LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE 2011 1"

Transcript

1 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE Il Don Giovanni di Wolfgang Amadeus Mozart è senz'altro uno dei maggiori capolavori del teatro musicale non solo del '700, ma è anche la più famosa fra tutte le opere liriche rappresentate negli ultimi quattro secoli. Il Don Giovanni, detto anche El Burlador de Sevilla è un'opera da porsi fra le tragedie in musica, ma il suo assetto strutturale, quello che noi del teatro recitato chiamiamo la situazione scenica, è assolutamente mutuato dall'opera buffa o meglio ancora dalla commedia dell'arte o buffoneria! So benissimo di aver pronunciato una bestemmia. per molti. Ma mi spiace soprattutto per i melomani mistici, la verità è assolutamente questa. Ce lo testimonia Delia Gambelli, forse la più autorevole e documentata studiosa del teatro

2 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE del Sei-Settecento in lingua italiana. Già che ne abbiamo l'occasione ribadiamo subito che nel XVIII Secolo era quasi d'obbligo per i musici mettere in scena solo opere cantate in italiano, poiché la nostra lingua era considerata da ognuno l'unica perfettamente consona alla musica. Esistevano già al tempo di Wolfgang Amadeus compositori che si erano serviti della commedia comica all'italiana per musicare un'opera lirica; ma ognuno si limitava a temi e svolgimenti assolutamente ridanciani dove era regola assoluta che la situazione comica fosse il motore principale dell'opera stessa. Quindi tutto l'andamento teatrale si muoveva sul gioco degli equivoci, sugli scambi di persona, su innamoramenti costruiti sul caso, sul gioco della beffa organizzata che si rovescia con effetti

3 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE disastrosi per chi l'ha orchestrata. Ma nel caso del Don Giovanni Mozart rompe a piedi giunti questa regola Insomma, un canovaccio che partendo dalla tragedia faceva satira e metteva alla berlina ogni luogo comune sacro e profano che dir si voglia. Una scelta assolutamente fuori dal comune. Ma quella di sortire a bella posta dalla consuetudine era una costante di Wolfgang soprannominato l'imprevedibile. Tutto ciò che si esprimeva dentro le leggi della forma stabilita immancabilmente veniva capovolto e sezionato dal giovane genio della musica. Ma nel nostro caso, col Don Giovanni, come è possibile, partendo da una vicenda che inizia fin dall apertura del sipario con un delitto (il protagonista Don Giovanni, uccide il padre della donna che egli ha in animo di sedurre a costo di

4 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE violentarla) riuscire a capovolgere quel clima trasformando ogni situazione in buffoneria? dopo l omicidio quasi senza pausa alcuna, a cambiare registro all immediata e dare inizio a vere e proprie sequenze cariche di inganni, truffalderie, gratuite amoralità, menzogne e stupri,? E quale ne è il risultato? Per capirne il paradosso basta analizzare con molta attenzione i testi dai quali il giovane compositore di Salisburgo aveva tratto l andamento dell opera e la sua struttura scenica. E chiaro che Mozart aveva saltato a piè pari l idea di servirsi dell impianto originale del dramma del creatore Tirso da Molina, che aveva debuttato con grande successo più di un secolo prima in Spagna. Si trattava di una vera e propria tragedia nel gusto e nella forma del teatro spagnolo di quel tempo e al contrario,

5 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE Mozart aveva scelto di affidarsi completamente all idea dei comici dell arte, che in differenti edizioni lo avevano allestito già a Parigi al tempo di Molière. A questo proposito va detto che Molière mettendo in scena a sua volta il Don Giovanni aveva fatto grande attenzione all impianto creato dai comici italiani prima di lui. La compagnia dei Gelosi, diretta da Tiberio Fiorilli, aveva sbilanciato l organizzazione interna dei canovacci in favore delle parti comiche, inventando un rapporto inedito fra serio e buffo, tra azione burlesca e azione tragica. Quel rapporto, invece di esaurirsi nel gusto barocco dei contrasti, o nella ricerca sperimentale di nuovi equilibri, finiva per mettere in scena più o meno inconsciamente lo screditamento e la presa in giro di ogni gravità.

6 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE In poche parole i comici dell arte, tornavano a realizzare una forma di spettacolo e di scrittura creata dai greci quattro secoli avanti Cristo, mettendo in primo piano il modulo nel quale si dichiarava: non esiste nessuna forma di teatro ad autentica dimensione umana se non si intreccia il comico al tragico e viceversa. A sua volta anche Mozart, prediligendo questo modulo, si trovò ad allestire un opera in musica che rinnovava completamente il genere originale ed entrava con veemenza nel gioco più scoperto della tragedia con contrappunto sbeffeggiato, e quindi ne raddoppiava il valore. Cioè finiva per attentare ai fondamenti di una gerarchia verticistica dei generi, e così allo stesso modo di Molière, Mozart aveva intravisto più acutamente di tutti la potenzialità eversiva ed espressiva di quell invenzione.

7 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE Ed ecco che emerge una differenza fatale rispetto a tutte le versioni precedenti conosciute, tanto in prosa che in musica: entra in scena un protagonista imprevisto, lo scandalo. Il pubblico intuisce che, tanto in Molière che il compositore austriaco, attraverso il Don Giovanni, da lui presentato come opera giocosa, vuol raccontare non una risaputa storia di seduzione e criminalità ma far salire in primo piano la realtà gestita dal potere anche nelle sua forme più turpi e triviali. Insomma quel comportamento spudorato che si manifesta chiaramente come il gioco del passatempo di chi, non avendo problemi né di sopravvivenza né di denaro, cerca di superare la noia servendosi di ogni gaudio, anche il più infame. Ecco che il potere, denunciato dal teatro e messo

8 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE alla berlina, reagisce mettendo in censura ogni ironia e lazzo morale, tant è vero che, proprio l opera di Molière, viene massacrata dalla censura e si costringe il più grande autore capocomico di Francia, cioè Molière, a cancellare l opera dal suo programma, al punto che mai più riuscirà a riportarlo in palcoscenico e il testo rimarrà sconosciuto nella sua versione originale per la bellezza di quasi tre secoli. L opera di Wolfang non verrà trattata con maggiore riguardo. Il committente dell opera di Mozart e Da Ponte era l Imperatore Giuseppe II, ma ecco che dopo l anteprima con orchestra, scenografia e costumi, mimi e danzatori al completo, tutto viene bloccato. L imperatore decide di sospendere il debutto

9 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE dell opera il cui allestimento è costato parecchio denaro. State attenti: non si tratta di rimandare il debutto per cause tecniche o per un malore che ha colpito una prima donna insostituibile. No. Si sospende e basta e nessun cronista tratta l argomento. E in quel momento alla corte dell Imperatore ce n erano una caterva, venuti apposta da ogni luogo per testimoniare il grande evento ma nessuno ci dà notizia o giustificazione del perché di quella censura. E in questi casi c è una classica espressione che viene in primo piano: opportunità. Qualcosa non è piaciuto all Imperatore. Qualcuno ha ravvisato in quell opera una critica. E così si levan armi e bagagli e si decide che il debutto avverrà altrove, in un altro luogo, a Praga. Lo spettacolo ha un enorme successo, ma malgrado ciò ancora Malgrado l enorme

10 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE successo ottenuto al debutto di Praga, Mozart si ritrova a dover cedere ad un altra censura, molto a sua volta a che fare con la censura nella forma più subdola, in quanto gli si impone impose all autore di porre tagli prima ancora di debuttare a Vienna, giacché gli si fa capire che certi passaggi dell opera non verrebbero graditi dal pubblico della capitale. Niente di più comune! Così si giunse a costringere il musicista a porre il finale dell opera subito dopo l avvenuto castigo dello scellerato Don Giovanni. In questo modo si mozza di netto la chiusura, compresa la morale conclusiva nella quale si ritrovano tutti i personaggi a commentare la fine di Don Giovanni, con il concerto finale in re maggiore che contiene la spietata sentenza finale dell opera.

11 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE Ma qui, forse per troppo slancio descrittivo, ci stiamo dimenticando di un personaggio determinante nella creazione di quest opera. Stiamo parlando di Lorenzo Da Ponte, il famoso librettista, italiano naturalmente, che a quel tempo stava a servizio dell Imperatore Giuseppe II e che operò una vera e propria rivoluzione nella scrittura dei testi musicali del tempo, soprattutto riguardo al modo nuovo di concepire dialoghi e personaggi nel loro muoversi sulla scena. E lui che propose a Wolfgang di mettere in musica quell insolito testo e Mozart accetta subito entusiasta l idea che la macchina della sceneggiatura si muova dentro un contrasto continuo di colpi di teatro timbrati da svolgimenti musicali e movimenti scenografici, dove interni di palazzi si squarciano per

12 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE ricomporsi in esterni e dove dal fondo avanzano all improvviso alberi di boschi giganteschi e nel finale, addirittura un enorme statua parlante che preannuncia lo squarciarsi della scena e lo spalancarsi di un baratro dentro il quale sarà risucchiato il protagonista punito. Ma la gran trovata è quella di realizzare un incessante scambio di personaggi, cioè il travestimento continuo che avviene in piena luce: ecco Don Giovanni che si traveste ipso facto indossando gli abiti del suo servo Leporello e costui è costretto a camuffarsi da Don Giovanni, sia nel modo di agire che nella gestualità e nella voce. Naturalmente questa esibizione di trasformismo metamorfico impone un abilità da gran commedianti e non sempre riesce. I due voltagabbana sono immancabilmente smascherati dai personaggi

13 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE che intendono truffaldare e ogni volta rischiano il linciaggio o peggio, tant è che la fuga è per loro l unico modo di salvarsi la pelle. Naturalmente tutte queste situazioni portano ad un divertimento irresistibile da parte del pubblico con gran vantaggio non solo dell agilità dello spettacolo, ma soprattutto del gran valore della musica e del canto. Osservando con attenzione l andamento scenico del Don Giovanni vien logico chiederci perché il castigo verso il protagonista venga portato in scena nel finale dal padre di Donna Anna che, come abbiamo visto, viene ucciso all inizio del primo atto e quindi trasformato in statua di pietra che trascinerà negli inferi il suo assassino. Tutto nasce da una tradizione popolare di svolgimento tragico conosciuta fin da tempi

14 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE remoti in gran parte dell Europa. Nell opera non si dà alcuna spiegazione del perché il nobile commendatore di Siviglia assassinato si trasformi in statua del castigo. In antico era la tradizione che dettava la consuetudine. Le ragioni non venivano quasi mai discusse né tantomeno commentate: è cattiva educazione chiederselo. E ancora, a proposito delle straripanti avventure sessuali di Don Giovanni, noi scopriamo che egli non si limita a corteggiare e godere di donne nobili e altolocate e quasi tutte promesse ad altri innamorati, ma si lancia in veri e propri caroselli di seduzione coinvolgendo ragazze di diversi ceti sociali. In fondo egli è il Principe dei democratici che elargisce ad ognuna la propria infinita generosità amatoria. E lui che dona. Egli non ama tanto il prendere ma al contrario

15 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE egli gode ad essere richiesto e conquistato anzi lo annoia il conquistare. Il nobile amatore odia l esercizio di conquistare e si limita a inventarsi e costruire trappole anche a pagamento per le debuttanti possibilmente pure e candide. Lo so, lo so che qualcuno di voi malignamente sta pensando a un sosia attuale del famoso El Burlador de Siviglia che fino a poco tempo fa amava recitare questo ruolo di sciupafemmine della Brianza ma, vi assicuro, la concomitanza è del tutto casuale. Wolfang Amedeus Mozart non era assolutamente a conoscenza di questo nostro adorabile personaggio! Ci troviamo fortunatamente a parlare del secolo XVIII e il trattare degli amori dei grandi satrapi in quel tempo era ritenuto pettegolezzo indegno. assolutamente proibito.

16 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE Altrettanto simile, seppur a lui imposto, è il ruolo di Leporello, detto Fede il fedele, che scimmiotta in paradosso il suo padrone e tutti i relativi suoi comportamenti e addirittura ogni tanto riesce perfino ad ottenere maggior successo del suo Maestro. Il servo, verso le donne, applica le poche regole che ha imparato dal nobile Don Giovanni in modo un po cialtrone e spesso sguaiato eppure la fama della nobile maschera che calza sul viso lo rende sorprendentemente vincitore. Dicevamo che nel corteggiamento dei due gaglioffi, padrone e servo, entrambi si trovano a corteggiare e ad amoreggiare con diverse fanciulle di basso rango durante una festa di matrimonio e, proprio come in una danza a scambio, ecco che i due cialtroni passano da una

17 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE all altra femmina intrecciandosi a vicenda e capita loro che nel semibuio si corteggino l un l altro e che, in qualche edizione dell opera si lascino addirittura andare a gesti ed effusioni piuttosto osé, contraccambiati. Molto interessante è l analisi che fa del testo musicato da Mozart nel Don Giovanni Eric Sauzé, un critico francese che prende in esame la chiave satirica di questo dramma giocoso. Egli ravvisa subito che nel comportamento di Don Giovanni nel suo carosello d amore a dir poco frenetico, il fanatico seduttore non è tanto preso dal piacere di portarsi nel talamo le femmine più appetibili, ma piuttosto dalla sete del potere. Il critico francese parla addirittura di oligarchia eterosessuale. Egli ci assicura che il protagonista non è come vuol far credere un libertino

18 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE democratico e liberale ma piuttosto un assatanato a livello di bestia che, come dice alla fine del I atto, si crede indistruttibile. Egli canta: Ma il coraggio non mi manca, non sono né perso né confuso; se anche il mondo tremasse, nulla mi farebbe paura. Classico modo di esprimersi del tiranno, al di sopra delle leggi che senza vergogna calpesta o modifica ad personam (ma chi è costui?). Egli è un assatanato che provoca ognuno creando il caos e pensando che m importa, tanto dopo di me mal che vada è il diluvio!. Il Don Giovanni è anche un ingordo consumatore, come denuncia a chiare lettere il suo servo Leporello nella famosa aria del catalogo: è quella dove il buffo servente elenca tutte le femmine che a grappoli il suo padrone si è godute senza sazietà.

19 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE Me ne sono fatte una dozzina, una dietro all altra - fa dire al suo padrone - e ce n erano altre fuori in fila che aspettavano il loro turno, ma io a sto punto ho detto basta, non posso esagerare! (INTERCETTAZ. BERLUSCONI Ieri sera avevo la fila fuori dalla porta della camera... erano in undici... io me ne sono fatto solo otto perché non potevo fare di più...non si può arrivare a tutto. Però stamattina mi sento bene sono contento della mia capacità di resistenza agli assedi della vita... che cosa ci tocca fare la notte del primo dell anno.) L assatanato collezionista non si chiede mai come vengano prodotti i beni e le creature che egli consuma, ma da gran furbo feudale egli pratica l economia della rapina entro la quale le donne non sono che vittime privilegiate. In poche parole è ossessionato dal divertimento: il

20 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE gran gioco della fascinazione. Egli nel carosello non risparmia nessuno, né mariti, né padri virtuosi, né servi fedeli. Infatti il servente masochista Leporello si lascia coinvolgere in ogni gioco sadico e al limite della piaggeria. Don Giovanni si cimenta in ogni caccia difficile e proibita, a costo di rischiare una punizione perfino a norma di legge dalla quale riesce a sgattaiolare corrompendo giudici e guardiani. Egli infatti davanti all odor di femmina non resiste (Atto I, scena 4). Tutta la sua esistenza è strettamente determinata dai sensi o, se preferite, dalla sensualità. E importante notare, dice sempre il noto critico, che la brutale seduzione che il protagonista esercita non soltanto sugli altri personaggi ma anche sul pubblico (che egli chiama popolo e perfino miei elettori ) è

21 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE proprio uno strumento essenziale del potere assoluto. Se vi vengono in mente personaggi altolocati della nostra storia recente per favore teneteveli per voi, qui siamo davanti a un opera d arte non a un telegiornale di gossip! In quest opera, come abbiamo già indicato poco prima, la seduzione è molto più che il semplice inganno poiché implica il travestimento. (Leporello e Don Giovanni si scambiano ruoli e parrucche). E ovvio che qui Mozart tira di mezzo un famosissimo personaggio del suo tempo: Giacomo Casanova, agente della Serenissima, in tutte le sue declinazioni; l uso della maschera, che guardacaso Don Giovanni calza fin dalla prima scena nel suo ingresso; l adulazione e la calunnia, con cui, dopo aver goduto delle loro grazie, Don Giovanni usa rivestire ogni volta le

22 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE sue amanti trattandole da fuor di senno e da vogliose assatanate. Mozart e Da Ponte possono ben lamentarsi di aver perduto un occasione eccezionale nelle loro ricerche, cioè quella di poter far tesoro del testo di Molière dal momento che, come già abbiamo accennato, al tempo in cui entrambi gli autori dell opera visionavano i numerosi testi dedicati al Burlador di Siviglia, fra quegli scritti non potevano trovare di certo il manoscritto originale del grande autore francese. Molière, è risaputo, aveva subìto a proposito di quel testo una censura pesantissima, cioè a dire d acchito gli era stato imposto di eliminare dal cartellone il suo Don Giovanni che evidentemente aveva irritato fortemente con le sue storie tutti i nobili e gli uomini di potere di Francia che normalmente frequentavano il suo teatro. Non

23 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE solo, come carico da undici a quella censura gli si impose anche di distruggere tutte le copie del testo teatrale appena stampato. Qualche copia del manoscritto tuttavia riuscì a salvarsi e gli attori della compagnia quando Molière morì consegnarono al fratello di Jean Racine una copia, la sola rimasta. Costuì pensò bene di tradurla in versi alessandrini, ne uscì uno scritto davvero obbrobrioso dove ogni forma di satira e denuncia civile venivano cancellati. Non solo, ma il personaggio di Scapino, che nel testo di Molière ha lo stesso valore di quello di Don Giovanni, veniva ridotto a una sola misera entrata nel primo atto, poi sparisce. Sicuramente, se almeno la scena sottofinale del testo originale fosse giunta nelle mani di Mozart e Da Ponte, i due autori non si sarebbero lasciati sfuggire l occasione di mettere in musica uno

24 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE dei più straordinari pezzi di teatro degli ultimi tre secoli. Si tratta del dialogo fra Sganarello (Leporello nel libretto di Da Ponte) e il suo padrone. Ora, giacchè siamo sotto le feste di Natale, penso che a questo punto sia mio dovere farvi un dono che ritengo eccezionale, cioè quello di farvi ascoltare il dialogo distrutto e recuperato fra i due protagonisti dell opera. Per primo interviene Don Giovanni, che qui si rivolge a suo padre, che lo ha appena aggredito indignato per il suo comportamento. DON GIOVANNI: Padre, qui davanti a voi avete qualcuno che in questo momento sta spogliandosi della sua pelle da camaleonte da essere indegno. Credetemi, davanti ai vostri occhi, io non sono più quello che voi conoscete,

25 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE lo stesso di ieri sera, è il Cielo che all improvviso ha compiuto in me uno sconvolgimento che lascerà tutti stupefatti: grazie Padre, i vostri discorsi spietati mi hanno toccato l anima e spalancato gli occhi; osservate, ora sto guardando con orrore il lungo accecamento nel quale ho finora vissuto, e gli atti criminali da me compiuti in questa mia disgustosa vita. Mi rendo conto di quante volte la bontà del nostro Creatore mi abbia favorito non arrivando mai a punirmi per le mie infamità. Ora voglio rendere clamoroso agli occhi del mondo questo mio cambiamento. Padre, voi dovete aiutarmi in questa perigliosa metamorfosi, sceglietemi vi prego una persona che mi serva da guida, e io la seguirò obbedendo come un cane pentito e redento. Il padre non riesce a trattenere le lacrime e se ne

26 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE va singhiozzando. e ripetendo parole di ringraziamento verso il Cielo. Sganarello ha ascoltato e commosso esplode: SGANARELLO: Oh Signore vorrei abbracciarvi a mia volta commosso alle lacrime. Davvero questo è uno splendido dono del cielo. Che gioia vedervi convertito, non l avrei mai sperato, lasciate che vi baci le mani! DON GIOVANNI: Ma vattene a quel paese babbeo! SGANARELLO: Babbeo? Perché mi insultate a sto modo? DON GIOVANNI: Perché sei tanto imbecille da prendere per oro colato anche ste buffonate da

27 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE sghignazzo! Ma credi davvero che le parole che mi uscivano dalla bocca arrivassero dal cuore? Dov è questo mio cuore sanguinante? Dove s è cacciato? Per la miseria! Non è qui, non è quaggiù, non è nella mia pancia, né fra le mie natiche oddio! Ho perduto il cuore! Un cuore così accorato, non l ho più e ne avevo uno solo! OHOHOHOH singhiozza buffonesco SGANARELLO: Cosa? Quindi mi avete gabbato? Vi siete preso gioco di me! Non siete pentito?! Ma che uomo siete?! DON GIOVANNI: Non lo so, non me lo sono mai chiesto dimmelo tu così saggio che sei! Stra-Babbeo! Aiutatemi! Qualcuno mi venga in soccorso! Qui c è un pover uomo che non riesce ad essere umano! Pietà! Dov è l uomo in me?

28 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE Datemi un uomo! SGANARELLO: Ma come fate Signore? Non riuscite ad arrendervi alla voce di quella Statua che si muove e che parla? DON GIOVANNI: No, pretendi che io mi lasci convincere da non mi lascio convincere da una una grossa pietra scolpita solo perché parla! E vero, ho detto di voler correggere il mio comportamento indegno e ritirarmi a vita esemplare, ma questa è solo una mossa puramente politica, uno stratagemma per gabbare i beoti. SGANARELLO: Cosa? Così avete solo mentito?! dicendo di volervi trasformare in un uomo civile e virtuoso?!

29 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE DON GIOVANNI: Sì, ce ne sono tanti altri come me che truccano il viso e le parole e che si servono della stessa maschera per ingannare tutto il mondo! degli schiocchi! SGANARELLO urlando: Che uomo! Che uomo! Un ipocrita! Che uomo bugiardo e mentitore! DON GIOVANNI: Perché indignarsi! Andiamo, dove vivi?! L ipocrisia non è più cosa indegna, ma piuttosto una virtù oggi. Il personaggio dell uomo onesto e virtuoso è il più vantaggioso, il migliore che si possa recitare, e chi per professione usa dell ipocrisia ottiene meravigliosi vantaggi.

30 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE che disgustato dal comportamento del suo padrone, quasi lo aggredisce con parole indignate oltre ogni misura. Comincio. Sganarello: APPUNTI: Il librettista Lorenzo Da Ponte era al servizio dell imperatore d Austria Giuseppe II dal Mozart e Da Ponte non hanno avuto la possibilità di far tesoro del testo di Molière per il semplice fatto che in quel tempo era sparito proprio a causa della censura. E questo, a nostro avviso, fu un grave danno poiché se Da Ponte avesse avuto la sorte di conoscere la scena

31 LECTIO DON GIOVANNI NOVEMBRE scritta in quell opera, proprio sotto il finale, non se la sarebbe certo lasciata scappare.

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

Mia nonna si chiamava Sonia ed era una bella cilena che a ottant anni ancora non sapeva parlare l italiano come si deve. Le sue frasi erano costruite

Mia nonna si chiamava Sonia ed era una bella cilena che a ottant anni ancora non sapeva parlare l italiano come si deve. Le sue frasi erano costruite Mia nonna si chiamava Sonia ed era una bella cilena che a ottant anni ancora non sapeva parlare l italiano come si deve. Le sue frasi erano costruite secondo il ritmo e la logica di un altra lingua, quella

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

«Io sono la via, la verità e la vita»

«Io sono la via, la verità e la vita» LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono la via, la verità e la vita» Gv 14,1-12 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,1-12) In quel tempo, Gesù disse ai

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO SETTEMBRE: Quando sono arrivata a Coimbra la prima sistemazione che ho trovato è stato un Ostello molto simpatico in pieno centro, vicino a Piazza della Repubblica.(http://www.grandehostelcoimbra.com/).

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 Il Progetto Teatro viene proposto ogni anno a gruppi di classe individuati in base alle scelte

Dettagli

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35 01 - Come Un Cappio Un cappio alla mia gola le loro restrizioni un cappio alla mia gola le croci e le divise un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide un cappio che io devo distruggere e spezzare

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

La locandiera. PERSONAGGI: Cavaliere di Ripafratta Marchese di Forlipopoli Conte d Albafiorita Mirandolina, locandiera Fabrizio, cameriere di locanda

La locandiera. PERSONAGGI: Cavaliere di Ripafratta Marchese di Forlipopoli Conte d Albafiorita Mirandolina, locandiera Fabrizio, cameriere di locanda La locandiera PERSONAGGI: Cavaliere di Ripafratta Marchese di Forlipopoli Conte d Albafiorita Mirandolina, locandiera Fabrizio, cameriere di locanda 5 10 Atto I La scena si rappresenta a Firenze, nella

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre UN LIBRO Novembre-dicembre CHE ANNUNCIA..... LA GIOIA DEL NATALE VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA Parole chiave SEGNI E SIMBOLI DELLA FESTA DI NATALE nella borsina ci sono due scatole che contengono

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Un compleanno speciale

Un compleanno speciale Testo teatrale ideato dalla classe 5D Un compleanno speciale ATTO UNICO Sceneggiatura a cura di Monica Maglione. Coreografia: Elisa Cattaneo / Alessandro Riela. Musiche: Papi, Sexy Back. Narratore: Davide

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it XI DOMENICA PRIMA LETTURA Il Signore ha rimosso il tuo peccato: tu non morirai. Dal secondo libro di Samuèle 12, 7-10.13 In quei giorni, Natan disse a Davide: «Così dice il Signore, Dio d Israele: Io ti

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita)

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) Credevo di essere pronta a questa esperienza. Credevo di essere pronta a passare un intero mese dall altra

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 ATTORI: 3B RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 CANTANTI: 4B Narratrice Valentina Massimo Re sì Re no Orsetto Farfalla Uccellino Cerbiatto Lepre Popolo del paese sì Popolo del paese no Sophie Dana

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI!

COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI! COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI! sono un ragazzo di sedici anni trasferito da quasi due anni in Germania e ho avuto la strana idea di esporre un libro sulla vita di ognuno di noi.. A me personalmente non

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

Gianni e Antonio. Una terra da abitare

Gianni e Antonio. Una terra da abitare Gianni e Antonio Una terra da abitare 2003 Queste foto non hanno nulla di originale. Sono la memoria quotidiana di un viaggiatore qualsiasi, che si è trovato, per un tempo né breve né lungo, a essere,

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Dario Fo Struttura per la veggente 15 luglio 2005

Dario Fo Struttura per la veggente 15 luglio 2005 Dario Fo Struttura per la veggente 15 luglio 2005 L indovina racconta come da psichiatra abbia scelto di diventare veggente: un modo straordinario per aver successo e quattrini. Organizza e apre uno studio

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso.

Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso. Anna Contardi Ass.Italiana Persone Down www.aipd.it Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso. Esperienze di educazione sessuale per adolescenti con disabilità intellettiva Premessa Esisteun diritto alla

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

- Siamo lontani - Andremo lontano. - Lontani - Nessuno ci avvicina

- Siamo lontani - Andremo lontano. - Lontani - Nessuno ci avvicina Voce fuori campo: Nell ora presente,noi siamo forse alla vigilia del giorno nel quale l Austri si butterà sulla Serbia e dall ora l Austria e la Germania gettandosi sui serbi e sui russi è l Europa in

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA Associazione culturale per la promozione del Teatro Musicale contemporaneo P.Iva 04677120265 via Aldo Moro 6, 31055 Quinto di Treviso - Tv IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA TERZA VERSIONE autore:

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Bologna - Tel. & fax 051 543101 e-mail: e.communication@fastwebnet.it www.excellencecommunication.it Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Docente: Antonella Ferrari

Dettagli

Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore

Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore 13 Maggio Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore Raffaella Nassisi 13 MAGGIO Romanzo Milano,Giugno 2011 Settembre 2011 Per te, Alberto Prefazione 13 Maggio è

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli

Seminario della psicoterapeuta Gloria Rossi

Seminario della psicoterapeuta Gloria Rossi Gruppo di Foggia Clinica, Formazione, Cultura psicoanalitica Seminario della psicoterapeuta Gloria Rossi Ascoltarsi è un arte dimenticata, che tutti siamo in grado di ricordare. Il corpo ci parla attraverso

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione!

START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione! START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione! MATERIALE Un pupazzetto a forma di uccellino in un cestino, inizialmente nascosto da qualche parte. Stampa della diapositiva 8, incollata

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE «PANTINI PUDENTE» VASTO (CH) IL MAGGIO DEI LIBRI nella SCUOLA

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone.

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone. La nuova adozione a distanza della Scuola Secondaria di Primo Grado di Merone. Riflessione sull Associazione S.O.S. INDIA CHIAMA L' India è un' enorme nazione, suddivisa in tante regioni (circa 22) ed

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI EURO RUN: IL GIOCO www.nuove-banconote-euro.eu ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI Anna e Alex sono compagni di classe e amici per la pelle. Si trovano spesso coinvolti in avventure mozzafiato e anche

Dettagli

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI EURO RUN: IL GIOCO www.nuove-banconote-euro.eu ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI - 2 - Anna e Alex sono compagni di classe e amici per la pelle. Si trovano spesso coinvolti in avventure mozzafiato e

Dettagli

AL CENTRO COMMERCIALE

AL CENTRO COMMERCIALE AL CENTRO COMMERCIALE Ciao Michele, come va? Che cosa? Ciao Omar, anche tu sei qua? Sì, sono con Sara e Fatima: facciamo un giro per vedere e, forse, comprare qualcosa E dove sono? Voglio regalare un CD

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

Donna Ì : un milione di no

Donna Ì : un milione di no Ì : un milione di no IL NOSTRO TEAM Siamo un trio ma siamo anche una coppia di fidanzati, due fratelli, due amici che da qualche anno convive e condivide esperienze di vita ma anche interessi sociali e

Dettagli

Song Book WWW.ALPHAGENERATION.IT/PDGWT

Song Book WWW.ALPHAGENERATION.IT/PDGWT Parola della Grazia Worship Team Song Book WWW.ALPHAGENERATION.IT/PDGWT Ti servirai di me ( 2006 Giovanni Di Sano & Marta Cascio) Verse Sol#Min Si5 Fa#5 Mi Mio Signore Mio Salvatore Fatti Conoscere Sol#Min

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

Pompei, area archeologica.

Pompei, area archeologica. Pompei, area archeologica. Quello che impressione è l atteggiamento di queste persone nell ultimo momento di vita. Cercano di coprirsi da qualcosa. Si intuisce che il motivo principale della causa è il

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA!

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! PREPARATIVI - Preparare un grande cerchio di cartoncino marrone (la torta ) e tanti spicchi di diversi colori vivaci (le fette ), in modo che ci sia uno spicchio

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

L ESERCITO DEI BISCOTTI

L ESERCITO DEI BISCOTTI L ESERCITO DEI BISCOTTI Siamo gli alunni del Convitto Nazionale Paolo Diacono, un Istituzione Educativa dello Stato, presente a Cividale del Friuli dal 1876. L offerta formativa del Convitto comprende:

Dettagli

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. PERCORSO

Dettagli

Il gabbiano Jonathan Livingston

Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston è un gabbiano fuori dal comune: non segue mai lo stormo e va ad esercitarsi da solo per migliorare la tecnica del volo ad alta quota. Questo

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007 PORCHIPINO Temi: L incontro, lo stare e il partire. La narrazione della storia di Porchipino, un piccolo riccio rimasto solo nel bosco, introduce i bambini al tema dell incontro, dell accoglienza del diverso

Dettagli

SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI

SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI Classi 3-5 II Livello SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI Motivazione: una buona capacità comunicativa interpersonale trova il suo punto di partenza nel semplice parlare e ascoltare

Dettagli

VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia

VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia Da oltre 40 anni la vita in Colombia è dominata dalla paura e dai conflitti. Migliaia di colombiani che vivono in zone remote o negli slum

Dettagli

La Squadriglia: 15 anni Seconda classe. V.C.Sq. Valentino Trento 15 anni Seconda classe Tesoriere

La Squadriglia: 15 anni Seconda classe. V.C.Sq. Valentino Trento 15 anni Seconda classe Tesoriere Primo Marzo 2007 Dalle ore 18.30 alle ore 20.00. La Squadriglia: Nome Età Classe Incarico C.Sq. Daniele Riscica 15 anni Seconda classe V.C.Sq. Valentino Trento 15 anni Seconda classe Tesoriere III Gianmarco

Dettagli