LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE 2011 1"

Transcript

1 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE Il Don Giovanni di Wolfgang Amadeus Mozart è senz'altro uno dei maggiori capolavori del teatro musicale non solo del '700, ma è anche la più famosa fra tutte le opere liriche rappresentate negli ultimi quattro secoli. Il Don Giovanni, detto anche El Burlador de Sevilla è un'opera da porsi fra le tragedie in musica, ma il suo assetto strutturale, quello che noi del teatro recitato chiamiamo la situazione scenica, è assolutamente mutuato dall'opera buffa o meglio ancora dalla commedia dell'arte o buffoneria! So benissimo di aver pronunciato una bestemmia. per molti. Ma mi spiace soprattutto per i melomani mistici, la verità è assolutamente questa. Ce lo testimonia Delia Gambelli, forse la più autorevole e documentata studiosa del teatro

2 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE del Sei-Settecento in lingua italiana. Già che ne abbiamo l'occasione ribadiamo subito che nel XVIII Secolo era quasi d'obbligo per i musici mettere in scena solo opere cantate in italiano, poiché la nostra lingua era considerata da ognuno l'unica perfettamente consona alla musica. Esistevano già al tempo di Wolfgang Amadeus compositori che si erano serviti della commedia comica all'italiana per musicare un'opera lirica; ma ognuno si limitava a temi e svolgimenti assolutamente ridanciani dove era regola assoluta che la situazione comica fosse il motore principale dell'opera stessa. Quindi tutto l'andamento teatrale si muoveva sul gioco degli equivoci, sugli scambi di persona, su innamoramenti costruiti sul caso, sul gioco della beffa organizzata che si rovescia con effetti

3 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE disastrosi per chi l'ha orchestrata. Ma nel caso del Don Giovanni Mozart rompe a piedi giunti questa regola Insomma, un canovaccio che partendo dalla tragedia faceva satira e metteva alla berlina ogni luogo comune sacro e profano che dir si voglia. Una scelta assolutamente fuori dal comune. Ma quella di sortire a bella posta dalla consuetudine era una costante di Wolfgang soprannominato l'imprevedibile. Tutto ciò che si esprimeva dentro le leggi della forma stabilita immancabilmente veniva capovolto e sezionato dal giovane genio della musica. Ma nel nostro caso, col Don Giovanni, come è possibile, partendo da una vicenda che inizia fin dall apertura del sipario con un delitto (il protagonista Don Giovanni, uccide il padre della donna che egli ha in animo di sedurre a costo di

4 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE violentarla) riuscire a capovolgere quel clima trasformando ogni situazione in buffoneria? dopo l omicidio quasi senza pausa alcuna, a cambiare registro all immediata e dare inizio a vere e proprie sequenze cariche di inganni, truffalderie, gratuite amoralità, menzogne e stupri,? E quale ne è il risultato? Per capirne il paradosso basta analizzare con molta attenzione i testi dai quali il giovane compositore di Salisburgo aveva tratto l andamento dell opera e la sua struttura scenica. E chiaro che Mozart aveva saltato a piè pari l idea di servirsi dell impianto originale del dramma del creatore Tirso da Molina, che aveva debuttato con grande successo più di un secolo prima in Spagna. Si trattava di una vera e propria tragedia nel gusto e nella forma del teatro spagnolo di quel tempo e al contrario,

5 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE Mozart aveva scelto di affidarsi completamente all idea dei comici dell arte, che in differenti edizioni lo avevano allestito già a Parigi al tempo di Molière. A questo proposito va detto che Molière mettendo in scena a sua volta il Don Giovanni aveva fatto grande attenzione all impianto creato dai comici italiani prima di lui. La compagnia dei Gelosi, diretta da Tiberio Fiorilli, aveva sbilanciato l organizzazione interna dei canovacci in favore delle parti comiche, inventando un rapporto inedito fra serio e buffo, tra azione burlesca e azione tragica. Quel rapporto, invece di esaurirsi nel gusto barocco dei contrasti, o nella ricerca sperimentale di nuovi equilibri, finiva per mettere in scena più o meno inconsciamente lo screditamento e la presa in giro di ogni gravità.

6 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE In poche parole i comici dell arte, tornavano a realizzare una forma di spettacolo e di scrittura creata dai greci quattro secoli avanti Cristo, mettendo in primo piano il modulo nel quale si dichiarava: non esiste nessuna forma di teatro ad autentica dimensione umana se non si intreccia il comico al tragico e viceversa. A sua volta anche Mozart, prediligendo questo modulo, si trovò ad allestire un opera in musica che rinnovava completamente il genere originale ed entrava con veemenza nel gioco più scoperto della tragedia con contrappunto sbeffeggiato, e quindi ne raddoppiava il valore. Cioè finiva per attentare ai fondamenti di una gerarchia verticistica dei generi, e così allo stesso modo di Molière, Mozart aveva intravisto più acutamente di tutti la potenzialità eversiva ed espressiva di quell invenzione.

7 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE Ed ecco che emerge una differenza fatale rispetto a tutte le versioni precedenti conosciute, tanto in prosa che in musica: entra in scena un protagonista imprevisto, lo scandalo. Il pubblico intuisce che, tanto in Molière che il compositore austriaco, attraverso il Don Giovanni, da lui presentato come opera giocosa, vuol raccontare non una risaputa storia di seduzione e criminalità ma far salire in primo piano la realtà gestita dal potere anche nelle sua forme più turpi e triviali. Insomma quel comportamento spudorato che si manifesta chiaramente come il gioco del passatempo di chi, non avendo problemi né di sopravvivenza né di denaro, cerca di superare la noia servendosi di ogni gaudio, anche il più infame. Ecco che il potere, denunciato dal teatro e messo

8 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE alla berlina, reagisce mettendo in censura ogni ironia e lazzo morale, tant è vero che, proprio l opera di Molière, viene massacrata dalla censura e si costringe il più grande autore capocomico di Francia, cioè Molière, a cancellare l opera dal suo programma, al punto che mai più riuscirà a riportarlo in palcoscenico e il testo rimarrà sconosciuto nella sua versione originale per la bellezza di quasi tre secoli. L opera di Wolfang non verrà trattata con maggiore riguardo. Il committente dell opera di Mozart e Da Ponte era l Imperatore Giuseppe II, ma ecco che dopo l anteprima con orchestra, scenografia e costumi, mimi e danzatori al completo, tutto viene bloccato. L imperatore decide di sospendere il debutto

9 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE dell opera il cui allestimento è costato parecchio denaro. State attenti: non si tratta di rimandare il debutto per cause tecniche o per un malore che ha colpito una prima donna insostituibile. No. Si sospende e basta e nessun cronista tratta l argomento. E in quel momento alla corte dell Imperatore ce n erano una caterva, venuti apposta da ogni luogo per testimoniare il grande evento ma nessuno ci dà notizia o giustificazione del perché di quella censura. E in questi casi c è una classica espressione che viene in primo piano: opportunità. Qualcosa non è piaciuto all Imperatore. Qualcuno ha ravvisato in quell opera una critica. E così si levan armi e bagagli e si decide che il debutto avverrà altrove, in un altro luogo, a Praga. Lo spettacolo ha un enorme successo, ma malgrado ciò ancora Malgrado l enorme

10 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE successo ottenuto al debutto di Praga, Mozart si ritrova a dover cedere ad un altra censura, molto a sua volta a che fare con la censura nella forma più subdola, in quanto gli si impone impose all autore di porre tagli prima ancora di debuttare a Vienna, giacché gli si fa capire che certi passaggi dell opera non verrebbero graditi dal pubblico della capitale. Niente di più comune! Così si giunse a costringere il musicista a porre il finale dell opera subito dopo l avvenuto castigo dello scellerato Don Giovanni. In questo modo si mozza di netto la chiusura, compresa la morale conclusiva nella quale si ritrovano tutti i personaggi a commentare la fine di Don Giovanni, con il concerto finale in re maggiore che contiene la spietata sentenza finale dell opera.

11 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE Ma qui, forse per troppo slancio descrittivo, ci stiamo dimenticando di un personaggio determinante nella creazione di quest opera. Stiamo parlando di Lorenzo Da Ponte, il famoso librettista, italiano naturalmente, che a quel tempo stava a servizio dell Imperatore Giuseppe II e che operò una vera e propria rivoluzione nella scrittura dei testi musicali del tempo, soprattutto riguardo al modo nuovo di concepire dialoghi e personaggi nel loro muoversi sulla scena. E lui che propose a Wolfgang di mettere in musica quell insolito testo e Mozart accetta subito entusiasta l idea che la macchina della sceneggiatura si muova dentro un contrasto continuo di colpi di teatro timbrati da svolgimenti musicali e movimenti scenografici, dove interni di palazzi si squarciano per

12 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE ricomporsi in esterni e dove dal fondo avanzano all improvviso alberi di boschi giganteschi e nel finale, addirittura un enorme statua parlante che preannuncia lo squarciarsi della scena e lo spalancarsi di un baratro dentro il quale sarà risucchiato il protagonista punito. Ma la gran trovata è quella di realizzare un incessante scambio di personaggi, cioè il travestimento continuo che avviene in piena luce: ecco Don Giovanni che si traveste ipso facto indossando gli abiti del suo servo Leporello e costui è costretto a camuffarsi da Don Giovanni, sia nel modo di agire che nella gestualità e nella voce. Naturalmente questa esibizione di trasformismo metamorfico impone un abilità da gran commedianti e non sempre riesce. I due voltagabbana sono immancabilmente smascherati dai personaggi

13 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE che intendono truffaldare e ogni volta rischiano il linciaggio o peggio, tant è che la fuga è per loro l unico modo di salvarsi la pelle. Naturalmente tutte queste situazioni portano ad un divertimento irresistibile da parte del pubblico con gran vantaggio non solo dell agilità dello spettacolo, ma soprattutto del gran valore della musica e del canto. Osservando con attenzione l andamento scenico del Don Giovanni vien logico chiederci perché il castigo verso il protagonista venga portato in scena nel finale dal padre di Donna Anna che, come abbiamo visto, viene ucciso all inizio del primo atto e quindi trasformato in statua di pietra che trascinerà negli inferi il suo assassino. Tutto nasce da una tradizione popolare di svolgimento tragico conosciuta fin da tempi

14 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE remoti in gran parte dell Europa. Nell opera non si dà alcuna spiegazione del perché il nobile commendatore di Siviglia assassinato si trasformi in statua del castigo. In antico era la tradizione che dettava la consuetudine. Le ragioni non venivano quasi mai discusse né tantomeno commentate: è cattiva educazione chiederselo. E ancora, a proposito delle straripanti avventure sessuali di Don Giovanni, noi scopriamo che egli non si limita a corteggiare e godere di donne nobili e altolocate e quasi tutte promesse ad altri innamorati, ma si lancia in veri e propri caroselli di seduzione coinvolgendo ragazze di diversi ceti sociali. In fondo egli è il Principe dei democratici che elargisce ad ognuna la propria infinita generosità amatoria. E lui che dona. Egli non ama tanto il prendere ma al contrario

15 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE egli gode ad essere richiesto e conquistato anzi lo annoia il conquistare. Il nobile amatore odia l esercizio di conquistare e si limita a inventarsi e costruire trappole anche a pagamento per le debuttanti possibilmente pure e candide. Lo so, lo so che qualcuno di voi malignamente sta pensando a un sosia attuale del famoso El Burlador de Siviglia che fino a poco tempo fa amava recitare questo ruolo di sciupafemmine della Brianza ma, vi assicuro, la concomitanza è del tutto casuale. Wolfang Amedeus Mozart non era assolutamente a conoscenza di questo nostro adorabile personaggio! Ci troviamo fortunatamente a parlare del secolo XVIII e il trattare degli amori dei grandi satrapi in quel tempo era ritenuto pettegolezzo indegno. assolutamente proibito.

16 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE Altrettanto simile, seppur a lui imposto, è il ruolo di Leporello, detto Fede il fedele, che scimmiotta in paradosso il suo padrone e tutti i relativi suoi comportamenti e addirittura ogni tanto riesce perfino ad ottenere maggior successo del suo Maestro. Il servo, verso le donne, applica le poche regole che ha imparato dal nobile Don Giovanni in modo un po cialtrone e spesso sguaiato eppure la fama della nobile maschera che calza sul viso lo rende sorprendentemente vincitore. Dicevamo che nel corteggiamento dei due gaglioffi, padrone e servo, entrambi si trovano a corteggiare e ad amoreggiare con diverse fanciulle di basso rango durante una festa di matrimonio e, proprio come in una danza a scambio, ecco che i due cialtroni passano da una

17 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE all altra femmina intrecciandosi a vicenda e capita loro che nel semibuio si corteggino l un l altro e che, in qualche edizione dell opera si lascino addirittura andare a gesti ed effusioni piuttosto osé, contraccambiati. Molto interessante è l analisi che fa del testo musicato da Mozart nel Don Giovanni Eric Sauzé, un critico francese che prende in esame la chiave satirica di questo dramma giocoso. Egli ravvisa subito che nel comportamento di Don Giovanni nel suo carosello d amore a dir poco frenetico, il fanatico seduttore non è tanto preso dal piacere di portarsi nel talamo le femmine più appetibili, ma piuttosto dalla sete del potere. Il critico francese parla addirittura di oligarchia eterosessuale. Egli ci assicura che il protagonista non è come vuol far credere un libertino

18 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE democratico e liberale ma piuttosto un assatanato a livello di bestia che, come dice alla fine del I atto, si crede indistruttibile. Egli canta: Ma il coraggio non mi manca, non sono né perso né confuso; se anche il mondo tremasse, nulla mi farebbe paura. Classico modo di esprimersi del tiranno, al di sopra delle leggi che senza vergogna calpesta o modifica ad personam (ma chi è costui?). Egli è un assatanato che provoca ognuno creando il caos e pensando che m importa, tanto dopo di me mal che vada è il diluvio!. Il Don Giovanni è anche un ingordo consumatore, come denuncia a chiare lettere il suo servo Leporello nella famosa aria del catalogo: è quella dove il buffo servente elenca tutte le femmine che a grappoli il suo padrone si è godute senza sazietà.

19 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE Me ne sono fatte una dozzina, una dietro all altra - fa dire al suo padrone - e ce n erano altre fuori in fila che aspettavano il loro turno, ma io a sto punto ho detto basta, non posso esagerare! (INTERCETTAZ. BERLUSCONI Ieri sera avevo la fila fuori dalla porta della camera... erano in undici... io me ne sono fatto solo otto perché non potevo fare di più...non si può arrivare a tutto. Però stamattina mi sento bene sono contento della mia capacità di resistenza agli assedi della vita... che cosa ci tocca fare la notte del primo dell anno.) L assatanato collezionista non si chiede mai come vengano prodotti i beni e le creature che egli consuma, ma da gran furbo feudale egli pratica l economia della rapina entro la quale le donne non sono che vittime privilegiate. In poche parole è ossessionato dal divertimento: il

20 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE gran gioco della fascinazione. Egli nel carosello non risparmia nessuno, né mariti, né padri virtuosi, né servi fedeli. Infatti il servente masochista Leporello si lascia coinvolgere in ogni gioco sadico e al limite della piaggeria. Don Giovanni si cimenta in ogni caccia difficile e proibita, a costo di rischiare una punizione perfino a norma di legge dalla quale riesce a sgattaiolare corrompendo giudici e guardiani. Egli infatti davanti all odor di femmina non resiste (Atto I, scena 4). Tutta la sua esistenza è strettamente determinata dai sensi o, se preferite, dalla sensualità. E importante notare, dice sempre il noto critico, che la brutale seduzione che il protagonista esercita non soltanto sugli altri personaggi ma anche sul pubblico (che egli chiama popolo e perfino miei elettori ) è

21 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE proprio uno strumento essenziale del potere assoluto. Se vi vengono in mente personaggi altolocati della nostra storia recente per favore teneteveli per voi, qui siamo davanti a un opera d arte non a un telegiornale di gossip! In quest opera, come abbiamo già indicato poco prima, la seduzione è molto più che il semplice inganno poiché implica il travestimento. (Leporello e Don Giovanni si scambiano ruoli e parrucche). E ovvio che qui Mozart tira di mezzo un famosissimo personaggio del suo tempo: Giacomo Casanova, agente della Serenissima, in tutte le sue declinazioni; l uso della maschera, che guardacaso Don Giovanni calza fin dalla prima scena nel suo ingresso; l adulazione e la calunnia, con cui, dopo aver goduto delle loro grazie, Don Giovanni usa rivestire ogni volta le

22 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE sue amanti trattandole da fuor di senno e da vogliose assatanate. Mozart e Da Ponte possono ben lamentarsi di aver perduto un occasione eccezionale nelle loro ricerche, cioè quella di poter far tesoro del testo di Molière dal momento che, come già abbiamo accennato, al tempo in cui entrambi gli autori dell opera visionavano i numerosi testi dedicati al Burlador di Siviglia, fra quegli scritti non potevano trovare di certo il manoscritto originale del grande autore francese. Molière, è risaputo, aveva subìto a proposito di quel testo una censura pesantissima, cioè a dire d acchito gli era stato imposto di eliminare dal cartellone il suo Don Giovanni che evidentemente aveva irritato fortemente con le sue storie tutti i nobili e gli uomini di potere di Francia che normalmente frequentavano il suo teatro. Non

23 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE solo, come carico da undici a quella censura gli si impose anche di distruggere tutte le copie del testo teatrale appena stampato. Qualche copia del manoscritto tuttavia riuscì a salvarsi e gli attori della compagnia quando Molière morì consegnarono al fratello di Jean Racine una copia, la sola rimasta. Costuì pensò bene di tradurla in versi alessandrini, ne uscì uno scritto davvero obbrobrioso dove ogni forma di satira e denuncia civile venivano cancellati. Non solo, ma il personaggio di Scapino, che nel testo di Molière ha lo stesso valore di quello di Don Giovanni, veniva ridotto a una sola misera entrata nel primo atto, poi sparisce. Sicuramente, se almeno la scena sottofinale del testo originale fosse giunta nelle mani di Mozart e Da Ponte, i due autori non si sarebbero lasciati sfuggire l occasione di mettere in musica uno

24 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE dei più straordinari pezzi di teatro degli ultimi tre secoli. Si tratta del dialogo fra Sganarello (Leporello nel libretto di Da Ponte) e il suo padrone. Ora, giacchè siamo sotto le feste di Natale, penso che a questo punto sia mio dovere farvi un dono che ritengo eccezionale, cioè quello di farvi ascoltare il dialogo distrutto e recuperato fra i due protagonisti dell opera. Per primo interviene Don Giovanni, che qui si rivolge a suo padre, che lo ha appena aggredito indignato per il suo comportamento. DON GIOVANNI: Padre, qui davanti a voi avete qualcuno che in questo momento sta spogliandosi della sua pelle da camaleonte da essere indegno. Credetemi, davanti ai vostri occhi, io non sono più quello che voi conoscete,

25 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE lo stesso di ieri sera, è il Cielo che all improvviso ha compiuto in me uno sconvolgimento che lascerà tutti stupefatti: grazie Padre, i vostri discorsi spietati mi hanno toccato l anima e spalancato gli occhi; osservate, ora sto guardando con orrore il lungo accecamento nel quale ho finora vissuto, e gli atti criminali da me compiuti in questa mia disgustosa vita. Mi rendo conto di quante volte la bontà del nostro Creatore mi abbia favorito non arrivando mai a punirmi per le mie infamità. Ora voglio rendere clamoroso agli occhi del mondo questo mio cambiamento. Padre, voi dovete aiutarmi in questa perigliosa metamorfosi, sceglietemi vi prego una persona che mi serva da guida, e io la seguirò obbedendo come un cane pentito e redento. Il padre non riesce a trattenere le lacrime e se ne

26 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE va singhiozzando. e ripetendo parole di ringraziamento verso il Cielo. Sganarello ha ascoltato e commosso esplode: SGANARELLO: Oh Signore vorrei abbracciarvi a mia volta commosso alle lacrime. Davvero questo è uno splendido dono del cielo. Che gioia vedervi convertito, non l avrei mai sperato, lasciate che vi baci le mani! DON GIOVANNI: Ma vattene a quel paese babbeo! SGANARELLO: Babbeo? Perché mi insultate a sto modo? DON GIOVANNI: Perché sei tanto imbecille da prendere per oro colato anche ste buffonate da

27 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE sghignazzo! Ma credi davvero che le parole che mi uscivano dalla bocca arrivassero dal cuore? Dov è questo mio cuore sanguinante? Dove s è cacciato? Per la miseria! Non è qui, non è quaggiù, non è nella mia pancia, né fra le mie natiche oddio! Ho perduto il cuore! Un cuore così accorato, non l ho più e ne avevo uno solo! OHOHOHOH singhiozza buffonesco SGANARELLO: Cosa? Quindi mi avete gabbato? Vi siete preso gioco di me! Non siete pentito?! Ma che uomo siete?! DON GIOVANNI: Non lo so, non me lo sono mai chiesto dimmelo tu così saggio che sei! Stra-Babbeo! Aiutatemi! Qualcuno mi venga in soccorso! Qui c è un pover uomo che non riesce ad essere umano! Pietà! Dov è l uomo in me?

28 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE Datemi un uomo! SGANARELLO: Ma come fate Signore? Non riuscite ad arrendervi alla voce di quella Statua che si muove e che parla? DON GIOVANNI: No, pretendi che io mi lasci convincere da non mi lascio convincere da una una grossa pietra scolpita solo perché parla! E vero, ho detto di voler correggere il mio comportamento indegno e ritirarmi a vita esemplare, ma questa è solo una mossa puramente politica, uno stratagemma per gabbare i beoti. SGANARELLO: Cosa? Così avete solo mentito?! dicendo di volervi trasformare in un uomo civile e virtuoso?!

29 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE DON GIOVANNI: Sì, ce ne sono tanti altri come me che truccano il viso e le parole e che si servono della stessa maschera per ingannare tutto il mondo! degli schiocchi! SGANARELLO urlando: Che uomo! Che uomo! Un ipocrita! Che uomo bugiardo e mentitore! DON GIOVANNI: Perché indignarsi! Andiamo, dove vivi?! L ipocrisia non è più cosa indegna, ma piuttosto una virtù oggi. Il personaggio dell uomo onesto e virtuoso è il più vantaggioso, il migliore che si possa recitare, e chi per professione usa dell ipocrisia ottiene meravigliosi vantaggi.

30 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE che disgustato dal comportamento del suo padrone, quasi lo aggredisce con parole indignate oltre ogni misura. Comincio. Sganarello: APPUNTI: Il librettista Lorenzo Da Ponte era al servizio dell imperatore d Austria Giuseppe II dal Mozart e Da Ponte non hanno avuto la possibilità di far tesoro del testo di Molière per il semplice fatto che in quel tempo era sparito proprio a causa della censura. E questo, a nostro avviso, fu un grave danno poiché se Da Ponte avesse avuto la sorte di conoscere la scena

31 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE scritta in quell opera, proprio sotto il finale, non se la sarebbe certo lasciata scappare.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

La cenerentola Opera in musica di Gioacchino Rossini

La cenerentola Opera in musica di Gioacchino Rossini La cenerentola Opera in musica di Gioacchino Rossini Che cos è l Opera in musica L opera in musica (chiamata anche opera lirica o melodramma) è un genere teatrale nato a Firenze alla fine del Cinquecento.

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica Il carnevale degli animali di Camille Saint Saёns Grande fantasia zoologica Per due pianoforti e piccola orchestra Obiettivi del nostro lavoro Imparare a riconoscere il timbro di alcuni strumenti musicali.

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Storia dell'opera lirica in pillole

Storia dell'opera lirica in pillole Storia dell'opera lirica in pillole Le origini dell opera lirica: tutto ebbe inizio così... L opera lirica non esisteva nell antichità. Esisteva il teatro fin dai tempi dell antica Grecia e c era la musica

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

GRUPPO TEATRALE STAGIONE TEATRALE 2011-2012

GRUPPO TEATRALE STAGIONE TEATRALE 2011-2012 GRUPPO TEATRALE STAGIONE TEATRALE 2011-2012 Che gibilée per quatter ghej! Con tutt el ben che te voeuri Il mercante di schiavi Qui si fa l Italia L ultimo arrivato e tutti sognano Chi la fa la spunti Chi

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI)

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) STORIE PICCINE PICCIO' (dai 2 ai 5 anni) Una selezione di storie adatte ai piu' piccoli. Libri per giocare, libri da guardare da gustare e ascoltare. Un momento di condivisione

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

La Sacra Bibbia (testo CEI 2008) Versione non commerciabile. E gradita invece la riproduzione a fine di evangelizzazione www.laparola.

La Sacra Bibbia (testo CEI 2008) Versione non commerciabile. E gradita invece la riproduzione a fine di evangelizzazione www.laparola. La Sacra Bibbia (testo CEI 2008) Versione non commerciabile. E gradita invece la riproduzione a fine di evangelizzazione www.laparola.it LETTERA AGLI EFESINI 1 1 Paolo, apostolo di Cristo Gesù per volontà

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste L obbedienza non è più una virtù di Lorenzo Milani lavorare per la pace leggere scrivere TESTO INFORMATIVO- ESPOSITIVO livello di difficoltà Lorenzo Milani (Firenze, 1923-1967) Sacerdote ed educatore,

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

www.maestramary.altervista.org

www.maestramary.altervista.org Premessa ed obiettivi Il progetto "dietro le quinte" La drammatizzazione è la forma più conosciuta e diffusa di animazione nella scuola. Nell'uso più comune con il termine drammatizzazione si intendono

Dettagli

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE 2015-2016 CORSO ANNUALE 2015-2016 SILVIA PALLINI Credo che ogni creatura che nasce su questa nostra Terra, sia un essere meraviglioso, unico e

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014 Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita 6 ESSERE GENITORI: TRASMETTERE LA FEDE ED EDUCARE ALLA VITA "I genitori di Paola, 10 anni, sono

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli