LA NUOVA DISCIPLINA DELLE INDAGINI FINANZIARIE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA NUOVA DISCIPLINA DELLE INDAGINI FINANZIARIE"

Transcript

1 Seminario di formazione LE INDAGINI FINANZIARIE Milano, 1 luglio 2008 LA NUOVA DISCIPLINA DELLE INDAGINI FINANZIARIE Intervento di dott. VINCENZO ERRICO Dirigente Ufficio Ricerca dati e notizie Direzione Centrale Accertamento Agenzia delle Entrate

2 2 LA NUOVA DISCIPLINA DELLE INDAGINI FINANZIARIE Sommario: 1. Premessa. 2. Il cosiddetto segreto bancario. 3. L Anagrafe dei rapporti di conto e di deposito. 4. Le modifiche agli articoli 32, primo comma, numero 7), del DPR n. 600/1973 e all articolo 51, secondo comma, numero 7), del DPR n. 633/ Gli adempimenti degli operatori finanziari in relazione alla raccolta del codice fiscale. 6. Le modifiche introdotte dal decreto legge n. 203/2005: 6.1 La rilevazione del codice fiscale; I periodi pregressi per le operazioni extra conto. 7. L archivio dei rapporti finanziari. 1. Premessa Le modifiche apportate dai commi 402 e 403 della legge n. 311/2004 all'articolo 32 del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600, e successive modificazioni, e all'articolo 51 del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, e successive modificazioni, hanno rafforzato i poteri di controllo in materia di indagini bancarie ampliando l accesso alle informazioni sia dal punto di vista soggettivo, includendo qualsiasi operatore creditizio o finanziario nell elenco dei soggetti cui poter rivolgere le richieste, sia dal punto di vista oggettivo, potendo l organo procedente richiedere informazioni relative ad ogni tipologia di rapporto, operazione (intesa in senso omnicomprensivo) anche isolata o servizio, indipendentemente da qualsivoglia collegamento funzionale, anche solamente connesso, ad un conto, che nella nuova accezione assume la connotazione di uno dei possibili rapporti intrattenuti fra intermediario finanziario e cliente. La modifiche in parola sono state così innovative da rendere obsoleto lo stesso termine di indagini bancarie che, dalla data di entrata in vigore delle norme novellate, devono più correttamente definirsi indagini finanziarie. L attuale formulazione delle norme in materia di accertamento, così come definite dai citati commi 402 e 403, rappresentano la naturale evoluzione storica della progressiva eliminazione del cosiddetto segreto bancario. Per evidenziare appieno l impatto delle novità introdotte giova schematizzare l evoluzione nel corso del tempo della disciplina in materia di indagini finanziarie.

3 3 2. Il cosiddetto segreto bancario Con la legge delega al Governo per l attuazione della riforma tributaria era stato disposto che, nei decreti delegati da emanarsi in materia di accertamento, doveva essere prevista l introduzione, limitata ad ipotesi di particolari gravità, di deroghe al segreto bancario, tassativamente determinate nel contenuto e nei presupposti. Di conseguenza gli uffici dell Amministrazione finanziaria e la Guardia di Finanza potevano accedere alle informazioni bancarie solo al verificarsi di specifiche condizioni e nel rispetto di un apposita procedura. In particolare: in relazione all oggetto delle richieste, gli uffici potevano acquisire la copia dei conti intrattenuti con il cliente, con la specificazione di tutti i rapporti inerenti o connessi a tali conti, comprese le garanzie prestate da terzi; in relazione alle condizioni, tale potere era consentito soltanto nel caso in cui l ufficio fosse in possesso di elementi certi indicativi di gravi irregolarità nell adempimento degli obblighi tributari (ad esempio omessa presentazione della dichiarazione dei redditi in presenza di ricavi superiori a 100 milioni di lire, ecc.); in relazione al profilo procedurale, il potere era attivabile a condizione che fosse stato preventivamente acquisito il parere conforme dell Ispettorato compartimentale delle imposte dirette o indirette, nonché la successiva autorizzazione del Presidente della Commissione tributaria di primo grado territorialmente competente. Gli uffici avevano, inoltre, la facoltà di approfondire le indagini mediante la produzione e l invio di questionari alle banche, recanti la richiesta di ulteriori dati e notizie aggiuntivi a quelli già acquisiti mediante la copia dei conti. Naturalmente restava impregiudicata la facoltà di accesso di propri funzionari presso le banche per l acquisizione diretta delle suddette informazioni. I limiti e le condizioni, posti con la normativa in parola, hanno notevolmente limitato in quegli anni l attività istruttoria di acquisizione delle informazioni di natura bancaria da parte degli uffici dell Amministrazione

4 4 finanziaria e della Guardia di Finanza. Solo con l introduzione della legge 30 dicembre 1991, n. 413, in particolare con l art. 18 1, è stato ampliato notevolmente il potere di indagine degli uffici finanziari eliminando alcuni vincoli e semplificando l attività istruttoria, introducendo contestualmente maggiori garanzie per il contribuente. Le novità possono essere così sintetizzate: il potere di richiedere la copia dei conti non era più subordinato al preventivo accertamento di gravi irregolarità, lasciando maggiore discrezionalità agli uffici, che possono agire comunque solo sulla base di specifici elementi investigativi; l autorizzazione all espletamento delle indagini veniva rilasciata dall organo sovraordinato (Ispettore compartimentale, ecc.); l operatore finanziario doveva dare immediata notizia al contribuente, sottoposto a indagine, della richiesta effettuata dall organo procedente. Rimanevano immodificati, invece, l oggetto delle richieste (copia dei conti) e il potere di richiedere ulteriori dati e notizie tramite l invio di questionari. A conferma del nuovo orientamento in materia impresso dalla 1 Si riporta il testo dell art. 18 nella parte in cui è intervenuto sui rispettivi n. 7 citati dell art. 32 del DPR n. 600/73 e dell art. 51 del DPR n. 633/72: c)nel primo comma dell'articolo 32, i numeri 7) e 8) sono sostituiti dai seguenti: 7)richiedere, previa autorizzazione dell'ispettore compartimentale delle imposte dirette ovvero, per la Guardia di finanza, del comandante di zona, alle aziende e istituti di credito per quanto riguarda i rapporti con i clienti e all'amministrazione postale per quanto attiene ai dati relativi ai servizi dei conti correnti postali, ai libretti di deposito ed ai buoni postali fruttiferi, copia dei conti intrattenuti con il contribuente con la specificazione di tutti i rapporti inerenti o connessi a tali conti, comprese le garanzie prestate da terzi; ulteriori dati, notizie e documenti di carattere specifico relativi agli stessi conti possono essere richiesti con l'invio alle aziende e istituti di credito e all'amministrazione postale di questionari redatti su modello conforme a quello approvato con decreto del Ministro delle finanze, di concerto con il Ministro del tesoro. La richiesta deve essere indirizzata al responsabile della sede o dell'ufficio destinatario che ne da' notizia immediata al soggetto interessato; la relativa risposta deve essere inviata al titolare dell'ufficio procedente;

5 5 legge n. 413/91, la Corte Costituzionale, con la sentenza n. 51 del , aveva negato l esistenza di un principio riassumibile nel cosiddetto segreto bancario, di fronte al quale gli interessi pubblici, volti all accertamento di illeciti tributari, sarebbero da configurarsi come deroghe eccezionali, ed aveva affermato invece che, in via di principio, nessun documento o dato, relativo ad un cliente di un operatore finanziario, doveva essere sottratto ai poteri di accertamento degli uffici finanziari e della Guardia di Finanza. Inoltre, a seguito di tale orientamento, i rapporti fra Amministrazione finanziaria e contribuenti si attestavano su un equo contemperamento tra l interesse privato alla riservatezza, derivante dal predetto segreto bancario, e quello pubblico al conseguimento del gettito erariale e alla repressione dell evasione. Tuttavia, nonostante il cambiamento di prospettiva e l eliminazione di alcuni vincoli e limiti all attività di indagine degli organi procedenti, lo strumento delle indagini bancarie risultò negli anni ancora scarsamente utilizzato, rispetto alle sue potenzialità. Alcuni ostacoli non rimossi frenavano l attività degli uffici. Fra questi possono essere individuabili i seguenti: lunghezza eccessiva dei tempi minimi necessari per le risposte (60 giorni più un eventuale proroga di altri 30 giorni); impossibilità materiale di poter individuare preliminarmente quali erano gli operatori finanziari con cui il soggetto intratteneva rapporti per poter inoltrare richieste mirate; per converso impossibilità materiale di poter comunicare in modalità cartacea con tutti gli operatori finanziari (circa un migliaio di operatori finanziari per le sole banche); esclusione dall elencazione della norma di diverse categorie di operatori finanziari, potenziali oggetto di richieste; esclusione delle cosiddette operazioni extra conto. In particolare, sulla l individuazione di tutte le categorie degli operatori finanziari e di quelli interessati alle richieste, pesava la mancata attuazione della cosiddetta anagrafe dei rapporti di conto e di deposito.

6 6 Il varo di tale anagrafe avrebbe rappresentato un efficace strumento di indagine per gli uffici finanziari. 3. L Anagrafe dei rapporti di conto e di deposito Il nostro ordinamento, per assecondare le avvertite esigenze di economicità, di efficienza e di speditezza dell azione accertatrice e con l intento di individuare a monte i conti dei soggetti sottoposti a controllo, aveva previsto all art. 20, comma 4, della legge n. 413 del , l istituzione di una Anagrafe, nella quale censire tutti i conti e i depositi esistenti, non solo presso banche e poste, e dalla quale attingere i dati identificativi di ogni soggetto che intratteneva tali rapporti o che degli stessi poteva disporre. Il nuovo assetto, regolamentato successivamente con il decreto interministeriale 4 agosto 2000, n. 269, e basato su un sistema informativo gestito dalla società interbancaria per l automazione (SIA) 3, comportava un 2 Recita il testo: 4. Con decreto del ministro del tesoro, di concerto con i ministri dell'interno e delle finanze, da emanare entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, sono stabilite, con il massimo di elementi di riservatezza, la destinazione e le modalità delle comunicazioni da parte delle aziende ed istituti di credito e dell'amministrazione postale nonché delle società fiduciarie e di ogni altro intermediario finanziario dei dati identificativi, compreso il codice fiscale, di ogni soggetto che intrattenga con loro rapporti di conto o deposito o che comunque possa disporre del medesimo, nonché i criteri per le relative utilizzazioni. 3 Il sistema di comunicazioni prevedeva l istituzione di un centro operativo, costituito presso il Ministero del tesoro, del bilancio e della programmazione economica al quale i soggetti, addetti ai controlli per le diverse aree di competenza, fiscale, penale e valutaria, indicati nel successivo articolo 4 potevano richiedere, con riferimento a persone fisiche o giuridiche specificamente individuate, l'eventuale esistenza di rapporti di conto o di deposito a loro intestati o cointestati o relativamente ai quali esse potevano agire in nome e per conto o ne potevano disporre nell'ambito dell'archivio unico informatico tenuto dagli intermediari creditizi o finanziari e dalle Poste italiane. A sua volta il centro operativo, ai sensi del successivo art. 5, comma 2, ai fini dell'acquisizione dei predetti elementi informativi, si avvale del servizio fornito dalla Società interbancaria per l'automazione (S.I.A.), responsabile del trattamento dei dati, attraverso la rete telematica dalla medesima gestita. Con i successivi commi 3 e 4 veniva stabilito che 3. Con apposito

7 7 generale ed evidente valore aggiunto sulla tempistica delle indagini. Il regolamento chiarì in particolare che il sistema informativo previsto non prevedeva un archivio unico contenente i nominativi dei cittadini e i loro rapporti di conto e deposito, bensì un sistema di smistamento delle richieste di informazioni al fine di individuare quali fossero gli operatori finanziari titolari di un rapporto con il soggetto sul quale venivano svolte le indagini. Si trattava di un procedimento, quindi, che per la prima volta aveva stabilito quali dovessero essere i soggetti in campo e i tempi di operatività delle richieste (da motivare succintamente ai sensi dell art. 3, comma 1) e delle relative risposte, nonché l oggetto delle stesse ricomprendendovi esplicitamente, soprattutto, gli estremi identificativi dei rapporti di conto e di deposito, la data di accensione (art. 3, comma 2, lettera b). Per ottenere tali estremi identificativi era necessaria, come peraltro per la richiesta diretta alle banche e alle poste, un apposita autorizzazione rilasciata dalla autorità decreto del Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazione economica di concerto con i Ministri dell'interno e delle finanze sono stabilite le modalità di trasmissione e acquisizione, su base consolidata giornaliera, dei dati tra il centro operativo e la S.I.A. e quelli tra la S.I.A. ed i soggetti di cui all'articolo 2, nel rispetto dei requisiti di segretezza e sicurezza conformi agli standards e alle compatibilità informatiche e telematiche stabilite dai decreti del Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazione economica di attuazione dell'articolo 13, comma 5, del decreto-legge 15 dicembre 1979, n. 625, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 febbraio 1980, n. 15, e successive modifiche e integrazioni, nonché di attuazione dell'articolo 3, comma 3, del decreto-legge 3 maggio 1991, n. 143, convertito, con modificazioni, dalla legge 5 luglio 1991, n. 197, e successive modifiche ed integrazioni e nel rispetto delle disposizioni contenute nella legge 31 dicembre 1996, n Con apposita convenzione stipulata tra il centro operativo e la S.I.A. ed approvata con decreto del Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazione economica, sentiti i Ministri dell'interno e delle finanze, sono stabilite le procedure tecnico-operative per lo svolgimento del servizio, e la disciplina dei relativi oneri e le modalità del controllo del centro operativo sulla regolarità e correttezza del servizio espletato dalla S.I.A. Il decreto citato non è stato mai emanato e di conseguenza la relativa convenzione non è mai stata stipulata

8 8 sovraordinata, prevista dalla lettera d) del comma 2 dell art. 4 dello stesso regolamento. L effettiva operatività dell Anagrafe, inoltre, era stata subordinata alla emanazione di alcuni decreti attuativi, specialmente per quanto atteneva all aspetto tecnologico. Infatti i predetti decreti avevano la finalità di disciplinare: le modalità di inoltro delle richieste al Centro operativo, nonché quelle delle relative risposte (art. 4, comma 4, del regolamento); le modalità di trasmissione e di acquisizione dei dati tra il Centro operativo e la SIA e tra questa società e gli intermediari finanziari (art. 5, comma 3); le procedure tecnico-operative per lo svolgimento dell attività, la disciplina dei relativi oneri e le modalità del controllo a opera del Centro operativo sul servizio SIA (art. 5, comma 4). Tali regolamenti attuativi, probabilmente anche a causa delle difficoltà tecnologiche presenti all epoca, non sono stati mai emanati. 4. Le modifiche agli articoli 32, primo comma, numero 7), del DPR n. 600/1973 e all articolo 51, secondo comma, numero 7), del DPR n. 633/72 In tale quadro sono intervenute le modifiche introdotte dai commi 402, 403 e 404 della legge 30 dicembre 2004, n. 311, che possono così essere sintetizzate: sotto il profilo soggettivo, sono stati attratti nell orbita dell articolo 32, primo comma, n. 7, del DPR 29 settembre 1973, n. 600, e dell articolo 51, secondo comma, n. 7, del DPR n. 633/72, anche altri operatori finanziari, prima non inclusi, fra i quali gli organismi di investimento collettivo del risparmio, le società di gestione del risparmio, le società fiduciarie, le imprese di investimento, ecc.; sotto il profilo oggettivo, le richieste vengono estese a qualsiasi rapporto intrattenuto nonché a qualsiasi operazione effettuata, ivi compresi i servizi prestati e le garanzie prestate da terzi; sotto il profilo temporale, vengono sensibilmente ridotti i termini entro cui il destinatario delle richieste

9 9 è obbligato a fornire risposta; sotto il profilo procedurale, viene introdotta una procedura telematica per l inoltro delle richieste e delle relative risposte, i cui ambiti sono stati determinati dal provvedimento del Direttore dell agenzia delle entrate. A partire dal 1 luglio 2005, termine poi prorogato al 1 gennaio 2006, la suddetta procedura telematica rappresenta l esclusiva modalità per lo scambio di informazioni. Il provvedimento del Direttore dell Agenzia delle entrate del 22 dicembre 2005, emanato in attuazione del comma 404, ha stabilito le modalità tecniche di trasmissione delle richieste e delle relative risposte. Queste vengono inoltrate attraverso il sistema di posta elettronica certificata, così come definito dal decreto del Presidente della Repubblica 11 febbraio 2005, n. 68 e dal decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per l innovazione e le tecnologie del 2 novembre Tale sistema è stato scelto in quanto garantisce il rispetto delle stesse regole previste per le comunicazioni tramite raccomandata. Inoltre viene utilizzata la firma elettronica per la sottoscrizione delle richieste e delle relative risposte. Infine il provvedimento definisce quali sono le operazioni e i rapporti oggetto dello scambio informativo fra organi preposti al controllo e operatori finanziari. Con la procedura telematica, quindi, viene rimosso uno dei maggiori ostacoli all operatività delle indagini finanziarie, anche nella nuova formulazione: cioè l impossibilità materiale di colloquiare con tutti gli operatori finanziari. Infatti la procedura, anche in assenza dell istituzione dell anagrafe dei rapporti di conto e deposito, consente già di comunicare telematicamente con tutti gli operatori finanziari distribuiti sul territorio nazionale a cui l organo procedente, sulla base di fondati elementi, ritiene di poter inoltrare le richieste. Peraltro il nuovo sistema, pur garantendo il massimo grado di riservatezza a normativa vigente, per poter funzionare in maniera corretta aveva ed ha necessità di avere un elemento certo nell individuazione dei soggetti da sottoporre a controllo, comune sia al sistema degli

10 10 operatori finanziari che quello degli organi procedenti. In altre parole una chiave unica utilizzabile sia per lo scambio che per la ricerca nei rispettivi sistemi informatici. Questa chiave unica è stata individuata nel codice fiscale che, notoriamente, rappresenta lo strumento certo di individuazione dei soggetti all interno del sistema dell Anagrafe tributaria, ma che, in gran parte, era già utilizzato dagli operatori finanziari per tutti i soggetti collegati ad un rapporto e per alcune operazioni per cassa, in particolare quelle da segnalare ai sensi dell art. 2 del decreto-legge 3 maggio 1991, n. 143, convertito, con modificazioni, dalla legge 5 luglio 1991, n. 197 (cosiddetta normativa antiriciclaggio) 4. Pertanto si rendeva necessario intervenire anche su tale aspetto per dare coerenza a tutto il sistema delineato con i commi 402, 403 e 404 della legge finanziaria. 5. Gli adempimenti degli operatori finanziari in relazione alla raccolta del codice fiscale Il comma 332 della legge 30 dicembre 2004, n. 311, relativamente alle disposizioni concernenti l Anagrafe tributaria, ha apportato, in tal senso, all art. 7 del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 605, talune modifiche in generale e in modo specifico al sesto comma per quanto riguarda gli adempimenti degli intermediari finanziari - obblighi peraltro già previsti in precedenza -, precisandone l ambito soggettivo e ampliandone decisamente quello oggettivo. La norma, quindi, è intervenuta sia sotto il profilo soggettivo sia oggettivo. Sotto il profilo soggettivo, si rileva che l intervento della legge ha inteso meglio identificare gli operatori 4 L art. 2, comma 4, del decreto-legge 3 maggio 1991, n. 143, recita: A decorrere dal 1 gennaio 1992, i dati relativi alle operazioni effettuate per contanti di importo superiore a lire venti milioni sono integrati con il codice fiscale, quando attribuibile, del soggetto che effettua l'operazione e di quello eventuale per conto del quale l'operazione viene eseguita. Gli stessi dati, compreso il codice fiscale, verranno acquisiti a decorrere dal 1 gennaio 1992 in sede di accensione di ogni conto, deposito o altro rapporto continuativo.

11 11 finanziari già sostanzialmente contemplati dal previgente testo dello stesso sesto comma, indicando specificamente quali erano gli operatori finanziari obbligati alla rilevazione del codice fiscale, cioè: banche, poste, intermediari finanziari, imprese di investimento, organismi di investimento collettivo del risparmio, società di gestione del risparmio e, a chiusura dell elencazione, ogni altro operatore finanziario. Sotto il profilo oggettivo, invece, il sesto comma risulta implementato poiché la legge estende l obbligo di rilevazione e di evidenziazione dei dati identificativi, compreso il codice fiscale, di ogni soggetto che intrattenga con gli operatori qualsiasi rapporto o effettui qualsiasi operazione di natura finanziaria. Con tale nuova formulazione gli operatori finanziari sono obbligati a rilevare e tenere in evidenza i codici fiscali dei soggetti collegati non solo ai rapporti, ma anche a singole operazioni (in particolare quelle cosiddette per cassa o extra conto). Il sistema, a tal punto, è sembrato perfettamente coerente e consistente. Tuttavia, nel corso dell anno 2005, sono emerse diverse problematiche relative all applicazione concreta del sistema, che è possibile così sintetizzare: le difficoltà tecniche, dovute alla introduzione nel nostro paese della Posta Elettronica Certificata; le difficoltà degli operatori finanziari a fornire le informazioni previste dalla nuova normativa (in particolare quelle per cassa o extra conto) per i periodi pregressi; l individuazione dei soggetti collegati ai rapporti o alle operazioni per l evidenziazione dei codici fiscali. Mentre per la prima questione la soluzione è stata trovata rinviando al 1 gennaio 2006 la decorrenza della procedura telematica e poi al 1 settembre 2006, data di effettiva entrata in funzione, dopo che la normativa in materia di Posta Elettronica Certificata è stata emanata e pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale, le soluzioni alle altre due sono state trovate all interno del decreto legge n. 203/2005.

12 12 6. Le modifiche introdotte dal decreto legge n. 203/2005 L articolo 2, commi 14 e seguenti, del Decreto legge 30 settembre 2005, n. 203, convertito dalla legge 2 dicembre 2005, n. 248, ha dato risposta alle problematiche applicative delle norme sulle nuove indagini finanziarie, intervenendo in particolare sull articolo 7, sesto comma, del DPR n. 605/73 e definendo quali sono le informazioni relative alle operazioni per cassa o extra conto che gli operatori finanziari sono obbligati a fornire per i periodi antecedenti al 1 gennaio La rilevazione del codice fiscale Con le modifiche apportate dall articolo 2 citato, comma 14, lett. c), l articolo 7, sesto comma, assume la seguente formulazione: Le banche, la società Poste italiane Spa, gli intermediari finanziari, le imprese di investimento, gli organismi di investimento collettivo del risparmio, le società di gestione del risparmio, nonché ogni altro operatore finanziario, fatto salvo quanto disposto dal secondo comma dell'articolo 6 per i soggetti non residenti, sono tenuti a rilevare e a tenere in evidenza i dati identificativi, compreso il codice fiscale, di ogni soggetto che intrattenga con loro qualsiasi rapporto o effettui, per conto proprio ovvero per conto o a nome di terzi, qualsiasi operazione di natura finanziaria ad esclusione di quelle effettuate mediante versamento tramite bollettino di conto corrente postale per un importo unitario inferiore a euro. La norma, con la locuzione ad esclusione di quelle effettuate mediante versamento in conto corrente postale per un importo unitario inferiore a euro, intende semplificare gli adempimenti degli operatori finanziari, in particolare Poste italiane SpA, escludendo dall oggetto delle richieste di indagini tutte le operazioni finanziarie effettuate mediante bollettino di conto corrente postale per importi inferiori a euro. Trattasi di operazioni che riguardano in generale pagamento

13 13 di utenze, canoni, ecc., che da un lato non sono significative ai fini delle indagini e dall altro comporterebbero inutili e pesanti adempimenti agli sportelli. Inoltre le informazioni relative al pagamento di utenze sono già in possesso dell Amministrazione finanziaria che, ai sensi del combinato disposto degli articoli 6, primo comma, lettera g-ter), e 7, quinto comma del DPR n. 605/73, nonché dei relativi provvedimenti di attuazione, acquisisce le informazioni relative ai contratti di utenza direttamente per via telematica dai gestori dei contratti di somministrazione di energia elettrica, idrica e gas, e quelle telefoniche per la cosiddetta utenza business. Per quanto riguarda, invece, i soggetti per i quali deve essere evidenziato il codice fiscale, la norma chiarisce ogni dubbio in proposito. Infatti in primo luogo il testo novellato stabilisce in linea generale che gli operatori finanziari sono tenuti a rilevare e a tenere in evidenza i dati identificativi, compreso il codice fiscale, di ogni soggetto che intrattenga con loro qualsiasi rapporto o effettui qualsiasi operazione di natura finanziaria, ad esclusione dei soggetti non residenti per i quali gli operatori finanziari sono tenuti a rilevare per le persone fisiche, il cognome e il nome, il luogo e la data di nascita e il sesso, mentre per i soggetti diversi dalle persone fisiche, la denominazione, la ragione sociale o la ditta. In particolare per le società, associazioni o altre organizzazioni senza personalità giuridica, devono essere inoltre indicati gli elementi, relativi alle persone fisiche, per almeno una delle persone che ne hanno la rappresentanza. Per tutti i non residenti, invece, non deve essere raccolto il dato relativo al domicilio fiscale, in luogo del quale va indicato il domicilio o sede legale all'estero. In secondo luogo la norma chiarisce che i soggetti, per i quali devono essere rilevati i dati anagrafici e il codice fiscale secondo le modalità sopra descritte, sono tutti quelli che intrattengano con gli operatori finanziari qualsiasi rapporto o effettuino, per conto proprio ovvero per conto o a nome di terzi, qualsiasi operazione di natura finanziaria. Con tale formulazione, che costituisce una delle più

14 14 importanti novità apportate dal decreto legge n. 203/2005, si precisa che devono essere rilevati i dati non solo del titolare di un rapporto, ma anche degli altri soggetti in qualche modo connessi a quel rapporto, nonché, per le operazioni per cassa o extra conto, non solo i dati del soggetto che effettua l operazione, ma anche quelli del soggetto a nome o per conto del quale viene effettuata l operazione. In altre parole la norma chiarisce esplicitamente che devono essere rilevati i dati anagrafici e il codice fiscale di qualsiasi soggetto entri in un rapporto, anche temporaneo e casuale, con l operatore finanziario. Per venire incontro, comunque, alle difficoltà operative degli operatori finanziari e in coerenza con quanto stabilito per l entrata in vigore del flusso telematico, il successivo comma 14-bis fissa al 1 gennaio 2006 gli effetti dell art. 7, sesto comma, del DPR n. 605/73, così come modificato dal comma 14, lett. c). Infine il comma 14, lett. c-bis), punto 2 stabilisce che "Le rilevazioni e le evidenziazioni di cui al sesto comma sono utilizzate ai fini delle richieste e delle risposte in via telematica di cui all'articolo 32, primo comma, numero 7), del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600, e successive modificazioni, e all'articolo 51, secondo comma, numero 7), del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, e successive modificazioni". 6.2 I periodi pregressi per le operazioni extra conto Pur nella considerazione che le disposizioni, che hanno ampliato i poteri in materia di indagini finanziarie, hanno in generale natura meramente procedimentale e, in quanto tali, esplicano la loro efficacia anche per i periodi di imposta pregressi, con l art. 2, comma 14-ter del decreto legge n. 203/2005, il legislatore ha ritenuto di venire incontro ad una serie di richieste da parte delle associazioni di categoria degli operatori finanziari che evidenziavano le difficoltà nel reperire informazioni lontane nel tempo relativamente alle cosiddette operazioni per cassa o extra conto. Per tali operazioni, infatti, la norma citata stabilisce che: Per i periodi di imposta antecedenti il 1

15 15 gennaio 2006 e relativamente alle richieste di cui all'articolo 32, primo comma, numero 7), del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600, e successive modificazioni, e all'articolo 51, secondo comma, numero 7), del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, e successive modificazioni, i soggetti destinatari ivi indicati utilizzano, ai fini delle risposte relative ai dati, notizie e documenti riguardanti operazioni non transitate in un conto, le rilevazioni effettuate ai sensi dell'articolo 2 del decreto-legge 3 maggio 1991, n. 143, convertito, con modificazioni, dalla legge 5 luglio 1991, n. 197, e dei relativi provvedimenti di attuazione. Per i periodi antecedenti il 1 gennaio 2006, quindi, in relazione alle operazioni per cassa o extra conto, gli operatori finanziari sono obbligati alle risposte unicamente per le informazioni rilevate ai fini del decreto legge n. 143/1991 (normativa antiriciclaggio). Infatti tale normativa, sensibilmente rivista dal decreto legislativo 26 maggio 1997, n. 153, prevede sostanzialmente che i flussi finanziari convergano presso gli operatori finanziari abilitati i quali assumono obblighi di collaborazione con gli organismi addetti ai controlli ai fini della repressione del riciclaggio illecito del denaro. Per quel che interessa l utilizzo della suddetta norma ai fini delle indagini finanziarie, gli obblighi di collaborazione si sostanziano nei seguenti adempimenti: identificazione e registrazione dei dati anagrafici relativi ai soggetti che effettuano talune operazioni ben identificate con apposite direttive emanate dall Ufficio Italiano Cambi nel corso del tempo; istituzione dell archivio unico informatico nel quale inserire i dati identificativi dell operazione e del soggetto che effettua l operazione. In particolare per gli obblighi disciplinati dal citato art. 2 è stato precisato che, per quanto attiene le operazioni, devono intendersi tutte quelle di trasmissione o movimentazione di mezzi di pagamento per un importo superiore a euro oppure di accensione di un conto, un deposito o altro rapporto continuativo. Tale rilevazione va effettuata anche nel caso in cui le operazioni siano singolarmente inferiori all importo previsto, ma, facendo parte di un unica operazione,

16 16 superino la soglia del nell arco temporale di sette giorni. Per convenzione fra le associazioni degli operatori finanziari e l Ufficio Italiano Cambi 5 la soglia, per cui tali singole operazioni sono da prendere in considerazione per effettuare il calcolo del superamento dell importo di euro, ammonta a euro. 7. L archivio dei rapporti finanziari La nuova procedura telematica delle indagini finanziarie ha prodotto un incremento notevole delle richieste di indagini da parte degli organi procedenti. Infatti nell anno 2007 i soggetti indagati per cui sono pervenute risposte positive, cioè risposte contenenti informazioni finanziarie, sono circa (a fronte dei dell anno 2006). Tuttavia per raggiungere tale risultato sono state inviate agli operatori finanziari circa 5 milioni di richieste di indagine che hanno prodotto a fronte di circa risposte positive, circa 4 milioni e 970 mila risposte negative. Tale fenomeno è dovuto alla impossibilità da parte degli organi procedenti di conoscere preventivamente a quali operatori finanziari inoltrare le richieste. Per superare tale criticità, che è emersa già nella prima fase della procedura telematica, è intervenuta la norma contenuta nel D.L. n. 223 del Al fine di razionalizzare il processo di acquisizione degli elementi utili alle indagini finanziarie e nella stessa logica della Anagrafe dei rapporti di conto e deposito di cui al decreto legge n. 269 del 2000, l art. 37, comma 4, del D.L. n. 223 del 2006 ha apportato le seguenti modifiche 5 Con l entrata in vigore del Decreto Legislativo del 21/11/2007 n. 231, l Ufficio Italiano Cambi è stato assorbito nella struttura della Banca d Italia ed ha assunto la denominazione di Unità di Informazione Finanziaria (U.I.F.), cioè una struttura nazionale incaricata di ricevere dai soggetti obbligati, di richiedere, ai medesimi, di analizzare e di comunicare alle autorità competenti le informazioni che riguardano ipotesi di riciclaggio o di finanziamento del terrorismo. In particolare all art. 6. comma 1, viene specificato che Presso la Banca d'italia e' istituita l'unita' di informazione finanziaria per l'italia (UIF)., mentre all art. 62, comma 1, viene specificato che Alla Banca d'italia sono trasferiti le competenze e i poteri, con le relative risorse strumentali, umane e finanziarie, attribuiti all'ufficio italiano dei cambi (UIC)..

17 17 all art. 7 del D.P.R. n. 605 del 1973: - al sesto comma, prevedendo la comunicazione all Anagrafe tributaria da parte degli intermediari finanziari relativa alla esistenza dei rapporti, nonché la natura degli stessi. Dette comunicazioni sono archiviate in apposita sezione, con indicazione dei dati anagrafici dei titolari, compreso il codice fiscale ; - all undicesimo comma, prevedendo che le predette comunicazioni, al pari delle rilevazioni e delle evidenziazioni di qualsiasi rapporto od operazione di natura finanziaria, effettuata per conto proprio ovvero per conto o a nome di terzi, sono utilizzabili ai fini delle richieste e delle risposte in via telematica, nonché per le attività connesse alla riscossione mediante ruolo. Detti elementi, inoltre, con puntuale riferimento all art. 4, comma 2, lettere a), b), c) ed e) dello stesso decreto n. 269 del 2000 sono utilizzabili da organi diversi dall amministrazione finanziaria per l espletamento degli accertamenti finalizzati alla ricerca e all acquisizione della prova e delle fonti di prova nel corso di un procedimento penale, sia in fase di indagini preliminari, sia nelle fasi processuali successive, ovvero degli accertamenti di carattere patrimoniale per le finalità di prevenzione previste da specifiche disposizioni di legge e per l applicazione delle misure di prevenzione. Il successivo comma 5 dello stesso art. 37 del D.L. n. 223 del nel rinviare ad un apposito provvedimento del Direttore dell Agenzia delle entrate, da emanare ai sensi dello stesso art. 7, undicesimo comma, del D.P.R. n. 605 del 1973 (cfr. provvedimento del 19 gennaio 2007) la determinazione delle specifiche tecniche e dei termini per le predette comunicazioni - puntualizza che l obbligo di comunicazione telematica riguarda tutti i rapporti ancora in essere al 1 gennaio 2005, non rilevando la circostanza che successivamente a tale data essi siano cessati; per converso l obbligo non è configurabile in relazione ai soggetti con i quali il rapporto sia cessato prima del 1 gennaio 2005 (cfr. circolare n. 28/E del 2006, paragrafo 47 e circ. n. 18/E del 4 aprile 2007). Successivamente, in forza dell art. 63, comma 1, lett. a) e b), del Decreto Legislativo del 21/11/2007 n , 6 Si riporta il testo citato: 1. Nel decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 605, all'articolo 7, sesto comma,

18 18 l archivio dei rapporti è stato ulteriormente integrato con i dati relativi ai soggetti che hanno effettuato operazioni extra conto ovvero siano stati delegati ad operare su un rapporto. Con provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate del 29 febbraio 2008 sono state stabilite le modalità di comunicazioni dei suddetti dati. La nuova banca dati supera così anche sotto il profilo procedimentale il regolamento di cui al D.I. n. 269 del 2000, ferma restando per il suo utilizzo la necessità della preventiva autorizzazione dell organo gerarchicamente sovraordinato, la quale avrà efficacia omnicomprensiva anche per l inoltro delle singole richieste agli intermediari individuati, in quanto l utilizzo della banca dati stessa avviene esclusivamente ai sensi e per gli effetti di cui ai numeri 7) degli artt. 32 del D.P.R. n. 600 del 1973 e 51 del D.P.R. n. 633 del La nuova strumentazione, così come è venuta delineandosi, è rivolta a una attività di selezione preventiva al fine di dimensionare più precisamente le indagini e, quindi, di consentire - anche in funzione del rispetto della privacy dei contribuenti - agli uffici procedenti, almeno tendenzialmente, di coinvolgere solo gli intermediari che hanno intrattenuto rapporti con i contribuenti medesimi, sia titolari che delegati, ovvero abbiano effettuato operazioni extra conto, costituendo così un sistema coerente ed estremamente efficace per il contrasto all evasione fiscale. sono apportate le seguenti modificazioni: a) dopo le parole: "l'esistenza dei rapporti" sono inserite le seguenti: "e l'esistenza di qualsiasi operazione di cui al precedente periodo, compiuta al di fuori di un rapporto continuativo"; b) dopo le parole: "dati anagrafici dei titolari" sono inserite le seguenti: "e dei soggetti che intrattengono con gli operatori finanziari qualsiasi rapporto o effettuano operazioni al di fuori di un rapporto continuativo per conto proprio ovvero per conto o a nome di terzi".

19 1 Le nuove indagini finanziarie Vincenzo Errico LE MODIFICHE IN MATERIA DI POTERI DEGLI UFFICI Le modifiche apportate dalla Finanziaria 2005 in materia di poteri degli uffici hanno riguardato: - i dati e le notizie che possono essere richiesti - i soggetti destinatari delle richieste di informazioni - le modalità di inoltro delle richieste e delle risposte Le indagini finanziarie e l Archivio dei rapporti

20 2 LE MODIFICHE IN MATERIA DI POTERI DEGLI UFFICI Prima della 311/2004 Indagini bancarie Movimento su conto Banche e Poste SpA Cliente Carta Ricavi Dopo la 311/2004 Indagini finanziarie Operazione (anche extra conto) Operatori finanziari Cliente e soggetti collegati Telematica Ricavi e compensi Le indagini finanziarie e l Archivio dei rapporti OGGETTO DELLA RICHIESTA DI INFORMAZIONI Prima della Finanziaria copia dei conti intrattenuti con il contribuente con la specificazione di tutti i rapporti inerenti o connessi a tali conti, comprese le garanzie prestate da terzi Ulteriori dati, notizie e documenti di carattere specifico relativi agli stessi conti possono essere richiesti con l'invio alle aziende e istituti di credito e all'amministrazione postale di questionari redatti su modello conforme a quello approvato con decreto del Ministro delle finanze, di concerto con il Ministro del tesoro. Dopo la Finanziaria dati, notizie e documenti relativi a qualsiasi rapporto intrattenuto od operazione effettuata, ivi compresi i servizi prestati, con i loro clienti, nonché alle garanzie prestate da terzi I dati e le notizie sono forniti in modalità strutturata, cioè ogni informazione relativa ai rapporti e alle operazioni è codificata in apposite tabelle Le indagini finanziarie e l Archivio dei rapporti

Accertamenti bancari Novità in tema di tassazione delle attività finanziarie

Accertamenti bancari Novità in tema di tassazione delle attività finanziarie Accertamenti bancari Novità in tema di tassazione delle attività finanziarie Incontro organizzato da ALVEC Sirmione, 20 gennaio 2007 Dott. Renzo Parisotto ACCERTAMENTI BANCARI Inquadramento normativo Le

Dettagli

LE INDAGINI FINANZIARIE E L ANAGRAFE RAPPORTI/OPERAZIONI

LE INDAGINI FINANZIARIE E L ANAGRAFE RAPPORTI/OPERAZIONI 3 modulo LE INDAGINI FINANZIARIE E L ANAGRAFE RAPPORTI/OPERAZIONI a cura del Dott. Giovanni Barbato I NUOVI ACCERTAMENTI BANCARI ALLA LUCE DELLA FINANZIARIA 2005 Il riferimento normativo (legge 311/2004)

Dettagli

CIRCOLARE N. 42/E. Roma, 24 settembre 2009. OGGETTO: Archivio dei rapporti finanziari. Direzione Centrale Accertamento

CIRCOLARE N. 42/E. Roma, 24 settembre 2009. OGGETTO: Archivio dei rapporti finanziari. Direzione Centrale Accertamento CIRCOLARE N. 42/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 24 settembre 2009 OGGETTO: Archivio dei rapporti finanziari. 2 Indice 1. Premessa 2. Rapporti continuativi 3. Operazioni extra-conto 4. Informazioni

Dettagli

C era una volta il segreto bancario Oggi abbiamo il Grande Fratello Fisco!

C era una volta il segreto bancario Oggi abbiamo il Grande Fratello Fisco! DE PROFUNDIS C era una volta il segreto bancario Oggi abbiamo il Grande Fratello Fisco! C era una volta il segreto bancario Periodo 1974-1982 Art. 34 del D.P.R. 600/73 Ufficio imposte dirette poteva chiedere

Dettagli

Circolare Informativa n. 8/2000. Alle Società Consorziate. Roma, 13 marzo 2000

Circolare Informativa n. 8/2000. Alle Società Consorziate. Roma, 13 marzo 2000 Circolare Informativa n. 8/2000 Alle Società Consorziate Roma, 13 marzo 2000 Rif.: 10.8. Oggetto: Indagini bancarie - Nuovi modelli di questionario da inviare a banche e uffici postali, per ottenere ulteriori

Dettagli

Indagini finanziarie: l ambito applicativo

Indagini finanziarie: l ambito applicativo Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 83 14.03.2013 Indagini finanziarie: l ambito applicativo Categoria: Accertamento e riscossione Sottocategoria: Indagini finanziarie In tema di

Dettagli

Indice. 4. Informazioni relative a soggetti che agiscono in nome o per conto di terzi

Indice. 4. Informazioni relative a soggetti che agiscono in nome o per conto di terzi Indice 1. Premessa 2. Rapporti continuativi 3. Operazioni extra-conto 4. Informazioni relative a soggetti che agiscono in nome o per conto di terzi 5. Rapporti ed operazioni presso articolazioni estere

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone: N. 2008/31934 Disposizioni integrative del provvedimento del 19 gennaio 2007 in attuazione dell art. 7, sesto comma, del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 605, così come modificato

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone: N. 2007/9647 Modalità e termini di comunicazione dei dati all Anagrafe Tributaria da parte degli operatori finanziari di cui all art. 7, sesto comma, del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre

Dettagli

Il Ministro dell economia e delle finanze

Il Ministro dell economia e delle finanze Il Ministro dell economia e delle finanze Visto il decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 642, e successive modificazioni ed integrazioni recante la disciplina dell imposta di bollo;

Dettagli

Circolare N.119 del 3 Agosto 2012

Circolare N.119 del 3 Agosto 2012 Circolare N.119 del 3 Agosto 2012 Rapporti bancari Dal 31 ottobre tutti i movimenti passano nelle mani del fisco Rapporti bancari: dal 31 ottobre tutti i movimenti passano nelle mani del fisco Gentile

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 57 del 20 dicembre 2011 La manovra Monti (DL

Dettagli

CIRCOLARE A.F. Conto corrente sotto la lente del fisco. N. 07 del 19 gennaio 2012. Ai gentili clienti Loro sedi. Premessa

CIRCOLARE A.F. Conto corrente sotto la lente del fisco. N. 07 del 19 gennaio 2012. Ai gentili clienti Loro sedi. Premessa CIRCOLARE A.F. N. 07 del 19 gennaio 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Conto corrente sotto la lente del fisco Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che la manovra salva Italia ha previsto

Dettagli

OGGETTO: Istanza di interpello Obblighi di rilevazione e comunicazione ai sensi dell art. 7, sesto comma, D.P.R. n. 605 del 1973 Casi di esclusione

OGGETTO: Istanza di interpello Obblighi di rilevazione e comunicazione ai sensi dell art. 7, sesto comma, D.P.R. n. 605 del 1973 Casi di esclusione RISOLUZIONE N. 119/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 05 maggio 2009 OGGETTO: Istanza di interpello Obblighi di rilevazione e comunicazione ai sensi dell art. 7, sesto comma, D.P.R. n.

Dettagli

L identificazione può essere effettuata in forma indiretta, anche senza la presenza fisica del cliente, nei casi seguenti:

L identificazione può essere effettuata in forma indiretta, anche senza la presenza fisica del cliente, nei casi seguenti: Normativa Antiricilaggio: guida pratica UMCI Esaminiamo i vari adempimenti a seconda degli obblighi: a) Identificazione del cliente L identificazione consiste nella verifica dell identità del cliente e

Dettagli

LA MANOVRA MONTI (DL 6.12.2011 N. 201) - NOVITÀ IN MATERIA DI CONTANTI, ASSEGNI E LIBRETTI AL PORTATORE

LA MANOVRA MONTI (DL 6.12.2011 N. 201) - NOVITÀ IN MATERIA DI CONTANTI, ASSEGNI E LIBRETTI AL PORTATORE LA MANOVRA MONTI (DL 6.12.2011 N. 201) - NOVITÀ IN MATERIA DI CONTANTI, ASSEGNI E LIBRETTI AL PORTATORE INDICE 1 Premessa 2 Novità in materia di contanti 2.1 Valore oggetto di trasferimento ed operazioni

Dettagli

STUDIO ANTONELLI. Forlì, 9 febbraio 2006

STUDIO ANTONELLI. Forlì, 9 febbraio 2006 Dott. Alessandro Antonelli TRIBUTARISTA - PUBBLICISTA REVISORE CONTABILE Dott.ssa Giancarla Berti COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE Dott. Federico Mambelli ASSISTENTE Dott. Alessandro Mengozzi COMMERCIALISTA

Dettagli

La Manovra 2010 modifica il decreto antiriciclaggio

La Manovra 2010 modifica il decreto antiriciclaggio La modifica il decreto antiriciclaggio di Nicola Forte (*) LA NOVITA` La ha diminuito nuovamente a 5.000 euro la soglia massima per le transazioni in contanti, per l emissione di assegni liberi e per il

Dettagli

tutte le Amministrazioni pubbliche di cui all art. 1, comma 2, del d.lgs. n. 165/2001

tutte le Amministrazioni pubbliche di cui all art. 1, comma 2, del d.lgs. n. 165/2001 UFFICIO PERSONALE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DFP-0020266-30/04/2008-1.2.3.3 CIRCOLARE N.6/08 A Alle tutte le Amministrazioni pubbliche di cui all art. 1, comma 2, del d.lgs. n. 165/2001 Autorità amministrative

Dettagli

S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE. 11 febbraio 2010 Milano/Sala Convegni Scuola di Alta Formazione

S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE. 11 febbraio 2010 Milano/Sala Convegni Scuola di Alta Formazione S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LE INDAGINI FINANZIARIE Cap. Fabrizio Buonadonna Capo Sezione Operazioni Nucleo di Polizia Tributaria Milano Guardia di Finanza 11 febbraio 2010 Milano/Sala Convegni Scuola

Dettagli

INCONTRO INFORMATIVO E DI CONFRONTO ITALO - FRANCESE

INCONTRO INFORMATIVO E DI CONFRONTO ITALO - FRANCESE HOLDING DI FAMIGLIA E INDAGINI FINANZIARIE Gruppo di Lavoro Rapporti Internazionali INCONTRO INFORMATIVO E DI CONFRONTO ITALO - FRANCESE Ordine dei Dottori Commercialisti Ivrea Pinerolo Torino Torino,

Dettagli

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi. Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n.

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi. Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n. MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi Prot. n. 00062 Roma, 4 gennaio 2008 Com. n. 3 OGGETTO: Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n. 125367/07 Il Ministero

Dettagli

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 42 31 DICEMBRE 2012 IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione

Dettagli

Il D.lgs. 231/2007 in materia di antiriciclaggio, tra novità legislative, ruolo degli Organi e delle Autorità di Vigilanza ed impianto sanzionatorio

Il D.lgs. 231/2007 in materia di antiriciclaggio, tra novità legislative, ruolo degli Organi e delle Autorità di Vigilanza ed impianto sanzionatorio Il D.lgs. 231/2007 in materia di antiriciclaggio, tra novità legislative, ruolo degli Organi e delle Autorità di Vigilanza ed impianto sanzionatorio 1 La normativa Il D. lgs. 231/07 ha dato attuazione

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 7/2016 del 30 marzo 2016

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 7/2016 del 30 marzo 2016 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 7/2016 del 30 marzo 2016 SCHEMA DI PROVVEDIMENTO RECANTE MODIFICHE AL REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI INTERMEDIAZIONE ASSICURATIVA E RIASSICURATIVA

Dettagli

CIRCOLARE N. 31/E. Roma, 6 luglio 2011

CIRCOLARE N. 31/E. Roma, 6 luglio 2011 CIRCOLARE N. 31/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 6 luglio 2011 OGGETTO: Tutela della sicurezza stradale e della regolarità del mercato dell autotrasporto di cose per conto di terzi - Applicazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 42 /E. Roma, 09 novembre 2012

CIRCOLARE N. 42 /E. Roma, 09 novembre 2012 CIRCOLARE N. 42 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 09 novembre 2012 OGGETTO: Documentazione delle operazioni di acquisto di carburanti per autotrazione presso impianti stradali di distribuzione effettuati

Dettagli

Conto corrente sotto la lente del fisco

Conto corrente sotto la lente del fisco COMITATO REGIONALE TOSCANO GEOMETRI Via Volturno 10/12/C - 50019 Osmannoro - Sesto Fiorentino - FIRENZE Tel. 055/5002380 - Fax 055/5522399 Cod. Fiscale 80011550482 E-mail - comtoscanogeometri@libero.it

Dettagli

L antiriciclaggio e nuovi limiti all'uso del contante

L antiriciclaggio e nuovi limiti all'uso del contante L antiriciclaggio e nuovi limiti all'uso del contante Il D.L. 13 agosto 2011 n.138, noto come Manovra di Ferragosto al fine di ridurre il rischio connesso all utilizzo del contante a scopo di riciclaggio

Dettagli

Le nuove indagini da risultanze bancarie o finanziarie

Le nuove indagini da risultanze bancarie o finanziarie L Iva n.12/2006 IN PRATICA Accertamento Le nuove indagini da risultanze bancarie o finanziarie di Saverio Cinieri La novità Soggetti obbligati Contribuenti che intrattengono rapporti o effettuano operazioni

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento. Protocollo n. 2012/89780 Modificazioni del modello di adesione alla disciplina di deroga alle limitazioni di trasferimento del denaro contante approvato con provvedimento del 23 marzo 2012 e delle relative

Dettagli

La normativa antiriciclaggio per gli avvocati. di Maurizio Arena

La normativa antiriciclaggio per gli avvocati. di Maurizio Arena La normativa antiriciclaggio per gli avvocati di Maurizio Arena Parte Prima Con la pubblicazione del Decreto n. 141 del 3 febbraio 2006 del Ministero dell Economia e delle Finanze e del Provvedimento 24

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 3 aprile 2013, n. 55 Regolamento in materia di emissione, trasmissione e ricevimento della fattura elettronica da applicarsi alle amministrazioni pubbliche

Dettagli

Modalità di presentazione delle dichiarazioni dei redditi, dei sostituti d imposta, IVA e IRAP: il testo aggiornato del D.P.R. 22 luglio 1998, n.

Modalità di presentazione delle dichiarazioni dei redditi, dei sostituti d imposta, IVA e IRAP: il testo aggiornato del D.P.R. 22 luglio 1998, n. Pag. 906 n. 8/2000 26/02/2000 Modalità di presentazione delle dichiarazioni dei redditi, dei sostituti d imposta, IVA e IRAP: il testo aggiornato del D.P.R. 22 luglio 1998, n. 322 Decreto del Presidente

Dettagli

CIRCOLARE N. 29/E. Roma, 5 luglio 2012

CIRCOLARE N. 29/E. Roma, 5 luglio 2012 CIRCOLARE N. 29/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 luglio 2012 OGGETTO: Imposta di bollo speciale sulle attività finanziarie oggetto di operazioni di emersione e imposta straordinaria sui prelievi

Dettagli

Fiscal News N. 90. Il reato di omessa dichiarazione. La circolare di aggiornamento professionale 25.03.2014

Fiscal News N. 90. Il reato di omessa dichiarazione. La circolare di aggiornamento professionale 25.03.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 90 25.03.2014 Il reato di omessa dichiarazione Dal 18 settembre 2011 soglia di punibilità più bassa Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Reati

Dettagli

La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento

La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento ADC ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI SINDACATO NAZIONALE UNITARIO SEZIONE ROMA La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento Roma, 22 ottobre 2009 ACCERTAMENTO

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0185690.28-12-2012-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0185690.28-12-2012-U CONVENZIONE SULLE MODALITA DI SVOLGIMENTO DA PARTE DEGLI INTERMEDIARI DI CUI ALL ART. 3, COMMA 3, DEL D.P.R. N. 322 DEL 1998 DEL SERVIZIO DI PAGAMENTO CON MODALITA TELEMATICHE, IN NOME E PER CONTO DEL

Dettagli

LA PRESENTAZIONE DELLE DICHIARAZIONI AI FINI IVA PRESSO IL REGISTRO DELLE IMPRESE

LA PRESENTAZIONE DELLE DICHIARAZIONI AI FINI IVA PRESSO IL REGISTRO DELLE IMPRESE LA PRESENTAZIONE DELLE DICHIARAZIONI AI FINI IVA PRESSO IL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Invio telematico delle pratiche al Registro delle imprese. 3. Invio telematico

Dettagli

REGOLAMENTO INTERMEDIARI MODIFICHE ALLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ALBO E ATTIVITÀ DEI PROMOTORI FINANZIARI. 11 ottobre 2010

REGOLAMENTO INTERMEDIARI MODIFICHE ALLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ALBO E ATTIVITÀ DEI PROMOTORI FINANZIARI. 11 ottobre 2010 REGOLAMENTO INTERMEDIARI MODIFICHE ALLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ALBO E ATTIVITÀ DEI PROMOTORI FINANZIARI DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE 11 ottobre 2010 Le osservazioni al presente documento di consultazione

Dettagli

Articolo 1 del DL 167/1990 così sostituito dalla L. 97/2013, art.9

Articolo 1 del DL 167/1990 così sostituito dalla L. 97/2013, art.9 Modifiche apportate al DL 28 giugno 1990,n.167 (Rilevazione a fini fiscali di taluni trasferimenti da e per l'estero di denaro, titoli e valori) dalla Legge 6 agosto 2013, n.97, Art.9 (Legge europea 2013).

Dettagli

CIRCOLARE N. 3/DF. Roma, 11 novembre 2010 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE AI COMUNI LORO SEDI

CIRCOLARE N. 3/DF. Roma, 11 novembre 2010 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE AI COMUNI LORO SEDI CIRCOLARE N. 3/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Roma, 11 novembre 2010 DIPARTIMENTO DELLE FINANZE IL DIRETTORE GENERALE DELLE FINANZE PROT. 23148 AI COMUNI LORO SEDI ALL ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

L esibizione dei documenti rilevanti ai fini tributari in caso di accessi, ispezioni e verifiche

L esibizione dei documenti rilevanti ai fini tributari in caso di accessi, ispezioni e verifiche L esibizione dei documenti rilevanti ai fini tributari in caso di accessi, ispezioni e verifiche Dott. Antonio Nuzzolo Funzionario Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Ufficio Adempimenti e procedure

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Affari legali e Contenzioso Settore Strategie Difensive Ufficio contenzioso imprese e lavoratori autonomi Direzione centrale Accertamento Settore Grandi contribuenti

Dettagli

Università La Sapienza di Roma

Università La Sapienza di Roma Università La Sapienza di Roma L attività istruttoria tributaria. Accertamento e Processo Prof.ssa Rossella Miceli A cura di: Prof.ssa Rossella Miceli L attività istruttoria tributaria. I PARTE 1 Poteri

Dettagli

UNICO 2000: il D.P.C.M. che proroga i versamenti ed i termini di presentazione

UNICO 2000: il D.P.C.M. che proroga i versamenti ed i termini di presentazione Pag. 2322 n. 17/2000 29/04/2000 : il D.P.C.M. che proroga i versamenti ed i termini di presentazione Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri - (DPC) del 20 aprile 2000, pubblicato in Gazzetta

Dettagli

2) sostanziali quando finalizzati all accertamento della reale posizione del soggetto verificato.

2) sostanziali quando finalizzati all accertamento della reale posizione del soggetto verificato. VERIFICHE FISCALI di Pierpaolo Ceroli - Dottore Commercialista Definizione Con la circolare della Guardia di Finanza del 20 ottobre 1998, nota come 1/98, la verifica fiscale viene definita come un indagine

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 30/01/2014

Direzione Centrale Entrate. Roma, 30/01/2014 Direzione Centrale Entrate Roma, 30/01/2014 Circolare n. 16 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

IMPOSTA SUL VALORE DELLE ATTIVITÀ FINANZIARIE DETENUTE ALL ESTERO: MODIFICHE AL PRESUPPOSTO OGGETTIVO

IMPOSTA SUL VALORE DELLE ATTIVITÀ FINANZIARIE DETENUTE ALL ESTERO: MODIFICHE AL PRESUPPOSTO OGGETTIVO COMMISSIONE DIRITTO TRIBUTARIO NAZIONALE ODCEC DI MILANO (Documento a cura di Paolo Bifulco) IMPOSTA SUL VALORE DELLE ATTIVITÀ FINANZIARIE DETENUTE ALL ESTERO: MODIFICHE AL PRESUPPOSTO OGGETTIVO 1. LE

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N.81 del 29 Giugno 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Operativo l accesso al fondo di garanzia sui finanziamenti per il microcredito Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

L indagine finanziaria può essere attivata su richiesta:

L indagine finanziaria può essere attivata su richiesta: Milano, 13 ottobre 2011 CIRCOLARE CLIENTI N. 14/2011 LA DISCIPLINA DELLE INDAGINI FINANZIARIE MODIFICATA DAL D. L. N. 98/2011 E DALLA L. N. 148/2011 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 138/2011 - C.D. MANOVRA DI

Dettagli

- 1 - Trasferimento di denaro contante

- 1 - Trasferimento di denaro contante A DECORRERE DAL 31.5.2010 sono state introdotte ad opera dell art. 20, DL n. 78/2010, c.d. Manovra correttiva, una serie di novità circa: l uso del denaro contante; l utilizzo degli assegni bancari o postali

Dettagli

Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA

Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Estratti di conto corrente, rendiconti dei libretti di risparmio e comunicazioni dei prodotti finanziari Dalle Entrate nuovi chiarimenti sull applicazione dell imposta

Dettagli

Le novità in materia di imposta di bollo e gli orientamenti dell Agenzia delle entrate

Le novità in materia di imposta di bollo e gli orientamenti dell Agenzia delle entrate S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO PRODOTTI E SERVIZI FINANZIARI: RECENTI NOVITA IN MATERIA DI IMPOSTE INDIRETTE Le novità in materia di imposta di bollo e gli orientamenti dell Agenzia delle

Dettagli

INFORMATIVA N. 87/2012

INFORMATIVA N. 87/2012 DIREZIONE POLITICHE FISCALI INFORMATIVA N. 87/2012 LE NOVITA IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE DEGLI ACQUISTI DI CARBURANTE PER AUTOTRAZIONE PRESSO IMPIANTI STRADALI DI DISTRIBUZIONE Circolare dell Agenzia

Dettagli

NUOVA DISCIPLINA ANTIRICICLAGGIO

NUOVA DISCIPLINA ANTIRICICLAGGIO NUOVA DISCIPLINA ANTIRICICLAGGIO 1. Gli albori della lotta al riciclaggio: La disciplina dell antiriciclaggio nasce a fine anni 80 a seguito della costituzione a livello internazionale di un particolare

Dettagli

CIRCOLARE N. 3/2006. Direzioni Centrali, Consiglieri, Direzioni Regionali e Uffici Provinciali. Roma, 11 aprile 2006 Firmato: Mario Picardi

CIRCOLARE N. 3/2006. Direzioni Centrali, Consiglieri, Direzioni Regionali e Uffici Provinciali. Roma, 11 aprile 2006 Firmato: Mario Picardi CIRCOLARE N. 3/2006 PROT. N. 28334 ENTE EMITTENTE: Direzione dell Agenzia OGGETTO: Nuovi termini per l accatastamento delle unità immobiliari urbane, ai sensi dell art. 34-quinquies, comma 2, del decreto

Dettagli

POSITION PAPER 01/2013

POSITION PAPER 01/2013 Risposta alla consultazione del MEF sul Regolamento ex art. 8, comma 7, lett. d), DL 13 maggio 2011,, n. 70, convertito con legge 12 luglio 2011, n. 106 gennaio 2013 POSITION PAPER 01/2013 Premessa Il

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Vista la direttiva 2006/70/CE della Commissione del 1 agosto 2006, recante misure di esecuzione della direttiva 2005/60/CE;

LA BANCA D ITALIA. Vista la direttiva 2006/70/CE della Commissione del 1 agosto 2006, recante misure di esecuzione della direttiva 2005/60/CE; PROVVEDIMENTO RECANTE DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER LA TENUTA DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO E PER LE MODALITÀ SEMPLIFICATE DI REGISTRAZIONE DI CUI ALL ARTICOLO 37, COMMI 7 E 8, DEL DECRETO LEGISLATIVO 21

Dettagli

RASSEGNA NORMATIVA RASSEGNA PERIODICA DI LEGISLAZIONE*

RASSEGNA NORMATIVA RASSEGNA PERIODICA DI LEGISLAZIONE* RASSEGNA NORMATIVA RASSEGNA PERIODICA DI LEGISLAZIONE* Luglio Agosto 2005 Comunicato n. 80/2005 Decreto-Legge 30 giugno 2005, n. 115 Disposizioni urgenti per assicurare la funzionalità di settori della

Dettagli

ASSEPRIM DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI ATTUAZIONE DEL D.LGS. 13 AGOSTO 2011, N.

ASSEPRIM DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI ATTUAZIONE DEL D.LGS. 13 AGOSTO 2011, N. ASSEPRIM DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI ATTUAZIONE DEL D.LGS. 13 AGOSTO 2011, N. 141 Parte I SOGGETTI OPERANTI NEL SETTORE FINANZIARIO Presentazione di Ernesto Ghidinelli Milano,

Dettagli

Decreto-legge 3 maggio 1991, n. 143 (in Gazz. Uff., 8 maggio, n. 106

Decreto-legge 3 maggio 1991, n. 143 (in Gazz. Uff., 8 maggio, n. 106 Decreto-legge 3 maggio 1991, n. 143 (in Gazz. Uff., 8 maggio, n. 106 Provvedimenti urgenti per limitare l'uso del contante e dei titoli al portatore nelle transazioni e prevenire l'utilizzazione del sistema

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Normativa antiriciclaggio 1 a cura dell Area Finanza Assolombarda

Normativa antiriciclaggio 1 a cura dell Area Finanza Assolombarda Normativa antiriciclaggio 1 a cura dell Area Finanza Assolombarda Premesse La normativa mira a prevenire l'utilizzo del sistema finanziario a scopo di riciclaggio dei proventi di attività criminose e di

Dettagli

Relazione illustrativa. Proposta di modifica del:

Relazione illustrativa. Proposta di modifica del: Relazione illustrativa Proposta di modifica del: Decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, recante Attuazione della direttiva 2005/60/CE concernente la prevenzione dell utilizzo del sistema finanziario

Dettagli

Glossario Antiriciclaggio

Glossario Antiriciclaggio Pagina 1 di 7 Glossario Antiriciclaggio Adeguata Verifica Amministrazioni interessate Archivio Unico Informatico Autorità di Vigilanza di Settore Banca di Comodo CAP Cliente Conti di passaggio Dati identificativi

Dettagli

Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali

Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 4 14 GENNAIO 2015 Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali Copyright 2015

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo Primo IL SEGRETO BANCARIO: ORIGINI,FONTI E DEROGHE

INDICE SOMMARIO. Capitolo Primo IL SEGRETO BANCARIO: ORIGINI,FONTI E DEROGHE INDICE SOMMARIO Presentazione... Elenco delle principali abbreviazioni... pag. ix xvii Capitolo Primo IL SEGRETO BANCARIO: ORIGINI,FONTI E DEROGHE Guida bibliografica... 3 1. Le origini del segreto bancario:

Dettagli

Ministero dell economia e delle finanze AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO

Ministero dell economia e delle finanze AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO Prot. n. 2006/7902/GIOCHI/UD Ministero dell economia e delle finanze AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO Misure per la regolamentazione della raccolta a distanza delle scommesse del bingo e

Dettagli

Roma, 26 novembre 2012

Roma, 26 novembre 2012 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 26 novembre 2012 Direzione Centrale Servizi ai contribuenti OGGETTO: Sisma maggio 2012 Finanziamento per il pagamento di tributi, contributi previdenziali e premi assicurativi obbligatori

Dettagli

Attività finanziarie rimpatriate : imposta di bollo speciale e imposta strardinaria di Massimo Gabelli (*) e Davide Rossetti (*)

Attività finanziarie rimpatriate : imposta di bollo speciale e imposta strardinaria di Massimo Gabelli (*) e Davide Rossetti (*) Attività finanziarie rimpatriate : imposta di bollo speciale e imposta strardinaria di Massimo Gabelli (*) e Davide Rossetti (*) Con l emanazione del decreto Monti (D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito

Dettagli

LE INDAGINI BANCARIE E FINANZIARIE ALLA LUCE DELLA CIRCOLARE 32/E/2006

LE INDAGINI BANCARIE E FINANZIARIE ALLA LUCE DELLA CIRCOLARE 32/E/2006 LE INDAGINI BANCARIE E FINANZIARIE ALLA LUCE DELLA CIRCOLARE 32/E/2006 1 PREMESSA Le disposizioni che disciplinano la possibilità, per l Agenzia delle Entrate e per la Guardia di Finanza, di procedere

Dettagli

Circolare N.157 del 9 Novembre 2012. Novità in materia di anagrafe tributaria dei rapporti finanziari

Circolare N.157 del 9 Novembre 2012. Novità in materia di anagrafe tributaria dei rapporti finanziari Circolare N.157 del 9 Novembre 2012 Novità in materia di anagrafe tributaria dei rapporti finanziari Novità in materia di anagrafe tributaria dei rapporti finanziari Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

CIRCOLARE N. 36/E. Roma, 1 dicembre 2015

CIRCOLARE N. 36/E. Roma, 1 dicembre 2015 CIRCOLARE N. 36/E Roma, 1 dicembre 2015 Direzione Centrale Accertamento e Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Primi chiarimenti in tema di Patent Box - Articolo 1, commi da 37 a 45, della legge 23 dicembre

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE DELMASTRO DELLE VEDOVE, MARTINAT, ZACCHERA, RASI, FOTI, MIGLIORI, LANDI, BUTTI, PASETTO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE DELMASTRO DELLE VEDOVE, MARTINAT, ZACCHERA, RASI, FOTI, MIGLIORI, LANDI, BUTTI, PASETTO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2240 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI DELMASTRO DELLE VEDOVE, MARTINAT, ZACCHERA, RASI, FOTI, MIGLIORI, LANDI, BUTTI, PASETTO Norme

Dettagli

QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni.

QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni. QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni. L art. 9 della L. 6.8.2013 n. 97 prevede: l eliminazione della sezione I (trasferimenti attuati

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Snellito l iter di deposito e pagamento per istanze e diritti su marchi e brevetti

Snellito l iter di deposito e pagamento per istanze e diritti su marchi e brevetti Snellito l iter di deposito e pagamento per istanze e diritti su marchi e brevetti Decreto del ministero dello Sviluppo economico 21 marzo 2013 (Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 2 luglio 2013 n.

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze

Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento dell Amministrazione Generale, del Personale e dei Servizi Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato Alle Amministrazioni centrali e periferiche

Dettagli

VISTA la direttiva del Ministro dell'economia e delle finanze in data 30 maggio 2002, che ha affidato al direttore generale dell'amministrazione

VISTA la direttiva del Ministro dell'economia e delle finanze in data 30 maggio 2002, che ha affidato al direttore generale dell'amministrazione VISTA la direttiva del Ministro dell'economia e delle finanze in data 30 maggio 2002, che ha affidato al direttore generale dell'amministrazione autonoma dei monopoli di Stato l autorizzazione alla raccolta

Dettagli

Misure per la crescita e l internazionalizzazione delle imprese

Misure per la crescita e l internazionalizzazione delle imprese Misure per la crescita e l internazionalizzazione delle imprese (Schema di decreto legislativo n. 161-bis) N. 252 30 luglio 2015 Camera dei deputati XVII LEGISLATURA Verifica delle quantificazioni Misure

Dettagli

CIRCOLARE N. 1. Roma, 15 gennaio 2010

CIRCOLARE N. 1. Roma, 15 gennaio 2010 CIRCOLARE N. 1 Direzione Centrale Normativa Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 15 gennaio 2010 OGGETTO: Controllo preventivo delle compensazioni dei crediti relativi all imposta sul valore

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE

CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE LINEE GUIDA PER LE RELAZIONI DEI REVISORI DEI CONTI SUI BILANCI DI PREVISIONE DELLE REGIONI PER L ANNO 2015, SECONDO LE PROCEDURE DI CUI ALL ART. 1, COMMI 166 E

Dettagli

ASSOCIAZIONE GIAN FRANCO CAMPOBASSO per lo studio del Diritto Commerciale e Bancario. www.associazionegfcampobasso.it

ASSOCIAZIONE GIAN FRANCO CAMPOBASSO per lo studio del Diritto Commerciale e Bancario. www.associazionegfcampobasso.it Disposizioni in materia di intermediari finanziari di cui agli articoli 106, 107, 113 e 155, comma 4 e 5, del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 (Testo unico bancario) TITOLO I DEFINIZIONI Articolo

Dettagli

In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE

In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE Prot. n. 2010/184182 In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE 1. Soggetti obbligati alla comunicazione 1.1 Sono obbligati alla comunicazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 giugno 2006 Oggetto: Fondi comuni di investimento immobiliare. Modificazioni al regime tributario dei partecipanti. Articolo 1, comma

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Vista la direttiva 2006/70/CE della Commissione del 1 agosto 2006, recante misure di esecuzione della direttiva 2005/60/CE;

LA BANCA D ITALIA. Vista la direttiva 2006/70/CE della Commissione del 1 agosto 2006, recante misure di esecuzione della direttiva 2005/60/CE; PROVVEDIMENTO RECANTE DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER LA TENUTA DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO E PER LE MODALITÀ SEMPLIFICATE DI REGISTRAZIONE DI CUI ALL ARTICOLO 37, COMMI 7 E 8, DEL DECRETO LEGISLATIVO 21

Dettagli

Schede operative PEC. I soggetti che interagiscono con il sistema di posta elettronica certificata

Schede operative PEC. I soggetti che interagiscono con il sistema di posta elettronica certificata PEC Il servizio di posta elettronica certificata Il presente lavoro si propone di illustrare le principali caratteristiche del nuovo servizio di posta elettronica certificata, che rappresenta uno dei sistemi

Dettagli

Modulo a5 - Soggetti Pubblici Domanda di ammissione all agevolazione Fondo Rotativo di cui al Decreto del 25 novembre 2008 I ciclo di programmazione

Modulo a5 - Soggetti Pubblici Domanda di ammissione all agevolazione Fondo Rotativo di cui al Decreto del 25 novembre 2008 I ciclo di programmazione Modulo a5 - Soggetti Pubblici Domanda di ammissione all agevolazione Fondo Rotativo di cui al Decreto del 25 novembre 2008 I ciclo di programmazione Parte A: Dati identificativi Il sottoscritto.... nato

Dettagli

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte RISOLUZIONE N. 56/E Roma, 30 maggio 2014 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte Pervengono alla scrivente quesiti circa il trattamento

Dettagli

Paola Monica Giachetto Ufficio tributario bilancio e vigilanza Direzione Norme e Tributi - ABI

Paola Monica Giachetto Ufficio tributario bilancio e vigilanza Direzione Norme e Tributi - ABI Il peso del Fisco nel processo di digitalizzazione del Paese con il sostegno degli intermediari: l esperienza delle indagini finanziarie (Archivio dei rapporti) e dello scambio automatico di informazioni

Dettagli

Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 61/E

Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 61/E Roma, 31 luglio 2002. OGGETTO: Rimborsi in conto fiscale per l imposta sul valore aggiunto derivanti dalla dichiarazione annuale Attività degli uffici

Dettagli

D.Lgs. 231/2001 D.Lgs. 231/2007

D.Lgs. 231/2001 D.Lgs. 231/2007 D.Lgs. 231/2001 D.Lgs. 231/2007 ODV e ADEMPIMENTI ANTIRICICLAGGIO Gruppo di lavoro «il modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.Lgs 231/2001» ODCEC Torino Torino, 14 aprile 2014 SOMMARIO 1.

Dettagli

REGOLAMENTO N. 41 DEL 15 MAGGIO 2012. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 41 DEL 15 MAGGIO 2012. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 41 DEL 15 MAGGIO 2012 REGOLAMENTO CONCERNENTE DISPOSIZIONI ATTUATIVE IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE, PROCEDURE E CONTROLLI INTERNI VOLTI A PREVENIRE L UTILIZZO DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE

Dettagli

ENTI NON COMMERCIALI E SCUDO FISCALE-TER

ENTI NON COMMERCIALI E SCUDO FISCALE-TER ENTI NON COMMERCIALI E SCUDO FISCALE-TER Premessa Attraverso un emendamento al Decreto Legge 1 luglio 2009, n. 78 (i.e. Decreto anticrisi), introdotto dalla Legge 3 agosto 2009, n. 102, di conversione

Dettagli