Come si scrive un testo di storia. Nozioni elementari

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Come si scrive un testo di storia. Nozioni elementari"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di Storia contemporanea 1 Prof. Tommaso Detti Come si scrive un testo di storia. Nozioni elementari Dato che dovrete scrivere delle relazioni scritte, alcune avvertenze di metodo vi saranno utili per redigerle e per impratichirvi un po' con le ricerche bibliografiche. In primo luogo una "tesina" su un libro non dovrebbe essere un semplice riassunto. Sintetizzare in poche pagine un volume è già un'operazione critica perché impone di selezionare le cose che si ritengono più importanti, ma non è sufficiente. Occorre infatti render conto della struttura del libro, del suo taglio, della interpretazioni sostenute dall'autore, delle fonti che usa e così via. Perciò, pur non essendo obbligatorio, è molto utile cercare se vi sono recensioni del libro o rassegne critiche degli studi sull'argomento che tratta. Queste sono infatti molto utili per inquadrare criticamente l'opera di cui si deve render conto. Ciò detto, come si scrive un testo di storia? Naturalmente in buon italiano, o quanto meno in un italiano corretto, privo cioè di errori di ortografia, di grammatica e di sintassi: siamo all'università, e per di più in una Facoltà di lettere e filosofia, cosicché questi requisiti non dovrebbero essere neppure essere ricordati; mi perdonerete se l'ho fatto, ma una lunga esperienza mi induce ad affermare che non si tratta di avvertenze superflue. Ciò detto, le questioni che dobbiamo affrontare riguardano in sostanza le peculiarità di un testo di storia. Per una parte non secondaria, peraltro, queste non sono appannaggio esclusivo della scrittura della storia, che in realtà le condivide con altre discipline, ma ovviamente noi le prenderemo in esame facendo specifico riferimento alla nostra. Un testo di storia può incorporare immagini fotografiche, istogrammi, cartografie, tabelle e altri oggetti, ma in linea di massima è costituito da parole. Mentre però un'opera narrativa di norma è costituita da una successione di periodi anche graficamente uniformi, la pagina di un saggio sia esso di storia, di sociologia, di filosofia, di critica letteraria o altro si presenta al lettore come una struttura più comples- 1

2 sa. Schematizzando un po', questo tipo di pagina può essere suddiviso in tre parti essenziali: 1) il testo vero e proprio, scritto direttamente dall'autore; 2) eventuali citazioni, cioè blocchi di testo non scritti dall'autore, ma riprodotti da altri testi o da fonti di varia natura; 3) le note a piè di pagina. Non sempre, e comunque non in ogni pagina, questi tre blocchi di testo sono presenti: alcuni editori pubblicano le note non a piè di pagina, ma in fondo al capitolo o al volume, ed è ovvio che possano esserci pagine prive di citazioni e di note. La pagina tipo di un testo di storia, comunque, presenta un aspetto di questo genere (si tratta delle pp del libro di Enzo Traverso, Il totalitarismo, Bruno Mondadori, Milano 2002): Le note sono collegate alle altre parti da un numero progressivo, 2

3 che in genere viene scritto in esponente. Nel caso di una citazione la nota è obbligatoria: trattandosi di un testo che non è farina del sacco dell'autore, l'indicazione della sua provenienza non è soltanto necessaria per consentire al lettore di risalire alla fonte e verificarla, ma è anche la condizione necessaria per evitare all'autore un'accusa di plagio. Nell'esempio che segue la citazione a metà di p. 49 è tratta da un'opera di Jacques Maritain e Traverso ne indica la provenienza nella nota n. 17. Le citazioni vengono solitamente composte in un corpo tipografico più piccolo di quello del testo, in alcuni casi (come questo) con un rientro del margine di sinistra, e sono precedute e seguite da uno spazio che le separa dal testo. Non tutte le citazioni, tuttavia, vengono impaginate così: questa modalità si usa quando il testo citato supera, a seconda dei casi, le tre o le cinque righe. Quando la citazione è più breve, invece, essa viene inserita nel corpo del testo senza alcuno spazio separatore ed è composta nel medesimo corpo tipografico. 3

4 Nel caso di citazioni lunghe, la composizione in corpo minore e gli spazi che la separano dal testo sono sufficienti a mostrare quali siano le parole citate. Nel caso di citazioni brevi, invece, il semplice rinvio ad una nota non è sufficiente perché le parole citate sono incastonate tra quelle dell'autore senza alcuna separazione e nello stesso corpo tipografico. Per questo è necessario racchiuderle fra due virgolette. Nella nostra pagina vedete una citazione di questo genere; è così breve da essere composta di due sole parole, ma tanto basta: essa è racchiusa tra due virgolette particolari, che per ragioni intuitive si chiamano caporali: Ciò detto, le note non si usano soltanto per indicare la provenienza delle citazioni, ma anche per fare dei riferimenti indiretti. È il caso della nota n. 15 della p. 48 del nostro esempio. Qui Traverso parla di un articolo pubblicato nel 1939; non ne trascrive alcun brano, ma ne riporta in nota gli estremi bibliografici. Esistono anche altri casi nei quali le note sono necessarie: 1. quando un testo non è citato letteralmente, ma viene parafrasato o riassunto dall'autore; il fatto che in casi del genere non occorano virgolette non ci esime da citare gli autori dei quali parliamo; 2. quando si fanno riferimenti ancora più indiretti. Se ad es. mi capita di accennare a un evento o a un problema storico che non viene trattato nel mio testo, posso inserire una nota del tipo «su questo argomento cfr. (confronta)» e citare il libro o i libri che ne trattano. Così come, se mi riferisco a un dibattito interpretativo su questo o quel problema, e se su di esso è disponibile una rassegna critica, può essere opportuno rinviarvi in nota. 3. Le note a piè di pagina possono essere inoltre utilizzate come contenitori utilizzabili per fornire precisazioni e chiarimenti di vario genere, che se inseriti nel testo potrebbero interrompere il filo del discorso. 4. Le note, infine, sono anche spazi utilizzabili per svolgere alcune considerazioni integrative o di rilievo secondario, che si ritengono utili ma interromperebbero il filo del discorso perché più lunghe di un semplice chiarimento tecnico. In questo caso le note vengono a configurarsi come una sorta di secondo livello del testo. Inutile dire che se le note non vengono compo- 4

5 ste a piè di pagina, ma alla fine del capitolo o del libro, questa procedura perde gran parte della sua funzionalità perché il collegamento fra testo e note è molto più complicato e scoraggia il lettore da muoversi con lo sguardo dal primo alle seconde. Quanto devono essere lunghe le note? E quanto devono essere lunghe le citazioni? In entrambi i casi è bene non eccedere. Per quanto riguarda le note, è vero che uno studioso ancora non affermato e (a maggior ragione) uno studente possono avere delle attenuanti perché sono tenuti a dimostrare di padroneggiare la materia di cui trattano, ma in ogni caso le note devono essere per quanto possibile contenute. Pagine costituite da tre righe di testo e per il resto da note, che pure qualche volta capita di leggere, sono assolutamente insopportabili. Anche le citazioni non possono essere troppo lunghe. Di nuovo non esiste una regola precisa, ma se non altro possiamo enunciare un paio di criteri: 1. Una lunga citazione si giustifica tanto più, quanto più è autorevole l'autore del testo citato e/o è pertinente, corposo, significativo, originale il suo contenuto; 2. Questo criterio rinvia a un altro, dal quale è ancora più importante non prescindere: una citazione deve essere utile. Nel suo vecchio libro Come si fa una tesi di laurea (Bompiani, Milano 1977), Umberto Eco porta questo esempio: «Le comunicazioni di massa costituiscono, come dice McLuhan, uno dei fenomeni centrali del nostro tempo». Non c'era alcun bisogno di scomodare McLuhan per fargli dire una simile ovvietà. Quando ci si serve di una citazione per appoggiarsi all'autorità di qualcuno, ha senso farlo per affermazioni un po' più impegnative. Oltre a ciò, le citazioni devono essere fedeli. Ciò che è stato scritto da un altro, chiunque esso sia, deve essere riprodotto tale e quale, senza alcuna alterazione neppure formale. Se un autore scrive al presente e ciò vi crea qualche problema perché voi state invece scrivendo, poniamo, all'imperfetto, il rispetto che è dovuto alla consecutio temporum può suggerire di modificare il tempo di un verbo, ma questo intervento deve essere segnalato: si può farlo scrivendo il verbo in corsivo, oppure racchiudendolo fra due parentesi quadre. Allo stesso modo devono essere segnalate eventuali omissioni. Se 5

6 ad esempio, per brevità, decidete di non riprodurre un inciso, potete farlo ma siete tenuti a segnalarlo inserendo tre puntini di sospensione al posto della parte eliminata. I punti di sospensione sono tre e soltanto tre: non due, quattro o cinque. E poiché può ben darsi che un testo citato contenga esso stesso dei punti di sospensione, i vostri debbono essere distinti inserendoli tra due parentesi quadre: [ ] Poiché la fedeltà all'originale deve essere totale, non è ammesso neppure che vengano corretti errori, refusi tipografici o sgrammaticature del testo citato. Questi vanno riportati tali e quali, salvo che per evitare che vengano attribuiti a voi conviene farli seguire da un sic (così) tra parentesi quadre: [sic] Può inoltre accadere che il testo da voi citato contenga a sua volta una citazione; anche questa deve essere indicata. A tale scopo, per evitare confusioni, si ricorre a virgolette di tipo diverso: caporali, virgolette alte doppie, virgolette alte singole ' '. Se la vostra citazione è racchiusa tra due caporali, la seconda citazione che è «annidata» nella prima si racchiude fra virgolette alte doppie; se poi per caso ce n'è addirittura una terza, quest'ultima può essere riconosciuta ricorrendo a virgolette alte singole: Forse qualcuno avrà notato che per segnalare un errore in una citazione ho scritto sic in corsivo. Sic infatti non è una parola della lingua italiana, ma della lingua latina. Le parole straniere si scrivono sempre in corsivo, a meno che non siano ormai divenute di uso tanto comune, da essere incluse nei dizionari della lingua italiana. Sport, trend o elite, ad esempio, si scrivono in carattere tondo per questo motivo, mentre Weltanschauung, che significa concezione del mondo ed è difficilmente suscettibile di essere inclusa in un dizionario italiano, si scrive in corsivo. Attenzione, però: in francese elite si scrive con l'accento acuto sulla prima e; se poi la si usa al plurale, si aggiunge una s finale. Delle due una, dunque: o scrivete elite in tondo, senza accento e senza s finale, oppure dovete scrivere élite e, al plurale, élites. Il corsivo non si usa, invece, per indicare che una parola viene usata in una accezione particolare, diversa da quella corrente. Prendiamo 6

7 ad es. la parola rivoluzione: originariamente indica il movimento di un corpo celeste, ma poi si è affermata nel significato di cambiamento rapido e radicale. Se, qualificando un fenomeno come una rivoluzione, intendete come dire? prendere un po' le distanze da una interpretazione simile, o ridimensionarne il senso, allora scriverete rivoluzione. Le virgolette, insomma, indicano che stiamo dicendo qualcosa del tipo una cosiddetta rivoluzione. Il più delle volte le opere che si citano in un testo di storia sono libri o articoli apparsi su riviste specializzate. Qui di seguito vedete ad esempio la copertina del libro di Traverso, del quale abbiamo già utilizzato una pagina: Attenzione però: un libro non si cita dalla copertina, che può trarre inganno perché incompleta, o perché l'editore può avervi aggiunto qualche elemento di richiamo a fini di promozione editoriale. Un libro si cita dal frontespizio, cioè dalla pagina che all'interno riporta il nome dell' autore, il titolo e il nome dell'editore. Come si vede, in questo caso nella copertina non c'è il sottotitolo, 7

8 che invece deve essere sempre citato. Ma anche il frontespizio non è sufficiente perché di un libro debbono essere citati non solo autore, titolo, sottotitolo e casa editrice, ma anche il luogo e l'anno di edizione, che spesso sono indicati nella pagina successiva. Come si vede nell'immagine successiva, è nella pagina seguente che sono indicati il copyright, quando si tratta di una traduzione il titolo e l'anno di pubblicazione dell'edizione originale e di norma il luogo dell'edizione italiana. Dico «di norma» perché proprio in questo caso viene sì indicato l'anno di pubblicazione, ma non il luogo dove ha sede la casa editrice. In questi casi tale informazione si trova in fondo al volume; qui, in particolare, un'avvertenza in basso segnala che essa è reperibile nella scheda catalografica riportata nell'ultima pagina. Poi ci sono, appunto, gli articoli di rivista. Nella prima delle immagini che seguono vedete la copertina di un fascicolo della rivista 8

9 «Contemporanea». Subito dopo è invece riprodotto il frontespizio della rivista, dove vengono segnalati l'anno d'ordine (in numeri romani), il numero, il mese e l'anno del fascicolo della rivista, che precedono l'indice o sommario. L'anno d'ordine VII indica che la rivista è giunta nel 2004 al suo settimo anno di vita; il numero 2 che si tratta del secondo fascicolo del 2004, il mese di aprile suggerisce che «Contemporanea» ha una periodicità trimestrale: il primo numero esce a gennaio, il secondo ad aprile, il terzo a luglio e il quarto a ottobre. 9

10 10

11 Analogo, ma non identico, è il quadro che ci presenta l'altra rivista italiana di storia contemporanea raffigurata nella pagina precedente, ossia «Passato e presente». Qui il numero del fascicolo è 63 e ciò indica che questa rivista adotta una numerazione progressiva a partire dal primo fascicolo, che nel caso specifico è stato pubblicato 22 anni prima. Un po' diverso è anche il modo di indicare il mese di pubblicazione: «Passato e presente» riporta infatti i mesi di settembre-dicembre, ciò che comunque segnala che la periodicità della rivista non è trimestrale, ma quadrimestrale. Si noti che l'anno d'ordine XXII non figura nella copertina, mentre viene indicato nel frontespizio E veniamo alle regole essenziali a cui attenersi per le citazioni. Come potrete constatare sfogliando libri di diversi editori, non esiste uno standard internazionale, e neppure uno italiano, al quale attenersi. Nella prima delle tre citazioni che seguono, ad es., gli autori sono scritti in caratteri maiuscoli e i loro nomi propri sono abbreviati; la seconda si serve del maiuscoletto e riporta il nome proprio per esteso; la terza scrive nome e cognome in carattere alto/basso, cioè con le 11

12 sole iniziali maiuscole. Potete scegliere la modalità che preferite, ma con un'avvertenza: qualunque sia la vostra scelta in questo caso come per tutte le altre regole delle quali stiamo parlando una volta che l'avete fatta è essenziale che vi ci atteniate sempre. M. FLORES, N. GALLERANO, Introduzione alla storia contemporanea, Bruno Mondadori, Milano 1995 PAOLO MACRY, La società contemporanea. Una introduzione storica, Bologna, Il Mulino, 1992 Eric J. Hobsbawm, Il Secolo breve, Rizzoli, Milano 1995 (ediz. orig. 1994) Di norma, se si scrive per esteso il nome proprio dell'autore quando lo si cita per la prima volta, esso può essere omesso nelle citazioni successive, a meno che non si sappia che esiste il rischio di una omonimia: tra gli storici italiani dell'età contemporanea vi sono ad es. Giuliano Procacci e Giovanna Procacci. Nel dubbio, questa può essere una buona ragione per scrivere sempre il nome per esteso, tanto più che una relazione di seminario o una tesi di laurea in genere con sono corredati da un indice dei nomi che ci dica come effettivamente si chiama l'autore citato. Si noti inoltre che la prima citazione reca prima la casa editrice e poi, senza virgola di separazione, il luogo e l'anno di edizione, mentre la seconda scrive prima il luogo, poi l'editore e infine l'anno, separati da virgole. In tutti i casi, comunque, titolo e sottotitolo si scrivono in corsivo. La citazione seguente si riferisce alla stessa opera di Hobsbawm che abbiamo citato sopra Il secolo breve, ma in questo caso si riferisce all'edizione originale inglese, aggiungendo tra parentesi gli estremi della traduzione italiana. Se il vostro professore non lo richiederà, a mio parere potete evitare di essere così pignoli. Eric J. Hobsbawm, Age of Extremes. The Short Twentieth Century, , Michael Joseph, London 1994 (trad. it. Il Secolo breve, Rizzoli, Milano 1995) È importante, viceversa, che citando una traduzione italiana si ag- 12

13 giunga tra parentesi (come è stato fatto sopra nella citazione della versione italiana di Il Secolo breve) l'anno dell'edizione originale. Se infatti in questo caso la traduzione italiana segue di appena un anno l'edizione originale, un'opera può essere tradotta anche a molti anni di distanza e per contestualizzarla è essenziale sapere quando è apparsa per la prima volta. Un libro può essere opera di uno o due autori, ma può essere anche una raccolta di saggi di molti autori, che sarebbe troppo lungo citare tutti quanti. Così è ad es. per '900. I tempi della storia, che abbiamo ricordato perché vi è pubblicato un articolo di Charles S. Maier che abbiamo citato. Nella prima delle citazioni che seguono la presenza di più autori è segnalata dalla scritta Aa. Vv. (che sta per Autori Vari) e il titolo dell'opera è seguito dal nome del curatore, che nel caso specifico è Claudio Pavone; questa modalità può essere utilizzata, ma non è tra le più corrette. In casi simili è preferibile indicare il curatore al posto dell'autore, come nella seconda citazione, salvo segnalarne il ruolo facendolo seguire da un «a cura di» tra parentesi, essendo sottinteso che se c'è un curatore l'opera comprende contributi di autori vari. Quando invece gli autori sono diversi e non c'è un curatore, può essere buona regola citare il primo di essi in ordine alfabetico, aggiungendovi la dizione «et al.», che sta per et alii, ovvero ed altri. Aa. Vv., '900. I tempi della storia, a cura di C. Pavone, Donzelli, Roma 1997 C. Pavone (a cura di), '900. I tempi della storia, Donzelli, Roma 1997 C. Pavone et al.,... Può accadere che un libro abbia avuto una o più nuove edizioni, cioè non semplici ristampe ma versioni aggiornate o comunque modificate rispetto alla prima. In questi casi occorre segnalarlo, aggiungendo all'anno di pubblicazione il numero dell'edizione che abbiamo consultato, in esponente o apice. Se ad es. la seconda edizione è del 1967, scriveremo:

14 E ancora, un libro può essere composto da più di un volume. Citandolo, è perciò necessario aggiungere questa informazione. Quando ad es. si segnala la presenza di due volumi, si scrive un 2 in numeri arabi seguito da voll., che è l'abbreviazione di volumi: 2 voll. Quando invece si cita specificamente uno solo dei volumi, poniamo ancora il secondo, lo si indica in numeri romani, non prima ma dopo vol., che ha una sola l perché è singolare: vol. II Se di un libro si cita una sola pagina, alla citazione se ne aggiungerà il numero, preceduto da una p puntata: p. 123 Se ci citano più pagine, le p diventano due e si indicano la prima e l'ultima pagina dell'intervallo: pp Possono essere fatti anche riferimenti meno precisi, del tipo pagine 123 e seguenti: pp. 123 ss. (o sgg.) Può infine capitare che l'oggetto di una specifica citazione corrisponda grosso modo a un argomento ricorrente nell'intero volume; in questo caso l'indicazione della pagina viene seguita da «e passim» (naturalmente in corsivo, trattandosi di una parola latina): p. 123 e passim Citare genericamente un libro aggiungendovi passim è pure possibile, ma francamente lo trovo superfluo: se non vengono indicate singole pagine o parti dell'opera, è infatti implicito che si fa riferimento all'intero volume. Di un libro, infine, è possibile citare non una o più pagine, ma uno o più capitoli: cap. 5, capp. 5-7 E ancora, può succedere di citare un libro non una ma più volte. In questi casi le citazioni successive alla prima non debbono recare le indicazioni bibliografiche complete. Bastano l'autore e il titolo, seguiti da cit. ed eventualmente dal numero della pagina. 14

15 Cfr. Eric J. Hobsbawm, Il Secolo breve cit., pp. 321 ss. Se il titolo è molto lungo, è anche possibile non citarlo per intero, riportandone soltanto le prime parole, seguite in questo caso da tre puntini di sospensione senza parentesi quadre. Potrà anche capitarvi, in casi del genere, di trovare il nome dell'autore seguito da op. cit., che sta per opera citata. E. J. Hobsbawm, Op. cit., p Non usate questa modalità perché complica inutilmente la vita al lettore: Hobsbawm, ad es., ha scritto un gran numero di libri, voi potreste averne già citato più d'uno e se usaste op. cit. non si capirebbe a quale vi riferite. Ma se anche ne citate uno solo, il lettore potrebbe non ricordare si quale si tratta e lo costringereste a tornare indietro per appurarlo. Le note nelle quali si scrivono le citazioni non sono peraltro a sé stanti, ma fanno parte di una serie numerata progressivamente. Nell'esempio qui sotto ho immaginato che alla nota n. 4 abbiamo citato l'introduzione alla storia contemporanea di Flores e Gallerano e alla nota 5 Il Secolo breve di Hobsbawm. Se alla nota immediatamente successiva, che in questo caso è la n. 6, voglio citare un altro libro dello stesso Hobsbawm ad es. l'età degli imperi non ripeterò il nome dell'autore, ma lo sostituirò con Id. puntato, che è l'abbreviazione di Idem, lo stesso (se si trattasse di un'autrice scriveremmo Ead.). Sebbene si tratti di una parola latina, in questo caso niente corsivo perché l'autore si scrive sempre in carattere tondo. 4 M. Flores, N. Gallerano, Introduzione alla storia contemporanea, Bruno Mondadori, Milano E. J. Hobsbawm, Il Secolo breve, Rizzoli, Milano 1995, p Id., L'età degli imperi, , Laterza, Roma-Bari Ivi, p Ibidem (o Ibid.) 15

16 Se poi alla nota ancora successiva, la n. 7, intendo riferirmi ancora allo stesso libro dello stesso autore che ho citato alla nota n. 6, in questo caso posso sostituire l'intera citazione con un semplice ivi, seguito dal numero o dai numeri di pagina. Se infine nella stessa nota n. 7, invece di riferirmi a una pagina diversa dello stesso libro, voglio citarne una seconda volta proprio la stessa pagina citata alla nota precedente, allora può bastare Ibidem, eventualmente abbreviato in Ibid., senza numero di pagina. E, naturalmente, in corsivo. C. S. Maier, Secolo corto o epoca lunga? L'unità storica dell'età industriale e le trasformazioni della territorialità, in C. Pavone (a cura di), Novecento, fasc. spec. di «Parolechiave», 1996, n. 12 (Donzelli, Roma 1997), pp C. S. Maier, Secolo corto o epoca lunga? ecc., in Id.,... C. S. Maier, Secolo corto o epoca lunga? L'unità storica dell'età industriale e le trasformazioni della territorialità, «Parolechiave», 1996, n. 12, pp Qui sopra ho riprodotto tre diverse citazioni del saggio di Charles S. Maier, Secolo corto o epoca lunga?, da noi già ricordato, rinviando però non al volume '900. I tempi della storia, ma a un fascicolo speciale della rivista «Parolechiave». '900. I tempi della storia è infatti una riedizione in forma di volume di quel fascicolo di «Parolechiave». Il titolo del fascicolo è Novecento (in questo caso in lettere e non i numeri) e l'ho fatto precedere dal nome del curatore, Claudio Pavone. Seguono «fasc. spec.», ad indicare che si tratta di un fascicolo speciale, il nome della rivista, l'anno e il numero. Questo fascicolo della rivista appartiene peraltro all'annata 1996, ma è stato pubblicato in ritardo, nel 1997, cosicché per essere molto preciso in questo caso ho pensato bene di aggiungere tra parentesi editore, luogo e anno di edizione. Ciò che peraltro si fa soltanto in presenza di numeri monografici delle riviste, che in qualche modo sono assimilabili a volumi. Notare che la testata della rivista è scritta tra virgolette; a volte invece delle virgolette può trovarsi il corsivo, ma è meno corretto. Immaginiamo ora che questo saggio, invece di essere pubblicato in un libro curato da Pavone, venisse raccolto dallo stesso Maier in un volume assieme ad altri suoi saggi; in questo caso l'autore del saggio e 16

17 l'autore del volume coinciderebbero e perciò dovremmo citare la prima volta Maier, poi il titolo del saggio, in e Id., seguito dal titolo del libro e dalle altre indicazioni bibliografiche (è la seconda delle citazioni qui sopra). La terza citazione, infine, tratta l'articolo di Maier come se fosse apparso in un normale fascicolo di rivista, non monografico. Autore, titolo e sottotitolo si citano come quelli di un libro, dopo di che seguono la testata della rivista tra virgolette (che può essere o non essere preceduta da in ), l'anno, il numero e le pagine. Quando si cita un articolo di rivista senza rinviare con precisione a una pagina, è buona norma indicare sempre la prima e l'ultima pagina. Riassumendo, per quanto riguarda le riviste dopo l'autore e il titolo si indicano la testata fra virgolette, l'anno d'ordine (che però può essere considerato facoltativo), l'anno di edizione, il numero del fascicolo e la o le pagine. Il numero del fascicolo è peraltro obbligatorio soltanto quando la numerazione delle pagine di ogni fascicolo inizia da 1. Quando la numerazione delle pagine è progressiva nell'ambito dell'intera annata, questo dato è invece facoltativo. Nella seconda delle citazioni che seguono vedete infine un modo un po' diverso di citare una rivista: l'anno d' ordine in numeri romani non è preceduto dalla a. puntata e l'anno di edizione è tra parentesi: si trovano entrambe le modalità ma come sempre, una volta fatta una scelta, occorre rimanerle fedeli...., «Parolechiave», a. X, 1996, n. 12, pp , «Parolechiave», X (1996), pp Come per i libri, infine, un articolo di rivista che venga citato per la seconda, terza o quarta volta può essere indicato in forma abbreviata. Art. cit. non è meno sconsigliabile di Op. cit. C. Maier, Secolo corto... cit., p. 53. C. Maier, Art. cit., p. 53. Non esistono invece differenze nel modo di citare libri e riviste nel caso in cui venga adottato un sistema di citazione completamente di- 17

18 verso, che si è diffuso in Italia da relativamente pochi anni, provenendo dagli Stati Uniti, e che perciò viene correntemente chiamato «all'americana». In questo caso non ci si serve delle note a piè di pagina perché la citazione viene fatta in forma estremamente abbreviata ed è perciò inserita nel testo, fra parentesi: (Hobsbawm 1995, p. 123) Qui Il secolo breve è citato richiamando soltanto il nome dell'autore e l'anno di pubblicazione del libro, seguiti eventualmente dal numero di pagina, con o senza la p puntata. Nel caso in cui vengano citate più opere pubblicate dal medesimo autore nello stesso anno, per distinguerle quest' ultimo deve essere seguito da una lettera: 1995a, 1995b, 1995c ecc. Questo modo di fare le citazioni è tuttavia largamente incompleto e perciò lo si può usare soltanto a condizione che in fondo al testo vi sia una bibliografia contenente le indicazioni complete. La bibliografia deve inoltre essere redatta in modo che il lettore possa risalire agevolmente alle opere citate. Ciò si ottiene disponendo i nomi degli autori in ordine alfabetico, ripetendo l'autore e l'anno, come nell'esempio che vedete: prima l'autore e l'anno, poi il titolo, l'editore e il luogo. Non si ripete invece l'anno perché esso è già indicato dopo il nome dell'autore. Hobsbawm 1987 Hobsbawm 1995 L'età degli imperi, , Laterza, Roma-Bari Il Secolo breve, Rizzoli, Milano Se in una esercitazione di seminario, prevedibilmente, vi capiterà di citare soltanto libri e articoli di rivista, è ovvio che in una tesi di laurea o in un saggio di ricerca vengano citate anche fonti: d'archivio, a stampa o d'altro genere. Per ragioni di tempo non mi soffermerò sui criteri che si utilizzano nella citazione di fonti d'archivio, che potrete apprendere più avanti, e mi limito a segnalare che la citazione dell'articolo di un quotidiano è molto simile a quelle di un articolo di rivista: di norma vengono indicati il nome dell'autore, il titolo, la testata del quotidiano tra virgolette, il giorno, il mese e l'anno. 18

19 Autore, Titolo, «Testata del quotidiano», 28 novembre 2005 Almeno un cenno, tuttavia, deve essere riservato alla citazione di risorse on line. Lo sviluppo delle tecnologie informatiche ha fatto sì che in rete siano disponibili in misura sempre crescente libri e articoli, senza contare che è sempre possibile citare pagine web che non si configurino né come libri, né come articoli. Facciamo un esempio. Se faceste una ricerca bibliografica per sapere quali siano le opere di Paolo Viola, uno studioso di Storia moderna purtroppo recentemente scomparso, tra esse trovereste questo saggio: P. Viola, Le rivoluzioni francesi e la mobilitazione nazionale, in Rivoluzioni. Una discussione di fine Novecento, a cura di D.L. Caglioti ed E. Francia, Ministero per i beni e le attività culturali, Direzione generale per gli archivi, Roma 2001, pp Il volume raccoglie le relazioni di un convegno promosso dalla Sissco - Società italiana per lo studio della storia contemporanea; poiché questa società mette in rete le sue pubblicazioni, potreste leggere il saggio sul web. In tal caso, tuttavia, dovreste segnalare che lo avete preso da lì e che lì è consultabile. A questo scopo si aggiunge alla citazione l'url (Uniform Resource Locator), cioè l'indirizzo della pagina web, di norma tra parentesi angolari: < rivolu zioni /viola.htm > [consultato il 28 novembre 2007] Tuttavia i siti web sono spesso volatili: il giorno dopo che avete consultato una pagina, quella pagina o addirittura l'intero sito web che la ospita potrebbe non esserci più. Perciò, specie se si cita il sito di un organismo non istituzionale, è buona regola aggiungere all'url l'indicazione della data in cui si è consultata la pagina. Come dire: quel giorno c'era. Se non si vuole scrivere per esteso «consultato il», può bastare la data. Ciò vale a maggior ragione se, invece di citare dal web una fonte cartacea, vi riferite a una fonte disponibile esclusivamente in forma digitale. 19

20 L'indirizzo di una pagina web può essere molto lungo e deve essere trascritto con estrema precisione. Piuttosto che copiarlo, è perciò convienente fare un taglia-e-cuci direttamente dal web. La pagina nella quale è pubblicato il saggio di Paolo Viola che abbiamo preso ad esempio è riprodotta nella pagina precedente. Nella parte alta, evidenziata in rosso, si nota la barra nella quale il browser che nel caso specifico è Mozilla Firefox mostra il suo indirizzo. Notate anche che in questo caso il saggio è riprodotto in una pagina html e perciò consultandolo in rete è impossibile citarne una pagina particolare. Se invece esso fosse stato pubblicato in formato pdf, la versione digitale potrebbe riprodurre fedelmente l'originale cartaceo e sarebbe possibile riferirsi a una pagina specifica. Concludiamo queste sommarie indicazioni con un accenno alla bibliografia che dovrebbe corredare un testo a carattere scientifico. Come confezionarla? Quando consta soltanto di libri e di articoli di rivista, il modo più semplice è naturalmente quello di disporli in ordine alfabetico. Ma una bibliografia può essere tanto ampia da suggerire l'opportunità di suddivi- 20

COME SI SCRIVE UNA TESINA

COME SI SCRIVE UNA TESINA UNIVERSITÀ DI STOCCOLMA Dipartimento di francese, italiano e lingue classiche Luminiţa Beiu-Paladi COME SI SCRIVE UNA TESINA COMPENDIO AGOSTO 2012 0. INTRODUZIONE... 2 1. IL LAVORO SPECIALE PER KANDIDATEXAMEN...

Dettagli

GUIDA PER LA REDAZIONE DELLA PROVA FINALE. a cura di Stefano Asperti

GUIDA PER LA REDAZIONE DELLA PROVA FINALE. a cura di Stefano Asperti GUIDA PER LA REDAZIONE DELLA PROVA FINALE a cura di Stefano Asperti 1 Indice INTRODUZIONE...3 1. CHE COS'È LA PROVA FINALE E A CHE COSA SERVE...4 1.1 TIPOLOGIE DI PROVE FINALI... 4 1.2 PERCHÉ È UTILE LA

Dettagli

Guida alla Tesi di Laurea in Scienze dell Educazione Sociale N. O., in Educatore Professionale e Scienze dell Educazione V. O.

Guida alla Tesi di Laurea in Scienze dell Educazione Sociale N. O., in Educatore Professionale e Scienze dell Educazione V. O. Guida alla Tesi di Laurea in Scienze dell Educazione Sociale N. O., in Educatore Professionale e Scienze dell Educazione V. O. 1. Introduzione generale La Tesi di Laurea 1 costituisce per lo studente/ssa

Dettagli

guida al tema perfetto (che non esiste)

guida al tema perfetto (che non esiste) guida al tema perfetto (che non esiste) di Giuseppe Tesorio come scrivere bene a scuola dalla paura del foglio bianco alla comprensione della traccia assegnata il riassunto, il tema, l analisi, il saggio

Dettagli

GUIDA ALLA SCRITTURA DI TESTI TECNICO-SCIENTIFICI

GUIDA ALLA SCRITTURA DI TESTI TECNICO-SCIENTIFICI Corsi di Laurea in Scienze Agrarie e Tecnologie Alimentari GUIDA ALLA SCRITTURA DI TESTI TECNICO-SCIENTIFICI Indicazioni utili per la compilazione di relazioni tecniche e tesi di laurea INDICE 1. Introduzione...3

Dettagli

Come si scrive una tesi di laurea?

Come si scrive una tesi di laurea? Come si scrive una tesi di laurea? 1. La tesi come progetto Nonostante il titolo possa trarre in inganno, questo documento non ha la velleità di insegnarvi come giungere a un prodotto di qualità: si limita

Dettagli

Le operazioni mentali di base costituenti le categorie mentali

Le operazioni mentali di base costituenti le categorie mentali www.mind-consciousness-language.com, (2005) Le operazioni mentali di base costituenti le categorie mentali Giulio Benedetti Abstract Uno dei compiti fondamentali che la Scuola Operativa Italiana (S.O.I.)

Dettagli

Linee guida per la trasparenza, la semplificazione del linguaggio e la pubblicazione delle informazioni sul sito Unifi: un breve manuale di stile per

Linee guida per la trasparenza, la semplificazione del linguaggio e la pubblicazione delle informazioni sul sito Unifi: un breve manuale di stile per Linee guida per la trasparenza, la semplificazione del linguaggio e la pubblicazione delle informazioni sul sito Unifi: un breve manuale di stile per facilitare il percorso della trasparenza A cura di

Dettagli

COME SI FA UNA TESI DI LAUREA O UN ELABORATO FINALE NELLA FACOLTA DI SCIENZE DELL EDUCAZIONE

COME SI FA UNA TESI DI LAUREA O UN ELABORATO FINALE NELLA FACOLTA DI SCIENZE DELL EDUCAZIONE COME SI FA UNA TESI DI LAUREA O UN ELABORATO FINALE NELLA FACOLTA DI SCIENZE DELL EDUCAZIONE A cura di Raffaele Mantegazza Responsabile ufficio orientamento tesi NB: si danno per scontate e per acquisite

Dettagli

edizionidipagina norme redazionali

edizionidipagina norme redazionali edizionidipagina ( norme redazionali Abbiamo raccolto le seguenti Norme allo scopo di unificare i criteri di composizione delle nostre edizioni. Per agevolare il lavoro redazionale e tipografico, è opportuno

Dettagli

Lezione 1. 1 All inizio di ogni capitolo vengono indicati gli obiettivi della lezione sotto forma di domande la cui risposta è lo scopo

Lezione 1. 1 All inizio di ogni capitolo vengono indicati gli obiettivi della lezione sotto forma di domande la cui risposta è lo scopo Lezione 1 Obiettivi della lezione: 1 Cos è un calcolatore? Cosa c è dentro un calcolatore? Come funziona un calcolatore? Quanti tipi di calcolatori esistono? Il calcolatore nella accezione più generale

Dettagli

Si può salvare l analisi logica? di M. G. Lo Duca

Si può salvare l analisi logica? di M. G. Lo Duca Si può salvare l analisi logica? di M. G. Lo Duca [contributo già pubblicato in La crusca per voi, n. 33, Ottobre 2006, pp. 4-8] Si è tenuto nei mesi di marzo/aprile del 2006 un corso di aggiornamento

Dettagli

GUIDA ALLA SCRITTURA DELLA TESI DI LAUREA IN ECONOMIA

GUIDA ALLA SCRITTURA DELLA TESI DI LAUREA IN ECONOMIA GUIDA ALLA SCRITTURA DELLA TESI DI LAUREA IN ECONOMIA A cura del Servizio di tutorato per la scelta e la stesura della tesi di laurea e del Servizio di consulenza bibliografica della Biblioteca di Economia

Dettagli

Le parole della Comunicazione 22-03-2007 9:06 Pagina 1

Le parole della Comunicazione 22-03-2007 9:06 Pagina 1 Le parole della Comunicazione 22-03-2007 9:06 Pagina 1 I Centri di Servizio per il Volontariato della Regione Lombardia I Centri di servizio per il volontariato nascono con l obiettivo di supportare, sostenere

Dettagli

NORME PER LA REDAZIONE

NORME PER LA REDAZIONE NORME PER LA REDAZIONE DI UNA TESI DI LAUREA a cura di Enrico Garavelli e Elina Suomela HELSINKI Dipartimento di lingue romanze - Filologia italiana 2006 NORME PER LA REDAZIONE DI UNA TESI DI LAUREA Ogni

Dettagli

lorenzo pantieri & tommaso gordini L arte di scrivere con

lorenzo pantieri & tommaso gordini L arte di scrivere con lorenzo pantieri & tommaso gordini L arte di scrivere con latex lorenzo pantieri & tommaso gordini L arte di scrivere con latex edizione 2012 Prefazione di Enrico Gregorio Gruppo Utilizzatori Italiani

Dettagli

Andrea Bonomi LO SPIRITO DELLA NARRAZIONE. Bompiani

Andrea Bonomi LO SPIRITO DELLA NARRAZIONE. Bompiani Andrea Bonomi LO SPIRITO DELLA NARRAZIONE Bompiani INDICE PREMESSA 1 1. A proposito di una citazione 1 2. Gli strumenti del mestiere 3 3. Una visione d insieme 5 4. Storie di libri 7 PARTE PRIMA: LE COSE

Dettagli

Luciano Mariani. Sapersi autovalutare: una competenza da costruire

Luciano Mariani. Sapersi autovalutare: una competenza da costruire Luciano Mariani Sapersi autovalutare: una competenza da costruire www.learningpaths.org Estratto da: Luciano Mariani, Stefania Madella, Rosa D'Emidio Bianchi, Istituto Comprensivo "Borsi" di Milano - Il

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEGLI ATTI AMMINISTRATIVI Regole e suggerimenti. Accademia della Crusca

GUIDA ALLA REDAZIONE DEGLI ATTI AMMINISTRATIVI Regole e suggerimenti. Accademia della Crusca Istituto di teoria e tecniche dell informazione giuridica del Cnr ACCADEMIA DELLA CRUSCA GUIDA ALLA REDAZIONE DEGLI ATTI AMMINISTRATIVI Regole e suggerimenti a cura del gruppo di lavoro promosso da Istituto

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

GUIDA alla stesura finale della TESI

GUIDA alla stesura finale della TESI GUIDA alla stesura finale della TESI qualche consiglio utile Ascoltando da più di trent anni le Vostre domande relative all impaginazione della tesi, abbiamo pensato che la nostra professionalità acquisita

Dettagli

Carmine Emanuele Cella APPUNTI PER LO STUDIO DELL ARMONIA

Carmine Emanuele Cella APPUNTI PER LO STUDIO DELL ARMONIA Carmine Emanuele Cella APPUNTI PER LO STUDIO DELL ARMONIA c Marzo 2011 0.1 Premessa Queste note sullo studio dell armonia nascono come strumento di supporto per i corsi di armonia (principale o complementare)

Dettagli

La finestra di Avvio di Excel

La finestra di Avvio di Excel Con Excel si possono fare molte cose, ma alla base di tutto c è il foglio di lavoro. Lavorare con Excel significa essenzialmente immettere numeri in un foglio di lavoro ed eseguire calcoli sui numeri immessi.

Dettagli

COME SI DOVREBBE SCRIVERE UNA TESI SPERIMENTALE & COME SI ORGANIZZA UN QUESTIONARIO EPIDEMIOLOGICO

COME SI DOVREBBE SCRIVERE UNA TESI SPERIMENTALE & COME SI ORGANIZZA UN QUESTIONARIO EPIDEMIOLOGICO COME SI DOVREBBE SCRIVERE UNA TESI SPERIMENTALE & COME SI ORGANIZZA UN QUESTIONARIO EPIDEMIOLOGICO Manuale pratico per gli studenti dell'ultimo anno del corso di laurea triennale in scienze infermieristiche

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

LINEE GUIDA PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Centro Polifunzionale di Gorizia CORSO DI LAUREA IN RELAZIONI PUBBLICHE LINEE GUIDA PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA NORME GENERALI

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD WORD SOMMARIO 1. Muoversi nel testo... 1 2. Taglia, copia e incolla... 2 3. Aprire, salvare e chiudere... 3 4. Trovare e sostituire... 4 5. Visualizzare in modi diversi... 6 6. Formattare e incolonnare...

Dettagli

A cura di Prof. Pietro Lucisano Responsabile Scientifico del Progetto SOUL Prof. Carlo Magni Coordinatore Comitato Scientifico Progetto SOUL

A cura di Prof. Pietro Lucisano Responsabile Scientifico del Progetto SOUL Prof. Carlo Magni Coordinatore Comitato Scientifico Progetto SOUL 2 3 Copyright 2010 Edizioni Nuova Cultura - Roma P.le Aldo Moro n. 5, 00185 Roma www.nuovacultura.it per ordini: ordini@nuovacultura.it ISBN: 9788861345133 Copertina: a cura dell Autore. Composizione grafica:

Dettagli

I Centri di Servizio per il Volontariato della Regione Lombardia I Centri di servizio per il volontariato nascono con l obiettivo di supportare,

I Centri di Servizio per il Volontariato della Regione Lombardia I Centri di servizio per il volontariato nascono con l obiettivo di supportare, I Centri di Servizio per il Volontariato della Regione Lombardia I Centri di servizio per il volontariato nascono con l obiettivo di supportare, sostenere e qualificare le organizzazioni di volontariato

Dettagli

Le unità di apprendimento e gli obiettivi formativi di Ermanno Puricelli

Le unità di apprendimento e gli obiettivi formativi di Ermanno Puricelli Le unità di apprendimento e gli obiettivi formativi di Ermanno Puricelli Questo articolo pubblicato come inserto sulla rivista SCUOLA E DIDATTICA del 15 ottobre 2003, viene pubblicato sul nostro sito per

Dettagli

Lo schema di Bernoulli (o delle prove indipendenti): un esempio di modello probabilistico applicabile a diversi contesti

Lo schema di Bernoulli (o delle prove indipendenti): un esempio di modello probabilistico applicabile a diversi contesti Lo schema di Bernoulli (o delle prove indipendenti): un esempio di modello probabilistico applicabile a diversi contesti Rita Giuliano (Pisa) 0. Introduzione. È ormai acquisizione comune il fatto che uno

Dettagli