Il livello Network del TCP/IP.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il livello Network del TCP/IP."

Transcript

1 Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4) L architettura TCP/IP (il cui nome più preciso è Internet Protocol Suite) è formata da diversi componenti, che si posizionano nello stack dei protocolli a partire dal livello 3 (network). I protocolli appartenenti a questa architettura sono specificati tramite standard denominati RFC (Request For Comments) disponibili in rete. Ad es. l RFC 791 specifica il protocollo IP. Il protocollo IP (Internet Protocol) è il protocollo principale del livello 3 dell architettura TCP/IP. Si tratta di un protocollo semplice, di tipo datagram ovvero senza connessione e non affidabile; non affidabile: il pacchetto inviato può essere perso, duplicato ritardato o consegnato fuori sequenza, ma il protocollo IP non informerà nè il trasmettitore nè il ricevitore. senza connessione: ogni pacchetto viene trattato in maniera indipendente dagli altri, pacchetti diversi aventi stesso mittente e stesso destinatario possono seguire percorsi diversi, alcuni possono essere consegnati ed altri no. Se le risorse della rete lo consentono il pacchetto viene portato a destinazione, in caso contrario 42 verrà scartato.

2 Il protocollo IP versione 6 Attualmente lo standard per il livello network dello stack TCP/IP è rappresentato dal protocollo IP versione 4, ma già dal 1995 è stata proposta una nuova versione del protocollo IP, nota col nome di IP versione 6 (RFC 1883: Internet Protocol, Version 6 (IPv6) Specification, December 1995 R. Hinden, S. Deering ). IP versione 4 versione soffre di almeno 3 problemi principali, che IPv6 vuole correggere: numero degli indirizzi IP disponibili ormai insufficiente: gli indirizzi IP sono composti da 4 byte (32 bit) e a causa del grande incremento del numero degli hosts nel mondo la disponibilità degli indirizzi è in forte calo. Il protocollo IPv6 prevede invece indirizzi formati da 16 byte (128 bit) e quindi rende disponibili un numero enorme di indirizzi. traffico gestito esclusivamente in modo best-effort: in IPv4 tutti i pacchetti sono trattati allo stesso modo dai router, anche se esiste nell header dei pacchetti IPv4 un campo priorità, che però non viene utilizzato. Con IPv6 si vuole definire delle classi di servizio a cui assegnare priorità diverse. Si vuole anche gestire la comunicazione con un meccanismo simile ad un protocollo con connessione, cioè implementando un flusso di dati. sicurezza: in IPv6 saranno rese standard e disponibili alcune primitive per l autenticazione e la cifratura dei dati. Nonostante queste prospettive, il protocollo IP versione 6 è ancora poco diffuso, e rimane ancora a livello di sperimentazione, forse perchè l adozione del nuovo protocollo costringerebbe a modificare fortemente gli apparati di rete esistenti, con un grande dispendio di denaro. Esistono a tuttoggi, in un oceano IPv4, solo delle isole in cui si parla IPv6. Nel seguito parleremo di IPv4, che rappresenta ancora lo standard più diffuso. 43

3 Funzioni del protocollo IPv4 Il protocollo IP svolge le seguenti funzioni: distingue ogni hosts, o meglio ogni scheda di rete mediante un identificatore, detto indirizzo IP. Un indirizzo IP di tipo single o unicast identifica un unico host, ma uno stesso host può avere più indirizzi IP unicast, tanti quante sono le schede di rete che possiede. Si parla allora di MultiHomed Systems. Ad es. i router hanno più indirizzi, perchè dovendo fungere da centri di smistamento dispongono di più schede di rete. Un host può comunque disporre di più schede di rete anche senza essere un router, cioè anche se non effettua un servizio di instradamento per pacchetti destinati ad altri hosts, ma dovrà prevedere una politica che definisca quale scheda di rete utilizzare per inviare i dati. riceve i dati (una sequenza di PDU) dal livello trasporto (4). incapsula ciascuna PDU ricevuta in pacchetti di dimensione massima 64 Kbyte (normalmente circa 1500 byte), aggiungendovi un proprio header (o intestazione). header del Datagram IP area dati del Datagram IP (PDU del livello trasporto) eventualmente frammenta i dati dei pacchetti all inizio o durante il trasporto, per inserirli nei frame di livello 2. instrada i pacchetti sulla rete, effettua la rilevazione, non la correzione, degli errori, alla destinazione, se necessario, riassembla i frammenti ricostruendo i pacchetti originali, estrae dai pacchetti i dati (PDU) del livello trasporto, consegna al livello trasporto i dati nell ordine in cui sono arrivati a destinazione, che può essere diverso dall ordine in cui sono partiti. 44

4 Un pacchetto IP è costituito da un header e da una parte dati, che rappresenta la porzione di dati del livello trasporto da trasferire. L header IP ha: una prima parte fissa di 20 bye, una seconda parte, opzionale, di lunghezza variabile, ma sempre multiplo di 4 byte ed è strutturato come segue. byte 0-3 byte 4-7 byte 8-11 byte byte byte... Il pacchetto IPv4: lo HEADER header del Datagram IP area dati del Datagram IP (PDU del livello trasporto) Version HLEN Type of service Total length Identification 32 bit Il campo Version (di 4 bit) indica la versione del protocollo IP che ha generato il pacchetto. Serve al ricevente per capire il formato del pacchetto che stà ricevendo. Se lo standard cambia, ad es. il passaggio da IPv4 (Version=4) ad IPv6 (version=6) il ricevente capisce da questo campo come deve trattare il pacchetto. Il campo HLEN (anch esso di 4 bit) indica la lunghezza dell Header IP misurata in word di 4 byte. Se HLEN vale 7 l header è lungo 4*7=28 byte. Tutti i campi dell header hanno lunghezza fissa, tranne il campo Options, di lunghezza variabile, ed il corrispondente campo PAD (Riempimento) che serve a 45 rendere l header lungo un multiplo di 4 byte. D F M F Fragment offset Time to live Protocol Header checksum Source IP address Destination IP address Options Pad (Riempimento)

5 HEADER IPv4 (2) Il campo Total Length (di 16 bit) indica la lunghezza totale del pacchetto IP, espressa in byte, e comprende sia l header che il campo dati. Quindi se Total Length = 50 il pacchetto IP è lungo 50 byte. Poichè il campo è lungo 16 bit la massima lunghezza possibile per un pacchetto IP è di =65535 byte. Il campo Type of Service (di 8 bit) rappresenta un indicazione ai router sulla qualità del trasporto che possibilmente il pacchetto IP dovrebbe sperimentare. Il router dovrebbe basarsi anche su queste indicazioni per decidere la precedenza dei pacchetti nelle sue code, e l instradamento. Ad es. se il pacchetto richiede un certo ritardo massimo, il router potrebbe decidere di instradarlo su un percorso attraverso una rete ATM a cui chiedere garanzie sul ritardo massimo piuttosto che attraverso una rete con servizio di tipo Best Effort che non può offrire garanzie Precedenza D T R Non Usati I primi 3 bit definiscono un campo Precedenza con valori da 0 a 7, al crescere del quale cresce l importanza del pacchetto IP. Il valore 0 indica precedenza normale, il valore 7 un pacchetto di controllo della rete, e quindi maggiore importanza. I bit 3 (D=Delay), 4 (T=Throughput) e 5 (R=Reliability) indicano il tipo di trasporto preferito: D settato (D=1) indica richiesta di basso ritardo, T settato chiede un elevato throughtput (ampia banda di trasmissione), R settato indica richiesta di massima affidabilità. I bit 6 e 7 non sono usati. Di solito però i router non tengono conto delle preferenze espresse mediante il campo Type of Service. Attualmente si studiano delle politiche (note come Differentiated Services) che cercano di realizzare routing e buffering basandosi sulla classificazione 46 delle applicazioni proprio in base a indicazioni di questo tipo.

6 La Frammentazione dei pacchetti IP L hardware di ogni tipo di rete impone un limite superiore alla dimensione del frame di livello 2, e quindi anche alla quantità di dati di livello 3 che possono essere trasportati in un unico frame a livello 2. La dimensione massima di dati di livello 3 che possono essere trasportati in un frame del Data Link viene chiamata Massima Unità di Trasferimento (MTU: Maximum Transfer Unit), ed è caratteristico di ogni tipologia di rete. Per Ethernet MTU=1500 bytes. Se la porzione dati di un datagram IP (più la dimensione dell header IP) è più piccola della MTU della rete sottostante, il datagram IP potrà essere inserito completamente in un frame di livello 2 e inviato a destinazione. Header Datagram IP Area Dati Datagram IP Header Frame Area Dati Frame Se invece la porzione dati del datagram IP ( più la dimensione dell header IP) è più grande della MTU della rete sottostante, la porzione dati dovrà essere spezzata in più pezzi che verranno incapsulati in datagram IP (detti frammenti) più piccoli della MTU, e ciascun frammento dovrà essere inserito in un frame diverso e verrà spedito separatamente dagli altri verso la destinazione finale, dove il protocollo IP provvederà a rimettere assieme i diversi frammenti e a ricostituire il datagram originale. Nell esempio un pacchetto IP con 3260 byte di dati frammentato per una MTU di 1500 byte. header datagram IP (20 byte) Dati 1 (1480 byte) Dati 2 (1480 byte) Dati 3 (300 byte) header frammento 1 (20 byte) header frammento 2 (20 byte) Dati 1 (1480 byte) Dati 2 (1480 byte) frammento 1 (offset 0) (MF=1) frammento 2 (offset 1480)( MF=1) header frammento 3 (20 byte) Dati 3 (300 byte) frammento 3 (offset 2960) (MF=0) 47

7 La Frammentazione dei pacchetti IP il problema della frammentazione si propone ogni volta che nel percorso seguito dai pacchetti IP, si deve attraversare una porzione di rete avente una MTU minore della porzione di rete precedentemente attraversata, sempre se la dimensione dei pacchetti IP è maggiore della MTU più piccola. Il router preleva allora la porzione dati del datagram IP e lo spezza in più porzioni, in modo che ciascuna (aggiungendovi l header) stia in un frame, e in modo che ogni frammento dei dati, tranne l ultimo, abbia dimensione multipla di 8 byte, perchè così è definito il campo offset dell header IP. L ultimo pezzo in genere sarà il più corto e verrà identificato come ultimo settandovi a zero il flag MoreFragment, ad indicare che è l ultimo frammento. Negli altri frammenti MF è settato a 1. Il protocollo IP usa tre campi dell header per controllare il meccanismo della frammentazione e permettere il riassemblaggio dei datagram frammentati. Questi campi sono Identification (16 bit), Fragment Offset (15 bit) e il flag More Fragment (MF). 32 bit Version HLEN Type of service Total length Identification Time to live Protocol Header checksum D F M F Source IP address Destination IP address Fragment offset Options Pad (Riempimento) 48

8 La Frammentazione dei pacchetti IP L header del datagram originale verrà copiato integralmente nei frammenti (con qualche modifica per il campo Options) e in più verrà cambiato il campo Fragment Offset che indica il punto dell area dati del datagram originale in cui comincia la porzione di dati trasportata nel frammento. Tale offset è pensato come un multiplo di 8 byte. Se l offset indica ad es. 185, il frammento porta la porzione di dati che inizia nella posizione 185*8=1480 byte. Tutti i frammenti sono caratterizzati dall avere lo stesso identificatore (il campo Identification) del datagram originale. Tale numero è assegnato univocamente dal trasmettitore (che mantiene un contatore dei datagram IP trasmessi), e la coppia (IP Provenienza, Identification) rende univocamente identificabile un certo datagram IP, e tutti i suoi frammenti. 49

9 Esempio di Frammentazione Un datagram di 3760 byte, inviato da S= a D= , tutti i tratti di rete hanno MTU di 1500 byte, tranne uno che ha MTU pari a 500 byte pacchetti invariati, tranne TTL decrementato UDP chsum x8=0 DATI: riassemblaggio dei frammenti D MTU chsum DATI: MTU chsum DATI: MTU MTU 1500 MTU 1500 MTU frammentazione del frammento UDP chsum DATI: UDP chsum DATI: x8= S x8= x8= frammentazione iniziale 49b

10 Il Riassemblaggio dei Frammenti Dopo la frammentazione, ogni frammento viaggia separatamente dagli altri fino alla destinazione finale. Solo alla fine del viaggio avrà luogo il riassemblaggio dei frammenti, nel tentativo di ricostruire il datagram Originale. Il ricevitore riconosce di avere ricevuto un frammento e non un datagram intero in due modi: il pacchetto IP ricevuto ha un offset uguale a zero, ma ha il flag More Fragment settato ad uno (è il primo frammento). il pacchetto IP ricevuto ha un offset diverso da zero (è un frammento successivo). Se il More Fragment è zero è l ultimo frammento. Il protocollo IP del ricevente identifica univocamente i frammenti di uno stesso datagram mediante la coppia (IP trasmettitore, Identification del datagram). Il ricevente non conosce la dimensione del datagram originale perchè ogni frammento mantiene nel campo Total Length la lunghezza del frammento stesso, e non quella del datagram originale. Solo quando riceverà il frammento con il flag More Fragment settato a zero (che indica l ultimo frammento del datagram originale), si potrà capire la dimensione totale del datagram originale sommando all offset dell ultimo frammento la lunghezza dei dati trasportati nell ultimo frammento. Se un solo frammento viene perso, è impossibile ricostruire il datagram IP originale. Per evitare di aspettare inutilmente un frammento perso, il ricevitore nel momento in cui riceve un primo frammento inizializza un timer. Se il timer scade prima che tutti i frammenti siano giunti a 50 destinazione il ricevitore butta via tutti i frammenti.

11 HEADER IPv4 (continua 3) Il campo Time To Live (TTL, tempo di vita, di 8 bit) indica in modo approssimato il tempo, in secondi, che un pacchetto IP può rimanere all interno di una rete prima di essere scartato. -Tale valore viene inizializzato a 255 dall host che spedisce il pacchetto IP. Ogni volta che un router processa quel pacchetto IP, decrementa di una unità questo contatore. Quando il contatore raggiunge il valore zero, il router scarta il pacchetto. -Per ovviare al problema della congestione della rete che causa lunghe attese in coda, quando il router riceve un pacchetto e lo mette in coda in attesa per spedirlo, salva il valore corrente dell orologio. -Quando il pacchetto deve essere spedito si calcola il tempo (in secondi) trascorso in coda e si decrementa di questo tempo il contatore TTL. -Grazie al contatore TTL, i pacchetti IP non possono viaggiare in eterno nella rete anche se per un errore i router li instradano in un percorso ciclico, e si evitano così congestioni nella rete. -Quando un pacchetto IP viene frammentato durante il percorso, tutti i suoi frammenti vengono incapsulati con il TTL residuo del pacchetto. Il campo Protocol (di 8 bit) indica di quale tipo è il dato trasportato nell area dati del pacchetto IP, ovvero indica qual è il protocollo di livello 4 (o 3) che ha generato i dati trasportati dal pacchetto IP. In tal modo il livello Network sa a quale protocollo dovrà consegnare i dati trasportati. Tra i protocolli che possono essere trasportati nell area dati ricordiamo: 0 ICMP Internet Control Message Protocol 4 IP IP in IP (incapsulamento, tunneling) 6 TCP Transmission Control Protocol 17 UDP User Datagram Protocol 29 ISO-TP4 ISO Transport Protocol Class AX.25 AX.25 frames

12 HEADER IPv4 (4) Il campo Header Checksum (di 16 bit) serve a verificare che lo header IP sia arrivato integro a destinazione. Viene codificato utilizzando i byte del solo header. Se durante il trasporto l header subisce delle modifiche, la checksum risulta diversa e il protocollo IP capisce che c è stato un errore. Notare che la checksum verifica l integrità del solo header, e non dei dati trasportati. Il vantaggio di avere una checksum separata per header e dati è che: i protocolli di livello superiore possono scegliere una loro codifica per il controllo degli errori, i router diminuiscono il tempo necessario a calcolare la checksum, perchè devono processare solo l header, che di solito è più piccolo dei dati trasportati. Di contro, lo svantaggio di avere a livello IP una checksum solo per l header IP impedisce al livello 3 di accorgersi di eventuali errori sui dati di livello 4, fino a che tali dati non sono giunti a destinazione finale, e solo allora il protocollo di livello 4 effettuerà il controllo sui dati con delle proprie checksum. Però il livello 2 potrebbe avere già riconosciuto un errore e scartato il frame. I campi Source IP address e Destination IP address contengono gli indirizzi IPv4 a 32 bit della provenienza originale e della destinazione finale del datagramma IP. Tali indirizzi quindi non cambiano mai durante tutto il percorso, comunque venga instradato il pacchetto, e comunque venga frammentato. Il campo Options, è di lunghezza variabile, e poichè l header IP deve avere lunghezza pari ad un multiplo di 4 byte, viene introdotto ove necessario un ultimo campo Padding di riempimento, 52 per arrivare alla giusta lunghezza.

13 HEADER IPv4 (5) Il campo Options non è necessario in tutti i datagram IP. Le opzioni sono utilizzate allo scopo di testare la funzionalità della rete sottostante. Evitiamo di addentrarci su come sono organizzati i sottocampi del campo Opzioni IP, e analizziamone soltanto le funzionalità previste. Essenzialmente le opzioni sono classificabili in 3 categorie: 1) Opzione di registrazione del percorso. Quando il trasmettitore setta l opzione di registrazione del percorso, indica il numero massimo di hop che vuole memorizzare e crea spazio sufficiente nel campo opzioni per memorizzare tali hop, 32 bit per ogni indirizzo IP da memorizzare. Quando il pacchetto IP viaggia per la rete, ogni router toccato dal datagram IP aggiunge il proprio indirizzo IP alla lista di registrazione del percorso, almeno fino a che tale lista non è piena, nel qual caso il router si limita ad inoltrare il messaggio. Quando il pacchetto IP giunge alla destinazione finale, il protocollo IP, se vuole, può estrarre la lista dei router toccati dal pacchetto. Questa opzione viene utilizzata ad es. per implementare l applicazione detta traceroute che visualizza i router toccati da un pacchetto. 2) Opzioni di Instradamento di Provenienza. Le opzioni di Instradamento di Provenienza, consentono al trasmettitore di imporre ad un pacchetto IP un certo percorso attraverso la rete, anche se i router normalmente sceglierebbero un percorso diverso. Ciò può essere utile per effettuare dei test sulla rete. Naturalmente per imporre l instradamento è necessario conoscere la topologia della rete. Esistono due modalità per l instradamento di provenienza. la prima, detta instradamento di provenienza severo specifica una sequenza di salti consecutivi, e causa errore se due router non sono consecutivi nella rete, cioè non stanno sulla stessa rete fisica o se il router non può seguire quel percorso. La seconda detta instradamento di provenienza permissivo specifica una sequenza di indirizzi IP, ma consente 53 di attraversare più reti tra due indirizzi consecutivi.

14 HEADER IPv4 (6) 3) Opzione di contrassegno temporale. E simile all opzione di registrazione del percorso, ma aggiunge all indirizzo IP di ogni router attraversato anche la data e l ora in cui il router gestisce il datagram IP, espresso secondo l ora del meridiano di Greenwich. Elaborazione delle Opzioni durante la frammentazione. Ciascuna Opzione IP, viene identificata mediante un byte nel campo Opzioni. Il primo bit (detto bit COPIA) di questo byte stabilisce, quando posto ad 1, che l opzione deve essere copiata in tutti gli eventuali frammenti del pacchetto IP. In caso contrario l opzione verrà copiata solo in uno dei frammenti. Questo diverso comportamento viene configurato in modo diverso per le diverse Opzioni IP. Per l opzione di registrazione del percorso, si vuole che l opzione sia copiata in uno solo dei frammenti, perchè essendo ogni frammento gestito separatamente, potrebbe seguire percorsi diversi verso la destinazione. Si avrebbero così più liste di registrazione del percorso potenzialmente diverse. Il flag COPIA viene perciò posto a zero, e l opzione copiata in uno solo dei frammenti. Al contrario, per l opzione di instradamento di provenienza si vuole che tutti i frammenti seguano lo stesso percorso, e quindi il flag COPIA viene posto ad uno. 54

15 INDIRIZZAMENTO IP Gli indirizzi IP, che devono essere univoci sulla rete, sono lunghi 32 bit (quattro byte) e sono tradizionalmente visualizzati scrivendo i valori decimali di ciascun byte separati dal carattere punto. Gli indirizzi IP comprendono due o tre parti. La prima parte indica l'indirizzo della rete (network), la seconda (se presente) quello della sottorete (subnet) e la terza quello dell'host. Si noti che non sono gli hosts ad avere un indirizzo IP, bensì le interfacce di rete. Quindi se un nodo ha tre interfacce, esso ha tre indirizzi IP. Poichè la maggior parte degli hosts ha una sola interfaccia di rete, parlando di indirizzo IP di un host si fa riferimento all indirizzo della sola interfaccia di rete presente. Gli indirizzi IP sono suddivisi in cinque classi, di cui le prime 3, denominate A, B e C, servono ad individuare singole interfacce di rete e differiscono per il numero di host che ciascuna rete può indirizzare, mentre le altre due classi D ed E sono utilizzate per servizi assai differenti. Ad es. le reti dell Università di Bologna ( *.*, *.* ) sono di classe B. - Classe A. Sono concepiti per poche reti di dimensioni molto grandi. Gli indirizzi di classe A sono riconoscibili in quanto il il bit più significativo del primo byte è posto a zero, e quindi il primo campo dell'indirizzo è compreso tra 0 e 127. I bit che indicano la rete sono 7 e quelli che indicano l'host 24. Quindi si possono avere al massimo 128 reti di classe A, ciascuna con una dimensione massima di circa 16 milioni di indirizzi. 55

16 INDIRIZZAMENTO IP (2) - Classe B. Sono pensati per un numero medio reti di dimensioni medio-grandi. Gli indirizzi di classe B si riconosconno perchè i 2 bit più significativi del primo byte sono posti a 10, quindi il primo campo dell'indirizzo è compreso tra 128 e 191. I bit che indicano la rete sono 14 e quelli che indicano l'host 16. Si possono avere circa reti di classe B, ciascuna con circa indirizzi. - Classe C. Sono concepiti per identificare molte reti di dimensioni piccole. Gli indirizzi di classe C hanno i primi 3 bit settati a 110 e quindi il primo campo dell'indirizzo è compreso tra 192 e 223. I bit che indicano la rete sono 21 e quelli che indicano l'host 8. Quindi si possono avere al massimo 2 milioni di reti di classe C, ciascuna con una dimensione massima di 256 indirizzi. -ClasseD. Sono indirizzi usati per applicazioni di multicast. Gli indirizzi di classe D si riconoscono perchè i primi 4 bit del primo byte sono settati a 1110, e quindi il primo campo dell'indirizzo è compreso tra 224 e ClasseE. Questi indirizzi sono riservati per usi futuri. Gli indirizzi di classe E hanno i 4 bit più significativi settati a 1111, e quindi il primo campo dell'indirizzo è compreso tra 240 e

17 INDIRIZZAMENTO IP (3) Esistono inoltre indirizzi IP con significato particolare, ad esempio per gli indirizzi di broadcast e per il loopback. questo host tutti 0 (suggerimento: provare su s.o. Linux il comando ping ) broadcast su questa network tutti 1 (non ammesso come indi_ rizzo di provenienza) (suggerimento: provare il comando ping ) l host specificato in questa rete (non ammesso come indi_ rizzo di destinazione) (serve solo all avviamento) tutti 0 host (suggerimento: provare il comando ping ) Broadcast per la rete specificata (non ammesso come indi_ rizzo di provenienza) rete tutti 1 loopback qualunque numero (suggerimento:staccare il cavo di rete e provare il comando ping ) Quando si utilizza il loopback, il pacchetto non viene inviato sulla rete ma viene passato ai moduli IP di ricezione, ed elaborato come se fosse in arrivo: ciò serve ad es. per effettuare localmente dei test su un software di rete in fase di sviluppo. 57

18 L ORDINE dei BYTE in RETE E necessario creare un insieme di protocolli di rete che non dipendano dall architettura del computer o della scheda di rete. Non tutte le architetture di calcolatori memorizzano i dati nello stesso modo. In particolare gli interi di 32 bit (le dimensioni dell indirizzo IP)sono memorizzati in due modi diversi: le macchine LittleEndian mantengono il byte meno significativo nell indirizzo di memoria più basso, le macchine BigEndian mantengono il byte più significativo nell indirizzo di memoria più basso. byte 3 byte 2 byte 1 byte 0 Per evitare confusione, ovvero per evitare che un indirizzo IP possa venire scritto in due modi diversi, i protocolli TCP/IP definiscono un ordine di byte standard della rete, che tutte le macchine devono usare per i campi dei protocolli IP, ovviamente non per la parte dati. In trasmissione, prima di scrivere ad es. un indirizzo IP nel campo destinazione del pacchetto IP, l host deve convertire il numero IP dalla sua propria rappresentazione alla rappresentazione standard per la rete. In ricezione, prima di valutare l indirizzo IP contenuto nel campo provenienza del pacchetto IP, deve convertire tale campo dal formato di rete standard nel formato interno della macchina. Internet stabilisce come ordine standard per gli interi a 32 bit, quello che prevede che i byte più significativi siano trasmessi per primi (stile Big Endian). Guardando viaggiare i dati da una macchina all altra, un intero a 32 bit comincia ad essere trasmesso dal byte più significativo, cioè col byte più significativo più vicino all inizio del pacchetto. Le librerie socket forniscono per le conversioni delle funzioni inizio che sono: ntohs,ntohl, htons,htonl. pacchetto Big Endian byte 3 byte 2 byte 1 byte 0 direzione di trasmissione fine pacchetto byte address 58

19 Approccio al ROUTING IP (1) Il routing IP, ovvero l instradamento di un pacchetto IP verso la destinazione specificata nell header del pacchetto IP viene effettuato secondo le seguenti modalità: Un certo host deve inviare un pacchetto IP verso una destinazione IP_D (oppure un router ha ricevuto un pacchetto e deve instradarlo verso la destinazione IP_D). l host controlla l indirizzo IP di destinazione per capire se l indirizzo IP_D appartiene alla sua stessa sottorete cioè se la destinazione è raggiungibile in modo diretto mediante il MAC address cioè sfruttando il solo livello 2, ovvero se per raggiungere la destinazione non è necessario attraversare router (livello 3) ma al massimo si attraversano dei bridge (vedi subnetting). Se la destinazione sta sulla stessa sottorete dell host, si usa la consegna diretta, cioè l host trova (col protocollo ARP) l indirizzo di livello 2 di destinazione (MAC_D), incapsula il pacchetto IP in un pacchetto di livello 2 con quell indirizzo MAC_D come destinazione, e lo invia in rete. La destinazione MAC_D a livello 2 vede passare il pacchetto, vede il proprio indirizzo MAC_D e carica il pacchetto passandolo al livello IP ed il gioco è fatto. Se invece la destinazione non sta sulla stessa sottorete si usa la consegna indiretta, cioè l host deve inviare il pacchetto IP al router di default, ovvero un router che l host conosce e che sta sulla stessa sottorete dell host. L host cerca (ancora con il protocollo ARP) l indirizzo di livello 2 del default router (MAC_R), incapsula il pacchetto IP in un pacchetto di livello 2 con quell indirizzo MAC_R come destinazione, e lo invia in rete. Il router vede passare il pacchetto con il proprio MAC address, lo carica, estrae il pacchetto IP, vede che l indirizzo IP_D non è 59 il suo e lo instrada con lo stesso meccanismo già visto.

20 Approccio al ROUTING IP (2) Consegna Diretta (via MAC address) Sorgente S e destinazione D appartengono alla stessa sottorete anche se in mezzo c e un bridge, perchè lavorando a livello 2 instrada i pacchetti mediante i MAC address, e non gli indirizzi IP S cagnina sangiovese D S cagnina BRIDGE sangiovese D bridge (quindi livello 2), invisibile al livello IP, instrada i pacchetti tramite il MAC address Consegna Indiretta (via IP address) Sorgente S e destinazione D non stanno sulla stessa sottorete in mezzo c e un router, che lavora a livello 3, necessario routing a livello IP S cagnina ROUTER D sarastro.cs.unibo.it MAC_S MAC_R3 MAC_R2 MAC_D 60

21 SUBNET IP (1) Un certo indirizzo di rete di classe A, B o C permette di mappare un certo numero di hosts, come appartenenti ad una stessa rete. Però una rete fisica, a seconda della sua topologia, della disposizione degli apparati di routing e bridging, e di criteri di opportunità vari, può essere intrinsecamente costituita da più parti, connesse in varia maniera, ciascuna delle quali costituisce una rete broadcast a livello 2. Si è cercato di indirizzare ciascuna di queste porzioni di rete in modo separato, senza essere costretti ad utilizzare per ciascuna di esse una diversa rete (non sono poi così tante le reti disponibili). Il meccanismo del subneting serve proprio a descrivere la situazione in cui alcuni host sono in grado di comunicare tra loro in modo diretto via livello 2, in modo da dar loro la possibilità di scambiarsi direttamente i pacchetti IP senza utilizzare un router, e si dice allora che gli host appartengono alla stessa sottorete. Il meccanismo consiste nel considerare la parte host del indirizzo IP di un host, come formato da due parti, la subnet e l host. A seconda dell ampiezza del campo dedicato alla subnet, si possono ottenere molte subnet contenenti ciascuna pochi host, o poche subnet contenenti molti hosts. L ampiezza dei campi subnet e host viene definita mediante un parametro, detto netmask, configurato uguale per tutti gli host della stessa subnet. La netmask contiene i bit ad uno in corrispondenza dei campi network e subnet dell indirizzo IP, e a zero in corrispondenza del campo host. Ad es. una netmask , più comunemente scritta come indirizzo IP (o in esadecimale ffffff00), indica che il campo host coincide con l ultimo byte dell indirizzo IP 61

22 SUBNET IP (2) Vediamo un esempio di indirizzo di una classe B, a cui viene applicata una netmask , in modo che la parte host viene partizionata in una parte subnet ed una host di 8 bit ciascuna. indirizzo di classe B netmask subnetting network Con il subnetting dell esempio qui sopra, a partire da uno stesso indirizzo di classe B, otteniamo 256 diverse sottoreti, ciascuna con 254 indirizzi disponibili per gli host (256 -broadcast(1) -questo(0)) Algoritmo di Riconoscimento di Appartenenza a stessa subnet. Dato un indirizzo IP di un host, e la netmask per la sua sottorete, dato un altro indirizzo IP (ad. es. di un host a cui il primo deve spedire un pacchetto) per capire se i due indirizzi appartengono alla stessa sottorete, ogni indirizzo viene messo in AND bit a bit con la netmask, ottenendo due valori che sono la parte network e subnet dei due indirizzi. Se questi due valori sono uguali, allora i due indirizzi IP stanno sulla stessa sottorete, altrimenti stanno su sottoreti diverse. Ad es., una rete (classe B) *.* con netmask , i due indirizzi e stanno sulla stessa sotorete, perchè dall AND bit a bit di indirizzi e netmask si 62 ottiene , quindi i due IP sono nella stessa subnet. host netmask network subnet host

23 Come abbiamo visto poco fa (slide 59) l importanza di capire se due host stanno sulla stessa sottorete risiede nel fatto che in IP il routing minimo (consegna diretta) è realizzabile solo se i due hosts stanno sulla stessa sottorete. Quindi, in tecnologia IP una subnet deve coincidere con una rete fisica (*), o meglio deve coincidere con l insieme degli host che possono comunicare tra loro via broadcast di livello2, e quindi può coincidere anche con un insieme di più reti fisiche connesse mediante bridges (livello 2) SUBNET IP (3) cagnina sangio vese Router timur Bridge sarastro (*) In realtà, il concetto di subnet è stato rilassato, e si permette che: una stessa rete fisica (una LAN) (o più reti fisiche interconnesse da bridge) possa contenere più subnet IP, qualora sia necessario partizionare una rete fisica in modo logico. Invece una subnet IP non può mai contenere più reti fisiche interconnesse da router, cioè una subnet IP non può mai attraversare dei router. (**) (**) Anche questa affermazione è messa in forse dall avvento di concetti quali le LAN virtuali, che però non è chiaro a quale livello debbano essere collocate. Quindi per ora ci teniamo il concetto di subnet IP come rete capace di comunicare per mezzo del broadcast di livello 2. 63

24 Informazioni per Routing in un Host Per come viene effettuato il routing in IP, le informazioni che un host deve conoscere per poter instradare correttamente i pacchetti che vuole spedire sono: il proprio indirizzo MAC, che legge nella sua scheda di rete, il proprio indirizzo IP, che può essere assegnato e salvato su file o gli può essere assegnato al boot (per i sistemi diskless, mediante il protocollo RARP a partire dal MAC address), l indirizzo IP di un router di default, a cui consegnare tutti i pacchetti IP per indirizzi che non stanno nella sua stessa sottorete, un criterio per sapere quali hosts stanno nella sua sottorete, in modo da poter decidere se spedire i pacchetti direttamente (previa richiesta ARP) o se instradarli via default router. Tale criterio è costituito dalla cosiddetta netmask, che l amministratore di rete assegna ad ogni host, la stessa per tutti gli hosts della sottorete. La sottorete a cui un host (un IP address) appartiene è costituita da quegli host che: 1) appartengono alla stessa rete IP, cioè hanno stesso indirizzo di rete (sia essa di classe A B o C), 2) appartengono alla stessa rete fisica (o a reti fisiche diverse ma separate solo da bridge, che inoltrano via MAC address) e quindi propagano i broadcast di livello 2, per permettere ad es. di comunicare tramite livello 2 direttamente e di effettuare la chiamata al protocollo ARP, 3) hanno avuto assegnata la stessa netmask, che individua l appartenenza ad una stessa sottorete, 4) hanno indirizzo IP e netmask tali che l AND bit a bit tra indirizzo IP e netmask da lo stesso risultato per tutti gli IP della sottorete (criterio di appartenenza ad una stessa sottorete). 64

25 Il Routing in Internet Protocol --- Ogni host deve mantenere le seguenti informazioni: il proprio indirizzo MAC, il proprio indirizzo IP, l indirizzo IP di un router di default nella stessa sottorete, la netmask della sua sottorete (riconoscere gli IP della sottorete). --- Un host per inviare un datagram IP, fa l AND bit a bit della netmask, una volta con l indirizzo di destinazione, ed una volta con il proprio indirizzo IP. Se i due risultati sono uguali l indirizzo di destinazione appartiene alla sua stessa sottorete, e l host usa l instradamento diretto, inviando il datagram in un frame di livello 2 avente, come indirizzo di livello 2, il MAC address della destinazione. In caso contrario l host invia il pacchetto IP (che ha nell header l indirizzo di destinazione IP) incapsulato in un frame destinato al router di default cioè avente MAC address del router sulla stessa rete, ed il salto successivo lo deciderà il router (Next Hop). Qualunque sia la destinazione a livello 2 (il router per il primo salto o l host destinazione in caso di consegna diretta) il MAC address verrà ottenuto con chiamata ARP o alla cache ARP. La destinazione a livello 2 vede transitare il proprio indirizzo MAC, carica il frame, toglie l incapsulamento e passa al livello IP. Nell host di destinazione, il livello IP riconosce nell indirizzo IP di destinazione del pacchetto IP il proprio indirizzo IP e consegna il pacchetto IP al protocollo superiore. Invece il router si accorge che il pacchetto IP non è per lui, e decide di instradarlo, consulta delle tabelle di instradamento (coppie (subnet, interface)) e se l IP destinazione del pacchetto sta nella sottorete di una interfaccia instrada in modo diretto, altrimenti 65 sceglie (tra i router a lui direttamente collegati) quale usare per instradare il pacchetto; il prossimo router sceglie il successivo hop.

26 Routing Gerarchico Il concetto di subnet introduce quindi un livello di gerarchia nelle reti TCP/IP. Il routing si scinde in: un routing all interno della subnet, un routing tra subnet diverse ma gestite da una stessa autorità, i cosiddetti autonomous systems (es. l Univ. di Bologna), un routing tra diversi autonomous systems. Il routing all interno della subnet è banale (* in teoria) perchè la subnet coincide con una rete fisica, che consente la consegna diretta tra le stazioni mediante una trasmissione broadcast. Serve solo mappare indirizzi IP in indirizzi MAC con ARP e RARP. (*) In realtà la faccenda può complicarsi se si vuole minimizzare lo scambio di pacchetti in reti fisiche costituite da più sottoreti fisiche collegate da bridge. Alcuni bridge intelligenti monitorano il traffico a livello 2, memorizzando gli indirizzi MAC contenuti nei campi provenienza dei pacchetti di livello 2 che li attraversano. In tal modo capiscono automaticamente in che direzione sono collocati gli hosts con quei MAC address, ed instradano i pacchetti MAC ad essi destinati solo in quella direzione. I pacchetti broadcast sono invece propagati a tutti. Il routing tra le subnet, cioè all interno di un autonomous system è gestito dai router (detti Interior Router), mediante tabelle di instradamento che possono essere scritte (in toto o in parte) manualmente dal gestore della rete o calcolate automaticamente con algoritmi dei cosiddetti tipi distance vector o link state packet. Tra i più recenti ricordiamo OSPF (Open Shortest Path First) che effettua il bilanciamento di carico tra percorsi paralleli ed e standard. Il routing tra autonomous systems risponde più ad esigenze amministrative che non tecniche, ed è gestito con algoritmi detti Exterior Gateway Protocol, quali BGP (Border Gat. Prot.). 66

27 Link Punto a Punto tra Router (1) Chiamiamo Interfaccia di un router, i simboli con cui il router indica una certa scheda di rete avente un certo indirizzo IP. In ambito IP, due host o router sono direttamente collegati se e solo se appartengono ad una stessa sottorete. Quindi un router che sia connesso direttamente mediante un canale punto a punto con un altro router, deve utilizzare per quel link una subnet, utilizzando perciò 4 indirizzi (router1 + router2 + broadcast (1) + questo host(0) ) e sprecando tutti gli altri indirizzi della subnet. Se le sottoreti sono delle intere reti di classe B, cioè la netmask è ogni sottorete ha hosts e ne spreca 65532, come esemplificato nel disegno qui sotto. rete *.* Router1 rete *.* rete *.* rete *.* Router rete *.* Un risparmio di indirizzi si ha invece se le sottoreti sono ottenute da una classe B usando netmask per cui ogni sottorete ha 256 hosts e ne spreca perciò 252 per ogni link punto punto. rete * Router1 rete * netmask rete * rete * Router rete * 67

28 Link Punto a Punto tra Router (2) IP UNNUMBERED Un ulteriore modo di risparmiare indirizzi di rete per link punto a punto tra router consiste nello sfruttare la tecnica detta IP UnNumbered, che non assegna un indirizzo IP ad una interfaccia di rete, ma solo un simbolo, e per l update delle informazioni di routing prende in prestito un indirizzo IP di un altra interfaccia NUMBERED (cioè con un indirizzo IP) sullo stesso router. Se tutte le interfacce del router sono unnumbered, si assegna all interfaccia di loopback del router un indirizzo, e si prende a prestito quella. 68

network subnet host Classe A poche reti di dimensioni molto grandi 127

network subnet host Classe A poche reti di dimensioni molto grandi 127 INDIRIZZAMENTO IP Gli indirizzi IP, che devono essere univoci sulla rete, sono lunghi 32 bit (quattro byte) e sono tradizionalmente visualizzati scrivendo i valori decimali di ciascun byte separati dal

Dettagli

Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4)

Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4) Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4) L architettura TCP/IP (il cui nome più preciso è ) è formata da diversi componenti, che si posizionano nello stack dei protocolli a partire

Dettagli

Protocolli di Comunicazione

Protocolli di Comunicazione Protocolli di Comunicazione La rete Internet si è sviluppata al di fuori dal modello ISO-OSI e presenta una struttura solo parzialmente aderente al modello OSI. L'architettura di rete Internet Protocol

Dettagli

IP Internet Protocol

IP Internet Protocol IP Internet Protocol Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 13 IP - 1/20 IP IP è un protocollo a datagrammi In spedizione: Riceve i dati dal livello trasporto e

Dettagli

Protocollo IP e collegati

Protocollo IP e collegati Protocollo IP e collegati Argomenti trattati: formato del pacchetto IP; servizi del protocollo IP; formato degli indirizzi; instradamento dei datagrammi; classi di indirizzi A, B, C, D; indirizzi speciali,

Dettagli

IP (Internet Protocol) sta al livello 2 della scala Tcp/Ip o al livello 3 della scala ISO/OSI. Un indirizzo IP identifica in modo logico (non fisico

IP (Internet Protocol) sta al livello 2 della scala Tcp/Ip o al livello 3 della scala ISO/OSI. Un indirizzo IP identifica in modo logico (non fisico IP e subnetting Ip IP (Internet Protocol) sta al livello 2 della scala Tcp/Ip o al livello 3 della scala ISO/OSI. Un indirizzo IP identifica in modo logico (non fisico come nel caso del MAC Address) una

Dettagli

Il modello TCP/IP. Sommario

Il modello TCP/IP. Sommario Il modello TCP/IP Il protocollo IP Mario Cannataro Sommario Introduzione al modello TCP/IP Richiami al modello ISO/OSI Struttura del modello TCP/IP Il protocollo IP Indirizzi IP Concetto di sottorete Struttura

Dettagli

IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP

IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 4-1 Il Protocollo IP IPv4 Datagram IP: formato Indirizzi IP: formato Protocolli di controllo IP mobile

Dettagli

Politecnico di Bari. Facoltà di Ingegneria Elettronica. Corso di Reti di Telecomunicazioni

Politecnico di Bari. Facoltà di Ingegneria Elettronica. Corso di Reti di Telecomunicazioni Politecnico di Bari Facoltà di Ingegneria Elettronica Corso di Reti di Telecomunicazioni Internet Protocol versione 4 Generalità sulle reti IP... 2 Lo header IP versione 4... 3 Concetti generali sugli

Dettagli

TCP/IP. Principali caratteristiche

TCP/IP. Principali caratteristiche TCP/IP Principali caratteristiche 1 TCP/IP Caratteristiche del modello TCP/IP Struttura generale della rete Internet IL MONDO INTERNET Reti nazionali e internazionali ROUTER Rete Azienade ROUTER ROUTER

Dettagli

Internet e protocollo TCP/IP

Internet e protocollo TCP/IP Internet e protocollo TCP/IP Internet Nata dalla fusione di reti di agenzie governative americane (ARPANET) e reti di università E una rete di reti, di scala planetaria, pubblica, a commutazione di pacchetto

Dettagli

Reti di Calcolatori. Il software

Reti di Calcolatori. Il software Reti di Calcolatori Il software Lo Stack Protocollare Application: supporta le applicazioni che usano la rete; Transport: trasferimento dati tra host; Network: instradamento (routing) di datagram dalla

Dettagli

Il protocollo IP (Internet Protocol)

Il protocollo IP (Internet Protocol) Politecnico di Milano Advanced Network Technologies Laboratory Il protocollo IP (Internet Protocol) -Servizi offerti da IP -Formato del pacchetto IP 1 Il servizio di comunicazione offerto da IP Connectionless

Dettagli

158.110.1.3 158.110.1.2 SWITCH. 100 Mb/s (UTP cat. 5E) 158.110.1.1 158.110.3.3 158.110.3.2. 10 Mb/s SWITCH. (UTP cat. 5E) 100 Mb/s. (UTP cat.

158.110.1.3 158.110.1.2 SWITCH. 100 Mb/s (UTP cat. 5E) 158.110.1.1 158.110.3.3 158.110.3.2. 10 Mb/s SWITCH. (UTP cat. 5E) 100 Mb/s. (UTP cat. Università degli Studi di Udine Insegnamento: Reti di Calcolatori I Docente: Pier Luca Montessoro DOMANDE DI RIEPILOGO SU: - Livello network 1. Si deve suddividere la rete 173.19.0.0 in 510 subnet. Qual

Dettagli

Gli indirizzi dell Internet Protocol. IP Address

Gli indirizzi dell Internet Protocol. IP Address Gli indirizzi dell Internet Protocol IP Address Il protocollo IP Prevalente è ormai diventato nell implementazione di reti di computer la tecnologia sintetizzata nei protocolli TCP- Ip IP è un protocollo

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Livello di Rete. Prof. Filippo Lanubile. Obiettivo

Livello di Rete. Prof. Filippo Lanubile. Obiettivo Livello di Rete Circuiti virtuali e datagram La funzione di instradamento Costruzione della tabella di routing Algoritmi di routing adattivi: distance vector routing e link-state routing Routing gerarchico

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori I Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Giorgio Ventre (giorgio.ventre@unina.it) Il livello rete in Internet Il protocollo

Dettagli

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing a.a. 2002/03 Livello di Trasporto UDP Descrive la comunicazione tra due dispositivi Fornisce un meccanismo per il trasferimento di dati tra sistemi terminali (end user) Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Internet Protocol Versione 4: aspetti generali

Internet Protocol Versione 4: aspetti generali Internet Protocol Versione 4: aspetti generali L architettura di base del protocollo IP versione 4 e una panoramica sulle regole fondamentali del mondo TCP/IP 1 Cenni storici Introduzione della tecnologia

Dettagli

10. Stratificazione dei protocolli

10. Stratificazione dei protocolli 10. Stratificazione dei protocolli 10.1. Introduzione Abbiamo visto la struttura dell'internet. Ora dobbiamo esaminare la struttura del restante software di comunicazione, che è organizzato secondo il

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come:

Dettagli

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema contenuto della comunicazione sistema per la gestione della comunicazione sottosistema C sottosistema B sottosistema A

Dettagli

Reti di calcolatori. Lezione del 10 giugno 2004

Reti di calcolatori. Lezione del 10 giugno 2004 Reti di calcolatori Lezione del 10 giugno 2004 Internetworking I livelli 1 fisico e 2 data link si occupano della connessione di due host direttamente connessi su di una rete omogenea Non è possibile estendere

Dettagli

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Reti standard Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Rete globale Internet è una rete globale di calcolatori Le connessioni fisiche (link) sono fatte in vari modi: Connessioni elettriche

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori a.a. 2009/10

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori a.a. 2009/10 Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori a.a. 2009/10 Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Antonio Pescapè (pescape@unina.it) ICMP ARP RARP DHCP - NAT ICMP (Internet

Dettagli

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Livello di Rete Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Queste slide sono un adattamento delle slide fornite dal libro di testo e pertanto protette da copyright. All material copyright 1996-2007 J.F Kurose

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori (a.a. 2010/11)

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori (a.a. 2010/11) Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori (a.a. 2010/11) Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Giorgio Ventre (giorgio.ventre@unina.it) Il protocollo IP Frammentazione

Dettagli

5. Traduzione degli indirizzi di rete in indirizzi fisici: ARP

5. Traduzione degli indirizzi di rete in indirizzi fisici: ARP 5. Traduzione degli indirizzi di rete in indirizzi fisici: ARP 5.1. Introduzione Due macchine si parlano solo se conoscono l'indirizzo fisico di sottorete Due applicazioni si parlano solo se conoscono

Dettagli

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 1 richiami SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 1 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni Mobile IP Mobile IP Internet Internet Protocol header IPv4 router host indirizzi IP, DNS URL indirizzo di rete

Reti di Telecomunicazioni Mobile IP Mobile IP Internet Internet Protocol header IPv4 router host indirizzi IP, DNS URL indirizzo di rete IP Analizziamo con sufficiente dettaglio il sistema denominato IP, usato per consentire a due computer mobili di spostarsi liberamente in altre reti pur mantenendo lo stesso indirizzo IP. In particolare,

Dettagli

Internet Control Message Protocol ICMP. Struttura di un Messaggio ICMP. Segnalazione degli Errori

Internet Control Message Protocol ICMP. Struttura di un Messaggio ICMP. Segnalazione degli Errori I semestre 03/04 Internet Control Message Protocol ICMP Comunica messaggi di errore o altre situazioni che richiedono intervento Errore di indirizzo o di istradamento Congestione in un router Richiesta

Dettagli

Svantaggi della Commutazione di Circuito. Commutazione di Pacchetto. Struttura di un Pacchetto

Svantaggi della Commutazione di Circuito. Commutazione di Pacchetto. Struttura di un Pacchetto Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre / Commutazione di Pacchetto Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Svantaggi della Commutazione

Dettagli

ASSEGNAZIONE INDIRIZZI IP

ASSEGNAZIONE INDIRIZZI IP Autore: Classe: Michele NASO QUINTA INFORMATICA (5IA) Anno scolastico: 2004/2005 Scuola: Itis Euganeo ASSEGNAZIONE INDIRIZZI IP Il documento vuole dare una metodologia per assegnare in modo corretto gli

Dettagli

Lo Stack TCP/IP: Le Basi

Lo Stack TCP/IP: Le Basi Lo Stack TCP/IP: Le Basi I livelli TCP/IP hanno questa relazione con i livelli di OSI. Lo stack di protocolli TCP/IP implementa un livello network (livello 3) di tipo: packet-switched; connectionless.

Dettagli

Introduzione al TCP/IP Indirizzi IP Subnet Mask Frame IP Meccanismi di comunicazione tra reti diverse Classi di indirizzi IP Indirizzi IP privati e

Introduzione al TCP/IP Indirizzi IP Subnet Mask Frame IP Meccanismi di comunicazione tra reti diverse Classi di indirizzi IP Indirizzi IP privati e TCP/IP Sommario Introduzione al TCP/IP Indirizzi IP Subnet Mask Frame IP Meccanismi di comunicazione tra reti diverse Classi di indirizzi IP Indirizzi IP privati e pubblici Introduzione al TCP/IP TCP/IP

Dettagli

IPv4 Internet Protocol Versione 4

IPv4 Internet Protocol Versione 4 IPv4 Internet Protocol Versione 4 Silvano GAI sgai[at]cisco.com Mario BALDI http://staff.polito.it/mario.baldi Fulvio RISSO fulvio.risso[at]polito.it IPv4-1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP

Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP L architettura TCP/IP: Nasce per richiesta del Dipartimento della Difesa degli USA che intendeva poter creare una rete in grado di funzionare in qualsiasi tipo di

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21 Giovedì 15-05-2014 1 Protocolli a turno

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address CAPITOLO 11. INDIRIZZI E DOMAIN NAME SYSTEM 76 Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31 A B C D E 0 net id host id 1 0 net id host id 1 1 0 net id host id 1 1 1 0 multicast address 1 1 1 1 0 riservato per usi

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 5

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 5 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 5 Giovedì 19-03-2015 1 Intensità del traffico e perdita dei pacchetti La componente

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Reti di Calcolatori 18-06-2013

Reti di Calcolatori 18-06-2013 1. Applicazioni di rete [3 pts] Si descrivano, relativamente al sistema DNS: Compito di Reti di Calcolatori 18-06-2013 a) i motivi per i quali viene usato; b) l architettura generale; c) le modalità di

Dettagli

Architetture di router IP

Architetture di router IP Torino, novembre 2004 Reti e sistemi telematici Architetture di router IP Gruppo Reti TLC giancarlo.pirani@telecomitalia.it http://www.telematica.polito.it/ GIANCARLO PIRANI TELECOM ITALIA LAB ROUTER IP

Dettagli

Reti di Calcolatori. Master "Bio Info" Reti e Basi di Dati Lezione 4

Reti di Calcolatori. Master Bio Info Reti e Basi di Dati Lezione 4 Reti di Calcolatori Sommario Software di rete Livello Trasporto (TCP) Livello Rete (IP, Routing, ICMP) Livello di Collegamento (Data-Link) Software di rete Livello Rete (IP, Routing, ICMP) Se i protocolli

Dettagli

Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4)

Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4) Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4) L architettura TCP/IP (il cui nome più preciso è ) è formata da diversi componenti, che si posizionano nello stack dei protocolli a partire

Dettagli

L architettura di TCP/IP

L architettura di TCP/IP L architettura di TCP/IP Mentre non esiste un accordo unanime su come descrivere il modello a strati di TCP/IP, è generalmente accettato il fatto che sia descritto da un numero di livelli inferiore ai

Dettagli

Reti. Reti. IPv4: concetti fondamentali. arp (address resolution protocol) Architettura a livelli (modello OSI)

Reti. Reti. IPv4: concetti fondamentali. arp (address resolution protocol) Architettura a livelli (modello OSI) Reti Architettura a livelli (modello OSI) Prevede sette livelli: applicazione, presentazione, sessione, trasporto, rete, collegamento dei dati (datalink), fisico. TCP/IP: si può analizzare in maniera analoga

Dettagli

Corso di Reti di Calcolatori

Corso di Reti di Calcolatori Corso di Reti di Calcolatori IP switch uplink FDDI backbone global server porta Fddi Prof. Orazio Mirabella HUB SWITCH Ethernet SWITCH Ethernet Eth. 10Base-T SWITCH Ethernet TCP/IP Cenni Storici Internet

Dettagli

Il Routing Gli scenari possibili sono due 1. rimessa diretta rimessa indiretta

Il Routing Gli scenari possibili sono due 1. rimessa diretta rimessa indiretta Il Routing In un sistema packets switching quale il TCP/IP, il routing rappresenta il processo di scelta del percorso su cui inoltrare i pacchetti ed il router è un computer che effettua tale instradamento.

Dettagli

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Classe V sez. E ITC Pacioli Catanzaro lido 1 Stack TCP/IP Modello TCP/IP e modello OSI Il livello internet corrisponde al livello rete del modello OSI, il suo

Dettagli

ARP e instradamento IP

ARP e instradamento IP ARP e instradamento IP A.A. 2003/2004 Walter Cerroni Relazione Indirizzi Fisici Indirizzi IP Software di basso livello nasconde gli indirizzi fisici e consente ai livelli superiori di lavorare solo con

Dettagli

TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI

TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI Confronto tra ISO-OSI e TCP/IP, con approfondimento di quest ultimo e del livello di trasporto in cui agiscono i SOCKET. TCP/IP

Dettagli

Informazioni Generali (1/2)

Informazioni Generali (1/2) Prima Esercitazione Informazioni Generali (1/2) Ricevimento su appuntamento (tramite e-mail). E-mail d.deguglielmo@iet.unipi.it specificare come oggetto Reti Informatiche 2 Informazioni Generali (2/2)

Dettagli

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30 Protocolli di rete Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 1/30 Strati di protocolli (Protocol Layers) Le reti sono complesse Molti elementi: host

Dettagli

Determinare la grandezza della sottorete

Determinare la grandezza della sottorete Determinare la grandezza della sottorete Ogni rete IP possiede due indirizzi non assegnabili direttamente agli host l indirizzo della rete a cui appartiene e l'indirizzo di broadcast. Quando si creano

Dettagli

Problemi legati alla sicurezza e soluzioni

Problemi legati alla sicurezza e soluzioni Corso DOMOTICA ED EDIFICI INTELLIGENTI UNIVERSITA DI URBINO Docente: Ing. Luca Romanelli Mail: romanelli@baxsrl.com Accesso remoto ad impianti domotici Problemi legati alla sicurezza e soluzioni Domotica

Dettagli

Dal protocollo IP ai livelli superiori

Dal protocollo IP ai livelli superiori Dal protocollo IP ai livelli superiori Prof. Enrico Terrone A. S: 2008/09 Protocollo IP Abbiamo visto che il protocollo IP opera al livello di rete definendo indirizzi a 32 bit detti indirizzi IP che permettono

Dettagli

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 2 SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 2 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

La nascita di Internet

La nascita di Internet La nascita di Nel 1969 la DARPA (Defence Advanced Research Project Agency) studia e realizza la prima rete per la comunicazione tra computer (ARPAnet) fra 3 università americane ed 1 istituto di ricerca.

Dettagli

I protocolli di routing dell architettura TCP/IP

I protocolli di routing dell architettura TCP/IP I protocolli di routing dell architettura TCP/IP Silvano GAI sgai@cisco.com Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi@polito.it staff.polito.it/mario.baldi routing-ip - 1 Copyright: si veda nota a

Dettagli

ICMP OSI. Internet Protocol Suite. Telnet FTP SMTP SNMP TCP e UDP NFS. Application XDR. Presentation. Session RPC. Transport.

ICMP OSI. Internet Protocol Suite. Telnet FTP SMTP SNMP TCP e UDP NFS. Application XDR. Presentation. Session RPC. Transport. ICMP Application Presentation Session Transport Telnet FTP SMTP SNMP TCP e UDP NFS XDR RPC Network Data Link Physical OSI ICMP ARP e RARP IP Non Specificati Protocolli di routing Internet Protocol Suite

Dettagli

Comunicazione tra Computer. Protocolli. Astrazione di Sottosistema di Comunicazione. Modello di un Sottosistema di Comunicazione

Comunicazione tra Computer. Protocolli. Astrazione di Sottosistema di Comunicazione. Modello di un Sottosistema di Comunicazione I semestre 04/05 Comunicazione tra Computer Protocolli Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica 1

Dettagli

Protocollo ICMP, comandi ping e traceroute

Protocollo ICMP, comandi ping e traceroute Protocollo ICMP, comandi ping e traceroute Internet Control Message Protocol Internet Control Message Protocol (ICMP): usato dagli host, router e gateway per comunicare informazioni riguardanti il livello

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

Capitolo 4: Gli indirizzi dell Internet Protocol (IP address)

Capitolo 4: Gli indirizzi dell Internet Protocol (IP address) Capitolo 4: Gli indirizzi dell Internet Protocol (IP address) 4.1 Fondamenti sugli indirizzi dell Internet Protocol Gli indirizzi IP identificano in modo univoco ciascun host su una internet TCP/IP. Un

Dettagli

Internetworking TCP/IP: esercizi

Internetworking TCP/IP: esercizi Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Fondamenti di Reti di Telecomunicazione prof. A. Capone Internetworking TCP/IP: esercizi 1 Esercizio 7.1 Si consideri la rete in figura dove

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 8

Reti di Telecomunicazione Lezione 8 Reti di Telecomunicazione Lezione 8 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Livello di trasporto Programma della lezione relazione tra lo strato di trasporto e lo strato

Dettagli

Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE

Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 3-1 Il Livello RETE Servizi del livello Rete Organizzazione interna Livello Rete basato su Circuito Virtuale Livello Rete basato

Dettagli

Livello Trasporto Protocolli TCP e UDP

Livello Trasporto Protocolli TCP e UDP Livello Trasporto Protocolli TCP e UDP Davide Quaglia Reti di Calcolatori - Liv Trasporto TCP/UDP 1 Motivazioni Su un host vengono eseguiti diversi processi che usano la rete Problemi Distinguere le coppie

Dettagli

Esercizi Reti di TLC A Parte II. Indirizzamento IP. Esercizio 9.1. Esercizio 9.2. Luca Veltri

Esercizi Reti di TLC A Parte II. Indirizzamento IP. Esercizio 9.1. Esercizio 9.2. Luca Veltri Esercizi Reti di TLC A Parte II Indirizzamento IP Luca Veltri (mail.to: luca.veltri veltri@unipr.it) Corso di Reti di Telecomunicazione,, a.a. 2011/2012 http://www.tlc tlc.unipr.it/.it/veltri Esercizio

Dettagli

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it)

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) In una rete TCP/IP, se un computer (A) deve inoltrare una richiesta ad un altro computer (B) attraverso la rete locale, lo dovrà

Dettagli

Internet, così come ogni altra rete di calcolatori possiamo vederla suddivisa nei seguenti componenti:

Internet, così come ogni altra rete di calcolatori possiamo vederla suddivisa nei seguenti componenti: Pagina 1 di 8 Struttura di Internet ed il livello rete Indice Struttura delle reti Estremità della rete Il nucleo della rete Reti a commutazione di pacchetto e reti a commutazione di circuito Funzionalità

Dettagli

Interconnessione di reti

Interconnessione di reti Interconnessione di reti Collegamenti tra reti eterogenee Instradamento (routing) e inoltro (forwarding) IPv4 - indirizzi IP e MAC - sottoreti IPv6 - evoluzione di Internet DNS - Domain Name System Conclusioni

Dettagli

8. IP: Instradamento dei datagrammi

8. IP: Instradamento dei datagrammi 8. IP: Instradamento dei datagrammi 8.1. Introduzione L'instradamento è la terza funzione fondamentale di un servizio di comunicazione di livello rete 8.2. L'instradamento in una internet Instradamento

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 16

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 16 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 16 Giovedì 24-04-2014 1 Traduzione degli

Dettagli

ARP/RARP. Problema della Risoluzione dell Indirizzo. Corrispondenza statica e dinamica. Scenari

ARP/RARP. Problema della Risoluzione dell Indirizzo. Corrispondenza statica e dinamica. Scenari ARP/RARP Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Problema della Risoluzione dell

Dettagli

Architetture di router IP

Architetture di router IP Torino, settembre 2003 Reti e sistemi telematici - 2 Architetture di router IP Gruppo Reti TLC giancarlo.pirani@telecomitalia.it http://www.telematica.polito.it/ GIANCARLO PIRANI TELECOM ITALIA LAB ROUTER

Dettagli

4. Indirizzi Internet

4. Indirizzi Internet 4.1. Introduzione 4. Indirizzi Internet L'indirizzamento è una funzionalità essenziale di qualunque sistema di comunicazione, tanto più per un sistema che vuole essere universale, cioè in rado di connettere

Dettagli

4 - Il livello di trasporto

4 - Il livello di trasporto Università di Bergamo Dipartimento di Ingegneria Gestionale e dell Informazione 4 - Il livello di trasporto Architetture e Protocolli per Internet Servizio di trasporto il livello di trasporto ha il compito

Dettagli

DA SA Type Data (IP, ARP, etc.) Padding FCS 6 6 2 0-1500 0-46 4

DA SA Type Data (IP, ARP, etc.) Padding FCS 6 6 2 0-1500 0-46 4 Esercizio Data la rete in figura, si assuma che i terminali T1-T12 e T13-T24 siano connessi tramite collegamenti di tipo UTP a due switch Fast Ethernet. Si assuma che le tabelle ARP di tutti i dispositivi

Dettagli

Laurea in INFORMATICA

Laurea in INFORMATICA Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2013/2014 Capitolo 4 Indirizzi del Protocollo IP fausto.marcantoni@unicam.it Agenda Indirizzamento, gerarchia, classificazione degli indirizzi

Dettagli

Transmission Control Protocol

Transmission Control Protocol Transmission Control Protocol Franco Callegati Franco Callegati IC3N 2000 N. 1 Transmission Control Protocol - RFC 793 Protocollo di tipo connection-oriented Ha lo scopo di realizzare una comunicazione

Dettagli

Forme di indirizzamento

Forme di indirizzamento Anno Accademico 2013-2014 CdS in INFORMATICA e COMUNICAZIONE DIGITALE Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale Modulo 3 - TCP/IP: Lo strato di rete (parte II) Prof. Sebastiano Pizzutilo

Dettagli

Standard: OSi vs TCP/IP. Il livello di trasporto. TCP e UDP. TCP: Transmission Control Protocol. TCP: funzionalità

Standard: OSi vs TCP/IP. Il livello di trasporto. TCP e UDP. TCP: Transmission Control Protocol. TCP: funzionalità Standard: OSi vs TCP/IP Application Presentation Session NFS XDR RPC Telnet, FTP SMTP, HTTP SNMP, DNS RTP,... Protocolli per la comunicazione tra applicativi: le raisons d etre della rete Transport TCP

Dettagli

Gestione degli indirizzi

Gestione degli indirizzi Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Gestione degli indirizzi -Address Resolution Protocol (ARP) -Reverse Address Resolution Protocol (RARP) -Dynamic Host Configuration Protocol

Dettagli

ESERCIZIO NUMERO 1 ESERCIZIO NUM. 2

ESERCIZIO NUMERO 1 ESERCIZIO NUM. 2 ESERCIZIO NUMERO 1 Alcuni errori di segnale possono provocare la sostituzione di interi gruppi di bit di un pacchetto mediante una sequenza di valori 0 oppure una sequenza di valori 1. Supponete che vengano

Dettagli

Laurea in INFORMATICA

Laurea in INFORMATICA Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 24/25 Capitolo MESSAGGI di ERRORE e di CONTROLLO alberto.polzonetti@unicam.it Internet Control Message Protocol Il protocollo è un servizio best

Dettagli

Reti, Protocolli e Indirizzi. DIMENSIONE della RETE. Arpanet e Internetworking. Topologia a Stella

Reti, Protocolli e Indirizzi. DIMENSIONE della RETE. Arpanet e Internetworking. Topologia a Stella Premessa breve Reti, Protocolli e Indirizzi Lo sviluppo delle telecomunicazioni ha avuto due fattori determinanti : L esistenza di una rete esistente (quella telefonica) La disponibilita di HW e SW adeguati

Dettagli

Tempo svolgimento della prova: 2ore

Tempo svolgimento della prova: 2ore sempio della prova scritta di Internet Per chi non ha superato la prova N Sull indirizzamento IP vedere anche il file sercizi Indirizzamento IP Uso degli appunti NON consentito Tempo svolgimento della

Dettagli

Livello Trasporto. Liv. Applic. Liv. Transport. Transport Entity. Liv. Network. Trasporto

Livello Trasporto. Liv. Applic. Liv. Transport. Transport Entity. Liv. Network. Trasporto Livello Trasporto Fornire un trasporto affidabile ed efficace dall'host di origine a quello di destinazione, indipendentemente dalla rete utilizzata Gestisce una conversazione diretta fra sorgente e destinazione

Dettagli

TCP/IP un introduzione

TCP/IP un introduzione TCP/IP un introduzione Introduzione Il successo di Internet (rate di crescita annuo > 200 %) e dovuto all uso di protocolli standard aperti (IETF) TCP/IP (Transmission Control Protocol/Internet Protocol)

Dettagli

Concetti fondamentali. Indirizzamento. Multicast su LAN. Multicast su Internet. RTP/RTCP su multicast IP. Ostacoli all'utilizzo del multicast

Concetti fondamentali. Indirizzamento. Multicast su LAN. Multicast su Internet. RTP/RTCP su multicast IP. Ostacoli all'utilizzo del multicast Migliore uso della banda alla sorgente Unicast Multicast 4 Concetti fondamentali Indirizzamento Unicast Multicast su LAN Multicast su Internet Host Migliore uso della banda alla sorgente Router Protocolli

Dettagli

Il firewall Packet filtering statico in architetture avanzate

Il firewall Packet filtering statico in architetture avanzate protezione delle reti Il firewall Packet filtering statico in architetture avanzate FABIO GARZIA DOCENTE ESPERTO DI SECURITY UN FIREWALL PERIMETRALE È IL PUNTO CENTRALE DI DIFESA NEL PERIMETRO DI UNA RETE

Dettagli

TEST DI RETI DI CALCOLATORI I (9400N) anno 1999/2000

TEST DI RETI DI CALCOLATORI I (9400N) anno 1999/2000 TEST DI RETI DI CALCOLATORI I (9400N) anno 1999/2000 1) Quanti sono i livelli del modello ISO/OSI: A. 3 B. 7 C. 6 D. non è definito un numero massimo non è definito un numero massimo 2) Due entità ad un

Dettagli

PROF. Filippo CAPUANI TCP/IP

PROF. Filippo CAPUANI TCP/IP PROF. Filippo CAPUANI TCP/IP Sommario Introduzione al TCP/IP Indirizzi IP Subnet Mask Frame IP Meccanismi di comunicazione tra reti diverse Classi di indirizzi IP Indirizzi IP privati e pubblici Introduzione

Dettagli

Linux User Group Cremona CORSO RETI

Linux User Group Cremona CORSO RETI Linux User Group Cremona CORSO RETI Cos'è una rete informatica Una rete di calcolatori, in informatica e telecomunicazioni, è un sistema o un particolare tipo di rete di telecomunicazioni che permette

Dettagli