STATUTO NAZIONALE della ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE INVESTIGAZIONI e SICUREZZA TITOLO I DENOMINAZIONE E SCOPI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STATUTO NAZIONALE della ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE INVESTIGAZIONI e SICUREZZA TITOLO I DENOMINAZIONE E SCOPI"

Transcript

1 1 STATUTO NAZIONALE della ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE INVESTIGAZIONI e SICUREZZA TITOLO I DENOMINAZIONE E SCOPI Art. 1 L ASSOCIAZIONE E costituita una Associazione Professionale Italiana (A.P.I.) senza scopo di lucro e senza rappresentanza esclusiva - denominata Associazione Professionale Investigazioni e Sicurezza di seguito in forma abbreviata APIS - retta dal presente Statuto e riguardosa - in particolare della legge n. 4 del 14 gennaio 2013 pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 22 del 26/01/ 13, nonché ossequiosa delle norme previste dall ordinamento giuridico italiano per le associazioni in genere e dell art. 148 del T.U.I.R. La sede legale ed operativa - coincidente anche con il Distretto Interregionale Nord è fissata in Rivoli (TORINO), via Aosta 28. L eventuale trasferimento della sede sociale ad altro indirizzo non comporterà alcuna modifica statutaria. L associazione accluderà altre sedi, denominate Distretti Interregionali, in Centro e Sud d Italia. L attività della APIS è indipendente da ogni confessione religiosa e da ideologie politiche e le sue finalità sono ispirate a principi di laicità e pari opportunità e sono rispettose dei diritti inviolabili e inderogabili della persona, garantiti anche dai trattati europei. L associazione è aperta a tutte le figure professionali che operano nell ambito delle investigazioni private e della sicurezza partecipata, sussidiaria, complementare, integrata oppure a tutte le imprese/agenzie che forniscono servizi di investigazione e/o sicurezza (security), ovvero ai loro componenti. Il Regolamento avrà il compito di definire la terminologia, specificando le qualificazioni ed i requisiti occorrenti per rientrare nelle attività e nelle figure professionali di cui sopra, elaborazione che potrà ispirarsi alle direttive delle commissioni UNI (ente di formazione tecnica) - quando disponibili - relative alle attività professionali sopra menzionate. Art. 2 SCOPI DELL ASSOCIAZIONE L associazione si propone di promuovere la tutela dei comuni interessi professionali, giuridici, economici, sociali e morali delle persone fisiche e giuridiche private che operano nell ambito delle investigazioni e della sicurezza e mira specificatamente a realizzare i seguenti obiettivi: 1) La ricerca di soluzioni unitarie con le altre associazioni professionali nazionali dei problemi che interessano i security manager e tutti gli operatori della sicurezza partecipata, sussidiaria, complementare, integrata perseguendo rivendicazioni comuni e con la finalità di proporre opportune modifiche legislative, volte a rendere migliore l attuale quadro normativo; 2) lo studio dell evoluzione e le trasformazioni della professione dell investigatore privato, del security manager e di tutte le figure professionali che si occupano di sicurezza partecipata, sussidiaria, complementare, integrata in Europa, approfondendone le tendenze e le consuetudini; 3) il progresso del livello culturale, la qualificazione e l aggiornamento professionale del security manager, dell investigatore privato e di tutte le figure professionali

2 2 che si occupano di sicurezza partecipata, sussidiaria, complementare, integrata, nonché dei giovani che intendono intraprendere queste professioni, oltre la valorizzazione delle competenze degli associati attraverso la formazione permanente presso una struttura tecnico-scientifica costantemente a nostra disposizione; 4) il monitoraggio ed il contrasto del fenomeno dell abusivismo nell ambito delle professioni non regolamentate (prive di albo) oggetto di interesse per l APIS e della eventuale pubblicità ingannevole prodotta nei settori connessi; 5) la promozione di un dibattito, incoraggiando il confronto tra le parti in causa, sulle tematiche relative alla sicurezza partecipata, sussidiaria, complementare, integrata e alle investigazioni private, attraverso la massima diffusione, adesione, partecipazione alle attività della associazione; 6) il conseguimento, soprattutto tra le giovani e future generazioni di investigatori privati e di security manager o di ogni altra figura professionale che si occupa di sicurezza partecipata, sussidiaria, complementare, integrata di una coscienza ed una competenza adeguate alla complessità dei problemi inerenti dette professioni, mettendo in comune le esperienze concrete maturate nel campo delle attività predette; 7) l erogazione di un parametro di valutazione ai consumatori che si accingono a scegliere un investigatore privato o un security manager o una figura professionale che si occupa di sicurezza partecipata, sussidiaria, complementare, integrata al quale affidare un incarico/appalto, imperniato sulla visibilità dei requisiti dei nostri associati, altresì certificati da enti indipendenti; 8) l istituzione di un sito internet di informazioni rivolto ai consumatori e di uno sportello reclami destinato alla eventuale risoluzione delle controversie che dovessero insorgere tra i nostri associati ed i loro clienti/committenti; 9) la vigilanza sulla condotta professionale degli associati tenuti al rispetto delle regole deontologiche stabilite dall associazione; 10) l impegno a conformarsi in futuro alle disposizioni connesse alle associazioni professionali e alle direttive impartite a riguardo dagli enti di accreditamento indipendenti ed esterni all associazione. Art. 3 ASPETTI FINANZIARI All associazione è fatto divieto di distribuire anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale durante la vita dell'associazione stessa, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge, nonché ad essa corre l obbligo di devolvere il patrimonio dell'ente, in caso di suo scioglimento per qualunque causa, ad altra associazione con finalità analoghe o ai fini di pubblica utilità, sentito l'organismo di controllo di cui all'articolo 3, comma 190, della legge 23 dicembre 1996, n. 662, e salvo diversa destinazione imposta dalla legge. L APIS si impone l obbligo inoltre - di redigere e di approvare annualmente un rendiconto economico e finanziario secondo le disposizioni statutarie e provvederà a richiedere una certificazione di bilancio, se le condizioni di cassa consentiranno di sostenerne il costo. Tutti gli incarichi sociali sono rivestiti a titolo gratuito ed onorifico. Soci o dirigenti/funzionari pertanto - prestano la loro opera o collaborazione solo ed esclusivamente per spirito di volontariato, altresì è ammesso il rimborso delle spese documentato/analitico sostenute nell interesse e per conto dell associazione. Art. 4 - ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE L APIS è organizzata in tre Distretti Interregionali dislocati rispettivamente nel Nord, Centro e Sud d Italia cui verranno affidati i Distretti Regionali, tenuti ad osservare lo Statuto ed il Regolamento.

3 3 Art. 5 - LOGO Il logo dell APIS consiste in una fenice stilizzata di colore azzurro, ovvero nella riproduzione del volatile mitologico nei suoi tratti essenziali che, dispiegando le ali verso l alto, compone un ovale nel quale è iscritta la denominazione sociale della nostra associazione professionale sottolineata da una fascetta del tricolore italiano. Essa rappresenta ed evoca la nostra presunta capacità di raccogliere informazioni nell'ambiente che ci circonda e sugli eventi che si dipanano al suo interno per contribuire al progresso della società moderna e simboleggia l'inizio di un nuovo ciclo. Apis è anche il nome - in latino - dell ape, insetto emblema dell operosità e, di riflesso, della volontà solerte di ogni associato di perseguire gli obiettivi del sodalizio. TITOLO II SOCI Art. 6 SOCI APIS assicura una disciplina uniforme del rapporto associativo e delle modalità associative volte a garantire l'effettività del rapporto medesimo, escludendo espressamente la temporaneità della partecipazione alla vita associativa e prevedendo per gli associati il diritto di voto per l'approvazione e le modificazioni dello Statuto e del Regolamento e per la nomina degli organi direttivi dell'associazione. Possono essere Soci dell APIS, in numero illimitato, le persone fisiche di ambo i sessi che ne condividono principi e scelte, purché maggiorenni e di cittadinanza italiana ed in possesso dei requisiti stabiliti dal presente Statuto e dal Regolamento. Art. 7 CRITERI GENERALI DI AMMISSIONE a) Per essere ammessi come Soci occorre presentare domanda scritta al Consiglio Direttivo Nazionale. b) I Soci sono tenuti a versare all APIS, dal momento in cui ne richiedono l iscrizione, un contributo annuo, detto anche quota associativa - a copertura dell anno solare in corso - nella misura e con le modalità stabilite dall Assemblea dei Soci. Sono esonerati dalla corresponsione di tale contributo i Soci Fondatori ed i Soci Onorari. Le decisioni del Consiglio Direttivo Nazionale sull ammissione dei nuovi associati sono inappellabili e viene garantito a priori che i respingimenti non saranno in alcun modo basati su motivazioni pretestuose oppure in ragione di discriminazioni di sesso, razza o religione. In caso di rigetto della domanda di iscrizione la quota viene rimborsata. c) La qualità di associato non è trasmissibile mortis causa o per atto tra vivi. L adesione è a tempo indeterminato e non può essere disposta per un periodo temporaneo. La quota o contributo associativo non è trasmissibile o rivalutabile. d) Non sono ammessi e non possono essere iscritti all APIS i soggetti colpiti da sentenze penali passate in giudicato, salvo non abbiano chiesto e ottenuto la riabilitazione. e) Opportune integrazioni sulle modalità ed i requisiti di ammissione saranno convenientemente descritti nel Regolamento, parte integrante del presente Statuto, in sintonia con la disciplina normativa relativa alle associazioni professionali. f) Particolare riguardo verrà posto per determinare i titoli professionali dei nostri associati per fregiarsi delle qualifiche di cui al successivo articolo 8 e pari attenzione sarà adoperata per la

4 4 vigilanza delle regole deontologiche (codice di condotta) che essi sono tenuti a rispettare scrupolosamente al fine di tutelare i consumatori/committenti nel rispetto del Codice del Consumo. L ausilio e l accreditamento di enti certificatori indipendenti ed esterni super partes garantiranno l imparzialità riguardo la valutazione delle competenze maturate dai professionisti iscritti nell APIS. g) L anzianità per l esercizio delle cariche sociali viene calcolata dalla data di corresponsione della quota associativa all atto della prima iscrizione. Art. 8 TIPOLOGIA SOCI I Soci si distinguono nelle seguenti tipologie: 1) Soci Fondatori Si definiscono e qualificano come soci fondatori: - i tre (3) sottoscrittori dell atto costitutivo. 2) Soci Effettivi Sono ammissibili come soci effettivi: - i titolari delle agenzie investigative o delle imprese di sicurezza partecipata, sussidiaria, complementare, integrata, nonché i security manager tesserati da almeno un anno e che vogliano corrispondere la quota associativa prevista per detta posizione. 3) Soci Sostenitori Sono ammissibili come soci sostenitori: - i titolari delle agenzie investigative o delle imprese di sicurezza partecipata, sussidiaria, complementare, integrata, nonché i security manager in attesa di maturare un anzianità associativa di almeno un anno prima di richiedere l eventuale adesione quali Soci Effettivi; - i soci delle imprese di sicurezza partecipata, sussidiaria, complementare, integrata o delle agenzie investigative, presenti nelle compagini sociali; - il personale subordinato e assunto dalle agenzie investigative o dalle imprese di sicurezza partecipata, sussidiaria, complementare, integrata in applicazione dei rispettivi contratti collettivi di lavoro; - il personale parasubordinato e autonomo operante nelle imprese di sicurezza partecipata, sussidiaria, complementare, integrata o nelle agenzie investigative. 4) Soci Simpatizzanti Sono ammissibili come soci simpatizzanti: - gli investigatori privati o i security manager o gli operatori della sicurezza partecipata, sussidiaria, complementare, integrata in quiescenza; - tutti gli studenti universitari iscritti nelle Facoltà di Scienze delle Investigazioni, Scienze Criminologiche, Psicologia Criminale e Investigativa e/o Forense, Giurisprudenza, Scienze della Difesa e della Sicurezza. - gli appartenenti alle Forze dell Ordine in servizio o in congedo.

5 5 5) Soci Onorari Sono ammissibili come soci onorari: - le persone fisiche o giuridiche, nominate dal Consiglio Direttivo nella misura massima di uno all anno, che abbiano contribuito in maniera determinante, con la loro opera od il loro sostegno, alla costituzione e/o al sostentamento e/o alla crescita ed espansione dell'associazione. Art. 9 DIRITTI Tutti i Soci hanno i seguenti medesimi diritti: a) diritto di voto; b) diritto di partecipare alle assemblee; c) diritto di nominare gli organi direttivi dell associazione; d) diritto di accesso ai documenti, delibere, bilanci, rendiconti, registri dell associazione; e) diritto di partecipare alle attività organizzate dall associazione; f) diritto di usufruire di tutti i servizi che l associazione mette a disposizione, comprese eventuali agevolazioni e/o convenzioni; g) diritto di entrare in possesso di un tesserino di riconoscimento. Art. 10 DOVERI I Soci hanno i seguenti doveri: a) obbligo di rispettare lo Statuto, il Regolamento, il Codice Deontologico e il Codice del Consumo, nonché ossequiare tutte le delibere assunte, aderendo allo scopo associativo e condividerne le finalità istituzionali; b) versare la quota associativa annuale e gli eventuali contributi straordinari deliberati per far fronte alle necessità economiche e sociali, fatta eccezione per i Soci Fondatori e Onorari; c) collaborare, in base alla propria disponibilità, capacità e competenza, al buon funzionamento ed alla crescita dell associazione; d) osservare, con lealtà e disciplina, le norme che regolano la civile convivenza e la buona educazione; e) rispettare tutte le norme che disciplinano l organizzazione ed il funzionamento della associazione e dei suoi Distretti; f) comunicare agli organi associativi competenti qualsiasi cambiamento relativo al venire meno dei requisiti che sono essenziali ed imposti per appartenere all APIS; g) aderire alle iniziative promosse dall associazione in ordine alla formazione permanente, così come previsto dalle norme relative alle associazioni professionali. Art RECESSO Il Socio può recedere ad nutum dall associazione dandone comunicazione scritta al Consiglio Direttivo con un preavviso di almeno 60gg. rispetto alla scadenza annuale, ovvero entro e non oltre il 31 ottobre. In difetto perdura la posizione di Socio anche per l'anno successivo con l obbligo di adempiere ai propri doveri. Il Socio dimissionario o radiato dall associazione non ha diritto al rimborso della quota annuale versata, neppure in misura parziale.

6 6 Art. 12 TESSERINO DI RICONOSCIMENTO I Soci hanno diritto di entrare in possesso di un tesserino di riconoscimento di colore diverso in base alla qualifica nella piena consapevolezza che non sono pubblici ufficiali e che attualmente - non godono certamente di questo status gli operatori della sicurezza o gli investigatori privati. L APIS promette - altresì - di vigilare attentamente sulle eventuali condotte da parte dei propri associati che possano integrare il reato di sostituzione di persona e di punire severamente qualsiasi abuso. TITOLO III INFRAZIONI E SANZIONI DISCIPLINARI Art. 13 SANZIONI DISCIPLINARI a) A carico dei tesserati (soci) che vengono meno ai doveri verso l associazione o ad una condotta conforme ai principi della lealtà, probità e rettitudine, possono essere adottate le seguenti sanzioni disciplinari, proporzionate alla gravità delle infrazioni commesse: 1) La deplorazione Consiste in un rimprovero ufficiale, ovvero una nota di biasimo, rivolta per iscritto ad un tesserato. 2) La sospensione Consiste nella interruzione dalla attività associativa - per un periodo di tempo che varia da 6 mesi a 1 anno e nel blocco di tutti i diritti previsti e sanciti dall art. 9 per la stessa durata. 3) La radiazione Consiste nella cancellazione definitiva dall elenco dei soci con conseguente divieto di partecipare sotto qualsiasi veste o qualifica a qualunque attività organizzata dall associazione. Il socio radiato potrà essere deferito all autorità competente. b) Il Socio può essere deplorato, sospeso o radiato dall associazione nei seguenti casi, considerati gravi motivi: - inadempienza dei doveri previsti all art. 10; - qualora sussistano motivi che abbiano arrecato danno morale e/o materiale all associazione stessa; - per aver commesso atti recanti turbamento ed in contrasto con le finalità e gli scopi o la linea strategica e politica dell associazione; - nel caso in cui venga compromesso il buon nome dell APIS per mezzo di iniziative denigratorie; - per aver diffuso notizie di qualsiasi tipo relative all associazione all interno o all esterno della medesima, non autorizzate dagli organi sociali competenti; - per non aver consultato e ottenuto dall Ufficio Stampa le autorizzazioni necessarie a divulgare comunicazioni di qualsiasi natura e con qualunque mezzo di diffusione all esterno dell associazione; - abusi compiuti per mezzo del tesserino di riconoscimento; - altre situazioni di indegnità che rendano incompatibile o pregiudizievole la permanenza del tesserato nell associazione. c) Le sanzioni disciplinari sono deliberate dalla Commissione di Vigilanza e devono essere comunicate al diretto interessato, congiuntamente alle motivazioni che le hanno generate,

7 7 tramite posta elettronica certificata o telefax. Sono impugnabili avanti il Collegio dei Probiviri entro 30 giorni dalla data di ricezione del provvedimento. d) Le sanzioni disciplinari non possono colpire o riguardare in alcun modo i Soci Fondatori che ne restano immuni. TITOLO IV ORGANI SOCIALI Art. 14 ORGANI SOCIALI NAZIONALI Gli organi sociali nazionali sono: l Assemblea dei Soci, il Presidente, il Vice- Presidente, il Segretario Nazionale, il Consiglio Direttivo Nazionale, la Commissione di Vigilanza, il Collegio dei Probiviri, l Ufficio Stampa. Art. 15 L ASSEMBLEA a) L Assemblea dei Soci è il massimo organo dell associazione ed è composta da tutti i Soci tesserati. Hanno diritto di partecipare all'assemblea sia ordinaria che straordinaria e diritto di parola e di voto tutti i Soci in regola con gli oneri derivanti dallo Statuto e dal Regolamento. Non possono partecipare all Assemblea coloro che risultano colpiti dalle sanzioni disciplinari identificate come sospensione e/o radiazione o che non sono in regola con il versamento delle quote sociali. b) L Assemblea è convocata dal Consiglio Direttivo o su richiesta motivata di almeno 1/10 degli associati o quando se ne ravvisa la necessità mediante una comunicazione affissa nella sede sociale e pubblicizzata nel sito internet con almeno 30 giorni di anticipo, nonché deve contenere l indicazione della data, dell ora e del luogo di svolgimento e l ordine del giorno dei lavori. c) L Assemblea dei Soci si riunisce in seduta ordinaria una volta l anno per l approvazione del bilancio consuntivo e di quello preventivo e della relazione tecnico-morale-finanziaria del Consiglio Direttivo e su ogni altra questione, purché posta all ordine del giorno. Si riunisce invece ogni tre anni per il rinnovo delle cariche, ovvero per eleggere il Consiglio Direttivo Nazionale, il Collegio dei Probiviri e la Commissione di Vigilanza. d) L'Assemblea vota normalmente per alzata di mano. Per argomenti di particolare importanza - su decisione congiunta del Presidente e del Consiglio Direttivo - la votazione può essere effettuata a scrutinio segreto. In questo caso il Presidente può scegliere due Soci scrutatori tra i presenti ed un Socio verbalizzante. e) Per l elezione alle cariche sociali è sufficiente la maggioranza relativa. In caso di parità di voti, si procederà mediante ballottaggio. La commissione di verifica dei poteri e di scrutinio per le votazioni è nominata dal Consiglio Direttivo, il quale stabilirà anche le norme per la presentazione delle candidature alle cariche sociali. f) L Assemblea in sede ordinaria è valida in prima convocazione con la presenza della metà più uno dei Soci aventi diritto al voto. In seconda convocazione un ora dopo, qualunque sia il numero dei Soci intervenuti. Le deliberazioni dell Assemblea dei Soci sono valide se prese a maggioranza dei voti espressi al momento della votazione, esclusi gli astenuti. g) L Assemblea si riunisce in seduta straordinaria su iniziativa del Consiglio Direttivo, quando lo stesso lo ritenga necessario, o per l esame delle modifiche allo Statuto sociale in ottemperanza dell art oppure per richiesta scritta e motivata avanzata da almeno due terzi (2/3) degli associati. Per deliberare lo scioglimento dell Associazione si rimanda all art. 32.

8 8 Essa viene convocata mediante una comunicazione affissa nella sede sociale e pubblicizzata nel sito internet con almeno 07 giorni di anticipo. i) L'assemblea riunita in sede straordinaria è validamente costituita in prima convocazione con la presenza di almeno i due terzi (2/3) dei Soci aventi diritto al voto, ed in seconda convocazione indipendentemente dal numero dei presenti. l) Il Presidente dell Assemblea è il Presidente dell Associazione che sarà assistito da un segretario da lui designato tra i Soci presenti che avrà il compito di redigere un verbale. Copia del medesimo sarà a disposizione dei Soci che avranno l obbligo di non divulgarlo. Le deliberazioni prese a maggioranza sono vincolanti anche per la minoranza, salvo il diritto di recesso dei singoli soci. Art. 16 IL PRESIDENTE Il Presidente: a) rappresenta legalmente l associazione nei rapporti con i terzi e di fronte a qualsiasi autorità giudiziaria ed amministrativa; b) coordina gli organi sociali nei limiti delle sue attribuzioni e rispettando l autonomia della Commissione di Vigilanza, del Collegio dei Probiviri e dell Ufficio Stampa; c) esercita le funzioni stabilite dal Regolamento; d) presiede l Assemblea dei Soci ed il Consiglio Direttivo; e) provvede alla direzione e gestione dell associazione in conformità alle delibere dell Assemblea e del Consiglio Direttivo; f) in caso d estrema urgenza e necessità provvede su materie di competenza del Consiglio Direttivo, salvo sottoporre le sue decisioni alla ratifica del stesso non oltre 30 giorni dall emissione dei provvedimenti; g) in caso di sua assenza, può delegare, in tutto o in parte, le sue attribuzioni ed i suoi poteri al Vice-Presidente, al Segretario Nazionale o al Capo Ufficio Stampa; h) può conferire a terzi, associati o meno, procure speciali o ad negotia per determinati atti o categorie di atti; i) è eletto dall Assemblea dei Soci e può essere scelto esclusivamente tra i Soci Fondatori ed Effettivi. E rieleggibile per un numero massimo di tre mandati; l) in caso di dimissioni volontarie viene sostituito pro-tempore dal Vice-Presidente che resta in carica fino a nuove elezioni; Art. 17 IL SEGRETARIO NAZIONALE ED IL VICE-PRESIDENTE 1) Il Segretario Nazionale: a) è eletto dall Assemblea dei Soci esclusivamente tra i Soci Fondatori ed Effettivi. E rieleggibile per un numero massimo di tre mandati; b) in caso di dimissioni volontarie viene sostituito pro-tempore dal membro iscritto da più tempo in APIS tra i Commissari Interregionali e resta in carica fino a nuove elezioni; 2) Il Vice-Presidente: a) supporta il Presidente in ogni sua funzione e lo sostituisce in caso di assenza o impedimento e ne assume tutti i poteri e le responsabilità, nel caso in cui esso dovesse dimettersi, fino a nuove elezioni; b) è eletto dall Assemblea dei Soci esclusivamente tra i Soci Fondatori ed Effettivi. E rieleggibile per un numero massimo di tre mandati; c) in caso di dimissioni volontarie viene sostituito pro-tempore dal membro iscritto da più tempo in APIS tra i Commissari Interregionali e resta in carica fino a nuove elezioni.

9 9 Art. 17/bis I COMMISSARI INTERREGIONALI a) fanno parte nella misura di tre del C.D.N. e sono eletti dall Assemblea dei Soci scegliendo tra i Soci Fondatori ed Effettivi; b) in caso di dimissioni volontarie vengono sostituiti pro-tempore dai membri iscritti da più tempo in APIS tra i Commissari Regionali e restano in carica fino a nuove elezioni; c) in assenza di Soci Effettivi vengono scelti ed eletti i membri con una maggiore permanenza in associazione in termini di tesseramento nelle singole aree geografiche (Nord, Centro, Sud). Art. 18 IL CONSIGLIO DIRETTIVO NAZIONALE Il Consiglio Direttivo Nazionale: a) è composto dai seguenti Funzionari Dirigenti: - Presidente (1) - Vice-Presidente (1) - Segretario Nazionale (1) - Commissari Interregionali (3) b) amministra e coordina l associazione ed è investito dei più ampi poteri per la gestione ordinaria e straordinaria, eccetto quelli espressamente riservati dal presente Statuto agli altri organi sociali con particolare riguardo per l autonomia della Commissione di Vigilanza,il Collegio dei Probiviri e l Ufficio Stampa; c) delibera sulle domande d ammissione dei Soci; d) delibera sull attività da svolgere e sui programmi da realizzare; e) procede alla formazione dei bilanci preventivi e consuntivi; f) amministra il patrimonio e le rendite sociali; g) stabilisce la quota sociale, salvo quanto previsto dalle norme transitorie; h) approva il Regolamento sociale e ne conia ed integra le norme; i) può nominare commissioni e conferire incarichi per il raggiungimento dei fini sociali; l) procede alla nomina di collaboratori, rappresentanti e consulenti determinandone o approvandone i compensi; m) stipula contratti per quanto occorre all associazione, determinando annualmente il corrispettivo da versare per l'affitto eventuale dei beni; n) incarica il Tesoriere che curerà materialmente la gestione economica ed amministrativa dell'associazione; o) ratifica o meno i provvedimenti di sua competenza emanati in caso d estrema urgenza e necessità dal Presidente; p) esamina le osservazioni della Commissione di Vigilanza e dei Commissari Interregionali e adotta i necessari provvedimenti sui rilievi che gli vengono sottoposti; q) si riunisce in seduta ordinaria ogni anno e comunque ogniqualvolta il Presidente lo ritenga necessario, oppure su richiesta motivata dalla maggioranza dei suoi componenti, in seduta straordinaria; r) i Funzionari Dirigenti che lo compongono sono eletti dall Assemblea dei Soci ogni tre anni e sono scelti esclusivamente tra i Soci Fondatori ed Effettivi; s) per tutto quanto non espressamente previsto alle lettere precedenti si applicano i principi validi per l Assemblea dei Soci. Art. 19 LA COMMISSIONE DI VIGILANZA La Commissione di Vigilanza è composta da tre membri scelti tra i Soci Effettivi eletti dall Assemblea dei Soci e per la durata di un solo mandato (tre anni). La Commissione ha il

10 10 compito di vigilare sull osservanza dello Statuto, del Codice Deontologico e del Codice del Consumo e di erogare le sanzioni disciplinari di cui all art. 13. Si interfaccia con il Consiglio Direttivo per richiedere pareri non vincolanti e decide autonomamente in merito alle infrazioni commesse dai Soci. La stessa si riunisce in seduta ordinaria ogni qualvolta sia necessario o a richiesta motivata anche di uno solo dei suoi membri. Art. 20 IL COLLEGIO DEI PROBIVIRI Il Collegio dei Probiviri è composto da cinque membri con particolare autorità morale, scelti tra i Soci Effettivi ed eletti dall Assemblea dei Soci per la durata di un solo mandato (tre anni). Decide sui ricorsi presentati contro i provvedimenti disciplinari inflitti dalla Commissione di Vigilanza. Nell esercizio delle proprie competenze ed attribuzioni, il Collegio ha le più ampie facoltà inquirenti. Si riunisce in seduta ordinaria ogniqualvolta debba esaminare un appello. Art. 21 L UFFICIO STAMPA a) Formano l organo denominato Ufficio Stampa i Soci Fondatori. Essi costituiscono l autorità interna per la garanzia delle comunicazioni. b) L Ufficio Stampa ha lo scopo principale di sostenere la reputazione dell associazione contribuendo al mantenimento di una specifica identità del sodalizio tratteggiata nel presente Statuto e racchiusa nei propositi dei fondatori dell APIS. c) All Ufficio Stampa spetta e compete selezionare, filtrare e veicolare il flusso delle informazioni provenienti dall interno dell associazione verso l esterno che necessitano della sua preventiva approvazione. L Ufficio Stampa assolve i compiti istituzionali di informazione e gestisce senza ingerenze il sito web, i social network, le campagne di informazione e pubblicitarie, le pubblicazioni istituzionali, le attività editoriali e qualsiasi altra forma di comunicazione dell APIS verso l esterno, comprese le conferenze stampa e simili. d) L Ufficio Stampa è autonomo, pertanto non deve rispondere del proprio operato a nessun altro organo sociale. e) L Ufficio Stampa è diretto da un coordinatore che assume la qualifica di Capo Ufficio Stampa (CUS) - scelto tra i Soci Fondatori - mantiene i rapporti epistolari con media e istituzioni, organizza e dirige l Ufficio Stampa ed è il portavoce dell associazione; f) Il Capo Ufficio Stampa viene coadiuvato dagli altri Soci Fondatori e può incaricare anche all esterno dell associazione soggetti con qualifica di addetti stampa quali collaboratori nell attività tipica dell organismo di cui al presente articolo. Art. 22 IL TESORIERE Il Tesoriere ha il controllo contabile della associazione, cura materialmente la gestione economica ed amministrativa del sodalizio in ossequio alle norme contenute all art. 3 e nel Titolo V del presente Statuto. Viene nominato dal Consiglio Direttivo ed è scelto tra i Soci Fondatori ed Effettivi. E rieleggibile per un numero massimo di tre mandati. In caso di dimissioni volontarie viene sostituito pro-tempore dal membro iscritto da più tempo in APIS tra i Soci Effettivi o in assenza di questi da un Socio Fondatore e resta in carica fino a nuove elezioni. Art. 23 SEDUTE E DELIBERE Le sedute e le delibere di ogni organo sociale potranno essere assunte anche tramite riunioni virtuali purché le stesse siano convalidate dagli aventi diritto al voto con firma digitale oppure i verbali siano successivamente trasmessi ed approvati tramite Posta Elettronica Certificata.

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

STATUTO DELLA S.I.A.

STATUTO DELLA S.I.A. STATUTO DELLA S.I.A. Art. 1 È costituita a tempo indeterminato una Associazione sotto la denominazione Società Italiana di Agopuntura S.I.A. Art. 2 La Società Italiana di Agopuntura ha lo scopo di dare

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART.

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. 1 E costituita, nello spirito della Costituzione della Repubblica

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Articolo 1 - Costituzione E' costituita una Associazione denominata: Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione (CIIP)

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

CAPITOLO I - COSTITUZIONE

CAPITOLO I - COSTITUZIONE CAPITOLO I - COSTITUZIONE ART. 1- FONDAZIONE E' fondata per coloro che aderiscono e aderiranno al presente statuto, che prende vigore immediato, un' associazione per la pratica e la diffusione del Viet

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) Articolo 2 (Sede Legale) Articolo 3 (Finalità e attività) costruzione di un centro

ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) Articolo 2 (Sede Legale) Articolo 3 (Finalità e attività) costruzione di un centro 1 ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) È istituita per opera dei coniugi GASPARINI LUCIANO e PRAVATO CANDIDA, l Associazione UNA NUOVA SPERANZA O.N.L.U.S. con sede in Mirano (VE) Scaltenigo Via

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Statuti CAS Sezione Bregaglia

Statuti CAS Sezione Bregaglia Statuti CAS Sezione Bregaglia Art. 1 Costituzione Sotto il nome Club Alpino Svizzero (detto in seguito CAS) Sezione Bregaglia è costituita un associazione retta dal presente statuto e dagli art. 60 e seguenti

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 Norme sui Consigli degli Ordini e Collegi e sulle Commissioni centrali professionali Pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 98 del 23 Dicembre

Dettagli

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI S T A T U T O Art. 1 - Al fine di collaborare con g1i Organi preposti alla tutele dell ambiente lagunare, nonché per conservare e razionalizzare le attività sportive che in esso vengono svolte durante

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n.

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n. LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO (Gazzetta Ufficiale n. 20 del 20-1-1979) TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1. Esercizio della professione

Dettagli

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SEGGIANO D.O.P. (EX CONSORZIO OLIVASTA SEGGIANESE)

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SEGGIANO D.O.P. (EX CONSORZIO OLIVASTA SEGGIANESE) STATUTO DI CONSORZIO DI TUTELA VOLONTARIO OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SEGGIANO D.O.P. (EX CONSORZIO OLIVASTA SEGGIANESE) ART. 1 (Denominazione e Sede) E costituito il Consorzio tra produttori di Olio extravergine

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

Statuto ATTO ESENTE IN MODO ASSOLUTO DA DALL IMPOSTA DI BOLLO AI SENSI DEL dpr642/72 art.27bis

Statuto ATTO ESENTE IN MODO ASSOLUTO DA DALL IMPOSTA DI BOLLO AI SENSI DEL dpr642/72 art.27bis Statuto ATTO ESENTE IN MODO ASSOLUTO DA DALL IMPOSTA DI BOLLO AI SENSI DEL dpr642/72 art.27bis Art. 1 - Denominazione E' costituita nel rispetto del codice civile e della L 383/2000 l'associazione di promozione

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA STATUTO FEDERALE CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA APPROVATO CON DELIBERA PRESIDENTE CONI N. 130/56 E RATIFICATO DALLA GIUNTA C.O.N.I. IL 4/9/2012 INDICE

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

STATUTI DELLA SEZIONE BELLINZONA E VALLI DEL CLUB ALPINO SVIZZERO

STATUTI DELLA SEZIONE BELLINZONA E VALLI DEL CLUB ALPINO SVIZZERO STATUTI DELLA SEZIONE BELLINZONA E VALLI DEL CLUB ALPINO SVIZZERO I GENERALITÀ Natura giuridica Art. 1. La sezione Bellinzona e Valli del Club Alpino Svizzero (detta in seguito semplicemente Sezione) è

Dettagli

Statuto della "Federazione Tessile e Moda" in forma abbreviata "SMI Sistema Moda Italia" TITOLO I - COSTITUZIONE, SEDE, SCOPI

Statuto della Federazione Tessile e Moda in forma abbreviata SMI Sistema Moda Italia TITOLO I - COSTITUZIONE, SEDE, SCOPI Statuto della "Federazione Tessile e Moda" in forma abbreviata "SMI Sistema Moda Italia" TITOLO I - COSTITUZIONE, SEDE, SCOPI ARTICOLO 1 - COSTITUZIONE E DENOMINAZIONE E' costituita la Federazione delle

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE.

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. Parte prima Premessa Il presente accordo assume la disciplina generale

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio;

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio; 5) GESTIONE DELL UFFICIO SVILUPPO TURISTICO, CULTURALE, RICETTIVO VALLI JONICHE Comuni di Pagliara, Mandanici, Itala, Scaletta Zanclea, Ali Terme, Ali, Nizza di Sicilia, Roccalumera, Fiumedinisi. S T A

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE E DELL ATTIVITÀ DEI VOLONTARI

REGOLAMENTO GENERALE E DELL ATTIVITÀ DEI VOLONTARI REGOLAMENTO GENERALE E DELL ATTIVITÀ DEI VOLONTARI Art. 1 - PRINCIPI GENERALI Il presente regolamento generale e dell attività dei Volontari è derivato dallo statuto dell Associazione ed in particolare

Dettagli

PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA

PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA FONDAZIONE VITAE MYSTERIUM NUOVO STATUTO DELLA FONDAZIONE VITAE MYSTERIUM Preambolo La Fondazione autonoma "Vitae Mysterium" è stata eretta canonicamente dall'em.mo Card. Angelo

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O 1. Costituzione In applicazione della normativa nazionale ed europea al fine di: - Promuovere le politiche di pari

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI

STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI L ASSEMBLEA GENERALE Vista la propria risoluzione 319 A (IV) in data 3 dicembre 1949, 1. Adotta l allegato alla presente risoluzione

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

Statuto del Partito Democratico

Statuto del Partito Democratico Statuto del Partito Democratico Approvato dalla Assemblea Costituente Nazionale il 16 febbraio 2008 CAPO I Principi e soggetti della democrazia interna Articolo 1. (Principi della democrazia interna) 1.

Dettagli

Protocollo Opzionale alla Convenzione contro la Tortura ed Altre Pene o Trattamenti Crudeli, Inumani o Degradanti

Protocollo Opzionale alla Convenzione contro la Tortura ed Altre Pene o Trattamenti Crudeli, Inumani o Degradanti Protocollo Opzionale alla Convenzione contro la Tortura ed Altre Pene o Trattamenti Crudeli, Inumani o Degradanti Adottato dall Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 18 dicembre 2002. Entrato in vigore

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE OGGETTO E DURATA

TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE OGGETTO E DURATA TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE OGGETTO E DURATA ARTICOLO 1 - DENOMINAZIONE Ai sensi dell Art. 113 del Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, come modificato dal comma 1 dell art. 35 delle legge 28/12/2001

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE

ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE sede: Casella Postale N.6 C/O Ufficio Postale Rm 161 Via della Fotografia 107 00142 Roma Mail: orti.urbani.tre.fontane@gmail.com REGOLAMENTO INTERNO Art. 1 - Scopo

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

CONVENZIONE CONTRO LA TORTURA E ALTRE PENE O

CONVENZIONE CONTRO LA TORTURA E ALTRE PENE O Pubblicazioni Centro Studi per la Pace CONVENZIONE CONTRO LA TORTURA E ALTRE PENE O TRATTAMENTI CRUDELI, INUMANI O DEGRADANTI Conclusa a New York il 10 dicembre 1984 Gli Stati Parte della presente Convenzione,

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI Titolo primo L Associazione Italiana Arbitri Capo primo: Natura, funzioni e poteri. Art. 1 Natura e funzione 1.L Associazione Italiana Arbitri (AIA) è l associazione

Dettagli

La legge sul Volontariato della Regione Lazio

La legge sul Volontariato della Regione Lazio La legge sul Volontariato della Regione Lazio Legge 29 del 1993 Art. 2 Attività ed organizzazioni di volontariato 1. Ai sensi dell'art. 2 della legge n. 266 del 1991: a) l'attività di volontariato disciplinata

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

L anno duemila il giorno del mese di TRA

L anno duemila il giorno del mese di TRA CONVENZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELLE FUNZIONI CATASTALI DI CUI ALL ART. 3, COMMA 2, lett. A), D.P.C.M. 14 GIUGNO 2007 (OPZIONE DI 1 LIVELLO). L anno duemila il giorno del mese di TRA 1.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

visto l articolo 6 capoverso 5 del Regolamento del Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione del 1 giugno 2014 (Regolamento CSSI),

visto l articolo 6 capoverso 5 del Regolamento del Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione del 1 giugno 2014 (Regolamento CSSI), Dipartimento federale dell economia, della formazione e della ricerca DEFR Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione CSSI Direttive del Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione che

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ISCRIZIONE DI UN ASSOCIAZIONE AL REGISTRO REGIONALE DEL VOLONTARIATO

LINEE GUIDA PER L ISCRIZIONE DI UN ASSOCIAZIONE AL REGISTRO REGIONALE DEL VOLONTARIATO LINEE GUIDA PER L ISCRIZIONE DI UN ASSOCIAZIONE AL REGISTRO REGIONALE DEL VOLONTARIATO Giunta Regionale d Abruzzo Ufficio Pari Opportunità Via Leonardo da Vinci, 6-67100 L Aquila Tel. 0862.363374 3424

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO COMUNE di SAN COLOMBANO AL LAMBRO BORGO INSIGNE (Titolo Araldico) Provincia di MILANO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO (Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli