sei qua? Sì, sono con Sara e Fatima: facciamo un giro per vedere e, forse, comprare qualcosa E dove sono? Voglio regalare un CD

Dettagli

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007 PORCHIPINO Temi: L incontro, lo stare e il partire. La narrazione della storia di Porchipino, un piccolo riccio rimasto solo nel bosco, introduce i bambini al tema dell incontro, dell accoglienza del diverso

Dettagli

domani 1 cortometraggio Petali

domani 1 cortometraggio Petali domani 1 cortometraggio Petali regia: Giacomo Livotto soggetto: Luca Da Re sceneggiatura: Giacomo Livotto montaggio: Franco Brandi fotografia: Michele Carraro interpreti: Erika Cadorin, Fabio Degano, Giacomo

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

So quello che voglio! Compro quello che voglio!

So quello che voglio! Compro quello che voglio! So quello che voglio! Compro quello che voglio! Le persone con disturbi dell apprendimento hanno la capacità di scegliere i loro servizi di assistenza. Questo libricino è scritto in modo che sia facile

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose Sean e le Una Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose da Drynites Sean e le Scarpe Luccicose Sean era così timido che quando arrivava il postino a consegnargli una lettera, era troppo timido per salutare.

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri.

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) Andare a visitare gli anziani all ospedale 2) Attività in gruppo: vengono proposte diverse immagini sull amore per discutere sui vari tipi di amore

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 12 AL NEGOZIO A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 AL NEGOZIO DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno. A- Posso aiutarla? B- Ma,

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai:

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai: Unità 6 Al Pronto Soccorso In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso l uso degli

Dettagli

Come si fa a stare bene insieme?

Come si fa a stare bene insieme? Come si fa a stare bene insieme? Stare insieme è bello. Alle volte per noi bambini è difficile. Abbiamo intrapreso questo viaggio alla scoperta di un modo migliore per vivere a scuola e non solo. Progetto

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Venite tutti a casa mia. Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Quanti CD hai?

Venite tutti a casa mia. Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Quanti CD hai? TEMPO LIBERO Venite tutti a casa mia Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Ho molti CD di musica ska; tanti di musica punk-rock, pochi invece di altri generi. Per me la musica ska è la più divertente

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

Pompei, area archeologica.

Pompei, area archeologica. Pompei, area archeologica. Quello che impressione è l atteggiamento di queste persone nell ultimo momento di vita. Cercano di coprirsi da qualcosa. Si intuisce che il motivo principale della causa è il

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

1 Completate con i verbi dati. 2 Completate le frasi. 3 Completate la domanda o la risposta.

1 Completate con i verbi dati. 2 Completate le frasi. 3 Completate la domanda o la risposta. 1 Completate con i verbi dati. parlate partono preferiamo abitano pulisce lavora sono vivo aspetto 1. Stefania... tanto. 2. Io... una lettera molto importante. 3. Tu e Giacomo... bene l inglese. 4. Noi...

Dettagli

IL MINIDIZIONARIO. Tutti i diritti sono riservati.

IL MINIDIZIONARIO. Tutti i diritti sono riservati. IL MINIDIZIONARIO Tutti i diritti sono riservati. CIAO A TUTTI, IL MIO NOME È MARCO E PER LAVORO STO TUTTO IL GIORNO SU INTERNET. TEMPO FA HO AIUTATO MIA NONNA A CONNETTERSI CON SUO FIGLIO IN CANADA E

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

Scuola dell infanzia: S.Giuseppina De Muro Insegnanti: Maria Caronna Angela Marotta

Scuola dell infanzia: S.Giuseppina De Muro Insegnanti: Maria Caronna Angela Marotta Scuola dell infanzia: S.Giuseppina De Muro Insegnanti: Maria Caronna Angela Marotta FINALITA -EDUCARE ALLA CITTADINANZA PER SCOPRIRE GLI ALTRI, GESTIRE CONTRASTI, RICONOSCENDO DIRITTI E DOVERI ATTRAVERSO

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Progetto Guggenheim: Arte segni e parole I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Composizione di segni Prove di scrittura Disegnare parole e frasi Coltivare

Dettagli

Il vostro compito Leggete il testo e mettete una crocetta sulla risposta giusta. La prima risposta = esempio.

Il vostro compito Leggete il testo e mettete una crocetta sulla risposta giusta. La prima risposta = esempio. 1 LA FAMIGLIA 1.1 Lettura primo testo Il prossimo anno l austriaca Alexandra partirà per l Italia. Per quattro mesi frequenterà il liceo a Ravenna. Stamattina ha ricevuto una lettera dalla sua famiglia

Dettagli

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Benvenuto/a o bentornato/a Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Non pensare di trovare 250 pagine da leggere,

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 Μάθημα: Ιταλικά Δπίπεδο: 2 Γιάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία: 23 Μαΐοσ

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

IL MORIRE: IL VISSUTO DELLA PERSONA MALATA ED E I SUOI FAMILIARI

IL MORIRE: IL VISSUTO DELLA PERSONA MALATA ED E I SUOI FAMILIARI RIVA DEL GARDA, 14 NOVEMBRE 2013 IL MORIRE: IL VISSUTO DELLA PERSONA MALATA ED E I SUOI FAMILIARI Dott.ssa Mara Marchesoni Hospice Amedeo Bettini Medico Da soli o insieme Tutte le persone sono diverse

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

SCHEDA DIDATTICA LE LACRIME DEL PRINCIPE. La trama

SCHEDA DIDATTICA LE LACRIME DEL PRINCIPE. La trama SCHEDA DIDATTICA LE LACRIME DEL PRINCIPE La trama C è una regista teatrale che vuole mettere in scena la storia di una principessa che viveva tanto tempo fa in un regno bianco, grigio e nero. Ma in scena,

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini:

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 1 1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 2 Adesso guarda il video della canzone e verifica le tue risposte. 2. Prova a rispondere alle domande adesso: Dove si sono incontrati? Perché

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

ANNO I n. 3-Dicembre A.S. 2010-2011. Si desti l umanità intera a lodare. l Emmanuel Dio con noi disceso dal cielo a donarci la Salvezza!

ANNO I n. 3-Dicembre A.S. 2010-2011. Si desti l umanità intera a lodare. l Emmanuel Dio con noi disceso dal cielo a donarci la Salvezza! A.S. 2010-2011 ANNO I n. 3-Dicembre Si desti l umanità intera a lodare l Emmanuel Dio con noi disceso dal cielo a donarci la Salvezza! Il 15 dicembre la classe II I si è recata al Teatro Curci di Barletta

Dettagli

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre UN LIBRO Novembre-dicembre CHE ANNUNCIA..... LA GIOIA DEL NATALE VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA Parole chiave SEGNI E SIMBOLI DELLA FESTA DI NATALE nella borsina ci sono due scatole che contengono

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

Indice. Pasta per due... pag. 5. Scheda culturale - Le carte... pag. 42. Esercizi... pag. 45. Soluzioni degli esercizi... pag. 63

Indice. Pasta per due... pag. 5. Scheda culturale - Le carte... pag. 42. Esercizi... pag. 45. Soluzioni degli esercizi... pag. 63 Indice Pasta per due... pag. 5 Scheda culturale - Le carte... pag. 42 Esercizi... pag. 45 Soluzioni degli esercizi... pag. 63 Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma.

Dettagli

inclinazione del terreno ostacoli voluminosi

inclinazione del terreno ostacoli voluminosi Unità 7 Macchine agricole e infortuni CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere testi scritti sulla sicurezza in agricoltura le parole relative alla sicurezza in agricoltura e all uso delle macchine

Dettagli

Aggettivi possessivi

Aggettivi possessivi mio, mia, miei, mie tuo, tua, tuoi, tue suo, sua, suoi, sue nostro, nostra, nostri, nostre vostro, vostra, vostri, vostre loro, loro, loro, loro Aggettivi possessivi L'aggettivo possessivo è sempre preceduto

Dettagli

INSIEME A LUPO ROSSO

INSIEME A LUPO ROSSO Istituto Comprensivo n.1 Bologna Anno Scolastico 2007-2008 Scuola dell'infanzia "Giovanni XXIII" INSIEME A LUPO ROSSO IMPARIAMO LE REGOLE DELLA STRADA PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE GUIDATO DA SILVIA

Dettagli

POESIE SULLA FAMIGLIA

POESIE SULLA FAMIGLIA I S T I T U T O S. T E R E S A D I G E S Ù Scuola Primaria POESIE SULLA FAMIGLIA A CURA DEI BAMBINI DELLA QUARTA PRIMARIA a.s. 2010/2011 via Ardea, 16-00183 Roma www.stjroma.it La gratitudine va a mamma

Dettagli

Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che

Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che storia leggiamo stasera? Lo scalpiccìo dei piedini sulla scala echeggiò per tutta la casa. Tino entrò di corsa, già in pigiama, ansioso di ascoltare una storia.

Dettagli

1. Scrivere ad amici e parenti

1. Scrivere ad amici e parenti 1. Scrivere ad amici e parenti In questo capitolo ci concentreremo sulle lettere per le persone che conosciamo. Normalmente si tratta di lettere i cui argomenti sono piuttosto vari, in quanto i nostri

Dettagli

Esercizi il condizionale

Esercizi il condizionale Esercizi il condizionale 1. Completare secondo il modello: Io andare in montagna. Andrei in montagna. 1. Io fare quattro passi. 2. Loro venire da noi. 3. Lui prendere un caffè 4. Tu dare una mano 5. Noi

Dettagli

Franco Oppini: I Gatti di Vicolo Miracoli di nuovo insieme in un film

Franco Oppini: I Gatti di Vicolo Miracoli di nuovo insieme in un film Franco Oppini: I Gatti di Vicolo Miracoli di nuovo insieme in un film di Elisa Guccione - 20, set, 2015 http://www.siciliajournal.it/franco-oppini-i-gatti-di-vicolo-miracoli-di-nuovo-insieme-in-un-film/

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

Ricerca azione LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE. Dott.ssa Stefania Ferrari

Ricerca azione LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE. Dott.ssa Stefania Ferrari Ricerca azione LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE Dott.ssa Stefania Ferrari Villafranca, Marzo/Maggio 2010 Osservazione delle competenze di ascolto e produzione orale nella narrazione Insegnanti

Dettagli

LE SFIDE SULLE SPALLE!

LE SFIDE SULLE SPALLE! LE SFIDE Questo quarto incontro vuole aiutare a riflettere sulle sfide che l animatore si trova a vivere, sia in rapporto all educazione dei ragazzi, sia in riferimento alla propria crescita. Le attività

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

VERBI SERVILI. Devo studiare. Studio. Può lavorare. Lavora. Vuole ballare. Balla. Uso dei verbi dovere, potere, volere

VERBI SERVILI. Devo studiare. Studio. Può lavorare. Lavora. Vuole ballare. Balla. Uso dei verbi dovere, potere, volere VERBI SERVILI I verbi servili hanno la funzione di "servire" o aiutare altri verbi. I verbi servili sono dovere, potere e volere e indicano obbligo, capacità e desiderio. ESEMPI: Devo studiare. Studio.

Dettagli

12. Un cane troppo fedele

12. Un cane troppo fedele 42 La commissaria 12. Un cane troppo fedele Personaggi Sara Corelli & Pippo Caraffa Anita Ruffini - una signora Tino Saffi - un amico di Anita Ruffini Carmine Rossi - un amico di Anita Ruffini Fido - il

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli